User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_p

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_p [2020/02/17 21:07] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - P ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="140"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PABA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paba &egrave; tipicamente sardo, di Aritzo nel nuorese, di Cagliari e Selargius
 +nel cagliaritano di Sassari e Bonorva nel sassarese e di Tramatza ed Oristano
 +nell'oristanese, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine
 +sardo <i><font color="#3333FF">Paba</font></i> (<i><font color="#666666">Pontefice</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PABA: “<i><font color="#3333FF">su paba</font></i>”, &egrave; la variante
 +sarda di <i><font color="#666666">il papa</font></i> (pontefice), ma qui
 +in nel Medio Campidano e nel Sulcis Iglesiente esiste la voce “<i><font color="#3333FF">sa
 +paba</font></i>”, che &egrave; la variante di “<i><font color="#3333FF">sa
 +pala</font></i>” intesa come <i><font color="#666666">spalla e come pendio
 +di montagna</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi PALA</font>): il fenomeno
 +del betacismo &egrave; frequente nelle parlate della Sardegna meridionale:
 +s’ob&igrave;a per s’ol&igrave;a (l’oliva), su s&ograve;bi per su soli (il
 +sole), sa sab&igrave;a per sa sal&igrave;a (la saliva), s’&agrave;kibi
 +per s’&agrave;kili (l’aquila), su cob&ograve;ru per su col&ograve;ru (la
 +biscia), s’arj&ograve;ba per s’arj&ograve;la (l’aia), etc. Tale fenomeno
 +&egrave; per&ograve; recente, poich&egrave; non si registra nei documenti
 +medioevali, dove invece &egrave; presente, ed anche profusamente, Pala,
 +come cognome e come toponimo. Per tali motivi, siamo convinti che il cognome
 +<i><font color="#3333FF">Paba</font></i> sia la variante sarda di <i><font color="#666666">papa
 +– pontefice</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi PAPA</font>), dato al
 +capostipite come soprannome, ad esempio. Attualmente il cognome Paba &egrave;
 +presente in 78 Comuni italiani, di cui 37 in Sardegna: Aritzo 85, Cagliari
 +57, Sassari 26, Oristano 24. Nella penisola &egrave; Roma con 43 ad avere
 +il numero pi&ugrave; alto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacca &egrave; tipicamente campano, di Pannarano nel beneventano e di Napoli,
 +potrebbe derivare da un soprannome o nome medioevale basato sul termine
 +longobardo <i><font color="#3333FF">pakka</font></i> (<i><font color="#666666">carne
 +salata</font></i>), forse ad intendere che il capostipite fosse stato un
 +vivandiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCADUSCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paccaduscio, molto molto raro, &egrave; specifico di Perugia, di origine
 +etimologica oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCAGNA
 +<br>PACCAGNI
 +<br>PACCAGNINI
 +<br>PACCAGNINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paccagna, estremamente raro, ha un ceppo nel sudmilanese e lodigiano, Paccagni,
 +quasi unico, parrebbe del varesotto, Paccagnini&nbsp; ha un ceppo nel milanese
 +a Castano Primo, Milano e Buscate, un ceppo nel pistoiese a Pistoia, Quarrata
 +e San Marcello Pistoiese ed a Montalcino nel senese, un piccolo ceppo &egrave;
 +presente anche ad Alghero nel sassarese, Paccagnino, praticamente unico,
 +parrebbe del novarese, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite
 +ipocoristici, da soprannomi originati dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">paccagna</font></i>
 +(<i><font color="#666666">colpo, botta, ma anche nespola</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCAGNELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paccagnella &egrave; tipicamente veneto, di Padova, Rubano, Albignasego,
 +Vigodarzere, Limena, Sant'Angelo di Piove di Sacco, Cadoneghe, Selvazzano
 +Dentro, Rovolon, Villafranca Padovana, Abano Terme, Curtarolo e Vigonza,
 +del veneziano, di Venezia e Dolo, e del vicentino, di Torri di Quartesolo,
 +Vicenza e Bolzano Vicentino, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +arcaico basato su di un'alterazione del termine veneziano arcaico <i><font color="#3333FF">paccagnesso</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cicaleccio, ma anche chiasso e baccano</font></i>),
 +forse ad indicare nei capostipiti delle persone molto solite alle ciarle.
 +(<font color="#CC33CC">vedi comunque anche PACCAGNA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCHIANI
 +<br>PACCHIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacchiani ha un ceppo nel bergamasco, in particolare a Bossico, uno a Parma
 +e nel parmense ed uno toscano, a Siena, Massa e Firenze, Pacchiano &egrave;
 +tipico del napoletano, di Cimitile, Nola, Pomigliano d'Arco e Marigliano,
 +dovrebbero derivare da soprannomi originati dal vocabolo <i><font color="#3366FF">pacchia</font></i>
 +nella sua accezione arcaica di cibo, <i><font color="#999999">pasto abbondante</font></i>,
 +con il significato forse di <i><font color="#999999">crapulone</font></i>
 +o <i><font color="#999999">ingordo</font></i>, forse a sottolineare una
 +particolare ingordigia o smodatezza nei consumi da parte dei capostipiti.&nbsp;
 +Troviamo tracce di queste cognominizzazioni in Emilia nel 1700 quando un
 +certo Don Pietro Pacchiani &egrave; arciprete a Bazzano nel bolognese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCHIARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacchiarini ha un ceppo nel lodigiano, a Lodi e Massalengo, a Milano ed
 +a Pavia, ed uno molto piccolo tra reggiano e modenese, a Palagano nel modenese
 +in particolare, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Pacchiarino</font></i>,
 +con questo nome ricordiamo il Capitano di Ventura del 1500 Pacchiarino,
 +nome derivato da un soprannome originato da una forma ipocoristica del
 +termine <i><font color="#3333FF">pacchia</font></i> (<i><font color="#666666">mangiata
 +e bevuta memorabile</font></i>), che sembrerebbe essere a sua volta derivato
 +dal vocabolo tardo latino <i><font color="#3333FF">pacho</font></i> (<i><font color="#666666">porco
 +all'ingrasso</font></i>), il termine <i><font color="#3333FF">pacchiarino</font></i>
 +dovrebbe aver voluto dire sia <i><font color="#666666">ghiottoncello</font></i>
 +che <i><font color="#666666">pasticcione</font></i>.&nbsp; Il Capitano
 +di Ventura Pacchiarino &egrave; citato ad esempio nell'<i><font color="#3333FF">Assedio
 +di Firenze</font></i> di Mambrino Roseo da Fabriano: "<font color="#CC33CC">..Trascorrea
 +il campo il signor Mario Ursino // come crudo serpente o fiero drago, //
 +quivi combatte forte </font><font color="#FF0000">Pacchiarino</font><font color="#CC33CC">
 +// che della pugna sempre &egrave; stato vago, // lommetto sembra nuovo
 +paladino // e brama ognor veder di sangue un lago, // li soldati al combatter
 +son s&igrave; chiusi // eh' oprano senza fuoco li archibusi. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCHIAROTTA
 +<br>PACCHIAROTTI
 +<br>PACCHIERI
 +<br>PACCHIEROTTI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacchiarotta, molto raro, &egrave; specifico dell'aquilano, di Celano e
 +di Avezzano, Pacchiarotti &egrave; tipicamente laziale, di Roma e di Grotte
 +di Castro e Blera nel viterbese, con piccoli ceppi anche a Sorano ed Orbetello
 +nel grossetano&nbsp; e nel ternano, Pacchieri, molto molto raro, &egrave;
 +tipico di Grosseto, Pacchierotti &egrave; specifico di Casole D'Elsa nel
 +senese, dovrebbero derivare da soprannomi, forse legati al mestiere dei capostipiti, originati dal termine arcaico
 +<i><font color="#3333FF">pacchiaro</font></i> o <i><font color="#3333FF">pacchiero</font></i>,
 +cio&egrave; chi da da mangiare ai <i><font color="#3333FF">pacchi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">porci all'ingrasso</font></i>), o per estensione
 +<i><font color="#666666">chi mangia smodatamente</font></i>, ma anche <i><font color="#666666">sempliciotto
 +e grossolano</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi anche PACCHIARINI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCHIONE
 +<br>PACCHIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacchione &egrave; tipico abruzzese, della zona tra teramano e pescarese,
 +di Silvi (TE) e Pescara, Pacchioni ha un ceppo lombardo tra Bagnolo Cremasco
 +e Crema nel cremasco, Lodi e Corte Palasio nel lodigiano e Milano, ed un
 +ceppo emiliano nel modenese, tra Modena, Carpi e Cavezzo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Il cognome Pacchione deriva probabilmente dall'antico italiano <i><font color="#3366FF">pacchione</font></i>,
 +col significato letterale di <i><font color="#999999">mangione, che mangia
 +molto</font></i> (dal verbo <i><font color="#3366FF">pacchiare</font></i>,
 +che nel linguaggio familiare significa appunto <i><font color="#999999">mangiare
 +molto, ingordamente</font></i>); in questo caso, infatti, si tratterebbe
 +di una rara variante del molto pi&ugrave; comune Mangione (che presenta
 +un ulteriore variante in Mangiante), un cognome diffuso un po' in tutta
 +Italia (soprattutto nel sud, con forti concentrazioni in Sicilia e Puglia).
 +Va inoltre aggiunto che, al di l&agrave; di un'origine diretta da un soprannome,
 +questi cognomi potrebbero anche derivare da vecchi nomi di persona, da
 +intendere forse come varianti dei nomi medievali Grasso e Grosso: nella
 +Siena del secondo '200, infatti, compare il nome di messer Mangiante da
 +Pietra della Casa Pannocchieschi e, nel corso dei secoli successivi, questo
 +nome si ritrova spesso fra i membri della stessa famiglia. In conclusione,
 +dunque, si tratta della cognominizzazione o del nome personale del capostipite
 +o di un soprannome a questi attribuito.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCI
 +<br>PACCIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacci, assolutamente rarissimo parrebbe dell'area toscano, umbro, marchigiana,
 +Paccio &egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare da forme aferetiche
 +di modificazioni peggiorative del nome Iacopo, ma non &egrave; impossibile
 +anche una derivazione dal praenomen latino <i><font color="#3366FF">Paccius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio negli <i><font color="#3366FF">Annales </font></i>di
 +Tacito: "<font color="#CC33CC">...Interim Corbulo legionibus intra castra
 +habitis, donec ver adolesceret, dispositisque per idoneos locos cohortibus
 +auxiliariis, ne pugnam priores auderent praedicit. curam praesidiorum </font><font color="#FF0000">Paccio
 +Orfito</font><font color="#CC33CC"> primi pili honore perfuncto mandat....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCIANI
 +<br>PACIANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacciani &egrave; tipico della
 +zona tra Firenze e Siena, Paciani &egrave;assolutamente raro, probabilmente
 +si tratta di un errore di trascrizione di Pacciani, dovrebbero derivare
 +dall'aferesi di una trasformazione del nome&nbsp; <i><font color="#3333FF">Jacopo - Jacopaccio -
 +Paccio</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pacciani &egrave; frequentissimo in Toscana e nel Lazio. Viene dal
 +personale latino <i><font color="#3333FF">Pac[c]ius</font></i>. Toponimo
 +<i><font color="#3333FF">Pacciano</font></i> (SI ) Pieri 122.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACCIARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacciardi &egrave; tipicamente toscano di Livorno e del livornese e di
 +Cascina e Pisa nel pisano, si dovrebbe trattare di una forma di appartenenza
 +in <i><font color="#3333FF">-ardi</font></i>, riferita al fatto di essere
 +del gruppo dei <i><font color="#3333FF">Pacci</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +PACCI</font>), probabilmente un ramo cadetto di questa famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACE
 +<br>PACI
 +<br>PACIONE
 +<br>PACIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img SRC="../immagini/stem00pace.gif" NOSAVE BORDER=0 height=70 width=62 align=LEFT><font size=-1>Pace &egrave; assolutamente panitaliano, Paci &egrave; diffuso in Romagna,
 +Toscana, Marche, Umbria, Lazio e nella Sicilia meridionale, Pacione ha
 +un ceppo nell'area che comprende l'aquilano, il romano ed il frusinate
 +ed un ceppo nel barese, Pacioni ha un ceppo marchigiano tra maceratese
 +e Piceno, ed uno laziale nel romano, latinense e frusinate, derivano, direttamente
 +o tramite accrescitivi, dal nome augurale medioevale <i><font color="#3366FF">Pace</font></i>
 +di una certa fama fu, nel 1500 Giulio Pace, professore all'universit&agrave;
 +di Genova, di Heidelberg e di Valencia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACECO
 +<br>PACHECO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paceco, molto molto raro, &egrave; tipico dell'agrigentino e dovrebbe derivare
 +dal toponimo Paceco nel trapanese, ma &egrave; pure possibile una derivazione
 +dal nome latino <i><font color="#3366FF">Paciaecus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in una lettera di Cicerone ad Attico: "<font color="#CC33CC">Cicero
 +Attico sal. hic rumores tamen Murcum perisse naufragio, Asinium delatum
 +vivum in manus militum, L navis delatas Uticam reflatu hoc, Pompeium non
 +comparere nec in Balearibus omnino fuisse, ut </font><font color="#FF0000">Paciaecus</font><font color="#CC33CC">
 +adfirmat. sed auctor nullius rei quisquam. habes quae, dum tu abes, locuti
 +sint. ludi interea Praeneste. ibi Hirtius et isti omnes. ..</font>" e che
 +ha dato probabilmente origine al nome e cognome spagnolo Pacheco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACELLA
 +<br>PACELLI
 +<br>PACELLO
 +<br>PACIELLI
 +<br>PACIELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacella &egrave; molto diffuso nel Lazio, nell'aquilano e nel teatino,
 +nella Campania costiera, nel potentino ed in Puglia, in particolare nel
 +leccese, Pacelli ha un nucleo laziale tra la provincia di Roma ed il frusinate
 +ed un ceppo campano soprattutto nell'avellinese, Pacello, molto raro, &egrave;
 +tipico della zona di Monopoli (BA), Pacielli &egrave; quasi unico, Paciello
 +ha un ceppo tra casertano, napoletano e salernitano, uno pugliese nel barese
 +e soprattutto nel foggiano ed uno nel potentino, dovrebbero tutti derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Pacella</font></i> o <i><font color="#3333FF">Pacellus</font></i> di cui
 +abbiamo un esempio nell'elenco degli impiegati della zecca del Regno di
 +Napoli nel 1401, dove viene citato un certo Pacellus Cutungnius.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Tiziano
 +Venti</font></font>
 +<br><font color="#000000">La derivazione esatta &egrave; da un nome originato
 +dalla frase latina </font><i><font color="#3366FF">pax coeli</font></i><font color="#000000">
 +cio&egrave; </font><i><font color="#666666">la pace dei cieli</font></i><font color="#000000">.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pacella &egrave; cognome leccese derivato, secondo Minervini 361, dal
 +cognome base <i><font color="#3333FF">Paci</font></i> che ha alla base
 +il personale <i><font color="#3333FF">Pace</font></i> dal latino <i><font color="#3333FF">pax</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">pacis</font></i>, dato a un figlio con
 +significato augurale.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Vincenzo
 +Pacelli</font></font>
 +<br>Esiste un ceppo notevole di Pacelli nel nord del Lazio (provincia di
 +Viterbo) con un nucleo centrale fra Vignanello, Vallerano e Fabrica di
 +Roma. Inoltre Onano &egrave; il paese di origine di Eugenio Pacelli, papa
 +Pio XII.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACERA
 +<br>PACIERA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacera ha un ceppo a Palermo ed uno a Gragnano nel napoletano, Paciera
 +&egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare dal nome arcaico <i><font color="#3333FF">Paciera</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">Pacera</font></i>, nome attribuito in passato
 +in quanto attributo di Maria Vergine: "<font color="#CC33CC">Ipsa </font><font color="#FF0000">reperit
 +pacem inimicis</font><font color="#CC33CC">, salutem perditis, indulgentiam
 +reis, misericordiam desperatis...</font>".</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACESCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paceschi, molto raro, ha un ceppo nel perugino a San Giustino, potrebbe
 +derivare da una forma patronimica arcaica in -eschi, per indicare i figli
 +di un non meglio identificato <i><font color="#3333FF">Pace</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PACE</font>), ma non si pu&ograve; escludere
 +che possa invece trattarsi di una modificazione del nome latino <i><font color="#3333FF">Paciaecus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PACECO</font>), con l'inserimento di una esse epentetica, o che possa derivare da un
 +soprannome o nome medioevale. Tracce di questa cognominizzazione si trovano
 +nell'alta Toscana fin dagli inizi del 1600, in un atto del 1635 si legge
 +di un certo Don Petronio Pacesco Pistoriensi.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACHER
 +<br>PACKER</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacher &egrave; specifico del trentino, di Levico Terme, Roncegno e Grigno,
 +Packer &egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare, direttamente o
 +tramite una forma dialettale, dal termine tedesco <i><font color="#3333FF">packer</font></i>
 +(<i><font color="#666666">operaio addetto al confezionamento ed all'imballaggio</font></i>),
 +forse il mestiere del capostipite.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACHINI
 +<br>PACHINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pachini &egrave; quasi unico, Pachino, molto raro, parrebbe tipico di Naro
 +(AG), dovrebbero derivare dal toponimo Pachino nel siracusano.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACIARIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paciariello, molto molto raro, sembrerebbe specifico di Stigliano nel materano,
 +potrebbe derivare da una forma ipocoristica del praenomen latino <i><font color="#3333FF">Paccius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PACCI</font>), ma potrebbe anche derivare da
 +un soprannome originato dal fatto che il capostipite fosse un mangione.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACIFICI
 +<br>PACIFICO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacifici &egrave; tipico della fascia centrale che comprende Umbria, Lazio
 +ed aquilano, Pacifico &egrave; propriamente campano e pugliese, derivano
 +dal nome tardo latino Pacificus, di cui abbiamo un esempio nella seconda
 +met&agrave; del 1300 a Firenze con il notaio Pacificus de Pacificis, a
 +Roma agli inizi del 1500 opera un notaio Pacifici.</font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACINI
 +<br>PACINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacini &egrave; tipico della fascia centrale, Toscana, Marche, Umbria
 +e Lazio, con massima diffusione in Toscana, Pacino, molto meno diffuso,
 +ha un nucleo in Sicilia ed uno nel cosentino, derivano dal nome augurale
 +medioevale Pacinus, secondo altri potrebbe derivare dal nome troiano Pacinos,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio nell'elenco degli
 +scolari dell'Universit&agrave; di Perugia sotto l'anno 1576 dove &egrave;
 +menzionato un certo Ioannes Baptista Pacinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACIOSI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro sembra essere tipico della zona tra perugino e rietino,
 +potrebbe derivare dal toponimo Paciano (PG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACIRDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pacirdi, assolutamente unico, potrebbe trattarsi di un cognome di fantasia
 +attribuito ad un trovatell, o di un'errore di trascrizione del cognome
 +<i><font color="#3333FF">Pacciard</font></i>i (<font color="#CC33CC">vedi
 +PACCIARDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PACIULLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico dell'area tra Bari e
 +Taranto, deriva da alterazioni dialettali del nome augurale medioevale
 +Pace.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADALINA
 +<br>PADALINI
 +<br>PADALINO
 +<br>PATALINI
 +<br>PATALINO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padalina, Padalini e Patalino sono assolutamente rarissimi, Patalini ha
 +un piccolo ceppo a Todi (PG), Padalino ha un grosso ceppo pugliese a Foggia
 +con punte molto minori nel foggiano ed a Carovigno (BR), Bisceglie (BA)
 +e Taranto, ed un ceppo minore in Sicilia, a Catania e nel catanese, a Carini
 +e Palermo nel palermitano, a Casteltermini (AG) ed a Messina.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Padalina, quasi unico, sembra essere originario della Sicilia, Padalini,
 +anch'esso quasi unico, &egrave; specifico di Brindisi, Padalino, presente
 +da nord a sud del paese, &egrave; pi&ugrave; tipicamente pugliese e siciliano,
 +con ceppi maggiori nel foggiano e, in misura minore, nel catanese, Patalini,
 +quasi unico, &egrave; originario del perugino, Patalino, anch'esso quasi
 +unico, si riscontra maggiormente nell'avellinese, tutti questi cognomi
 +derivano dalla metatesi del nome medievale <i><font color="#3366FF">Paladino</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Palatino</font></i>, col significato letterale
 +di <i><font color="#999999">abitante del palazzo</font></i> (di solito
 +si intende il palazzo reale o imperiale); la diffusione di questo nome
 +di persona, tuttavia, si deve probabilmente alla fama assunta dai paladini
 +di Carlo Magno, dodici nobili scelti dallo stesso sovrano, che combattevano
 +a fianco di re Carlo (le loro gesta furono rese note dall'epica cavalleresca,
 +tant'&egrave; che il termine paladino assunse anche il senso figurato di
 +uomo intrepido, valoroso). Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADDEO
 +<br>PADDEU</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Paddeo, assolutamente sardo, sembrerebbe specifico dell'oristanese, Paddeu,
 +&egrave; tipico del sassarese, di Alghero e Sassari, ma con presenze anche
 +nel nuorese a Nuoro ed Orani, potrebbero derivare da soprannomi collegati
 +con il vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">padda</font></i> (<i><font color="#999999">paglia</font></i>),
 +forse ad indicare che il capostipite vivesse in un pagliaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADEDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Pad&egrave;dda ha un piccolo ceppo a Bolotana nel nuorese e nel sudovest
 +della Sardegna, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine sardo
 +meridionale <i><font color="#3333FF">pad&egrave;dda</font></i> (<i><font color="#666666">pentola,
 +pignatta</font></i>), forse ad indicare che il mestiere del capostipitefosse
 +quello del cuoco, o dell'addetto di cucina.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PADEDDA; PADELLA: deriva dal latino <i><font color="#3333FF">patella</font></i>
 +(<i><font color="#666666">vassoio per i sacrifici</font></i>), che &egrave;
 +il diminutivo di <i><font color="#3333FF">patera</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Paderas</font>). In tutto il territorio italiano il termine “padella”,
 +come il sardo padedda, designa un utensile da cucina, di forma rotonda,
 +largo e poco profondo, usato soprattutto per friggere i cibi. Se &egrave;
 +di ceramica qui in Sardegna (ma anche in altre parti dell’Italia meridionale),
 +lo chiamiamo solitamente, “<i><font color="#3333FF">tiano/u</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche il cognome Tiano</font>) = <i><font color="#666666">tegame</font></i>,
 +dal greco <font color="#3333FF">&#964;&#951;&#947;&#940;&#957;&#959;&#957;</font> o <font color="#3333FF">&#964;&#942;&#947;&#945;&#957;&#959;&#957;</font>.
 +Attualmente il cognome Padedda &egrave; presente in 17 Comuni italiani,
 +di cui 9 in Sardegna: Bolotana 15, Vallermosa 12, Sedilo 8, Carbonia 5,
 +etc. Il cognome Padella &egrave; presente in 42 Comuni Italiani, ma non
 +in Sardegna. Nella penisola &egrave; Roma, con 37, ad avere il numero pi&ugrave;
 +alto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADELLA
 +<br>PADELLI
 +<br>PADELLO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padella ha un piccolo ceppo a Padenghe sul Garda nel bresciano, uno a Pisa
 +e Livorno ed uno, il pi&ugrave; consistente, a Roma, Padelli ha un ceppo
 +a Rogolo nel sondriese, uno nell'aretino, ad Arezzo, Capolona e Cortona,
 +Padello, assolutamente rarissimo, sembrerebbe piemontese, dovrebbero derivare
 +da un soprannome basato sul termine italiano <i><font color="#3333FF">padella</font></i>,
 +o su sue alterazioni dialettali, probabilmente attribuito a capostipiti,
 +che di mestiere facessero i cuochi o gli addetti di cucina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADERA
 +<br>PADERAS
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padera &egrave; unico ed &egrave; probabilmente dovuto ad un errore di
 +trascrizione di Paderas, che &egrave; assolutamente rarissimo ed &egrave;
 +tipico del cagliaritano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PADERAS: deriva probabilmente dal latino <i><font color="#3333FF">pat&#275;ra</font></i>
 +(deverbale da <i><font color="#3333FF">pat&#275;re</font></i> = <i><font color="#666666">essere
 +aperto</font></i>), col significato proprio di <i><font color="#666666">vassoio
 +per i sacrifici, patera, tazza,&nbsp; piatto</font></i> o anche <i><font color="#666666">padell</font></i>a.
 +(<font color="#CC33CC">Vedi pure Pad&eacute;ri, Patt&eacute;ri e soprattutto
 +Pad&egrave;dda</font>). Non &egrave; presente nei documenti antichi della
 +lingua e della storia della Sardegna. Si tratta di un cognome molto raro,
 +presente oggi in 9 Comuni italiani, di cui 6 in Sardegna: Carbonia 11,
 +Sassari 6, Teulada 5, Iglesias, Cagliari e Carloforte con un solo nucleo
 +familiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADERI
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Paderi &egrave; abbastanza comune nel cagliaritano e nel Campidano, dovrebbe
 +derivare da soprannomi originati o dal vocabolo sardo <i><font color="#3333FF">padda</font></i>
 +(<i><font color="#666666">paglia</font></i>) o da un vocabolo campidanese
 +arcaico che fa riperimento allo stalliere, dovrebbe quindi trattarsi di
 +cognomi relativi al mestiere del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PADERI: non ne conosciamo n&eacute; il significato, n&eacute; l’etimologia.
 +Si pu&ograve; tentare un accostamento a&nbsp; <i><font color="#3333FF">Pa(t)t&eacute;ri</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi il cognome Pat&egrave;ri</font>). Potrebbe
 +derivare da <i><font color="#3333FF">palla, padda, padza</font></i>,&nbsp;
 += <i><font color="#666666">paglia</font></i>; <i><font color="#3333FF">pad&eacute;ri</font></i>
 += <i><font color="#666666">addetto alla stalla</font></i>; o da <i><font color="#3333FF">pardu</font></i>
 += <i><font color="#666666">aia</font></i>: <i><font color="#3333FF">pard&eacute;ri</font></i>
 += <i><font color="#666666">addetto all’aia</font></i>, arjolaiu. Non sappiamo
 +altro. &Egrave; presente nei documenti medioevali della lingua e storia
 +della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388,
 +figura Pad&eacute;ri Petro, ville Nuruci, * Nuruci...odierno Nureci, **
 +Laconi…et Contrate Partis Alen&ccedil;a et etc. seu Atara Bar&ccedil;olo,
 +officiali Curatorie de Parte Alen&ccedil;a. In posse Penna Ambrosii et
 +filii Guiducii (Penna) notari...die XII januarii 1388.( nisi pastores bestiarium
 +et etc.). Della storia moderna ricordiamo Paderi Domenico, di Oristano.
 +A lui si deve il primo ed interessante tentativo di bonifica nei suoi terreni,
 +negli ultimi decenni del ‘700, probabilmente ispirandosi alla grande idea
 +di riforma dell’agricoltura in Sardegna, proposta dal conte Giambattista
 +Lorenzo Bogino(vedi nel Web – Giuseppe Concas Almanacco di Maggio: il Bogino).
 +Nella storia contemporanea citiamo Paderi Concas Giuseppe, di Villaputzu
 +(1826 – 1906): fu il secondo vescovo della nuova Diocesi di Ogliastra,
 +oggi Lanusei, dal 1900 al 1906. Il cognome Pad&eacute;ri &egrave; attualmente
 +presente in 97 Comuni d’Italia, di cui 35 in Sardegna: Cagliari 75, Quartu
 +50, Quartucciu 39, Sanluri 35, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADERNI
 +<br>PADERNO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Paderni ha un ceppo nel milanese, uno nel bresciano ed uno in Emilia nell'area
 +che comprende il reggiano, il modenese ed il bolognese, Paderno, tipicamente
 +lombardo &egrave; specifico dell'area bresciana, dovrebbero tutti derivare
 +da nomi di localit&agrave; come Paderna nel parmense e nel reggiano, Paderno
 +Franciacorta nel bresciano, Paderno di Bologna, Paderno d'Adda nel lecchese,
 +Paderno Ponchielli nel cremonese e Paderno Dugnano nel milanese, tutti
 +questi comuni dovrebbero derivare la comune radice Paderno dal termine
 +latino <i><font color="#3366FF">paternus ager</font></i> o <i><font color="#3366FF">paternus
 +fundus</font></i>&nbsp; (<i><font color="#999999">terreni del padre</font></i>,
 +probabilmente ad individuarli come lascito paterno). Un principio di queste
 +cognominizzazioni lo troviamo in una <i><font color="#3366FF">Notitia consulum
 +Laude</font></i> (<i><font color="#999999">sentenza consolare lodigiana</font></i>)
 +del 1143 a Lodi: "<font color="#CC33CC">Anno ab incarnacione domini nostri
 +Iesu Christi millesimo centesimo quadragesimo tercio, mense aprilis, indicione
 +sesta. Dum in Dei nomine consules Laudenses, videlicet Lafrancus de Trixino
 +et </font><font color="#FF0000">Trancredus de Paderno</font><font color="#CC33CC">
 +et Otto Morena et Arialdus de Gavazo et Adam de la Pusterla et Manfredus
 +Bellotti et Albertus Muscleto, residerent ad iusticias faciendas ac deliberandas,
 +venit ante eos domnus Iohannes Vacca, missus domni Iohannis, Dei gratia
 +Laudensis episcopi, conquestus ac laumentatus est a parte suprascripti
 +episcopatus de Iohanne Asdenti quod detinebat eidem episcopatui iniuste
 +et sine racione iugera quattuordecim in loco Sancti Mathi que fuerunt olim
 +feodum de scutherio Grimerii Agustino...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADOA
 +<br>PADOAN
 +<br>PADOANI
 +<br>PADOANO
 +<br>PADUA
 +<br>PADUANI</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padoa. Padoani, Padoano e Paduani sono assolutamente rarissimi, ma probabilmente
 +sono attribuibili all'area veneto friulana, Padoan &egrave; diffusissimo
 +nelle tre Venezie, nel Veneto e nel veneziano in particolare, Padua ha
 +un nucleo a Scicli nel ragusano ed uno tra le province di Roma e Latina,
 +dovrebbero derivare dal toponimo Padova, Padua in latino medioevale o dal
 +suo etnico <i><font color="#3333FF">paduano</font></i>, ma &egrave; pure
 +identificabile un <i><font color="#3333FF">Padoano</font></i> nome proprio
 +medioevale, come si evince da questa Carta venditionis dell'anno 1199 a
 +Cortenova (LC): "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnacionis milleximo centeximo nonageximo nono, ultimo die
 +aprilis, indicione secunda. Investivit per mercatum nomine vendicionis
 +Guifredus de Osa civitatis Mediolani, pro se et </font><font color="#FF0000">Padoano</font><font color="#CC33CC">
 +et Lodorengo atque Uberto fratribus suis de eadem civitate Mediolani, presbiterum
 +Guilielmum offitiallem ecclesie Sancti Alexandri que est sita in Curtenova...</font>",
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Roma nel 1380: "<font color="#CC33CC">...Domina
 +Ioanna uxor Aleonti Ypoliti, dicti alias </font><font color="#FF0000">Paduani</font><font color="#CC33CC">
 +de parochia sancti Laurentii de piscibus...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADOVAN
 +<br>PADOVANI
 +<br>PADOVANO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padovan &egrave; tipicamente veneto, Padovani &egrave; molto diffuso in
 +Veneto, Lombardia ed Emilia, Padovano &egrave; specifico di Puglia e Campania,
 +derivano tutti dall'etnico padovano, originario o proveniente da Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADRONAGGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, potrebbe essere originario dell'agrigentino,
 +tracce di questo cognome si trovano a Bivona (AG) verso la fine del 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADUANO
 +<br>PADULANO
 +<br>PARUANO
 +<br>PARULANO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Paduano, tipicamente campano, &egrave; del napoletano in particolare di
 +Napoli, Torre del Greco, Torre Annunziata, Boscoreale, Boscotrecase, Trecase,
 +Pompei e Castellammare di Stabia, di Scafati nel salernitano e di Ariano
 +Irpino nell'avellinese, Padulano &egrave; specifico di Napoli e Torre Annunziata,
 +Paruano e Parulano sono quasi unici, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal mestiere dei capostipiti, o dal nome delle localit&agrave;
 +di provenienza come Padula nel salernitano, o Paduli nel beneventano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da David Nacar</font></font>
 +<br>paduano o anche padulano, paruano, parulano in napoletano vogliono
 +dire ortolano. Padula o padua, significa orto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADULA
 +<br>PADULI
 +<br>PADULO</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Padula &egrave; tipico del sud peninsulare, particolarmente concentrato
 +in Basilicata, dovrebbe derivare da uno dei molti toponimi con questo nome,
 +come ad esempio Padula (SA), Padula di San Pietro (CS), Paduli &egrave;
 +quasi unico, Padulo, molto raro, &egrave; specifico del Molise, zona di
 +Campobasso e dintorni, anch'esso potrebbe derivare da un toponimo come
 +Padulo (AP) o Padula di Monteroduni (IS).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Padula, panitaliano, frequentissimo nel sud. Cognome derivato dal termine
 +latino '<i><font color="#3333FF">palus, paludis</font></i>', da cui il
 +nostro "<i><font color="#666666">palude</font></i>" nonch&eacute; il sinonimo
 +'<i><font color="#3333FF">padule</font></i>' = "<i><font color="#666666">pantano</font></i>",
 +derivato per metatesi, con un senso alquanto diminutivo. In napoletano
 +"<i><font color="#3333FF">parule</font></i>". Il cognome pu&ograve; derivare
 +da toponimi omonimi come ad es. Padula (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADULLI
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Quasi unico, probabilmente milanese, :dovrebbe
 +derivare, da palude o padule. Le prime notizie risalgono al 1234, quando
 +li troviamo tra i notabili del milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PADUS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Quasi unico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAES
 +<br>PAESE
 +<br>PAESI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paes &egrave; assolutamente rarissimo, sembrerebbe ligure, ma &egrave;
 +pi&ugrave; probabilmente di origine portoghese e sarebbe una variazione
 +del cognome galiziano Paez, Paese, molto raro dovrebbe essere cosentino,
 +Paesi quasi unico parrebbe del sudmilanese e pavese, potrebbero derivare
 +da toponimi recanti l'attributo Paese, come ad esempio Linate Paese (MI)
 +o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAESAN
 +<br>PAESANI
 +<br>PAESANO
 +<br>PAISSAN</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paesan, assolutamente rarissimo sembrerebbe del padovano, Paesani &egrave;
 +della fascia che comprende Marche, Abruzzo e Lazio, Paesano ha un ceppo
 +ad Isola del Liri nel frusinate ed a Roma, ed un grosso nucleo a Napoli
 +e nel napoletano e salernitano, Paissan, molto raro, &egrave; tipico della
 +zona di Trento e Torlago (TN), derivano da soprannomi dialettali originati
 +dal termine stante ad indicare una provenienza dal paese in un ambiente
 +di gente di campagna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAFFUMI
 +<br>PAFUMI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pafumi &egrave; tipico di Messina e del messinese e di Catania, Bronte,
 +Linguaglossa e Giarre nel catanese, Paffumi, rarissimo, dovrebbe essere
 +originario della provincia di Messina, secondo alcuni si tratterebbe di
 +una modificazione dialettale del nome greco <i><font color="#3366FF">Pachymios</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAFUNDI
 +<br>PAFUNDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pafundi ha un ceppo a Napoli ed uno a Pietragalla nel potentino, con presenze,
 +sempre nel potentino, ad Acerenza, Potenza ed Oppido Lucano, Pafundo, quasi
 +unico, &egrave; del potentino, dovrebbero derivare da una forma etnica
 +della citt&agrave; di Paphos sull'isola di Cipro, ed essere probabilmente
 +arrivato in Italia portato da profughi ciprioti a seguito degli scontri
 +con i turchi nel 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGANA
 +<br>PAGANELLI
 +<br>PAGANELLO
 +<br>PAGANETTI
 +<br>PAGANETTO
 +<br>PAGANI
 +<br>PAGANIN
 +<br>PAGANINI
 +<br>PAGANO
 +<br>PAGANONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00paganelli.gif" NOSAVE BORDER=0 height=81 width=60 align=LEFT><img SRC="../immagini/stem00pagani.gif" NOSAVE BORDER=0 height=60 width=48 align=RIGHT><font size=-1>Pagana molto raro &egrave; tipico della provincia di Enna, Paganelli &egrave;
 +della zona tra l'Emilia e la Toscana appenninica, Paganello ha un ceppo
 +siciliano a Palagonia (CT) e Palermo ed uno veneto, Paganetti, molto raro,
 +&egrave; della provincia di Sondrio, Paganetto sembrerebbe genovese, Pagani
 +&egrave; del norditalia con un ceppo importante in Lombardia, Paganin &egrave;
 +tipicamente veneto ed &egrave; diffuso in tutta quella regione, Paganini
 +sembra avere almeno tre ceppi, nella Liguria orientale, nella Lombardia
 +occidentale, in Emilia e Romagna, Pagano &egrave; assolutamente panitaliano,
 +Paganoni &egrave; originaro dell'area che comprende il lecchese e la Bergamasca. Tutti questi
 +cognomi fanno ipotizzare un'origine non cristiana delle famiglie, infatti
 +era usanza medioevale il definire i barbari non cristiani o saraceni, con
 +l'appellativo e quindi&nbsp; il soprannome di pagano, ma &egrave; pure
 +possibili che derivino da uno dei tanti toponimi con radice Pagan...come
 +a solo titolo di esempio Pagani (SA), un'ipotesi non trascurabile &egrave; che derivino dal termine latino <i><font color="#3366FF">pagus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">villaggio</font></i>) intendendo perci&ograve;
 +una provenienza dal contado indicando la famiglia come appartenente al
 +villaggio e non alla citt&agrave;. Circa l'antichit&agrave; del cognome
 +Pagani, in un atto di cessione di terreni, risalente all'anno 1136, leggiamo:
 +"<font color="#993366">Duodecima iacet in via de Cario et est pertice .V.;
 +ab una parte terra Bernardi Braga, ab alia </font><font color="#FF0000">Pagani
 +clerici</font><font color="#993366">, a tercia via de Aqua Longa. Tercia
 +decima petia iacet in via de Cario, in loco Candiani et est pertice .X.;
 +ab una parte terra Bernardi Braga, ab alia </font><font color="#FF0000">Pagani
 +clerici</font><font color="#993366">, a tercia Sancte Marie.</font>".&nbsp;
 +Personaggio famoso &egrave; stato nel 1700 l'insigne giurista Francesco
 +Mario Pagano nativo di Brienza, in Basilicata.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>Esiste anche la possibilit&agrave; che questi cognomi derivino dal
 +nome <i><font color="#3366FF">Pagano</font></i>, con gli alterati Paganello
 +e Paganino. Attestazioni: Pagano Della Torre (Torriani), capostipite della
 +dinastia, nel XIII secolo; Pagano Doria nel XIV secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGETTA
 +<br>PAGETTI
 +<br>PAGETTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagetta &egrave; veneto, di Curtarolo e Padova nel padovano, Pagetti &egrave;
 +tipicamente lombardo, di Milano, di Casalpusterlengo nel lodigiano, di
 +Cremona e di Mortara e Landriano nel pavese, Pagetto, molto molto pi&ugrave;
 +raro, sembrerebbe piemontese, dovrebbero derivare da soprannomi originati
 +dal mestiere dei capostipiti, basati sul termine medioevale <i><font color="#3333FF">pagettus</font></i>,
 +una forma diminutiva del termine latino medioevale <i><font color="#3333FF">pagius</font></i>
 +(<i><font color="#666666">servo, paggio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGGI
 +<br>PAGGINI
 +<br>PAGGINO
 +<br>PAGGIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paggi ha ceppi in Piemonte e Lombardia, nel bolognese, e nella fascia che
 +comprende l'anconetano, il maceratese, il perugino, il ternano, il viterbese
 +ed il romano, Paggini ha un ceppo toscano ad Arezzo ed uno a Livorno, Paggino,
 +praticamente unico, sembrerebbe napoletano, Paggio ha un ceppo nel vercellese,
 +uno molto piccolo nel rovigoto, uno nel ternano, a Roma ed a Napoli, dovrebbero
 +derivare, direttamente o tramite un ipocoristico, dal termine <i><font color="#3333FF">paggio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">giovane di nobile famiglia con funzioni di servitore
 +di nobili e cavalieri</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGGIARO
 +<br>PAGIARI
 +<br>PAGIARO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paggiaro &egrave; tipicamente veneto, di Venezia e Santa Maria di Sala
 +nel veneziano, di Padova, Camposampiero e Vigonza nel padovano e di Treviso,
 +Pagiari &egrave; unico, Pagiaro, sicuramente veneto anch'esso, ha un ceppo
 +a Santa Maria di Sala nel veneziano ed uno ad Abano Terme nel padovano,
 +dovrebbero derivare da un soprannome basato sul termine veneziano arcaico
 +<i><font color="#3333FF">pagiaro</font></i> (<i><font color="#666666">pagliaio</font></i>),
 +probabilmente ad indicare nei capostipiti dei contadini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGIN
 +<br>PAGINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagin &egrave; tipicamente veneto, di Padova, Piove di Sacco, Codevigo
 +e Campodarsego nel padovano e di Venezia, Noale e Martellago nel veneziano,
 +Pagini ha un ceppo a Vigonza nel padovano ed ha qualche presenza nel pesarese,
 +dovrebbero derivare da soprannomi basati sul termine latino <i><font color="#3333FF">pagus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">villaggio</font></i>), indicando probabilmente
 +il fatto che i capostipiti provenissero non dalle campagne, ma da un villaggio,
 +esiste anche se molto mneno probabile l'ipotesi che possa trattarsi di
 +forme dialettali venete di ipocoristici del termine <i><font color="#3333FF">paggio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PAGGI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGINATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paginati, estremamente raro, &egrave; bolognese, di origine etimologica
 +oscura, potrebbe trattarsi di un cognome di fantasia attribuito ad un trovatello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIA
 +<br>PAGLIAI
 +<br>PAGLIARI
 +<br>PAGLIARINI
 +<br>PAGLIARO
 +<br>PAGLIARULO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paglia &egrave; presente a macchia
 +di leopardo in tutt'Italia, Pagliai &egrave; tipico toscano, Pagliari ha
 +un nucleo tra Lombardia ed Emilia ed uno nell'Italia centrale, Pagliarini
 +&egrave; della zona centrale dell'Italia settentrionale con un ceppo anche
 +nel Piceno, che dovrebbe derivare dal toponimo Pagliare (AP), Pagliaro
 +&egrave; specifico del sud, Pagliarulo ha un ceppo nel barese ed uno nell'avellinese,
 +tutti questi cognomi derivano da soprannomi legati al vocabolo paglia o
 +per il mestiere o per vicinanze a localit&agrave; caratterizzate dalla
 +presenza di fienili o pagliai. Tracce del cognome Pagliaro si hanno in
 +un atto del 1600 stilato in Cassino (FR): "<font color="#993366">...Capomastri
 +d'Achi della Citt&agrave; di S. Germano da una parte, ed </font><font color="#FF0000">Benedetto
 +Pagliaro</font><font color="#993366"> della medesima Citt&agrave; da un'altra
 +parte;...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIACCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Rarissino, potrebbe essere o del
 +litorale abruzzese o di quello molisano, deriva da un soprannome legato
 +alla paglia, o per il mestiere o per episodi che vi facciano riferimento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIALONGA
 +<br>PAGLIALUNGA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paglialonga &egrave; specifico delle Puglie, in particolare dell'area foggiana
 +e del vicino avellinese, con un importante ceppo nel leccese, Paglialunga
 +ha un ceppo nella fascia centrale che comprende le Marche centromeridionali,
 +l'Umbria ed il Lazio centrosettentrionale, ma presenta inoltre un ceppo
 +importante nella penisola salentina, in particolare nel leccese, dovrebbero
 +derivare da nomi di localit&agrave;, come se ne individuano molte in Italia,
 +tracce molto antiche di queste cognominizzazioni le troviamo in un atto
 +del 1614 ad Ispica nel ragusano dove viene citato un non meglio identificabile
 +Mastro Giovanni Paglialonga.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIANA
 +<br>PAGLIANI
 +<br>PAGLIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagliana, molto molto raro, &egrave; tipico della zona tra basso cuneese
 +ed imperiese,di Ormea nel cuneese in particolare, Pagliani ha un piccolissimo
 +ceppo a Padova, uno molto pi&ugrave; consistente in Emilia, nel modenese
 +a Modena, Formigine, Carpi, Finale Emilia e Sassuolo, ed a Reggio Emilia,
 +Fabbrico e Bagnolo in Piano nel reggiano, ed un ceppo a Roma ed a Magliano
 +Sabina nel reatino, Pagliano &egrave; tipicamente piemontese, di Torino,
 +di Mondov&igrave; nel cuneese e di Rosignano Monferrato nell'alessandrino,
 +con un ceppo anche a Napoli, dovrebbero derivare dal nome dei moltissimi
 +paesi italiani contenenti la radice <i><font color="#3333FF">Paglia-</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIARICCI
 +<br>PAGLIARICCIA
 +<br>PAGLIARICCIO
 +<br>PAGLIERICCI
 +<br>PAGLIERICCIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagliaricci &egrave; della zona centrale, ha picccoli ceppi nel maceratese,
 +nel perugino e nel ternano, nel pescarese e nel romano, Pagliariccia, assolutamente
 +rarissimo, &egrave; del pescarese, Pagliariccio, molto raro &egrave; specifico
 +del Piceno, di Montegranaro, Porto Sant'Elpidio e Sant'Elpidio a Mare,
 +Pagliericci e Pagliericcio, praticamente unici, dovrebbero essere dovuti
 +ad errate trascrizioni dei precedenti, che dovrebbero derivare da nomi
 +di localit&agrave; come Pagliariccio nel pistoiese e nell'aretino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIARISI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto molto raro &egrave; tipico siciliano, dovrebbe derivare dall'etnico
 +del toponimo Pagliara (ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIONE
 +<br>PAGLIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paglione ha un ceppo nel bolognese, uno nell'area che comprende il romano,
 +il latinense, l'Abruzzo, il Molise ed il foggiano, con massima concentrazione
 +nel teatino ed iserniese, Paglioni, molto pi&ugrave; raro, ha un ceppo
 +tra anconetano e maceratese ed uno nel romano, questi cognomi dovrebbero
 +derivare da una modificazione del cognome <i><font color="#3333FF">Baglione</font></i>
 +per una trasformazione della consonante occlusiva bilabiale sonora iniziale
 +(<i><font color="#3366FF">B</font></i>) in sorda (<i><font color="#3366FF">P</font></i>)
 +(<font color="#CC33CC">vedi BAGLI</font>), dislalia tipica nellea pronuncia italica dei popoli germanici.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Paglione &egrave; cognome foggiano che deriva dalla forma base <i><font color="#3333FF">Paglia</font></i>.
 +(cfr.)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIOSA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagliosa &egrave; specifico del vicentino, di Valli del Pasubio e Schio,
 +dovrebbe derivare da un soprannome basato su di un termine dialettale arcaico
 +per <i><font color="#666666">pagliuzza</font></i>, <i><font color="#3333FF">pagliucola</font></i>,
 +forse con un riferimento alla parabola del Vangelo che recita: "<font color="#CC33CC">...Perch&eacute;
 +guardi la pagliuzza che &egrave; nell'occhio del tuo fratello, e non t'accorgi
 +della trave che &egrave; nel tuo? ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGLIUCA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagliuca &egrave; tipico del centrosud, molto diffuso soprattutto in Campania,
 +con un ceppo a Roma, uno nel pescarese ed uno nel potentino, potrebbe derivare
 +da un soprannome grecanico originato dal termine <font color="#3333FF">&#960;&#940;&#947;&#954;&#945;&#955;&#959;&#962;&nbsp;
 +<i>pagkalos</i></font> (<i><font color="#666666">bellissimo</font></i>), ma non si pu&ograve; escludere che possa anche derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo italiano arcaico <i><font color="#3333FF">pagliuca</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pagliuzza</font></i>), forse a sottolineare una
 +struttura fisica minuta e secca del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGNANELLI
 +<br>PAGNANI
 +<br>PAGNI
 +<br>PAGNINI
 +<br>PAGNO
 +<br>PAGNONI
 +<br>PAGNOZZI
 +<br>PAGNOZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagnanelli &egrave; del centro Italia, Pagni &egrave; tipico toscano, Pagno,
 +molto molto raro, &egrave; bellunese, Pagnani ha diversi ceppi, nel ravennate,
 +a Fabriano (AN) e nel frusinate, Pagnini sembra avere un ceppo pistoiese
 +ed uno pesarese, Pagnoni ha un nucleo nel bresciano, nel bolognese, nel
 +pesarese e nel Piceno, Pagnozzi &egrave; tipico di Napoli e di Pannarano
 +(BN) nel beneventano, Pagnozzo &egrave; praticamente unico, dovrebbero
 +tutti derivare da modificazione dell'aferesi di nomi medioevali come Compagno
 +e Boncompagno, di cui abbiamo un esempio a Bologna nel XII&deg; secolo:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF6666">Boncompagno da Signa</font><font color="#CC33CC">,
 +civis Bononiensis, natus est circa annum 1170, obiit circa annum 1240,
 +rhetor et vir doctus Italicus....</font>", dell'uso di questo nome contratto
 +abbiamo un esempio in uno scritto del 1332 ad Arezzo: "<font color="#CC33CC">...Et
 +scriptus per nos Pucciorinum domini </font><font color="#FF0000">Pagni
 +</font><font color="#CC33CC">de Aritio...</font>" e a Firenze nel 1432
 +dove nei verbali dell'Opera del Duomo si legge di.un tal Cristofano di
 +Niccol&ograve; di Pagnozzo, ser - notaio fiorentino fideiussore del popolo
 +di S. Martino alla Palma o nelle <i><font color="#3366FF">Storie fiorentine</font></i>
 +del Guicciardini nel dicembre del 1494: "<font color="#CC66CC">...e cos&iacute;
 +si levassi el divieto a Francesco dello Scarfa gonfaloniere di giustizia,
 +di potere essere accopiatore; non si pagassino pi&uacute; le gabelle di
 +monete bianche; creassinsi e' dieci di bal&iacute;a per potere attendere
 +alla guerra di Pisa, con la consueta autorit&agrave; secondo gli ordini
 +della citt&agrave;, l'uficio de' quali durassi mesi sei. Fatto el parlamento
 +sanza tumulto, furono l'altro d&iacute; eletti e' venti uomini che furono
 +questi: messer Domenico Bonsi, Ridolfo di </font><font color="#FF0000">Pagnozzo&nbsp;
 +Ridolfi</font><font color="#CC66CC">,...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font>
 +<br>Pagnanelli &egrave; diffuso in modo quasi esclusivo in Italia diviso
 +in due ceppi: uno nella regione Lazio, con prevalenza specifica nella zona
 +Sora (FR) - Isola del Liri (FR)&nbsp; e uno nelle Marche con fortissima
 +diffusione nella citt&agrave; di Macerata.&nbsp; Da dati in mio possesso
 +risulta una antica famiglia Pagnanelli di Sora (FR) originaria per&ograve;
 +di Castelliri (FR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGNOTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Pagnotta &egrave; molto diffuso in Umbria, nel romano, in tutta la Campania
 +e la Calabria ed in Sicilia, in alcuni casi pu&ograve; derivare da toponimi
 +come Tor Pagnotta nel romano, ma &egrave; pure possibile una derivazione
 +da soprannomi, tracce molto antiche di questa cognominizzazione le troviamo
 +ad Anagni (FR) nel 1330: "<font color="#CC33CC">...So bene l'Abbate Ughelli
 +nel Tomo primo della sua Italia Sagra in Ecclesia Anagnina col. 341, num.
 +42 parlando di </font><font color="#FF0000">Francesco Giovanni Pagnotta</font><font color="#CC33CC">
 +Vescovo della detta Citt&agrave;, e nostro Religioso (la di cui promototione
 +alla sudetta Chiesa d'Anagni registrassimo noi sotto l'Anno di Christo
 +1330) dice, che fu da Papa Benedetto XII nell'Anno primo del suo Pontificato
 +alli 7 Marzo, cio&egrave; nell'Anno 1335 creato suo Pontificio Vicario
 +in Roma; e soggiunge poi anche, che lo stesso Pontefice nell'Anno terzo
 +del suo Pontificato, li concesse altres&igrave; gratia speciale di potere
 +conferire li Beneficj Ecclesiastici della sua Diocesi...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pagnotta, molto frequente in tutta l'Italia peninsulare (maggiormente
 +nel Lazio). Potrebbe derivare, come il sostantivo italiano '<i><font color="#3333FF">pagnotta</font></i>',
 +dal latino '<i><font color="#3333FF">panis</font></i>' = <i><font color="#666666">pane</font></i>,
 +ma anche essere un alterato del cognome <i><font color="#3333FF">PAGNI</font></i>
 +che &egrave; aferetico di <i><font color="#3333FF">BONCOMPAGNI</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGOGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td VALIGN=TOP><font size=-1>Pagogna, assolutamente rarissimo, quasi unico, &egrave; dell'area bellunese
 +ed udinese, dovrebbe derivare dal nome del paese di Pagogna, una frazione
 +di Mel nel bellunese, ma non si pu&ograve; escludere la possibilit&agrave;
 +di una derivazione da un soprannome basato sul termine dialettale arcaico
 +<i><font color="#3333FF">pagogna</font></i>, che individua l'arbusto della
 +<i><font color="#666666">lantana</font></i>, una verbenacea odorosa dai
 +semi usati per il loro gusto amarognolo e gradevole.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAGOT
 +<br>PAGOTTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pagot ha un ceppo nel trevisano ad Ormelle, Vittorio Veneto e Conegliano,
 +ed in Friuli, Pagotto &egrave; caratteristico dell'area veneto, friulana,
 +del trevisano, di Arcade, Spresiano, Vittorio Veneto, Conegliano, San Fior,
 +Fontanelle, San Vendemiano, Orsago e Treviso, del veneziano, si Santa Maria
 +di Sala, Venezia e Noventa di Piave, del pordenonese, di Pordenone, Fontanafredda,
 +Sacile, e Cordenons e di Codroipo nell'udinese, dovrebbe originare da un
 +soprannome legato al vocabolo latino <i><font color="#3333FF">pagus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">circoscrizione territoriale rurale secondo l'antica
 +definizione romana</font></i>), dovrebbe perci&ograve; indicare che il
 +capostipite proveniva da una zona rurale non inurbata.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pagot, Pagotto &egrave; cognome veneto che significa '<i><font color="#3333FF">oriundo
 +di Alpago</font></i> (BL)'. Olivieri 167.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIALUNGA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paialunga &egrave; tipicamente marchigiano, di Senigallia e Chiaravalle
 +nell'anconetano e di Mondavio&nbsp; nel pesarese, dovrebbe derivare dal
 +nome di Paialunga una localit&agrave; situata nel comune di Morciano di
 +Romagna nel riminese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIANI
 +<br>PAIANO
 +<br>PAJANI
 +<br>PAJANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pajano, quasi unico, dovrebbe essere una forma arcaica del cognome Paiano, che ha un ceppo a Bojano in provincia di Campobasso, un ceppo nel leccese,
 +soprattutto ad Ortelle, Lecce, Spongano, Maglie, Otranto, Giuggianello,
 +Taurisano, Ruffano, Matino e Uggiano La Chiesa ed uno ad Oppido Mamertina
 +nel reggino, Paiani, molto molto raro, &egrave; invece tipico dell'udinese, come l'altrettanto raro Pajani, 
 +dovrebbero tutti derivare dal cognomen grecolatino <i><font color="#3333FF">Paianus
 +</font></i>di cui abbiamo un esempio in Areius Paianus Arconte di Atene.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Paiano, Pajano &egrave; cognome presente in tutta Italia ma particolarmente
 +frequente in Puglia e nel Salento. E' uno dei tanti derivati del cognome
 +<i><font color="#3333FF">Paglia</font></i>, dal latino '<i><font color="#3333FF">palea</font></i>'
 += <i><font color="#666666">paglia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIARO
 +<br>PAIER</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paiaro, abbastanza raro, ha un ceppo padovano ed uno nell'udinese, Paier
 +&egrave; specifico di Vittorio Veneto nel trevisano e di Cordenons e Pordenone
 +nel pordenonese, dovrebbero derivare da soprannomi legati al vocabolo dialettale
 +indicante sia il pagliaio, o il pagliericcio, sia chi lavora la paglia,
 +probabile occupazione dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIELLI
 +<br>PAIELLO
 +<br>PAJELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, Paielli &egrave; tipico della fascia centrale,
 +della provincia romana in particolare, Paiello, quasi unico, &egrave; forse
 +calabrese, Pajello altrettanto raro, parrebbe emiliano, potrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Pagellus</font></i>. Tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1500 a Bergamo con il Giudice
 +Alexander Paiellus.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Luigi Colombo</font></font>
 +<br>Paiello dovrebbe essere un cognome di origine albanese, scritto <i><font color="#3366FF">pajelli</font></i>
 +in lingua "<font color="#CC33CC">arbresh</font>". E' quasi certo che venga
 +da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAILLARD
 +<br>PALLARD</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paillard &egrave; unico, Pallard &egrave; tipico del torinese, di Giaveno
 +e Luserna San Giovanni, entrambi di origine francese, dovrebbero derivare
 +dal cognome francese Paillard che a sua volta pu&ograve; derivare dal mestiere
 +di pagliaro o da un soprannome originato da una condizione miserevole del
 +capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAINA
 +<br>PAINI
 +<br>PAJNI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paina, molto raro, ha un ceppo nel sudmilanese ed uno nell'alto vicentino,
 +Paini ha pi&ugrave; di un nucleo, uno nel parmense e reggiano, uno nel
 +sondriese e uno nel bresciano, Pajni, quasi unico, &egrave; lombardo, dovrebbero derivare da un soprannome dialettale
 +legato all'origine contadina della famiglia, <i><font color="#3333FF">paini
 +</font></i>da <i><font color="#3333FF">pagini</font></i> (<i><font color="#666666">villani</font></i>)
 +da <i><font color="#3333FF">pagus</font></i> (<i><font color="#666666">villaggio</font></i>)
 +e si tratterebbe di un epiteto sgradevole, &egrave; pure possibile una
 +derivazione dal termine medievale <i><font color="#3333FF">paina</font></i>
 +inteso come pezzo di terra (<i><font color="#666666">area coltivabile</font></i>),
 +di quest'uso abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medioevale</font></i> in una <i><font color="#3366FF">Cartula
 +venditionis</font></i> del 1028 redatta a Calusco (BG): "<font color="#CC33CC">...Et
 +bergamena cum actramentario de terra levavimus, me </font><font color="#FF0000">paina</font><font color="#CC33CC">
 +Petri notarius et iudex tradidit et scribere rogavit in qua subter confirmans
 +testibusque obtulit roborandum. Actum suprascripto loco Calusco....</font>",
 +non si pu&ograve; escludere anche un possibile collegamento con la paglia,
 +o per il mestiere o per episodi che vi facciano riferimento. Personaggio
 +famoso fu Ferdinando Paini, compositore, nato nel 1773.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Paini &egrave; un derivato centro-meridionale e veneto di Paglia, abbreviato
 +di <i><font color="#3333FF">Pagliarini</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAINO
 +<br>PAJNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paino ha un ceppo napoletano, a Napoli e Torre del Greco, ed ha alcuni
 +ceppi in Sicilia, in particolare sull'isola di Lipari, ad Agrigento, Messina,
 +Catania e Palermo, ed a Condofuri nel reggino, Pajno ha un ceppo a Lipari,
 +dovrebbero derivare da un soprannome dialettale basato sul termine siciliano
 +<i><font color="#3333FF">pajno</font></i> (<i><font color="#666666">persona
 +vacua e frivola</font></i>, ma per la quale l'eleganza &egrave; fondamentale),
 +secondo un'altra ipotesi deriverebbe invece dalla contrazione del nome
 +<i><font color="#3333FF">Paglino</font></i>, un ipocoristico di Paglia.
 +I Paino godettero del titolo di barone di Luccoveni e di Duca di Verdura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Paiotti &egrave; tipicamente toscano, del lucchese, di Stazzema, Seravezza
 +e Pietrasanta, con qualche presenza anche a San Salvo nel teatino, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Paiotus</font></i>,
 +nato da un soprannome, basato sul termine medioevale toscano <i><font color="#3333FF">paiottus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uno dei due gemelli</font></i>), di cui abbiamo
 +tracce in uno scritto dell'anno 1144: "<font color="#CC33CC">De calumpnia
 +Goslini, filii Goslini de Leugis, ante episcopum Gaufridum super terra
 +de Campo Fauno nobis quiete ac libere dimissa. Presentibus et sequentibus
 +representemus presente scripto, qualiter Goslinus, filius Goslini de Leugis,
 +quietas clamavit omnes calumpnias quas faciebat nobis de rebus, de terris,
 +de hominibus nostris, ubicunque eas faciebat sine ullo retinaculo....Testes
 +qui tunc fuerant in capitulo nostro sunt hii: Gollinus de Merevilla, Menerius;
 +Garinus de Alona ....Guillelmus Qui non bibit aquam, </font><font color="#FF0000">Paganus
 +Paiotus</font><font color="#CC33CC">, Hubertus de Curva Villa, Amalricus...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIRETTI
 +<br>PAIRETTO
 +<br>PEIRETTI
 +<br>PEYRETTI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pairetti, molto molto raro, &egrave; del torinese, Pairetto, quasi unico,
 +&egrave; del torinese, Peiretti &egrave; tipico di Torino e del torinese,
 +di Carignano, di Collegno, di Osasio, di Rivalta di Torino e di None, Peyretti,
 +molto raro, &egrave; tipico del torinese, di Torino e Collegno, ed &egrave;
 +probabilmente una forma arcaica del precedente, dovrebbero tutti derivare
 +da forme ipocoristiche del nome franco <i><font color="#3366FF">Pair</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome il Santo Pair vescovo di Avrances in Gallia
 +nel sesto secolo, ma &egrave; pure possibile una derivazione dal nome <i><font color="#3366FF">Payret</font></i>,
 +forma ipocoristica provenzale del nome <i><font color="#3366FF">Pierre</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Pietro</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>PAIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Pais &egrave; tipico del sassarese, di Sassari ed Alghero, con presenze
 +significative anche a Usini, Ploaghe e Tissi nel sassarese ed a Nuoro e
 +Macomer nel nuorese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PAIS: in linguaggio fonetico abbiamo <i><font color="#3366FF">p&agrave;&icirc;s</font></i>,
 +con nasalizzazione della "<i><font color="#3366FF">i</font></i>" = <i><font color="#3366FF">panis</font></i>
 += <i><font color="#999999">pani</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Pani</font>) Sta ad indicare l'appartenenza al ceppo familiare dei Pani.
 +Diciamo comunemente: "<i><font color="#3366FF">Esti de is Pa(n)is</font></i>"!
 +<i><font color="#999999">&egrave; del ceppo dei Pani</font></i>. O semplicemente,
 +"<i><font color="#3366FF">de is Pa(n)is</font></i>". Con cui si indica
 +anche un terreno, un negozio, un luogo ben preciso: "su de is Pa(n)is".
 +Nelle carte antiche lo ritroviamo tra i firmatari della Pace di Eleonora,
 +*LPDE del 1388: Pais Comita, ville Cerchillo(odierno Berchidda - gi&agrave;
 +appartenente alla Curatoria de Costa de Valls). Nel Condaghe di Santa Maria
 +di Bonarcado, *CSMB, XI&deg;, XIII&deg; sec., troviamo: Pais Comita, armentariu
 +de iudike(85). L'armentariu de iudike era amministratore o sovrintendente
 +generale della corte del Giudice. In una lite tra la chiesa di Bonarcado
 +e la corte di Arborea, per l'appartenenza ( della servit&ugrave;) dei figli
 +di Luxuri Meloni. Pais Comita, vescovo di Uellus (87, 93, 110, 122, 125,
 +176), pi&ugrave; volte citato come teste, nelle spartizioni di servi. Nella
 +storia ricordiamo: Francesco Pais Serra (Bitti 1837 - Roma 1924), generale,
 +giornalista e politico. Deputato dal 1896 al 1919. si interess&ograve;
 +soprattutto dei problemi sardi. Collabor&ograve; alla redazione della "Relazione
 +dell'inchiesta Parlamentare sulle condizioni economiche e della sicurezza
 +in Sardegna" , sotto il governo Crispi. Attualmente il cognome Pais &egrave;
 +presente in 117 Comuni d'Italia, di cui 37 in Sardegna: Sassari 182, Alghero
 +126, Nuoro 21, Macomer 20, Usini 19, Cagliari 19. Nella penisola &egrave;
 +Roma al primo posto con 43, Genova 18, Torino 8, Milano7.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente sardo, potrebbe derivare dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">pala</font></i>
 +(<i><font color="#999999">busto, corpetto</font></i>) o dal nome di alcune
 +località, come Pala di Scivu (CA) o Pala Cotta (OR) o Sa Pala e
 +Su Frassu di Ploaghe, secondo altri deriverebbe dal termine <i><font color="#3366FF">pala</font></i>
 +in sardo antico che starebbe per <i><font color="#999999">piccola collinetta
 +</font></i><font color="#000000">o</font><i><font color="#999999"> declivio</font></i>
 +ed individuerebbe le caratteristiche del luogo in cui abitava la famiglia
 +del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PALA: <i><font color="#3333FF">pala</font></i> = a<i><font color="#666666">ttrezzo
 +per smuovere e caricare materiali incoerenti, come sabbia, carbone</font></i>,
 +etc. o anche <i><font color="#666666">per infornare o sfornare il pane:
 +pala da forno</font></i>; dal latino <i><font color="#3333FF">pala</font></i>.
 +In lingua sarda, oltre a questi, assume altri significati, ad esempio <i><font color="#3333FF">is
 +palas</font></i> o <i><font color="#3333FF">pabas</font></i> sono <i><font color="#666666">le
 +scapole, le spalle</font></i>. <i><font color="#3333FF">Is palas o pabas
 +de su monti</font></i> sono <i><font color="#666666">i pendii, le falde
 +della montagna</font></i>. A palas o a pabas significa dietro, alle spalle.
 +Qui in Campidano la pala nel senso di vanga o pala da forno è comunemente
 +detta sa pabia, sa pabia de su forru; mentre per indicare le spalle diciamo
 +comunemente is palas o pabas, come is palas o pabas de su monti. Pala è
 +un cognome diffuso in maniera quasi omogenea nel territorio dell’isola.
 +È presente nei documenti antichi della lingua e della storia&nbsp;
 +della Sardegna, anche come toponimo, col significato di pendio o falda
 +di monte. Sono numerosi quelli presenti tra i firmatari della Pace di Eleonora,
 +LPDE de 1388:&nbsp; Pala Andrea, jurato ville Barumela; * Barumela…forse
 +Mogorella? Partis de Montibus; Pala Anthonio – de Bosa,&nbsp; ** Bosa:
 +omnibus civibus et habitatoribus civitatis Bose…nisi pastores…congregatis
 +intus Ecclesiam Beate Marie Virginis …die XV Januarii 1388; Pala Basilio,
 +ville Macumerii, ** MACUMERII et Curatorie de Marghine de Gociano…Macomer
 +etc.&nbsp; In posse Chelis Simonis, notarii publici...die XII Januarii
 +1388; Pala Dominico, majore(amministratore di giustizia, sindaco) ville
 +Calcargia, * Calcargia…villaggio distrutto (Contrate Partis Milis); Pala
 +Dominico, majore(amministratore di giustizia, sindaco) ville Ruinas, *
 +Ruinas ...distrutto (Ogliastra) Contrate Partis de Guilcier. (da non confondere
 +con Ruinas Contrate Laconi; Pala Francisco, jurato ville Sedilo, * Sedilo…odierno
 +Sedilo. Contrate Partis de Guilcier; Pala Gavino, ville Lecy, * LECY...odierna
 +Lei. Curatorie de Marghine de Gociano; Pala Guantinus – de Aristanni, ***
 +Aristanni: elenco dei nomi dei firmatari della PETIZIONE. Omnes cives mercatores
 +et habitatores dicte civitatis…nisi pastores bestiaminum et quorum dificulter
 +demorari non poterant…congregati. Porta la data : die XIIII mensis Januarii
 +M°. CCC°. LXXXVIII° et etc. ; Pala Guillelmo, jurato ville
 +Borone, * Borone…odierno Boroneddu. Contrate Partis de Guilcier; Pala Juliano,
 +ville Sorradili. * Sorradili…odierno Sorradile. Contrate Partis Varicati
 +– Barigadu; Pala Murronus – de Aristanni; Pala Nicolao, majore ville Sedilo;
 +Pala Nicolao, ville Curchuris, * Curchuris…Curcuris: Partis de Montibus;
 +Pala Parisono, ville Moddaminis, * Moddaminis…distrutto. Contrate Partis
 +Varicati – Barigadu; Pala Philipo, jurato ville Iscano, * ISCANO…attuale
 +Scanu M. Ferro. Contrate Castri Montis de Verro; Pala Serafino, majore
 +ville Urri, * Urri…odierno Nurri. Contrate Partis de Guilcier; Pala Tado,
 +jurato(guardia giurata, collaboratore del maiore) ville Bauladu, * Bauladu…odierno
 +Bauladu(Contrate Partis de Milis). Nel Condaghe di San Nicola di Trullas,
 +CSNT, XI, XIII secolo, al capitolo 288 è citato Palas Goantine,
 +proprietario di terra in Pelago (in agro di Cossedin – odierno Cossoine)
 +: Ego Petru Manno comporaili (ho comprato) terra&nbsp; a so donnu meo,
 +adonno Andrea de Castra et a sa muiere Vera de Carvia, termen a pari con
 +sa donnica mea de Pelago, et termen a pari con sa de Goantine Palas et
 +ass’atera parte con sa de Petru de Serra Boe…Al capitolo 223, sempre del
 +CSNT, troviamo Palas Gomita, teste in un acquisto di terra : comporaili
 +a Petru de Capaçennor, in su saltu de valle de Ruinas sa parçone
 +sua cantu bi li ditabat ; e deibili .VI : ebas. Testes…(il CSNT a cura
 +di Paolo Merci. Ed. Delfino). Il cognome, nelle varianti Pala e Palas,
 +compare anche nel Condaghe di San Pietro di Silki, CSPS, XI, XIII, secolo:
 +al capitolo 33, avente per oggetto una lite per la spartizione della servitù
 +(kertu de servis), figura una intera famiglia, Pala Jorgi, Jorgia, Aravona,
 +Iscurthi, Janne, Leo, figli di Barbara Rasa: &gt; Ego prebiteru Jorgi Maiule(di
 +San Pietro di Silki) ki ponio in ecustu condake, pro ca tenni corona cun
 +Gunnari d’Oiun e cun Gunnari de Nureki e cun Baru de Castavar, pro fiios
 +de Barbara Rasa…Al capitolo 29 è citata Justa Pala: &gt; Ego prebiteru
 +Elias ki ponio in ecustu condake de scu. Petru de Silki pro ca li pettii
 +muiere a Janne Rasu, ki fuit servu de scu. Petru de Silki (ho chiesto moglie
 +per Janne Rasu, servo di San Pietro); pettiila a Justa Pala, a Gosantine
 +d’Erthas et a Donotho d’Urieke, et issos derunilos appare e coiuvamusilos
 +a boluntade de pare(ho chiesto Justa Pala – ai padroni - Gosantine d’Erthas
 +et a Donotho d’Urieke, ed essi l’hanno data di comune accordo e così
 +li abbiamo sposati col loro consenso). Al capitolo 100, sempre del CSPS,
 +è citata Palas Barbara, in una lite per la spartizione della servitù
 +(kertu de servis): &gt; Ego prebiteru Ithoccor de Fravile, ki kertai cun Furatu
 +de Gallu e cun Mariane de Lella e cun frates suos pro fiios de Furatu Tranpas
 +ki furun de scu. Petru; et isse kertaimi: “ Fiios de Barbara Palas levastis
 +vois”! (Voi levaste i figli di Barbara Palas – che era serva intera di
 +San Pietro)…Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII secolo,
 +ai capitoli 174/175 figura Iorgi Pala donnu, prima in una lite per la spartizione
 +della servitù e poi come teste in una spartizione di terre; (174)
 +&gt; Coniugai (ho unito in matrimonio) Lughia Cuperi ankilla de Sanctu Serghi
 +de Suei (San Sergio di Suei – villaggio scomparso già appartenente
 +alla Curadorìa di Guilcièr – la sua parrocchia storica, intitolata
 +a san Sergio, fu donata nel 1211 ai monaci Camaldolesi), cun Trogodori
 +Nechi et fecerunt kimbe fiios(hanno generato 5 figli)…continua e si arriva
 +alla lite: &gt; et osca posit iudike Mariane a Dorgotori de Sogos et a Iorgi
 +Pala a daremi s’ankilla con sos fiios ke erant in domo di Dorgotori de
 +Sogos…il capitolo termina con la data – anno Domini MCCXXVIIII (1229);
 +al capitolo 175 Iorgi Pala, donnu (nobile – proprietario terriero) è
 +citato come teste in una lite per la spartizione di terre…&gt; Ego Nicolaus
 +prior et etc. Al capitolo 126, sempre del CSMB,&nbsp; è citato Pala
 +Terico – donnu – teste&nbsp; in una spartizione di servi (kertu – lite)
 +&gt; Coiuvedi (ho unito in matrimonio) Grega Pasi, ankilla de Sanctu Iorgi
 +de Calcaria( villaggio scomparso, sito in agro di Milis – rimane ancora
 +la chiesa campestre di San Giorgio) cun Terico de Paule serbu de Sancta
 +Maria de Norgillo (Norbello). Fra i testes è citato donnu Terico
 +Pala. Nel Condaghe di San Michele di Salvennor, CSMS, XI, XIII secolo,
 +sono citate diverse persone col cognome Pala: Andria Pala – al cap. 118;
 +152 (Andria Pala maior de bulbare = preposto ai chiusi comunali in cui
 +si raccolgono armenti e greggi); 325 figlio di Juan Pala e fratello di
 +Elene; Comine Pala, ai capp. 287, 288, 291, 294 – mandatore de liberos
 +&gt; era il rappresentante dei liberos o lieros – liberi cittadini – in un
 +dipartimento amministrativo o territoriale); Cristoforo e Gavino Pala,
 +al cap. 34; Dorgotori Pala al cap. 211; Furadu Pala ai capp. 36, 64; Gantine
 +Pala, al cap. 23; Gavine Pala ai capp. 31,34, 47, 62, fratello di Jorge,
 +et etc.(vi sono ancora 10 persone con questo cognome); infine al cap. 33
 +sono citati los Palas: Compre(compro: il testo è in spagnolo) de
 +Gosantin Sago su parte dela tierra con la higuera que tenia con “los Palas”
 +&gt; probabilmente ad indicare l’intera famiglia(il CSMS – a cura di Virgilio
 +Tetti – Ed. Delfino). Il Dizionario Storico Sardo di Francesco Cesare Casula,
 +ricorda inoltre: Pala Alibrandino, personaggio sassarese, che partecipò
 +nel 1325 alla rivolta antiaragonese del Capo del Logudoro; Pala Dantone,
 +sassarese, uno dei firmatari della convenzione del 1294 della Repubblica
 +di Sassari con la Repubblica di Genova; Pala Domenico, cagliaritano, coinvolto
 +nella congiura antigovernativa del 1799; Pala Salvatore, cagliaritano,
 +anche lui membro del movimento democratico antigovernativo del 1799. Attualmente
 +il cognome Pala è presente in 606 Comuni italiani, di cui 186 in
 +Sardegna: Sassari 330, Cagliari 262, Nuoro 259, Oristano 164, Olbia 124,
 +Marrubiu 119, etc. Nella penisola è Roma con 321, ad avere il numero
 +più alto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALADINI
 +<br>PALADINO
 +<br>PALLADINI
 +<br>PALLADINO</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Paladini ha più ceppi, nel sudmilanese
 +e lodigiano, in Toscana, da Firenze a Massa e nel Salento, Paladino è
 +presente in tutto il sud, Palladini presenta più ceppi, nel sudmilanese
 +e lodigiano, nel modenese, nella fascia litoranea abruzzese e nel basso
 +Lazio, Palladino è specifico della zona che comprende la Campania,
 +il Molise, il potentino, il foggiano e l'alto barese.&nbsp; Tutti questi
 +cognomi derivano dal nome medioevale Paladinus, diffusosi con l'avvento
 +della Chanson de Geste, il cui primo esemplare fu La "Chanson de Roland"
 +databile all'anno 1098. cognominizzato dal 1400 lo troviamo frequentemente
 +negli atti, nel 1523, a Montoro (AV), un tal <font color="#3333FF">magistro
 +Francesco de Paladino di Montoro, </font><font color="#000000">viene incaricato
 +di un lavoro edile, a</font> titolo di esempio, riportiamo uno spezzone
 +da un atto datato 25 novembre del 1532: "<font color="#993366">Sindicato
 +della vicinanza del Comune di Tovo </font><font color="#000000">(SO)</font><font color="#993366">,
 +sulla pubblica piazza, su mandato di Pietro fu Giovanni detto Mazonus de
 +Resonata, decano, ed esecuzione del saltaro Antonio fu Giacomino de Cariola,
 +presenti un consigliere e trentatrè vicini, con cui vengono nominati
 +procuratori Stefano fu Gaspare de Venosta di Mazzo e Armanasco detto Manolus
 +fu Romerio, </font><font color="#3333FF">detto Paladino</font><font color="#993366">
 +de Armanasco di Tovo, per 5 anni, al fine di decidere circa i confini tra
 +i due comuni di Tovo e Mazzo. Notaio Giovanni fu ser Cassiano de Armanaschi
 +di Tovo.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALADO
 +<br>PALLADI
 +<br>PALLADIO
 +<br>PALLADO</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Palado è unico, si tratta probabilmente di una forma alterata di
 +Pallado, che, quasi unico, è sicuramente veneto, probabilmente del
 +padovano, Palladi, molto molto raro, è specifico del reggiano, di
 +Reggio Emilia e Carpineti, Palladio, anch'esso rarissimo, sembrerebbe avere
 +un ceppo lombardo ed uno nel napoletano, dovrebbero derivare direttamente
 +o tramite alterazioni ed errori di trascrizione dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Palladius</font></i>,
 +a sua volta derivato dal nome greco <i><font color="#666666">Pallade</font></i>
 +(<i><font color="#666666">vergine</font></i>), un attributo della dea Athena
 +(Minerva).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAMARA
 +<br>PALAMARI
 +<br>PALAMARO</font></font></b></td>
 +<td valign="TOP"><font size="-1">Palamara è specifico del reggino, di Africo, Bova Marina, San Lorenzo,
 +Roccaforte del Greco e Palizzi, con un ceppo anche nell'isola di Lipari
 +ed a Messina, Palamari è praticamente unico, mentre Palamaro, assolutamente
 +rarissimo, ha un piccolo ceppo nell'isola d'Ischia, a Barano d'Ischia,
 +questi cognomi dovrebbero derivare da soprannomi dialettali, originati
 +probabilmente da alterazioni del termine greco <font color="#3333FF">πολΰμιτος
 +<i>polèmitos</i></font> (<i><font color="#999999">molti fili</font></i>),
 +con il senso di produttori di cordami marini, gomene o cime, probabile
 +occupazione delle famiglie.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Palamara è cognome siciliano dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Palamáras</font></i>.
 +Rohlfs 141.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAMEDI
 +<br>PALAMIDES
 +<br>PALAMITESSA
 +<br>PALMITESSA
 +<br>PALMITESTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palamedi, quasi scomparso, sembrerebbe del parmense, Palamides
 +è un cognome tipico di Faleria, Civita Castellana e Calcata nel
 +viterbese, e di Roma, Palamitessa, quasi scomparso, è del barese,
 +Palmitessa è molto diffuso nel barese a Barletta e Monopoli in particolare,
 +Palmitesta ha un ceppo abruzzese a Francavilla al Mare ed Ortona nel teatino,
 +ed uno pugliese nel tarentino a Massafra, Taranto e Ginosa, tutti questi
 +cognomi dovrebbero derivare, anche attraverso modificazioni dialettali
 +od alterazioni eufonetiche, dal nome greco <i><font color="#3366FF">Palamedes</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Palamede</font></i>
 +è un personaggio della mitologia greca, figlio di Nauplio e Climene.
 +Re dell'isola di Eubea, esperto nell'arte bellica e valoroso guerriero,
 +questo nome venne utilizzato anche nelle Chansons De Geste, nel ciclo arturiano
 +per indicare un nobile e valorosissimo cavaliere saraceno, figlio del re
 +Esclabor e nemico giurato di Tristano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Palmitesta: sembra probabile che si tratti di una variante del cognome
 +Palmitessa, molto diffuso nell'area del barese: la variante Palmitesta,
 +a mio parere, nascerebbe da un accostamento paretimologico fra il suffisso
 +<i><font color="#3366FF">-tessa</font></i>
 +e il termine '<i><font color="#3366FF">testa</font></i>', come avviene
 +talvolta nei cognomi di stampo popolare. Ora, però, lo stesso Palmitessa
 +è un cognome di difficile interpretazione, soprattutto perché
 +si tratta di un cognome molto locale. Azzardando un'ipotesi, viene da pensare
 +al cognome Palamidessi (con una variante in Palamides), che, molto probabilmente,
 +deriva dal nome greco <i><font color="#3366FF">Palamedes</font></i> o <i><font color="#3366FF">Palamides</font></i>,
 +appartenente alla mitologia greca; in epoca medievale, inoltre, il nome
 +Palamede fu ripreso nei racconti della Tavola Rotonda, in cui Palamede
 +era un guerriero saraceno convertitosi più tardi al Cristianesimo.
 +<br>A mio parere, quindi, i cognomi Palmitesta, Palmitessa, Palamidessi,
 +Palamides e Palamedi derivano tutti dal nome greco <i><font color="#3366FF">Palamedes</font></i>,
 +reso popolare dalla mitologia greca o dal ciclo arturiano (un po' come
 +è accaduto coi cognomi Ulisse, Enea, Lancellotto, Perciavalle, etc):
 +da quanto ho notato, molti di questi nomi venivano adattati alla pronuncia
 +popolare - ad esempio, dal francese Perceval si passa all'italiano Perciavalle/Percivalle/Percivaldo
 +o, ancora, dal francese Lancelot si arriva all'italiano Lancillotto/Lancellotto/Lanzellotto/Lanzarotto
 +- per questo motivo penso che Palmitessa e Palmitesta risentano di un adattamento
 +popolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAMIDESSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palamidessi è tipicamente toscano, dell'area che comprende le province
 +di Lucca, Pisa, Livorno e, soprattutto, Pistoia, dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Palamidesso</font></i>, di cui
 +abbiamo un esempio&nbsp; in epoca dantesca nel Libro di Montaperti con
 +il poeta fiorentino guelfo Palamidesso di Bellindoti del Perfetto, vessillifero
 +dei balestrieri di Porta del Duomo; il cognome potrebbe anche derivare
 +da un soprannome originato dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">palamidone</font></i>
 +(<i><font color="#999999">sorta di pastrano molto lungo</font></i>), forse
 +per sottolineare una particolarità dell'abbigliamento tipico del
 +capostipite (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +PALAMEDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAMUSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, probabilmente originario dell'agrigentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALANDRA
 +<br>PALANDRANI
 +<br>PALANDRI
 +<br>PALANDRINI
 +<br>PALANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palandra, assolutamente rarissimo, sembrerebbe emiliano, Palandrani, tipico
 +del centro Italia, ha un ceppo a Giulianova e Mosciano Sant'Angelo nel
 +teramano ed uno a Roma, Palandri è specifico dell'area che comprende
 +il modenese appenninico e l'alta Toscana, Frassinoro nel modenese, Pistoia,
 +Livorno, Firenze e Pisa, Palandrini, che sembrerebbe unico, parrebbe romano,
 +Palandro, molto molto raro, probabilmente campano, ha un piccolo ceppo
 +a Portici nel napoletano, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal termine italiano arcaico <i><font color="#3333FF">palandra</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">palandro</font></i>, un'<i><font color="#666666">imbarcazione
 +fluviale scoperta</font></i> per il trasporto di merci, indicando così,
 +probabilmente, che i capostipiti manovrassero o guidassero questo tipo
 +di naviglio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAVANCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palavanchi, molto molto raro, è tipicamente emiliano, forse di San
 +Giovanni in Persiceto, e della frazione di Decima in particolare, è
 +molto difficile individuarne l'origine etimologica, si potrebbe proporre
 +a puro titolo di ipotesi una derivazioni da modificazioni del nome germanico
 +Perelant.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAVICINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Praticamente unico, dovrebbe trattarsi di un errore di trascrizione del
 +cognome Pallavicino. (<font color="#CC33CC">vedi Pallavicini</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAZZESE
 +<br>PALAZZESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palazzese ha un ceppo nel teramano a Roseto degli Abruzzi, Teramo, Notaresco,
 +Colonnella e Giulianova, un piccolo ceppo a Roma e Monterotondo nel romano
 +ed uno a Monopoli nel barese, Palazzesi è della fascia centrale
 +che comprende la Toscana meridionale, Grosseto e Siena, le Marche, soprattutto
 +il maceratese, con San Severino Marche e Treia, e Roma, dovrebbero derivare
 +dal nome di paesi come Palazzese nel teramano, o da forme etniche riferite
 +agli altri paesi chiamati Palazzo o che hanno il termine Palazzo nel loro
 +nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAZZI
 +<br>PALAZZINI
 +<br>PALAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palazzi è del centro nord, Palazzini sembra avere un nucleo nelle
 +Marche uno nell'aretino ed uno nel Lazio, la presenza in Lombardia è
 +significativa, ma non sembrerebbero esserci nuclei originarii, Palazzo
 +è presente in tutta l'Italia centromeridionale con ceppi autonomi
 +anche in Piemonte e Liguria. Derivano o da soprannomi legati all'abitare
 +in prossimità di palazzi, o all'appartenenza, in qualità
 +di servitù, ad un certo palazzo, è pure possibile, in alcuni
 +casi che derivino da toponimi, molto diffusi in Italia, contenenti la radice
 +Palazz.., come Palazzo Canavese (TO), Palazzo d'Arcevia (AN), Palazzo del
 +Pero (AR), Palazzo Pedrengo (BG) e moltissimi altri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAZZOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parrebbe avere un nucleo nel perugino nella zona di Umbertide e Città
 +di Castello, ed uno nel milanese, che potrebbe derivare dal toponimo Palazzolo
 +Milanese (MI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALAZZOLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza diffuso, ha un nucleo importante in Sicilia, che potrebbe derivare
 +da toponimi come Palazzolo Acreide (SR), ceppi nell'area che comprende
 +torinese, vercellese, alessandrino e genovese, che potrebbero derivare
 +da toponimi come Palazzolo Vercellese (VC) e un piccolo nucleo in Friuli
 +che potrebbe derivare dal toponimo Palazzolo dello Stella (UD), è
 +pure possibile che in alcuni casi derivino da soprannomi legati al fatto
 +di abitare nelle prossimità di un <font color="#3366FF">palatiolus</font>,
 +o piccolo palazzo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALEARI
 +<br>PALIARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paleari è tipicamente lombardo, del milanese, soprattutto, di Monza,
 +Milano, Pogliano Milanese, Cerro Maggiore, Brugherio, Rho, Besana in Brianza,
 +Muggiò, Lainate, Lissone, Seregno, Biassono, Villasanta e Cologno
 +Monzese, Paliari, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un'alterazione
 +del precedente, casato milanese, il cui nome dovrebbe essere derivato dalla
 +toponomastica, forse dal nome di località come Pagliaro nel bergamasco
 +o Pagliaro Superiore nell'alessandrino, ne troviamo tracce fin dal 1400,
 +dopo la quale data, li troviamo in qualità di ingegneri militari,
 +di Podestà e di Castellani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALENA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palena ha un ceppo nel teatino ad Atessa, Cupello, Villa Santa Maria e
 +San Salvo, ed uno, più consistente nel foggiano a Manfredonia, Monte
 +Sant'Angelo, Vieste e Foggia, dovrebbe derivare dal nome della città
 +di Palena nel teatino, città il cui nome dovrebbe derivare dal popolo
 +dei <i><font color="#3333FF">Paleni</font></i>, i <i><font color="#3333FF">Palhnoi</font></i>
 +citati da Diodoro Siculo, popolo confluito poi nei Peligni, secondo un'altra ipotesi deriverebbe dal nome di un monte teatino dedicato al dio romano Iovis Palenus, nella città
 +di Palena vi era, in epoca tardo medioevale, un fiorente mercato della
 +lana e dei tessuti di lana, quindi è probabile che con questo cognome
 +si indicassero anticamente dei commercianti lanieri, tracce di questa cognominizzazione
 +si hanno fin dal 1200, un esempio lo troviamo negli atti di fondazione
 +del Convento di Santa Chiara a Sulmona, dove troviamo citata la fondatrice
 +Floresenda da Palena.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paleni è tipicamente lombardo del bergamasco, di Cusio, Bergamo,
 +San Pellegrino Terme e calcinate, dovrebbe derivare da un nome medioevale
 +originatosi da una forma alterata del nome del dio celta <i><font color="#3333FF">Balenus</font></i>,
 +o dal nome del dio romano <i><font color="#3333FF">Iovis Palenus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALEOLOGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paleologo ha un ceppo a Reggio Calabria ed uno a Messina, dovrebbe derivare
 +da un soprannome grecanico <i><font color="#3333FF">paleologos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">conoscitore di cose antiche</font></i>), basato
 +sul termine greco antico <i><font color="#3333FF">palaios</font></i> (<i><font color="#666666">antico,
 +vecchio</font></i>), unito al termine <i><font color="#3333FF">logos </font></i>(<i><font color="#666666">parola,
 +discorso, ragionamento</font></i>), ad indicare il mestiere dell'antiquario
 +probabilmente svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALERMI
 +<br>PALERMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palermi&nbsp; è tipico della fascia centrale che comprende il Piceno,
 +il teramano, l'Umbria ed il romano, Palermo è estremamente diffuso
 +in tutto il sud, derivano ovviamente dal toponimo omonimo, in qualche raro
 +caso può essere di origini ebraiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere due nuclei, uno nel Salento ed uno nel potentino, dovrebbe
 +derivare dal nome greco Pales, anche se in alcuni casi potrebbe derivare
 +dal toponimo Palese una frazione della città di Bari, tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Potenza fin dal 1600.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALESTINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico abruzzese di Pescara e di Silvi (PE), il cognome dovrebbe denotare
 +un'antica origine ebraica o un riferimento ad una residenza o ad operazioni
 +in Palestina da parte del capostipite, anticamente gli ebrei venivano appunto
 +chiamati Palestini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALESTRI
 +<br>PALESTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palestri è tipicamente milanese, Palestro ha un ceppo piemontese
 +e nel vicino pavese ed uno in Sicilia a Siracusa ed a Catania, dovrebbero
 +derivare dal nome della città di Palestro nel pavese, il cui nome
 +molto probabilmente deriva dal latino <i><font color="#3333FF">paludestris</font></i>
 +(<i><font color="#666666">palustre</font></i>), indicando che la località
 +fosse stata molto paludosa. La presenza in Sicilia potrebbe essere stata
 +una conseguenza dell'arrivo di truppe piemontesi sull'isola al seguito
 +del Ventimiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paletta ha un ceppo a Perugia, uno a Scanno nell'aquilano, uno a Roma ed
 +uno in Calabria, nel crotonese, a Cirò, Savelli, rucoli, Verzino,
 +e Crotone, nel cosentino a Roggiano Gravina, Cetraro, Cariati, Santa Caterina
 +Albanese, Mandatoriccio e Cosenza, ed a Serrastretta nel catanzarese, potrebbe
 +derivare da un soprannome basato sul termine <i><font color="#3333FF">paletta</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccola pala</font></i>), tipica quella usata
 +per pulire il focolare o l'aratro, forse ad indicare che i capostipiti
 +avessero sempre in mano quel tipo di strumento, ma, molto più probabilmente
 +deriva da una forma contratta di un ipocoristico del nome <i><font color="#3333FF">Paola</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PALETTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALETTI
 +<br>PALETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paletti ha un ceppo lombardo nel bresciano, a Brescia, Rezzato, Gussago,
 +Pontevico, Coccaglio e Collebeato, un ceppo a Preore in Trentino, un ceppo
 +a Resia nell'udinese, uno molto piccolo a Parma, uno altrettanto piccolo
 +a Fucecchio nel fiorentino ed a Bientina nel pisano, ed uno nel Lazio,
 +a Roma, a Pontinia nel latinense ed a Scandriglia nel reatino, molto probabilmente
 +derivano da forme contratte di un ipocoristico del nome <i><font color="#3333FF">Paolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALINA
 +<br>PALINI
 +<br>PALINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palina è praticamente unico, Palini ha un ceppo nel bresciano, a
 +Polaveno, Ome, Gardone Val Trompia, Lumezzane e Rovato, un piccolo ceppo
 +ad Urbania nel pesarese ed uno in Umbria, a Bevagna e Foligno nel perugino
 +ed a Terni, Palino, estremamente raro, ha qualche presenzanel napoletano
 +e nella Sicilia sudorientale, potrebbero derivare da forme contratte dell'ipocoristico
 +del nome <i><font color="#3333FF">Paolo</font></i>, mentre in qualche caso
 +potrebbero derivare da alterazioni del nome slavo <i><font color="#3333FF">Balin</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Valentino</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALITTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palitta è tipicamente sardo, di Olbia, Trinità d'Aqultu e
 +Vignola in Gallura e di Sassari e Pattada nel sassarese, dovrebbe derivare
 +dal termine sardo settentrionale <i><font color="#3333FF">palitta</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cazzuola</font></i>), probabilmente ad indicare
 +nel capostipite un muratore.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PALITTA: <i><font color="#3333FF">palìtta</font></i> è
 +il corrispondente sardo di <i><font color="#666666">paletta</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">Sa palìtta po su fogu</font></i> = <i><font color="#666666">la
 +paletta per il fuoco</font></i>; <i><font color="#3333FF">sa palìtta
 +de su mest’’e muru</font></i> = <i><font color="#666666">la cazzuola del
 +muratore</font></i>; su palittòni &gt; per raccogliere la polvere,
 +nella pulizia delle case, etc. Non l’abbiamo trovato nelle carte antiche
 +della lingua e della storia della Sardegna, evidentemente si tratta di
 +un cognome moderno. Lo troviamo anche come toponimo ad esempio in agro
 +di Gonnosfanadiga (prov. VS), nelle pendici settentrionali de Monte Linas
 +si trova una località denominata “sa Roja de is Pobìttas”
 +(ròja = rivolo de is palìttas). Attualmente il cognome Palìtta
 +si trova in 34 Comuni italiani, di cui 19 in Sardegna: Olbia 46, Sassari
 +17, Trinità d’Agultu 15, Pattada 14, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palla ha vari ceppi sparsi per l'Italia, uno nel bellunese e trevigiano,
 +uno nello spezzino, massese, lucchese e pisano, uno nel grossetano, viterbese,
 +romano e reatino, uno molto piccolo nel casertano, uno nel catanese ed
 +uno nel cagliaritano, potrebbe derivare dall'italianizzazione del nome
 +greco <i><font color="#3333FF">Pallas</font></i>, nome il cui uso era diffuso
 +in epoca medioevale anche in Toscana, come possiamo evincere da questo
 +scritto del 1432 a Firenze: "<font color="#CC33CC">..Item deliberaverunt
 +quod notarius Opere teneatur facere bullettinum relapsationis et liberationis
 +staggimenti facti ad instantiam operariorum dicte Opere penes superextites
 +Stincharum Communis Florentie de Antonio de Davizis, si et in quantum </font><font color="#FF0000">Pallas
 +de Davizis</font><font color="#CC33CC"> fideiusserit pro dicto Antonio
 +de solvendo Opere debitum ad quod dictus Antonius obligatus est pro eius
 +patre et non pro aliis coniunctis suis pro quibus etiam fuit staggitus,
 +actento quod ipse non tenetur pro eis. .</font>.".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PALLA: in italiano significa “palla” = sfera usata in vari tipi di
 +giochi e di sport: di gomma, piena e vuota; di cuoio, con camera d’aria;
 +di stracci e simili; di dimensioni e peso variabili et etc. Il termine
 +viene dal longobardo “<i><font color="#3333FF">palla</font></i>” e corrisponde
 +al franco “<i><font color="#3333FF">balla</font></i>” In lingua sarda la
 +palla è detta “sa bòccia” e si tratta di un italianismo;
 +cambia soltanto l’accento della “o” &gt; da acuto diventa grave. Invece “<i><font color="#3333FF">sa
 +palla</font></i>” in lingua sarda campidanese è <i><font color="#666666">la
 +paglia</font></i>; <i><font color="#3333FF">sa páğğa</font></i>
 +in logudorese,<i><font color="#3333FF"> sa paža</font></i> nelle parlate
 +centrali, e viene dal latino “<i><font color="#3333FF">palea</font></i>”.
 +La Via Lattea in campidanese è sa “‘Ia de sa Palla”. Appallài
 += dare la paglia alle bestie. Quando una persona ci assilla con i suoi
 +discorsi, per farla smettere usiamo l’espressione:” Ses appallendimì”!
 += “Mi stai dando la paglia”! Il cognome è presente nei documenti
 +antichi della lingua e della storia della Sardegna. Tra i firmatari della
 +Pace di Eleonora, LPDE del 1388, figura un certo, Palla Francesco, ville
 +Macumerii, ** MACUMERII et Curatorie de Marghine de Gociano…Macomer etc.&nbsp;
 +In posse Chelis Simonis, notarii publici...die XII Januarii 1388. Come
 +toponimo lo troviamo in agro di Gonnesa: Portu Palla (Porto Paglia), nel
 +quale, in vicinanza della spiaggia, sorgeva una torre antibarbaresca, che
 +oggi è ridotta a rudere. Attualmente il cognome Palla è presente
 +in 219 Comuni d’Italia, di cui 29 in Sardegna : Cagliari 138, Quartu 52,
 +Capoterra 26, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLANTE
 +<br>PALLANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pallante è specifico della provincia di Roma e di Avellino, Pallanti
 +è decisamente toscano, della zona che comprende il fiorentino e
 +l'aretino in particolare, derivano entrambi dal nome latino di origine
 +greca <i><font color="#3366FF">Pallans, Pallantis</font></i>: "<font color="#CC33CC">Euander
 +Arcas fuit, nepos </font><font color="#FF0000">Pallantis</font><font color="#CC33CC">,
 +regis Arcadiae. hic patrem suum occidit, suadente matre Nicostrata, quae
 +etiam Carmentis dicta est..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLARA
 +<br>PALLARI
 +<br>PALLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pallara ha un ceppo a Ferrara ed uno, molto consistente, nel leccese, a
 +Monteroni di Lecce, Lecce, Lequile, Carmiano e Lizzanello, Pallari è
 +tipicamente toscano, di Montalcino nel senese e di Grosseto e Campagnatico
 +nel grossetano, Pallaro ha un ceppo nel varesotto a Varese, Busto Arsizio
 +e Carnago, ed uno, il più consistente, nel padovano a Loreggia,
 +Camposampiero, San Giorgio in Bosco, Villa del Conte, Padova, Piombino
 +Dese e Trebaseleghe, potrebbero derivare da nomi di località o da
 +soprannomi basati sul termine tardo latino medioevale <i><font color="#3333FF">pallarus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pagliaio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLAVICINI
 +<br>PALLAVICINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00pallavicini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="105"><font size="-1">Pallavicini è tipico del genovese e alessandrino con un ceppo probabilmente
 +secondario tra pavese e sudmilanese, Pallavicino, molto raro sembrerebbe
 +specifico di Sant'egidio Del Monte Albino (SA), con presenza significativa
 +anche nell'alessandrino, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Palavicinus
 +o Pallavicinus</font></i>, "<font color="#CC33CC">... Quod audientes Eccelinus
 +et </font><font color="#FF0000">Palavicinus</font><font color="#CC33CC">
 +Ecclesie inimici, frustrati spe sua, sunt non modicum conturbati....</font>"   Troviamo
 +<img src="../immagini/stem00pallavicino.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="44" height="55"> già nel 1000 questo cognome
 +con l'antipapa Honorius II° (1061-1072) il Cadalus Pallavicinus fatto
 +Papa dal re dei francesi; nel 1226 viene scritto il Codex Pallavicinus
 +dal Vescovo Guglielmo Pallavicino; verso la fine del 1400 la signoria di
 +terre parmensi è esercitata dal marchese Giovan Francesco Pallavicino;
 +nella seconda metà del 1500 è arcivescovo di Genova Cyprianus
 +Pallavicinus.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pallavicini, Pallavicino è cognome diffuso nel Nord Italia e
 +particolarmente in Lombardia e Liguria, Pallavicini viene (con un accorgimento
 +di scaltra alterazione) da un soprannome medievale di valore spregiativo
 +"<i><font color="#3333FF">Pelavicini</font></i>", dal latino "<i><font color="#3333FF">pelat
 +vicinum</font></i>" che equivaleva a <i><font color="#666666">ladro</font></i>,
 +<i><font color="#666666">usuraio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLINI
 +<br>PALLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pallini oltre al ceppo toscano, sembra averne anche in Abruzzo e Lazio,
 +Pallino molto raro sembrerebbe salernitano, è possibile che derivi
 +da una modificazione del nome Paolo, in alcuni casi potrebbe derivare dall'aferesi
 +dell'etnico del toponimo Capalle (FI).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabrizio
 +Pallini</font></font>
 +<br>il cognome Pallini è presente anche come ceppo a Parma in Emilia
 +Romagna derivante anticamente da Lentigione ora in provincia di Reggio
 +Emilia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pallini, Pallino derivano da "<i><font color="#3333FF">palla</font></i>"
 +con il significato di pallottola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLITTA
 +<br>PALLITTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Pallitta che Pallitto sono assolutamente rarissimi potrebbero essere
 +originari del potentino, potrebbero derivare dal nome etnico greco Pallis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALLOTTA
 +<br>PALLOTTI
 +<br>PALLOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pallotta è molto diffuso nella fascia che comprende le Marche, l'Umbria,
 +il Lazio, l'Abruzzo, il Molise, la Campania, la Puglia centrosettentrionale
 +ed il materano, Pallotti ha un ceppo tra modenese e bolognese, uno tra
 +maceratese e Piceno ed uno nel romano e viterbese, Pallotto ha un ceppo
 +nel maceratese, uno nell'iserniese ed uno nel romano, questi tre cognomi
 +dovrebbero derivare da soprannomi, probabilmente originati da un aspetto
 +non magro dei capostipiti.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pallotta è un cognome panitaliano ma specialmente diffuso nel
 +Centro-Sud. E' la cognominizzazione del soprannome '<i><font color="#3366FF">pallotta</font></i>'
 +che deriva da "<i><font color="#3366FF">palla</font></i>" ed era probabilmente
 +usato per indicare una persona grassa. Oltre a questa interpretazione P.
 +Minervini, 365, ne aggiunge anche un'altra: dal dialetto calabrese '<i><font color="#3366FF">pallotta</font></i>'
 += <i><font color="#999999">castagna sbucciata e lessa; zolla; melone</font></i>'.
 +Per l'analogo cognome Pallotti Rohlfs indica invece la derivazione da '<i><font color="#3366FF">pallottola</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palma è assolutamente panitaliano, può derivare sia dal nome
 +tardo latino <i><font color="#3333FF">Palma</font></i>, di cui abbiamo un esempio d'uso nell'<i><font color="#3366FF">Historia
 +Augusta</font></i>: "<font color="#CC66CC">...in adoptionis sponsionem
 +venit </font><font color="#FF0000">Palma</font><font color="#CC66CC"> et
 +Celso, inimicis semper suis et quos postea ipse insecutus est...</font>",
 +sia da toponimi come Palma (AG), (PA) o (NA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMACCI
 +<br>PALMACCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente laziali, Palmacci, il più diffuso dei due ha
 +un grosso ceppo a Terracina nel latinense ed uno secondario a Roma, Palmaccio
 +è di Formia, sempre nel latinense, dovrebbe trattarsi di forme ipocoristiche
 +peggiorative del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Palma</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PALMA</font>), probabilmente portato dai capostipiti,
 +ma è pure possibile una derivazione da nomi di località.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del sud della Sardegna, dovrebbe derivare dal toponimo Palmas nel cagliaritano
 +o Palmas Arborea nell'oristanese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PALMA; PALMAS: Palma è diffuso in tutta l’Italia (raro in Sardegna);
 +Palmas è propriamente sardo. Il significato della voce è
 +<i><font color="#3333FF">palma</font></i>. <i><font color="#3333FF">Palma</font></i>
 +è <i><font color="#666666">la superficie ventrale della mano</font></i>,
 +detta anche palmo; <i><font color="#666666">palma è un albero di
 +medio o alto fusto</font></i>, appartenente, in botanica, alla famiglia
 +delle “Arecaceae”: derivano dalla stessa voce latina, “<i><font color="#3333FF">palma</font></i>”.
 +In lingua sarda la palma della mano si dice “<i><font color="#3333FF">sa
 +pranta de sa manu</font></i>”; la palma (albero), è detta “<i><font color="#009900">pràma</font></i>”.
 +Ma <i><font color="#3333FF">un palmo</font></i>, inteso come unità
 +di misura, si dice “<i><font color="#3333FF">u’ pràmu</font></i>
 +(7, 39 cm.) e corrisponde a un quarto di piede; e misurare a palmo, a palmo,
 +si traduce, mesurai a pràmu, a pràmu.&nbsp; Anche il cognome
 +Palmas è comunemente pronunciato, “Pramas”: ad esempio, il tal signor
 +Giovanni Palmas è meglio conosciuto come “tziu Juànni Pràmas”.
 +Le voci “palma” ed ancor più “palmas”, sono toponimi comuni in tutto
 +il territorio dell’isola. Palma, abitato scomparso, detto anche San Pietro,
 +in agro di Villasor, di origine romana. In periodo medioevale appartenne
 +alla Curadorìa di Gippi, nel regno giudicale di Càlari. Nel
 +1324 entrò a far parte del Regno catalano aragonese di Sardegna;
 +poi fu territorio oltremarino della repubblica di Pisa. Alla fine del XIV
 +secolo, per effetto della guerra tra il giudicato d’Arborea e gli aragonesi,
 +il centro fu definitivamente abbandonato. Palmas “Arborea” (semplicemente
 +Palmas sino al 1862), centro abitato di origine medioevale. Come “villa
 +– bidda” appartenne alla Curadorìa di Simaxis, nel regno giudicale
 +di Arborea. Dal 1410, in seguito alla sconfitta delle truppe arborensi
 +a Sanluri e la caduta del giudicato, andò a far parte del Regno
 +catalano aragonese&nbsp; di Sardegna. Palmas Suergiu o semplicemente Palmas,
 +attualmente è frazione di San Giovanni Suergiu, nella provincia
 +di CI. Ha origini antichissime deducibili dai numerosi resti&nbsp; preistorici
 +e poi punici e romani. In periodo medioevale appartenne alla Curadorìa
 +di Solci o Sulci, nel regno giudicale di Càlari. Dal 1324 andò
 +a far parte del Regno catalano aragonese di Sardegna. Appartenne di nuovo
 +ad Arborea dopo il 1354 e poi definitivamente al Regno di Sardegna, dal
 +1410. La Torre di Palmas è una fortificazione antibarbaresca costruita
 +nel periodo del Regno catalano aragonese di Sardegna. Nel 1911 fu demolita
 +perché pericolante. Come cognomi sia Palma che Palmas sono documentati
 +nelle carte antiche della lingua e della storia della Sardegna. Fra i firmatari
 +della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, abbiamo: Palmas (de) Barcolo, ville
 +Gemussi, * Gemussi, villaggio scomparso, detto anche Gamussi o Genusi,
 +in agro di Simala; Palmas (de) Deodato, jurato ville Nulvi, * Nulvi...odierno
 +Nulvi. Contrate de Anglona- Chiaramonte; Palmas (de) Margiano, ville Selluri,
 +*** Selluri – Sedduri – Seddori: odierno Sanluri. Et ego Capula Marcus
 +…sindicus, actor et procurator ville Selluri…seu a Petro De Castay, locuntenente
 +capitanei et Margiano Costa, locuntenente potestatis terre Selluri et omnibus
 +habitatoribus dicte terre, congregatis. X die januarii 1388. Nel Condaghe
 +di San Michele di Salvennor, CSMS, XI, XIII, secolo, al capitolo 327, figurano
 +Dorgotori de Palmas, Mariano de Palmas e Pedro de Palmas, citati come testimone
 +in una donazione (il codice è segnata con numero romano – CLXXIV
 +– 174)…Yo llame por testigos(chiamo per testimoni), a Dorgotori de Palmas,
 +Andres Turdu, y Marian de Palmas y Pedro de Palmas, etc. Nel Condaghe di
 +San Nicola di Trullas, CSNT, XI, XIII, secolo, al capitolo 163 troviamo
 +citata come serva una certa Palma, ma sembra nome più che cognome:
 +Levatinke(ha preso) Gosantine d’Athen sa parçone(la parte) dessa
 +connata…Ego levai pede(un quarto, del servizio s’intende) de Simione, etc…
 +et remanserun a in comone latus (la metà)de Margarita et pede de
 +Palma et etc. Al capitolo n. 139 figura Torbeni de Palmas, testimone in
 +un acquisto di terra, in Balles (Sanctu Pedru de Balles, in agro di Bonnannaro).
 +Al capitolo 154 è citata Elene de Palmas, moglie di Comita Icalis,
 +erede di Petru Muçucu etc. i cui beni&nbsp; di Nuracucuma (Noragùgume)
 +sono donati a San Nicola. Nella storia medioevale ricordiamo inoltre Palmas
 +fra’ Elia, arcivescovo dell’archidiocesi, oggi chiamata di Oristano, un
 +tempo di Arborea, dal 1414 al 1447. Sardo di origine, fu priore nel monastero
 +di Bonarcado. Nel 1410, dopo la “capitolazione di San Martino “extra muros”
 +fu ambasciatore del giudice reggente Leonardo Cubello, davanti al vincitore
 +catalano aragonese Pietro Torrelles( riuscì ad ottenere il rispetto
 +dei beni ecclesiastici già posseduti prima della caduta del giudicato),
 +etc. (Di. Sto. Sa. di F. C. Casula). Nella storia moderna figura un certo
 +Luigi Gualpes, cagliaritano, che nel 1616, in periodo iberico del Regno
 +di Sardegna, ricevette il titolo di conte di Palmas, elevato a marchesato
 +nel 1627. Attualmente il cognome Palma è presente in 1113 Comuni
 +italiani, di cui 11 in Sardegna: Sassari 20, Olbia 6, Tempio 6, etc. Nella
 +penisola&nbsp; è Giugliano (Napoli) ad avere il numero più
 +alto con 1188; seguono, Roma con 1092, Napoli 598, Milano 183, Torino 181,
 +etc. Il cognome Palmas è presente in 270 Comuni d’Italia, di cui
 +117 in Sardegna: Cagliari 200, Sinnai 133, Assemini 111, Sassari 92, etc.
 +Nella penisola è Roma con 48 ad avere il numero più alto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMENTERI
 +<br>PALMENTIERI
 +<br>PALMINTERI
 +<br>PALMINTIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmenteri, quasi unico è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione,
 +Palmentieri, molto raro, è tipico di Napoli, Palminteri è
 +tipico della Sicilia occidentale, dell'agrigentino in particolare, Palmintieri
 +è quasi unico ed è anch'esso causato da errori di trascrizione,
 +dovrebbero derivare da un soprannome legato o al mestiere di mugnaio, il
 +palmento è un tipo di macina per il grano, o al mestiere di vignaiolo,
 +nella zona si chiama palmento una specie di tino per la raccolta, pigiatura
 +e fermentazione del vino. In epoca tardo medioevale
 +esisteva nella zona di Melfi un feudo chiamato Palminteri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMERI
 +<br>PALMIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmeri è decisamente siciliano, Palmieri è un cognome assolutamente
 +panitaliano, dovrebbero derivare dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">palmerius</font></i>,
 +attribuito a quanti avevano effettuato il pellegrinaggio in Terra Santa.
 +Nella <font color="#CC0000">Cronica delle cose occorrenti ne' tempi suoi
 +di </font>Dino Compagni si legge nel diario del dicembre 1294: ".<font color="#993366">..Rimasono
 +quivi i congiurati contro a Giano; i quali furon </font><font color="#3333FF">messer
 +Palmieri
 +</font><font color="#993366">di messer Ugo Altoviti, messer Baldo
 +Aguglioni giudice, Alberto di messer Iacopo del Giudice, Noffo di Guido
 +Bonafedi, e Arriguccio di Lapo Arrighi. I notai scrittori furono ser Matteo
 +Biliotti e ser Pino da Signa. Tutte le parole dette si ridissono assai
 +peggiori: onde tutta la congiura s'avacciò di ucciderlo; perchè
 +temeano più l'opere sue che lui.</font>", nel 1406 un Matteo Palmieri
 +è fra i sostenitori dei Medici, nel 1432 nell'Archivio dell'Opera
 +di Santa Maria del Fiore di Firenze, in un atto si legge: "<font color="#993366">...Stanziaro
 +a Matteo di Marcho Palmieri lire 191 soldi 16. 6 ...</font>", tracce di
 +una famiglia Palmieri a Prato si trovano già nel 1400, un atto del
 +1496 sancisce la successione di tal Palmieri Antonio, nel 1520 Vescovo
 +di Matera è un Palmieri, nel 1700 legato imperiale a Poggio Imperiale
 +(AV) è un certo Don Carmine Palmieri. Personaggi famosi sono stati
 +il pittore Giuseppe Palmieri (1674-1749) di Genova ed il marchese Giuseppe
 +Palmieri di Martignano (LE) famoso economista del 1700.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>A Colle Sannita si individua, grazie alla documentazione parrocchiale,
 +un ceppo Palmieri molto ricco e distinto già dalla fine del Cinquecento,
 +che diede i natali a molti colti personaggi di spicco della storia politica
 +e culturale del nostro Paese: ricordo, a titolo di curiosità, che
 +Donna Carmela Palmieri, appartenente a questo nobile ceppo, era la madre
 +dell'illustre matematico, astronomo e poeta Remigio del Grosso.&nbsp; Anche
 +la mia trisavola, la nobildonna Maria Teresa Palmieri, moglie del nobiluomo
 +Dottore delle Leggi Cavaliere Don Francesco Maria Paolucci, discendeva
 +da questo distinto Casato (tutta la genealogia dei Palmieri in questione
 +è stata da me ricostruita e sarà poi pubblicata nel Memoriale
 +della Famiglia Paolucci di Colle Sannita).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMESANO
 +<br>PALMISANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmesano è tipico di Pignataro Maggiore nel casertano, Palmisani
 +ha un ceppo ad Alatri nel frusinate, un ceppo a Monopoli nel barese ed
 +uno a Cisternino nel brindisino ed un piccolo ceppo a Sant`Ilario dello
 +Ionio (RC), potrebbero derivare dall'etnico di Palmi (RC), ma è
 +pure possibile che si tratti di forme alterate del cognome Palmisano (<font color="#CC33CC">vedi
 +PALMISANO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMIANI
 +<br>PALMIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmesano è tipico di Pignataro Maggiore nel casertano, Palmisani
 +ha un ceppo ad Alatri nel frusinate, un ceppo a Monopoli nel barese ed
 +uno a Cisternino nel brindisino ed un piccolo ceppo a Sant`Ilario dello
 +Ionio (RC), potrebbero derivare dall'etnico di Palmi (RC), ma è
 +pure possibile che si tratti di forme alterate del cognome Palmisano (<font color="#CC33CC">vedi
 +PALMISANO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMIERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della fascia che comprende il napoletano, il casertano, il beneventano
 +ed il Molise.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br><font size="-2"><font color="#3333FF">da </font><i><font color="#000099">I
 +Cognomi di Colle Sannita</font></i><font color="#3333FF"> - <i>cognomi
 +ancora in loco</i> (di prossima pubblicazione)</font></font>
 +<br>Diffuso a macchia di leopardo nella nostra Penisola, con picchi di
 +intensità maggiore a Napoli, a Roma e nel Molise ai confini con
 +la Campania, Palmiero è uno dei cognomi tipici di Colle Sannita,
 +dove risulta attestato con alta frequenza già dagli ultimi decenni
 +del Cinquecento.&nbsp; Il cognome deriva dal termine <i><font color="#3366FF">Palmiere</font></i>,
 +appellativo che nel basso medioevo veniva attribuito a chi era stato in
 +pellegrinaggio in Terra Santa ed era rientrato in Patria con un ramo o
 +una foglia di palma come simbolo della pace cristiana. Il nome, poi cognome,
 +Palmerius è attestato in Italia e in Francia già dal XII°
 +secolo: la diffusione di tale nome è imputabile alle Crociate.
 +<br>I ceppi Palmiero di Colle Sannita risultano del tutto estranei al nobile
 +Casato Palmieri di Colle (la cui genealogia è accertata), anche
 +se non mancano errori di trascrizione anagrafica da Palmiero a Palmieri.&nbsp;
 +Tra i Palmiero vanno ricordati i nomi di due briganti del periodo post-unitario:
 +Antonio Raffaele Palmiero fu Giovanni e Vito Palmiero fu Damiano.  
 +Dal registro dello Stato delle Anime dell'anno 1861 (archivio
 +parrocchiale della chiesa di San Giorgio Martire di Colle Sannita) risulta che
 +"a palazzo Paolucci in via Fontenuova" (attuale corso Umberto) tra coloro che
 +svolgono l'attività di "domestici" risultano anche "Palmiero Filomena, di
 +anni 18" e "Palmiero Damiana, di anni 14".
 +Nello stesso anno a palazzo Palmieri tra i domestici risulta una tale "Palmiero
 +Maddalena, di anni 16, serva". Nel Libro dei defunti degli anni compresi tra il 1775 e il 1809 nell'elenco
 +(scritto dall'Arciprete di Colle "Magnifico Don Giovanni de Paullis") delle 42
 +vittime che "morirono sotto il flagello del terremoto" del 26 luglio 1805
 +risultano anche i seguenti nominativi:
 +"Grazia PALMIERO di Giovanni e Libera Nigro, di anni 5"
 +"Anna Maria PALMIERO di Giovanni e Libera Nigro,di anni 4" 
 +"Giovanni Finella di Giorgio e Maria PALMIERO, marito di Anna Elena Di Pinto, di
 +anni 29"
 +"Crescenza PALMIERO di Domenico e Angela Iamarino, moglie di Pasquale Tedesco, di
 +anni 66".
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmioli è tipico della fascia centrale che comprende Marche Umbria
 +e Lazio, con piccoli ceppi a San Severino Marche, Cingoli e Montelupone
 +nel maceratese, a Cannara e Bevagna nel perugino ed a Roma e Monterotondo
 +nel romano, potrebbe derivare dal nome del paese Palmiolo di Cascia nel
 +perugino, probabile località d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMIOTTA
 +<br>PALMIOTTI
 +<br>PALMIOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palmiotta, assolutamente rarissimo, è del barese, Palmiotti è
 +tipico barese, di Molfetta in particolare, Palmiotto, oltre al nucleo principale
 +a Giovinazzo (BA) ha un ceppo forse non secondario a Cerignola (FG), potrebbe
 +derivare dall'etnico grecanico <i><font color="#3333FF">palmiota</font></i>, che vale <i><font color="#666666">cittadino di Palmi</font></i> nel reggino, secondo un'altra ipotesi, che prende
 +sempre comunque in considerazione la desinenza in iotta, potrebbero essere cognomi di origine
 +albanese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Palmiotti è un cognome originario calabrese, riconoscibile dalla
 +tipica desinenza in <i><font color="#3333FF">-otto</font></i>, che indica
 +origine, provenienza. Significa "<i><font color="#3333FF">originari di
 +Palmi</font></i> (RC)". Il suffisso è di origine neo-greca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMISANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00palmisano.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="68" height="80"><img src="../immagini/stem00palmisano.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="67" height="80"><font size="-1">Si
 +identificano perlomeno due ceppi originari, uno nella zona che comprende
 +il barese, il tarantino e il brindisino, l'altro sul percorso che dal reggino,
 +tramite il messinese, il catanese, Enna e Termini Imerese, arriva fino
 +al palermitano e di lì ad Ustica. Chiaro esempio di concorrenza
 +di derivazione multipla, da luogo ad una ridda di ipotesi, che varia a
 +seconda della località. Il Ceppo siculo, probabilmente deriva dal
 +nome della cittadina di Palmi (RC), ma potrebbe pure derivare dal nome
 +greco Palmys o da un aggettivo tardo latino palmisanus, che dovrebbe significare
 +portatore di palme.&nbsp; Il ceppo pugliese probabilmente ha più
 +origini, data l'alta concentrazione e diffusione, l'ipotesi più
 +probabile è che prenda il nome da un clan (la gens Mesia)&nbsp;<img src="../immagini/stem01palmisano.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="46" height="70"><img src="../immagini/palimisani.jpg" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="200" height="192">che
 +dovrebbe aver dato il nome a vari casali e toponimi, in Puglia e nel centro
 +e sud Italia, o da una regione dalla quale sarebbero emigrati in modo abbastanza
 +massiccio, come potrebbe essere la Mesia (nei Balcani) o la Misia (in Anatolia
 +zona di Pergamo), esiste anche un'ipotesi più romantica che vuole
 +che il capostipite fosse&nbsp; Paolo di Tommaso (Pali-Misani), principe
 +epirota al seguito di Demetrio Reres che si distinse quale condottiero
 +nella lotta contro i feudatari che nel 1435 combatterono Alfonso d'Aragona
 +dal quale Pali Misani venne investito del governatorato di Casale San Giorgio,
 +poi chiamato Locorotondo il 20 maggio 1456. Tra gli uomini illustri di
 +questa famiglia si ricorda il primo Sindaco di Locorotondo di nome Feliciano
 +Palmisano che esercitava anche la professione di dottore in legge;&nbsp;
 +Palmisano di Palmisano arciprete e Donato Antonio Palmisano procuratore
 +dell'Università di Locorotondo.&nbsp; Nel 1613&nbsp; Feliciano Palmisano
 +divenne arciprete ed&nbsp; insignito della seconda dignità della
 +Collegiata di San Giorgio Martire in Locorotondo;&nbsp; Nel 1821, il Regio
 +Cancelliere don Giuseppe Giorgio Palmisano insieme ad altri concittadini,
 +partecipò ai moti mazziniani promossi dalla Giovane Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMISCIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico campano, potrebbe essere
 +connesso con il nome di località Miscianus di cui abbiamo tracce
 +dal febbraio del 1042, quando in un atto vediamo donate alcune terre di
 +Montoro (AV), una delle quali confina con la bia caba e col ribus siccum.
 +"<font color="#3333FF">... Ideoque nos leo filius quondam giaquinti et
 +comitissa filia quondam iohanni, qui sumus vir et uxor, clarefacimus nos
 +abere rebus in locum montorum ubi <b>miscianus</b> dicitur, rotense finibus
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALMITESSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico di Barletta e Monopoli nel barese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALOMBA
 +<br>PALOMBELLA
 +<br>PALOMBELLI
 +<br>PALOMBI
 +<br>PALOMBIERI
 +<br>PALOMBO
 +<br>PALOMMELLA
 +<br>PALUMBA
 +<br>PALUMBELLA
 +<br>PALUMBI
 +<br>PALUMBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00palumbo.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="75"><font size="-1">Palomba è tipicamente campano, soprattutto del napoletano, con ceppi
 +anche nel tarantino, nell'iserniese, a Roma ed in Sardegna, Palombella,
 +molto raro, è tipico del barese e tarentino, Palombelli, molto molto
 +raro, è laziale, Palombi è comune nella fascia centrale che
 +comprende Marche, Umbria e Lazio, Palombieri, assolutamente rarissimo,
 +è tipico della fascia che comprende Umbria Lazio e teramano, Palombo
 +è tipico laziale, con ceppi anche in Abruzzo e Molise, Palommella
 +è quasi unico e sembrerebbe della fascia centrale, Palumba, assolutamente
 +rarissimo, è del sud, Palumbella, assolutamente rarissimo, è
 +pugliese, Palumbi, molto raro, è tipico del teramano, Palumbo è
 +difusissimo in tutto il centro sud, derivano tutti da soprannomi legati
 +a diminutivi o vezzeggiativi del vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">palumbo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">colombo</font></i>) usato anche come nome, come
 +si può desumere da questo scritto del 1300 a Pescara: "<font color="#CC33CC">...Est profecto quaedam villa vocata
 +Superclo, in Sancti Valentini Castello translata, quam a Tederamo et </font><font color="#FF0000">Palumbo</font><font color="#CC33CC">
 +germanis fliis quondam Reparati legaliter ad profectum Piscariensis Ecclesiae
 +triginta solidis emit. ..</font>", ma è pure possibile che molti
 +ceppi derivino da nomi di località come Roccapalumbia (PA), Cessapalombo
 +(MC), Colpalombo (PG), Santa Palomba (RM) e molte altre.&nbsp; Troviamo
 +tracce di queste cognominizzazione, in Campania a Solofra (AV) nel 1500 con
 +il <i><font color="#3333FF">fiscale regio</font></i> Tomase Palumbo,&nbsp;
 +in Calabria nel 1600 con 1mons. Paolo Palumbo, vescovo di Cassano Jonio
 +(CS).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni forniti da Massimiliano
 +Palombi</font></font>
 +<br>Palombi di Monte San Martino (MC), nobili di Monte San Martino, sono
 +presenti nel comune dal Rinascimento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALOPOLI
 +<br>PAOLOPOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palopoli, oltre al piccolo ceppo secondario romano, ha un ceppo nel cosentino,
 +a Rossano, Cassano allo Jonio, Longobucco, Crosia e Spezzano della Sila,
 +Paolopoli, praticamente unico, è anch'esso del cosentino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arbëreshë (più probabilmente greco-albanese),
 +i cognomi Palopoli e Paolopoli sembrano nascere da un adattamento del cognome
 +greco <i><font color="#3366FF">Pavlopoulos</font></i>, che, composto dalla
 +radice <i><font color="#3366FF">Pavlos</font></i> (l'italiano <i><font color="#999999">Paolo</font></i>)
 +e dal suffisso <i><font color="#3366FF">-opoulos</font></i> (con valore
 +d'appartenenza), può essere tradotto come <i><font color="#999999">figlio
 +di Paolo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi Di Paola</font>). In conclusione,
 +dunque, si tratterebbe delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Palopoli&nbsp; è un cognome calabrese che potrebbe essere derivato
 +dal greco <i><font color="#3333FF">Paleòpolis</font></i> = <i><font color="#666666">città
 +antica</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALOSCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario delle province di Brescia, Bergamo e Cremona, deriva dal toponimo Palosco
 +(BG), tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad esempio agli inizi
 +della seconda metà del 1600 con Michele Paluscus, fu Santo, agrimensore
 +pubblico di Soncino che in un atto certifica la misurazione di due terreni
 +in Calcio (BG), dati in enfiteusi alla famiglia Paloschi dal conte Antonio
 +Secco Suardo Comneno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALTERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paltera, molto raro, sembra tipico di Bari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALUCCI
 +<br>PALUCCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palucci è tipicamente abruzzese, Paluccio, più raro sembra
 +essere di Crotone, dovrebbero derivare da modificazioni del nome Paolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALUDETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere specifico dell'opitergino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALUDI
 +<br>PALUDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paludi è estremamente raro, ha un ceppo nel chietino ed uno nel
 +cosentino, Paludo è assolutamente rarissimo, sembra tipico della
 +provincia di Venezia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PALUSCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Palusci, molto molto raro, è tipico di Pescara e in particolare
 +di Bisenti nel teramano, potrebbe derivare dall'antico nome <i><font color="#3366FF">paluscus</font></i>
 +attribuito forse ad un capostipite che proveniva da località palustri come Le Pantane situata
 +appunto nei pressi di Bisenti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMBIANCO
 +<br>PANBIANCO
 +<br>PANEBIANCO
 +<br>PANIBIANCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pambianco sembra specifico della fascia marchigiano, umbro, laziale con
 +massimaconcentrazione nel perugino, Panbianco è assolutamente rarissimo,
 +Panebianco è molto diffuso al sud, in particolare in Sicilia, Calabria
 +e Puglia, Panibianchi è unico, tutti questi cognomi dovrebbero derivare
 +dal nome tardo medioevale <i><font color="#3366FF">Panis</font></i> cui
 +l'aggiunta di bianco attribuisce un maggior valore di bontà, rientrano
 +tutti nella grande famiglia dei nomi augurali attribuiti ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pamio,&nbsp; molto raro, è tipico di Scorzè nel veneziano,
 +di Venezia e di Noale, dovrebbe derivare dal nome celta <i><font color="#3333FF">Pamius</font></i>,
 +ma potrebbe anche derivare da un nome di località ora scomparso,
 +luogo chiamato come quello citato in un <i><font color="#3366FF">Breve
 +recordationis terre</font></i> del 1189 nel milanese: "<font color="#CC33CC">..Campi
 +et silve et vinee et sedimina et prata insimul tenente iugera .XVI. et
 +pertice .VIIII. et tabule .II., a mane et monte illorum Fontana, a sero
 +illorum de Caprino, a meridie suprascripta terra; silva dicitur Rio Avostano,
 +a mane Pacialo, a monte Carabio, a sero rio, pertice .VII. et tabule .VIII.;
 +pratum donegum dicitur Affosato, a mane Fontana et Navino, a meridie </font><font color="#FF0000">Pamio</font><font color="#CC33CC">,
 +a sero Sovrengo, a mont flumen, pertice .IIII. et dimidia; campus dicitur
 +a Longa, a meridie via illorum de </font><font color="#FF0000">Pamio</font><font color="#CC33CC">,
 +pertice .II. ..</font>", troviamo tracce di questa cognominizzazione a
 +Treviso nella seconda metà del 1600 con un tale Gottardo Pamio "<font color="#CC33CC">publico
 +agrimensore di Commun</font>" e nello stesso periodo, sempre nel trevisano
 +troviamo Don Lodovico Pamio Pievano di Peseglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMPANA
 +<br>PAMPANI
 +<br>PAMPANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pampana ha un ceppo toscano nell'area livornese, pisana, ed uno laziale,
 +in particolare nel viterbese, Pampani, assolutamente rarissimo, parrebbe
 +dell'area emiliano, romagnola, Pampano è specifico di Ascoli Piceno,
 +potrebbero derivare da soprannomi originati dal termine dialettale toscoemiliano
 +<i><font color="#3366FF">pampana</font></i> o <i><font color="#3366FF">pampano</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pampino, tralcio d'uva</font></i>), forse a sottolineare
 +caratteristiche comportamentali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMPARATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pamparato, assolutamente rarissimo è di origini liguri, del savonese
 +in particolare, dovrebbe derivare dal toponimo Pamparato in provincia di
 +Cuneo nelle vicinanze di Albenga, Finale Ligure e Pietra Ligure nel savonese
 +dove è presente il cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMPINTO
 +<br>PANEPINTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pampinto, praticamente unico, è la forma contratta di Panepinto,
 +che è tipicamente siciliano, dell'agrigentino, in particolare di
 +San Giovanni Gemini, ma anche di Casteltermini, Cammarata e Bivona, di
 +Palermo, Valledolmo e Caccamo nel palermitano e di Caltanissetta, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine <i><font color="#3333FF">pane
 +pinto</font></i>, cioè <i><font color="#666666">pane scuro</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">pane dozzinale</font></i>, riferito ad un capostipite
 +di cui evidentemente non si avesse una buona opinione (<font color="#CC33CC">vedi
 +in antitesi PAMBIANCO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAMPURA
 +<br>PAMPURI
 +<br>PAMPURINI
 +<br>PAMPURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pampura è quasi unico, Pampuri è tipico di Milano e della
 +zona tra Milano e Pavia, con un ceppo forse secondario a Prevalle (BS),
 +Pampurini, assolutamente raro, è di Piacenza, Pampuro, altrettanto
 +raro, sembrerebbe dell'alessandrino, dovrebbero derivare dal nome Pampurio,
 +ricordiamo San Riccardo Pampuri (1897-1930) di Trivolzio (PV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANACCIULLI
 +<br>PANNACCIULLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panacciulli, estremamente raro, sembrerebbe specifico del barese, forse
 +di Conversano, e del foggiano, Pannacciulli, leggermente meno raro, è
 +tipico del barese, di Castellana Grotte in particolare, potrebbero derivare
 +da forme ipocoristiche relative al nome greco <i><font color="#3333FF">Pannakios</font></i>,
 +latinizzato in <i><font color="#666666">Pannachius</font></i>, (<font color="#CC33CC">vedi
 +PANNACI</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Francesco
 +Panacciulli</font></font>
 +<br>l'origine di questo cognome è dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Panagulis</font></i>,
 +dovrebbe essere arrivato in Puglia dalla Grecia nel 1200, stabilendosi
 +nella zona di Triggiano nel barese, in seguto Josepo Panacciulli si trasferì
 +nella vicina Conversano. Si trovano ancora nell'archivio della curia scritti
 +riferentesi a tali personaggi. In America risalta tra gli altri il professor
 +Louis Panacciulli maestro e direttore della Nassau orchestra sinfonica fino al 1984.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panada è tipico del bresciano, di Brescia, Castenedolo e Mazzano,
 +dovrebbe derivare da soprannomi originati dal termine di lingua veneta
 +<i><font color="#3366FF">panada</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pancotto</font></i>), cognome antico, già
 +citato da Teofilo Folengo (1491 - 1544) nel <i><font color="#3366FF">Baldus</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">.. Non ego deciperem te, mi </font><font color="#FF0000">Zambelle
 +Panada</font><font color="#CC33CC">, quae tibi promisi semel, attendenda
 +memento. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANAGIA
 +<br>PANAGIS
 +<br>PANAIA
 +<br>PANAJA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panagia, molto molto raro, è dell'estrema punta della Calabria,
 +Panagis è quasi unico, Panaia è specifico della Calabria,
 +di Vallefiorita e Squillace nel catanzarese con un ceppo anche nel crotonese
 +e nel reggino, Panaja, assolutamente rarissimo, è tipico del reggino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panaìa è cognome di Catanzaro che viene dal nome locale
 +<i><font color="#3366FF">Panaìa</font></i>, anch'esso nel Catanzarese.
 +Si tratta della forma sincopata del cognome <i><font color="#3366FF">Panagìa</font></i>,
 +presente a Reggio Calabria. Entrambi derivano dal greco <i><font color="#3366FF">Panaghìa</font></i>
 += santissima, cioè la Vergine Maria. Della stessa famiglia è
 +anche il cognome Panagis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANARA
 +<br>PANARI
 +<br>PANARIO
 +<br>PANARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panara ha un ceppo a Rosate (MI) ed a Milano, ed uno a Chieti ed a Bucchianico
 +(CH), Panari, molto raro, è tipico di Modena ed Imola, Panario,
 +assolutamente rarissimo, parrebbe del savonese, Panaro ha piccoli ceppi
 +a Genova, Savona e nell'alessandrino a Acqui Terme e Castelletto d`Erro,
 +ha un nucleo campano tra Casal di Principe (CE), Napoli e Pozzuoli (NA),
 +uno a Paola (CS), ma il nucleo più importante è sicuramente
 +pugliese, tra Altamura, Alberobello, Monopoli e Bari nel barese, Foggia
 +e Castelluccio Valmaggiore&nbsp; nel foggiano ed a Massafra (TA).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Panara ha ceppi maggiori nel chietino e nel milanese, Panari e Panario,
 +piuttosto rari, sono presenti a bassa frequenza fra il nord e il centro
 +nord del paese, Panaro, molto più comune dei precedenti, è
 +più tipicamente meridionale, con un nucleo principale fra il barese
 +e il tarantino e nuclei secondari nel casertano, nel napoletano e nel cosentino,
 +tutti questi cognomi derivano dall'antico italiano <i><font color="#3366FF">panaro</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#666666">panettiere, fornaio</font></i>;
 +nel caso dei ceppi romagnoli (valido soprattutto per il cognome Panari),
 +non è da escludere, tuttavia, che il cognome derivi dalla toponomastica
 +modenese e, più nello specifico, da comuni quali Marano sul Panaro,
 +San Felice sul Panaro, San Cesario sul Panaro e Savignano sul Panaro oppure
 +direttamente dal fiume Panaro, un affluente del Po che scorre lungo il
 +territorio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANARELLI
 +<br>PANARELLO
 +<br>PANARIELLO
 +<br>PANNARELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panarelli è specifico della fascia centrale delle Puglie, Pannarelli,
 +assolutamente rarissimo, è probabilmente dovuto ad un errore di
 +trascrizione del precedente, Panarello sembra essere specifico del messinese
 +e catanese, con un possibile ceppo nel casertano, dove è comunque
 +probabile che si tratti di trascrizioni errate del locale Panariello, che
 +è specifico del napoletano e salernitano. Questi cognomi derivano
 +da soprannomi originati dal vocabolo pane e stanno ad indicare o un aspetto
 +del carattere del capostipite o il mestiere di fornaio.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panarello è cognome siciliano che significa '<i><font color="#3333FF">piccolo
 +paniere</font></i>' (siciliano '<i><font color="#3333FF">panaru</font></i>').
 +Rohlfs142.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANARONE
 +<br>PANARONI
 +<br>PANERONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panarone, assolutamente rarissimo, parrebbe del napoletano, Panaroni è
 +tipico del pesarese di Fano, Pesaro e Piagge, Paneroni è tipico
 +del bresciano, di Rudiano e Roccafranca, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal mestiere del capostipite, molto probabilmente un <i><font color="#3333FF">panaro</font></i>
 +o&nbsp; <i><font color="#3333FF">panero </font></i>(<i><font color="#666666">fornaio</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#666666">panettiere</font></i>) di una stazza
 +imponente, fatto che avrebbe giustificatoo all'accrescitivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANASCI
 +<br>PANASCI'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto rari, potrebbero essere originari
 +della zona tra il messinese ed il catanese, la forma corretta è
 +quella accentata.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panascì è cognome della Sicilia orientale, variante fonetica
 +di <i><font color="#3333FF">Panagia</font></i> (cfr.)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panato è tipicamente veneto, del veronese e del vicentino, con un
 +piccolo ceppo anche nel ferrarese, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica
 +tipicamente veneta, dove il suffisso <i><font color="#3333FF">-ato</font></i>
 +stia per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferito a capostipiti
 +i cui padri si fossero chiamati <i><font color="#3333FF">Pane</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PANE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANATTA
 +<br>PANATTI
 +<br>PANATTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panatta è tipicamente laziale, di Roma, Sambuci, Vicovaro e Tivoli,
 +Panatti, molto raro, è lombardo, di Chiavenna nel sondriese e di
 +Porlezza nel comasco, Panattoni ha un ceppo toscano a Montecarlo, Lucca,
 +Altopascio e Capannori nel lucchese, a Livorno, a Castelfranco di Sotto,
 +Pontedera e Santa Croce sull'Arno nel pisano ed a Ponte Buggianese nel
 +pistoiese, ed un ceppo a Roma, Tivoli, Casape e Frascati nel romano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi basati sul termine arcaico <i><font color="#3333FF">panata</font></i>,
 +una specie di <i><font color="#666666">zuppa di pane raffermo</font></i>
 +in uso soprattutto in Toscana e nel Lazio, in epoca medioevale la <i><font color="#3333FF">panata</font></i>
 +era anche un <i><font color="#666666">largo boccale</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANAZZA
 +<br>PANAZZI
 +<br>PANAZZOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panazza, molto molto raro, sembrerebbe del mantovano, di Ostiglia e Viadana
 +in particolare, Panazzi è quasi unico, Panazzolo è decisamente
 +veneto, del trevisano, di Asolo e Pederobba e Cornuda in particolare, potrebbero
 +derivare, direttamente o attraverso una forma ipocoristica, da un soprannome
 +originato dal mestiere di <i><font color="#666666">garzone di fornaio</font></i>
 +svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCALDI
 +<br>PANCALDO
 +<br>PANCALLI
 +<br>PANCALLO
 +<br>PANCOTTI
 +<br>PANECALDO
 +<br>PANGALLI
 +<br>PANGALLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pancaldi è tipico del bolognese e ferrarese occidentale, Pancalli,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe del centro Italia, Pancallo e Pancaldo
 +rarissimi, potrebbero essere della provincia di Reggio Calabria o di Messina,
 +Pancotti è molto raro, dovrebbe avere un nucleo nel milanese, lodigiano
 +ed alto piacentino, un'altro probabile nel bolognese ed uno opinabile nell'anconetano,
 +Panecaldo decisamente raro è specifico del Lazio meridionale, Pangalli,
 +quasi unico, parrebbe veneto, Pangallo ha un ceppo nel verbanese ed uno
 +molto consistente nel reggino e nel vicino messinese, dovrebbero tutti
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Pancaldus</font></i>
 +già cognominizzato nel 1188, come si evince dal <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font></i> nel quale si può
 +leggere: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnationis millesimo centesimo octuagesimo octavo, nono die
 +kallendas marcii, indictione septima.... ....de aliis questionibus nichil
 +scit </font><font color="#FF0000">Petrus Pancaldus</font><font color="#CC33CC">
 +iurato dicit quod vidit presbiterum Rubaldum stare in suprascripta ecclesia
 +pro monasterio...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Enzo Papa</font></font>
 +<br>Il cognome Pancallo (e l'alterato Pangallo) è un grecismo (<i><font color="#3366FF">Pan-kallos</font></i>)
 +del Sud-Italia e significa <i><font color="#999999">Tutto bello</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#999999">molto bello</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del bresciano e mantovano,
 +dovrebbe derivare da un soprannome legato o alle dimensioni abbondanti,
 +o all'essere il capostipite una buona forchetta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCHETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panchetti, tipicamente toscano, è specifico di Firenze, Borgo San
 +Lorenzo, Empoli, Barberino di Mugello e Montespertoli nel fiorentino e
 +di San Miniato e Santa Croce sull?Arno nel pisano, potrebbe derivare da
 +un soprannome forse attribuito a capostipiti che facessero i falegnami
 +e producessero panche di mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCIATICHI
 +<br>PANCIATICI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panciatichi, molto molto raro, è tipico dell'area romagnola del
 +ravennate e del forlivese, Panciatici è una forma ancora più
 +rara, tipica del senese, ma entrambi i cognomi sono originari di Pistoia,
 +dovrebbero derivare da soprannomi inerenti al mestiere di mercanti di generi
 +alimentari, il casato medioevale dei Panciatici o Panciatichi, mercanti
 +avveduti, che fecero la loro fortuna economica in operazioni finanziarie
 +in terra di Francia, annovera Consoli come Sinibaldus Bartholomeus Panciaticus
 +che Il Granduca Cosimo I° inviò presso la corte francese, ed
 +un Cardinale, Bandinus Panciaticus, creato da Alessandro VIII durante il
 +suo brevissimo pontificato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCINI
 +<br>PANCINO
 +<br>PANSINI
 +<br>PANSINO
 +<br>PANZINI
 +<br>PANZINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pancini è ha un ceppo nel piacentino a Piacenza, San Giorgio Piacentino
 +e Carpaneto Piacentino, ed uno toscano nell'aretino, ad Arezzo e Castel
 +Focognano, Pancino ha un ceppo nel veneziano a Santo Stino di Livenza e
 +Venezia e di San Giorgio della Richinvelda ed Arzene nel pordenonese, Pansini
 +ha un piccolo ceppo a Napoli, ma il ceppo principale è nel barese
 +a Molfetta, con grandi concentrazioni anche a Bari, Bisceglie, Trani, Giovinazzo,
 +Ruvo di Puglia e Canosa di Puglia, sempre nel barese, Panzini ha un ceppo
 +ad Ancona, nel Lazio a Roma, Subiaco e Canterano nel romano ed a Pontecorvo
 +e San Giovanni Incarico nel frusinate, ed in Puglia a Mola di Bari nel
 +barese ed a Trinitapoli nel foggiano, Pansino è tipico di Lamezia
 +Terme e Marcellinara nel catanzarese, Panzino è specifico del catanzarese,
 +di Marcellinara e Catanzaro, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da
 +soprannomi nati da forme ipocoristiche derivate dal termine <i><font color="#3333FF">pancia</font></i>
 +o da suoi derivati dialettali, come <i><font color="#3333FF">pansa</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">panza</font></i>, forse ad indicare nei capostipiti
 +una leggera pinguedine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCIROLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona parmense e
 +reggiana, deriva dal cognome rinascimentale Pancirolus, nel 1507 troviamo
 +a Torino un illustre canonico e storico Guido Pancirolus, nel 1600 Mons.
 +Giovanni Giacomo Panzirolo è segretario del Cardinal Barberini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANCRAZI
 +<br>PANCRAZIO
 +<br>PANGRAZI
 +<br>PANGRAZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pancrazi ha un ceppo toscano, soprattutto nel fiorentino e nel pisano ed
 +uno nel Lazio, Pancrazio, molto molto raro, sembrerebbe tipico del meridione,
 +con un possibile ceppo nel catanzarese, Pangrazi è specifico dell'area
 +che comprende le Marche, anconetano ed ascolano in particolare, Umbria,
 +in particolare Terni e Narni nel ternano, il viterbese e Roma e Nerola
 +nel romano, Pangrazio ha un piccolo ceppo nel bresciano e nel veronese
 +ed uno nell'iserniese, dovrebbero derivare, direttamente o tramite alterazioni
 +dialettali, dal nome <i><font color="#3366FF">Pancrazio</font></i>,
 +originato dal termine greco <i><font color="#3366FF">pankration</font></i>
 +che significa lottatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANDINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pandini è tipicamente lombardo della zona al confine tra le province
 +di Milano, Bergamo e Cremona con un ceppo anche nel ferrarese, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Pandino nel cremasco.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pandini, secondo D. Olivieri (Dizionario di toponomastica Lombarda),
 +deriva dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Panto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANDOLFA
 +<br>PANDOLFI
 +<br>PANDOLFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pandolfa quasi unico è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione, Pandolfi è diffuso in tutt'Italia, ha un ceppo importante
 +in Lombardia, nelle Marche, nell'alta Toscana, nel Lazio, nel napoletano
 +e nel cosentino, Pandolfo, meno diffuso, ha un ceppo nella zona che comprende
 +le province di Venezia e quella di Treviso, uno nel Basso Lazio, uno tra
 +napoletano, salernitano e potentino ed uno in Sicilia, derivano dal nome
 +longobardo Pandulf latinizzato in Pandulfus, di cui si hanno tracce ad
 +esempio nel 900 come si legge in <font color="#3366FF">Chronicon Salernitanum</font>:
 +"<font color="#CC33CC">Dum ipso Landulfus prefuisset Samnitis annos...,
 +ab hac luce subtractus est; Beneventanorum principatum eius filii </font><font color="#FF0000">Pandolfum</font><font color="#CC33CC">
 +et Landulfum bifarie regebant. Eo tempore sancte Romane sedis preerat papa
 +Iohannes, filius cuidam Alberici patricii. Dum esset adolescens atque huiusmodi
 +viciis detitus, undique hostium congregare iussit in unum, et non tantum
 +Romanum exercitum, sed eciam Tusci Spolitinique in suum suffragiium conduxit,
 +populusque multum nimis, et cum magna virtute Capuam properabat. Ilico
 +princeps </font><font color="#FF0000">Pandulfus</font><font color="#CC33CC">
 +consanguineos suos Salernum misit, quatenus eminentissimum principem Gisulfum
 +enixius obsecrarent, ut in eius adiutorium sine dilacione veniret.</font>",
 +o nel 1131 quando nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia
 +medievale</font> si legge: "<font color="#3366FF">... Nos in Dei nomine
 +Sigeza, relicta quondam Orrici qui fuit dictus </font><font color="#FF0000">Pandulfus</font><font color="#3366FF">,
 +de civitate | Mediolani, et Albertus et Orricus germani, ...</font>" e
 +nel 1210 nella <font color="#3366FF">Ryccardi de Sancto Germano Chronica
 +excerpta de Landulfo de Aquino</font>, dove si legge: "<font color="#CC33CC">...Hic
 +cum gente ipsius Ottonis ivit ad debellandum civitatem Aquini, in qua Landulfus,
 +Thomas, </font><font color="#FF0000">Pandulfus</font><font color="#CC33CC">
 +et Robbertus domini Aquini, qui regis fidem servabant, se receperant cum
 +gente sua; et cum non prevaleret in eam, viribus resistentibus predictorum,
 +confusus et non sine dampno recessit ...</font>". Esempio di questa cognominizzazione
 +si ha già alla fine del 1500 a Segni (ROMA) con un tal Cesare Pandolfi
 +citato in un atto dall'Ufficio del Vicario di Roma in qualità di
 +esecutore testamentario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANE
 +<br>PANELLA
 +<br>PANELLI
 +<br>PANELLO
 +<br>PANI
 +<br>PANINI
 +<br>PANINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pane ha un nucleo importante nel napoletano, e dei ceppi nel catanzarese
 +ed in Sicilia, Panelli sembra avere un ceppo nel bresciano ed uno nel lucchese,
 +Panello, assolutamente rarissimo, è del genovese e spezzino, Pani
 +è tipico del sud della Sardegna, Panini è tipico di Modena,
 +del modenese di Formigine, Sassuolo, Nonantola e Maranello e del reggiano,
 +di Correggio e Reggio Emilia, Panino, quasi unico, sembrerebbe piemontese,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome
 +tardo medioevale <i><font color="#3333FF">Pane, Panis</font></i> e <i><font color="#3333FF">Panellus</font></i>
 +o da soprannomi originati dal buon carattere del capostipite; tracce di
 +questo nome si hanno ad esempio in un atto di compravendita redatto a Brescia
 +nel 1172, dove si trova come teste un tal Panello Ferrari: "<font color="#CC66CC">...Signa
 +manuum Berardi de Madio et Vuithoni de Porta et </font><font color="#FF0000">Panelli</font><font color="#CC66CC">
 +et Stefani et Gambari Ferarii et Teutaldi Bosi testium....</font>".&nbsp;
 +Esempio di questa cognominizzazione si ha ad esempio a Venezia nel 1177,
 +in un atto relativo al trattato tra le repubbliche di Genova e Venezia
 +si legge: "<font color="#CC33CC">...et per manum </font><font color="#FF0000">Ogerii
 +Panis</font><font color="#CC33CC">, notarii et scribe Ianuensis curie conscripta,
 +Venetie&nbsp; Ianue quoque confirmata ...</font>", in un documento del 1411 leggiamo: "<font color="#CC33CC">..et&nbsp;
 +renonciaverunt et juraverunt et oblligaverunt et scilicet dictus procurator
 +bona dicti monasterii et eiusdem domini prioris de Aurelio et dictus Joannes
 +bona sunt et concesserunt litteras domini ducis aquitaniae dominis officialis
 +lemovicensis et [.] nobiliaris in meliora forma presentibus religioso viro
 +domino </font><font color="#FF0000">Petro Panini</font><font color="#CC33CC">
 +presbyterus priore de Salviaco et Georgeo Rogeris clerico de Castronovo
 +testibus ad hac vocatis et est subsignatum Joannes clericus. ..</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>sia Pane che Pani di Sardegna significano pane e derivano dal latino
 +<i><font color="#3366FF">panis</font></i>. <i><font color="#3366FF">Pane</font></i>
 +in logudorese, <i><font color="#3366FF">pani</font></i> in campidanese.
 +Pani e casu (pane e formaggio), il pasto tipico dei pastori della Sardegna;
 +a cui si aggiunge. e binu a rasu (e vino a bicchiere pieno). È un
 +cognome diffuso, nelle due uscite, in tutta la Sardegna sin dai tempi antichi.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE, vi sono tre Pane e 5 Pani,
 +tra i quali ricordiamo: Pane (de) Francisco, jurato ville Floxio (Flussio
 +- Contrate Montis de Verro), Pane (de) Gantino, ville de Sancto Gavino
 +(San Gavino Monreale), Pani (de) Andrea, jurato ville Morgogiori, Pani
 +(de) Arsoco, ville Gonnos de Tramacia, Pani Margiano, ville Ecclesiarum
 +(Villa di Chiesa - Iglesias), Pani (de) Nicolao, jurato ville Nurau Albu
 +(villaggio distrutto - Campitani Majoris); infine troviamo, Paniecasu Guantino,
 +ville Mahara. (Villamar - Contrate Marmille). Nel Condaghe di S. N. di
 +Trullas, *CSNT (82, 98, 99), viene citato Pane Torbeni, teste in un acquisto
 +di terra (comporu). Nel Condaghe di S. M. di Bonarcado, *CSMB, sono nominati:
 +Pane Dominige (74, 142), citato in Corona (tribunale - 142) da Comida de
 +Varca per furto di bestiame; Pane Nicola (12, 20.) più volte citato
 +come teste in spartizione di servi (partizione de servis). Pani Bonu è
 +il nome di un villaggio medievale scomparso (Campitano Simaxis). Attualmente
 +il cognome Pani è presente in Sardegna in 131 Comuni su 377.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANERA
 +<br>PANERI
 +<br>PANERO
 +<br>PANIERE
 +<br>PANIERI
 +<br>PANIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panera e Paneri, molto rari, sono probabilmente dell'area lombardo ligure
 +piemontese, Panero, molto diffuso è piemontese, delle province di
 +Torino e Cuneo, Paniere e Paniero sono quasi unici, &lt;&lt;&lt;&lt;&lt;&lt;panieri
 +sembrerebbe toscoemiliano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Stefano Ferrazzi</font></font>
 +<br>Panera e Paneri, molto rari, sono presenti quasi esclusivamente neln
 +nord ovest del paese, Panero, più comune dei precedenti, ha un nucleo
 +principale in Piemonte, fra il cuneese e il torinese, e nuclei secondari
 +sparsi fra il nord e il centro nord del paese, Paniere, unico, si riscontra
 +soltanto a Gioiosa Marea (ME), Panieri, piuttosto raro, è più
 +tipicamente tosco-emiliano, Paniero, quasi unico, si riscontra esclusivamente
 +a Ravenna e a Moggio Udinese (UD), tutti questi cognomi derivano dall'antico
 +italiano <i><font color="#3366FF">panero</font></i> o <i><font color="#3366FF">paniere</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#999999">panettiere, fornaio</font></i>.
 +Si tratta, dunque, delle cognominizzazioni di nomi di mestiere attribuiti
 +ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome sicuramente originario della zona Siderno (RC) - Locri (RC) - Gerace
 +(RC) (dov'è tutt'oggi il cognome più diffuso) e presente
 +per immigrazione in Piemonte, Liguria e Lazio. Potrebbe derivare dalla
 +radice "pani" (pane)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANFILI
 +<br>PANFILO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00panfili.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="110" height="114"><font size="-1">Panfili è tipico della zona che comprende le province di Perugia,
 +Terni, Orvieto, Roma e Frosinone, di Gubbio (PG) in particolare, Panfilo
 +ha un ceppo veneto, del veneia particolare, ed uno nel romano e rietino,
 +dovrebbero derivare dal nome greco latino <i><font color="#3366FF">Panphilus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Pamphilus</font></i>, ricordiamo il martire
 +fenicio Sanctus Pamphilus Caesariensis trucidato nell'anno 309. Il casato
 +dei Panfili ha dato alla chiesa nel 1600 Papa Innocenzo X°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANFINI
 +<br>PANFINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panfini, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'area marchigiana, Panfino
 +è praticamente unico, dovrebbero derivare dal nome tardo medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Panfinus</font></i>, o anche da un soprannome,
 +probabilmente attribuito ad un panettiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANGALLI
 +<br>PANGALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pangalli è praticamente unico e si tratta di un errore di trascrizione
 +del cognome Pangallo che è tipico del reggino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Originario del reggino, deriva dal nome di origine greca <i><font color="#3366FF">Pangalos</font></i>,
 +col significato di molto buono o molto bello (letteralmente tutto buono
 +o tutto bello, dal greco <i><font color="#3366FF">pan </font></i>= tutto
 +e <i><font color="#3366FF">kalos </font></i>= buono, bello).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANGARI
 +<br>PANGARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pangari, quasi unico, ha presenze nel crotonese e nel catanese, Pangaro
 +ha un ceppo nel basso potentino, a Francavilla in Sinni e San Severino
 +Lucano ed un ceppo a Rose nel cosentino, dovrebbero derivare dal nome e
 +cognome sia tracio che turco <i><font color="#3333FF">Pangarus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Pangaros</font></i>, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Frascineto nel cosentino nel 1600.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANICCI
 +<br>PANICCIA
 +<br>PANICCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panicci è specifico di Roma, Paniccia è tipicamente laziale,
 +molto diffuso nel frusinate a Veroli, Frosinone, Torrice, Sora, Alatri
 +ed Anagni, a Roma, Civitavecchia e Zagarolo nel romano ed a Priverno, Terracina,
 +Aprilia, Sabaudia e Latina nel latinense, Paniccio è estremamente
 +raro, ed è sempre laziale, dovrebbero derivare da un soprannome
 +originato dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">paniccia</font></i>
 +(un tipo di <i><font color="#666666">minestra d'orzo</font></i> casereccia),
 +derivato dal vocabolo latino medioevale <i><font color="#3333FF">panicia</font></i>,
 +con il medesimo significato, di cui abbiamo un esempio d'uso in epoca longobarda
 +in un 'atto dell'anno 768: "<font color="#CC33CC">..per omnem diem in Quadragesima,
 +et habeant ad refectionem ipsi pauperis per unumquaque panem quadra una,
 +uinum ternas fiolas, fabas et </font><font color="#FF0000">panicia</font><font color="#CC33CC">
 +ut sufficiat, et in Adsensionem Domini uel in uigilia de Aebefanias uolo
 +ut pascat pauperus eos in istas duas uices, et habeant ad refectionem per
 +unaquaque personam pane medio, lardo et faba..</font>", ma è pure
 +possibile che in qualche caso possano derivare dai nomi latini <i><font color="#3333FF">Panicius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Panicia</font></i>, cioè dedicati
 +al dio Pan.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANICHELLI
 +<br>PANICHI
 +<br>PANICO
 +<br>PANICUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panichelli è specifico di Civitanova Marche (MC), Panicucci è
 +tipico dell'area pisana, zona di Pontedera e aree limitrofe, Panichi è
 +specifico della Toscana e zone limitrofe di Umbria e Marche, Panico è
 +molto diffuso nella Campania litoranea e nel centrosud della Puglia, dovrebbero derivare tutti, direttamente, o tramite
 + modificazioni ipocoristiche, dal nome latino di origine greca <i><font color="#3333FF">Panicus</font></i>, ricordiamo
 +<i><font color="#3333FF">Panicos</font></i> aiutante di Ade dio degli inferi,&nbsp; ma potrebbero in alcuni
 +casi derivare da soprannomi originati dal termine <i><font color="#3333FF">panìco</font></i> un tipo di graminacea,
 +tracce dell'uso di queste modificazioni le troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico Bresciano</font></i> sotto l'anno 1184: "<font color="#CC33CC">..inter
 +Nuvolentum et Suranam terram et in loco Pospencii, et de his eum investivit,
 +se teste presente, in lobia supra scalas, et </font><font color="#FF0000">Panichellus</font><font color="#CC33CC">
 +erat ibi et archipresbiter Iohannes de Gavardo et domnus Columbanus camararius
 +et domnus Obizo prior et domnus Macarius et alii plures...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panico è cognome panitaliano ma soprattutto diffuso in Campania
 +e Puglia (prov. di Lecce). Deriva dal soprannome medievale <i><font color="#3333FF">PANE</font></i>,
 +dalla voce '<i><font color="#3333FF">pane</font></i>', latino '<i><font color="#3333FF">pane(m)</font></i>'
 +per indicare un mestiere o, in senso figurato '<i><font color="#666666">persona
 +buona</font></i>'. Con accento diverso: Panìco&nbsp; deriva invece
 +dalla voce latina '<i><font color="#3333FF">panìcum</font></i>'
 += <i><font color="#666666">panìco</font></i>, pianta erbacea con
 +infiorescenza a pannocchia, coltivata per l'alimentazione degli uccelli.
 +Toponimo Panìco, Asciano, Siena.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIGA
 +<br>PANIGHI
 +<br>PANIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paniga è decisamente lombardo della provincia di Sondrio, di Morbegno
 +e Talamona, Panighi, decisamente più raro, è specifico di
 +Milano, Panigo è caratteristico del milanese, di Cornaredo, Sedriano,
 +Bareggio, Settimo Milanese e Milano, dovrebbero tutti derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale <i><font color="#3333FF">panigh</font></i> (<i><font color="#666666">panico
 +o miglio, Panicum miliaceum</font></i>), un cereale che in epoca medioevale
 +aveva una notevole importanza alimentare per l'uomo, anche se in Lombardia
 +veniva più che altro utilizzato per il foraggio degli animali, i
 +milanesi di una certa età si ricordano il <i><font color="#3333FF">pan
 +de mej </font></i>o pane di miglio, usato un tempo, magari con aggiunta
 +di zucchero, come dolce.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIGADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della Lombardia occidentale, dovrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">panichata</font></i>
 +(un piatto medioevale <font color="#CC33CC">vedi ricetta</font>), o anche
 +dal vocabolo milanese <i><font color="#3333FF">panigada</font></i> , in
 +pratica del pane con fiori di sambuco. Da un libro di ricette
 +del 14° secolo, leggiamo: <font color="#3333FF">Panichata con agresta.</font></font>
 +<br><font color="#990000"><font size="-1">Se tu voy fare panichata con agresta,
 +toy lo panico pesto e ben lavata la schorza e ben monda, e toy do libre
 +de mandole ben monde e ben macenate e distemperate con aqua chiara, e toy
 +tre oche e mitile a rosto, e miti a fogo lo late de le mandole, le do parte
 +e 'l panizo ben mondo, e fay coxere, e quando è ben cocto, toy lo
 +grasso de l' ocha e mitillo entro lo panizo ed altro grasso frescho de
 +struto che sia de porcho e una quantitade de zucharo e sale tanto che basta.
 +Questa vivanda vuole essere biancha al piú che tu poi, e volse dare
 +per scudelle e zucharo de sopra e le oche per taiere con uno altro savore,
 +e vuole essere fatto como disse. Chi tolle lo figato de l'ocha e rossi
 +d' ova lessali insieme e quando sono cocti, pestali in mortaro con bone
 +specie fine [e] distempera cum l' alessaúra e con un pocho d' aceto
 +e d' agresta e falo coxere a questo savore vole essere camelino.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIGATI
 +<br>PANIGATTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici del milanese, Panigatti
 +è abbastanza raro,&nbsp; due sono le ipotesi, o la fusione dei due
 +cognomi Pani e Gatti o la modificazione da panigatha (<font color="#993366">vedi
 +Panigada</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIGAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo specifico
 +del vogherese, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +panigazzi (focacce di grano).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIS
 +<br>PANISI
 +<br>PANIZ
 +<br>PANIZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panis è quasi unico, Panisi è specifico del reggiano, di Reggio Emilia, Luzzara, Reggiolo,
 +Fabbrico, Guastalla e Correggio, Paniz, molto raro è tipico della
 +zona di Santa Giustina (BL), Panizza ha un ceppo trentino, ma è
 +presente anche nel resto del nord, dovrebbero derivare da soprannomi originati
 +dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">panis</font></i>, o <i><font color="#3366FF">paniz</font></i>
 +(<i><font color="#666666">panico, un tipo di graminacea che viene brillata
 +come il riso</font></i>), <i><font color="#3366FF">panizza</font></i> nella
 +Lombardia, nel Trentino e nel Veneto viene ancora oggi chiamata una minestra
 +fatta appunto con il <i><font color="#3366FF">paniz</font></i>, tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo a Bianzone (SO) in un'annotazione
 +del 1685 su di un Registro delle Opere, dove viene citato un pagamento
 +al capomastro Stefano Panizza abitante a Ponte in Valtellina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANIZZI
 +<br>PANIZZO
 +<br>PANIZZOLI
 +<br>PANIZZOLO
 +<br>PANIZZON
 +<br>PANIZZONE
 +<br>PANIZZONI
 +<br>PANOZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panizzi ha tre ceppi, uno tra Sanremo, Taggia e Badalucco nell'imperiese,
 +uno nel reggiano, tra Gualtieri e Boretto, ed uno tra Pisa e Livorno, Panizzo
 +è veneto, con un ceppo a Roncade e Silea nel trevisano ed a Venezia
 +e Meolo nel veneziano, con qualche presenza anche nell'udinese, Panizzoli,
 +abbastanza raro è lombardo, Panizzolo ha un nucleo nel padovano
 +e uno nel comasco e varesotto, Panizzon è sicuramente veneto, con
 +un ceppo in particolare nel vicentino a Malo, Monte di Malo e Schio, Panizzoni,
 +quasi unico, è molto probabilmente dovuto ad un'italianizzazione
 +del precedente, Panizzone, estremamente raro, sembrerebbe piemontese del
 +biellese, Panozzo è specifico del vicentino e veronese. Questi cognomi
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici od accrescitivi,
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Panizo</font></i>, o anche
 +da soprannomi originati dal vocabolo <i><font color="#3333FF">pane</font></i>
 +e stanno ad indicare probabilmente un aspetto del carattere del capostipite,
 +o, molto più probabilmente, il mestiere di fornaio.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Huguette
 +Rostagni</font></font>
 +<br>Il cognome Panizzi si trova a Badalucco (IM) dal 1644 vi è giunta
 +provenendo da Lucca cambiando il nome da Panichi come era ivi chiamata
 +in Panizzi probabilmente per una modificazione dialettale. I Panichi a
 +Lucca risalgono almeno al 1000. Nel XV° secolo un ceppo di questa famiglia
 +si trasferì in Francia dove vive tutt'ora.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANNACI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pannaci, assolutamente rarissimo, sembrerebbe di Briatico nella provincia
 +di Vibo Valentia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Francesco
 +Pannaci Trigona</font></font>
 +<br>Antica famiglia calabrese di possidenti e liberi professionisti, presente
 +da remota data nel territorio del Vibonese (un tempo Monteleone calabro)
 +ed in particolare nel Comune di Briatico. Infatti, in alcune pergamene
 +in lingua greca, tradotte poi in latino, riguardanti negozi giuridici svoltisi
 +in "Agro Briatici" (vedi "Sillabus Graecarum Membranarum" di F.sco Trinchera)
 +troviamo già nel 1251 un "Philippus Pannachius iudex civitatis Briatici",
 +nel 1268 un "Gregorius Pannachius.", nel 1269 un "Rogerius Pannachius".
 +L'etimologia del cognome Pannaci, dal greco <i><font color="#3366FF">Pannakios</font></i>,
 +latinizzato in <i><font color="#3366FF">Pannachius</font></i> nel \"Sillabus
 +Graecarum\", trova origine da <i><font color="#3366FF">panakis</font></i>,
 +ossia <i><font color="#999999">che sana tutto</font></i> oppure <i><font color="#999999">che
 +guarisce ogni male</font></i>. Che detta famiglia sia stanziata nel territorio
 +di Briatico da diversi secoli e che la stessa abbia avuto un ruolo attivo
 +nella vita pubblica del posto, lo conferma anche il fatto che il toponimo
 +<i><font color="#3366FF">Pannakonon</font></i> (lett. <i><font color="#999999">dei
 +Pannaci</font></i>), ossia l'odierno paese <i><font color="#3366FF">Pannaconi</font></i>
 +(oggi frazione del Comune di Cessaniti, in passato entrambi "casali" di
 +Briatico), già presente per certo nell'anno 1130, trova a sua volta
 +origine dal cognome Pannaci. Del resto, tanti toponimi di paesi tuttora
 +esistenti prendono appunto il nome dalla famiglia che, all'epoca in cui
 +andavasi formando più o meno spontaneamente l'agglomerato abitativo,
 +era proprietaria dei luoghi su cui esso sorgeva, ed ivi esercitava pertanto
 +la propria influenza non solo nella vita sociale del nascente borgo ma
 +anche nell'automatismo del nome che lo stesso abitato doveva assumere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANNELLA
 +<br>PANNELLI
 +<br>PANNIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pannella ha un ceppo a Teramo,&nbsp; uno a Roma ed uno, il più consistente
 +ad Acerra nel napoletano, nel beneventano a Paipisi, Ponte, Benevento,
 +Torrecuso e Colle Sannita, ed a Napoli, Pannelli ha presenze nelle Marche
 +e nel teramano, Panniello ha un ceppo a Napoli ed uno a Foggia, dovrebbero
 +derivare, direttamente o attraverso un'alterazione dialettale, dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Panellus, Panella</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +PANE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANNONE
 +<br>PANNONI
 +<br>PANONE
 +<br>PANONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pannone è tipico dell'area che comprende il romano, il frusinate,
 +il latinense, il casertano ed il napoletano, Pannoni, quasi unico, sembrerebbe
 +laziale, Panone ha un ceppo nell'aquilano a Barisciano e l'Aquila ed uno
 +a Roma, Panoni ha un ceppo a Bibbiena nell'aretino ed a Roma, dovrebbe
 +derivare dall'aggettivo latino <i><font color="#3366FF">pannonius</font></i>
 +(<i><font color="#999999">della Pannonia, ungherese</font></i>) o dal nome
 +<i><font color="#3366FF">Pannonius</font></i> da esso derivato, di cui
 +abbiamo un esempio nelle <i><font color="#3366FF">Historiae</font></i>
 +di Ammiano Marcellino: "<font color="#CC33CC">...tunc et Aequitius Illyriciano
 +praeponitur exercitui, nondum magister sed comes, et Serenianus, olim sacramento
 +digressus, recinctus est, ut </font><font color="#FF0000">Pannoniu</font><font color="#CC33CC">s
 +sociatusque Valenti domesticorum praefuit scholae. quibus ita digestis
 +et militaris partiti numeri.&nbsp; Et post haec cum ambo fratres Sirmium
 +introissent, diviso palatio, ut potiori placuerat, Valentinianus Mediolanum,
 +Constantinopolim Valens discessit....</font>".&nbsp; Tracce primeve di
 +queste cognominizzazioni le troviamo riferite all'anno 1297 in questo testo:
 +"<font color="#CC33CC">...Evolat ad superos </font><font color="#FF0000">Beatus
 +Vitus Panonius</font><font color="#CC33CC">, qui Varadini e Regio sanguine
 +natus vitam duxit in omni virtutum exercitio religiosam, claruitque miraculis
 +a morte, et in vita. Ad confirmandam eius sanctitatem Deus renovavit prodigium,
 +quod fecerat cum Elisaeo; dum enim homo tumulandus demitteretur in terram,
 +ubi cadaver Viti attigit, repente est a mortuis suscitatus. Colebatur quondam
 +inter Patronos contra pestem in Hungaria....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANNOZZA
 +<br>PANNOZZI
 +<br>PANNOZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pannozza è praticamente unico, Pannozzi sembrerebbe specifico di
 +Terracina nel latinense, Pannozzo, il più diffuso, ha un grosso
 +ceppo a Fondi e buone presenze a Lenola, Campodimele, Terracina ed Itri
 +nel latinense, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Panothius</font></i>,
 +che dovrebbe derivare da un soprannome greco originato dal fatto che il
 +capostipite avesse delle grandi orecchie: "<font color="#CC33CC">... dux
 +audivit esse in latere terre illius supra mare nominum genus indomitum
 +et populosum, qui </font><i><font color="#FF0000">Panothii </font></i><font color="#CC33CC">vocantur.
 +Illud nomen a latitudine aurium mutuaverunt. Nam </font><font color="#FF0000">pan</font><font color="#CC33CC">
 +totum, </font><font color="#FF0000">othis</font><font color="#CC33CC">
 +auris dicitur. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANNUNZI
 +<br>PANNUNZIO
 +<br>PANNUZZI
 +<br>PANNUZZO
 +<br>PANUNTI
 +<br>PANUNZI
 +<br>PANUNZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pannuzzi, assolutamente rarissimo, parrebbe umbro, Pannuzzo è specifico della Sicilia meridionale, del siracusano e del ragusano, Panunti, quasi
 +scomparso, parrebbe marchigiano, Panunzi e Pannunzi sono specifici della
 +provincia di Roma, Pannunzio, estremamente raro, è tipico di Agnone
 +nell'iserniese Panunzio è tipico pugliese della zona di Molfetta
 +nel barese e di Lesina nel foggiano, derivano dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Panuntius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un testamento del 1556:
 +"<font color="#CC33CC">...Item lasso che ogni anno si dia mezo scudo per
 +far dir la messa di San Gregorio per l'anima mia. Item lasso a mastro </font><font color="#FF0000">Panuntio
 +</font><font color="#CC33CC">medico una veste di rascia negra da medico
 +che gli sia fatta nuova....</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panunzio è un cognome abbastanza diffuso in Italia. È
 +piuttosto comune in Puglia. Secondo Minervini 368 potrebbe avere alla base
 +il termine dialettale napoletano '<i><font color="#3333FF">panunzio</font></i>'
 += <i><font color="#666666">grembiule sostenuto da due bretelle</font></i>
 +in uso nell'Ottocento da parte di contadine. Secondo un'altra ipotesi significherebbe&nbsp;
 +letteralmente "<i><font color="#3333FF">pane con unto d'arrosto</font></i>"
 +e si riferirebbe a persone che facevano di solito questo tipo di colazione,
 +specie i frantoiani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANSA
 +<br>PANSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pansa, che ha presenze sparse in tutt'Italia, ha un ceppo piemontese, a
 +Moretta, Genola, Savigliano e Cavallermaggiore nel cuneese,&nbsp; a Torino
 +ed a Villafranca Piemonte nel torinese, ed uno lombardo nel bergamasco,
 +a Bergamo, Suisio e Castelli Calepio, Pansi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +del bresciano, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Pansa</font></i>,
 +ricordiamo Gaio Vibio Pansa Caetroniano tribuno della Plebe e sostenitore
 +di Cesare, che divenne Console di Roma nell'anno successivo alla morte
 +di Cesare, Svetonio ne parla nel suo <i><font color="#3366FF">De Vita Caesarum
 +- Divus Augustus</font></i>: "<font color="#CC33CC">..iussusque comparato
 +exercituii pro praetore praeesse et cum Hirtio ac </font><font color="#FF0000">Pansa</font><font color="#CC33CC">,
 +qui consulatum susceperant, D. Bruto opem ferre, demandatum bellum tertio
 +mense confecit duobus proeliis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANUCCI
 +<br>PANUCCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origini tipicamente calabresi sia Panucci che Panuccio, Panucci ha un
 +ceppo a Crotone, nel catanzarese a Catanzaro ed Albi e nel cosentino a
 +Rogliano, Panuccio è invece tipico del reggino, di Bagnara Calabra,
 +Palmi, Sant'Eufemia d'Aspromonte, Sinopoli, Gioia Tauro, Taurianova, Seminara
 +e Rizziconi, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Panuccius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso a Pisa in uno scritto del 1279: "<font color="#CC33CC">..Ex
 +hoc publico instrumento sit omnibus manifestum quod </font><font color="#FF0000">Panuccius</font><font color="#CC33CC">
 +quondam </font><font color="#FF0000">Panuccii</font><font color="#CC33CC">
 +de Balneo ex certa et pura scientia et non per errorem dedit et tradidit,
 +concessit et irrevocabiliter inter vivos donavit, ita quod nulla causa
 +ingratitudinis revocari possit, domine sorori Francische, filie quondam
 +domini Bernardini, venerabilis abbatisse dominarum monasterii omnium Sanctorum
 +pisane diocesis. ..</font>", un ipocoristico del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Pane,
 +Panis</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi PANE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTALEO
 +<br>PANTALEONE
 +<br>PANTALEONI
 +<br>PANTALONE
 +<br>PANTALONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pantaleo è tipico pugliese, ma con un nucleo autonomo anche nel
 +trapanese, Pantaleone, decisamente più raro, ha un ceppo abruzzese
 +ed uno palermitano, Pantaleoni è tipico di Emilia, Marche, Umbria
 +e Lazio, Pantalone è decisamente abruzzese, di Francavilla al Mare,
 +Ripa Teatina e Chieti nel chietino e di Pescara, Pantaloni, decisamente
 +più raro è marchigiano, di Fabriano ed Ancona, derivano dal soprannome, nome di origine greca <i><font color="#3366FF">Pantaleo</font></i>
 +(tutto leone, animoso e coraggioso come un leone).  Ricordiamo la maschera Pantalone del teatro dell'arte, originaria di Venezia,
 +incarna la figura del vecchio mercante avaro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTANI
 +<br>PANTANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pantani hn nucleo in Toscana, nel livornese, pisano e provincia di Firenze,
 +ed un probabile ceppo nel riminese, Pantano ha un nucleo nella Sicilia
 +orientale, uno nel Lazio, uno nel genovese ed uno nel padovano, derivano
 +dal cognome medioevale <i><font color="#3333FF">Pantanus</font></i>, in un atto notarile del 1206 a Pavia compare
 +come testimone ".<font color="#990000">.Interfuerunt Otto Pantanus, Iohannes
 +de Beccaria et Ugo de Castello testes.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pantani è un patronimico dal nome <i><font color="#3333FF">Pantano</font></i>,
 +frequente nell'antichità. San Pantano, nato in Sicilia nel III sec.
 +d.C., fu dottore della Chiesa; Pantanus fu un filosofo cristiano della
 +corrente stoica che visse nel II sec. d.C. e scrisse dei commenti ai libri
 +del Vecchio Testamento, andati perduti. Il nome si continuò anche
 +nel Medio Evo, come dimostrano alcune cronache e atti notarili. Probabile
 +una derivazione dal sostantivo '<i><font color="#3333FF">pantano</font></i>'
 += <i><font color="#666666">palude</font></i>, di incerta etimologia. Secondo
 +DETI&nbsp; risale a un vocabolo di origine preindoeuropea che Devoto individua
 +in *<i><font color="#3333FF">palta</font></i> = <i><font color="#666666">fango</font></i>.
 +Toponimo in Romagna: Pantano (Galeata) Polloni 908.<b></b></font>".
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTELLA
 +<br>PANTELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pantella, molto raro, è tipico della zona che comprende l'Umbria,
 +l'anconetano ed il maceratese, Pantelli è praticamente unico e dovrebbe
 +essere dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, potrebbero derivare
 +dal toponimo Pantalla (PG), tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +in uno scritto del 1600 con un certo Theophelos Pantellus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTERA
 +<br>PANTERI
 +<br>PANTERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pantera ha un piccolo ceppo tra massese e lucchese ed uno ancora più
 +piccolo tra ravennate e cesenate, Panteri è decisamente toscano,
 +di Pescia nel pistoiese in particolare, Pantero, praticamente unico, dovrebbe
 +essere dovuto ad un errore di trascrizione di uno dei precedenti, dovrebbero
 +derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Pantherus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Panthera</font></i>, probabilmente portato dai
 +capostipiti, di questo nome abbiamo un esempio in un'antica lapide: "<font color="#CC33CC">AD
 +XII. CAL. FEBRV. CIC. IC. XIC. SOLOMO </font><font color="#FF0000">PANTHERUS</font><font color="#CC33CC">
 +F.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTI
 +<br>PANTINI
 +<br>PANTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panti è tipicamente toscano, del fiorentino e del senese, con un
 +piccolo ceppo anche nell'anconetano, Pantini è molto raro, sembrerebbe
 +avere un ceppo tra aretino e perugino ed uno nella provincia di Roma, Pantino,
 +molto più raro sembra siciliano, dovrebbero derivare dal nome latino
 +di origini greche <i><font color="#3333FF">Panthus</font></i>, citato ad
 +esempio da Properzio: "<font color="#CC33CC">..A quantum de me </font><font color="#FF0000">Panthi</font><font color="#CC33CC">
 +tibi pagina finxit, tantum illi </font><font color="#FF0000">Pantho</font><font color="#CC33CC">
 +ne sit amica Venus! sed tibi iam videor Dodona verior augur uxorem ille
 +tuus pulcher amator habet! ..</font>", o dalla sua forma ipocoristica <i><font color="#3333FF">Pantinus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio con Petrus Pantinus Tiletanus autore del <font color="#3366FF">De vita ac miraculis
 +Dominae Theclæ virginis martyris</font>, o come si legge in quest'opera
 +del 1635: "<font color="#CC33CC">...et perscripsisset quae confessus fuerat,
 +comes ingemuit, subindeque dixit quod </font><font color="#FF0000">Pantinus</font><font color="#CC33CC">
 +a cubiculo famulus fassus est...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTE'
 +<br>PANTO
 +<br>PANTO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente tutti siciliani, Panté, è specifico del messinese,
 +di Barcellona Pozzo di Gotto in particolare, e di Terme Vigliatore, Milazzo,
 +San Filippo del Mela e Messina, Panto, assolutamente rarissimo, è
 +presente nella parte sudorientale dell'isola, Pantò ha un ceppo
 +a Messina e nel messinese ad Alì, Spadafora ed Alì Terme,
 +uno a Catania, Paternò ed Adrano nel catanese, e nel siracusamo
 +a Lentini e Siracusa, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da nomi
 +o soprannomi originati dal termine greco antico <font color="#3333FF">παντελής&nbsp;
 +<i>pantelés</i></font> (<i><font color="#666666">completo, perfetto</font></i>), si può comunque anche ipotizzare possa
 +trattarsi di una dialettizzazione del nome germanico medioevale <i><font color="#3333FF">Bando</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Bandus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BANDI</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pantò è cognome della Sicilia orientale e di Palermo.
 +Ripropone il cognome <i><font color="#3333FF">Pantόs</font></i>
 +molto diffuso in Grecia. Rohlfs 143.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANTONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, sembra avere due ceppi,
 +uno nel teramense ed uno in provincia di Roma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANVINI
 +<br>PANVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Panvini che Panvino hanno presenze sparute sparse qua e là per
 +l'Italia, anche se sembrerebbero maggiormente rappresentati in Sicilia
 +ad Enna e Leonforte nell'ennese ed a Palermo e Catania il primo ed a Caltanissetta
 +il secondo, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Panvinus</font></i>,
 +una forma contratta del nome e soprannome medioevale <i><font color="#3333FF">Panis
 +et vinum</font></i>, che richiamava il Sacramento dell'Eucarestia, di quest'uso
 +abbiamo un esempio in un documento del 1189 nel novarese leggiamo: "<font color="#CC33CC">...in
 +territorio de Vellate.. ..haeredes </font><font color="#FF0000">Arderici
 +Panisetvini</font><font color="#CC33CC">...</font>" ed in un documento
 +del 1138 a Novara troviamo: "<font color="#CC33CC">...in civitate Novarie
 +interfuerunt.. ..</font><font color="#FF0000">Ugo Panis et vini</font><font color="#CC33CC">...
 +..testes...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZA
 +<br>PANZIN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panza è presente al nord
 +ed al sud dell'Italia peninsulare, Panzin, rarissimo potrebbe essere originario
 +dell'alessandrino, dovrebbe derivare da un soprannome legato o alle dimensioni
 +abbondanti, o all'essere il capostipite una buona forchetta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZARDI
 +<br>PANZARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzardi è tipicamente lucano del potentino, di Moliterno, Castelsaraceno,
 +Lauria e Senise, Panzardo è praticamente unico, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Panzardus</font></i>, di cui
 +abbiamo un esempio a Modena in un atto dell'anno 1188: "<font color="#CC33CC">In
 +Dei nomine anno eius, millesimo centesimo octuagesimo octavo, secundo die
 +intrante mense augusto, indictione sexta. In presentia domini Rolandi Caritatis..
 +..Pegolotus Bibani, Truculus, </font><font color="#FF0000">Panzardus</font><font color="#CC33CC">.
 +Actum Mutine in maiori ecclesia feliciter. Ego Paulus, sacri imperii notarius,
 +interfui et hoc auctenticum scripsi.</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panzardi è cognome lucano e calabrese cfr. <i><font color="#3333FF">Pansard</font></i>
 +cogn. in Francia: '<i><font color="#666666">pancione</font></i>'. Cfr.
 +Rohlfs, Cognomi lucani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZARELLA
 +<br>PANZARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzarella è tipicamente meridionale, ha un ceppo calabrese nel
 +catanzarese a Curinga ed a Lamezia Terme, ed un ceppo siciliano nel palermitano
 +a Palermo, Aliminusa e Montemaggiore Belsito, con un ceppo anche a Sommatino
 +nel nisseno, Panzarello, praticamente unico, è siciliano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi basati sul fatto che i capostipiti fossero leggermente
 +grassi ed avessero una pancetta prominente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZERA
 +<br>PANZERI
 +<br>PANZERINI
 +<br>PANZIRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzera è panitaliano, Panzeri è specifico della Lombardia,
 +Panzerini, assolutamente rarissimo, è della bassa bresciana, Panzironi
 +è specifico del romano, di Roma e Zagarolo in particolare, ma anche
 +di Monteporzio Catone, San Cesareo e Frascati, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite forme ipocoristiche o accrescitive, da soprannomi originati dalla
 +presenza di una pancia imponente nei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panzeri, Panzera, riferimento a "<i><font color="#666666">chi fabbricava
 +pancere, corazze</font></i>". Lurati vede però nella variante <i><font color="#3333FF">Panìcera</font></i>
 +una derivazione da '<i><font color="#3333FF">panizza</font></i>', "<i><font color="#666666">focaccia</font></i>",
 +per indicare chi la fabbricava (v. Panizza).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZICA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzica è tipicamente siciliano, di Palermo soprattutto, di Corleone
 +e Termini Imerese nel palermitano e di Resuttano, Caltanissetta e San Cataldo
 +nel nisseno, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale
 +siciliano <i><font color="#3333FF">panzicu</font></i> (<i><font color="#666666">pancione,
 +panciuto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZITTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzitta ha un piccolo ceppo a Telti in Gallura ed un ceppo più
 +consistente a Joppolo e Rombiolo nel vibonese, che dovrebbe derivare da
 +un soprannome originato dal termine dialettale sia calabrese che sardo&nbsp;
 +<i><font color="#3333FF">panzitta</font></i> (<i><font color="#666666">pancetta</font></i>),
 +probabilmente a sottolineare una leggera adipe del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PANZOLIN
 +<br>PANZOLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Panzolin, praticamente unico, sembrerebbe del bellunese, Panzolini è
 +tipicamente umbro, del perugino, di Bastia, Foligno e Perugia, potrebbero
 +derivare da nomignoli attribuiti a bambini paffutelli, divenuti poi soprannomi
 +e successivamente identificativi cognominali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLACCI
 +<br>PAOLETTI
 +<br>PAOLETTO
 +<br>PAOLOCCI
 +<br>PAOLUCCI
 +<br>PAULETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paolocci è tipico del Lazio centrosettentrionale e del ternano,
 +Paolacci è specifico del centro Italia, ha un forte nucleo nel Lazio
 +e più ceppi nel lucchese, e ai confini con le Marche e l'Umbria,
 +Paoletti specifico del centro, con una buona diffusione anche al nord del
 +paese, ha ceppi anche nel napoletano, beneventano e foggiano, Paoletto
 +è tipico di Verona e di Sarcedo e Carrè nel vicentino, Paolocci
 +è tipico del Lazio centrosettentrionale e del ternano, Paoluzzi
 +ha un ceppo friulano nell'udinese, a Buttrio, Premariacco e San Giorgio
 +di Nogaro, uno emiliano a Ferrara ed a Carpi nel modenese, uno a Penna
 +in Teverina nel ternano ed uno a Roma ed Albano Laziale nel romano, Pauletti
 +è specifico di Feltre nel bellunese, derivano tutti da modificazioni
 +ipocoristiche o peggiorative del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Paulus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">piccolo</font></i>).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLANGELI
 +<br>PAOLANGELO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paolangeli, molto molto raro, è specifico del basso Lazio, di Sermoneta
 +e Bassiano nel latinense e di Cerveteri e Roma nel romano, Paolangelo sembra
 +essere specifico di Santeramo in Colle nel barese, nascono probabilmente
 +dal fatto che il capostipite avesse il nome composto Paolo Angelo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLANTONI
 +<br>PAOLANTONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paolantoni è tipicamente romano, con piccoli ceppi anche a Castel
 +Sant'Angelo nel reatino ed a Terni ed Orvieto nel ternano, Paolantonio
 +ha vari ceppi, a Roma, nell'aquilano, in Molise, in Campania, in particolare
 +nel salernitano, nel foggiano e nel barese, dovrebbe derivare dal nome
 +composto Paolo Antonio portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLI
 +<br>PAOLICELLI
 +<br>PAOLINI
 +<br>PAOLINO
 +<br>PAOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paoli e Paolini sono presenti in tutto il centronord, con un nucleo principale
 +in Toscana per Paoli, e nella fascia che comprende Toscana, Marche, Umbria,
 +Abruzzo e Lazio per Paolini, Paolino è tipico del sud, Paolo ha
 +un ceppo nel casertano, uno nel Salento ed uno nel reggino, Paolicelli
 +è diffuso nell'area pugliese, lucana, a Matera in particolare e
 +nel materano, a Barletta ed Altamura nel barese ed a Cerignola nel foggiano,
 +derivano tutti, direttamente o tramite varie forme ipocoristiche, anche
 +composite, del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Paolus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Paolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Discretamente diffuso, sembra avere
 +due ceppi, uno nel napoletano ed uno nel barese, deriva da una modificazione
 +dialettale del cognomen latino Paulus (piccolo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della fascia che comprende
 +Marche Umbria e Lazio, deriva dal cognomen latino Paulus (piccolo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAOLUCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paolucci è specifico delle regioni centrali italiane, deriva da
 +modificazioni del cognomen latino Paulus (piccolo).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni e stemmi forniti da
 +Fabio Paolucci</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00paolucci.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="65" height="85">Antica e nobile famiglia trasferitasi da Todi a Perugia a Spello. Da
 +Perugia il ramo primogenito si stabilì a Pesaro ed indi a Modena.
 +Da Pesaro un ramo si stabilì agli inizi del '600 nel Sannio a Colle
 +Sannita e da lì si trasferì a Salerno, Benevento e Napoli.
 +Secondo la leggenda i Paolucci sarebbero discesi da Paoluccio Anafesto,
 +primo doge di Venezia. Un' altra leggenda li riallaccia ad un Paoluccio
 +d'Agato o Agatone che secondo antichi Annali avrebbe rappresentato la città
 +di Perugia nel 760 d. C. in una vertenza di confini tra le tre città
 +di Perugia, Spoleto e Todi.<img src="/immagini/stem01paolucci.jpg" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="93" height="140"> <img src="/immagini/stem01paolucci.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="85" height="99"> La genealogia è accertata dal XIII sec.
 +con un Pavoluccio Paolucci vivente a Perugia e bisavolo di Angelo di Paoluccio
 +di Ceccolo creato Conte Palatino da Sigismondo Re dei Romani il 4 ottobre
 +1414.Oltre al Casato sopracitato esistono altri ceppi aristocratici:&nbsp;
 +i Paolucci di Calboli, i Paolucci di Calboli Barone, i Paolucci Crognali
 +marchesi di Castelnuovo, i Paolucci Mancinelli nobili di Todi, nonchè
 +un ramo Veneto. Tra i Paolucci di Calboli ricordiamo Rinieri e Fulcieri,
 +due nobili forlivesi menzionati da Dante nel XIV° canto del Purgatorio:
 +"<font color="#993366">...Questi è </font><font color="#FF0000">Rinier</font><font color="#993366">;
 +questi è 'l pregio e l'onore/de la casa da Calboli, ove nullo/fatto
 +s'è reda poi del suo valore...</font>".
 +<br>(<font color="#CC33CC">vedi anche
 +Paulucci</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAONE
 +<br>PAONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paone è tipico del centrosud, di Lazio, Campania, Calabria e Sicilia,
 +Paoni è del centro Italia, forse del ternano, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Paonus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio a pavia in una <i><font color="#3366FF">Cartula venditionis,
 +investiture et refutationis</font></i> dell'anno 1153: "<font color="#CC33CC">...una
 +cum noticia propinquorum parentum meorum, id sunt </font><i><font color="#FF0000">Paonus</font></i><font color="#CC33CC">
 +et Rainardus propinqui mei, in corum presencia et testium certam facio
 +profesionem quod nullam me pati violencia...</font>", ma potrebbero anche
 +in alcuni casi derivare da soprannomi originati dal vocabolo <i><font color="#3366FF">pavone</font></i>,
 +tramite variazioni dialettali, forse ad indicare atteggiamenti vanitosi
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAONESSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paonessa ha un piccolo ceppo a Napoli ed a Carinola nel casertano, il nucleo
 +principale è in provincia di Catanzaro a Gimigliano ed a Catanzaro,
 +con ceppi anche a Curinga, Pentone, Fossato Serralta, Lamezia Terme e Tiriolo,
 +potrebbe trattarsi di matronimici originati da toponimi come Montepaone
 +(CZ), ma è pure possibile una derivazione dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Paonus</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Paona</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +PAONE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papa è panitaliano, deriva da nomi e soprannomi originati
 +dal vocabolo <i><font color="#3333FF">papa</font></i>, che a seconda delle regioni assume il significato di
 +<i><font color="#666666">padre, zio, sacerdote, padrino, persona di rispetto</font></i>, ecc.</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PAPA: in effetti non è un cognome sardo, anche se presente in
 +Sardegna, nella quale il suo corrispondente è Paba. Nelle parlate
 +della Sardegna attuale però il termine “papa” ha sostituito il più
 +tipico paba (<font color="#CC33CC">vedi PABA</font>). Il cognome Papa è
 +diffuso in tutto il territorio nazionale, in maniera per lo più
 +omogenea. Si tratta di cognome dato al capostipite come nomignolo o soprannome;
 +gli esempi simili non mancano: Re, Conte, Principe, Imperatore, Cardinale,
 +Marchese, Senatore, etc.; un fenomeno non solo italiano; è comune
 +ad esempio in Grecia il cognome <i><font color="#3333FF">Pa(p)pas</font></i>
 +( <font color="#3333FF">Πά(π)πας</font>), che significa <i><font color="#666666">patriarca,
 +padre</font></i> ed anche <i><font color="#666666">papa</font></i>. Attualmente
 +il cognome Papa è presente in 1294 Comuni italiani, di cui solo
 +7 in Sardegna: Nuoro 12, Villa San Pietro 3, Villasor 3, Oristano 3, etc.
 +Nel resto d’Italia la presenza più numerosa si registra a Roma,
 +con 938 – più quello vero; Napoli ne conta 629,&nbsp; Milano 261,
 +etc.</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPACE
 +<br>PAPACCI
 +<br>PAPACCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papacci è tipico del romano, di Velletri e di Roma stessa, Papaccio
 +è specifico del napoletano, di Casoria, Napoli, Brusciano ed Afragola
 +e di tutta la provincia, Papace, molto raro, è di origini napoletane,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale latino <i><font color="#3333FF">Papacius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in una Carta Investiture a Pavia nel 1197, in
 +un atto notarile infatti leggiamo:: "<font color="#CC33CC">Anno dominice
 +incarnacionis millesimo centesimo nonagesimo septimo, indicione quinta
 +decima, die mercurii tercio mensis de|cembris. In Papia. Domina Scolastica,
 +abbatissa monasterii Sancti Felicis, consensu et affirmacione donne Massimille
 +et donne Sibilie et donne Pacientie et donne Faustine, monacharum eiusdem
 +monasterii, a parte ipsius monasterii investivit </font><font color="#FF0000">Papacium
 +Beccarium</font><font color="#CC33CC"> nominative de petiola una de vitibus
 +quam suprascriptum monasterium habere videtur iuxta fossatum civitatis
 +..</font>", un'alternativa è una derivazione dal cognome greco <i><font color="#3366FF">Papakis</font></i>,
 +difficilmente però estendibile ai ceppi laziali, secondo altri deriverebbero
 +invece da alterazioni del termine greco <i><font color="#3366FF">papas</font></i>
 +(<i><font color="#999999">prete</font></i>), ipotesi che non si può
 +scartare in assoluto, ma che non è molto probabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPADA
 +<br>PAPADA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papada è praticamente unico, Papadà lo è quasi, ha
 +sparute presenze nel cosentino a Castrovillari e Vigne,k dovrebbe essere
 +di origini greche e derivare dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Papadàs</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPADIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papadia è tipicamente pugliese, del Salento in particolare, di Galatina,
 +Nardò, Lecce, Cannole, Corigliano d'Otranto, Surbo e Maglie nel
 +leccese, di Latiano e Mesagne nel brindisino e di Foggia, dovrebbe essere
 +di origini greche e derivare dal cognome greco <i><font color="#3366FF">Papadias</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPADOPOLI
 +<br>PAPPADOPOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papadopoli ha un ceppo a Ururi in Molise ed a San Severo nel foggiano,
 +ed uno a San Giorgio Ionico nel tarentino, Pappadopoli, molto più
 +raro, ha un piccolo ceppo nel Gargano ed uno a Mola di Bari nel barese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine greca o, forse, albanese, i cognomi Papadopoli e Pappadopoli
 +nascono da diverse italianizzazioni del cognome greco <i><font color="#3366FF">Papadopoulos</font></i>,
 +che, composto dalla radice <i><font color="#3366FF">papas</font></i> (<i><font color="#999999">il
 +prete della Chiesa Ortodossa</font></i>) e dal suffisso <i><font color="#3366FF">-opoulos</font></i>
 +(che nei cognomi greci ha <i><font color="#999999">valore d'appartenenza</font></i>),
 +può essere tradotto come <i><font color="#999999">figlio del prete</font></i>:
 +a differenza dei preti cattolici, in effetti, va ricordato che i preti
 +ortodossi hanno la possibilità di sposarsi ed avere figli, così
 +da essere gli effettivi capostipiti di queste famiglie (questo spiega anche
 +i cognomi Papangelo, Papandrea, Papaluca, Papaleo, etc, presenti per lo
 +più nel sud Italia); a titolo informativo, inoltre, va notato che
 +Papadopoulos è il cognome più diffuso in Grecia e, com'è
 +facile intuire, questo fatto è ben giustificato nella cultura ortodossa
 +del popolo greco (se si pensa alla peculiarità della prassi ecclesiastica
 +riguardo all'istituzione del matrimonio).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPAGNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un ceppo nelle Puglie nel barese
 +e nel Gargano ed uno possibile nel milanese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Papagni è cognome locale di Bisceglie. Deriva dalla voce meridionale
 +"<i><font color="#3333FF">papaine</font></i>" = <i><font color="#666666">papavero</font></i>
 +(e, con trapasso di senso, anche <i><font color="#666666">colpo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#666666">schiaffo</font></i> che stordisce come
 +l'oppio del papavero). In senso figurato indica persona altolocata ma più
 +spesso uomo sciocco e noioso, che fa addormentare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome quasi unico, potrebbe essere di derivazione greca, dicono possa
 +essere originario del Salento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALE
 +<br>PAPALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papale ha un ceppo a Roma, uno nel casertano a Santa Maria Capua Vetere,
 +con presenze significative a San Tammaro, Caserta, Bellona, Casagiove e
 +Sparanise, ed uno in Sicilia, dove è diffuso nel catanese a Catania,
 +Gravina di Catania, Caltagirone e Mascalucia, e nel messinese, a Messina,
 +Santa Lucia del Mela e Castroreale, Papali, quasi unico, sembrerebbe del
 +catanese ed è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +del precedente, che potrebbe derivare dal fatto di essere stati i capostipiti
 +al servizio di un religioso ortodosso, non si può comunque escludere
 +un possibile collegamento con il nome latino <i><font color="#3333FF">Papilius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche PAPILI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del potentino nella zona di Lauria, del basso Salento e della Calabria,
 +nel catanzarese soprattutto, dovrebbe derivare dal nome Leo apocope di
 +Leonardo e starebbe ad indicare la famiglia di padre Leonardo sarebbe come
 +dire di prete Leo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del reggino e del messinese,
 +deriva dall'unione del nome Papa, utilizzato spesso nel sud con il significato
 +di padre, con il nome Elia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALINI
 +<br>PAPALINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papalini è presente nell'anconetano, in Toscana, soprattutto nel
 +grossetano, nel perugino, nel viterbese e nel romano, Papalino, molto molto
 +più raro, ha un piccolo ceppo nel salernitano ed uno nel barese,
 +dovrebbero derivare dal fatto che i capostipiti appartenessero al corpo
 +militare dello stato Pontificio o che ne fossero dei sostenitori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPALUCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente calabrese Papaluca sembra specifico del reggino, di Melicucco
 +e Grotteria, dovrebbe derivare dal nome di un prete appunto Luca capostipite
 +della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPANDREA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papandrea è tipico del reggino di Gioiosa Ionica, Camini e San Giovanni
 +di Gerace e di Crotone, potrebbe derivare o da una modificazione del cognome
 +greco Papandreu o dall'essere il capostipite una persona di rispetto di
 +nome Andrea o addirittura un prete con quel nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPANGELO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papangelo è tipico di Altamura (BA) con un piccolo ceppo anche ad
 +Irsina (MT), potrebbe derivare dall'essere il capostipite una persona di
 +rispetto di nome Angelo o addirittura un prete con quel nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPANTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papanti assolutamente rarissimo, parrebbe toscano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal termine medioevale latino <i><font color="#3333FF">papante</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel 1115 in Alsazia: "<font color="#CC33CC">Anno
 +ab incarnatione Domini MCXV. Calixto secundo </font><font color="#FF0000">papante</font><font color="#CC33CC">
 +, Heinrico IV. regnante, Mons Sindenus a Sindeno beati Leobardi Aquileie
 +maurimonasteriii primi fundatoris discipulo Sindeni curia quondam appellatus
 +temporibus Ribwini abbatis a Ribwino preposito, postea Novillarensi abbate
 +ex revelatione fundatus, ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPARA
 +<br>PAPARI
 +<br>PAPARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papara, quasi unico, è del cosentino, Papari ha un ceppo a San Marzano
 +di San Giuseppe nel tarentino, Paparo ha un ceppo nel napoletano, a Napoli,
 +San Sebastiano al Vesuvio, Volla, Massa di Somma, Cercola, Pollena Trocchia,
 +Ercolano e Sant'Anastasia, uno a Badolato, Catanzaro e Satriano nel catanzarese
 +ed a Scandale e Crotone nel crotonese, ed uno in Sicilia nel catanese,
 +a Paternò, Bronte, Catania e Randazzo, sembrerebbero di origini
 +napoletane e dovrebbero derivare da un alterazione dialettale del nome
 +greco antico <i><font color="#3333FF">Papirios</font></i>, o da una forma
 +grecanica del nome greco <i><font color="#3333FF">Papeos</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPARATTI
 +<br>PAPARATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paparatti,&nbsp; sembrerebbe avere un ceppo a Roma ed uno a Rosarno nel
 +reggino, Paparatto è specifico del vibonese, di Ricadi e Limbadi
 +e di San Ferdinando nel reggino, qdovrebbero derivare da una forma ipocoristica
 +dialettale alterazione dialettale del nome greco antico <i><font color="#3333FF">Papirios</font></i>,
 +o di una forma grecanica del nome greco <i><font color="#3333FF">Papeos</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPARELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del barese e foggiano, dovrebbe derivare dal termine greco  bizantino <i><font color="#3333FF">papas</font></i>
 +(<i><font color="#999999">padre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPAROPOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paparopoli, molto raro, è tipico del palermitano, di Villabate e
 +Misilmeri, dovrebbe essere d'origine greca o albanese, dovrebbe trattarsi
 +di una forma dialettale del cognome greco <i><font color="#3366FF">Papadopoulos</font></i>,
 +composto a sua volta dal termine <i><font color="#3366FF">papas</font></i>
 +(<i><font color="#999999">prete o persona di rispetto</font></i>) con l'aggiunta
 +del suffisso <i><font color="#3366FF">-opoulos</font></i>, forma patronimica,
 +che starebbe ad indicare il figlio di un prete ortodosso o comunque di
 +una persona degna del massimo rispetto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPARUSSO
 +<br>PAPRUSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paparusso è tipico di Andria nel barese, Paprusso invece, decisamente
 +più raro, è specifico di Apricena nel foggiano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>I cognomi Paparusso e Paprusso nascono nell'unione fra il termine <i><font color="#3366FF">papa</font></i>
 +(il <i><font color="#999999">prete della Chiesa Ortodossa</font></i>) e
 +il nome medievale <i><font color="#3366FF">Russo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Russa</font>), ad indicare, probabilmente, che il capostipite era un prete
 +di nome Russo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPASERGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papasergio, molto raro, è tipicamente calabrese, con un ceppo a
 +Delianuova, Palmi e Villa San Giovanni nel reggino ed uno a Sangineto nel
 +cosentino, dovrebbe derivare dall'unione del termine <i><font color="#3366FF">papa</font></i>
 +(<i><font color="#999999">prete ortodosso, ma anche persona degna di rispetto</font></i>)
 +e dal nome <i><font color="#3366FF">Sergio</font></i>, probabilmente portato
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papasso è tipicamente calabrese, Cassano allo Ionio nel cosentino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arbëreshë (più probabilmente greco-albanese),
 +il cognome Papasso nasce da un'italianizzazione del cognome greco <i><font color="#3366FF">Papas</font></i>,
 +col significato letterale di <i><font color="#999999">prete</font></i>,
 +<i><font color="#999999">sacerdote</font></i> (per una spiegazione più
 +approfondita, <font color="#CC33CC">vedi</font> il cognome <font color="#CC33CC">Papadopoli</font>).
 +In conclusione, dunque, si tratta della cognominizzazione di un nome di
 +mestiere attribuito al capostipite - qui, per mestiere, s'intende chiaramente
 +una carica ecclesiastica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembrerebbe originario della Toscana.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Orlando
 +Papei (<a href="http://www.sienaquietvilla.net/papei.html">http://www.sienaquietvilla.net/papei.html</a>)</font></font>
 +<br>Probabilmente di origini toscane, potrebbe derivare dal vocabolo <font color="#000000">Papeio
 +(papeo, papìo) = lucignolo, originariamente cartaceo, poi anche
 +di altri materiali, della lanterna a olio della candela; stoppino. In particolare
 +la parte estrema del lucignolo, che, annerita dalla fiamma, sporge fuori
 +dal luminello (potrebbe derivare da papyrus); </font>si potrebbe arrivare
 +a pensare che il primo dei Papei, avesse avuto a che fare con lumi, stoppini
 +o qualcosa di simile, sin dal primo medioevo; è pure possibile che
 +invece derivi da unsoprannome originato dalla particolare figura smilza
 +e longilinea del capostipite, e che fosse per questo soprannominato "papeo".&nbsp;
 +Personaggio notevole di questa famiglia è stato Theophilus Papeus
 +notaio pubblico, che si presume sia nato a Tivoli agli inizi del XVI°
 +secolo e vissuto a Valmontone (RM) nella seconda metà del 1500 e
 +che descrisse le vicende belliche che videro la sconfitta dei Colonna,
 +per opera delle milizie di Papa Paolo III°, nel periodo che va dal
 +27 al 9 maggio 1543: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Theophilus
 +Papeus</font><font color="#CC33CC"> Tyburtinus incola Vallismontonis, apostolica
 +ex auctoritate notarius publicus, quia premissis omnibus et singulis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papera è specifico del lucchese, di Borgo a Mozzano e Capannori,
 +dovrebbe derivare dal nome della località Papera nel comune di Buggiano
 +vicino a Montecatini Terme, ad una trentina di chilometri da Capannori
 +ed a circa una quarantina da Borgo a Mozzano, probabilmente il luogo d'origine
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papa è panitaliano, deriva da nomi e soprannomi originati
 +dal vocabolo papa che a seconda delle regioni assume il significato di
 +padre, zio, sacerdote, padrino, persona di rispetto, ecc.</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPETTI
 +<br>PAPI
 +<br>PAPOTTI
 +<br>PAPOTTO
 +<br>PAPUCCI
 +<br>PAPUCCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papetti potrebbe avere un nucleo in Lombardia e forse uno nel Lazio, Papi
 +è tipico dell'Italia centrale, Papotti è dell'area mantovano
 +emiliana, di Quistello, Mantova, Moglia e Roncoferraro nel mantovano e
 +di Concordia sulla Secchia, Modena e Carpi nel modenese, di Parma e Noceto
 +nel parmense e di San Giovanni in Persiceto nel bolognese, Papotto è
 +decisamente siciliano, in particolare del catanese, di Biancavilla, Randazzo,
 +Bronte e Catania, Papucci è toscano, di Firenze e del fiorentino,
 +a Campi Bisenzio, Scandicci e Certaldo, di Livorno, di Capannori nel lucchese
 +e di Cascina e Pisa nel pisano, Papuccio, quasi unico, è anch'esso
 +toscano, tutti questi cognomi derivano, direttamente o attraverso varie
 +forme ipocoristiche, da modificazioni aferetiche del nome <i><font color="#3333FF">Jacopo</font></i>,
 +o del nome <i><font color="#3333FF">Lapo</font></i>, che diventano prima
 +<i><font color="#3333FF">Papo</font></i> e poi ...</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico dell'agrigentino, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo greco <i><font color="#3366FF">papas</font></i>,
 +cioè persona di rispetto, o forse anche dalla Gens sannita <i><font color="#3366FF">Papia</font></i>,
 +negli Annales di Tacito si può leggere, riferendosi ad una legge
 +fatta nel 9 d.C. sotto il consolato di M. Papius Mutilus and Q. Poppaeus
 +Secundus: "<font color="#CC66CC">...Acriora
 +ex eo vincla, inditi custodes et lege </font><font color="#FF0000">Papia
 +Poppaea</font><font color="#CC66CC"> praemiis inducti ut, si a privilegiis
 +parentum cessaretur,...</font>"; la teoria che farebbe derivare questa cognominizzazione da <i><font color="#3366FF">Papia</font></i>,
 +forma medioevale di Pavia è quantomeno da ritenersi molto azzardata,
 +mentre può essere presa in considerazione, anche se non molto probabile,
 +una derivazione dal nome della Gens romana <i><font color="#3366FF">Papia</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>Potrebbe trattarsi di cognome derivato da un nome attribuito nel nome
 +di santi come ne esistono diversi di nome Papia, tutti riconosciuti dalla
 +Chiesa (22 febbraio San Papia vescovo, 29 gennaio San Papia martire, 25
 +febbraio San Papia martire, 26 febbraio San Papia martire, 2 novembre San
 +Papia martire).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPICCI
 +<br>PAPICCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papicci è unico ed è presente solo nel teatino, Papiccio,
 +comunque molto raro, ha una piccolissima presenza nel teatino, ma il ceppo
 +principale è molisano, di Acquaviva Collecroce nel campobassano
 +in particolare.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine slava, i cognomi Papicci e Papiccio nascono da un'italianizzazione
 +del cognome slavo <i><font color="#3366FF">Papić</font></i>, che,
 +composto dalla radice <i><font color="#3366FF">papa</font></i> (<i><font color="#999999">il
 +prete della Chiesa Ortodossa</font></i>) e dal suffisso <i><font color="#3366FF">-ić</font></i>
 +(con valore d'appartenenza), può essere tradotto come <i><font color="#999999">figlio
 +del prete</font></i> (per una spiegazione più approfondita, <font color="#CC33CC">vedi
 +Papadopoli</font>): ormai da secoli, in effetti, va ricordato che la religione
 +ortodossa è una realtà ampiamente diffusa nel sud-est europeo,
 +come dimostra chiaramente l'esempio della Chiesa Ortodossa serba - sotto
 +la cui giurisdizione ricadono i fedeli che vivono in Serbia, in Bosnia
 +Erzegovina, in Macedonia, in Montenegro e in Croazia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPILI
 +<br>PAPILIO
 +<br>PAPILLA
 +<br>PAPILLI
 +<br>PAPILLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papili ha un ceppo ad Ancona e nell'anconetano ed uno a Roma e nella sua
 +provincia, Papilio è invece specifico di Marigliano nel napoletano,  Papilla è unico, 
 +Papilli, quasi unico, è dell'area abruzzese laziale, Papillo ha
 +un piccolo ceppo nel beneventano a San Giorgio la Molara ed uno nel vibonese,
 +dovrebbero tutti derivare dalla <i><font color="#3333FF">Gens Papia</font></i>, dalla forma ipocoristica latina <i><font color="#3333FF">Papillo</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Papilla</font></i>,
 +o dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Papilius</font></i>, di cui
 +abbiamo un esempio in un'antica lapide romana: "<font color="#CC33CC">Q</font><font color="#000000">(uinto)</font><font color="#CC33CC">
 +Rupilio Q</font><font color="#000000">(uinti)</font><font color="#CC33CC">
 +filio / Pap</font><font color="#000000">(iria tribu)</font><font color="#CC33CC">
 +Honorato / in equestres / turmas adlect/to a diuo Alexan/fro, flamini p</font><font color="#000000">(er)</font><font color="#CC33CC">p</font><font color="#000000">(etuo)</font><font color="#CC33CC">,
 +/ L</font><font color="#000000">(ucius)</font><font color="#CC33CC"> </font><font color="#FF0000">Papilius</font><font color="#CC33CC">
 +Sa/urninus / patrono in/comparabili</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPINI
 +<br>PAPINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papini sembra avere oltre al nucleo toscano, un ceppo tra milanese e bergamasca,
 +uno in Romagna e Marche ed uno nel Lazio, Papino, molto molto raro, ha
 +un ceppo a Napoli ed uno a Paternò nel catanese, dovrebbero derivare
 +da modificazioni ipocoristiche dell'aferesi di nomi come <i><font color="#3333FF">Jacopo</font></i>,
 +o da forme diminutive del termine greco <i><font color="#3333FF">papas</font></i>
 +(<i><font color="#666666">prete, persona di rispetto</font></i>), ma è
 +pure da prendere seriamente in considerazione un collegamento con la Gens
 +romana <i><font color="#3333FF">Papinia</font></i>.&nbsp;&nbsp; Dell'uso di questo nome si
 +trovano tracce ad esempio nell'estimo del 1409&nbsp; a Firenze, dove compare
 +un Papino di Nicolao Grasso, oppure in un atto del 1432 redatto sempre
 +in Firenze dove si legge: "<font color="#CC66CC">...ad saldandum rationem
 +marmoris sui conducti per </font><font color="#FF0000">Papinum Barne</font><font color="#CC66CC">
 +de Montelupo ad portum Signe cum schafris ipsius </font><font color="#FF0000">Papini</font><font color="#CC66CC">
 +a civitate Pisarum, et in quantum infra dictum terminum dicti mensis non
 +saldaverit dictam rationem,...</font>".&nbsp; Esempio di queste cognominizzazioni
 +lo troviamo nel 1500 a Ferrara con l'inquisitore Girolamo Papino, o nel
 +1600 a San Miniato (PI) con il Notaio attuario Ludovico Papini; I Papini
 +furono una delle famiglie più nobili di Bagnacavallo nel ravennate.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Matthew
 +Papino</font></font>
 +<br>Il mio antenato Rosario Papino nacque in Sicilia a Mascali in provincia
 +di Messina.&nbsp; So che si trrattava di un trovatello e che il prete lo
 +battezzò sia attribuendo il nome che il cognome, e che nei primi
 +anni si chiamava Rosario Papino Trovato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPIRI
 +<br>PAPIRII
 +<br>PAPIRIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papiri ha ceppi sia nel Piceno che in provincia di Roma, Papirii, assolutamente
 +rarissimo, potrebbe essere abruzzese, Papirio, altrettanto raro, sembra
 +avere ceppi pugliesi e campani, dovrebbero derivare dalla Gens latina <i><font color="#3366FF">Papiria</font></i>,
 +ricordiamo il patrizio romano Gaius Papirius Carbo che si schierò
 +al fianco di Tiberius Sempronius Gracchus per poi tradirlo, dell'uso di
 +questo nome in epoca più recente abbiamo un esempio nel 1580 a Brescia
 +in occasione della visita apostolica di san Carlo a Leno: "<font color="#CC33CC">...ad
 +quod tenentur illustres domini Antonius, Ioannes Baptista et Abbas, omnes
 +de Martinenghis, nec non magnificus dominus </font><font color="#FF0000">Papirius
 +Madius</font><font color="#CC33CC">, cum mercede ducatorum quinquaginta...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papis sembrerebbe specifico di Uggiate Trevano (CO), ma presenta ceppi
 +che sembrerebbero secondari anche nel Triveneto, dovrebbe derivare da modificazioni
 +dell'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Jacopo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Papone, molto molto raro, è specifico dell'imperiese, di Pietrabruna
 +ed Imperia, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine occitano
 +<i><font color="#3333FF">papon</font></i> (<i><font color="#666666">nonno</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPONETTI
 +<br>PAPONI
 +<br>PAPPONE
 +<br>PAPPONETTI
 +<br>PAPPONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paponetti è abruzzese dell'aquilano, di Trasacco ed Avezzano, Paponi,
 +molto molto raro, è marchigiano, soprattutto del Piceno e di Ancona,
 +Pappone ha un ceppo a Napoli ed uno, molto piccolo a Benevento, Papponetti
 +è tipicamente abruzzese, di Pescara e del teatino, di Miglianico
 +e Francavilla al Mare, Papponi, assolutamente rarissimo, è dell'Italia
 +centrale, per questi cognomi si possono formulare più ipotesi, tutte
 +propongono un'origine soprannominale: la prima propone una derivazione dal termine
 +greco <i><font color="#3333FF">papas</font></i> (<i><font color="#666666">padre,
 +prete</font></i>), la seconda dal termine provenzale <i><font color="#3333FF">papon</font></i>
 +(<i><font color="#666666">nonno</font></i>), la terza dal termine italiano
 +arcaico <i><font color="#3333FF">pappone</font></i> (<i><font color="#666666">mangione</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>PAPPONE - Cognome presente in Campania e Puglia, è un accrescitivo
 +del cognome base <i><font color="#3333FF">Pappa</font></i>. Si tratta di
 +un soprannome medievale, in genere ironico o ingiurioso, formato da '<i><font color="#3333FF">pappa</font></i>',
 +dal verbo '<i><font color="#3333FF">pappare</font></i>' = <i><font color="#666666">mangiare
 +smodatamente</font></i>. In tempi più moderni Pappone ha assunto,
 +come noto, il significato di 'lenone'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere due ceppi, uno nel
 +napoletano ed uno nel basso catanese, dovrebbe derivare da un soprannome
 +legato alla ghiottoneria del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPPACENA
 +<br>PAPPACENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pappacena è un cognome tipicamente campano, di Sarno nel salernitano,
 +con piccoli ceppi anche a Poggiomarinoe San Giuseppe Vesuviano nel napoletano,
 +a Roma ed a Latina, Pappaceno, quasi unico, è quasi certamente dovuto
 +ad errori di trascrizione del precedente, si dovrebbe trattare di soprannomi
 +originati o dal comportamento troppo ingordo dei capostipiti, cioè
 +qualcuno che mangiava con grande avidità, o da comportamenti troppo
 +disinvolti, in questo caso il termine <i><font color="#3366FF">pappa</font></i>
 +avrebbe il significato di portar via, intendendo così che il capostipite
 +era uno che ti poteva persino portar via la cena di sotto il naso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPPADA
 +<br>PAPPADA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi della Puglia meridionale, tarentino e leccese, e bassa Basilicata,
 +il primo assolutamente rarissimo è una forma derivante da un errore
 +di trascrizione del secondo, dovrebbero essere di origine greca, ricordiamo
 +i cognomi ellenici Papadas e Pappadas.</font></td>
 +</tr>
 + 
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPPALARDI
 +<br>PAPPALARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pappalardi è specifico di Gravina di Puglia (BA), Pappalardo ha
 +un nucleo importante nella Sicilia orientale ed uno tra napoletano e salernitano,
 +derivano entrambi da soprannomi originati o da golosità o meglio
 +dall'abitudine del capostipite di non rispettare il digiuno imposto dalle
 +regole religiose, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nei primi
 +anni del 1500 a Cava dei Tirreni (SA), dove è sindaco un certo Juliano
 +Pappalardo, e a Pedara (CT) nel 1600 dove troviamo il Barone Don Diego
 +Pappalardo (1636 - 1710).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPPANI
 +<br>PAPPANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pappani, assolutamente rarissimo, parrebbe del foggiano, Pappano è
 +tipico di Montecalvo Irpino (AV) e del beneventano, dovrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal termine greco <i><font color="#3366FF">papas</font></i>
 +(<i><font color="#999999">sacerdote</font></i>) e potrebbero indicare famiglie
 +di contadini di terre di un prete o concesse in uso da un prete.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAPURELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Molto raro è tipico del torinese, dovrebbe derivare
 +dal cognomen latino Papus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARABIAGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro proprio del
 +milanese, deriva dal toponimo Parabiago (MI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARABOSCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paraboschi è tipico di Piacenza, Ponte dell'Olio, San Giorgio Piacentino
 +e Cadeo nel piacentino e di Fidenza nel parmense, di origini etimologiche
 +oscure, tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel 1500 con lo
 +scrittore, compositore e organista piacentino Girolamo Parabosco (1524
 +- 1557), il cui padre Vincenzo era organista della cattedrale di Brescia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Paraboschi è cognome emiliano, è forma composta del cognome
 +base <i><font color="#3333FF">Bosco</font></i>, come anche Magnabosco,
 +Foraboschi, Tiraboschi. Cfr. L. Paraboschi, Cognomi della Emilia Romagna,
 +pag. 63.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARACCA
 +<br>PARACCHI
 +<br>PARACCHINI
 +<br>PARACCHINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paracca, estremamente raro, parrebbe del milanese, Paracchi, assolutamente
 +rarissimo, ha ceppi nel comasco e nel torinese, Paracchini è tipico
 +dell'area che comprende il milanese, il lecchese, il comasco, il varesotto,
 +il verbanese, il novarese ed il vercellese, Paracchino è specifico
 +di Isola D'Asti ed Asti nell'astigiano, questi cognomi dovrebbero derivare
 +da forme tronche o comunque modificate del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Paracinus</font></i>
 +a sua volta derivato dalla contrazione del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Paravicinus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Palavicinus</font></i>, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Carpugnino nel verbanese in un atto del 1783: "<font color="#CC33CC">L'anno
 +del Signore 1783 ed alli undici del mese di novembre in Carpugnino nella
 +sala delle solite congreghe consolari nanti il Signor Castellano </font><font color="#FF0000">Giuseppe
 +Antonio Paracchini</font><font color="#CC33CC"> di questa comunità,
 +convocato e congregato d'ordine dell'infrascritto signor sindaco l'ordinario
 +consiglio di questa comunità...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni suggerite da Giacomo
 +M.Paracchi</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00paracchi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="115">I Paracchi sono di origine Longobarda, il loro cognome deriva dallo
 +stesso termine a.a.t. <i><font color="#3333FF">bara</font></i> (<i><font color="#666666">scudo</font></i>)
 +che ha dato luogo al cognome <i><font color="#3333FF">Parak</font></i>
 +in Germania e che venne adattato latinizzandolo in <i><font color="#3333FF">parachus</font></i>),
 +sono stati i signori guelfi di Oggiono nel lecchese (Pergamena del 1280
 +citata dal Magistretti in Archivio Storico Lombardo del 1898: ostilità
 +dei Capitanei di Oggiono verso l'Abate di Civate che era fieramente Ghibellino.
 +Atto Notaio Guidollo Garimberti del 3 Luglio 1407, in cui Castellino de
 +Parachis, figlio del Fu Mastro Abbondio, partecipa ad un giuramento di
 +fedeltà alla causa Guelfa assieme ad alcuni nobili della Pieve d'Incino,
 +i Parravicini, i Meroni, i Sormani, ecc.). Scacciati nel 1373 dal loro
 +castello, tuttora esistente (<i><font color="#3333FF">Castrum de Parachis</font></i>),
 +dal Duca di Milano Bernabò Visconti, si rifugiarono chi nel Seprio
 +dando origine ai Paracchini, chi nella zona di Erba. Da dove nella metà
 +del 1600 partì un Paracchi verso Bologna dove la famiglia fece fortuna
 +guadagnandosi uno stemma nobiliare riportato sullo Stemmario Canetoli.
 +Un altro Paracchi partì&nbsp; all'inizio del 1800 per la zona di
 +Biella, poi a Torino dove si sviluppò la Manifattura Tappeti Paracchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARACCIANI
 +<br>PARACIANI
 +<br>PARAGIANI
 +<br>PARACINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimi, parrebbero
 +originari dell'orvietano,&nbsp; derivano tutti dal cognome medioevale Paracianus
 +o Paracinus a sua volta derivato dalla contrazione del nome medioevale
 +Paravicinus o Palavicinus. Di questi cognomi si trovano tracce già
 +nel 1500; tra gli studenti dell'Università di Perugia iscritti per
 +l'anno 1561 troviamo un Lucus Paracianus e nell'anno 1578 si trova un Nicolaus
 +Paracinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARADISI
 +<br>PARADISO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paradisi è tipico della fascia che comprende Emilia e Romagna, Toscana,
 +Marche, Umbria e Lazio, Paradiso è tipico invece del sud, Lazio,
 +Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, dovrebbero
 +derivare da cognomi di fantasia attribuiti a capostipiti abbandonati presso
 +istituti religiosi di carità.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Paradisi, presente da nord a sud del paese, è più tipicamente
 +centro settentrionale, Paradiso, invece, è diffuso maggiormente
 +nel meridione, ma si riscontra anch'esso in quasi tutte le regioni italiane
 +(ad eccezione della Val d'Aosta), entrambi questi cognomi derivano dal
 +nome cristiano-medievale <i><font color="#3366FF">Paradiso</font></i>,
 +attribuito al neonato in chiaro senso augurale. Si tratta, dunque, delle
 +cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARAGONE
 +<br>PARAGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paragoni, che sembrerebbe unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +di Paragone, che, molto raro, decisamente pugliese, con un piccolo ceppo
 +a Foggia, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine greco
 +antico <font color="#3333FF">παράγω <i>parago</i></font> (<i><font color="#666666">guidare,
 +condurre</font></i>), soprannome probabilmente attribuito ad un capostipite,
 +che avesse nell'antichità un incarico di guida di animali o di persone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARAPUGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parapugna, quasi unico, sembrerebbe del cosentino, potrebbe derivare da
 +un soprannome grecanico basato su di un'alterazione del termine greco antico
 +<font color="#3333FF">παραπύημα<i> parapùema</i></font> (<i><font color="#666666">suppurazione</font></i>),
 +forse riferito ad un capostipite che fosse stato pieno di pustole, magari
 +perchè reduce di un'infezione vaiolosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARASCANDOLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parascandolo è tipico di Napoli e del napoletano, di Monte di Procida,
 +Bacoli, Procida, Pomigliano d'Arco, Pozzuoli e Castellammare di Stabia,
 +presenta un ceppo probabilmente secondario a Roma ed uno molto piccolo
 +a Taranto, secondo Guglielmo Peirce dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +italiano di origine germanica <i><font color="#3333FF">Parascandalo</font></i>,
 +di cui non si hanno altre tracce, troviamo a Vico Equense nel 1500 un'importante
 +famiglia notarile con questo cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARASECOLI
 +<br>PARASECOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parasecoli è marchigiano dell'anconetano, della zona di Chiaravalle
 +e Monsano, con un ceppo anche a Lari nel pisano, Parasecolo è invece
 +umbro del perugino, di Todi in particolare, questi cognomi dovrebbero derivare
 +da un soprannome, che potrebbe stare ad indicare una particolare religiosità
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARASOLE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parasole sembrerebbe siciliano, con un ceppo a San Michele di Ganzaria,
 +Caltagirone e Raddusa nel catanese, ed uno a Piazza Armerina nell'ennese,
 +ed un ceppo probabilmente secondario a Napoli, dovrebbe derivare da un
 +soprannome basato sul termine dialettale meridionale <i><font color="#3333FF">paraseli
 +</font></i>(<i><font color="#666666">girasole</font></i>, il fiore).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARATA
 +<br>PARATI
 +<br>PARATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parata ha un ceppo nel Salento, a Taviano e Matino nel leccese ed a San
 +Vito dei Normanni nel brindisino, Parati ha un ceppo nel cremasco, a Crema
 +e Ripalta Cremasca, a Milano e Melzo nel milanese ed a Lodi, ed uno ad
 +Arezzo, Parato ha un ceppo campano, a Napoli ed a Maddaloni nel casertano,
 +ed uno pugliese, a Mola di Bari, Giovinazzo e Bari nel barese, a Manduria
 +nel tarentino ed a San Pancrazio Salentino e Torre Santa Susanna nel brindisino,
 +dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Paratus,
 +Parata</font></i>, con il significato di <i><font color="#666666">preparato</font></i>,
 +essendo sottinteso <i><font color="#666666">a tutto</font></i>, ricordiamo
 +a Peligna Superequum (Castelvecchio Subequo) nell'aquilano un Lucius Vibilis
 +Paratus praefectus iure dicundo (una magistratura superiore dell'epoca
 +augustea).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARAVATI
 +<br>PARAVATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paravati sembra specifico calabrese della zona di Petrizzi (CZ) e Catanzaro,
 +con un ceppo in Val d'Ossola, Paravato, praticamente unico, sembra essere
 +un errore di trascrizione del primo, dovrebbero derivare dal toponimo Paravati
 +nel catanzarese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Paravati è cognome calabrese che viene dal greco '<i><font color="#3333FF">paravatis</font></i>'
 += <i><font color="#666666">violatore, spergiuro</font></i>. Rohlfs 199.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARAVISI
 +<br>PARAVISO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paravisi, tipicamente lombardo, è specifico di Bergamo e del bergamasco,
 +di Verdello, Levate e Dalmine, Paraviso, quasi unico, è molto probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, che dovrebbe derivare
 +dal termine tardo latino <i><font color="#3333FF">paravisus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">paradiso</font></i>), un'alterazione del più
 +classico <i><font color="#3333FF">paradisus</font></i>, potrebbe trattarsi di cognomi di fantasia attribuiti a dei trovatelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARAZZOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembrerebbe specifico
 +del milanese, dovrebbe discendere da una modificazione derivata dal toponimo
 +Palazzolo Milanese (MI).&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARDI
 +<br>PARDINI
 +<br>PARDO
 +<br>PARDONE
 +<br>PARDONI
 +<br>PARDUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00pardo.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="45" height="56"><font size="-1">Pardi ha un ceppo importante fra lucchese e pisano ed uno nel chietino,
 +Pardini ha il nucleo principale nel lucchese ai confini con il pisano,
 +Camaiore, Viareggio, Pietrasanta e nel pisano ai confini con il lucchese,
 +ed un ceppo a Terlizzi (BA), Pardo ha un ceppo nel nisseno a Gela (CL)
 +e a Niscemi (CL) ed uno forse secondario a Napoli, Pardone è praticamente
 +unico così come Pardoni, che è quasi scomparso, Parducci
 +è specifico dell'area che comprende lo spezzino, il livornese, il
 +pisano, il fiorentino e, soprattutto, il lucchese, in particolare Camaiore,
 +Lucca, Massarosa, Capannori e Coreglia Antelminelli, derivano tutti, direttamente
 +o tramite ipocoristici o accrescitivi, dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Pardus</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in un'antica lapide latina: "<font color="#CC66CC">D</font><font color="#000000">(is)</font><font color="#CC66CC">
 +M</font><font color="#000000">(anibus)</font><font color="#CC66CC"> - Primulio
 +- </font><font color="#FF0000">Pardo</font><font color="#CC66CC"> d</font><font color="#000000">(e)</font><font color="#CC66CC">f</font><font color="#000000">(uncto)</font><font color="#CC66CC">
 +- et suis here</font><font color="#000000">(di)</font><font color="#CC66CC">s
 +f</font><font color="#000000">(aciendum)</font><font color="#CC66CC"> c</font><font color="#000000">(uravit)</font>", Pardo è anche un cognome ebraico sefardita, sempre con la medesima
 +origine etimologica.&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Napoli verso la fine del
 +1200 dove risulta in uno scritto un certo nobilis Ioannes Pardus e Petrus
 +Pardus Munchellus, e a Volterra nel 1400 dove in un atto si legge: "<font color="#CC33CC">...sponte
 +et ex certa scientia et non per errorem dictam conductam factam per dictum
 +Simonem nomine dicti </font><font color="#FF0000">Pardi</font><font color="#CC33CC">,
 +dictus </font><font color="#FF0000">Pardus</font><font color="#CC33CC">
 +omni modo ratificavit... </font>" e a Pisa nel 1300: "<font color="#CC33CC">...etiam
 +terminus quingenii ad quem dictus presbiter </font><font color="#FF0000">Pardus</font><font color="#CC33CC">
 +ad ipsam ecclesiam ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Pardi è un derivato da una abbreviazione di "Longobardi". Cfr.
 +BARDI.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARENTELA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo sembra essere originario
 +della provincia di Catanzaro, potrebbe in qualche modo essere riferito
 +al toponimo Parenti (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARENTE
 +<br>PARENTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parente è tipico nel centro e sud Italia, Parenti è diffusissimo
 +in Emilia e Toscana settentrionale, derivano dall'aferesi del nome medioevale
 +italiano Bonparente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARESCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pareschi è tipicamente emiliano, di Ferrara e di Bondeno, Cento
 +e Poggio Renatico nel ferrarese, di Bologna e di Castel Maggiore nel bolognese
 +e di Modena, di origine etimologica oscura si potrebbe supporre una derivazione
 +dall'italianizzazione del nome slavo <i><font color="#3333FF">Pareči</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARENZAN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è decisamente triestino con un ceppo secondario molto
 +antico nel padovano, deriva dal toponimo Parenzo in Istria, l'attuale Porec;
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel padovano già nel
 +1500 con un tal Zorzi Parenzan.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>Personaggio di rilievo è stato il pittore veneto Bernardo Parenzano
 +(o Parentino) (Parenzo, Istria ~1437 - 1531)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARENZI
 +<br>PARENZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parenzi ha un piccolissimo ceppo a Capitignano nell'aquilano ed uno a Roma,
 +Parenzo, estremamente raro, sembrerebbe veneto e friulano, dovrebbero essere
 +di origini dalmate e derivare dal nome della città di Parenzo, l'attuale
 +Poreč croata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARETI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pareti ha un ceppo tra alessandrino, genovese e piacentino, di Santo Stefano
 +d`Aveto nel genovese in particolare, che dovrebbe essere stata la località
 +originaria di questo cognome, dovrebbe derivare dal nome medioevale latino
 +<i><font color="#3333FF">Paretius</font></i>, ma è molto probabile
 +anche un'origine franca da una forma diminutiva dialettale del nome francese
 +<i><font color="#3333FF">Pierre</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIANI
 +<br>PARIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pariani ha un ceppo tra varesotto e milanese, a Magnago, Inveruno e Milano
 +nel milanese ed a Samarate, Ferno e Busto Arsizio nel varesotto, ed un
 +ceppo, molto molto piccolo, nel bolognese, Pariano è specifico di
 +Crotone, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Parianus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in questo testo medioevale: "<font color="#CC33CC">..Inter
 +argumenta sic nascentis arcus pono, quod celerrime nascitur. Ingens enim
 +uariumque corpus intra momentum subtexitur caelo et aeque celeriter aboletur;
 +nihil autem tam cito redditur quam a speculo imago; non enim facit quicquam
 +sed ostendit. </font><i><font color="#FF0000">Parianus</font></i><font color="#CC33CC">
 +Artemidorus adicit etiam, quale genus nubis esse debeat, quod talem solis
 +imaginem reddit: Si speculum, inquit, concauum feceris, quod sit sectae
 +pilae pars, si extra medium constiteris, quicumque iuxta te steterint,
 +inuersi tibi uidebuntur et propiores a te quam a speculo; idem, inquit,
 +euenit, cum rotundam et cauam nubem intuemur ..</font>", originariamente
 +questo cognomen significava letteralmente originario di Pario, città
 +della Misia nei pressi dell'Ellesponto, corrisponde all'attuale località
 +turca di Kamares.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'area che dal novarese arriva al bergamasco via varesotto e
 +milanese, potrebbe derivare dall'aferesi del nomen latino Caeparius, ma
 +è pure possibile una derivazione da toponimi come Schilipario (BG),
 +tracce di questa cognominizzazione si trovano nel 1700 a Porto Valtravaglia
 +(VA) con il parroco Domenico Parietti che vi arrivò nel 1741, nel
 +1700 troviamo dei Parietti a Zogno (BG) e a Zanica con il prete Paolo Parietti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Parietti</font></font>
 +<br>il nome di Abrogina Parietti compare nel registro di stato d'anime
 +della parrocchia di San Martino in Marchirolo (VA), nel 1727; la famiglia
 +Parietti viene indicata di Marchirolo <i><font color="#3366FF">vel</font></i>
 +(o anche) Bosco (Valtravaglia)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona adriatica
 +del riminese e pesarese, potrebbe derivare dal toponimo Para (FO), come
 +pure anche dall'aferesi del nome Gaspare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente toscano, delle province di Firenze Arezzo e Siena in particolare,
 +potrebbe essere di origini ebraiche o anche solo riferirsi a famiglie di
 +banchieri che orbitavano principalmente nella città francese per
 +i loro affari, ma anche semplicemente a soldati di origine francese fermatisi
 +in Italia, il cognome deriva chiaramente dal toponimo francese Parigi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona tra Varese
 +e Milano, dovrebbe derivare dall'aferesi del diminutivo del nome Gaspare,
 +Gasparino Famoso appartenente a questa casata fu l'abate e letterato Giuseppe
 +Parini (1729-1799).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIOTA
 +<br>PARIOTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pariota è tipicamente napoletano, Parioti, praticamente unico, dovrebbe
 +essere dovuto ad un'errata trascrizione del precedente, dovrebbe trattarsi
 +dell forma etnica greca riferita a chi provenisse dall'isola greca di Paros
 +nelle Cicladi, probabilmente il luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo in Lombardia e Trentino ed uno tra Abruzzo e Lazio, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale Parisius <font color="#000000">(</font><font color="#CC33CC">vedi
 +Parise</font><font color="#000000">).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARISE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbero esserci due ceppi,
 +il primo nel vicentino e trevigiano, che dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +Parisius, si ricordi il frate camaldolese Parisius da Treviso&nbsp; vissuto
 +a cavallo tra il 1100 ed il 1200 fatto poi santo, ed il secondo&nbsp; nel
 +cosentino, che deriverebbe dal toponimo Parigi, spesso come soprannome
 +stante ad indicare una connessione con la Francia, troviamo nel 1600 a
 +Catanzaro i Parise come famiglia notarile, mentre un ceppo con il rango
 +di marchese lo troviamo nel 1800 a Venafro (IS).&nbsp; Un'altra ipotesi
 +sull'origine del cognome lo farebbe derivare dal nome greco Paris (Paride).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARISI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00parisi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="48" height="70"><font size="-1">Molto diffuso in tutto il sud Italia, ma presente anche al nord, deriva
 +dal toponimo Parigi, spesso come soprannome stante ad indicare una connessione
 +con la Francia, un'altra teoria, decisamente più affascinante, fa
 +discendere il cognome dalla popolazione gallica dei Parisii, popolo abitatore
 +dell'antica Normandia, che, scesi in Italia, dopo la conquista delle Gallie,
 +al seguito delle legioni romane, costituirono il nucleo delle legioni arruolate
 +fra i galli e la loro definizione etnica parisii li accompagnò come
 +soprannome prima e cognome dopo, una volta ottenuta la proprietà
 +delle terre date loro come paga per la ferma e rimborso per i servigi prestati
 +nelle varie guerre. Un ceppo pugliese dovrebbe discendere dal toponimo
 +Parisi (BA). Un'altra ipotesi sull'origine del cognome lo farebbe derivare
 +dal nome greco Paris (Paride).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Ettore
 +Parisi</font></font>
 +<br>Il cognome Parisi del Trentino sudoccidentale, deriva dal nome Parisio,
 +abbastanza diffuso nella zona nei secoli XIV° e XV°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARISON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parison, molto molto raro, è tipico del vicentino, di Molvena e
 +di Mason Vicentino, dovrebbe derivare da un soprannome legato dovrebbe
 +derivare al nome medioevale <i><font color="#3366FF">Parisius</font></i>
 +e, probabilmente ad una corporatura imponente del capostipite dell'uso
 +di questo accrescitivo abbiamo un esempio in un documento del 1228 a Pisa,
 +con Parisone Rubertini e Parisone Vernagallus de Sancto Iusto de Parlascio
 +e nello stesso documento troviamo un principio di questa cognominizzazione
 +con un tale Rubertus Parisonis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARISSENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parissenti è specifico dell'agordino nel bellunese, in particolare
 +di Voltago Agordino ed Agordo, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito
 +al capostipite, soprannome basato sul termine arcaico veneto <i><font color="#3333FF">parissente</font></i>
 +(<i><font color="#666666">appariscente, che si presenta bene</font></i>),
 +termine che troviamo ad esempio utilizzato dal Parabosco che descrive il
 +Tiziano «<font color="#CC33CC">zovene </font><font color="#FF0000">parissente</font><font color="#CC33CC">
 +e agratiao, rizzoto a mo un puerelo</font>».</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARLAGRECO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parlagreco, molto raro, sembrerebbe siciliano, ha piccoli ceppi a Mazzarino
 +e Niscemi nel nisseno, a Palòermo, a Pachino nel siracusano e ad
 +Enna, dovrebbe derivare da un soprannome riferito ad un capostipite, che
 +fosse probabilmente di lingua greca, o che si esprimesse in modo ben poco
 +comprensibile.&nbsp; Ricordiamo gli intagliatori Domenico Parlagreco e
 +Liborio Parlagreco, che verso la fine del 1700 produssero diverse sculture
 +lignee a sfondo religioso nella zona che comprende catanese ed ennese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARLAPIANI
 +<br>PARLAPIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parlapiani, che è unico, dovrebbe essere un errore di trascrizione
 +di Parlapiano, che ha un piccolo ceppo a Francavilla al Mare nel teatino,
 +uno più consistente a Latina e Cisterna di Latina nel latinense,
 +uno a Morcone e Santa Croce del Sannio nel beneventano ed uno in Sicilia
 +a Caltabellotta, Lucca Sicula e Ribera nell'agrigentino ed a Palermo, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato da una caratteristica tipicità
 +dei capostipiti, che probabilmente erano abituati a parlare molto lentamente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARLATI
 +<br>PARLATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parlati ha un ceppo romano, uno a Napoli e nel napoletano ed uno a Taviano
 +nel leccese, Parlato ha un ceppo nel vicentino, soprattutto a Recoaro Terme,
 +Valdagno, Cornedo Vicentino e Castelgomberto, uno a Roma, ma la massima
 +concentrazione è in Campania a Napoli e Vico Equense, con ceppi
 +importanti anche a Sant`Egidio del Monte Albino (SA), Meta, Piano di Sorrento,
 +Castellammare di Stabia, Sant'Antonio Abate e Boscotrecase nel napoletano
 +e Positano nel salernitano, questi cognomi dovrebbero derivare dal termine
 +italiano antico <i><font color="#3366FF">parlato</font></i> (<i><font color="#999999">prelato</font></i>)
 +utilizzato ad esempio da Giovanni Villani nella sua Nuova Cronica dell'anno
 +1348: "<font color="#CC33CC">...Negli anni di Cristo MCCLXXXXIIII, il dì
 +di santa Croce di maggio, si fondò la grande chiesa nuova de' frati
 +minori di Firenze detta Santa Croce, e a la consegrazione della prima pietra
 +che si mise ne' fondamenti, vi furono molti vescovi e </font><font color="#FF0000">parlati</font><font color="#CC33CC">
 +e cherici e religiosi...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARLAVECCHIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parlavecchio è siciliano, con un ceppo a Palermo, uno a Randazzo
 +nel catanese ed a Messina, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito
 +al capostipite, forse abituato ad esprimersi in un modo inconsueto ed usando
 +parole o espressioni cadute in disuso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della zona che da Milano arriva a Rimini, lungo la via Emilia, deriva
 +dal toponimo omonimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARMEGGIANI
 +<br>PARMEGIANI
 +<br>PARMIGGIANI
 +<br>PARMIGIANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parmeggiani è tipicamente emiliano, del modenese e bolognese in
 +particolare, con un ceppo anche nel riminese, Parmegiani, molto raro, ha
 +un ceppo in provincia di Roma e nuclei autoctoni nel marchigiano, Parmiggiani,
 +abbastanza raro, è tipico del reggiano, Parmigiani è specifico
 +dell'area che comprende le province di Milano, Cremona, Piacenza, Parma
 +e Reggio, derivano dall'etnico della città di Parma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARMESAN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parmesan, molto raro, è tipico veneziano,&nbsp; dovrebbe derivare
 +da <i><font color="#3366FF">parmesan</font></i>, la forma dialettale veneta
 +per indicare chi provenga da Parma, indicando quella città come
 +luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARMINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo sembrerebbe lombardo, dovrebbe derivare dal nome
 +gentilizio latino Parminius o più probabilmente dal nome spagnolo
 +Parminio discendente da quel gentilizio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARNIGONI
 +<br>PERNIGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parnigoni è tipico di Cantello (VA), Pernigoni ha un ceppo a Caravaggio
 +(BG) ed uno a Sant`Angelo Lodigiano (LO), dovrebbero derivare da un soprannome
 +dialettale originato dal vocabolo lombardo <i><font color="#3366FF">pernigon</font></i>
 +(piccola starna).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Parnigoni</font></font>
 +<br>a seguito di ricerca effettuata presso l'archivio di Stato a Como è
 +risultata la presenza di persone con nome "de Pernigono" nel comune di
 +Rodero (CO) nel 1446. Dopo una alternanza con la denominazione "de Vispera"
 +il cognome si consolida in Parnigoni (e in qualche caso Pernigoni). Il
 +ramo della mia famiglia a fine '700 si sposta da Rodero alla vicina Gaggiolo,
 +frazione di Cantello (VA). A seguito di emigrazioni avvenute soprattutto
 +nella seconda metà dell'800, fino all'inizio '900 il cognome Parnigoni
 +si trova presente negli USA (industria del granito, Barre-Vermont), Austria,
 +Svizzera e Canada. L'orgine del cognome potrebbe risalire a un toponimo
 +o a un soprannome derivato dal lombardo equivalente a "perniciotto".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARNIGOTTO
 +<br>PERNIGOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parnigotto è specifico di Padova, Pernigotto è tipico del
 +vicentino, di Malo e Chiampo, dovrebbero derivare da un soprannome originato
 +dal termine dialettale veneto <i><font color="#3366FF">parnigoto</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">pernigoto</font></i> ipocoristico di <i><font color="#999999">pernice</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARODI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente ligure è il cognome più diffuso sia a Genova
 +che in tutta la regione, potrebbe derivare dal nome del toponimo Parodi
 +Ligure (AL) o Litta Parodi (AL), come cognominizzazione è molto antica
 +troviamo fin dal 1100 i Marchesi Parodi vassalli della Repubblica di genova.
 +Personaggio famoso fu lo scultore genovese secentesco Filippo Parodi (1630-1702)
 +allievo del Bernini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAROLA
 +<br>PAROLI
 +<br>PAROLIN
 +<br>PAROLINI
 +<br>PAROLINO
 +<br>PAROLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parola ha un grosso nucleo piemontese, nelle province di Cuneo e Torino,
 +ha un ceppo nel varesotto, novarese e milanese, uno nel bresciano, uno
 +nel pisano ed uno nel napoletano, Paroli ha un ceppo nel lecchese, uno
 +nel bresciano, uno nel reggiano ed uno a Roma, Parolin è tipicamente
 +veneto del vicentino, padovano e trevisano, Parolini è tipicamente
 +lombardo, del bresciano e del milanese, ma con ceppi anche nel mantovano,
 +Parolino è quasi unico, Parolo è tipico della provincia di
 +Sondrio di Sondrio e Montagna In Valtellina e di Casorate Sempione (VA),
 +dovrebbero derivare, direttamente o attraverso dei diminutivi, dal soprannome,
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Parolus,
 +Parola</font></i>, forma alterata del termine <i><font color="#3366FF">parvolus</font></i>
 +(piccolo), ma potrebbero anche derivare da soprannomi generati dal vocabolo
 +dialettale <i><font color="#3366FF">parol</font></i> (<i><font color="#999999">paiolo</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Gavirate nel 1600: "<font color="#CC33CC">...Successive
 +comparuit vocatus et ut supra </font><font color="#FF0000">Franciscus Parolus</font><font color="#CC33CC">
 +filius quondam Bernardini habitator et iuratus ut supra tactis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAROLARI
 +<br>PAROLARO
 +<br>PAROLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parolari è tipico del Trentino e dell'alto bresciano, Parolaro,
 +molto molto raro, sembrerebbe della Valtellina, Parolo ha un nucleo importante
 +a Sondrio ed uno non secondario nel padovano, dovrebbero tutti derivare
 +da soprannomi originati dal mestiere di fabbricare i paioli, <i><font color="#3366FF">parolar</font></i>
 +in dialetto o dal termine stesso <i><font color="#3366FF">parol </font></i>(<i><font color="#666666">paiolo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PAROLDI
 +<br>PAROLDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, sia Paroldi che Paroldo sono tipici dell'area
 +che comprende il savonese ed il basso Piemonte, dovrebbero derivare dal
 +toponimo Paroldo nel cuneese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARON
 +<br>PARONETTO
 +<br>PATRON</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paron è tipicamente friulano, dell'udinese in particolare, Paronetto
 +invece, leggermente più raro, è del trevigiano, Patron è
 +tipico di Venezia e del veneziano, di Mira, Pianiga e Spinea, di Campodarsego
 +nel padovano e di Mogliano Veneto nel trevisano, dovrebbero derivare da
 +soprannomi originati dal vocabolo veneto <i><font color="#3366FF">patron</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">paron</font></i>
 +(<i><font color="#999999">padrone</font></i>) o da loro ipocoristici come <i><font color="#3366FF">paroneto</font></i>
 +(<i><font color="#999999">padroncino</font></i>), usato per caratterizzare
 +una posizione elevata dei capostipiti e anche probabilmente in maniera
 +affettuosa per prenderli in giro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARONZINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del nordmilanese, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +veneto legato al vocabolo paronzin (padroncino), troviamo tracce di questo
 +cognome nella laguna di Venezia a Cavallino già nel 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARPAGIOLA
 +<br>PARPAIOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parpagiola, estremamente raro, ha presenze a Legnaro e Rovolon nel padovano,
 +Parpaiola è specifico di Padova e Cadoneghe, sempre nel padovano,
 +dovrebbero derivare direttamente o tramite un'italianizzazione da un soprannome
 +originato dal termine dialettale veneto <i><font color="#3333FF">parpagiola</font></i>
 +(<i><font color="#666666">farfallina dei granai</font></i>), forse a caratterizzare
 +il modo di fare dei capostipiti, probabilmente molto volubili o noiosi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARPANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parpani, quasi unico, è lombardo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gianluigi
 +Parpani</font></font>
 +<br>Parpani, rarissimo in Italia, presenta solo un gruppo familiare, originario
 +di Vaz/Obervaz nella Repubblica delle Tre Leghe (ora Cantone dei Grigioni
 +in Svizzera). Origina dal cognome <i><font color="#3333FF">Parpan</font></i>,
 +che venne trascritto nei registri parrocchiali con il genitivo latino <i><font color="#3333FF">Parpanni</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Parpannis</font></i> (Jacobur filius Josephi
 +Parpanni) italianizzato in <i><font color="#3333FF">Parpani</font></i>
 +come da autografi già del 1754 (AS di Bergamo). Giunto in Italia,
 +allora Repubblica di Venezia, a Bergamo nell'estate del 1745, compare nello
 +Stato delle Anime del 1746 di Alzano Superiore con Giusep Parpan (Vaz/Obervaz
 +19,3,1720 - Bergamo 3,11,1780). Il cognome Parpan é un cognome toponomastico;
 +esiste un paese chiamato <i><font color="#3333FF">Parpan</font></i>,&nbsp;
 +che potrebbe nascere da <i><font color="#3333FF">Pratum Planum</font></i>
 +(Pratiplan, Partipan, Partpan ecc.), con il significato di prato sito in
 +zona pianeggiante, oppure da <i><font color="#3333FF">perpetaneus</font></i>,
 +che sono le travi caratteristiche utilizzate nelle costruzioni nei Grigioni.
 +Esistono nel XIII secolo Oswald ed Eberhard De Partipan e nel 1418 Jann
 +de Parpan (Staatarchiv Graubunden, Chur). I Parpani in Italia sono ancor
 +oggi riconosciuti come emigrati dal Comune di Obervaz. Gianluigi Parpani
 +é Herrenburger (<font size="-2">n.d.r.</font> <i>Patrizi, cittadini onorari</i>)
 +del Patriziato di Obervaz.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARRAVICINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico del nord milanese
 +e comasco, potrebbe derivare dal nome medioevale Parravicinus ma è
 +più probabilmente derivato dal toponimo Parravicino (CO). Verso
 +la fine del 1500 opera in Como il Notaio della curia Candido Parravicinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente toscano con un ceppo anche nel pesarese, dovrebbe derivare
 +dall'aferesi del cognome Gasparri o da modificazioni dell'aferesi del nome
 +Gaspare. Personaggio di rilievo è stato Ferruccio Parri (1890 -
 +1981) fu Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica italiana
 +dal giugno al novembre 1945.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARRILLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parrilla è tipicamente calabrese, del crotonese, di Cirò
 +Marina, Crotone e Crucoli, del cosentino, di Rossano, Crosia, Corigliano
 +Calabro, Longobucco, Bocchigliero, Paludi e Rende, e di Lamezia Terme nel
 +catanzarese, dovrebbe essere di origini spagnole e derivare da un soprannome
 +basato sul termine spagnolo <i><font color="#3333FF">parrilla</font></i>
 +(<i><font color="#666666">graticola, grill</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARRINELLI
 +<br>PARRINELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente siciliani, Parrinelli è quasi unico, Parrinello
 +è specifico del palermitano edel&nbsp; trapanese in particolare,
 +dovrebbe derivare da una modificazione ipocoristica dialettale del termine
 +<i><font color="#3333FF">padrino</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome prevalentemente siciliano, con ceppo maggiore nel trapanese,
 +dovrebbe derivare dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">parrino</font></i>,
 +col significato di padrino, da intendere o come un prete o come una personaggio
 +di spicco che assume la protezione di altre persone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARRINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parrini è molto diffuso in tutta la Toscana, in Umbria ed a Roma,
 +con piccoli ceppi in Emilia, dovrebbe derivare da alterazioni dell'aferesi
 +del diminutivo del nome <i><font color="#3333FF">Gasparre</font></i>, l'ipocoristico
 +<i><font color="#3333FF">Gasparrino</font></i> per aferesi diventa Parrino,
 +la i finale può essere sia dovuta ad un genitivo patronimico, che
 +ad una formula cumulativa, i Parrini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARSANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico di Albano Sant'alessandro (BG), potrebbe
 +derivare dal toponimo Parzanica (BG) anticamente chiamata Parsanega.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARTEL
 +<br>PARTELE
 +<br>PARTELI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Partel, Partele e Parteli, assolutamente rarissimi, sono del trentino,
 +derivano da modificazioni dialettali del nome germanico Bartl a sua volta
 +derivato dal nome Bartolomeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo, sembrerebbe di origini
 +aretine, potrebbe derivare dal toponimo Partina nell'aretino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Parti è la cognominizzazione del nome <i><font color="#3333FF">Parthi</font></i>
 +derivato da un originario soprannome formato da <i><font color="#3333FF">Parthia</font></i>,
 +il paese dei Parti, popolazione della Scizia. In alcuni casi ha alla base
 +soprannomi derivati da '<i><font color="#3333FF">parti</font></i>', nel
 +significato di "<i><font color="#666666">suddivisione</font></i>" ("chi
 +fa le parti" o "chi possiede alcune parti", ecc.) o nel significato di
 +ruoli (o comportamenti) "particolari" nella società.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARTINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico del senese, di Colle Di Val D'elsa (SI) in particolare,
 +dovrebbe derivare dal nome gallico latino Partinus, Partinus era anche
 +un nome attributo di Giove, è pure possibile una derivazione dal
 +toponimo Partina (AR), un indizio di questa cognominizzazione si trova nell'elenco
 +degli scolari dell'Università di Perugia nel 1511 con un certo Francisus
 +Partinus marchigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARTISITI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Partisiti, di area geografica incerta, ed origine etimologica oscura, potrebbe
 +derivare da un'indicatore di provenienza da luogo con suffisso in <i><font color="#3333FF">-ita</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">-iti</font></i>, riferito ad una proprietà
 +agraria di un non meglio identificato <i><font color="#3333FF">Partisius</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Patisius</font></i>, ricordiamo con questo nome
 +Quinctius Partisius uno degli ufficiali di Cesare durante la Guerra Alessandrina
 +contro Pompeo, nome riportato da Aulus Hirtius, uno dei luogotenenti di
 +Cesare, nei suoi <i><font color="#3366FF">Commentarii</font></i>: "<font color="#CC33CC">..Adiungit
 +Cn. Domitius legioni XXXVI duas ab Deiotaro, quas ille disciplina atque
 +armatura nostra compluris annos constitutas habebat, equitesque C, totidemque
 +ab Ariobarzane sumit. Mittit P. Sestium ad C. Plaetorium quaestorem, ut
 +legionem adduceret quae ex tumultuariis militibus in Ponto confecta erat,
 +</font><font color="#FF0000">Quintumque Partisium</font><font color="#CC33CC">
 +in Ciliciam ad auxilia arcessenda. Quae copiae celeriter omnes iussu Domiti
 +Comana convenerunt...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARUSCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paruscio è specifico della provincia di Sondrio, di Sondrio, Faedo
 +Valtellino, Albosaggia e Caiolo, dovrebbe derivare da un soprannome, il
 +termine dialettale <i><font color="#3333FF">parüsc</font></i> significa
 +<i><font color="#666666">grosso chiodo</font></i> o <i><font color="#666666">cavicchio</font></i>
 +di legno utilizzato un tempo nella costruzione delle case, ma <i><font color="#3333FF">parüsc</font></i>
 +significa anche <i><font color="#666666">passero</font></i>, e <i><font color="#3333FF">parüsc</font></i>
 +venivano anche chiamati gli abitanti delle vicine valli del Canton Ticino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARUTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00paruta.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="68"><font size="-1">Paruta, abbastanza raro, sembrerebbe specifico di Palermo, il cognome sembrerebbe
 +collegato con il nome della <i><font color="#3366FF">ruta</font></i>, tanto
 +che quella pianta viene raffigurata nel suo stemma, ma l'ipotesi non è
 +molto convincente, si potrebbe piuttosto considerare una connessione con
 +il vocabolo medioevale <i><font color="#3366FF">paruta</font></i> (<i><font color="#999999">apparenza,
 +abbigliamento</font></i>), nasce come De Paruta, chi lo dice di origine
 +lucchese, chi veneziana, anche perchè importanti tracce venete di
 +questo casato ci sono fin dal 1300, con ramificazioni anche in Lombardia,
 +dove è tuttora presente nel bergamasco, a Pontida e Bergamo, ed
 +a Chiari nel vicino bresciano, ma le tracce più antiche sembrerebbero
 +siciliane, si tratta di una famiglia baronale di probabile origine germanica,
 +nella prima metà del 1300 troviamo un <i><font color="#3366FF">Cossius
 +de Paruta Judex Panormi</font></i> (giudice di Palermo), agli inizi del
 +1400 risale invece la carica nobiliare con infeudazione del territorio
 +di Corleone, nel 1436 Ruggiero Paruta è vicerè del Regno
 +di Sicilia, nel 1507 i Paruta diventano baroni di Salaparuta nel trapanese,
 +paese che proprio dalla famiglia prese il suo nome. Le tracce venete di
 +questa cognominizzazione le troviamo in questa dichiarazione datata 1379:
 +"<font color="#FF0000">Nicholò Paruta</font><font color="#CC33CC">
 +de San Chanzian oferé la persona soa con IIII boni conpagni, i serà
 +otimi e sofizienti, sovra la prexente armada a tute suo spexe in fin'a
 +vera fenida, li qual IIII conpagni non serà de ganzaruoli ní
 +de altri salariadi del comun de Veniexia.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARZANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del bresciano, potrebbe derivare da un toponimo come Parzanica (BG)
 +anticamente chiamata Parsanega.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>Si può ipotizzare una derivazione dal toponimo Porzano segnalato
 +da Dante Olivieri&nbsp; nel suo dizionario di Toponimastica. Esistono le
 +seguenti località così chiamate : Parzano, frazione di Orsenigo
 +(CO) e Parzano, frazione di Mede (Pavia).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARZANESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, sembra essere originario
 +della zona di Ariano Irpino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Parzanese deriva dal latino medievale colonus '<i><font color="#3333FF">partionarius</font></i>'+
 +suff. <i><font color="#3333FF">e(n)sis</font></i> &gt; <i><font color="#666666">ese</font></i>
 +"<i><font color="#666666">affittuario, mezzadro di terreni vergini</font></i>,
 +spesso di monasteri o della Chiesa".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARZIALE
 +<br>PARZIALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parziale ha un ceppo a Roma ed a Latina, un ceppo a Toro nel campobassano,
 +un ceppo a Napoli, uno ad Atripalda, Torella dei Lombardi, Avellino e Candida
 +nell'avellinese, uno a San Giorgio del Sannio e Calvi nel beneventano,
 +uno a Nocera Inferiore nel salernitano ed uno a Santa Maria Capua Vetere
 +nel casertano, un ceppo nel materano a Policoro, Ferrandina e Rotondella,
 +ed in Puglia uno a Brindisi ed uno nel barese ad Altamura e Corato, Parziali
 +è praticamente unico, potrebbe trattarsi di una forma dialettale
 +contratta del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Parzivale</font></i>,
 +un'italianizzazione di <i><font color="#3366FF">Parsivaldus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PARZINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, potrebbe essere
 +originario del basso novarese, una possibile derivazione potrebbe essere
 +legata alle vicinanze con un tempio dedicato a Juppiter Parthinus (divinità
 +celto romana), o più semplicemente può derivare dal nome
 +tardo latino Parthinus (Parzinus), nome che si trova inciso su lapidi medioevali
 +come ad es:"<font color="#CC0000">D(is) M(anibus) s(acrum) / Satria C(ai)
 +l(iberta) / Cupta h(ic) s(ita) e(st) / Lupus Primae l(ibertus) / Parthinus
 +ex / Laio coniugi / pientissimae / et sibi pos(uit).</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCA
 +<br>PASCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasca ha un ceppo nel Salento, uno nel palermitano, uno nel napoletano
 +ed uno nel sassarese, Pasco è rarissimo e sembrerebbe veneto, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale Pasqua, dato spesso ai nati in quel giorno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascai, molto molto raro è specifico della Sardegna sudoccidentale,
 +dovrebbe trattarsi di una forma dialettale sarda del nome latino <i><font color="#3333FF">Pasqualis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCAL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascal è un cognome tipico valdostano di La Salle ed Aosta, con
 +ceppi anche nel torinese soprattutto a Villar Perosa e Perosa Argentina,
 +di origine francese deriva dal nome francese <i><font color="#3333FF">Pascal</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Pasquale</font></i>) nome spesso attribuito a
 +bambini nati appunto nel periodo pasquale.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Francesco
 +Pasquali</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00pascal.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="92">Più che un'origine francese, Pascal è la versione locale
 +- forse influenzata dal francoprovenzale -&nbsp; del nome latino <i><font color="#3333FF">Pascalis</font></i>,
 +da cui deriva l'italiano Pascale-Pasquale nome storicamente diffuso in
 +tutta Italia, in Spagna e in Francia. I Pascal di Morgex furono signori
 +di Fornet, consignori di Avise, Valgrisanche. I Pascal o Paschal de la
 +Ruine de Mogex furono un'altra antica famiglia della Val d'Aosta. <i><font color="#3333FF">Pascal
 +</font></i>è anche un nome proprio di persona sia nella lingua italiana
 +che in quella francese. Anche in Francia è diffuso come cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCALE
 +<br>PASCALI
 +<br>PASQUAL
 +<br>PASQUALE
 +<br>PASQUALETTI
 +<br>PASQUALETTO
 +<br>PASQUALI
 +<br>PASQUALIN
 +<br>PASQUALINI
 +<br>PASQUALINO
 +<br>PASQUALINOTTO
 +<br>PASQUALIS
 +<br>PASQUALON
 +<br>PASQUALONE
 +<br>PASQUALONI
 +<br>PASQUALOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascale sembrerebbe tipico del sud, Campania soprattutto, ma ha ceppi significativi
 +anche in Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, Pascali, tipicamente
 +pugliese, del Salento in particolare, ha ceppi anche nelle province di
 +Vibo Valentia e Cosenza, Pasqual è tipico dell'area veneto, friulana,
 +del veneziano in particolare, ma anche del vicentino, trevigiano, pordenonese
 +ed udinese, Pasquale, pur essendo panitaliano, è decisamente più
 +presente in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania, con ceppi comunque anche
 +in Sicilia, Calabria, Basilicata e Lazio ed in tutto il nord, Pasqualetti
 +ha un ceppo toscano, in particolare nel fiorentino e nel pisano, ed un
 +ceppo tra ternano, viterbese e romano, Pasqualetto, ha un nucleo in Veneto,
 +in particolare nel veneziano ed un ceppo in Sicilia nel nisseno, sia Pasquali
 +che Pasqualini sono distribuiti al centro nord, Pasqualin è molto
 +diffuso nel Veneto, soprattutto nel vicentino, trevisano, padovano e veneziano,
 +Pasqualino ha un ceppo a Siderno nel reggino ed in Sicilia, a Palermo,
 +nel nisseno a Riesi, Caltanissetta, Butera e Gela, ed a Catania, Pasqualinotto
 +è specifico di Iesolo nel veneziano, Pasqualis è decisamente
 +triestino, Pasqualon, molto raro, è tipicamente veneto, del vicentino,
 +di Enego e Thiene e di Piazzola sul Brenta nel padovano, Pasqualone è
 +della zona che comprende gli Abruzzi, a Chieti e Torrevecchia Teatina nel
 +teatino, a L'Aquila, Tornimparte e Prezza nell'aquilano, ed a Pescara,
 +Loreto Aprutino e Penne nel pescarese, il Molise, in particolare a Campobasso,
 +ed il romano, Pasqualoni è specifico di Perugia e Cannara nel perugino
 +e di Orvieto nel ternano, de L'Aquila e di Bellante nel teramano, e di
 +Rpma, Fiumicino ed Affile nel romano, Pasqualotto, tipicamente veneto,
 +del veronese, vicentino, padovano e trevisano in particolare, dovrebbero
 +derivare tutti, direttamente o tramite ipocoristici, accrescitivi, o forme
 +dialettali, dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Pasqualis</font></i>, dalla
 +sua traduzione <i><font color="#999999">Pasquale</font></i> o da forme
 +dialettali come <i><font color="#3366FF">Pascale</font></i>, nome normalmente
 +attribuito ai bambini nati appunto durante il periodo delle feste pasquali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCALIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico sardo, della zona tra oristanese e cagliaritano, è
 +molto raro, deriva dall'aggettivo sardo per <i><font color="#3333FF">pasquale</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Francesco
 +Pasquali</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00pascalis.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="50" height="63">
 +Pascalis è il cognome di alcune famiglie piemontesi e valdostane
 +attestate nei consegnamenti d'arme piemontesi del 1580 e blasonate nel
 +prezioso volume "ll Patriziato Subalpino". Queste famiglie avevano i titoli
 +di conti di Ilonza, conti di Vallanzengo, baroni di Nucetto, signori di
 +Fornet, consignori di Avise. Il cognome di queste famiglie viene riportato
 +nei documenti&nbsp; in varie forme:&nbsp; Pascalis, Pascali, Pascal, Pascale,
 +Pasquale. Pascalis è la volgarizzazione del nome latino <i><font color="#3333FF">Paschalis</font></i>.
 +Il nome personale <i><font color="#3333FF">Pascalis</font></i>&nbsp; -
 +e poi Pasqualis da cui Pascale e Pasquale- era diffuso storicamente in
 +tutti i territori dell'Italia peninsulare e insulare. La forma base del
 +cognome derivato da questo nome è panitaliana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCARELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome originario della zona tra
 +Napoli e Caserta, deriva dal nome tardo latino Pasqualis, attraverso la
 +modifica dialettale Pascalis, Pascaris.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCASI
 +<br>PASCASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascasi, molto molto raro, è laziale, soprattutto di Torre Cajetani
 +nel frusinate, Pascasio, quasi unico, è campano, probabilmente del
 +salernitano, dovrebbero derivare dal nome latino medioevale <i><font color="#3333FF">Pascasius</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Paschasius</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso a Napoli nel 1483: "<font color="#CC33CC">.. erga Nos: et statum
 +nostrum, cum nuper maximis necessitatibus opprimeremur, promto animo Nobis
 +elargiti fuerunt, et rationem carlenorum decem pro quolibet ducato: recipiente
 +illos de nostri ordinatione, et mandato Spectabile, et magnifico </font><font color="#FF0000">Pascasio</font><font color="#CC33CC">
 +Carlon Comite Alefii Consiliario, et Maiordomo nostro fideli dilecto&nbsp;
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCELUPO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascelupo, quasi unico, sembrerebbe del parmense, potrebbe derivare dal
 +nome del paese perugino di Pascelupo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paschini è tipicamente friulano di Verzegnis e Tolmezzo nell'udinese,
 +dovrebbe derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Paschinus</font></i>,
 +forma arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Pasquinus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCHINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paschino è tipico del sassarese di Sennori e di Sassari, potrebbe
 +derivare da diminutivi del nome Pasqua (<font color="#CC33CC">vedi PASCA</font>),
 +secondo alcuni deriva invece da modificazioni dell'antico nome ligure Passino,
 +mentre secondo altri deriverebbe dall'essere nato il capostipite il giorno
 +di <i><font color="#3366FF">paschinunti</font></i> vocabolo sardo per <i><font color="#666666">Epifania</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Antonello
 +Mocci</font></font>
 +<br>I Paschino presenti nel nord della Sardegna, nascono da un errore dell'ufficiale
 +all'anagrafe al momento della registrazione di una nascita. Quando nacque
 +il fratello minore di Salvatore Pasquino, nel presentarsi all'anagrafe
 +si espressero in dialetto sassarese nel quale la parola pasquino di pronuncia
 +<i><font color="#3366FF">paschino</font></i>...oggi siamo alla quinta o
 +sesta generazione dei Paschino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCI
 +<br>PASCIS
 +<br>PAXI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasci è specifico di Serrenti nel Medio Campidano, con un piccolo
 +ceppo anche a Gergei e Senorbì nel cagliaritano, Pascis è
 +quasi unico, sempre dell'area campidanese, Paxi, altrettanto raro, è
 +specifico invece del cagliaritano, dovrebbero derivare da soprannomi basati
 +sul verbo sardo <i><font color="#3333FF">pasci</font></i> (<i><font color="#666666">pascolare</font></i>),
 +indicando forse che il mestiere del capostipite fosse quello del pastore,
 +ma è anche possibile una derivazione da un'alterazione del vocabolo
 +sardo <i><font color="#3333FF">pagi</font></i> (<i><font color="#666666">pace</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>PASCI; PASCIS; PAXI: significa <i><font color="#666666">pace</font></i>
 +e viene dal latino <i><font color="#3333FF">pax</font></i>. <i><font color="#3333FF">Paxi</font></i>
 +è la variante antica, che mantiene la base latina, ma la “x”, nella
 +pronuncia, discostandosi da quella latina, diventa una fricativa palatale
 +sonora, come la “j” francese. Nelle carte antiche lo troviamo nel Condaghe
 +di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII secolo, nella variante Pasi.
 +Al capitolo 89 troviamo la famiglia di Pasi Miale (Michele): &gt; Coiuvedi
 +Miale Pasi, serbu de Sancta Maria de Bonarcadu, cum Castula Novagla, ancilla
 +de iudice apus binarios. Fecerunt VI fiios: Torbini primariu et in factu
 +suo Goantine et Jorgia et Cizella et Istephane et Bera. Partivi custos
 +(ho diviso questi)&nbsp; col giudice; levando (prendendo)Troodori Paganu,
 +maiore de vino(soprintendente alle vigne). Levait (ha preso) iudice a Torbini
 +et a Bera et clesia a Goantine et a Jorgia. Judice levedi a Cizella et
 +clesia a Istephane. Testes…Sempre nel CSMB, al capitolo 60 abbiamo Pasi
 +Dorgotori, come teste in un acquisto (compòru): comporài
 +a Comida Kellarida terra, tenendo (confinante)a saltu meu et fegindeli
 +sollu et complili prezu(gli ho dato un soldo – un soldo aureo – sardo).
 +Testes: Trogodori Pasi et Gostantine Nonne. Nello stesso Condaghe sono
 +nominate altre tre persone col cognome Pasi. Attualmente il cognome Pasci
 +è presente in 26 Comuni italiani, di cui 17 in Sardegna: Serrenti
 +49, Gerrei 16, Senorbì 14, Iglesias 8, etc. Il cognome Paxi è
 +molto raro ed è presente in soli 4 Comuni sardi: Cagliari 10, Quartu,
 +Senorbì e Mandas, con un solo nucleo familiare. Pascis è
 +rarissimo e presente in un solo Comune della Sardegna: Mogoro con 11.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCOLI
 +<br>PASCOLIN
 +<br>PASCOLINI
 +<br>PASCOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascoli ha un nucleo importante nell'udinese, un ceppo in Romagna ed uno
 +a Roma, Pascolin, assolutamente rarissimo, è dell'udinese, Pascolini
 +ha un ceppo nell'udinese, uno nel perugino a Gubbio e nelle Marche tra
 +Fabriano (AN) e Tolentino (MC), Pascolo è specifico dell'udinese,
 +derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Pascolus</font></i>,
 +traccia di questa cognominizzazione la troviamo nell'elenco degli scolari
 +dell'Università di Perugia dove, nell'anno 1583 compare un certo
 +Ioannes Pascolus citramontanus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCON
 +<br>PASQUON</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascon è specifico del trevisano, di Salgareda, Chiarano, Fontanelle,
 +Cison di Valmarino e Motta di Livenza, con un piccolo ceppo anche a Fossalta
 +di Piave nel veneziano, ed uno a Curtatone nel mantovano, Pasquon è
 +tipico dell'area veneziana, di Torre del Mosto e Ceggia, con un piccolo
 +ceppo a Casarsa della Delizia nel pordenonese, si dovrebbe trattare di
 +forme dialettali venete originate da una forma accrescitiva del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Pasqua</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +PASQUA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCOTTI
 +<br>PASCOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascotti sembrerebbe unico, Pascotto è tipicamente veneto e della
 +provincia di Pordenone, si dovrebbe trattare di forme ipocoristiche e patronimiche
 +del nome Pasqua, starebbero perciò ad indicare le famiglie di figli
 +di un Pasqua.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCUCCI
 +<br>PASCUCCIO
 +<br>PASCULLI
 +<br>PASCULLO
 +<br>PASCUZZI
 +<br>PASCUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascucci è tipico dell'Italia centrale e della Campania, Pascuccio,
 +rarissimo, è campano in particolare dell'avellinese, Pasculli, decisamente
 +pugliese è tipico del barese, di Bitonto, Bisceglie, Andria, Molfetta
 +e Bari e di Martina Franca (TA), Pascullo, molto più raro sembra
 +specifico di Palo Del Colle (BA), Pascuzzi è tipicamente calabrese,
 +della provincia di Catanzaro in particolare, Pascuzzo, sempre calabrese,
 +è tipico del cosentino, dovrebbero tutti derivare da nomi attribuiti
 +al capostipite in quanto nato il giorno o durante il periodo di Pasqua.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea</font></font>
 +<br>Questi cognomi venivano inizialmente assegnati a figli nati nel giorno
 +o nel periodo di Pasqua, successivamente vennero utilizzati per ricordare
 +la morte e la resurrezione di Cristo. Pascucci è diffuso nell'Italia
 +centrale, soprattutto a Roma e provincia. Ma anche in Campania (nell'avellinese).
 +Molto significativa la presenza del cognome nelle Marche settentrionali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASCUTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pascutti, molto raro, è tipicamente friulano, di Udine e Martegliano
 +nell'udinese, è una tipica forma patronimica friulana, dove il suffisso
 +<i><font color="#3333FF">-utti</font></i> stia per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferido a capostipiti il cui padre si fosse chiamato
 +<i><font color="#3333FF">Pasqua</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASERI
 +<br>PASERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Paseri è specifico del cuneese, di Sanfront, Melle, Sampeyre e Rifreddo,
 +Pasero è tipicamente piemontese, con ceppi a Torino, nel cuneese
 +a Cuneo, Busca e Costigliole Saluzzo e nell'alessandrino ad Alessandria
 +ed a Solero, con un ceppo anche a Genova, dovrebbero derivare da un soprannome
 +dialettale basato sul termine piemontese arcaico <i><font color="#3333FF">pasèr</font></i>
 +(<i><font color="#666666">paciere</font></i>), probabilmente asottolineare
 +una caratteristica comportamentale dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASETTI
 +<br>PASETTO
 +<br>PASOTTI
 +<br>PASOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasetti è tipico dell'area che comprende milanese, bresciano, mantovano,
 +ferrarese e bolognese, Pasetto è più del veronese e vicentino,
 +Pasotti ha un nucleo principale nel bresciano a Lumezzane, Nave, Brescia
 +e Bovezzo, un ceppo a Imola, Castel San Pietro Terme nel bolognese e a
 +Massa Lombarda (RA), uno a Genova, Pasotto è specifico del veronese,
 +di Verona, Gazzo Veronese e Nogara, dovrebbero tutti derivare da ipocoristici
 +del nome gratulatorio medioevale <i><font color="#3366FF">Pase</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel 1600 nel vicentino: "<font color="#CC33CC">...con il Magnifico
 +Ser Minin quondam </font><font color="#FF0000">Pase Camolli </font><font color="#CC33CC">di
 +Primolano abitta a Bassano di indorare la palla del Santissimo...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASI
 +<br>PASIN
 +<br>PASINETTI
 +<br>PASINI
 +<br>PASINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00pasini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="67"><font size="-1">Pasi ha almeno due nuclei, uno importante tra il ravennate ed il forlivese
 +ed uno nel veronese, Pasin è tipicamente veneto, soprattutto del
 +vicentino e del trevisano, Pasinetti è decisamente lombardo, del
 +bergamasco e del bresciano, Pasini è molto diffuso nella fascia
 +da Varese a Pesaro, lungo la via Emilia, Pasino sembra specifico di Alessandria
 +e dell'alessandrino, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite
 +forme ipocoristiche semplici o complesse o per contrazione, da una modificazione
 +dialettale del nome medioevale Pacinus di cui abbiamo un esempio in questo
 +scritto del 1451 a Lodi: "<font color="#CC33CC">...Cum alias spectabiles
 +et egregii dominus Nicolaus de Arcimboldis, nunc consiliarius noster, et
 +dominus </font><font color="#FF0000">Pacinus </font><font color="#CC33CC">de
 +Perusio ac Iacobinus de Bosis, commisarii et mandatarii nomine Ill.mi quondam
 +et ex.mi domini domini ducis, soceri et patris nostri, et nunquam delende
 +memorie, domini Filippi Marie ducis Mediolani ...</font>". Troviamo tracce
 +del cognome Pasini nel 1500 a Cerete (BG) in una lettera del 1543 dove
 +si legge: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Tonolus
 +q.Pasini </font><font color="#CC33CC">Bertolotti de Succiis consul decti
 +comunis...</font>". (<font color="#CC33CC">vedi Pacini</font>)  
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Angelo
 +Pasino</font></font>
 +<br>cognominizzazione del nome augurale e gratulatorio medievale <i><font color="#3366FF">Pace</font></i> e latino <i><font color="#3366FF">Pacinus</font></i>; presente nel bresciano, ferrarese, alessandrino.  Documentato fin dal 1200 (<i><font color="#3366FF">Pasino de Gotis
 +de Boselli</font></i>), un Mastro Pasino è menzionato nella Satira
 +Ia dell'Ariosto: "<font color="#CC66CC">...Se separatamente cucinarme /
 +vorà mastro </font><font color="#FF0000">Pasino</font><font color="#CC66CC">
 +una o due volte, / quattro e sei mi farà il viso da l'arme....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASIMENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasimeni è specifico di Mesagne nel brindisino, dovrebbe derivare
 +dal nome e cognome croato <i><font color="#3333FF">Pasimen</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASOLI
 +<br>PASOLINI
 +<br>PASOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasoli, assolutamente rarissimo, parrebbe del veronese, Pasolini ha un
 +ceppo lombardo tra basso bresciano, cremonese e mantovano ed uno romagnolo
 +tra forlivese e riminese, Pasolino, probabilmente dovuto ad errori di trascrizione,
 +è quasi unico, si dovrebbe trattare di forme ipocoristiche di variazioni
 +dialettali del nome augurale e gratulatorio medioevale <i><font color="#3366FF">Pace</font></i>,
 +di cui abbiamo questo esempio: "<font color="#CC33CC">...et refutationem
 +et pactum de non ulterius aliquid petendo </font><font color="#FF0000">Paci</font><font color="#CC33CC">
 +quondam Bettini de Colle et eius heredibus et bona de quondam debito quindecim
 +florenorum ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUA
 +<br>PASQUARELLA
 +<br>PASQUARELLI
 +<br>PASQUARELLO
 +<br>PASQUARIELLO
 +<br>PASQUAZZI
 +<br>PASQUAZZO
 +<br>PASQUE'
 +<br>PASQUELLI
 +<br>PASQUET
 +<br>PASQUETTI
 +<br>PASQUETTIN
 +<br>PASQUETTO
 +<br>PASQUI
 +<br>PASQUILLO
 +<br>PASQUONI
 +<br>PASQUOT
 +<br>PASQUOTTI
 +<br>PASQUOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasqua è specifico del Sud, del foggiano e del cosentino in particolare,
 +Pasquarella è tipico del beneventano, di Sant'Agata dei Goti, Limatola
 +e Benevento, e di Napoli e Caserta, Pasquarelli, oltre al nucleo nell'area
 +che comprende il Lazio, l'Abruzzo ed il Molise, con massima concentrazione
 +a Roma, Palombara Sabina e Guidonia Montecelio nel romano, a Sora nel frusinate,
 +a Priverno nel latinense, ed a Pizzoferrato e Montenerodomo nel teatino,
 +ha un ceppo anche a Gualdo Tadino nel perugino, Pasquarello è quasi
 +unico, Pasquariello è molto diffuso nel casertano, napoletano, avellinese,
 +foggiano e potentino, Pasquazzi è specifico di Roma e Cave nel romano,
 +Pasquazzo, molto raro, è tipico del Trentino, di Ivano Fracena,
 +Villa Agnedo e Trento, Pasqué è quasi unico, Pasquelli è
 +appena meno raro, Pasquet, sempre rarissimo, sembrerebbe del torinese,
 +Pasquetti ha un ceppo a Prato, a Montale nel pistoiese e tra fiorentino
 +ed aretino, a San Sepolcro nell'aretino in particolare, Pasquettin, molto
 +molto raro, è tipicamente veneto di Venezia in particolare, Pasquetto,
 +decisamente veneto, ha un ceppo nel veronese a Povegliano Veronese, Verona
 +e Villafranca di Verona, ed uno nel padovano a Padova, Vigodarzere e Polverara,
 +Pasqui ha un bel ceppo nella zona che comprende il bolognese, il fiorentino,
 +l'aretino, il senese, il grossetano ed il perugino, ed un ceppo a Roma
 +ed a Mentana nel romano, Pasquillo è quasi unico, Pasquoni ha un
 +ceppo a Campi Bisenzio nel fiorentino ed uno a Castiglione del Lago nel
 +perugino ed a Roma, Pasquot, molto molto raro, è della zona di San
 +Donà di Piave tra trevisano e veneziano, Pasquotti, altrettanto
 +raro, sembrerebbe di Vittorio Veneto nel trevisano, mentre Pasquotto ha
 +un ceppo a Verona ed a Mussolente nel vicentino, dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite vari tipi di forme ipocoristiche, anche dialettali,
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Pasqua</font></i>, dato spesso ai figli
 +nati proprio in quel giorno, dell'uso di questo nome abbiamo un esempio
 +in un atto di nascita del 1660:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Pasqua</font><font color="#CC33CC">
 +figliola legitima et naturale di messer Domenego Nuvel et di madonna Anzellica
 +sua moglie di S. Giorgio fu battezzata da me p. Leonardo Faraone cappellan
 +et cooperatore...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUADIBISCEGLIE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome specifico di Trani (BA)dovrebbe derivaree dal fatto che il capostipite
 +di nome Pasqua (<font color="#CC33CC">vedi PASQUA</font>) era originario
 +di Bisceglie (BA) e per qualche strano motivo venne scritto tutto attaccato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUALATO
 +<br>PASQUALATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasqualato è tipicamente veneto, di Venezia, Marcon, Spinea, Mira
 +e Martellago nel veneziano, di Treviso e Mogliano Veneto nel trevisano
 +e di Monselice nel padovano, Pasqualatto, quasi unico, sembrerebbe friulano,
 +per l'origine di questi cognomi si possono formulare due ipotesi, entrambe
 +individuabili dalla presenza del suffisso <i><font color="#3333FF">-ato</font></i>
 +indicante provenienza o appartenenza, la prima propone una derivazione
 +dal nome del paese Cà Pasquali nel veneziano, la seconda suggerisce
 +una derivazione da capostipiti i cui padri si fossero chiamati <i><font color="#3333FF">Pasquale</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUALIGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasqualigo, assolutamente rarissimo, sembrerebbe veneto, dovrebbe derivare
 +dal nome arcaico Pasqualigo, prodottosi dal nome <i><font color="#3333FF">Pasqualis</font></i> con reminiscenze spagnoleggianti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUANDREA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasquandrea, molto molto raro, è tipico di San Severo nel foggiano,
 +dovrebbe derivare da un capostipite con il nome composto dai nomi <i><font color="#3333FF">Pasqua</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Pasquale</font></i> ed <i><font color="#3333FF">Andrea</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro, è specifico
 +del padovano, deriva dal nome Pasquatus, in uso agli inizi del rinascimento
 +nella zona di Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">PASQUESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pasquesi è specifico dell'appennino modenese, della zona di Pievepelago,
 +e della vicina area toscana dell'Abetone nel pistoiese e di Prato.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=&quo