User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_c

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_c [2020/02/17 21:05] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - C ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABANI
 +<br>CABANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabani, molto raro, &egrave; specifico dell'area spezzino, carrarese, di
 +Lerici (SP) e di Carrara (MS), Cabano &egrave; decisamente dello spezzino,
 +anch'esso di Lerici soprattutto, dovrebbero derivare dall'antico termine
 +toscano <i><font color="#3366FF">cabano</font></i> (<i><font color="#999999">ampio
 +cappotto con cappucio spesso foderato</font></i>) che viene citato da Ludovico
 +Muratori nella sua Dissertazione: <i><font color="#3366FF">Dell'arte del
 +Tessere, e delle Vesti de' secoli rozzi</font></i>.: "<font color="#CC33CC">...V'erano
 +eziandio pellirdae, cos&igrave; chiamate dalle pelli; e </font><i><font color="#FF0000">cabani</font></i><font color="#CC33CC">,
 +oggid&igrave; gabbani;...</font>" lo Zingarelli al vocabolo gabbana o gabbano
 +riporta appunto <i><font color="#999999">ampio cappotto con cappucio spesso
 +foderato</font></i>.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABASSI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Sembra avere oltre ad un nucleo tra sondriese e bresciano, anche uno nel
 +reggiano, dovrebbe derivare da un nome di localit&agrave; (casa bassa oppure
 +casa dei bassi)"<font color="#FF0000">frater Bonfantinus Florentinus</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazionie fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>Cognome Emiliano-Lombardo, maggiormente diffuso in Emilia: soprattutto
 +reggio Emilia, poi Parma, Modena e Bologna.&nbsp; In Lombardia si trova
 +soprattutto a Brescia, Sondrio e Milano. I Cabassi Valtellinesi: sono concentrati
 +nel comune di Tirano (SO) dove esiste gi&agrave; dal 1500, sembra per&ograve;
 +che la famiglia sia di origine bergamasca, ma il cognome &egrave; nato
 +nel borgo valtellinese ( lo afferma il Dott. PALAZZI-TRIVELLI,esperto di
 +cognomi valligiani). Possibile origine toponomastica data la radice&nbsp;
 +ca.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABBOI
 +<br>CABOI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabboi &egrave; tipico del cagliaritano, di Dolianova, San Nicol&ograve;
 +Gerrei ed Armungia, con un piccolo ceppo anche ad Oliena nel nuorese, Caboi,
 +molto pi&ugrave; raro, &egrave; tipico dell'Ogliastra di Gairo e Cardedu,
 +con un piccolo ceppo anche a Cagliari, dovrebbero derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale sardo arcaico <i><font color="#3333FF">caboi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cappone</font></i>).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Tipico dell'alessandrino e genovese, deriva dal toponimo Cabella Ligure
 +nell'alessandrino.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Tipico della Val Malenco, in particolare di Chiesa Valmalenco nel sondriese, potrebbe derivare da un soprannome basato su di un termine dialettale arcaico per fabbro.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABERLETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Caberletti, molto molto raro, &egrave; tipico del rovigoto ai confini con
 +il mantovano, di Bergantino e di Bagnolo di Po, dovrebbe derivare dal nome
 +medioevale <font color="#3333FF">Berleto</font>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in uno scritto del 1360: "<font color="#CC33CC">.. ordinis sancti
 +Johannis Hierosolimitani Claudio de Montone domino de Cormandi Theobaldo
 +de la Briga Johanne Du Boys Anthonio de Varennis Johanne de Grymaldis Mermeto
 +Lombardy Francisco de Chissiaco </font><font color="#FF0000">Berleto de
 +Alodio</font><font color="#CC33CC"> cum pluribus aliis nobilibus testibus
 +ibidem astantibus et vocalis. Deinde statim et incontinenti post premissa
 +et in eodem loco convocatis in unum nobilibus ..</font>", ma &egrave; anche
 +possibile una derivazione da un nome di localit&agrave; basato sul termine
 +<i><font color="#3333FF">berleto</font></i>, come ne esistono nel bolognese,
 +nel ravennate, nel forlivese ed in altri siti della zona, veneto, emiliana,
 +romagnola, nella parlata emiliana e romagnola il <i><font color="#3333FF">berleto</font></i>
 +&egrave; una specie di <i><font color="#666666">salice</font></i>, quindi
 +si potrebbe pensare che la localit&agrave; fosse indicata come <i><font color="#666666">casa
 +dei salici</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornite da Michelangelo
 +Caberletti</font></font>
 +<br>Caberletti sembrerebbe composto dal prefisso C&agrave; (Casa - Casato)
 +e dalla radice berletum, da berula (pianta acquatica), oppure terreno incolto
 +e boscoso (Terre buschive seu berlete). Berleta era denominazione di aree
 +golenali in uso fino al Sei-Settecento. Potrebbe essere perci&ograve; ascrivibile
 +fra i cognomi derivanti da un toponimo di uso antico: Casa del Berletto,
 +localizzabile nel serraglio di Berl&egrave;, forma contratta di berletto,
 +fra Castelmassa e Ceneselli (Ro).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABIANCA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabianca &egrave; decisamente veneto, ha ceppi a Venezia, ed a Marcon nel
 +veneziano, a Verona, a Cornedo Vicentino ed a Rubano nel padovano, dovrebbe
 +derivare da nomi di localit&agrave; come la frazione di Chioggia C&agrave;
 +Bianca, o la frazione di Boara Pisani nel padovano, o di Castelfranco Veneto
 +nel trevisano con lo stesso nome di C&agrave; Bianca, e come queste molte
 +altre omonime.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABIB
 +<br>CABIBBE
 +<br>CABIBBO
 +<br>CABIBI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabib, assolutamente rarissimo, parrebbe della zona litoranea toscoligure,
 +Cabibbe ha un ceppo secondario a Milano, Cabibbo ha un ceppo a Ragusa,
 +Comiso, Vittoria e Santa Croce Camerina nel ragusano, ed uno secondario
 +a Roma, Cabibi sembrerebbe specifico di Lucca Sicula nell'agrigentino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano Ferrazzi
 +</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Cabibbe</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Cabibbo</font></i>, l'italianizzazione
 +cio&egrave; del personale arabo o ebraico <i><font color="#3366FF">Habib</font></i>,
 +che pu&ograve; essere tradotto come <i><font color="#999999">amore</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#999999">amato</font></i> (da intendere spesso
 +in senso religioso): per la precisione, comunque, va notato che i ceppi
 +peninsulari, rappresentati per lo pi&ugrave; dalle famiglie Cabibbe o Cabib,
 +dovrebbero avere origini ebraiche (sefardite nello specifico), mentre i
 +ceppi siciliani, rappresentati maggiormente dalle famiglie Cabibi e Cabibbo,
 +dovrebbero essere d'origine araba. Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABIGIOSO
 +<br>CABIGIOSU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabigioso, praticamente unico, &egrave; di Sassari, Cabigiosu &egrave;
 +specifico di Sassari e Ploaghe nel sassarese, dovrebbero derivare da un
 +soprannome originato dal termine sardo <i><font color="#3333FF">cabigiu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">capezzolo</font></i>), ad intendere che il capostipite
 +avesse dei capessoli probabilmente molto sporgenti.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABITTA
 +<br>CABITZA
 +<br>CABIZZA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabitta, molto raro, parrebbe tipico del sassarese e di Porto Torres in
 +particolare, Cabizza, molto pi&ugrave; diffuso, &egrave; tipico di Sassari
 +e del sassarese, Cabitza &egrave; tipicamente sardo, di Cabras (OR) e,
 +nel cagliaritano di Cagliari e Decimoputzu e nell'Ogliastra di Perdasdefogu
 +e Tertenia, potrebbero derivano entrambi dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">cabitta</font></i>
 +(<i><font color="#999999">testolina, capezzale del letto</font></i>), ma
 +&egrave; pure possibile che si riferiscano ad una contrazione del termine
 +sardo <i><font color="#3366FF">cabidd&aacute;da</font></i> (<i><font color="#999999">grande
 +quantit&agrave;</font></i>) ad indicare forse una buona disponibilit&agrave;
 +economica della famiglia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CABITZA; CABIZZA; CABITTA:&nbsp; <i><font color="#3366FF">sa cab&igrave;tza</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">capitza; capitsa;&nbsp; capi(th)a</font></i>)
 +&egrave; <i><font color="#999999">la testa</font></i>: dal latino <i><font color="#3366FF">capitis</font></i>
 += <i><font color="#999999">capo, testa</font></i>. In spagnolo abbiamo
 +<i><font color="#3366FF">cab&egrave;za</font></i>. Oggi per capo o testa
 +&egrave; pi&ugrave; usato, <i><font color="#999999">sa conca</font></i>,
 +che nelle carte antiche, soprattutto logudoresi, aveva per lo pi&ugrave;
 +il significato di scodella. <i><font color="#3366FF">Sa cab&igrave;tza</font></i>
 +&egrave; anche <i><font color="#999999">la spiga del grano</font></i> o
 +<i><font color="#999999">testa del grano</font></i> e qui &egrave; pi&ugrave;
 +chiara la derivazione dal latino <i><font color="#3366FF">cap&igrave;ta</font></i>
 += <i><font color="#999999">foraggio</font></i>, profenda (brov&egrave;nda).
 +<i><font color="#3366FF">Su cabitzali</font></i> &egrave; <i><font color="#999999">il
 +capezzale</font></i>, o anche guanciale; &egrave; inoltre lo spazio libero
 +ai lati di una vigna o di un campo arato o alberato( is cabitzalis). Nelle
 +carte antiche lo ritroviamo nella variante Cap&igrave;ta (<font color="#CC33CC">vedi
 +Cap&igrave;ta</font>). Attualmente il cognome CABITZA &egrave; presente
 +in 40 Comuni italiani, di cui 27 in Sardegna(con maggiore diffusione a
 +sud): Cabras 52, Perdasdefogu 51, Decimoputzu 36, Cagliari 29, Gonnosfanadiga
 +18, Oristano 18, Sassari 18, etc. CABIZZA &egrave; presente in 27 Comuni
 +d'Italia, di cui 15 in Sardegna(per lo pi&ugrave; a nord): Sassari 105,
 +Quartu S. E. 8, Oschiri 8, etc. CABITTA, &egrave; presente in 8 Comuni
 +sardi( per lo pi&ugrave; del nord): P. Torres 39, Sassari 15, Olbia 6,
 +etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABIZZOSU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Cabizzosu ha un ceppo nel sassarese a Illorai e Sassari ed uno a Nuoro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>Cabizzosu: significa <i><font color="#3366FF">dalla testa grande</font></i>,
 +non solo in senso fisico (per l'etimo <font color="#CC33CC">vedi Cabitza</font>).
 +Pu&ograve; avere inoltre il significato di <i><font color="#999999">pieno
 +di spighe</font></i> (un campo di grano). Il cognome &egrave; attualmente
 +diffuso in 13 Comuni d'Italia, di cui 12 in Sardegna(per lo pi&ugrave;
 +del centro nord): Illorai 40, Sassari 23, Nuoro 15, etc.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABONA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font color="#000000"><font size=-1>Questo cognome,
 +abbastanza raro &egrave; specifico del genovese, deriva dalla contrazione
 +del vocabolo casabona (casa buona).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome tipico della Sardegna sudoccidentale,
 +potrebbe derivare dal vocabolo dialettale sardo <font color="#990000">su
 +cab&ograve;ni</font> (il gallo).&nbsp; Nel 1700 troviamo un mastro Antonio
 +Caboni di Oristano incaricato della fabbrica del campanile della chiesa
 +di Santa Maria Maddalena ad Uras (OR)
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CABONI: dall'italiano <i><font color="#999999">cappone</font></i> (<font color="#999999">gallo
 +castrato</font>), ma in sardo significa <i><font color="#999999">gallo
 +non castrato</font></i>. <i><font color="#3366FF">Caboniscu</font></i>
 +&egrave; il <i><font color="#999999">galletto</font></i>. Deriva dal latino
 +<i><font color="#3366FF">caponis</font></i>. <i><font color="#3366FF">Su
 +cab&ograve;ni de mari</font></i> &egrave; <i><font color="#999999">un pesce
 +della famiglia delle scorp&egrave;ne</font></i> (cappone). <i><font color="#3366FF">Su
 +cab&ograve;ni de murdegu</font></i> = <i><font color="#999999">cappone
 +dei cisti &egrave; la beccaccia</font></i>. <i><font color="#3366FF">Caboni</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">caboniscu</font></i> campidanese &egrave; sinonimo
 +di <i><font color="#3366FF">puddu</font></i>, logudorese. Lo troviamo nelle
 +carte antiche, con varie uscite. Tra i firmatari della Pace di Eleonora,
 +figurano: Capoi Thomeo, jurato (guardia giurata, collaboratore del maiore
 +- sindaco) ville Go&ccedil;ula (*distrutto. Go&ccedil;una: Partis de Montibus);
 +Capone Furatu, jurato ville Silano (*.distrutto - Curatorie de Marghine
 +de Gociano. da non confondere con l'odierno Silanus); Caponi Dominico,
 +jurato ville Ogiastra (*Ollasta Usellus; Useddus. Partis de Montibus);
 +Caponi Joanne, jurato ville Meana. (*odierno Meana - Mandrolisay o Barbagia
 +di Belv&igrave;). Nella storia ricordiamo Caboni Stanislao (Cagliari 1795
 +- 1880), giudice della Reale Udienza; primo presidente della Corte d'Appello
 +di Milano. Di spirito giacobino, fu amico di D'Azeglio, di Manzoni e soprattutto
 +di Vincenzo Gioberti. Attualmente il cognome Caboni &egrave; presente in
 +147 Comuni d'Italia, di cui 76 in Sardegna( per lo pi&ugrave; a sud): Cagliari
 +154, Serramanna 102, Sarroch 79, San Gavino 78, Villasor 61, Capoterra
 +47, Quartu S. E. 44, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABRA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cabra &egrave; tipicamente lombardo, di Gambara&nbsp; nel bresciano, di
 +Brescia e di Stezzano nel bergamasco, l'ipotesi dell'origine spagnola e
 +della derivazione dal nome della citt&agrave; andalusa di Cabra, &egrave;
 +l'unica con qualche grado di affidabilit&agrave;, potrebbe risalire al
 +periodo della dominazione spagnola in Lombardia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABRAS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico della Sardegna, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Cabras (OR).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giusappe
 +Concas</font></font>
 +<br>CABRA; CABRAS; CRABA; CRABU; CAPRILE; CAPRINO: <i><font color="#3333FF">crapa,
 +craba</font></i> &egrave; la <i><font color="#666666">capra</font></i>,
 +dal latino <i><font color="#666666">capra</font></i>. <i><font color="#3333FF">Crabu</font></i>
 +&egrave; il maschio della capra, <i><font color="#666666">il caprone</font></i>
 +o <i><font color="#666666">becc</font></i>o e viene dal latino <i><font color="#3333FF">caper</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Sa craba de mari</font></i> &egrave; <i><font color="#666666">il
 +ragno di mare</font></i>. <i><font color="#3333FF">Crab&igrave;nu</font></i>
 +&egrave; <i><font color="#666666">proprio della capra</font></i>: <i><font color="#3333FF">petza
 +crab&igrave;na</font></i> = <i><font color="#666666">carne di capra</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Sa craba mudula</font></i> &egrave; <i><font color="#666666">la
 +capra senza corna</font></i>. L'espressione: "<i><font color="#3333FF">Arreu
 +che una craba</font></i>"! = "<i><font color="#666666">Che va in giro come
 +una capra</font></i>"! (vedi nel Web <a href="http://www.melegnano.net/memorie/concas020.html">dicius
 +di Giuseppe Concas</a>). <i><font color="#3333FF">Essi cumenti 'e unu crabu</font></i>,
 +significa <i><font color="#666666">essere grezzo, rozzo e maleodorante
 +come un caprone</font></i>. Il caprile in italiano, su crap&igrave;le o
 +crab&igrave;li, in sardo, &egrave; la stalla o recinto delle capre. Nelle
 +carte antiche della lingua sarda troviamo i suddetti cognomi nelle varie
 +uscite. Tra i firmatari della pace di Eleonora, LPDE del 1388, troviamo:
 +Capra Angelus, ville Sasseri; Capra Barisono, ville Ecclesiarum(Iglesias);
 +Capra Barsolo - ville Terrenove et Fundi Montis(Olbia); Capra Bernardo
 +- ville de Ala (Al&agrave; dei Sardi); Capra Gaschino - de Bosa; Capra
 +Georgio, ville Laconi; Capra Guantino, jurato ville Zaramonte(Chiaramente);
 +Capra Guantino, ville Laconi; Capra Gunnario, ville Martis (Martis - Anglona);
 +Capra Leonardo, jurato ville Layrru (Laerru); Capra Manuele - de Bosa;
 +Capra Nicolao - ville de Pac&cent;ada (Pattada); Capra Nicolaus, ville
 +Sasseri; Capra Petro, jurato ville Gocille ( * Gocille.villaggio Distrutto.Curatorie
 +de Anella); Capra Torbino, ville Ecclesiarum; Capra(de) Angelino, ville
 +Macumerii(Macomer); Capras (de) Lusurgio, ville Gonnos de Tramacia (Gonnostramatza);
 +Caprilis (de) Joannes, ville Sasseri. Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado,
 +CSMB, XI&deg;, XIII&deg; secolo, troviamo: Capra Iorgi e i figli Capra
 +Gunnari, Capra Elene, Capra Samaridanu e Capra Gosantine, in una partizione
 +di servi: partirus (divisero) fiios de Iorgi Capra cun Gosantine de Lacon
 +Lauri, armentariu de Sollie (. Clesia levavit a Gosantine et a Samaridanu
 +et juige levavit a Gunnari et a Elene.(seguono i testimoni). Capra Gavini
 +(40, 43), citato in una donazione(postura)e in una compera (comporu); (43):
 +posit Iorgi Capai terra de Gavini Capra a Clesia; testes: Iohanne Capai,
 +Goantine Cogone et Gavine Capai. Cabru Gavine (108), teste in una partizione
 +di servi. Cabru Petru (98) prete di Leonissa (abitato scomparso * Leonissa
 +.distrutto..Lunissa (Atz&agrave;ra). Mandrolisay o Barbagia di Belv&igrave;):.et
 +sunt testimonios.et donnu (nobile) Petru Cabru presbiteru de Leonissa.Nel
 +Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI&deg;, XIII&deg; secolo, abbiamo:
 +Capra Goantine (307), teste in una donazione (positinke); Capra Petru,
 +maiore de Scolca (194 - il maiore de Scolca era il capo delle squadre a
 +guardia dei confini), teste in una lite per la divisione di terre, in Salto
 +di Pu&ccedil;u Passarsi (Villa medioevale scomparsa, sita, molto probabilmente,
 +tra Romana e Cheremule); Capra Iorgi(122 -fratello del precedente Petro),
 +coinvolto in una lite sfociata in una rissa: largarum homines de Sanctu
 +Nichola cun homines de Iorgi Capra e de Petru su frate. Feruninde uno homine,
 +Furatu de Rivu et moribit. Et Petru Capra et Iorgi Capra su frate benneru
 +a me, et ego deindelis unu pulletru, a boluntade issoro bona.(vennero alle
 +mani gli uomini di San Nicola con gli uomini di Iorgi Capra e di Petru
 +suo fratello. Ne ferirono uno, e morir&agrave;. E Petru Capra e Iorgi Capra
 +vennero da me (Iohannes Prior di San Nicola), et ego diedi (in cambio)un
 +puledro col loro pieno consenso.). Capra Iusta e Capra Maria, sorelle (120),
 +serve in Ugusule (forse l'odierna Osilo?). Caprinu Gunnari (235, 270 e
 +271), teste in una lite (kertu) per il possesso della terra. Caprinu Petru
 +(305), in lite (kertu) con San Nicola per il risarcimento della uccisione
 +di una cavalla, che dice essere sua. Nell'opera di Giovanni Francesco Fara
 +"de Rebus Sardois IV", a pagina 174/1, &egrave; citato Capra Valentinus:.Valentinus
 +Capra et Ferdinandus de Heredia, insignes viri sassarenses, fuerunt a rege
 +generositatis privilegio honestati (.ottennero dal re la concessione della
 +nobilt&agrave; - anno 1438). Ricordiamo inoltre che Cabras &egrave; un
 +centro abitato di 9.000 abitanti, sito sulla costa occidentale della Sardegna,
 +sulla riva sinistra dell'omonimo stagno, a pochi chilometri da Oristano,
 +della cui provincia fa parte. Popolata sin dal V&deg; millennio a. Cr.
 +non lontana dal Tarros, uno dei siti archeologici pi&ugrave; importanti
 +della Sardegna (vedi nel Web), in peridodo medioevale fu villa (bidda)
 +appartenenente alla Curador&igrave;a del Campidano Maggiore o di Cabras,
 +del regno giudicale di Arborea. La sua prima menzione &egrave; in un documento
 +dell'XI&deg; secolo, ove &egrave; citata come domus de masone de capras
 += recinti, ovili di capre (furriadr&ograve;xus de crabas). Nel 1410, dopo
 +la sconfitta delle truppe arborensi anche il suo territorio and&ograve;
 +a far parte del Regno di Sardegna, aggregato alla corona d'Aragona. Per
 +saperne di pi&ugrave; vedi nel Web oppure nel Di.Sto.Sa di F. Cesare Casula.
 +Nella storia ricordiamo De La Cabra Bernardo, arcivescovo della Archidiocesi
 +di Calari dal 1642 al 1655. Di origine spagnola, fu prima canonico, arcidiacono
 +e inquisitore di Saragozza, Cuenca e Siviglia e poi vescovo di Barbastro.
 +Durante i suo arcivescovado cagliaritano si scontr&ograve; con vari uomini
 +politici e religiosi del suo territorio e non solo. Godeva comunque e sempre
 +dell'appoggio della Curia Romana (Di. Sto. Sa).Nella&nbsp; storia contemporanea
 +citiamo Antonello Cabras, di Sant'Antioco( 1949), ingegnere, sindaco del
 +suo paese, consigliere regionale, senatore della Repubblica, eletto per
 +la prima volta il 21 aprile 1996; ancora oggi membro del Senato: l'ultima
 +elezione (col PD) risale all'aprile 2008.&nbsp; I suddetti cognomi nella
 +situazione attuale: Cabra, &egrave; presente in 36 Comuni, di cui nessuno
 +in Sardegna; &egrave; diffuso soprattutto in Piemonte. Cabras &egrave;
 +presente in 377 Comuni italiani, di cui 147 in Sardegna: Cagliari 468,
 +Quartu S. E. 411, Sassari 187, Balnei 163, etc. Craba &egrave; presente
 +in 37 Comuni italiani, di cui 14 in Sardegna: Siapiccia 33, Villaurbana
 +20, Berchidda 11, etc. Crabu &egrave; presente in 32 Comuni italiani, di
 +cui 14 in Sardegna: Cagliari 32, Mandas 23, Isili 20, etc. Caprile &egrave;
 +presente in 84 Comuni italiani (con prevalenza in Liguria, Lombardia, Campania),
 +di cui nessuno in Sardegna. Caprino &egrave; presente in 140 Comuni italiani,
 +con prevalenza in Calabria, Sicilia, Lazio, Lombardia), di cui 1 in Sardegna:
 +Oristano 3.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABRELE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Questo cognome,
 +tipico della provincia di Padova, dovrebbe derivare dal nome Gabriele,
 +modificato attraverso una forma dialettale.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Gabriele
 +Farronato</font></font>
 +<br>Cabrele &egrave; il modo nel quale si scriveva Gabriele nel secolo
 +sedicesimo nel Veneto Centrale anche nella zona tra i fiumi Brenta e Piave.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABRINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico dell'area che comprende
 +il milanese, il bergamasco, il bresciano, il cremasco e il lodigiano e
 +le province di Mantova, Reggio, Parma e Piacenza, dovrebbe derivare dal
 +personale latino Cabrius, probabilmente a sua volta derivato dal celtico
 +Cabrach.&nbsp; Si trovano tracce di questo cognome fin dal 1300, nel 1347
 +un intelligente popolano romano diviene notaio &egrave; Nicola di Rienzo
 +Cabrini, comunemente chiamato Cola di Rienzo, famoso anche perch&egrave;
 +organizz&ograve; la legazione inviata ad Avignone per richiamarne il Papa
 +Clemente VI&deg;, verso la fine dello stesso secolo a Verdello (BG) troviamo
 +atti rogati da <font color="#CC0000">Petrus de Cabrinis de Verdello notarius</font>,
 +nella prima met&agrave; del 1400 a Taleggio (BG) troviamo un altro notaio
 +Cabrini: "<font color="#993366">...Liber seu fragmentum instrumentorum
 +d.</font><font color="#3333FF"> Cabrini</font><font color="#993366"> q.
 +d. Viviani olim d. Costanzii alias q. alterius Viviani q. d. Boni olim
 +nati d. Guilielmi de Supramonte Savionum notarii imperialis de Subecclesia
 +Talegii, qui d. Cabrinus, ut ex suis plurimis </font>", verso la seconda
 +met&agrave; del 1400 a Bologna opera una bottega artigiana di mastri vetrai
 +Cabrini, le cui opere sono siglate CAF (Cabrini Fecerunt), nel 1510, ad
 +Alfianello(BS) nasce Francesco Cabrini, di nobile famiglia, che fattosi
 +prete, divenne direttore spirituale dei padri della Pace. La pi&ugrave;
 +famosa rappresentante della famiglia &egrave; stata senza ombra di dubbio
 +la suora Francesca Saverio Cabrini, nata nel 1850 a Sant'Angelo Lodigiano,
 +fatta santa canonizzata nel 1946 sa Pio XII&deg;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABULA
 +<br>CAPULA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cabula, abbastanza raro, &egrave; diffuso in modo omogeneo in tutta la
 +Sardegna, Capula &egrave; specifico di Castelsardo nel sassarese, dovrebbero
 +derivare dal toponimo medioevale Cabula situato nella diocesi di Sorres
 +che fa parte dell'Arcidiocesi di Oristano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CABULA; (CAPULA): significato ed etimologia non ben chiari. . <i><font color="#3366FF">Capula</font></i>
 += castello e villaggio distrutti (Contrate Ardar et Meylogu - di Siligo);
 +chiamato anche Monte di Sant'Antonio, poich&eacute; nei pressi si trovano
 +i ruderi della chiesa del Santo: secondo lo Spano deriva dal fenicio <i><font color="#3366FF">chevel</font></i>
 += <i><font color="#999999">eredit&agrave;</font></i>. In latino <i><font color="#3366FF">capula
 +</font></i>&egrave; una <i><font color="#999999">piccola coppa</font></i>.
 +Sempre in latino, <i><font color="#3366FF">capulum coleorum</font></i>
 +&egrave; il <i><font color="#999999">membro virile</font></i>. <i><font color="#3366FF">Capulare</font></i>,
 +sempre in latino ha il significato di <i><font color="#999999">scappare,
 +fuggire</font></i>. <i><font color="#3366FF">Capulai</font></i> in campidanese,
 +anche nelle varianti <i><font color="#3366FF">capuai</font></i> e <i><font color="#3366FF">accapuai</font></i>
 +prende il significato di <i><font color="#999999">tagliuzzare, sminuzzare,
 +tritare, fare il pesto</font></i>, dallo spagnolo <i><font color="#3366FF">capolar</font></i>
 += picar la carne (tritare la carne). <i><font color="#3366FF">Capulare</font></i>
 +in logudorese significa <i><font color="#999999">battere le biade, il lino
 +o le pannocchie di granoturco</font></i>. Fai <i><font color="#3366FF">sa
 +cab&ugrave;da</font></i> in campidanese significa fare <i><font color="#999999">festa
 +insieme agli amici</font></i>; dal catalano <i><font color="#3366FF">cab&ugrave;da</font></i>.
 +Lo troviamo nelle carte antiche, nella variante Capula. Tra i firmatari
 +della Pace di Eleonora, *LPDE del 1388, figurano: Capula Bonnano, jurato
 +ville Sia Sancti Nicolai ( *odierno Sia Piccina o Picc&igrave;a. Contrate
 +Campitani Simagis); Capula Michaele, ville Selluri (Sanluri - Seddori);
 +Capula Nicolao, ville Genadas (*villaggio distrutto-Laconi ..Contrate partis
 +Alen&ccedil;a); Cap&ugrave;la Salvatore, jurato ville Gemessi (*distrutto:
 +Jemussi o Gimussa? Partis de Montibus). Il cognome Cab&ugrave;la attualmente
 +&egrave; presente in 51 Comuni d'Italia, di cui 15/377, in Sardegna( per
 +lo pi&ugrave; a sud):Serrenti23, Furti 14, Samatzai 12, Villacidro 9, Cagliari
 +8, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CABUTTI
 +<br>CABUTTO
 +<br>GABUTTI
 +<br>GABUTTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cabutto ha un ceppo nel cuneese a Bra, Narzole, Cherasco ed Alba, Cabutti,
 +molto raro, &egrave; sempre piemontese, di Dogliani nel cuneese e di Torino,
 +Gabutti, meno raro, ha piccoli ceppi a Torino e Villar Perosa nel torinese,
 +ad Asti, a Vercelli, a Casale Monferrato e Cassine nell'alessandrino e
 +ad Alba e Dogliani nel cuneese, con presenze anche in Liguria, Gabutto,
 +molto raro, ha presenze nel basso Piemonte ed a Genova, dovrebbero essere
 +di origini occitane e derivare da soprannomi originati da variazioni del
 +vocabolo occitano <i><font color="#3333FF">cabut </font></i>(<i><font color="#666666">dalla
 +grossa testa</font></i>), a sottolineare probabilmente questa caratteristica
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACACE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacace ha un grosso ceppo a Roma ed a Tivoli nel romano, uno molto pi&ugrave;
 +consistente nel napoletano, in particolare a Napoli, Massa Lubrense e Castellammare
 +di Stabia, ma ben presente anche a Volla, Meta, Casalnuovo di Napoli, Piano
 +di Sorrento, Sorrento, Torre del Greco, Capri, Casoria, Anacapri, Portici.
 +Pozzuoli, Sant'Antimo e tutta la provincia, ed a Salerno, ha un ceppo a
 +Bari e Taranto, ed uno a Palermo, nell'isola di Lipari ed a Messina, dovrebbe
 +derivare dal nome e cognome greco <i><font color="#3333FF">Kakakis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACAPECE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacapece &egrave; un antico cognome dell'area campano, pugliese, ormai
 +quasi scomparso, potrebbe nascere dalla professione di mastro calafataro
 +svolta dal capostipite, che nello svolgimento del suo mestiere utilizzava
 +ovviamente molta pece.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACAVALE
 +<br>CACCAVALE
 +<br>CACCAVALLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacavale, praticamente unico, &egrave; dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Caccavale che &egrave; specifico di Napoli e del napoletano, Caccavallo
 +&egrave; decisamente napoletano, dovrebbero derivare da un soprannome,
 +vedi a titolo di esempio il cognome Caccavella, ma potrebbero anche stare
 +ad indicare la povert&agrave; dei capostipiti, con riferimento al <i><font color="#3333FF">caccavo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pentolone</font></i> usato dai frati per nutrire
 +i poveri) (<font color="#CC33CC">vedi CACCAVO</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Gigi Colombo</font></font>
 +<br>potrebbe essere stato originato dall'italianizzazione del cognome greco
 +Kakavoulis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della Sicilia e del reggino, deriva dal toponimo Caccamo nel palermitano.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccaro ha un ceppo nel varesotto a Somma Lombardo ed a Sirmione nel bresciano
 +ed uno nel padovano a Villa del Conte, Campo San Martino e Santa Giustina
 +in Colle, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale originato dal termine
 +medioevale veneto <i><font color="#3333FF">cacaro</font></i> (<i><font color="#666666">uomo
 +da poco, persona insignificante</font></i>).
 +</body></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCAVELLA
 +<br>CACCAVELLI
 +<br>CACCAVELLO
 +<br>CACCAVIELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccavella e Caccavelli sono molto rari e tipici del foggiano, Caccavello
 +&egrave; ancora pi&ugrave; raro e sembrerebbe avere un ceppo nell'orvietino
 +ed uno nel napoletano, Caccaviello &egrave; specifico della provincia di
 +Napoli, di Massa Lubrense in particolare, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal vocabolo dialettale caccavella (o putip&ugrave; tipico strumento
 +napoletano) usato a volte ad indicare una cosa da poco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCAVO
 +<br>CACCAVO'
 +<br>CACCAVONE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccavo ha un ceppo campano a Napoli, Salerno e Pontecagnano Faiano sempre
 +nel salernitano, un ceppo a Barile nel potentino ed uno a Giovinazzo e
 +Canosa Di Puglia nel barese e a Foggia, Caccav&ograve; &egrave; quasi unico
 +ed &egrave; probabilmente dovuto ad errori di trascrizione nelle anagrafi
 +del nord, Caccavone sembrerebbe specifico di Serracapriola nel foggiano,
 +dovrebbero derivare da soprannomi originati dal termine campano <i><font color="#3366FF">caccavo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pentolone</font></i>), forse a richiamare l'uso
 +di questi grossi pentoloni nei monasteri che distribuivano quotidianamente
 +minestre per i poveri e quindi per classificare il capostipite come un
 +mendicante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIA
 +<br>CACCIARI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img SRC="../immagini/stem00caccia.gif" NOSAVE BORDER=0 height=70width=60 align=RIGHT><font size=-1>Diffuso in tutt'Italia Caccia, con buona concentrazione in Lombardia nelle
 +provincie di Bergamo, Milano e Varese, tipico bolognese Cacciari, dovrebbero
 +derivare da un soprannome legato all'abilit&agrave; venatoria o comunque
 +a qualcosa legato alla caccia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIAGUERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciaguerra ha un ceppo a Cesena e nel cesenate, uno a Piazza al Serchio
 +nel lucchese ed uno in Sicilia ad Augusta nel siracusano, a Comiso nel
 +ragusano, a Niscemi nel nisseno ed a Catania, deriva dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Cacciaguerra</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in un atto del 1178, dove compare come teste un certo Ranuccino figlio
 +di Cacciaguerra, o in un trattato del 1260 a Luni nello spezzino: "<font color="#CC33CC">..
 +In nomine Domini, amen. Omnes et singuli homines infrascripti de villa
 +Sancti Terencii, videlicet </font><font color="#FF0000">Cacciaguerra</font><font color="#CC33CC">
 +quondam Rollandini, Aidante quondam Meliorati, Bonaparte quondam Bonafidei,
 +Bonsegnore filius Bonaiuncte,..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIAGUIDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciaguida, ormai quasi scomparso, potrebbe essere stato fiorentino, visto
 +che il sommo poeta Dante Alighieri fu un pronipote di un Cacciaguida, il cognome dovrebbe derivare
 +da un soprannome, forse riservato ad un addetto all'organizzazione della
 +caccia di qualche famiglia nobile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIALANZA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della provincia di Milano
 +e Lodi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caccialanza &egrave; composto da '<i><font color="#3333FF">caccia</font></i>'
 ++ '<i><font color="#3333FF">lanza</font></i>' dove quest'ultimo termine
 +viene dal dialetto e indica una '<i><font color="#666666">lancia</font></i>',
 +cio&egrave; una imbarcazione a remi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIANIGA
 +<br>CAZZANIGA
 +<br>GAZZANIGA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccianiga &egrave; decisamente milanese, Cazzaniga &egrave; tipico del
 +milanese e del bergamasco, Gazzaniga sembrerebbe specifico del pavese,
 +potrebbero derivare dal toponimo Gazzaniga (BG) l'antico Caccianiga e poi
 +Cazaniga, di quest'uso abbiamo un esempio nel 1442: "<font color="#CC66CC">...dicti
 +loci de Cassago de mandato et impositione Iacobini dicti Bolpini de Nava
 +filii quondam Iohannis et</font><font color="#FF0000"> Zanis de Cazaniga</font><font color="#CC66CC">
 +filii quondam Bertini habitantium in dicto loco Cassago...</font>", un
 +'esempio di questa cognominizzazione lo troviamo a Cassago nel 1524: "<font color="#CC66CC">...Li
 +heredi di messer </font><font color="#FF0000">Bernardo Cazaniga</font><font color="#CC66CC">
 +obligati a uno annuale di messa trenta et staia dodeci di formento per
 +anni quaranta come per testamento sotto li 23 di genaro 1524...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIAPAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciapaglia &egrave; tipicamente pugliese, del barese e di Santeramo in
 +Colle in particolare, di Acquaviva delle Fonti, di Bari, di Noicattaro
 +e di Conversano, di Tuglie, Parabita e Nard&ograve; nel leccese e di Taranto,
 +dovrebbe derivare da un soprannome scherzoso riferito a capostipiti che
 +non fossero dei gran cacciatori, o anche a dei contadini visti come addetti
 +ai pagliai.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIAPUOTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciapuoti &egrave; tipico del casertano e del napoletano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome, ma secondo un'ipotesi non trascurabile dovrebbe invece
 +derivare dall'italianizzazione dialettale del cognome francese <i><font color="#3333FF">Chassepot</font></i>,
 +che a sua volta deriva da un termine che indicava la mansione di <i><font color="#666666">esattore
 +delle imposte</font></i>, si trovano tracce di questo cognome nel napoletano
 +almeno fin dal 1400, nel 1419 infatti Giovanni Cacciapuoti dona alla chiesa
 +di San Giovanni a Campo, oggi della Madonna delle Grazie di Giugliano in
 +Campania nel napoletano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIATORE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto presente in tutta Italia,
 +con origini diversificate e ceppi in Piemonte, Abruzzi, Lazio, Puglie e
 +Sicilia, dovrebbe derivare da un soprannome legato all'abilit&agrave; venatoria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIAVILLANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciavillani ha un ceppo emiliano a Reggio Emilia ed Albinea (RE), uno
 +nel vicentino, uno a Roma, uno nel chietino ed uno ad Agnone (IS), dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato da qualche episodio storico di epoca
 +feudale durante il quale probabilmente un cavaliere si conquist&ograve;
 +la nobilt&agrave; cacciando i villani in rivolta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro, &egrave; tipico dell'area
 +milanese, dovrebbe derivare dal nome medioevale italiano Caccino (diminutivo
 +di Caco).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIOLA
 +<br>CACCIOLI
 +<br>CACCIOLO
 +<br>CACIOLA
 +<br>CACIOLI
 +<br>CACIOLLA
 +<br>CACIOLLI
 +<br>CACIOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciola &egrave; tipico della Sicilia sudorientale, del messinese e del
 +catanese, con ceppi anche in Calabria, in particolare nel reggino, nel
 +napoletano e casertano e&nbsp; nel romano e latinense, Caccioli, molto
 +molto raro, &egrave; specifico dell'appennino parmense, di Borgo Val di
 +Taro in particolare, potrebbe anche forse derivare dal toponimo Cacciola
 +nel reggiano, Cacciolo, estremamente raro, tipicamente siciliano, &egrave;
 +specifico di&nbsp; Patti nel messinese, Caciola &egrave; tipico del viterbese,
 +di Viterbo e Vetralla, Caciolla &egrave; tipico di Orvieto nel ternano,
 +Cacioli &egrave; decisamente toscano, di Arezzo e dell'aretino, con un
 +ceppo anche a Firenze, Caciolli &egrave; tipico dell'area fiorentino, pratese,
 +in particolare di Firenze, Campi Bisenzio, Scandicci e di Prato, Caciolo
 +&egrave; tipico del frusinate di Anagni e di Roma, tutti questi cognomi
 +dovrebbero derivare dal mestiere di produttore di <i><font color="#3366FF">cacio</font></i> (<i><font color="#999999">formaggio</font></i>)
 +o essere lavoranti in un <i><font color="#3366FF">caciolaio</font></i>
 +(<i><font color="#999999">locale adibito alla produzione del formaggio</font></i>), ma &egrave; pure possibile, in alcuni casi una derivazione dal nome personale
 +latino <i><font color="#3333FF">Cassiolus</font></i>, un'ipocoristico in
 +uso presso la Gens Cassia,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Spello (PG) nella seconda
 +met&agrave; del 1100 con il Beato Andreas Caccioli (o Cacciola), guida
 +spirituale di Santa Chiara di Assisi, nella seconda met&agrave; del 1200
 +nel Pisano con un certo Iacobus Caciolus citato tra gli Anziani della citt&agrave;
 +di Pisa, nel 1391 a Gubbionel perugino tra le registrazioni del Monastero
 +di San Pietro si legge: "<font color="#CC33CC">...Die XV dicti mensis,
 +hora causarum. Supradictus Iohannes, publicus bayulus et nuntius suprascriptus,
 +vadens (fol. 74v) et rediens, relulit dicto D.no Vicario, sedente etc.,
 +et mihi, Notario infrascripto, se ivisse et fratrem </font><font color="#FF0000">Gregorium
 +Manni Caccioli,</font><font color="#CC33CC"> fratrem dicti loci et syndicum
 +ipsorum fratrum et loci predicti, ad hec specialiter constitutum ...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Cacciola</font></font>
 +<br>il cognome Cacciola potrebbe derivare dal latino cassis (laccio da
 +caccia o rete del cacciatore) e da olus (erbaggi, ortaggi), starebbe ad indicare,
 +se cos&igrave; fosse, la caccia praticata dai rustici o un territorio di
 +caccia coltivato.&nbsp; L'arma della famiglia cacciola ne &egrave; una
 +conferma:d'azzurro all'aquila d'argento.&nbsp; Cacciola &egrave; anche
 +il nome di un antico feudo del XII&deg; secolo, dove sorge l'omonima localit&agrave;,
 +feudo destinato alla caccia nel medioevo.&nbsp; Un Giovanni Giacomo Cacciola
 +fu senatore di Messina nel 1232, Jacopo tenne la stessa carica nel 1322.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIOPINI
 +<br>CACCIOPPINI
 +<br>CACIOPINI
 +<br>CACIOPPINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimi, le varie
 +forme di questo cognome sembrano suggerire un antico insediamento nella
 +zona tosco-umbra, dovrebbe essere di origine spagnola e deriverebbe da
 +un soprannome disceso dal vocabolo cachopin (ciabattone, di uno che sbatte
 +gli zoccoli) comparso in Spagna dopo il ritorno dalla scoperta dell'America,&nbsp;
 +termine di derivazione n&aacute;huatl (linguaggio mesoamericano).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIOPPO
 +<br>CACIOPPI
 +<br>CACIOPPO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccioppo, molto molto raro, &egrave; specifico di Messina, Cacioppi, quasi
 +unico, &egrave; probabilmente dovuto ad errori di trascrizione di Cacioppo,
 +che &egrave; decisamente pi&ugrave; diffuso, ha un grosso ceppo palermitano
 +ed uno nell'agrigentino a Sambuca di Sicilia, Menfi e Santa Margherita
 +di Belice, ed a Gela nel nisseno, questi cognomi potrebbero essere di origine
 +spagnola e risalire al termine di derivazione n&aacute;huatl (linguaggio
 +mesoamericano) <i><font color="#3366FF">cachopin</font></i> (<i><font color="#999999">ciabattone,
 +di uno che sbatte gli zoccoli</font></i>), termine entrato in uso, prima
 +come soprannome in Spagna, e poi nei territori soggetti alla dominazione
 +aragonese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIOTTOLI
 +<br>CACCIOTTOLO
 +<br>CACCIUOTTOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciottoli ha un piccolissimo ceppo a Napoli e nel napoletano ed uno altrettanto
 +piccolo ad Eboli nel salernitano, Cacciottolo, assolutamente rarissimo,
 +&egrave; tipicamente campano, ha presenze nel napoletano ed un ceppo ad
 +Eboli e Battipaglia nel salernitano, Cacciuottolo, il pi&ugrave; diffuso
 +dei tre, &egrave; specifico di Napoli, Pozzuoli e Torre del Greco nel napoletano,
 +questi cognomi sono antichissimi e sembra risalgano al sesto secolo, ricordiamo
 +di quest'epoca il santo eremita, padre benedettino, ed abate del monastero
 +della citt&agrave; di Sorrento, Antonino Cacciottolo. L'origine di questo
 +cognome dovrebbe essere da soprannomi basati sul termine greco antico <font color="#3333FF">&#954;&#945;&#954;&#954;&#973;&#964;&#949;&#962;&nbsp;
 +<i>kacc&ugrave;tes</i></font> (<font color="#CC33CC">vedi CACCIUTTO</font>), o anche da un'alterazione ipocoristica del cognomen tardo
 +latino <i><font color="#3333FF">Catellus</font></i> (<i><font color="#666666">cagnolino</font></i>)
 +che attraverso varie alterazioni si dovrebbe essere trasformato in <i><font color="#3333FF">Caciottellus</font></i>
 +e quindi in <i><font color="#3333FF">Caciottolus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCIUTTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacciutto &egrave; specifico dell'isola d'Ischia, di Lacco Ameno, Forio
 +e Barano d'Ischia, dovrebbe derivare da un soprannome grecanico basato
 +sul termine greco arcaico <font color="#3333FF">&#954;&#945;&#964;&#940;&nbsp;
 + &#954;&#973;&#964;&#949;&#962;&nbsp;<i> kat&agrave;
 +k&ugrave;tes</i></font><i> </i>contratto poi in <font color="#3333FF">&#954;&#945;&#954;&#954;&#973;&#964;&#949;&#962;&nbsp;
 +<i>kacc&ugrave;tes</i></font> che significava <i><font color="#666666">sudatorio</font></i>
 +o <i><font color="#666666">luogo termale riscaldato da fenomeni vulcanici
 +naturali</font></i>, probabilmente ad indicare che il capostipite provenisse
 +da un luogo dove fossero stati presenti simili fenomeni vulcanici.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico dell'area padovano veneta,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale italiano Caco.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACCURI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caccuri &egrave; specifico del cosentino, di Campana, Rossano, Rovito,
 +Pietrafitta e Cosenza, dovrebbe derivare dal toponimo Caccuri nel crotonese,
 +probabile luogo d'origine della famiglia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caccuri &egrave; un cognome calabrese. Oltre che dal toponimo omonimo,
 +potrebbe essere una italianizzazione del cognome greco <i><font color="#3333FF">Kakuris</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caci &egrave; un cognome tipicamente siciliano, di Gela nel nisseno, ma
 +anche dell'agrigentino, di Licata, Aragona, Agrigento, Porto Empedocle
 +e Ravanusa, potrebbe derivare da un soprannome originato dal mestiere di
 +<i><font color="#3333FF">casaro</font></i> (<i><font color="#666666">produttore
 +di cacio</font></i>), svolto forse dai capostipiti, ma non si pu&ograve;
 +escludere una possibile derivazione dal nome personale turco <i><font color="#3333FF">Qaji</font></i>,
 +che potrebbe essere stato portato dai capostipiti.<B></B></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACICIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacicia, molto raro, &egrave; tipico di Palermo con un ceppo anche ad Agrigento,
 +potrebbe derivare da una modificazione dialettale del nome arabo <i><font color="#3366FF">Hashim</font></i>,
 +ma &egrave; pure possibile, se non addirittura pi&ugrave; probabile, una
 +derivazione da un soprannome legato al vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">hashish</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">hashasha</font></i> (<i><font color="#999999">erba,
 +erbaccia</font></i>), il mondo islamico a varie riprese proib&igrave; l'uso
 +dell'hashish per i suoi effetti stupefacenti, ma lo stesso venne anche
 +usato per raggiungere l'estasi religiosa dai Sufi persiani e dai Dervisci
 +arabi, ricordiamo Hasan Ibn-Al Sabbah vissuto tra la fine del 1000 e gli
 +inizi del 1100 che fond&ograve; la setta degli <i><font color="#3366FF">hashes-hin</font></i>
 +o mangiatori di hashish, da quel termine deriva l'odierno vocabolo <i><font color="#999999">assassino</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACOPARDI
 +<br>CACOPARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacopardi &egrave; assolutamente rarissimo e si tratta quasi sicuramente
 +di errori di trascrizione del pi&ugrave; diffuso Cacopardo che &egrave;
 +specifico della costa nordorientale della Sicilia, di Messina, Taormina,
 +Gallodoro, Letojanni, Giardini Naxos e Casalvecchio Siculo nel messinese
 +e di Catania, potrebbero derivare da un soprannome o nomignolo scherzoso,
 +ma &egrave; anche possibile, se non addirittura pi&ugrave; probabile, una
 +derivazione da un soprannome composto dal termine greco <i><font color="#3366FF">kak&ograve;</font></i>
 +(<i><font color="#999999">cattivo, feroce</font></i>) e dal termine <i><font color="#3366FF">pardos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pantera</font></i>), se consideriamo che in epoca
 +medioevale i saraceni erano anche chiamati con l'epiteto di pantere, si
 +potrebbe ipotizzare un origine saracena del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cacopardo &egrave; un cognome della Sicilia orientale che viene dal greco
 +moderno '<i><font color="#3333FF">kak&ograve;kardos</font></i>' = <i><font color="#666666">afflitto,
 +triste</font></i>. Rohlfs 36.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CACOZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cacozza &egrave; tipicamente calabrese, dell'area che comprende il cosentino,
 +il crotonese ed il catanzarese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arb&euml;resh&euml;, il cognome Cacozza sembra derivare dalla
 +toponomastica albanese, se si considera che, in Albania, esistono due citt&agrave;
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Kakoz </font></i>(anche note come <i><font color="#3366FF">Cacossi</font></i>),
 +situate rispettivamente nella prefettura di Berat e in quella di Argirocastro.
 +Con questo cognome, comunque, un esempio famoso &egrave; offerto dal poeta
 +e cantautore arb&euml;resh&euml; Pino Cacozza (nato a San Demetrio Corone,
 +Cosenza, nel 1957), che, nel mondo della musica arb&euml;resh&euml;, &egrave;
 +una delle figure pi&ugrave; note e apprezzate dei nostri tempi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cacozza: si tratta di una variante del cognome siciliano <i><font color="#3333FF">Cac&ograve;cciola</font></i>
 += <i><font color="#666666">carciofo</font></i>. Rohlfs 57.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADALANU
 +<br>CADELANO
 +<br>CADELANU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadalanu &egrave; quasi unico, forse del nuorese, Cadelanu, altrettanto
 +raro, sembrerebbe del cagliaritano, si tratta probabilmente di forme arcaiche
 +di Cadelano, che &egrave; molto diffuso nel cagliaritano, in particolare
 +a Quartu Sant'Elena, Cagliari, Quartucciu, Settimo San Pietro e Villasimius,
 +con un ceppo anche a Terralba nell'oristanese ed uno a Sassari, deriva
 +dall'etnico di Catalogna in lingua sarda.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADELANO; CADALANU; CADELANU:&nbsp; <i><font color="#3333FF">cadalanu,
 +catalanu</font></i> = <i><font color="#666666">di origini catalane</font></i>.
 +.Come cognome &egrave; presente nelle carte antiche della Sardegna. Tra
 +i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, figurano: Catalane Jacobus,
 +ville Algueri ** Ville Algueri.odierno Alghero. Camella Bernardus, Bos
 +Franciscus, Ferret Anthonius sindici, actores et procuratores.et nos, superius
 +nominati: Serra (de) Thomas, major camere; Pancie Comita, sub cancellarius;
 +Caso Anthonio procuratores.et singulos homines civitatum Sasseri et Ville
 +Ecclesiarum ac loci Telluri et locorum Mole de Posata et Iscle de Galtel&igrave;
 +ac Contrate de Baronia. Die sexta febroarii (1388)..; Cathalanu Comita
 +- de Aristanni. *** Aristanni: elenco dei nomi dei firmatari della PETIZIONE.
 +Omnes cives mercatores et habitatores dicte civitatis.nisi pastores bestiaminum
 +et quorum dificulter demorari non poterant.congregati. Porta la data :
 +die XIIII mensis Januarii M&deg;. CCC&deg;. LXXXVIII&deg; et etc. Nel Condaghe
 +di Santa Maria di Bonarcado,CSMB, XI&deg;, XIII&deg; secolo, abbiamo :
 +Cadalanu Iohanne(94), in una donazione : posit Janne de Monte terra ad
 +clesia in Guraeda( ?), cabizale assa binia de donnu Goantine de Lacon,
 +tenendo assas cinnigas, pro s'anima sua&nbsp; cun boluntade&nbsp; bona
 +de Iohanne Cadalanu et de donna Preciosa..Nella storia ricordiamo : Catalan
 +Antonio, cagliaritano di origine provenzale. In periodo iberico del Regno
 +di Sardegna, nel 1668, acquist&ograve; all'asta la Baronia di Teulada e
 +nel 1670 ottenne, dal re di Spagna, il cavalierato ereditario e la nobilt&agrave;.
 +Attualmente il cognome Cadelano &egrave; presente in 48 Comuni italiani
 +di cui 22 in Sardegna: Quartu S. E. 144, Cagliari 51, Quartucciu 45, Terralba
 +44, etc. Cadalanu &egrave; presente in soli 2 Comuni: Nuoro 15, Orosei
 +3; Cadelanu &egrave; presente in soli 4 Comuni: Settimo, Sinna, Solemnis
 +etc. NOTA: il cognome Catalano &egrave; presente in tutta Italia con maggiore
 +diffusione in Sicilia (Palermo 1313); seguono: Roma con 693, Napoli con
 +481, Torino con 395, Milano con 389, etc. Catalano &egrave; presente anche
 +in Sardegna, ma di chiara importazione: Sassari 9, Iglesias 8, Assemini
 +6, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADAMAGNANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo &egrave; tipico del piacentino, dovrebbe derivare
 +dal mestiere praticato dalla famiglia, quello di calderai o stagnini e
 +starebbe ad indicare quelli della casa degli stagnini, venditori o riparatori
 +di pentole.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADAMURO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadamuro &egrave; specifico dell'area trevigiano, veneziana, di Musile
 +di Piave, San Don&agrave; di Piave, Venezia, Cavallino Treporti e Meolo
 +nel veneziano e di Cimadolmo, Treviso e Casale sul Sile nel trevisano,
 +troviamo tracce di questa cognominizzazione fra la borghesia di Capodistria
 +fin dal 1700, si pu&ograve; solo ipotizzare una derivazione da nomi di
 +localit&agrave; riferiti ad una casa con un muro, forse particolarmente
 +alto o lungo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cadamuro &egrave; un cognome veneto che significa letteralmente '<i><font color="#3333FF">casa
 +di muro</font></i>', cio&egrave; '<i><font color="#3333FF">murata</font></i>'.
 +Olivieri 170.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADAU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente sardo, potrebbe derivare da una modificazione dal cognome spagnolo
 +Cadeu.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADDEMI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caddemi, quasi unico, sembrerebbe siciliano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine arabo <i><font color="#3333FF">hadd&#257;m</font></i> (<i><font color="#666666">servo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADDEO
 +<br>CADDEU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipici sardi delle province di Oristano e Cagliari, estremamente raro il
 +secondo, possono derivare da nomi di localit&agrave; come Is Caddeus nei
 +pressi di Decimomannu (CA), o pi&ugrave; probabilmente dal cognome spagnolo
 +Cadeu, secondo alcuni dovrebbero derivare da modificazioni dialettali del
 +nome bizantino Kalleo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADDEO; CADDEU: di etimo e significato incerti. Prof. Massimo Pittau
 +suggerisce la derivazione dall'italiano <i><font color="#3333FF">Taddeo</font></i>,
 +non da <i><font color="#3333FF">Coddeus</font></i>, presente come nomen
 +in Africa, ma non in Sardegna. Il latino <i><font color="#3333FF">callum</font></i>
 +significa <i><font color="#666666">pelle indurita, callo</font></i>. In
 +greco abbiamo <i><font color="#3333FF">kalais</font></i> = <i><font color="#666666">turchino</font></i>
 +(pietra preziosa); <i><font color="#3333FF">kal&egrave;o</font></i> = <i><font color="#666666">chiamar</font></i>e;
 +<i><font color="#3333FF">Kall&egrave;as</font></i>, da <i><font color="#3333FF">Kall&igrave;as</font></i>,
 +nel significato di <i><font color="#666666">bellezza</font></i> o <i><font color="#666666">bont&agrave;</font></i>.
 +Lo ritroviamo nelle carte antiche della Sardegna, generalmente nella variante
 +antica <i><font color="#3333FF">Calleo</font></i>. Tra i firmatari della
 +Pace di Eleonora, LPDE del 1388 troviamo: Calleo Fuliado, jurato Villa
 +de Abbas (Santa Maria Acquas - Sardara); Calleo Marcho, ville de Sardara.
 +** SARDARA MONTIS REGALIS...11 GENNAIO 1388, et ego...Gadulesu Margiano
 +habitator ville Sardara, sindicus actor et procurator universitatis Contrate
 +Montis Regalis et villarum et etc. In posse Virde Andrea, Virde Joanne,
 +de Civitate Sasseri, notarii publici, die XI Januarii 1388. Nella storia
 +ricordiamo, Caddeo Rinaldo, di San Gavino Monreale (1881 - 1956), giornalista
 +e storico (Di.Sto.Sa). Attualmente il cognome Caddeo &egrave; presente
 +in 229 Comuni italiani, di cui 103 in Sardegna: Cagliari 243, Sardara 124,
 +Arbus 98, Quartu S. E. 73, Carbonia 53, Santadi 49, etc. Caddeu &egrave;
 +invece presente in 15 Comuni italiani, di cui 10 in Sardegna: Segariu 23,
 +Furti 11, Sanluri 9, Vallermosa 6, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADDIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadd&igrave;a, molto raro, &egrave; tipicamente sardo, ha piccoli ceppi
 +a Villacidro nel Medio Campidano, Cagliari e Usini nel sassarese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADDIA: <i><font color="#3366FF">cadd&igrave;&acirc;</font></i> deriva
 +da <i><font color="#3366FF">cadd&igrave;na</font></i> per nasalizzazione
 +vocalica, per caduta della "n" intervocalica: fenomeno fonetico corrente
 +soprattutto nei dialetti meridionali. <i><font color="#3366FF">Cadd&igrave;&acirc;</font></i>,
 +a sua volta deriva da <i><font color="#3366FF">gadd&igrave;&acirc;, gadd&igrave;na</font></i>,
 +dall'italiano <i><font color="#3366FF">gallina</font></i>. <i><font color="#3366FF">Cadd&igrave;na</font></i>
 +potrebbe per&ograve; derivare da <i><font color="#3366FF">cu&agrave;ddu</font></i>,
 +in campidanese, <i><font color="#3366FF">c&agrave;ddu</font></i> nei dialetti
 +centrali: <i><font color="#3366FF">sa musca cuadd&igrave;na</font></i>
 +(camp.), <i><font color="#3366FF">sa musca cadd&igrave;na</font></i> (dialetti
 +centrali) = <i><font color="#999999">la mosca dei cavalli</font></i>. Una
 +femmina, una <i><font color="#3366FF">pippia c(u)add&igrave;na</font></i>
 += una donna, una <i><font color="#999999">bambina capricciosa</font></i>,
 +<i><font color="#999999">cavallina</font></i>. Esiste pure il termine <i><font color="#3366FF">c&agrave;ddia</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">g&agrave;ddia</font></i>, che per&ograve; significa
 +<i><font color="#999999">poplite</font></i>, <i><font color="#999999">piega</font></i>
 +o <i><font color="#999999">grinza della pelle</font></i> o anche di un
 +vestito e deriva dal latino <i><font color="#3366FF">callum</font></i>,
 +o <i><font color="#3366FF">callica</font></i>. Per definire un vestito
 +spiegazzato diciamo: <i><font color="#3366FF">est tottu accaddion&agrave;u</font></i>.
 +Il cognome Cadd&igrave;a, con l'accento sulla "i" non deriva assolutamente
 +da c&agrave;ddia, piega. Abbiamo telefonato a tanti Cadd&igrave;a della
 +Sardegna e tutti hanno puntualizzato l'accento sulla "i". Anche se nessuno
 +ha rimarcato il fenomeno fonetica della nasalizzazione. &Egrave; comunque
 +cosa normale, ne abbiamo tantissimi esempi: Masc&igrave;&acirc;, Car&igrave;&acirc;,
 +Angi&ograve;&icirc;, Card&igrave;&acirc;, Pitt&agrave;&ucirc;, Lill&igrave;&ucirc;,
 +L&agrave;&icirc;, etc.etc. Attualmente il cognome &egrave; presente in
 +36 Comuni italiani, di cui 20 in Sardegna: Villacidro 21, Cagliari 13,
 +Usini 11, Selargius 6, Capoterra 6, Pabillonis 3, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADDORI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caddori, estremamente raro, tipicamente sardo, sembrerebbe specifico di
 +Arzana e Lotzorai nell'Ogliastra, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal vocabolo logudurese <i><font color="#3366FF">caddu</font></i> (<i><font color="#999999">cavallo</font></i>)
 +ed indicherebbe la qualifica di cavaliere attribuita al capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADDORI: di significato ed etimo incerti. Potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">cavaddu,
 +cuaddu, caddu</font></i> = <i><font color="#666666">cavallo</font></i>,
 +dal tardo latino <i><font color="#3333FF">caballus</font></i>, ed in questo
 +caso starebbe ad indicare le caratteristiche di un cavallo; con <i><font color="#3333FF">cavadd&egrave;ri,
 +cadd&egrave;ri, cuadd&egrave;ri</font></i>, si indicano invece le caratteristiche
 +del cavaliere: <i><font color="#3333FF">cadd&egrave;ri</font></i> = un
 +buon cavaliere. Pi&ugrave; probabilmente deriva da <i><font color="#3333FF">caddu</font></i>
 += <i><font color="#666666">callo</font></i>, dal latino <i><font color="#3333FF">callum</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Cadd&ograve;su</font></i> significa <i><font color="#666666">di
 +pelle dura</font></i>, ma anche <i><font color="#666666">ostinato</font></i>,
 +come l'italiano <i><font color="#666666">incallito</font></i>. Cadd&ograve;ri
 +quindi starebbe ad indicare una caratteristica della personalit&agrave;,
 +ad esempio, <i><font color="#666666">ostinazione, caparbiet&agrave;, testardaggine</font></i>,
 +che sono peculiarit&agrave; abbastanza comuni in noi sardi, in senso buono
 +ed in senso cattivo! Attualmente il cognome Cadd&ograve;ri &egrave; presente
 +in 8 Comuni italiani, di cui 7 in Sardegna: arzana 24, Lotzorai 14, Cagliari
 +5, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADEDDU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico sardo, della fascia orientale e del cagliaritano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato da una modificazione dialettale del vocabolo
 +latino <i><font color="#3366FF">catellus</font></i> (<i><font color="#666666">cagnolino</font></i>),
 +&egrave; abbastanza improbabile una derivazione dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">caddu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cavallo</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADEDDU: <i><font color="#3366FF">cal&egrave;ddu, calell&egrave;ddu,
 +cath&egrave;ddu, catz&egrave;ddu</font></i> = <i><font color="#999999">cagnolino
 +o cucciolo di cane</font></i>. Viene dal latino <i><font color="#3366FF">catellus</font></i>
 += <i><font color="#999999">cucciolo di cane</font></i>. <i><font color="#3366FF">Iscatzedd&agrave;i/re</font></i>,
 +significa <i><font color="#999999">togliere i cuccioli alla cagna</font></i>
 +o anche ad altro animale. Cognome diffuso in tutta la Sardegna sin dai
 +tempi antichi. Negli antichi documenti della lingua sarda &egrave; presente
 +in diverse varianti. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE del
 +1388, figurano: Cadeddu Angioleddu, ville Selluri (Sanluri - Seddori);
 +Cadeddu Anthonio, ville Mahara (Villamar); Cadeddu Marco, jurato ville
 +Du&ccedil;aramanna (*odierno Ussaramanna. Contrate Marmille; Cadellu Guantino,
 +ville Magumadas (*Magomadas. Contrate Castri Serravallis); Catedu Bartholomeo,
 +majore (amministratore - sindaco)ville Oruinas (Ruinas); Catedu Guantino,
 +jurato(guardia giurata, collaboratore del maiore) ville Baugadi (*Bauyadi.villaggio
 +distrutto- Contrate Partis Milis) ; Catelli Marianus - de Aristanni (Oristano);
 +Catello Francisco - de Castri Januensis (Castelsardo); Catellu Ars&ograve;co,
 +majore ville Sia Sancte Lucie (* Odierno Siamanna. Contrate Campitani Simagis);
 +Catellu Francisco, jurato ville Pauli (*Paulilatino. Contrate Partis de
 +Guilcier); Catellu Leonardo, jurato ville Milis (*odierno Milis - Contrate
 +Partis de Milis); Cathellu Comita., ville Solgono(Sorgono - Mandrolisay
 +o Barbagia di Belv&igrave;); Cathellu Mariano, ville Solgono. Nella storia
 +ricordiamo: Cadeddu Gaetano, cagliaritano, studente di medicina, figlio
 +dell'avvocato&nbsp; Salvatore, col quale fu coinvolto nella congiura di
 +Palabanda, contro il governo piemontese. In seguito al fallimento dell'insurrezione
 +riusc&igrave; a dileguarsi. Lo ritroviamo poi con Napoleone Bonaparte e
 +sempre con lui a Waterloo, ma in qualit&agrave; di direttore delle ambulanze.
 +Fu in seguito perseguitato come Bonapartista. Si rifugi&ograve; infine
 +in Toscana cambiando nome in Cadelli. A Pisa, sotto la protezione del Professor
 +Andrea Vacca, docente di chirurgia, riusc&igrave; a riprendere gli studi
 +ed a laurearsi in medicina. Fu poi, come medico ad Algeri. In seguito a
 +Tunisi e poi di nuovo in Italia. Ricopr&igrave; l'incarico di console di
 +Svezia, Norvegia e America a Sfax. Fu quindi di nuovo a Tunisi, dove mor&igrave;
 +nel 1858.&nbsp; Cadello Diego Gregorio, del nobile casato dei Cadello,
 +marchesi di San Sperate, vescovo della archidiocesi di Cagliari dal 1798
 +al 1807, poi cardinale. Cadello Francesco Ignazio (padre del cardinale
 +Diego Gregorio) visse nel primo periodo sabaudo del Regno di Sardegna.
 +Fu uno dei pi&ugrave; importanti giuristi del suo tempo. Percorse tutta
 +la carriera accademica e forense; infine fu proposto dal re di Sardegna
 +Carlo Emanuele I&deg;&nbsp; per l'incarico di Reggente del Supremo Consiglio
 +di Sardegna, che rifiut&ograve; per motivi di salute. Attualmente il cognome
 +Cadeddu &egrave; presente in 320 Comuni italiani, di cui 143 in Sardegna:
 +Cagliari 252, Sassari 140, Guspini 114, Oristano 95, Quartu S. E. 88, Carbonia
 +81, Borore 80, Nuoro 59,. Etc. Nella penisola &egrave; Roma ad avere il
 +numero pi&ugrave; alto con 131.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome assolutamente raro, probabilmente
 +di origine friulana, dovrebbe derivare da soprannomi legati all'aferesi
 +di un toponimo come Roncadelle (TV), Falcade (BL), Biancade (TV) o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADENASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadenasso &egrave; tipico di Genova, dovrebbe derivare dall'italianizzazione
 +del termine francese <i><font color="#3333FF">cadenas</font></i> (<i><font color="#666666">catenaccio,
 +serratura</font></i>), forse indicando cos&igrave; che il mestiere del
 +capostipite fosse quella di fabbro esperto nella produzione di catenacci
 +e lucchetti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADENAZZI
 +<br>CADENAZZO
 +<br>CAENAZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img SRC="../immagini/stem00caenazzo.gif" NOSAVE BORDER=0 height=55 width=44 align=LEFT><font size=-1>Cadenazzi
 +&egrave; molto raro e sembrerebbe specifico del comasco, Cadenazzo &egrave;
 +praticamente unico, Caenazzo, rarissimo, &egrave; tipico veneziano, dovrebbe
 +derivare dal termine dialettale veneto caenazzo (catenaccio) tant'&egrave;
 +che nello stemma di cui si hanno tracce fin dal 1600 si vedono due ferri
 +da catenaccio incrociati. Si hanno tracce del cognome Caenazzo o Cadenazzo,
 +fin dal 1450 quando troviamo un ".<font color="#993366">.. </font><font color="#FF0000">Piero
 +Cadenazzo</font><font color="#993366"> quidem Domenico sartor da Venezia...</font>",
 +a Rovigno, in Istria, si trova un'iscrizione, nella chiesa di San Giuseppe,
 +che dice: "<font color="#993366">JO CAPITAN ISEPPO CAENAZZO FECI FAR PER
 +MIA DEVOZIONE ANO 1673</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADENELLA
 +<br>CADENELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadenella, praticamente unico, &egrave; veneziano, Cadenelli &egrave; specifico
 +di Vobarno nel bresciano, dovrebbero derivare da soprannomi basati sul
 +termine dialettale bresciano <i><font color="#3333FF">cadenel</font></i>,
 +che significa sia <i><font color="#3333FF">catenaccio</font></i> che quel
 +ferro particolare situato all'altezza della bocca della canna fumaria di
 +un camino, usato per appendervi tramite catene i paioli per cucinare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADEO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome molto raro, parrebbe bergamasco,
 +ma dovrebbe derivare dal toponimo Cadeo (PC) o da un soprannome connesso
 +con l'abitare nelle prossimit&agrave; di un monastero o una chiesa (casa
 +di dio - c&agrave; deo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADICAMO
 +<br>CHIDICHIMO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadicamo, molto molto raro, &egrave; tipico del cosentino, Chidichimo,
 +un p&ograve; meno raro, &egrave; sempre tipico del cosentino, di Platacci,
 +Trebisacce, Villapiana e Castrovillari, si dovrebbe trattare di cognomi
 +di origini albanesi, che dovrebbero derivare da un toponimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADILE
 +<br>CADILI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadile, assolutamente rarissimo, sembrerebbe siciliano, di Tripi e Patti
 +nel messinese, Cadili, pi&ugrave; comune &egrave; decisamente del messinese,
 +di Patti, Messina e Tripi, potrebbero derivare da forme dialettali derivate
 +dal termine e nome latino <i><font color="#3333FF">catellus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cagnolino</font></i>), una seconda ipotesi li
 +fa derivare da un soprannome grecanico con il significato di vasai.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADONE
 +<br>CADONEDDA
 +<br>CADONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadone &egrave; tipico di Alghero (SS), Cadonedda, forse del nuorese, sembrerebbe
 +ormai quasi scomparso, Cadoni &egrave; molto diffuso in tutta la Sardegna,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici, da soprannomi
 +originati dai vocaboli sardi <i><font color="#3366FF">cadone</font></i> o <i><font color="#3366FF">cadoni</font></i>
 +(<i><font color="#999999">mercorella, pianta delle Euphorbiacee chiamata
 +anche mercurialis annua infestante dei vigneti e che da un pessimo sapore
 +al vino</font></i>) forse usati in modo dispregiativo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CADONE; CADONI:<i><font color="#3366FF"> su cad&ograve;ni</font></i>
 +&egrave; un'erba, <i><font color="#999999">la mercorella</font></i>: <i><font color="#3366FF">chenopodium
 +album</font></i>. &Egrave; un nemico dei viticoltori, perch&eacute; da
 +un cattivo sapore al vino: "<i><font color="#3366FF">Custu binu tenit sabori
 +de cad&ograve;ni</font></i>"! <i><font color="#999999">Questo vino ha sapore
 +di mercorella</font></i>.&egrave; da buttare! &Egrave; proprio una peste:
 +rovina il vino! Sull'etimo della parola permangono incertezze, lo stesso
 +Wagner mette punto interrogativo. Dal nostro punto di vista, considerando
 +il fatto che i monaci bizantini sono stati i maestri, per i sardi, per
 +la conservazione dei prodotti della terra&nbsp; e per l'uso delle erbe
 +e delle piante officinali, oltre che per la cultura e la religione, abbiamo
 +pensato ad una parola greca contenente gli effetti della mercorella: col
 +verbo <font color="#3366FF">&#954;&#940;&#948;&#969;</font> + <font color="#3366FF">&#972;&#953;&#957;&#959;&#962;</font>
 +(<i><font color="#3366FF">c&agrave;do</font></i> + <i><font color="#3366FF">&ograve;inos</font></i>)
 += <i><font color="#999999">danneggio il vino</font></i>. Non abbiamo altri
 +suggerimenti. Come cognome non l'abbiamo trovato nelle carte antiche. Nella
 +storia ricordiamo: Cadoni Antioco, storico del XIX&deg; secolo, autore
 +di storia economica ed amministrativa. Fra le sue opere citiamo, Il Comune
 +di Iglesias ed il ministro Sella, del 1872. Attualmente il cognome Cadoni
 +&egrave; presente in 245 Comuni d'Italia, di cui 102 in Sardegna: Cagliari
 +122, Oristano 113, Santa Giusta 113, Quartu S. E. 103, Escolca 68, Sassari
 +53, etc. Roma ne conta 103.&nbsp; Cadone invece &egrave; presente in 6
 +Comuni italiani, di cui 3 in Sardegna.: Alghero 56, Selargius 3, Cagliari
 +3.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADORE
 +<br>CADORI
 +<br>CADORIN
 +<br>CADORINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadore &egrave; abbastanza raro ed &egrave; tipico dell'alto bellunese
 +e di Bassano del Grappa ed area limitrofa nel vicentino, Cadori e Cadorini,
 +assolutamente rarissimi si trovano nel bresciano, Cadorin &egrave; tipico
 +del bellunese e trevigiano, dovrebbero derivare dai molti toponimi contenenti
 +il vocabolo Cadore o dall'etnico relativo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Davide
 +Cadore</font></font>
 +<br>i miei antenati risiedevano a Mason Vicentino dal 1600 e cos&igrave;
 +per altri Cadore oggi residenti a Bassano e Nove. Dai documenti che si
 +conservano presso la mia famiglia siamo potuti risalire quanto meno al
 +luogo di provenienza del nostro ceppo famigliare: Sospirolo, un paesino
 +in provincia di Belluno, che la famiglia ha lasciato a seguito della concessione
 +di terre nel vicentino da parte della Repubblica di Venezia per servigi
 +resi alla Repubblica stessa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADRINGHER
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, dovrebbe essere di origini ungheresi trapiantati
 +nell'alta Lombardia e deriverebbe dal cognome magiaro Kadringer. Personaggio
 +famoso &egrave; stato Remo Cadringher noto aviatore degli anni 30.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CADROBBI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cadrobbi &egrave; tipico del Trentino, di&nbsp;&nbsp; Baselga di Pin&egrave;
 +in particolare, dovrebbe derivare dal termine tardo latino <i><font color="#3366FF">quadrobium</font></i>
 +(q<i><font color="#999999">uadrivio, incrocio tra quattro strade</font></i>)
 +di cui riportiamo un esempio in un registro comunale del 1487: "<font color="#CC33CC">...per
 +capicia decemseptem ad alios duos terminos inter quos est ampla via brachia
 +decemseptem et quartas duas Et deinde per capicia decemnovem et pedes quinque
 +itur versus </font><font color="#FF0000">quadrobium</font><font color="#CC33CC">
 +ad alios duos terminos inter quos est ampla via capicia duos et pedes duos
 +Et ab inde itur infra per capicia tredecim ad alios duos terminos inter
 +quos est ampla via capicia duo pedes quatuor et oncias septem ...</font>",
 +probabilmente perch&egrave; l'abitazione della famiglia era situata appunto
 +presso un incrocio di tal fatta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAEM
 +<br>CAIM</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi estremamente rari, presenti da tempo nel bresciano, derivano entrambi
 +dal nome ebreo sefardita Caim (Caino), tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo in un trattato di pace del 3 settembre 1143 concluso tra il
 +conte Alfonso di Tolosa, l'abate, i consoli e gli abitanti di Saint-Gilles
 +da una parte e i consoli di Pisa e di Genova dall'altra: "<font color="#CC33CC">...Et
 +ego Lanfranchus Piper, consul Ianuensis ,et ego </font><font color="#FF0000">Willelmus
 +Caim</font><font color="#CC33CC">, consul Pisanus, hoc idem sacramentum
 +quod nos facimus faciemus facere consulibus Genue et Pise...</font>".</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFA
 +<br>CAFA'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafa, quasi unico, &egrave; probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Caf&agrave;, che &egrave; specifico di Gela, dovrebbe derivare dal nome
 +della citt&agrave; bizantina di Caf&agrave; sul mar Nero, probabile luogo
 +d'origine della famiglia, forse fuggita con l'arrivo dei turchi, ma non
 +si pu&ograve; escludere una derivazione da un soprannome originato dal
 +termine arabo <i><font color="#3333FF">akf&agrave;s</font></i> (<i><font color="#666666">dalle
 +gambe storte</font></i>), <i><font color="#3333FF">Al Akfas</font></i>
 +&egrave; anche un nome e cognome arabo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFAGNA
 +<br>CAFAGNI
 +<br>CAFAGNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafagna &egrave; tipicamente pugliese, del barese in particolare, di Barletta,
 +Bari ed Andria, Cafagni sembrerebbe unico ed &egrave; probabilmente dovuto
 +ad un errore di trascrizione, Cafagno &egrave; specifico di Bari, dovrebbero
 +tutti derivare dall'essere il capostipite un fattore o <i><font color="#3366FF">cafagiarius</font></i>
 +(<i><font color="#999999">sovrintendente di campagna</font></i>), o semplicemente
 +un abitante di un <i><font color="#3366FF">cafagium</font></i> (<i><font color="#999999">cascina</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni si trovano nel barese fin dal 1500.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cafagna &egrave; un cognome pugliese che potrebbe derivare dal sostantivo
 +regionale '<i><font color="#3333FF">cavagno</font></i>' = <i><font color="#666666">cesta,
 +canestro, paniere</font></i>, oppure dal dialetto siciliano '<i><font color="#666666">fiscella
 +per ricotta</font></i>'. Minervini, 111.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFARI
 +<br>CAFARO
 +<br>CAFFAREL
 +<br>CAFFARELLA
 +<br>CAFFARELLI
 +<br>CAFFARELLO
 +<br>CAFFARI
 +<br>CAFFARO
 +<br>CAFFARRI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafari &egrave; quasi unico, Cafaro &egrave; tipicamente meridionale, della
 +zona che comprende la Campania litoranea, la Basilicata e la Puglia, con
 +massima concentrazione nel salernitano e nel barese, Caffarella sembrerebbe
 +specifico di Trani nel barese, Caffarelli ha vari ceppi, nel ternano e
 +reatino, a Roma, ed in Sicilia nel messinese a San Piero Patti e Patti,
 +ed a Palermo, Caffarello, quasi unico, sembrerebbe siciliano, Caffari sembra
 +tipico del Lazio, Caffaro, molto raro, e Caffarel quasi unico sono specifici
 +del basso torinese, della zona di Pinerolo e dintorni in particolare, Caffarri
 +&egrave; specifico dell'area reggiana, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite forme ipocoristiche, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Cafarus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Caffarus</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +a cavallo tra XI&deg; e XII&deg; secolo con il&nbsp; marinaio, crociato,
 +console di Genova: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Caffarus
 +de Caschifellone</font><font color="#CC33CC"> Genuensis Rei publicae rector
 +et historiographus...</font>", dagli Annali genovesi anni 1099-1163: "<font color="#CC33CC">...Ianua
 +tuta quidem fuit illo consule pridem, Urbs ea que movit, quod sic ex ordine
 +novit; Nomen ei </font><font color="#FF0000">Cafarus</font><font color="#CC33CC">,
 +presens quem signat imago; Vivat in eternum cuius generosa propago</font>, le forme meridionali potrebbero anche derivare da soprannomi originati
 +dal vocabolo arabo <i><font color="#3333FF">kaafir</font></i> (<i><font color="#666666">infedele</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cafaro &egrave; un cognome meridionale che oltre all'ipotesi di '<i><font color="#3333FF">kafir</font></i>'
 += <i><font color="#666666">infedele</font></i>, potrebbe anche derivare
 +dall'aggettivo calabrese e siciliano '<i><font color="#3333FF">c&agrave;faru</font></i>'
 += <i><font color="#666666">tarlato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFASSI
 +<br>CAFASSO
 +<br>CAFAZZA
 +<br>CAFAZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni di Stefano Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cafassi, unico, si riscontra soltanto a Settala (MI), Cafasso, molto
 +pi&ugrave; diffuso, ha due ceppi principali, uno fra il napoletano, l'avellinese
 +e il salernitano e l'altro fra il torinese, il vercellese e l'astigiano,
 +Cafazza, quasi unico, &egrave; presente esclusivamente nel trapanese e
 +a Carrara (MS), Cafazzo, piuttosto raro, ha un nucleo maggiore fra l'avellinese
 +e il foggiano, tutti questi cognomi derivano dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Cafasso</font></i>,
 +l'italianizzazione, cio&egrave;, del personale greco <i><font color="#3366FF">Kaiaphas</font></i>:
 +si tratta, in realt&agrave;, di un nome d'origine aramaica, reso noto nel
 +Nuovo Testamento tramite la figura di <i><font color="#3366FF">Yhosef Bar
 +Kayafa</font></i>, uno dei giudici, cio&egrave;, che parteciparono al processo
 +di Ges&ugrave;. In epoca molto pi&ugrave; recente, personaggio di rilievo
 +fu il sacerdote piemontese Giuseppe Cafasso (nato a Castelnuovo d'Asti
 +nel 1811 e morto a Torino nel 1860), che, canonizzato nel 1947 e proclamato
 +patrono dei condannati a morte, &egrave; oggi ricordato come San Giuseppe
 +Cafasso. Per quanto riguarda i cognomi in questione, si tratta comunque
 +delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFFARATA
 +<br>CAFFARATI
 +<br>CAFFARATO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caffarata, assolutamente rarissimo, tipicamente ligure, sembrerebbe originario
 +dello spezzino, Caffarati, quasi unico, e Caffarato, che sembrerebbe unico,
 +dovrebbero essere dovuti ad errate trascrizioni del precedente, che dovrebbe
 +essere di origini provenzali e derivare da alterazioni dialettali del termine
 +occitano <i><font color="#3333FF">cafroth</font></i>, <i><font color="#3333FF">cafarot</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccolo anfratto o grotta</font></i>), forse
 +ad identificare caratteristiche del luogo di provenienza del capostipite,
 +una seconda ipotesi, meno probabile, propone un collegamento con l'antico
 +termine medioevale francese <i><font color="#3333FF">cafre</font></i> (<i><font color="#666666">lebbroso</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFFARENA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Caffarena &egrave; specifico di Genova, Recco e Bogliasco nel genovese,
 +dovrebbe derivare dal nome della localit&agrave; di Caffarena di Propata
 +(GE), vicino a Bavastri, circa a 35 chilometri a nordest di Genova, troviamo
 +traccia di questa cognominizzazione a Recco nel 1700 con il notaio Levantino
 +Caffarena, verso la fine dello stesso secolo Pietro Maria Caffarena esercita
 +invece a Levanto nello spezzino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFICI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafici &egrave; tipicamente siciliano, molto raro, ha un ceppo a Ramacca
 +nel catanese, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale basato sull'alterazione
 +del termine arabo <i><font color="#3333FF">akfas</font></i> (<i><font color="#666666">dalle
 +gambe arcuate</font></i>), probabilmente a sottolineare un particolare
 +dell'aspetto del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFIERI
 +<br>CAFIERO
 +<br>CAFORIO
 +<br>CAFUERI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafieri, assolutamente rarissimo, &egrave; quasi certamente dovuto ad errori
 +di trascrizione di Cafiero che ha un ceppo nel napoletano a Napoli, Castellammare
 +di Stabia, Meta e Piano di Sorrento ed uno salentino a Lecce e Brindisi,
 +Caforio &egrave; tipicamente pugliese, dell'area che comprende il barese,
 +il brindisino ed il tarentino, Cafueri sembra specifico del brindisino,
 +di Francavilla Fontana in particolare, dovrebbero tutti derivare dal nome
 +medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Gauferius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto del 1132: "<font color="#CC66CC">In
 +nomine Dei eterni et Salvatoris nostri Jesu Christi. Anno incarnations
 +eiusdem millesimo centesimo tricesimo secondo, mense iunio, indictione
 +decima. Nos Alexander Cupersanensis comes et Tancredus Cupersani et </font><font color="#FF0000">Gauferius
 +Catenzanii</font><font color="#CC66CC"> comes et Robertus Gravini iuramus
 +ex precepto et voluntate domini nostri Rogerii Sicilie et Italie regis
 +magnifici per hec sancta evangelia...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cafiero, Cafieri: Cognome presente anche in Veneto: secondo Olivieri
 +133 viene dai personali <i><font color="#3333FF">Cayfer</font></i>, <i><font color="#3333FF">Gafier</font></i>
 +dell'epopea francese. Per Minervini 111 pu&ograve; invece riflettere il
 +microtoponimo Cafi&egrave;ri (CZ) derivato dall'arabo '<i><font color="#3333FF">k&#257;fir</font></i>'
 += <i><font color="#666666">incredulo, infedele</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>CAFRA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cafra, molto raro, &egrave; specifico del siracusano, di Sortino e Melilli
 +in particolare, dovrebbe derivare dal toponimo spagnolo Cafra, un paese
 +dell'Estremadura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGECI
 +<br>CAGEGI
 +<br>CAGEGGI
 +<br>CAGGECI
 +<br>CAGGEGGI
 +<br>CAGGEGI
 +<br>GAGGEGGI
 +<br>GAGGEGI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti questi cognomi sono assolutamente rarissimi, sicuramente siciliani,
 +dovrebbero derivare da soprannomi originato dal vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">haggag
 +</font></i>(pellegrino, di chi va in giro per il mondo), ma è pure
 +possibile un collegamento con il termine dialettale <i><font color="#3366FF">gagghiu</font></i>
 +(<i><font color="#999999">dal colore marezzato, pezzato</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGGIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome di origine meridionale,
 +dell'area campana, lucana e pugliese, deriva dal toponimo omonimo in provincia
 +di Salerno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Presente a macchia di leopardo
 +sul territorio nazionale, dovrebbe essere originario della Basilicata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGLIERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del Piemonte occidentale, di Torino in particolare, potrebbe derivare
 +dall'aferesi modificata del nome di località Moncalieri (TO), secondo
 +un'altra ipotesi potrebbe derivare dal nome della famiglia romana <i><font color="#3333FF">De Caleris</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Il cognome Cagliero potrebbe derivare da un nome di mestiere originato
 +dalla voce dialettale piemontese "<i><font color="#3333FF">cajié</font></i>",
 +<i><font color="#666666">calzolaio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGNAZZI
 +<br>CAGNAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi questi cognomi sarebbero
 +di origine pugliese, probabilmente della provincia di Brindisi, una possibile
 +origine è dal toponimo Cagnano Varano (FG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGNES
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cagnes è specifico di Gela nel nisseno, potrebbe essere di origini
 +normanne e derivare dal nome di persona <i><font color="#3333FF">Cagne</font></i>,
 +come potrebbe pure, e più probabilmente, identificare un capostipite
 +normanno originario del paese di Cahagnes in Normandia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGNI
 +<br>CAGNOLA
 +<br>CAGNOLI
 +<br>CAGNOLO
 +<br>CAGNONI
 +<br>CAGNOTTI
 +<br>CAGNOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cagni è lombardo della zona tra Brescia Lodi e Cremona, Cagnola
 +è specificatamente milanese, Cagnoli del centro nord, Cagnolo dell'area
 +ligure piemontese e del centro nord, con massima diffusione in provincia
 +di Milano ed in Lombardia Cagnoni, Cagnotti, molto raro, è del cuneese,
 +Cagnotto ha un ceppo a Fossano nel cuneese ed a Torino ed un piccolissimo
 +ceppo veneto nel padovano. La derivazione può essere, direttamente
 +o attraverso varie forme ipocoristiche, dal toponimo Cagno nel comasco,
 +da Cagnola nel padovano o da altre località simili, oppure dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Cane</font></i>, ricordiamo il famoso
 +Cane Grande della Scala, o da <i><font color="#3333FF">Canio,</font></i>
 +o da soprannomi legati al rapporto con la famiglia Della Scala.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGNINA
 +<br>LA CAGNINA
 +<br>LACAGNINA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cagnina ha un ceppo a San Cataldo, Santa Caterina Villarmosa e Caltanissetta
 +nel nisseno ed a Partinico e Palermo nel palermitano, La Cagnina è
 +tipicamente siciliano, di Palermo, Scicli nel ragusano e nel nisseno di
 +Riesi, San Cataldo e Caltanissetta, Lacagnina, sempre siciliano, è
 +specifico di Caltanissetta, potrebbe derivare dal nome medioevale francese
 +<i><font color="#3333FF">Cagnin</font></i>, ma non si può escludere
 +una derivazione da un'alterazione dialettale di una forma ipocoristica
 +del nome femminile latino <i><font color="#3333FF">Cania</font></i>., un'ultima
 +ipotesi li farebbe derivare da alterazioni dialettali del termine catalano
 +<i><font color="#3333FF">canya</font></i> (<i><font color="#666666">cagna</font></i>),
 +ma la cosa appare come molto poco probabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGOL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente trentino, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +vocabolo dialettale cagola (pallottolina di sterco) e starebbe ad indicare
 +chi controlla appunto queste pallottole di sterco, cioè un cacciatore.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (Sondrio)</font></font>
 +<br>&nbsp;il cognome deriva dalla parola del dialetto locale, col significato
 +di sterco di animali. Come soprannome si riferisce a quelle persone incaricate
 +di osservare lo sterco degli animali selvatici per studiarne le tracce.
 +Il cognome oltre che in Trentino è presente molto&nbsp; sporadicamente
 +anche nel Veneto e in Lombardia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAGOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cagozzi, molto raro, è tipicamente emiliano, di Sorbolo e Parma
 +nel parmense e di Poviglio nel reggiano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale emiliano <i><font color="#3333FF">cagòzz</font></i>
 +(<i><font color="#666666">dissenteria, diarrea</font></i>, ma anche<i><font color="#666666">
 +fifa, paura</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAI
 +<br>CAIA
 +<br>CAIO
 +<br>GAI
 +<br>GAIA
 +<br>GAIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cai è tipicamente toscano dell'area che comprende le province di
 +Pisa e Firenze, Caia ha un piccolo ceppo calabrese a Bagnara Calabra ed
 +a Oppido Mamertina ed il ceppo principale a Siracusa ed Avola, Caio, oltre
 +al ceppo lombardo, soprattutto nel bergamasco, ha un ceppo anche nel barese,
 +Gai è tipicamente del Piemonte e Liguria occidentali, con un ceppo
 +anche nel Pistoiese ed a Roma, Gaia è tipico dell'area lombardo,
 +ligure, piemontese, con un ceppo anche nel riminese e pesarese, Gaio, ha
 +un nucleo veneto, soprattutto a Lamon nel bellunese ed a Feltre, a montebelluna
 +nel trevisano, a Venezia ed a Bassano del Grappa nel vicentino, con un
 +piccolo ceppo anche nel napoletano, dovrebbero derivare
 +dal praenomen latino <i><font color="#3366FF">Caius</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Gaius </font></i>di cui abbiamo il più
 +illustre esempio in Caio (o Gaio) Giulio Cesare, in alcuni casi potrebbero
 +derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Gaia</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Gavia</font></i>, o dal relativo nomen
 +<i><font color="#3366FF">Gaius</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#3366FF">Gaia</font></i>.&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo fin dall'anno 1077 a Cremona
 +in una Cartula offersionis dove tra i testimoni troviamo: "<font color="#CC33CC">...Signa
 +++++ manuum Dothoni et Petri germanis, filii quondam Sansommi, ...., etiam
 +Alberici de Verdello, Alberici Rimizani, </font><font color="#FF0000">Bernardi
 +de Gaio</font><font color="#CC33CC">, testium...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIAFA
 +<br>CAIAFFA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiafa è tipico del napoletano e del salernitano, Caiaffa è
 +pugliese, con un ceppo nel leccese a Lequile, Vegle e Lecce, ed uno nel
 +foggiano a Cerignola e Foggia, dovrebbero derivare dal nome giudaico <i><font color="#3333FF">Caiafa</font></i>,
 +ricordiamo che uno dei giudici di Gesù, <i><font color="#3333FF">Caiafa</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Caifa</font></i>), era il sommo sacerdote nominato
 +dal governo romano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIANI
 +<br>CAIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiani ha un ceppo nel milanese, uno nel fiorentino ed aretino ed uno nel
 +latinense, Caiano ha un ceppo nell'astigiano, uno nel pescarese ed uno
 +nel napoletano, dovrebbero derivare da nomi di località come Caiano
 +(AR) (TE), Piani di Caiano (RM), Poggio a Caiano (PO), o da altri possedimenti
 +di un Caius il cui nome latino sarebbe stato Fundus Caianus, ma è
 +pure possibile che derivino dal nome latino <i><font color="#3366FF">Caianus</font></i>,
 +spesso attribuito a liberti di un Caius, di cui abbiamo un esempio nel
 +Chronicon Cabionis: "<font color="#CC33CC">...Sed hoc petentem ante tribunal
 +Italici milites trucidarunt. Hic exitus perfidiae fuit Ruffini. Post Ruffini
 +mortem et alius dux Gotticus et Arianus nomine </font><font color="#FF0000">Caianus</font><font color="#CC33CC">,
 +seditionem adversus Arcadium movit, in qua manifestis miraculis Deus ostendit
 +se urbem Constantinopolin et Arcadium protexisse. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIATI
 +<br>CAIATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiati è abbastanza raro
 +ed è specifico della zona tra Bari e Bitonto, Caiato, assolutamente
 +rarissimo sembrerebbe originario di Trani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIAZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome decisamente campano del
 +casertano, deriva dal toponimo Caiazzo (CE).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caiazzo oltre che cognome campano dal toponimo Caiazzo (CE), è
 +anche cognome lucano, calabrese, siciliano e salentino; per G. Rohlfs viene
 +probabilmente dal termine calabrese <i><font color="#3333FF">cajazzu</font></i>
 +'<i><font color="#666666">uomo spregevole</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIBUGATTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caibugatti, quasi unico, sembrerebbe dell'aretino, dovrebbe derivare dal
 +nome della località Caibugatti, una frazione di Badia Tedalda nell'aretino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAICO
 +<br>CAICCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caico, assolutamente rarissimo, parrebbe dell'agrigentino, Caicco, ancora
 +più raro, potrebbe essere calabrese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Caico piuttosto raro, ha un ceppo maggiore nell'agrigentino, Caicco,
 +rarissimo, pare essere originario del cosentino, entrambi questi cognomi
 +derivano dall'antico italiano <i><font color="#3366FF">caicco</font></i>,
 +che indica una piccola imbarcazione a remi, utilizzata soprattutto per
 +la pesca: l'origine di questo vocabolo va ricercata nel greco <i><font color="#3366FF">kaiki</font></i>
 +(derivato a sua volta dal turco <i><font color="#3366FF">qayk</font></i>),
 +con uguale significato. Solo per curiosità, va detto che, in Grecia,
 +il kaiki è oggigiorno utilizzato anche a scopo turistico da parte
 +dei pescatori greci, che offrono appunto ai turisti delle brevi escursioni
 +in barca per ammirare il paesaggio circostante (cosa che avviene per lo
 +più nelle isole di Corfu e Mykonos). Per quanto riguarda i cognomi
 +Caico e Caicco, comunque, si tratta delle cognominizzazioni di nomi di
 +mestiere attribuiti ai capostipiti, che erano dunque o dei pescatori o
 +dei fabbricanti di caicchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIELLA
 +<br>CAIELLI
 +<br>CAIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiella ha un piccolo ceppo a Roma ed uno a Matera, Caielli ha un ceppo
 +a Cerano ed Arona nel novarese, a Borghetto di Borbera nell'alessandrino,
 +e nel varesotto a Sesto Calende, Vergiate e Jerago con Orago, Caiello è
 +tipico di Orvieto nel ternano, di Terni e di Todi nel perugino, dovrebbero
 +derivare da forme ipocoristiche del praenomen latino <i><font color="#3333FF">Caius</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Caia</font></i>, probabilmente portato dai capostipiti,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Borgomanero nel novarese
 +fin dal 1400, dal 1457 al 1459 è Podestà di Borgomanero un
 +tale Antonius Caiellus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIFANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe originario della zona di Viggiano
 +(PZ) e Grumento Nova (PZ), dovrebbe derivare dal nome giudaico Caifa. (<font color="#CC66CC">vedi
 +Caiafa</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIFFA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro sembra tipico di Gallipoli, dovrebbe essere di origine
 +araba potrebbe derivare dal termine Kalifa (uomo potente, equivalente di
 +un nostro feudatario) ma più probabilmente deriva dal toponimo palestinese
 +Caiffa (l'odierna Haifa in Israele) rocca cristiana all'epoca dei Crociati
 +rasa al suolo nel 1191 da Saladino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIFFI
 +<br>CAIFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiffi, quasi unico, è dello spezzino, Caiffo è presente
 +in forma solitaria solo in Campania nel napoletano, dovrebbe derivare da
 +un soprannome originato dal termine arabo <i><font color="#3333FF">khalifa</font></i>
 +(in italiano il <i><font color="#666666">califfo</font></i>), che identifica
 +il capo supremo del paese, una specie di sindaco, ma utilizzato in Liguria
 +ad indicare anche un capobarca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIMI
 +<br>CAIMMI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caimi è un cognome lombardo, originario delle provincie di Varese,
 +Como e Milano, Caimmi è tipico marchigiano, della zona di Falconara
 +Marittima (AN), i Caimi furono signori feudali di Turate (CO), nel repertorio
 +delle famiglie nobili di Milano e contado del 1277 compaiono come una delle
 +200 famiglie più importanti, per la derivazione etimologica vedere <font color="#CC66CC">CAEM</font>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caimi è diffusissimo in Lombardia, ma presente anche in Piemonte,
 +Liguria e Sicilia, sporadicamente in altre zone d'Italia. Secondo alcuni
 +(Francipane) deriva dal personale germanico <i><font color="#3333FF">Aimo</font></i>
 +da '<i><font color="#3333FF">haimi</font></i>' = <i><font color="#666666">patria,
 +casa</font></i>. Per altri (Lurati) da <i><font color="#3333FF">
 ++ Aimo</font></i>. Per altri ancora (Pellegrini) deriva invece dall'arabo
 +'<i><font color="#3333FF">qaim</font></i>' = <i><font color="#666666">colui
 +che esegue il volere di Dio</font></i>, ipotesi abbastanza verosimile almeno
 +per la Sicilia, o da '<i><font color="#3333FF">Caino</font></i>' dall'ebraico
 +<i><font color="#3333FF">Qájin</font></i> (Olivieri). Da notare
 +che mentre nel Nord l'accento cade sulla a (Càimi), altrove (es.
 +Rimini) cade invece sulla i (Caìmi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caina sembrerebbe unico, di probabile origine meridionale, dovrebbe derivare
 +dal termine arabo <i><font color="#3366FF">kahina</font></i> (<i><font color="#999999">maga,
 +indovina</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIOLA
 +<br>CAIOLI
 +<br>CAIOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiola sembra avere due ceppi,
 +uno siciliano ed uno mantovano, Caioli appare essere fiorentino, mentre
 +Caiolo rarissimo è probabilmente siciliano, l'origine di questi
 +cognomi è incerta, i ceppi siciliani potrebbero derivare da soprannomi
 +legati al vocabolo dialettale caiola (gabbia), il ceppo lombardo potrebbe
 +derivare dal toponimo Caiolo (SO), per tutti questi cognomi rimane la possibilità
 +di una derivazione da un diminutivo del nome gentilizio latino Caius (Caiolus).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIONE
 +<br>CAIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caione ha un ceppo abruzzese a l'Aquila e San Demetrio ne` Vestini, uno
 +a Roma, uno nel foggiano, uno nel leccese e nel materano, Caioni ha un
 +ceppo a Prato ed uno nel Piceno a San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno,
 +Monsampolo del Tronto e Monteprandone, ed un ceppo a Roma, potrebbe derivare
 +da una forma accrescitiva del nome latino <i><font color="#3366FF">Caius</font></i>,
 +del cui uso abbiamo un esempio in uno scritto del 1639: "<font color="#CC33CC">...Et
 +enim Locamerus parum tribuebat librorum multitudini, neque plus locorum,
 +quos appellitant, communium coacervationi; sed unico </font><font color="#FF0000">Caione
 +Iustiniano</font><font color="#CC33CC">, cui sane annotationibus quottidianis
 +magnam in margine lucem intulit, vel si interprete opus...</font>", ma
 +è pure possibile una derivazione da antichi nomi di località
 +come quello citato in una <i><font color="#3366FF">Cartula offertionis
 +pro anima</font></i> dell'anno 1050: "<font color="#CC33CC">...ego Burno,
 +filius quondam Benedicti, de vico Burno, </font><font color="#FF0000">loci
 +Caioni</font><font color="#CC33CC">, qui profeso sum ex natjone mea lege
 +vivere Romana, offertor et donator ipsius monesterii, presens presentibus
 +dixit...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIOZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro tipico del palermitano
 +sembrerebbe di origine normanna, potrebbe derivare dal nome brettone Kaios,
 +ma potrebbe anche derivare da una modificazione del toponimo Caiazzo (CE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIRA
 +<br>CAIRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caira ha un nucleo ad Atina (FR) ed uno nel cosentino a Rende in particolare,
 +Cairo ha un ceppo tra sudmilanese e pavese, che dovrebbe derivare dal toponimo
 +Pieve del Cairo (PV), un ceppo salentino ed uno nel cosentino, secondo
 +alcuni i ceppi meridionali potrebbero derivare dal nome normanno <i><font color="#3366FF">Cahir</font></i>,
 +secondo altri deriverebbero da soprannomi originati dal termine arabo<i><font color="#3366FF">
 +hair</font></i> (<i><font color="#999999">gentile, buono</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIRATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cairati è tipico del milanese, di Milano, Settimo Milanese, Abbiategrasso,
 +Rebecco sul Naviglio e Cusago, dovrebbe derivare dal toponimo di Cairate nel
 +varesotto, probabile luogo d'origine dei capostipiti, toponimo che a sua
 +volta dovrebbe derivare dal termine preinsubrico <i><font color="#3333FF">cairu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pietra</font></i>), forse ad indicare il paese
 +come un luogo da cui si estraevano le pietre da costruzione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cais è tipico del trevisano, di Conegliano, San Pietro di Feletto
 +e Santa Lucia di Piave, di origine oscura potrebbe trattarsi di una forma
 +dialettale derivata dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Caius</font></i>,
 +secondo alcuni deriverebbe invece dal termine <i><font color="#3366FF">callis</font></i>
 +(le piccole strade strette fra le case) e indicherebbe un'origine cittadina
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAITO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caito, specifico del trapanese, di Trapani, Erice e Marsala, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine arabo <i><font color="#3333FF">qāid</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">governatore</font></i>, chi comanda un territorio).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIUMI
 +<br>CAJUMI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caiumi è tipico di Modena e Carpi nel modenese e di Reggio Emilia, Cajumi è quasi unico, 
 +dovrebbero derivare da un'alterazione del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Caim</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Caino</font></i>), il nome <i><font color="#3333FF">Caium</font></i>
 +esiste presso gli arabi del nordafrica come forma arcaica di <i><font color="#3333FF">Caim</font></i>,
 +assolutamente improbabile l'ipotesi che possa derivare dalla forma accusativa
 +Caium del praenomen latino Caius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIVANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caivano è tipico della Campania, soprattutto di Salerno, e della
 +Basilicata, dove è massimamente concentrato nel potentino, a Picerno
 +in particolare, sembrerebbe derivare dal nome del paese di Caivano nel
 +napoletano, ma, molto più probabilmente, prende il nome dal paese
 +di Calvanico nel salernitano, anticamente chiamato Cluvianum.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caivano è cognome campano dal toponimo omonimo in provincia
 +di Napoli. Alla base c'è un nome di origine gentilizia: <i><font color="#3366FF">Calvius</font></i>,
 +e il paese era un '<i><font color="#3333FF">praedium Calvianum</font></i>'
 +che subì nel linguaggio popolare la vocalizzazione della 'l': Calvianum
 +&gt; Caivanum.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAIZZA
 +<br>CAIZZI
 +<br>CAIZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caizza è specifico di Campobello di Licata nell'agrigentino, Caizzi
 +ha un piccolo ceppo a Napoli, uno a Vieste e Foggia nel foggiano ed a Bari
 +ed uno a Palma di Montechiaro nell'agrigentino, Caizzo, quasi unico, è
 +dell'area lucano, pugliese, molisana, tutti questi cognomi dovrebbero essere
 +di origini albanesi e derivare dal nome della città di Kajca o Caizza
 +nella regione di Girocastro in Albania.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cal ha un ceppo veneto, nel trevisano, a Moreno di Piave, Oderzo e Vazzola,
 +qualche presenza a Iesolo nel veneziano e nel pordenonese a Porcia e Chions,
 +con presenze secondarie anche a Cisterna di Latina nel latinense ed a Fiumicino
 +nel romano, dovrebbe essere di origini ungheresi o slave.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALÀ
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico siciliano, del nisseno in particolare, potrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal vocabolo greco <i><font color="#3366FF">kalon</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bello, buono</font></i>).
 +Tracce illustri di questa cognominizzazione le troviamo nel 1200 a Martirano
 +(CZ) con Giovanni ed Enrico Calà al seguito dell'imperatore Enrico
 +VI°, nel Cilento nel 1600 quando il casato dei Calà diviene
 +feudatario del territorio di Sassano (SA) e di Canna (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto diffuso in tutto il centrosud, deriva dall'etnico di Calabria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calabretta ha un ceppo nel catanese ed uno nel catanzarese e crotonese,
 +dovrebbe indicare un'origine calabrese della famiglia attraverso una forma
 +neogreca Kalabrita per abitante della Calabria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRETTI
 +<br>CALABRETTO
 +<br>CALABRITTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calabretti è del brindisino, Calabretto è del barese, Calabritta,
 +che sembrerebbe unico, è del barese, dovrebbero derivare dall'antico
 +nome del Salento chiamato in epoca romana Calabria o Messapia, tutti questi
 +cognomi starebbero ad indicare un'origine salentina del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calabria è presente a macchia di leopardo un pò in tutt'Italia,
 +dovrebbe semplicemente indicare la regione di provenienza della famiglia,
 +cioè la Calabria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRITTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calabritto è specifico di Santa Maria Capua Vetere nel casertano,
 +potrebbe derivare da un soprannome originato dal modo di dire greco <i><font color="#3366FF">kala
 +britton</font></i> (<i><font color="#999999">bella pietra</font></i>) che
 +definiva forse un tempo una località della zona.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Vincenzo
 +Scognamiglio</font></font>
 +<br>dovrebbe derivare dal toponimo Calabritto nell'avellinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALABRO
 +<br>CALABRO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calabro, abbastanza raro, è tipico del Salento, Calabrò ha
 +un nucleo in Sicilia, nel reggino e nel cosentino, con ceppi anche nel
 +napoletano, a Roma e nel cagliaritano, derivano dalla forma greca per calabrese
 +<i><font color="#3366FF">kalabròs</font></i> (<i><font color="#999999">abitante
 +della Calabria</font></i>), ricordiamo che il Salento in epoca romana veniva
 +chiamato Calabria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALACIURA
 +<br>CALICIURI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliciura è tipicamente siciliano, ha un ceppo nel catanese, uno
 +a Butera nel nisseno ed uno a Palermo, ma è ben distribuito in tutta
 +l'isola, Caliciuri, molto più raro è calabrese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Calaciura è tipico del catanese e del nisseno, Caliciuri, molto
 +raro, pare originario del reggino, questi cognomi derivano entrambi dal
 +nome greco <i><font color="#3366FF">Kalokioure</font></i>s o <i><font color="#3366FF">Kalokyres</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#999999">buon signore</font></i>, <i><font color="#999999">buon
 +uomo</font></i> (dal greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i> = buono,
 +bello e <i><font color="#3366FF">kyrios</font></i> = signore).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calaciura secondo G. Rohlfs 57 deriva dal termine greco '<i><font color="#3333FF">kalokýris</font></i>'
 +che significa semplicemente '<i><font color="#666666">prete</font></i>'. Cfr.
 +anche Caracausi 130.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAFA
 +<br>CALAFA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calafa è assolutamente rarissimo, Calafà sempre estremamente
 +raro sembrerebbe di Verona, potrebbe essere di origini veneziane e derivare
 +dal mestiere di calafatore (dal bizantino <i><font color="#3366FF">kalaphatêin</font></i>)
 +cioè di chi calafata cioè rende impermeabili le giunture
 +delle imbarcazioni.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAFATA
 +<br>CALAFATI
 +<br>CALAFATO
 +<br>CALAFATTI
 +<br>CALAFATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calafata, praticamente unico, è del palermitano, Calafati sembrerebbe
 +di origini calabresi, di Cessaniti nel vibonese in particolare, Calafato
 +ha un ceppo a Napoli ed in Sicilia a Mazara del Vallo nel trapanese, a
 +Palma di Montichiaro, Ravanusa e Licata nell'agrigentino ed a Riesi nel
 +nisseno, Calafatti, quasi unico, e Calafatto che sembra proprio essere
 +unico, sono probabilmente dovuti ad un'errata trascrizione dei precedenti,
 +dovrebbero derivare da un soprannome grecanico originato dall'unione dei
 +termini <font color="#3333FF">καλώς <i>kalos</i></font> (<i><font color="#666666">buona</font></i>)
 +e <font color="#3333FF">φάτις&nbsp; <i>fatis</i></font> (<i><font color="#666666">fama</font></i>),
 +indicando probabilmente che il capostipite fosse stato un personaggio di
 +buona fama, probabilmente onorato presso la sua comunità, non si
 +può escludere che in qualche caso possano derivare dal mestiere
 +di <i><font color="#3333FF">calafatore</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CALAFA</font>).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAFIORE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo siciliano a Palermo e nel palermitano ed a Siracusa e nel
 +siracusano, con una presenza significativa anche a Messina ed a Napoli,
 +dovrebbe derivare da un nome originato dalla fusione del termine greco
 +<i><font color="#3366FF">kalos</font></i> (bello) e fiore e starebbe per
 +Belfiore.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome tipico della Sicilia e della punta meridionale della Calabria,
 +con ceppi maggiori nel siracusano, nel palermitano e nel reggino, ma con
 +un ceppo non secondario anche nel napoletano, deriva da un adattamento
 +piuttosto radicale del nome greco <i><font color="#3366FF">Kalokioures</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Kalokyres</font></i>, col significato di buon
 +signore, buon uomo (dal greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i>=buono,
 +bello e <i><font color="#3366FF">kyrios</font></i>=signore)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="cal"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente toscano, specifico della zona che comprende il fiorentino ed
 +il pistoiese, potrebbe derivare dal toponimo fenicio Kalama in Numidia,
 +anche se lo ritengo poco probabile, ed avrebbe pertanto la stessa etimologia
 +del toponimo Calamecca (PT), più probabilmente deriva dal termine
 +latino calamarius e può essere legata alla funzione di scrivano
 +(calamarius era, in latino, la custodia degli arnesi per scrivere).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMANDREI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calamandrei ha un ceppo a Firenze e nel fiorentino ed uno a Fano nel pesarese,
 +potrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Calamandro</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio: "<font color="#CC33CC">...Che il Principe di
 +Francia uccise il gigante </font><font color="#FF0000">Calamandro</font><font color="#CC33CC">
 +in tempo, che il compagno haueua ucciso l'altro caualliere, la gran cura,
 +che fi prese la donzella Mora per la salute del suo creduto amante, &amp;
 +come dopo l'esser guarito, si misero tutti a mirare il marauiglioso fonte.
 +..:</font>", o anche, molto più probabilmente, da un soprannome
 +originato dal termine <i><font color="#3366FF">kalamandrea</font></i>,
 +pianta erbacea curativa succedanea dello zucchero in epoca medioevale,
 +come leggiamo in questo scritto del 1310: "<font color="#CC33CC">...Ancora
 +prendete tuzia polverezata sottil mente e stenperata con sugho di </font><font color="#FF0000">kalamandrea</font><font color="#CC33CC">...</font>",
 +potrebbe, anche se altamente improbabile, derivare dal vocabolo <i><font color="#3366FF">calamandro</font></i>,
 +una sorta di legno esotico (indiano) molto duro, una traccia molto antica
 +di questa cognominizzazione in Toscana la troviamo alla fine dell'anno
 +1294: "<font color="#CC33CC">...In questo mentre stimandosi papa Bonifìido
 +esser venuto il tempo opportuno, che i Siciliani ricevessero il re Carlo,
 +mandò in Sicilia </font><font color="#FF0000">Bonifacio Calamandro</font><font color="#CC33CC">,
 +uomo astutissimo e molto pratico nelle legazioni e faccende di importanza,
 +a persuadere i Siciliani a pigliar per lor signore il re Carlo...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMANI
 +<br>CALAMANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calamani, molto molto raro, parrebbe dell'Italia centrosettentrionale,
 +Calamano, quasi unico, parrebbe ligure, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +bizantino <i><font color="#3366FF">Calamanus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio nella <i><font color="#3366FF">Historia rerum gestarum in partibus
 +transmarinis</font></i> sulle Crociate: "<font color="#CC33CC">...Displicuerat
 +sane ab initio sibi, quod hostes ab obsidione discedentes, fuerant insecuti;
 +et dissuadere adorsus fuerat, sed praevaluit inutilior aliorum sententia.
 +Dominus autem Boamundus princeps Antiochenus, dominus quoque Raimundus
 +comes Tripolitanus, </font><font color="#FF0000">Calamanus</font><font color="#CC33CC">
 +etiam Ciliciae procurator, Hugo quoque de Liniziaco, de quo superius fecimus
 +mentionem; Joscelinus etiam tertius, comitis Edessani secundi Joscelini
 +filius, et multi alii nobiles, ut vitae cum probro et ignominia consulerent,
 +hostibus se tradentes, vinculis tanquam vilia mancipia, miserabiliter alligantur;
 +et Halapiam traducti, spectaculum facti sunt populis infidelibus et carceribus
 +mancipati. ...</font>", nome a sua volta derivato dal nome ebraico <i><font color="#3366FF">Kaliman</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi CALIMAN</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMARI
 +<br>CALAMARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calamari ha un ceppo nel piacentino, uno in provincia di Lucca ed uno tra
 +la provincia di Roma ed il frusinate, di Calamaro si individuano tre ceppi
 +distinti, uno in provincia di Genova, Napoli e Siracusa, l'origine di questi
 +cognomi può essere legata alla funzione di scrivano (calamarius
 +era, in latino, la custodia degli arnesi per scrivere), come a quella di
 +pescatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, potrebbe essere toscano, potrebbe derivare da
 +un soprannome originato dal mestiere di scrivano, cioè di un utilizzatore
 +di calami (penne).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del trapanese, dovrebbe derivare da un toponimo greco Kalami, questo
 +nome è abbastanza diffuso nella zona d'influenza degli antichi greci,
 +ricordiamo a titolo di esempio una cittadina a 3 chilometri da Samo ed
 +una sull'isola di Corfù che portano entrambe questo nome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calamia è cognome siciliano, calabrese e napoletano: dal greco
 +'<i><font color="#3333FF">ta kalàmia</font></i>' = <i><font color="#666666">le
 +canne</font></i>. Rohlfs 57.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMIDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, è tipico di Cagliari, potrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">calamidade</font></i>
 +(calamità).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMINICI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calaminici, molto raro, è tipicamente calabrese, di Catanzaro e
 +Petilia Policastro nel crotonese, dovrebbe derivare dal nome della località
 +di origine della famiglia, località caratterizzata dalla presenza
 +di un canneto, che in grecanico si diceva <i><font color="#3366FF">kalamionas</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del brindisino, è in particolare specifico di Ostuni (BR),
 +potrebbe derivare da un soprannome originato dal calamo, radice con un
 +forte odore aromatico di cannella, o dal toponimo greco Kalamos (città
 +a 45 km da Atene).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMONACI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calamonaci, quasi unico, è siciliano e dovrebbe derivare dal nome
 +del paese di Calamonaci nell'agrigentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAMOSCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calamosca, molto raro, è sicuramente emiliano, di Imola e Bologna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALANCA
 +<br>CALANCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calanca ha un piccolo ceppo tra varesotto e milanese, che deriva probabilmente
 +dal nome della Val Calanca. attualmente in Svizzera, il ceppo più
 +importante a Mirandola, Modena, San Felice sul Panaro, Medolla e Soliera
 +nel modenese ed a Bologna ed un ceppo a Graffignano e Civitella d'Agliano
 +nel viterbese ed a Roma, Calanchi è specifico di Bologna e di Spilamberto
 +nel modenese, dovrebbero derivare dal fatto che i capostipiti provenissero
 +da zone di <i><font color="#3366FF">calanchi</font></i> (<i><font color="#999999">dirupi</font></i>,
 +<i><font color="#999999">solchi di erosione prodotti in terreni argillosi
 +o marnosi tipici ad esempio delle pendici dell'appennino emiliano</font></i>),
 +o da nomi di località come la Collina, della Calanca tra pistoiese
 +e modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALANDRA
 +<br>CALANDRI
 +<br>CALANDRIA
 +<br>CALANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calandra è diffusissimo in tutta la Sicilia e nel napoletano, Calandri
 +ha un ceppo piemontese, nel torinese e soprattutto nel cuneese, ed in Liguria
 +nell'imperiese, savonese e genovese, un ceppo umbro, soprattutto nel perugino
 +ed uno romano, Calandria, quasi unico, è del savonese, Calandro
 +ha un ceppo romano, uno campano nel napoletano e soprattutto nel beneventano
 +ed uno nel trapanese, potrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Calandro</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Calandra</font></i>, che si rifacesse al <i><font color="#3333FF">calandrius</font></i>,
 +un uccello mitico medioevale, citato nel Deuteronomio, che avrebbe avuto
 +la capacità di assorbire i fluidi malefici fonti delle malattie,
 +portando la salute all'uomo che lo avesse avvicinato al suo volto: "<font color="#CC33CC">..Dicitur
 +in Naturalibus, quod </font><font color="#FF0000">calandrius</font><font color="#CC33CC">,
 +avis tota alba, cuius interiora oculorum curant caliginem, in infirmum
 +fixe aspicit si vivere debet, quod sanitatis ipsius est indicium: et tunc
 +ipsa avis accedit ad faciem infirmi, et eius infirmitatem haurit et in
 +se recipit, et postea volat in aera et ibi in ferventi radio solis totam
 +consumit. Sic Christus, noster amicus, totus albus, quia ab omni labe peccati
 +mundus, ex cuius lateris apertura sanguis defluens nostrae animae, quae
 +prius clare videre non poterat, curavit caliginem. ..</font>", il nome
 +attribuirebbe così al proprio figlio delle proprietà taumaturgiche,
 +cosa probabilmente vera almeno a livello psicologico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALANDRELLA
 +<br>CALANDRELLI
 +<br>CALANDRELLO
 +<br>CALANDRIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calandrella ha un ceppo tra Lazio ed aquilano ed uno a Morcone (BN) e a
 +Santa Croce Di Magliano (CB), Calandrelli ha un ceppo a Marta (VT), uno
 +a Roma ed uno a Benevento, Calandriello ha un ceppo nella zona di Sassano
 +(SA) e Sala Consilina, ed uno nella zona di Tramutola (PZ) e Paterno, Calandrello,
 +quasi unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione, potrebbero derivare dal termine arcaico <i><font color="#3366FF">calandrella</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tipo di allodola</font></i>), o <i><font color="#3366FF">calandrello</font></i>
 +(<i><font color="#999999">piviere</font></i>), tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo in in Campania nel 1700 con un tal
 +Giuseppe Antonio Calandriello attore in un giudizio.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da P. Calandrelli</font></font>
 +<br>personaggi di rilievo sono stati il garibaldino Generale Alessandro
 +Calandrelli (Roma, 1805 - Albano, 1888) che fu uno dei triumviri della
 +Repubblica Romana dal 1 luglio 1849 al 4 dello stesso mese 1849.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Sono principalmente quattro i ceppi Calandrelli in Italia: a Benevento,
 +a Roma, nel viterbese ed a Napoli. Sembrerebbe derivare dal termine <i><font color="#3366FF">calandra</font></i>,
 +che può designare un uccello simile all'allodola, un tipo di coleottero
 +con corpo lungo e stretto, oppure una macchina (dal greco <i><font color="#3366FF">kylindros</font></i>,
 +cilindro) costituita da pesanti cilindri e usata per levigare tessuti o
 +carta.&nbsp; In tipografia la calandra è invece la pressa che comprime
 +il flano contro la composizione per ottenere l'impronta.&nbsp; Il cognome
 +Calandrelli, presente anche nella variante Calandrella a Roma e nel beneventano,
 +potrebbe in tal senso derivare da un soprannome attribuito al capostipite
 +in base alla sua attività lavorativa (lavoratore di tessuti o tipografo)
 +o in base ad una sua particolare caratteristica fisica o caratteriale (calandrella
 +perche piccolo come l'omonimo uccello, o perchè ottimo imitatore
 +del suo verso), ipotesi quest'ultima più plausibile per l'invenzione
 +avvenuta in tempi moderni della calandra.&nbsp; Tra i vari Calandrelli
 +si individuano illustri personaggi di rilievo della storia del nostro Paese,
 +quali il Professore Ignazio Calandrelli, scienziato e astronomo nella Napoli
 +dell'800, e l'Abate Giuseppe Calandrelli (Zagarolo, Roma, 22/5/1749 - Roma,
 +25/12/1827), astronomo e dotto scienziato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALANDRINI
 +<br>CALANDRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calandrini, è tipico della fascia che
 +dal forlivese, attraverso il pesarese e l'Umbria arriva al Lazio, Calandrino
 +è specifico della Sicilia occidentale, derivano dal nome medioevale
 +Calandrino presente nel 1200 e 1300 e di cui abbiamo un esempio anche nel
 +Decamerone di Boccaccio.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +in Toscana nella seconda metà del 1300 con Federico Calandrini,
 +Ufficiale della Porta di San Donato di Lucca, in Campania nel 1600
 +nel perugino opera il condottiero Simone Calandrini capitano
 +della Repubblica di Fossato di Vico (PG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALAPSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calapso, quasi unico, sembrerebbe siciliano, potrebbe derivare da un soprannome
 +grecanico a sua volta derivato dal verbo greco antico <font color="#3333FF">καλύψω
 +<i>kalupso</i></font> (<i><font color="#666666">nascondere, occultare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALARESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calarese ha un minuscolo ceppo a Gambatesa nel campobassano ed uno, più
 +consistente, in Sicilia, a Messina.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Maria Nicolosi</font></font>
 +<br>Questo era il cognome di una mia bisnonna vissuta a Messina che, secondo
 +quanto ho saputo dalla mia famiglia, era di origine greca: il cognome originario
 +era <i><font color="#3333FF">Chirieleison</font></i>, poi volutamente cambiato
 +in <i><font color="#3333FF">Calarese</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALARESI
 +<br>CALARESO
 +<br>CALARESU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calaresi è quasi unico, Calareso, assolutamente rarissimo, ha un
 +piccolo ceppo a Messina, Calaresu è specifico del sassarese, di
 +Alghero, Pozzomaggiore e Sassari, dovrebbero tutti derivare da una forma
 +etnica dialettale per cagliaritano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CALARESU: <i><font color="#3333FF">di Calaris</font></i> &gt; <i><font color="#666666">di
 +Cagliari</font></i> = <i><font color="#3333FF">calaritanu</font></i>. Noi
 +in Campidano diciamo : <i><font color="#3333FF">Casteddaiu</font></i> &gt;
 +<i><font color="#3333FF">de Casteddu</font></i> = <i><font color="#666666">di
 +Castello</font></i> &gt; <i><font color="#666666">Cagliari</font></i>. Cognome
 +presente negli antichi documenti della lingua sarda. Ricordiamo inoltre
 +che <i><font color="#3333FF">su calaresu</font></i> era una <i><font color="#666666">moneta
 +sarda antica</font></i>, comune a tutta l'isola, conosciuta anche col nome
 +<i><font color="#3333FF">su calaritanu</font></i> e in italiano, <i><font color="#666666">il
 +cagliaritano</font></i>, del valore della sesta parte del soldo sardo,
 +che a sua volta era la decima parte di una lira (la lira sarda del periodo
 +medioevale aveva un valore che si aggirava sui 500 Euro di oggi). Nel Condaghe
 +di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° sec. figurano : Calaresu
 +Nichola (50), prete, teste in una vendita di terra in balle de Mela (l'attuale
 +Badde Mela, a sud ovest di Semestene); Calaresu Mical (67), prete, teste
 +in una permuta di servi. Attualmente il cognome Calaresu è presente
 +in 55 Comuni italiani, di cui 20 in Sardegna: Alghero 80, Pozzomaggiore
 +72, Sassari 47, Macomer 11, Carbonia 11, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calari è tipico del bolognese di Bologna e di Casalecchio di Reno,
 +dovrebbe derivare dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Calarius</font></i>,
 +una forma superlativa eufonica del nome <i><font color="#3333FF">Clarus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALASANZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calasanzio, assolutamente rarissimo, sembrerebbe meridionale, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Sanctius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi SANZA</font>), cui sia stato aggiunto il prefisso
 +<i><font color="#3366FF">Cala</font></i> dal termine greco <i><font color="#3366FF">kalòs</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bello</font></i>), con il significato quindi
 +di <i><font color="#3366FF">il bel Sanzio</font></i>.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALASSI
 +<br>CALASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calassi è assolutamente rarissimo, e si dovrebbe trattare di modifiche
 +successive a trascrizioni errate del cognome Calasso, che è tipiamente
 +salentino, del tarentino, brindisino e del leccese, di Copertino nel leccese
 +e di Lizzano nel tarantino soprattutto, si dovrebbe trattare di una forma
 +alterata del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galassus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GALASSI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALATABIANO
 +<br>CALTABIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calatabiano, molto molto raro, è siciliano, Caltabiano è
 +tipico della Sicilia orientale, del catanese in particolare, dovrebbero
 +derivare entrambi dal toponimo Calatabiano (CT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALATI
 +<br>CALATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calati dovrebbe essere originario del leccese e della Sicilia, Calato ha
 +un piccolissimo ceppo a Napoli ed uno più consistente nel palermitano
 +a Vicari e Palermo, potrebbe trattarsi di un'alterazione dialettale del
 +cognome <i><font color="#3333FF">Galati</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GALATI</font>), o di un'errore di trascrizione ad opera di ufficiali anagrafici
 +settentrionali, ma esiste anche la concreta possibilità che possa
 +in molti casi derivare da soprannomi originati dal termine latino <i><font color="#3333FF">calathus</font></i>
 +a sua volta derivato dal greco <i><font color="#3333FF">kalathos</font></i>
 +una specie di vaso a forma di cesto, forse ad indicare nei capostipiti
 +dei vasai.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALATINA
 +<br>CASALATINA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calatina, quasi unico, dovrebbe essere una forma arcaica del cognome Casalatina,
 +che, molto molto raro, è specifico del vicentino, di Vicenza ed
 +Altavilla Vicentina, dovrebbero derivare da un nome di località,
 +probabilmente nella frazione vicentina di Bertesina, dove esisteva una
 +zona chiamata nel XVIII° secolo della Cà Latina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALATRO
 +<br>CALATRONE
 +<br>CALATRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calatro e Calatrone sono praticamente unici e dovrebbe trattarsi di errori
 +di trascrizione di Calatroni che è specifico dell'Oltrepo pavese,
 +e dovrebbe derivare dal cognomen latino Calatro di cui abbiamo un esempio
 +nel I° secolo con il Duomviro Caius Sattio Calatro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALBI
 +<br>CALBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calbi ha un piccolo ceppo a Milano, uno nell'area tra pratese, fiorentino,
 +forlivese ed aretino, ed uno nel materano, a Stigliano soprattutto, a San
 +Mauro Forte ed a Policoro, Calbo ha un ceppo a Messina, potrebbero derivare
 +dal soprannome e nome medioevale <i><font color="#3333FF">Calbus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in una Carta venditionis del 1174 a Barasso
 +nel varesotto: "<font color="#CC33CC">Anno dominice incarnacionis milleximo
 +centeximo septuaximo quarto, decimo die mensis decembris, indicione octava.
 +Cartam vendicionis per hereditatem salvo honore eclesie Sancte Marie de
 +Monte Vellate fecit Marchisius qui dicitur Miliane de loco Balasse in manibus
 +et postestatibus Ottonis qui dicitur </font><i><font color="#FF0000">Calbus</font></i><font color="#CC33CC">
 +medietatem et Uberti et Laurentii germanorum filiorum quondam </font><font color="#FF0000">Balassi
 +Calbi</font><font color="#CC33CC"> de suprascripto loco Balasse...</font>",
 +in qualche caso possono anche derivare dal nome di paesi come Calbi nell'aretino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCAGNI
 +<br>CALCAGNINI
 +<br>CALCAGNINO
 +<br>CALCAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcagni sembra tipico laziale, con un ceppo anche nella Puglia meridionale,
 +Calcagnini, molto raro, ha un ceppo nello spezzino ed uno nel pesarese,
 +Calcagnino, rarissimo, è del barese, Calcagno ha un nucleo importante
 +tra Piemonte e Liguria ed uno in Sicilia, sono presenti anche piccoli ceppi
 +in Campania, Basilicata e Puglia, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Calcagno</font></i>, di cui abbiamo tracce nel 1500 in Lombardia con il capitano di
 +ventura Calcagno Origone.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Pontremoli (MS) nel 1400: "<font color="#CC33CC">...Zuchi de Valsasina
 +dicti </font><font color="#FF0000">Calcagno</font><font color="#CC33CC">..</font>",
 +a Ferrara con l'erudito Coelius Calcagninus e a Offida (AP) con il tesoriere
 +della Provincia Niccolò Calcagni, a Montecorice (SA) nel 1500 con
 +il feudatario Tiberio Calcagno, nel 1500 a Genova è menzionato Vincenzo
 +Calcagno come uno degli assassini di Giannettino Doria.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calcagnini è un cognome d'origine soprannominale, movente dal
 +veneto <i><font color="#3333FF">calcagnino</font></i> «<i><font color="#666666">calzare
 +dal tacco molto alto</font></i>» (Olivieri). Alla famiglia comitale
 +dei Calcagnini apparteneva il castello di Formigine (MO).&nbsp; Fonte:
 +G. Violi, Cognomi Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcamo, quasi unico, sembrerebbe del catanese, dovrebbe derivare da un
 +soprannome riferito al mestiere di <i><font color="#666666">venditore ambulante
 +di panni vecchi</font></i>, che in arabo si identificava con il termine <i><font color="#3333FF">hulqānī</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcara è un cognome tipico della Sicilia occidentale, di Castelvetrano
 +e Mazara del Vallo nel trapanese e di Palermo e Caccamo nel palermitano,
 +dovrebbe derivare da nomi di località come Calcara di Panarea, tipica
 +per le sorgenti termali e fumarole, o come Cala Calcara di Levanzo nelle
 +Egadi, ma è molto più probabile che derivi dal fatto di abitare
 +la famiglia nei pressi di una <i><font color="#3366FF">calcara</font></i>,
 +voce dialettale siciliana per <i><font color="#999999">fornace da calce
 +o gesso</font></i>, o per il fatto di essere loro stessi dei produttori
 +di calce o gesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCATELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcatelli ha un ceppo marchigiano, ad Arcevia nell'anconetano, ed uno
 +nel romano a Roma, Velletri e Ciampino, il ceppo romano potrebbe essere
 +di origini molisane e derivare dal nome della località Calcatello
 +sul Monte Caraceno di Pietrabbondante nell'iserniese, come potrebbe pure
 +derivare da una forma etnica del paese di Calcata nel viterbese, che potrebbe
 +anche aver dato luogo al ceppo nell'anconetano, una seconda ipotesi proporrebbe
 +una derivazione dal verbo latino <i><font color="#3333FF">calcare</font></i>
 +(<i><font color="#666666">calpestare</font></i>, ma anche il <font color="#666666">pigiare
 +l'uva</font>), in questo caso deriverebbe da un soprannome attribuibile
 +ad un vignaiolo, forse il mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCATERRA
 +<br>INCALCATERRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcaterra è presente in tutto il territorio nazionale si evidenziano
 +due ceppi distinti, uno in Sicilia, l'altro nelle Marche, Incalcaterra
 +ha un ceppo siciliano, soprattutto a Trapani e Mazara del Vallo nel trapanese
 +ed uno nel Lazio a Civitavecchia, dovrebbero entrambi derivare da soprannomi
 +legati all'attività del capostipite, probabilmente un contadino,
 +secondo altri si tratterebbe invece di soprannomi originati dalla bassa
 +statura del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>In Sicilia il cognome Calcaterra viene dal vocabolo siciliano scherzoso
 +'<i><font color="#3333FF">carcaterra</font></i>' = <i><font color="#666666">nanerottolo</font></i>.
 +Rohlfs 58.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCHERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipicamente veneto, ha un piccolo ceppo in Cadore
 +ed uno a Venezia, dovrebbe derivare dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">calchera</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fornace da calce</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>&nbsp;Fino a circa una sessantina di anni fa la calce veniva prodotta
 +in fornaci chiamate localmente <i><font color="#3366FF">calchere</font></i>.
 +Il termine calchera deriva dal latino <i><font color="#3366FF">calcaria
 +fornax</font></i>, col significato appunto di <i><font color="#666666">forno
 +per produrre calce e calcina</font></i>. La <i><font color="#3366FF">calchera</font></i>
 +è un forno costruito con sassi squadrati, possibilmente resistenti
 +al calore. Il luogo per la sua costruzione veniva scelto con cura: erano
 +necessari la presenza di una strada per il trasporto e una grande disponibilità
 +di rocce calcaree e legname per alimentare il fuoco. Il cognome Calchera
 +sembrerebbe tipico della provincia di Belluno, del comune di Forno di Zoldo,
 +ma altri ceppi sono riscontrabili a Venezia e relativa provincia nonchè
 +in Lombardia, a Milano. Chiaramente il cognome trae origine dall'attività
 +legata alla produzione della calce oppure dalla toponomastica, considerando
 +il fatto che molti luoghi potevano essere denominati in tal modo con specifico
 +riferimento ad una <i><font color="#3366FF">calchera</font></i> attiva
 +nelle vicinanze.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00calchi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="47" height="60"><img src="../immagini/stem02calchi.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="61" height="70"><font size="-1">Abbastanza
 +raro sembrerebbe avere due ceppi, uno tra Milano e Bergamo ed uno in Abruzzo
 +tra Pescara e Chieti, il ceppo lombardo dovrebbe derivare dal toponimo
 +Calco (CO), famiglia nobile di cui si ha traccia fin dal 1277, quando Ottone
 +Visconti la iscrisse nella Matricola degli Ordinari della Metropolitana,
 +nel 1400 troviamo un Bartolomeo Calchi segretario particolare di Ludovico
 +il Moro, nel 1578 i Calchi&nbsp; furono ammessi al Patriziato milanese.<img src="../immagini/stem01calchi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="52" height="70">
 +Un'ipotesi sull'origine del cognome fa riferimento al fatto che Strabone
 +storico e geografo greco ( 63 a.C. - 19 d.C), scrive che, onde ripopolare
 +dopo la cacciata dei Galli il territorio dal Lago di Como al fiume Adda,
 +i Romani abbiano trasferito in quella zona un certo numero di greci provenienti
 +dall'isola di Calchi (Colcide) del mar Egeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calci ha un piccolo ceppo lombardo, che potrebbe derivare dal toponimo
 +Calcio nel bergamasco, uno a Mondragone nel casertano ed uno a Gizzeria
 +nel catanzarese, che potrebbero derivare o da nomi di località o
 +dal mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCIA
 +<br>CALCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcia, assolutamente rarissimo, è diffuso in Piemonte, Calcio,
 +quasi unico, è probabilmente dovuto ad un'errata trascizione del
 +precedente, che dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Calcia</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso nel 1218 ne la <i><font color="#3333FF">Histoire
 +de la ville de Nismes</font></i><font color="#000000">:</font> "<font color="#CC33CC">Anno
 +MCCXVIII. kal. Julii, petit in jure W. de Fonte à R. Cabassono quoddam
 +stare quod confrontat ab oriente in via, à vento cum fstari Poncii
 +Vilani, à circio cum stari uxoris B. Corderii ; &amp; dicit quod
 +istud stare tenebat R. Cabassonus, nomine </font><font color="#FF0000">Calce</font><font color="#CC33CC">
 +, &amp; debebat eidem Bernardo dare de censu annuatim VI. denarios; quem
 +censum R. Cabassonus non solvit, XX. anni proxime continui sunt elapti.
 +Preterea dicit W. de Fonte se habere totum jus quod dictus </font><font color="#FF0000">Calcia</font><font color="#CC33CC">
 +habebat in dicto stari reale sive personale, sive quocumque modo dictus
 +</font><font color="#FF0000">Calcia</font><font color="#CC33CC"> ibi jus
 +haberet. R.Cabassonus confitetur se possidere predictum stare, sed dissiterur
 +quod tenebat illud nomine </font><font color="#FF0000">Calcia</font><font color="#CC33CC">
 +sub censu vel alio modo. V. kal. Julii, ponit G. de Fonte quod R. Cabassonus
 +debebat dare de censu annuatim VI denarios </font><font color="#FF0000">Calcie</font><font color="#CC33CC">,
 +nomine dicti staris: quod altera pars dissitetur. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCO
 +<br>CALCO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi siciliani, Calco è quasi unico, Calcò è specifico
 +del messinese, di Alcara li Fusi, Tortorici e San Salvatore di Fitalia,
 +dovrebbero derivare da un soprannome basato sul termine grecanico <i><font color="#3333FF">calcòs</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fabbro</font></i>), stando così probabilmente
 +ad indicare quale fosse stato il mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALCOPIETRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calcopietro cognome tipicamente calabrese del reggino, di Polistena in
 +particolare, potrebbe derivare da un soprannome antico basato sul termine
 +greco <i><font color="#3333FF">chalcòs </font></i>(<i><font color="#999999">rame</font></i>),
 +forse ad indicare nel capostipite un artigiano del rame di nome Pietro,
 +ma è pure possibile una derivazione aferetica dal termine medioevale
 +<i><font color="#3366FF">scalco</font></i> (<i><font color="#999999">servitore</font></i>),
 +a sua volta derivato dal germanico medioevale <i><font color="#3366FF">scalh</font></i>
 +(<i><font color="#999999">servo</font></i>), e si tratterebbe allora di
 +un capostipite conosciuto come <i><font color="#999999">il servo Pietro</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDAN
 +<br>CALDANA
 +<br>CALDANI
 +<br>CALDANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caldan è quasi unico, Caldana è tipico dell'area che comprende
 +bresciano, veronese e vicentino, Caldani ha un piccolo ceppo nell'imperiese,
 +uno nel fiorentino ed uno a Roma, Caldano, estremamente raro, ha un piccolo
 +ceppo tra Piemonte e Liguria ed uno forse nel potentino, dovrebbero derivare
 +dai tanti toponimi contenenti la radice <i><font color="#3333FF">Caldan-</font></i>,
 +come ad esempio Caldana nel varesotto, nel grossetano e nel senese, Caldane
 +nel potentino o altri simili, ma potrebbero anche derivare da soprannomi
 +originati dal termine arcaico <i><font color="#3333FF">caldana</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">caldano</font></i> (<i><font color="#666666">locale
 +riscaldato</font></i>) con questo nome si chiamava il <i><font color="#666666">locale
 +dove i panettieri mettevano il pane a lievitare</font></i>, <i><font color="#3333FF">caldano</font></i>
 +inoltre veniva chiamato il <i><font color="#666666">vaso usato per scaldarsi</font></i>,
 +spesso di rame, dove si riponeva della brace ancora accesa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDARA
 +<br>CALDARELLI
 +<br>CALDARI
 +<br>CALDARINI
 +<br>CALDARINO
 +<br>CALDERA
 +<br>CALDERINI
 +<br>CALDERINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caldara, oltre al ceppo milanese, bergamasco, ne ha uno nel barese ed uno
 +nel palermitano, Caldarelli è specifico dell'Italia centromeridionale,
 +delle Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo, casertano e napoletano, Caldari è
 +specifico della zona che comprende il riminese, il pesarese ed il perugino,
 +con un grosso ceppo tra Rimini, Riccione e Cattolica, nel riminese, Pesaro,
 +Colbordolo e Gabicce Mare nel pesarese, ed un ceppo a Città di Castello
 +ed Umbertide nel perugino, Caldarini ha un ceppo nel milanese a Milano,
 +Carate Brianza, Albiate e Paderno Dugnano, uno in Emilia nel parmense a
 +Colorno e Parma ed uno nel romano a Castel Gandolfo, Palombara Sabina e
 +Roma, Caldarino è unico, Caldera è tipico di Lombardia e
 +Piemonte, Calderini ha un ceppo nel vercellese e novarese, uno nell'udinese,
 +uno piccolo nel parmense, uno nel livornese e pisano, uno nel perugino
 +e ternano ed uno nel romano, Calderino, quasi unico, ha presenze sparse
 +qua e là per tutta l'Italia peninsulare, in alcuni casi possono
 +derivare, direttamente o tramite ipocoristici, da soprannomi originati
 +dal mestiere dei capostipiti, occupati probabilmente nell'attività
 +di <i><font color="#666666">produttori o riparatori di caldaie o pentole</font></i>,
 +in altri casi possono originare da toponimi come Caldera nel messinese
 +o Torre Caldera nell'alessandrino o da altri indicativi di località,
 +come si può vedere in uno scritto del 1183 tratto dal <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font>: "<font color="#CC33CC">...a
 +sero via canpus dicitur in Zerbo prope </font><font color="#FF0000">Dupum
 +de la Caldera</font><font color="#CC33CC">, est iugera quattuor et perticas
 +quattuor. et tabulas undecim...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDAROLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della provincia di Bari,
 +dovrebbe derivare dal vocabolo latino calidarium (luogo termale) ed essere
 +riferito ad un'origine riferita ad una località termale, come Caldarola
 +(MC) nelle Marche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDART
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caldart è tipico di Belluno e della sua provincia,
 +di Ponte nelle Alpi, Sospirolo e Sedico, potrebbe derivare dal toponimo
 +Kaltern (Caldaro sulla strada del vino) in provincia di Bolzano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico di Treviso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDERAN
 +<br>CALDERANI
 +<br>CALDERANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calderan è tipicamente veneto, dell'area che comprende le province
 +di Venezia, Treviso e Pordenone, Calderani, molto raro, è invece
 +toscano, del pisano, di Ponsacco, Calderano, molto raro, è specifico
 +di Maratea nel potentino, dovrebbero tutti derivare dal mestiere di <i><font color="#3366FF">calderano</font></i>,
 +cioè di maestro artigiano addetto alla bollitura ed al trattamento
 +dei bachi da seta, probabile occupazione del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDERALE
 +<br>CALDERALO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calderale, assolutamente rarissimo, dovrebbe essere originario del barese,
 +zona di Alberobello e Monopoli, Calderalo, se possibile ancora più
 +raro, sembrerebbe dell'area tarentino, brindisina, questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal mestiere di artigiano produttore di pentole e caldaie, riteniamo
 +poco probabile il riferimento all'associazione dei <i><font color="#3333FF">calderali</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">calderai</font></i>, un'associazione segreta
 +reazionaria, filo-borbonica costituita in opposizione alla Carboneria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDERARA
 +<br>CALDERARI
 +<br>CALDERARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calderara è diffuso in Lombardia ad Agnadello (CR), Milano, Besnate
 +e Cuasso Al Monte (VA) e in tutto il varesotto, in Emilia e a San Bonifacio
 +(VR), Calderari, meno diffuso, ha un piccolo ceppo a Pieve di Soligo (TV),
 +a Bologna ed un nucleo nel Lazio, a Roma, Anticoli Corrado (RM), Ceccano
 +(FR) e Orte (VT), Calderaro ha un ceppo nel padovano e vari nuclei al sud,
 +in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, dovrebbero tutti derivare dal
 +mestiere di artigiani produttori di pentole e caldaie, ma in alcuni casi
 +possono derivare da toponimo come Calderara (MI) o Calderara di Reno (BO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDEROLI
 +<br>CALDIROLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente lombardi, Calderoli è bergamasco, di Bergamo
 +e di Azzano San Paolo, Caldiroli, più diffuso, è specifico
 +dell'area tra milanese e varesotto, di Castellanza, Gorla Minore e Busto
 +Arsizio nel varesotto e Legnano nel milanese,&nbsp; dovrebbero derivare
 +dal vocabolo lombardo <i><font color="#3366FF">caldera</font></i> (<i><font color="#999999">grosso
 +pentolone di rame</font></i> usato normalmente per scaldare l'acqua per
 +il bucato), starebbe probabilmente ad indicare l'attività di produttore, o riparatore
 +di <i><font color="#3366FF">caldere</font></i> svolta dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDERON
 +<br>CALDERONE
 +<br>CALDERONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00calderoni.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="45" height="55"><font size="-1">Calderon è quasi scomparso, Calderone è tipico siciliano,
 +Calderoni ha un ceppo nel ravennate ed uno nel barese, dovrebbe essere
 +di origini spagnole, potrebbe derivare o da un toponimo, di paesi chiamati
 +Calderon in Spagna ce ne sono almeno due, o da un soprannome legate o a
 +caratteristiche di una località o ad un mestiere, il casato dei
 +Calderon lo troviamo come feudatario del re spagnolo in Calabria nel 1600,
 +a Bormio (SO) nel 1507 in un atto si legge: "<font color="#CC33CC">...Et
 +super hoc dat pro testibus Angelum Redulfini, Antonium Juliani, </font><font color="#FF0000">Simonem
 +Andree Calderoni</font><font color="#CC33CC">....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome del centro nord Italia,
 +si individuano molte possibili zone d'origine (Verbania Intra, Milano,
 +Bologna, Massa Carrara, ecc), potrebbe derivare da toponimi quali Caldè
 +(VA) o altri con la stessa radice.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDOGNETTO
 +<br>CALDOGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00caldogno.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="57"><font size="-1">Entrambi tipicamente veneti, Caldognetto è tipico di Vicenza, Isola
 +Vicentina e Dueville, con presenze anche nel mantovano, Caldogno, molto
 +molto raro, è di Peschiera del Garda nel veronese e di San Giorgio
 +in Bosco nel padovano, dovrebbero derivare dal nome del paese di Caldogno
 +nel vicentino, probabilmente il luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALDONAZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caldonazzo,
 + specifico della zona tra trentino
 +e veronese, deriva dal toponimo Caldonazzo in Trentino. La dinastia dei Caldonazzo
 +nasce in epoca longobarda&nbsp; con l'Arimanno Warbert.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALECA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caleca è di origini siciliane, è diffuso a Castellammare
 +del Golfo nel trapanese, a Palermo e Partinico nel palermitano, a Santa
 +Margherita di Belice nell'agrigentino e nel messinese a Patti, Torrenova
 +e Montagnareale, questo cognome dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +basato sul termine siciliano arcaico <i><font color="#3333FF">calèca</font></i>
 +(<i><font color="#666666">un tipo di susina</font></i> di piccole dimensioni),
 +il cui nome sembrerebbe essere di origini arabe e derivare dal termine
 +<font color="#3333FF">hawaiha</font> (<font color="#666666">prugna</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALEF
 +<br>CALEFFA
 +<br>CALEFFI
 +<br>CALEFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calef, estremamente raro, è presente in modo sporadico nella fascia
 +umbro, marchigiana, con un piccolo ceppo a Senigallia, Caleffa, assolutamente
 +rarissimo, è specifico del vicentino, Caleffi è diffusissimo
 +nell'area che comprende il veronese, il mantovano, il parmense, il reggiano,
 +il modenese, il bolognese ed il ferrarese, Caleffo, quasi unico, sembrerebbe
 +dell'area veronese, potrebbero derivare dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Caleb</font></i>
 +o anche da un'alterazione di <i><font color="#3333FF">Haleb</font></i>,
 +l'attuale Aleppo in Siria, probabile luogo d'origine delle famiglie.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Caleffi è d'origine soprannominale e muove dall'antico
 +italiano <i><font color="#3333FF">calèffo</font></i> «<i><font color="#666666">burla</font></i>»
 +e da caleffare «burlare». Il nome personale <i><font color="#3333FF">Calleffus</font></i>
 +è presente in una carta modenese del 1163. Fonte: F. Violi, Cognomi
 +a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALEGARI
 +<br>CALEGARIS
 +<br>CALEGARO
 +<br>CALIGARI
 +<br>CALIGARIS
 +<br>CALIGARO
 +<br>CALLEGARI
 +<br>CALLEGARIS
 +<br>CALLEGARO
 +<br>CALLIGARI
 +<br>CALLIGARIS
 +<br>CALLIGARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calegari è tipicamente lombardo, del bergamasco e del milanese,
 +Calegaris è unico, Calegaro, molto raro, decisamente veneto, è
 +soprattutto del veronese, Caligari, abbastanza raro, ha un ceppo in provincia
 +di Sondrio ed uno tra forlivese e riminese, Caligaris è specifico
 +dell'area nordoccidentale, del Piemonte, Liguria ed ovest Lombardia, Caligaro
 +è unico, Callegari è proprio del nord Italia, Callegaris,
 +molto raro, ha un ceppo nel pavese ed uno nel triestino, dove probabilmente
 +è solo una variante dovuta ad errori di trascrizione di Calligaris,
 +Callegaro è tipico veneto, della fascia che comprende il rovigoto,
 +il padovano, il veneziano ed il trevisano, Calligari ha la sua massima
 +concentrazione nelle provincie di Milano, Pavia e Novara, ma si nota una
 +presenza significativa anche in provincia di Napoli, Calligaris, decisamente
 +friulano, è tipico dell'udinese, goriziano e triestino, Calligaro
 +è specifico dell'udinese.  La derivazione
 +è facilmente intuibile, infatti ha origine dal vocabolo tardo latino
 +<i><font color="#3333FF">caligarius</font></i> (<i><font color="#999999">calzolaio</font></i>),
 +cioè chi produceva o commerciava in scarpe (in latino calzatura
 += <i><font color="#3366FF">caliga</font></i>).  Si pensi che persino un famoso imperatore romano prese il nome proprio
 +dal termine <i><font color="#3366FF">caliga</font></i>, il famoso imperatore
 +<i><font color="#3366FF">Caligola</font></i>, Tacito nel primo libro dei
 +suoi Annali infatti scrive: "<font color="#CC33CC">...iam infans in castris
 +genitus, in contubernio legionum eductus, quem militari vocabulo </font><font color="#FF0000">Caligulam</font><font color="#CC33CC">
 +appellabant, quia plerumque ad concilianda vulgi studia eo tegmine pedum
 +induebatur...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caleo ha un ceppo a Carrara con diramazioni a Livorno
 +e nello spezzino a Sarzana, Ortonovo e La Spezia, potrebbe derivare da
 +modificazioni italianizzate del nome provenzale <i><font color="#3333FF">Caleb</font></i>,
 +esiste anche un ceppo nel salernitano, che potrebbe invece derivare invece
 +dal toponimo Caleo nel Cilento, improponibile la derivazione dal verbo
 +latino <i><font color="#3333FF">caleo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">scaldarsi</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALESTANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calestani è tipico dell'area lombardo emiliana, ha un piccolo ceppo
 +a Leno nella bassa bresciana a ed uno più consistente a Parma e
 +nel parmense e vicino reggiano, dovrebbe derivare dal nome del paese parmense
 +di Calestano, anche se non si può escludere una derivazione analoga
 +a quella del toponimo, cioè dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Callistanus</font></i>,
 +nome tipico dei liberti di un <i><font color="#3333FF">Callistus</font></i>,
 +oltre che delle sue proprietà terriere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALFAPIETRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calfapietra ha un ceppo romano ed uno nel reggino, dovrebbe derivare da
 +un soprannome con il significato di scaldapietre, attribuito probabilmente
 +ad un capostipite ritenuto uno scansafatiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALGARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del vicentino, deriva dal
 +vocabolo tardo latino caligarius (calzolaio), cioè chi produceva
 +o commerciava in scarpe (in latino calzatura = caliga).&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALI
 +<br>CALI'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cali è tipico catanese, dovrebbe trattarsi di un errore di trascrizione
 +del più comune Calì, molto diffuso in tutta la Sicilia, ma
 +soprattutto nel catanese e palermitano, dovrebbe derivare dal vocabolo
 +greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i> (<i><font color="#666666">bello</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Sac. Giuseppe
 +Di Bella</font></font>
 +<br>Calì è un cognome di origine greca accorciativo di <i><font color="#3333FF">kalìs</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">kalès</font></i>-in greco antico), che
 +vuol dire <i><font color="#666666">di bella</font></i>: kalòs-nominativo
 +maschile, <i><font color="#3333FF">kalì</font></i> (Kalè
 +gr. ant.)-nominativo famminile, kalòn-nominativo neutro; kaoù,kalìs,kaloù-genitivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calia ha un grosso ceppo in Puglia, uno nel trapanese e palermitano ed
 +uno nel nuorese in Sardegna, dovrebbe derivare dal termine italiano arcaico
 +<i><font color="#3366FF">calìa</font></i> (<i><font color="#999999">calo,
 +persona gretta e ridicola</font></i>), che veniva però anche riferito
 +a mercanti di gioielli di poco conto, a Lucera nel foggiano ad esempio,
 +in epoca rinascimentale, la via di Calìa era quella dove questi
 +mercanti da poco proponevano i loro articoli fatti con oro di recupero
 +e questo potrebbe essere stato il mestiere del capostipite, ma, nell'area
 +della Magna Grecia, potrebbe anche derivare dal termine greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bello, carino</font></i>) con un significato
 +completamente diverso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIAN
 +<br>CALIANI
 +<br>CALIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calian, assolutamente rarissimo, è specifico della parte meridionale
 +della provincia di Verona, Caliani, molto raro, è tipico del senese,
 +Caliano, molto molto raro, è tipico campano di Montoro (AV) una
 +cui frazione si chiama Caliano, derivano dal cognomen latino Calianus di
 +cui abbiamo un esempio in un'antica iscrizione latina del II° secolo
 +d.C.: "<font color="#CC33CC">...M</font><font color="#000000">(arcus) </font><font color="#CC33CC">Valerius
 +Speratus - </font><font color="#FF0000">L</font><font color="#000000">(ucius)
 +</font><font color="#FF0000">Aemilius Calianus</font><font color="#CC33CC">
 +cor</font><font color="#000000">(nicen) </font><font color="#CC33CC">-
 +T</font><font color="#000000">(itus)</font><font color="#CC33CC"> Flavius
 +Surus act</font><font color="#000000">(uarius)</font><font color="#CC33CC">
 +leg</font><font color="#000000">(ionis)</font><font color="#CC33CC">...</font>"
 +o direttamente o attraverso toponimi con questo nome come Caliano di&nbsp;
 +Capolona (AR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIANDRO
 +<br>CALIENDI
 +<br>CALIENDO
 +<br>CALIENDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliandro è tipicamente pugliese, del brindisino e tarentino, Caliendi,
 +molto raro è dell'urbinate, Caliendo è un cognome tipicamente
 +campano, Caliendro, praticamente unico è quasi sicuramente dovuto
 +ad un errore di trascrizione di Caliandro, dovrebbero tutti derivare da
 +un soprannome legato ad una caratteristica fisica o al mestiere di parrucchiere,
 +infatti <i><font color="#3366FF">caliandrum - caliendrum</font></i> era
 +il vocabolo latino per parrucca, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +nel brindisino fin dal 1700 con dei Caliandro in qualità di sacerdoti
 +e notai . (<font color="#CC33CC">vedi Calandra</font>)
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Domenico
 +Biondi</font></font>
 +<br>Il cognome Caliandro è tipico di Ceglie Messapica (BR) da qui
 +si è diffuso poi nei comuni limitrofi di nuova istituzione (inizio
 +del '900) ovvero, Villa Castelli e San Michele Salentino. L'antico nome
 +di Ceglie Messapica era <i><font color="#3366FF">Kalia</font></i>, da qui
 +<i><font color="#3366FF">Kaliandrus,</font></i> diventato poi Caliandro
 +per indicare un abitante di Ceglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIARI
 +<br>CALIARO
 +<br>CALLIARI
 +<br>CALLIARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliari è tipico dell'area che comprende il basso Trentino, Bleggio
 +Superiore, Trento e Mori, ed il veronese, a Verona, Villafranca di Verona,
 +Sommacampagna, Castelnuovo del Garda, Sona e Bussolengo, con un piccolo
 +ceppo anche a Valdagno nel vicentino, Caliaro, molto meno diffuso, è
 +tipico del vicentino, di Arzignano, Chiampo e Vicenza, con un ceppo anche
 +a Verona, Calliari è specifico del Trentino, di Trento, Volano,
 +Romeno, Villa Lagarina, Mezzolombardo e Lavis, con un ceppo anche a Termeno
 +sulla Strada del Vino in provincia di Bolzano, Calliaro è praticamente
 +unico, dovrebbero derivare da forme contratte del termine latino <i><font color="#3333FF">caligarius</font></i>
 +(<i><font color="#666666">calzolaio</font></i>) (<font color="#CC33CC">vedi
 +CALEGARI</font>), indicando che quello probabilmente fosse il mestiere
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALICCHIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Oltre al nucleo salernitano nella zona di Camerota è presente un
 +ceppo a Noci (BA) in Puglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIFANI
 +<br>CALIFANO
 +<br>CALIFFI
 +<br>CALIFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Califani, praticamente unico è un errore di trascrizione di Califano
 +che è tipico della Campania, con un ceppo nel potentino ed uno nel
 +Lazio, Califfi e Califfo sono assolutamente rarissimi, dovrebbero tutti
 +derivare dal nome arabo <i><font color="#3333FF">Khalifa</font></i> derivato
 +a sua volta dal termine omonimo (in italiano il <i><font color="#666666">califfo</font></i>),
 +che identifica il <i><font color="#666666">capo supremo del paese</font></i>,
 +il vicario del re, <i><font color="#666666">il podestà</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIGIURI
 +<br>CALOGERI
 +<br>CALOGERO
 +<br>CALOGIURI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caligiuri è calabrese, del basso cosentino, catanzarese e crotonese.
 +Calogeri è assolutamente rarissimo, Calogero è tipico della
 +Sicilia orientale e del reggino, Calogiuri è specifico salentino,
 +di Lizzanello (LE) in particolare, dovrebbero derivare tutti dal termine
 +greco <i><font color="#3366FF">kalogheros</font></i> (<i><font color="#999999">bel
 +vecchio</font></i>) titolo riservato in particolare ai frati ed alle persone
 +di rispetto, in alcuni casi è pure possibile una derivazione dal
 +nome greco <i><font color="#3366FF">Kalogeros</font></i> o in alcuni casi
 +dal toponimo greco Kalogeros o da uno dei toponimi contenenti la radice
 +Calogero come ad esempio San Calogero (VV) e (AG) o Piano Calogero (PA)..&nbsp;
 +Presenze di queste cognominizzazioni le troviamo fin dal 1500 a Lizzanello
 +con i Calogiuri e nella seconda metà del 1700 a Bella (CZ) con il
 +canonico don Francesco Caligiuri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIGNANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calignano ha un piccolo ceppo a Napoli, mentre il ceppo più importante
 +è pugliese, di Nardò nel leccese e di San Donaci nel brindisino,
 +sembrerebbe poter essere originario della provincia di Brindisi, potrebbe
 +essere originato da un soprannome dialettale derivato dal vocabolo greco
 +kali (bello) o da un'alterazione del nome del toponimo Carignano presente
 +nel foggiano, forse il luogo di provenienza dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calignano poiché è presente anche al Nord, potrebbe derivare
 +dal toponimo omonimo in provincia di Pavia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIMAN
 +<br>CALIMANI
 +<br>CALIMANO
 +<br>CALLIMAN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliman è estremamente raro sembrerebbe originario della zona tra
 +Pordenone e Treviso, Calimani ancora più raro sembra sempre essere
 +comunque veneto, Calimano è assolutamente rarissimo, quasi unico,
 +Calliman sempre rarissimo è tipico del trevigiano, cognomi di origine
 +israelitica dovrebbero tutti derivare dal nome ebraico Calonimos o Kaliman.&nbsp;&nbsp;
 +Esempio di questo nome si trova nel Veneto fin da prima del 1500; ad Asolo
 +(TV) un certo Caliman Cohen è citato in un atto del 1547 nel quale
 +si legge: "<font color="#CC33CC">ad istantia et requisitione de </font><font color="#FF0000">Caliman</font><font color="#CC33CC">
 +et Iseppo hebrei figlioli del quondam Marco, et de altri hebrei habitanti
 +in Asolo</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALINI
 +<br>CALINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calini è specifico del milanese, con un piccolo ceppo nel bresciano,
 +Calino, assolutamente rarissimo, è del bresciano, quest'ultimo, assieme
 +al ramo bresciano dei Calini, potrebbe derivare dal toponimo Calino di
 +Cazzago San Martino (BS), tutti possono derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3366FF">Calenus</font></i> ricordiamo il generale romano
 +Quintus Fufius Calenus che divenne Console nel 47 d.C.. Tracce illustri
 +di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1500 a Brescia, dove i Calini
 +appartenevano alla migliore nobiltà e nel 1700 con Ludovico Calini
 +Vescovo di Crema.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIO
 +<br>CALIO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calio, molto più raro, è del catanese, Caliò è
 +ben diffuso in Calabria, in particolare a Catanzaro, ma comunque ben presente
 +a Rossano nel cosentino, con presenze anche a Caraffa di Catanzaro, Botricello
 +e Girifalco nel catanzarese ed a Crotone, ed in Sicilia, soprattutto a
 +Naso e Capo d'Orlando nel messinese, con un piccolo ceppo anche nel catanese
 +a Ramacca e Catania, dovrebbe derivare dal nome greco <i><font color="#3333FF">Kalliòn</font></i>
 +(<i><font color="#666666">più bello</font></i>), o dal nome della
 +città di <i><font color="#3333FF">Kallion</font></i> in Etolia (in
 +Grecia), o anche dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Kalliòs</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIOLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliolo è tipico del brindisino, di Carovigno in particolare, di
 +Latiano, di San Vito dei Normanni e di Mesagne, dovrebbe derivare dal nome
 +del monte Caliolo o meglio ancora dal nome della Contrada Monte Caliolo
 +situata nell'area del paese di Carovigno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calipa, assolutamente rarissimo, tipicamente calabrese del reggino, di
 +Gioia Tauro e Rizziconi, potrebbe derivare da un'italianizzazione del nome
 +arabo <i><font color="#3333FF">Khalib</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIPARI
 +<br>CALLIPARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calipari, abbastanza raro, è specifico del reggino, in particolare
 +di Caulonia, Varapodio e Santa Cristina d'Aspromonte, Callipari, altrettanto
 +raro, è specifico sempre del reggino, di Careri, Locri e Bovalino, dovrebbero essere derivati da un soprannome grecanico <i><font color="#3366FF">kalè
 +pareia</font></i> con il significato di <i><font color="#999999">bella
 +guancia</font></i>, ma è pure possibile una derivazione dal nome
 +della ninfa <i><font color="#3366FF">Pareia</font></i>, sempre con l'aggiunta
 +dell'aggettivo <i><font color="#3366FF">kalè</font></i> (<i><font color="#999999">bella</font></i>)
 +e si tratterebbe in questo caso di un matronimico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caliri è specifico del messinese, di Barcellona Pozzo di Gotto in
 +particolare e di Messina, Falcone, Terme Vigliatore e Milazzo, con ceppi
 +anche a Palermo e Catania, potrebbe derivare da un soprannome grecanico
 +originato dal termine <i><font color="#3333FF">kalion</font></i> (<i><font color="#666666">potassio</font></i>),
 +forse ad indicare che il mestiere del capostipite fosse quello di estrarre
 +la potassa dalle miniere di salgemma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALISE
 +<br>CALISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calise è tipico del napoletano, Calisi ha un ceppo nella provincia
 +di Latina ed uno nel barese, derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Calisius</font></i>
 +, tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo nella seconda metà del 1500
 +con Albertus Calisius pedagogo e retore e nel 1600 con il teologo Johannes
 +Calisius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALISTA
 +<br>CALISTE
 +<br>CALISTI
 +<br>CALISTO
 +<br>CALLISTA
 +<br>CALLISTI
 +<br>CALLISTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calista è tipico di Palermo e della provincia di Pescara, di Collecorvino
 +e Pescara in particolare, Caliste, molto molto raro, parrebbe romano, Calisti
 +è ben diffuso nelle Marche, nel teramano, in Umbria ed in Lazio,
 +Callista è quasi unico, Callisti, molto raro, ha un piccolissimo
 +ceppo romagnolo, uno nel romano ed uno nel valenziano, Callisto sembrerebbe
 +specifico di Molinara nel beneventano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Calisto</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Callisto</font></i>, l'italianizzazione cioè
 +del personale greco <i><font color="#3366FF">Kallistos</font></i>, col
 +significato letterale di <i><font color="#999999">bellissimo</font></i>
 +(si tratta di un superlativo del nome greco&nbsp; <i><font color="#3366FF">Kalos</font></i>;
 +(<font color="#CC33CC">vedi Calò</font>): nell'antica mitologia
 +greca, infatti, Callisto era il nome di una ninfa di Artemide, il cui nome,
 +in realtà, nasce da un epiteto della stessa dea, anche conosciuta
 +come <i><font color="#3366FF">Artemis Kalliste</font></i> (<i><font color="#999999">Artemide
 +la bellissima</font></i>). Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALISTRI
 +<br>CALISTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calistri ha un ceppo a Pistoia e nel pistoiese, fiorentino e nel bolognese
 +a Granaglione e Porretta Terme, ed uno a Viterbo ed a Roma, Calistro, assolutamente
 +rarissimo, parrebbe del Piceno, Calistroni ha un ceppo nel perugino a Marsciano
 +e Perugia, ed uno nel viterbese a Civitella d'Agliano e Viterbo, dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite accrescitivi, dal nome latino <i><font color="#3333FF">Callistrus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Calistrus, </font></i>ricordiamo nel I°
 +secolo un Callistrus prefetto della Guardia Pretoriana dell'Imperatore
 +Tiberio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALITRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calitri ha un ceppo tra potentino e foggiano, in particolare ad Acerenza
 +nel potentino ed a Foggia e Panni nel foggiano, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Calitri nell'avellinese, probabile luogo di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome prettamente crotonese,
 +potrebbe essere originato da un soprannome dialettale derivato dal vocabolo
 +greco kali (bello).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calizzi cognome calabrese, che è l'italianizzazione del cognome
 +greco <i><font color="#3333FF">Kalitsis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLA
 +<br>CALLA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calla, assolutamente rarissimo, del reggino e vibonese, dovrebbe essere
 +dovuto ad un'errata trascrizione di Callà, che è tipicamente
 +calabrese anch'esso, di Mammola nel reggino e di Serra San Bruno nel vibonese,
 +e che potrebbe derivare da un'italianizzazione del cognome greco <i><font color="#3333FF">Callas</font></i>,
 +o derivare da soprannomi basati sull'aggettivo greco <font color="#3333FF">καλός
 +<i>kalòs</i></font> (<i><font color="#666666">bello</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLARA
 +<br>CALLARI
 +<br>CALLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Callara, assolutamente molto raro, ha un piccolo ceppo ad Anagni nel frusinate
 +ed uno a Colle Sannita nel beneventano, Callari è specifico della Sicilia, con un ceppo anche in provincia di Roma, Callaro, quasi unico, è del beneventano, potrebbero
 +derivare dal praenomen latino <i><font color="#3366FF">Callarus</font></i>, un'ipotesi da prendere in considerazione è che in qualche caso
 +possano anche derivare dal nome di <i><font color="#3333FF">Castrum de Callari</font></i>
 +(antico nome di Cagliari).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome prevalentemente siciliano, con un ceppo minore forse nel Lazio,
 +potrebbe derivare dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">caddaru</font></i>,
 +che indicava un pentolone usato nei caseifici per fare il formaggio. Si
 +tratterebbe, dunque, della cognominizzazione di un soprannome derivato
 +da un mestiere, un'altra possibile origine di Callari vedrebbe alla base di questo
 +cognome il termine dialettale <i><font color="#3366FF">callara</font></i>,
 +che indica in generale una pentola, una caldaia: si può allora ipotizzare
 +che callara fosse un nome di mestiere attribuito a un calderaio (detto,
 +infatti, anche callarale) e che questa fosse l'attività del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Callari è cognome siciliano e calabrese ed è la italianizzazione
 +del cognome greco <i><font color="#3333FF">Kalláris</font></i>.
 +Nel XVIII secolo era il nome di un notaio a Oppido. Rohlfs 60.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLEDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un ceppo a Cagliari ed uno a Aritzo (NU), dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">calleddu</font></i>
 +(cagnolino).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CALLEDDA: <i><font color="#3333FF">callèdda</font></i> e <i><font color="#3333FF">callèddu</font></i>
 += <i><font color="#666666">cane, femmina e maschio</font></i>, o anche
 +<i><font color="#666666">cucciolo di cane</font></i>. Per quest'ultimo
 +è più comune <i><font color="#3333FF">callellèddu</font></i>.
 +Sono sinonimi di <i><font color="#3333FF">catzèdda, catzéddu</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi il cognome Cadeddu</font>). Sempre dal latino
 +<i><font color="#3333FF">catellus</font></i> = <i><font color="#666666">cucciolo
 +di cane</font></i>. In calledda e calleddu è chiara la metatesi,
 +che il Wagner non scorge! Cognome presente nelle carte antiche. Tra i firmatari
 +della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, figura, Calleddu Juliano, ville
 +Selluri. ** Selluri - Sedduri - Seddori: odierno Sanluri. Et ego Capula
 +Marcus .sindicus, actor et procurator ville Selluri.seu a Petro De Castay,
 +locuntenente capitanei et Margiano Costa, locuntenente potestatis terre
 +Selluri et omnibus habitatoribus dicte terre, congregatis. X die januarii
 +1388. Cognome raro, presente in 29 Comuni italiani, di cui 21 in Sardegna:
 +Aritzo 38, Quartu S. E. 23. Nuoro 18, Ussana 6, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLEGARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Callegarini, molto raro, ha un ceppo nel pavese, uno nel mantovano ed uno
 +nel ferrarese, deriva da una forma ipocoristica del vocabolo tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">caligarius</font></i> (<i><font color="#C0C0C0">calzolaio</font></i>),
 +cioè chi produceva o commerciava in scarpe (in latino calzatura
 += caliga).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLEGATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Callegati, molto raro, è tipicamente romagnolo, di Faenza e Ravenna
 +nel ravennate, di Forlì e di Mordano ed Imola nel bolognese, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine tardo latino <i><font color="#3333FF">calicatus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">intonacato, tirato a calce, imbiancato</font></i>),
 +la motivazione del soprannome potrebbe essere dal mestiere del capostipite,
 +che potrebbe essere stato un <i><font color="#3333FF">magister calicarius</font></i>
 +(<i><font color="#666666">muratore specializzato nell'intonacatura e finitura
 +a calce dei muri</font></i>), o anche semplicemente dal fatto di abitare
 +la famiglia in una casa molto bianca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calleri ha un ceppo nel cuneese a Carrù e Mondovì ed a Torino
 +ha un ceppo a Genova ed Albenga (SV), ma il nucleo principale è
 +a Scordia nel catanese ed a Palazzolo Acreide, Siracusa e Canicattini Bagni
 +nel siracusano, i ceppi liguri e piemontesi sarebbero quindi dovuti al
 +fenomeno dell'emnigrazione dal sud, potrebbero perciò derivare da
 +una forma dialettale originata dal termine greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i>(<i><font color="#999999">bello</font></i>),
 +ma molto probabilmente si tratta semplicemente di una forma alterata del
 +cognome Callari (<font color="#CC33CC">vedi CALLARI</font>), l'ipotesi che porta a far derivare i Calleri del nord
 +da toponimi come Moncalieri o Pancalieri nel torinese è abbastanza
 +poco probabile.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Calleri è cognome siciliano e calabrese ed è la italianizzazione
 +del cognome greco <i><font color="#3333FF">Kalleris</font></i>. Nel XVIII
 +secolo era il nome di un notaio a Oppido. Rohlfs 60.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLOCCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, del centro Italia, probabilmente laziale o abruzzese,
 +dovrebbe derivare da una modificazione del nome greco Kalò o dell'aggettivo
 +kalos (bello), ma è pure possibile che sia originato da un soprannome
 +legato al vocabolo calocchia (pertica usata per battere il grano).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLONE
 +<br>CALLONI
 +<br>CALONE
 +<br>CALONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Callone, assolutamente rarissimo, ha presenze nell'area comasca, varesotta,
 +milanese e verbanese ed un piccolissimo ceppo nel beneventano, Calloni
 +ha un nucleo lombardo nel milanese a Buscate, Arconate, Dairago, Agrate
 +Brianza, Monza, Milano, Arcore, Inveruno, Cernusco sul Naviglio e Bresso
 +e nella vicina Busto Arsizio nel varesotto, ed un ceppo in Toscana nel
 +pisano a Palaia e Pontedera, Calone ha un piccolo ceppo nel varesotto ed
 +uno nel napoletano, Caloni ha un ceppo nell'area milanese ed uno tra senese,
 +aretino e perugino, dovrebbero derivare, direttamente o attraverso mutazioni
 +dialettali, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Calone</font></i>
 +una forma arcaica per <i><font color="#999999">Carlone</font></i> o <i><font color="#999999">Carlomagno</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nei <i><font color="#3366FF">Codices Traditionum
 +Ecclesiae Pataviensis, olim Laureacensis</font></i>, nell'anno 795 in un
 +testo che così si conclude: "<font color="#CC33CC">...et haec sunt
 +testes qui audierunt et uiderunt hanc traditionem Rantolf comis. Into Chuntilo.
 +Perri. Ratolt. Pero, Taozi. Adalhart. Itto. Clauperht. Isanker. Aotker.
 +Adalhaoh. Kerhaoh. Ato. Siquis uoluerit hanc traditionem frangere aut ego
 +aut alius de heredibus et coheredibus meis. primum iram dei incurrat omnipotentis
 +et habeat luctam cum sancto Stephane coram deo et angelis ejus et haec
 +traditio. firma permaneat et est factum in III id. aprilis anno XXVII regni
 +</font><font color="#FF0000">Caloni </font><font color="#CC33CC">regis
 +</font><font color="#000000">(nel 768 iniziò il regno di Carlomagno)</font><font color="#CC33CC">.
 +</font>.", ma potrebbero anche derivare dal termine latino <i><font color="#3366FF">calones</font></i>,
 +una sorta di manovalanza militare addetta alla funzione di attendenti (<i><font color="#999999">domestici</font></i>)
 +o portatori presso le antiche legioni romane, ne leggiamo nel <i><font color="#3366FF">De
 +bello gallico</font></i> di C. Giulio Cesare: "<font color="#CC33CC">...Horum
 +adventu tanta rerum commutatio est facta, ut nostri, etiam qui vulneribus
 +confecti procubuissent, scutis innixi proelium redintegrarent, </font><font color="#FF0000">calones</font><font color="#CC33CC">
 +perterritos hostes conspicati etiam inermes armatis occurrerent, equites
 +vero, ut turpitudinem fugae virtute delerent, omnibus in locis pugnantes
 +studio se legionariis militibus praeferrent....</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">su suggerimento di Nicola Caloni</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALLOZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Callozzo, quasi unico, sembrerebbe siciliano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale siciliano arcaico <i><font color="#3333FF">caddròzzu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sciocco</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALMI
 +<br>CALMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calmi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe essere dovuto ad errate trascrizioni
 +del cognome Calmo, che è decisamente meridionale, assolutamente
 +rarissimo, ha piccole presenze in Campania ed in Sicilia e presenta un
 +piccolissimo ceppo nel foggiano, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Calmus</font></i> di cui abbiamo un esempio in
 +questo atto del 1221: "<font color="#CC33CC">Ego, Matheus de Tosquin, notum
 +facio omnibus presentes litteras inspecturis, quod de mandato domine mee
 +Blanchie, comitisse Trecensis palatine, ivi apud Joviniacum ad recipienda
 +juramenta militum castellarie Joviniaci et burgensium ejusdem castri, quod
 +si do minus P., comes Joviniaci, deficeret quod non redderet dicte comitisse
 +vel Th. comiti, nato ejus, quandocumque ab eis fuerit requisitus, castrum
 +Joveniaci, quod est jurabile et reddibile eis, dicti milites et burgenses
 +ex tunc se tenerent ad dominam comitissam, vel comitem natum ejus supradictos.
 +Hec sunt nomina eorum qui juraverunt: dominus Petrus de Chevallo; dominus
 +Renaudus de Septempilis; .... Vilanus Piscator; </font><font color="#FF0000">Calmus</font><font color="#CC33CC">,
 +frater ejus; Uroz; .... ex parte vero domine Comitisse superius nominate;
 +presentibus domino Theobaldo de Buoterio, et me Matheo de Tosquin. In cujus
 +rei testimonium, feci fieri presens scriptum, sigilli nostri munimine roboratum.
 +Actum, anno Gracie Mº CCº vicesimo primo, ipsa die Epifanie.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALO
 +<br>CALO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Calo che Calò sono molto comuni in Puglia con un ceppo
 +anche nel palermitano ed uno nel romano il primo ed in Irpinia il secondo,
 +derivano dal nome Calò derivato dal termine greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bello</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALOFARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calofaro, quasi unico, sembrerebbe siciliano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale siciliano <i><font color="#3333FF">calòfaru</font></i>
 +(<i><font color="#666666">garofan</font></i>o).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALONACI
 +<br>CALONICI
 +<br>CALONICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calonaci è un cognome molto raro, specifico toscano, del fiorentino
 +in particolare con ceppi nel livornese e nel senese, Calonici, anch'esso
 +molto raro, è tipicamente emiliano, Calonico invece, un poco più
 +diffuso ha un ceppo nel cosentino, in particolare a San Sosti, uno nel
 +salernitano, uno a Cerignola nel foggiano e rare presenze qua e là
 +anche al nord, derivano dal vocabolo medioevale toscano <i><font color="#3366FF">calonaca</font></i>
 +(<i><font color="#999999">canonica</font></i>), o dal termine arcaico <i><font color="#3366FF">calonico</font></i>
 +(<i><font color="#999999">canonico, chierico</font></i>), il termine <i><font color="#3366FF">calonaci</font></i>
 +è stato usato ad esempio a Firenze da Giovanni Villani
 +nel suo <font color="#3366FF">Nuova Cronica</font>: "<font color="#CC33CC">...sconfitto
 +il vescovo e sua gente, e morìvi il sire di Falcamonte, e più
 +altri gentili uomini e de' </font><font color="#CC0000">calonaci</font><font color="#CC33CC">,
 +e dell'una parte e dell'altra...</font>" o anche a Pisa, dove nell'archivio
 +di stato si legge: ".<font color="#CC33CC">..Domino Rinaldo da Riva di
 +Mantova potestà anno uno, 1279. Fu chiamato per li </font><font color="#CC0000">calonaci</font><font color="#CC33CC">
 +di Pisa arciveschovo di Pisa ...</font>" e a Lucca: "<font color="#CC33CC">...L'anno
 +di .MCCXIIII Ingherame da Porcari fu podestà di Luccha contra la
 +voluntà de' grandi homini .. ... Allora vennero li </font><font color="#CC0000">calonaci</font><font color="#CC33CC">
 +con le croci et colle reliquie santi per difentione del Podestà
 +vecchio. E in quel dì misse bando Ingherame, che alcuno raunamento
 +non si dovesse fare se non al suo consiglio...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALONGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calonghi, abbastanza raro, sembrerebbe della zona tra cremonese e bresciano,
 +potrebbe derivare dal nome di una località ormai scomparsa, anche
 +se non si può escludere una derivazione da una forma arcaica dell'etnico
 +di Calusco nella bergamasca o di Colonius (Cologno al Serio sempre nel
 +bergamasco).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALOPRESTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro è tipico del reggino dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bello, buono</font></i>) e dal vocabolo dialettale
 +<i><font color="#3366FF">presti </font></i>(<i><font color="#666666">prete</font></i>)
 +e starebbe per <i><font color="#666666">Buonprete</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALOR
 +<br>CALORA
 +<br>CALORE
 +<br>CALORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calor è praticamente unico, Calora è specifico di Santa Cesarea
 +Terme e Castro nel leccese, Calore è specifico di Padova con ceppi
 +anche nel padovano e nel veneziano, e nel Lazio, probabilmente trasferitisi
 +a seguito della bonifica delle Paludi Pontine, Calori ha un ceppo tra bolognese
 +e ferrarese ed uno a Roma, dovrebbero derivare, direttamente o ytamite
 +alterazioni dialettali, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Calor, Caloris</font></i><font color="#000000">
 +attribuito a figli molto desiderati e che avrebbero riscaldato con la loro
 +presenza la casa.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALOSSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calosso è ben presente in Piemonte, in particolare nell'astigiano
 +ad Asti, San Damiano d'Asti, Canelli e Nizza Monferrato ed a Torino, potrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Calocius</font></i>,
 +nel 1400 a Genova troviamo un incisore chiamato Calocius de Guisulfis.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Calosso deriva dal nome del comune astigiano di Calosso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALTABELLOTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del palermitano, di Lercara Friddi (PA) in particolare.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornte da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>molto raro, originario del palermitano, deriva dal toponimo Caltabellotta
 +(AG).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caltabellotta è cognome e toponimo in provincia di Catania.
 +Il nome deriva dall'arabo <i><font color="#3333FF">Qal'at-al-ballut</font></i>
 += <i><font color="#666666">castello delle querce</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALTAGIRONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della Sicilia centrooccidentale, ha un ceppo secondario anche a
 +Roma, dovrebbe derivare dal toponimo Caltagirone (CT).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caltagirone è cognome e toponimo siciliano, viene dall'arabo
 +<i><font color="#3333FF">Qal'at-al-ghiràn</font></i> = <i><font color="#666666">castello
 +delle grotte</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALTANISSETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caltanissetta, assolutamente rarissimo, è siciliano, dovrebbe derivare
 +dal toponimo Caltanissetta, potrebbe avere origini ebraiche.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Caltanissetta è cognome e toponimo siciliano, è composto
 +da <i><font color="#3333FF">Nissa</font></i>, nome di un'antica località
 +prima sicana e poi greca, al quale gli Arabi unirono la voce <i><font color="#3333FF">Qal-at</font></i>
 += <i><font color="#666666">castello</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALU
 +<br>CALU'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calu è praticamente unico, dovrebbe essere un errore di trascrizione
 +di Calù che, assolutamente rarissimo, è specifico del reggino,
 +dovrebbero derivare da un soprannome dialettale derivato da un'alterazione
 +del nome <i><font color="#3333FF">Calò</font></i>, a sua volta derivato
 +dal termine greco <i><font color="#3366FF">kalos</font></i> (<i><font color="#666666">bello</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALUBANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calubani, assolutamente rarissimo, sembrerebbe romagnolo, dovrebbe derivare
 +dal nome della località Calubano nel forlivese, situata nella zona
 +appenninica tra Dovadola e Modigliana, probabilmente il luogo d'origine
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALUSI
 +<br>CALUSIO
 +<br>CALUSSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calusi, molto molto raro è tipico di Firenze e di Poggibonsi nel
 +senese, Calusio è quasi unico, Calussi è tipico dell'aretino,
 +di Cortona ed Arezzo, di Grosseto e di Montepulciano nel senese, dovrebbe
 +derivare dal nome tardo latino medioevale <i><font color="#3366FF">Calusius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel trattato <i><font color="#3366FF">Caroli
 +Boucheroni de Thomas Valperga Calusio</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Sed
 +contentiosa haec philosophia suos habuit lacertos, et optime de posteris
 +merita dicenda est, cum per tria et amplius secula a summis viris post
 +Lanfrancum et Anselmum nobilitata, quidquid doctrinarum a barbaria et vastationibus
 +reliquum erat, infestissima aetate servaverit. Ita sentiebat </font><font color="#FF0000">Calusius</font><font color="#CC33CC">;
 +qui enim Baconem laudabat, quod homines ad meliora studia revocasset, non
 +minus aequum in scholasticos se ostendebat, Aquinatis et aliorum opera
 +digito plus semel indicando, unde complura derivaverant recentiores. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVANESE
 +<br>CALVANESI
 +<br>CALVANISE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvanese è specifico del napoletano e salernitano, Calvanesi e
 +Calvanise dovrebbero essere dovuti ad un errore di trascrizione, dovrebbero
 +derivare dal toponimo Calvanico (SA).&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Salerno nel XV° secolo con il magistrato cittadino Angelo
 +Calvanese di Salerno, a Striano (NA) nella seconda metà del 1700
 +con il parroco don Gennaro Calvanese, nello stesso periodo a Castel San
 +Giorgio (SA) i Calvanese sono tra i magguiorenti della città.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVANI
 +<br>CALVANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvani è tipico della fascia centrale che comprende Toscana, Marche,
 +Umbria e Lazio, con un ceppo anche nel barese, Calvano ha ceppi nel teatino,
 +nel Lazio meridionale, nella Campania e nella Puglia settentrionale e nel
 +cosentino, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Calvanus</font></i>, ma è pure possibile
 +una derivazione dal toponimo Calvano nel beneventano o dal Monte Calvano
 +in Toscana, tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Barletta nel
 +1655 in una bolletta: "<font color="#CC33CC">Don Fabrizio Capece Bozzuto
 +paga ducati 50 a mastro </font><font color="#FF0000">Onofrio Calvano</font><font color="#CC33CC">
 +marmoraro in nome e per parte di Trojano Marulli, suo genero, in conto
 +di ducati 170 per tutto il prezzo di marmi bianchi e mischi di buona qualità
 +e condizione mandati nella cappella di detto Trojano e nel tumulo del "quondam"
 +Sebastiano Marullo, suo padre...</font>", a Conversano (BA) in un atto
 +del 1659: "<font color="#CC33CC">Informatione a querela del canonico Giovanni
 +Antonio Franco contro il canonico Francesco Paolo de Paulo clerico Santo
 +fratelli clerico </font><font color="#FF0000">Sabino Calvano</font><font color="#CC33CC">
 +don Sante Attolino ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVARI
 +<br>CALVARIO
 +<br>CALVERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvari, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel piacentino, uno nel
 +maceratese, uno a Roma ed uno nel reggino, Calvario ha un ceppo a Roma
 +e ad Anagni nel frusinate, uno a Bari e Molfetta nel barese ed uno a Villabate
 +nel palermitano, Calveri, molto raro, ha un ceppo a Roma ed uno a Messina
 +e nel vicino reggino, potrebbero derivare dal nome personale latino <i><font color="#3366FF">Calvarius</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Calverius</font></i>, ma è pure possibile
 +che derivino dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Calvario</font></i>
 +attribuito ai figli in memoria ed onore della Passione di Cristo.&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad Ajaccio in Corsica almeno
 +dalla prima metà del 1500, quando il Nobile Quilico Calvari è
 +Consigliere della Città di Ajaccio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVARUSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvaruso è tipicamente siciliano, concentrato ad Alcamo nel trapanese
 +ed a Palermo, dovrebbe derivare dal toponimo siciliano Calvaruso nel messinese.&nbsp;
 +A Bafia nel messinese nel 1700 si trovano tracce di questa cognominizzazione
 +con il Sacerdote Francesco Calvaruso: "<font color="#CC33CC">...tiene l'obligo
 +di far celebrare una messa per ogni giorno festivo e di precetto in tutto
 +l'anno, e nel giorno di detto Santo si deve fare sodisfare sei messe lette
 +et una messa cantata per l'anima del quondam sac. </font><font color="#FF0000">Francesco
 +Calvaruso</font><font color="#CC33CC">; per la sodisfazione del qual legato
 +possiede suddetta chiesa un loco di celsi, terreno scapulo, pochi olivi
 +et una casa; et in detto loco esiste sudetta Chiesa di Santo Nicolao, quale
 +non tiene mobile, ma viene governata come sopra...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVELLI
 +<br>CALVELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00calvello.gif" nosave="" align="RIGHT" width="35" height="55"><font size="-1">Calvelli, abbastanza raro, ha un nucleo nel fiorentino, che potrebbe derivare
 +dal nome del Monte Calvello o della Località Calvello in Val di
 +Fiora, uno nel cosentino ed uno in Puglia che dovrebbe derivare dal paese
 +di Montecalvello nel foggiano, Calvello, abbastanza raro, è tipico
 +della Basilicata della cui regione dovrebbe essere originario, dovrebbe
 +derivare, così come il ceppo calabrese del precedente, dal toponimo
 +Calvello nel potentino.&nbsp; Fin dal 1300 si hanno tracce dei De Calvello,
 +si ricorda un feudatario siciliano Giovanni De Calvello cui vennero affidate
 +dall'imperatore terre nella zona di Caltanissetta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Hanno un ceppo a Bitti (NU) ed uno a Olbia (SS), dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">calvesa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">calvizie</font></i>), e dovuto probabilmente
 +a caratteristiche fisiche del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVETTA
 +<br>CALVETTI
 +<br>CALVETTO
 +<br>CALVI
 +<br>CALVO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvetta, assolutamente rarissimo, è romano, Calvetti è presente
 +nell'area che comprende il Piemonte, la Lombardia ed il veronese e basso
 +trentino, con un ceppo anche tra fiorentino e pisano, Calvetto è
 +specifico di Piscina e Cumiana nel torinese, Calvi è diffuso in
 +tutt'Italia, Calvo ha un ceppo nella Sicilia orientale, un ceppo nel crotonese
 +ed uno molto consistente nel Piemonte occidentale, possono avere diverse
 +origini, direttamente o tramite ipocoristici, o dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Calvus</font></i>,
 +o da soprannomi legati alla forma della testa (in latino <i><font color="#3366FF">calva</font></i>
 += <i><font color="#999999">cranio</font></i>) o a caratteristiche fisiche,
 +in molti casi l'origine è la provenienza da un toponimo iniziante
 +con Calvi, come ce ne sono molti in Italia (Es. Calvi (BN) - (TR) - (CE)
 +- (PV) ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvia è tipicamente sardo del sassarese, di Alghero, Sassari, Ittiri,
 +Porto Torres e Mores, con un ceppo anche a Berchidda in Gallura.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CALVIA: o Carbia: nome di un antica e mitica città, fondata
 +presumibilmente in periodo Fenicio, intorno all'VIII° - VII° secolo
 +a. Cr. assurta a massimo splendore in periodo romano. I cui resti, attualmente
 +oggetto di scavi archeologici, per conto delle Soprintendenze di Sassari
 +e di Nuoro, si trovano nelle vicinanze di Alghero, nei pressi della necropoli
 +di Monti Carru. In periodo medioevale fu "villa" (bidda - centro abitato)
 +appartenente alla Curadorìa di Nulàuro, del regno giudicale
 +di Torres, e fu possedimento privato dei Doria sino al 1272, ma dopo la
 +fine del regno turritano, negli ultimi anni del XIII° secolo, fu abbandonata:
 +no si conoscono ancora le cause del suo abbandono! L'etimologia di Carbia
 +è tuttora oscura; trattasi, secondo alcuni esperti di voce preromana.
 +Il canonico Spano la fa derivare dal fenicio Kar-bia = città di
 +piacere. Noi in proposito non abbiamo niente da aggiungere. Come cognome,
 +sempre preceduto da "de", ad indicare la provenienza, lo ritroviamo negli
 +antichi documenti della lingua sarda. Tra i firmatari della Pace di Eleonora,
 +*LPDE del 1388, figurano: Carbia (de) Agustino, majore(amministratore,
 +sindaco) ville Setini (*odierno Sedini. Contrate de Anglona - Chiaramonte);
 +Carbia (de) Anthonio, ville Gurrutta (* odierno Borutta(Meylogu). Contrate
 +de Ardar et Meylogu); Carbia (de) Comita, ville Semestene(* odierno Semestene.
 +Curatorie de Costa de Valls ; Carbia (de) Joanne, ville Semestene ; Carbia
 +(de) Leonardo, jurato(guardia giurata, collaboratore del majore) ville
 +Seneghe (*odierno Seneghe-Contrate Partis de Milis); Carbia (de) Petro,
 +jurato ville Orani; Carbia (de) Petrus, ville Sasseri; Carbia (de) Santoro,
 +jurato ville Ardar (*odierno Seneghe(Contrate Partis de Milis); Carbia
 +Franciscus, ville Sasseri; Carbia(de) Barçolo, ville Setini ; Carbia(de)
 +Francisco, ville Gocille ( *villaggio Distrutto - Curatorie de Anella);
 +Carbia(de) Guantino, ville Burgi (*odierna Burgos, fondata da Mariano IV,
 +padre di Eleonora - Curatorie de Anella); Carbia(de) Joanne, jurato ville
 +Cossein (*odierno Cossoine. Contrate Caputabas). Nel Condaghe di San Pietro
 +di Silki, *CSPS, XI°, XIII° sec. troviamo: Carbia (de) Ithoccor
 +e Carbia (de), Thippari (79 - si tratta probabilmente di due fratelli,
 +che poi ritroviamo ai cap. 100 e 107 con la variante de Carvia), in una
 +lite (kertu) per il possesso di servi. Carbia (de) Janne, kertu de ancilla
 +(80 - in una lite per il possesso di una serva). Carbia (de) Petru, kertu
 +de servis (111 - sempre in una lite per il possesso di servi). Sempre con
 +la variante de Carvia troviamo: Carvia (de) Dorgotori (130 -postura = donazione);
 +Carvia (de) Comita(107- kertu de servis). Nel Condaghe di San Nicola di
 +Trullas, *CSNT, XI°, XIII° sec., troviamo il cognome nelle due
 +varianti de Carbia e de Carvia, riferiti alle stesse persone. Carbia o
 +Carvia (de) Barusone, figlio di Furatu, fratello di Comita e Pietro e di
 +Furata e Mariane (sos de Carvia), in una vendita di terre in Balle(valle)
 +de Mela e in Sorcariu (due località poco a sud ovest del centro
 +abitato di Semestene - centro abitato di 227 abitanti - prov. Sassari -
 +Meilogu -&nbsp; appartenente all'antica Curadorìa Costavalle o Costa
 +de Valls). Non v'è dubbio che si tratti di un casato di antica nobiltà
 +terriera sarda. Sos de Carbia o Carvia citati nel Condaghe, oltre ad essere
 +proprietari di terre, avevano anche incarichi di rilievo nel regno giudicale
 +di Torres: Mariane de Carbia(117) era maiore de scolca, cioè capo
 +della scorta armata di vigilanza ai confini; Gosantine de Carbia(32) era
 +marito di&nbsp; Elene de Thori (i de Thori costituivano una delle più
 +potenti famiglie della Sardegna Giudicale); Mariane de Carbia (diverso
 +dal precedente) era armentariu de rennu( amministratore generale del giudicato),
 +etc. Attualmente il cognome Calvia è presente in 62 Comuni d'Italia,
 +di cui 34 in Sardegna: Alghero 62, Sassari 41, Berchidda30, Ittiri 29,
 +P. Torres 27, Mores 23, Oniferi 17, Torralba 13, etc. Come si nota la maggiore
 +diffusione del cognome si registra nell'area Alghero - Sassari come nei
 +tempi antichi. Sulla mitica città di Carbia, forse una delle prime
 +vere e proprie città della Sardegna antica, dovremmo attendere i
 +risultati degli scavi ancora in corso. Per saperne di più: visita
 +il sito - Carbia antica città - Carbia la memoria di Alghero nel
 +museo archeologico etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calviani, assolutamente estremamente raro, è del centro Italia,
 +forse toscano, dovrebbe derivare dal nome medioevale Calviano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVINA
 +<br>CALVINI
 +<br>CALVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvina è ormai unico, Calvini ha un ceppo a San Remo nell'imperiese
 +ed uno molto piccolo a Roma, Calvino ha un ceppo a Roma, uno a Napoli ed
 +un ceppo in Sicilia nel trapanese a Trapani ed Erice, con presenze a Palermo,
 +a Caltanissetta e nell'ennese, dovrebbero derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Calvinus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Calvina</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel De Vita Caesarum - Divus Iulius di Svetonio:
 +"<font color="#CC33CC">..Omnibus civilibus bellis nullam cladem nisi per
 +legatos suos passus est, quorum C. Curio in Africa periit, C. Antonius
 +in Illyrico in adversariorum devenit potestatem, P. Dolabella classem in
 +eodem Illyrico, </font><font color="#FF0000">Cn. Domitius Calvinus</font><font color="#CC33CC">
 +in Ponto exercitum amiserunt. Ipse prosperrime semper ac ne ancipiti quidem
 +umquam fortuna praeterquam bis dimicavit; semel ad Dyrrachium, ubi pulsus
 +non instante Pompeio negavit eum vincere scire, iterum in Hispania ultimo
 +proelio, desperatis rebus etiam de consciscenda nece cogitavit...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVISE
 +<br>CALVISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calvise. assolutamente rarissimo, sembrerebbe di Pescara, Calvisi è
 +tipico de L'Aquila e provincia, dovrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Calvisius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio negli <i><font color="#3366FF">Annales</font></i>
 +di Tacito: "<font color="#CC66CC">...Appius Silanus Scauro Mamerco simul
 +ac </font><font color="#FF0000">Sabino Calvisio</font><font color="#CC66CC">
 +maiestatis postulantur,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALVOSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo a Laino (CS) ed uno a Castrovillari (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZAFERRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzaferri è tipicamente lombardo, dell'alto bergamasco, di Clusone
 +in particolare e dell'alto bresciano, di Malonno soprattutto, il cognome
 +dovrebbe derivare dal nome della località di Calzaferro di Malonno
 +nel bresciano, ma non si può escludere che derivi invece dall'attività
 +del capostipite, che probabilmente produceva cotte di maglia: una specie
 +di tunica fatta di molti, piccoli anelli di ferro fittamente collegati
 +fra loro., utilizzati dagli armati nel medioevo come prima difesa, pur
 +proteggendo il corpo dai colpi delle armi da taglio, la zona tra alto bergamasco
 +e bresciano, ricca di minerali di ferro e di fucine, si specializzò
 +anticamente nella produzione militare di armi ed armature.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZATI
 +<br>CALZATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzati è tipico del bolognese di San Giovanni in Persiceto e di
 +Bologna, Calzato, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'alessandrino,
 +potrebbero derivare da riferimenti a conventi dei frati agostiniani, ai
 +carmelitani od ai trinitari calzati, varie congregazioni religiose, cui
 +potrebbero aver aderito, con varie funzioni laiche, i capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZAVACCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome la cui origine dovrebbe
 +essere bresciana, dovrebbe derivare da un soprannome legato ad un mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZAVARA
 +<br>CALZAVARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzavara è tipico del Triveneto, in particolare di Venezia, Mirano,
 +Santa Maria di Sala, Mira, Pianiga, Martellago, Dolo e Spinea nel veneziano
 +e di Campodarsego, Vigonza e Padova nel padovano, Calzavari è praticamente
 +unico ed è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del
 +precedente, dovrebbero derivare da termini arcaici semidialettali per calzolaio
 +o produttore di scarpe, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Venezia nell'Archivio di Stato dove troviamo i notai Andrea Calzavara
 +operante dal 1638 al 1686, Angelo Calzavara operante dal 1651 al 1680&nbsp;
 +e Luca Calzavara dal 1668 al 1716.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lo si trova qua e là in
 +Italia, senza una vera e propria zona elettiva, forse sono varie le aree
 +di origine, che potrebbero essere la provincia di La Spezia, il Lazio,
 +gli Abruzzi e la Sicilia. Il cognome potrebbe derivare da un soprannome
 +legato ad un mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZOLAI
 +<br>CALZOLAIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzolai è specifico fiorentino, Calzolaio tipico del sud, ha un
 +ceppo tra napoletano e casertano ed uno tra barese e tarantino, derivano
 +da un soprannome originato dal mestiere di calzolaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZOLARE
 +<br>CALZOLARI
 +<br>CALZOLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzolari è tipico della zona che comprende le province di Reggio
 +Emilia, Modena, Bologna e Ferrara, Calzolaro è specifico della zona
 +sudoccidentale della penisola salentina, Calzolare è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, derivano da un soprannome
 +originato dal mestiere di calzolaio.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazionie e diversa ipotesi
 +fornite da Giancarlo Calzolari</font></font>
 +<br>Il cognome Calzolari non è un soprannome derivato dal mestiere
 +di calzolaio ma deriva la sua origine, come&nbsp; Fabbri, Speziali ed altri
 +<br>cognomi, dalle corporazioni medievali. Non è un caso che questo
 +cognome sia diffuso proprio nelle città dove esistevano le antiche
 +corporazioni. Questo naturalmente non esclude che le persone indicate con
 +il cognome facessero i calzolai. Un esempio di cognome tipicamente professionale
 +è invece Calligari, Ciabattini e Ciabattoni, Scarpari ed altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CALZONE
 +<br>CALZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Calzone ha un ceppo a Reino nel beneventano, uno nel foggiano a Casalvecchio
 +di Puglia ed uno in Calabria a Roccabernarda nel crotonese e Mileto e Briatico
 +nel valentiano, Calzoni è invece tipico del centronord, del bresciano,
 +dove potrebbe derivare dal toponimo Calzoni nel veronese, del bolognese
 +e del perugino, potrebbero derivare da modificazioni dialettali di nomi
 +di località come il castello del Calcione nell'aretino o il molisano
 +contrada Colle Calcione o anche come l'isola di Calcioni nel mar Egeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +
 +
 +
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPILI
 +<br>CAMPILIA
 +<br>CAMPILLI</font></font></b><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPIONE
 +<br>CAMPIONI</font></font></b>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campili ha un ceppo a Terni ed uno a Roma, Campilia, molto molto raro,
 +sembrerebbe tipico del maceratese, di Pollenza nel maceratese in particolare,
 +Campilli è specifico di Roma, questi cognomi dovrebbero derivare
 +da nomi di località, in epoca medioevale con il termine <i><font color="#3333FF">campilia</font></i>
 +si definivano delle terre adibite a coltivazioni varie, amministrate da
 +una comunità di cittadini ed i cui frutti venissero distribuiti
 +tra i vari abitanti del paese, tracce di un principio di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio nel pisano in uno scritto del 1332: "<font color="#CC33CC">...Ser </font><font color="#FF0000">Cecchinus
 +de Campilia</font><font color="#CC33CC">. Mactheus Scarsus. Pasquinus de
 +Casciana not. M. p. Ser Bacciameus Tadi. Gorus Savini. Bartalus de Ripuli...</font>".</font>
 +<br />
 +Campione è tipicamente meridionale, con un ceppo campano, uno lucano,
 +uno pugliese ed uno, il più consistente in Sicilia, Campioni è
 +specifico del centronord, del Lazio in particolare, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Campione</font></i>, con il
 +significato di perfetto, senza difetti, attribuito da genitori entusiasti
 +del proprio figlio.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMAGNA
 +<br>CAMAGNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camagna sembrerebbe piemontese, Camagni invece ha un ceppo nel milanese
 +ed uno nel forlivese, dovrebbero derivare da nomi di località caratterizzate
 +dalla presenza di una casa (<i><font color="#3366FF">cà</font></i>)
 +grande (<i><font color="#3366FF">magna</font></i>), tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo in una <i><font color="#3366FF">Cartula venditionis</font></i>
 +del 1183 a Sartirana (PV): "<font color="#CC33CC">...Anno dominice incarnacionis
 +millesimo centesimo octuagesimo tercio, sesto die kalendas februarii, indictione
 +prima. </font><font color="#FF0000">Nicolaus Camagna</font><font color="#CC33CC">
 +filius Lafranci , vivens lege Lombarda, consensu eiusdem genitoris sui
 +vendidit Petro de Rizolo et fratris suis germanis, filiis quondam Viviani,
 +peciam unam terre ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMAIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camaioni è ben radicato nell'area che comprende il teramano ed il
 +Piceno, nel Piceno a San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno, Spinetoli
 +e Monsampolo del Tronto e nel teramano a Martin Sicuro, Sant`Omero, Alba
 +Adriatica e Nereto, con un piccolo ceppo secondario anche a Roma, potrebbero
 +derivare dal toponimo Camaioni di Montelupo Fiorentino nel fiorentino,
 +o dal toponimo omonimo nel pratese, nel 1260, dopo la battaglia di Montaperti
 +che segnò la sconfitta dei guelfi fiorentini, molti guelfi emignarono
 +in terre più amiche perchè sotto il saldo dominio pontificio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMANA
 +<br>CAMANINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camana è assolutamente raro,
 +probabilmente della zona che comprende il novarese, e il varesotto, Camanini
 +è di origine bresciana. La derivazione di questi cognomi è
 +complessa, data l'ubicazione, dovrebbe derivare da un nome di località
 +svizzera, la Val Camana nel Canton Ticino, ma esiste anche una teoria che
 +li fa derivare dal toponimo spagnolo Camanas, paesino di montagna spagnolo
 +della provincia di Teruel in Aragona. Per il cognome Camanini, ci è
 +stata proposta da un diretto interessato una teoria che lo farebbe derivare
 +dal nome della val Camonica, deriverebbe quindi dall'etnico Camuni, popolo
 +che ha dato il nome appunto a quella valle.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMANDONA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camandona è specifico dell'area che comprende le province di Torino
 +e Vercelli, dovrebbe risalire agli inizi del 1800 e derivare dal toponimo
 +Camandona nel biellese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMARATA
 +<br>CAMMARATA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camarata sembrerebbe specifico di Randazzo nel catanese, Cammarata invece
 +è un cognome tipicamente siciliano molto diffuso in tutta l'isola,
 +dovrebbero entrambi derivare dal toponimo Cammarata (AG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMARDA
 +<br>CAMARDI
 +<br>CAMARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camarda sembra specifico della Sicilia settentrionale con un ceppo
 +nel brindisino, gli altri due sono abbastanza rari e specifici del materano,
 +con possibili ceppi, probabilmente secondari, nel catanese e in Abruzzo
 +e Molise, dovrebbero derivare da toponimi come Camarda (MT), nome antico
 +di Bernalda, Camarda (AQ) o Camarda tra Campania e Basilicata come si capisce
 +da un testo della fine del 1400 : "<font color="#CC33CC">...Ad Berardino
 +de Bernaudo, per mercè et excambio de Fontanarosa, sopra li pagamenti
 +fiscali de Monte Acuto et </font><font color="#FF0000">Camarda</font><font color="#CC33CC">
 +et sopra li casali de Cusencza per anno ducati ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Camarda è un cognome siciliano, calabrese, lucano e salentino.
 +Viene dal calabrese <i><font color="#3333FF">camarda</font></i>&nbsp; =
 +<i><font color="#666666">macchia di cespugli</font></i>, dal greco tardo
 +<i><font color="#3333FF">kamarda</font></i> = '<i><font color="#666666">sorta
 +di tenda</font></i>'. La voce greca ha dato origine anche al toponimo Camarda
 +in provincia di Matera,</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMARDELLA
 +<br>CAMARDELLI
 +<br>CAMARDELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camardella, abbastanza raro, ha vari ceppi, uno piccolo a Roma, uno a Napoli
 +e nel napoletano ad Ercolano, Arzano e Portici, uno nel foggiano a San
 +Giovanni Rotondo e Lesina, ed a Bari e Casamassima nel barese, uno a Melfi
 +nel potentino ed a Pisticci nel materano, Camardelli, estremamente raro,
 +è tipico del centrosud, Camardello, praticamente unico, è
 +del napoletano, si dovrebbe trattare di una forma etnica riferita ad un
 +toponimo Camarda presente ad esempio in Abruzzo, Campania e Basilicata
 +(<font color="#CC33CC">vedi CAMARDA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMARLINGHI
 +<br>CAMERLENGHI
 +<br>CAMERLENGO
 +<br>CAMERLINGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camarlinghi è tipicamente toscano, con un ceppo a Firenze, Lastra
 +a Signa e Barberino del Mugello nel fiorentino, a Santa Croce sull'Arno
 +nel pisano ed a cecina nel livornese, Camerlenghi, molto molto raro, ha
 +un piccolissimo ceppo lombardo, soprattutto nel mantovano, ed uno a Genova,
 +Camerlengo ha un ceppo a Verona, uno piccolo nell'ascolano a Montegranaro
 +ed a Monte San Giusto nel maceratese, uno a Roma e Tivoli nel romano ed
 +a Magliano Sabina nel reatino, uno ad Altavilla Irpina nell'avellinese
 +ed a Benevento, San Giorgio del Sannio e San Nicola Manfredi nel beneventano,
 +ed uno a Fasano nel brindisino, Camerlingo è tipico del napoletano,
 +di Giugliano in Campania, Napoli, Marano di Napoli, Villaricca, Pozzuoli,
 +Quarto e Qualiano, questi cognomi dovrebbero derivare dal termine medioevale
 +<i><font color="#3333FF">camerlengo</font></i> (<i><font color="#666666">tesoriere,
 +esattore</font></i>), italianizzazione del termine medioevale germanico
 +<i><font color="#3333FF">chamarlinc</font></i>, ad indicare che i capostipiti
 +svolgessero appunto anticamente quella mansione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMARRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome abruzzese originario della
 +provincia di Pescara, potrebbe derivare da un soprannome legato ad un toponimo
 +Camarda (AQ)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMASTRA
 +<br>CAMASTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camastra ha un ceppo nel barese a Grumo Appula, Castellana Grotte ed Altamura,
 +uno nel catanzarese a Botricello, Vallefiorita e Stalettì, ed uno
 +a Palermo, Camastro ha un ceppo a Sora nel frusinate ed a Roma, con rare
 +presenze al sud, relativamente a questi cognomi esistono almeno due ipotesi,
 +la prima è che derivano dal nome fenicio <i><font color="#3333FF">Kamastart</font></i>,
 +il nome anche di una divinità, la seconda propone una derivazione
 +da un soprannome basato sul termine dialettale <i><font color="#3333FF">camastra,
 +camastro</font></i> (<i><font color="#666666">la catena cui si appendono
 +i paioli nel focolare</font></i>), a sua volta derivato dal verbo greco
 +antico <font color="#3333FF">κρεμάσω <i>kremaso</i></font> (<i><font color="#666666">appendere</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMATA
 +<br>CAMATI
 +<br>CAMATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camata ha oggi un ceppo tra veneziano e trevigiano, ma dovrebbe essercene
 +stato anche uno nel sud della Sicilia, tra siracusano, ragusano e nisseno,
 +Camati, quasi scomparso in Italia, sembrerebbe avere due luoghi d'origine
 +uno nel meridione del paese, probabilmente in Calabria ed uno nel modenese,
 +Camato è quasi unico, dovrebbe essere dell'Italia del sud, dovrebbero
 +derivare da un soprannome riferito al mestiere dei capostipiti, probabilmente
 +originato dal termine greco <font color="#3333FF">χαμαί&nbsp; <i>camai</i>
 +</font>(<i><font color="#666666">terra</font></i>) o meglio ancora dal
 +termine sempre greco <font color="#3333FF">κάματος&nbsp; <i>kamatos</i></font>&nbsp;&nbsp;
 +(<i><font color="#666666">fatica</font></i>), intendendo che probabilmente
 +i capostipiti fossero <i><font color="#666666">lavoranti agricoli</font></i>
 +o comunque <i><font color="#666666">uomini di fatica</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMAZZOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camazzola è tipico della zona tra vicentino e trevisano, di Romanod'Ezzelino
 +nel vicentino e, nel trevigiano di San Zenone degli Ezzelini e di Borso
 +del Grappa.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gabriele
 +Farronato</font></font>
 +<br>Camazzole è una frazione del comune di Carmignano sul Brenta
 +(PD). I dalle Camazzole&nbsp; sono detti coloro che si sono trasferiti
 +nell'Asolano a Liedolo di San Zenone nel secolo XV°. Da qui si sono
 +poi sparsi anche nel Bassanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBA
 +<br>CAMBEDDA
 +<br>CAMBONI
 +<br>CAMBOSU
 +<br>CAMBULI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camba è specifico del sud della Sardegna, di Cagliari soprattutto
 +e di Quartu Sant'Elena, Selargius, Monserrato e Capoterra nel cagliaritano
 +e di Oristano, Cambedda, abbastanza raro, ha un nucleo nel cagliaritano
 +ed uno nel nuorese, Camboni è molto diffuso in tutta la Sardegna,
 +a Sassari, Ploaghe, Sennori, Ozieri, Olmedo e Sorso nel sassarese, a Cagliari,
 +Quartu Sant'Elena, Settimo San Pietro, Villaputzu e San Vito nel cagliaritano,
 +a Siniscola e Nuoro nel nuorese, a Giba, Carloforte e Carbonia nel carbonense,
 +Cambosu è specifico di Nuoro, Cambuli ha un ceppo a Nurallao, Cagliari
 +e Quartu Sant'Elena nel cagliaritano ed uno a Neoneli nell'oristanese,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o attraverso ipocoristici o accrescitivi,
 +da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3333FF">camba</font></i>
 +(<i><font color="#666666">gamba</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CAMBA; CAMBEDDA; CAMBONI; CAMBOSU; CAMBULI: <i><font color="#3333FF">sa
 +càmba</font></i> è <i><font color="#666666">la gamba</font></i>,
 +ma significa anche <i><font color="#666666">ramo</font></i>; <i><font color="#3333FF">sa
 +cambèdda</font></i> è <i><font color="#666666">l'osso della
 +gamba</font></i>, più conosciuto con nome <i><font color="#3333FF">sa
 +cannèdda</font></i> <i><font color="#3333FF">de sa càmba</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Sa cambèdda</font></i> è inoltre
 +<i><font color="#666666">la "guardia" del freno per le redini</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Camboni</font></i> è l'accrescitivo di
 +<i><font color="#3333FF">camba</font></i> &gt; <i><font color="#666666">gambone</font></i>,
 +ma è anche <i><font color="#666666">la bussola d'alcova</font></i>,
 +dal catalano <i><font color="#3333FF">cambrò</font></i>, con la
 +scomparsa della r (frequente nella lingua sarda). <i><font color="#3333FF">Cambosu</font></i>
 +&gt; gamboso, <i><font color="#666666">dalle gambe robuste o lunghe</font></i>?
 +<i><font color="#3333FF">Cambuli</font></i> potrebbe invece derivare, oltre
 +che da gamba, dallo spagnolo antico <i><font color="#3333FF">cambuj</font></i>,
 +nel significato di <i><font color="#666666">cuffia per i bambini</font></i>!
 +(<i><font color="#CC33CC">especie de capillo de lienzo que se pone a los
 +niños</font></i>). Sono cognomi presenti negli antichi documenti
 +della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388,
 +troviamo:&nbsp; Camba Nicolaus - de Aristanni; Cambella Dominigo, ville
 +Burgi. * Burgi de Gociano...odierna Burgos - fondata da Mariano IV, padre
 +di Eleonora. Curatorie de Anella; Cambella Joannes, ville Sasseri. ** Sasseri.Sassari.
 +Et nos Pugioni Anthonius et De Lacon Salatinus, cives Sasseri, sindici,
 +actores et procuratores.Marringoni Arsòcus potestas ac capitanus
 +civitatis Sasseri. Omnes cives congregatis in civitate Sasseri, apud ecclesiam
 +Sancte Caterine.presentibus Corda Jacobo, Magnispesa Francisco, De Mascara
 +Francisco. In die XIII mensis Januarii MCCCLXXXVIII - 1388. Cambone Gunnario,
 +jurato ville Culleri(Cuglieri** CULLERI.(attuale Cuglieri) CASTRI MONTIS
 +DE VERRO.in posse Salari Arsocho, notarii publici et etc. die X januario
 +1388. nisi bestiaris pastores.congregatis in villa de Guilciochor .in posse
 +Salari Arsoci, habitatoris Bose .notarii publici et etc. die X januari
 +1388; Cambone Petro, ville Bordigale. * BORTIGALE.odierno Bortigali. Curatorie
 +de Marghine de Gociano; Cambuli Echu, jurato ville Mahara. ** Contrate
 +Marmille.et ego Ferrali Agustinus, sindicus et c.etc. Contrate Marmille.seu
 +a Nicolao Longhu, castellano Contrate Marmille.habitatoribus, congregatis
 +in dicta villa Mahara Barbaraquesa (Villamar) ante ecclesiam Sancti Saturnini
 +(nisi pastores bestiarum) .in posse Virde Andrea, civitate Sasseri, Virde
 +Joannis filii.die XII januarii 1388; Cambuli Michaele - de Bosa. ** Bosa:
 +omnibus civibus et habitatoribus civitatis Bose.nisipastores.congregatis
 +intus Ecclesiam Beate Marie Virginis .die XV Januarii 1388, Cambuli Petro,
 +ville Selluri. ** Selluri - Sedduri - Seddori: odierno Sanluri. Et ego
 +Capula Marcus .sindicus, actor et procurator ville Selluri.seu a Petro
 +De Castay, locuntenente capitanei et Margiano Costa, locuntenente potestatis
 +terre Selluri et omnibus habitatoribus dicte terre, congregatis. X die
 +januarii 1388. Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°,
 +XIII° secolo, abbiamo: Camba Arzocco (138), prete di Segazos ( abitato
 +scomparso appartenente alla Curadorìa di Milis, del regno giudicale
 +di Arborea, i cui resti si trovano in agro di Riola Sardo, in località
 +Trogatzus); in uno scambio di terre: tramudarus vinias cun presbiteru Mellose
 +de Segazos.Cambuli Furada Buriga, figlia a (di) Ianni e sposa a Gosantine
 +Anione (167), in una partizione di servi: partivi cum donnu Troodori Coco
 +arkipiscopu. Coiuedi Goantine Anione , serbu de Santa Maria de Bonarcado,
 +cun Cambuli Furada, ankilla de Santa Maria de Aristanis.Nel Condaghe di
 +San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo, abbiamo: Camba
 +Dorgotori (183) in una compera di servi: comporaili a Petru de Serra pede
 +in Dorgotori Camba et.(ho comprato da Petru de Serra, un quarto(del servizio)
 +di Dorgotori Camba e.;Camba Maria (76), in una donazione: dona binia (vigne)
 +in Soricariu - in agro di Andronike; Camba Petru (240), in uno scambio
 +di servi: tramutai cun Petru de Serra Boe: isse deitimi latus(la metà,
 +del servizio) de Petru Camba et ego deitili III pedes de Maria Bacca (tre
 +quarti). Nel Condaghe di San Pietro di Silki, XI°, XIII° secolo,
 +abbiamo: Canbella&nbsp; Petru (51) armentario( amministratore di corte),
 +in una donazione a San Pietro (postura); Canbella Comita (100), teste in
 +una lite per la partizione della servitù (kertu de servis); Canbella
 +Furatu (131), in una donazione (postura); Canbella Petru(76), maiore de
 +scolca( comandante dei reparti di guardia dei confini), testimone in una
 +lite per la partizione della servitù (kertu de servis). Nel testo
 +del Fara "De Rebus Sardois" libri, III° e IV° troviamo citati:
 +Cambonus Basilius, canonicus Sorrensis (canonico in Sorres &gt; abitato scomparso;
 +appartenne alla Curadorìa del Meylogu nel regno giudicale di Torres
 +e sede della omonima diocesi, oggi non più esistente); Cambonus
 +Petrus, alleato del re di Spagna e da lui gratificato, allorquando Mariano
 +IV, Giudice d'Arborea,&nbsp; tentò con azioni militari la conquista
 +di tutta la Sardegna - anno 1369. Attualmente il cognome Camba è
 +presente in 32 Comuni italiani di cui 15 in Sardegna: Cagliari 113, Quartu
 +S. E. 23, Oristano 21, etc. Cambedda è presente in 46 Comuni italiani,
 +di cui 26 in Sardegna: Teulada 27, Nuoro 23, Cagliari 19, etc. Camboni
 +è presente in 156 Comuni italiani, di cui 65 in Sardegna: Sassari
 +71, Plaghe 62, Cagliari 62, Sennori 53, Quartu S. E. 38, etc. Cambosu è
 +presente in 9 Comuni italiani di cui 8 in Sardegna: Nuoro 44, Ozieri 6,
 +Sassari 6, Cagliari 5, Olbia 3, etc. Cambuli è presente in 38 Comuni
 +italiani di cui 18 in Sardegna: Nurallao 33, Cagliari 27, Neoneli 26.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBARAU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambarau è tipicamente sardo del cagliaritano, di Quartu Sant'Elena,
 +Cagliari, Decimoputzu e Capoterra, e di San Giovanni Suergiu e Carbonia
 +nel carboniense, dovrebbe derivare dal termine sardo <i><font color="#3333FF">cambaràu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">esattore, addetto alle riscossioni</font></i>),
 +un deverbale del verbo sardo <i><font color="#3333FF">cambarài</font></i> (<i><font color="#666666">incamerare,
 +confiscare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBARERE
 +<br>CAMBARERI
 +<br>CAMERIERE
 +<br>CAMERIERI
 +<br>CAMMARERE
 +<br>CAMMARERI
 +<br>CAMMARIERI
 +<br>CAMMERIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambarere, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Cambareri, che è tipico del reggino, di Bagnara
 +Calabra, ma, anche se in misura minore, di Scilla, Villa San Giovanni,
 +Campo Calabrò, Seminara e Gioia Tauro, Cameriere, molto raro, è
 +tipico di Lattarico nel cosentino, Camerieri, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe del perugino, di Perugia e di Valfabbrica, Sempre del perugino
 +dovrebbero essere gli assolutamente rarissimi Cammarieri e Cammerieri,
 +Cammarere, molto raro, sembra essere specifico di Sant`Eufemia d`Aspromonte
 +nel reggino, Cammareri è tipicamente siciliano del trapanese, di
 +Trapani, Marsala, Erice, Mazara del Vallo e Gibellina, con ceppi anche
 +a Palermo e Messina, un piccolo ceppo è presente anche a Taurianova
 +nel reggino, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, a seconda del momento
 +in cui si sono formati, se in epoca abbastanza vicina da termini, più
 +o meno dialettali, stanti ad indicare il mestiere di <i><font color="#3366FF">cameriere</font></i>
 +come attualmente si intende, se in epoca tardo medioevale o rinascimentale
 +derivano invece dalla funzione di <i><font color="#3366FF">gentiluomo cameriere</font></i>,
 +un funzionario di grado elevato addetto a funzioni amministrative o di
 +gestione di corte ai servizi dell'alta nobiltà e dell'alto clero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBI
 +<br>CAMBIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambi è tipicamente toscano, con ceppi, probabilmente secondari
 +in Emilia e nel Lazio, Cambio, molto molto raro sembra specifico del casertano
 +ed iserniano, derivano dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Cambius</font></i> di origini celtiche, di
 +cui abbiamo un esempio in un atto rogato a Bologna nel 1329: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Cambius</font><font color="#CC33CC">
 +olim Martini Guaraldi, Iohannes quondam Lambertutij, Albertus Bonore...</font>",
 +tracce di questa cognominizzazione si trovano a Firenze nel 1200, in uno
 +scritto del 1263 viene citato un certo Ricco Cambi come esponente dei maggiori
 +banchieri della città, a Bergamo nel 1500 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Actorum
 +spectabilis domini vicarii pretorii Bergomi </font><font color="#FF0000">Francescus&nbsp;
 +Cambius</font><font color="#CC33CC"> et Antonius Rizattus julii et augusti
 +anni 1559...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cambi muove dal nome proprio medievale <i><font color="#3333FF">Cambio</font></i>,
 +d'area toscana (sec. XII). E' forma aferetica da <i><font color="#3333FF">(Bon)cambio</font></i>
 +«<i><font color="#666666">buon cambio</font></i>», nome augurativo
 +«dato a un figlio dopo la morte di un figlio precedente» (De
 +Felice). Discreta la sua diffusione a Modena. Fonte: F. Violi, Cognomi
 +a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBIALE
 +<br>CAMBIALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambiale è quasi unico, potrebbe essere siciliano, Cambiali, leggermente
 +meno raro, è probabilmente toscano, dovrebbero derivare da un termine
 +medioevale <i><font color="#3333FF">cambiale, cambialis</font></i> (<i><font color="#666666">operatore
 +di cambio moneta</font></i>), forse ad indicare nel capostipite un banchiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBIASO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambiaso è tipicamente ligure di Genova e del genovese, di Serra
 +Riccò, Sant'Olcese e Campomorone, dovrebbe derivare da un'italianizzazione
 +del cognome francese <i><font color="#3333FF">Cambiez</font></i> o del
 +termine medioevale francese <i><font color="#3333FF">cambias</font></i>
 +(<i><font color="#666666">birraio</font></i>), che ha dato origine a quel
 +cognome, ma potrebbe anche derivare da un soprannome originato dal termine
 +celta <i><font color="#3333FF">cambios</font></i> (<i><font color="#666666">gobbo</font></i>),
 +forse un difetto del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBIE'
 +<br>CAMBIELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome lombardo originario della
 +provincia di Cremona Cambiè, tipico della provincia di Milano Cambielli,
 +potrebbero essere stati originati da un soprannome derivato da un toponimo
 +Cambiago (MI) o legato al mestiere di commerciante , cioè di uno
 +che fa baratti. Potrebbero anche essere derivati dal nomen latino Cambius. (<font color="#CC33CC">vedi Cambi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della parte occidentale
 +dell'Italia settentrionale, potrebbe essere originato dal nome augurale
 +Cambio ( quelli di Cambio, la gente di Cambio) oppure dal mestiere di commerciante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBRIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del messinese, potrebbe derivare dal cognomen latino Cambria
 +(antico nome latino per Galles, regione del Nord Ovest dell'Inghilterra),
 +un esempio è Aurelia Titulla Cambria leggibile in un'antica iscrizione
 +romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBRIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, è specifico del centro Italia, dovrebbe derivare dall'etnico Cambria, (antico nome latino per Galles, regione del Nord Ovest dell'Inghilterra),
 +forse ad indicare reduci dalle campagne in Britannia, in
 +un antica lapide romana leggiamo: "<font color="#FF0000">Cambrianus</font>
 +/ <font color="#CC33CC">l</font>(ibens) <font color="#CC33CC">p</font>(osuit)".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMBRUZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cambruzzi, presente in modo sporadico nell'Italia settentrionale, ha un
 +ceppo veneto nel bellunese a Fonzaso, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale con riferimento alla finissima tela detta di <i><font color="#3333FF">Cambrai</font></i>,
 +forse ad indicare che il capostipite ne facesse commercio, troviamo tracce
 +di questa cognominizzazione nel bellunese a Feltre nel 1600, in un atto
 +leggiamo: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Ioannes
 +Cambrutius</font><font color="#CC33CC"> cancellarius episcopalis feltrensis
 +notarius...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMEDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camedda, tipicamente sardo, è specifico soprattutto dell'oristanese
 +di Cabras in particolare e di Oristano, Santa Giusta, Marrubiu e Solarussa,
 +e di Cagliari, potrebbe derivare da nomi di località.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CAMEDDA: <i><font color="#3333FF">sa camèdda</font></i> in logudorese
 +è <i><font color="#666666">l'arco del giogo dei buoi</font></i>.
 +Dallo spagnolo <i><font color="#3333FF">gamella</font></i> - <i><font color="#666666">arco
 +de yugo en que entra la cabeza de los bueyes</font></i>. In campidanese
 +<i><font color="#3366FF">su yù</font></i> o <i><font color="#3333FF">juali/e
 +de is bois</font></i>. Dal catalano <i><font color="#3333FF">camella</font></i>.
 +Dal latino <i><font color="#3333FF">camela</font></i> = <i><font color="#666666">femmina
 +del cammello</font></i>. In latino esiste anche <i><font color="#3333FF">camella</font></i>,
 +dim. di camera, col significato di <i><font color="#666666">scodella</font></i>.
 +Sono tanti i cognomi&nbsp; ed i toponimi che hanno come base questo termine,
 +sin dai tempi antichi e, nonostante sia ritenuto logudorese, lo ritroviamo
 +in tutta la Sardegna, anche nei toponimi: un classico esempio è
 +l'area del Monte Linas, Sardegna sud occidentale, dove ritroviamo i toponimi
 +Punta sa Camedda, su Pranu de Camedda, in agro di Gonnosfanadiga. Come
 +cognome lo ritroviamo tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del
 +1388: Camella Bernardus, ville Algueri(Alghero). Nell'oper del Fara (De
 +Rebus Sardois, III°, IV° libro è citato Camella Bernardus:
 +nominato, nell'anno 1387, dal re Giovanni d'Aragona tutore e curatore (amministratore),
 +insieme a&nbsp; Franciscus Bos et Antonius Ferret, pro Alguerii populo
 +(per la città di Alghero). Camedda Antioco (XVIII_XIX secolo) sacerdote
 +residente a Cagliari * I 2000 sardi più faosi (L'Unione Sarda).
 +Attualmente il cognome Camedda&nbsp; è presente in 111 Comuni italiani,
 +di cui 49 in Sardegna: Cabras 230, Oristano 65, Cagliari 48, Santa Giusta
 +28, Marrubiu 18, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMELI
 +<br>CAMELLI
 +<br>CAMELLINI
 +<br>CAMELLINO
 +<br>CAMELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cameli è molto diffuso nell'area che comprende il maceratese, il
 +Piceno ed il teramano in particolare ed il pescarese, con piccoli ceppi
 +in Umbria, uno nel romano e latinense ed uno nell'ennese, Camelli, molto
 +raro, è specifico di Faenza, Camellini è tipicamente emiliano,
 +del reggiano, di Reggio Emilia,Cadelbosco di Sopra, Guastalla e Casalgrande,
 +del modenese, di Sassuolo, Modena, Formigine e Carpi e di Parma, Camellino,
 +praticamente unico, potrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del
 +precedente, Camello è assolutamente rarissimo, dovrebbero quasi
 +tutti derivare, direttamente o attraverso una forma ipocoristica, da una
 +latinizzazione del nome e cognome tedesco
 +<i><font color="#3333FF">Kamel</font></i>, cognome di cui abbiamo un esempio
 +nella seconda metà del 1600 con il Padre gesuita Georg Joseph Kamel
 +che latinizzò il suo nome in <i><font color="#3333FF">Gergius Josephus
 +Camellius</font></i> e che diede il suo nome alla <i><font color="#3333FF">camelia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pianta da fiore</font></i>) che portò
 +in Italia dall'Asia, ma è pure possibile una derivazione dal nome
 +di origine celta <i><font color="#3333FF">Camelian</font></i>, ricordiamo
 +San Camelian vescovo di Troyes in Francia dal 478 al 525, anno della sua
 +morte, non si può escludere che in qualche caso possano anche derivare
 +dal nome arabo <i><font color="#3333FF">Kamel</font></i>, ricordiamo con
 +questo nome il sultano d'Egitto <i><font color="#3333FF">Malik-al Kamel</font></i>
 +che nel 1292 restituì a Federico II° Gerusalemme senza combattere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMELLATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camellato, estremamente raro, è del trevigiano, dovrebbe trattarsi
 +di una forma patronimica dialettale del nome <i><font color="#3366FF">Camellus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Camellian</font></i>, la terminazione in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>
 +sta per figlio di. (<font color="#CC33CC">vedi Camelli</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMERA
 +<br>CAMERAN
 +<br>CAMERANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camera è distribuito in
 +tutt'Italia, ha vari ceppi originari, dalla provincia di Alessandria, Pavia
 +e Genova&nbsp; alla Campania ed alla Calabria. Cameran è padovano
 +e Camerani è ravennate. Questi cognomi potrebbero derivare da uno
 +dei tanti toponimi con radice Camera come Camerana (CN), Camerano (AN)
 +- (AT) ecc. oppure dal mestiere di&nbsp; servitore (addetto alla camera).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMERINI
 +<br>CAMERINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camerini è presente a macchia di leopardo nel centronord,
 +Camerino è presente in tutta Italia, possono derivare dal toponimo
 +Camerino (MC) in qualche caso, in altri dal mestiere di&nbsp; servitore
 +(addetti alla camera).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMILLA
 +<br>CAMILLACCI
 +<br>CAMILLETTI
 +<br>CAMILLI
 +<br>CAMILLINI
 +<br>CAMILLO
 +<br>CAMILLONI
 +<br>CAMILLUCCI
 +<br>CAMILLUZZI
 +<br>CAMMILLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camilla è tipica del cuneese di Niella Tanaro e Mondovì,
 +Camillacci è tipicamente laziale, del romano e del frusinate, Camilletti
 +è tipico delle Marche, del perugino e del romano, Camilli è
 +specifico della fascia centrale che comprende il grossetano, il Lazio,
 +l'Abruzzo, l'Umbria e le Marche, Camillini è tipicamente romagnolo,
 +del ravennate, forlivese, riminese e pesarese, Camillo ha ceppi nel Veneto,
 +nel romano, nel napoletano, nel foggiano e nel palermitano, Camilloni sembra
 +marchigiano e del perugino e romano, Camillucci oltre al ceppo marchigiano
 +ha un ceppo nel ternano, nel viterbese e nel romano, Camilluzzi, molto
 +molto raro, è tipico del ternano, Cammilli, sicuramente toscano,
 +è proprio del fiorentino e del pistoiese.,
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome antico <i><font color="#3366FF">Camillo</font></i>,
 +l'italianizzazione cioè del personale samotracio <i><font color="#3366FF">Kadmilos</font></i>,
 +che, nell'antica mitologia greca, era il nome attribuito al padre dei Cabiri
 +(divinità dell'oltretomba, venerate come Grandi Dei in un culto
 +misterico che aveva il suo centro in Samotracia): dalla figura mitologica
 +di <i><font color="#3366FF">Kadmilos</font></i>, in seguito, presero il
 +loro nome i cosiddetti camilli, giovani sacerdoti che assistevano a particolari
 +riti sacrificali, conosciuti come i Misteri dei Grandi Dei. Detto questo,
 +comunque, va notato che in alcuni casi il cognome Camillo potrebbe derivare
 +da una variante del cognome Camillò (vedi questo cognome). Per quanto
 +riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +o dei nomi personali dei capostipiti o di soprannomi ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMILLERI
 +<br>CAMILLIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camilleri è tipicamente siciliano dell'area che comprende il nisseno,
 +l'agrigentino ed il palermitano, Camillieri, molto molto raro, è
 +tipico di Ragusa e del ragusano, con il termine <i><font color="#3366FF">camillero</font></i>
 +in Sicilia si definivano i portantini o lettighieri, ed anche dei frati
 +camilliani cioè che per vocazione dedicavano la loro vita all'assistenza
 +ai malati, si potrebbe ipotizzare quindi che il capostipite avesse o rapporti
 +con qualche convento di quei frati o facesse appunto il lettighiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMILLO'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camillò è tipicamente calabrese del reggino e soprattutto
 +di Vibo Valentia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel soprannome o nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Camillò</font></i>, che, nato sulla base
 +del greco <i><font color="#3366FF">chamilòs</font></i>, significa letteralmente <i><font color="#999999">basso</font></i> (vedi anche
 +Basso e Curcio, dei quali Camillò è l'equivalente greco-italiano);
 +anche se è più improbabile, comunque, non si può escludere
 +che in alcuni casi questo cognome derivi dal nome antico Camillo (vedi
 +Camilli). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni o dei
 +nomi personali dei capostipiti o di soprannomi ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMINADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente lombardo e specificatamente
 +milanese e comasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMINATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Si individuano due ceppi uno nell'area
 +di Piacenza e l'altro in provincia di Forlì; il ceppo piacentino
 +deriva dal toponimo Caminata (PC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMINITA
 +<br>CAMINITI
 +<br>CAMINITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Caminita è specifico del palermitano, di Palermo e di Ustica, Caminiti,
 +molto più diffuso, è tipico della Calabria meridionale e
 +della Sicilia nordorientale, di Villa San Giovanni, Benestare, Bovalino,
 +Santa Cristina d'Aspromonte, Careri e Cittanova nel reggino e di Messina,
 +Roccalumera, Santa Teresa di Riva, Furci Siculo, Pagliara, Taormina, Mandanici
 +e Fiumedinisi nel messinese con ceppi anche a Catania e Palermo, Caminito,
 +meno diffuso, è specifico di Melilli nel siracusano e di Militello
 +in Val di Catania e Catania nel catanese, in molti casi dovrebbe trattarsi
 +di forme etniche riferite al paese di Camini nel reggino, il cui toponimo
 +dovrebbe derivare dal termine greco arcaico <i><font color="#3333FF">kaminion</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fornace</font></i>), negli altri casi potrebbe
 +derivare dal termine grecanico <i><font color="#3333FF">caminètes</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccola fornace</font></i>), forse ad indicare
 +che i capostipiti si occupassero della fusione di metalli.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Michele
 +Caminita</font></font>
 +<br>Caminita: da documenti trovati nell'archivio di stato civile del comune di Ustica
 +si legge che il capostipite fosse un certo marinaio proveniente dalla Spagna
 +di nome Joachin Caminito nato nel 1786 successivamente sposato con una
 +donna di Ustica ed ivi morto nel 1883.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMINOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo potrebbe derivare da toponimi come Camino (TV)
 +o Camino al Tagliamento (UD).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Enrico
 +Caminoli</font></font>
 +<br>i Caminoli in italia sono tutti parenti fra loro, quindi esiste un
 +solo ceppo; da una ricerca a metà del 1700 fino al 1800 erano in
 +Carinzia Slovena, a&nbsp; Maribor,&nbsp; probabilmente di origini venete.
 +Il toponimo di riferimento è Camino, come la famiglia Da Camino
 +della marca trevigiana. Comunque nel 1900 i Caminoli sono in trentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMIOLA
 +<br>CAMIOLI
 +<br>CAMIOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camiola, quasi unico, sembrerebbe siciliano, Camioli, anch'esso quasi unico,
 +è probabilmente dovuto ad un'errore di registrazione anagrafica
 +settentrionale del cognome Camiolo, che è tipicamente siciliano,
 +di Palermo, di Gela nel nisseno, di Grammichele, Catania e Caltagirono
 +nel catanese e di Valguarnera Caropepe, Leonforte, Aidone ed Enna nell'ennese,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Camiolus</font></i>,
 +un'alterazione dialettale del termine latino medioevale <i><font color="#3333FF">cameolus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cammeo</font></i>), dell'uso di questo termine
 +abbiamo un esempio in epoca medioevale in un atto: "<font color="#CC33CC">...
 +Zona una argenti cum cinto corii cum certis paucis splanguis. Adamanti
 +tres parvi in tribus anulis auri. </font><font color="#FF0000">Camiolus</font><font color="#CC33CC">
 +unus in uno anulo auri. Anulli quatuor auri fracti pauci valoris. Virge
 +due parve pauci valoris que sunt fracte. Pendini duo granate et alii duo
 +safilii cum periis ceto...</font>", nome in uso soprattutto presso i popoli
 +slavi, anche come forma alterata del nome <i><font color="#3333FF">Camillus</font></i>,
 +secondo un'altra ipotesi potrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +basato su di un termine arcaico dialettale <i><font color="#3333FF">camiolo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">vignaiolo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMISASCA
 +<br>CAMISONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognomi decisamente milanesi, dovrebbero
 +derivare dal toponimo Camisasca (CO) e Camisano (CR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMISOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camisola, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'astigiano, forse di
 +San Damiano d'Asti, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +dialettale piemontese <i><font color="#3333FF">camisòla</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sottoveste</font></i>), a sua volta derivato
 +dal provenzale <i><font color="#3333FF">camisol</font></i> (<i><font color="#666666">gonna,
 +veste</font></i>), si tratta di un cognome molto antico, di cui si hanno
 +tracce fin dal medioevo, infatti nel <i><font color="#3333FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia Medioevale</font></i>, in una <i><font color="#3333FF">Cartula
 +vendicionis</font></i> redatta a Pavia nell'anno 1141 possiamo leggere:
 +"<font color="#CC33CC">Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Christi
 +millesimo centesimo quadragesimo primo, quintodecimo kalendas decembris,
 +indictione quinta. Constat me Mantoanam, filiam quondam Nigriboni Buccanigra,
 +et relicta quondam Guilielmi Bescossa, que professa sum ex nacione mea
 +lege vivere Romana, accepisse sicuti et in presentia testium accepi a te
 +Borgundio Musso da Salairano, per </font><font color="#FF0000">Rainardum
 +Camisolam</font><font color="#CC33CC">, missum tuum, argenti denariorum
 +bonorum Papiensium solidos viginti quinque et dimidium, finito precio,
 +pro omnibus rebus illis cum areis suis, iuris mei, quas habere et deti|nere
 +visa sum, per aliquem modum, in loco et fundo Ragagnaria et in eius territorio,
 +prope castro de Lambro ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMMARELLE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cammarelle, abbastanza poco comune, è specifico di Rionero in Vulture
 +nel potentino, dovrebbe derivare dal nome della località Cammarelle
 +sita nel comune di Padula nel salernitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMMI
 +<br>CAMMIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cammi è specifico di Piacenza e del piacentino, di Rottofreno, Fiorenzuola
 +d'Arda e Caorso, Cammia, quasi unico, è sempre del piacentino, dovrebbero
 +derivare dal nome tardo latino di origini celte <i><font color="#3333FF">Cammius</font></i>,
 +latinizzazione del nome <i><font color="#3333FF">Cammiac</font></i> in
 +uso nella Gallia meridionale, durante il periodo imperiale sotto Antonino
 +Pio troviamo come Proconsole del Norico <i><font color="#3333FF">Lucius
 +Cammius Secundinus</font></i>, in una lapide del primo secolo situata ad
 +Aquileia si può leggere: "<font color="#CC33CC">K</font><font color="#000000">(alendis)</font><font color="#CC33CC">
 +Novembr</font><font color="#000000">(ibus)</font><font color="#CC33CC">
 +L</font><font color="#000000">(ucius)</font><font color="#CC33CC"> Nonius
 +Rufinus Pomponianus Q</font><font color="#000000">(uintus)</font><font color="#CC33CC">
 +Vesonius Fuscus // p</font><font color="#000000">(raefecti)</font><font color="#CC33CC">
 +i</font><font color="#000000">(ure)</font><font color="#CC33CC"> d</font><font color="#000000">(icundo)</font><font color="#CC33CC">
 +/ scr</font><font color="#000000">(ibendo)</font><font color="#CC33CC">
 +adf</font><font color="#000000">(uerunt)</font><font color="#CC33CC"> C</font><font color="#000000">(aius)
 +</font><font color="#CC33CC">Lucretius Helvianus M</font><font color="#000000">(arcus)</font><font color="#CC33CC">
 +// Trebius Proculus </font><font color="#FF0000">L</font><font color="#000000">(ucius)</font><font color="#CC33CC">
 +</font><font color="#FF0000">Cammius Maximus</font><font color="#CC33CC">
 +/ s</font><font color="#000000">(enatus)</font><font color="#CC33CC"> c</font><font color="#000000">(onsulto)</font><font color="#CC33CC">
 +cum prona voluntate // honestissimo animo ultro Calvius Pollio IIIIvir
 +i</font><font color="#000000">(ure)</font><font color="#CC33CC"> d</font><font color="#000000">(icundo)</font><font color="#CC33CC">
 +/ in proximum annum // professus sit quo facto haesitationi publicae in
 +partem / moram ademerit placere ei quo // magis etiam ceteri ad bene faciendum
 +in rei publicae / provocentur statuam equestrem // auratam in foro n</font><font color="#000000">(ostro)</font><font color="#CC33CC">
 +poni censuer</font><font color="#000000">(e)</font><font color="#CC33CC">
 +prim</font><font color="#000000">(us)</font><font color="#CC33CC"> cens</font><font color="#000000">(uit)
 +</font><font color="#CC33CC">C</font><font color="#000000">(aius)</font><font color="#CC33CC">
 +Lucretius Helvianus</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMMAROTA
 +<br>CAMMAROTI
 +<br>CAMMAROTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cammarota è un cognome specifico dell'Italia meridionale, probabilmente
 +originario della Campania e Basilicata, dove è diffusissimo, Cammaroti,
 +praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione
 +del precedente, Cammaroto è specifico di Messina e del messinese,
 +si dovrebbe trattare di cognomi derivanti da alterazioni dialettali del
 +nome del paese di Camerota nel salernitano, o di Cammarata nel cosentino e nell'agrigentino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cammarota è cognome siciliano (anche Cammaroto) che viene dal
 +greco '<i><font color="#3333FF">kammarōtos</font></i>' = <i><font color="#666666">fatto
 +a volta</font></i>, ma anche '<i><font color="#666666">fiero</font></i>'.
 +Possibile anche una derivazione dal toponimo Camerata (SA). Rohlfs 60.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMMORANESI
 +<br>CAMORANESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camoranesi è ormai quasi estinto in Italia continua la sua presenza
 +all'estero grazie al fenomeno dell'emigrazione del secolo scorso, Cammoranesi
 +è estremamente raro, sembrerebbero originari dell'anconetano, forse
 +di Fabriano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Camoranesi è un cognome ormai quasi scomparso nel nostro paese, probabilmente originario
 +delle Marche, deriva dall'etnico del toponimo Camerano (AN), un tempo noto
 +come Camborano o Camorano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMNASIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del milanese, dovrebbe derivare dal toponimo Camnago (MI) frazione
 +di Lentate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMODECA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camodeca è tipico della zona tra il basso potentino, San Paolo Albanese
 +e San Costantino Albanese, e l'alto cosentino, Spezzano Albanese e Castroregio,
 +famiglia nobile di chiare origini albanesi, che arrivò in zona nella
 +prima metà del 1500, in fuga da Corone, città della Morea
 +(antico nome del Peloponneso attualmente greco), che era stata invasa dai
 +turchi islamici, aiutati nell'operazione di espatrio dalle navi messe a
 +disposizione da Carlo V°, per sottrarre i cristiani alle ritorsioni
 +turche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMOGLIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipicamente genovese, dovrebbe derivare dall'etnico
 +di Camogli (GE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMOIRANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camoirano, molto molto raro, è tipicamente ligure, dell'area tra
 +genovese e savonese, potrebbe trattarsi di una forma etnica relativa al
 +paese spagnolo di Camoira in Galizia, questo supportato dalla particolare
 +frequenza con la Spagna da parte della Repubblica Marinara di Genova e
 +dai numerosi interscambi marittimi fra quelle regioni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Due le aree di origine, la provincia
 +di Brescia e quella di Piacenza, dovrebbe essere legato alla provenienza
 +dalla val Camonica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMONITA
 +<br>CAMONITI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camonita è tipico di Paternò nel catanese, con un piccolo
 +ceppo anche a Ficarazzi nel palermitano, Camoniti, quasi unico, sembrerebbe
 +del palermitano, dovrebbero derivare da forme etniche soprannominali grecaniche
 +dove il suffisso <i><font color="#3333FF">-ita</font></i> sta per <i><font color="#666666">abitante
 +di</font></i>, <i><font color="#666666">proveniente da</font></i>, una
 +località per il momento non meglio identificabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMORANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camorani è tipicamente romagnolo, di Forlì, e del ravennate,
 +di Faenza, Lugo, Solarolo e Castel Bolognese, con un ceppo anche nel reggiano
 +a Reggio Emilia e Canossa, dovrebbe derivare dal nome del paese di Camorano,
 +antico nome dell'attuale Camerano nel riminese o Camerano nell'anconetano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMORRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camorri, molto raro, è tipico di Cortona nell'aretino, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine arcaico italiano <i><font color="#3366FF">camorr</font></i>o
 +(<i><font color="#999999">acciacco, malaticcio</font></i> e per estensione
 +<i><font color="#999999">cosa che funziona male</font></i>) a sua volta
 +derivato dal latino <i><font color="#3366FF">camoria</font></i> (<i><font color="#999999">moccio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMOSSI
 +<br>CAMOSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camossi sembra tipico di Darfo Boario Terme (BS) e del bresciano, Camosso
 +è tipico piemontese di Envie (CN), dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal vocabolo dialettale lombardo <i><font color="#3366FF">camòss</font></i>
 +(<i><font color="#666666">camoscio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camotti è specifico di Castelli Calepio nel bergamasco, il cognome
 +dovrebbe derivare dal fatto che il capostipite fosse di razza camuna, o
 +semplicemente provenisse dalla Val Camonica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPA
 +<br>CAMPI
 +<br>CAMPO
 +<br>DELLA CAMPA
 +<br>LO CAMPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campa è tipicamente pugliese, del Salento in particolare, Campi
 +è diffuso in tutto il nord, soprattutto nel milanese e varesotto,
 +nel genovese, nel ferrarese ed in Umbria, Campo è tipicamente siciliano
 +con ceppi anche nel bellunese ed in Puglia, Della Campa, rarissimo, è
 +del napoletano, Lo Campo è specifico di Foggia, dovrebbero tutti
 +derivare da uno dei molti toponimi chiamati Campa, Campi o Campo o composti
 +con la parola Campi o Campo, abbiamo un esempio di quest'uso in questo
 +scritto del 1257: "<font color="#CC33CC">...Nam
 +ex parte mei, domui iam dicte pacis causa, propter eciam salutem anime
 +mee, de consensu fratris mei Sandivogii et filioli mei Nycolai filii </font><font color="#FF0000">Sandivogii
 +de Campa</font><font color="#CC33CC">, villas istas, ...</font>". Tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1200 nel pisano:
 +"<font color="#CC66CC">...Bonaventure de Ceuli quondam </font><font color="#FF0000">Campi</font><font color="#CC66CC">
 +de S. Iohanni alla Vena </font><font color="#000000">(San Giovanni alla
 +Vena (PI))</font><font color="#CC66CC">...</font>", in Valtellina nel 1600
 +con il notaio Antonio Campi, esattore delle taglie forestiere nella comunità
 +di Grosio (SO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPACCI
 +<br>CAMPACCIO
 +<br>CAMPACI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campacci, molto molto raro, ha un ceppo nello spezzino ed uno nel forlivese,
 +Campaccio, quasi unico, è toscano, Campaci ha un ceppo molto piccolo
 +nel nordmilanese e nell'area che comprende il pavese e l'alessandrino,
 +ed un ceppo veneto concentrato nel rovigoto, padovano e veneziano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi originati da nomi di località, come quella
 +citata in questo scritto del 1581 a Travedona nel varesotto: "<font color="#CC33CC">..Jtem
 +dicunt esse legatum unum super pecia una terre </font><font color="#FF0000">ubi
 +dicitur al campacio</font><font color="#CC33CC"> siue in ciosetto super
 +quo debetur ecclesie santi Viti ..</font>", tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo in un atto del 1582 a Dervio nel lecchese: "<font color="#CC33CC">..Una
 +pezza de vigna arativa et prattiva de pertiche doi et meza nel circa, dove
 +se dice alla vigna della madona alla quale coherentia ms gio Petro del
 +guasto da mezo dì il sig.ottavio boldoni Dottore da bellano da sera
 +Jacobo della corona prestinaro et da nullora ms </font><font color="#FF0000">Gio
 +Antonio Campaci</font><font color="#CC33CC">o da Coreno..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto diffuso in tutt'Italia, dovrebbe derivare dai vari toponimi con questa
 +radice presenti un pà ovunque in Italia, come ad esempio Sommacampagna
 +(VR), Campagna (SA), (VI), (PG), (TV), (CR) e molti altri, di quest'uso
 +abbiamo un esempio in una Carta de concessione dell'XI° secolo: "<font color="#CC33CC">...Quomodo
 +erit modo de rebus nostris quas hic per comitem Gaufridum, avunculum vestrum,
 +et episcopum Andecavensem et uxorem </font><font color="#FF0000">Hucberti
 +de Campania</font><font color="#CC33CC">, Agnetem, hujus castri tunc dominam,
 +et per filios suos, partim dono, partim precio, hic adquisivimus?...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPAGNOLA
 +<br>CAMPAGNOLI
 +<br>CAMPAGNOLO
 +<br>CAMPAGNUOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso in tutta Italia Campagnola con almeno due ceppi uno cagliaritano
 +e l'altro veronese, Campagnoli altrettanto diffuso è probabilmente
 +di origine modenese, mentre Campagnolo prevalentemente veneto&nbsp; possiede
 +anche un ceppo ragusano, Campagnuolo è specifico dell'area occupata
 +dalle province di Napoli, Caserta e Benevento. Tutti questi cognomi hanno
 +una derivazione dall'attività contadina o da un soprannome nato
 +in città per identificare chi era di campagna o da un soprannome
 +legato ad un toponimo come Campagna (SA) - ( PN) -&nbsp; (VE) o anche Campagnola
 +(PD) - (VR) - (CE) - (CR) - (RE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPANA
 +<br>CAMPANI
 +<br>CAMPANINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto diffuso in tutta Italia Campana, Campani è dell'area che comprende
 +reggiano, modenese e Toscana, prevalentemente settentrionale Campanini,
 +che ha le sue origini in Emilia ed in Lombardia. Questi cognomi derivano
 +o da un soprannome legato al mestiere di campanaro (modificato dal dialetto)
 +o di produttore di campane o alla provenienza campana o a toponimi come
 +Campana (CS).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da D. Campanini</font></font>
 +<br>la provenienza di Campanini non è assolutamente da collegare
 +alla campana ma al mestiere di <i><font color="#3366FF">camparo</font></i>,
 +cioè colui che apriva le chiuse per l'irrigazione dei campi, chiamato
 +anche <i><font color="#3366FF">camparèn</font></i> in dialetto emiliano
 +e poi modificato in <i><font color="#3366FF">campanèn</font></i>
 +quindi Campanini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPANACCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campanacci, assolutamente rarissimo, dovrebbe essere dell'Italia settentrionale,
 +l'origine potrebbe dipendere dal mestiere di conduttore di vacche svolto
 +dal capostipite, vacche che, nel settentrione d'Italia, erano, ed in alcuni
 +casi sono ancora, caratterizzate dall'avere al collo un campanaccio, che,
 +nel periodo di transumanza, risuonava durante il cammino verso l'alpeggio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPANARI
 +<br>CAMPANARO
 +<br>CAMPANER</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campanari è tipico di Marche e Lazio, Campanaro ha un ceppo nel
 +vicentino, uno nel foggiano, uno nel cosentino ed uno nel nisseno, Campaner
 +è tipico dell'area che comprende il trevisano, il veneziano ed il
 +Friuli, l'origine di questi cognomi è un soprannome, in alcunu casi
 +in dialetto, legato al mestiere di campanaro o di produttore di campane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPANALE
 +<br>CAMPANILE
 +<br>CAMPANILI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campanale è specifico del barese zona di Cassano delle Murge e di
 +Ruvo di Puglia, Campanile è molto diffuso nel Lazio, Campania e
 +Puglia, Campanili, assolutamente rarissimo, è probabilmente dovuto
 +ad un errore di trascrizione del primo, dovrebbe derivare da soprannomi
 +originati da caratteristiche fisiche o della località, abitare nelle
 +vicinanze di un campanile, o di una posizione eretta a mò di campanile.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Prof. Vito
 +Zullo</font></font>
 +<br>Riguardo al cognome Campanile, diventato poi anche Campanale si ha
 +notizie in un atto dello stato canonico del 1591 riscontrato nella chiesa
 +madre di Cassano delle Murge (Ba) dove viene citato un certo ".<font color="#CC33CC">...magnificus
 +notarius </font><font color="#FF0000">Vincenzius Campanilis</font><font color="#CC33CC">
 +de Tramonto...</font>" Tramonti di Cosenza o Salerno? Risultava poi provenire
 +dalla città di Tramonti di Salerno. Nel comune di Tramonti rogarono,
 +per gli anni 1568-1581, il notaio Campanile Antonio (sicuramente fratello
 +di Vincenzo) e, per gli anni 1713-1766, il notaio Campanile Andrea.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPANELLA
 +<br>CAMPANELLI
 +<br>CAMPANELLO
 +<br>CAMPANIELLI
 +<br>CAMPANIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campanella è molto diffuso in tutt'Italia, i ceppi più importanti
 +sono in Sicilia, Puglia e Campania, Campanelli è specifico della
 +zona tra bassa bresciana ed alto cremasco, Campanello sembrerebbe siciliano
 +di Grammichele nel catanese, Campanielli è quasi unico, dovrebbe
 +essere dovuto ad un'errata trascrizione di Campaniello, che ha un ceppo
 +campano a Villa di Briano e San Marcellino nel casertano ed a Torre del
 +Greco nel napoletano, ed un ceppo pugliese nel foggiano a Foggia, Cerignola
 +e Vieste ed a Barletta nel barese, dovrebbero tutti derivare da soprannomi,
 +amche dialettali, originati da caratteristiche del capostipite o perchè
 +il suo mestiere comportasse l'uso di campane o campanacci o per la presenza
 +di una campana in prossimità della sua abitazione, ma è molto
 +probabile anche una derivazione da toponimi come Campanella nel vicentino,
 +nel salernitano e nel ragusano, Campanelle nel maceratese, o altri simili,
 +personaggio degno di nota fu il filosofo calabrese Tommaso Campanella (1568-1639).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPARADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camparada, molto molto raro, è tipicamente lombardo, di Monza in
 +particolare, dovrebbe derivare dal toponimo Camparada (MI) nel monzese,
 +il toponimo di origine romana trae il proprio nome dal termine latino <i><font color="#3366FF">campora</font></i>
 +(<i><font color="#999999">campi</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPARI
 +<br>CAMPARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campari ha un ceppo lombardo tra milanese, pavese e cremonese, ed uno emiliano
 +tra parmense, reggiano e modenese, Camparo, molto più raro, parrebbe
 +tipicamente del pavese, dovrebbero derivare dall'antico mestiere del <i><font color="#3366FF">camparus</font></i>
 +o <i><font color="#999999">guardiano, custode di un fondo rustico</font></i>,
 +di questo mestiere abbiamo una traccia in un atto del 1628 nel ducato di
 +Milano: "<font color="#CC33CC">...Dominicus </font><font color="#FF0000">camparus</font><font color="#CC33CC">
 +filius quondam Francisci...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campati ha un ceppo a Roma ed uno a Schiavi (CH)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Alla base del cognome è il participio passato del verbo <i><font color="#666666">campare</font></i>,
 +nel senso di <i><font color="#666666">scampare, vivere, sopravvivere</font></i>,
 +dato come soprannome al capostipite perchè probabilmente scampato
 +ad una calamità naturale o ad una terribile epidemia. Sarebbe da
 +escludere la derivazione del cognome dal termine <i><font color="#666666">campata</font></i>,
 +elemento architettonico compreso tra due sostegni o piedritti consecutivi.
 +Ancora de prendere in considerazione è la probabile derivazione
 +dalla attività agricola o dalla riscossione delle tasse: il <i><font color="#666666">campatico</font></i>
 +è il reddito agrario o anche la tassa imposta sui redditi agrari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPEOL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campeol è un cognome tipico del trevigiano, di Istrana, Farra di
 +Soligo e Pieve di Soligo, dovrebbe derivare dall'etnico dialettale del
 +toponimo Campea di Miane (TV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campera è specifico del pisano, di San Giuliano Terme, Vecchiano
 +e Pisa, dovrebbe derivare da nomi di località come La Campera di Cascina,
 +o Campera di Peccioli, entrambe nel pisano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPERI
 +<br>CAMPERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camperi è tipico del cuneese, di Mondovì, Villanova Mondovì
 +e Frabosa Soprana, di Torino e dell'imperiese, con un piccolissimo ceppo
 +anche nel bergamasco, Campero è specifico di Garessio nel cuneese,
 +potrebbero derivare dal cognomen tardo latino <i><font color="#3333FF">Camperus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in questo testo medioevale: "<font color="#CC33CC">...Denique
 +vero </font><font color="#FF0000">Camperus</font><font color="#CC33CC">
 +ipse, in iconibus operi suo sbjunctis, lineis suis binis normalibus adeo
 +arbitrarie et incostanter usus est, toties punctis contactus variat, secundum
 +quae lineas istas dirigit, et a quibus omnis earum vis et fides pendet,
 +ut seipsum in earum usu incertum et ambigue hesitantem tacite profiteatur...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPESAN
 +<br>CAMPESANO
 +<br>CAMPISANI
 +<br>CAMPISANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campesan, molto raro, è tipicamente veneto, dell'area vicentino,
 +padovana, Campesano, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un errore
 +di trascrizione del precedente, Campisani, assolutamente estremamente raro,
 +è panitaliano, Campisano ha un ceppo a Roma, uno calabrese tra catanzarese
 +e valentiano ed uno siciliano nel catanese, dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite modifiche dialettali, dal termine <i><font color="#3366FF">campisano</font></i>,
 +ormai caduto in disuso, usato per definire i lavoratori agricoli, ma i
 +ceppi veneti potrebbero anche derivare da etnici del toponimo Campese nel
 +vicentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPESE
 +<br>CAMPESI
 +<br>CAMPISE
 +<br>CAMPISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campese ha un ceppo nel vicentino che potrebbe derivare dal toponimo Campese
 +di Bassano (VI) ed uno nel napoletano, ma il nucleo più importante
 +è in Puglia, nel barese in particolare, Campesi è tipicamente
 +sardo, della zona di Olbia e di Oschiri in Gallura, Campise, molto molto
 +raro, è calabrese, Campisi è tipico siciliano e del reggino,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite modificazioni locali,
 +dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">campese o campise</font></i>
 +utilizzato per indicare i terreni coltivabili, come si può leggere
 +in questo documento del 1258 ad Afragola (NA): "<font color="#CC33CC">...tenet
 +a domino Joanne Abate monasterii S. Petri ad Castellum petiam unam terre
 +</font><font color="#FF0000">campise</font><font color="#CC33CC"> sitam
 +in dicto casali...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPIBELLI
 +<br>CAMPOBELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campibelli, quasi unico, parrebbe dovuto ad un errore di trascrizione,
 +effettuato da uffici anagrafici del nord, relativo al cognome Campobello,
 +che, molto raro, ha un ceppo a Martina Franca nel tarentino ed uno a Palermo
 +e Ciminna nel palermitano, dovrebbe derivare da toponimi come Campobello
 +di Licata nell'agrigentino o Campobello di Mazara nel trapanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPIDOGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campidoglio è tipico del sud, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +della zona tra la Campania, il Molise e la Puglia, ma con presenze anche
 +in Sicilia, potrebbe derivare da toponimi come Campidoglio nel teatino
 +o come la località Campidoglio nell'amalfitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPIGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campiglia ha un ceppo a Roma ed uno a Sala Consilina nel salernitano, dovrebbero
 +derivare da un nome di località.  (<font color="#CC33CC">vedi CAMPILI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPILONGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campilongo ha un ceppo a Napoli, uno nel leccese, ad Arnesano, Monteroni
 +di Lecce e Lecce, ed a Taranto, ed uno nel cosentino, a Verbicaro, Belvedere
 +Marittimo, Castrovillari, Rossano, Firmo e Scalea, dovrebbe derivare da
 +nomi di località denominate campo lungo, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPIRONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome milanese, dovrebbe derivare
 +dalla funzione di campèe (guardia dei campi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPISANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico calabrese, della zona di Filadelfia (VV) e Falerna (CZ), ha un ceppo
 +forse non secondario a Roma, dovrebbe derivare dal termine <i><font color="#3333FF">campesanus
 +</font></i>(<i>abitante di zone rurali</i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPITELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere tre ceppi, nel maceratese,
 +nel chietino e nel salernitano, dovrebbe derivare da un nome di località,
 +si hanno tracce di questo cognome a Macerata fin dal 1700, con un Vincenzo
 +Campitelli di nobile famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPLI
 +<br>DI CAMPLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campli è tipico di Francavilla al Mare e di Ortona nel teatino,
 +Di Campli, molto più diffuso, è specifico del teatino, di
 +Lanciano, Ortona e Castel Frentano, e di Pescara, dovrebbero derivare dal
 +nome del paese di Campli nel teramano, probabile luogo d'origine dei capostipiti, che potrebbero risalire all'epoca dei
 +saccheggi di Campli ad opera nelle truppe borboniche nel XVIII° secolo,
 +saccheggi che costrinsero molti abitanti a ripararsi nel vicino teatino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOBASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Presenze significative a Roma ed a Fondi (LT) ed in Campania a Napoli ed
 +a Montesarchio (BN), ma il nucleo principale sembrerebbe essere in Puglia
 +a Triggiano (BA) ed a Bari, con un ceppo anche a Lecce, dovrebbe derivare
 +dal toponimo molisano Campobasso, improbabile una connessione con il condottiero
 +Angelo Monforte, Conte di Campobasso detto
 +<br>il Campobasso, che si schierò contro il Re Ferdinando II d'Aragona
 +il cattolico (1452-1518) la cui discendenza continuò con il cognome
 +di Monforte e neppure è proponibile una connessione con Niccolò
 +di Monforte, Cola Gambatesa, il conte Cola Di Napoli, Conte di Campobasso
 +e di Termoli. Signore di Campobasso, generale sotto gli Angiò contro
 +il re di Francia Luigi XI nella guerra del Bene Pubblico e che con il Galeota
 +l'esercito del conte di Charolais e del duca di Borgogna Carlo il Temerario
 +con 900 uomini d'arme, di cui 120 veterani delle guerre italiane. Attacca
 +Parigi, in quanto la sua stirpe proseguì con il cognome di Gambatesa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOFILONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campofiloni sembrerebbe tipico di Fermo (AP) e dintorni, deriva dal toponimo
 +Campofilone (AP) che era in epoca medioevale un territorio sottoposto all'autorità
 +di Fermo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOLATTANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campolattano è un cognome tipico di Maddaloni nel casertano, dovrebbe
 +trattarsi di una forma locale per indicare una persona proveniente da Campolattaro
 +nel beneventano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOLI
 +<br>CAMPOLINI
 +<br>CAMPOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campoli è tipicamente laziale, molto diffuso nel romano, nel latinense,
 +nel frusinate, con un piccolo ceppo anche nel napoletano, Campolini, quasi
 +unico, è laziale, Campolino, altrettanto raro, sembrerebbe siciliano,
 +potrebbero derivare, direttamente o attraverso ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Campolus</font></i>, ma è
 +pure possibile che possano derivare da un alterazione del termine latino
 +<i><font color="#3333FF">campilius</font></i>, ad indicare nel capostipite un <i><font color="#666666">contadino
 +addetto a dei campilia</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi CAMPILI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOLUNGHI
 +<br>CAMPOLUNGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Della zona compresa tra Pavia,
 +Milano e Piacenza Campolunghi, lodigiano con radici anche nelle Marche
 +Campolungo.&nbsp; Questi cognomi derivano da soprannomi che servono ad
 +identificare una provenienza, quelli del campo lungo ad esempio diventano
 +i Campolunghi (pensate ad esempio a Melegnano, dove la via Castellini
 +era chiamata contrada lunga.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOMAGGIORE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campomaggiore, molto raro, è tipico del casertano, di Capodrise e di Marcianise,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese potentino di Campomaggiore o dal paese
 +omonimo nel reatino, o anche da Campomaggiore, una località di Reino
 +nel beneventano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOMENOSI
 +<br>CAMPOMINOSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00campomenosi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="74"><font size="-1">Campomenosi sembrerebbe specifico del genovese, di Santo Stefano d`Aveto
 +e Chiavari, Campominosi è specifico del piacentino, di Piacenza
 +e Ferriere in particolare, dovrebbero entrambi derivare dal nome della
 +località di Campomenoso di Santo Stefano d`Aveto, i Campomenoso,
 +nobili liguri, compaiono in atti notarili degli inizi del 1300, in un atto
 +di vendita del 1324 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Petrus, filius
 +quondam </font><font color="#FF0000">Enrici de Campolemenoso</font><font color="#CC33CC">
 +de Valle Avanti...</font>", il casato nel 1500 si legò in matrimonio
 +con un ceppo dei Doria..</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOMIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico marsicano, potrebbe derivare dal nome della località Campomizzi
 +di Pescasseroli (AQ), nel 1800 troviamo tracce di questo cognome nei territori
 +di Cerchio (AQ) con i briganti Pasquale ed Emidio Campomizzi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPONOGARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camponogara è tipico del veronese e vicentino, in particolare di
 +Vestenanova, San Martino Buon Albergo e Verona nel veronese e di Valdagno
 +nel vicentino, dovrebbe derivare dal nome del paese veneziano di Camponogara,
 +anche se non si può escludere che derivi dal nome di altre località
 +caratterizzate dalla presenza di una piantagione di alberi di noce, un
 +<i><font color="#3333FF">campus nucarius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campora ha un nucleo tra genovese ed alessandrino, un piccolo ceppo nel
 +napoletano ed uno nel palermitano, dovrebbe derivare da soprannomi indicanti
 +una provenienza dai campi cioè un'origine contadina, <i><font color="#3366FF">campora</font></i>
 +(<i><font color="#999999">campi</font></i>) è il plurale del sostantivo latino
 +<i><font color="#3366FF">campus</font></i> (<i><font color="#999999">campo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOREALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camporeale è tipicamente pugliese, in particolare di Giovinazzo
 +e soprattutto di Molfetta nel barese, con un ceppo importante anche nel
 +foggiano a Margherita di Savoia e San Ferdinando di Puglia, dovrebbe derivare
 +da toponimi come Camporeale di Ariano Irpino nell'avellinese o Camporeale
 +di Marsico nuovo nel potentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPORESE
 +<br>CAMPORESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camporese sembra specifico del padovano, con un piccolissimo ceppo a Sanza
 +nel salernitano che dovrebbe derivare dal toponimo Campora (SA) ed uno
 +ancora più piccolo a Napoli che dovrebbe derivare da Campora di
 +Agerola (NA), Camporesi è proprio del forlivese e ravennate, tutti
 +questi ceppi settentrionali derivano da un soprannome originato dal vocabolo
 +<i><font color="#3366FF">campus</font></i> (<i><font color="#999999">terreno
 +agricolo</font></i>), il cui plurale fa <i><font color="#3366FF">campora</font></i>
 +e starebbero ad indicare un'origine contadina.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione
 +si hanno già nel 1500, a Roma troviamo un Pietro Camporesi di Forlì
 +Architetto del Papa Clemente XIII°; nelle memorie del&nbsp; chirografo
 +di Clemente XIII° leggiamo: "<font color="#CC33CC">colla
 +minor spesa possibile, coll'intervento e ricognitione anche di </font><font color="#FF0000">Pietro
 +Camporesi </font><font color="#CC33CC">Architetto</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOROTONDO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camporotondo, assolutamente rarissimo, è ora presente praticamente
 +solo nel pavese, in particolare a Varzi, che dovrebbe essere uno dei nuclei
 +originari, mentre un altro nucleo ormai scomparso parrebbe siciliano, forse
 +del palermitano, dovrebbe essere derivato da nomi di località come
 +Campo Rotondo di Molare nell'alessandrino o ad esempio Camporotondo nel palermitano, ma presente anche nel catanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOSTRINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campostrini ha un ceppo nel veronese, a Villafranca di Verona, Verona,
 +Sant'Anna di Alfaedo, Sant'Ambrogio di Valpollicella e Bardolino, ed in
 +Trentino, ad Avio, Ala, e Rovereto, ed un ceppo nel fiorentino a Sesto
 +Fiorentino e Firenze, potrebbe derivare dal nome del paese di Campostrino,
 +una frazione del paese di Asigliano Veneto nel vicentino, o di altri posti
 +con un nome simile, come ne esistono nel ferrarese ed anche altrove.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPOVERDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campoverde, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'Italia centrale,
 +forse dell'Abruzzo, dovrebbe derivare dal nome del paese di Campoverde,
 +frazione di Aprilia nel latinense, forse il luogo primitivo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMPU
 +<br>CAMPUS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Campu è praticamente unico, Campus, tipicamente sardo come il precedente, derivano da nomi di località contenenti il termine
 +latino campus (campo) come Campus Jovis, Campus Martius ed altri, o anche
 +direttamente da toponimi come Campo Omu (CA), Campus di Villasimius (CA)
 +o simili, si trovano tracce di questa cognominizzazione a Sassari e ad Oristano
 +fin dal 1200.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>CAMPU; CAMPUS: <i><font color="#3333FF">campu</font></i> = <i><font color="#666666">campo</font></i>;
 +in latino <i><font color="#3333FF">campus</font></i>. <i><font color="#3333FF">Campùra,
 +campèda</font></i> = <i><font color="#666666">territorio pianeggiante,
 +aperto</font></i>. <i><font color="#3333FF">Iscampiài/re</font></i>
 += <i><font color="#666666">da cielo coperto, a cielo sereno</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Esti iscampièndi</font></i> = (il cielo)
 +<i><font color="#666666">si sta rasserenando</font></i>. <i><font color="#3333FF">Is
 +campus de su xelu</font></i> =<i><font color="#666666"> il firmamento,
 +i campi del cielo</font></i>. <i><font color="#3333FF">Campeda</font></i>
 +&gt; centro abitato scomparso; in periodo medioevale appartenne alla Curadorìa
 +di Barigàdu, del regno giudicale di Arborea. Campidano, pianura
 +del: = la vasta pianura che va da Cagliari ad Oristano, e attraversa tutta
 +la fascia meridionale dell'isola di Sardegna: per estensione è la
 +seconda d'Italia, dopo la Padana.&nbsp; Campo de Vinyes (campo delle vigne),
 +abitato scomparso; appartenne alla Curadorìa di Gemini, nel regno
 +giudicale di Gallura. Campo Pisano, abitato, frazione di Iglesias. Campu
 +de Locu, detto anche Campulongu: abitato scomparso; in periodo medioevale
 +appartenne alla Curadorìa di Costavalle, nel regno giudicale di
 +Torres. Il centro abitato, villa è menzionato nel Condaghe di San
 +Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII°, sec. Campu Giavesu, abitato
 +scomparso, i cui resti si trovano nell'agro di Giave. Campu; Campulongu;
 +campu Majori etc. Sono tantissimi i centri abitati ed i toponimi che portano
 +la radice "campu". Quindi, l'origine del cognome, abbastanza diffuso, sin
 +dai tempi antichi, in Sardegna, trova diverse probabilità. È
 +presente, in maniera nutrita, nelle carte antiche. tra i firmatari della
 +Pace di Eleonora, LPDE del 1388,&nbsp; troviamo: Campo (de) Fidirico -
 +ville Terrenove (Olbia); Campo (de) Gantino, curie de Sacargia; Campo (de)
 +Guantino, ville Macumerii; Campo (de) Guantino, ville Sancto Lussurgio;
 +Campo (de) Guiglielmo, potestate Macumerii et Curatorie de Marghine de
 +Gociano...; Campo (de) Joannes, ville Sasseri; Campo (de) Leonardo, ville
 +Zaramonte(Ciaramonti); Campo (de) Leori, majore ville Simagis de Josso;
 +Campo (de) Parasonus, ville Sasseri; Campo (de) Paulo, ville Macumerii;
 +Campo (de) Petro, majore ville Gulcei. * Gulcei.odierno Bultei. Contrate
 +de Anglona; Campo (de) Petro, ville Setini (odierno Sedini); Campo (de)
 +Petrus, ville Sasseri; Campo (de) Puço, majore ville Mumutata. *
 +Mumutata...l'odierna Mamoiada. Barbagie Ollolai et Curatorie de Austis;
 +Campo (de) Simplighi - ville Terrenove et Fundi Montis (Olbia); Campo (de)
 +Drogodorio - de Castri Januensis (Castelsardo); Campo (de) Hlierio - de
 +Castri Januensis.Campo (de) Leonardo - de Castri Januensis; Campo (de)
 +Nicolao - de Bosa; Campo (de) Petro - de Castri Januensis. Campu (de) Anthonio,
 +jurato ville Bitiri. * Bitiri...villaggio distrutto: del Meylogu. Contrate
 +de Ardar et Meylogu; Campu (de) Comita, jurato ville Pardu ; Campu (de)
 +Comita, ville Mahara (Villamar); Campu (de) Duranti, ville Gonnos de Tramacia
 +; Campu (de) Gilitto, majore ville Nurgillo ; Norghiddo...odierno Norbello.
 +Contrate Partis de Guilcier ; Campu (de) Joanne, ville Septem Fontanis.
 +Septem Fontanis.distrutto : Siete Fuentes - I conti di Siete Fuentes prendevano
 +titolo sotto il governo spagnolo. Castri Montis de Verro; Campu (de) Michele,
 +jurato ville Sia Sancte Lucie. Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT,
 +XI°, XIII° secolo,&nbsp; sono tante le persone col nome Campu o
 +meglio de Campu o de Campo; tra cui ricordiamo: Comita, Dorgotori, Gitilesu,
 +Gunnari Ioanne, Ythoccor, Mariane, Petru, etc. Citiamo Ythoccor de Campu
 +o de Campu: Majore de Scolca( comandante della guardia di confine) in Balles
 +e curatore de factu(amministratore generale) in una Corona de Rennu (tribunale),
 +presieduta da Ythoccor de Laccon. Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado,
 +CSMB, XI°, XIII° secolo troviamo: De Campeda Petru(88), teste in
 +una donazione di servi; Campu (de) Furatu (60); Campu (de) Terico, buiakesu,
 +teste in una donazione. Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI°,
 +XIII° secolo, abbiamo:&nbsp; Campu (de) Comita (110), testis kertu
 +de servis (teste in una lite per la partizione della servitù). Nell'opera
 +del Fara, "De Rebus Sardois, III° e IV° sono presenti: Campo Ioannes:
 +anno 1426 2, idus Martii, Ioannes de&nbsp; Campo ordinis fratrum Carmelitarum,
 +magister in teologia, episcopus Usellensis creatus sedit annos 5 et obiit;
 +Campus Fregosus Ludovicus (180 /11); Campus Fregosus Pirrinus, (192/7).
 +Attualmente il cognome Campu è presente in un solo Comune italiano:
 +a Narcao in Sardegna, con un nucleo familiare: Campus è presente
 +in 270 Comuni italiani, di cui 111 in Sardegna: Sassari 369, Quartu S.
 +E. 232, Cagliari 124, Macomer 84, (Narcao 14). Etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMUFFI
 +<br>CAMUFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camuffi è quasi unico, Camuffo è tipico del veneziano, con
 +un piccolo ceppo anche nel goriziano, potrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal termine italiano arcaico <i><font color="#3366FF">camuffo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">gioco d'azzardo, fazzoletto o foulard&nbsp; usabile
 +per coprire il volto, travestimento, maschera</font></i>), ma non si può
 +escludere anche una possibile derivazione dal nome ebraico <i><font color="#3366FF">Hamoth</font></i>,
 +le origini di questa cognominizzazione sembrerebbero candiote (cretesi),
 +proprio a Candia, l'attuale Creta, porto veneziano, agli inizi del 1400
 +fiorente centro commerciale veneziano nel mar Egeo, con la caduta dell'Impero
 +Romano d'Oriente, Costantinopoli, l'attuale Istanbul, fu preda dei saraceni
 +e molti candioti si rifugiarono a Venezia e Chioggia per sfuggire alle
 +persecuzioni operate dai turchi sui cristiani, tra questi anche i Camuffo
 +che, giunti a Mestre, continuarono la loro opera di costruttori di ogni
 +sorta di imbarcazione, impresa che continua tuttora.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Camuffo è un cognome veneto che viene da un antico&nbsp; vocabolo
 +veneto che significa '<i><font color="#3333FF">balza del vestito</font></i>'.
 +Olivieri 238.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMURANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico dell'Emilia e Romagna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMURRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camurri è tipico dell'area che comprende il modenese soprattutto
 +ed il reggiano e mantovano, dovrebbe trattarsi di una specie di forma etnica
 +del paese di Camurana di Medolla nel modenese o dai territori dell'antico
 +Castello di Camurana.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>A spiegare il cognome Camurri soccorrono tanto una derivazione locale
 +da una <i><font color="#3333FF">ca(sa) Murri</font></i>, quanto il nome
 +personale latino <i><font color="#3333FF">Camurius</font></i>, che ha dato
 +nel Modenese anche il nome locale Camuriana, in comune di Medolla, che
 +è una Camuriana villa d'età romana. La seconda ipotesi è
 +per me più probante. Buona la diffusione nel Modenese. Fonte: F.
 +Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CAMUS
 +<br>CAMUSSI
 +<br>CAMUSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Camus è quasi unico, Camussi, molto molto raro, è tipico
 +della zona che comprende il milanese, il pavese e l'alessandrino, Camusso,
 +decisamente più diffuso, è specifico del torinese, di Pinerolo,
 +Torino, Cumiana, San Secondo di Pinerolo, San Pietro Val Lemina e Perosa
 +Argentina, in alcuni casi potrebbero derivare dal cognome francese Camus,
 +ma in tutti i casi dovrebbero derivare da soprannomi originati dal fatto
 +che i capostipiti avessero il naso camuso.</font>
 +
 +</td></tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">CANAL
 +<br>CANALE
 +<br>CANALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Canal è tipico del triveneto, del trevisano e del bellunese
 +in particolar modo, ma anche del veneziano, del trentino e del goriziano,
 +Canale è presente in tutt'Italia, Canali è più tipico