User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_t

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_t [2019/12/14 07:49]
cognomi_italiani_t [2020/02/17 20:43] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - T ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABACCHI
 +<br>TABACCO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabacchi ha un nucleo nel bellunese a Pieve di Cadore in particolare, uno
 +tra modenese, bolognese e ferrarese, ed uno nel romano, Tabacco ha un ceppo
 +nell'udinese e nel veneziano, uno nel torinese, uno tra genovese ed alessandrino,
 +ed uno tra aquilano e romano, l'origine di questi cognomi si pu&ograve;
 +ipotizzare in alcuni casi derivante dal vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">tabbah</font></i>
 +(<i><font color="#999999">cuoco</font></i>), ma non si pu&ograve; escludere
 +anche una connessione con il termine <i><font color="#3366FF">tabacco</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pianta proveniente dai Caraibi</font></i>), ipotizzando
 +quindi una professione di coltivatore o di artigiano del tabacco svolta
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABAGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabaglio &egrave; tipicamente lombardo del cremonese e del bresciano, di
 +Comezzano-Cizzago, Brescia e Roncadelle nel bresciano e di Cremona e Torre
 +de' Picenardi nel cremonese, dovrebbe derivare da un soprannome basato
 +sul termine sia bresciano, che cremonese, arcaico <i><font color="#3333FF">tabaj</font></i>
 +(detto di <i><font color="#666666">persona ignorante e balorda</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABAN
 +<br>TABANELLI
 +<br>TABANI
 +<br>TABANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taban parrebbe unico, forse veneto, Tabanelli &egrave; tipico del ravennate,
 +di Lugo, Faenza, Bagnacavallo, Ravenna, Castel Bolognese e Conselice, con
 +ceppi anche nel bolognese ad Imola, Tabani &egrave; tipico del pistoiese,
 +Tabano sembrerebbe specifico del salernitano, di Roccadaspide in particolare,
 +dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici da soprannomi originati
 +dal termine tardo latino <i><font color="#3366FF">tabanus</font></i> (<i><font color="#999999">tafano,
 +moscone dei cavalli</font></i>) forse ad indicare nel capostipite una persona
 +particolarmente assillante o dispettosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABARANI
 +<br>TABARRANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originari del lucchese sia Tabarani, che, molto raro, &egrave; dovuto ad
 +un alterazione di Tabarrani, che &egrave; specifico di Camaiore soprattutto
 +e del lucchese, e che dovrebbe derivare dal mestiere di produttore o venditore
 +di <i><font color="#3333FF">tabarri</font></i>. il tabarro era un mantello
 +pesante invernale, probabili occupazioni del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABARELLI
 +<br>TABARRI
 +<br>TABARRONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabarelli &egrave; tipico della zona che comprende l'areale di Trento con
 +un ceppo importante, Villafranca Di Verona nel veronese e Vobarno nel bresciano,
 +Tabarri, assolutamente rarissimo, sembrerebbe emiliano, Tabarroni &egrave;
 +specifico di Bologna, dovrebbero derivare, direttamente o tramite forme
 +ipocoristiche o accrescitive, da soprannomi originati dal vocabolo <i><font color="#3333FF">tabarro</font></i>
 +(<i><font color="#666666">mantello pesante</font></i>), tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo nel 1400: "<font color="#CC66CC">...Correano
 +gli anni della nostra salute MCDLI. essendo Papa. Nicol&ograve; V. Imperatore.
 +O. le Federico III. Doze di Venezia Francesco Foscari, Vescovo di Treviso,
 +Hermolao Barbaro. Podest&agrave;. Nicol&ograve; Marcello. quando apparve
 +visibilmente. la Gloriosa. Vergine. Maria. come si vede. dipinta. sula
 +pala. di questo Altare. agli otto Settembre. giorno. della sua. nativit&agrave;.
 +sopra un Rovere. di un grandissimo. Bosco. ch'era. allora. in questo. luogo.
 +a una povera. donzella. detta Gratiosa. guardiana. di porci sempia. et.
 +storpiata. della gamba. e del bracio. destro. figliola. De </font><font color="#FF0000">Antonio
 +Tabarello</font><font color="#CC66CC">. di Natisone. ...</font>", nel 1600
 +con Donatus Vincentius Tabarellus pubblico difensore in un processo in
 +Friuli e a Rovereto (TN) in un atto leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Bonapasia
 +et Dal Pret in appellatione coram clarissimo doctore </font><font color="#FF0000">Tabarello</font><font color="#CC33CC">
 +Roboreti...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tabarelli &egrave; un cognome presente in Trentino, Lombardia ed Emilia,
 +viene dalla base prelatina '<i><font color="#3333FF">taba</font></i>' =
 +<i><font color="#666666">colle</font></i>, particolarmente attiva nel mondo
 +mediterraneo orientale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABASCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabascio &egrave; tipicamente siciliano, di Palermo, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine arabo <i><font color="#3333FF">tabbahsc</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cuoco </font></i><font color="#000000">soprattutto
 +operante sulle imbarcazioni saracene</font>), probabilmente ad indicare
 +che quella fosse stata la professione del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABELLI
 +<br>TABILI
 +<br>TABILIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabelli, molto molto raro, &egrave; romano, Tabili, altrettanto raro, &egrave;
 +tipico del Piceno, di Roma e di Monterotondo nel romano, Tabilio &egrave;
 +specifico del pescarese, di Picciano in particolare, l'ipotesi che possano
 +derivare dal nome della spezia tunisina <i><font color="#3366FF">tabil</font></i>
 +&egrave; quasi certamente infondata, molto pi&ugrave; probabilmente derivano
 +invece dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Tabilio</font></i>
 +portato ad esempio agli inizi del 1500 dal notaio Tabilio Martani di Spoleto
 +o, molto pi&ugrave; probabilmente derivano dal fatto di essere il capostipite
 +un <i><font color="#3366FF">tabelius</font></i> o <i><font color="#3366FF">tabilius</font></i>
 +(<i><font color="#999999">scrivano con funzioni notarili</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TABBUSO
 +<br>TABUSI
 +<br>TABUSO
 +<br>TABUSSI
 +<br>TABUSSO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tabbuso &egrave; specifico di Santa Elisabetta nell'agrigentino, Tabusi,
 +unico, &egrave; romano, ed &egrave; probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione
 +del cognome Tabussi, che, quasi unico, sembrerebbe del romano, Tabuso,
 +estremamente raro, sembrerebbe siciliano, forse del catanese, Tabusso,
 +abbastanza raro, &egrave; piemontese, specifico di Torino e del torinese,
 +una possibile derivazione, soprattutto per il ceppo siciliano, potrebbe
 +essere dal nome dell'antica citt&agrave; egiziana di <i><font color="#3333FF">Tabusiris
 +Magna</font></i> ad una trentina di chilometri da Alessandria, forse il
 +luogo d'origine dei capostipiti. Troviamo tracce di queste cognominizzazioni nel catanese in
 +un atto del 1521: "<font color="#CC33CC">Die X agusti Villi 1521 Inventario
 +di li loy di la gloriusa virg&igrave;ni et martiri Santa Agatha facto intra
 +la sacrist&igrave;a di la majuri eccles&igrave;a di la clarissima cita
 +di Cathania per mi notar </font><font color="#FF0000">Vito Tabuso</font><font color="#CC33CC">
 +notaro d&igrave; la Banca d&igrave; li magnifici lurati di la dicta cita
 +de voluntate et mandato di li magnifici lacobu R&igrave;chuli, Iacobu Traversa
 +et Bernardo L&igrave;xandrano jurati et presenti et videndi. Et in presencia
 +lo reverendo patri Iohanni Iuvini pr&igrave;olu di la dieta majuri ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Tabusso &egrave; un cognome piemontese. Suggerisco la possibile derivazione da un soprannome originato
 +dalla voce dialettale "<i><font color="#3333FF">tabuss</font></i>", <i><font color="#666666">battocchio</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tabusso &egrave; cognome siciliano variante di Tabbuso che viene forse
 +dall'antico francese '<i><font color="#3333FF">tabus</font></i>' = <i><font color="#666666">gazzarra,
 +strepito</font></i>, come soprannome di un litigioso. Cfr. i cognomi francesi
 +Tabouis, Tabusse. G. Caracausi, II, 1590.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCA
 +<br>TACCHI
 +<br>TACCON
 +<br>TACCONE
 +<br>TACCONELLA
 +<br>TACCONELLI
 +<br>TACCONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img SRC="../immagini/stem00taccone.gif" NOSAVE BORDER=0 height=57 width=45 align=LEFT><font size=-1>Tacca ha un nucleo nel milanese e varesotto ed un ceppo forse secondario
 +nel bellunese, Taccon, molto raro &egrave; tipico veronese, Taccone ha
 +un nucleo nell'aquilano, uno nel napoletano ed uno nella Calabria meridionale, Tacconella, tipicamente abruzzese, ha un ceppo ad Avezzano nell'aquilano,
 +Tacconelli &egrave; tipicamente abruzzese, di Chieti de del teatino in
 +particolare, di Ortona, Torrevecchia Teatina, San Giovanni Teatino e Ripa
 +Teatina, con un ceppo anche a Roma ed uno molto piccolo a Palermo, 
 +Tacchi &egrave; pi&ugrave; propriamente dell'Italia centrale, pur avendo
 +un piccolo ceppo autoctono nel varesotto, Tacconi&nbsp; sembra avere un
 +ceppo tra sudmilanese e pavese, uno nel veronese ed uno nell'areale che
 +comprende il modenese ed il bolognese e tutta l'Italia centrale, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale italogermanico&nbsp; <i><font color="#3333FF">Tacco</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Taccone</font></i>, probabilmente derivato dal
 +termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">tahha</font></i>
 +(<i><font color="#666666">prato</font></i>), in alcuni casi derivano da
 +toponimi come Taccona nel milanese o Taccone nel materano. Nel 1462 un Paolo Taccone, scultore,
 +produce a Roma una statua di Sant'Andrea, commissionata da Pio II&deg;
 +Piccolomini, nella seconda met&agrave; del 1400&nbsp; Baldassarre Taccone
 +compone la Danae che verr&agrave; rappresentata in occasione delle nozze
 +tra Anna Sforza e Alfonso d'Este.&nbsp; Tracce del cognome Taccone si trovano
 +nella storia di Vibo Valentia dove nel 1570, un tal Paolo Taccone, fond&ograve;,
 +assieme ad altri l'Accademia degl'Incostanti Ipponiesi. Nel 1798 imperversava
 +in Campania il brigante Taccone.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione
 +si trovano ad esempio nel <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font> dove all'anno 1190 si legge:
 +"<font color="#CC33CC">...ex una parte predictum monasterium, ab alia parte
 +</font><font color="#FF0000">Lafrancus Tacconus</font><font color="#CC33CC">,
 +a reliquis partibus ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tacchi &egrave; presente nella Lombardia nord-occidentale, ma diffuso
 +prevalentemente nel Centro Italia. Pu&ograve; continuare il personale medievale
 +di origine germanica "<i><font color="#3333FF">Tacco</font></i>" da <i><font color="#3333FF">Thacholf</font></i>,
 +documentato a partire dall'ottavo secolo in zone di tradizione longobarda
 +("<i><font color="#3333FF">thaka</font></i>" significa <i><font color="#666666">tetto,
 +copertura</font></i>), ma pu&ograve; anche essere una forma abbreviata
 +di altri personali medioevali come <i><font color="#3333FF">Umbertacco</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Albertacco</font></i><font color="#000000">
 +e </font><i><font color="#3333FF">Lambertacco</font></i>.
 +<br>Tacconi &egrave; cognome lucano presente a Grottole, Taccone nome di
 +un brigante in zona di Potenza intorno al 1810 (RA, 284), anche cal. nap.
 +e nel Salento, Nicolaus Tacconus nel 1144 notaio a Brindisi: brind. <i><font color="#3333FF">taccone</font></i>
 +'<i><font color="#666666">sordo</font></i>', cal. <i><font color="#3333FF">taccune</font></i>
 +'<i><font color="#666666">moneta di due soldi</font></i>'; cfr. Taccone
 +fraz. di Irsina (MT). G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania
 +1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCARI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; marchigiano della zona di Loro Piceno (MC) e Mogliano
 +(MC), potrebbe derivare da una modificazione del nome germanico Tacco (<font color="#CC33CC">vedi
 +Tacca</font>), ma &egrave; pure possibile un collegamento con un nome di
 +localit&agrave; come Taccarelli di Amandola (AP).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCHINARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; specifico
 +del sudmilanese, pavese e cremonese, potrebbe derivare da un nome longobardo
 +Daghenhardus italianizzato in Tachinardo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico lombardo,&nbsp; pu&ograve;
 +derivare da un soprannome, come pure da un diminutivo del nome medioevale
 +italogermanico Tacco.&nbsp; Personaggio degno di nota fu nel 1600 il poeta
 +Antonio Francesco Tacchini.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCHINO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha un ceppo a Castelletto d'Orba nell'alessandrino ed uno a Genova, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tachinus</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tacchino &egrave; diffuso a Genova e terre confinanti. De Felice propone
 +il rimando a un nome arabo che suona "<i><font color="#3333FF">rispettoso
 +della religione</font></i>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taccola &egrave; tipico dell'area toscana che comprende le province di
 +Pisa e Livorno, di Vicopisano (PI) in particolare, dovrebbe derivare da
 +un soprannome, originato dal termine <i><font color="#3366FF">taccola</font></i>
 +(<i><font color="#999999">piccolo difetto</font></i>), o dalla voce <i><font color="#3366FF">taccola</font></i>
 +dei dialetti settentrionali per definire una particolare qualit&agrave;
 +di piselli o anche dal termine longobardo <i><font color="#3366FF">tahhala</font></i>
 +(<i><font color="#999999">civetta, cornacchia</font></i>), un esempio di
 +quest'uso lo abbiamo con Mariano di Jacopo, detto il Taccola, (1382 - ~1453)
 +illustre scienziato ed autore di alcuni trattati scientifici come il De
 +ingeneis ed il De machinis, che contribuirono a formare la preparazione
 +scientifica fi Leonardo, tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +ad esempio nel piacentino, verso la fine del 1300, con il notaio Pietro
 +Taccola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00taccoli.gif" NOSAVE BORDER=0 height=75 width=50 align=RIGHT><font size=-1>Assolutamente molto raro, dovrebbe avere un ceppo veneto ed uno romano,
 +dovrebbe derivare dal nome italo germanico Tacco (<font color="#CC33CC">vedi
 +Tacca</font>), troviamo questa cognominizzazione gi&agrave; nella seconda
 +met&agrave; del 1100 con Gerardo de' Taccoli Vescovo di Belluno dal 1184
 +al 1197.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACCORI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taccori &egrave; tipicamente sardo, con un ceppo nel cagliaritano a Sestu,
 +Cagliari, Teulada, Domus de Maria e Quartu Sant'Elena, ed uno nell'Ogliastra
 +a Bari Sardo, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale sardo per rammendatrice.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taci, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza in Veneto e nel fiorentino,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tacius</font></i>,
 +un'alterazione del nomen latino <i><font color="#3333FF">Tatius</font></i>,
 +ma &egrave; anche possibile che possa trattarsi di una forma aferetica
 +di nomi come <i><font color="#3333FF">Bottacius</font></i>, <i><font color="#3333FF">Buschetacius</font></i>,
 +o anche di alterazioni dialettali dell'aferesi di nomi come <i><font color="#3333FF">Eustachius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TACUS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tacus, estremamente raro, &egrave; tipicamente friulano, l'origine etimologica,
 +forse slava, &egrave; oscura, anche se si pu&ograve; ipotizzare una derivazione
 +da un'alterazione del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tacius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi TACI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TADDE'
 +<br>TADDEI
 +<br>TADDEO
 +<br>TADE'
 +<br>TADEI
 +<br>TADEO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tadd&egrave;, quasi unico, Tadeo e Tad&egrave;, estremamente rari, dovrebbero
 +essere della zona tra Veneto e Lombardia, Tadei sempre rarissimo, sembrerebbe
 +del bresciano, Taddei &egrave; diffuso in tutto il centro nord, Taddeo
 +&egrave; tipico della zona che comprende basso Abruzzo, Molise e Campania,
 +con ceppi anche in Puglia, dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Tadeus</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3333FF">Taddeus</font></i>, di cui abbiamo un esempio in un atto redatto in Pisa
 +nel 1317: "<font color="#CC33CC">Anno a nactivitate eiusdem millesimo trecentesimo
 +decimoseptimo, die undicesimo mensis aprilis, ... Ego </font><font color="#FF0000">Taddeus</font><font color="#CC33CC">
 +Henrigi Ruggerii quondam filius, imperatoris dignitatis iudex ordinarius
 +et notarius, et nunc supradicte curie legis scriba publicus,...</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1400 con Tadei de Tadeo
 +notaio dello Stato Veneto e a Gordona (SO) nella prima met&agrave; del
 +1600 con il podest&agrave; Tadeo Thadei.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taddei, Taddeo e Taddia derivano dal nome <i><font color="#3333FF">Taddeo</font></i>
 +che deriva dall'aramaico <i><font color="#3333FF">Thadday</font></i>, probabile
 +adattamento del nome greco <i><font color="#3333FF">The&oacute;doros</font></i>
 += <i><font color="#666666">dono di Dio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TADDIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taddia &egrave; tipicamente emiliano, del bolognese e del ferrarese, di
 +Pieve di Cento nel bolognese, di Ferrara e di Bologna soprattutto, deriva
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Taddia</font></i> una forma arcaica del
 +nome Taddeo, cos&igrave; come Mattia &egrave; un modo arcaico di dire Matteo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TADIELLO
 +<br>TADIOTTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tadiello &egrave; poco comune tipico veneto, del vicentino in particolare,
 +Tadiotto, molto molto raro, &egrave; specifico dell'area tra vicentino
 +e trevigiano, potrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Tadius</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio nell'epistola di Cicerone ad Attico: "<font color="#CC33CC">...De
 +Tadiana re mecum </font><font color="#FF0000">Tadius</font><font color="#CC33CC">
 +locutus est te ita scripsisse, nihil esse iam, quod laboraretur...</font>",
 +ma &egrave; pure possibile una derivazione dal nome <i><font color="#3333FF">Taddeus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Tad&egrave;</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornita da Nicola Tadiello</font></font>
 +<br>Il cognome Tadiello &egrave; originario da Chiampo (VI). Cercando infatti
 +tra i documenti della parrocchia del paese ho scoperto che gi&agrave; nel
 +1580 dava i natali ad un certo Tadiello Pietro. Il significato del
 +cognome &egrave; ancora controverso. Per alcuni &egrave; di origini venete,
 +visto l'esistenza di Taddeo. Altri invece non credono a questa spiegazione
 +abbastanza semplicistica. I Tadiello infatti si trovavano anticamente solo
 +a Chiampo o nei comuni limitrofi. Essendo Chiampo una zona dove si parlava
 +il Cimbro (dialetto Tedesco o Danese) &egrave; facile che Tadiello derivi
 +da tadel (matto). Iello invece era un tipico diminutivo Veneto. Quindi
 +il significato corretto &egrave; <i><font color="#3333FF">piccolo matto</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">mattacchione</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tadiello e Tadiotto sono cognomi veneti che derivano dall'antico nome
 +<i><font color="#3333FF">Thad&egrave;</font></i>, attestato a S. Bonifacio
 +nel 1531. Olivieri 152.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sembra abbia due ceppi, uno toscano
 +ed uno laziale, dovrebbe derivare da un soprannome legato al carattere
 +o al modo di fare del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFARO
 +<br>TAFFAREL
 +<br>TAFFARELLI
 +<br>TAFFARELLO
 +<br>TAFFARI
 +<br>TAFFARO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente specifico del trevigiano orientale Taffarel, del trevigiano
 +meridionale Taffarello, pressocch&egrave; scomparso Taffarelli che pu&ograve;
 +essere considerato un ceppo secondario del precedente, Taffari &egrave;
 +specifico di Menfi nell'agrigentino, Taffaro, estremamente raro, &egrave;
 +siciliano, dell'area tra agrigentino e palermitano, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale Taffarello, italianizzazione dell'ipocoristico del
 +nome di origine araba <i><font color="#3333FF">Tafar</font></i> o <i><font color="#3333FF">Tafur</font></i>
 +(il famoso <i><font color="#3333FF">Putifarre</font></i> biblico), o direttamente
 +dall'italianizzazione di questo nome: l'uso di questo nome &egrave; rilevato
 +ad esempio in un atto stipulato a Nogaredo in trentino il 14 ottobre 1290,
 +nel quale compare come testimone tal Taffarello Marquardo prete di Fielis.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornita da Giacomo Ganza</font></font>
 +<br>&egrave; ipotizzabile anche un'origine del cognome dal nome Cristoforo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFFELLI
 +<br>TAFFI
 +<br>TAFFINI
 +<br>TAFFIO
 +<br>TAFFO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taffelli, assolutamente molto molto raro, &egrave; specifico dell'area
 +che dal basso bresciano raggiunge il mantovano, Taffi ha piccoli ceppi,
 +uno a Domodossola nell'ossolano, uno a Rosignano Marittimo e Cecina nel
 +livornese, uno a Castelfidardo e Camerano nell'anconetano, ed uno a Civitavecchia
 +nel romano, Taffini &egrave; decisamente umbro, specifico di Perugia e
 +Citt&agrave; di Castello nel perugino, Taffio, quasi unico, &egrave; marchigiano,
 +Taffo, molto raro, ha un ceppo ad Osimo nell'anconetano, nel maceratese
 +ed in Abruzzo, dovrebbero derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche,
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Taffus</font></i>, di cui abbiamo un esempio d'uso nei <i><font color="#3333FF">Commentarii</font></i>
 +di Francesco Bacone: "<font color="#CC33CC">..Angli in equestres hostium
 +turmas impetum animose fecerunt; cumque Guilielmus Goldophinus, qui proregis
 +alam duxit, Henricus Danversus, Minshanus, </font><font color="#FF0000">Taffus</font><font color="#CC33CC">,
 +Flemingus, et Ioannes Barckleius castrorum praefectus se coniunxissent,
 +tanta alacritate iterarunt ut equites rebellium fugam capesserent. ..</font>",
 +ma in qualche caso potrebbero anche derivare da alterazioni del nome albanese
 +<i><font color="#3333FF">Tafaj</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFFETANI
 +<br>TAFFETTANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taffetani &egrave; specifico di Macerata e Corridonia nel maceratese, Taffettani,
 +assolutamente rarissimo, che dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +del precedente, sembrerebbe laziale, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal vocabolo medioevale <i><font color="#3333FF">pannus taffetanus</font></i>
 +originato dallo spagnolo <i><font color="#3333FF">tafetan</font></i> (<i><font color="#666666">tessuto
 +di seta leggerissimo, brillante, dal colore cangiante</font></i>), che
 +a sua volta deriva dal persiano <i><font color="#3333FF">taftan</font></i>
 +(<i><font color="#666666">intrecciare, tessere</font></i>): "<font color="#CC33CC">..Pannus
 +sericus, quem vulgo </font><font color="#FF0000">Taffetas</font><font color="#CC33CC">
 +dicimus, Armorici </font><font color="#FF0000">Taftas</font><font color="#CC33CC">,
 +unde nomen..</font>", probabilmente ad indicare che i capostipiti commerciassero
 +in quel tipo di stoffa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFFURI
 +<br>TAFURI
 +<br>TAFURO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; tipico del casertano Taffuri, pi&ugrave; diffuso
 +in tutta la Campania con un ceppo anche nel Salento Tafuri, con un nucleo
 +nel napoletano ed uno nella penisola salentina Tafuro, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale di origine araba <i><font color="#3333FF">Tafurus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il famoso Putifarre biblico</font></i>), di cui
 +si hanno tracce in un atto del 1100: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Martinus
 +Tafurus de Goiono</font><font color="#CC33CC"> iuratus testatur terram,
 +unde lis est, fuisse Acerbi de Pospenzo, quia istemet testis laboravit
 +cum ...</font>"<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tafuri &egrave; frequente nella Sicilia orientale anche nella forma
 +Tafuro, cos&igrave; come in Calabria (CO, CZ), nel Napoletano e nel Salento.
 +Un Tafuri in provincia di Cosenza &egrave; testimoniato nell'anno 1269.
 +Di origine araba: <i><font color="#3366FF">taifuri</font></i> = <i><font color="#999999">scodellaio
 +</font></i>(Pellegrini 339)&nbsp; Cfr. G. Rohlfs: Dizionario storico dei
 +cognomi nella Sicilia orientale, Centro di studi filologici e linguistici
 +siciliani, Palermo, 1984, p. 183
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Onofrio
 +Milella Tafuri</font></font>
 +<br>I Tafuri sono presenti nel Salento gi&agrave; nel 1100 e da quell'epoca
 +si sono distinti nei secoli come nobili in tutti e tre i rami esistenti
 +in questo territorio. Vedi Matteo Tafuri da Soleto e diplomi di <i><font color="#3366FF">Magnificus</font></i>
 +di Terra d'Otranto risalenti al periodo normanno per arrivare a titoli
 +di nobilt&agrave; pi&ugrave; recenti come Conti di S. Agata, baroni di
 +Pompignano, Salignano - Li Stoppelli e Mollone; diversi cavalierati e privilegi
 +in tutta la provincia; pi&ugrave; volte sindaci per ceto nobile; I rami
 +su citati sono Lecce - Galatone, Gallipoli - Nardo, Soleto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAFUNI
 +<br>TAFUNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi specifici di Altamura nel barese, Tafuni &egrave; il pi&ugrave;
 +diffuso dei due, mentre Tafuno &egrave; decisamente meno comune, dovrebbero
 +derivare dal nome albanese <i><font color="#3333FF">Tayfun</font></i> ,
 +a sua volta originato dal turco <i><font color="#3333FF">Taifon</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGIASCO
 +<br>TAGGIASCO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifici della provincia di Imperia
 +sono originari di Taggia (IM) dal cui toponimo derivano anche entrambi
 +i cognomi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIABOSCHI
 +<br>TAGLIALEGNA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliaboschi &egrave; tipicamente laziale, di Anagni nel frusinate, Taglialegna
 +&egrave; assolutamente rarissimo, forse di origini friulane, questi cognomi
 +dovrebbero derivare dall'attivit&agrave; dei capostipiti, il cui mestiere
 +probabilmente era proprio quello di tagliaboschi o taglialegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIABUE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico della zona nord occidentale
 +della Lombardia, potrebbe derivare da un soprannome connesso con il mestiere
 +di macellaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIACOZZI
 +<br>TAGLIACOZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliacozzi, molto raro, &egrave; tipico di Olevano Romano e Roma, Tagliacozzo
 +&egrave; tipico del romano, di Roma, Palestrina e Zagarolo, dovrebbero
 +derivare dal toponimo aquilano Tagliacozzo, posto ai confini con il Lazio,
 +probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAFERRI
 +<br>TAGLIAFERRO
 +<br>TAGLIAFIERRO
 +<br>TALIAFERRI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00tagliaferri.gif" NOSAVE BORDER=0 height=78 width=60 align=LEFT><font size=-1>Tagliaferri &egrave; diffuso soprattutto in Lombardia, ma ha ceppi anche
 +nel bolognese, nel fiorentino, nel Lazio e nel napoletano, Taliaferri,
 +praticamente unico &egrave; dovuto ad un errore di trascrizione del precedente,
 +Tagliaferro, meno diffuso, ha un ceppo nel vicentino, uno nel goriziano,
 +uno in provincia di Roma ed in Campania, Tagliafierro &egrave; tipico campano,
 +del casertano in particolar modo, derivano da soprannomi originati o dal
 +mestiere di mastro ferraio o dall'abilit&agrave; nel maneggiare le armi
 +e dalla capacit&agrave; di fendere le armature, con un colpo di scure o
 +di spada.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Nella maggior parte dei casi, in realt&agrave;, questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Tagliaferro</font></i>,
 +l'italianizzazione cio&egrave; del personale francese <i><font color="#3366FF">Taillefer</font></i>,
 +reso famoso dall'epica cavalleresca (il nome Tagliaferro, d'altronde, &egrave;
 +citato anche nel dramma settecentesco <i><font color="#3366FF">La Cecchina</font></i>,
 +di Niccol&ograve; Piccinni). Dal punto di vista etimologico (come gi&agrave;
 +ricordato giustamente), il termine tagliaferro indica un soldato abile
 +nel trapassare l'armatura o lo scudo dell'avversario con le sue armi: &egrave;
 +facile, quindi, intuire come il nome <i><font color="#3366FF">Tagliaferro</font></i>
 +fosse attribuito al nuovo nato come augurio di un futuro da abile combattente.
 +Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta pi&ugrave;
 +spesso delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti, anche
 +se in alcuni casi non &egrave; esclusa una derivazione da soprannomi (ad
 +esempio, da epiteti di guerra) o da nomi di mestiere (come quello del fabbro,
 +che in effetti ha dato origine a parecchi cognomi, diffusi anche al di
 +fuori del nostro paese).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAFICHI
 +<br>TAGLIAFICO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliafichi, molto molto raro, parrebbe tipico del piacentino, di Piacenza
 +e di Rottofreno, Tagliafico &egrave; specifico di Genova, dovrebbero derivare
 +da soprannomi scherzosi equivalenti a rubafichi, forse intendendo che il
 +capostipite fosse una persona da poco o uno smargiasso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIALAPIETRA
 +<br>TAGLIAPIETRA
 +<br>TAGLIAPIETRE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taglialapietra, &egrave; quasi unico, potrebbe essere napoletano, Tagliapietra
 +&egrave; tipico veneto, ma con un ceppo nel milanese, Tagliapietre &egrave;
 +quasi unico, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal mestiere
 +di scalpellino o scultore, troviamo tracce di questo cognome nel 1300 a
 +Rovigno dove I Tagliapietra vengono annoverati tra la nobilt&agrave; cittadina
 +e a Venezia, nel 1334 il Senato rovignese invia un certo Leonardo Tagliapietra
 +ad Orsera sulle Dolomiti a lavorarvi la pietra per conto della Repubblica
 +Veneta, verso la fine del 1700 nel milanese abbiamo lo scalpellino Pietro
 +Francesco Tagliapietra, detto Paciotto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIALATELA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome tipico dell'area napoletana
 +e casertana, deriva probabilmente da un soprannome legato all'attivit&agrave;
 +di sarto del capostipite. Si trovano tracce gi&agrave; dal 1700 di una
 +famiglia di notai Taglialatela a Villaricca (NA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIALAVORO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taglialavoro, quasi scomparso, &egrave; un cognome tipicamente siciliano, dell'area agrigentina,
 +di Ribera e Cianciana, di etimologia oscura, potrebbe derivare da un soprannome
 +originato da un'italianizzazione forzata del termine arabo <i><font color="#3366FF">tayr
 +al layl</font></i> (<i><font color="#999999">uccello notturno</font></i>),
 +ma, molto pi&ugrave; probabilmente, deriva da un soprannome scherzoso equivalente
 +a <i><font color="#3366FF">scansafatiche</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Moncada</font></font>
 +<br>In siciliano il lavoro, <i><font color="#3366FF">lavuri</font></i>
 +in siciliano,&nbsp; coincide con tutto ci&ograve; che ha a che fare con
 +il <i><font color="#999999">frumento</font></i>. Il frumento stesso si
 +chiama <i><font color="#3366FF">lavuri</font></i>. Il campo seminato a
 +frumento si chiama<i><font color="#3366FF"> lavuri</font></i>. Taglialavoro
 +potrebbe significare <i><font color="#999999">taglia frumento</font></i>
 +ossia <i><font color="#999999">mietitore</font></i>, oppure <i><font color="#999999">sensale
 +di frumento</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAMENTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliamento, assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppo nel trevisano,
 +che potrebbe derivare dall'idronimo Tagliamento, che scorre nel vicino
 +pordenonese e basso udinese, ed un ceppo ancora pi&ugrave; piccolo nel
 +napoletano, che potrebbe derivare da un'alterazione del nome franco, di origine germanica, <i><font color="#3333FF">Talamund</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche TAGLIAMONTE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAMONTE
 +<br>TAGLIAMONTI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliamonte ha un ceppo a Ponza, isola del latinense, ed a Roma, un ceppo
 +a Pagani e Sant`Egidio del Monte Albino nel salernitano ed a Napoli, Ercolano,
 +Torre del Greco e Pozzuoli nel napoletano, Tagliamonti, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe del latinense, si dovrebbe trattare dell'italianizzazione del
 +nome franco, di origine germanica, <i><font color="#3333FF">Talamund</font></i>,
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">tal</font></i> (<i><font color="#666666">valle</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">mund</font></i> (<i><font color="#666666">protezione</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">protettore della valle</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIANI
 +<br>TAGLIANO
 +<br>TALIANI
 +<br>TALIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliani &egrave; dell'area lombardoemiliana, di Brallo di Pregola, Voghera,
 +Varzi e Pavia nel pavese, e di Bedizzole, Brescia, Gavardo, Mazzano, Calcinato
 +e Dello nel bresciano, in Lombardia e di Ferrara, Vigarano Mainarda, Argenta
 +e Bondeno nel ferrarese, di Bologna e di Modena, Tagliano, assolutamente
 +rarissimo, &egrave; dell'area ligurepiemontese, Taliani ha un piccolo ceppo
 +a Modena e Pavullo nel Frignano nel modenese, uno nel senese ad Abbadia
 +San Salvatore, Poggibonsi e Siena e nel pisano a Pontedera, Pisa e Buti,
 +Taliano ha un grosso ceppo a Mont&agrave; nel cuneese con un ceppo anche
 +a Torino ed un piccolo ceppo nel reggino a Bovalino e Portigliola, questi
 +cognomi dovrebbero derivare da forme aferetiche, anche dialettali, del
 +nome <i><font color="#3333FF">Vitaliano</font></i>, probabilmente portato
 +dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIATA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliata &egrave; tipicamente siciliano di Siracusa, dovrebbe derivare
 +da un nome di localit&agrave; non meglio dentificato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico emiliano, delle province di Ferrara, Modena e Bologna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAVIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00tagliavia.gif" NOSAVE BORDER=0 height=90 width=70 align=RIGHT><font size=-1>Tipico siciliano, del palermitano in particolare, potrebbe derivare da
 +un soprannome originato dal nome di una localit&agrave; che interrompeva
 +il percorso di una strada. Famiglia feudale siciliana al servizio degli
 +imperatori svevi, ricordiamo Bartolomeo Tagliavia capitano sotto l'imperatore
 +Arrigo VI&deg; che venne nominato Barone nel 1303 da Federico II&deg;.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAVINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome tipico emiliano, dovrebbe derivare da un soprannome legato al mestiere
 +di oste, ma &egrave; pure possibile una connessione con il termine dialettale
 +<i><font color="#3366FF">tajaven</font></i>, che pu&ograve; essere attribuito
 +in modo scherzoso ad un barbiere, che anticamente aveva anche funzioni
 +di chirurgo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIAZUCCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico modenese, della zona che comprende i comuni di Castelnuovo Rangone,
 +Maranello, Formigine, Modena e Vignola,&egrave;&nbsp; difficile ipotizzare
 +una derivazione anche se l'ipotesi di un soprannome connesso con l'attivit&agrave;
 +di boia &egrave; altamente improbabile. Traccia di questa cognominizzazione
 +le troviamo con l'accademico nativo di Modena Girolamo Tagliazucchi: (1674-1751)
 +che fu insegnante di eloquenza italiana nell'Universit&agrave; di Torino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>informazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tagliazucchi &egrave; cognome d'origine agreste, indicante il &laquo;venditore
 +di zucche&raquo;, di rilevante diffusione a Modena citt&agrave; e contado.
 +F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha un nucleo nell'aquilano ed un ceppo nel reggino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>&egrave; un cognome tipico abruzzese, ma presenta altri ceppi distinti
 +nella Capitale e nella zona dello Stretto. Dal punto di vista etimologico,
 +dovrebbe derivare dall'attivit&agrave; svolta dal capostipite (taglialegna
 +oppure tagliapietre, lavoro compiuto nelle cave da operai specializzati
 +detti lapicidi).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taglieri &egrave; cognome calabrese, siciliano, pugliese e napoletano.
 +Viene dalla voce '<i><font color="#3333FF">tagliere</font></i>', arnese
 +di cucina. Rohlfs 257.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAGLIOLA
 +<br>TAGLIOLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tagliola ha un ceppo a Collarmele ed a San Benedetto dei Marsi nell'aquilano,
 +Taglioli ha un ceppo nel bolognese, a Bologna, Porretta Terme e Lizzano
 +in Belvedere, uno a Vicopisano nel pisano ed a Livorno ed uno molto piccolo
 +a Budduso in Gallura, potrebbero derivare dal nome di paesi come Tagliole
 +nel modenese o di localit&agrave; La Tagliola nel livornese o altre simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIANI
 +<br>TAIANO
 +<br>TAJANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taiani &egrave; molto raro ed &egrave; specifico del salernitano, Tajani,
 +assolutamente rarissimo, potrebbe essere anch'esso campano, Taiano, molto
 +molto raro, &egrave; tipico del napoletano ed in parte del salernitano,
 +dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave; come Taiano nel teramano,
 +o anche da forme aferetiche di nomi come <i><font color="#3333FF">Ottaviano</font></i>
 +portati dai capostipiti.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni proposte da Angelo
 +Tajani</font></font>
 +<br>La famiglia Tajani &egrave; originaria di Vietri sul mare in provincia
 +di Salerno. L'origine del cognome, secondo quanto &egrave; stato pubblicato
 +da Domenico Tajani nel 1800, risalirebbe ad una trib&ugrave;, Tayani o
 +Tajani, che dimorava sulla riva orientale del Tigri, tra il piccolo e il
 +grande fiume Zob. Non &egrave; da escludere, infatti, che i primi Tajani
 +siano arrivati a Vietri sul mare nei primi anni del Decimo secolo con quei
 +studiosi arabi reclutati da Federico II&deg; per insegnare nella Scuola
 +Medica Salernitana. Sta di fatto che tutti i discendenti di questa famiglia,
 +dal 1400 ad oggi, si sono dedicate alle arti nobili: la produzione della
 +ceramica, della carta e l'ingegneria. Pare, infatti, che un Mattheus Tajanus
 +sia stato il direttore dei lavori del Duomo di Salerno, costruito nella
 +seconda met&agrave; dell'anno Mille. La famiglia Tajani annovera Diego Tajani, gi&agrave; Procuratore generale
 +prima a Napoli e poi a Palermo e poi ministro di grazia, giustizia e dei
 +culti, in tre gabinetti presieduti da De Pretis.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tajani &egrave; cognome meridionale che secondo il Flechia (App. ms.)
 +viene dal nome locale <i><font color="#3333FF">Ottajano</font></i>. Olivieri
 +153.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIARIOL
 +<br>TAJARIOL</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognomi specifici della provincia di Pordenone, Taiariol occupa l'area
 +di Pordenone, Zoppola, Azzano Decimo, Porcia, Cordenons e Fiume Veneto,
 +Tajariol, molto pi&ugrave; raro, &egrave; specifico di Pordenone e di Azzano
 +Decimo, questi cognomi dovrebbero derivare da soprannomi dialettali originati
 +dal mestiere di taglialegna svolto probabilmente dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIBBI
 +<br>TAIBI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taibbi &egrave; molto raro ed &egrave; tipico del nisseno, Taibi, pi&ugrave;
 +diffuso &egrave; tipico dell'agrigentino, derivano dal nome arabo Tayyb
 +(&nbsp; equivalente dell'ebraico Tobia).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taibi &egrave; frequente a Catania, Messina ma anche in Calabria (CZ)
 +e a Taranto. Viene dall'arabo <i><font color="#3366FF">tayyb</font></i>
 += <i><font color="#999999">molto buono</font></i> (Pellegrini 234). Cfr.
 +G. Rohlfs: Dizionario storico dei cognomi nella Sicilia orientale, Centro
 +di studi filologici e linguistici siciliani, Palermo, 1984, p. 183</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIE'
 +<br>TAJE
 +<br>TAJE'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tai&egrave;, assolutamente rarissimo e Taje, quasi unico sono forme alterate
 +di Taj&egrave;, che &egrave; specifico di Legnano nel milanese, dovrebbe
 +derivare da un soprannome basato sul termine dialettale <i><font color="#3333FF">taj&egrave;</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tagliere</font></i>, pezzo d'asse usato dai macellai
 +per tagliare la carne), probabilmente af indicare che il capostipite facesse
 +di mestiere il macellaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAINI
 +<br>TAINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi rari, Taini sembra avere
 +due ceppi, nel milanese e nel bresciano, mentre Taino &egrave; specifico
 +del cremonese e basso bresciano, le possibili origini sono veramente molte
 +e tra loro diverse, potrebbero infatti derivare da soprannomi legati al
 +vocabolo medioevale sassone tainus che significa propriamente compagno
 +d'armi, in qualche caso potrebbero pure derivare dal toponimo Taino (VA),
 +&egrave; pure possibile che derivino dal nome gentilizio latino Taginus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIOCCHI
 +<br>TAJOCCHI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taiocchi &egrave; specifico di Bergamo e dintorni, Tajocchi &egrave; praticamente
 +unico, potrebbero derivare dal toponimo medioevale C&agrave; Taiocco, frazione
 +di Sant'Omobono (BG).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornite da Fabio Carenini</font></font>
 +<br>il cognome Taiocchi &egrave; di sicura proveninza della citt&agrave;
 +di Bergamo. Sicura attestazione da atti parrocchiali della met&agrave;
 +del 1700, presenti in
 +<br>Bergamo Alta. Dei Taiocchi parteciparono alla costruzione delle mura
 +venete (1500 ca.) della citt&agrave;, con mansione purtroppo sconosciuta
 +per il momento. Sembra comunque che la presenza sia attestata dal 1376.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIOLA
 +<br>TAIOLI
 +<br>TAJOLA
 +<br>TAJOLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Taiola ha un ceppo a Lumezzane, Brescia, Nave, Villa Carcina, Vobarno,
 +Borgosatollo e Concesio nel bresciano, con un ceppo anche a Cervia nel
 +ravennate, Taioli ha un ceppo nel veronese a Badia Calavena, Lavagno, Verona,
 +Illasi, Tregnago e San Martino Buon Albergo, con un ceppo anche a Cesena
 +e Cesenatico nel cesenate, Tajola &egrave; unico e Tajoli lo &egrave; quasi
 +e sembrerebbero entrambi dell'area veronese, potrebbero derivare da soprannomi
 +originati dalla voce dialettale veneta <i><font color="#3366FF">tajola</font></i>
 +(<i><font color="#999999">falso asfodelo</font></i>, tipo di pianta delle
 +liliacee), ma &egrave; pure possibile che i soprannomi derivino dalla <i><font color="#3366FF">taiolla</font></i>
 +o<i><font color="#3366FF"> taiola</font></i> un tipo di legno molto sottile
 +utilizzato per casse destinate a contenere sapone, voce comune sia all'antica
 +lingua veneta che emiliana e marchigiana: "<font color="#CC33CC">...Solebant
 +etiam ipsi Marchiani et Anconitani suum saponem mittere Venecias et nichil
 +modo mittunt, set illud de suis partibus caricatur et portatur tam per
 +mercatores Venetos quam alios cum navibus Venetorum et aliorum ad alias
 +partes sicut volunt mittunt etiam ipsi Anchonitani et Marchiani suum saponem
 +per mundum in capselis de &ccedil;apino subtilibus et nostri mercatores
 +Veneti in capsellis de </font><font color="#FF0000">taiolla</font><font color="#CC33CC">,
 +que sunt grosse et in eis sapone melius conservatur, nam sicud nostri ipsas
 +tabulas de </font><font color="#FF0000">taiola</font><font color="#CC33CC">
 +et laborari faciunt et non infictari, quod quidem lignamen extrahunt pro
 +lignamine laborato et solvunt solum X pro centenario et lignamine non laboratum
 +solvit L pro centenario, de quo comune defraudatur, unde dicti mercatores
 +instanter supplicant quatenus super predictis provideatur ad hoc ut dicta
 +ars saponis reduci valeat in bonum statum suum et comunis....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TAIT
 +<br>TAITA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tait &egrave; tipicamente trentino, di Mezzolombardo in particolare, con
 +presenze significative anche a Trento e Bolzano, Taita &egrave; specifico
 +di Seren del Grappa nel bellunese, potrebbero derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo medioevale germanico (a.h.d.) </font>
 +<i><font color="#3333FF">taht</font></i> (<i><font color="#666666">stoppino,
 +lucignolo, cerino</font></i>), forse ad indicare nel capostipite un addetto
 +al mantenimento dei fuochi notturni del paese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome trentino di origine scozzese e inglese. Si tratta di un nomignolo
 +per indicare una persona allegra, derivato dall'antico norvegese '<i><font color="#3333FF">teitr</font></i>'
 += <i><font color="#666666">allegro, gaio</font></i>. Il cognome &egrave;
 +estremamente diffuso negli Stati Uniti ma ancor pi&ugrave; in Gran Bretagna.
 +E' presente anche in Austria (Tirolo e Vorarlberg) da dove &egrave; giunto
 +in Alto Adige (Bolzano, Sesto ecc.) e in tutto il Trentino (massicciamente
 +a Mezzolombardo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALAMELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Talamelli &egrave; specifico di Fano e del pesarese, con un ceppo anche
 +a Gualdo Tadino nel perugino, dovrebbe derivare dal toponimo Talamello
 +(PU), probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALAMI
 +<br>TALAMO
 +<br>TALAMONE
 +<br>TALAMONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Talami sembra tipico emiliano, del reggiano in particolare, Talamo invece
 +ha un ceppo tra napoletano e salernitano, uno nel foggiano, ed uno in Sicilia,
 +Talamone, assolutamente rarissimo, parrebbe dell'area lombardo emiliana,
 +Talamoni, un p&ograve; meno raro, ha un ceppo tra verbanese e varesotto,
 +uno nel lucchese ed uno nel Lazio, potrebbero derivare, direttamente o
 +tramite accrescitivi, da soprannomi legati al vocabolo <i><font color="#3333FF">thalamus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">letto coniugale, </font></i><font color="#000000">o
 +</font><i><font color="#999999">anche colui che trasporta</font></i>).
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Positano nella seconda
 +met&agrave; del 1600 ed a Gallipoli agli inizi del 1700.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Talamo &egrave; cognome lucano, calabrese, siciliano, salentino con
 +alta frequenza a Napoli: cfr. sic. <i><font color="#3333FF">t&agrave;lamu</font></i>
 +'<i><font color="#666666">catafalco</font></i>', calabrese '<i><font color="#3333FF">talamu</font></i>'
 += <i><font color="#666666">stupido</font></i>. G. Rohlfs, 183. G. Caracausi,
 +Diz. onomast. della Sicilia, II, 1595.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALAMINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del bellunese ed alto trevigiano,
 +potrebbe avere anche un ramo scomparso in Liguria.&nbsp; In un atto notarile
 +del 1278 Isolano del fu <font color="#CC0000">Talamino</font> da Volastra
 +vende a Compagnone di Donato Taviolo da Corniglia e a Rollandino di Manfredino
 +da Volastra una terra nel luogo detto ad posam confinante con la rocca
 +e colla terra di Facio de Falconeto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALARICO
 +<br>TALLARICO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dovrebbero essere entrambi originari
 +del triangolo con ai vertici Cosenza, Crotone e Catanzaro,&nbsp; ma anche
 +nel milanese parrebbe esserci un ceppo secondario, dovrebbero derivare
 +dall'aferesi del nome ostrogoto Atalarico, si deve ricordare che sotto
 +il regno ostrogoto la Calabria fu privilegiata ed attravers&ograve; un
 +periodo molto florido, tanto da rendere diffusi nomi propri appartenenti
 +alla tradizione ostrogota.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALENTI
 +<br>TALENTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Talenti ha ceppi sparsi qua e l&agrave; per l'Italia, nell'alessandrino,
 +nel forlivese e ravennate, a Lucca e nel fiorentino, a Roma, a Polignano
 +a Mare e Castellana Grotte nel barese, e ad Agrigento, Talento ha un ceppo
 +campano a Napoli, a Santa Maria Capua Vetere nel casertano, a Salerno e
 +ad Avellino e Montefredane nell'avellinese, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Talentus</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio d'uso con <i><font color="#3333FF">Talentus filius Martignonis</font></i>
 +elencato tra i <font color="#CC33CC">ghibellini suspecti qui morari debent
 +extra civitatem</font> nel 1268 a Firenze, nome che deriva dal <i><font color="#3333FF">talentum</font></i>
 +latino con il significato di opulenza o grande ricchezza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALEVI
 +<br>TALLEVI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tallevi &egrave; tipico dell'anconetano,
 +Tallevi &egrave; pi&ugrave; propriamente della zona tra Pesaro e Fano,
 +derivano dall'aferesi del nome medioevale Diotallevio, nome dato sia a
 +trovatelli che a neonati particolarmente indigenti o malaticci. Tracce
 +dell'uso di questo nome si hanno ad esempio a Spoleto nel 1400 con un pittore
 +non particolarmente famoso di nome Diotallevio D'Antonio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALIENTA
 +<br>TALIENTE
 +<br>TALIENTI
 +<br>TALIENTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Talienta sembrerebbe unico, Taliente &egrave; specifico di Ostuni nel brindisino,
 +Talienti, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza nel barese, Taliento
 +ha un ceppo campano, a Napoli e nel casertano a Pastorano ed a Pignataro
 +Maggiore, ed uno pugliese a Bari ed a Brindisi, dovrebbero derivare da
 +alterazioni dialettali del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Talentus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi TALENTI</font>), tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Bitonto nel barese fin dal 1400 con un donnum Leucium Vulpanum
 +Taliento de Caym.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALLINI
 +<br>TALLINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tallini &egrave; tipicamente laziale, del frusinate, di Frosinone e Torrice
 +e di Gaeta nel latinense, Tallino, quasi unico, ha qualche presenza nel
 +latinense, dovrebbero essere nati da forme ipocoristiche del nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Tallo</font></i>, a sua volta derivato
 +dal termine medioevale a.a.t. <i><font color="#3333FF">tallis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">vallata</font></i>), intendendo probabilmente
 +che i capostipiti fossero dei valligiani, forse svizzeri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALLONE
 +<br>TALLONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tallone &egrave; tipicamente piemontese, soprattutto di Cuneo e di Busca,
 +Centallo, Fossano, Bra, Savigliano e Caraglio nel cuneese, e di Torino,
 +con presenze significative anche in Liguria nell'imperiese ad Imperia,
 +Borgomaro e Dolcedo, ed a Genova, Talloni, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +del centronord, dovrebbero derivare dal cognome francese <i><font color="#3366FF">Tallon</font></i>,
 +che parrebbe derivare dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Tallo</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Tallonis</font></i>, anche se non si pu&ograve;
 +escludere possa trattarsi in alcuni casi di forme aferetiche contratte
 +del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Pantalone</font></i>, di quest'uso
 +abbiamo un esempio nel 1547 nel <i><font color="#3366FF">Bando contro i
 +Fieschi e loro Complici</font></i>: "<font color="#CC33CC">..E prima bandiscono
 +e per banditi condanano e dichiarano Francesco Pinello da Gavi per anni
 +otto, Francesco Curlo per anni cinquanta, Bernardo Celesia per anni cinquanta,
 +Thomaso de Axereto detto Verze per anni cinquanta, Gieronimo Marriliano
 +detto Garaventino per anni cinquanta, Giulio Fregozo del quondam Signor
 +Antonio ganyhino per anni cinquanta, Gieronimo dal Fiesco del q. Gioan
 +G.io per anni dieci, Battista Giustiniano del q. Baldasaro per anni dieci,
 +Paolo Gior.&deg; dal Fiesco per anni dieci, Francesco e </font><font color="#FF0000">Pantaleo
 +detto Tallone</font><font color="#CC33CC"> fratelli Badarachi macellari
 +in Soziglia per anni 10 ciascuno di essi...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALLORU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Talloru sembrerebbe tipico di Serrenti nel Medio Campidano e di
 +Cagliari e del cagliaritano, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine sardo <i><font color="#3366FF">tallora</font></i> (<i><font color="#999999">carrucola</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>TALONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Rarissimo sembrerebbe avere un ceppo originario in provincia di Roma, con
 +un possibile ceppo in Valtellina che trarrebbe origine, ipotesi poco condivisibile,
 +da una storpiatura del toponimo Talamona (SO).
 +<br><font color="#3333FF">integrazioni fornite da Giacomo Ganza / Villa
 +di Tirano (SO)</font>
 +<br>potrebbe essere possibile, come pura e semplice ipotesi che questa
 +forma cognominale derivi anche da nomi come Natale o Vitale; del resto
 +Vitali, Vitalini sono cognomi che esistono in Valtellina. I Taloni sono
 +originari di Ambria, una frazione montana del comune di Piateda (SO), piccolo
 +paese ormai abitato solo d'estate che un tempo era un punto di passaggio
 +importante per le Valli bergamasche. Sembra che i Taloni abbiano vissuto
 +ad Ambria per diversi secoli. I Taloni laziali sono quasi sicuramente un
 +nucleo autonomo non connesso con il nucleo valtellinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAM
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo a Codroipo (UD) ed uno a Villa Di Chiavenna (SO), potrebbe
 +derivare dall'elisione del nome Tamazi: (Tommaso).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMA'
 +<br>TAMAI
 +<br>TAMAIO
 +<br>TAMAJO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamà, molto molto raro, è tipicamente siciliano, del messinese
 +e del catanese,Tamai è tipico del veneziano, di San Donà di Piave, Iesolo,
 +Venezia, Torre di Mosto, Portogruaro, Santo Stino di Livenza, e del vicino
 +paese trevigiano di Silea, Tamaio, quasi unico, sembrerebbe del napoletano, mentre l'altrettanto raro Tamajo sembrerebbe siciliano, tutti questi i cognomi dovrebbero
 +derivare da una forma contratta dall'allocuzione medioevale <i><font color="#3366FF">tam maius</font></i> o <i><font color="#3366FF">tam majus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">così più grande</font></i>) ed indicherebbero
 +o una corporatura possente o una grande rispettabilità del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMAGNI
 +<br>TAMAGNINI
 +<br>TAMAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamagni è raro e sembra originario del sudmilanese, Tamagnini ha
 +un ceppo nel reggiano, uno nel riminese e pesarese, presenze in Toscana,
 +in particolare nel lucchese, un ceppo nel perugino ed uno a Roma, Tamagno,
 +rarissimo, parrebbe genovese.&nbsp; Vincenzo Tamagni, nel periodo a cavallo
 +tra 1400 e 1500 fu un noto pittore, allievo di Raffaello Sanzio, detto
 +Vincenzo da San Gimignano (S.Gimignano 1492-1530/7), questi cognomi dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite una forma ipocoristica, dall'allocuzione
 +medioevale <i><font color="#3333FF">tam magnus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">così grande</font></i>) ed indicherebbero
 +o una corporatura possente o una grande rispettabilità del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMANINI
 +<br>TEMANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamanini è tipicamente trentino, di Trento e Vigolo Vattaro in particolare,
 +Temani, quasi unico, è anch'esso del trentino, dovrebbero derivare,
 +direttamente o attraverso un ipocoristico, da una forma aferetica di <i><font color="#3333FF">Altamanus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Altemannus</font></i>, un'italianizzazione del
 +nome germanico <i><font color="#3333FF">Aldman</font></i>., a sua volta
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">ald</font></i> (<i><font color="#666666">anziano,
 +saggio</font></i>) e<i><font color="#3333FF"> mann</font></i> (<i><font color="#666666">uomo</font></i>),
 +dell'uso di questo nome abbiamo un esempio in un atto del 1204 a Chiavenna
 +nel sondriese, dove leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Dando et solvendo
 +domino Conrado annuatim censum in Timiliasca in loco Caza, omni anno in
 +Sancto Martino, Solidos triginta denariorum novorum mediolanensium et libras
 +viginti de Pipero bene ponderato, de hinc ad triginta annos continuos;
 +testes Dominus Rangerius de Segagnio, </font><font color="#FF0000">Altemannus</font><font color="#CC33CC">
 +filius domini Ainrici de Razumo, aliique. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMANSI
 +<br>TAMANTI
 +<br>TAMANTINI
 +<br>TAMANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unici, Tamansi e Tamanzi sembrerebbero
 +del sudmilanese, Tamanti è specifico delle
 +Marche settentrionali e del Lazio, Tamantini, abbastanza raro è
 +specifico della zona centrale dell'Italia, tra il grossetano, la provincia
 +di Perugia, Terni e Viterbo, dovrebbero derivare da un soprannome legato
 +all'antico vocabolo in uso nell'Italia centrale <font color="#993366">tamanto</font>
 +derivato dal latino <font color="#3333FF">tantum magnum,&nbsp; tam magnus,
 +tantus,</font> con il significato di "così grande"; nel dialetto
 +orvietano, ancora oggi, tamanto sta a significare qualcosa di enorme.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMARINDI
 +<br>TAMARINDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamarindi è quasi unico, Tamarindo è solo un poco meno raro,
 +l'origine è evidente dalla pianta o dal succo di tamarindo (pianta
 +di origine indiana o egiziana il cui frutto contiene una polpa rinfrescante
 +e lassativa), ma le ragioni di questa origine sono assolutamente oscure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMASCELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamascelli, molto raro è specifico del rovigoto, di Occhiobello
 +e Stienta in particolare, dovrebbe derivare da modificazioni di ipocoristici
 +del nome Tommaso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMASSI
 +<br>TAMASSIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamassi è unico, Tamassia è specifico della zona che comprende
 +il veronese, il mantovano ed il modenese, dovrebbero derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale mantovano arcaico <i><font color="#3333FF">tamasot</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tugurio, capanna, bicocca</font></i>), probabilmente
 +ad indicare che i capostipiti fossero indigenti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMBONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tambone ha variceppi in Toscana, in Puglia e nel catanese, dovrebbe derivare
 +da nomi di località come il monte Tambone sull'elba, o la località
 +Trincea di Tambone presso Giovinazzo nel barese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMBORINI
 +<br>TAMBORINO
 +<br>TAMBORRINI
 +<br>TAMBORRINO
 +<br>TAMBURINI
 +<br>TAMBURINO
 +<br>TAMBURRINI
 +<br>TAMBURRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamborini è specifico del milanese e varesotto, Tamborrini è
 +tipicamente salentino, di Matino, Presicce e Squinzano nel leccese, Tamborino,
 +molto raro, è tipico del Salento, e dovrebbe essere dovuto ad una
 +forma alterata del più comune Tamborrino, che è molto diffuso
 +a Taranto e nel tarantino a Laterza, Palagiano e Ginosa, nel brindisino
 +ad Ostuni, Carovigno, e Brindisi e nel leccese a Martano, Aradeo, Ruffano
 +e Lecce, Tamburini è molto diffuso in tutto il centronord, Tamburrini
 +ha un ceppo nel maceratese e nell'ascolano, uno consistente nel Lazio,
 +in&nbsp; particolare nel romano e nel frusinate, uno nel napoletano ed
 +uno tra brindisino e tarentino, Tamburino è tipico del catanese,
 +Tamburrino ha un ceppo nel romano e latinense, uno nel teatino, uno nel
 +casertano e napoletano, uno nel potentino, materano, tarentino e brindisino,
 +dovrebbero tutti derivare da soprannomi legati o alla funzione di <i><font color="#3333FF">tamburino</font></i>,
 +nell'esercito o come banditore cittadino, o ad episodi connessi con l'uso
 +del tamburo. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio
 +nel processo criminale contro gli untori del 1630 a Milano dove viene citato
 +un certo Michel Tamborino: "<font color="#CC66CC">...il
 +Sig. Don Gioanni andava inanti, et indietro per il Castello, mà
 +che praticasse con li Soldati non li facevo a mente, ne mai hò osservato,
 +che parlasse con </font><font color="#FF0000">Michel Tamborino</font><font color="#CC66CC">,
 +nè mai mi raccordo d'averlo visto à parlare con detto Fontana,
 +nè con detto Tegnone...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tamburini, Tamborino è la cognominizzazione della voce italiana
 +'<i><font color="#3333FF">tamburo</font></i>', al diminutivo, usata come
 +soprannome per fabbricanti o per suonatori di tamburo. L'origine del sostantivo
 +'<i><font color="#3333FF">tamburo</font></i>' è il persiano '<i><font color="#3333FF">tabir</font></i>'
 +con sovrapposizione dell'arabo '<i><font color="#3333FF">tunbur</font></i>'
 += <i><font color="#666666">strumento musicale, specie di lira</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMBURELLI
 +<br>TAMBURELLO
 +<br>TAMBURI
 +<br>TAMBURO
 +<br>TAMBURRELLI
 +<br>TAMBURRELLO
 +<br>TAMBURRI
 +<br>TAMBURRO
 +<br>TAMURRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamburelli ha un ceppo piemontese in tutta la fascia orientale della regione,
 +nel pavese, varesotto e milanese, Tamburello è tipicamente siciliano,
 +del palermitano, trapanese ed agrigentino, con buone presenze anche nel
 +messinese, ennese e catanese, Tamburi ha un ceppo nel bolognese, uno nel
 +perugino ed uno a San Basile (CS), Tamburo ha un ceppo nel basso Lazio,
 +nel napoletano ed in Sicilia, Tamburrelli ha un ceppo a Torremaggiore nel
 +foggiano ed uno a Napoli, Tamburrello, praticamente unico, sembrerebbe
 +molisano, Tamburri è specifico di Castelpetroso (IS), Tamburro è
 +tipico della fascia che comprende napoletano, casertano, Molise e foggiano,
 +Tamurri è praticamente unico ed è probabilmente dovuto ad
 +un errore di trascrizione, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite
 +varie forme ipocoristiche, da soprannomi originati dall'attività
 +di suonatore di tamburo o di banditore probabilmente svolta dai capostipiti,
 +in epoca medioevale veniva chiamato <i><font color="#3333FF">tamburellus</font></i>
 +il <i><font color="#666666">banditore comunale</font></i>, che con il suono
 +del tamburo richiamava l'attenzione della gente cui doveva comunicare i
 +bandi o gli annunci delle autorità del paese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMBURLINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamburlini è tipico di Udine e Trieste, il cognome Tamburlini si
 +trova a Pirano in Istria fin dal 1300, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal mestiere di araldo cittadino svolto dal capostipite, nel
 +<i><font color="#3366FF">necrologium aquileiense</font></i>, dell'anno
 +1358, tra l'altro si può leggere "<font color="#CC33CC">..prope
 +domum Hellari dicti Tamburlini..</font>", da questo dettaglio si potrebbe
 +immaginare che quello sia il momento della nascita del cognome attribuito
 +ad un certo Ilario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAME'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo potrebbe
 +essere di origine trentina, potrebbe derivare dall'aferesi di una modificazione
 +dialettale del nome Bartolomeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMELLI
 +<br>TAMELLIN
 +<br>TAMELLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamelli, molto raro, è specifico del reggiano, in Emilia, Tamellin è tipico di Soave nel veronese, Tamellini
 +è anch'esso specifico del veronese, di Soave, Verona, Illasi e Lavagno, potrebbero
 +derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche, da alterazioni contratte
 +dell'aferesi del nome <i><font color="#3333FF">Bartalameus</font></i> una
 +forma arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Bartolomeo</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Luigi Tamellini</font></font>
 +<br>Confermo quanto già scritto, informo che presso Soave (Verona)
 +esiste una contrada di nome Tamellini, dove tutt'ora abitano dei Tamellini
 +o Tamellin. Da quella zona, i Tamellini si sono diffusi verso Caprino Veronese,
 +S.Giovanni Lupatoto (Vr), Milano, Brescia. Da alcune ricerche fatte si
 +risale fino al 1700, con notizie storiche presso le parrocchie di Illasi,
 +Costeggiola (Verona).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tamelli, Tamellini derivano forse da un nome personale <i><font color="#3333FF">Bertamo</font></i>,
 +una variante di <i><font color="#3333FF">Bertrando</font></i>, unito a
 +<i><font color="#3333FF">Bertramo</font></i> e <i><font color="#3333FF">Beltramo</font></i>.
 +Questo nome ha creato i cognomi Beltrame e Beltramini. Dal vezzeggiativo
 +Bertamino e <i><font color="#3333FF">Bertamello</font></i> sarebbe derivato
 +per aferesi Tamelli e quindi Tamellini. Oppure alla base vi sarebbe la
 +<i><font color="#3333FF">temella</font></i>, una pianta odorosa, chiamata
 +più comunemente <i><font color="#666666">timo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMEO
 +<br>TAMMEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tameo è quasi unico, Tammeo è tipico di Trinitapoli nel foggiano,
 +potrebbero derivare da una forma italianizzata e contratta del nome greco
 +<i><font color="#3366FF">Talemenes</font></i> o da un'italianizzazione
 +del nome turco <i><font color="#3333FF">Tamer</font></i>, anche se non
 +si può escludere che possatrattarsi di un'alterazione dell'aferesi
 +contratta del nome <i><font color="#3333FF">Bartalameo</font></i>, troviamo
 +tracce di queste cognominizzazioni già nel 1600 con un certo Francesco
 +Antonio Tammeo di Molfetta.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tammeo è cognome pugliese derivato dalla forma base <i><font color="#3333FF">Tamma</font></i>,
 +che potrebbe derivare dal termine grico '<i><font color="#3333FF">tamma</font></i>'
 += <i><font color="#666666">voto</font></i>, fatto forse da una coppia di
 +sposi per avere un figlio. Minervini 474.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMIAZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Non comune, sembrerebbe originario
 +del padovano, potrebbe derivare dall'aferesi di una modificazione dialettale
 +del nome Bartolomeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMISO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamiso è tipico del rovigoto, di Adria, Rovigo e Ceregnano, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine dialettale veneto arcaico
 +<i><font color="#3333FF">tamiso</font></i> (<i><font color="#666666">setaccio</font></i>),
 +strumento utilizzato normalmente dai lavoranti di un mulino per setacciare
 +la farina. probabilmete ad indicare che quello fosse il mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMMACCARO
 +<br>TAMMACCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tammaccaro è specifico di Andria nel barese, Tammacco è specifico
 +di Molfetta nel barese, dovrebbero derivare da soprannomi neogreci generati
 +dal termine <font color="#3333FF">ταμιεϊον</font> (<i><font color="#666666">tesoro
 +pubblico</font></i>), con il significato di economo, amministratore pubblico,
 +tesoriere, addetto statale all'incasso, probabili professioni svolte dai
 +capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMMARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico campano del napoletano e casertano in particolare,&nbsp; deriva
 +dal nome latino <i><font color="#3366FF">Tammarus</font></i>, nome etnico
 +che significa originario dei monti di Altilia, si ricordi San Tammaro,
 +vescovo di Benevento nel V° secolo, può anche derivare da un
 +nome di località il Tammaro è un fiume del beneventano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alfredo
 +Lombardi</font></font>
 +<br>il nome Tammaro in lingua ebraica significherebbe <i><font color="#666666">palma
 +di datteri</font></i>. In Campania c'è un paese che si chiama come
 +il santo che è anche il protettore di Grumo Nevano, il cognome potrebbe
 +derivare dal culto del santo e starebbe ad indicare le famiglie devote
 +al santo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tammaro è cognome lucano e calabrese con alta frequenza a Napoli:
 +cfr. calabrese <i><font color="#3333FF">tàmmaru</font></i> = '<i><font color="#666666">rustico</font></i>',
 +'<i><font color="#666666">villano</font></i>'. G. Rohlfs, Dizionario storico
 +dei cognomi in Lucania 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMONE
 +<br>TAMONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro Tamone è tipico del novarese, biellese ed aostano,
 +Tamoni sembra specifico del ferrarese, potrebbero derivare dal nome celtico
 +latino Tammonius o dal nome slavo Tamon, esempio di questo nome si trova
 +in una lapide dove si legge: "<font color="#CC33CC">DEO HERCVLI SAEGON
 +</font><font color="#FF0000">T</font><font color="#000000">(itus)</font><font color="#CC33CC">
 +</font><font color="#FF0000">TAMMONIVS</font><font color="#CC33CC"> SAENI
 +TAMMONI FIL</font><font color="#000000">(ius) </font><font color="#FF0000">VITALIS</font><font color="#CC33CC">
 +OB HONOREM</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMPIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tampieri è tipico del bolognese, del ravennate e del ferrarese,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale latino di origine celtica <i><font color="#3366FF">Tampierius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio: "<font color="#CC33CC">...Iacesne Dux fortissime,
 +</font><font color="#FF0000">Tampiere</font><font color="#CC33CC"> Lotharinge?
 +Buquoyus ergo vulnerum Perfusus imbre vixit! Ah! cerno Pappennhemii Mixtam
 +iacere Calvam. Sed haec triumphis omnibus armata gaudet umbra. Pannoniae
 +terror, positis </font><font color="#FF0000">Tampierius </font><font color="#CC33CC">armis,
 +Nunc in sarcophago flebilis Umbra iacet. Bellica Buquorum nubes, et ferreus
 +imber Obruit ad tumulos...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +<tr><td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAMPONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tamponi è tipicamente sardo, con il ceppo principale nella parte
 +settentrionale dell'isola in Gallura, a Calangianus, Tempio Pausania, Olbia
 +e Luras, presenta un ceppo anche a Sassari ed a Cagliari e Nuoro, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine sardo <i><font color="#3333FF">tamponi</font></i>,
 +un <i><font color="#666666">tipo di banco per la lavorazione del sughero</font></i>,
 +probabilmente ad indicare che i capostipiti si dedicassero appunto alla
 +lavorazione del sughero.</font></td>
 +</tr><tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANA
 +<br>TANI
 +<br>TANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tana ha il nucleo più consistente a Vasto nel teatino, presenta
 +un ceppo anche a Roma, nel casertano a Teverola e Casaluce ed in Puglia
 +a Lecce, Tani ha un ceppo nel ferrarese e nel vicino bolognese, uno in
 +Toscana, forlivese, riminese ed urbinate ed in provincia di Roma, Tano
 +sembra essere specifico di Atessa (CH), dovrebbero tutti derivare dall'aferesi
 +di nomi come Gaetano o Gaetana.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tana è cognome panitaliano e molto frequente nella Lombardia
 +occidentale, in Abruzzo e nel Salento. Si tratta di una variante del cognome
 +Tani che è ipocoristico aferetico da nomi come Gaetano o Ottaviano;
 +nel caso di Tana si può supporre una Gaetana. Possibile anche la
 +derivazione dal toponimo Tana (SI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanas, molto raro, è tipicamente sardo, di Cagliari e Teulada nel
 +cagliaritano e di Serrenti e San Gavino Monreale nel Medio Campidano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giusappe
 +Concas</font></font>
 +<br>TANAS: da <i><font color="#3333FF">tana</font></i> = <i><font color="#666666">tana,
 +nascondiglio, covile</font></i>: es. degli animali selvatici: dall'italiano
 +<i><font color="#3333FF">tana</font></i>. <i><font color="#3333FF">S'intanài</font></i>
 += <i><font color="#666666">nascondersi</font></i>. Nella storia della Sardegna
 +ricordiamo Tana Francesco(anche se non sardo), conte di Santena. Fu incaricato
 +da Carlo Emanuele I° di Savoia di reggere il Regno di Sardegna, in
 +qualità di luogotenente regio, col titolo di vicerè dal 1758
 +al 1762. Di origine piemontese (di Torino) seguì la carriera militare
 +con grande successo sino al grado di tenente generale, nel 1757. Come vicerè
 +di Sardegna, amministrò seguendo la linea di rinnovamento e miglioramento
 +delle istituzioni sarde, ancora di stampo feudale, soprattutto nel campo
 +dell'Istruzione, anche superiore. Si deve a lui l'istituzione a Cagliari
 +della cattedra di Chirurgia e la creazione dell'Orto Botanico. Riuscì
 +inoltre ad applicare l'editto regio del 13 marzo 1759, col quale si invitavano
 +i fuorilegge a costituirsi in cambio di una forte riduzione della pena
 +e addirittura i collaboratori di giustizia potevano avere il condono totale
 +della pena( non nei casi più gravi). Non troviamo il cognome Tanas
 +nei documenti antichi della Sardegna medioevale. Attualmente il cognome
 +Tanas è presente in 31 Comuni italiani, di cui 10 in Sardegna: Cagliari
 +16, Teulada 13, Serrenti 11, San Gavino 8, etc.</font></td>
 +</tr>
 +<tr><td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANCA
 +<br>TANCHIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanca, tripicamente sardo, ha un ceppo nel sassarese, a Sassari, Thiesi,
 +Porto Torres ed Usini, ed uno nel cagliaritano, a Cagliari e Quartu Sant'Elena,
 +Tanchis è specifico del nuorese di Bolotana in particolare, dovrebbero
 +derivare da un soprannome basato sul termine sardo <i><font color="#3333FF">tánca</font></i>&nbsp;
 +(<i><font color="#666666">ampio terreno agricolo recintato</font></i>), originatosi dal termine fenicio <i><font color="#3333FF">tanq</font></i> (<i><font color="#666666">terreno pietroso e scosceso</font></i>),
 +forse ad indicare la condizione di proprietario terriero del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TANCA: deverbale, da <i><font color="#3333FF">tancàre/ài</font></i>
 += <i><font color="#666666">chiudere, recintare</font></i>. <i><font color="#3333FF">Sa
 +tanca</font></i> è <i><font color="#666666">un podere chiuso da
 +siepi o da muri</font></i>. Viene dal catalano <i><font color="#3333FF">tancar</font></i>.
 +Da tancare deriva anche tancadura = serratura, sempre dal catalano tancadura.
 +Tanca, tancai, tancadura etc. sono termini che non esistono nei documenti
 +antichi della lingua e della storia della Sardegna. Al posto di tanca troviamo
 +cunjau in campidanese, cundzao in logudorese dal sardo antico cunjai e
 +cundzare dal latino cuneare, con identico significato di podere chiuso,
 +generalmente coltivato. Fai s'incunja, significa raccogliere e conservare
 +il frutto del terreno coltivato, ad esempio mietere il grano e riporlo
 +nel granaio. Tanca, pur ereditato dal catalano è comunque presente
 +come toponimo in tutto il territorio della Sardegna. Troviamo inoltre il cognome nei Condaghi e tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388:  Tanca Siloesus  - de Aristanni, *** Aristanni: elenco dei nomi dei firmatari della PETIZIONE. Omnes cives mercatores et habitatores dicte civitatis.nisi pastores bestiaminum et quorum dificulter demorari non poterant.congregati. Porta la data : die XIIII mensis Januarii M°. CCC°. LXXXVIII° et etc. ; Tancha Guantinus - de Aristanni; Tancha Paulo, majore ville Ogiastra; * Ogiastra.odierno Ollasta Simaxis. Contrate Campitani Simagis. Nel Condaghe di San Petro di Silki, CSPS, XI°, XIII° secolo, figurano: Thanca Janne, testis( 108°): teste in una lite (kertu de servis) per la spartizione della servitù; Thancas Ladas Comita, (79), coinvolto in una lite per la spartizione della servitù (kertu de servis). Attualmente il cognome Tanca è presente in 74 Comuni italiani, di cui 26 in Sardegna: Sassari 74, Thiesi 45, P.
 +Torres 44, Cagliari 29, etc. Nella penisola, Roma ne conta 17, Genova 15,
 +etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANCHI
 +<br>TANCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanchi è specifico di Terni, Tanco, assolutamente rarissimo, ha
 +qualche presenza in Puglia ed in Campania, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Thanko</font></i> o <i><font color="#3333FF">Tanko</font></i>,
 +a sua volta derivato dal termine a.a.t <i><font color="#3333FF">thanko</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#666666">colui che rende grazie a
 +Dio</font></i>, <i><font color="#666666">il benedetto</font></i>, nome
 +di cui troviamo un esempio in uno scritto del 1434: "<font color="#CC33CC">Serenissimo
 +principi domino Sigismundo, Dei gracia Romanorum imperatori semper augusto
 +ac Hungarie, Dalmacie, Bohemie, Croacie etc. regi, domino ipsorum metuendo
 +conventus ecclesie Sancti Martini Sacri Montis Panonie oraciones in Domino
 +debitas ac devotas. .... feria sexta proxima post festum Beati Martini
 +confessoris proxime preteritum in comitatu Vesprimiensi procedendo ab omnibus,
 +quibus decuisset et licuisset, nobilibus videlicet et ignobilibus et alterius
 +status et condicionis dicti comitatus hominibus palam et oculte diligenter
 +de subscriptis talem scivisset veritatem, quod Georgius de Vsaal, Stephanus
 +de Zercheek, Georgius, Nicolaus de Koltha, Lorandus de Kysfalud, Bartholomeus
 +castellanus Debrenthe, </font><font color="#FF0000">Dominicus dictus Thanko</font><font color="#CC33CC">,
 +Nicolaus de Hollos, Georgius de Sumipach...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANCREDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del sud peninsulare deriva dal nome normanno Tancredi, ricordiamo
 +in Sicilia dal 1189 al 1194.il re Tancredi d'Altavilla, di quest'uso abbiamo
 +un esempio in una <i><font color="#3366FF">cartula venditionis</font></i>
 +del 1143 a Brescia: "<font color="#CC66CC">...et Iohannis de Ludrino et
 +Oddonis de Calepio et </font><font color="#FF0000">Tancredi</font><font color="#CC66CC">
 +de Calino et alii plures rogati esse testes...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tancredi è cognome siciliano e meridionale. <i><font color="#3333FF">Tancredus</font></i>
 +nel 1149 a Caggiano, <i><font color="#3333FF">Tankrid </font></i>nel 1156
 +a Carbone. Corrisponde a <i><font color="#3333FF">Tancrède</font></i>
 +cognome in Francia, nome importato dai Normanni: germanico <i><font color="#3333FF">Thankrad</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanda è tipicamente sardo, tipico di Sassari e del sassarese, di
 +Cagliari e di Bosa nell'oristanese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TANDA: <i><font color="#3366FF">atzanda, tzanda, zanda</font></i> =
 +<i><font color="#999999">papavero:</font></i> papaver ybridum. Per l'etimologia
 +vedi il cognome Zanda. Il fiore è meglio conosciuto in Sardegna
 +come pabaule, babaule, bababòi, dal latino papaver. Mentre Zanda
 +è diffuso nella parte meridionale della Sardegna, Tanda nella parte
 +settentrionale: Sassari 206, Cagliari 80, Bosa 67, Ozieri 33, Alghero 28,
 +Benetutti 24, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANDIN
 +<br>TANDINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tandin, molto molto raro, è specifico del veneziano, Tandini è
 +quasi unico, dovrebbero derivare da soprannomi basati sul termine veneziano
 +arcaico <i><font color="#3333FF">tandin</font></i>, riferito a chi adoperasse
 +la <i><font color="#3333FF">tanta</font></i> (<i><font color="#666666">pertica
 +munita di uncino</font></i>) adoperandola per tastare il fondale delle
 +lagune, onde potervi piantare dei pali di riferimento o d'ormeggio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANDOI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tandoi ha un piccolo ceppo triestino, ma il ceppo principale è in
 +Puglia a Corato e Trani nel barese, il ceppo triestino dovrebbe derivare
 +dal plurale del termine dialettale giuliano <i><font color="#3333FF">tandol</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sciocco, tonto</font></i>), mentre il ceppo pugliese
 +dovrebbe essere di origini slave.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANEL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanel è tipicamente trentino, di Spormaggiore in particolare, dovrebbe
 +trattarsi di una forma ipocoristica dialettale dell'aferesi del nome <i><font color="#3333FF">Gaetano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANGHETTI
 +<br>TENGATTINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanghetti è tipico del bresciano, di Bovegno in particolare, ma
 +anche di Sarezzo, Brescia, Concesio, Gardone Val Trompia e Villa Carcina,
 +Tengattini è tipicamente lombardo, di Paratico nel bresciano, con
 +ceppi anche a Capriolo e Palazzolo sull'Oglio sempre nel bresciano ed a
 +Sarnico nel bergamasco.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Paolo Bianchi</font></font>
 +<br>L'origine è sicuramente onomastica, deriverebbe dal nome <i><font color="#3366FF">Tanghetino</font></i>,
 +presente nel distretto bresciano già nel secolo XII°. E' un
 +cognome rarissimo, diffuso quasi esclusivamente nel paese di Paratico (BS)
 +e da qui in quelli limitrofi. Le prime notizie di questo cognome, presente
 +nel bresciano già a partire dal sec. XIII°, sono riferibili
 +alla famiglia <i><font color="#3366FF">de Tanghetinis</font></i> (da cui
 +probabilmente anche il cognome Tanghetti-Tanghettini presenti nel bresciano),
 +membri dell'aristocrazia Bresciana e attivi a livello municipale. Essi
 +ricevettero a fine secolo XIII° un'investitura episcopale in Clusane
 +d'Iseo, località sita sull'omonimo lago, al confine con Paratico.
 +Il trasferimento della famiglia, decaduta dal rango aristocratico a quello
 +di agiati contadini, in Paratico risalirebbe ai primi anni dell'ottocento,
 +come attestato dai catasti lombardi dell'epoca e si sarebbe diffuso in
 +modo rapidissimo in tutto il paese divenendo presto il cognome dominante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANIELI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanieli è specifico del leccese, di Corigliano d'Otranto, Martano
 +e Castrignano de' Greci, dovrebbe derivare dal nome di origini ebraiche
 +<i><font color="#3333FF">Taniele</font></i>, una forma aferetica dell'italianizzazione
 +del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Nathanael</font></i>, che significa
 +<i><font color="#666666">il dono di Dio</font></i>, o, anche se meno probabile,
 +da una forma alterata del nome <i><font color="#3333FF">Daniele</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANINI
 +<br>TANINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanini è specifico del fiorentino, Tanino è assolutamente
 +rarissimo, dovrebbero derivare da diminutivi dell'aferesi dei nomi come
 +Gaetano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Tanini è un tipico cognome fiorentino, diffuso nel Capoluogo
 +di Regione toscano e nella sua provincia. Dal punto di vista etimologico,
 +esso è l'ipocoristico aferetico del nome di persona, poi cognominizzato,
 +Gaetanino o Tanino, diminutivo di Gaetano. Tanini sarebbe quindi uno dei
 +tantissimi cognomi patronimici italiani. Una variante di Tanini è
 +Tanino, molto raro, presente soprattutto in Piemonte.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANSINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del sudmilanese, lodigiano
 +e alto piacentino, dovrebbe derivare da modificazioni dialettali dell'aferesi
 +di nomi come Costanzo o Lattanzio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANZER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'alto Adige, di Lana (BZ) in particolare, deriva dal vocabolo
 +tedesco Tantzer (ballerino).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TANZELLA
 +<br>TANZELLI
 +<br>TANZI
 +<br>TANZILLI
 +<br>TANZILLO
 +<br>TANZINI
 +<br>TANZINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tanzella, molto raro, è del barese, di Casamassima, Bari e Noicattaro,
 +Tanzelli, quasi unico, è del barese, Tanzi sembra avere più
 +ceppi, nel parmense, nel frosinate e nel barese e forse anche uno nel milanese,
 +Tanzilli ha un grosso ceppo laziale a Roma e nel frusinate a Roccasecca,
 +Sora e Castrocielo, ed un ceppo più piccolo a Napoli, Tanzillo è
 +tipico del napoletano, di Acerra soprattutto e di Cimitile, Nola e Napoli,
 +con un ceppo anche a Succivo nel casertano ed a Solopaca nel beneventano,
 +Tanzini, è specifico della zona tra Firenze e Siena, Tanzino è
 +praticamente unico, dovrebbero derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche,
 +anche dialettali, dall'aferesi di nomi medioevali come <i><font color="#3333FF">Costanzo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Lattanzio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAORMINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico siciliano, del palermitano in particolare, deriva dal toponimo Taormina
 +(ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARABELLA
 +<br>TARABELLI
 +<br>TARABELLO
 +<br>TARIBELLA
 +<br>TARIBELLI
 +<br>TARIBELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarabella è tipico della zona tra Seravezza e Pietrasanta nel lucchese
 +e di Carrara, Tarabelli, oltre ad un piccolo ceppo a Massa, ha un nucleo
 +marchigiano nella zona tra Filottrano (AN e Santa Maria Nuova (AN) e a
 +Civitanova Marche (MC), Tarabello, assolutamente rarissimo è dell'anconetano,
 +Taribelli, quasi unico, potrebbe essere piemontese, Taribello, estremamente
 +raro e Taribella, praticamente unico, sono della zona di confine tra rovigoto
 +e ferrarese, dovrebbero derivare dal cognomen latino Trebellius di cui
 +abbiamo un esempio in un'antica lapide latina: "<font color="#CC33CC">D</font><font color="#000000">(is)</font><font color="#CC33CC">
 +M</font><font color="#000000">(anibus)</font><font color="#CC33CC"> - Trebelliae
 +- vix</font><font color="#000000">(it)</font><font color="#CC33CC"> ann</font><font color="#000000">(os)</font><font color="#CC33CC">
 +VII m</font><font color="#000000">(enses)</font><font color="#CC33CC">
 +- dies XXVII hor</font><font color="#000000">(as)</font><font color="#CC33CC">
 +- </font><font color="#FF0000">Trebellius Philetus</font><font color="#CC33CC">
 +- </font><font color="#FF0000">Trebellia Syntyche</font><font color="#CC33CC">
 +filiae dulcissim</font><font color="#000000">(ae)</font><font color="#CC33CC">
 +parent</font><font color="#000000">(es)</font><font color="#CC33CC"> -
 +f</font><font color="#000000">(ecerunt)</font><font color="#CC33CC"> sibi
 +et suis posterisq</font><font color="#000000">(ue)</font><font color="#CC33CC">
 +- eorum</font>", ma è pure possibile una derivazione da soprannomi originati dal
 +termine dialettale tarabello (uccello palustre).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">informazioni fornite da Mario Tarabella</font></font>
 +<br>Erano presenti ad Azzano (Seravezza - Alpi Apuane) e pare che fossero
 +provenienti da Cristo frazione di Premia (VB) in Val d'Ossola. Nel 1381
 +un Giorgio Tarabella di Cristo fu tra i firmatari dell'atto di soggezione
 +dell'Ossola a Gian Galeazzo Visconti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARABINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarabini è tipico della Valtellina, di Morbegno, Talamona, Cosio
 +Valtellino ed Albaredo per San Marco, con un ceppo anche a Colico nel lecchese,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Tarabino</font></i>,
 +nome di cui troviamo traccia nella prima metà del 1500 con Messer
 +Tarabino da Modena cavalcatore ( guardia a cavallo) presso la corte estense
 +di Alfonso I°, quindi di Ercole II° e da ultimo alla corte di Luigi,
 +ma potrebbe anche derivare da un soprannome originato dal termine dialettale
 +<i><font color="#3366FF">tara</font></i> (<i><font color="#999999">spazzatura</font></i>)
 +ad indicare che probabilmente il capostipite facesse lo spazzino o fosse
 +addetto alle pulizia. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel
 +1540 a Grosio, quando la comunità di Grosio a nome del capitolo
 +delle elemosine affitta per otto anni a Battista Tarabino fu Giovanni,
 +abitante anch'esso a Grosio, dei fondi siti all'interno del castello di
 +S. Faustino e Giovita di Grosio al fitto annuo di staia 4 di vino, in una
 +registrazione legale del 1612 nella Contrada Adda di Grosio (SO) il ricorrente
 +è un certo saltaro (specie di antica guardia campestre) Giovanni
 +de Tarabino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARABUGI
 +<br>TARABUSI
 +<br>TARABUSO
 +<br>TERABUSI
 +<br>TERABUSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarabugi, assolutamente rarissimo, parrebbe toscano, Tarabusi è
 +specifico dell'area emiliana, del bolognese in particolare, ma anche del
 +modenese, ravennate e forlivese, con presenze significative anche nel fiorentino
 +e nel pistoiese, Tarabuso è assolutamente rarissimo, Terabusi e
 +Terabuso sono unici e dell'alessandrino, derivano tutti da soprannomi originati
 +dal termine dialettale toscoemiliano <i><font color="#3366FF">tarabugio</font></i><font color="#000000">
 +o</font><i><font color="#3366FF"> terabuso</font></i> che indica un particolare
 +uccello palustre che ficcando il lungo becco in acqua per pescare genera
 +un forte rumore simile al muggito di un toro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARAGNA
 +<br>TARAGNI
 +<br>TARAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taragna è tipicamente piemontese, soprattutto di Torino, Taragni,
 +assolutamente rarissimo, è dell'area pavese, Taragno, quasi unico,
 +è dell'alessandrino, dovrebbero derivare da soprannomi dialettali
 +originati dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">taragn</font></i>
 +(<i><font color="#999999">mischiato, mescolato</font></i>), forse ad indicare
 +che il capostipite proveniva da altre località o anche che si trattava
 +di un figlio di un'unione con stranieri.&nbsp; Tracce illustri di queste
 +cognominizzazioni le troviamo nella seconda metà del 1400 con il
 +giurista Alessandro Taragni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARALLI
 +<br>TARALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taralli molto raro ha un ceppo nel foggiano ed uno in Abruzzo, Tarallo
 +ha un ceppo nel napoletano e salernitano, uno nell'agrigentino, uno nel
 +barese ed uno nel Lazio centro meridionale, derivano dal nome soprannome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Tarallus</font></i> documentato nel
 +1200 a Bari e già cognominizzato a Melfi (PZ) verso la fine del
 +1200, in uno scritto datato Napoli 5 marzo 1281 si legge: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Iacobo
 +Tarallo</font><font color="#CC33CC"> et sociis expensoribus operis castri
 +Melfie....</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tarallo è cognome pugliese e meridionale in genere. Attestato
 +un Bartholomeus Tarallus nel 1277 a Brindisi. Cognominizzazione del termine
 +calabrese '<i><font color="#3333FF">tarallu</font></i>' = '<i><font color="#666666">ciambella
 +biscottata</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARANTELLA
 +<br>TARANTELLI
 +<br>TARANTELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarantella ha un ceppo ad Apricena nel foggiano ed uno nel cosentino, Tarantelli
 +ha ceppi nella fascia centrale, a Falconara Marittima nell'anconetano,
 +a Perugia, in Abruzzo nel pescarese a Collecorvino e Penne, e nell'aquilano
 +a Pratola Peligna e Sulmona, ed a Roma, Tarantello ha un ceppo a Montefiascone
 +nel viterbese ed uno nel siracusano a Solarino e Floridia in particolare,
 +potrebbero derivare dal termine italiano <i><font color="#3366FF">tarantello</font></i>
 +(<i><font color="#999999">parte pregiatissima del tonno, ma anche sorta
 +di insaccato a base di tarantello</font></i>), ma più probabilmente
 +traggono origine da termini dialettali per <i><font color="#3366FF">tarantolato</font></i>
 +(morso dalla tarantola, una specie di grosso ragno velenoso, che con il
 +proprio morso provoca spasmi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARANTINI
 +<br>TARANTINO
 +<br>TARENTINI
 +<br>TARENTINO
 +<br>TERENTINI
 +<br>TERENTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarantini ha un ceppo nel Piceno, uno nel teatino, uno a Roma, ma il ceppo
 +principale è in Puglia, nel barese, tarantino, brindisino e leccese,
 +Tarantino è diffuso in tutto il sud, Tarentini è specifico
 +di Manduria nel tarantino, Tarentino, quasi unico, è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione, sia Terentini che Terentino sono quasi unici e dovrebbero essere forme
 +alterate dei precedenti, derivano tutti dall'etnico di Taranto
 +nella sua forma moderna <i><font color="#3333FF">tarantino</font></i> o
 +nella sua forma arcaico medioevale <i><font color="#3333FF">tarentinus</font></i>,
 +di quest'uso abbiamo un esempio in "<font color="#FF0000">Heraclides Tarentinus</font><font color="#CC33CC">
 +fuit illustris medicus qui Alexandriae Magnae vixit. ..</font>.", o anche
 +nella chiesa di San Nicola a Bari,dove viene citato Stefanus Tarantinus
 +uno dei marinai che nel 1087 rapirono le reliquie di S. Nicola, tracce
 +di questo cognome si trovano a Napoli nel 1600 con Carolus Tarantinus&nbsp;
 +neapolitanus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARANTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso a macchia di leopardo in tutto il sud, deriva dal toponimo Taranto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARANTOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarantola ha un ceppo tra Piemonte e Lombardia, a Novara ed a Milano, Rosate
 +e Gaggiano nel milanese ed a Pavia, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale basato sul termine milanese arcaico <i><font color="#3333FF">tarantola</font></i>
 +(<i><font color="#666666">un tipo di salamandra pezzata lacustre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARARAN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo sembrerebbe del padovano, probabilmente di San Pietro in GU (PD).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taras è tipico della Sardegna settentrionale, di origine oscura,
 +citiamo a solo titolo di curiosità che Taras era un nome greco antico
 +ed era anche il nome greco della città di Taranto, ma è improbabile
 +che possano esserci legami con l'origine di questo cognome. Si tratta di
 +un cognome nobile, Giovanni de Taras venne insignito del titolo di Cavaliere
 +ereditario nel 1743.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome che corrisponde al nome della curatoria medioevale <i><font color="#3333FF">Taras</font></i>,
 +del Giudicato di Gallura, ed in origine indicava la nascita di un individuo
 +in quella zona. E' documentato nei Condaghi di Silki, di Trullas e di Salvennor.
 +Fonte: M. Pittau, Dizionario dei cognomi di Sardegna, III, 239.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TARAS: taras: non sappiamo che cosa significhi, né da dove venga!
 +Esiste comunque nelle carte antiche come toponimo e come cognome. Come
 +toponimo lo troviamo nel vocabolario Geografico Patronimico ed Etimologico
 +del Canonico&nbsp; Giovanni Spano: <i><font color="#3333FF">Taras</font></i>,&nbsp;
 +regione della Gallura, dal fenicio <i><font color="#3333FF">beth-aras</font></i>&nbsp;
 += <i><font color="#666666">sito, casa di pastori</font></i>. Nel Di. Sto.
 +Sa. di Francesco Cesare Casula troviamo <i><font color="#3333FF">Mala Taras</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Mela Taras</font></i> o <i><font color="#3333FF">Tarasi</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Tarasa</font></i> = nome di villaggio abbandonato,
 +ubicato nel territorio di Santa Teresa di Gallura; in periodo medioevale
 +fece parte del giudicato di Gallura; terminato il quale fu parte dei territori
 +oltremarini della repubblica di Pisa. In seguito appartenne al Giudicato
 +di Arborea. Fu inoltre sede della Curadorìa, appunto di Taras. Il
 +suo territorio fu sottoposto a continue devastazioni a causa della lotta
 +tra il regno di Arborea ed il Regno catalano aragonese di Sardegna. Pertanto
 +tra gli ultimi anni del 1300 ed i primi del 1400 fu definitivamente abbandonato.
 +Nell'opera di Giovanni Francesco Fara, "in Sardiniae Chorographiam" (226/15),
 +troviamo citata la Curadorìa di Taras. E, sempre nell'opera del
 +Fara "De Rebus Sardois III° (86/26) è citato il villaggio(oppidum)
 +di Melatara. Per tutti i linguisti sardi, a parte il canonico G. Spano,&nbsp;
 +il termine Taras risulta di etimologia oscura. Noi abbiamo riflettuto sul
 +termine nella sua variante tarasi o tarasa, che per metatesi da tàsara,
 +che è il nome del tasso, conosciuto come l'albero della morte. Il
 +termine "mala tasara" potrebbe trovare giustificazione nel pericolo rappresentato
 +dal tasso per gli abitanti del posto. Non ho prove per la mia affermazione.
 +L'unica piccola prova di convalida è la presenza del tasso nella
 +zona dove sorgeva il villaggio. Come cognome lo troviamo Tra i firmatari
 +della Pace di Eleonora, LPDE, del 1388: Taras (de) Guantino, ville Semestene,
 +* Semestene...odierno Semestene. Curatorie de Costa de Valls. Nel Condaghe
 +di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo ; troviamo :
 +Taras Barusone(68 - una donazione) : ego Barusone Taras ki mi afferio(mi
 +consacro) a Sanctu Nichola de Trullas prossa anima mea, et poniobi (dono).segue
 +l'elenco.et terras et binias et domo. ; Taras Gosantine (133), cognato
 +dei fratelli De Mela, con i quali vende una terra&nbsp; in padule de Kerki(villaggio
 +scomparso, che si trovava in territorio di Usini). Attualmente il cognome
 +Taras è presente in 69 Comuni italiani, di cui 35 in Sardegna: Sassari
 +89, Buddusò 72, Olbia 52, Ozieri 41, etc. Nella penisola Roma ne
 +conta 22, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARASCHI
 +<br>TARASCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taraschi ha un ceppo a Castel Goffredo nel mantovano ed a Milano, uno a
 +Teramo e nel teramano ed uno a Roma ed a Napoli, Tarasco ha un ceppo piemontese
 +nell'area torinese, cuneese ed astigiana, uno a Genova, uno nel campobassano,
 +uno a Quarto, Napoli, Procida e Pozzuoli nel napoletano,ed uno a Palagiano
 +nel tarentino, potrebbero derivare da nomi di località come Tarasco
 +in Lunigiana, Villa Taraschi di Teramo o la provenzale Tarascona, possibili
 +luoghi d'origine dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taraschi potrebbe derivare dal nome scientifico latino di una pianta,
 +il "<i><font color="#3333FF">taraxacum officinalis</font></i>", in dialetto
 +"<i><font color="#3333FF">tarasseche</font></i>" = <i><font color="#666666">sorta
 +di fiore</font></i> (dente di leone).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARASCONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarasconi è specifico di Parma e del parmense, di Langhirano, Traversetolo,
 +Collecchio e Lesignano de` Bagni, potrebbe derivare dal toponimo Tarascona
 +in Provenza (Francia), di questa cognominizzazione abbiamo tracce almeno
 +dal 1313 a Gerona in Spagna: "<font color="#CC33CC">...Idcirco, diligenti
 +tractatu et deliberacione prehabitis, predicta et alia omnia in dicto instrumento
 +contenta approbantes et ratificantes ac volentes declaracionem fieri supradictam,
 +damus et concedimus potestatem plenariam venerabilibus viris et discretis
 +Hugoni de Cruyllis, abbati Sancti Felicis Gerundensis, et Arnaldo de Monte
 +Rotundo, canonico, et </font><font color="#FF0000">Guillelmo Tarasconi</font><font color="#CC33CC">,
 +presbitero de capitulo Gerundensi, predictam declaracionem faciendi....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARATUFOLI
 +<br>TARATUFOLO
 +<br>TARTUFOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taratufoli, praticamente unico, è del viterbese, Taratufolo ha un
 +ceppo a Viterbo ed uno a Matera, Tartufoli ha un ceppo a Civitanova Marche,
 +dovrebbero derivare dal termine dialettale medioevale <i><font color="#3333FF">taratuffolo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">tartufolo</font></i> (<i><font color="#666666">tartufo</font></i>),
 +probabilmente derivato dalla voce tedesca <i><font color="#3333FF">trüffel</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tartufo</font></i>) o dal provenzale <i><font color="#3333FF">trufa</font></i>,
 +con il medesimo significato, il motivo di questi soprannomi potrebbe essere
 +l'attività di cercatore e raccoglitore di tartufi svolta dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARAVELLA
 +<br>TARAVELLI
 +<br>TARAVELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taravella sembrerebbe del palermitano, Taravelli, assolutamente rarissimo,
 +parrebbe del cuneese, Taravello parrebbe avere un ceppo palermitano ed
 +uno cuneese, dovrebbe derivare dall'etnico <i><font color="#3333FF">tarabulus</font></i> (di Tripoli), traccia
 +di questa cognominizzazione si ha in uno scritto del 1245, dove si legge:
 +"<font color="#CC33CC">...fratrem eius, </font><font color="#FF0000">Arnaudum
 +Stephani de Taravello</font><font color="#CC33CC"> et uxorem eius,...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taravella è cognome siciliano. Cfr. l'italiano dialettale '<i><font color="#3333FF">taravèlla</font></i>'
 += '<i><font color="#666666">membro o altro oggetto storto o irregolare</font></i>',
 +calabrese settentrionale '<i><font color="#3333FF">taravedda</font></i>',
 +antico provenzale '<i><font color="#3333FF">taravela</font></i>' = '<i><font color="#666666">succhiello,
 +trapano</font></i>' (latino '<i><font color="#3333FF">terebella</font></i>',
 +diminutivo di '<i><font color="#3333FF">terebra</font></i>', da cui l'italiano
 +'<i><font color="#3333FF">trivella</font></i>'), piemontese '<i><font color="#3333FF">taravela</font></i>'
 += l<i><font color="#666666">oquacità, persona loquace</font></i>,
 +calabrese '<i><font color="#3333FF">taravieddu</font></i>'
 += <i><font color="#666666">cicaleccio</font></i>. G. Caracausi, II, 1601.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARCHIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico fiorentino, potrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +toscano tarchiano (rozzo, zotico), ma più probabilmente deriva dal
 +toponimo di origine etrusca Tarciano, nei pressi di Poggibonsi (SI), si
 +deve menzionare anche una poco probabile diretta derivazione dal vocabolo
 +etrusco Tarchie (Tarconte), antica autorità religiosa etrusca con
 +prerogative di giudice.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARDI
 +<br>TARDINI
 +<br>TARDINO
 +<br>TARDO
 +<br>TARDON
 +<br>TARDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tardi ha un ceppo romano, uno ad Acerra nel napoletano ed uno in Sicilia
 +a Palermo e Partinico nel palermitano ed a Santa Margherita di Belice nell'agrigentino,
 +Tardini, molto raro, potrebbe essere di origini modenesi, Tardino ha qualche
 +presenza nel napoletano ed un ceppo in Sicilia a Licata nell'agrigentino
 +ed uno a Mazara del Vallo nel trapanese, con presenze anche a Gela nel
 +nisseno, Tardo è tipicamente siciliano, con un ceppo nel catanese
 +a Mineo, Ramacca e Bronte, ed un ceppo nel palermitano a Palermo e Contessa
 +Entellina, Tardon, quasi unico, è piemontese, Tardoni è praticamente
 +unico, forse del centro Italia, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +un diminutivo, o un accrescitivo, dall'aferesi di nomi medioevali di origine
 +germanica, come <i><font color="#3333FF">Gunthard</font></i>, <i><font color="#3333FF">Gothard</font></i>,
 +o, molto meno probabilmente, del franco <i><font color="#3333FF">Letard</font></i></font>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Tardini, poco diffuso nel Modenese, par risalire ad una
 +forma aferetica del nome proprio medievale <i><font color="#3333FF">(Gon)tardinus</font></i>,
 +presente anche in una carta modenese del 1162 «Guidoctus de Gontardino».
 +Esso è l'ipocoristico del longobardo <i><font color="#3333FF">Gundhard</font></i>
 +«<i><font color="#666666">forte in battaglia</font></i>» (dal
 +germ. *<i><font color="#3333FF">gundh</font></i> - «<i><font color="#666666">battaglia</font></i>»
 +e da *<i><font color="#3333FF">hardhu</font></i>- «<i><font color="#666666">potente,
 +forte, valoroso</font></i>»), latinizzato in <i><font color="#3333FF">Contardus</font></i>,
 +donde l'ital. <i><font color="#3333FF">Contardo</font></i>. Poco probabile
 +una derivazione dal lat. <i><font color="#3333FF">tardus</font></i>, non
 +attestato come nome di persona, anche se foneticamente possibile. F. Violi,
 +Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARDITI
 +<br>TARDITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarditi è tipico del Piemonte e della Liguria occidentali, Tardito
 +è più tipico dell'astigiano e dell'alessandrino, del savonese
 +e del genovese, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Tarditus</font></i>,
 +nome attribuito a figli nati oltre il normale tempo di gestazione previsto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARDIVI
 +<br>TARDIVO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tardivi è quasi unico, Tardivo sembra avere un ceppo veneto tra
 +trevisano e veneziano, uno nell'ovest del Piemonte ed uno nel foggiano,
 +derivano dal nome medioevale Tardivus di cui si ha un esempio in un atto
 +di vendita del 1191 tratto dalle <i><font color="#3366FF">Pergamene Milanesi</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...Anno dominice incarnacionis milleximo centeximo
 +nonageximo septimo, octavo die mensis madii, indicione quintadecima Hanc
 +cartam vendicionis ad libellum, sine aliquo ficto dando, Guilielmus qui
 +dicitur Rovore de loco Treno Robarinus qui dicitur Rovore de loco Treno
 +Guilielmus et Robarinus qui dicitur Rovore de loco Treno Petrus Cavania
 +Imilia uxor suprascripti Guilielmi Tardius de Burgo Begevene uxor suprascripti
 +Robarini, qui sunt professi lege vivere Longobardorum, ipsis viris eisdem
 +uxoribus suis consentientibus, ut adsolet et ut legis habet auctoritas,
 +et una cum notitia Petrus Cavania Imilda, Begevene Petri Cavanie fratris
 +ipsarum mulierum et Tardius de Burgo et </font><font color="#FF0000">Tardivus</font><font color="#CC33CC">
 +de loco Trenno...</font>", nel repertorio dei notai bresciani troviamo
 +operante dal 1199 al 1228 il notaio Tardivus de Florentiis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARDY
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di probabili origini francesi, dovrebbe essere derivato da un soprannome
 +relativo ad una caratteristica del capostipite o direttamente dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Tardivus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAREA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarea, assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico del teramano, un'ipotesi
 +lo vorrebbe derivato da un soprannome originato dal termine spagnolo <i><font color="#3366FF">tarea</font></i>
 +(<i><font color="#999999">compito, incarico, corvée</font></i>),
 +la seconda ipotesi lo fa derivare dalla voce albanese <i><font color="#3366FF">tarë</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tara, ingombro</font></i>), in entrambi i casi
 +si dovrebbe fare riferimento al mestiere del capostipite, ma l'ipotesi
 +più credibile lo fa derivare dal nome turco di persona <i><font color="#3366FF">Tareq</font></i>,
 +probabile nome del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARELLI
 +<br>TARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarelli, molto raro, ha un ceppo nel comasco ed uno romano, Tarello sembrerebbe
 +tipico del biellese e di Viverone in particolare, dovrebbe trattarsi dell'aferesi
 +di nomi o di cognomi come Bertarello, secondo altri deriverebbero invece
 +da soprannomi dialettali originati dal vocabolo <i><font color="#3366FF">tarell</font></i>
 +(<i><font color="#999999">randello, bastone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARENZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico
 +del sudmilanese e lodigiano, dovrebbe derivare dal nomen latino Terentius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARGA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Targa è molto diffuso in Veneto, soprattutto nel veronese, vicentino,
 +rovigoto e padovano, ben presente anche in Trentino Alto Adige ed in Friuli,
 +dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale veneto
 +arcaico <i><font color="#3333FF">targa</font></i>, una sorta di <i><font color="#666666">scudo
 +di legno e cuoio</font></i>, che veniva usato dalla fanteria leggera nei
 +combattimenti all'arma bianca, si potrebbe quindi supporre che i capostipiti
 +fossero dei militari o che fossero comunque preposti alla difesa di proprietà.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARI'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarì è tipico del barese e del brindisino, il cognome dovrebbe
 +essere nato da un soprannome originato dall'antica moneta <i><font color="#3366FF">tarì
 +</font></i>emessa in Turchia intorno al Mille il cui nome fu poi attribuito
 +dalle popolazioni adriatiche del sud anche a monete coniate da principi
 +normanni, dai re aragonesi e dal Regno di Napoli, indicando molto probabilmente
 +una situazione agiata della famiglia del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARICCO
 +<br>TARIGO
 +<br>TARIZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taricco è decisamente piemontese, di Narzole, Cuneo, Dogliani, Fossano,
 +Bra, Cherasco, Mondovì ed Alba nel cuneese, con un ceppo secondario
 +a Torino, Tarizzo, molto meno diffuso, è del torinese, di Favria,
 +Torino e Rivarolo Canavese, Tarigo, decisamente il più raro, è
 +del savonese, di Stella e Varazze, dovrebbero derivare da alterazioni dialettali
 +ipocoristiche di una forma aferetica del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Authari</font></i>,
 +a sua volta derivato dai termini <i><font color="#3333FF">aud</font></i>
 +(<i><font color="#666666">clan, stirpe</font></i>) ed <i><font color="#3333FF">hari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">esercito</font></i>, ma anche <i><font color="#666666">difesa</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">difensore, protettore della
 +propria stirpe</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARICONE
 +<br>TARRICONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taricone sembra essere specifico di Trasacco nell'aquilano, Tarricone è
 +specifico di Corato nel barese, con un ceppo anche nel foggiano a Cerignola
 +e nel leccese a Nardò, potrebbero derivare da forme accrescitive
 +del soprannome derivato dal <i><font color="#3366FF">tarì</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi TARI'</font>), forse intendendo che il capostipite
 +era molto ricco o molto spendaccione.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Oltre alla fondata ipotesi di derivazione da '<i><font color="#3333FF">tarì</font></i>',
 +se ne potrebbero formulare altre: 
 +<br>1) cognominizzazione del latino '<i><font color="#3333FF">tarracon(en)sis</font></i>'
 += <i><font color="#666666">abitante di Tarragona</font></i>, città
 +della Spagna, divenuto poi soprannome <i><font color="#666666">Tarricòne</font></i>;
 +<br>2) derivazione dal termine dialettale calabrese '<i><font color="#3333FF">tarricone</font></i>'
 += <i><font color="#666666">ceppaia</font></i>; 
 +<br>3) dal toponimo Tarricone (BA);
 +<br>4) dalla radice araba "<i><font color="#3333FF">tariq</font></i>" = <i><font color="#666666">chi
 +arriva durante la notte</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARLARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarlarini, tipicamente lombardo, è specifico del milanese e del
 +pavese, di Milano, San Colombano al Lambro e Pavia, potrebbe derivare da
 +un soprannome dialettale basato sul termine meneghino arcaico <i><font color="#3333FF">tarlis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Tela molto rada</font></i>) ed identificare forse
 +così nel capostipite un tessitore, ma, molto più probabilmente,
 +dovrebbe trattarsi di una forma ipocoristica aferetica arcaica derivata
 +dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Autari</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARONI
 +<br>TARRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taroni ha un ceppo nel milanese e comasco, in particolare a Carate Urio
 +e Como nel comasco ed a Milano, ed uno in Emilia e Romagna, nel reggiano,
 +modenese, bolognese, ferrarese, cesenate e soprattutto nel ravennate a
 +Lugo, Faenza, Ravenna e Bagnacavallo, Tarroni è tipicamente romagnolo,
 +di Ravenna, Alfonsine, Fusignano, Lugo e Faenza nel ravennate, di Argenta
 +e Codigoro nel ferrarese e di Imola e Bologna nel bolognese, dovrebbero
 +derivare da una forma contratta
 +<i><font color="#3333FF">taròn</font></i> del termine sia lombardo,
 +che emiliano <i><font color="#3333FF">tarelòn</font></i> (<i><font color="#666666">bastonaccio,
 +randello</font></i>), forse ad indicare che i capostipiti ne facessero
 +uno nel loro mestiere o avessero comportamenti maneschi, il ceppo emiliano
 +potrebbe anche derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">flumen
 +Tarone</font></i>, riferito al <i><font color="#666666">fiume Taro</font></i><font color="#000000">:
 +"</font><font color="#CC33CC">...Unde D. Passarinus cum suis seguacibus
 +cum navigio suo per Paudum et per terram venit usque ad Turicellam de </font><font color="#FF0000">ripa
 +Taroni</font><font color="#CC33CC">s credens transire ab ista parte in
 +aliquo loco...</font>", e potrebbe indicare la sua valle come luogo di
 +origine dei capostipiti, un'ultima ipotesi, che non è comunque da
 +trascurare, propone una possibile derivazione da una forma aferetica del
 +nome <i><font color="#3333FF">Bertarone</font></i>, una delle tante diverse
 +variazioni del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Bertus</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taroni cognome base. Varianti: Tarroni. In Emilia-Romagna sono documentate
 +le seguenti forme: Taroni, al 32° posto in Lugo e al 44° in Faenza;
 +Tarroni, al 48° in Lugo e al 92° in Ravenna. Anche per questo cognome
 +credo valga la pena di trovare un riscontro storico e non solo sociale.
 +Si tratta, molto probabilmente, di un cognome originato da un toponimo
 +piuttosto comune nella nostra regione, Taro, Taroni. Per la voce Taro,
 +fiume che percorre la provincia di Parma, l'origine è da ricercare
 +nel latino <i><font color="#3333FF">Tarus</font></i>, dalla radice indoeuropea
 +<i><font color="#3333FF">ter-</font></i> (= <i><font color="#666666">veloce</font></i>);
 +per Taroni, località presso Fusignano, la radice potrebbe ricercarsi,
 +invece, in '<i><font color="#3333FF">tarro</font></i>' = <i><font color="#666666">zolla</font></i>.
 +Il nome <i><font color="#3333FF">Taronius</font></i> è già
 +documentato in carte medioevali. L. Paraboschi, Cognomi della Emilia Romagna,
 +1995, p. 178.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAROPPI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taroppi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del novarese, dovrebbe derivare
 +da un soprannome dialettale con il significato di <i><font color="#3333FF">allocco</font></i>,
 +ma anche di <i><font color="#666666">trombone</font></i> o <i><font color="#3333FF">tarabuso</font></i>.&nbsp;
 +un tipo di uccello di palude (<font color="#CC33CC">vedi TARABUGI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAROZZI
 +<br>TAROZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarozzi ha un piccolissimo ceppo piemontese ed uno, molto importante in
 +Emilia, a Bologna in particolare ed a Anzola nell'Emilia, Sasso Marconi,
 +Zola Predosa, Casalecchio di Reno e Castenaso nel bolognese, a Modena e
 +Castelfranco Emilia nel modenese, ed a Lugo, Faenza e ravenna nel ravennate,
 +Tarozzo, rarissimo, sembrerebbe del ferrarese, dovrebbero derivare da un
 +soprannome originato dal termine dialettale arcaico <i><font color="#3333FF">tarozz
 +</font></i>(<i><font color="#666666">fila di corde o canapi vecchi da disfare
 +per riutilizzarli</font></i>), forse per identificare nei capostipiti dei
 +cordai.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARQUINI
 +<br>TARQUINIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarquini è tipico dell'Italia
 +centrale,della parte meridionale delle Marche ed Umbria, degli Abruzzi
 +e principalmente del Lazio, Tarquinio, molto raro, sembra essere presente
 +anche nell'area pugliese, derivano entrambi dal cognomen latino Tarquinius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARSI
 +<br>TARSIO
 +<br>TARSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarsi ha un ceppo marchigiano a Senigallia, Corinaldo, Ostra Vetere, Ripe
 +ed Ostra nell'anconetano ed a Fano, Pesaro, Pergola e Mondolfo nel pesarese,
 +ha un ceppo a Castiglione della Pescaia e Grosseto nel grossetano, in ceppo
 +a Roma ed uno a Copertino nel leccese, Tarsio, quasi unico, parrebbe del
 +savonese, Tarso, anch'esso rarissimo, sembrerebbe di Nicolosi nel catanese,
 +si potrebbe trattare di forme etniche riferite alla città di Tarso (<font color="#3333FF">Ταρσός</font>) citta ionica dell'Anatolia, l'attuale Turchia, conquistata da
 +Pompeo, divenne la capitale romana della Cilicia, sotto Giulio Cesare assunse
 +il nome di Giuliopoli, con Marco Antonio i suoi abitanti ottennero la cittadinanza
 +romana, un tempo terra cristiana, subì varie occupazioni da parte
 +saracena e riconquiste ad opera dei Crociati, fino alla conquista definitiva
 +da parte di Maometto II° nel 1458, a varie riprese i cristiani ne fuggirono
 +via verso terre cristiane più vicine al loro credo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARSIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarsia sembrerebbe specifico del cosentino, con ceppi anche nel reggino
 +e nel materano, dovrebbe derivare dall'omonimo paese del cosentino, ma
 +in alcuni casi potrebbe derivare dal ceppo normanno della famiglia nobile
 +Tarsia che nel 1083 avrebbe fondato la città e che ne detenne la
 +Signoria fino al 1800. Essendo stati i normanni a portare la specialità
 +della <i><font color="#3366FF">tarsia</font></i> o <i><font color="#999999">intarsio
 +su legno o minerale</font></i> è probabile che il cognome di questo
 +nobile casato sia in qualche modo connesso con quel tipo di lavorazione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARSITANI
 +<br>TARSITANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarsitani, assolutamente rarissimo, sembrerebbe calabrese, Tarsitano è
 +tipico del cosentino, di Fagnano Castello, Cosenza, Roggiano Gravina e
 +Pietrafitta, dovrebbe trattarsi dell'etnico di Tarsia nel cosentino, probabile
 +luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTAGLIA
 +<br>TARTAGLI
 +<br>TARTAGLINI
 +<br>TARTAGLINO
 +<br>TARTAGLIONE
 +<br>TARTAGLIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartaglia è tipico dell'Italia meridionale, Campania, Molise e foggiano
 +in particolare, Tartagli, molto raro, sembrerebbe del fiorentino, Tartaglini
 +ha un ceppo nell'anconetano a Castelfidardo ed Ancona ed uno romano, Tartaglino
 +è decisamente dell'astigiano, di San Damiano d`Asti, Vigliano d`Asti
 +ed Asti, con un ceppo anche a Torino, Tartaglione è tipico della
 +zona che comprende l'iserniese, il napoletano ed il casertano soprattutto
 +l'area di Marcianise, con ceppi anche nel foggiano, dovrebbero derivare
 +da un soprannome originato da un difetto di pronuncia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel soprannome o nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Tartaglia</font></i>, col significato letterale
 +di <i><font color="#999999">balbuziente</font></i> (vedi anche i cognomi
 +Balbo, Biagio e Ciavaglia). Dal punto di vista storico, tracce di questo
 +nome si trovano sia a Siena nel corso del '200, con un mercante di nome
 +Tartaglia da Orgiale, sia in Umbria nel corso del '400, con il condottiero
 +Tartaglia da Foligno; nella Roma del 1400, inoltre, si trova anche un certo
 +Tartaglia Tavernaro. Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque,
 +si tratta delle cognominizzazioni o dei nomi personali dei capostipiti
 +o di soprannomi ad essi attribuiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Tommaso
 +Tartaglione</font></font>
 +<br>Il cognome Tartaglione è presente a Marcianise fin dal 1395
 +con un <i><font color="#3333FF">Cubellus Tartallonnus</font></i> (Giacomo
 +Tartaglione) come riporta lo storico capuano Jannelli. Molto probabilmente
 +Marcianise è proprio il centro d'origine di questo cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTAGNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartagni è specifico di Forlì e Ravenna, potrebbe trattarsi
 +dell'italianizzazione del cognome pirenaico <i><font color="#3333FF">Tartaing</font></i>,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo con Alessandro Tartagni
 +di Imola, Giurista morto nella seconda metà del 1400.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTAMELLA
 +<br>TARTAMELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartamella è tipico della Sicilia occidentale, di Trapani, Alcamo,
 +Castellammare del Golfo, Erice e Paceco nel trapanese e di Palermo, Tartamelli,
 +assolutamente rarissimo, che sembrerebbe del ternano, dovrebbe derivare
 +da un'alterazione del precedente, che dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale non meglio identificato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTARA
 +<br>TARTARELLA
 +<br>TARTARELLI
 +<br>TARTARELLO
 +<br>TARTARI
 +<br>TARTARIN
 +<br>TARTARINI
 +<br>TARTARINO
 +<br>TARTARO
 +<br>TARTARONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartara è un cognome tipico di Alessandria, con un ceppo anche a
 +Cori nel latinense, Tartarella, assolutamente rarissimo, è del barese,
 +Tartarelli, ha un ceppo nel lucchese, uno nel maceratese, uno tra viterbese
 +e romano ed uno in Puglia soprattutto nel barese, Tartarello, molto molto
 +raro, è tipico del barese, Tartari ha un ceppo in Lombardia ed uno
 +a Ferrara e nel ferrarese a Vigarano Mainarda, Poggio Renatico, Bondeno
 +e Sant`Agostino, a Bologna e nel bolognese, a San Pietro in Casale, Galliera
 +e Castel Maggiore, con un ceppo anche a Macerata e nel maceratese,&nbsp;
 +Tartarin, praticamente unico è dovuto quasi certamente ad errori
 +di trascrizione, Tartarini ha un ceppo nello spezzino che si estende al
 +carrarese ed al lucchese ed uno bolognese che si estende al ferrarese,
 +Tartarino, estremamente raro, sembrerebbe del barese, Tartaro ha ceppi
 +sparsi in tutt'Italia, nell'udinese, in Campania, soprattutto nel casertano,
 +nel barese e nel leccese ed in Sicilia, Tartarone è specifico del
 +napoletano di Giugliano in Campania in particolare, potrebbero derivare
 +dall'etnico <i><font color="#3366FF">tartaro</font></i>, della cui presenza
 +abbiamo un esempio in Campania, in quest'atto dell'anno 1369 a Cerreto:
 +"<font color="#CC33CC">..Item voluit et mandavit quod omnes servi et serve
 +sui Tartari et tartare et cuiuscumque alterius nationis si qui essent sint
 +liberi et libere a nexu servitutis; Item quod Georginus Tartarus servus
 +eius sit liber et francus et educari et nutri debeat pene birum Magnificum
 +Nicolaum de Santo Fraymundo Comitem Cerreti..</font>", i tartari arrivarono
 +in Italia sia come schiavi che come legionari e poi coi barbari, in molti
 +casi nel medioevo venivano chiamati <i><font color="#3366FF">Tartari</font></i>
 +quanti arrivassero dai paesi dell'est, è pure possibile e probabile
 +in molti casi una derivazione toponomastica dalle Valli del Tartaro nel
 +mantovano o dallo stesso nome del fiume Tartaro che attraversa il Polesine
 +e sbocca nel Po, in altri casi, soprattutto nel caso dei diminutivi potrebbero
 +derivare da nomi di persona come <i><font color="#3366FF">Tartarus</font></i>
 +attribuito a figli per i quali si auspicava un avvenire da soldato valoroso
 +ed indomito. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo fin dal 1200,
 +nella seconda metà del secolo vi troviamo un <i><font color="#3366FF">Albertus
 +Tartarus</font></i> Signore di Elbogen, l'attuale Loket, la città
 +più occidentale della Repubblica Ceca, o anche ad esempio a Cetraro
 +(CS) nella seconda metà del 1300 con l'abate Pietro Tartaro, a Tivoli
 +in una lettera del 1447 leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC">...Dedi ad te aliquot litteras, quibus nunquam respondisti,
 +nisi responsum ad me non pervenit Huius epistole argumentum est quod </font><font color="#FF0000">Ioannes
 +Tartarinus</font><font color="#CC33CC">, unicus mihi consobrinus, magnopere
 +oravit me ut se causamque suam tibi commendarem...</font>", nell'elenco
 +degli scolari dell'Ateneo perugino riguardante l'anno 1576 è citato
 +un certo Corradus Tartarinus cittadino della Tuscia, a Bormio negli atti
 +di un processo del 1629 si legge: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Jacobus
 +Tartarus</font><font color="#CC33CC"> se constituit fideiussorem pro Margarita
 +eius uxore in causa antescripta...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartoni è specifico di Prato e Vernio nel pratese, potrebbe derivare
 +dall'antico nome <i><font color="#3333FF">Tartona</font></i> della città
 +alessandrina di Tortona: "<font color="#CC33CC">...Ideoque ego qui supra
 +Sicclerius Capellüs dono et offero a presenti die in eadem predicta
 +ecclesia sancti [Petri] pro anime mee mercede id est pecias duas de terra
 +aratorias iuris mei, quas habere visus sum in territorio </font><font color="#FF0000">Tartone</font><font color="#CC33CC">
 +ad locum ubi [diciturj Pehoraram....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARTUFI
 +<br>TARTUFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tartufi e Tartufo, sono quasi unici e sembrerebbero centrosettentrionali,
 +potrebbero derivare da un soprannome basato sul fatto che il capostipite
 +fosse un ricercatore di <i><font color="#3333FF">tartufi</font></i> o che
 +avesse un ottimo fiuto. (<font color="#CC33CC">vedi anche TARATUFOLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARUSCIA
 +<br>TARUSCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Taruscia che Taruscio sono assolutamente rarissimi, ormai quasi unici,
 +dovrebbero essere originari del crotonese, di Cotronei in particolare,
 +potrebbero derivare da <i><font color="#3333FF">Tarusco</font></i>, l'antico
 +nome della città provenzale di Tarascona, probabilmente ad indicare
 +un'origine provenzale dei capostipiti, forse giunti in Italia con gli angioini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TARZI
 +<br>TARZIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tarzi è quasi unico, Tarzia ha un ceppo nel bergamasco a Lovere,
 +Endine Gaiano e Costa Volpino, uno a Genova ed uno a Siderno e Placanica
 +nel reggino, a Catanzaro e Lamezia Terme nel catanzarese e ad Arena ed
 +Acquaro nel vibonese, potrebbero derivare da un'alterazione dialettale
 +di nomi di paesi come Tarsia nel cosentino, o di Tarso in Cilicia (<font color="#CC33CC">vedi
 +TARSI</font>), o anche da toponimi come Borgata Tarzia nel reggino o Tarzo
 +nel trevigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASCA
 +<br>TASCHI
 +<br>TASCHINI
 +<br>TASCO
 +<br>TASCONE
 +<br>TASCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tasca ha un ceppo nell'alessandrino, uno nel milanese e bergamasco, uno
 +nel vicentino, padovano, trevisano e veneziano, uno nel Lazio centromeridionale,
 +uno nel barese ed uno in Sicilia, nel nisseno, ragusano, catanese e messinese,
 +Taschi, quasi unico, è del centronord, Taschini ha un ceppo a Bergamo
 +e Villa d'Almè nel bergamasco, uno piccolo a Novellara nel reggiano,
 +uno ancora più piccolo a Pistoia e Prato, uno nel perugino a Città
 +di Castello, Perugia e Citerna ed a Castel Giorgio nel ternano, uno a Celleno,
 +Viterbo e Vetralla nel viterbese ed uno a Roma, Tasco, ha un ceppo pugliese
 +a Brindisi, a Salve nel leccese ed a San Giorgio Ionico nel tarantino,
 +ed uno molto molto piccolo a Catania, Tascone ha un ceppo a San Salvo nel
 +teatino, uno piccolissimo nel napoletano ed uno in Sicilia, a Gela nel
 +nisseno, a Castell'Umberto nel messinese ed a Sciara nel palermitano, Tasconi
 +è quasi unico e dovrebbe trattarsi di errate trascrizioni del precedente,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche, dal nome
 +latino di origini barbare <i><font color="#3333FF">Tasco</font></i>, <i><font color="#3333FF">Tasconis</font></i>,
 +o dalla sua versione latinizzata <i><font color="#3333FF">Tascus</font></i>,
 +nome di cui abbiamo un esempio negli scritti di Gaio Plinio Cecilio Secondo
 +(Plinio il Giovane) che in una lettera a Tacito parla del padre Plinio
 +il Vecchio, che durante l'eruzione del Vesuvio, ricevette un messaggio
 +di richiesta d'aiuto da Rectina moglie di un certo Tasco che viveva in
 +una villa alle pendici del Vesuvio: "<font color="#CC33CC">...Egrediebatur
 +domo; accipit codicillos </font><font color="#FF0000">Rectinae Tasci</font><font color="#CC33CC">
 +imminenti periculo exterritae - nam villa eius subiacebat, nec ulla nisi
 +navibus fuga -: ut se tanto discrimini eriperet orabat. Vertit ille consilium
 +et quod studioso animo incohaverat obit maximo. Deducit quadriremes, ascendit
 +ipse non Rectinae modo sed multis - erat enim frequens amoenitas orae -
 +laturus auxilium. Properat illuc unde alii fugiunt, rectumque cursum recta
 +gubernacula in periculum tenet adeo solutus metu, ut omnes illius mali
 +motus omnes figuras ut deprenderat oculis dictaret enotaretque. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASCINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipicamente
 +umbro, potrebbe risalire ad un celtico Tasciovanus, ma più probabilmente
 +derivano dal nome germanico Tasso utilizzato in Italia nel medioevo .</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tasin è tipico di Trento, dovrebbe derivare dal vocabolo dialettale
 +<i><font color="#3366FF">tasin</font></i> (<font color="#666666"><i>pastore,</i>
 +vocabolo derivato dal fatto che nella zona le pecore migliori, quelle che
 +venivano allevate preferenzialmente erano di razza tasina</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tasin è un cognome anche veronese, viene dal dialettale '<i><font color="#3333FF">tasìn</font></i>'
 += <i><font color="#666666">merciaio ambulante</font></i> (perchè
 +proveniente dalla Val di Tesìno). Olivieri 209.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASINATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tasinato è tipico del padovano, si dovrebbe trattare di un patronimico
 +dialettale caratterizzato dalla terminazione in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>
 +per figlio di, un <i><font color="#3366FF">Bertasino</font></i>, uno dei
 +tanti ipocoristici dialettali del nome <i><font color="#3366FF">Berto</font></i>.
 +(<font color="#CC33CC">vedi TASINI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tasini è tipico di Rimini, San Giovanni in Marignano e Riccione,
 +con ceppi anche a Bologna ed a Castello d`Argile, dovrebbe derivare dall'aferesi
 +di un ipocoristico dialettale, <i><font color="#3366FF">Bertasino</font></i>,
 +del nome Berto.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Potrebbe derivare per degeminazione dal personale germanico <i><font color="#3333FF">Ta(s)so/Tassilo</font></i>
 +di origine longobarda, che talora compare anche come primo elemento di
 +nomi composti come <i><font color="#3333FF">Tassipert/Tassiman</font></i>n
 +ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSAN
 +<br>TASSANI
 +<br>TASSANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tassan è tipico dell'area veneto, friulana, di Venezia e Montegrotto
 +Terme nel padovano, di Aviano nel pordenonese e di Trieste, Tassani è
 +specifico di Forlì e Cesena, Tassano è invece ligure, del
 +genovese, di Sestri Levante in particolare , di Casarza Ligure, di Lavagna
 +e Chiavari, potrebbero derivare da nomi di località come Tassani
 +di Sestri Levante nel genovese o Tassano nel bresciano, ma in molti casi
 +potrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tassanus</font></i>,
 +ricordiamo Tassanus de Tassonibus cittadino avignonese del 1300, nome originato
 +dalla latinizzazione del nome irlandese <i><font color="#3333FF">Tassach</font></i>,
 +ricordato con il nome di San Tassano del quinto secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSARA
 +<br>TASSARI
 +<br>TASSARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tassara, molto raro, è tipico ligure, Tassari e Tassaro, rarissimi,
 +sono napoletani, il primo dovrebbe derivare dal toponimo Tassarolo (AL),
 +derivano tutti da nomi di località indicanti la presenza di alberi
 +di tasso, come ad esempio Tassara zona di Monterosso al Mare (SP).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSETTI
 +<br>TASSETTO
 +<br>TASSI
 +<br>TASSINI
 +<br>TASSINO
 +<br>TASSO
 +<br>TASSOTTI
 +<br>TASSOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00tasso.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="80" height="90"><font size="-1">Tassetti ha un ceppo nel bergamasco a Sorisole ed a Bergamo ed uno a Civitanova
 +Marche nel maceratese, Tassetto è tipico del veneziano di Campagna
 +Lupia, Camponogara, Pianiga e Mira, Tassi è comune in tutta la fascia
 +che comprende la Lombardia, l'Emilia ed il centro Italia, Tassini ha un
 +ceppo nell'area mantovana, uno nell'area giuliana, uno tra fiorentino,
 +aretino, senese e perugino ed uno tra romano e latinense, Tassino, assolutamente
 +rarissimo, sembrerebbe genovese, Tasso sembra avere più ceppi, nel
 +genovese ed alessandrino, nel torinese, nel Veneto ed al sud in Campania
 +e Calabria, Tassotti ha un ceppo nell'alto Friuli a Tolmezzo e Paluzza
 +(UD), un ceppo marchigiano nel Piceno ed uno a Roma, Tassotto è
 +specifico dell'udinese, dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici
 +dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Tasso</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in questo atto giudiziario scritto a Pavia nel 762: "<font color="#CC33CC">...In
 +nomine Domini. Dum ex iussione domni precellentissimi Desiderii regis resedissemus
 +nos illustribus ueris Gisilpert... ...et Alpert de ciuitate Pisana. dicebat
 +ipse </font><font color="#FF0000">Tasso</font><font color="#CC33CC">: quia
 +tu Alpert contra ordinem introisti in res quondam Auriperti germani tui,
 +...</font>", tracce di questa cognominizzazione si trovano nel <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico Bresciano</font> al Repertorio dei Notai roganti, nei quali
 +è menzionato una tto rogato nel 1192 da un certo "<font color="#FF0000">Bertramus
 +Tassus </font><font color="#CC33CC">notarius sacri pallatii interfui et
 +rogatus scripsi</font>". Ricordiamo tra i personaggi con questo nome il
 +famosissimo autore sorrentino della Gerusalemme Liberata Torquato Tasso
 +(1544-1595).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome è d'origine toponimica; da una località Tasso
 +«tasso», viva tanto nel Genovese quanto nell'Aretino. Legato
 +al cognome Tassi è Tassini e forse anche Tassoni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tassillo, molto raro, è tipico di San Severo nel foggiano, dovrebbe
 +trattarsi di una forma ipocoristica <i><font color="#3333FF">Tassilo</font></i>
 +del nome medioevale longobardo <i><font color="#3333FF">Tasso</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi TASSETTI</font>), nome probabilmente portato
 +dal capostipite, dell'uso di questo nome abbiamo un esempio in una Charta
 +decretonis dell'anno 768: "<font color="#CC33CC">..In Dei nomine. regnante
 +domno nostro Desiderio et Adalchisi regibus, anno regni eorum undecimus
 +et nuno, undecimus dies kalendas martias, indictione sexta; feliciter.
 +Ego </font><font color="#FF0000">Tassilo</font><font color="#CC33CC"> vir
 +devotus filius bone memorie Autchisi per hanc paginam volo et decerno,
 +ut dum ego advivere meruero, ut omnia et in omnibus rebus meis in mea sit
 +potestatem vendendi, donandi, alienandi, iterum iudicandi qualiter aut
 +coquomodo voluero in mea sit potestatem, quidquid exinde facere voluero
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSINARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tassinari è tipico dell'Emilia e Romagna, molto diffuso soprattutto
 +nel bolognese, nel ferrarese, nel ravennate, nel forlivese e nel riminese,
 +potrebbe derivare da nomi di località come Tassinara di San Giovanni
 +in Persiceto nel bolognese, o altre località simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSISTRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Genova e del genovese, per la derivazione <font color="#CC33CC">vedi
 +Tassi</font>, tracce di questa cognominizzazione le troviamo in una testimonianza
 +resa a Busalla (GE) nel settembre del 1586 da un certo Lazzarino Tassistro
 +di Pietralavezzara (GE) mulattiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TASSONE
 +<br>TASSONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tassone è tipico della locride con ceppi fsecondari in Piemonte,
 +Lombardia e Lazio, Tassoni ha un nucleo emiliano, nel bolognese in particolare
 +ed uno nel teramano, dovrebbe derivare dal nome medioevale Tassone di cui
 +abbiamo esempi fin dal 1000,i n una carta manoscritta da Giovanni notaio,
 +datata giugno 1086, si legge che <i>Tassone, figlio del fu Donadeo, dona
 +al cenobio di Farfa, mentre ne era abate Berardo, ciò che possedeva
 +nel territorio reatino</i>. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +in Emilia a cavallo tra il 1300 ed il 1400 con il Patrizio di Modena Filippo
 +di Pietro Tassoni laureato Dottore in Medicina a Ferrara nel 1404.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font>
 +<br>Cognome sicuramente originario della zona Siderno (RC) - Locri (RC)
 +- Gerace (RC) (dov'è tutt'oggi tra i più diffusi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATANGELI
 +<br>TATANGELO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tatangeli è estremamente raro e dovrebbe essere dovuto ad errori
 +di trascrizione di Tatangelo, che ha un ceppo a Sora nel frusinate ed uno
 +nel chietino soprattutto a Castiglione Messer Marino, dovrebbe derivare
 +da un soprannome attribuito in segno di rispetto ad uomo degno di essere
 +da tutti chiamato Papà Angelo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome diffuso prevalentemente nel frusinate, deriva dal termine dialettale
 +<i><font color="#3366FF">tata</font></i>, col significato di padre, accompagnato
 +dal nome Angelo: Angelo, dunque, era il nome del capostipite, del padre
 +della famiglia Tatangelo (o dei capostipiti o padri delle famiglie Tatangelo,
 +nel caso esistessero diversi ceppi). Questo cognome è, quindi, una
 +variante dei più comuni D'Angelo, De Angelis, Angeli, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATARANNI
 +<br>TATARANNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tataranni è tipico di Matera, Tataranno. molto più raro è
 +invece specifico di Bernalda, sempre nel materano, potrebbe derivare da
 +un'italianizzazione del nome greco <i><font color="#3366FF">Theramenes</font></i>,
 +esiste anche un'ipotesi che fa derivare questo cognome dal termine <i><font color="#3366FF">tata</font></i>
 +(<i><font color="#999999">padre</font></i>) unito al nome <i><font color="#3366FF">Ranno</font></i>
 +una forma italianizzata, contratta e modificata del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Ranaldus</font></i>,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Matera nel 1727&nbsp;
 +quando nasce il sacerdote Onofrio Tataranni, canonico della Cattedrale,
 +autore a 72 anni del Catechismo della Repubblica napoletana che definisce
 +su quali principi si fondasse.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Presenti, oltre che in Basilicata anche a Bari e Brindisi (Tataranni),
 +derivano dal vocabolo&nbsp; salentino '<i><font color="#3333FF">tataranne</font></i>'
 +=&nbsp; <i><font color="#666666">nonno</font></i> (<i><font color="#666666">padre
 +grande</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATARELLA
 +<br>TATARELLI
 +<br>TATARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tatarella sembrerebbe napoletano, con un ceppo anche a Roma, Tatarelli
 +è tipico della provincia di Latina, di Lenola e Terracina in particolare,
 +Tatarello è praticamente unico, dovrebbe derivare da un nomignolo
 +affettuoso, diminutivo di nomi come Salvatore o anche derivati dal termine
 +dialettale <i><font color="#3366FF">tata</font></i> (<i><font color="#999999">padre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATAVITTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tatavitto è tipicamente campano, in particolare di Circello nel
 +beneventano, con presenze anche nel casertano, dovrebbe derivare da un
 +soprannome attribuito in segno di rispetto ad uomo degno di essere da tutti
 +chiamato <i><font color="#3333FF">Papà Vittorio</font></i>, nella
 +sua forma apocopaica <i><font color="#3333FF">Vitto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATINI
 +<br>TATINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tatini è tipico del fiorentino, di Firenze, Pontassieve, Rignano
 +sull'Arno e Bagno a Ripoli, Tatino, quasi unico, è del napoletano,
 +dovrebbero derivare da una forma ipocoristica del nomen latino <i><font color="#3333FF">Tatius</font></i>,
 +derivato dal greco <i><font color="#3333FF">Tatios</font></i>, ricordiamo
 +il Re dei Sabini Titus Tatius, dell'uso di queste forme abbiamo un esempio
 +nel <font color="#3366FF">Historia rerum in partibus transmarinis gestarum</font>:
 +"<font color="#CC33CC">.. Adjunxerat se etiam nostrorum castris quidam
 +Graecus, </font><font color="#FF0000">Tatinus</font><font color="#CC33CC">
 +nomine, imperatoris familiaris admodum, vir nequam et perfidus, nares habens
 +mutilas in signum mentis perversae. Hic ex imperiali jussione, nostris
 +ducem viae ad ampliorem cautelam postulantibus, designatus fuerat dux itineris
 +et comes futurus.&nbsp; ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATTESE
 +<br>TATTESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tattese sembrerebbe unico, Tattesi, assolutamente rarissimo, è tipico
 +di Taranto e di Carosino (TA), dovrebbe derivare da una forma aferetica
 +di <i><font color="#3333FF">stattesi</font></i> (<i><font color="#999999">abitanti
 +di Statte nel tarentino</font></i>), troviamo tracce di queste cognominizzazioni
 +almeno dalla seconda metà del 1700, a Pulsano (TA) dove è
 +parroco Don Donato Tattesi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tattesi è cognome pugliese alterato della forma base <i><font color="#3333FF">Tata</font></i>
 += <i><font color="#666666">bambinaia, sorella maggiore</font></i> o anche
 +<i><font color="#666666">papà</font></i>. Minervini 477.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tatti è tipicamente sardo, diffuso in particolare nell'oristanese
 +a Samugheo ed anche ad Oristano, Ruinas, Nughedu Santa Vittoria e Nureci,
 +nel cagliaritano a Cagliari, Quartu Sant'Elena ed Assemini, nel Medio Campidano
 +a Sardara, Sanluri e Villacidro, nel nuorese a Teti, Fonni, Sorgono e Tonara
 +ed a Sassari, presenta inoltre dei ceppi laziali a Roma e Castel Madama
 +nel romano ed a Cisterna di Latina nel latinense, e nell'aquilano ad Opi
 +ed Avezzano, potrebbe derivare da una forma alterata del nome del paese
 +di Teti nel nuorese, ma è pure possibile che derivi invece da soprannomi
 +originati dal termine sardo logudorese <i><font color="#3333FF">tattu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sazio, satollo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TATTOLI
 +<br>TATTOLO
 +<br>TATULLI
 +<br>TATULLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti tipicamente pugliese, Tattoli è specifico di Molfetta nel
 +barese, con un piccolo ceppo anche a Cerignola nel foggiano, Tattolo è
 +senz'altro di Andria nel barese, Tatulli, è tipico di Bitonto, Molfetta
 +e Bari sempre nel barese, Tatullo ha un ceppo a Manduria nel tarantino
 +ed uno a Barletta nel barese, dovrebbero derivare da forme ipocoristiche
 +di alterazioni dialettali del nomen latino <i><font color="#3333FF">Tatius</font></i>,
 +ricordiamo <i><font color="#3333FF">Titus Tatius</font></i>, Re di Roma
 +con Romolo, o anche dell'aferesi di cognomen latini come: <i><font color="#3333FF">Dentatus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Praetestatus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Cogitatus</font></i>,
 +o di altri simili.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tattoli, Tattolo è cognome pugliese alterato della forma base
 +<i><font color="#3333FF">Tata</font></i> = <i><font color="#666666">bambinaia,
 +sorella maggiore</font></i> o anche <i><font color="#666666">papà</font></i>.
 +Minervini 477.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tau è un cognome tipicamente salentino, di Collepasso e Maglie nel
 +leccese in particolare, dovrebbe derivare da una modificazione del termine
 +longobardo <i><font color="#3333FF">teu</font></i> (<i><font color="#999999">popolo</font></i>),
 +ma è pure possibile, anche se improbabile, un collegamento con l'ordine
 +del Tau che risale al 1000, forse il più antico degli ordini religioso-cavallereschi,
 +antecedente anche all'Ordine di Malta.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tau è cognome salentino che potrebbe risalire al nome greco
 +antico <i><font color="#3333FF">Táos</font></i> in Egitto. G. Rohlfs,
 +Dizionario dei cognomi salentini, 245.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAUCAR
 +<br>TAUCER
 +<br>TAUCHER</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taucar, quasi unico, è triestino, Taucer, sporadicamente presente
 +in Veneto ed in Friuli, è un cognome specifico di Trieste, Taucher
 +sembrerebbe unico, presente in Veneto, ma di origini slovene.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Taucer è cognome triestino, che è la grafia italiana
 +del cognome sloveno <i><font color="#3333FF">Taucar</font></i> / <i><font color="#3333FF">Taučar</font></i>
 +/ <i><font color="#3333FF">Taučer</font></i> / <i><font color="#3333FF">Tauzhar</font></i>
 +/ <i><font color="#3333FF">Tavcer</font></i> / <i><font color="#3333FF">Tavčar</font></i>
 +/ <i><font color="#3333FF">Tavčer</font></i>, a sua volta adattamento
 +sloveno dell'etnico tedesco <i><font color="#3333FF">Deutscher</font></i>
 += <i><font color="#666666">tedesco</font></i>. M. Bonifacio, Cognomi triestini,
 +p. 255.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAURi
 +<br>TAURINI
 +<br>TAURINO
 +<br>TAURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taurini, assolutamente rarissimo e Tauri, quasi unico, dovrebbere essere
 +dovuti ad un'alterazione di Tauro, che ha vari ceppi, a Roma, in Abruzzo
 +nel pescarese a Penne, Bussi sul Tirino, Montesilvano e Pescara, a Mirabella
 +Eclano nell'avellinese ed a Caserta, il più consistente in Puglia
 +nel barese, soprattutto a Monopoli ed a Castellana Grotte, ed a Castellana
 +Grotte nel brindisino, e nel materano a Tursi, Taurino ha un ceppo a Roma,
 +uno a Napoli, ed il ceppo principale è in Puglia, dove è
 +molto diffuso nel leccese a Campi Salentina, San Donato di Lecce, Lecce,
 +San Cesario di Lecce, Squinzano e Monteroni di Lecce, nel brindisino a
 +San Pancrazio Salentino, a Taranto, a Bari ed a Foggia, dovrebbero derivare,
 +direttamente o attraverso un ipocoristico, dal nome latino di origini greche
 +<i><font color="#3333FF">Taurus</font></i> (<i><font color="#666666">toro</font></i>),
 +citato ad esempio nel Noctes Atticae di Gellius: "<font color="#CC33CC">...
 +Philosophus </font><font color="#FF0000">Taurus</font><font color="#CC33CC">,
 +vir memoria nostra in disciplina Platonica celebratus, cum aliis bonis
 +multis salubribusque exemplis hortabatur ad philosophiam capessendam, tum
 +vel maxime ista re iuvenum animos expergebat, Euclidem quam dicebat Socraticum
 +factitavisse.&nbsp; ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAUS
 +<br>TAUSANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taus è tipicamente marchigiano di Fano nel pesarese in particolare,
 +Tausani, assolutamente rarissimo è anch'esso del pesarese, potrebbero
 +derivare direttamente o attraverso una forma tronca dal toponimo Tausano
 +nel Montefeltro, meno probabile una derivazione dal toponimo boemo Taus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVANI
 +<br>TAVANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavani ha un ceppo laziale, soprattutto nel rietino ed a Roma, un ceppo
 +nel piacentino e nel modenese ed uno nel barese,&nbsp; Tavano è
 +presente a macchia di leopardo, sia nell'Italia meridionale che nel Friuli
 +ed in Piemonte, derivano dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Tavanus</font></i>,
 +di cui si hanno tracce in iscrizioni funerarie: "<font color="#CC33CC">Pergemus
 +/ Primus / </font><font color="#FF0000">Tavanus</font><font color="#CC33CC">
 +/ deo Invic/to sacrum </font>", in episodi storici, infatti il villaggio
 +di Tabanac, vicino a Bordeaux, deve il proprio nome proprio ad Tavanus
 +o Tabanus delle legioni romane.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tavani è la cognominizzazione del personale medievale <i><font color="#3333FF">Tavanus</font></i>,
 +presente anche in una carta modenese del 1162, dal lat. <i><font color="#3333FF">tabanus</font></i>
 +«<i><font color="#666666">tafano</font></i>», usato come soprannome
 +per indicare «<i><font color="#666666">persona molesta</font></i>».
 +E' pur probabile che taluni Tavani siano forma corrotta di <i><font color="#3333FF">Taviani</font></i>,
 +da <i><font color="#3333FF">(Ot)taviani</font></i>. Un Tavianus compare
 +in una carta modenese nel 1167. F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese,
 +1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVANTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della provincia di Arezzo,
 +potrebbe derivare da modificazioni dell'aferesi di nomi medioevali italiani
 +come Gustavo, Ottavo o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del sudmilanese, potrebbe
 +derivare da modificazioni dell'aferesi di nomi medioevali italiani come
 +Gustavo, Ottavo o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVEGGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro assolutamente milanese,</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVELLA
 +<br>TAVELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavella sembra avere più ceppi sparsi per l'Italia sia al sud che al nord, Tavelli è
 +tipico lombardo sembra originario del bresciano, con un probabile ceppo
 +in Valtellina, anche se tracce di questo cognome si trovano nel bolognese
 +già nel 1200, a Tossignano (BO) questa famiglia è annoverata
 +nel 1256 fra le più importanti della città; nel 1440 è
 +Vescovo di Ferrara Giovanni Tavelli, dovrebbero derivare da un nome di
 +località, come ad esempio Tavello frazione di Limena (PD). Tracce
 +del cognome Tavella si hanno nel Codice Diplomatico della Lombardia medievale
 +dove tra l'altro, in un atto del 1154 redatto a Milano si legge: "<font color="#CC66CC">...Silva
 +ibi prope, perticam I et tabulas V et pedes VIIII a mane de Morimondo,
 +a meridie </font><font color="#FF0000">Bonizo Tavella</font><font color="#CC66CC">....</font>".&nbsp;
 +In Valtellina a Piuro (SO) si hanno tracce di questa cognominizzazione con
 +derivazione da un non identificato toponimo nel 1600 in un atto infatti
 +è citato un certo signor Abram de Tavello. Famoso è stato
 +lo scultore e pittore Frà Diego da Tavello.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Giacomo Ganza</font></font>
 +<br>Tavelli dovrebbe derivare da un nome personale come Ottavio.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Tavella è presente anche in Sicilia (Enna, Messina)
 +ed in Calabria (CZ, RC), dove è lecito supporre una derivazione
 +dal vocabolo dialettale calabrese <i><font color="#3366FF">tavella</font></i>
 += <i><font color="#999999">tavoletta</font></i>. Cfr. G. Rohlfs: Dizionario
 +storico dei cognomi nella Sicilia orientale, Centro di studi filologici
 +e linguistici siciliani, Palermo, 1984, p. 184 - Tavelli potrebbe risalire a un personale medievale <i><font color="#3366FF">Tambellus</font></i>,
 +da <i><font color="#3366FF">tam</font></i> «tanto» e <i><font color="#3366FF">bellus</font></i>
 +«bello», con la sincope di -m- e il normale passaggio di -b-
 +in -v-: Tabellus, Tavellus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00taveri.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="41" height="60"><font size="-1">Troviamo
 +nel 1431 <font color="#3333FF">Nardo Taveri</font> notaio a Monopoli di
 +cui poi, nel 1472, divenne sindaco; nel 1460 in un un atto Giovanni D'Angiò
 +nomina il suo consigliere e padre provinciale dei domenicani e professore
 +di teologia <font color="#3333FF">Francesco Tavaro</font>, Generale Riformatore
 +e Governatore della Basilicata, Principato Citra, Ducato di Calabria, Principato
 +Ultra&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVERNA
 +<br>TAVERNI
 +<br>TAVERNINI
 +<br>TAVERNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taverna ha ceppi in giro per il paese, in Lombardia, Piemonte e genovese,
 +nel parmense, nell'udinese, in Calabria ed in Sicilia, Taverni è
 +toscano, della zona di Firenze e Pontassieve, Tavernini è specifico
 +di altobresciano e trentino, da Gargnano (BS) a Dro (TN), Taverno è
 +praticamente unico, dovrebbero tutti derivare o da toponimi contenenti
 +la radice taverna, come ce ne sono molti sparsi in giro per l'Italia,
 +o anche da soprannomi originati dal mestiere o dalle abitudini del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVERNARI
 +<br>TAVERNARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavernari sembrerebbe specifico di Modena e del modenese, di Nonantola
 +e Carpi, Tavernaro, molto più raro, è veneto, di Caerano
 +di San Marco nel trevisano e di Feltre nel bellunese, dovrebbero derivare
 +dal mestiere di <i><font color="#3366FF">tabernarius</font></i> (<i><font color="#999999">taverniere</font></i>)
 +svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVERNESE
 +<br>TAVERNESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavernese ha un ceppo a Roma ed uno nel reggino a Marina di Gioiosa Ionica,
 +Grotteria, Siderno e Gioiosa Ionica, ed a Cirò Marina nel crotonese,
 +Tavernesi, quasi unico, dovrebbe essere dovuto ad errata trascrizione del
 +precedente, che dovrebbe derivare dall'etnico di paesi chiamati Taverna,
 +come ne esistono sia nel Lazio nel latinense, che in Calabria sia nel cosentino
 +che nel catanzarese, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVERNITI
 +<br>TAVERRITI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Taverniti ha un ceppo nel reggino, a Monasterace, Stilo, Rizziconi, Pazzano
 +e Molochio, uno a Guardavalle nel catanzarese, uno a Crotone ed uno a Limbadi
 +nel valentiano, Taverriti, quasi unico, è del reggino, dovrebbero
 +derivare da forme etniche di paesi come Taverna nel cosentino o Taverna
 +nel catanzarese, ad indicare la probabile provenienza dei capostipiti da
 +quei luoghi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVIAN
 +<br>TAVIANI
 +<br>TAVIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavian ha un ceppo a Cordignano e Vittorio Veneto nel trevisano, uno a
 +Lendinara nel rovigoto, uno a Castelbaldo nel padovano ed uno a San Giorgio
 +di Nogaro nell'udinese, Taviani ha un piccolo ceppo a Grezzana nel veronese,
 +uno altrettanto piccolo a Cervia nel ravennate, uno a Fucecchio, Empoli
 +e Certaldo nel fiorentino, a Chiusi nel senese ed a Prato, uno ad Ancona
 +ed uno a Roma, Taviano ha qualche presenza nel Friuli e nel Lazio ed un
 +piccolo ceppo in Sicilia nel messinese a Messina ed a Sant'Angelo in Brolo,
 +dovrebbero derivare da forme aferetiche anche dialettali del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Octavianus</font></i> o <i><font color="#3333FF">Ottaviano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVOLARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavolara è un cognome quasi estinto riscontrabile ormai solo nel
 +sassarese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Anna Tavolara</font></font>
 +<br>Il cognome Tavolara. Oggi estremamente raro (si trova solo un'unica
 +famiglia in Sardegna, a Sassari), secondo Massimo Pittau - autore del volume
 +<i><font color="#3366FF">I cognomi della Sardegna</font></i> (Delfino ed.,
 +1989) - "<font color="#CC33CC">corrisponde al nome dell'isola di Tavolara,
 +situata a nord-est della Sardegna, e in origine indicava i diritti feudali
 +goduti da una famiglia nobiliare su quell'isola.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVOLARI
 +<br>TAVOLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavolari, quasi unico, parrebbe toscano, Tavolaro invece è tipico
 +del sud, dell'area potentino, cosentina, potrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal mestiere di falegnami produttori di tavole, ma, molto più
 +probabilmente derivano dal mestiere di <i><font color="#3366FF">tabularius</font></i>
 +attribuito al capostipite, in epoca romana i tabulari erano dei liberti
 +con la funzione di scrivani pubblici con funzioni di convalida di atti
 +di compravendita o di cessioni ereditarie, l'equivalente dei notai in epoca
 +medioevale: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">tabularius</font><font color="#CC33CC">
 +sive tabellio dicitur scriba publicus...</font>", presso le legioni ed
 +i presidi cittadini i <i><font color="#3366FF">tabularii</font></i> rivestivano
 +anche la funzione di ragionieri addetti alla registrazione e contabilizzazione
 +delle imposte.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Marcos
 +Tavolari</font></font>
 +<br>Tavolaro è cognome raro, di origine calabrese e lucana, della zona di origini
 +greco-albanesi, ma presente anche a Napoli. Il cognome si presenta
 +come derivazione dialettale probabilmente originata dal cognome greco TAVOULARIS
 +(scrivano).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAVOLONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tavoloni è tipico della fascia centrale che comprende anconetano,
 +maceratese, Umbria e romano, dovrebbe derivare dal termine latino <i><font color="#3366FF">tabellione</font></i>,
 +cioè una <i><font color="#999999">specie di scrivano</font></i>
 +o pubblico ufficiale che in epoca romana aveva uan funzione più
 +importante rispetto a quella del notaio in quanto i suoi atti avevano valore
 +esecutivo, mentre il notaio si limitava a notare (prendere nota) degli
 +estremi di un atto che altri pubblici ufficiali rendevano poi esecutivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAZZARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Veramente raro sembra essere originario
 +del ravennate, potrebbe derivare dal nomen latino Tatius o da aferesi di
 +nomi medioevali quali: Albertazzo, Eustazo o Cottazzo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TAZZIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tazzioli è specifico del modenese, di Frassinoro in particolare
 +e della sua frazione Casoni di Fontanaluccia, dovrebbe derivare da una
 +forma ipocoristica del nome latino <i><font color="#3333FF">Tatius</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Tazio</font></i>), portato ad esempio dal Re
 +del ratto delle Sabine Tito Tazio che governò Roma assieme a Romolo:
 +"<font color="#CC33CC">..Ceteri reges quibus locis habitaverunt dicemus.
 +</font><font color="#FF0000">Tatius</font><font color="#CC33CC"> in arce,
 +ubi nunc aedes est Iunonis Monetae: qui anno quinto quam ingressus urbem
 +fuerat a Laurentibus interemptus est. septima et vicesima olympiade hominem
 +exivit. Numa in colle primum Quirinali, deinde propter aedem Vestae in
 +regia quae adhuc ita appellatur: qui regnavit annis tribus et quadraginta:
 +sepultus sub Ianiculo..</font>.".</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEALDI
 +<br>TEALDO
 +<br>TEBALDI
 +<br>TEBALDO
 +<br>TEBALDUCCI
 +<br>TIBALDI
 +<br>TIBALDO
 +<br>TIBAUDO
 +<br>TOALDO
 +<br>TOBALDI
 +<br>TOBALDINI
 +<br>TOBALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tealdi è abbastanza raro, dovrebbe essere tipico del cuneese, Tealdo,
 +molto raro, ha un ceppo nel vicentino ed uno tra torinese ed astigiano,
 +di Tebaldi dovrebbero esserci più ceppi, nel veronese, nell'Emilia
 +e nel pesarese, Tebaldo è assolutamente rarissimo, Tebalducci, praticamente
 +unico, è toscano, Tibaldi ha ceppi in Piemonte, Lombardia, Emilia,
 +Veneto ed a Roma, Tibaldo è specifico del vicentino, di Arzignano,
 +Chiampo, Altissimo, Crespadoro e Valdagno, Tibaudo, assolutamente rarissimo,
 +è siciliano, del trapanese e palermitano, Toaldo è tipico
 +del vicentino, di Pozzoleone e Nove in particolare, Tobaldi è tipicamente
 +marchigiano, di Cingoli e Macerata nel maceratese e di Fabriano e Staffolo
 +nell'anconetano, Tobaldini, molto molto raro, è del veronese, con
 +presenze anche nel vicentino, Tobaldo è decisamente veneto, di Este,
 +Cervarese Santa Croce e Padova nel padovano e di San Martino di Venezze
 +nel rovigoto, derivano tutti, direttamente o tramite ipocoristici ed alterazioni,
 +dal nome medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Thealdus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Theobaldus</font></i>, derivanti dal nome longobardo
 +<i><font color="#3333FF">Theobald</font></i>.&nbsp;
 +Tracce di questo cognome si hanno fin dal 1200 in un documento redatto
 +in Arezzo nel 1255: ".<font color="#CC33CC">..Haec sunt Ordinamenta firmata
 +et approbata ab omnibus Magistris de Aretio, silicet a domino Martino de
 +Fano, a domino Roizello, a domino Bonaguida, a </font><font color="#FF0000">Magistro
 +Tebaldo</font><font color="#CC33CC">, Rolando...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tebaldi, diffuso sporadicamente nel nord, con più alta frequenza
 +in Emilia Romagna e nel centro, è la cognominizzazione del nome
 +di origine longobarda <i><font color="#3333FF">Tebaldo</font></i>, presente
 +in Italia dal X secolo, é composto de <i><font color="#3333FF">theda</font></i>
 += <i><font color="#666666">popolo</font></i> e <i><font color="#3333FF">baltha</font></i>
 += <i><font color="#666666">coraggioso, valente</font></i>. Significato
 +approssimativo: "<i><font color="#666666">audace nel suo popolo, valoroso
 +tra il popolo</font></i>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha due ceppi distinti, nel bergamasco a Stezzano in particolare e in Toscana
 +tra Massa e Lucca, potrebbe derivare dal nome greco Teano, ma più
 +probabilmente deriva da una modificazione del nome medioevale Tea, aferesi
 +di nomi come Amantea o Galatea.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEATINI
 +<br>TEATINO
 +<br>TEOTINI
 +<br>TEOTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00teotino.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="65" height="74"><font size="-1">Teatini ha un ceppo a Fabriano nell'anconetano, uno a Castiglione del Lago
 +nel perugino ed unoa Roma, Teotini è unico, Teatino e Teotino sono
 +assolutamente rarissimi, potrebbero derivare dall'etnico di Chieti (<i><font color="#3366FF">teatino</font></i>),
 +ma più probabilmente sono collegati a soprannomi originati dal significato
 +indiretto del termine <i><font color="#3366FF">teatino</font></i> (<i><font color="#999999">paolotto,
 +bacchettone, moralista</font></i>) o da legami con l'ordine religioso dei
 +Teatini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TECCHI
 +<br>TECCHIA
 +<br>TECCHIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tecchi, molto raro sembra tipico della zona che comprende il pesarese e
 +l'aretino, Tecchia è specifico dell'area casertana, di Casapulla,
 +Santa Maria Capua Vetere Curti e Caserta, e del napoletano, di Napoli ed
 +Ottaviano, Tecchio sembra avere un nucleo nel vicentino ed uno nel napoletano,
 +potrebbero derivare dall'aferesi di toponimi come Montecchio (AR), Montecchio
 +(PS) o Montecchio Maggiore (VI), l ceppi campani potrebbe derivare dal
 +fiume molisano Tecchio, bisogna però considerare la possibilità
 +che il cognome Tecchia derivi anche da un soprannome originato dalla voce dialettale
 +meridionale <i><font color="#3333FF">tecchia</font></i> (<i><font color="#666666">pochino,
 +cosa insignificante</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TECCI
 +<br>TECI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tecci, molto molto raro, sembrerebbe caratteristico di Giurdignano nel
 +leccese, Teci è specifico di Arezzo e di Montevarchi nell'aretino,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Teccius</font></i>,
 +o da <i><font color="#3333FF">Tecius</font></i>, un'alterazione germanica
 +del nomen latino <i><font color="#3333FF">Decius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEDALDI
 +<br>TEDOLDI
 +<br>TEDOLDINI
 +<br>TEOLDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tedaldi è tipico del forlivese con un ceppo anche nel parmense,
 +Tedoldi, tipicamente lombardo, sembra originario del bresciano, Tedoldini,
 +praticamente unico, è del bresciano, Teoldi, molto molto raro, è
 +del bergamasco, derivano dal nome longobardo
 +<i><font color="#3333FF">Teudaldus </font></i>di cui abbiamo un esempio
 +nel Codice Diplomatico della Lombardia Medioevale in una Cartula promissionis
 +scritta in Bergamo nel 1042: "<font color="#CC66CC">...ego in Dei nomine
 +</font><font color="#FF0000">Teudaldus</font><font color="#CC66CC"> filius
 +quondam item </font><font color="#FF0000">Teudaldi</font><font color="#CC66CC">
 +qui et Teuzo, de loco Raudona, qui profeso sum legem vivere Langobardorum,
 +spondeo atque promitto vobis et a vestris successoribus...</font>" ed in un atto del XI° secolo: "<font color="#CC33CC">...Notum sit fidelibus
 +Dei quod </font><font color="#FF0000">Teoldus </font><font color="#CC33CC">et
 +Doda, uxor ejus, post decessum suum, dederunt æcclesiæ Sti
 +Martini de Campis vineas,...</font>"  Tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio a Vimercate nel 1168:
 +"<font color="#CC66CC">...</font><font color="#FF0000">Iohannes Tedoldi</font><font color="#CC66CC">
 +et Maiorica guarentaverunt esse dati et pagati libras quattuor et solidos
 +septem Arialdo Trolia, et libras tres et solidos tredecim Liprando de Marexio...</font>"
 +e in una lettera del 1506 scritta da Lattanzio Tedaldi a Niccolò
 +Machiavelli a Firenze.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tedaldi è il cognome base. Varianti: Tealdi, Tealdo, Tedardi,
 +Teardi, Teardo, Tedoldi.&nbsp; In Emilia-Romagna è documentata la
 +forma Tedaldi, all'85° posto in Forlì. Si tratta della cognominizzazione
 +del nome di origine germanica <i><font color="#3333FF">Tedaldo</font></i>,
 +attestato nelle forme <i><font color="#3333FF">Teodaldus</font></i> e <i><font color="#3333FF">Teodald</font></i>,
 +composto da <i><font color="#3333FF">theuda-</font></i> (=<i><font color="#666666">popolo</font></i>)
 +e da <i><font color="#3333FF">wald</font></i> (<i><font color="#666666">potente,
 +forte</font></i>); il significato potrebbe essere quello di <i><font color="#666666">potente
 +tra il suo popolo</font></i>. L. Paraboschi, Cognomi della Emilia Romagna,
 +1995, p. 179</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEDDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tedde è tipico della Sardegna, dove è molto diffuso, originario
 +di Nulvi (SS), gode di nobiltà dall'anno1693 concessa da da Carlo
 +II° Re di Spagna, dovrebbe derivare da una forma aferetica sarda del
 +nome Marcello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEDESCHI
 +<br>TEDESCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffusi entrambi in tutta l'Italia peninsulare, derivano dall'etnico tedesco
 +(originario della Germania), o per nascita o per caratteristiche fisiche
 +o comportamentali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEGAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tegas è tipicamente sardo, di Baunei, Talana, Lanusei, Triei e Lotzorai
 +nell'Ogliastra, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +sardo <i><font color="#3333FF">tega</font></i> (<i><font color="#666666">baccello,
 +guscio</font></i>), probabilmente attribuito al capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TEGAS: <i><font color="#3333FF">tega</font></i> (dal latino <i><font color="#3333FF">theca</font></i>),
 +è voce diffusa in molti dialetti italiani per indicare <i><font color="#666666">il
 +guscio o baccello di fave, piselli, fagioli</font></i> etc. Sa tega de
 +sa fàa = il baccello della fava. Nei dialetti centrali della Sardegna
 +abbiamo <i><font color="#3333FF">tèca</font></i>; il che ci fa pensare
 +che la voce sarda derivi dal latino più che dall'italiano. Sempre
 +in lingua sarda, sa tega è anche il membro virile. Il cognome Tegas
 +è presente negli antichi documenti della lingua e della storia della
 +Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, abbiamo:
 +Tegas Dominico, jurato ville Bauladu, * Bauladu.odierno Bauladu(Contrate
 +Partis de Milis) ; Tegas Nicolao, majore ville Solli, * Solli.odierno Silli.
 +Contrate Partis Milis. Nel condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT, XI°,
 +XIII° secolo figura Tegas Gosantine (298), citato in una donazione,
 +perché proprietario di un podere confinante con la terra donata
 +a San Nicola, da parte di donna Pretiosa de Martis, in località
 +"iscala de Soricaria in Consedin" (attuale Cossoine): ego Pretiosa de Martis
 +ki ponio (dono) a Sanctu Nichola de Trullas sa parthone ( la parte) de
 +sa terra in quo las aveat in Consedin ad ora de sa morte sua(all'ora della
 +sua morte), cun boluntade (con la volontà di )&nbsp; fratiles meos.etc.&nbsp;
 +Nel Condaghe di San Piretro di silki, CSPS, XI°, XIII° secolo,
 +troviamo: Tecas Petru(25) in una "parthizione de servis", spartizione di
 +servitù: Ego presbiteru Petru Iscarpis, ki ponio in custu condaghe
 +de scu. Petru de Silki, pro ca mi la furait Petru Tecas a Nastasia de Funtana(poiché
 +Petru Tecas mi ha rubato Nastasia de Funtana.se ne mi la peter (senza chiedermela),
 +etc.Attualmente il cognome Tegas è presente in 35 Comuni italiani,
 +di cui 20 in Sardegna (in Ogliastra): Baunei 95, Taluna 67, Lanusei 38,
 +Triei 35, etc. Tega invece (non presente in Sardegna), trova la sua maggiore
 +diffusione in provincia di Perugia, con Gualdo, 41, e a Roma, con 25.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEGNER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'alto bellunese, zona di Sospirolo e Sedico, sembrerebbe di
 +origini svedesi, dovrebbe discendere da un militare svedese al seguito
 +di re Gustavo Adolfo durante la sua campagna in Europa nel 1630. Tracce
 +di questa cognominizzazione si trovano in atti del 1700, con un Giobatta
 +Tegner nato nel 1716 e residente a Sedico (BL).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembra essere tipico dell'alto salernitano, potrebbe derivare
 +dall'aferesi del cognome Taglialatela.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELESCA
 +<br>TELESCHI
 +<br>TELESCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Telesca è tipico del potentino, di Potenza in particolare, di Avigliano,
 +di Atella, di Filiano, di Rionero in Vulture, di Melfi e di Pietragalla,
 +Teleschi, quasi unico, sembrerebbe del napoletano, Telesco è specifico
 +di Napoli, potrebbero in qualche caso derivare dal nome della località
 +Masseria Telesca, una frazione di Pignola nel potentino, il cui nome probabilmente
 +deriva dal nome sannita <i><font color="#3333FF">Telesia</font></i>, o
 +anche da una forma etnica riferita al paese di Telese nel beneventano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELESE
 +<br>TELESIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Telese è tipico campano, del napoletano in particolare, Telesio
 +è assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare dal toponimo Telese
 +(BN), tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1400 a Cosenza con
 +<font color="#CC0000">Antonimi Thilesii Consentini</font>, e nel 1500,
 +sempre a Cosenza, con il filosofo Bernhardinus Telesius citato da Tommaso
 +Campanella: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Telesius</font><font color="#CC33CC">
 +in scribendo stylum vere philosophicum solus servat,...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Telese è cognome campano probabilmente dal toponimo Telese (BN),
 +cittadina molto nota per le sue acque minerali sulfuree. Venne costruita
 +non lontano dal luogo dove si trovava <i><font color="#3333FF">Telesia</font></i>,
 +centro abitato dei Sanniti, di cui riprese il nome. E' uno dei nomi del
 +sostrato linguistico di base mediterranea, risulta quindi azzardata ogni
 +indicazione semantica. Va notato soltanto, a questo proposito, che simili
 +denominazioni geografìche sono riscontrabili in area centro-meridionale,
 +es. "<i><font color="#3333FF">Piane di Telese, Scafa di Telese</font></i>"
 +e a tal proposito si veda il toponimo greco <i><font color="#3333FF">Telésion</font></i>,
 +oltre a <i><font color="#3333FF">Telesi</font></i> fiumara in Aspromonte.
 +Si tratta di località ricche di acque o presso corsi d'acqua.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona di Bonate (BG) e Calusco D'adda (BG), di derivazione
 +incerta, di potrebbe ipotizzare una connessione con un nome di località
 +della Val d'Intelvi caratterizzata dalla presenza del torrente Telo, è
 +pure possibile che derivi dall'aferesi del nomen latino Vitelius, ricordiamo
 +la famosa frase dei nostri primi anni di latino: "<font color="#CC33CC">i
 +</font><font color="#FF0000">Viteli</font><font color="#CC33CC"> dei romani
 +sono belli</font>" (<i><font color="#666666">vai o Vitelio al suono di
 +guerra del dio romano</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tella è specifico dell'area casertano, napoletana, di Pozzuoli (NA),
 +Teano e Capriati a Volturno nel casertano, potrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo arcaico <i><font color="#3366FF">tella</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tela</font></i>), come riscontriamo ad esempio
 +in un testo del 1700 nel feltrino: "<font color="#CC33CC">...tentori da
 +seda e da guado, tesseri da fustagni e da </font><font color="#FF0000">tella</font><font color="#CC33CC">,
 +bombaseri, stramaceri, calegheri, capeleri;...</font>", forse ad identificarne
 +un tessitore, una seconda ipotesi farebbe invece derivare il cognome dal
 +nome della città di Tella vicino ad Aleppo in Siria ed identificherebbe
 +allora il paese di provenienza del capostipite, esiste un ultima ipotesi
 +che propone una derivazione matronimica dall'aferesi di un ipocoristico
 +del nome Donata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELLI
 +<br>TELLIN
 +<br>TELLINI
 +<br>TELLINO
 +<br>TELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Telli, molto raro, ha un piccolo ceppo nel cremonese, uno tra viterbese
 +e romano ed uno nel reggino, Tellin, ormai scomparso in Italia, dovrebbe
 +essere stata una forma dialettale del cognome Tellini, che ha un ceppo
 +nel mantovano e nell'area viciniore del modenese, un piccolo ceppo tra
 +udinese e triestino, uno toscano, soprattutto nell'area che comprende il
 +pisano, il fiorentino e l'aretino, ed uno romano, Tellino, praticamente
 +unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente,
 +Tello, molto raro, è specifico di Pozzuoli, dovrebbe derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici, da forme aferetiche di ipocoristici di nomi come
 +<i><font color="#3366FF">Donato</font></i>, <i><font color="#3366FF">Deodato</font></i>
 +o simili, da Donato ad esempio si ha l'ipocoristico Donatello, per aferesi
 +questo diventa Tello, un ipocoristico del quale è Tellino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELLITOCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unico, forse abruzzese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TELLOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico ferrarese,
 +dovrebbe derivare da forme ipocoristiche dell'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Donatello</font></i>, o del nomen latino <i><font color="#3366FF">Vitellus</font></i> o potrebbe anche derivare da alterazioni del nome bizantino <i><font color="#3366FF">Tellias</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEMELIN
 +<br>TEMELINI
 +<br>TEMELLIN
 +<br>TEMELLINI
 +<br>TEMELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Temelin che Temellin sono assolutamente rarissimi e sembrerebbero del
 +Triveneto, Temellini e Temelini, sono rarissimi e specifici delle Marche
 +settentrionali, Temelli è unico e sembrerebbe laziale, dovrebbero
 +derivare dal nome <i><font color="#3366FF">Temellino</font></i>, nome attribuito
 +anche ad una maschera della Commedia dell'Arte, che nella struttura dei
 +personaggi occupava il posto di secondo <i><font color="#3366FF">zani</font></i>
 +(<i><font color="#999999">servitore</font></i>), una specie di vice Arlecchino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEMPESTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00tempesta.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="72"><font size="-1">Tempesta è un cognome panitaliano con ceppi nel veneziano, nella
 +fascia che comprense il grossetano, l'Umbria, il Lazio e l'aquilano, in
 +Puglia, nel napoletano ed in Sicilia, dovrebbe derivare dal soprannome
 +divenuto poi nome medioevale <i><font color="#3366FF">Tempesta</font></i>,
 +soprannome attribuito inizialmente ad un soldato al servizio dell'imperatore
 +Enrico IV, tracce di questa cognominizzazione le troviamo dal 1158 a Noale
 +dove i Tempesta, avogadori del vescovado di Treviso, esercitarono Signoria
 +fino al 1245 quando questa divenne feudo di Ezzelino da Romano, troviamo
 +Guglielmino Tempesta a Padova nel 1180 in qualità di podestà.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEMPO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tempo ha un ceppo piemontese, in particolare nel torinese a Torino, Leini
 +e Ciriè, uno friulano, a Marano Lagunare nel basso udinese, ed uno
 +siciliano, a Caltanissetta e nel palermitano, si dovrebbe trattare della
 +forma aferetica di cognomi contenenti il suffisso <i><font color="#3333FF">-tempo</font></i>,
 +come ad esempio <i><font color="#3333FF">Bontempo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BONTEMPI</font>) o <i><font color="#3333FF">Beltempo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BELTEMPO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEMPORALI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo, è tipico del
 +milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENACE
 +<br>TENACI
 +<br>TENAX</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenace è specifico del foggiano, di San Marco in Lamis e San Severo
 +in particolare, ma anche di San Nicandro Garganico, Cagnano Varano, Foggia
 +ed Apricena, Tenaci, quasi unico, è probabilmente dovuto ad errate
 +trascrizioni del precedente, Tenax è praticamente unico, dovrebbero
 +derivare da un soprannome originato dal termine latino <i><font color="#3333FF">tenax</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">tenacis</font></i> (<i><font color="#666666">tenace</font></i>),
 +entrato in uso anche come nome, soprattutto presso le popolazioni slave.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenaglia presenta un ceppo a Spormaggiore nel trentino ed uno a Orsogna
 +e Lanciano nel teatino con ceppi anche a Vasto, Francavilla al Mare, Castel
 +Frentano e Chieti sempre nel teatino ed a Pescara, dovrebbero derivare
 +da nomi di località come ne esistono molte in tutta la penisola
 +ed anche nell'aquilano e nel lecchese, o da nomi di contrade come ad esempio
 +Contrada Tenaglia nell'alto vicentino, ma è pure possibile che derivi
 +da un soprannome originato da un mestiere che utilizzi la tenaglia come
 +attrezzo base per il proprio lavoro, come potrebbe essere il maniscalco
 +o il carpentiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENAN
 +<br>TENANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenan è tipicamente veneto di Rovigo e del rovigoto, di Polesella,
 +Crespino e Villadose, Tenani, molto raro è tipico ferrarese, potrebbero
 +derivare da forme aferetiche del nome della città germanica di Rotenhan,
 +Tenhan è un raro cognome tedesco, forse un alterato dell'olandese
 +Tennaan.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENCA
 +<br>TENCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenca è tipicamente lombardo della zona che comprende il milanese,
 +il lodigiano, il cremonese ed il mantovano, Tenconi invece èp specifico
 +del varesotto con grossa diffusione anche nel milanese e nel comasco, deriva
 +direttamente o tramite accrescitivi da soprannomi originati dal termine
 +dialettale lombardo <i><font color="#3366FF">tenca</font></i> (<i><font color="#999999">tinca,
 +pesce di lago</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENCHI
 +<br>TENCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenchi, praticamente unico, dovrebbe essere una forma alterata di Tenco,
 +un cognome ormai quasi scomparso, che dovrebbe essere di origini calabresi,
 +soprattutto della zona di Fabrizia nel vibonese, con un ceppo, anch'esso
 +ormai estinto, anche in Campania, troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +a Padova agli inizi del 1500 con l'umanista Niccolò Leonico Tenco,
 +di probabili origini illiriche, ricordiamo che all'epoca la costa orientale
 +dell'adriatico era terra veneziana, il cognome dovrebbe essere di origini
 +slave e derivare dall'italianizzazione del cognome Tenko diffuso sia in
 +Croazia che in Slovenia ed in Ungheria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENCHIRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENDAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Veramente rarissimo è di
 +origine sarda, dovrebbe derivare da un soprannome legato al vocabolo dialettale
 +sardo tendas (tende).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tene è specifico di Napoli, potrebbe derivare dal nome greco <i><font color="#3333FF">Tenes</font></i>,
 +ricordiamo il mitologico Tenes, figlio di Cicno e di Prolea e fratello
 +di Emitea.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENEBERCULO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teneberculo, cognome ormai scomparso in Italia, sembrerebbe essere stato
 +siciliano, di origine etimologica assolutamente oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENERELLI
 +<br>TENERELLO
 +<br>TENERO
 +<br>TENNERELLO
 +<br>TENNERIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenerelli ha un ceppo a Bari e nel barese ed uno nel catanese, Tenerello,
 +molto molto raro, sembrerebbe siciliano, Tenero è decisamente del
 +veronese soprattutto di Vigasio, Tennerello, molto molto raro, è
 +specifico di Caserta, Tenneriello, decisamente campano, di Napoli, Maddaloni
 +(CE) e di Prata di Principato Ultra (AV), tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Tenerus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenni ha un ceppo a Tirano e nel vicino bresciano ed uno a Terzolas in
 +trentino, dovrebbero derivare dal nome del paese di Tenno in trentino o
 +dal nome della sua valle.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENSINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tensini, assolutamente rarissimo, è tipico del cremonese, dovrebbe
 +derivare da soprannomi originati dal termine dialettale cremasco arcaico
 +<i><font color="#3333FF">tensin</font></i> (<i><font color="#666666">carbonaio</font></i>),
 +indicando probabilmente così quale fosse stato il mestiere del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENTORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere originario del
 +Lecchese, dovrebbe derivare dal mestiere di tintori, nel 1400, a Bergamo
 +troviamo una corporazione <font color="#993366">de' tentori</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TENZ
 +<br>TENZE
 +<br>TENZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tenz è quasi unico, Tenze è tipicamente triestino, Tenzi,
 +estremamente raro, sembrerebbe dell'area lombardoveneta, dovrebbero derivare
 +da soprannomi basati sul termine dialettale veneziano arcaico <i><font color="#3333FF">tenz</font></i>
 +(<i><font color="#666666">colorato, tinto</font></i>), forse ad indicare
 +un'origine levantina dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEOBALDI
 +<br>TEOBALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teobaldi è tipico della zona di Trinit&amp;agrave; e Fossano nel
 +cuneese, Teobaldo, più raro, è della zona di Mondovì,
 +sempre nel cuneese, dovrebbero derivare dal nome longobardo
 +<br><i><font color="#3333FF">Theobald</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi
 +TEALDI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEOCCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teocchi è tipicamente bergamasco, di Sorisole e Stezzano, di Urgnano
 +e di Ponteranica, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine
 +dialettale arcaico<i><font color="#3333FF"> teocco</font></i>, una deformazione
 +locale del termine veneziano antico <i><font color="#3333FF">teosso</font></i>
 +(<i><font color="#666666">moneta d'oro o d'argento</font></i>), originatosi
 +a sua volta dal termine greco <i><font color="#3333FF">theos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">divo</font></i>), ad indicare gli imperatori
 +dell'Impero Romano d'Oriente, ovviamente raffigurati su queste monete,
 +con questo soprannome si sottolineava probabilmente l'agiatezza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEODORA
 +<br>TEODORI
 +<br>TEODORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teodora è praticamente unico, Teodori è tipico della fascia centrale che comprende Marche, Umbria
 +e Lazio, Teodoro ha un ceppo nella provincia di Pescara, uno in Calabria
 +ed uno in Sicilia, derivano dal nome latino <i><font color="#3333FF">Theodorus</font></i> o direttamente dal
 +nome greco <i><font color="#3333FF">Theódoros</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Teodori. Alla base è il nome <i><font color="#3333FF">Teodoro</font></i>.
 +I Romani, adottando il nome <i><font color="#3333FF">Theodoru(m)</font></i>,
 +non fecero che trasporre in latino il greco <i><font color="#3333FF">Theódoros</font></i>,
 +chiarissimo nella sua composizione: "<i><font color="#666666">dono</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">doron</font></i>) <i><font color="#666666">di
 +Dio</font></i> (<i><font color="#3333FF">Theós</font></i>)".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEODOSI
 +<br>TEODOSIA
 +<br>TEODOSIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teodosi è quasi unico, Teodosia sembrerebbe proprio unico, Teodosio
 +parrebbe campano, di Scafati nel salernitano e di Montoro Inferiore nell'avellinese,
 +dovrebbero derivare dal nome d'origini greche <i><font color="#3333FF">Theodòsios</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ricevuto da Dio</font></i>), ricordiamo con questo
 +nome Pulcheria Teodosia (379-385), la figlia dell'imperatore romano Teodosio
 +I.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEOFILI
 +<br>TEOFILO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teofili è tipicamente laziale di Roma e Borbona nel rietino, Teofilo
 +è specifico del barese, di Polignano A Mare, Bari, Bitonto e Conversano,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Theophilus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">che ama Dio</font></i>), di cui abbiamo un esempio
 +in una <i><font color="#3366FF">Charta donationis</font></i> dell'anno
 +762 conservata nell'Archivio di Stato di Venezia: ".<font color="#CC33CC">..Ego
 +</font><font color="#FF0000">Theophilus</font><font color="#CC33CC"> indignus
 +monachus Sanctorum Apostolorum rogatus ab Erfone per iussu domni Siluestri
 +abbatis in hanc cartam manu mea propria subscripsi. ...</font>", ricordiamo
 +con questo nome lo scrittore mantovano Gerolamo Folengo più conosciuto
 +come Teofilo (1491 - 1544).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEPOLI
 +<br>TIEPOLI
 +<br>TIEPOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tepoli è praticamente unico cos' come Tiepoli, sono probabilmente
 +dovuti ad errori di trascrizione di Tiepolo che è invece tipicamente
 +veneziano, di Venezia, Caorle, Scorzè e Noale, con un ceppo anche
 +a Trieste e Muggia (TS), dovrebbero derivare da soprannomi legati al vocabolo
 +arcaico <i><font color="#3333FF">tepolus</font></i> o <i><font color="#3333FF">tiepolus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">leggermente caldo, appena tiepido</font></i>),
 +originati forse da caratteristiche comportamentali del capostipite, tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo con Jacopo Tiepolo detto Scopulo
 +che fu il quarantatreesimo doge della Repubblica veneziana dal marzo 1229
 +al maggio 1249; personaggio famosissimo è stato il pittore Giambattista
 +Tiepolo (1696-1770).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tiepolo è cognome veneto dal nome antico <i><font color="#3333FF">Teupolus</font></i>
 +sec. XI-XII, certamente riflesso di <i><font color="#3333FF">Teupo</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Teutpert</font></i>, attraverso *<i><font color="#3333FF">Teppo</font></i>.
 +Olivieri 166.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERAMANI
 +<br>TERAMANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Teramani, che Teramano sono assolutamente rarissimi, sembrerebbero
 +abruzzesi, dovrebbero derivare dall'etnico della città abruzzese di Teramo,
 +probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERAZZAN
 +<br>TERAZZANI
 +<br>TERRAZZAN
 +<br>TERRAZZANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terazzan, assolutamente rarissimo, è specifico di Badia Polesine
 +nel rovigoto, ai confini con il veronese, Terazzani è praticamente
 +unico, e dovrebbe trattarsi di una forma italianizzata del precedente,
 +così come Terrazzani, che è quasi unico ed è specifico
 +del veronese, Terrazzan, leggermente meno raro, è specifico dell'area
 +tra veronese e padovano, dovrebbe trattarsi di una forma etnica stante
 +ad indicare che i capostipiti probabilmente provenissero dal paese di Terrazzo
 +nel veronese, paese situato ad una quindicina di chilometri da Badia Polesine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERCON
 +<br>TERCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tercon è tipico del triestino, di Duino Aurisina e Trieste, Terconi,
 +quasi unico, è l'italianizzazione del precedente, potrebbe trattarsi
 +di una forma etnica dialettale stante ad indicare la provenienza dal paese
 +di Tercimonte nel cividalese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERENGHI
 +<br>TERRENGHI
 +<br>TERRENI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terenghi è proprio del nordmilanese, Terrenghi, rarissimo, sembra
 +possa essere un errore di trascrizione, proprio del comasco, Terreni ha
 +un ceppo lombardo nel milanese, a Parabiago, Milano e Legnano, a Gallarate
 +nel varesotto ed a Porlezza nel comasco, ed uno toscano, a Livorno e Rosignano
 +Marittimo nel livornese, ad Empoli, Firenze, Fucecchio, Montelupo Fiorentino
 +e Vinci nel fiorentino ed a San Miniato, Montopoli in Val d'Arno, Pontedera,
 +Vicopisano, Casciano Terme e Pisa nel pisano, dovrebbero derivare da un
 +soprannome basato sul termine medioevale dialettale <i><font color="#3333FF">terengo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">terreno, legato alla terra</font></i>), originato
 +dal fatto che le famiglie abitassero in un <i><font color="#3333FF">terraneo</font></i>,
 +termine medioevale riferentesi ad una casa colonica con un solo piano,
 +con il significato di agricoltori o servi della gleba.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERENZI
 +<br>TERENZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terenzi ha un ceppo nel riminese e nelle Marche settentrionali ed uno nel
 +Lazio meridionale, Terenzio ha un ceppo nel Lazio centro meridionale ed
 +uno in Puglia, derivano dal nome latino Terentius (Terenzio), ricordiamo
 +il commediografo latino Publius Terentius Afer, troviamo tracce di queste
 +cognominizzazioni nel 1400 a Rimini con il Nobile Gabriele Terenzi molto
 +verso il 1450.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERESA
 +<br>TERESI
 +<br>TERESIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teresa sembrerebbe siciliano, di Lampedusa e Linosa nell'agrigentino e
 +di Trapani e Marsala nel trapanese, Teresi, molto più diffuso, ha
 +un grosso ceppo a Palermo e presenze importanti a Trabia e Termini Imerese
 +nel palermitano ed a Marsala nel trapanese, Teresio è praticamente
 +unico, potrebbero derivare da forme etniche riferite al paese di Terrasini
 +nel palermitano, anche se in qualche caso protrebbero anche derivare dal
 +nome latino <i><font color="#3333FF">Teresius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERIACA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teriaca ha un piccolissimo ceppo nel milanese e nel vicentino, uno altrettanto
 +piccolo a Sesto Fiorentino, uno a Roma ed uno in Sicilia nel palermitano,
 +a Palermo, Scillato e Sciara, dovrebbe derivare da un soprannome, originato
 +dal termine italiano arcaico <i><font color="#3333FF">teriàca </font></i>o
 +<i><font color="#3333FF">triaca</font></i>, <i><font color="#3333FF">
 +</font></i>che indicava un antico rimedio contro i morsi degli animali
 +velenosi, termine originato dal greco antico <font color="#3333FF">ψηριακή&nbsp;
 +<i>theriaki</i></font> (<i><font color="#666666">rimedio</font></i>), si
 +trattava di una preparazione e composizione molto elaborate che si basava
 +fondamentalmente sulla carne di vipera aggiunta a moltissimi altri componenti
 +abbastanza variabili, probabilmente il soprannome stava ad indicare un
 +antico produttore di farmaci, una specie di alchimista, o uno che da quel
 +tipo di farmaco fosse stato salvato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERLIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe di origine pugliese,
 +deriva dal toponimo Terlizzi (BA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERMINE
 +<br>TERMINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Termine potrebbe avere due ceppi, nell'alto barese e nella Sicilia occidentale,
 +palermitano ed agrigentino, Termini oltre ai piccoli ceppi, probabilmente
 +secondari, nel Friuli, nel perugino e nel romano, ha una grossa distribuzione
 +in tutta la Sicilia, dove dovrebbero derivare da toponimi quali: Termini
 +Imerese (PA) o Casteltermini (AG), mentre nel resto d'Italia dovrebbero
 +essere indicatori di provenienza da uno dei molti toponimi Termine o Termini.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Cacciola (Mascali)</font></font>
 +<br>Di origine francese, la famiglia Termine, detta anticamente <i><font color="#3333FF">Termes</font></i>,
 +trasse il suo cognome dall'omonima signoria nei pressi di Arques. In Sicilia
 +venne poi nominata Termine. Abbiamo notizia di un Matteo, maestro razionale
 +nell' anno 1283.Bernardino, barone di Birribidia e senatore di Palermo
 +nel 1506-7, 1514-15, 1517-18 e 1520-21. Lo stemma della famiglia Termine
 +o Termes ha la seguente blasonatura:d'azzurro alla fascia d'oro accompagnata
 +da tre stelle dello stesso,ordinate due nel capo e una in punta. Questo
 +stemma é presente anche nel famoso palazzo Corvaia di Taormina.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Termini è cognome siciliano ma diffuso in tutta l'Italia. Ha
 +alla base il vocabolo latino '<i><font color="#3333FF">terminus</font></i>'
 += "<i><font color="#666666">luogo di confine</font></i>", ma anche '<i><font color="#3333FF">Termini</font></i>",
 +<i><font color="#666666">il dio dei confini</font></i>. Toponimo: Termini
 +(NA), frazione di Massa Lubrense.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERMINIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terminiello è tipicamente campano del napoletano, di Massa Lubrense
 +e Sorrento in particolare, di Napoli, Anacapri e Capri, dovrebbe derivare
 +da una forma etnica dialettale riferibile a capostipiti che fossero provenuti
 +da Termini, una frazione di Massa Lubrense sempre nel napoletano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terni è un cognome, prevalentemente di origine israelitica, diffuso
 +soprattutto in Lombardia e Toscana, deriva dal toponimo umbro Terni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRACCIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terracciano è specifico del napoletano, di Napoli, Brusciano, Sant'Anastasia,
 +Acerra, Casalnuovo di Napoli, Marigliano, Pomigliano d'Arco, Ercolano,
 +Afragola, Pozzuoli, Casoria, Somma Vesuviana, Torre del Greco, Pollena
 +Trocchia, Casavatore, Mariglianella e tutta la provincia, con qualche presenza
 +anche nel casertano, potrebbe derivare da nomi di località come
 +la Contrada Terracciano di Piedimonte Matese nel casertano, o altre simili,
 +come potrebbero essere stati chiamati i possedimenti terrieri di un <i><font color="#3333FF">Terracius</font></i>,
 +ricordiamo a titolo di esempio il Prefetto di Roma nel 358: "<font color="#CC33CC">..Super
 +his etiam </font><i><font color="#FF0000">Terracius Bassus</font></i><font color="#CC33CC">
 +postea Urbi Praefectus et frater eius Camenius ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRACINA
 +<br>TERRACINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terracina è tipico di Roma e provincia, Terracini, assolutamente
 +rarissimo, è dovuto ad errori di trascrizione, derivano dal toponimo
 +Terracina (LT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRAGNI
 +<br>TERRANEO
 +<br>TERRANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terraneo è tipico della zona che comprende i comuni del comasco
 +Cantù, Arosio, Mariano Comense ed Inverigo e nel milanese, Giussano,
 +Milano e Lentate Sul Seveso, Terrani è tipico del milanese&nbsp;
 +e pavese, Terragni è tipico di Milano e del nordmilanese, dovrebbero
 +derivare o da un soprannome originato dall'abitare la famiglia in un <i><font color="#3366FF">terraneo</font></i>,
 +termine arcaico riferentesi ad una <i><font color="#999999">casa colonica
 +con un solo piano</font></i>, o dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Terraneus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto dell'anno 1030: "<font color="#CC33CC">...Hic
 +error gravis irrepsit. Emendavit </font><font color="#FF0000">Terraneus</font><font color="#CC33CC">
 +hoc modo sub regimine, et potestate S. Petri urbis Romae, ipsiusque Monasterii....</font>".&nbsp;
 +Personaggio di rilievo è stato lo storico torinese Giangiacomo Terraneo
 +(1714-1781).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRANOVA
 +<br>TERRANUOVA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terranova, tipicamente siciliano, ha ceppi anche in Calabria e nel napoletano,
 +Terranuova, quasi unico, sembra essere dovuto ad errori di trascrizione,
 +dovrebbe derivare dai vari toponimi come Terranova (SA), Terranova da Sibari
 +(CS), Terranova Sappo Minulio (RC) e molti altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRASI
 +<br>TERRASINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terrasi è tipicamente siciliano, di Palermo, Altofonte, Monreale
 +e Caccamo nel palermitano e di Aragona, Favara, Agrigento e Cattolica Eraclea
 +nell'agrigentino, Terrasini, molto più raro è specifico di
 +Palermo, il primo sembrerebbe la forma apocopaica del secondo, che dovrebbe
 +derivare dal nome del paese di Terrasini nel palermitano, probabile luogo
 +d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRAZZANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terrazzano sembrerebbe campano, di Grottaminarda e Mirabella Esclano nell'avellinese,
 +di Napoli e di Sparanise nel casertano, dovrebbe derivare dal nome della
 +località di provenienza dei capostipiti, come ad esempio la Contrada
 +Terrazzano di Dugenta nel beneventano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRECUSO
 +<br>TORRECUSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terrecuso è tipico del napoletano, di Acerra e di Sorrento, Torrecuso
 +è specifico di Serino nell'avellinese, dovrebbero derivare, direttamente
 +od attraverso un'alterazione dialettale dal nome del paese beneventano
 +di Torrecuso che a sua volta dovrebbe derivare da una forma dialettale
 +del termine medioevale <i><font color="#3333FF">toriculus</font></i> (<i><font color="#666666">collinetta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERREN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terren è specifico di Mira nel veneziano, dovrebbe derivare da un
 +soprannome dialettale stante ad indicare un capostipite che proveniva dalla
 +campagna, da un <i><font color="#3333FF">terraneo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +TERRAGNI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRIBILE
 +<br>TERRIBILI
 +<br>TERRIBILINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terribile ha un ceppo a Genova e Savona, uno a Teramo e nell'aquilano,
 +uno a Roma ed a Sora nel frusinate, uno a Grazzanise e Castel di Sasso
 +nel casertano, a Napoli ed a Battipaglia (SA), uno a Gravina in Puglia
 +e Canosa di Puglia nel barese ed a Foggia ed in Sicilia ad Ispica nel ragusano
 +e Naso nel messinese, Terribili ha un ceppo nel Piceno a Servigliano e
 +Monte Vidon Corrado, ma il ceppo principale è a Roma e Marino (RM),
 +Terribilini, quasi unico, parrebbe marchigiano, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici, dal soprannome <i><font color="#3366FF">Terribile</font></i>,
 +poi divenuto cognome, attribuito ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERRILE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terrile è specifico di Genova e del genovese, di Uscio, Recco ed
 +Avegno, dovrebbe derivare dal toponimo Terrile di Uscio (GE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERUZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese, dovrebbe derivare dal nome medioevale Teruzzo o Teruccio
 +di cui abbiamo un esempio in Rustico de Filippi poeta trecentesco:
 +"<font color="#CC33CC">...Al mio parer </font><font color="#FF0000">Teruccio</font><font color="#CC33CC">
 +non è grave, ma scarso il tegno ismisuratamente; e' ben cavalca
 +de la man soave...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERZAGHI
 +<br>TERZAGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terzaghi è tipico del nord milanese, Terzago è assolutamente
 +rarissimo, derivano da un antico toponimo di quest'uso abbiamo tracce nel
 +<i><font color="#3333FF">Codice Diplomatico della Lombardia medievale</font></i>
 +sotto l'anno 1183 in un atto scritto in Morimondo (MI): "<font color="#CC33CC">...Actum
 +in Morimondo. Interfuerunt testes </font><font color="#FF0000">Terzagus
 +de Terzago</font><font color="#CC33CC">, Suzo de Gudi, Bregonzius de Saconago,
 +Anselmus de Celle...</font>", un ulteriore esempio di queste cognominizzazioni
 +lo troviamo nell'Archivio di Stato di Milano in una pergamena del 29 luglio
 +1206: "<font color="#CC33CC">...et que omnia consignata sunt per infrascriptos
 +massarios sicut inferius legitur dominis Guilielmo de Mandello et </font><font color="#FF0000">Guidoni
 +de Terzago</font><font color="#CC33CC"> clericis et canonicis ipsius ecclesie
 +nomine et ad partem eiusdem ecclesie...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERZI
 +<br>TERZINI
 +<br>TERZO
 +<br>TERZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terzi è lombardo emiliano, Terzini estremamente raro, potrebbe avere
 +un ceppo nell'aquilano ed uno nel senese, Terzo ha un nucleo principale
 +in Sicilia, un ceppo a Napoli ed uno nel vicentino, Terzoni, abbastanza
 +raro, ha un nucleo nel piacentino ed un ceppo nel maceratese, possono derivare
 +o dal cognomen latino Tertius, o, in alcuni casi, da toponimi come Borgo
 +di Terzo (BG). Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel bergamasco
 +nel 1500 con un certo <i><font color="#3366FF">Iohannes Tertius</font></i>
 +vicario generale della Valle Seriana Inferiore,&nbsp; a Borgo di Terzo
 +le troviamo nel 1700 in un atto : "<font color="#CC33CC">...Concambio di
 +case fra li signori conti </font><font color="#FF0000">Iseppo Terzi</font><font color="#CC33CC">
 +e signor </font><font color="#FF0000">Giovanni Antonio Terzi </font><font color="#CC33CC">quondam
 +Lauro...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TERZUOLI
 +<br>TERZUOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Terzuoli è raro ed è specifico del senese, Terzuolo è
 +tipico del torinese ed astigiano, è molto raro, potrebbe derivare
 +dal toponimo Terzo (AL), entrambi potrebbero anche derivare dal nome medioevale
 +terzo dato normalmente al terzo figlio, uso già presente in epoca
 +longobarda nel VIII° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESEI
 +<br>TESEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tesei è molto diffuso nella fascia che comprende la Romagna, tutte
 +le Marche ed il perugino, con un ceppo anche nel romano, e nel vicino viterbese
 +e latinense, Teseo, decisamente meno comune, ha un piccolo ceppo tra teramano
 +e pescarese ed uno tra romano e latinense, questi cognomi dovrebbero derivare
 +dal nome dei capostipiti, probabilmente il nome latino <i><font color="#3333FF">Theseus</font></i>
 +di origine greca, generato dal nome dell'eroe mitologico <font color="#3333FF">Θησεύς</font>,
 +il re ateniese di origine ionica padre della Democrazia uccisore del Minotauro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESI
 +<br>TESINI
 +<br>TESINO
 +<br>TESON
 +<br>TESONE
 +<br>TESONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tesi è tipicamente toscano, di Pistoia, Qarrata, Agliana, Serravalle
 +Pistoiese, Monsummano Terme e Lamporecchio nel pistoiese, di Prato, di
 +Campi Bisenzio, Firenze e Calenzano nel fiorentino, di Montopoli in Val
 +d'Arno e Pisa nel pisano e di Piombino nel livornese, Tesini ha un ceppo
 +emiliano nel modenese, bolognese e ferrarese ed uno nel veronese, Tesino
 +è quasi unico, Teson, molto molto raro, ha qualche presenza nel
 +rovigoto ed un piccolo ceppo a Latina, di probabile origine veneta, frutto
 +dell'emigrazione veneta in occasione della bonifica Pontina, Tesone ha
 +un ceppo a Roma, uno nel teatino, ad Archi e Paglieta, uno a Pietrabbondante
 +e Pescolanciano nell'iserniese ed uno, il più consistente, nel napoletano,
 +a Giugliano in Campania, Napoli, Qualiano, Villaricca, Marano di Napoli
 +e Pozzuoli ed a Parete nel casertano, Tesoni, molto molto raro, ormai presente
 +solo nel romano, dovrebbe essere dovuto all'italianizzazione del cognome
 +di origine veneta Teson, dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici
 +o accrescitivi, dal nome di origine greca <i><font color="#3333FF">Thesus</font></i>, di
 +cui abbiamo un esempio d'uso nel Chronicon di Benzo d'Alessandria: "<font color="#CC33CC">...
 +Ypolitus autem erat privignus ipsius, quem </font><font color="#FF0000">Thesus</font><font color="#CC33CC">
 +ex Ypolita, sorore Anthiope, regine Amazonum, quas cum Hercule devicerat,
 +genuit. Hec Igitur Phedra privignum ipsum Ypolitum nephando amore dilexit.
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tessa ha un ceppo nel torinese, a Giaveno, Torino e Coazze, un ceppo nel
 +lucchese a Seravezza ed uno bel barese a Canosa di Puglia e Bari, dovrebbe
 +trattarsi di un matronimico e derivare dal nome medioevale femminile <i><font color="#3366FF">Tessa</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una registrazione toscana del 1280: "<font color="#CC33CC">Ne
 +l'anno MCCLXXX, si maritò la </font><font color="#FF0000">Tessa</font><font color="#CC33CC">
 +nostra serokia </font><font color="#000000">(sorella)</font><font color="#CC33CC">
 +a Vanni di Ginevia. Fecie la carta del matrimonio...</font>", o anche in
 +un inventario dei beni del Comune di Siena del XIV° secolo: ".<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Tessa</font><font color="#CC33CC">
 +da Montieri ebbe dal Comune predetto, del terreno del comune di Siena,
 +terra posta nela detta corte e contrata e luogo detto el Colle di Santa
 +Maria, ala quale dal'una parte è del'eredi di Castagnolo e dal'altra
 +el fossato di Ribozzo; la quale è 14 staia a tavola. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSADRI
 +<br>TESSADRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tessadri attualmente è diffuso solo in Trentino, in particolare
 +a Baselga di Pinè e Trento in trentino e a Salorno in provincia
 +di Bolzano, Tessadro, quasi unico, è del milanese, esistono tracce
 +antiche di questo cognome anche nel vicentino, come si evince da quest'atto
 +notarile dell'anno 1583 a Roana (VI): "<font color="#CC33CC">1583, indictione
 +XI, die lune primo mensis augusti, in villa Roane, vincentini districtus,
 +in curtivo ser Alovixii quondam ser Thome Fabri, presentibus Andrea filio
 +ser Stephani Bais de Axliago et Bartholameo quondam Antonii de Pretto de
 +Recoaro testibus ad hec vocatis et habitis. Ibique, cunvocati sindici et
 +iurati seu cunsiliarii comunis et pertinentiarum Roane, et primo ser Ioanmaria
 +filius ser Bernardini Bernar decanus dicti comunis, ser Petrus quondam
 +Francisci Spiler nomine ser Christani eius fratris sindici, ser Matheus
 +quondam ser Gregorii Azolini, ser Peregrinus quondam Ioanemarie Zamboni
 +de Media Silva, ser Leo quondam Blasii a Costa, ser Thoma quondam ser Bonatti
 +de Camporoberis, ser Ioanne quondam Azolini </font><font color="#FF0000">Tessadri</font><font color="#CC33CC">
 +de Camporoberis et ser Marcus quondam ser Thome de Suctoribus...</font>",
 +tracce a Trento le troviamo in un atto dell'anno 1577: "<font color="#CC33CC">...Anno
 +1577 factus est civis Tridenti misser </font><font color="#FF0000">Giovanni
 +de' Tessadri </font><font color="#CC33CC">cuius familia dicitur extincta
 +in meo Albo civium. Ei successit nobilis dominus Ioannes Baptista Sardaneus,
 +idcirco appellatus Sardagna Tessari, ac frequentius Tessari tantum....</font>",
 +l'origine etimologica è dal termine arcaico <i><font color="#3366FF">tessadro</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tessitore</font></i>) di cui abbiamo un esempio
 +d'utilizzo in questo scritto che parla di Fra Ambrogio da Cles: "<font color="#CC33CC">...Nel
 +1724 partendo da Roveredo li 9 settembre andò compagno col P. Filippo
 +da Rallo alla visita del sagro Monte di Varallo. Fu buon Religioso, perito
 +sarte e molto caritativo assistente a' Frati infermi. Dopo la solennità
 +della Immacolata Vergine, essendo di famiglia in Roveredo, si portò
 +a Besenello per sollecitare presso d'un </font><font color="#FF0000">tessadro</font><font color="#CC33CC">
 +la fattura della tela per il convento....</font>", si tratta quindi della
 +cognominizzazione derivata dal mestiere del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSARI
 +<br>TESSARO
 +<br>TESSAROTTO
 +<br>TESSERI
 +<br>TESSERO
 +<br>TESSIERE
 +<br>TESSIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tessari, oltre al nucleo principale veneto ha un piccolo ceppo nel livornese,
 +Tessaro è invece specifico del Triveneto, Tessarotto è tipico
 +di Zero Branco nel trevisano e di Martellago e Venezia nel veneziano, Tesseri,
 +molto raro e Tessero, quasi unico, tipici del latinense sono probabilmente
 +anch'essi di origini venete, Tessiere è quasi unico, Tessieri è
 +tipico di Pisa e del pisano, di Lucca e di Livorno e del livornese, dovrebbero
 +derivare tutti da soprannomi, anche ipocoristici, originati dal mestiere di <i><font color="#3333FF">tessaro</font></i>, <i><font color="#3333FF">tessiere</font></i> 
 +o <i><font color="#3333FF">tessero</font></i> (<i><font color="#666666">tessitore</font></i>)
 +svolto dal capostipite, come riscontriamo ad esempio in un testo del 1700
 +nel feltrino: "<font color="#CC33CC">...tentori da
 +seda e da guado, </font><font color="#FF0000">tesseri da fustagni e da
 +tella</font><font color="#CC33CC">, bombaseri, stramaceri, calegheri, capeleri;..:</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in un atto readatto a Vicenza
 +nel 1602 dove viene citato un certo Sebastian quondam Ianexe Tessaro, li
 +troviamo anche a Sorriva (BL) in un registro delle spese conseguenti alla
 +peste dove viene citato un tale Zuanne Tessari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSARIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro, si individua un
 +ceppo nel rovigoto ed uno secondario nell'udinese, può derivare
 +dal mestiere di tessitore, o, in alcuni casi dal cognome francese Tessier.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSAROLI
 +<br>TESSAROLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tessaroli, estremamente raro, è specifico della zona di confine
 +tra bresciano e cremonese, Tessarolo è tipico del vicentino, potrebbero
 +derivare da nomi di località come ne esistono nel Veneto, ma anche
 +in Liguria e Piemonte, è pure possibile una derivazione dal mestiere
 +di tessitore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, concentrato nel sudmilanese,
 +potrebbe derivare da un toponimo come Tessera (VE)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESSITORE
 +<br>TESSITORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tessitore è tipico dell'area che comprende il casertano ed il napoletano,
 +con ceppi anche nel savonese e nel palermitano, Tessitori, molto più
 +raro, parrebbe friulano, in particolare dell'udinese, dovrebbero derivare
 +dal mestiere di tessitore svolto dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTA
 +<br>TESTI
 +<br>TESTINA
 +<br>TESTINI
 +<br>TESTINO
 +<br>TESTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testa è assolutamente panitaliano, Testi è specifico dell'area
 +che comprende Lombardia, veronese, Emilia, Toscana e perugino, Testina
 +è praticamente unico, Testini invece ha un ceppo lombardo nel sondriese
 +e nell'alto bresciano, picvcoli ceppi in Toscana e nel Lazio settentrionale
 +ed uno in Puglia, in partiicolare nel barese, Testino ha un ceppo importante
 +a Genova ed a Davagna nel genovese ed uno a Corato nel barese con un piccolo
 +ceppo anche a cerignola nel foggiano, Testoni ha un ceppo nel comasco,
 +uno nel bolognese ed uno nel sassarese, possono derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Testa</font></i> o, più facilmente, da
 +soprannomi legati al vocabolo <i><font color="#3366FF">testa</font></i>,
 +o con riferimento ad una testa particolarmente grossa, o ad atteggiamenti
 +autoritari. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Pavia già
 +nel 1418: "<font color="#CC33CC">Ego </font><font color="#FF0000">Georgius
 +Testa</font><font color="#CC33CC"> civis Vercellensis, filius Antoni </font><font color="#FF0000">de
 +Testis</font><font color="#CC33CC">, habitans in vicinia seu parochia Sancte
 +Agnetis, Vercellensis publichus autoritate imperiali notarius intravi collegium
 +sub anno Domini currente milleximo cccc°xviii, die xx ianuarii...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Simonetta
 +Flore</font></font>
 +<br>Testa nasce anche, come soprannome scherzoso, dal termine latino <i><font color="#3366FF">testa</font></i>
 +(<i><font color="#999999">coccio</font></i> ), il colle Testaccio è
 +formato da detriti di coccio della Roma antica, è diffusissimo anche perchè molto antico: nel II secolo
 +A.C. esisteva un Trebazio Testa, grammatico latino</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTAFERRATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testaferrata ha qualche presenza nel fiorentino e nel siracusano, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato probabilmente dal fatto che il capostipite
 +fosse un militare solito a portare l'elmo o altre protezioni metalliche
 +per il capo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTAI
 +<br>TESTAI'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi siciliani, Testai ha un ceppo nel catanese ,ennese e palermitano,
 +ed uno pisano e livornese, Testaì, più raro, ha un ceppo
 +tra ennese e catanese, dovrebbero entrambi derivare dal mestiere svolto
 +dal capostipite, quello di <i><font color="#3366FF">vasaio</font></i>,
 +originato dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">testu</font></i>
 +(<i><font color="#999999">vaso, tipicamente di terracotta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTASECCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testasecca ha un piccolo ceppo nel maceratese a Recanati e Civitanova Marche,
 +uno più consistente a Martinsicuro nel teramano, uno a Terni ed
 +a Roma ed uno in Sicilia a San Biagio Platani nell'agrigentino, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dalla conformazione fisica del capo
 +dei capostipiti, secondo Guglielmo Peirce potrebbe trattarsi anche di un
 +cognome attribuito a trovatelli, ma la cosa è abbastanza improbabile,
 +i Conti Testasecca di Caltanissetta sono comunque di origine abbastanza
 +recente risalendo il titolo appena al 1893.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTATONDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testatonda è tipico di Montegranaro nell'ascolano e di Civitanova
 +Marche nel maceratese, dovrebbe derivare da un soprannome originato dalla
 +conformazione fisica del capo del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTOLIN
 +<br>TESTOLINA
 +<br>TESTOLINI
 +<br>TESTOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testolin è caratteristico del vicentino, di Calvene, Thiene, Zugliano,
 +Schio, Vicenza e Malo, Testolina è un cognome del padovano, di Legnaro,
 +Polverara, Villanova di Camposampiero e Sant'Angelo di Piove di Sacco,
 +Testolini, molto più raro, sembrerebbe del bellunese, Testolino,
 +quasi unico, è presente nella Sicilia meridionale, dovrebbero derivare
 +da soprannomi dialettali, <i><font color="#3333FF">testolin</font></i>
 +(<i><font color="#666666">testa piccola, senza cervello</font></i>) in
 +veneto veniva spesso usato come epiteto scherzoso riferito a capostipiti,
 +forse con la testa più piccola del normale o, più probabilmente,
 +per prenderli in giro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TESTORI
 +<br>TESTORIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Testori è tipico della Lombardia occidentale, Testorio è
 +assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare dal praenomen latino di origini
 +greche Testorius, di cui abbiamo un esempio nel <font color="#3366FF">Genealogie
 +Deorum gentilium secundum Johannem Boccaccium de Certaldo</font>: "<font color="#CC33CC">...Yphates
 +et </font><font color="#FF0000">Testorius</font><font color="#CC33CC">,
 +ut dicit Paulus, filii fuerunt Priami,...</font>", ma è pure possibile
 +la derivazione da un soprannome originato dal mestiere del testore (tessitore),
 +citato ad esempio in un testamento del 1611: "<font color="#CC33CC">...s'investisse
 +nell'Offizio sopra l'Abbondanza e se ne spendessero i frutti in tante doti
 +di scudi venticinque, per maritare fanciulle </font><font color="#CC0000">testore
 +o figlie di testori</font><font color="#CC33CC">, purchè oneste,
 +di buona fama ...</font>".&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Garlate (LC) nel 1600 dove i Testori sono ricchi gabellieri per conto
 +degli occupanti spagnoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TETTA
 +<br>TETTI
 +<br>TETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tetta ha un ceppo tra foggiano e potentino, a Lucera nel foggiano ed a
 +Melfi nel potentino, Tetti ha un ceppo piemontese, ad Ala di Stura e Torino
 +nel torinese, uno laziale nel romano, a Genzano di Roma, Roma, Velletri
 +e Colleferro, ed uno sardo, a Sassari ed a Marrubiu nell'oristanese, Tetto,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe avere presenze nel Lazio, nel napoletano
 +e nel catanese, dovrebbero derivare dal nome della <i><font color="#3333FF">Gens
 +Tettia</font></i>, che in epoca romana aveva notevoli proprietà
 +nell'area beneventana, o per contrazione dal nomen gentilizio <i><font color="#3333FF">Tettius</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Tettia</font></i>.&nbsp; La famiglia Tetta era
 +nobile di Sebenico, Giacinto Tetta combattè in Polonia come colonnello,
 +per il re Giovanni III° da cui ricevette nel 1683 a Varsavia il titolo
 +di marchese il fratello Lorenzo si era trasferito da Sebenico a Venezia
 +agli inizi del 1600.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">informazioni forniter da Mario
 +Tetta</font></font>
 +<br>La famiglia Tetta nel XVII secolo si trasferisce a Venezia dalla città
 +Dalmata di Sebenico. A Venezia sono presenti Calle Tetta e Fondamenta Tetta.
 +Sul fiume Brenta è presente Villa Tetta.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tetta è cognome lucano di Melfi: '<i><font color="#3333FF">tetta</font></i>',
 +'<i><font color="#666666">mammella</font></i>'. G. Rohlfs, Dizionario storico
 +dei cognomi in Lucania 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TETTAMANTI
 +<br>TETTAMANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici del comasco e nordmilanese. Troviamo notizie di questi cognomi nel
 +1730, quando il capomastro Domenico Tettamanti di Milano dirige i lavori
 +di ricostruzione della Parrocchiale di Ossimo Inferiore (BS), dedicata
 +ai Santi Cosma e Damiano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>dovrebbe derivare da un epiteto scherzoso o beffardo: da "tetà",
 +tettare (farsi allattare) e "mans", o toro; cioè di uno che cerca
 +di ciucciare il latte da un toro, col significato dunque di sciocco.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tettamanzi, Tettamanti risultano composti da due parole e significano
 +"<i><font color="#666666">colui che dà da mangiare ai manzi</font></i>".
 +Sono una variante del termine '<i><font color="#3333FF">tettavacch</font></i>'
 +che nel dialetto milanese indicava il <i><font color="#666666">vaccaro</font></i>
 +(così come '<i><font color="#3333FF">straciavaca</font></i>' e '<i><font color="#3333FF">straciaporcus</font></i>'
 +indicavano gli attuali <i><font color="#666666">macellai</font></i>, specialisti
 +del singolo animale). La prima forma (Tettamanzi) è quella originaria,
 +la seconda deriva da trascrizione ecclesiastiche e notarili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TETTEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tettei, assolutamente rarissimo, è del basso sassarese, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato da una variazione del termine sardo
 +<i><font color="#3366FF">tettò</font></i> (<i><font color="#999999">poppare</font></i>)
 +ad indicare forse una particolare ingenuità del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEUTSCH
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Teutsch, assolutamente rarissimo, è della provincia di Bolzano,
 +dovrebbe derivare da un soprannome e nome originato dal termine dialettale
 +<i><font color="#3333FF">teutsch</font></i>, derivato dal vocabolo medioevale
 +m.a.t <i><font color="#3333FF">tiutsch</font></i> che si è poi evoluto
 +in <i><font color="#3333FF">deutsch</font></i> (<i><font color="#666666">tedesco</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEVENINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tevenini, assolutamente rarissimo, quasi unico, è specifico del
 +bergamasco, dovrebbe derivare dal nome del paese di Teveno, una frazione
 +di Vilminore di Scalve nel bergamasco.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEVINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tevini, molto raro, è tipico dell'area bresciano, trentina, di Pompiano
 +ed Edolo nel bresciano e di Commezzadura nel trentino, i due ceppi sembrerebbero
 +completamente separati ed autonomi, il primo potrebbe derivare dal toponimo
 +bergamasco di Teveno, il secondo deriva probabilmente dalla forma ipocoristica
 +dell'aferesi di un nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TEZZELE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tezzele molto raro è circoscritto alla zona di Trento e Bolzano,
 +dovrebbe essere di origini tedesche e derivare dal cognome Tetzel originario
 +di Pirna in Sassonia ai confini con la Polonia, a Pirna troviamo tracce
 +di questa cognominizzazione già nel XV° secolo con il monaco domenicano
 +Johannes Tetzel che nacque nel 1465 e che nel 1509 diventò Grande
 +Inquisitore della Polonia e morì a Lipsia nel 1519.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tezzele è un cognome diffuso a Folgaria (dove si trova l'abitato
 +di Tezzeli), è ritenuto dal Lorenzi un diminutivo alla tedesca (con
 +la desinenza <i><font color="#3333FF">-ele</font></i>) del termine trentino
 +'<i><font color="#3333FF">tezza</font></i>', derivato dal gallico '<i><font color="#3333FF">(at)tegia</font></i>',
 +con cui si indica il <i><font color="#666666">sottotetto</font></i> dove
 +viene collocato il fieno o vengono depositate le cose vecchie. È
 +probabile che il cognome provenga dall'abitato di Tezze, nel comune di
 +Grigno, in Valsugana. Va però ricordato che anche a Luserna esiste
 +una frazione con questo nome. Lorenzi stesso, però, propone anche
 +un'altra interpretazione di questo cognome, considerandolo derivato dal
 +nome di persona <i><font color="#3333FF">Tassilo</font></i>, o <i><font color="#3333FF">Tacilo</font></i>,
 +dal gotico '<i><font color="#3333FF">deds</font></i>' attraverso l'antico
 +tedesco '<i><font color="#3333FF">that</font></i>' = <i><font color="#666666">opera,
 +azione</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THALER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thaler è tipicamente altoaltesino, molto diffuso a Sarentino, Bressanone,
 +Bolzano, Nova Ponente, Chiusa e Merano, ma ben presente in tutta la provincia
 +di Bolzano, dovrebbe derivare da un soprannome tedesco per <i><font color="#666666">valligiano</font></i>,
 +riferito probabilmente a capostipiti provenienti da una valle.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, probabilmente del nord Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THERMES
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thermes, ora presente quasi esclusivamente a Roma, è un cognome
 +francese, dovrebbe derivare da uno dei molti toponimi francesi contenenti
 +quella radice, personaggio di rilievo è stato nel 1500 il Generale
 +dell'Esercito toscano Paul de Thermes agli ordini del Re di Francia, nel
 +1500 i Signori di Thermes in Piemonte esercitavano potestà feudale
 +su molte terre.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Cacciola (Mascali)</font></font>
 +<br>Si tratta dell'originaria forma dell'attuale cognome <i><font color="#3333FF">Termine</font></i>.
 +Un Ioan Dalmao Narbona nell'anno 912, acquistò la signoria di Thermes,
 +con l'acquisto di detta signoria la famiglia mutò il suo cognome
 +in Thermes. Si può verificare il tutto dall'opera del Mugnos:"Teatro
 +genologico delle famiglie nobili...opera del 1606. Ristampa anastatica
 +Forni Bologna</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THEVENET
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thévenet è un cognome estremamente raro in Italia, di chiare
 +origini francesi, molto probabilmente originario della Borgogna, dovrebbe
 +derivare da una forma ipocoristica francese del nome Etienne, è
 +anche possibile si tratti di una forma aferetica ipocoristica del nome
 +Etève.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THIELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico di Thiene, Montecchio Precalcino, Sarcedo e Schio nel vicentino,
 +potrebbe derivare da una forma latinizzata femminile del nome germanico
 +<i><font color="#3366FF">Thiel </font></i>di cui troviamo un esempio in
 +questo scritto del 1550: "<font color="#CC33CC">...Epitaphium cuiusdam
 +Thilonini fatui, vulgo, </font><font color="#FF0000">Thiel</font><font color="#CC33CC">
 +von der Lerchen...</font>", o anche potrebbe derivare semplicemente dal
 +cognome tedesco Thiel, meno facile, ma possibile una derivazione dalla
 +forma arcaica Thiel del nome della città olandese di Tiel tra Utrecht
 +e Nijmegen, abbastanza vicina all'area cimbrica.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome veneto matronimico e aferetico, deriva dal personale <i><font color="#3333FF">Matteo</font></i>.
 +Secondo D. Olivieri 145, n. 76 : "La <i><font color="#3333FF">th-</font></i>
 +iniz. avrà quella stessa ragione che vale anche per il nome locale&nbsp;
 +Thiène,&nbsp; come già avvertì Carlo Salvioni, cioè
 +quella di evitare la risoluzione palatina."</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THOMAIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thomain, quasi unico, è tipicamente valdostano, dovrebbe derivare
 +dal nome medievale franco <i><font color="#3333FF">Thomain</font></i>,
 +una forma ipocoristica del nome di origini ebraiche <i><font color="#3333FF">Thomas</font></i> (Tommaso).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THOMATIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thomatis, assolutamente rarissimo, sembrerebbe tipico del ponente ligure, dovrebbe derivare da
 +modificazioni arcaiche del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Thomas</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THUEGAZ
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thuegaz, molto molto raro, è specifico di Saint Vincent in Val d'Aosta,
 +si potrebbe trattare di una forma ipocoristica dialettale arcaica del nome di origine
 +francogermanica <i><font color="#3366FF">Thuard</font></i> originato dal
 +vocabolo <i><font color="#3366FF">theud</font></i> (<i><font color="#999999">popolo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">THUN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Thun è assolutamente rarissimo
 +ed è tipico del Trentino, la discendenza dalla
 +famiglia boema dei Thun, trasferitasi nel trentino nel 1187, a Vigo di
 +Ton che deve il proprio nome proprio a quella famiglia nobile. Personaggi importanti sono, nel 1298,
 +Erasmo di Thun, vicario per Federico conte di Tirolo, nel 1372 Guarimberto
 +di Thun, vicario delle valli; nel 1412 Baldessare Thun, capitano di Castelselva
 +e così via occupando posizioni di rilievo nel contesto della loro
 +regione trentina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiana è decisamente sardo, di Bono Sassari e Bultei nel sassarese
 +e di Nurachi, Cabras ed Oristano nell'oristanese, dovrebbe derivare dalla
 +toponomastica.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TIANA: rispondono a questo nome tre toponimi: 1) - Tìana, piccolo
 +centro abitato della provincia di Nuoro; in periodo medioevale fu “villa”
 +appartenente alla Curadorìa di Barbagia di Ollolai, nel regno giudicale
 +di Arborea, sino al 1420, allorquando passò al regno catalano aragonese
 +di Sardegna. Si trova alla confluenza di due piccoli fiumi, il Tino ed
 +il Torrei: …in qua duo currunt flumina et tria extant oppida, Tetis, Tianae
 +et Austis&nbsp; ( al capitolo – de Arborea Aristanique urbe et diocesis
 +del “In Sardiniae Chorographiam” di G. Francesco Fara); 2) - Tiana città
 +spagnola, catalana, di 6 mila abitanti, della provincia di Barcellona;
 +3) – Tìana città greca della antica provincia romana della
 +Cappadocia – Τύανα - . Per quanto riguarda l’origine del toponimo sardo,
 +i linguisti suggeriscono diverse ipotesi, tra le quali quella del canonico
 +Giovanni Spano, che lo fa derivare da Tinia, divinità etrusca; altri&nbsp;
 +dal fiume Tino, che attraversa il paese, altri ancora dalla divinità
 +pagana Diana, per la”possibile” vicinanza dei resti di un tempio a lei
 +dedicato. Il cognome “parrebbe” documentato nelle carte medioevali della
 +lingua e della storia della Sardegna: in due documenti, nei quali però
 +la voce non è completa; nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT,
 +XI, XIII secolo, al capitolo 162 figura un certo Petru de Tian(a), cognato
 +di Elena de Thori: (in una donazione) positinke donna Elene de Thori, muliere
 +de Dorgotori de Carbia, dessas tres partes sa .I. de omnia cantu li ditabat
 +…la donazione viene contestata da Petru de Tian, su connata…Nel Condaghe
 +di San Pietro di Silki, CSPS, XI, XIII secolo, al capitolo 186, troviamo:
 +(in una donazione)…cun boluntade dessa fiia e dessos nepotes&nbsp; de Petru
 +de Cupellu et de Petru de Tian…&nbsp;&nbsp; Attualmente il cognome Tìana
 +è presente in 53 Comuni italiani, di cui 20 in Sardegna: Bono 31,
 +Nurachi 28, Sassari 20, Carbonia 15, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIANI
 +<br>TIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiani ha un ceppo a Minervino Murge nel barese, ed uno nel reggino, Tiano
 +ha un ceppo nel napoletano, soprattutto a Bacoli, ma anche a Napoli e Pozzuoli
 +ed uno a Pagani nel salernitano, uno a Cerignola nel foggiano, uno nel
 +cosentino a San Giovanni in Fiore, Cosenza, Belsito e Rogliano ed a Crotone,
 +ed uno a Messina, potrebbero derivare dal termine ebraico <i><font color="#3333FF">dayanim</font></i>
 +(<i><font color="#999999">giudice</font></i>) ed essere quindi di origine
 +ebraica.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tiani è cognome lucano, pugliese, siciliano e napoletano; cfr.
 +<i><font color="#3333FF">Tyanus</font></i> nel 1314 nome di un monaco in
 +zona di Brìndisi, <i><font color="#3333FF">Tigano</font></i> cognome
 +in Calabria: calabrese '<i><font color="#3333FF">tianu</font></i>' = '<i><font color="#666666">tegame
 +di creta</font></i>'. G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania
 +1985.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TIANO: non si tratta in effetti di un cognome sardo, perché
 +è presente in 122 Comuni italiani, di cui uno solo in Sardegna,
 +a Calangianus e con un solo nucleo familiare: ed è senza dubbio
 +un cognome importato dall’Italia meridionale o dalla Sicilia. Ma è
 +presente nei documenti medioevali della Sardegna, pur nella variante sarda
 +Tianu, oggi scomparso dai registri anagrafici, dove invece è presente
 +il cognome Tiana,&nbsp; per il quale però facciamo un discorso a
 +parte (vedi Tiana). Nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI, XIII
 +secolo, al capitolo 41, in una donazione di servi alla chiesa di San Pietro
 +figura un certo Tianu Petru: Positivi a Scu. Petru, donna Jorgia ave Turthevi,
 +a Bonisinda de Silki, et Petru Tianu, et a fiiu d’Andria Pelegrine, cun
 +parthone issoro - con la loro parte -(Turtheve era un centro abitato medioevale,
 +appartenente alla Curadorìa di Romangia, nel regno giudicale di
 +Torres, oggi non esiste più perché è stato assorbito
 +dal centro di Sassari, del quale è rimasto uno dei nuclei storici.).
 +Il significato di Tiano e Tianu viene verosimilmente dal greco <font color="#3333FF">τηγάνον</font>
 +o <font color="#3333FF">τήγανον</font> =<i><font color="#666666"> tegame
 +</font></i>o <i><font color="#666666">padella</font></i>, generalmente
 +di ceramica (<font color="#CC33CC">vedi Paderas, Padella</font>). La maggiore
 +presenza del cognome si registra in Italia meridionale: Bacoli (prov. di
 +Napoli) 228, Messina 73, San Giovanni in Fiore (Cosenza) 67, Roma 27, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIBERI
 +<br>TIBERIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiberi è diffuso in tutta la fascia centrale che comprende Marche,
 +Umbria, bassa Toscana, Lazio e Abruzzi, Tiberio, molto meno comune, ha
 +un nucleo nel chietino e ceppi sparsi in giro per tutta l'Italia, dovrebbero
 +derivare dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Tiberius</font></i>,
 +ricordiamo l'imperatore romano Tiberio (42 a.C. - 37 d.C.); dal <i><font color="#3366FF">De
 +Vita XII Caesarum</font></i> <i><font color="#3366FF">C. Suetonii Tranquilli</font></i>:
 +"<font color="#CC66CC">...</font><font color="#FF0000">Tiberius</font><font color="#CC66CC">
 +Nero advenientem ex Hispania cum ingentibus copiis Hasdrubalem, prius quam
 +Hannibali fratri coniungeretur, oppressit...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIBOLLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tibolla è specifico del bellunese, dell'agordino, di Taibon Agordino,
 +Sedico, Sospirolo e Canale d'Agordo, dovrebbe derivare dal nome della Val
 +Tibolla, indicando probabilmente un'origine dei capostipiti da quei luoghi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIBOLLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, forse
 +pugliese, dovrebbe derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Tibullus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIBURCIO
 +<br>TIBURZI
 +<br>TIBURZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiburcio, quasi unico è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione
 +di Tiburzio che ha un ceppo a Codroipo nell'udinese ed uno in Abruzzo ad
 +Avezzano, mentre Tiburzi è proprio della fascia centrale che comprende
 +Lazio, Marche meridionali, Umbria ed Abruzzo, dovrebbero derivare tutti
 +dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Tiburtius</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio nel <i><font color="#3366FF">De bello civili</font></i> di Giulio
 +Cesare: "<font color="#CC33CC">...quae ille obtectus armis militum vitavit;
 +vulnerantur tamen complures, in his Cornelius Balbus, M. Plotius, </font><font color="#FF0000">L.
 +Tiburtius</font><font color="#CC33CC">, centuriones militesque nonnulli.
 +...</font>", ricordiamo Tiburzio santo martire di Roma sotto Diocleziano,
 +o anche dall'etnico <i><font color="#3366FF">tiburtinus</font></i> (abitante
 +di Tivoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TICCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ticca è decisamente sardo, con un ceppo consistente a Nuoro, ma
 +ben presente nel nuorese anche ad Oliena, Dorgali e Macomer, con un ceppo
 +anche a Sassari ed a Cagliari, dovrebbe derivare da un soprannome basato
 +sul termine sardo <i><font color="#3333FF">ticca</font></i> (<i><font color="#666666">rifiuto, ma anche piccone</font></i>),
 +forse ad indicare che il capostipite facesse uso di un piccone per il suo lavoro, o semplicemente che fosse un tipo ostinato.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TICCA: <i><font color="#3333FF">ticca</font></i>, in logudorese è
 +la <i><font color="#666666">gallina</font></i> (voce infantile): ticca,
 +ticca! Si tratta ovviamente di una onomatopea, presente in alcuni dialetti
 +dell'Italia Meridionale, ad esempio in Lucania. In campidanese il termine
 +<i><font color="#3333FF">ticca</font></i> è sinonimo di <i><font color="#3333FF">piccu</font></i>
 += <i><font color="#666666">diniego, rifiuto</font></i>: pigai ticca o pigai
 +piccu, hanno il significato di rifiutarsi, essere in dissenso con. No abbiamo
 +trovato il cognome nelle carte antiche della lingua e della storia della
 +Sardegna, da noi consultate. Attualmente il cognome Ticca è presente
 +in 30 Comuni italiani, di cui 15 in Sardegna: Nuoro 193, Oliena 54, Sassari35,
 +Cagliari 21, etc. Nella penisola, Roma con 20, conta il numero più
 +alto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TICCHI
 +<br>TICCHIO
 +<br>TICHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ticchi è specifico di Rimini, del riminese e del pesarese, Ticchio,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe del potentino, Tichi, quasi unico,
 +è del forlivese, potrebbe derivare da una forma etnica arcaica francese riferita ai tedeschi 
 +<i><font color="#3333FF">tiesche</font></i> alterata in <i><font color="#3333FF">ticke</font></i>
 +e quindi in ticchi, ma il ceppo potentino potrebbe derivare dal nome del
 +monte <i><font color="#3333FF">Tichius</font></i> uno dei due contrafforti
 +delle Termopili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TICCI
 +<br>TICI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ticci è tipicamente toscano, ha ceppi a Firenze, Prato ed a Siena
 +e Poggibonsi nel senese, Tici, sempre toscano, praticamente unico, dovrebbe
 +essere dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, che dovrebbe
 +derivare da una forma alterata <i><font color="#3333FF">Ticius</font></i>
 +del nomen latino <i><font color="#3333FF">Titius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIDDIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiddìa, quasi unico, ha qualche presenza nel fiorentino ed in Sardegna.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TIDDIA: significato ed etimologia permangono nell'incertezza.. Potrebbe
 +derivare da <i><font color="#3333FF">tittìa</font></i> = esclamazione
 +per esprimere la sensazione di freddo. Un incrocio tra il centrale tittìa
 +ed il logudorese biddìa ? Oppure potrebbe essere il diminutivo di
 +<i><font color="#3333FF">tidu</font></i> = <i><font color="#666666">colombaccio</font></i>
 +(vedi Tidu cognome): tidìna &gt; tidĩa. Attualmente il cognome lo troviamo
 +però con due "d", ma nelle carte antiche è anche con una
 +sola "d" &gt; Tidia. O potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">titta</font></i>
 += <i><font color="#666666">mammella</font></i>, al diminutivo &gt; tittìna
 +&gt; tiddìna &gt; tiddĩa. C'è poi&nbsp; dida e didìna o
 +diddìna (diddĩa) nel significato di balia o qui da noi in Campidano
 +anche di madrina. Inoltre tzinnìga, tzinnìa, tinnìa
 +sono voci che identificano il giunco. Sono solo ipotesi.&nbsp; Abbiamo
 +intervistato diverse persone che portano quel cognome, ma nessuna ha saputo
 +dare chiarimenti. Il cognome è presente nei documenti medioevali.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, figurano: Tiddia
 +Gunnario, jurato ville de Sancto Gavino, *&nbsp; Sancto Gavino. San Gavino
 +Monreale. Montis Regalis; Tidia Cogono, jurato ville Margini, * Margini
 +.distrutto. Partis de Montibus; Tidia Joanne, ville Gonnos de Codina, *
 +Gonnos de Codina.Gonnoscodina. Partis de Montibus; Tidia Paulo, ville Gonnos
 +de Codina. Attualmente il cognome Tiddìa è presente in 85
 +Comuni italiani, di cui 39 in Sardegna: Cagliari 78, Serrenti 58, Sarroch
 +48, Gonnesa 46, Teulada 32, Carbonia 28, etc. Nella penisola Roma ne conta
 +25, Torino 13, etc. In USA è presente, con un solo nucleo familiare
 +nello Stato del Massachusetts.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIDILI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo è specifico di Nuraminis (CA), deriva da
 +un soprannome originato dal vocabolo sardo<i><font color="#3366FF"> tidìli
 +</font></i>(<i><font color="#666666">cercine</font></i>) il cerchio di
 +stoffa che le donne mettevano sul capo per facilitare il trasporto di orci
 +o altri pesi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TIDILI: <i><font color="#3333FF">tidìli</font></i> in campidanese,
 +<i><font color="#3333FF">tetìle</font></i> nei dialetti centrali,
 +<i><font color="#3333FF">tedìle</font></i> in logudorese è
 +il <i><font color="#666666">cercine</font></i>, ma non deriva chiaramente
 +dal latino <i><font color="#3333FF">circinus</font></i>, bensì da
 +una combinazione del verbo latino <i><font color="#3333FF">tegere</font></i>
 += <i><font color="#666666">coprire</font></i> e dal sostantivo <i><font color="#3333FF">texstilis</font></i>
 += <i><font color="#666666">drappo</font></i>: &gt; <i><font color="#3333FF">tegetexstile</font></i>
 +&gt; <i><font color="#3333FF">tegetile</font></i> &gt; <i><font color="#3333FF">tetile</font></i>.
 +Esiste anche la voce kirkìle, sempre col significato di cercine,
 +ma che deriva chiaramente dal latino circinus, o tutto al più dall'italiano
 +cercine. Col tidìle (cercine) si portano in testa ( o meglio si
 +portavano) le ceste (cròbis, crobèddas, cadìnus e
 +canistèddas), di vivande ad esempio, ma anche i contenitori con
 +i panni, da lavare e lavati, scivèddas e bagnèras. Non abbiamo
 +trovato il cognome negli antichi documenti da noi consultati. Attualmente
 +il cognome Tidìli è presente in 12 Comuni italiani, di cui
 +7 in Sardegna: Nuraminis 25, Cagliari 16, Sestu 3, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIDU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico di Cagliari e del cagliaritano con un ceppo anche a Teti
 +(NU), dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">tidu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">colombaccio, piccione selvatico</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>TIDU: colombaccio, piccione selvatico. Qui da noi in Campidano, <i><font color="#3366FF">piccioni
 +aresti</font></i> = <i><font color="#999999">piccione selvatico</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">columba palumbus</font></i>), ma a Villacidro
 +anche <i><font color="#3366FF">tidòni.</font></i> Alcuni studiosi
 +lo fanno derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Titus</font></i>.
 +In latino ed anche in italiano esiste il verbo tubare ( da tuba = tuba,
 +tromba), che è proprio dei piccioni in amore. In latino come in
 +italiano c'è altresì il verbo titubare = essere indecisi,
 +ma lo possiamo intendere come frequentativo di tubo. In greco la civetta
 +(appartiene ai titonidi o tidonidi) è detta <font color="#3366FF">τυτώ</font>
 +(<i><font color="#3366FF">titô</font></i>). Non abbiamo altro! Lo
 +troviamo negli antichi documenti, come Tidu o anche Titu, riferito alle
 +stesse persone; ciò che confermerebbe la derivazione dal greco <font color="#3366FF">τυτώ</font>,
 +o anche dal nome latino Titus. Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado,
 +*CSMB, XI°, XIII° secolo, abbiamo: Titu (o Tidu)Gosantine (100),
 +figlio a (di )Iorgia, in una spartizione di servi: Ego Thomas, conbersu
 +de Bonarcado, facio recordatione dessa partizione dessa domo d'Austis,
 +ka mi mandait iudice sere Ugo de Bassu, cun su curatore donnu Bonnaccorsu
 +a partire sos homines ki aviamus in comune in Austis." - "Io Thomas, converso(frate
 +laico, in questo caso con funzioni di ambasciatore) di Bonarcado, faccio
 +ricordare la spartizione della casa di Austis, poiché fui incaricato
 +dal giudice ser (signore) Ugo de Bassu, col curatore (amministratore generale)
 +donnu (nobile) Bonaccorsu, per spartire gli uomini (servi), che avevamo
 +in comune ad Austis."(segue un lungo elenco).et in cambiu de custu levait
 +iudice a Goantine Tidu, fiiu de Iorgia Tidu.e in cambio di questo, il giudice
 +prese Goantine Tidu, figlio di Iorgia Tidu.&nbsp; Titu (Tidu) Vera (76,
 +151), figlia a (di) Iohanne, madre a Iorgi, Iusta, Mariane, Peruki(in una
 +spartizione di servi): (76) Ego Armannus prior de Bonarcatu, partivi fiios
 +de Iohanne Tidu et de Margarita Galare, cun su conte. Clesia&nbsp; levavit
 +a Iorgia et issu conte a Bera .= Io Armanno priore di S. M. di Bonarcado,
 +ho diviso i figli di Iohanne Tidu e di Margarita Galare col conte (probabilmente
 +il giudice Barusone). La chiesa ha preso Iorgia e il conte Vera( che erano
 +figlie di Iohanne e di Margarita). Nel Condaghe di San Nicola di Trullas,
 +*CSNT XI°, XIII° sec. troviamo: Titu (oTidu) Petru (143), in una
 +spartizione di servi; "partivi homines ki avea cun presbiteru Romanu de
 +Akeptas, filios de Petru Titu. Ditavatili ad isse&nbsp; Simione Macara:
 +deitimilu a voluntate sua bona; et ego deililu a Iohanne su frate."( ho
 +diviso gli uomini che avevo col prete Romano de Akeptas, i figli di Petru
 +Titu. Spettava a lui Simione Macara: me lo ha dato spontaneamente; e io
 +gli ho dato Iohanne, il fratello). Attualmente il cognome Tidu è
 +presente in 68 Comuni d'Italia, di cui 36 in Sardegna: Cagliari 87, Monserrato
 +63, Sestu 30, Teti 22, Maracalagonis 20, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIERA
 +<br>TIERI
 +<br>TIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiera, quasi unico, parrebbe calabrese, Tieri ha un ceppo a pescara e nel
 +teatino ad Atessa, Tornareccio, Casalbordino e Lanciano, un ceppo a Coreno
 +Ausonio nel frusinate ed a Roma ed uno a Napoli e San Giorgio a Cremano,
 +ed uno a Corigliano Calabro (CS), Tiero, assolutamente raro, è proprio
 +di Castelforte (LT), dovrebbero tutti derivare dall'aferesi di nomi come
 +medioevali Altieri o Gualtiero, di quest'uso abbiamo un esempio nei <i><font color="#3366FF">fragmenta
 +historiae pisanae</font></i> <i><font color="#3366FF">Ludovici Antonii
 +Muratorii</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Poi di po' Nona intendendo
 +l'Arcivescovo, e li dicti capi de i Ghibellini, che Brigata era andato
 +al Ponte de la Spina, e avea con suoi fanti prese iscafe per volere mettere
 +dentro Messere </font><font color="#FF0000">Tieri</font><font color="#CC33CC">
 +da Bientina, ch'era venuto ben con mille homini inanti del Conte...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIERNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro, specifico del salernitano, dovrebbe derivare dall'aferesi
 +del toponimo Matierno (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIEZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico toscano, più propriamente
 +della zona che comprende l'aretino ed il senese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIGLI
 +<br>TIGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tigli è tipicamente toscano dell'aretino, di Terranuova Bracciolini,
 +Laterina, Civitella in Val di Chiana, Cavriglia e Monte San Savino, con
 +piccoli ceppi a Grosseto e Siena, Tiglio, molto molto raro, ha sporadiche
 +presenze sparse qua e là per l'Italia, si possono formulare due
 +ipotesi, la prima consiste in una derivazione dal nome di una località
 +nota per la presenza di alberi di <i><font color="#3333FF">tiglio</font></i>,
 +la seconda riconduce ad una forma aferetica dialettale originata da un'alterazione
 +del nome <i><font color="#3333FF">Attilio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TILELLI
 +<br>TILETTI
 +<br>TILLA
 +<br>TILLI
 +<br>TILLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tilelli, assolutamente molto raro, sembrerebbe calabrese, di Strongoli
 +nel crotonese, Tiletti, chesembrerebbe unico, è probabilmente dovuto
 +ad un'errata trascrizione del precedente, Tilla e Tillo sembrerebbero quasi
 +unici, dell'area tra Lazio e Campania, Tilli ha un ceppo toscano, soprattutto
 +nel fiorentino, uno nel romano ed uno jnel teatino, campobassano e foggiano,
 +questi cognomi dovrebbero derivare da forme ipocoristiche semplici o composte
 +dell'aferesi di nomi come il latino <i><font color="#3333FF">Domitius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Equitius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Statius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Tatius</font></i> o altri simili.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tilli è cognome pugliese (Foggia), è la cognominizzazione
 +del nome latino <i><font color="#3333FF">Tillius</font></i> oppure forma
 +aferetica del nomen latino <i><font color="#3333FF">Vitilli</font></i>.
 +Potrebbe avere origine anche dal greco '<i><font color="#3333FF">thylas</font></i>'
 += <i><font color="#666666">otre</font></i>. Minervini 482.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TILLOCA
 +<br>TILLOCCA
 +<br>TILOCA
 +<br>TILOCCA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tilloca è specifico di Alghero nel sassarese, Tillocca è
 +praticamente unico, sempre del sassarese, Tilocca è tipico del sassarese
 +occidentale, Sassari, Alghero e Burgos, Tiloca è del sassarese,
 +di Alghero, Villanova Monteleone e Sassari, dovrebbero tutti derivare da
 +un soprannome dialettale originato dal vocabolo protosardo <i><font color="#3333FF">thiliocca</font></i>
 +(<i><font color="#666666">vortice, mulinello</font></i>), indicando forse
 +delle caratteristiche della località di provenienza o di abitazione
 +delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TILOTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tilotta è tipico della Sicilia occidentale, del trapanese e di Castelvetrano
 +in particolare, ma anche di Erice, Trapani e Mazara del Vallo, dovrebbe
 +trattarsi di una forma etnica grecanica stante ad indicare la provenienza
 +dei capostipiti dall'isola greca di Tilos nel Dodecanneso.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tilotta è cognome siciliano che per Rohlfs 185 viene da <i><font color="#3333FF">Atilina</font></i>,
 +vezzeggiativo di <i><font color="#3333FF">Adele</font></i>, per Caracausi
 +1619 è diminutivo del cognome <i><font color="#3333FF">Tella</font></i>
 +che viene da un toponimo omonimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Timeo è tipico di Bari e del barese, dovrebbe derivare dal nome
 +latino di origine greca <i><font color="#3366FF">Timaeus</font></i>, ma
 +è pure possibile una derivazione diretta dal nome greco <i><font color="#3366FF">Timeos</font></i>
 +ricordiamo il famosissimo Timeo uno dei Dialoghi socratici di Platone che
 +probabilmente coinvolge un filosofo della Magna Grecia, di Locri, appunto
 +con questo nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMILLERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Timillero, molto molto raro, è specifico di Vicenza e del vicentino,
 +di difficile interpretazione, si può prendere in considerazione
 +una derivazione dal verbo cimbro <i><font color="#3366FF">timmilg</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fare baccano</font></i>), in questo caso il cognome
 +avrebbe avuto origine da un soprannome del capostipite con il significato
 +di <i><font color="#3366FF">fracassone</font></i>, un'altra ipotesi coinvolge
 +il verbo medioevale germanico <i><font color="#3366FF">dimmir</font></i>
 +(<i><font color="#999999">diventare scuro</font></i>), se così fosse
 +il cognome potrebbe indicare una provenienza della famiglia, da una valle
 +particolarmente angusta, anche se molto improbabile si deve prendere in
 +considerazione anche una possibile derivazione dal termine spagnolo <i><font color="#3366FF">timillo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">timo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMI
 +<br>TIMINI
 +<br>TIMO
 +<br>TIMON
 +<br>TIMONE
 +<br>TIMONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Timi ha un ceppo nel perugino, a Foligno, Perugia, Nocera Umbra, Assisi
 +e Bastia, con presenze anche nel maceratese e nel romano, Timini, molto
 +molto raro, ha un piccolo ceppo veneziano e presenze nel basso bresciano,
 +Timo ha un piccolo ceppo ad Alessandria e nell'alessandrino, ed uno più
 +consistente nel leccese a Lecce e Taviano, Timon è quasi unico,
 +Timone ha un piccolissimo ceppo a Genova ed uno ancora più piccolo
 +a Reggio Calabria, Timoni, quasi unico, ha qualche presenza nel padovano
 +e nel piacentino, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite forme ipocoristiche o accrescitive, dall'apocope di nomi medioevali
 +come <i><font color="#3333FF">Timotheus</font></i>, o dal nome normanno
 +<i><font color="#3333FF">Thim</font></i> o del turco <i><font color="#3333FF">Timur</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMOTEI
 +<br>TIMOTEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, Timotei parrebbe toscano, mentre Timoteo,
 +leggermente meno raro, sembrerebbe del teramano, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale Timoteus a sua volta derivato dal nome greco Timotheos
 +formato dalla fusione dei termini greci <i><font color="#3366FF">timan</font></i>
 +(<i><font color="#999999">che onora, che reca gloria</font></i>) e <i><font color="#3366FF">theos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Dio</font></i>), con il significato di <i><font color="#999999">che
 +reca gloria a Dio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMPANARI
 +<br>TIMPANARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Timpanari, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del cagliaritano, mentre
 +Timpanaro è molto difuso in Sicilia, soprattutto a Catania e nel
 +catanese a Castel di Judica, Paternò, Ramacca ed Adrano, dovrebbero
 +derivare dal mestiere del capostipite, che probabilmente faceva il suonatore
 +di timpani o era un artigiano che li costruiva.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIMPERI
 +<br>TIMPERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Timperi è tipicamente laziale, ha un grosso ceppo a Roma, Tivoli,
 +Subiaco e Ciciliano nel romano, a Paliano nel frusinate ed a Tarquinia
 +nel viterbese, Timperio ha un ceppo a Miglianico nel teatino ed a Sant'Eufemia
 +a Maiella e Pescara nel pescarese, ha un ceppo a Roma, ha un piccolo ceppo
 +a Campobasso ed uno a Cerignola nel foggiano, per questi cognomi si possono
 +ipotizzare almeno due ipotesi di origine etimologica: la prima propone
 +una derivazione da una forma dialettale del nome latino <i><font color="#3333FF">Tiberius</font></i>,
 +che, con l'aggiunta di una <i><font color="#3333FF">-m-</font></i> epentetica
 +e la mutazione della <i><font color="#3333FF">-b-</font></i> in <i><font color="#3333FF">-p-</font></i>
 +diviene <i><font color="#3333FF">Timperius</font></i>, la seconda propone
 +una derivazione da un soprannome originato dal termine dialettale abruzzese
 +e laziale <i><font color="#3333FF">timperia</font></i> (<i><font color="#666666">brutto
 +tempo, tempesta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINAGLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinagli è tipicamente toscano, con un ceppo ad Empoli e Lastra a
 +Signa nel fiorentino, a Viareggio nel lucchese ed a Livorno, Cecina e Campiglia
 +Marittima nel livornese, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +termine arcaico&nbsp; <i><font color="#3333FF">tinaglio</font></i> (<i><font color="#666666">tenaglia,
 +uno strumento utilizzato dagli archibugeri</font></i>), identificando forse
 +così il mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinaglia è tipicamente siciliano, con un ceppo a Palermo e Vicari
 +nel palermitano ed uno a Favara ed Agrigento nell'agrigentino, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine dialettale siciliano <i><font color="#3333FF">tinagghia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tenaglia</font></i>), probabilmente un arnese
 +usato dal capostipite nel suo mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINARI
 +<br>TINARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinari è un cognome specifico della fascia che comprende il teatino,
 +il pescarese, l'aquilano ed il romano, con massima concentrazione nel teatino
 +a Guardiagrele e Pollutri, Tinaro, molto più raro, è specifico
 +di Atessa e Vasto nel teatino, dovrebbero entrambi derivare dal nome turco,
 +arabo ed albanese <i><font color="#3333FF">Tinar</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINAZZI
 +<br>TINAZZO
 +<br>TINELLA
 +<br>TINELLI
 +<br>TINELLO
 +<br>TINETTI
 +<br>TINETTO
 +<br>TINI
 +<br>TINO
 +<br>TINOZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinazzi ha un ceppo tra veronese e mantovano, uno nel trevisano ed uno
 +nel romano, Tinazzo ha un ceppo tra mantovano, rovigoto e padovano ed uno,
 +probabilmente secondario, nel romano, Tinella è tipicamente pugliese,
 +di Palagiano e Taranto nel tarantino, di San VIto dei Normanni e Fasano
 +nel brindisino, e di Noci e Gioia del Colle nel barese, Tinelli ha un ceppo
 +al nord tra alessandrino, genovese, spezzino, piacentino e parmense, Lombardia
 +e veronese, ha un ceppo tra Umbria, viterbese e romano ed uno tra barese
 +e tarentino, Tinello ha un ceppo tra alessandrino e genovese, uno nel padovano
 +ed uno nel catanzarese, Tinetti, molto raro, ha un piccolo ceppo a Castellamonte
 +e Torino nel torinese, Tinetto, assolutamente rarissimo, sembrerebbe anch'esso
 +del torinese, Tini è specifico della fascia centrale della penisola,
 +del perugino in particolare, del viterbese e del romano e del teramano
 +e pescarese, Tino, decisamente meridionale,&nbsp; ha un ceppo nell'area
 +che comprende il casertano, il napoletano, il beneventano, l'avellinese
 +ed il foggiano, con un ceppo anche tra vibonese e catanzarese, Tinozzi
 +ha un piccolo ceppo a Perugia e nel perugino ed uno più consistente
 +a Roma, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +varie forme ipocoristiche, anche femminili, dall'aferesi di ipocoristici
 +di nomi come <i><font color="#3366FF">Benedetto</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Umberto</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Alberto</font></i> o simili, ad esempio
 +da Benedetto si ha l'ipocoristico Benedettino che per aferesi diventa Tino
 +e per eventuale ulteriore ipocoristico Tinello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINOR
 +<br>TINORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinor, estremamente raro, è tipicamente friulano, del pordenonese,
 +così come il praticamente unico Tinori, dovrebbero derivare da forme
 +aferetiche del nome di origine greca <font color="#3333FF">Antinore</font>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ANTENORA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINTERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinteri, assolutamente rarissimo, è tipicamente sardo, del sassarese,
 +di Porto Torres, Sassari, Olmedo e Valledoria, dovrebbe derivare da un
 +soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3333FF">tintèri</font></i>
 +(<i><font color="#666666">calamaio</font></i>), forse ad indicare nel capostipite
 +uno scrivano od un maestro di scuola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINTA
 +<br>TINTI
 +<br>TINTINO
 +<br>TINTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinta è specifico di Trieste e di Duino Aurisina nel triestino,
 +Tinti potrebbe avere più ceppi, nel bresciano, nel bolognese in
 +provincia di Firenze e Arezzo, nell'anconetano e nel sud della Sardegna,
 +Tintino, quasi unico, parrebbe partenopeo, Tinto ha un ceppo a Roma ed
 +uno a Napoli ed a Succivo (CE), dovrebbero derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Tinctus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Tincta</font></i>
 +o dal suo ipocoristico <i><font color="#3333FF">Tintinus</font></i>, si
 +hanno tracce intorno al 1000 di un Tintinus, grande latifondista e nella
 +seconda metà del 1200 a Perugia troviamo un Tinctus Bendefende notarius.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tinti è il latino <i><font color="#3333FF">tinctus</font></i>
 +«<i><font color="#666666">intinto, immerso</font></i>» (part.
 +passato del verbo <i><font color="#3333FF">tingere</font></i>), con la
 +precisa significazione cristiana di «<i><font color="#666666">battezzato</font></i>»,
 +cioè <i><font color="#3333FF">tinctus aqua salutis aeternae</font></i>,
 +che vuol dire «<i><font color="#666666">immerso nella acqua dell'eterna
 +salvezza</font></i>». La diffusione del cognome, sinonimo di «<i><font color="#3333FF">cristiano</font></i>»,
 +è larga in Italia, discreta nel Modenese. Designava anche una delle
 +famiglie dell'antica Partecipanza nonantolana. F. Violi, Cognomi a Modena
 +e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINTORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Si individua un nucleo nel bergamasco
 +ed uno in provincia di Lucca, deriva dal mestiere appunto di tintore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TINUNIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tinunin, estremamente raro, sembrerebbe dell'area veneziano friulano, giuliana,
 +dovrebbe trattarsi di un ipocoristico dialettale dell'accrescitivo dialettale
 +di una forma aferetica di nomi come <i><font color="#3333FF">Agostino</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Martino</font></i> o altri che comunque terminino
 +per <i><font color="#3333FF">-tino</font></i>, partendo ad esempio da <i><font color="#3333FF">Martino</font></i>,
 +per aferesi si ottiene <i><font color="#3333FF">Tino</font></i>, il cui
 +accrescitivo dialettale è <i><font color="#3333FF">Tinun</font></i>,
 +che diventa <i><font color="#3333FF">Tinunin</font></i> al diminutivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tioli è tipico del modenese, di Mirandola e di Modena stessa, dovrebbe
 +derivare dall'aferesi di Mattiolo, un'ipocoristico del nome Matteo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIOZZI
 +<br>TIOZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiozzi è specifico di Cervia (RA), Tiozzo, decisamente veneto, è
 +originario di Chioggia, dovrebbero derivare dall'aferesi di modificazioni
 +ipocoristiche del nome Matteo, ma potrebbero anche derivare da modificazioni
 +del termine Chiozzoto (etnico di Chioggia).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tiozzo, Tiozzi è cognome veneto dal nome antico <i><font color="#3333FF">Teozo</font></i>
 +che deriva da <i><font color="#3333FF">Teuzo</font></i>, Förstemann
 +1417. Olivieri 166.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRABASSI
 +<br>TIRABASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirabassi è specifico del Piceno, di Ascoli Piceno, Sant'Elpidio
 +a Mare, Monte Urano, Colli del Tronto e Porto sant'Elpidio, dell'aquilano,
 +di Celano, Avezzano, Sulmona e Cerchio, e di Roma e del romano, Tirabasso
 +ha un piccolo ceppo nel Piceno, uno a Roma ed uno nel campobassano a Campobasso,
 +Oratino e Ripamolisani, la loroa origine secondo alcuni deriva da un'alterazione
 +del nome illirico <i><font color="#3333FF">Ziraxes</font></i>, secondo
 +altri è invece di origine longobarda e deriva da un'alterazione
 +del termine <i><font color="#3333FF">tierwysch</font></i> (<i><font color="#999999">esperto
 +di bestiame</font></i>), probabile attività del capostipite. (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche TIRABOSCHI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRABOSCHI
 +<br>TIRABOSCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiraboschi è tipicamente lombardo, soprattutto del bergamasco, di
 +Oltre il Colle, Serina, Selvino, Bergamo, Zogno, Dalmine, Stezzano, Oneta
 +e Scanzorosciate, con un ceppo anche ad Agnadello nel cremonese ed a Milano,
 +presenta anche un ceppo a Palazzo San Gervasio nel potentino, Tirabosco,
 +molto molto più raro, ha un ceppo a Bolzano, uno a Bagnoli di Sopra
 +nel padovano ed a Vicenza ed uno molto piccolo nel catanzarese, dovrebbero
 +derivare dal termine germanico <i><font color="#3333FF">tierbursch</font></i>
 +(<i><font color="#666666">giovane mandriano o pastore</font></i>) o anche
 +dal termine longobardo <i><font color="#3333FF">tierwysch</font></i> (<i><font color="#666666">esperto
 +di bestiame</font></i>), possibili mestieri dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRAFERRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiraferri, abbastanza raro, ha un ceppo a Rimini e nel riminese ed uno
 +a Roma e Albano Laziale nel romano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal mestiere di lavorante di bottega di un fabbro, probabilmente
 +svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRALONGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della città di Avola (SR), dovrebbe derivare da un soprannome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tiralongo è cognome lucano e siciliano: '<i><font color="#666666">dura
 +a lungo</font></i>'. G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania
 +1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRAMANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiramani è specifico del piacentino, di Piacenza, Morfasso e Lugagnano
 +Val d'Arda, dovrebbe derivare dal nome della località Tiramano della
 +Val Nure nel piacentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRANZI
 +<br>TIRANZONI
 +<br>TIRINZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiranzi, assolutamente rarissimo, è del milanese, Tiranzoni, quasi
 +unico, è sicuramente lombardo, forse bergamasco, potrebbe derivare
 +dal toponimo Tirano (SO), Tirinzoni è specifico di Talamona (SO),
 +dovrebbero derivare direttamente o tramite forme accrescitive dal nome
 +rinascimentale <i><font color="#3366FF">Tirantus</font></i>, abbastanza
 +diffuso in Spagna, di cui leggiamo ad esempio in questo libro del 1523:
 +"<font color="#CC33CC">...Tum et de pestiferis libris, cuiusmodi sunt in
 +Hispania: Amadisus, Splandianus, Florisandus, </font><font color="#FF0000">Tirantus</font><font color="#CC33CC">,
 +Tristanus, quarum ineptiarum nullus est finir; quotidie prodeunt novae:
 +Coelestina laena, nequitiarum parens, Carcer Amorum....</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gigi</font></font>
 +<br>Sembra proprio che Tiranzoni sia un cognome di origine Valtellinese,
 +con origne a Tartano di Morbegno (SO). Si tratterebbe della vecchia forma
 +del cognome Tirinzoni, oggi cognome di Talamona, grosso borgo della bassa
 +Valtellina, quasi unito a Morbegno, situato a una decina di chilometri
 +dal lago di Como. I Tiranzoni sono "scesi" a Talamona dalla montagna di
 +Taratano verso il 1700 "ribattezzandosi" Tirinzoni.
 +<br>Difficile pensare che Tirinzoni derivi dal nome della cittadina di
 +Tirano (una cinquantina di chilometri più a Est). Questo borgo divenuto
 +verso la metà del '500 polo fieristico importantissimo, non ha mai
 +"prodotto" cognomi, diversamente da altri paesi vicini: Ponte, Mazzo, Grosio,
 +Tovo o Bormio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRAPELLE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirapelle è specifico del veronese, in particolare di Roncà,
 +ma anche di Verona e Zimella e di Montecchio Maggiore nel vicentino, potrebbe
 +derivare da un'italianizzazione del vocabolo cimbro <i><font color="#3366FF">traupe</font></i>
 +(<i><font color="#999999">grappolo</font></i>) o di <i><font color="#3366FF">traupiglja</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ribes</font></i>), ma, molto più probabilmente
 +deriva da un'alterazione italianizzata del vocabolo medioevale germanico
 +<i><font color="#3366FF">trappe</font></i> (<i><font color="#999999">laccio,
 +trappola</font></i>), forse ad indicare nel capostipite un cacciatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un nucleo importante nella zona
 +che comprende la Lombardia l'Emilia ed il veronese, un probabile ceppo
 +nell'udinese e piccoli nuclei nel napoletano e nel foggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRENDE
 +<br>TIRENDI
 +<br>TIRENNA
 +<br>TIRENNE
 +<br>TIRENNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirende è unico, parrebbe siciliano, Tirendi è specifico
 +del catanese di Maletto e Misterbianco, Tirenna ha un ceppo a Paternò
 +(CT) ed uno un pò meno importante a Palermo,&nbsp; Tirenne, quasi
 +unico è del catanese, Tirenni è tipico di Centuripe (EN)
 +e di Misterbianco (CT), dovrebbe trattarsi di forme dialettali del nome
 +latino <i><font color="#3366FF">Terentius</font></i> o direttamente derivate
 +dal nome greco <i><font color="#3366FF">Terentes</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRINATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirinato è specifico della provincia di Catanzaro,di Catanzaro e
 +Satriano, dovrebbe trattarsi di una forma etnica arcaica riferita a capostipiti
 +provenienti dal paese di Nocera Tirinese nel catanzarese, paese che anticamente
 +veniva chiamato <i><font color="#3333FF">Terina</font></i> o <i><font color="#3333FF">Tirina</font></i>,
 +da cui la forma etnica grecanica di <i><font color="#3333FF">terinate</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">tirinate</font></i>, per indicarne gli abitanti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRINI
 +<br>TIRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirini, molto raro, sembrerebbe avere un ceppo a Bologna, Tirino è
 +invece specifico del beneventano, di Moiano ed Airola, con un ceppo anche
 +a Napoli, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tirinus</font></i>,
 +probabilmente portato dal capostipite, di questo nome abbiamo un esempio
 +nel 1000: "<font color="#CC33CC">Saeculo undecimo Georgius Cedrenus synopsin
 +historiarum scripsit, a condito mundo usque ad initia lsaacii Comneni,
 +sive annum Christi M LVII productam.. ..et </font><font color="#FF0000">Tirinus</font><font color="#CC33CC">
 +aiunt, eum anno MLXX mortuum ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Sandro
 +Tirini</font></font>
 +<br>dalla consultazione dei registri di battesimo, matrimoni e morte della
 +Chiesa parrocchiale di Pieve di Cento, che era utilizzata anche dai territori
 +circostanti, dall'archivio notarile e comunale della zona ho avuto certezza
 +che la mia ascendenza Tirini, dettagliata fino al 1540, sia specifica della
 +zona in provincia di Bologna, nel triangolo Pieve di Cento - Mascarino
 +(fraz. Di Castello d'Argile) - Cento.&nbsp; Dagli archivi notarile e comunale
 +ho trovato riferimenti a persone con il mio cognome in atti di vario tipo
 +(contratti matrimoniali, acquisto e vendita terreni, opere di bonifica
 +collettive, Catasti, ..) fin dal 1200 circa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRLI
 +<br>TIRLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tirli, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +di Tirloni, che è tipico del bergamasco, di Treviglio, Bergamo,
 +Caravaggio, Cologno al Serio, Ghisalba e Morengo, con un ceppo anche a
 +Garbagnate Milanese nel milanese, e che dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale arcaico con il significato di molto scuro, probabilmente riferito
 +alla carnagione di capostipiti avvezzi a vivere all'aperto, o al colore
 +dei loro capelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIRO
 +<br>TIRONE
 +<br>TIRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiro, molto molto raro, è del genovese, di Masone e Genova, Tirone
 +ha un ceppo in Irpinia, uno nell'agrigentino ed uno tra le province di
 +Roma e dell'Aquila, Tironi è tipico lombardo, del bergamasco in
 +particolare, dovrebbero derivare il ceppo settentrionale da modificazioni
 +dell'aferesi del nome Gualtiero e quello meridionale più probabilmente
 +dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">tiro, tironis</font></i> (<i><font color="#999999">giovane
 +milite, recluta</font></i>) o dal nomen <i><font color="#3366FF">Tiro</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">Tironis</font></i>) di cui abbiamo un esempio
 +nel liberto di Cicerone: "<font color="#CC66CC">...Quid </font><font color="#FF0000">Tiro
 +Tullius</font><font color="#CC66CC">, Ciceronis libertus, reprehenderit
 +in M. Catonis oratione, quam pro Rhodiensibus in senatu dixit; et quid
 +ad ea, quae reprehenderat, responderimus...</font>", è pure possibile
 +un collegamento con l'etnico della città di Tiro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TISAT
 +<br>TISATO
 +<br>TISATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tisat, estremamente raro, è tipico di Feltre e Seren del Grappa
 +nel bellunese, Tisato, meno raro, è tipico del vicentino, di Schio,
 +Valli del Pasubio, Torrebelvicino e Lonigo, di Padova e Verona, Tisatto,
 +quasi unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +del precedente, di etimologia oscura, si potrebbe pensare ad errori di
 +trascrizione di Tosato, anche se non si può escludere la connessione,
 +tramite un soprannome, al termine tisi (tubercolosi). forse per l'aspetto
 +particolarmente emaciato dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TISI
 +<br>TISO
 +<br>TISON
 +<br>TISONE
 +<br>TISONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tisi ha vari ceppi, uno nel basso trentino, uno nel bresciano e mantovano,
 +uno nell'anconetano e nell'ascolano, uno a Roma, uno piccolo nel foggiano,
 +ed uno nel salernitano, Tiso ha un ceppo nel torinese, uno veneto, nel
 +veronese, vicentino, padovano soprattutto e veneziano, uno a Roma, uno
 +piccolo nel foggiano ed uno tra beneventano ed avellinese, Tison è
 +caratteristico del bellunese, di Belluno, Trichiana e Santa Giustina, Tisone,
 +quasi unico, sembrerebbe abruzzese, Tisoni è specifico anch'esso
 +di Belluno, dovrebbero derivare, anche attraverso una forma apocopaica
 +dialettale dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tiso</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Tisonis</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in un atto del 1223, dove come testimone compare un certo Tiso de Francha
 +de Vulnico, o anche in un atto del 1276 dove "<font color="#CC33CC">Bartolomeo
 +da Castelfranco d'ordine di </font><font color="#FF0000">Tisone</font><font color="#CC33CC">
 +decano della chiesa Trevigiana - sede vacante - , Alberto figlio quondam
 +Zano, Benincasa detto Bataya, Nascimbene figlio quondam Belegoto, Negro
 +figlio quondam Miglioranza, Bocio figlio quondam Mano, Wido detto Sarletto,
 +Bonaccorso detto Laurello giurano dinnanzi ai Consoli di Castelfranco...</font>", ricordiamo che Tiso di Camposampiero, nobile germanico al seguito
 +di Enrico II° ricevette da questi nel 1013 un feudo nei territori di
 +Camposampiero nel padovano, esteso fino a comprendere terre del trevigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TISCI
 +<br>TISCIA
 +<br>TISCIO
 +<br>TISCIONE
 +<br>TISCIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tisci ha un ceppo a Napoli ed in Puglia nel barese a Canosa di Puglia,
 +Gravina in Puglia, Aquaviva delle Fonti, Bari e Cassano delle Murge, con
 +piccoli ceppi a Taranto ed a San Ferdinando di Puglia nel foggiano, Tiscia
 +è speccifico del foggiano, di San Nicandro Garganico e San Marco
 +in Lamis, Tiscio, assolutamente rarissimo, è del napoletano, Tiscione
 +è specifico del casertano, di Caserta, San Nicola La Strada e Marcianise,
 +con un piccolo ceppo anche a Palermo e Catania, Tiscioni, quasi unico,
 +sembrerebbe laziale, potrebbero derivare da nomi di località, o,
 +più probabilmente dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Tiscio</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Tiscionis</font></i>, a sua volta derivato dal termine
 +latino <i><font color="#3333FF">titio</font></i>, <i><font color="#3333FF">titionis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tizzone ardente</font></i>), o forse da un soprannome
 +analogo tendente magari a sottolineare un carattere particolarmente focoso
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TISSOT
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tissot, molto molto raro, con rare presenze in tutto il nord, dovrebbe
 +derivare da una voce dialettale francese per <i><font color="#3333FF">tessitore</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TITI
 +<br>TITINI
 +<br>TITINO
 +<br>TITO
 +<br>TITONE
 +<br>TITONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Titi, molto raro, ha un ceppo romano, uno nel perugino ed uno nel brindisino,
 +Titini, assolutamente rarissimo, è del centro Italia, Titino, quasi
 +unico, è del sud, Tito ha un ceppo nel napoletano, uno nel potentino
 +ed uno nel tarentino, Titone è specifico del trapanese, Titoni,
 +estremamente raro, parrebbe del veronese, tutti questi cognomi derivano,
 +direttamente o tramite diminutivi o accrescitivi, dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Titus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Titinus</font></i> o dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Titia</font></i> o dalla <i><font color="#3366FF">Gens Titinia</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Tito è cognome lucano ma anche barese, napoletano e nel Salento;
 +cfr. calabrese (CS) '<i><font color="#3333FF">titu</font></i>' = '<i><font color="#666666">piccolo</font></i>',
 +ma anche Tito comune in provincia di Potenza. G. Rohlfs, Dizionario storico
 +dei cognomi in Lucania 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TITTARELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tittarelli ha un ceppo nell'area che comprende il pesarese, l'anconetano,
 +il maceratese, il perugino ed il ternano, ed un ceppo tra romano e latinense,
 +potrebbe derivare da un soprannome originato da un doppio ipocoristico
 +del nome <i><font color="#3333FF">Battista</font></i>, o anche da un ipocoristico
 +del termine dialettale <i><font color="#3333FF">titta</font></i> (<i><font color="#666666">fanciullo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIUSSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiussi, molto raro, è tipico del basso udinese, dovrebbero derivare
 +dall'aferesi della forma patronimica veneto friulana in <i><font color="#3366FF">-ussi</font></i>
 +del nome Matteo, da Mattiussi (<i><font color="#999999">i piccoli, i figli,
 +di Matteo</font></i>), perdendo la prima sillaba, sarebbe rimasto Tiussi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIVEGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico di Bolano (SP), dovrebbe derivare dall'aferesi
 +del nome augurale medioevale Bentivegna. (<font color="#CC33CC">vedi Bentivegna</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIVOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tivoli. molto molto raro, decisamente laziale, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Tivoli (RM).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIZI
 +<br>TIZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tizi è diffuso nelle province di Roma, Viterbo, Terni, Perugia e
 +nel Piceno, Tizio, assolutamente rarissimo, ha un ceppo nel Molise ed uno
 +nel salernitano, evidente una derivazione dalla Gens romana <i><font color="#3366FF">Titia</font></i>,
 +una delle più antiche, o dal nome gentilizio <i><font color="#3366FF">Titius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIZIANA
 +<br>TIZIANI
 +<br>TIZIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tiziana, quasi unico, è dell'Italia settentrionale, Tiziani ha un
 +ceppo nel varesotto, uno veneto, in particolare nel bellunese, ed uno friulano
 +nell'udinese, Tiziano, pur essendo molto raro, ha piccolissimi ceppi un
 +pò in tutt'Italia, derivano tutti dal cognome latino <i><font color="#3366FF">Titianus</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Titiana</font></i>, caratteristico della
 +<i><font color="#3366FF">Gens Titia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">TIZZA