User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_m

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_m [2020/02/17 21:01] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - M ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MABILIA
 +<br>MOBILI
 +<br>MOBILIA
 +<br>MOBILIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Mabilia ha un ceppo nel vicentino ed uno nel napoletano, Mobili ha un ceppo
 +nel maceratese ed uno nel romano, Mobilia ha un ceppo tra beneventano ed
 +avellinese ed uno in Sicilia tra messinese e catanese, Mobilio ha un ceppo
 +nel napoletano, uno nel potentino ed uno nel valentiano, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Mabilia</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Mobilia</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Mobilio</font></i>, di cui abbiamo un esempio nel 1188 
 +negli <i><font color="#3366FF">Annales Ceccanenses</font></i>: "<font color="#CC33CC">1188.
 +ind. 5. Hoc anno Clemens III. sedit annis 3, mensibus 3, diebus 27. Domnus
 +Iordanus abbas Fossae novae 4. Idus Martii ordinatus est diaconus cardinalis;
 +4. Nonas Aprilis consecratus est presbyter cardinalis tituli pastoris Sanctae
 +Pudentianae. Mense Iunii missus est in legatione Alamanniae. 8. Idus Novembris
 +</font><font color="#FF0000">Mobilia</font><font color="#CC33CC"> filia
 +Landulfi de Ceccano data est in uxorem comiti Iacobo de Tricarico. 5. Idus
 +Novembris combusta est Tecclena a populo Ferentino.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACADDINO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macaddino &egrave; specifico di Mazara del vallo nel trapanese, dovrebbe
 +derivare da un soprannome attribuito al capostipite, probabilmente generato
 +dal termine arabo <i><font color="#3333FF">muqaddam</font></i> o <i><font color="#3333FF">muqadd&igrave;</font></i>
 +(<i><font color="#666666">capitano, comandante di un peschereccio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACALUSI
 +<br>MACALUSO
 +<br>MACALUSSO
 +<br>MACCALUSO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macalusi, Macalusso e Maccaluso sono praticamente unici e dovrebbe trattarsi di vari errori
 +di trascrizione del molto comune Macaluso che &egrave; tipicamente siciliano,
 +con massima concentrazione nel palermitano, nel nisseno e nell'agrigentino,
 +deriva da un soprannome dialettale legato al vocabolo siciliano <i><font color="#3333FF">macaluscio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cotone ripulito e mondato</font></i>) di derivazione
 +araba, dal termine arabo <i><font color="#3333FF">mahlus</font></i> (<i><font color="#666666">liberato</font></i>),
 +con questo termine si indicava un liberto cio&egrave; uno schiavo cui era
 +stata concessa la libert&agrave;.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACARI
 +<br>MACARIO
 +<br>MACCARI
 +<br>MACCARIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Oltre al piccolo ceppo nel forlivese, Macari presenta un nucleo nel frusinate
 +tra Castelnuovo Parano e Casalattico, Macario sembrerebbe tipico del cuneese,
 +Maccari &egrave; diffuso in tutto il centronord con un ceppo anche a Cetraro
 +(CS), Maccario ha un grosso nucleo piemontese con un ceppo importante tra
 +Ventimiglia e Soldano (IM), potrebbe derivare da vari toponimi come Macherio
 +(MI) chiamata in antico Maccario, o altre localit&agrave; presenti un p&ograve;
 +ovunque dedicate a San Macario.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Macari ha un ceppo maggiore nel frusinate, Macario &egrave; diffuso
 +soprattutto nel nord ovest del paese, fra Piemonte, Liguria e Lombardia,
 +ma si riscontra con bassa frequenza anche nel sud, Maccari &egrave; presente
 +un po' in tutto il nord e centro nord, Maccario &egrave; prevalentemente
 +piemontese e ligure, tutti questi cognomi derivano dal nome Macario o Maccario,
 +l'italianizzazione, cio&egrave;, del nome greco <i><font color="#3366FF">Makarios</font></i>,
 +che ha significato di <i><font color="#999999">felice, beato</font></i>.
 +Si tratta, dunque, della cognominizzazione dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACAUDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macauda &egrave; tipicamente siciliano del ragusano e siracusano, in particolare
 +di Modica nel ragusano e di Vittoria e di Rosolini nel siracusano, dovrebbe
 +derivare dal nome della localit&agrave; di Contrada Makauda di Sciacca
 +nell'agrigentino, probabile luogo d'origine dei capostipiti, toponimo che
 +parrebbe essere di origini grecaniche e che dovrebbe significare <i><font color="#3333FF">poco
 +sereno</font></i> o <i><font color="#3333FF">infelice</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCABEI
 +<br>MACCABELLI
 +<br>MACCABEO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccabei &egrave; tipico di Assisi e Foligno nel perugino, Maccabeo &egrave;
 +praticamente unico, Maccabelli &egrave; lombardo, della zona che comprende
 +il sudmilanese ed il cremonese, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +variazioni ipocoristiche, dal nome di origine ebraica <i><font color="#3366FF">Maccabeo</font></i>
 +che deriva dal termine ebraico <i><font color="#3366FF">maqqabath</font></i>
 +(<i><font color="#999999">martello</font></i>) fu il soprannome della trib&ugrave;
 +ebraica degli Asmodei, Giuda Maccabeo &egrave; un eroe biblico della riconquista
 +del Tempio da parte degli ebrei.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCABIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccabiani &egrave; specifico del bresciano, di Montichiari, Prevalle e
 +Calcinato, dovrebbe derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Maccabiano</font></i>
 +(Vittorioso), a sua volta originatosi da un aggettivo israelitico indicante
 +l'appartenenza ai Maccabei, il termine ebraico maccabi sta per coraggio,
 +successo e vittoria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCAFERRI
 +<br>MACCAFERRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccaferri &egrave; specificatamente emiliano dell'area che comprende il
 +modenese ed il bolognese, di Bologna e Castelfranco Emilia (MO) in particolare,
 +Maccaferro, decisamente raro, ha un ceppo a Viareggio (LU) ed uno nel Piceno
 +tra San Benedetto Del Tronto (AP) e Grottammare.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Maccaferri, presente un po' in tutto il nord e centro nord del paese,
 +ha un vasto epicentro fra il bolognese, il modenese e il ferrarese, Maccaferro,
 +molto pi&ugrave; raro del precedente, ha un ceppo maggiore nell'ascolano
 +e uno minore nel lucchese, entrambi questi cognomi derivano dal nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Maccaferro</font></i>, nato all'interno della
 +cultura guerriero-cavalleresca come augurio di un futuro da abile combattente:
 +l'origine di questo nome, infatti, va ricercata nell'espressione <i><font color="#3366FF">ammaccare
 +il ferro</font></i> (probabilmente per mediazione del francese <i><font color="#3366FF">M&acirc;chefer</font></i>),
 +che, in ambito guerriero, va intesa come colpire o trapassare l'armatura
 +o lo scudo dell'avversario (vedi anche <i><font color="#3366FF">Tagliaferro</font></i>).
 +Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti, anche se, in alcuni casi, non &egrave;
 +esclusa una derivazione da soprannomi (ad esempio, da epiteti di guerra)
 +o da nomi di mestiere (come quello del fabbro, che in effetti ha dato origine
 +a parecchi cognomi, diffusi anche al di fuori del nostro paese).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCAGNI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Copre l'areale che comprende il
 +cremonese, il piacentino, il milanese ed il lodigiano, potrebbe derivare
 +dal toponimo Maccagno (VA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCAGNO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente piemontese, pi&ugrave;
 +propriamente del cuneese, probabilmente deriva dal nomen romano Maccarius
 +o Macharius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCANTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccanti ha un ceppo nel ferrarese a Ferrara, Ostellato, Lagosanto e Migliaro,
 +ed un ceppo nel pisano a Pontedera, Santa Maria a Monte e Castelfranco
 +di Sotto, potrebbe derivare da un soprannome originato dal termine arcaico
 +<i><font color="#3333FF">maccare</font></i> (<i><font color="#666666">accumulare,
 +ammonticchiare</font></i>), forse ad indicare una particolare predisposizione
 +all'avarizia da parte dei capostipiti, nel 1500 a Firenze troviamo un Noferi
 +Maccanti in qualit&agrave; di cancelliere dell'Arte dei vaiai e cuoiai
 +di Firenze.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCALLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccalli &egrave; tipicamente lombardo, del cremasco in particolare, di
 +Crema, Madignano ed Izano, del vicino bergamasco e di Milano, potrebbe
 +derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Maccalus</font></i>,
 +ma &egrave; pure possibile che possa anche derivare da un nome di localit&agrave;
 +individuabile probabilmente dalla presenza di un fossato, il termine tardo
 +latino <i><font color="#3333FF">macallus</font></i> significa appunto <i><font color="#666666">fossato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCARINELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente bresciano, dovrebbe
 +derivare da un soprannome legato al vocabolo dialetta arcaico maccar&agrave;
 +(piagnucolare).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCARONE
 +<br>MACCARONI
 +<br>MACCARRONE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maccarone &egrave; distribuito a macchia di leopardo un p&ograve; in tutt'Italia,
 +Maccaroni ha un ceppo marchigiano a Recanati nel maceratese, a Loreto nell'anconetano
 +ed a Urbino e Sant'Angelo in Lizzola nell'urbinate, Maccarrone &egrave;
 +tipicamente siciliano, di Catania, Adrano, Acireale, Giarre, Aci Castello,
 +Aci Sant'Antonio, Zafferana Etnea, Aci Catena, Mascalucia, Pedara e Santa
 +Venerina nel catanese, di Furci Siculo, Messina e Santa Teresa di Riva
 +nel messinese, e di Troina, Regalbuto e Centuripe nell'ennese, dovrebbero
 +derivare da soprannomi connessi con il vocabolo <i><font color="#3333FF">maccarone</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tipo di pasta</font></i>) e potrebbe identificare
 +il mestiere di pastaio svolto dal capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Per Minervini 285 Maccarone &egrave; la cognominizzazione del soprannome
 +<i><font color="#3333FF">Mackar&oacute;ne</font></i>, documentato nel 1041
 +a Cava dei Tirreni (SA) col significato di '<i><font color="#666666">stupido</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchetta &egrave; specifico di Miradolo Terme nel pavese, potrebbe derivare
 +da un ipocoristico del nomen latino <i><font color="#3366FF">Maccus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MACCHI</font>), non si pu&ograve; escludere,
 +anche se improbabile, una derivazione dal toponimo Maccastorna (MI) o da
 +un ipocoristico dell'apocope del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Maccaferro</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHI
 +<br>MACCHINI
 +<br>MACCO
 +<br>MACCONE
 +<br>MACCONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchi sembra specifico del varesotto e novarese, con un ceppo nel pisano
 +ed uno, forse secondario nel bolognese, Macco &egrave; estremamente raro
 +e sembra pi&ugrave; antico del precedente, parrebbe del novarese, Macchini
 +ha vari piccoli ceppi, nel padovano, nel pistoiese, nel forlivese, riminese
 +e pesarese, nel perugino ed ascolano e nel romano, Maccone, assolutamente
 +rarissimo, &egrave; del torinese, Macconi ha un ceppo nel bergamasco, uno
 +a Genova ed uno, il pi&ugrave; consistente in Toscana a Poppi nell'aretino
 +ed a Firenze, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite ipocoristici
 +o accrescitivi, dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Maccus</font></i>,
 +nel teatro di Plauto era <i><font color="#666666">la maschera del ghiottone
 +stolto</font></i>, e lo stesso Plauto aveva come nomi Titus Maccus Plautus,
 +un'altra ipotesi li farebbe derivare dal celtico <i><font color="#3333FF">makos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bosco</font></i>), in alcuni casi possono discendere
 +dall'aferesi di nomi medioevali come <i><font color="#3333FF">Burlamacco</font></i>,
 +nome citato ad esempio dal Boccaccio nel suo Decamerone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dovrebbe essere originario del
 +sud, tra Puglia, Basilicata e Campania, deriva da soprannomi legati a toponimi
 +come: Macchia (FG) - (SA), Borgo Macchia (MT), ed altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHIAGODENA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico della provincia di Campobasso, di Montelongo, Santa Croce di
 +Magliano e Termoli, dovrebbe derivare dal toponimo Macchiagodena nell'iserniese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>suggerimento di Andrea Ferreri</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHIAROLA
 +<br>MACCHIAROLI
 +<br>MACCHIAROLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchiarola &egrave; dell'area tra campobassano e foggiano, a Campobasso,
 +Pietramontecorvino, San Severo, Lucera, Foggia e Torremaggiore nel foggiano,
 +Macchiaroli ha un piccolissimo ceppo a Gubbio e Spello nel perugino, uno
 +a Roma, uno molto piccolo a Colletorto nel campobassano ed uno in Campania,
 +a Napoli, Teggiano e Bellosguardo nel salernitano ed a Castelpagano nel
 +beneventano, Macchiarolo, molto raro, ha qualche presenza a San Giuliano
 +di Puglia nel campobassano ed a Colle Sannita nel beneventano, dovrebbero
 +derivare da forme etniche stanti ad indicare la provenienza dei capostipiti
 +da paesi come Macchia d'Isernia in Molise, o altri chiamati Macchia presenti
 +ad esempio nel reatino, nell'iserniese, nel perugino, nel beneventano,
 +nel foggiano, nel salernitano, ecc..</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHIAVELLI
 +<br>MACCHIAVELLO
 +<br>MACHIAVELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchiavelli &egrave; tipico del Bologrese ed alto fiorentino, Macchiavello,
 +abbastanza raro, e tipico del genovese, Machiavelli, assolutamente rarissimo
 +dovrebbe essere fiorentino, dovrebbero tutti derivare dal soprannome Malclavellus,
 +trasformatosi prima in nome e poi in cognome,&nbsp; allusivo probabilmente
 +nei confronti dell'organo sessuale del capostipite, <font color="#3333FF">nel
 +Codice Diplomatico della Lombardia medievale</font> all'anno 1041, in un
 +atto, troviamo un primo esempio di questa cognominizzazione: "<font color="#CC33CC">...Ego
 +</font><font color="#FF0000">Henricus Malclavelli </font><font color="#CC33CC">notarius
 +domini Ottonis imperatoris auctenticum suprascripti exempli vidi et legi
 +et sicut in ipso continebatur ita et in isto sine fraude transcriptum reperi,...</font>"
 +e pi&ugrave; tardi nel 1185 sotto un'altra forma: "<font color="#CC33CC">...Factum
 +est hoc anno dominice incarnationis .MCLXXXV., indicione tercia. Interfuerunt
 +Marchisius Garovia et </font><font color="#FF0000">Blancus de Malclavello</font><font color="#CC33CC">,
 +testes rogati. Ego Albertus de Capriano interfui et rogatus&nbsp; scripsi
 +duo brevia uno tenore....</font>".&nbsp; Famosissimo personaggio &egrave;
 +stato Nicolaus Machiavellus florentinus (1469-1527).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Secondo un'interessante ipotesi proposta dal Bongioanni, l'origine
 +del cognome Machiavelli e delle sue varianti andrebbe ricercata nel nome
 +medievale <i><font color="#3333FF">Macchiavello</font></i>, nato come variante
 +popolare del nome <i><font color="#3366FF">Malchiodo</font></i>, che consiste,
 +a sua volta, in una delle tante italianizzazioni del personale ebraico
 +<i><font color="#3333FF">Melki'or, </font></i>col significato di <i><font color="#999999">il
 +mio re </font></i>(Dio) <i><font color="#999999">&egrave; luce</font></i>;
 +fra le altre italianizzazioni di questo nome, infatti, si possono citare Melchiorre, Melchionne, Marchionne,
 +Marchiorre, Marchioro, etc. Ora, per capire meglio il passaggio dall'originale
 +<i><font color="#3333FF">Melki'or</font></i> all'adattamento italiano in
 +<i><font color="#999999">Macchiavello</font></i>, bisogna innanzitutto
 +considerare la variante in <i><font color="#3333FF">Malchiodo</font></i>:
 +Malchiodo, infatti, nasce per effetto del fenomeno del rotacismo dal nome
 +<i><font color="#3366FF">Marchioro</font></i>, in cui la <i><font color="#3366FF">R</font></i>
 +del suffisso <i><font color="#3366FF">-oro</font></i> si trasforma in <i><font color="#3366FF">D </font></i>(cfr. Arcudi/Arcuri)
 +e la <i><font color="#3366FF">R</font></i> del prefisso <i><font color="#3366FF">Mar-</font></i>
 +si trasforma in <i><font color="#3366FF">L </font></i>(o pi&ugrave; semplicemente
 +viene mantenuta la <i><font color="#3366FF">L</font></i> dell'originale
 +<i><font color="#3366FF">Melki'or</font></i>); va detto poi che esistono
 +anche i cognomi Marchiodi e Melchiodi, che sembrano confermare quest'ipotesi. Detto questo, quindi, la variante in Macchiavello si
 +spiega come una corruzione o una forma pi&ugrave; tipicamente popolare
 +di Malchiodo: se si considera, infatti, che il termine <i><font color="#3366FF">chiavello</font></i>
 +&egrave; una variante arcaica di <i><font color="#3366FF">chiodo </font></i>(entrambi
 +derivano dal latino <i><font color="#3366FF">clavus</font></i>), si capisce
 +allora come da <i><font color="#3333FF">Malchiodo</font></i> si arrivi
 +a <i><font color="#3333FF">Macchiavello</font></i> (contrazione di <i><font color="#3366FF">Malchiavello</font></i>).
 +In conclusione, dunque, il cognome Machiavelli e le sue varianti dovrebbero
 +derivare dai nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHIERALDO
 +<br>MACHIERALDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchieraldo &egrave; specifico di Cavagli&agrave; nel biellese, Machieraldo
 +&egrave; esclusivo sempre di Cavagli&agrave;, dovrebbero derivare dall'italianizzazione
 +del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Magwald</font></i>,
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">magan</font></i> (<i><font color="#666666">forza</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">waldan</font></i> (<i><font color="#666666">governare</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">colui che governa con la
 +forza</font></i>, nome probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCHITELLA
 +<br>MACCHITELLI
 +<br>MACCHITELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macchitella &egrave; tipicamente pugliese, di Ostuni, San Vito dei Normanni
 +e Mesagne nel brindisino e di Taranto, Macchitelli e Macchitello, quasi
 +unici, sono quasi sicuramente dovuti ad errori di trascrizione del precedente,
 +che dovrebbe derivare da una forma aferetica del nomen latino <i><font color="#3333FF">Macchius</font></i>
 +una variante di <i><font color="#3333FF">Maccius</font></i>, ricordiamo
 +con questo nome il famosissimo scrittore e commediografo latino Titus Macchius
 +Plautus, ma potrebbe anche derivare come forma etnica dai molti toponimi
 +contenenti la radice Macchia, o anche da toponimi come Macchitella nel
 +potentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCI
 +<br>MACCINI
 +<br>MACCIO
 +<br>MACCIO'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macci ha un ceppo laziale e piccoli nuclei nel l'urbinate e tra Piceno
 +e teramano, Maccini ha un ceppo nel veronese ed uno nel parmense, Maccio
 +ha un piccolo ceppo nel genovese ed uno tra le province di Latina e di
 +Caserta, Macci&ograve;, tipicamente ligure, delle province di Genova e
 +Savona, ha un piccolo ceppo secondario a Cagliari, deivano dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Maccius</font></i>, tipica contrazione dell'aferesi
 +del nome Tommaso, in una <i><font color="#3366FF">charta testamenti</font></i>
 +dell'anno 748 se ne ha un esempio: "<font color="#CC33CC">...qui supra
 +Centolus archidiaconus et </font><font color="#FF0000">Maccio</font><font color="#CC33CC">
 +diaconus, commune consilio parique consensu tractantes, pro nostrarum animarum
 +remedito offerimus ecclesie Sancte Marie prenominatas res...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCIOCCO
 +<br>MACCIOCCU
 +<br>MACIOCCO
 +<br>MACIOCCU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macciocco , assolutamente rarissimo, &egrave; del nord della Sardegna,
 +Maccioccu , estremamente raro, &egrave; del sassarese, Maciocco &egrave;
 +anche lui tipicamente sardo di Olbia, Tempio Pausania e Badesi in Gallura,
 +Macioccu, quasi unico,&nbsp; &egrave; anch'esso della&nbsp; Gallura, dovrebbero
 +derivare da soprannomi originati dal vocabolo campidanese <i><font color="#3333FF">macci&ograve;ccu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">grassottelo, cicciottello</font></i>), probabilmente
 +a sottolineare una lieve adiposit&agrave; dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCIONE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sembrerebbe di origini abruzzesi, dovrebbe discendere dal nome medioevale
 +italiano Maccio, ma &egrave; pure possibile una derivazione dal termine
 +medioevale <i><font color="#3366FF">macciones</font></i> (<i><font color="#666666">muratori</font></i>)
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto del 1300 in Travale (GR): "<font color="#CC33CC">...pane
 +e vino per li </font><font color="#FF0000">maccioni</font><font color="#CC33CC">
 +a Travale. de illa quae est da casa magii dicit quod non recepit inde servitium
 +audivit dicere quod perdonatum fuit...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha un nucleo importante nella Sardegna centromeridionale, sono presenti
 +ceppi primari anche nella fascia che comprende Toscana e Marche, questi
 +dovrebbero avere la stessa origine del cognome Maccione (vedi), il nucleo
 +sardo invece pu&ograve; avere diverse origini, potrebbe derivare dal vocabolo
 +sardo campidanese <i><font color="#3366FF">maccioni</font></i> (tipo di
 +pesce) o anche dal vocabolo sardo gallurese <i><font color="#3366FF">maccioni</font></i>
 +(<i><font color="#666666">macchia, cespuglio</font></i>), o anche dal gallurese <i><font color="#3366FF">macci&ograve;ni</font></i>
 +(<i><font color="#999999">volpe</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br><i><font color="#3366FF">su macc(i)&ograve;ni</font></i>, in campidanese&nbsp;
 +&egrave; il <i><font color="#999999">ghiozzo</font></i>, e probabilmente
 +deriva dal toscano antico <i><font color="#3366FF">mazz&ograve;ne</font></i>
 +(oltre che mugello), che designa per&ograve; il muggine. In Sicilia il
 +ghiozzo &egrave; mazzuni, in Puglia mazz&ograve;ne. <i><font color="#3366FF">Mat(t)zone</font></i>
 +in sardo del logudoro &egrave; la <i><font color="#999999">volpe</font></i>
 +che si dice <i><font color="#3366FF">marjane/i</font></i>&nbsp; nel centro
 +sud. Non ritrovandolo nelle carte antiche pensiamo ad un cognome moderno,
 +probabilmente venuto dalla penisola, (i nomi dei pesci (tutti) non hanno
 +origini sarde) derivato da mazz&ograve;ne, col significato di ghiozzo e
 +trasformatosi in maccioni per trascrizione anagrafica. Attualmente &egrave;
 +presente in 93/377 Comuni sardi. Nel territorio nazionale &egrave; presente
 +in 325 Comuni. Nella penisola la maggiore diffusione si ha nel centro nord.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCIOTTI
 +<br>MACIOTTA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macciotti, quasi unico, &egrave; del piacentino, Maciotta, assolutamente
 +rarissimo, dovrebbe essere originario dell'area che comprende il teatino,
 +il Molise, il beneventano e l'avellinese, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Macciotta</font></i> o <i><font color="#3333FF">Macciotto</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nella seconda met&agrave; del 1300 con Macciotta,
 +un figlio di Manfredi Alagona un feudatario siciliano di Fiumefreddo e
 +Palazzolo, che si ribell&ograve; a Re Martino e venne da questi privato
 +dei diritti feudali, nello stesso periodo troviamo Maciotto Montaperto
 +feudatario di una zona vicina a Troina nell'ennese, questi nomi possono
 +essere forme ipocoristiche del nomen latino <i><font color="#3333FF">Maccius</font></i>,
 +ricordiamo Titus Maccius Plautus, il famosissimo commediografo latino,
 +come possono derivare da alterazioni ipocoristiche peggiorative dell'aferesi
 +del nome <i><font color="#3333FF">Giacomo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACCIS
 +<br>MACIS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi tipicamente sardi, Maccis &egrave; assolutamente rarissimo, Macis
 +&egrave; invece ben distribuito in tutta l'isola, dovrebbero derivare dall'aferesi
 +del toponimo Simaxis (OR), non si pu&ograve; escludere una connessione
 +con il vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">maccia</font></i> (<i><font color="#999999">macchia,
 +cespuglio folto</font></i>) e si riferirebbe allora o ad episodi o comunque
 +a riferimenti relativi alla localit&agrave; d'origine del capostipite, potrebbe anche derivare da una forma aferetica del nome del villaggio Simaxis,
 +dove il Si sarebbe potuto cadere anche in quanto considerato come articolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACEDONE
 +<br>MACEDONI
 +<br>MACEDONIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tutti molto rari, soprattutto Macedone e Macedoni, mentre Macedonio, un
 +poco meno raro, ha un ceppo a Roma ed uno a Cinquefrondi, Melicucco e Giffone
 +nel reggino, dovrebbero derivare o dall'etnico della Macedonia, forse la
 +regione d'origine dei capostipiti, o dal nome latino <i><font color="#3333FF">Macedonius</font></i>,
 +originato dal greco <font color="#3333FF">&#924;&#945;&#954;&#949;&#948;&#959;&#957;&#953;&#954;&#940;</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACELLARI
 +<br>MACELLARO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macellari ha un ceppo tra pavese e piacentino, a Voghera nel pavese ed
 +a Corte Brugnatella nel piacentino, uno nel maceratese, a Civitanova Marche
 +e Potenza Picena, uno a Perugia ed uno a Roma, Macellaro &egrave; specifico
 +dell'area che comprende il salernitano ed il potentino, Salerno, Battipaglia
 +ed Eboli nel salernitano e Vietri di Potenza nel potentino, dovrebbero
 +derivare dal mestiere dei capostipiti, che probabilmente facevano di professione
 +i macellai, mestiere che veniva chiamato carnefices in epoca romana e per
 +quasi tutto il periodo medioevale, per diventare poi macellari ed in seguito
 +trasformarsi definitivamente in macellai.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACELLONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macelloni &egrave; decisamente toscano, di Peccioli, Pontedera, Capannoli
 +e Ponsacco nel pisano e di Livorno e Rosignano Marittimo nel livornese,
 +potrebbe derivare da una forma sincopata, con caduta della <i><font color="#3333FF">-r-</font></i>
 +di un accrescitivo del nome <i><font color="#3333FF">Marcello</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACERA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macera ha un ceppo tra genovese e spezzino, uno nel livornese, ma il nucleo
 +si trova nella zona che comprende il romano, il latinense il frusinate,
 +l'aquilano, il teramano, il pescarese, l'iserniese, il casertano ed il
 +napoletano, potrebbe derivare da nomi di luoghi detti <i><font color="#3333FF">mac&egrave;ra</font></i>
 +termine che indicava la presenza di maceratoi, cio&egrave; di luoghi dove
 +veniva posta a macerare la canapa, ma potrebbe anche derivare da luoghi
 +distrutti dalla guerra e ridotti in macerie o dalla presenza in loco di
 +muri fatti di sassi e privi di calce chiamati anticamente <i><font color="#3333FF">mac&egrave;ra</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACERATA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macerata, molto raro, &egrave; un cognome tipicamente ebraico, specifico
 +del Piceno, di Sant`Elpidio a Mare soprattutto e di Porto Sant`Elpidio,
 +dovrebbe derivare dal nome della citt&agrave; di Macerata, probabile luogo
 +dove si stabil&igrave; inizialmente la famigliaprobabilmente di origine
 +spagnola sefardita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACERATESE
 +<br>MACERATESI
 +<br>MACERATINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maceratese, quasi unico, probabilmente &egrave; dovuto ad errate trascrizioni
 +di Maceratesi, che ha un ceppo marchigiano nell'anconetano e nel maceratese,
 +ed uno a Roma e nel romano, Maceratini, estremamente raro, &egrave; specifico
 +del maceratese, dovrebbero tutti derivare da forme etniche della citt&agrave;
 +di Macerata, probabile luogo d'origine dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Macerata &egrave; cognome abruzzese ma diffuso anche nel Nord. Etnico
 +dal toponimo. Macerata, altro termine di "<i><font color="#3333FF">macereto</font></i>",
 +viene da '<i><font color="#3333FF">macerare</font></i>' del latino e italiano,
 +che ha vari significati: "<i><font color="#666666">ammasso di macerie</font></i>"
 +o "<i><font color="#666666">luogo scosceso pieno di detriti di rocce</font></i>",
 +ovvero, pi&ugrave; probabilmente nei toponimi "<i><font color="#666666">localit&agrave;
 +dove si macera, si ammolla la canapa, i1 lino</font></i>" ecc. per consentire
 +la formazione della fibra tessile dalla pianta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACHEDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente calabrese del reggino, di Montebello Ionico in particolare
 +e di Cardeto, Motta San Giovanni e Bagaladi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine spagnola (pi&ugrave; probabilmente ebreo-sefardita), il cognome
 +Macheda nasce da un'italianizzazione del toponimo <i><font color="#3366FF">Maqueda</font></i>,
 +comune spagnolo della provincia di Toledo, nella comunit&agrave; autonoma
 +di Castiglia-La Mancia. Per curiosit&agrave;, comunque, va notato che a
 +Palermo esiste anche una strada che porta il nome di via Maqueda, cos&igrave;
 +chiamata in onore di Bernardino di Cardines, vicer&eacute; di Sicilia e
 +duca di Maqueda (fu proprio il vicer&eacute; di Sicilia a decidere la realizzazione
 +di questa via, messa in opera nel 1600): alla luce di questo, allora, non
 +&egrave; esclusa una connessione con la nobilt&agrave; spagnola, anche
 +se, a dire il vero, l'ipotesi di un'origine ebreo-sefardita sembra essere
 +la pi&ugrave; probabile - nell'area siculo-calabrese, in effetti, si riscontrano
 +diversi cognomi d'origine ebraica, spesso sefarditi per l'appunto.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Macheda &egrave; cognome calabrese che ricalca il cognome spagnolo
 +<i><font color="#3333FF">Maqueda</font></i>, il quale deriva da un nome
 +arabo significante '<i><font color="#666666">fermo</font></i>', '<i><font color="#3333FF">stabile</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACHELLI
 +<br>MACHELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Machelli &egrave; estremamente raro e dovrebbe essere della fascia che
 +comprende Toscana, Umbria e Marche, Machello, ancora pi&ugrave; raro, sembrerebbe
 +del genovese, potrebbero derivare dall'aferesi di nomi come Telemacus,
 +Symmachus o Nicomacus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACHI
 +<br>MACHI'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi originari del palermitano,
 +probabilmente la forma originaria &egrave; quella accentata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACII
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico della zona di Follonica, Massa Marittima e Scorlino (GR) nelle
 +vicinanze di Piombino, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Macius</font></i>,
 +un esempio di questa cognominizzazione lo troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia Medioevale</font></i> in una <font color="#3366FF">cessionis
 +et positionis in locum</font> del 1191: ".<font color="#CC66CC">..Petrus
 +de Cremia et </font><font color="#FF0000">Dominicus Macius</font><font color="#CC66CC">
 +et Ambroxius de Dubino et Brocardus filius Iohannis Ferrarii et Otta de
 +Montanea...</font>" e nel 1400 a Bologna si trova una tal <font color="#3366FF">Francisca
 +q. Guidolotti de Macii.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macini, molto molto raro, ha un piccolo ceppo a Cesena e Rimini ed uno
 +a Novafeltria nel pesarese, potrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine tardo latino medioevale <i><font color="#3333FF">macinus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">mulino</font></i>), probabilmente ad indicare
 +che il capostipite fosse proprietario di un mulino o vi lavorasse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACOCCO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macocco, molto raro, sembrerebbe piemontese, di Cuorgn&egrave; e di Torino
 +nel torinese in particolare, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +basato sul termine piemontese arcaico <i><font color="#3333FF">mac&ouml;co</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">mac&ouml;cio</font></i> (<i><font color="#666666">imbroglio,
 +accomodamento fraudolento, usato in particolare con riferimento al gioco</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACONE
 +<br>MACONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macone, molto raro, &egrave; tipico di Gaeta (LT), Maconi &egrave; invece
 +specifico del milanese, potrebbero derivare dall'accrescitivo del nome
 +medioevale Maco di cui abbiamo un esempio in uno scritto medioevale: "<font color="#CC33CC">...adjiciens
 +in eo asservari brachium S. Alexii ex insula Lemno a </font><font color="#FF0000">Maco</font><font color="#CC33CC">
 +Minotto anno Domini MCCLXXXXVII Venetias translatum....</font>", &egrave;
 +pure possibile che derivino dalla modificazioni dell'aferesi di nomi come
 +Telemaco. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Siena nella
 +seconda met&agrave; del 1100 con il console Abramo Maconi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACOR
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macor &egrave; specifico del Friuli, tipico di Trieste, di Cormons nel
 +goriziano e, soprattutto, di Rivignano, Pontebba, Udine, Codroipo, Aquileia
 +e Cervignano del Friuli nell'udinese, dovrebbe derivare da una forma aferetica
 +tronca slava del nome <i><font color="#3366FF">Ermacora</font></i>, originato
 +dal greco <i><font color="#3366FF">Hermagoras</font></i>, dell'uso di questa
 +forma abbiamo un esempio in uno scritto del 1463 a San Pietro degli Slavi,
 +l'antico nome di San Pietro al Natisone: "<font color="#CC33CC">...I debitori
 +della chiesa di S. Pietro: Michele, ora decano, deve lire 6, per le quali
 +dia un conzo e mezzo di vino per soldi 60 e cos&igrave; gli restano 60
 +soldi. Ianilo Claudo deve alla chiesa, defalcato il vino, soldi 40. Juri
 +di Vernasso, cameraro della confraternita del Corpo di Cristo, rifer&igrave;
 +che Marino di Brischis, da tre anni e </font><font color="#FF0000">Macor</font><font color="#CC33CC">
 +da due, si rifiutano di dare relazione della loro amministrazione. Gli
 +si ordina di farlo per iscritto.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACORIC
 +<br>MACORICH
 +<br>MACORIG</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macoric e&nbsp; Macorich sono praticamente unici, Macorig, comunque rarissimo,
 +&egrave; specifico dell'udinese, di Torreano, Cividale del Friuli, Prepotto,
 +Premariacco ed Udine, dovrebbero essere forme patronimiche tipicamente
 +slave in <i><font color="#3366FF">-ic</font></i> o <i><font color="#3366FF">-ig</font></i>,
 +derivate dal nome sempre slavo <i><font color="#3366FF">Macor </font></i>(<font color="#CC33CC">vedi
 +MACOR</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACRI
 +<br>MACRI'
 +<br>MAGRI'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macri, tipicamente calabrese, ha anche un piccolo ceppo nel napoletano
 +ed uno ancora pi&ugrave; piccolo nel tarentino, Macr&igrave; &egrave; di
 +origini calabresi, Magr&igrave; ha un ceppo catanese ed uno pugliese, potrebbero
 +derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Macrus</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine grika o, talvolta, greco-albanese, i cognomi Macr&igrave;,
 +Magr&igrave;, etc nascono da un adattamento dell'aggettivo <i><font color="#3366FF">makr&igrave;s</font></i>,
 +che, in greco moderno, ha il significato di <i><font color="#3366FF">lungo,
 +alto </font></i>(<font color="#CC33CC">vedi Long</font>). In alcuni casi,
 +tuttavia, &egrave; anche possibile che il cognome Macri (nella forma non
 +accentata) sia una variante del cognome Magri, soprattutto per quanto riguarda
 +i ceppi non-meridionali (<font color="#CC33CC">vedi Magri</font>). In conclusione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei soprannomi o dei nomi personali
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACRINI
 +<br>MACRINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macrini ha un nucleo romano, uno abruzzese, tra Teramo, Penne, pescarese
 +e chietino, uno campano tra Caggiano (SA) e Battipaglia ed uno a Castrovillari
 +(CS), Macrino, molto pi&ugrave; raro ha ceppi nel bresciano a Roma e nel
 +cosentino, potrebbero derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Macrinia</font></i>
 +o dal nomen romano <i><font color="#3366FF">Macrinus</font></i> di cui
 +abbiamo un illustre esempio in <i><font color="#3366FF">Macrinus Severus</font></i>
 +Imperatore romano dal 217 al 218 : "<font color="#CC33CC">Antonini Diadumeni
 +pueri, quem cum patre </font><font color="#FF0000">Opilio Macrino</font><font color="#CC33CC">
 +imperatorem dixit exercitus occiso Bassiano factione Macriniana, nihil
 +habet vita memorabile, nisi quod Antoninus est dictus et quod ei stupenda
 +omina sunt facta imperii non diutini, ut evenit....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACRIPO
 +<br>MACRIPO'
 +<br>MAGRIPO
 +<br>MAGRIPO'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macripo, assolutamente rarissimo &egrave; proprio dell'area barese, tarentina,
 +Magripo e Magrip&ograve; sono sempre pugliesi, ma ormai quasi scomparsi,
 +Macrip&ograve; &egrave; del tarentino, in particolare di San Marzano di
 +San Giuseppe, Fragagnano e Taranto.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arb&euml;resh&euml; (pi&ugrave; probabilmente greco-albanese),
 +i cognomi Macrip&ograve;, Magrip&ograve;, etc nascono dall'italianizzazione
 +del cognome greco <i><font color="#3366FF">Makripodis</font></i>, che,
 +composto dai termini <i><font color="#3366FF">makr&ograve;s</font></i>
 +(<i><font color="#999999">grande, largo</font></i>) e <i><font color="#3366FF">podi</font></i>
 +(<i><font color="#999999">piede</font></i>), pu&ograve; essere tradotto
 +come <i><font color="#999999">piede grosso, piede largo</font></i>: va
 +notato, infatti, che le trascrizioni antiche riportano il cognome Macrip&ograve;
 +nella forma Macripodi, ma oggi, a dire il vero, questo cognome sembra non
 +esistere pi&ugrave; in Italia. In conclusione, dunque, si tratta delle
 +cognominizzazioni dei soprannomi o dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MACROBIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Macrobio, quasi unico, sembrerebbe del nord Italia, dovrebbe derivare dal
 +cognomen latino <i><font color="#3366FF">Macrobius</font></i>, di cui abbiamo
 +un illustre esempio in Ambrosius Theodosius Macrobius, grammatico e filosofo
 +del IV secolo dopo Cristo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADAFFARI
 +<br>MADAFFARO
 +<br>MADAFFERI
 +<br>MADOFFARI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madaffari, molto molto raro, &egrave; tipico dell'area reggino, messinese,
 +Madafferi &egrave; estremamente raro ed &egrave; specifico del reggino,
 +Madaffaro e Madoffari sembrerebbero unici, dovrebbero tutti derivare da
 +variazioni del nome saraceno <i><font color="#3366FF">Mudaffar</font></i>.
 +(<font color="#CC33CC">vedi Modafferi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADAGHIELE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madaghiele &egrave; specifico di Latiano nel brindisino, dovrebbe derivare
 +dall'italianizzazione del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Magdaleleel</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Mahaleleel</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADALOSSO
 +<br>MADALOZZO
 +<br>MADDALOSSO
 +<br>MADDALOZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madalosso &egrave; assolutamente rarissimo e sembrerebbe del padovano,
 +Madalozzo &egrave; unico, Maddalosso &egrave; tipico del padovano, di Padova
 +e&nbsp;&nbsp; Piazzola sul Brenta, Maddalozzo &egrave; specifico di Arsi&egrave;
 +nel bellunese, potrebbero derivare da etnici dialettali di toponimi come
 +Maddalene (VI), ma l'ipotesi pi&ugrave; probabile &egrave; che la forma
 +originaria sia Maddalozzo e che il luogo di origine sia Arsi&egrave; (BL)
 +e che derivi da un ipocoristico del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Maddalo</font></i>
 +forma maschile del nome Maddalena (etnico di Maddalo in Palestina).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originario della penisola salentina</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADAU
 +<br>MADDAU
 +<br>MEDAS
 +<br>MEDAU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madau &egrave; molto diffuso in tutta la Sardegna, Maddau, abbastanza raro,
 +sembrerebbe di Stintino (SS), Medas &egrave; sicuramente sardo, con un ceppo a Cagliari e nel cagliaritano
 +a Guasila e Quartu Sant'Elena, ad Iglesias ed uno a Sassari ed a Nulvi
 +nel sassarese, Medau sembra tipico del cagliaritano di Pula
 +in particolare, &egrave; molto raro, dovrebbero tutti derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">mad&agrave;u</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">medau</font></i> (<i><font color="#999999">ovile,
 +ricovero per le pecore e le capre</font></i>) probabilmente legato al mestiere
 +di pastore svolto dal capostipite o potrebbe anche derivare dal fatto di
 +essere questi proprietario di un gran numero di bestie, di essere molto
 +ricco.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MADAU: <i><font color="#999999">stazzo, ovile</font></i>, generalmente
 +per le pecore o le capre. Dal latino <i><font color="#3366FF">metatus</font></i>,
 +nel significato di <i><font color="#999999">tracciato, delimitato</font></i>
 +e quindi <i><font color="#999999">recinto</font></i>. Nella lingua sarda
 +parlata, sia in logudorese che in campidanese &egrave; pi&ugrave; in uso
 +il termine <i><font color="#3366FF">medau</font></i>, che invece &egrave;
 +pi&ugrave; raro come cognome rispetto a <i><font color="#3366FF">madau</font></i>.
 +Ambedue, tra l'altro, sono toponimi frequentissimi, in tutto il territorio
 +della Sardegna.&nbsp; &Egrave; presente nelle carte antiche: tra i firmatari
 +della Pace di Eleonora, *LPDE del 1388 lo troviamo nella variante Matau:
 +Matau Comita, jurato ville Sancto Lussurgio; Matau Leonardo, ville Sancto
 +Lussurgio; Matau Petro - ville de Billuchara (* distrutto. Contrate Montis
 +Acuti - Salto di Patt&agrave;da); Matau Petro, ville Sarule. Nel Condaghe
 +di Santa Maria di Bonarcado, *CSMB, XI&deg;, XII&deg; sec., figurano 9
 +Madau, tra i quali ricordiamo: Madau Gosantine, mandatore de rennu (7,
 +213), teste in una donazione di terre a Santa Maria( il mandatore de rennu
 +era il funzionario incaricato delle ambasciate, dei messaggi e delle citazioni
 +regie; il mandatore de ecclesia era il rappresentante giudiziale di una
 +chiesa); Madau Gunnari(27) armentariu dessa domo de piscopio( amministratore
 +della casa del vescovo), teste in una donazione a Santa Maria di Bonarcado,
 +da parte del fratello Gosantine, su citato. Nel Condaghe di San Nicola
 +di Trullas, *CSNT, XI&deg;, XII&deg; sec., abbiamo ancora un Matau: Petru,
 +servo in Arcennor( villaggio scomparso, i cui resti si trovano in agro
 +di Semestene). Nella storia contemporanea ricordiamo Madau Diaz, Gaetano(Sorso
 +1908 - Cagliari 1975), autore di varie opere storiche, tra le quali citiamo:
 +Gli Statuti del Libero Comune di Sassari; e La Storia della Sardegna dal
 +1720 al 1849. Attualmente il cognome Madau &egrave; presente in 142 Comuni
 +italiani, di cui 67 in Sardegna: Sassari 122, Cagliari 76, Oristano 45,
 +Ozieri 39, Bolotona 34, Paulilatino 31, etc.
 +<br>MEDAU: per l'etimologia ed il significato vedi Madau. Nella Sardegna
 +meridionale, nel Sulcis - Iglesiente, a fianco al termine med&agrave;u
 +si &egrave; formato il vocabolo bodd&egrave;u (termine in disuso: probabilmente
 +dal latino c&ograve;lligo = raccogliere, riunire, mettere insieme) nel
 +significato pi&ugrave; antico di un gruppo di persone ed infine di gruppo
 +di case, villaggio, paese, sorto attorno ad una cappella o altro edificio
 +di culto. Qui da noi, in Medio Campidano, erano detti is furriadroxus =
 +le capanne dei pastori costruite vicino agli ovili (medaus). Furriadr&ograve;xu
 +deriva dal verbo furriai/furriare (girare, capovolgere), ma nel significato
 +di rientrare a casa, alla capanna, al focolare. Ancora oggi, la raccomandazione
 +che una madre rivolge al bambino o al ragazzo che esce di casa: "F&ugrave;rria
 +prestu, lah"! ("Torna&nbsp; a casa presto"!). La casa &egrave; il luogo
 +dove c'&egrave; il fuoco, sa forr&egrave;dda(il caminetto), che deriva
 +da forno = fornus in latino(non abbiamo altri suggerimenti). Attualmente
 +il cognome Medau &egrave; presente in 24 Comuni d'Italia, di cui 6 in Sardegna&nbsp;
 +(meridionale, a parte Dorg&agrave;li): Pula 29, Cagliari 19, Fluminimaggiore
 +14, San Sperate 3, Dorg&agrave;li 3, Carbonia 3.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADDALENA
 +<br>MADDALENO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maddalena &egrave; presente a macchia di leopardo un p&ograve; in tutta
 +la penisola ed in Sicilia, Maddaleno, molto molto raro, ha un ceppo nel
 +pratese, ma &egrave; presente anche in Campania, Piemonte e Sicilia, derivano
 +dal nome omonimo di origine ebraica e proprio della tradizione cristiana
 +a sua volta derivato dall'etnico di Magdala (dall'aramaico <i><font color="#3366FF">magdala</font></i>
 +(<i><font color="#999999">torre</font></i>)) una piccola cittadina ebraica
 +sulla sponda occidentale del Lago di Tiberiade.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADDALI
 +<br>MADDALO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maddalo ha un ceppo romano, uno nel salernitano a Pontecagnano Faiano,
 +Salerno, Bellizzi e Capaccio, ed uno nel Salento a Campi Salentina e Lecce
 +nel leccese, Maddali, quasi unico, &egrave; probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione del precedente, che dovrebbe derivare dall'italianizzazione
 +del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Magdala</font></i>, che significa
 +<i><font color="#666666">torre</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#666666">grandezza</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#666666">potenza</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADDALONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico dell'area che comprende le province di Napoli, Caserta e Benevento,
 +dovrebbe derivare dal toponimo Maddaloni (CE) il cui nome ha origini dal
 +vocabolo arabo<i><font color="#3366FF"> magdhal </font></i>(<i><font color="#666666">rocca,
 +fortificazione</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADDE
 +<br>MADDE'
 +<br>MADDEI
 +<br>MADDEO
 +<br>MADDI
 +<br>MADDI'
 +<br>MADDII
 +<br>MADDIO
 +<br>MADE
 +<br>MADE'
 +<br>MADEI
 +<br>MADEO
 +<br>MADIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madde, quasi unico, &egrave; del pavese, Madd&egrave; &egrave; presente
 +solo in provincia di Milano, Lodi e Pavia, Maddeo &egrave; tipico del milanese
 +e del cremonese, di Crema in particolare, Maddei &egrave; praticamente
 +unico, Maddi e Madd&igrave;. assolutamente rarissimi sembrerebbero della
 +zona tra palermitano ed agrigentino, Maddii &egrave; tipico toscano di
 +Montevarchi nell'aretino e di Firenze, Maddio ha un piccolo ceppo a Castellamonte
 +ed Orbassano nel torinese, un ceppo a Campi Bisenzio nel fiorentino ed
 +uno a Gangi nel palermitano, Made &egrave; rarissimo ed &egrave; presente
 +solo in provincia di Milano e Pavia, Mad&egrave; &egrave; concentrato nelle
 +province di Milano Lodi e Cremona, Madei, molto molto raro, &egrave; specifico
 +di Brescia, Madeo &egrave; specifico del cosentino, molto diffuso a Rossano,
 +Longobucco, Corigliano Calabro e Crosia, ma ben presente anche a Caloveto,
 +Cropalati, Crucoli e Cosenza, Madio &egrave; specifico dell'area che comprende
 +il barese, Noicattaro in particolare, Triggiano ed il Materano con Matera
 +e Bernalda, per questi cognomi si ritiene probabile un'origine unica con
 +errori di trascrizione, che abbiano condotto a forme diverse.&nbsp; Dovrebbero
 +tutti derivare da modificazioni dialettali aferetiche del nome <i><font color="#3333FF">Amadeo</font></i> o <i><font color="#3333FF">Amadio</font></i>,
 +esiste anche un'ipotesi che propone che qualche volta possa trattarsi di
 +forme aferetiche dialettali originate da ipocoristici del nome <i><font color="#3333FF">Tommaso</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADDONNA
 +<br>MADDONNI
 +<br>MADONNA
 +<br>MADONNI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maddonna, quasi scomparso, &egrave; un cognome dell'area abruzzese, Maddonni,
 +molto raro, ha sparute presenze nel romano, nell'iserniese ed in Puglia,
 +Madonna, molto pi&ugrave; diffuso, &egrave; molto diffuso in Abruzzo, Molise,
 +e nord della Campania, Madonni, quasi unico, sembrerebbe toscano, possono
 +derivare da cognomi di fantasia beneaugurali attribuiti a neonati abbandonati
 +affidati alla benevolenza della Madonna, come &egrave; pure possibile che
 +si tratti di matronimici di capostipiti di nome <i><font color="#3333FF">Madonna</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Madonna &egrave; cognome frequentissimo in Campania e nel Lazio ma
 +diffuso in tutta Italia. Viene da "<i><font color="#3333FF">m(i)a donna</font></i>".
 +E' un cognome di ordine religioso. In Campania forse dal toponimo Madonna
 +dell'Arco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADEDDU
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madeddu &egrave; tipicamente sardo diffuso particolarmente nella Sardegna
 +occidentale ed in quella meridionale, a Cagliari, Villaputzu, Teulada,
 +Quartu Sant'Elena nel cagliaritano, a Iglesias e Carbonia, a Oristano,
 +Bosa e Narbolia nell'oristanese, a Sassari e Porto Torres, ed a Villanovafranca
 +nel Medio Campidano, dovrebbe derivare da una forma ipocoristica sarda
 +del termine <i><font color="#3366FF">madau</font></i> (<i><font color="#999999">ovile</font></i>),
 +forse ad identificare nei capostipiti dei piccoli pastori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADER
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Mader &egrave; tipico dell'Alto Adige, di Bolzano e Campo di Trens, dovrebbe
 +derivare da un soprannome dialettale basato sull'espressione germanica
 +<i><font color="#CC33CC">wie die </font><font color="#FF0000">Made</font><font color="#CC33CC">
 +in Speck sitzen</font></i>, che significa: <i><font color="#666666">stare
 +come un verme nello speck</font></i>, ovvero vivere a sbafo, molto meno
 +probabile una derivazione dal termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">maadaari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">falciatore, mietitore</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADERNA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della provincia di Milano,
 +deriva probabilmente dal toponimo Maderno nel bresciano o Cesano Maderno nel milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico calabrese, della zona di Catanzaro e Crotone, sembra avere anche
 +un ceppo nel milanese, dovrebbe derivare da una modificazione dell'aferesi
 +del nome Amadeus, dell'uso di questo nome si ha un esempio nel <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font>, in un atto del 1154 si legge:
 +"<font color="#CC33CC">...ipso Guitardo consentiente eidem Iohanni filio
 +suo et predictis Iordane et </font><font color="#FF0000">Madie</font><font color="#CC33CC">
 +de civitate Mediolani coniugi et nurui sue, et ipso Iohanne consentiente
 +eidem Todessche coniugi sue et subter contrafirmante ...</font>", ma anche
 +a Pentone (CZ) si riscontra l'uso di questo nome, si tramanda che Si narra
 +che intorno al 1200 la Madonna apparve ad una contadinella di nome Maria
 +Madia, &egrave; pure possibile che questi cognomi derivino dall'aferesi
 +del toponimo Almadia di cui si hanno tracce ad esempio negli Annales Pisani:
 +"<font color="#CC33CC">...Anno Domini 1088. Fecerunt Pisani et Ianuenses
 +stolum in Africa, et ceperunt duas munitissimas civitates, </font><font color="#FF0000">Almadiam</font><font color="#CC33CC">
 +et Sibiliam, in die Sancti Sixti.....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sicuramente lombardo, dovrebbe
 +essere originario del mantovano, ma potrebbe pure avere un nucleo nel pavese,
 +un'ipotesi sulla derivazione, potrebbe essere da modificazioni del nome
 +celtico Madduin, Maddin, ma pi&ugrave; probabilmente dall'aferesi di altri
 +nomi, non identificabili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADONIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madonia &egrave; tipicamente siciliano, del palermitano soprattutto, il
 +cognome dovrebbe derivare dal nome dalla regione montuosa delle Madonie
 +o meglio dal suo nome antico come leggiamo in questo scritto del 1500:
 +"<font color="#CC33CC">...che li dicti Signuri tuturi si contentano et
 +ni habbiano di restituire li cinco fegi seu territorij et comuni et la
 +universitati predicta nominati li Fraxini, la Cassanisa, li Comuni, Milocca
 +et lo Bosco de la </font><font color="#FF0000">Montagna di Madonia</font><font color="#CC33CC">,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADRASSI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico di Venzone (UD) Madrassi e di difficile interpretazione, improponibile
 +un collegamento con le scuole islamiche come qualcuno vorrebbe e di difficile
 +accettazione anche l'ipotesi di una strana contrazione della frase <i><font color="#999999">di
 +madre grassa</font></i> che secondo altri sarebbe all'origine del cognome,
 +possiamo solo ipotizzare una connessione con il vocabolo ladino <i><font color="#3366FF">mandra</font></i>
 +(<i><font color="#999999">riparo per le mucche</font></i>) e starebbe ad
 +intendere l'attivit&agrave; di malgari svolta dalla famiglia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Luciano
 +Comelli</font></font>
 +<br>Due le possibili interpretazioni:
 +<br>- La <i><font color="#3366FF">Madrasse</font></i> in friulano &egrave;
 +il grembo materno, o per dirlo pi&ugrave; correttamente: l'utero (&egrave;
 +una parola riferita specialmente agli animali pi&ugrave; che agli umani).
 +Difficile fare accostamenti, ma la somiglianza tra sostantivo e cognome
 +&egrave; lampante:
 +<br>- il <i><font color="#3366FF">Madrac</font></i> in friulano &egrave;
 +il serpente (generico), da cui peraltro il verbo <i><font color="#3366FF">madrac&acirc;</font></i>
 +che significa proprio <i><font color="#999999">strisciare</font></i> La
 +somiglianza &egrave; minore ma &egrave; piu verosimile perch&egrave; potrebbe
 +riferirsi ad una caratteristica comportamentale o fisica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MADRISAN
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Madrisan, assolutamente rarissimo, sicuramente friulano dell'udinese, dovrebbe
 +derivare da forme etniche dialettali riferite ai paesi di Madrisio di Fagagna
 +o di Madrisio di Varmo, entrambi nell'udinese, probabili luoghi d'origine
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAENZA
 +<br>MAIENZA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maenza ha vari ceppi in Sicilia, soprattutto a Palermo e Camporeale (PA),
 +ad Alcara Li Fusi (ME) e ad Agira e Valguarnera Caropepe (EN), ha un nucleo
 +a Bisceglie (BA) ed una presenza significativa a Sezze (LT), Maienza, molto
 +raro, sembra specifico del casertano, di San Nicola la Strada in particolare,
 +dovrebbero tutti derivare da soprannomi originati dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">maiensis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">relativo al mese di maggio</font></i>), nel caso
 +del ceppo di Sezze, potrebbero derivare dal toponimo Maenza (LT), un'ipotesi
 +possibile potrebbe essere quella di derivare da antichi nomi di localit&agrave;
 +come <i><font color="#3366FF">castra maiensa</font></i> (<i><font color="#666666">campi
 +di maggio o accampamenti primaverili</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAESANI
 +<br>MAISANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maesani &egrave; tipicamente lombardo dell'area comasca, Maisani &egrave;
 +quasi unico, potrebbero derivare da Maisa il nome di una localit&agrave;
 +ora in Svizzera presso Silvaplana, ad indicarne probabilmente la provenienza
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAESANO
 +<br>MAGISANO
 +<br>MAISANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maesano &egrave; specifico della zona di Roghudi (RC) e Reggio Calabria,
 +Magisano &egrave; tipico di Chiaravalle Centrale (CZ), Maisano &egrave;
 +molto diffuso nella zona dello stretto, reggino e messinese, con ceppi
 +anche nel nisseno e nel palermitano, derivano tutti da modificazioni del
 +toponimo Magisano (CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAESTRA
 +<br>MAESTRI
 +<br>MAESTRINI
 +<br>MAESTRINO
 +<br>MAESTRO
 +<br>MAESTRONE
 +<br>MAESTRONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maestra, estremamente raro, parrebbe specifico di San Daniele del Friuli,
 +Maestri &egrave; un cognome decisamente settentrionale, dovrebbe avere
 +origini lombardo emiliane, Maestrini &egrave; molto diffuso in Lombardia,
 +in particolare nel bresciano e mantovano, e nell'area che comprende il
 +bolognese, tutta la Toscana, il pesarese ed il perugino, Maestrino, estremamente
 +raro, sembrerebbe del napoletano, Maestro &egrave; piemontese, di Torino
 +e Viola (CN), in particolare, Maestrone &egrave; specifico di Gambol&ograve;
 +nel pavese, Maestroni, decisamente lombardo, &egrave; specifico del milanese,
 +cremonese e bergamasco in particolare, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici od accrescitivi, dal mestiere di maestro, mastro
 +artigiano o <i><font color="#3366FF">maister</font></i>
 +in dialetto, stante ad indicare il mestiere appunto di mastro artigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAESTRELLI
 +<br>MAESTRELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maestrelli sembra avere oltre al ceppo fiorentino, anche uno lombardo,
 +tra Brescia e Mantova, Maestrello molto pi&ugrave; raro &egrave; tipico
 +molisano, dovrebbero derivare da soprannomi legati alla posizione di <i><font color="#3366FF">magister</font></i>
 +(<i><font color="#999999">mastro artigiano</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Andrea
 +Maestrelli</font></font>
 +<br>Nella zona dove sono nato e vivo, la provincia di Empoli, moltissime
 +famiglie hanno questo cognome e quasi tutte avevano tra gli avi dei muratori.
 +Un amico ha fatto fare una ricerca e pare sia risultato che tutti i Maestrelli
 +della zona siano di origine germanica, maestranze specializzate ,richiamate
 +a Milano dalla fabbrica del Duomo di Milano. Terminatane la edificazione,
 +ormai italianizzati, anzich&egrave; tornare in Germania si sarebbero trasferiti
 +nell'empolese, dove le case costavano molto meno e dove continuarono ad
 +occuparsi di edilizia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAESTRIPIERI
 +<br>MASTRIPIERI
 +<br>MASTROPIERO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maestripieri &egrave; tipico di Pistoia, Mastripieri, quasi unico, &egrave;
 +probabilmente dovuto ad un esrrata trascrizione del precedente, cos&igrave;
 +come Mastropiero che sembrerebbe proprio unico, questi cognomi dovrebbero
 +derivare da capostipiti di nome <i><font color="#3333FF">Piero</font></i>
 +e artigiani di professione, l'artigiano veniva chiamato un tempo <i><font color="#3333FF">magister
 +artis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFEZZOLI
 +<br>MAFFEZZOLI
 +<br>MAFFIOLETTI
 +<br>MAFFIOLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Mafezzoli, estremamente raro, è dell'area tra bresciano e veronese, Maffezzoli &egrave; tipicamente lombardo, del mantovano, di Sabbioneta,
 +Mantova, Curtatone e Virgilio, e dell'area di Garda nel veronese,&nbsp;
 +Maffioletti &egrave; un cognome tipicamente lombardo del bergamasco in
 +particolare e di Dalmine, Bergamo, Stezzano, Treviolo, Azzano San Paolo,
 +Zanica, Lallio, Osio Sopra, Arzago d'Adda, Grassobbio e Verdellino, Maffioli
 +&egrave; tipico lombardo, con un nucleo originario tra varesotto e Val
 +d'Ossola, derivano, direttamente o attraverso ulteriori ipocoristici, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Maffiolo</font></i>, forma ipocoristica di <i><font color="#3333FF">Maffeo</font></i>, <i><font color="#3333FF">Matteo</font></i>, abbastanza diffuso, di cui
 +abbiamo un esempio d'uso su di un'iscrizione del 1435 a Cassinetta di Lugagnano
 +nel milanese: "<font color="#CC33CC">MCCCCXXXV Die sabati sexto agusti
 +hanc eccelexiam fecit fieri spectabilis et egregiu vir dominus </font><font color="#FF0000">Maffiolus
 +Birago</font><font color="#CC33CC"> ducalis curie generalis magister. Ad
 +honorem Dei et beatissime virginis ac genitricis Marie et domini santi
 +Antonij</font>", ricordiamo Maffiolo Rusca di Como nel 1300 o Maffiolo
 +de Tassis del Cornello di Zogno nel 1400, tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Domo Valtravaglia (VA) nel 1500 con la famiglia Maffioli
 +di Sarigo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Mafezzoli &egrave; un cognome molto concentrato nelle zone del Milanese
 +e del Mantovano. &Egrave; una variante alterata di <i><font color="#3333FF">MATTEI</font></i>,
 +diffuso nelle regioni del centro-nord, il cui significato &egrave; legato
 +al nome di origine ebraica <i><font color="#3333FF">Matteo</font></i> (<i><font color="#3333FF">Mattitya,</font></i>
 +da <i><font color="#3333FF">mattat</font></i> = <i><font color="#666666">dono</font></i>,
 +e <i><font color="#3333FF">Ya</font></i>, abbreviazione di <i><font color="#3333FF">Yahweh</font></i>,
 +cio&egrave; "<i><font color="#666666">dono di Dio</font></i>"), diffuso
 +in ambito latino per merito della figura dell'evangelista cristiano. Le
 +versioni greche del nome, <i><font color="#3333FF">Mathth&agrave;ios</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Mathth&igrave;as</font></i> (con la pronuncia
 +aspirata della t-), nelle zone dell'Italia maggiormente esposte all'influenza
 +bizantina, hanno dato luogo a tutte le versioni in <i><font color="#3333FF">Maff-</font></i>,
 +dalle quali &egrave; derivato anche Maffezzoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFEZZONI
 +<br>MAFFEZZONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Mafezzoni, abbastanza raro, &egrave; lombardo, soprattutto dell'area bresciana,
 +Maffezzoni &egrave; tipicamente lombardo, di Cremona e del cremonese a
 +Robecco d'Oglio, San Bassano e Calvatone, di Brescia e del bresciano a
 +Passirano, e Verolavecchia, di Milano e di Cesano Maderno nel milanese,
 +potrebbero derivare da un soprannome dialettale originato dal termine dialettale
 +arcaico <i><font color="#3333FF">maff&egrave;e </font></i>(<i><font color="#666666">brutto</font></i>),
 +probabilmente attribuito ad un capostipite in maniera scherzosa con il
 +significato di grosso e brutto, ma &egrave; molto pi&ugrave; probabile
 +che derivino invece da una forma accrescitiva del nome medioevale italiano
 +<i><font color="#3333FF">Maffeo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFFE'
 +<br>MAFFEIS
 +<br>MAFFEO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maff&egrave; &egrave; tipico di Cerano e Trecate nel novarese, Maffeis
 +&egrave; tipico del bergamasco e bresciano, Maffeo ha ceppi in Piemonte,
 +nel romano ed in Campania, derivano da modificazioni del nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Maffeo</font></i>, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel
 +bergamasco a Ponteranica agli inizi del 1400 con il notaio Bassiano de
 +Maffeis e dal 1588 al 1590 &egrave; <i><font color="#3366FF">Vicarius Vallis
 +Brembane Superioris</font></i> Laurentius de Maffeis, nel 1400 a Tortona
 +c'&egrave; un Franciscus de Maffeis notarius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFFEI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00maffei.gif" NOSAVE BORDER=0 height=68 width=60 align=LEFT><font size=-1>Cognome panitaliano, presenta pi&ugrave;
 +ceppi originari sia al nord che al centro sud, deriva dal nome medioevale
 +italiano Maffeo. La famiglia Maffei &egrave; molto antica e annovera tra
 +i suoi illustri antenati due cardinali: romani Bernardino Maffei (1514-1553)
 +e Marc'Antonio Maffei (?-1583), ed un segretario della Repubblica di Genova,
 +il bergamasco Giovanni Pietro Maffei (1536-1602).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFFI
 +<br>MAFFINI
 +<br>MAFFUCCI
 +<br>MAFFUCCIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maffi &egrave; tipicamente lombardo e del piacentino, Maffini sembrerebbe
 +specifico del piacentino e del vicino parmense, Maffucci ha un nucleo nell'avellinese
 +e nelle aree vicine del foggiano, del napoletano e del salernitano, ha
 +un ceppo nel romano ed uno nel pistoiese, Maffuccio, molto raro, &egrave;
 +del romano, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite ipocoristici,
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Maffo</font></i> a sua volta derivato dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Maffia</font></i> ( <font color="#CC33CC">vedi
 +Maffia</font>) tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Grosio
 +(SO) nella seconda met&agrave; del 1400 con il Notaio Michele del Maffo
 +ivi operante all'epoca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFFIA
 +<br>MAFFII
 +<br>MAFFIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Maffia &egrave; meridionale, della zona che comprende Campania, Puglia
 +e cosentino, Mafii rarissimo parrebbe pratese, Maffio potrebbe essere lombardo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>intehtazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Maffia, presente dal nord al sud del paese, &egrave; pi&ugrave; tipicamente
 +meridionale, con ceppi maggiori nel salernitano, nel napoletano, nel foggiano
 +e nel cosentino, ma un ceppo importante si trova anche nel comasco, Maffii,
 +molto pi&ugrave; raro del precedente, &egrave; diffuso prevalentemente
 +nel pratese, Maffio, rarissimo, si riscontra quasi esclusivamente nel milanese,
 +tutti questi cognomi derivano dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Maffia</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Maffio</font></i>, nato come variante del pi&ugrave;
 +comune <i><font color="#3366FF">Mattia</font></i> o Matteo: l'origine di
 +questo nome, infatti, va ricercata nell'ebraico <i><font color="#3366FF">Mattityah</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#999999">dono di Dio</font></i>, e,
 +siccome il nome venne dapprima adattato nel greco <i><font color="#3366FF">Mathaios</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Mathias</font></i> (come avviene di consueto
 +coi nomi biblici portati in Europa), le varianti Maffia e Maffio si spiegano
 +allora come dei diversi adattamenti del suono <i><font color="#3366FF">-th-</font></i>
 +dell'originale greco. Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque,
 +si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFFRI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome pi&ugrave; che raro, &egrave;
 +praticamente presente solo a Melegnano, potrebbe trattarsi di un errore
 +di trascrizione del pi&ugrave; diffuso Maffei.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>MAFRICA
 +<br>MAFRICI
 +<br>MAURICI
 +<br>MAVRICI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Mafrica ha un ceppo ad Aosta ed uno nel reggino a Bova Marina soprattutto,
 +Mafrici &egrave; specifico della zona di Condofuri (RC) e Reggio Calabria,
 +Maurici ha ceppi sparsi in Sicilia ed in Calabria nel reggino, Mavrici,
 +molto molto raro, sembrerebbe di&nbsp; Rizziconi (RC), derivano tutti da
 +modificazioni del nome Mauritius. (<font color="#CC33CC">vedi MAURIZI</font>) (<font color="#CC33CC">vedi anche MAURIC</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGADDINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario del trapanese, dovrebbe
 +derivare da un toponimo omonimo del canton Ticino e dovrebbe risalire alla
 +calata dei Lanzichenecchi ai primi del 1500, quando uno di questi, probabilmente
 +originario di Magaddino (Canton Ticino), dopo il sacco di Roma, proseguì
 +il suo viaggio fino in Sicilia, dove pose radici.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGAGNA
 +<br>MAGAGNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magagna è tipicamente veneto di Verona e Soave (VR) e nel padovano
 +di Conselve, San Pietro Viminario e Albignasego, con un ceppo anche in
 +Piemonte ad Alessandria, Castelletto Cervo e Cossato nel biellese, uno
 +a Bologna e Ferrara, ed uno a Latina conseguenza della migrazione in epoca
 +fascista avente lo scopo di bonificare le paludi pontine, Magagni è
 +tipico di Bologna e del bolognese, dovrebbero derivare dal termine dialettale
 +<i><font color="#3366FF">magagn</font></i>
 +(<i><font color="#999999">difetto, guasto, mutilazione</font></i>) forse
 +a caratterizzare un difetto fisico del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGAGNIN
 +<br>MAGAGNINI
 +<br>MAGAGNINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magagnin è tipico di Cison di Valmarino (TV), Magagnini ha un ceppo
 +nel pisano a Calci, Pisa e Cascina, uno marchigiano ad Ancona e Pergola
 +(PU) ed uno a Roma e Canale Monterano (RM), Magagnino è specifico
 +del leccese, di Matino, Alezio e Giuggianello, dovrebbero derivare
 +da una modificazione del termine medioevale magnanus (fabbro), troviamo
 +tracce di questa cognominizzazione nel 1506 a Viterbo, dove, in un atto,
 +figura un certo Domenico Magagnini, incaricato assieme ad altri due di
 +costruire la parte muraria del Coro della chiesa della Madonna della Cerqua.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Homero
 +Magagnin Brazil</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00magagnin.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="133">
 +SI ritiene che questa famiglia sia originaria di Jesi (AN) dove si
 +trovano notizie fin dal XVI° secolo, nel 1502 un certo Giovanni Francesco
 +Magagnini era Consigliere del Comune di Jesi.&nbsp; Questa famiglia si
 +imparentò con le principali famiglie nobili della città e
 +delle Marche.&nbsp; Personaggi notevoli della famiglia sono stati: Agnese,
 +morta diciannovenne nel 1672 in odore di santità,. Pietro Paolo
 +deceduto nel 1695 combattendo per la República Veneta, Giovanni
 +Bartolomeo e Cario Felice, morti nel 1684 al servizio del Re Giovanni.
 +Gaspare, i loro discendenti furono inseriti fra le famiglie patrizie della
 +città di Perugia, nel 1772, Saverino fu Canonico della Cattedrale
 +di Jesi, nel 1855, Luigi vestì l'abito di Cavaliere Militare di
 +Santo Stefano di Toscana ed ottenne poi il titolo di Commendatore, Cariolono,
 +figlio di Luigi, fu Canonico della Cattedrale di Jesi, Rambaldo (1805 -
 +1891), divenne Vescovo di Jesi.
 +<br><font size="-2">per approfondimenti <a href="http://www.magagnin.cjb.net">http://www.magagnin.cjb.net</a></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGALDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magaldi, non comune, potrebbe essere originario della zona tra il foggiano,
 +la Basilicata e la Campania, dovrebbe derivare dal nome medioevale di origini
 +germaniche <i><font color="#3333FF">Magaldus</font></i>, una latinizzazione
 +del nome <i><font color="#3366FF">Maginwald</font></i> composto dai termini
 +<i><font color="#3333FF">magin</font></i> (<i><font color="#666666">forza</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">wald</font></i> (<i><font color="#666666">governo</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">chi governa con la forza</font></i>,
 +ma potrebbe in molti casi pure derivare dal toponimo San Magaldo località
 +del comune di Stigliano nel materano. Tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo però a Firenze agli inizi del 1300, un tale Miglinus
 +Iacopi Magaldi&nbsp; viene annoverato tra i Priori di Firenze per il periodo
 +che va dal 15 dicembre 1305 fino al 14 febbraio 1306, dal dal 15 febbraio
 +al 14 aprile del 1312 e dal 15 dicembre 1325 al 14 febbraio 1326, mentre
 +dal 15 giugno al 14 agosto 1316 troviamo un tale Gherardus de Magaldis
 +sempre tra i Priori di Firenze.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Magaldi: Minervini e Rohlfs concordano sulla origine di questo nome:
 +dall' italiano antico '<i><font color="#3333FF">magalda</font></i>' = '<i><font color="#666666">meretrice</font></i>'. (???)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGALETTA
 +<br>MAGALETTI
 +<br>MAGALETTO
 +<br>MAGALOTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magaletta, molto raro, potrebbe essere originario di Foggia e del foggiano,
 +Magaletti è tipico di Bari, Magaletto è quasi unico, Magalotti
 +ha un ceppo nel cesenate, a Cesena, Roncofreddo, Mercato Saraceno, Savignano
 +sul Rubicone e Forlì, a Rimini ed a Santarcangelo di Romagna nel
 +riminese, un ceppo a Roma e Rignano Flaminio nel romano ed a Latera e San
 +Lorenzo Nuovo nel viterbese, con un ceppo anche a Marsicovetere nel potentino,
 +potrebbero derivare da forme ipocoristiche del nome medioevale provenzale
 +<i><font color="#3333FF">Magalh</font></i>, o <i><font color="#3333FF">Magale</font></i>,
 +abbastanza diffuso in Italia in epoca rinascimentale, o anche del nome
 +equivalente medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Magalia</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Magaletta è una variante di Magaletti di origine soprannominale,
 +che potrebbe avere alla base l'ebraico '<i><font color="#3333FF">magal</font></i>'
 += <i><font color="#666666">falce</font></i> o il sostantivo maschile '<i><font color="#3333FF">magale</font></i>'
 += <i><font color="#666666">capanna, abituro</font></i>, dal latino'<i><font color="#3333FF">magalia</font></i>'.
 +Minervini 289.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGALINI
 +<br>MAGALINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magalini è specifico dell'area veronese, mantovana, di Volta Mantovana,
 +Monzambano e Roverbella nel mantovano e soprattutto di Villafranca di Verona,
 +Verona, Mozzecane e Nogarole Rocca nel veronese, Magalino è quasi
 +unico, dovrebbe trattarsi di forme ipocoristiche del nome provenzale <i><font color="#3333FF">Magale</font></i>,
 +abbastanza diffuso in Italia in epoca rinascimentale, personaggio di rilievo
 +è stato il matematico e fisico degli inizi del 1600 Johannes Magalinus,
 +autore nel 1650 del <i><font color="#3333FF">Novum Memoriale Mathematicum</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGALLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo, non è possibile
 +identificare un'area d'origine, potrebbe essere una derivazione dal nome
 +medioevale provenzale e italiano Magale, Magalia, come potrebbe trattarsi
 +di un errore di trascrizione di Magaldi (<font color="#CC33CC">vedi MAGALDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGANUCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del nisseno.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome tipicamente siciliano, della provincia di Caltanissetta, deriva
 +dal toponimo Maganuco (RG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGANZA
 +<br>MAGANZI
 +<br>MAGONZA
 +<br>MAGONZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maganza ha un ceppo tra milanese e pavese, uno molto piccolo nel genovese,
 +uno ormai quasi scomparso nel vicentino ed uno nel messinese a Sciacca,
 +Magonza, assolutamente rarissimo, parrebbe dell'avellinese, Maganzi e Magonzi,
 +quasi unici, sembrerebbero toscani, dovrebbero derivare dall'antico nome
 +della città di Mainz in Germania, chiamata anticamente Magonza o
 +Maganza, ricordiamo Gano di Maganza o di Magonza, che è un personaggio
 +negativo del ciclo carolingio della <i><font color="#3333FF">Chanson de
 +geste</font></i>, che ricorda la battaglia di Roncisvalle combattuta e
 +persa dai Franchi di Carlo Magno contro gli Arabi, nel tentativo di cacciarli
 +dalla Spagna, personaggio citato anche da Dante nel canto trentaduesimo
 +dell'Inferno tra i traditori della patria, ricordiamo tra il 1500 ed il
 +1600 i Maganza di Este, una famiglia di pittori manieristi vicentini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGARELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magarelli è tipicamente pugliese, di Molfetta nel barese, con presenze
 +anche a Bari e Bisceglie, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine tardo latino <i><font color="#3366FF">magarellus</font></i>,
 +una forma del più antico <i><font color="#3366FF">makarellus</font></i>,
 +latinizzazione del termine normanno <i><font color="#3366FF">mackereel
 +</font></i>(<i><font color="#999999">sgombro</font></i>), forse ad indicare
 +nei capostipiti dei pescatori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGATON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magaton, assolutamente rarissimo, ha un ceppo tra milanese e varesotto
 +ed uno nel trevisano, potrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +vocabolo dialettale <i><font color="#3333FF">magon</font></i> o <i><font color="#3333FF">magat</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#666666">mago, stregone, guaritore</font></i>,
 +non improbabile è una connessione e dialettizzazione del termine
 +medioevale germanico <i><font color="#3333FF">magatīn*</font></i>
 +(<i><font color="#666666">infante, fanciulla</font></i>), è pure
 +possibile, anche se molto improbabile, che derivi dall'occitano <i><font color="#3333FF">magat</font></i>
 +(<i><font color="#666666">nascosto</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia</font></font>
 +<br>il ceppo lombardo potrebbe essere collegato al vocabolo dialettale
 +<i><font color="#3333FF">magatton</font></i>&nbsp; (Cletto Arrighi Dizionario
 +Milanese-Italiano, Milano 1896) <i><font color="#3333FF">magattòn</font></i>,
 +corrisponde a <i><font color="#666666">sornione, collotorto</font></i>.
 +<i><font color="#3333FF">In giesa però ghe và minga domà
 +i magatton</font></i>: <i><font color="#666666">In chiesa non ci vanno
 +soltanto i bacchettoni</font></i>. Anche Carlo Porta usa questo termine
 +dialettale con la stessa accezione. Forse magatton era l'accrescitivo di
 +una supposta base *<i><font color="#3333FF">magat</font></i>, da cui potrebbe
 +derivare <i><font color="#3333FF">magatell</font></i> ( <i><font color="#666666">burattino,
 +ma anche bambino vivace</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGAZU
 +<br>MAGAZU'
 +<br>MAGAZZU'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magazu, praticamente unico, è dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Magazù, che è specifico di Rometta e Messina, nel messinese,
 +e che sembrerebbe una forma forse alterata di Magazzù, che è
 +specifico di Messina, dove è molto diffuso, con un piccolo ceppo
 +a Rometta ed a Palermo, l'origine di questi cognomi è abbastanza
 +dubbia, si possono formulare due ipotesi, che comunque transitano dalla
 +Francia, facendo quindi ipotizzare un'origine normanna, dall'uso francese
 +proverrebbe la caratteristica accentazione sull'ultima vocale, la prima
 +ipotesi propone una derivazione dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Magatius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio con Magatius Raban, celebre teologo germanico
 +dell'ottavo secolo, la seconda ipotesi propone una derivazione dal nome
 +arabo <i><font color="#3333FF">Mazouz</font></i> (<i><font color="#666666">il
 +prediletto</font></i>) con l'inserimento della sillaba epentetica <i><font color="#3366FF">ga</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGENES
 +<br>MAGENIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magenes e Magenis, circoscritti all'areale lombardo del milanese, il secondo
 +è decisamente più raro del primo che ha un ceppo nel milanese
 +a Milano, Melzo, San Giuliano Milanese e San Zenone al Lambro, con presenze
 +anche nel lodigiano e nel pavese, dovrebbero derivare da soprannomi basati
 +su di un termine riferito ai lavori o a cose che avvengono nel mese di
 +maggio, forse ad indicare nei capostipiti dei braccianti agricoli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>numerose famiglie Magenes esistono già&nbsp; nel Lodigiano all'inizio
 +del 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGENTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro, tipico del
 +milanese occidentale e del pavese settentrionale, deriva dal toponimo omonimo,
 +originariamente era una nobile famiglia decurionale, di cui si hanno tracce
 +nel 1400, il loro cognome era all'epoca Pedegredis de Mazenta, trasformatosi
 +poi in Mazenta e quindi in Magenta, assidui della corte degli Sforza ed
 +inseriti fra il patriziato milanese, annoverarono nei loro ranghi molti
 +medici, giudici e prelati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGETTI
 +<br>MAGGETTO
 +<br>MAGGI
 +<br>MAGGINI
 +<br>MAGGINO
 +<br>MAGGIO
 +<br>MAJO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maggetti ha un ceppo nell'Italia settentrionale, occidentale uno nel Piceno
 +e teramano ed uno a Roma, Maggetto è decisamente veneto, di Piove
 +di Sacco nel padovano e di Camponogara nel veneziano, Maggi è diffuso
 +in tutta la penisola, dovrebbe avere più ceppi, di cui uno sicuramente
 +lombardo, uno pugliese e molti altri in giro per la penisola, Maggini ha
 +un ceppo nel basso bresciano, uno nella Toscana settentrionale ed orientale,
 +ed uno nel viterbese e romano, Maggino, assolutamente rarissimo, parrebbe
 +meridionale, Maggio è soprattutto del meridione d'Italia, Majo,
 +estremamente raro, sembrerebbe avere un ceppo siciliano ed uno abruzzese,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite varie forme ipocoristiche,&nbsp;
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Maggio</font></i>, in alcuni
 +casi può derivare dal toponimo Maggio nel comasco o da Viamaggio
 +o Viciomaggio nell'aretino. Personaggio da ricordare fu il letterato, drammaturgo
 +e poeta dialettale milanese Carlo Maria Maggi (1630-1699), ed il suo capolavoro <i><font color="#3366FF">I consigli di
 +Meneghino</font></i>, il cui protagonista diventò simbolo del popolo
 +milanese, dando avvio alla tradizione che diede origine alla&nbsp; maschera
 +di <a href="../meneghino/dialetto0a.htm">Meneghino</a>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia,
 +Milano</font></font>
 +<br>un'altra possibile ipotesi si basa sull'uso, presso alcune comunità
 +religiose, di assegnare questo cognome ai trovatelli nati durante il mese
 +di Maggio, similmente a quanto avvenuto per i cognomi Aprili, Giugni, ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGIALETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maggialetti è tipico del barese, di Ruvo di Puglia in particolare
 +e di Terlizzi, potrebbe derivare da un'alterazione del nome normanno <i><font color="#3333FF">Maghenyld</font></i>,
 +ma, molto più probabilmente, si tratta invece dell'italianizzazione
 +del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Mahalath</font></i>.Maggialetti è tipico del barese, di Ruvo di Puglia in particolare
 +e di Terlizzi, potrebbe derivare da un'alterazione del nome normanno <i><font color="#3333FF">Maghenyld</font></i>,
 +ma, molto più probabilmente, si tratta invece dell'italianizzazione
 +del nome ebraico <i><font color="#3333FF">Mahalath</font></i>.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGIOLA
 +<br>MAGGIOLI
 +<br>MAGGIOLO
 +<br>MAJOLA
 +<br>MAJOLI
 +<br>MAJOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maggiola è praticamente unico, Maggioli è specifico dell'area
 +che comprende il ravennate, il forlivese, il riminese ed il pesarese, con
 +un ceppo anche a Roma, Maggiolo ha un grosso ceppo nel genovese ed uno
 +quasi altrettanto consistente nell'area veneta che comprende il veronese,
 +il vicentino, il trevisano, il veneziano, il rovigoto e soprattutto il
 +padovano, Majola è quasi unico, sembrerebbe toscano, Majoli ha un
 +ceppo ligure, uno nel veronese, uno nel romano ed uno nel salernitano,
 +Majolo, estremamente raro, ha un ceppo veneto ed uno napoletano, dovrebbero
 +tutti derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Majolus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Magiolus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in un atto di compravendita del 1213 nel senese: "<font color="#CC33CC">...Item
 +vendimus vobis nostras partes pro indiviso alterius platee posite ibi propre
 +medietatem scilicet ex ea ego Ubertus et quartam partem ex ea ego Ugolinus
 +nam alia quarta est dicti Teghiarii, quam plateam olim Raboanus tenuit
 +a nobis, cui ex una parte est alia platea superius dicta, desuper est carbonaria
 +penne dicti castelli et ex alia parte est via et ex alia tenet </font><font color="#FF0000">Magiolus</font><font color="#CC33CC">
 +villanus mei Uberti....</font>".
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGION
 +<br>MAGGIONE
 +<br>MAGGIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maggion, molto raro, è specifico dell'area di Montebelluna (TV),
 +Maggione, ancora più raro è tipico del milanese come Maggioni
 +che è assolutamente lombardo e più propriamente dell'area
 +tra Milano e Bergamo, potrebbero derivare da soprannomi legati all'arcaico
 +vocabolo dialettale lombardo <i><font color="#3366FF">magg</font></i> (<i><font color="#999999">reti
 +per uccellagione</font></i>), ma è pure possibile che derivi da
 +ipocoristici del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Maggio</font></i> attribuito a volte ai figli nati
 +in quel mese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGIORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'area tra le province
 +di Torino ed Asti, potrebbe derivare dal toponimo Maggiora (NO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGGIORE
 +<br>MAGGIORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maggiore è distribuito a macchia di leopardo in Italia, si individua
 +un forte ceppo nelle Puglie, soprattutto nel Salento ed uno in Sicilia,
 +in particolare nel palermitano, Maggiori ha un ceppo lombardo, soprattutto
 +nel bresciano, un ceppo nell'anconetano ed uno romano, potrebbero derivare
 +da toponimi come Montemaggiore (PA) o Torremaggiore (FG) o altri, ma potrebbe
 +anche aver preso dal nome medioevale italiano Maggiore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGHERNINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maghernino, quasi unico, sembrerebbe di origini pugliesi, potrebbe derivare
 +dal nome della località araba <i><font color="#3333FF">Sidi Ali
 +el Magherni</font></i> in Tunisia, ma molto più probabilmente si
 +tratta di una forma ipocoristica del nome normanno <i><font color="#3333FF">Maghern</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha forse tre ceppi, uno nel milanese, uno nel bresciano ed uno tra la provincia
 +di Rovigo e di Ferrara.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Dario Maghini</font></font>
 +<br>Da ricerche effettuate presso il Comune di Bagnolo di Po (RO), mio
 +paese di nascita, risulta che i Maghini arrivarono e si stabilirono a
 +Bagnolo di Po (RO) nel 1820 provenienti da una località (non
 +indicata) dell'Appennino Tosco-Emiliano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGI
 +<br>MAGINI
 +<br>MAGINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00magi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="68"><font size="-1">Magi è specifico della zona che comprende l'aretino, il pesarese
 +e l'urbinate, ma è ben presente anche nel resto della Toscana e
 +nell'alto Lazio, Magini è molto diffuso in Toscana, nel fiorentino,
 +aretino, senese e grossetano, nell'urbinate, anconetano e perugino e nel
 +romano, Magino è praticamente unico, dovrebbero derivare, direttamente
 +o attraverso modificazioni ipocoristiche, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Magius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in Ab Urbe Condita di Tito Livio: "<font color="#CC33CC">...Ea
 +ne fierent neu legatio mitteretur ad Poenum, summa ope </font><font color="#FF0000">Decius
 +Magius</font><font color="#CC33CC">, vir cui ad summam auctoritatem nihil
 +praeter sanam ciuium mentem defuit, restiterat....</font>", l'uso medioevale
 +di questo nome lo troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medievale</font></i> a Brescia sotto l'anno 1149: "<font color="#CC33CC">...Ibi
 +fuere </font><font color="#FF0000">Magius</font><font color="#CC33CC">,
 +filius Obizonis de Pontecarali, Ferracutus, Albertus Corigia, Albertus
 +Parolarius et reliqui plures testes rogati....</font>", è pure possibile
 +una derivazione dalla troncatura del nome <i><font color="#3333FF">Maginfredus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGISTRANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magistrani, quasi unico, sembrerebbe lombardo del milanese, dovrebbe derivare
 +dal nome tardoi latino <i><font color="#3333FF">Magistranus</font></i>,
 +ricordiamo Sanctus Magistranus, un martire egizio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGISTRELLI
 +<br>MAGISTRELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magistrelli, tipico del milanese ha un ceppo forse non secondario in Emilia e nell'anconetano,
 +Magistrello, molto molto raro, sembra specifico del torinese, dovrebbero
 +derivare dal nome Magistrellus legato al mestiere di magister (mastro artigiano),
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del Capitolo di Parma del 1170 dove
 +tra l'altro leggiamo: "<font color="#CC33CC">...In nomine sancte et individue
 +Trinitatis, anno ab incarnatione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo
 +septuagesimo, decimo die intrante mense febraurii, indictione tercia. ...
 +...</font><font color="#FF0000">Magistrellus</font><font color="#CC33CC">
 +VII denarios pro porcata et tercium vini et quartum panis..</font>", tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo a San Martino in Rio (RE) già
 +nel 1500, con il lascito di un Magistrelli, venne aperto il locale Monte
 +di Pietà nel 1607.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGISTRI
 +<br>MAGISTRIS
 +<br>MAGISTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magistri ha un ceppo lombardo, uno romano ed uno pugliese, Magistris, molto
 +raro, è tipico del verbanese, Magistro ha un ceppo nel messinese
 +ed uno nel barese, dovrebbero derivare dal mestiere di <i><font color="#3366FF">magister</font></i>
 +(<i><font color="#999999">mastro artigiano</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGLIA
 +<br>MAGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maglia ha ceppi nel cremonese, tra comasco e lecchese, nel foggiano, nel
 +napoletano ed un nucleo principale nel catanese, Maglio, di probabile origine
 +campana, ha forse un nucleo nel Salento ed uno in Liguria dove potrebbe
 +derivare da toponimi come Magliolo (SV), in linea di massima dovrebbero
 +derivare dal nome della gens latina <i><font color="#3366FF">Manlia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGLIANI
 +<br>MAGLIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magliani sembra originario dell'appennino reggiano, esistono anche un ceppo
 +abruzzese che dovrebbe derivare dal toponimo Magliano dei Marsi (AQ), uno
 +marchigiano, che dovrebbe derivare dal toponimo Magliano di Tenna (AP),
 +ed uno dell'appennino toscano, probabilmente originario di Magliano (LU),
 +Magliano ha un nucleo nel cuneese, espanso nel torinese e savonese, che
 +dovrebbe derivare dal toponimo Magliano Alfieri o Magliano Alpi (CN), ed
 +uno nel salernitano, che dovrebbe derivare dal toponimo Magliano Vetere.
 +Un ipotesi alternativa dell'origine di questi cognomi è che potrebbero
 +derivare dall'appartenenza alla gens latina <i><font color="#3366FF">Manlia</font></i>,
 +o anche da un soprannome legato al vocabolo latino <i><font color="#3366FF">malleus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">maglio</font></i>) e starebbe ad indicare il
 +mestiere di fabbro. Tracce di questo cognome si trovano già nel
 +1371 in un atto rogato dal notaio Carlo Benedetto de Malleano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGLIE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maglie è specifico della penisola salentina, di Tricase, Montesano
 +Salentino, Taurisano, Minervino Di Lecce e Supersano nel leccese, di Taranto,
 +Manduria e San Marzano Di San Giuseppe nel tarantino, e di Brindisi, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Maglie (LE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGLIOCCA
 +<br>MAGLIOCCHETTI
 +<br>MAGLIOCCHETTO
 +<br>MAGLIOCCHI
 +<br>MAGLIOCCHINI
 +<br>MAGLIOCCHINO
 +<br>MAGLIOCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00magliocco.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="70" height="68"><font size="-1">Magliocca dovrebbe essere originario del casertano, mentre Magliocchi è
 +tipico di Cosenza e del cosentino, Magliocchini, estremamente raro, parrebbe
 +dell'area lucana, Magliocchino, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto
 +ad un errore di trascrizione del precedente, Magliocco sembra avere due
 +ceppi, nel cosentino e nel siracusano, Magliocchetti è tipico dell'area
 +che comprende il romano ed il frusinate, Magliocchetto, praticamente unico,
 +è dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, in linea di
 +massima dovrebbero derivare dal nome della gens latina <i><font color="#3366FF">Manlia</font></i>,
 +ma molto più probabilmente derivano dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Magliocus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una Cartula venditionis dell'anno 1174 a Pavia:
 +"<font color="#CC33CC">.. Insuper Berta, uxor suprascripti Iohannis, et
 +Columba, uxor suprascripti Iacobi, viventes lege Longobardorum, per cunsensum
 +ipsorum virorum suorum, una cum noticia propinquorum parentum suorum, hii
 +sunt Bogla de Miscla et Ubertus, germanorum suprascripte Berte, et Albertus
 +Budellus, pater suprascripte Columbe, et </font><font color="#FF0000">Magliocus</font><font color="#CC33CC">,
 +barbanus eius, in quorum presencia et testium certam fecerunt professione
 +nullam se pati violencia a quopiam homine nec ab ipsis viris et Mundoaldis
 +suis nisi illarum bona et spontanea voluntate..</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Magliocco è cognome calabrese che viene dal termine lucano '<i><font color="#3333FF">magliocca</font></i>'
 += <i><font color="#666666">mazza</font></i>. Rohlfs 157.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGLIULO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del napoletano e casertano,
 +potrebbe derivare dall'antico nome spagnolo Maglius, o da toponimi ormai
 +scomparsi con radici simili a Magli (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNABOSCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico dell'area che comprende
 +le province di Verona e Vicenza, dovrebbe derivare da un nome di località
 +Val Magnaboschi (VI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNACAVALLO
 +<br>MAGNOCAVALLI
 +<br>MAGNOCAVALLO
 +<br>MANGIACAVALLI
 +<br>MANGIACAVALLO
 +<br>MANGIOCAVALLI
 +<br>MANGIOCAVALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00magnocavallo.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="82"><font size="-1">Magnacavallo, molto molto raro, sembra specifico di Rovellasca nel comasco, Magnocavalli
 +è quasi unico, Magnocavallo ha piccoli ceppi nel foggiano e nel
 +bresciano, Mangiacavalli sembrerebbe tipico di Lomazzo nel comasco e di Milano,
 +Mangiacavallo, è specifico di&nbsp; Monreale nel palermitano, Mangiocavalli è praticamente unico, Mangiocavallo è assolutamente
 +rarissimo e sembrerebbe dell'area abruzzese, molisana, derivano tutti
 +da soprannomi originati probabilmente da caratteristiche comportamentali
 +del capostipite o da particolari episodi della vita dello stesso. I Magnocavallo,
 +conti di Varengo e castellani di Pontestura (AL) ebbero alterne fortune.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNAGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnaghi è originario del milanese e varesotto, dovrebbe derivare
 +dal nome di paesi come Magnago nel milanese o Cassano Magnago nel varesotto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNAGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnago è specifico del trentino, di Levico Terme, Trento, Cles
 +e Civezzano, potrebbe derivare da un nome di località, oggi scomparsa,
 +derivato forse dal termine latino <i><font color="#3366FF">Magnus ager</font></i>
 +(<i><font color="#999999">grande campo</font></i>), ma molto più
 +probabilmente deriva dal nome di una proprietà terriera di un certo
 +<i><font color="#3366FF">Manius</font></i>, nome latino di persona, cui
 +sia stato aggiunto il suffisso di origine celtica <i><font color="#3366FF">-acus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">terreni di</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNAN
 +<br>MAGNANI
 +<br>MAGNANINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnan è tipico dell'area che comprende il padovano, il trevisano
 +e veneziano, il pordenonese, dove la massima concentrazione è a
 +Meduno, e l'udinese, Magnani è molto diffuso in tutto il nord Italia,
 +in Lombardia in particolare, Magnanini ha un ceppo emiliano, in particolare
 +nel reggiano e modenese e nel ferrarese, con un ceppo anche nel veneziano,
 +dovrebbero derivare, direttamente o attraverso una forma ipocoristica,&nbsp;
 +dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">magnan</font></i>
 +(<i><font color="#999999">calderaio, chi fa e aggiusta le pentole</font></i>),
 +ma in altri casi potrebbe derivare toponimi come Magnano (BI), Magnano
 +in Riviera (UD) ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNANIMI
 +<br>MAGNANIMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnanimi è tipicamente laziale, di Alatri e Frosinone nel frusinate
 +e di Roma ed Anzio nel romano, Magnanimo ha un ceppo a Forio sull'isola
 +d'Ischia nel napoletano ed un piccolo ceppo a Lagonegro nel potentino,
 +dovrebbero derivare da nomi augurali medievali, con i quali i genitori
 +augurassero ai propri figli di essere di animo buono e che la sorte li
 +favorisse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnano ha un ceppo principale nel siracusano ed uno nel torinese, presenta
 +anche un ceppo forse non secondario nel genovese, potrebbe derivare dal
 +vocabolo latino <i><font color="#3366FF">manianus</font></i> (<i><font color="#999999">lavoratore
 +manuale, manovale</font></i>), ma è pure possibile una derivazione
 +dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Manius</font></i>, <i><font color="#3366FF">Manianus</font></i>
 +starebbe per <i><font color="#999999">della gente di Manio</font></i>:,
 +non trascuriamo, soprattutto per i ceppi settentrionali una derivazione
 +simile a quella di Magnani (<font color="#CC33CC">vedi</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazione di Andrea Ferreri</font></font>
 +<br>Diffuso in Sicilia a Siracusa e provincia (Sortino, Lentini, Melilli)
 +e in Piemonte tra la provincia di Cuneo (Barge) e quella di Torino (Cavour,
 +Pinerolo). Entrambi i ceppi sono originari. Il nucleo piemontese potrebbe
 +essere originario di Cavour (Torino). A Catania troviamo la forma cognominale
 +Magnano di San Lio. Essa pare essere di nobile origine. San Lio è
 +una frazione di Palazzolo Acreide (Siracusa). Il cognome deriva dal nome
 +di mestiere <i><font color="#3366FF">magnano</font></i>, <i><font color="#999999">fabbro,
 +calderaio</font></i>. Non credo si possa però escludere un'eventuale
 +origine toponomastica, soprattutto per il ceppo siracusano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNAPANE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnapane è un cognome assolutamente rarissimo, probabilmente dell'Italia
 +meridionale, dovrebbe derivare da un soprannome riferito al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNARAPA
 +<br>MAGNARAPE
 +<br>MANGIARAPE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnarapa, assolutamente rarissimo, è specifico di Casalbordino
 +nel teatino, Magnarape è ormai praticamente scomparso, Mangiarape
 +è praticamente unico ed è molisano, dovrebbero tutti derivare
 +da un soprannome indicante uno stato di povertà del capostipite,
 +le rape assieme a cipolle, agli, porri, scalogno, cavolo, lattuga, spinaci,
 +zucca ed altri ortaggi costituivano la dieta classica delle famiglie contadine
 +e meno abbienti, tanto che magnarape o mangiarape venivano chiamati con
 +disprezzo i contadini (vedi '<i><font color="#3366FF">La secchia rapita</font></i>'
 +di A.Tassoni), con questo termine Teofilo Folengo nell'<i><font color="#3366FF">Orlandino</font></i>
 +indica i lombardi: "<font color="#CC33CC">..Pur saper dè' ch'io
 +son di Lombardia / e ch'in mangiar le rape ho del restio.. ..e questo voglio
 +ch'a color sia detto / che chiaman: "lombarduzzo mangia rape"...</font>",
 +ma è molto difficile che sia questa l'origine di questi cognomi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNASCHI
 +<br>MAGNASCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnaschi, molto raro sembrerebbe di Piacenza e del piacentino, Magnasco
 +ha un nucleo palermitano ed uno primario genovese, dovrebbero derivare
 +dal toponimo Magnasco (GE). Personaggi di rilievo con questo cognome sono
 +stati i pittori genovesi Stefano Magnasco (1635-1680) ed Alessandro Magnasco
 +(1667-1749).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNAVITA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, probabilmente
 +originario del cosentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnelli ha un nucleo nel fiorentino, un ceppo nel piacentino, uno nel
 +Lazio ed uno nel cosentino, dovrebbe derivare da una modificazione del
 +cognomen latino Magnus. (<font color="#CC33CC">vedi Magni</font>)&nbsp;
 +Troviamo tracce di questa cognominizzazione ad Eianina (CS) almeno dal 1700,
 +nel Catasto Onciario del 1752 è citato un Saverio Magnelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNI
 +<br>MAGNINI
 +<br>MAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magni è molto presente in tutto il centronord, Magnini ha ceppi
 +in Lombardia, Toscana, Marche ed Umbria, Magno è abbastanza diffuso
 +in tutto il sud, hanno diverse origini, che si riconducono alla derivazione,
 +anche tramite forme ipocoristiche, dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Magnus</font></i>,
 +o direttamente, o attraverso toponimi correlati con questo nome, in altri
 +casi discende da soprannomi collegati con il vocabolo <i><font color="#3366FF">magno</font></i>
 +(<i><font color="#999999">grande</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNIFICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Pugliese di origine, ci sono tracce
 +di questo cognome già dal 1476, in una lettera d'affari viene citato
 +Messer Andrea Magnifico, il cognome dovrebbe derivare dall'aggettivo magnifico,
 +stante ad indicare l'eccellenza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNISI
 +<br>MANGHISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnisi è specifico di Bari, Manghisi è specifico di Castellana
 +Grotte nel barese, con presenze anche a Monopoli, Conversano e Putignano,
 +sempre nel barese, Manghisio, che è probabilmente il frutto di un'errata
 +trascrizione del precedente, sembrerebbe unico, dovrebbero derivare da
 +una forma dialettale riferita al nome dell'antica città ionica di
 +Magnesia, il cui nome in greco antico era <font color="#3333FF">Μαγνησία
 +<i>Maghnisìa</i></font>, una città della Tessaglia da cui
 +probabilmente erano giunti i capostipiti, forse in fuga all'epoca dell'invasione
 +turca nel XVI° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNOLFI
 +<br>MAINOLFI
 +<br>MAINOLFO
 +<br>MANGIOLFI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magnolfi è tipico di Prato, Firenze e del fiorentino, di Calenzano
 +e Sesto Fiorentino in particolare, Mainolfi, oltre al ceppo a Roma e Mentana
 +nel romano, ha un ceppo a Rotondi e Cervinara nell'avellinese, ed è
 +presente con poche presenze in tutta la Campania, Mainolfo è unico
 +ed è dovuto molto probabilmente ad un errore di trascrizione del
 +precedente, Mangiolfi, quasi unico, è probabilmente dovuto ad errori
 +di trascrizione del cognome Magnolfi, dovrebbero tutti derivare dal nome
 +longobardo
 +<i><font color="#3366FF">Magnulfus</font></i>, <i><font color="#3366FF">Manulfus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Maginulfus</font></i> a sua volta derivato dai
 +termini alto germanici <i><font color="#3366FF">Magin</font></i> (<i><font color="#999999">forza,
 +potenza</font></i>) e <i><font color="#3366FF">wulf </font></i>(<i><font color="#999999">lupo</font></i>)
 +con il significato di Lupo forte e potente, il ceppo campano potrebbe anche
 +derivare dal toponimo Mainolfo (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGNONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Si individua un forte gruppo originario
 +nell'area che comprende le province di Milano e Varese, un altro ceppo
 +nel modenese ed uno possibile nelle Marche, diverse sono le origini, dalla
 +derivazione da uno dei molti toponimi riconducibili a "..magno", come Magno
 +(BS), San Magno (LT) e molti altri, alla derivazione dal cognomen latino
 +Magnus, per il ceppo lombardo non si può escludere la derivazione
 +da un soprannome legato al vocabolo dialettale magnon (che mangia molto).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGON
 +<br>MAGONE
 +<br>MAGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magon ha un ceppo lombardo ed uno veneto tra padovano e rovigoto, Magone,
 +assolutamente rarissimo, parrebbe piemontese, Magoni ha un ceppo nel bergamasco
 +a Selvino soprattutto, ma con significative presenze anche a Nembro, Zogno,
 +Seriate e Ranica, ed ha anche un ceppo nel bolognese a San Giovanni in
 +Persiceto, potrebbero derivare dal nome di origine germanica <i><font color="#3366FF">Magone</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una Carta venditionis et investiture dell'anno
 +1152 a Magenta (MI): "<font color="#CC33CC">...Constat nos Ciceronem filium
 +quondam Iohanni qui fuit dictus Panello de loco Magenta et Adelaxia iugalis
 +et filia quondam item Iohanni qui fuit </font><font color="#FF0000">dictus
 +Magoni</font><font color="#CC33CC"> de loco Axiglane, qui profesi sumus
 +nos iugales ambo lege viventes Longobardorum...</font>", o anche da nomi
 +di località come quella citata ad esempio in questa Carta Offertionis
 +del 1124 a Brescia : "<font color="#CC33CC">...Ecclesie Sancti Iohannis
 +site foris civitatis Brixie nos Vitalis, filius quondam Bruni, de loco
 +Solto set nunc habitator </font><font color="#FF0000">loco Magone Vico</font><font color="#CC33CC">,
 +et Antilda, relicta quondam Benedicti, de eodem loco...</font>" Ricordiamo che Magone era anche nome fenicio, il fratello del generale
 +cartaginese Annibale Barca si chiamava appunto Magone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGOSSI
 +<br>MAGOSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magossi, molto molto raro, è di Ferrara, Magosso è tipico
 +del basso veronese e del rovigoto, di Minerbe nel veronese e di Lendinara,
 +Rovigo, Badia Polesine e Taglio di Po nel rovigoto, dovrebbe derivare da
 +un soprannome dialettale rovigoto arcaico basato sul termine <i><font color="#3333FF">magosso</font></i>
 +(<i><font color="#666666">goffo</font></i>, detto anche di persona piccola
 +e malfatta).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magotti ha un ceppo nel mantovano a Suzzara, Mantova e Pegognaga, ed uno
 +nel trentino a Trento e Lavis, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine dialettale mantovano arcaico <i><font color="#3333FF">magott</font></i>
 +(<i><font color="#666666">male tipo otite, infiammazione agli occhi o unghia
 +incarnita</font></i>), potrebbe essere stato attribuito ad un capostipite
 +particolarmente noioso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGRI
 +<br>MAGRIN
 +<br>MAGRINI
 +<br>MAGRINO
 +<br>MAGRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magri è tipico di Lombardia ed Emilia, Magrin è del vicentino, Magrini è
 +molto diffuso nella fascia dell'Italia centrale che comprende Toscana,
 +Marche, Umbria e Lazio, Magrino, molto raro, ha un piccolo ceppo a Vietri
 +Di Potenza (PZ) ed uno nell'udinese, Magro è molto diffuso in Veneto,
 +nel padovano in particolare, ha ceppi anche in Sicilia ed uno in Calabria,
 +derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Magrus</font></i>
 +derivato da soprannomi originati da caratteristiche della corporatura del
 +capostipite, di quest'uso abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">Cartula
 +libelli </font></i>nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della
 +Lombardia Medioevale</font></i> a Quinzano San Pietro (VA) nel 1178: "<font color="#CC66CC">...ad
 +Castellum Seprium quod fictum emit Petrus clericus et dicitur </font><font color="#FF0000">Magrus</font><font color="#CC66CC">
 +ab suprascripto preposito...</font>". Tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo in Valtellina nel 1700 con un certo Battista Magro fu Stefano,
 +decano e rappresentante della comunità di Villa e Stazzona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAGURNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Magurno è specifico del cosentino, di Diamante,
 +Maierà, Buonvicino e Santa Maria del Cedro, ma è comunque
 +ben presente in tutta la provincia, dovrebbe derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Magunnus</font></i>,
 +con l'aggiunta medioevale di una erre epentetica, ricordiamo Marcus Atronius
 +Magunnus una delle guardie personali di Cesare inviate in schiavitù
 +a Roma a seguito di insubordinazione, dell'uso di questo nome abbiamo un
 +esempionella <i><font color="#3366FF">Vita Sancti Kepii</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">.. Inde uenit ad locum, qui dicitur Cunab,
 +eoque aliquandiu commoratus est. Quodam uero die precepit Caffo cuidam
 +discipulo suo, ut ignem afferret. At ille preceptori suo parens, ad domum
 +cuiuslibet fabri, nomine </font><font color="#FF0000">Magurnus</font><font color="#CC33CC">,
 +progreditur. A quo unde uenisset interrogatus, respondit, `A magistro meo
 +Kebio.' At ille quid uellet sciscitans, `Ignem' inquid `habere uellem.'
 +Cui </font><font color="#FF0000">Magurnus</font><font color="#CC33CC">,
 +`Focum tibi non dabo, nisi in sinu tuo gestaberis'. Responditque Caffo,
 +`Depone ignem in sinu meo.'&nbsp; ..</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Magurno è un cognome derivato dal toponimo Magorno (pianure
 +di -) vicino a Lagonegro (PZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAI
 +<br>MAIETTI
 +<br>MAIETTO
 +<br>MAIO
 +<br>MAJ
 +<br>MAJO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mai è decisamente lombardo di Milano, ma anche di San Giacomo delle
 +Segnate nel mantovano, di Varese, di Lodi e del bresciano, con un ceppo
 +anche in Emilia a Modena e nel modenese ed uno a Roma, Maietti ha un ceppo nel sudmilanese e lodigiano a Sant'Angelo Lodigiano, uno a Ferrara ed Argenta nel ferrarese, uno a Terracina nel latinense, probabile esito dell'emigrazione in occasione della 
 +bonifica Pontina, ed uno a Napoli, Maietto, quasi unico, è del viterbese, Maj è tipicamente
 +lombardo, di Schilpario nel bergamasco e di Vimercate e Milano nel milanese,
 +Maio è diffuso nel centrosud, Majo, molto raro, ha ceppi nel chietino
 +e nel palermitano, questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o attraverso ipocoristici, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Majo</font></i> (<i><font color="#999999">Maggio</font></i>)
 +attribuito a bambini nati in quel mese, di quest'uso abbiamo un esempio
 +in Irpinia in uno scritto del 1015: "<font color="#CC66CC">...tradidit
 +michi ad tenendum et laborandum </font><font color="#FF0000">Maio</font><font color="#CC66CC">,
 +filio Domnelli, una pecia de terra cum arbusto bitatum, quod abuit in locum
 +Solofre...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIA
 +<br>MAIETTA
 +<br>MEIETTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maia ha piccoli ceppi nell'area ligure, piemontese, lombarda, un piccolissimo
 +ceppo a Ferrara, ha presenze nel napoletano ed un piccolo ceppo nel palermitano
 +a Prizzi e Palermo, Maietta è tipicamente campano, di Marcianise,
 +Capodrise, San Nicola la Strada e Caserta nel casertano, di Napoli, Pomigliano
 +d`Arco, Casalnuovo di Napoli, Roccarainola, Nola. Acerra e Cicciano nel
 +napoletano, di Avella, Avellino e Rotondi nell'avellinese, e di Paolisi
 +e Montesarchio nel beneventano, Meietta è praticamente unico e dovrebbe
 +essere dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, questi cognomi
 +potrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome <i><font color="#3333FF">Maia</font></i>,
 +il nome di un'antica dea romana della fecondità e del risveglio
 +naturale in primavera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIALE
 +<br>MAIALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiale ha un piccolo ceppo nel teatino a Palmoli e San Salvo, uno in Campania
 +nel beneventano a Sant'Angelo a Cupolo, Pietrelcina e Benevento, nel casertano
 +a Curti e Trentola Ducenta ed a Castel San Lorenzo nel salernitano, presenta
 +inoltre un ceppo nella punta occidentale della Sicilia, a Marsala e Mazara
 +del Vallo nel trapanese, Maiali ha un ceppo nel Lazio a Rieti e Torricella
 +in Sabina nel reatino ed a Roma, questi cognomi potrebbero derivare da
 +soprannomi originati dal fatto che i capostipiti fossero dediti all'allevamento
 +dei maiali, peraltro molto redditizio anche anticamente, ricordiamo che
 +il termine <i><font color="#3333FF">maialis</font></i> aveva avuto origine
 +dal nome della dea latina <i><font color="#3333FF">Maia</font></i>, quindi
 +non aveva assolutamente un significato negativo, un'altra possibilità
 +è che possano aver avuto origine dal nome <i><font color="#3333FF">Maialis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">di maggio, maggengo</font></i>), attribuito a
 +figli nati appunto nel mese di maggio, dell'uso di questo termine abbiamo
 +un esempio in questo testo medioevale: "<font color="#CC33CC">.. Intra
 +hunc ordinem diurnum commendata privata exercitia pietatis: adoratio, rosarium,
 +stationes viae crucis, </font><font color="#FF0000">mense Mai</font><font color="#CC33CC">o
 +devotio </font><font color="#FF0000">Maialis</font><font color="#CC33CC">
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIANI
 +<br>MAIANO
 +<br>MAJANI
 +<br>MAJANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiani ha ceppi tra Bologa e Molinella (BO), a Genova, ad Arezzo e tra
 +Firenze e Borgo San Lorenzo (FI), ad Ancona ed a Roma, Maiano ha un ceppo
 +a San Remo (IM) ed uno a Cepagatti (PE), Majani e Majano sono assolutamente
 +rarissimi, dovrebbero tutti derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Maiania</font></i> o dal nomen romano <i><font color="#3366FF">Maianus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un'antica lapide: "<font color="#CC33CC">I</font><font color="#000000">(ovi)</font><font color="#CC33CC">
 +O</font><font color="#000000">(ptimo) </font><font color="#CC33CC">M</font><font color="#000000">(aximo)
 +/ </font><font color="#CC33CC">Pistillus</font><font color="#000000"> /</font><font color="#CC33CC">
 +et Quintus</font><font color="#000000"> / </font><font color="#CC33CC">et
 +</font><font color="#FF0000">Maianus</font><font color="#CC33CC"> </font><font color="#000000">/
 +</font><font color="#CC33CC">Bellici f</font><font color="#000000">(ilius)
 +/</font><font color="#CC33CC"> v</font><font color="#000000">(otum)</font><font color="#CC33CC">
 +s</font><font color="#000000">(olverunt)</font><font color="#CC33CC"> l</font><font color="#000000">(ibentes)</font><font color="#CC33CC">
 +l</font><font color="#000000">(aeti) </font><font color="#CC33CC">m</font><font color="#000000">(erito)</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso in Calabria e Sicilia, dovrebbe derivare dal vocabolo arabo maidah
 +(tavolo), esiste anche un'ipotesi che lo farebbe derivare dal toponimo
 +Maida (CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIELLA
 +<br>MAIELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiella molto raro dovrebbe essere di origine abruzzese e derivare dal
 +nome di località omonima, Maielli, molto molto raro, è del
 +foggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiello è tipico del napoletano di Afragola, Napoli, Sant`Anastasia,
 +Somma Vesuviana e Casoria e di San Nicola la Strada e Caserta nel casertano,
 +con ceppi a Roma e nel latinense a Formia e Terracina, ed in Calabria a
 +Curinga (CZ), dovrebbe derivare dall'ipocoristico del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Majo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Maggio</font></i>) attribuito a bambini nati
 +in quel mese (<font color="#CC33CC">vedi MAIO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIELLARO
 +<br>MAJELLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro il primo, mentre il secondo è assolutamente rarissimo
 +e potrebbe trattarsi o di una forma originale dello stesso cognome, o di
 +una diversa trascrizione, sembrerebbero specifici della Puglia, dovrebbero
 +derivare da un soprannome legato alla catena montuosa abruzzese della Maiella.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Oltre che dall'oronimo Maiella, Maiellaro potrebbe avere alla base
 +il sostantivo del dialetto calabrese '<i><font color="#3333FF">majillaru</font></i>'
 += <i><font color="#666666">costruttore di madie</font></i>, oppure il toponimo
 +Majello che si trova nella contrada di Zagarise (CZ). Minervini 292.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIER
 +<br>MAJER
 +<br>MEIER
 +<br>MEIR
 +<br>MEJER
 +<br>MEJR</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maier è tipico della provincia di Bolzano e di quella di Trieste,
 +Majer è specifico di Venezia e Trieste, Meier, assolutamente rarissimo,
 +è del nord Italia, Meir e Mejer sono quasi unici, Meyr è
 +veneto, dovrebbero derivare dal cognome tedesco <i><font color="#3366FF">Mayer</font></i>
 +a sua volta derivato dal latino <i><font color="#3366FF">maior</font></i>
 +(<i><font color="#666666">maggiore, fattore, supervisore</font></i>), ma
 +in alcuni casi potrebbero essere di origine ebraica (<font color="#CC33CC">vedi
 +MAYER</font>), a testimonianza di ciò troviamo nella prima metà
 +del 1400 ad Asolo un certo Abraam quondam Maier titolare del locale banco
 +di pegni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIERON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe tipico del paese di Paluzza (UD), dovrebbe derivare da un soprannome
 +proveniente dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">maior</font></i>
 +(<i><font color="#666666">più grande</font></i>), originato o dall'importanza
 +del personaggio, ad esempio un sindaco o comunque un responsabile di più
 +persone, o dall'imponenza dello stesso, potrebbe anche trattarsi dell'italianizzazione
 +del cognome ebraico Meir.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiese è specifico di Vallo della Lucania e di Novi Velia nel salernitano,dovrebbe
 +indicare un'origine francese delle famiglie, <i><font color="#3333FF">Maiese</font></i>
 +era il nome arcaico della regione del Maine in Francia, vicina all'Angiò,
 +dell'uso di questo termine abbiamo un esempio in un libro di storia che
 +a proposito degli avvenimenti dell'anno 1154 tra l'altro scrive: "<font color="#CC33CC">...Era
 +egli già Conte di Angiò, ed avea menato in moglie Eleonora
 +di Aquitania, ripudiata da Luigi il Giovane, Re di Francia. Quindi al suo
 +Reame d' Inghilterra e di Normandìa egli aggiunse l' Angiò,
 +la Turenna , il </font><font color="#CC0000">Maiese</font><font color="#CC33CC">,
 +il Poitù , la Santongia , la Guienna e la Guascogna; provincie che
 +la sua moglie aveagli recato in dote. Indi egli fece la conquista dell'Irlanda,
 +la quale fu incorporata all'Inghilterra ; non</font>
 +<br><font color="#CC33CC">però sotto il titolo di Regno, che ottenne
 +alcuni secoli dopo. Non eravi allora in Europa Sovrano più potente
 +di Arrigo; ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Maiese è cognome lucano presente a Sala Consilina. Secondo G.
 +Rohlfs viene dall'aggettivo '<i><font color="#3333FF">maggese</font></i>'
 +(<font size="-2">n.d.r.</font> <i>che indica ciò che avviene nel mese
 +di maggio, o anche le operazioni agricole atte al recupero di un terreno
 +impoverito</i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIFREDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maifredi è tipicamente lombardo del bresciano in particolare,
 +di Brescia, Palazzolo Sull`Oglio, Chiari, Ghedi, Cazzago San Martino, Visano
 +e Coccaglio, deriva dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Maifredus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +Bresciano</font></i> a San Pietro in Oliveto nell'anno 1175: "<font color="#CC33CC">Anno
 +Domini MCLXXV, indictione VIII, die martis nono intrante mense decembris.
 +Presentia horum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum quod
 +in sua manu tenebat dominus Petrus, prepositus ecclesie Sancti Petri in
 +Oliveto, per parabolam presbiteri Iohannis et Girardi et aliorum fratrum,
 +ut dicebat, investivit </font><font color="#FF0000">Maifredum</font><font color="#CC33CC">
 +de Carpentero de Pontecaralo, nominative de uno sedimine, iuris predicte
 +ecclesie, et quod iacet in loco Pontecarali, non longne a castro de eo
 +loco; coeret ei: a mane Girardus de Manerva, a meridie et a sera via, a
 +monte Bertolottus. Eo vero modo fecit hanc investituram ut ipse </font><font color="#FF0000">Maifredus</font><font color="#CC33CC">
 +et sui heredes aut cui dederint, perpetualiter habeant et teneant predictum
 +sediminum...</font>", tracce di questa cognominizzazione le troviamo tra
 +bergamasco e bresciano nella seconda metà del 1200 con il notaio
 +di Curno Albertino Maifredi , e più avanti nella prima metà
 +del 1400 con il notaio Giovanni Maifredi fu Pietro Catelan di Nembro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIMONE
 +<br>MAIMONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maimone sembrerebbe tipicamente siciliano, del messinese e delle vicine
 +aree del palermitano e del catanese, con un ceppo anche nel basso potentino
 +e nel napoletano, Maimoni, quasi unico, è probabilmente dovuto ad
 +errori di trascrizione del precedente.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Maimone</font></i>,
 +l'italianizzazione cioè del personale arabo <i><font color="#3366FF">Maimon</font></i> o <i><font color="#3366FF">Maimun</font></i>, col significato letterale
 +di <i><font color="#999999">fortunato</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Fortuna e Fortunata</font>): per la precisione, comunque, va notato che <i><font color="#3366FF">Maimon</font></i> è anche un nome ebraico
 +(sia sefardita che askenazita) e talvolta, allora, vi è la possibilità
 +di una discendenza ebrea piuttosto che araba (a dire il vero, la distribuzione
 +geografica dei cognomi Maimone e Maimoni rende più probabile un'origine
 +araba). Ad ogni modo, un esempio famoso del nome Maimon viene proprio dalla
 +comunità ebraica, con la figura del rabbino Moshe ben Maimon (nato
 +a Cordoba, Spagna, nel 1135 e morto a Fostat, Egitto, nel 1204), che, ancora
 +oggi, è ritenuto uno dei più grandi filosofi e pensatori
 +della cultura ebraica (nel Medioevo, Moshe ben Maimon fu uno dei pochi
 +filosofi ebrei ad influire sulla cultura non-ebraica). Per quanto riguarda
 +i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi
 +personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINA
 +<br>MAINELLA
 +<br>MAINELLI
 +<br>MAINELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maina ha un ceppo importante nel torinese, uno secondario nel milanese
 +ed uno probabilmente primario nella zona tra Caserta e Napoli, Mainella
 +è caratteristico di Frosolone ed Isernia nell'iserniese e di Bojano
 +nel campobassano, Mainelli ha un piccolissimo ceppo in Piemonte, nel novarese
 +ad Oleggio e nel biellese, e qualche presenza tra Molise e Campania, Mainello,
 +praticamente unico, è dell'iserniese, dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite forme ipocoristiche, dal nome medioevale di origini
 +francone, forma apocopaica del nome germanico <i><font color="#3333FF">Mainhard</font></i>,&nbsp;
 +<i><font color="#3333FF">Maina</font></i>, di cui abbiamo un esempio nel
 +1200 in Linguadoca:
 +"<font color="#CC33CC">...Cui hereticaiioni interfuerunt ipse testis et
 +</font><font color="#FF0000">Maina</font><font color="#CC33CC">, filia
 +ipsius infirme, que est uxor ipsius Guillelmi Peitavi ...</font>" e nel
 +1500 nel milanese: "<font color="#CC33CC">...Li Heredi di Ambrogio di Sappi
 +cioe </font><font color="#FF0000">Maina</font><font color="#CC33CC"> di
 +Sappi ubligata a uno annuale di messe sej e stara duj formento per anni
 +diecj come nel testamento sotto li i8 di Aprile i547 rogato per Francesco
 +Isacho di tabiago...</font>", tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +nei pressi di Maranello (MO) nel X° secolo quando i Maina erano feudatari
 +del luogo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso nel centro nord, deriva dal nome medioevale italo germanico Mainardo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giancarlo
 +Mainardi</font></font>
 +<br>Diffuso con media frequenza al nord e sporadicamente nel centro, ha
 +alla base il nome di origine germanica e di tradizione francone Mainardo,
 +documentato nella stessa area dal X° secolo come Maginardus o Maghinardus
 +e Mainardus,. formato da "magin" forza,potere (il passaggio da magin a main è tanto longobardo
 +quanto francone) e "hardu", duro, forte,valoroso, con il significato originario,quindi,
 +di duro,temibile per la sua forza.&nbsp; L'Abate Benedettino Jean de Mabillon
 +, Abate di Reims ed erudito ci tramanda al riguardo le seguenti note relative
 +all'esistenza del cognome Mainardi già nel V° secolo:&nbsp;
 +....di un Conte Mainardo del secol quinto, forse Mainardo/Tomo 7, ivi 419
 +degli Atti dei SS. Benedettini. E ancora: Maginardi e Mainard del secol
 +quinto e und'essi Vescovo di Mans, pag. 282, 629, Tomo 7 degli stessi atti.
 +<font color="#3366FF"><font size="-2">(Fonti: Emidio de Felice e Atti dei
 +SS.Benedettini di Jean de Mabillon)</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico cagliaritano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo dialettale sardo <i><font color="#3333FF">maìna</font></i> (<i><font color="#666666">sortilegio, magia</font></i>), tracce
 +di questo cognome le abbiamo fin dal 1500 con il pittore cagliaritano Antioco
 +Mainas.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MAINAS: <i><font color="#3333FF">màina</font></i> o <i><font color="#3333FF">màî</font></i>
 +è aggettivo sardo, di etimologia sconosciuta, riferito a un tipo
 +di <i><font color="#666666">terra particolarmente argillosa</font></i>:
 +terra màina o maî. Ben diverso è il significato di
 +<i><font color="#3333FF">maìna</font></i> o <i><font color="#3333FF">maìnas</font></i>
 += <i><font color="#666666">stregoneria, fattucchieria, sortilegio</font></i>.
 +Ammainài = ammaliare, incantare con sortilegi, ma anche con carezze,
 +amorevolezze. La voce “maìna” è un misto di “magia e medicina”
 +&gt; matzìna e maxìna (<font color="#CC33CC">vedi il cognome
 +Mascìa</font>). “Esti un homini de maìnas malas”! (per definire
 +un uomo di cui non c’è da fidarsi, per le sue “diavolerie”). È
 +un cognome raro e diffuso per lo più nella parte meridionale della
 +Sardegna. Ma è presente nelle carte antiche della lingua e della
 +storia della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del
 +1388, troviamo: Mainas (de) Basilo, ville Gonnos de Tramacia; Mainas(de)
 +Nicolao, ville Gonnos de Tramacia, * Gonnos de Tramacia…Gonnostramatza.
 +Partis de Montibus - ** Et ego De Montisi Laurencius de&nbsp; Villa de
 +Gonnos de Tramacia, sindicus etc. etc. Curatorie Partis de Montibus seu
 +a Guantino Marmeda (officiali majori Curatorie…congregatis in villa de
 +Gonnos de Tramacia, ante domum habitacionis Guantini Marmeda…in posse&nbsp;
 +Penna Ambrosii. XI die januarii 1388. Attualmente il cognome è presente
 +in 35 Comuni italiani, di cui 15 in Sardegna: Quartu 79, Quartucciu 36,
 +Iglesias 24, Selargius 21, etc,</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINERI
 +<br>MAINERO
 +<br>MAINIERI
 +<br>MAINIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maineri, molto raro, ha un ceppo in Liguria tra Savona e La Spezia, a Toirano
 +(SV) in particolare, Mainero, anch'esso raro, ha un ceppo nel genovese
 +ed uno nel torinese, dove potrebbe derivare dal toponimo Maineri di Buriasco
 +(TO), Mainieri, decisamente raro, è tipico dell'alto cosentino,
 +zona di Castrovillari e Morano Calabro, Mainiero, ancora più raro,
 +dovrebbe essere specifico dell'Irpinia, di&nbsp; Ariano Irpino, derivano
 +tutti dal nome medioevale germanico di tradizione franca Mainerius, di
 +cui abbiamo un esempio nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico della
 +Lombardia medievale</font>, dove, in una sentenza scritta in Milano l'8
 +novembre 1174, si legge: "<font color="#CC33CC">...Die veneris, octavo
 +die mensis novembris, in consulatu Mediolani. Sententiam protulit Arnaldus
 +iudex qui dicitur </font><font color="#FF0000">Mainerius</font><font color="#CC33CC">
 +consul Mediolani,..</font>", un principio di questa cognominizzazione lo
 +troviamo nel 1300 a Milano: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Mainanus
 +sive Mainerius Petrus</font><font color="#CC33CC">, natione Italus, Alumnus
 +Provinciae Lombardiae, Filius Coenobii ad S. Marcum Mediolani,...</font>",
 +sempre nel Nicolò Dè Maineri,&nbsp; secolo un Nicolò
 +Dè Maineri, è ammiraglio di una flotta di 15 navi genovesi.
 +nella guerra contro i veneziani, un Pietro Maineri fu vescovo di Piacenza
 +dal 1388 al 1404.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINETTI
 +<br>MAINETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mainetti è tipicamente lombardo, con un ceppo principale nella zona
 +delle province di Lecco e Sondrio, particolarmente a Lecco, Mandello Del
 +Lario e Lierna nel lecchese e Colorina, Mese, Chiavenna e Samolaco nel
 +sondriese, a Brescia e Milano, presenta anche un ceppo tra Imola (BO),
 +Faenza (RA) e Forlì, Mainetto, assolutamente rarissimo, è
 +presente nel genovese e nel grossetano, dovrebbero derivare dal
 +nome franco <i><font color="#3366FF">Mainet</font></i>, nome che adottò
 +il giovane Carlo, il futuro Carlomagno, nel suo esilio a Toledo, come viene
 +descritto nella <i><font color="#3366FF">Chanson de Saisnes</font></i>
 +del XII° secolo, nome che si latinizzò in <i><font color="#3366FF">Mainettus,
 +Manettus</font></i> o <i><font color="#3366FF">Mainetus</font></i>, di
 +cui abbiamo un esempio nel 1273 con Maineto vescovo di Fiesole: "<font color="#CC33CC">In
 +Christi nomine amen. M°CC°LXXIII°, inditione prima, .. Taddeus
 +prior de Poppiena, licet indignus executor venerabilis patris domini </font><font color="#FF0000">Maineti
 +</font><font color="#CC33CC">Dei gratia episcopi phesulani, universis atque
 +singulis clericis et laicis per episcopatum phesulanum...</font>". ed in
 +una fidejussione del 1418 a Firenze: "<font color="#CC33CC">Pro Potestaria
 +Ripefratte pro resto bonorum tertii anni fideiussit </font><font color="#FF0000">Manettus
 +</font><font color="#CC33CC">Andree suprascriptus suo nomine proprio et
 +etiam pro et vice et nomine dicti Iacobi Montis cum quo ipse stat et ut
 +dixit de suo con...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAINI
 +<br>MAININI
 +<br>MAININO
 +<br>MAINO
 +<br>MAINOLDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00maino.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="40" height="49"><font size="-1">Maini è specifico emiliano, Mainini, decisamente lombardo del milanese
 +e del comasco, ha un ceppo anche nel reggiano, Mainino, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe del varesotto, Maino sembra avere più ceppi, nel barese,
 +nel trentino e vicentino, nel milanese e comasco, Mainoldi, assolutamente
 +rarissimo, dovrebbe essere lombardo, dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite forme tronche e, in alcuni casi ipocoristiche, dal nome longobardo
 +<i><font color="#3366FF">Mainold.</font></i> Tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Milano con il famoso giurista e membro del Senato di Milano
 +Iason Maynus (1435-1519), nel bergamasco nel 1500 con il patrocinatore
 +legale Orlando Mainoldi citato in varie sentenze, sempre nel 1500 nel vicentino
 +con il notaio Pietro Maino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIOCCA
 +<br>MAIOCCHI
 +<br>MAIOCCO
 +<br>MAJOCCHI
 +<br>MAJOCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiocca è praticamente unico, Maiocchi è specifico dell'areale
 +individuato dalle province di Milano, Pavia e Lodi, Majocchi, decisamente
 +meno comune, è una forma arcaica del precedente, Maiocco, abbastanza
 +raro, ha un ceppo nel Piemonte, torinese, astigiano e cuneese, ed in Liguria,
 +savonese e genovese, uno nel teatino ed uno nel foggiano, Majocco, estremamente
 +raro, è del torinese, l'origine di questi cognomi può essere
 +dal vocabolo dialettale arcaico milanese <i><font color="#3366FF">maiocch</font></i>
 +, che parrebbe derivato dal celtico <i><font color="#3366FF">magos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">campo arato</font></i>), termine che sta ad indicare
 +un <i><font color="#666666">buon pasto</font></i>, nome normalmente attribuito
 +a <i><font color="#666666">terreni con abbondante e ricco foraggio</font></i>,
 +probabile caratteristica del luogo d'origine delle famiglie, ancora oggi,
 +nel milanese esistono cascine chiamate Maiocca, Majocchina e simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIOLA
 +<br>MAJOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiola ha un ceppo laziale concentrato a Priverno (LT) ed uno campano a
 +Pignataro Maggiore (CE), Majola, assolutamente rarissimo, parrebbe dello
 +spezzino, potrebbero derivare da nomi di località, ma è pure
 +possibile che siano stati originati da un soprannome generato dal termine
 +arcaico <i><font color="#3366FF">maiola</font></i> o <i><font color="#3366FF">majola</font></i>
 +(<i><font color="#999999">talea di vite </font></i><font color="#000000">e</font><i><font color="#999999">
 +</font></i><font color="#000000">per estensione</font><i><font color="#999999">
 +ceppo nuovo, nuovo virgulto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIOLATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiolati, molto raro, ha qualche presenza nel maceratese, ed un piccolo
 +ceppo a San Felice Circeo nel latinense, la sua origine dovrebbe essere
 +dal nome del paese marchigiano di Maiolati, oggi Maiolati Spontini, nei
 +pressi di Jesi nell'anconetano, il cui nome dovrebbe derivare da un Fundus
 +de Magnolati e risalire al 1200.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIOLI
 +<br>MAIOLINI
 +<br>MAIOLINO
 +<br>MAJOLI
 +<br>MAJOLINI
 +<br>MAJOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maioli è presente in Lombardia, Emilia e Romagna, Marche
 +e Toscana, il ceppo più importante è romagnolo e marchigiano
 +che dovrebbe derivare dal toponimo Maiola nel bolognese o Maiolo nel pesarese,
 +Maiolini ha un ceppo ad Ome nel bresciano, uno nell'anconetano a Cupramontana,
 +Ancona e Jesi, uno ad Orvieto nel ternano, uno a Tagliacozzo nell'aquilano,
 +uno a Roma ed uno a Napoli, Maiolino ha un ceppo nell'imperiese ad Imperia
 +e San Remo, uno a Vetralla nel viterbese ed a Roma, uno a Napoli ed a Salerno,
 +ma il nucleo principale è in Sicilia, a Siracusa, a Catania e nel
 +messinese a Milazzo, Messina e San Filippo del Mela, Majoli ha un ceppo
 +veronese, uno romano ed uno ad Eboli nel salernitano, Majolini, quasi unico,
 +sembrerebbe dell'Italia centrale, Majolino, è specifico di Messina
 +e Palermo, dovrebbero derivare, con molta probabilità, dal fatto
 +di essere nati i capostipiti nel mese di maggio.&nbsp; (<font color="#CC33CC">vedi anche MAIOLA</font>)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Maioli è cognome d'origine patronimica muove dal nome proprio
 +<i><font color="#3333FF">Maiolus</font></i>, dal personale longobardo <i><font color="#3333FF">Magio</font></i>
 +(da *<i><font color="#3333FF">magin</font></i> - «<i><font color="#666666">forza,
 +potenza</font></i>»). II personale <i><font color="#3333FF">Maiolus</font></i>
 +figura in una carta modenese del 1176. Modesta la sua diffusione nel Modenese.
 +F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996. Così Violi, a mio
 +parere, invece, ha alla base il toponimo Maiolo (PU) che deriva dal latino
 +'<i><font color="#3333FF">maius</font></i>' = <i><font color="#666666">maggio</font></i>,
 +che presso i Romani era dedicato a <i><font color="#3333FF">Maja</font></i>,
 +la dea della vegetazione. Possibile anche l'incrocio di questa voce col
 +lat. <i><font color="#3333FF">maior/maius</font></i> = <i><font color="#666666">maggiore</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIOLO
 +<br>MAIUOLO
 +<br>MAJOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiolo e Maiuolo sono di origini calabresi del catanzarese in particolare,
 +Majolo, molto raro, ha un ceppo tra padovano e vicentino, forse secondario,
 +ed uno napoletano, potrebbero derivare da nomi di località.&nbsp;
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche MAIOLA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente campano, deriva dal
 +toponimo Maione (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIORANA
 +<br>MAJORANA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipici siciliani anche se Majorana è molto più raro,
 +dovrebbero derivare da un soprannome originato dal fatto che la pianta
 +di maggiorana in Sicilia viene considerata come portafortuna.&nbsp; Questa
 +cognominizzazione si trova ad Erice (TP) già nel 1200 con il notaio
 +Giovanni Maiorana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIORANO
 +<br>MAJORANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiorano è molto diffuso in Campania, Molise, Puglia ed un pò
 +anche in Calabria, Majorano, assolutamente rarissimo, sembrerebbe napoletano,
 +dovrebbe derivare da soprannomi originati dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">majorano</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tipo di origano</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIORCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiorca sembrerebbe tipicamente siciliano di Messina, Catania, Siracusa
 +e Palermo, con ceppi anche in Sardegna, dovrebbe derivare dal nome della
 +città spagnola di Maiorca o, in Sardegna, dal nome del toponimo
 +Maiorca di Budoni nel nuorese.&nbsp; Si potrebbe trattare di famiglie ebree
 +discendenti dagli ebrei di Maiorca&nbsp; accusati di proselitismo cui vennero
 +confiscati tutti i beni nel 1315 e che ripararono in Sicilia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MAIORCA: è un cognome poco diffuso in Sardegna, nonostante la
 +vicinanza dell’isola spagnola omonima e la dominazione, spagnola, della
 +Sardegna per quasi mezzo millennio. Nella costa orientale dell’isola, tra
 +il territorio di Pattàda (prov. Nuoro) e quello di Budoni (prov.
 +Olbia Tempio), ma in agro di quest’ultimo, si trova una località,
 +registrata nei documenti medioevali (V.S. G. P. Et. Di Giovanni Spano),
 +di nome Maiorca (oggi è una frazione di 150 anime del Comune di
 +Budoni). Il nome è probabilmente derivato dall’isola spagnola di
 +fronte. Il cognome Maiorca potrebbe quindi trarre origine da tale luogo,
 +se non direttamente da Maiorca, isola di Spagna. Nella variante Maiorica,
 +l’abbiamo trovato nelle carte medioevali. Nel Condaghe di San Pietro di
 +Silki, CSPS, XI, XIII secolo, ai capitoli 95, 108 e 111 troviamo citato
 +Gosantine de Maiorica, come testimone in liti per la partizione della servitù
 +(kertu de servis) – al 95 e 108, col priore prebiteru Ithoccor de Fraville,
 +e al 111 con Kipriane Murtinu. Nel testo di Giovanni Francesco Fara “In
 +sardiniae Chorographiam”, al capitolo “de situ insulae Sardiniae” troviamo
 +citate Maiorica e Minorica, ma si tratta delle Baleari. Nel De Rebus Sardois”,
 +dello stesso autore Maiorica è citata altre due volte, ma si tratta
 +sempre dell’isola maggiore delle Baleari. Quindi la voce Maiorca la troviamo
 +solo nel Vocabolario Sardo Geografico, Patronimico ed Etimologico del canonico
 +Giovanni Spano, come località: “Majorca. Salto&nbsp; nel territorio
 +di Posada”…che abbiamo innanzi detto essere oggi una frazione di Budoni.
 +Attualmente il cognome Maiorca è presente in 92 Comuni d’Italia,
 +di cui 15 in Sardegna: Riola Sardo 8, Palau 8, Sassari 6, etc. Nell’Italia
 +è la provincia di Siracusa che ospita il numero maggiore di persone
 +con tale cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIORE
 +<br>MAIORI
 +<br>MAJORE
 +<br>MAJORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiore ha un ceppo nel sassarese, ad Ittiri e Sassari, uno a Catanzaro
 +ed uno nel siracusano, a Siracusa e Noto, Maiori è specifico di
 +Lucera nel foggiano, Majore, quasi unico, è del sassarese, Majori,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe del settentrione d'Italia, dovrebbero
 +derivare tutti dal termine medioevale <i><font color="#3333FF">maiore</font></i>,
 +derivato a sua volta dal latino <i><font color="#3333FF">maior</font></i>
 +(<i><font color="#666666">maggiore</font></i>), con il significato di <i><font color="#3333FF">maggiorente
 +del paese</font></i>, quello che oggi chiameremmo <i><font color="#666666">sindaco</font></i>,
 +indicando probabilmente che possa trattarsi di famiglie, i cui capostipiti
 +possano aver rivestito la massima carica pubblica cittadina, o facessero
 +comunque parte dei maggiorenti del paese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAISTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico campano, della zona che comprende il casertano ed il napoletano,
 +deriva da un soprannome dialettale con il significato di mastro (artigiano,
 +muratore o simili).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAISTRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maistri è tipico dell'area trentino, veronese, in particolare di
 +Aldeno e Trento nel trentino e di Verona e Negrar nel veronese, dovrebbe
 +derivare da una forma arcaica <i><font color="#3366FF">maistro</font></i>
 +del termine latino <i><font color="#3366FF">magister</font></i> (<i><font color="#999999">maestro,
 +ma anche mastro artigiano</font></i>), probabilmente riferendosi al mestiere
 +del capostipite, dell'uso di questo termine abbiamo un esempio in un'epistola
 +del 1182: "<font color="#CC33CC">...Vellemus tibi libentius vitam , ac
 +prosperitatem bonae memoriae </font><font color="#FF0000">Maistri </font><font color="#CC33CC">Hugonis
 +quondam Fratris tui Diaconi Cardinalis S. Angeli nunciare; sed ad solatium
 +doloris, quem de morte ipsius , sicut Nos ipsi habuimus ...</font>".&nbsp;
 +Troviamo un principio di questa cognominizzazione in un atto di vendita
 +dell'anno 1189 a San Sepolcro di Ternate nel varesotto: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnacionis milleximo centeximo octuageximo nono, tercio kalendas
 +februarii, indicione .VIIa. Vendicionem ad proprium sub dupla defensione
 +fecit Zanonus, filius quondam </font><font color="#FF0000">Ottonis Maistri</font><font color="#CC33CC">,
 +de loco Sancti Sepulchi, qui lege Longobardorum professus est vivere, in
 +donum Guilielmum, oficialis eclesie Sancti Sepulchi sita iusta locum Trinate,
 +a parte ipsius eclesie, pro pretio de solidis decem et dimidium denariorum
 +novorum Mediolanensium, quos professus est ipse Zanonus se accepisse ab
 +ipso ser dono Guilielmo, nominative pro petia una bussci ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAITINI
 +<br>MAITINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maitini, molto raro, sembrerebbe umbro del perugino, di Assisi e di Perugia,
 +con qualche sparuta presenza nel bergamasco, Maitino, ha rare presenze
 +in Umbria, Lazio ed Abruzzo, ma presenta un piccolo ceppo in Molise nell'iserniese,
 +a Miranda e ad Isernia, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Maitinus</font></i>,
 +una forma alterata arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Martinus</font></i>,
 +nome portato ad esempio da un antenato di Papa Roncalli, <i><font color="#3333FF">Maitinus
 +Roncalli dictus Maitinus de Valle Imania</font></i> fondatore della località
 +bergamasca di Camaitino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAITRE
 +<br>MEITRE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maitre, estremamente raro, è piemontese, Meitre, quasi unico, è
 +decisamente piemontese anch'esso, dovrebbero essere antichi cognomi medioevali
 +derivati dall'italianizzazione, anche dialettale, del termine latino <i><font color="#3333FF">magister</font></i>,
 +il che sottintenderebbe che il capostipite facesse l'artigiano, cioè
 +il <i><font color="#3333FF">magister artis</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiu, quasi unico, è del Medio Campidano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MAIU: <i><font color="#3333FF">mãiu</font></i>, è il
 +mese di <i><font color="#666666">maggio</font></i> (<a href="http://www.melegnano.net/memorie/concas306.html">vedi
 +nel Web – Giuseppe concas – almanacco di Sardegna – mese di maggio</a>);
 +si scrive anche <i><font color="#3333FF">mãyu</font></i>. Il cognome
 +potrebbe essere riferito a persona (il capostipite in questo caso) nata
 +nel mese di maggio. Si tratta di un cognome molto raro, presente in pochissimi
 +Comuni della Sardegna, con la maggior concentrazione (si fa per dire) nel
 +Medio Campidano: Villacidro, San Gavino, Serramanna, etc. Tracce del cognome
 +compaiono nelle carte medioevali della lingua e della storia della Sardegna.
 +Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII, secolo; al capitolo
 +28 troviamo Maiu Terico, citato come teste in una partizione di servi.
 +– Ego Arrigu, priore de Sancta Maria de Bonarcadu, et Samaridanu, servitore
 +de Sanctu Georgii de Calcaria, fagemus recordatione de serbos et ankillas
 +c’aviat Sanctu Georgii de Calcaria cun Sanctu Gregorii de Bauladu. (inizia
 +il lungo elenco della partizione, suddiviso in lettre a), b), e c)…al termine
 +della lettera a), i testes: donnu Trogodori Corsu, curadore de Bonarcadu
 +(amministratore della chiesa), Torbini de Piras, maiore de Scolca (era
 +il comandante dei contingenti di guardia ai confini dello stato), Goantine
 +de Banju, clerigu(prete), Petru Marki, clerigu de Solarussa, Petru d’Ardaule,
 +clerigu, et…Terico Maiu…etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAIULLARI
 +<br>MAIULLARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maiullari è tipicamente pugliese, della provincia di Bari, di Altamura
 +e Santeramo in Colle in particolare, ma anche di Bari e Trani, Maiullaro,
 +quasi unico, è probabilmente una forma alterata del precedente,
 +che dovrebbe derivare da un etnico o da un nome di mestiere (<font color="#CC33CC">vedi
 +MAIELLARO</font>), tracce di questa cognominizzazione la troviamo a Bitonto
 +fin dal 1500, come leggiamo in un atto del 1578: "<font color="#CC33CC">..Pro
 +eadem magnifica universitate civitatis Botonti contra </font><font color="#FF0000">Joannem
 +Donatum Maiullarum</font><font color="#CC33CC"> ... officium magistri baiulactionis
 +eiusdem magnifice universitatis pro presenti anno..</font>", troviamo una
 +registrazione dell'ascrizione dei Maiullari al ceto dei nobili cittadini
 +ad opera del general consiglio dell'Università di Bitonto datato
 +31 ottobre 1748.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALABARBA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del milanese e lodigiano,
 +deriverebbe da un soprannome legato o a caratteristiche fisiche o a caratteristiche
 +comportamentali del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACARNE
 +<br>MALACARNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malacarne ha ceppi nel trentino a Riva del Garda, Bleggio Inferiore e nel
 +bellunese a Lamon, nel pisano a Ponsacco e Pontedera, a Ferrara ed in Lombardia
 +a Lodi, Milano e nel mantovano a Dosolo e Viadana, Malacarni, frutto probabile
 +di un errore di trascrizione, è toscano, dovrebbero derivare da
 +soprannomi forse originati da caratteristiche comportamentali del capostipite,
 +tracce di questa cognominizzazione nel trentino si trovano almeno dalla
 +prima metà del 1400 e così pure a Spoleto in un testo del
 +1414 si legge: "<font color="#CC33CC">...Li caporali de Re eranu Sforza
 +da cotogniola, Paulu Ursinu, lu Conte da Carrara, Malatesta da Cesena,
 +messer </font><font color="#FF0000">Malacarne</font><font color="#CC33CC">
 +et Tartaglia...:</font>", a Riva del Garda in un registro comunale relativo
 +all'anno 1619 si legge: "<font color="#CC33CC">...Laurentius filius domini
 +Ioseph Orlandi alias </font><font color="#FF0000">de Malacarnis</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACCARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malaccari è specifico di Civitanova Marche nel maceratese, secondo
 +un'ipotesi potrebbe derivare da una forma obliqua del nome <i><font color="#3333FF">Malachia</font></i>,
 +mentre secondo altri deriverebbe da un soprannome riferibile a chi provenisse
 +da Malaga.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACCHI
 +<br>MALACCO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Malacchi che Malacco sono assolutamente rarissimi, il primo potrebbe
 +essere emiliano romagnolo, il secondo veneto, potrebbero derivare da modificazioni
 +del nome di origini ebraiche <i><font color="#3333FF">Malachia</font></i>, ma è anche
 +possibile, anche se poco probabile, che derivino da una forma contratta
 +del termine <i><font color="#3333FF">malacitanus</font></i> (<i><font color="#999999">abitante
 +della città di Malaga</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malacri, assolutamente rarissimo, specifico di Guspini nel Medio Campidano,
 +potrebbe derivare dall'apocope di un'alterazione del termine greco <i><font color="#3333FF">melachrinòs</font></i>
 +(<i><font color="#666666">scuro di capelli o di carnagione</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACRIDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del nord milanese, di probabili
 +origini comasche, dovrebbe derivare da un soprannome. Nel 1350 il promontorio
 +di Bellagio era proprietà di un certo Gabriele Malacrida, nel 1300
 +feudatari di Musso (CO) sono i Malacrida che cederanno poi il feudo ai
 +primi del 1500 a Gian Giacomo Trivulzio, in questo feudo nel 1522 si insediò
 +con la forza il Medeghino, fratello di Pio IV il famoso Papa melegnanese,
 +pittore rinomato del comasco della fine del 1400 fu Tomaso Malacrida.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALACRINO
 +<br>MALACRINO'
 +<br>MALAGRINO
 +<br>MALAGRINO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malacrinò, abbastanza raro, è specifico del reggino, di Montebello
 +Ionico e Melito di Porto Salvo, Malacrino, molto molto raro, sembrerebbe
 +anch'esso del reggino, Malagrinò è ben diffuso nel cosentino,
 +in particolare a Corigliano Calabro, con ceppi anche a Castrovillari e
 +Cassano allo Ionio, ed uno a Taranto, Malagrino, molto molto raro, sembrerebbe
 +anch'esso del cosentino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine grika o greco-albanese, i cognomi Malacrinò, Malagrinò,
 +etc nascono da un adattamento del termine greco <i><font color="#3366FF">melachrinòs</font></i>,
 +che, in lingua neogreca, ha il significato di <i><font color="#999999">bruno,
 +dai capelli o dalla carnagione scura</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Brun</font>): va notato, infatti, che Melachrinos è anche un cognome
 +greco e, nel caso arvanita, Malagrinò e le sue varianti derivano
 +direttamente da questo cognome - soprattutto nelle provincie di Cosenza
 +e Taranto, territori ricchi di cognomi arbëreshë (sia albanesi
 +che greco-albanesi). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei soprannomi o dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAFRONTE
 +<br>MALAFRONTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malafronte è specifico di Scafati nel salernitano e del napoletano,
 +di Gragnano, Castellammare di Stabia, Pompei, Santa Maria la Carità,
 +Sant`Antonio Abate, Torre Annunziata, Lettere, Torre del Greco e Casola
 +di Napoli, Malafronti sembrerebbe unico ed è dovuto ad un errore
 +di trascrizione del precedente, che potrebbe derivare da un soprannome
 +forse originato da una ferita ottenuta in fronte da parte del capostipite,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad Afragola nella prima
 +metà del 1100 con un certo chierico di nome Giovanni Malafronte:&nbsp;
 +"<font color="#CC33CC">In nomine Domini Dei Salbatoris nostri Ihesu Christi,
 +regnante domino nostro Rocerio Siciliae et Italiae magnifico rege anno
 +vigesimo, et eius dominationis istius civitatis Neapolis anno undecimo,
 +die vigesima mensis Iunii, indictione tertiadecima, eiusdem civitatis Neapoli.
 +Certum est me </font><font color="#FF0000">Iohannes clericum Malafronte</font><font color="#CC33CC">
 +Sancte Neapolitane Ecclesie, filio quidam Iuliani, qui nominatur Inbuctia
 +Carpinu, et quedam Sancte Licta memorate Sancte Neapolitane Ecclesie, iugalium
 +personarum, a presenti die, promptissima voluntate commutabi et tradidi
 +vobis, cunctas congregationes sacerdotum et clericorum salutifere catholice
 +ecclesie Sancte Restitute...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAGGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malaggi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico del cremonese,
 +di Isola Dovarese in particolare, potrebbe derivare da una forma etnica
 +dialettale riferita al paese cremonese di Malagnino, forse il paese d'origine
 +del capostipite, una seconda ipotesi propone invece una derivazione da
 +una forma contratta del termine dialettale lombardo arcaico <i><font color="#3333FF">malanaggi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">accidenti, maledizioni</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAGO'
 +<br>MALAGODI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malagò è tipico dell'area che comprende il lembo orientale
 +del mantovano e del veronese ed il ferrarese, Malagodi, molto raro, è
 +tipico dell'estremità occidentale del ferrarese, l'origine etimologica
 +di questi cognomi dovrebbe essere da un soprannome originato dal termine
 +<i><font color="#3333FF">malgaudio</font></i> (<i><font color="#666666">dispiacere</font></i>),
 +una seconda ipotesi, più probabile, lo vuole come un alterato di
 +<i><font color="#3333FF">Malagoli</font></i>, a sua volta una forma dialettale
 +medioevale di un ipocoristico del nome <i><font color="#3333FF">Malachia</font></i>.,
 +che diventa prima Malachiolo, poi Malacolo, Malagoli quindi Malagò
 +e Malagodi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAGOLA
 +<br>MALAGOLI
 +<br>MALAGOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malagola è specifico della zona di confine tra mantovano e modenese,
 +Malagoli è tipico emiliano, della zona che comprende il reggiano,
 +il modenese e il bolognese, Malagolo è praticamente unico, questi
 +cognomi dovrebbero derivare da soprannomi legati ad episodi della vita
 +del capostipite, ma secondo un'ipotesi più accreditata derivano
 +da una forma ipocoristica dialettale del nome <i><font color="#3333FF">Malachia</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MALAGO'</font>). Personaggio notevole fu l'architetto
 +Cristoforo Malagola, che operò molto a Modena nella seconda metà
 +del 1500, un Carlo Malagola (1855-1910), paleologo divenne&nbsp; Sovrintendente
 +all'Archivio dell'Emilia a Bologna, Amilcare Malagola nel 1876 divenne
 +il Vescovo di Ascoli Piceno.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Sandro
 +Malagola</font></font>
 +<br>La famiglia Malagola trae la sua origine dalla città di Modena
 +ove nel 1173 un Pietro Malagola, secondo il Muratori, assisteva ad un parlamento
 +della lega lombarda. Un suo discendente Zanetto il Magnifico ottenne la
 +nobiltà presso Caterina de' Medici in Francia intorno al 1500. Questa
 +famiglia&nbsp; diede parecchi uomini che si distinsero nelle armi, nelle
 +lettere, nel sacerdozio e nelle scienze. Il motto di questa famiglia è
 +<i><font color="#3366FF">nobilitas sola atque unica virtus</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Malagoli è&nbsp; cognome d'origine soprannominale, dal lat.
 +<i><font color="#3333FF">mala</font></i> «<i><font color="#666666">cattiva</font></i>»
 +e <i><font color="#3333FF">gula</font></i> «<i><font color="#666666">gola</font></i>»,
 +per indicare un «<i><font color="#666666">mangione; ghiottone</font></i>».
 +Larga la sua diffusione nel Modenese; raro invece Malagola. F. Violi, Cognomi
 +a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAGUTI
 +<br>MALAGUZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malaguti è specifico dell'area tra Modena,
 +Bologna e Ferrara, Malaguzzi, assolutamente rarissimo, è dell'area lombardo, emiliana, potrebbero derivare dal nome rinascimentale <i><font color="#3333FF">Maelgut</font></i> (riportato nella Chanson de Roland).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Malaguti, attestato soprattutto nella bassa pianura modenese
 +e ferrarese, risale a un personale medievale *<i><font color="#3333FF">Malacutus</font></i>
 +di chiara origine soprannominale e di trasparente significato. Da un *<i><font color="#3333FF">Malacut(u)lus</font></i>
 +è derivato il cognome Malaguzzi, d'area prevalentemente reggiana.
 +F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAMBRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malambri è originario del messinese, di Taormina e Messina in particolare,
 +l'origine etimologica è oscura, potrebbe derivare sia dal greco,
 +da un soprannome con il probabile significato di molto dolce, sia dallo spagnolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAMISURA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malamisura è un cognome rarissimo, sicuramente meridionale, probabilmente
 +pugliese, troviamo tracce di questo cognome nel Catasto Onciario dell'anno
 +1753 di Orsara (FG) con un certo Tomaso Malamisura, il cognome dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato da un comportamento disdicevole del
 +capostipite. Tra la prima e la seconda metà del 1800 sempre nel
 +foggiano operava il brigante Antonio Malamisura di Monteleone di Foggia,
 +fucilato a ventun anni nel 1863 dalle truppe italiane chiamate a estirpare
 +dalla Capitanata il fenomeno del brigantaggio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malan è decisamente piemontese, del torinese, di Luserna San Giovanni
 +in particolare, ma ben attestato anche nelle vicine Torre Pellice ed Angrogna,
 +il cognome potrebbe essere di origini occitane e derivare dal termine provenzale
 +<i><font color="#3333FF">malan</font></i> (<i><font color="#666666">disturbo,
 +malessere</font></i>), ma molto probabilmente dovrebbe derivare dal nome
 +di località come Malan nel cuneese od altre simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANCA
 +<br>MALANCHI
 +<br>MALANCHINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malanca ha un ceppo lombardo soprattutto nel bresciano a Pontevico, uno
 +a Parma e nel parmense ed uno ad Altopascio nel lucchese, Malanchi, assolutamente
 +rarissimo, è tipico del fiorentino, Malanchini è tipicamente
 +lombardo, del bergamasco, di Urgnano, Spirano, Lurano e Stezzano, potrebbero
 +derivare, direttamente o tramite ipocoristici, da modificazioni dialettali
 +del nome <i><font color="#3366FF">Malachia</font></i>, o più
 +probabilmente da nomi di località come Cà Malanca o Piana
 +di Malanca nell'Appennino toscoemiliano o Malanca nel lucchese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANDRA
 +<br>MALANDRI
 +<br>MALANDRO
 +<br>MELANDRI
 +<br>MELANDRO
 +<br>MIANDRI
 +<br>MIANDRO
 +<br>MILANDRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malandra è specifico del teatino, di Casalincontrada, Chieti e Bucchianico,
 +Malandri ha un ceppo nel parmense ed uno nel cesenate, Malandro parrebbe
 +unico, dell'area fiorentino, senese, Melandri è diffusissimo nel
 +ravennate, a Ravenna, Faenza, Lugo, Bagnacavallo, Russi, Alfonsine, Cervia,
 +Fusignano, Conselice e Cotignola, con un ceppo importante anche a Forlì
 +ed a Bologna ed Imola nel bolognese, Melandro, praticamente unico, è
 +probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, Miandri,
 +praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione
 +del cognome Miandro, che, molto raro, ha un ceppo a Fermo nel Piceno ed
 +uno a Civitanova Marche nel maceratese, Milandri è molto diffuso
 +a Forlì, Cesena e Ravenna e nelle rispettive province, potrebbero
 +indicare una provenienza dalla zona del monte Melandro nel forlivese, come
 +potrebbero pure derivare dal <i><font color="#3366FF">melandro</font></i>
 +(nome di un tipo di quercia), forse particolarmente presente nella zona
 +di provenienza delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANDRINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malandrini è tipicamente toscano, Melandrini, praticamente unico,
 +potrebbe essere del teatino, si potrebbe trattare forme ipocoristiche del
 +cognome Malandri o Melandri (<font color="#CC66CC">vedi MALANDRA</font>),
 +non si può comunque escludere una derivazione da un soprannome originato
 +dal modo di comportarsi del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANDRINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malandrino è tipico del salernitano, con un piccolo ceppo nel tarentino,
 +Melandrino, quasi unico, potrebbe essere siciliano, dovrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal fatto che il capostipite proveniva dalla zona
 +del monte o del fiume Melandro che scorre tra le province di Potenza e
 +di Salerno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANGA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malanga è specifico della zona che comprende l'avellinese, il salernitano,
 +il potentino ed il barese, in particolare Caposele nell'avellinese, Salerno,
 +Bella nel potentino e Bari, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul
 +nome di una pianta , la <i><font color="#3333FF">malanga</font></i>, originaria
 +del sud America, il cui tubero è di uso alimentare, purchè
 +cotto, essendo assimilabile a quello della patata, in quanto crudo presenta
 +effetti irritanti sulle mucose della gola e per gli occhi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALANTUONO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malantuono, quasi unico, sembrerebbe dell'area campano, molisana, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato da un capostipite di nome Antonio,
 +che evidentemente non godesse di una buona fama.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAPELLE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malapelle, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel veronese ed uno nel
 +napoletano, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito forse al capostipite
 +grazie ad un suo comportamento disonesto, ma è pure possibile una
 +derivazione da nomi di località, a Napoli ad esempio fina dal 1400
 +esisteva un contado chiamato Malapelle, troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +in un atto del 1528 dove compare fra i testi un certo: "<font color="#CC33CC">...Ser
 +Alessio Crivelli fu Ser </font><font color="#FF0000">Malapelle</font><font color="#CC33CC">
 +abitante a Brescia...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAPONTE
 +<br>MALAPONTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malaponte è specifico del catanese, di Catania, Caltagirone e Bronte,
 +Malaponti invece, sempre siciliano, ha un ceppo a Cesarò nel messinese,
 +a Catania ed a Troina ed Aidone nell'ennese, dovrebbero derivare dal nome
 +della contrada Malaponte di Cesarò nel messinese, ma non si può
 +escludere che possano anche derivare da soprannomi originati dal termine
 +grecanico <font color="#3333FF">μάλαπόντος</font> (<i><font color="#666666">grande
 +mare</font></i>), forse perchè i capostipiti provenivano addirittura
 +dall'oceano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALASCORTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malascorta è quasi unico, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Malascorta</font></i> o <i><font color="#3333FF">Malescorte</font></i>,
 +nome nel quale il genitore descriveva lo stato di indigenza cui sarebbe
 +andato incontro il figlio, <i><font color="#3333FF">malascorta</font></i>
 +significa infatti <i><font color="#666666">non dotato di mezzi adeguati
 +di sussistenza</font></i>, proprio come doveva essere lo stato del capostipite,
 +si potrebbe anche trattare di un cognome di fantasia attribuito ad un trovatello,
 +indicando addirittura nel cognome stesso il suo stato di povertà,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo in uno scritto del 1201
 +a Corneto nel cesenate, dove troviamo citato in rappresentanza del comune
 +di Corneto un certo Pietro Malascorte, ed dove compare anche il figlio
 +Crescenzio in qualità di testimone dell'atto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALASOMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malasoma è tipico di Pisa, Livorno e Viareggio nel lucchese, si dovrebbe trattare di cognomi attribuiti a dei trovatelli, i
 +cognomi dovrebbero indicare che il bambino era il frutto, la <i><font color="#3366FF">soma</font></i>
 +(<i><font color="#999999">peso</font></i>), di un'azione <i><font color="#3366FF">mala</font></i>
 +(<i><font color="#999999">riprovevole</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALASOMMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malasomma
 +ha un ceppo a Napoli, Caivano e Pollena Trocchia nel napoletano ed uno
 +a Bari, si dovrebbe trattare di cognomi attribuiti a dei trovatelli, i
 +cognomi dovrebbero derivare dal termine greco <i><font color="#3333FF">soma</font></i>
 +(<i><font color="#999999">corpo</font></i>), forse ad indicare uno stato
 +di salute cagionevole del trovatello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALASPINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00malaspina.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="37" height="43"><font size="-1">Concentrato
 +nell'areale che comprende le province di Milano, Pavia, Alessandria, Piacenza
 +e Genova, presenta forse anche un piccolo ceppo nelle Marche ed uno nel
 +reggino. Corrado Malaspina, Marchese di Mulazzo, sposo di Costanza, figlia
 +di Re Manfredi, morì nel 1250 e ci mostra quanto importante fosse
 +la famiglia Malaspina fin da quei tempi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALATERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembrerebbe tipico del
 +sudmilanese e pavese, dovrebbe essere di origine normanna, esistono tracce
 +di questo cognome fin dal XI° secolo con Goffredo Malaterra, monaco
 +benedettino segretario e apologeta del Conte Rè Ruggero conquistatore
 +normanno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALATESTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem01malatesta.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="98"><img src="../immagini/stem01malatesta.jpg" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="42" height="60"><font size="-1">Diffuso a macchia di leopardo in tutt'Italia, deriva dal nome medioevale
 +italiano <i><font color="#3333FF">Malatesta</font></i>
 +. Verso la fine del 1200, già molto avanti negli
 +anni, Malatesta I° fu Signore di Rimini, dando inizio ad una dinastia,
 +secondo una teoria accreditata questa famiglia deriverebbe da un certo
 +Rodolfo, vissuto nel secolo X°, che venne chiamato Malatesta per la
 +sua caparbietà e per il coraggio dimostrato nel tenere testa sia
 +alla fazione filopapale sia a quella imperiale.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Malatesta, reso celebre a Modena dal pittore Adeodato Malatesta
 +(1806-1891), è d'origine soprannominale ed indica «<i><font color="#666666">testa
 +bizzarra</font></i>». Fonte: F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese,
 +1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAVASI
 +<br>MALAVASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malavasi è specifico dell'area tra Mantova e Modena, ma è
 +molto diffuso anche nel reggiano, nel bolognese, nel ferrarese, nel veronese
 +e nel rovigoto, Malavasio è praticamente unico, tracce antichissime
 +di queste cognominizzazioni le troviamo a Treviso in un atto di donazione
 +alla chiesa del 1368, effettuato da Federico de' Malavasi di Breda di Piave
 +(TV), dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Malavaxius</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Malavasius</font></i> che troviamo nel libro
 +<i><font color="#3366FF">Rimini nel secolo XIII</font></i>, dove citato
 +tra gli anziani del comune di Faenza (RA) è indicato un certo <i><font color="#3366FF">Malavaxius
 +Maginardi</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Malavasi è cognome abbastanza diffuso nell'intero dominio modenese,
 +è d'origine soprannominale: da <i><font color="#3333FF">vasum</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">vasus</font></i> «<i><font color="#666666">recipiente</font></i>»,
 +quindi «<i><font color="#666666">cattivo recipiente</font></i>»,
 +naturalmente in senso metaforico. Similmente il cognome Malvasi. F. Violi,
 +Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALAVOLTA
 +<br>MALAVOLTI
 +<br>MALVOLTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malavolta ha un ceppo nel Piceno ed uno nel modenese e bolognese, Malavolti
 +è specifico dell'area che comprende il modenese, il bolognese, il
 +ravennate e il fiorentino, Malvolti ha un ceppo nel reggiano nella zona
 +di Castelnovo Ne' Monti (RE) ed uno nell'areale di Fucecchio (FI), derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Malavolta</font></i>, di cui
 +si hanno tracce ad esempio nel 1100 in un atto del 1 maggio 1147 scritto
 +in Siena, dove si legge: "<font color="#CC33CC">...In nomine sancte et individue
 +trinitas, anno dominice incarnationis millesimo centesimo quadragesimo
 +septimo, die kalendarum maii,indictione decima... ... </font><font color="#FF0000">Malavolta</font><font color="#CC33CC">
 +quondam Philippi presentes affuerunt testes...</font>".&nbsp; Traccia di
 +questo cognome si trova sempre a Siena nel 1193 quando uno dei consoli
 +era un certo Filippo di Malavolta. Sembrerebbe originario della provincia
 +di Siena, anche se la zona d'influenza si espande alle province di Firenze,
 +Modena, Bologna e Ravenna,&nbsp;&nbsp; Si hanno tracce di questa nobile
 +famiglia guelfa a Bologna dove nel 1210 nasce Catalano Malavolti, che,
 +dopo vari incarichi prestigiosi, fu a capo di quella fanteria bolognese
 +che nella battaglia di Fossalta del 1249 vinse e catturò re Enzo,
 +figlio di Federico II°,&nbsp; nel 1266 fu chiamato a Firenze con la
 +qualifica di Podestà, dal Conte Guido Novello.&nbsp; Nel 1280, troviamo
 +a Lucca come Capitano del popolo Nicolao d'Uguccione de' Malavolti da Siena.
 +Agli inizi del 1300 a Siena troviamo il Vescovo Donasdeo Malavolti. Nel
 +1500 sempre a Siena troviamo gli storici Orlando e Giovanni Ubaldino Malavolti.
 +Dino Compagni nella "<font color="#3333FF">Cronica delle cose occorrenti
 +ne' tempi suoi</font>" nell'anno 1301, cita:"<font color="#CC33CC">...Aveano
 +i Guelfi bianchi inbasciadori in Corte di Roma, e i Sanesi, in loro compagnia,
 +ma non erano interi. Era tra loro alcuno nocivo uomo: fra' quali fu messer
 +</font><font color="#FF0000">Ubaldino
 +Malavolti</font><font color="#CC33CC"> giudice, sanese pieno di gavillazioni,
 +il quale ristette per cammino per raddomandare certe giuridizioni d'uno
 +castello il quale teneano i Fiorentini, dicendo che a lui appartenea; e
 +tanto imped? a' compagni il cammino, che non giunsono a tempo..</font>."
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni di Andrea Malavolti</font></font>
 +<br>Nel medioevo toscano, Malavolta era un cognome malaugurante (<i><font color="#999999">che
 +sia la volta cattiva</font></i>), a cui si contrapponeva Bonavolta (<i><font color="#999999">che
 +sia la volta buona</font></i>). Un'altra variante è Malvolti, che
 +deriverebbe dal toscano Magaldi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Malavolta deriva dal nome proprio medievale <i><font color="#3333FF">Malavolta</font></i>,
 +di origine soprannominale, con <i><font color="#3333FF">volta</font></i>
 +nel senso di «<i><font color="#666666">evento, vicenda</font></i>».
 +Poco diffusa la variante Malavolti. Fonte: F. Violi, Cognomi a Modena e
 +nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALCHIODI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'oltrepò piacentino, si hanno tracce di questo
 +cognome già dal 1500 "<font color="#CC33CC">...Da questi passò
 +ai nipoti che nel 1633 lo vendettero al nobile </font><font color="#FF0000">Bartolomeo
 +Malchiodi</font><font color="#CC33CC"> con il consenso dei Cornazzano che
 +si riservarono il diritto di redimerlo...</font>", dovrebbe derivare da
 +un soprannome, forse riferentesi all'organo sessuale del capostipite, ma
 +potrebbe anche derivare da una contrazione del nome latino <i><font color="#3366FF">Marcius
 +Clodius</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Ivan Malchiodi</font></font>
 +<br>Penso che&nbsp; l'origine del cognome Malchiodi sia simile a quella
 +del cognome Macchiavelli (<font color="#CC33CC">vedi MACCHIAVELLI</font>).
 +Secondo un'interessante ipotesi proposta dal Bongioanni, l'origine del
 +cognome Machiavelli e delle sue varianti andrebbe ricercata nel nome medievale
 +<i><font color="#3333FF">Macchiavell</font></i>o, nato come variante popolare
 +del nome <i><font color="#3333FF">Malchiodo</font></i>, che consiste, a
 +sua volta, in una delle tante italianizzazioni del personale ebraico <i><font color="#3333FF">Melki'or</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#666666">il mio re (Dio) è luce</font></i>;
 +fra le altre italianizzazioni di questo nome, infatti, si possono citare
 +<i><font color="#3333FF">Melchiorre, Melchionne, Marchionne, Marchiorre,
 +Marchioro</font></i>, etc. Ora, per capire meglio il passaggio dall'originale
 +<i><font color="#3333FF">Melki'or</font></i> all'adattamento italiano in
 +Macchiavello, bisogna innanzitutto considerare la variante in Malchiodo:
 +Malchiodo, infatti, nasce per effetto del fenomeno del rotacismo dal nome
 +<i><font color="#3333FF">Marchioro</font></i>, in cui la R del suffisso
 +-oro si trasforma in D (cfr. Arcudi/Arcuri) e la R del prefisso Mar- si
 +trasforma in L (o più semplicemente viene mantenuta la L dell'originale
 +Melki'or); va detto poi che esistono anche i cognomi Marchiodi e Melchiodi,
 +che sembrano confermare quest'ipotesi. Detto questo, quindi, la variante
 +in Macchiavello si spiega come una corruzione o una forma più tipicamente
 +popolare di Malchiodo: se si considera, infatti, che il termine <i><font color="#3333FF">chiavello</font></i>
 +è una variante arcaica di <i><font color="#3333FF">chiodo</font></i>
 +(entrambi derivano dal latino <i><font color="#3333FF">clavus</font></i>),
 +si capisce allora come da Malchiodo si arrivi a Macchiavello (contrazione
 +di Malchiavello)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALDARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro probabilmente di origini
 +pugliesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALDERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maldera è un cognome tipicamente pugliese, di Corato nel barese
 +in particolare, con buone presenze anche ad Andria, Bari e Molfetta sempre
 +nel barese, ed a Lucera e Foggia nel foggiano, dovrebbe derivare dalla
 +forma plurale <i><font color="#3333FF">maldera</font></i> del termine medioevale
 +<i><font color="#3333FF">malderum</font></i>, un unità di misura
 +medioevale di capacità per aridi, come ad esempio le granaglie,
 +equivalente alla quarta parte di un <i><font color="#3333FF">modius</font></i>
 +(<i><font color="#666666">moggio</font></i>), con valori differenti da
 +paese a paese, ma comunque con un valore prossimo ai due litri, dell'uso
 +di questo termine abbiamo un esempio in questo scritto dell'anno 1100:
 +"<font color="#CC33CC">..In hiis singulis sex placitis det ei abbas ad
 +servicium unum </font><font color="#FF0000">malderum</font><font color="#CC33CC">
 +panis et frissingum, qui valeat XXX. nummos et V. pollos et sex caseos,
 +et XX. ova, et unam situlam vini, et duas cervisie et VI, </font><font color="#FF0000">maldera</font><font color="#CC33CC">
 +avene...</font>", potrebbe stare ad indicare che i capostipiti fossero
 +dei benestanti, forse commercianti in granaglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALDI
 +<br>MALDINI
 +<br>MALDINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maldi è abbastanza raro, potrebbe avere un ceppo in provincia di
 +Rovigo ed uno in Lombardia, Maldini ha un nucleo nella zona che comprende
 +le province di Bologna, Ravenna e Forlì ed un ceppo triestino, Maldino,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'alessandrino, potrebbe trattarsi
 +di derivazioni dall'aferesi del nome franco italico medioevale <i><font color="#3366FF">Grimaldi</font></i>
 +o simili, ma è pure possibile una derivazione da nomi di località,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in quest'atto di nascita del
 +1787: "<font color="#CC33CC">Anno Dni. millesimo septingentesimo Octuagesimo
 +septimo die decima octava Aplis: Ego Rector Carolus Ant.o Puteus de Veltio
 +baptizavi solemniter infantem hodie natum ex Iacobo Vitale Filio Petri
 +et M.a Francisca Falca q.m Bernardi de Parotia S. Petri Plebis Porlatia
 +legitimis jugalibus huius Parotia Beni, cui impositum fuit nomen: Petrus
 +Antonius. P.P. fuere </font><font color="#FF0000">Ioannes Maldinus</font><font color="#CC33CC">
 +q.m Caroli Ioseph et M.a Cattà Conca q.m Ioannis Bapta de Beno idonei.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALDIFASSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese, potrebbe trattarsi
 +di un cognome composto dai cognomi Maldi e Fassi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALERBA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso in tutt'Italia a macchie
 +di leopardo, sicuro un ceppo pugliese, ma sono presenti senza dubbio altri
 +nuclei, deriva da soprannomi legati alle caratteristiche del capostipite,
 +malerba (cattivo soggetto).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALESANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del veronese, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +vocabolo medioevale <i><font color="#3366FF">malesanus</font></i> (malsano)
 +potrebbe essere stato ad indicare abitanti di aree paludose, così
 +tra l'altro Francesco Petrarca: "<font color="#CC66CC">...Sic dulcia care
 +Limina cum peteret iuuenis </font><font color="#FF0000">malesanus</font><font color="#CC66CC">
 +amice...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALESARDI
 +<br>MALISARDI
 +<br>MALUSARDI
 +<br>MALUSSARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malesardi è specifico di Volano in Trentino, Malisardi, decisamente
 +emiliano è di Budrio e Ferrara nel ferrarese e di Molinella e Bologna
 +nel bolognese, Malusardi è tipico del sudmilanese e del lodigiano,
 +di Milano, e di Lodi, Casalpusterlengo, Bertonico e Cavenago d'Adda nel
 +lodigiano, Malussardi, praticamente unico, è probabilmente dovuto
 +ad un'errata trascrizione del precedente, esistono due ipotesi, la prima
 +è che derivino dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Malshart</font></i>,
 +composto dalle radici <i><font color="#3333FF">malan</font></i> (<i><font color="#666666">picchiare,
 +pestare</font></i>) e <i><font color="#3333FF">hard</font></i> (<i><font color="#666666">duro</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">colui che picchia duramente</font></i>,
 +la seconda ipotesi è che siano invece derivati dal nome del paese
 +francese di <i><font color="#3333FF">Malissard</font></i> nella prefettura
 +de la Drôme nella Francia meridionale, orientale, forse il luogo
 +di provenienza dei capostipiti. Troviamo tracce di queste cognominizzazioni nel borgo di San Vigilio di
 +Concesio (BS) in uno scritto del 1324, dove si parla tra l'altro di una
 +Contrada Molendini Malexardi, cioè indicata come proprietà
 +del mugnaio Malesardi. 
 +<br>A seguito di un suggerimento da parte del Signor
 +Paolo Bianchi, inseriamo un'ulteriore possibile interpretazione circa l'origine
 +etimologica di questi cognomi. Nella prima metà del 1200 la lotta
 +di molti Comuni contro l'Imperatore Federico II° si svolse anche contro
 +quei cittadini che non si fossero schierati apertamente contro l'imperatore,
 +venne così istituito il reato di <i><font color="#3333FF">malesardia,</font></i>
 +corrispondente appunto alla mancata condivisione delle scelte anti imperiali
 +effettuate dai comuni, reato che comportava come pena la confisca dei beni
 +ed il bando dai territori del Comune stesso; questi cognomi potrebbero
 +quindi derivare dal fatto di essere stati condannati i capostipiti in base
 +a quel reato. Nelle Memorie istoriche della città e chiesa di Bergamo
 +leggiamodella sorte di alcuni di questi esiliati: "<font color="#CC33CC">..i
 +Milanesi, e i Bergamaschi si portarono coi loro carrocci a Palazzulo dove
 +fecero alto per alcuni giorni, ed ebbero nelle lor mani Palazzolo nel mese
 +di Dicembre con quattrocento Cremonesi che lo presiedevano, e circa il
 +fine di Gennajo i Bresciani si diedero al Comun di Milano, e accettarono
 +i suoi </font><font color="#FF0000">Malesardi</font><font color="#CC33CC">
 +fermando con essi stabile alleanza , ed eleggendo in loro Podestà
 +Francesco della Torre. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALFA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della Sicilia orientale, ha un ceppo importante nel messinese,
 +uno a Caltagirone (CT) ed uno a Noto (SR), deriva dal toponimo Malfa (ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALFATTI
 +<br>MALFATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00malfatti.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="88" height="108"><font size="-1">Malfatti ha un ceppo nel Trentino e Veneto occidentale, ed uno nel lucchese,
 +Malfatto ha un piccolo ceppo nel rovigoto ed uno importante nell'alessandrino
 +e genovese con ramificazioni nell'astigiano e basso torinese, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale Malfatus, nome originato dal soprannome Malefactus
 +(brutto, fatto male), di cui abbiamo un esempio a Riva (TN nel 1500 con
 +il magistrato Malfato Salvadori, tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +in Cadore nel 1508 con il capitano d'armi della Repubblica Veneta Bortolo
 +Malfato da Padova alla difesa di Cortina d'Ampezzo contro le truppe imperiali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALFER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malfer ha un ceppo a Dro, Arco, Trento, Aldeno, Riva del Garda e Cavedine
 +in trentino, ed a Garda nel veronese, di origini cimbriche, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale di origini germaniche <i><font color="#3333FF">Malferus</font></i>,
 +di cui troviamo un esempio d'uso nel 1221 in un atto: "<font color="#CC33CC">A.
 +Mccxxi, tempore Honorii pp. et Federici imp., ind. vini, febr., in villa
 +Camposonaldi a Qaulisi. Riale et lacobus Closercoli prò se et liberis
 +et heredibus dant, vendunt, concedunt atque tradunt Beneincasa monache
 +et Roselo et Ubertelo conversis, recipientibus prò mon. Isole, eorumque
 +fratribus et successoribus in perpetuum quicquid </font><font color="#FF0000">Benedictolus
 +Malferus</font><font color="#CC33CC"> habuit et tenuit in Monte et sibi
 +pertinuit vel alibi territorio Galeat plebis S. Petri, excepto duas petias
 +terre, unam quam habet ...</font>", troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +ad Arco ed a Dro fin dal 1500: "<font color="#CC33CC">1514 Dominus Ioannes
 +notarius filius quondam ser Sesini </font><i><font color="#FF0000">de Malferis</font></i><font color="#CC33CC">
 +de Dro comitatus Archi, civis et habitator Tridenti. Anno 1518 Ioannes
 +filius quondam providi viri ser Sisini </font><i><font color="#3333FF">de
 +Malferis</font></i><font color="#CC33CC"> de Dro civis et habitator Tridenti
 +publicus imperiali auctoritate notarius. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALFETANI
 +<br>MALFITANI
 +<br>MALFITANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malfetano, quasi unico è campano, così come Malfitani,m che
 +è anch'esso quasi unico, Malfitano sembra essere invece tipicamente
 +siciliano, derivano tutti dalla forma aferetica, anche dialettale, dell'etnico
 +di Amalfi, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1088 negli <i><font color="#3366FF">Annales Pisani</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...Et refulsit inter istos </font><font color="#FF0000">Pantaleo
 +Malfitanus</font><font color="#CC33CC">, cuius fortis et astuti est confusa
 +maledicti...</font>", nella seconda metà del 1400 nell'avellinese
 +opera il notaio Cesare Malfitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALGARI
 +<br>MALGAROTTI
 +<br>MALGAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malgari è estremamente raro, Malgarotti, molto molto raro, è
 +tipico dell'alto bresciano, di Sonico e Pisogne, Malgarotto, estremamente
 +raro, sembrerebbe veneziano, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +una forma ipocoristica dal termine <i><font color="#3333FF">malgaro</font></i>,
 +cioè un <i><font color="#666666">mandriano usufruitore delle malghe</font></i>
 +(ricoveri di pascoli montani), lavoro probabilmente svolto dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALGARIN
 +<br>MALGARINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malgarin, assolutamente rarissimo è del vicentino, Malgarini è
 +tipico del milanese con un piccolo ceppo anche nel mantovano, potrebbero
 +derivare da un soprannome originato dall'attività di mandriano svolta
 +dal capostipite, cioè di un usufruitore delle malghe (ricoveri di
 +pascoli montani), ma è pure possibile una derivazione dal nome rinascimentale
 +<i><font color="#3366FF">Malgarino</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +nell'<i><font color="#3366FF">Orlando innamorato</font></i> di Matteo Maria
 +Boiardo (1441-1494): "<font color="#CC33CC">...Questo è il re Stordilano,
 +e </font><font color="#FF0000">Malgarino</font><font color="#CC33CC"> -
 +E Baricondo è seco e Sinagone, - E Maradasso più gli era
 +vicino: - La schiera guida al campo Falcirone....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALGERI
 +<br>MALGHERINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malgeri, molto raro, sembra tipico del sud della Calabria, Malgherini è
 +assolutamente rarissimo, potrebbe essere pugliese, dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3333FF">Malgerius</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +nel XII° secolo in Puglia, con il normanno Malgerius d'Altavilla: "<font color="#CC33CC">...primus
 +Robertus dictus a nativitate Guiscardus, postea totius apuliae princeps
 +et Calabriae dux, vir magni consilii, largitatis et audaciae, secundus
 +</font><font color="#FF0000">Malgerius</font><font color="#CC33CC">, ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Malgeri è cognome calabrese che corrisponde al cognome francese
 +<i><font color="#3333FF">Mauger</font></i> (anticamente <i><font color="#3333FF">Malgier</font></i>)
 +derivato da *<i><font color="#3333FF">malgarius</font></i> = '<i><font color="#666666">cascinaio</font></i>',
 +'<i><font color="#666666">padrone di una malga</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALGIOGLIO
 +<br>MALGIOLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malgioglio è originario
 +del catanese, Malgiolio, presente solo a Melegnano, come cognome composto
 +(Malgiolio Palella) dovrebbe derivare da un errore di trascrizione del
 +precedente.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Malgioglio è cCognome catanese, forma derivata dal cognome base
 +<i><font color="#3333FF">Malogioglio</font></i> che significa '<i><font color="#666666">cattivo
 +loglio</font></i>'. Cfr. la voce calabrese '<i><font color="#3333FF">giògghiu</font></i>'
 += <i><font color="#666666">loglio</font></i>. Rohlfs 119.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALGRATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del nordmilanese, deriva dal toponimo Malgrate (CO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALICA
 +<br>MALLICA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malica è specifico della zona di Santu Lussurgiu (OR) e Bonacardo,
 +Mallica è tipico di Gonnosfanadiga (CA), dovrebbero derivare da
 +modificazioni del vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">mala</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cattiva</font></i>) e starebbe ad indicare caratteristiche
 +comportamentali non proprio edificanti della capostipite, non molto probabile
 +l'ipotesi che questi cognomi siano da collegare con il nome arabo Malech.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALIN
 +<br>MALINA
 +<br>MALINI
 +<br>MALINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malin, tipico del rovigoto, ha un ceppo anche a Milano, Malina è
 +praticamente unico, Malini ha un ceppo a Magenta nel milanese, uno piccolo
 +a Roverbella nel mantovano ed a Bologna e Zola Predosa nel bolognese, ed
 +uno a Veroba e nel veronese, Malino ha un ceppo piemontese, nel torinese
 +e nell'astigiano ed uno nel messinese, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Malinus, Malina</font></i>, derivato dalla latinizzazione
 +della contrazione, per elisione della <i><font color="#3333FF">-d-</font></i>,
 +del nome germanico <i><font color="#3333FF">Madalin</font></i>, a sua volta
 +derivato dal termine germanico <i><font color="#3333FF">madal</font></i>
 +(<i><font color="#666666">consesso, consiglio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALINCONI
 +<br>MALINCONICO
 +<br>MALINCONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malinconi è tipicamente toscano, di Prato, di Quarrata nel pistoiese
 +e di Campi Bisenzio nel fiorentino, Malinconico ha un ceppo a Roma, uno
 +nel napoletano a Napoli, Palma Campania, Torre del Greco, San Giuseppe
 +Vesuviano e Striano ed a Sala Consilina, Scafati e Nocera Inferiore nel
 +salernitano, ed uno nel leccese, a Lecce ed a Tricase, Malinconio, quasi
 +unico, sembrerebbe del napoletano, di difficile interpretazione, potrebbero
 +forse derivare da soprannomi basati sul carattere dei capostipiti, o anche
 +da alterazioni del nome medioevale francese <i><font color="#3333FF">Malhegol</font></i>, o del nome gotico
 +<i><font color="#3333FF">Malonric</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALINTOPPI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente raro potrebbe essere
 +di origini picene, potrebbe derivare da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALINVERNI
 +<br>MALINVERNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malinverni è specifico del Piemonte orientale e della Lombardia
 +occidentale, del vercellese e novarese e del milanese e pavese, Malinverno
 +è specifico della Lombardia occidentale, del comasco in particolare,
 +dovrebbero derivare da soprannomi originati forse da caratteristiche del
 +luogo di provenienza dei capostipiti, o da un nome attribuito ad un figlio
 +nato durante un inverno particolarmente rigido, troviamo tracce molto antiche
 +di queste cognominizzazioni in una <i><font color="#3333FF">Carta convenientie,
 +finis et divisionis </font></i>dell'anno 1184 ad Ozzero nel milanese: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnationis milleximo centeximo octuageximo quarto, undecimo
 +kalendas iunii, indictione secunda. In presentia eorum qui infra leguntur,
 +stetit et convenit inter donum Iacobum, abbatem monasterii de Morimondo,
 +et ex altera parte inter Monachum et Malagaidam qui dicuntur Porcelli,
 +de Mediolano, ipse donus abbas per se et similiter pro preposito de burgo
 +Roxate, et ipsi Monachus et Malagaida per se et similiter pro heredibus
 +quondam </font><font color="#FF0000">Malinverni</font><font color="#CC33CC">
 +qui dicebatur item Porcellus, qui in eorum tutella sunt, eo tenore quod
 +de tota decima territorii loci Ozani,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALISANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'udinese, dovrebbe derivare dal toponimo Malisana di Torviscosa
 +(UD).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALIZIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso a macchia di leopardo nel centrosud, dovrebbe derivare dal nome
 +medioevale <font color="#3366FF">Malitia</font> di cui abbiamo un esempio
 +in una lapide del 1500: "<font color="#CC33CC">...HUIUS ECCLESIAE&nbsp;
 +S. MARIAE DE LA MATINA - SUB. REV. PATRE&nbsp; ED&nbsp; DOM. </font><font color="#FF0000">MALITIA
 +DE GESUALDO</font><font color="#CC33CC"> - EPISCOPO RAPOLLIANO ED CANOSIA...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>proviene da un antico soprannome <i><font color="#3366FF">malicia</font></i>
 +che significava <i><font color="#999999">persona cattiva</font></i>. Rohlfs,
 +119.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALLARDI
 +<br>MALLARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mallardi ha un piccolissimo ceppo tyrietino ed uno fiorentino, con il nucleo
 +principale in Puglia a Bari e nel barese a Sammichele di Bari, Casamassima,
 +Triggiano, Acquaviva delle Fonti e Cassano delle Murge, un ceppo a Cerignola
 +nel foggiano ed uno a Taranto e Laterza nel tarantino, Mallardo ha un grosso
 +ceppo a Giugliano in Campania nel napoletano, con presenze anche a Villaricca,
 +Quarto, Marano di Napoli, Napoli, Qualiano e Mugnano di Napoli, sempre
 +nel napoletano e ad Avellino, e con un ceppo anche in Puglia a Foggia ed
 +a Corato nel barese, questi cognomi dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Malhard</font></i>, forma contratta
 +del nome <i><font color="#3333FF">Magilhard</font></i>, composto da <i><font color="#3333FF">magin</font></i>
 +(<i><font color="#666666">forza</font></i>) ed <i><font color="#3333FF">hard
 +</font></i>(<i><font color="#666666">duro</font></i>), con il significato
 +di <i><font color="#666666">fortissimo</font></i> o <i><font color="#666666">durissimo</font></i>,
 +nome probabilmente portato da capostipiti giunti in Italia al seguito degli
 +svevi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALLARINI
 +<br>MALLARINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mallarini è tipico del savonese, di Carcare in particolare e di
 +Pallare, Mallarino è specifico dell'area che comprende il savonese
 +e l'alessandrino, potrebbero derivare da un ipocoristico del nome francogermanico
 +<i><font color="#3366FF">Maillard</font></i>, ma potrebbero anche derivare
 +da un diminutivo della forma dialettale del termine medioevale provenzale
 +<i><font color="#3366FF">mallier</font></i> (<i><font color="#999999">postiglione,
 +ufficiale di posta</font></i>), sicuramente non derivano dal toponimo Mallarini
 +del savonese, perchè la frazione a proprio preso il nome dal cognome
 +della famiglia e non viceversa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALLI
 +<br>MALLIA
 +<br>MALLIO
 +<br>MALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malli sembrerebbe specifico di Milano, Mallia è molto diffuso nella
 +Sicilia meridionale, donde sembrerebbe originario, di Pachino, Siracusa,
 +Avola, Francofonte e Noto nel siracusano, di Modica, Ragusa e Vittoria
 +nel ragusano, di Agrigento, di Palermo e di Riesi e Mazzarino nel nisseno,
 +Mallio è quasi unico, Mallo ha un piccolo ceppo a Palermo, uno a
 +Comiso e Ragusa nel ragusano, ma il ceppo principale è ad Augusta
 +nel siracusano, dovrebbero derivare o dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Mallus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Mallia</font></i> , di cui abbiamo un esempio
 +in questo testo latino: "<font color="#CC33CC">..Cum Minerva manum move.
 +Dii facientes adiuvant. Manum admoventi fortuna imploranda est. Manus pretium:
 +dat operi. Mh/te melissas, mh/te meli: neque apes, neque mel. iccirco quia
 +apum aculeum fugit. Ni molas, non comedes. Qui vitat molam, vitat farinam.
 +Optimum obsonium labor senectuti. Qui arat olivetum, rogat fructum Columel
 +Artem quaevis alit terra. Suet. Ex umbra in solem educere: rem elaboratam.
 +Hic porticus miseriae. Aurum e stercore colligendum. Muli Mariani. </font><font color="#FF0000">Mallus</font><font color="#CC33CC">
 +enim milites ad sarcinas e furca ferendas assuefecerat...</font>", potrebbero
 +anche derivare direttamente dalla <i><font color="#3333FF">gens Mallia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALLOCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malloci è tipicamente sardo ha un ceppo a Lunamatrona nel Medio
 +Campidano, uno piccolo a Cagliari ed uno ancora più piccolo ad Albagiara
 +ed Oristano nell'oristanese, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +sardo meridionale, con il significato di <i><font color="#666666">tori</font></i>,
 +forse attribuito ad un capostipite che ne fosse un allevatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALNATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malnati ha un ceppo a Varese, Malnate, Bisuschio, Arcisate e Vedano Olona
 +nel varesotto, uno secondario a Milano, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Malnate nel varesotto, probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALONE
 +<br>MALONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malone, quasi unico, sembrerebbe del teramano con qualche presenza nel
 +torinese, dove potrebbe derivare dal nome del locale torrente Malone, Maloni
 +ha un ceppo tra spezzino e carrarese, a Santo Stefano di Magra e La Spezia
 +nello spezzino e ad Aulla nel carrarese, ed uno tra ascolano e teramano,
 +in particolare a Sant`Egidio alla Vibrata nel teramano, dovrebbero derivare
 +dal soprannome e nome medioevale <i><font color="#3333FF">Malonus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALONNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malonni, molto molto raro, è tipicamente lombardo, dell'area bergamasco,
 +bresciana, dovrebbe derivare dal nome del paese di Malonno nel bresciano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALOPERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malopera è quasi unico, probabilmente origina da un soprannome, dovrebbe essere di lontane origini piemontesi,
 +sembrerebbe di Cuneo, anche se le più recenti radici ottocentesche
 +si trovano a Tarsia nel cosentino, probabile risultato del trasferimento
 +interno di qualche esponente, tracce di questa cognominizzazione si trovano ad Asti
 +fin dal 1278, quando un tale Guglielmo Malopera fu tra i firmatari della
 +pace tra Asti e Cuneo (<i><font color="#3333FF"><font size="-2">fonte Dizionario
 +Biografico degli Italiani</font></font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALORNI
 +<br>MALORNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malorni ha un piccolo ceppo romano ed uno, molto più consistente
 +a Larino nel campobassano, Malorno è quasi unico, dovrebbero derivare
 +dal nome germanico medioevale <i><font color="#3333FF">Mahlhorn</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il corno del mugnaio</font></i>), bisogna tener
 +presente che <i><font color="#3333FF">malhorn</font></i> è anche
 +il nome di una particolare tecnica di pittura utilizzata dai vasai con
 +l'utilizzo di strumenti simili a penne d'oca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALOSSI
 +<br>MALOSSINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malossi ha un ceppo nel grossetano ed uno nel bolognese, Malossini è
 +tipico del basso trentino, derivano dal soprannome e nomignolo medioevale
 +Malosso ricordiamo il pittore cinquecentesco piacentino Giovan Battista
 +Trotti detto il Malosso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALPEDE
 +<br>MALPEDI
 +<br>MALPIEDE
 +<br>MALPIEDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malpede è tipico dell'area campana, in particolare del salernitano,
 +con presenze anche nel barese, Malpedi è quasi unico, forse del
 +potentino, Malpiede è quasi unico, Malpiedi sembrerebbe del basso
 +marchigiano, potrebbero aver avuto origine da un soprannome, cosa più
 +probabile per il ceppo marchigiano, ma la cosa più probabile è
 +che si tratti invece di cognomi attribuiti anticamente a dei trovatelli, secondo l'uso invalso presso i funzionari borbonici
 +di attribuire un cognome che in qualche misura si potesse riferire a caratteristiche
 +fisiche o comportamentali del bambino.  (<font color="#CC33CC">vedi anche BOMPEDE</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALPELI
 +<br>MALPELO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malpeli è tipico di Parma, del parmense e del reggiano, con un ceppo
 +anche a Genova, Malpelo è quasi unico, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Malpelus</font></i>, del quale abbiamo
 +un esempio nel "<font color="#CC33CC">Qualiter Homines de Abbatia de Fraxinorio
 +in omni anno jurant sequi Consules Mutinae. Anno 1173</font>", probabilmente
 +nato da un soprannome originato dalla credenza che i capelli rossi portassero
 +sfortuna e fossero fonte di disgrazia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALPESI
 +<br>MALPESO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malpesi, quasi unico, sembrerebbe piemontese, Malpeso, altrettanto raro,
 +parrebbe del napoletano, si dovrebbe trattare di cognomi attribuiti a dei
 +trovatelli, i cognomi dovrebbero indicare che il fanciullo era il frutto,
 +il peso, di un'azione <i><font color="#3366FF">mala</font></i> (<i><font color="#999999">riprovevole</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALPETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malpetti è specifico dell'area tra bresciano e mantovano, di Montichiari
 +nel bresciano e di Volta Mantovana e Medole nel mantovano, dovrebbe derivare
 +dall'italianizzazione del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Malpert</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALTA
 +<br>MALTESE
 +<br>MALTESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malta, abbastanza raro, sembra avere un ceppo calabrese ed uno siciliano,
 +Maltese più diffuso è tipicamente siciliano, Maltesi, assolutamente
 +rarissimo, potrebbe essere un errore di trascrizione del precedente, derivano
 +tutti dal toponimo Malta e dall'etnico corrispondente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALTAGLIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maltagliati ha un ceppo nel milanese ed uno toscano originario tra pistoiese
 +e fiorentino, dovrebbero derivare da soprannomi originati da una cattiva
 +reputazione della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALTEMPO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maltempo, tipicamente campano, sembrerebbe specifico di Polla, Petina e
 +Montecorvino Rovella nel salernitano e di Marcianise nel casertano, dovrebbe
 +trattarsi di un cognome attribuito da funzionari degli orfanotrofi borbonici
 +a dei trovatelli, forse indicando che il futuro di questi fanciulli sarebbe stato particolarmente difficile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALTINTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maltinti è tipico della Toscana settentrionale, di Empoli e Fucecchio
 +nel fiorentino, di Livorno e Rosignano Marittimo nel livornese, di Pistoia
 +e Prato e di San Miniato e Cascina nel pisano, l'origine etimologica di
 +questo cognome dovrebbe essere da un soprannome medioevale <i><font color="#3333FF">Maletinctus</font></i>,
 +di cui è arduo identificare il motivo, tracce molto antiche di questa
 +cognominizzazione le troviamo nel 1100 con un Gérardus Maletinctus,
 +che ormai anziano entra in convento e viene accolto a Saint-André
 +di Gap tra i frati cluniacensi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALUDROTTU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maludrottu, decisamente sardo, è caratteristico di Olbia, dovrebbe
 +derivare da un soprannome con il significato di male in arnese, sciatto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALUTA
 +<br>MALUTTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Maluta ha presenze in Veneto, a Venezia in particolare ed un ceppo nel
 +pordenonese a Brugnera, Sacile, Prata di Pordenone e Fontanafredda, Malutta è tipico dell'area friulano, giuliana, con presenze nel
 +pordenonese ed a Trieste, potrebbero derivare dall'italianizzazione del nome
 +saraceno <i><font color="#3333FF">Malut</font></i>, ma è anche
 +possibile, se non più probabile, una derivazione da un'alterazione
 +dialettale friulana o giuliana del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Malosso</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, sembrerebbe tipico della Sicilia orientale, deriva dal
 +toponimo Malvagna (ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVASI
 +<br>MALVASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malvasi ha un piccolo ceppo nel torinese ed a Novi Ligure tra alessandrino
 +e genovese, ed un ceppo a Pisticci e Montalbano Jonico nel materano, con
 +presenze significative anche a Bernalda, Stigliano, Policoro e Scanzano
 +Jonico, ed a Corigliano Calabro e Bisignano nel vicino cosentino, Malvasio
 +ha un ceppo a Ronco Scrivia nel genovese ed uno a Pavone Canavese nel torinese,
 +potrebbero derivare dall'antico toponimo Malavasio nel torinese citato
 +fin dall'anno 998: "<font color="#CC33CC">locus et fundus qui dicitur </font><font color="#FF0000">Malavasio</font><font color="#CC33CC">
 +Mezano</font>" o di un altro luogo,&nbsp; del quale si legge in un atto
 +del 1054: "<font color="#CC33CC">sortes duas que iacent in </font><font color="#FF0000">Malavasio</font><font color="#CC33CC">
 +Superiore ultra fluvium Padi</font>", è anche possibile una derivazione
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Malvasius</font></i>, troviamo
 +tracce di questo cognome ad esempio con Monsignor Antonio Malvasio (1738-1822)
 +sacerdote, nativo di Cesa nel casertano, parroco ad Aversa, latinista,
 +autore di importanti opere di Diritto canonico.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Malvasi è cognome lucano presente a Matera, Policoro, Potenza
 +e spesso altrove, anche calabrese, siciliano, napoletano e nel Salento:
 +'<i><font color="#3333FF">malvagio</font></i>' (francese <i><font color="#666666">mauvais</font></i>),
 +latino '<i><font color="#3333FF">malifatius</font></i>'. Rohlfs 119.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVENTANO
 +<br>MARAVENTANO
 +<br>MARVENTANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malventano, assolutamente rarissimo, è siciliano, sembrerebbe di
 +Caltagirone nel catanese, Maraventano è tipicamente siciliano anch'esso,
 +con un ceppo a Lampedusa e Linosa e ad Agrigento nell'agrigentino ed uno
 +a Palermo, Marventano, assolutamente rarissimo, è tipico del siracusano,
 +dovrebbe trattarsi di forme etniche dialettali riferite all'antico paese di Malaventri
 +situato nell'ennese nel territorio del paese di Centuripe.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVESTIO
 +<br>MALVESTITI
 +<br>MALVESTITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malvestio è tipico della zona tra veneziano e padovano, Malvestiti
 +ha un ceppo a Magnago nel milanese, nel bergamasco a Mapello, Bergamo,
 +Osio Sotto e Calusco d'Adda e nel varesotto a Busto Arsizio, ed uno a Foligno
 +e Città di Castello nel perugino, Malvestito, assolutamente rarissimo,
 +è lombardo, dovrebbe trattarsi di cognomi attribuiti in orfanotrofi
 +da funzionari che così intendessero caratterizzare lo stato d'arrivo
 +dei poveri fanciulli abbandonati con poveri abiti, più difficilmente
 +è ipotizzabile che possano derivare da soprannomi originati dal
 +modo di porsi dei capostipiti, per classificare ad esempio chi usasse vestire
 +in modo disadatto al suo stato sociale. Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Venezia nella seconda metà del 1700 con il capo mastro
 +artigiano Iseppo Malvestio la cui bottega e magazzino si trovano al Ponte
 +del Gaffero, nel 1571, nello stato delle anime della parrocchia "de Imbersago"
 +nel lecchese troviamo un tale Joan Maria Malvestito con la muier Susana
 +e i fioli Rinaldo Jeronimo e Jacobo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVEZZI
 +<br>MALVEZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malvezzi ha un ceppo nell'alessandrino ed un nucleo principale tra veronese,
 +mantovano e modenese, Malvezzo è praticamente unico, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Malvetius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +Bresciano</font></i> in una <i><font color="#3366FF">Breve iussionis ad
 +terram designandam</font></i> del 1197 redatta in Brescia: "<font color="#CC66CC">...dant
 +fictum modium olei aut soliti sunt dare unum domino abbati suprascripto
 +aut eius monasterio Sancti Petri in Monte, quorum nomina sunt hec: Ottebonus
 +de Formacha, Gontardinus, Martinus de Armengarda, Arlottus de Galliciano,
 +Iohannes Pellatus de Zuvino, Buarnus de Pulzano iuravit pro se et fratribus
 +suis atque pro nepotibus eius, Bellebonus de Galliciano, </font><font color="#FF0000">Iohannes
 +Malvetius</font><font color="#CC66CC">, Zamforgninus filius Ottonis Mignoli...</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in una lettera del 1509
 +scritta da Niccolò Machiavelli ad Alamanno Salviati: "<font color="#CC33CC">...Non
 +scrivono li 'mbasciadori vostri delle cose di dentro alcuno particulare,
 +salvo che e' traggono al campo continuamente et gli fanno assai danno,
 +et che messer </font><font color="#FF0000">Luzio Malvezi</font><font color="#CC33CC">
 +andò per danari a Venezia con buona scorta e ritornò in Padova
 +salvo sanza molto impedimento...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVICINI
 +<br>MALVICINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malvicini è tipico della zona che comprende piacentino alessandrino
 +e pavese, malvicino ha un ceppo a Torino, Cuneo e Castelnuovo Bormida,
 +dovrebbero derivare dal toponimo Malvicino (AL), <i><font color="#3366FF">Malvicinus</font></i>
 +era anche un nome/soprannome medioevale, come possiamo leggere in questo
 +scritto pisano del 1227: "<font color="#CC33CC">... anno Domini MCCXXVII,
 +indictione XV, idus octubris.Visa quidem predicta promissione et visis
 +et intellectis omnibus a predictis consulibus ... ...per notulam Bertrandi
 +de Sclannola notarii, anno predicto Domini, die quarto novembris. Iuraverunt
 +etiam hoc idem electi iam consules </font><font color="#FF0000">Malvicinus
 +Petrus Gascus</font><font color="#CC33CC">, W (illelmus) Squirpus, Gaiolus,
 +Raimundus Audricus, et sic omnia fieri voluerunt. ...</font>", troviamo
 +i Conti Malvicini Signori di Bagnacavallo (RA) nella seconda metà
 +del 1100.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALVITANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Presente solo a Melegnano nella
 +forma composta Malvitani Negri, sembra essere di origini calabresi, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Malvito (CS) o dalla località Malvitani di
 +Marano Marchesato nel cosentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MALZONE
 +<br>MALZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Malzone è specifico del salernitano, di Montecorice, Castellabate,
 +Salerno ed Agropoli, Malzoni, quasi unico, è sempre campano dell'area
 +avellinese, salernitana, potrebbero derivare dall'italianizzazione del
 +nome germanico <i><font color="#3333FF">Malzahn</font></i>, secondo un'altra
 +ipotesi potrebbe derivare da un'alterazione dialettale aferetica del nome
 +<i><font color="#3333FF">Tommaso</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMBERTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mamberti è di origine corsa, presente nel cagliaritano e nel genovese,
 +dovrebbe derivare dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Mambert</font></i>,
 +a sua volta derivato dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Manberht</font></i>
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">man</font></i> (<i><font color="#666666">uomo</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">berht</font></i> (<i><font color="#666666">luminoso,
 +brillante</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMBRETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del nordmilanese, potrebbe derivare da un toponimo come Mombretto
 +di Mediglia, o come lo scomparso Montebretus di cui abbiamo una menzione
 +nell'archivio dei notai roganti ,dove nell'anno 1445 è citato a
 +Milano un Lancilotto de Montebreto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMELI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mameli è tipico del centro sud della Sardegna, con un ceppo secondario
 +anche nel genovese, deriva dal nome gentilizio latino Mamelius. Personaggio
 +famoso è ovviamente Goffredo Mameli (1827 - 1849), l'autore dell'inno
 +nazionale italiano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>In realtà Mameli era sì genovese, ma era figlio di un
 +sardo e di una genovese.
 +<br>Secondo il dizionario dei cognomi sardi di Lorenzo Manconi questo cognome
 +compare nel Campidano già nel 1300 ed è uno tra i cognomi
 +sardi più antichi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MAMELI: che significa Mameli? Da dove deriva? Se andiamo indietro nelle
 +storia di Roma, nell’albo consolare, alla data del 488 ab Urbe Condita
 +(265 a.C.) c’è il nome di Lucius Mamilius Vitulus consul. Che relazioni
 +ci siano tra la “<i><font color="#3333FF">gens Mamilia</font></i>” della
 +Roma Repubblicana ed il cognome Mameli non ci è dato di sapere,
 +ma rimane sinora l’unico punto di riferimento. Come poi il cognome Mameli
 +abbia avuto discreta diffusione nella Sardegna meridionale, è ancora
 +un enigma. Sta di fatto che la voce “mameli” in lingua sarda non trova
 +altre spiegazioni. Il cognome è comunque documentato in Sardegna
 +sin dai primi secoli del II millennio. Il più famoso dei Mameli
 +della storia medioevale della Sardegna, fu senz’altro Filippo Mameli di
 +Aristanni, il primo sardo “doctore de decretu et de lege” (giurista) che
 +si conosca. La sua lapide, con relativa iscrizione funeraria, si trova
 +nella Cattedrale di Oristano, ove si legge appunto: - IOBIA DIES VIII MAIU
 +MCCCXLIX MORIVIT MESSER PHILIPHO MAMELI DOTORE DE DECRETU ET DE LEGE ET
 +CANONICU D’ARBAREE ET IAGHET CUGHE(qui) S. OSSA SUA – Filippo Mameli fu
 +il primo estensore della famosa CARTA DE LOGU di Arborea, redatta per ordine
 +di Mariano IV signore del Giudicato di Arborea, padre della&nbsp; giudicessa
 +Eleonora; che la fece pubblicare, distribuendo le copie in tutto il giudicato,
 +villa per villa (villaggio per villaggio) e mandandola poi in vigore, dall’anno
 +1384. Secondo don Giovanni Maria Mameli De’ Mannelli, consigliere di Stato,
 +cavaliere, patrizio di Cagliari, giudice del consolato in Cagliari, traduttore
 +e commentatore della Carta de Logu, la cui stampa fu fatta a Roma nell’anno
 +MDCCCV, presso le stamperie di Antonio Fulgoni (siamo in possesso di una
 +copia anastatica), il canonico Filippo Mameli morì&nbsp; non l’8
 +maggio 1349, bensì l’8 maggio 1348, di peste nera (la famosa peste
 +citata dal Boccaccio nel Decamerone – La Peste Nera entrò in Sardegna
 +nell’Autunno del 1347 e già ai primi mesi del 1348, il numero delle
 +vittime del micidiale “virus” era altissimo. Gli effetti del letale contagio
 +perdurarono per più di un secolo: ne furono vittime oltre al già
 +citato Filippo Mameli, lo stesso Mariano IV, signore d’Arborea, nel 1375,
 +e la figlia Eleonora, nel 1403). Il cognome Mameli&nbsp; è presente
 +nelle carte medioevali della lingua e della storia della Sardegna. Tra
 +i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388, abbiamo: Mamele Michele,
 +ville Ribechu, * Ribechu…attuale Rebecu. Curatorie de Costa de Valls; Mameli
 +Antiocho, jurato ville Donugagia, * Donugagia…odierno Donigala. Campitani
 +Majoris; Mameli Cilippo, jurato ville Sancto Haeru, * Sancto Haeru...odierno
 +San Vero (Contrate Partis de Milis); Mameli Comita, jurato ville Busache,
 +* Busache…odierno Busachi. Contrate Partis Varicati; Mameli Gantino, Burgi
 +Castri M. Regalis, **&nbsp; Burgi Castri Montis Regalis - Castello di Monreale
 +(Sardara); Mameli Gonnario, ville Aricu, * Aricu…odierno Aritzo. Mandrolisay
 +o Barbagia di Belvì; Mameli Joanne, jurato ville Donugagia(vedi
 +su); Mameli Joanne, jurato ville Loddu, * Loddu…distrutto. Contrate Partis
 +Varicati – Barigadu; Mameli Juliano, majore(amministratore di giustizia,
 +sindaco) ville Loddu; Mameli Leonardo, ville Truschedo, * Truschedo…odierno
 +Villanova Truschedu. Contrate Partis Varicati – Barigadu; Mameli Petrus,
 +ville Sasseri, *** Sasseri…Sassari. Et nos Pugioni Anthonius et De Lacon
 +Salatinus, cives Sasseri, sindici, actores et procuratores…Marringoni Arsòcus
 +potestas ac capitanus civitatis Sasseri. Omnes cives congregatis in civitate
 +Sasseri, apud ecclesiam Sancte Caterine…presentibus Corda Jacobo, Magnispesa
 +Francisco, De Mascara Francisco. In die XIII mensis Januarii MCCCLXXXVIII
 +– 1388. Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII secolo,
 +troviamo citate ben 10 persone col cognome Mameli: al capitolo 22 (partizione
 +di servi): Ego Gregorius priore de Bonarcadu, partivi (ho diviso) cun iudice
 +de Gallulu (Gallura). coiuvedi (ho unito in matrimonio) Goantine Mameli
 +serbu de Sancta Maria cun Maria de Lee, ancilla de iudice de Gallul; fegerun
 +II fiios: Zipari et Justa. Clesia levait a Zipari et iudice a Justa. Testes…Ai
 +capitoli 103, 190, 202, 204 è citato Mameli Iorgi, binariu de iudike
 +(il binariu era l’amministratore delle vigne e delle cantine del Giudice),
 +generalmente come teste. Non abbiamo trovato il cognome Mameli nei Condaghi
 +Logudoresi, cioè dell’alta Sardegna! Anche attualmente la sua area
 +di maggiore diffusione è la Sardegna meridionale. Nella storia ricordiamo,
 +fra i tanti, Mameli Mariano, personaggio del regno giudicale di Arborea,
 +padre(naturale) del più famoso Filippo, su menzionato. Visse a cavallo
 +del XIII secolo. Fu canonico della Cattedrale di Santa Maria di Oristano(prima
 +del figlio naturale Filippo). Fu incaricato dal Giudice di Arborea Mariano
 +II in qualità di “custode” della pergamena contenente il trattato
 +di tregua tra lo stato di Arborea e quello di Sassari, allora unito alla
 +repubblica di Genova. Ricordiamo inoltre, Mameli Raimondo, battezzato in
 +Cagliari l’11 luglio 1763. Si unì in matrimonio nel 1795 con Barbara
 +Paradiso, che sin dal gennaio 1813, sarà l’assistente della piccola
 +principessa Maria Cristina di Savoia, ultima figlia di Vittorio Emanuele
 +I e di&nbsp; Maria Teresa d’Asburgo – Este, che la diede alla luce in Cagliari
 +a metà novembre del 1812. Raimondo Mameli e Teresa Paradiso si dovettero
 +poi trasferire a Genova al seguito della famiglia reale. Da Raimondo e
 +Teresa nacquero 7 figli, il secondo dei quali Giorgio, fu, a sua volta,
 +di padre di Goffredo Mameli, l’autore dell’Inno Nazionale Italiano, “Fratelli
 +d’Italia”. Un meno famoso dei Mameli di Sardegna menzionati, è senz’altro
 +Antonino Mameli di Gonnosfanadiga, ma egli va ripetendo, a tutti quelli
 +con cui si intrattiene, di appartenere alla più famosa famiglia
 +cagliaritana di Goffredo; e intanto va sempre fischiettando o canticchiando
 +il nostro Inno Nazionale! ( vedi nel Web – Giuseppe Concas – racconti e
 +leggende del Campidano e Dintorni – is contus de Antoninu Mameli -).&nbsp;
 +Attualmente il cognome Mameli è presente in 354 Comuni d’Italia,
 +di cui 138 in Sardegna: Cagliari 357, Assemini 252, Selargius 171, Quartu
 +123, Monserrato 105. Nella penisola è Roma con 96 ad avere il numero
 +più alto; seguono Milano con 57, Torino con 30, Genova con 27.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMERTINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico di Lamezia Terme (CZ).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Mamertino è un cognome molto raro, presente oggi solo nel comune
 +di Lamezia Terme in provincia di Catanzaro. Tale cognome affonda le sue
 +radici in un periodo molto antico della nostra storia: erano anticamente
 +i Mamertini un gruppo di mercenari per lo più campani che traevano
 +nome dal dio osco <i><font color="#3366FF">Mamers</font></i> (Marte). Assoldati
 +da Agatocle di Siracusa, alla sua morte (289 a.C.) s'impadronirono di Messina
 +trucidandone barbaramente gli abitanti greci ma, sconfitti da Gerone II°,
 +chiamarono in aiuto i cartaginesi. Stanchi della guarnigione cartaginese,
 +fecero appello ai romani, provocando l'inizio della prima guerra punica
 +(264 a.C.). Mamertino divenne quindi un nome etnico in epoca romana, per
 +poi sopravvivere ed essere cognominizzato in epoca altomedievale. Una prova
 +archeologica dell'uso di questo nome nell'antichità è costituita
 +da un'epigrafe commemorativa in calcare conservata nel Museo Lapidario
 +Marsicano di Avezzano (AQ) (trovata in territorio albense nell'area di
 +un sepolcreto di età costantiniana, ma con ogni probabilità
 +non pertinente al contesto di ritrovamento), in cui si legge: "<font color="#CC33CC">CL</font><font color="#000000">(AUDIO)</font><font color="#CC33CC">
 +MAMERTI - NO ET FL</font><font color="#000000">(AVIO)</font><font color="#CC33CC">
 +NEVITTA - CONS</font><font color="#000000">(ULIBUS) </font><font color="#CC33CC">IANUAS
 +- FECERUNT AG</font><font color="#000000">(ILEIUS)</font><font color="#CC33CC">
 +- MODESTUS ET - AEMILIUS LEO - P</font><font color="#000000">(ECUNIA) </font><font color="#CC33CC">P</font><font color="#000000">(UBLICA)</font>"
 +(<font color="#CC33CC">p.p</font>. può essere anche interpretato
 +come "<font color="#CC33CC">p</font><font color="#000000">(rae)</font><font color="#CC33CC">p</font><font color="#000000">(ositi)"</font>
 +in riferimento ai due artigiani Agileio Modesto e Emilio Leone "<i><font color="#999999">preposti,
 +incaricati</font></i>" alla costruzione) Cioè "<i><font color="#3366FF">essendo
 +consoli Claudio Mamertino e Flavio Nevitta, Agileio Modesto e Emilio Leone
 +fecero le porte con denaro pubblico</font></i>". L'epigrafe può
 +essere datata ad annum al 362 d.C., anno in cui furono in carica i due
 +consoli Cl. Mamertino e Fl. Nevitta.&nbsp; Tale iscrizione è di
 +fondamentale importanza per comprendere il processo di conservazione del
 +nomen <i><font color="#3366FF">Mamertino</font></i> come etnico in epoca
 +romana, e la successiva evidente cognominizzazione avvenuta in epoca medievale.
 +E' da escludere una derivazione dei toponimi Galati Mamertino (ME) e Oppido
 +Mamertina (RC) dal cognome, ma non viceversa del cognome dai toponimi.
 +Il nome Galati deriva dall'arabo <i><font color="#3366FF">Qual'at</font></i>,
 +che vuol dire "rocca", in riferimento alla rupe su cui sorge il paese.
 +Oppido deriva dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">oppidum</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#999999">luogo fortificato, piazzaforte</font></i>.
 +Gli appositivi "Mamertino" e "Mamertina", invece, si ricollegano in entrambi
 +i casi a quella storica popolazione dei "Mamertini" che si professava discendente
 +del dio Marte.&nbsp;&nbsp; Escluderei, però, anche l'ipotesi di
 +origine in riferimento ai toponimi: il ceppo Mamertino è presente
 +soltanto nel Catanzarese a Lamezia Terme, per cui potrebbe trattarsi anche
 +di un ceppo del tutto svincolato dai toponimi, il cui cognome si è
 +formato dalla cognominizzazione di un soprannome o di un nome di persona;
 +lo studio sui cognomi fa intuire che le soluzioni sono sempre molteplici
 +e disparate, se non si ha la certezza della presenza di una valida testimonianza
 +documentaria che ne provi una sicura origine etimologica e storica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMINI
 +<br>MAMINO
 +<br>MAMMINI
 +<br>MAMMINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mamini è tipicamente romagnolo, di Faenza e Lugo nel ravennate e
 +di Ferrara, Mamino è invece piemontese, dell'area che comprende
 +il basso torinese, il cuneese e l'astigiano, Mammini è specifico
 +del lucchese e del pisano e potrebbe derivare dall'antico nome <i><font color="#3333FF">Maminius</font></i>
 +del paese pistoiese di Momigno, Mammino è decisamente siciliano
 +del catanese, dovrebbero tutti derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Mamminius</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome lo scrittore latino Titus Quinctius Mamminius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMALUCCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mammalucco, quasi unico, è del marchigiano, dovrebbe derivare dal
 +termine medioevale <i><font color="#3333FF">mammalucco</font></i>, a sua
 +volta originato dall'arabo <i><font color="#3333FF">mamluck</font></i>
 +(<i><font color="#666666">schiav</font></i>o), ricordiamo che con il termine
 +di <i><font color="#3333FF">mammalucchi</font></i> o <i><font color="#3333FF">mamelucchi</font></i>
 +veniva chiamata una milizia a cavallo egiziana composta da schiavi stranieri
 +di provenienza caucasica, secondo un'altra ipotesi potrebbe derivare dal
 +greco <i><font color="#3333FF">mamalucos</font></i> (<i><font color="#666666">fanciullone</font></i>,
 +di uno attaccato alle sottane della mamma), non dimentichiamo che con il
 +termine italiano <i><font color="#3333FF">mammalucco</font></i> si intende
 +uno <i><font color="#666666">sciocco imbambolato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico di Maiori (SA).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Da Fabio
 +Paolucci (Salerno)</font></font>
 +<br>è tipico della splendida Costiera Amalfitana, in particolare
 +di Maiori (Sa). Il cognome dovrebbe derivare da un soprannome attribuito
 +al capostipite: <i><font color="#3366FF">mammatus</font></i> che in latino
 +significa <i><font color="#666666">a forma di mammella</font></i> e <i><font color="#3366FF">mammeata</font></i>
 +vuol dire <i><font color="#666666">dal bel seno</font></i>. Con ogni probabilità
 +il soprannome con riferimento alle mammelle fu attribuito al capostipite
 +perchè particolarmente corpulento, oppure alla capostipite per la
 +sua fecondità o per le sue grazie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMOLA
 +<br>MAMMOLI
 +<br>MAMMOLO
 +<br>MAMOLA
 +<br>MAMOLI
 +<br>MAMOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mammola ha un ceppo a Roma, nel napoletano e nel reggino a Polistena e
 +Rosarno, Mammoli è della fascia centrale, con particolare concentrazione
 +in Toscana a Prato, a Cortona nell'aretino ed a Campi Bisenzio e Firenze
 +nel fiorentino, nell'anconetano ad Ancona, Osimo, Santa Maria Nuova, Offagna
 +ed Aguigliano, in Umbria a Todi, Bastia, Spoleto, Assisi e Perugia nel
 +perugino ed a Terni, ed a Roma e Rieti, Mammolo, estremamente raro, sembrerebbe
 +avere un piccolissimo ceppo nel viterbese ed uno ancora più piccolo
 +nel leccese, Mamola, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del palermitano,
 +Mamoli è tipicamente lombardo, dell'area che comprende il pavese,
 +il lodigiano, il milanese ed il bergamasco, Mamolo sembra avere un piccolissimo
 +ceppo nel varesotto ed ha un piccolo ceppo a Trasaghis nell'udinese ed
 +uno a Trieste, dovrebbero tutti derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Mammolus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Mamolus</font></i>, uno dei nomi personali della
 +<i><font color="#3333FF">Gens Mammea</font></i> o <i><font color="#3333FF">Mamilia</font></i>,
 +ricordiamo San Mamolo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>potrebbe essere una variante del cognome Momoli, cognome lombardo e
 +veneto che dovrebbe derivare dal vezzeggiativo Momolo, nome familiare per
 +Gerolamo o Geronimo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Mamolo è cognome friulano che risale a <i><font color="#3333FF">San
 +Mamante</font></i>, chiamato, oltre che <i><font color="#3333FF">Mamolo</font></i>,
 +anche <i><font color="#3333FF">Mama</font></i> e <i><font color="#3333FF">Mames</font></i>.
 +Fu eremita e martire a Cesarea di Cappadocia, nel III secolo. Viene celebrato
 +dal calendario romano il 17 agosto. Etimologia: dal latino '<i><font color="#3366FF">mamans</font></i>'
 += <i><font color="#666666">bambolone</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMOLITI
 +<br>MAMMOLITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mammoliti è tipico del reggino, di San Giorgio Morgeto, San Luca,
 +Oppido Mamertina, Cittanova e Locri, Mammolito, estremamente raro, è
 +del cosentino, dovrebbe trattarsi di forme etniche grecaniche riferite
 +al paese di Mammola nel reggino, il cui nome dovrebbe derivare dal termine
 +latino <i><font color="#3333FF">mammula</font></i> (<i><font color="#666666">mammella</font></i>)
 +a caratterizzare la forma di una collina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMONA
 +<br>MAMMONE
 +<br>MAMONA
 +<br>MAMONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mammona e Mamona sono quasi unici, Mammone ha un grosso ceppo laziale a
 +Sora nel frusinate ed a Roma, ed uno in Calabria a Caulonia, Roccella Ionica
 +e Oppido Mamertina nel reggino, a Cardinale e Valle Fiorita nel catanzarese,
 +a Montalto Uffugo ed a Rose nel cosentino ed a Crotone, Mamone ha un ceppo
 +a Roma, uno in Calabria nel reggino a Cittanova, Anoia, Galatro e Rosarno
 +ed ad Arena e Dinami nel valentianoed uno a Catanzaro ed Amato nel catanzarese,
 +in Sicilia ha un grosso ceppo a Palermo ed uno a Messina.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Mamone</font></i>
 +(con una variante in <i><font color="#3366FF">Mammone</font></i>), l'italianizzazione
 +cioè del personale <i><font color="#3366FF">Mamon</font></i> o <i><font color="#3366FF">Maimon</font></i>,
 +che nell'onomastica araba ed ebraica significa letteralmente <i><font color="#999999">fortunato</font></i>
 +(per una spiegazione più approfondita, <font color="#CC33CC">vedi
 +Maimone</font>). Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si
 +tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MAMMUCARI
 +<br>MAMMUCCARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mammucari sembrerebbe specifico di Velletri, Mammuccari, decisamente più
 +raro, è anch'esso di Velletri, potrebbe derivare da una deformazione
 +dialettale del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Mamercus</font></i>,
 +ricordiamo ad esempio, citato da Tito Livio Lucius Quinctius Mamercus Aemilius
 +Magistrato eponimo di Roma nell'anno 438 a.C. o dal nome latino <i><font color="#3366FF">Mamertius</font></i>
 +di cui è proseguito l'uso con il Santo cattolico Mamertius arcivescovo
 +di Vienna nel V° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mana è tipico del Piemonte occidentale, è specifico di Fossano,
 +Savigliano, Cavallermaggiore, Genola e Saluzzo, dovrebbe derivare dal nome
 +del paese di Mana, una frazione di Cavallermaggiore nel cuneese, probabile luogo d'origine delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANAI
 +<br>MANNAI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manai è tipico della fascia occidentale della Sardegna, di Sassari
 +e Mara nel sassarese, di Oristano e Paulilatino nell'oristanese, di Perdaxius
 +nell'iglesiente e di Cagliari e Quartu Sant'Elena nel cagliaritano, Mannai è tipico sardo con ceppi a San Nicolo` D`Arcidano nell'oristanese, a Cagliari ed a Portoscuso
 +e Carbonia nel carboniense, dovrebbero derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +sardo <i><font color="#3333FF">mannai </font></i>(<i><font color="#999999">nonno
 +o nonna</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MANAI; MANNAI; MANNONI: son tre cognomi sardi, che hanno per lo più
 +in comune significato ed etimo. Hanno come base il latino <i><font color="#3333FF">magnus</font></i>,
 +nel significato di <i><font color="#666666">anziano, grande in età</font></i>,
 +quindi <i><font color="#666666">nonno</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome Mannu</font>). Traccia della loro presenza si riscontra negli
 +antichi documenti medioevali della lingua e della storia della Sardegna.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388,troviamo:&nbsp; Mannonu
 +Joanne, jurato(collaboratore del majore) ville Silli, * Silli…odierno Isili.
 +Contrate Marmille. Mannai Anthonio, ville Sorradili, * Sorradili…odierno
 +Sorradile. Contrate Partis Varicati – Barigadu. Attualmente il cognome
 +Manai è presente in 104 Comuni italiani, di cui 47 in Sardegna:
 +Sassari 74, Oristano 59, etc. Mannai presente in 55 Comuni d’Italia, di
 +cui 29 in Sardegna: Cagliari 56, Terralba 53, S. N. Arcidano 36, etc. Mannoni
 +è presente in 129 Comuni italiani, di cui 80 in Sardegna: Sassari
 +80, S Teresa 69, Cagliari 27, etc. Nella penisola Roma annovera il ceppo
 +più consistente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANAIGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manaigo è specifico di Cortina d'Ampezzo, con un piccolo ceppo anche
 +ad Auronzo di Cadore sempre nel bellunese, dovrebbe derivare dal nome della
 +frazione Manaigo di Cortina lungo il corso del torrente Boite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Eric Manaigo</font></font>
 +<br>Penso che il nome non derivi dela frazione Manaigo a Cortina,&nbsp;
 +questa frazione possiede questo nome poiche èra (ed è ancora)&nbsp;
 +composta di case e terreni da sempre proprietà della famiglia Manaigo,
 +è la famiglia che ha dato il nome alla frazione,&nbsp;&nbsp; non
 +il contrario. Secondo il Dott. Richebuono&nbsp; (<i><font color="#3366FF">I
 +nomi degli antichi ampezzani</font></i>)&nbsp; L'etimo del nome è
 +incerta. La legenda della famiglia è che il primo Manaigo sia arrivato
 +in Ampezzo&nbsp; come&nbsp; capitano o&nbsp; mercenario in epoca feudale.
 +A Pianoro nel bolognese esiste un Colle di Maianigo ed un bosco di Maianigo,
 +proprio con questa scrittura il cognome appare per la prima volta a Cortina
 +nel 1357&nbsp; (secondo gli studi del Dott. Richebuono).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANALDI
 +<br>MANUALDI
 +<br>MENALDI
 +<br>MENALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manaldi e Manualdi sono praticamente unici, Menaldi, assolutamente rarissimo,
 +ha un ceppo tra Lazio, Molise e Campania, Menaldo ha un ceppo tra padovano
 +e vicentino ed uno nel torinese, dovrebbero derivare dal nome longobardo
 +<i><font color="#3366FF">Menaldus</font></i> a sua volta derivato da <i><font color="#3366FF">Manaldus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Manualdus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manara, specifico della fascia centro occidentale dell'Italia settentrionale,
 +ha un nucleo nel bolognese ed uno nel veronese, ma è ipotizzabile
 +anche qualche ceppo in Lombardia, che potrebbe derivare dal toponimo Cava
 +Manara nel pavese, l'origine dovrebbe essere da. un'alterazione del nome
 +medioevale Mainardo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>Manara difficilmente, a mio avviso può derivare da Cava Manara
 +(PV) poiché il secondo nome è stato aggiunto solo nel 1863
 +in ricordo di Luciano Manara, che da quelle parti combattè.&nbsp;
 +Manara, tipico della Lombardia e del Veneto (Verona) deriva da mannaia.
 +Nei dialetti lombardi e piemontesi e sopravvissuta fino agli anni '50 la
 +parola manarin, piccola scure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente sardo, potrebbe avere
 +un ceppo anche nel Salento, dovrebbe derivare da soprannomi dialettali
 +legati alla caratteristica del capostipite di essere mancino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>Manca: <i><font color="#3366FF">sa manu 'e manca</font></i> (<i><font color="#999999">la
 +mano sinistra</font></i>). Dal latino <i><font color="#3366FF">manca</font></i>.
 +Mancòni, mankìnu (manchìnu) e mànkinu (mànchinu),
 +mancòsu stanno per <i><font color="#999999">mancino</font></i>.
 +Manca è un cognome presente in tutta Italia, in 944 Comuni, con
 +maggiore diffusione in Sardegna. Non dimentichiamo che non è un
 +cognome solo sardo, perché lo ritroviamo, sin dai tempi antichi
 +anche in Puglia. In Sardegna è presente in 267 Comuni su 377. Nelle
 +carte antiche della Sardegna, tra i firmatari della Pace di Eleonora del
 +1388 figurano 8 Manca e 22 Mancha, dei quali ricordiamo: Manca Nicolao,
 +jurato (guardia giurata, collaboratore del majore) ville Seneghe e Manca
 +Toisco, majore (sindaco) ville Seneghe; Mancha Juliano, majore ville Pau
 +(Partis de Montibus), Mancha Matheo, ville Sellùri(Seddòri,
 +Sanluri), Mancha Nicolao, ville Sellùri, Mancha Perinus (Pierino),
 +ville Sasseri, Mancha Peritono (Pierantonio), ville Gonnos de Codina. Nel
 +*CSMB (Condaghe di S. M. de Bonarcado) sono ricordati 10 Manca e un Manka,
 +tra cui: Manca Comita prete di Basilay(?) (198), Manca Gunnari, prete di
 +Bidoni (30); nel *CSNT (Condaghe di S. N. di Trullas), sono citati 3 Manca
 +(in una vendita di terra): Gosantine Manca ed i figli Iusta e Comita; nel
 +Condaghe di S. Pietro di Silki, è citata Manca Jorgia, moglie di
 +Tusu Gosantine, in una donazione di servi, *CSPS(28°).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCANIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mancaniello è tpico dell'area che comprende il foggiano, l'avellinese
 +ed il potentino, potrebbe derivare dal nome composto dai nomi medioevali
 +<i><font color="#3333FF">Mancus</font></i> o <i><font color="#3333FF">Mancio</font></i>
 +aggiunto ad <i><font color="#3333FF">Aniello</font></i>, probabilmente
 +portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCARDI
 +<br>MANCARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mancardi, molto raro, è tipico dell'area ligure, piemontese, Mancardo,
 +ancora più raro, è piemontese, del cuneese in particolare,
 +circa l'origine di questi cognomi si possono formulare diverse ipotesi,
 +la prima consiste in una derivazione dal francese <i><font color="#3333FF">Manchard</font></i>,
 +che sembrerebbe indicare che il capostipite fosse mancino, la seconda propone
 +una derivazione dal termine italiano medioevale <i><font color="#3333FF">manco</font></i>
 +(<i><font color="#666666">storpio</font></i>), la terza suggerisce una
 +derivazione dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Mannhard</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#666666">uomo duro</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCARELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mancarella ha un ceppo nel Salento, a Monteroni di
 +Lecce, Lecce, San Pietro in Lama, Martano, Surbo, Castrignano del Capo,
 +Miggiano e Lequile nel leccese, a Taranto e Sava nel tarantino ed a Brindisi,
 +San Vito dei Normanni ed Erchie nel brindisino, ed un ceppo in Sicilia
 +nel siracusano, a Siracusa e Solarino, dovrebbe derivare da un soprannome
 +attribuito ai capostipiti, che probabilmente erano mancini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCAZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mancazzo è un cognome specifico di Bitonto nel barese, di origine
 +etimologica oscura, si potrebbe ipotizzare una derivazione da un soprannome
 +originato dal termine greco <font color="#3333FF">μανικός&nbsp; <i>manikos</i></font>&nbsp;
 +(<i><font color="#666666">folle, insensato, pazzo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manchia è un tipico cognome sardo, della parte settentrionale dell'isla,
 +di Ozieri, Sassari, Porto Torres e Chiaramonti nel sassarese e di Olbia,
 +San Teodoro ed Oschiri in Gallura, dovrebbe derivare da un soprannome basato
 +su di un termine dialettale sardo per mancina o sinistra, probabilmente
 +ad indicare che i capostipiti avessero la caratteristica di essere mancini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCIARACINA
 +<br>MANGIARACINA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manciaracina, molto raro, è del trapanese, Mangiaragina è
 +tipico della Sicilia occidentale, del trapanese, palermitano ed agrigentino,
 +dovrebbero derivare da un soprannome originato dal nome dialettale della
 +<i><font color="#3366FF">salpa</font></i> un pesce il cui nome dialettale
 +è appunto <i><font color="#3366FF">mangiaracina</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>derivano da un soprannome dialettale che ha il significato di "mangia
 +l'uva".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCIN
 +<br>MANCINA
 +<br>MANCINELLI
 +<br>MANCINI
 +<br>MANCINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00mancini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="144"><font size="-1">Mancin è tipico del nord, con un grosso ceppo tra rovigoto e Veneziano e suoi derivati tra romano e latinense, è molto diffuso nel Piemonte settentrionale, nella Lombardia occidentale ed 
 +in Emilia, Mancina è tipicamente calabrese di San Giovanni in Fiore nel cosentino in particolare e di Cosenza, Mancinelli è molto diffuso nella fascia centromeridionale che comprende il riminese, le 
 +Marche, l'Umbria, il Lazio, l'Abruzzo, il campobassano, il beneventano ed il napoletano, con un ceppo anche nel potentino, Mancini, diffusissimo in tutta l'Italia peninsulare, con massima 
 +concentrazione nella fascia centrale, Campania e Puglia, Mancino è diffusissimo a Roma e in tutto il sud ed in Sicilia, in particolare nel palermitano, dovrebbero derivare, direttamente o tramite 
 +ipocoristici, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Mancinus</font></i>,
 +Tito Livio in <i><font color="#3333FF">Ab Urbe Condita</font></i> nelle
 +sue <i><font color="#3333FF">Periochae</font></i> cita il console <i><font color="#3333FF">Hostilius
 +Mancinus</font></i>: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">C.
 +Hostilio Mancino</font><font color="#CC33CC"> cos. sacrificante pulli ex
 +cauea euolauerunt; conscendenti deinde in nauem,ut in Hispaniam proficisceretur,
 +accidit uox: "Mane, </font><font color="#FF0000">Mancine</font><font color="#CC33CC">".
 +Quae auspicia tristia fuisse euentu probatum est. Victus enim a Numantinis
 +et castris exutus, cum spes nulla seruandi exercitus esset, pacem cum his
 +fecit ignominiosam, quam ratam esse senatus uetuit. XXXX milia Romanorum
 +ab IIII milibus Numantinorum uicta erant. ...</font>", ma è anche
 +possibile una derivazione da un soprannome motivato dalla caratteristica
 +del o della capostipite di essere mancini, ma non si può escludere
 +anche una possibile derivazione da uno dei tanti toponimi Mancini o Mancino
 +presenti qua e là per l'Italia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Federico
 +La Longa Mancini</font></font>
 +<br>I Mancini, conti, nobili dei marchesi di Fusignano, nobili romani,
 +affondano le radici millenarie nel suolo italico e vantano discendenza
 +dalla&nbsp; "Gens Hostilia" della quale un ramo assunse il cognome Mancinus
 +e di cui L. Hostilius Mancinus fu Console nel 608 "ab urbe condita". A
 +Roma i Mancini vennero chiamati anche Lucij, nome allusivo ai pesci alzati
 +nello stemma. Il primo rappresentante certo della famiglia fu Lucio che
 +visse nel 990. La famiglia dette otto Conservatori all'Urbe, ufficiali
 +reggenti lo Stato con grande autorità, un vescovo di Venafro, Antonio,
 +un vescovo di Sora, Matteo, ed un cardinale, Francesco Maria. Nei secoli
 +si suddivise in vari rami: il ramo di Sicilia ebbe per capostipite Giacomo
 +che venne in Sicilia nel 1256 per fuggire alle persecuzioni di Vitelleschi
 +tiranno di Roma, e da lui discesero i baroni di Tardello, Tumminii e Ogliastro.
 +<br>Il ramo di Napoli ebbe per capostipite Domenico Nicola che fu fu creato Marchese di Fusignano il 6 giugno 1535 dal Principe Francesco d'Este, figlio del Duca di Ferrara Alfonso I. Questo ramo fu ricevuto negli Ordini di Alcàntara
 +e Costantiniano, fu reintegrato nel patriziato romano nel 1745, ed ebbe
 +come più illustre rappresentante il conte Pasquale Stanislao (1817-1888),
 +insigne giurista, scrittore e tre volte Ministro del Regno d'Italia (istruzione,
 +giustizia ed esteri).
 +<br>Il ramo di Nevers nacque dal matrimonio nel 1634 tra il barone Michele
 +Lorenzo e la nobile siciliana Girolama Mazzarino, sorella del potente cardinale
 +Giulio; i membri di questo ramo furono duchi di Nevers e Donzy, principi
 +di Vergagne e del Sacro Romano Impero, grandi di Spagna di prima classe
 +e pari di Francia: importante fu la figura di Luigi GiulioO (1716-1798),
 +duca di Nivernais, generale, diplomatico e scrittore.
 +<br>Il conte Antonio fu l'iniziatore nel 1800 del ramo di San Vittore,
 +sottoramo del ramo di Napoli, che ebbe come più fulgido rappresentante&nbsp;
 +AntonioO (1915-1990), eroe della II guerra mondiale e Croce al Merito di
 +Guerra.
 +<br>La famiglia è iscritta nell'Albo d'oro delle famiglie nobili
 +e notabili europee dalla XII edizione ed è rappresentata oggi dal
 +conte Adriano Fulvio Mario e dal figlio Frderico Adriano Mario.
 +<br>Arma : d'azzurro a due pesci d'argento in palo</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCO
 +<br>MANCON
 +<br>MANCONE
 +<br>MANCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manco ha un nucleo nel napoletano ed uno nel Salento, Mancon, rarissimo,
 +è sicuramente veneto, con un ceppo forse non secondario nel varesotto,
 +Mancone ha ceppi nel frusinate, nel napoletano, ed in Puglia, Manconi è
 +tipicamente sardo, derivano da soprannomi originati dalla caratteristica
 +del capostipite di essere mancino. Tracce di queste cognominizzazioni le
 +troviamo nella seconda metà del 1200 ad Afragola, dove in un atto
 +giudiziario vengono citati&nbsp; Jacobus Manconus e Petrucius Manconus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANCOSU
 +<br>MANCUSI
 +<br>MANCUSO
 +<br>MANCUSU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mancosu è specifico del cagliaritano, Mancusi è tipico della zona che comprende il napoletano, il salernitano
 +ed il potentino, la zona d'origine dovrebbe essere in Basilicata tra Potenza
 +ed Avigliano, Mancuso è molto diffuso
 +in Sicilia, Calabria, Basilicata e Campania ed ha un piccolo ceppo nel
 +cagliaritano, dove troviamo anche la forma Mancusu, derivano da un soprannome
 +originato dal vocabolo dialettale <i><font color="#3333FF">mancuso </font></i><font color="#000000">e</font>
 +<i><font color="#3333FF">mancosu </font></i>(mancino). Tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo nel 1600 a Carolei (CS): "<font color="#CC33CC">Die
 +16 men</font><font color="#000000">[sis]</font><font color="#CC33CC"> 9</font><font color="#000000">[m]</font><font color="#CC33CC">bris
 +11 Ind</font><font color="#000000">[itioni]</font><font color="#CC33CC">s
 +1612 in Casali S</font><font color="#000000">[anct]</font><font color="#CC33CC">i
 +Cosmi &amp;&nbsp; Constitutis... ...Et Cornelio </font><font color="#FF0000">Mancuso</font><font color="#CC33CC">
 +Casalis Caruli
 +</font><font color="#000000">[Carolei] </font><font color="#CC33CC">pertine</font><font color="#000000">[n]</font><font color="#CC33CC">tias
 +Civitatis Cos</font><font color="#000000">[enz]</font><font color="#CC33CC">æ
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDA
 +<br>MANDI
 +<br>MANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Manda, che Mandi e Mando sono assolutamente rarissimi, quasi scomparsi,
 +potrebbero derivare dall'aferesi del cognomen latino Amandus o del nome
 +franco germanico Armand.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDALA'
 +<br>MANDALARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandalà è specifico della Sicilia, di Palermo e di Piana
 +Degli Albanesi nel palermitano, potrebbe avere origini albanesi, Mandalari
 +è specifico del reggino di Condofuri in particolare dovrebbero derivare
 +da un soprannome derivato dal mestiere di produttore di catenacci o serrature.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDALITI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandaliti, molto raro, è tipico di Capistrano (VV) e di Paola nel
 +cosentino, potrebbe derivare dal termine neogreco <i><font color="#3366FF">mandas</font></i>
 +(<i><font color="#999999">convento, monastero</font></i>) ed individuare
 +la famiglia come abitante nei pressi di un monastero, o alle dipendenze
 +dello stesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDANICI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandanici è tipicamente siciliano del messinese di Barcellona Pozzo
 +di Gotto, Castroreale e Terme Vigliatore, deriva dal toponimo Mandanici
 +nel messinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDATI
 +<br>MANDATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandati, quasi unico, sembrerebbe essere il frutto di errate trascrizioni
 +di Mandato, che è tipicamente meridionale, con un piccoloceppo nel
 +campobassano a Gildone, uno in Campania a Napoli ed a Giugliano in Campania
 +nel napoletano, a Caserta, Maddaloni e Capua nel casertano ed a Paduli,
 +Benevento e Morcone nel beneventano, ed un ceppo nel cosentino a Grisolia,
 +Santa Maria del Cedro e Roggiano Gravina, potrebbe trattarsi di un alterato
 +ipocoristico del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Mando</font></i>,
 +a sua volta derivato dal termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">mand</font></i>
 +(<i><font color="#666666">gioia, felicità</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDARADONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandaradoni è specifico di Briatico, Rombiolo e Zambrone nel vibonese,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese di Mandaradoni frazione di Briatico,
 +o da quello di Mandaradoni di Limbadi, vicino a Rombiolo, essendo stati
 +questi nomi dei paesi definiti nel XVIII° secolo, anche il cognome non può
 +che risalire ad epoche successive.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra essere originario del comasco,
 +l'area di massima concentrazione comprende le province di Bergamo, Milano
 +e Como, dovrebbe essere derivato dal toponimo Mandello del Lario (LC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandis è tipicamente sardo, ha la sua massima concentrazione nel
 +Campidano a Villanovaforru (VS), ma ha presenze significative anche a Cagliari
 +e nel cagliaritano, ed a Mogoro (OR), potrebbe derivare dall'aferesi del cognomen latino Amandus o del nome di origine germanica Armandus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandola è tipicamente campano, con un ceppo nel salernitano, a Sarno
 +ed a Sapri, potrebbe derivare da un soprannome originato dal termine <i><font color="#3333FF">mandòla</font></i>
 +(<i><font color="#666666">strumento a corde</font></i>) o anche dal termine
 +<i><font color="#3333FF">amandola</font></i> (<i><font color="#666666">mandorla</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDOLFI
 +<br>MANDOLFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandolfi, assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppo tra trentino e vicentino
 +ed uno tra casertano e napoletano, Mandolfo ha un ceppo siciliano, in particolare
 +a Carlentini e Noto nel siracusano, a Catania ed a Modica nel ragusano,
 +ed uno pugliese a Nardò nel leccese, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Mandolfus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio d'uso nel <i><font color="#3366FF">Iacobi Avgusti Thvani historiarum
 +sui temporis</font></i>: "<font color="#CC33CC">.. Ioannes Vrsinus Marnam
 +vsque vicum progressus hosteis superioris diei labore fessos ac vix se
 +lecto ad strepitum molienteis oppressit, et multos ex iis cecidit. in reditu
 +cum Bricomotium et </font><font color="#FF0000">Mandolfum</font><font color="#CC33CC">,
 +Ioannis Buchij legatum, obuios habuisset, eos fudit </font><font color="#FF0000">Mandolfo</font><font color="#CC33CC">
 +ipso occiso; quod in caussa fuit, vt ab ea parte fossa duceretur, ne deinceps
 +erumpentibus praesidiariis inde exitus pateret, cuiusque seruandae cura
 +Blacono a Colinio commissa est ..</font>", questo nome dovrebbe a sua volta
 +derivare dalla modificazione della contrazione del nome longobardo <i><font color="#3333FF">Maginulfus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MAGNOLFI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDOSI
 +<br>MANDOSIO
 +<br>MANDOSSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandosi, abbastanza raro, è specifico della zona che comprende il
 +ternano, il viterbese, il romano ed il reatino, con massima concentrazione
 +ad Orte nel viterbese ed a Collevecchio nel reatino, Mandosio è
 +quasi unico, Mandossi è praticamente unico, dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale <font color="#3333FF">Mandosius</font>, a sua volta derivato
 +dal nome germanico medioevale <font color="#3333FF">Manda</font>, <font color="#3333FF">Mando</font> nato
 +dal termine medioevale germanico a.a.t. <font color="#3333FF">mandag</font>
 +(<i><font color="#666666">felice</font></i>), troviamo tracce di queste
 +cognominizzazioni a Roma nel 1500 con lo scrittore di Diritto Canonico
 +Quintilianus Mandosius&nbsp; e più tardi con il medico pontificio
 +Prospero Mandosius: "<font color="#CC33CC">Theatron in quo maximorum christiani
 +orbis pontificum archiatros Prosper Mandosius nobilis Romanus Ordinis Sancti
 +Stephani eques spectandos exhibet</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della provincia di Cremona,
 +potrebbe derivare dall'aferesi del nome italo germanico Armando o del nome
 +Amand in uso presso i Franchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDOZZI
 +<br>MANDOZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandozzi è tipico dell'area marchigiana tra maceratese ed ascolano,
 +in particolare è ben diffuso nel Piceno a Castel di Lama, Colli
 +del Tronto, Porto Sant'Elpidio, San Benedetto del Tronto, Sant'Elpidio
 +a Mare, Monteprandone e Spinetoli, con un piccolo ceppo nel maceratese
 +a San Ginesio, Mandozzo, che sembrerebbe unico, è probabilmente
 +dovuto ad un'errata trascrizione del precedente, che potrebbe derivare
 +dal nome e cognome medioevale <i><font color="#3333FF">Mandosius</font></i>,
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche MANDOSI</font>), ma non si può
 +escludere la possibilità che in qualche caso origini da una forma
 +ipocoristica dell'aferesi di un alterazione del nome <i><font color="#3333FF">Giacomo</font></i>,
 +forse portato dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRA
 +<br>MANDRA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandra è assolutamente rarissimo e dovrebbe essere dovuto ad errori
 +di trascrizione di Mandrà che è tipicamente siciliano, soprattutto
 +del catanese, di Palagonia, Catania e Mineo, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato da una forma dialettale tronca neogreca per indicare l'artigiano
 +fabbricante di serrature e chiavistelli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Mandrà è cognome siciliano che dovrebbe rifarsi al toponimo
 +<i><font color="#3333FF">Mandarà</font></i> in zona di Modica. <i><font color="#3333FF">Mandaràs</font></i>
 +è inoltre un cognome greco. Il significato dovrebbe essere quello
 +di '<i><font color="#666666">mandriano</font></i>'. Rohlfs 120.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRACCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandracchia è tipicamente siciliano, con un ceppo nell'agrigentino
 +ad Agrigento, Scaicca e Menfi ed uno a Palermo, dovrebbe derivare da un
 +soprannome arcaico basato sul termine <i><font color="#3333FF">mandracchia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ricettacolo</font></i>, nell'uso comune ebbe
 +il senso di <i><font color="#666666">puttanella</font></i>), a sua volta
 +derivato dalla voce medioevale latina <i><font color="#3333FF">mandracula</font></i>,
 +con il medesimo significato corrente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRELLI
 +<br>MANDRILE
 +<br>MANDRILLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandrelli è molto raro, sembra originario della zona che comprende
 +il riminese, il pesarese ed il perugino, Mandrile è specifico del
 +cuneese, di Cuneo, Centallo, Cervasca e Fossano, Mandrilli assolutamente
 +rarissimo, sembrerebbe del basso Piemonte. Nel casentino, nel 1300 troviamo
 +il Capitan d'armi Dominicus Mandrilli. Potrebbero derivare dal soprannome
 +francese <i><font color="#3366FF">Mandrillon</font></i> attribuito a persone
 +malvestite e dall'aspetto molto disagiato, ma è pure possibile una
 +derivazione dal termine franco occitano <i><font color="#3366FF">mandrille</font></i>
 +(<i><font color="#999999">straccio, cencio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRINI
 +<br>MANDRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandrini è originario della zona tra Pavia ed Alessandria, Mandrino,
 +abbastanza raro, parrebbe di origine piemontese, potrebbero derivare dal
 +toponimo Mandrogne (AL).&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +nel <font color="#3333FF">Codice Diplomatico della Lombardia medievale</font>,
 +sotto l'anno 1169, dove leggiamo : "<font color="#CC33CC">.Interfuerunt
 +testes ...&nbsp; et </font><font color="#FF0000">Sirus Mandrinus </font><font color="#CC33CC">...
 +Ego Otto notarius sacri pallacii interfui et hoc breve scripsi</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandrioli è tipicamente emiliano, di Bologna e del bolognese in
 +particolare, di Minerbio, San Lazzaro di Savena, Granarolo dell'Emilia
 +e Budrio, e di Ferrara e Cento nel ferrarese, dovrebbe derivare dal nome
 +della località da cui i capostipiti partirono per giungere a Bologna,
 +cioè i Mandrioli, un passo appenninico tra la Romagna e la Toscana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRIOTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandriota, molto raro, è tipico di Monopoli nel barese, dovrebbe
 +trattarsi di una forma etnica grecanica, potrebbe essere di origini croate
 +ed indicare la provenienza del capostipite dall'isola croata di Mandre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDRO
 +<br>MANDRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandro rarissimo sembra veneziano, Mandroni, ancora più raro sembra
 +toscano, potrebbero derivare da un nome di località come Mandro
 +frazione di Lodrino (BS), o Col Mandro sulle Dolomiti o anche Mandro Vecchio
 +nel fiorentino.&nbsp; Nel Codice Diplomatico della Lombardia Medioevale
 +sotto l'anno 1183 viene citata la località di Mandrogno: "<font color="#CC33CC">.a
 +meridie de Armannis, a sero comuna de Mandrogno.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANDURINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mandurino è decisamente salentino, del tarentino, brindisino e leccese,
 +di Manduria e Taranto nel tarentino, di San Pancrazio Salentino e Torre
 +Santa Susanna nel brindisino e di Lecce, dovrebbe derivare da un soprannome
 +attribuito a capostipiti che provenissero dal paese di Manduria nel tarentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANEA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manea è specifico del vicentino, di Marano Vicentino, Schio, Malo,
 +Vicenza e San Vito di Leguzzano, potrebbe essere di origine rumena, potrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal vocabolo latino <font color="#CC33CC">maneat</font> (come contrazione
 +del modi di dire <font color="#CC33CC">hic maneat optime</font>, un modo
 +rassicurante di dire che si sta bene), ma non è molto probabile un insediamento di daci in un'area
 +cimbrica, si ritiene invece più probabile che possa essere di origini
 +cimbriche, potrebbe derivare da un soprannome legato al vocabolo cimbro
 +<i><font color="#3366FF">maln</font></i> (<i><font color="#999999">macinare</font></i>),
 +dal mestiere di mugnaio esercitato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANEGA
 +<br>MANEGHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manega, molto raro, è tipico del veronese, di Zimella e Verona in
 +particolare, Maneghi, quasi unico, sembrerebbe del vicentino, dovrebbero
 +derivare da soprannomi basati sui termini dialettali veneti arcaici <i><font color="#3333FF">manega</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">manego</font></i> (<i><font color="#666666">manica,
 +manico</font></i>, ma in senso lato <i><font color="#666666">branco</font></i>,
 +gruppo di persone), probabilmente ad indicare l'appartenenza dei capostipiti
 +ad un particolare gruppo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANELLI
 +<br>MANELLO
 +<br>MANNELLI
 +<br>MANNELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manelli sembrerebbe avere tre ceppi, uno tra Milano e Pavia, uno nel modenese
 +ed uno in Puglia, Manello, estremamente raro, è tipico dell'astigiano,
 +di Buttigliera D'Asti&nbsp; in particolare, Mannelli è tipicamente
 +toscano, della fascia settentrionale ed occidentale della regione, Mannello
 +ha un ceppo romano, uno molto piccolo nel beneventano ed uno nel catanzarese,
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare da forme ipocoristiche del nome
 +longobardo <i><font color="#3333FF">Manno</font></i> (<i><font color="#666666">uomo</font></i>),
 +o di modificazioni aferetiche di nomi medioevali come <i><font color="#3333FF">Harimannus</font></i>,
 +o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Distribuito a macchia di leopardo,
 +si identifica un ceppo certo tra Brescia Bergamo e Milano, uno nel pesarese
 +ed uno nel ragusano, dovrebbe derivare dal nome medioevale Manente, ma
 +può in alcuni casi essere riferito allo stato di servo della gleba
 +o colono legato alla terra e quindi manente (dal latino maneo = rimanere)
 +non avendo egli la libertà di andarsene.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANERA
 +<br>MANERI
 +<br>MANERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manera ha più ceppi, in Piemonte, Lombardia e nel trevigiano, nel
 +casertano e nel messinese a Castell'Umberto (ME), Maneri assolutamente
 +raro, ha un ceppo nel milanese, a Roma e nel palermitano, Manero, estremamente
 +raro è del torinese, derivano da modificazioni del nome medioevale
 +germanico di tradizione franca Mainerius. (<font color="#CC33CC">vedi Maineri</font>)&nbsp;
 +Traccia di questa cognominizzazione la troviamo ad esempio nel testamento
 +di Bonvesin della Riva del 1304 redatto e controfirmato da Luchus Manera
 +Notarium.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANES
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un ceppo molisano tra Portocannone, Montecilfone e Termoli (CB), con
 +una ramificazione a San Paolo Di Civitate (FG), ed uno calabrese a Paola
 +(CS), dovrebbe essere di origini albanesi, assolutamente improponibile
 +una connessione con il nome etrusco <i><font color="#3366FF">Manes</font></i>;
 +i Manes sarebbero giunti in Italia dall'Albania nella seconda metà
 +del 1400 al seguito del principe albanese Giorgio Castriosta detto Scanderbeg
 +despota d'Albania.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANETTA
 +<br>MANETTI
 +<br>MANETTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manetta ha un ceppo a L'Aquila, uno a Pignataro Interamna e Cassino nel
 +frusinate ed a Roma, Riano, Mentana e Monterotondo nel romano ed a Sermoneta
 +nel latinense, ha un ceppo a Napoli, uno a Crotone ed in Sicilia a San
 +Giovanni Gemini nell'agrigentino ed a Palermo, Manetti è molto diffuso
 +nella fascia che comprende la Romagna, tutta la Toscana, il viterbese ed
 +il romano, Manetto, abbastanza raro, ha un ceppo nel vicentino con derivazioni
 +nel latinense ed uno nella Sicilia orientale, a Caronia e Messina nel messinese
 +ed a Catania, dovrebbe trattarsi di forme ipocoristiche del nome di origine
 +germanica <i><font color="#3333FF">Mano</font></i>,
 +a sua volta derivato dal termine <i><font color="#3333FF">man</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo</font></i>). (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche MAINETTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFRE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manfrè ha un ceppo a Oderzo nel trevigiano ed a Bassano del Grappa
 +nel vicentino ed uno in Sicilia, a Palermo, a Gibellina ed Alcamo nel trapanese,
 +a gela nel nisseno ed a Lipari e Messina nel messinese, dovrebbe derivare
 +da una forma dialettale tronca del nome <i><font color="#3366FF">Manfredi</font></i>,
 +probabilmente portato dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFREDA
 +<br>MANFREDELLA
 +<br>MANFREDELLI
 +<br>MANFREDI
 +<br>MANFREDINI
 +<br>MANFREDO
 +<br>MANFRIDA
 +<br>MANFRIDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00manfredi.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="82"><font size="-1">Manfreda ha un ceppo nel potentino a Rionero in Vulture e Picerno, uno
 +nel Salento a Monteroni di Lecce, Lecce, Arnesano e Alliste nel leccese
 +ed a Brindisi, ed uno in Calabria a Mesoraca, Petilia Policastro e Cutro
 +nel crotonese ed a Simeri Crichi nel catanzarese, Manfredella, praticamente
 +unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del cognome Manfredelli,
 +che è tipicamente lucano, di Lauria in particolare, con piccoli
 +ceppi anche a Nemoli e Rivello, tutti nel potentino, Manfrida, assolutamente
 +rarissimo, parrebbe tipico del reggino e della Sicilia sudorientale, Manfredi
 +è molto diffuso è panitaliano, Manfridi rarissimo sembrerebbe
 +di origine pugliese, Manfredini è tipicamente emiliano, ma con ceppi
 +anche nella Lombardia orientale, Manfredo ha un piccolo ceppo nel vercellese
 +ed uno nell'udinese, derivano tutti, direttamente o tramite varie forme
 +ipocoristiche, dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Manifred </font></i>diventato
 +da noi nel medioevo <i><font color="#3366FF">Manifredus</font></i> poi
 +<i><font color="#3333FF">Manfredo</font></i> e <i><font color="#3333FF">Manfredi</font></i>.
 +In un atto del Codice diplomatico lombardo del 1100 leggiamo: ".<font color="#993366">..Interfuerunt
 +ibi vocati testes Guilielmus de Muro de Henduno et Ubertus et </font><font color="#CC0000">Manifredus</font><font color="#993366">
 +ser Arnulfi de Busti et Azo domini Imblavadi et Rainerius et Azinus domini
 +Ioannis de Daverio.</font>".&nbsp; Il più famoso personaggio storico
 +con questo nome è stato Manfredi figlio di Federico II di Svevia
 +e di Bianca Lancia, nato nel 1232 e morto il 12 febbraio 1266.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFREDONE
 +<br>MANFREDONI
 +<br>MANFREDONIA
 +<br>MANFREDONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manfredone e Manfredoni, assolutamente rarissimi, forse sono forme ipocoristiche
 +del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Manfredi</font></i>, ma potrebbe
 +anche essere un errore di trascrizione di Manfredonia, che è tipicamente
 +campano di Napoli, Castellammare di Stabia (NA) e di Sarno (SA), Manfredonio,
 +anch'esso campano, dovrebbe essere dovuto ad errori di trascrizione di
 +Manfredonia, dovrebbero quindi derivare dal toponimo Manfredonia (FG) probabile
 +località d'origine delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFRIN
 +<br>MANFRINI
 +<br>MANFRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manfrin è veneto, Manfrini sembra avere tre ceppi, uno nel basso
 +trentino, uno nel ferrarese ed uno nell'anconetano, Manfrino ha un piccolo
 +ceppo nel torinese a Druento ed a Torino e nel savonese, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale,  <i><font color="#3333FF">Manfrinus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto dell'anno 1494 a Milano: "<font color="#CC33CC">..Georginus
 +filius quondam Symonini sindicus per instrumentum, qui ellegit pro suo
 +communi dominum Gabardum pro Biandrono Antonium Luchinum consul
 +sindicus ut dixit per instrumentum, qui pro ipso communi ellegit dominum
 +Gabardum pro Bregano </font><font color="#FF0000">Manfrinus</font><font color="#CC33CC">
 +filius quondam Togni ..</font>", in rari casi potrebbe derivare da modificazioni
 +dialettali del nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Manfredi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFRINATI
 +<br>MANFRINATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manfrinati, molto raro, ha un piccolo ceppo piemontese ad Alessandria,
 +Nichelino e Moncalieri nel torinese ed a Vigliano Biellese nel biellese,
 +ed un ceppo nel padovano a Casale di Scodosia, Manfrinato ha un ceppo a
 +Vercelli ed a Torino, ed uno, più consistente nel rovigoto ad Adria
 +e Rovigo ed a Cavarzere nel veneziano, potrebbe trattarsi di forme patronimiche,
 +dove il suffisso <i><font color="#3333FF">-ati</font></i> o <i><font color="#3333FF">-ato</font></i>,
 +stiano per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferito a
 +capostipiti, i cui padri si fossero chiamati con il nome medioevale <i><font color="#3333FF">Manfrinus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MANFRIN</font>), ma in qualche caso potrebbero
 +derivare dalla voce dialettale veneta arcaica <i><font color="#3333FF">manfrinato</font></i>,
 +stante ad indicare chi provenisse dalla regione piemontese del Monferrato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANFRO
 +<br>MANFRON
 +<br>MANFRONE
 +<br>MANFRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manfro, molto raro, è tipico del nord Italia, con presenza nel Piemonte
 +nordorientale, in Lombardia e nel veronese, Manfron è vicentino,
 +Manfrone, assolutamente rarissimo, ha qualche presenzain Liguria, nell'alessandrino
 +e nel massese, e nel Veneto, Manfroni dovrebbe avere più ceppi,
 +uno tra Rimini e Pesaro, uno tra La Spezia Massa e Lucca e potrebbero essercene
 +altri nelle Marche ed in Umbria, dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Manfronius</font></i> di origini germaniche, come
 +latinizzazioni del nome medioevale tedesco <i><font color="#3333FF">Manfron</font></i>,
 +che deriva a sua volta dall'unione dei termini medioevali a.a.t <i><font color="#3333FF">man</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo</font></i>) e <i><font color="#3333FF">fron</font></i>
 +(<i><font color="#666666">divino, del Signore</font></i>), con un senso
 +equivalente a quello del nome <i><font color="#3333FF">Domenico</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGANARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manganaro è molto diffuso soprattutto in Sicilia, nel nisseno, catanese,
 +siracusano ed in particolare nel messinese e nel vicino reggino, ha un
 +ceppo anche nel romano, nel casertano e napoletano e nel leccese, dovrebbe
 +derivare dal mestiere di addetto al <i><font color="#3366FF">manganello</font></i>
 +o, in dialetto siciliano arcaico, <i><font color="#3366FF">manganeddu </font></i>(<i><font color="#999999">attrezzo
 +a forma di ruota</font></i> sulla cui circonferenza si avvolgeva il filato
 +di seta, in quantità diverse a secondo dell'uso cui era destinato),
 +o <i><font color="#999999">filatore seta</font></i>, l'uso di questa cognominizzazione
 +lo troviamo a Palermo fin dalla prima decade del 1300, un certo Filippo
 +Manganaro il 28 marzo del 1310 viene nominato all'ufficio di Maestro segreto
 +e Maestro procuratore di tutta la Sicilia e compare come Giudice della
 +Magna Regia Curia di Palermo dal 1313 al 1319.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Manganaro è cognome siciliano e calabrese. Riproduce il cognome
 +greco <i><font color="#3333FF">Manganáris</font></i> e il siciliano
 +'<i><font color="#3333FF">manganaru</font></i>' = <i><font color="#666666">chi
 +cava la seta dai bozzoli</font></i> col '<i><font color="#3333FF">mànganu</font></i>',
 +uno strumento apposito. Rohlfs 120.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGANELLA
 +<br>MANGANELLI
 +<br>MANGANELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manganella, rarissimo, ha un ceppo romano, uno tra napoletano e salernitano
 +ed uno nell'agrigentino, Manganelli è molto diffuso nel bolognese
 +ed in tutta la Toscana, lo spezzino ed il perugino, nel viterbese e nel
 +romano, nel napoletano, avellinese e salernitano e nel barese, Manganello,
 +ha un ceppo tra padovano e veneziano, uno nella zona che comprende l'Umbria,
 +il viterbese ed il romano, ed uno nell'agrigentino, dovrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal termine <i><font color="#3333FF">manganella</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">manganello</font></i>, che assume diversi significati,
 +uno è quello di un <i><font color="#666666">attrezzo bellico usato
 +per scagliare proiettili</font></i>, un secondo significato è quello
 +di una specie di <i><font color="#666666">panca a ribalta</font></i>, un
 +terzo è quello di <i><font color="#666666">aspo</font></i> o <i><font color="#666666">attrezzo
 +per filare</font></i>, un quarto è quello di piccolo <i><font color="#3333FF">mangano</font></i>
 +(<i><font color="#666666">macchina tessile per la compressione del tessuto</font></i>),
 +in ogni caso farebbe riferimento ai mestieri dei capostipiti, che potrebbero
 +essere stati dei soldati, sorta di frombolieri, dei falegnami, dei filatori
 +o dei tessitori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGANI
 +<br>MANGANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangani ha un nucleo toscano, soprattutto a Firenze, Montelupo Fiorentino
 +e Scandicci, un ceppo nell'urbinate, uno a Lamezia Terme (CZ) ed uno nel
 +catanese ad Adrano e Paternò, Mangano è specifico dell'Italia
 +meridionale, ha un grosso nucleo in Sicilia, dove dovrebbe derivare dal
 +toponimo Mangano (CT), ed un ceppo nelle Puglie, nei ceppi non siciliani
 +o calabresi l'origine è più probabilmente derivata da soprannomi
 +originati dal vocabolo <i><font color="#3366FF">mangano</font></i> (<i><font color="#999999">macchina
 +tessile per la compressione del tessuto</font></i>) e si riferisce al mestiere
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGANIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manganiello è molto diffuso in tutta la Campania, con massima concentrazione
 +nel napoletano ed avellinese, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine dialettale campano <i><font color="#3333FF">manganiello</font></i>
 +(<i><font color="#999999">affare girevole utilizzato per filare la seta</font></i>),
 +probabilmente ad indicare che appunto quella era la professione del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGARIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangariello, ormai quasi scomparso in Italia, sembrerebbe essere stato
 +tipico di Napoli, dovrebbe derivare da una errata trascrizione del cognome
 +Manganiello (<font color="#CC33CC">vedi MANGANIELLO</font>), originato
 +da un soprannome dialettale derivato dal termine <i><font color="#3333FF">mangano</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MANGANI</font>), ma è molto probabile
 +che derivi dal mestiere di setaiolo svolto dal capostipite, mestiere per
 +il quale veniva adoperato il <i><font color="#3333FF">manganiello</font></i>,
 +voce dialettale napoletana che descrive un un affare girevole utilizzato
 +per filare la seta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del Salento, sembra avere anche due ceppi in Campania, può
 +derivare dal nome medioevale Mangia, di cui si ha traccia ad esempio a
 +Firenze, dove, in un atto del 1281, compare un certo Mangia di Donato dei
 +Minutoli, può anche essere originato da un soprannome scherzoso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIACAPRA
 +<br>MANGIACAPRE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiacapra è un tipico cognome del casertano, di Cesa, Lusciano,
 +Succivo, Aversa e Sant`Arpino, con presenze molto significative anche a
 +Napoli, Mangiacapre sembrerebbe specifico di Cesa nel casertano, questi
 +cognomi dovrebbero derivare da soprannomi dove il termine mangia avrebbe
 +il significato di ruba, probabilmente in senso dispregiativo, una specie
 +di Fumagalli o Rubagalline.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAFICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiafico è specifico del siracusano, di Siracusa, Floridia, Solarino,
 +e Canicattini Bagni, dovrebbe derivare da un soprannome scherzoso attribuito
 +probabilmente ai capostipiti, cui sembra si attrubuisse la caratteristica
 +di mangiare i fichi, probabilmente i fichi d'India, caratteristici per
 +la presenza di piccole spine urticanti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAGALLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiagalli è assolutamente milanese, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dove il termine mangia avrebbe il significato di ruba, probabilmente in
 +senso dispregiativo, una specie di Fumagalli o Rubagalline.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIALARDI
 +<br>MANGIALARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangialardi ha un piccolo ceppo a Senigallia nell'anconetano, uno altrettanto
 +piccolo a Quarrata nel pistoiese, ed uno importante a Modugno nel barese
 +ed a Bari, Bitritto, Palo del Colle e Bitetto, sempre nel barese, Mangialardo
 +ha un piccolo ceppo nell'anconetano, ad Osimo, Falconara Marittima ed Ancona,
 +uno a Roma ed uno a Bari e Trani nel barese ed a Copertino nel leccese,
 +dovrebbero derivare da un soprannome originato dall'abitudine dei capostipiti
 +di mangiare lardo, caratteristica che li poneva tra la gente di una certa
 +agiatezza, o li classificava come mangioni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIALASCHE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangialasche è specifico di Perugia, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo <i><font color="#3366FF">lasca</font></i> (<i><font color="#999999">pesce
 +d'acqua dolce poco pregiato</font></i>), forse per indicare che il capostipite
 +fosse un tipo che si accontentava di poco o anche che facesse di mestiere
 +il pescatore, probabilmente sul lago Trasimeno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIALAVORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangialavori è specifico del vibonese, di Vibo Valentia, Rombiolo,
 +Ricadi e Filandari, dovrebbe derivare da un soprannome forse attribuito
 +ad un capostipite che avesse cambiato molti mestieri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAMELA
 +<br>MANGIAMELE
 +<br>MANGIAMELI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipici della Basilicata, Mangiamela, assolutamente rarissimo,
 +è dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione di Mangiamele,
 +Mangiameli è siciliano, dovrebbero tutti derivare da un soprannome
 +legato al concetto di nutrirsi di miele o di allevare le api.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAPANE
 +<br>MANGIAPANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiapane è tipicamente siciliano, della parte occidentale dell'isola
 +in particolare, di Cammarata e San Giovanni Gemini nell'agrigentino, di
 +Palermo, Cinisi e Misilmeri nel palermitano, di Custonaci, Trapani e Valderice
 +nel trapanese, con un piccolo ceppo tra Marche, Toscana ed Umbria, Mangiapani,
 +praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +del precedente, dovrebbero derivare da un soprannome scherzoso, originato
 +dalla contrazione della frase <i><font color="#3366FF">mangiapane ad ufo</font></i>
 +che starebbe ad indicare uno <i><font color="#999999">scansafatiche</font></i>,
 +troviamo tracce di questa cognominizzazione a San Severino Marche agli
 +inizi del 1300 con un certo Philippus Mangiapane de Sancto Severino, a
 +Castelvetrano nel trapanese, nella seconda metà del 1500 un certo
 +Nicolò Mangiapane è uno dei rettori della locale confraternita
 +dei calzolai, agli inizi del 1600, sempre a Castelvetrano fa il notaio
 +un Vito Mangiapane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAPIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiapia è tipicamente napoletano, potrebbe derivare dall'italianizzazione
 +del termine greco <i><font color="#3333FF">manglavion</font></i> (<i><font color="#666666">guardia
 +di palazzo armata di spada e scudiscio</font></i>) (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche MANGLAVITE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiardi è tipicamente calabrese del vibonese, di Brognaturo e
 +Serra San Bruno in particolare, dovrebbe derivare da alterazioni aferetiche
 +dialettali del nome <i><font color="#3333FF">Ermengarda</font></i> o <i><font color="#3333FF">Ermengardo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAROTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del pavese e aree milanesi
 +confinanti, dovrebbe derivare da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIATERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico dell'area di Loreto (AN) e Recanati (MC), deriva da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAVACCA
 +<br>MANGIAVACCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiavacca, abbastanza raro, è tipico dell'area parmense piacentina,
 +Mangiavacchi, decisamente toscano, è soprattutto del senese, di
 +Montepulciano, Torrita Di Siena, Chianciano Terme, Pienza e Sarteano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi attribuiti ai capostipiti, molto probabilmente con
 +questo termine si attribuiva loro il fatto di essere dei ruba (significato
 +spesso attribuito al vocabolo mangia nei soprannomi) vacche, ma anche semplicemente
 +dei ladri in senso lato, perchè le vacche erano in epoca medioevale
 +sinonimo di ricchezza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIAVILLANI
 +<br>MANGIAVILLANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangiavillani, assolutamente estremamente raro, è dovuto probabilmente
 +ad errori di trascrizione di Mangiavillano, che è tipicamente siciliano
 +dell'area che comprende l'agrigentino, con Palma di Montechiaro, ed il
 +nisseno, con Caltanissetta e Gela, dovrebbe derivare da un soprannome che
 +si riferisca al capostipite come ad uno astuto che sfruttasse la dabbenaggine
 +dei bifolchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGINI
 +<br>MANGINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangini ha un ceppo nel genovese, uno tra livornese, pisano e fiorentino
 +ed uno in Puglia nel foggiano e nel barese, Mangino è tipico del
 +meridione peninsulare, in particolare dell'area che comprende il salernitano,
 +il potentino, il foggiano ed il barese, dovrebbero derivare da un'alterazione
 +dialettale arcaica del cognomen latino <i><font color="#3333FF">Mancinus</font></i>,
 +troviamo tracce di queste cognominizzazioni nel registro degli scolari
 +dell'ateneo perugino dell'anno 1512, dove viene citato un certo Ugolinus
 +Manginus Citramontani Innominati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIONE
 +<br>MANGIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangione ha un forte nucleo in Sicilia ed uno probabile nelle Puglie, Mangioni,
 +molto raro, ha un ceppo nel lecchese ad Abbadia Lariana e Mandello del
 +Lario ed uno a Città di Castello nel perugino, dovrebbero derivare
 +da un soprannome originato dal particolare appetito dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGIULLI
 +<br>MANGIULLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente pugliesi, Mangiulli è più specifico
 +di Manduria nel tarentino con ceppi anche ad Andria nel barese e Salice
 +Salentino nel leccese, Mangiullo è più specifico di Gagliano
 +del Capo nel leccese e di Torre Santa Susanna nel brindisino, dovrebbero
 +derivare da soprannomi ipocoristici tendenti a caratterizzare il comportamento
 +crapulone dei capostipiti o un loro particolare modo di mangiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGLAVITE
 +<br>MANGLAVITI
 +<br>MANGRAVITA
 +<br>MANGRAVITI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manglavite è molto molto raro, Manglaviti, solo un poco meno raro,
 +è specifico di San Luca, Condofuri e Bovalino nel reggino, Mangravita
 +è quasi unico, Mangraviti, il più diffuso, e specifico di
 +Messina.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel termine <i><font color="#3366FF">manglavite</font></i>
 +(manglaviti o <i><font color="#3366FF">mangraviti</font></i> in dialetto),
 +che, nell'antico Impero bizantino, indicava una <i><font color="#999999">guardia
 +di palazzo armata di spada e scudiscio</font></i> (<i><font color="#3366FF">manglavion</font></i>
 +in greco, dall'arabo <i><font color="#3366FF">mijlab</font></i>). La carica
 +di manglavite, a dire il vero, rimanda più notoriamente alla storia
 +della Guardia Variaga, un corpo di soldati variaghi (vedi <a href="http://www.melegnano.net/memorie/memorie111.htm">Dedicato
 +ai Variaghi</a>), che, a partire dal gennaio 989, servì come guardia
 +del corpo dell'imperatore bizantino: storicamente, per la precisione, va
 +ricordato che la Guardia Variaga prestò servizio anche in Italia,
 +soprattutto nel sud del paese (XI secolo d.C.), combattendo fra l'altro
 +contro i normanni, i longobardi e gli arabi. Ora, ai tempi delle lotte
 +in Italia, il leader della Guardia Variaga era il norvegese Harald Hardråde
 +(il futuro re di Norvegia, noto col nome di Harald Sigurdsson III), che,
 +di ritorno da una campagna in Sicilia, venne insignito proprio del titolo
 +di manglavite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro sembrerebbe avere
 +un ceppo in Lucania e in Campania, potrebbe derivare dal nome di toponimi
 +di cui si ha traccia già nel XI° secolo, come ad esempio, San
 +Mango Cilento (SA), San Mango d'Aquino (CZ), San Mango Sul Calore (AV).
 +Nel palermitano esiste un nucleo secondario Mango di Casalgerardo (PA),
 +famiglia originaria dalla Castiglia (Spagna) da dove si trasferì
 +nel napoletano e, in un secondo tempo, nel secolo XIV, a Palermo, dove
 +venne elevata al rango nobiliare di:"Marchesi di Casalgerardo", con annesso
 +Feudo con lo stesso titolo e rango.</font>
 +<br><font size="-1">Personaggi notevoli di questa casata furono: Giacomo,
 +Cavaliere (1584), Antonio, Barone di Castelluzzo (1766), Antonio, Marchese
 +di Casalgerardo (PA 1780), Barone di Castelluzzo(1766) in quanto discendente
 +da Antonio, Cavaliere (1584 )in quanto discendente da Giacomo, Nobile (1802)
 +in quanto discendente da Antonio.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">informazioni fornite da Enzo Lauricella</font></font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Mango è cognome meridionale che viene dal cognome greco <i><font color="#3333FF">Mangos</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGOSIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +esserci un unico ceppo nell'astigiano, che potrebbe derivare dal toponimo
 +Mango (CN), ma l'origine potrebbe anche essere nell'Italia meridionale,
 +e deriverebbe allora da toponimi come Mancuso (CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANGRASSO
 +<br>MANIGRASSI
 +<br>MANIGRASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Mangrasso, praticamente unico, è del tarentino, Manigrassi, molto
 +raro, ha un piccolo ceppo a Brindisi, Manigrasso è specifico del
 +tarentino, di Grottaglie, Statte, Taranto, Monteiasi, Carosino, Crispiano
 +e Montemesola, con un ceppo anche nel brindisino a Brindisi e Francavilla
 +Fontana, questi cognomi dovrebbero derivare dall'italianizzazione del cognome
 +francese <i><font color="#3333FF">Mangras</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANIAGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del basso Friuli, provincia di Pordenone in particolare di Arzene
 +nel pordenonese, deriva dal toponimo Maniago sempre nel pordenonese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANIAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manias ha un ceppo tra veneziano e pordenonese, a Portogruaro nel veneziano
 +e ad Azzano Decimo e Fiume Veneto nel pordenonese, ed uno in Sardegna,
 +ad Ales e Curcuris nell'oristanese, a Cagliari ed a Guspini nel Medio Campidano,
 +il ceppo friulano potrebbe derivare da una forma dialettale originata dall'aferesi
 +del nome <i><font color="#3333FF">Roman</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MANIAS: la voce “<i><font color="#3333FF">manìas</font></i>
 +potrebbe derivare dall’italiano <i><font color="#666666">mania</font></i>;
 +per definire le note caratteriali di una persona. Generalmente è
 +intesa come <i><font color="#666666">vizio, passione, abitudine</font></i>.
 +Potrebbe altresì derivare da <i><font color="#3333FF">maìnas</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi il cognome Mainas</font>); come potrebbe derivare
 +da <i><font color="#3333FF">mànigas</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome Mànigas</font>), nonostante questa ultima sia una sdrucciola.
 +Non sappiamo altro. Non l’abbiamo trovato come cognome negli antichi documenti
 +medioevali e neppure come semplice vocabolo. È un cognome raro,
 +diffuso per lo più nella parte meridionale dell’isola (in 23 Comuni)e
 +soprattutto ad Ales, a Cagliari ed a Guspini, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">MANICHEDDA
 +<br>MANINCHEDDA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Manichedda, quasi unico, è probabilmente una diversa scrittura di
 +Manichedda che è tipico del sassarese, di Sassari, Alghero e Sorso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>MANICHEDDA; MANINCHEDDA: <i><font color="#3366FF">manichèdda</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">manighèdda</font></i> = <i><font color="#999999">piccolo
 </