User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_l

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_l [2020/02/17 13:39] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - L ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP  WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BADESSA
 +<br>LABADESSA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Badessa, assolutamente rarissimo, sembra essere tipicamente calabrese,
 +Labadessa, molto molto raro, &egrave; meridionale, dovrebbero derivare
 +dal nome di Badessa, una frazione di Cosenza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP  WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABADINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dovrebbe essere originario del
 +parmense, dovrebbe derivare da modificazioni del vocabolo abate, sia inteso
 +come uomo da rispettare sia per rapporti con lo stato di abate secolare
 +(regolarmente sposato).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BANCA
 +<br>LABANCA
 +<br>LA BANCHI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Banca, il meno diffuso dei due, ha il ceppo principale nel potentino,
 +a Latronico, Lauria e Terranova di Pollino, ma presenta un piccolo ceppo
 +anche a Cassano allo Ionio nel cosentino, Labanca &egrave; specifico del
 +potentino, di Lauria, Rivello, Lagonegro, Terranova di Pollino, Moliterno,
 +Latronico, Castelluccio Inferiore e Superiore, e Nemoli, La Banchi, molto
 +molto raro, &egrave; del napoletano, tutti questi cognomi dovrebbero derivare
 +da nomi di localit&agrave; o contrade contenenti la radice <i><font color="#3366FF">Banca</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Banchi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BARBERA
 +<br>LA BARBIERA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Barbera sembrerebbe specifico della Sicilia occidentale, dove &egrave;
 +diffusissimo, la variante La Barbiera, estremamente rara, &egrave; tipica
 +del palermitano, di Bolognetta e Palermo, dovrebbero entrambi derivare
 +da un soprannome collegato al mestiere di barbiere o da una capostipite
 +femmina che svolgesse appunto quella professione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP width="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABARDI
 +<br>LABARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labardi &egrave; specifico di Firenze e del fiorentino, Labardo, quasi
 +unico, &egrave; probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione del precedente,
 +potrebbe trattarsi di una forma aferetica di <i><font color="#3333FF">Alabardi</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALABARDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>L'ABATE
 +<br>LABATE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labate ha un nucleo a Reggio Calabria ed uno nel barese concentrato a Putignano,
 +L'Abate, molto pi&ugrave; raro sembrerebbe di Locorotondo (BA), derivano
 +da soprannomi legati alla parola abate, o per il comportamento o per la
 +localit&agrave; di provenienza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABBIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labbia, ormai quasi scomparso, parrebbe originario del plermitano, di Corleone
 +in particolare, dovrebbe derivare dal termine spagnolo <i><font color="#3366FF">labia</font></i>
 +(usato per <i><font color="#3366FF">loquacit&agrave;</font></i> ed <i><font color="#3366FF">abilit&agrave;
 +dialettica</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Potrebbe avere pi&ugrave; ceppi,
 +il pi&ugrave; consistente nel Lazio, nella provincia di Agrigento e in
 +quella di Vibo Valenza, deriva dal nome medioevale Bella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABEMANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labemano &egrave; specifico di Polaveno nel bresciano, di origini etimologiche
 +oscure, potrebbe derivare dal termine germanico <i><font color="#3333FF">labemann</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ristoratore</font></i>, persona che aiuta gli
 +altri nel momento del bisogno).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BIANCA
 +<br>LABIANCA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Bianca ha ceppi in tutta la Sicilia, soprattutto nel palermitano a Bagheria,
 +Palermo e Ficarazzi, ma ha ceppi anche nel siracusano, catanese, messinese,
 +ennese e trapanese, si individua anche un ceppo pugliese, in particolare
 +nel barese a Giovinazzo ed a Foggia, ed uno a Prata Sannita nel casertano,
 +Labianca &egrave; decisamente pugliese, di Bitonto, Bari, Giovinazzo, Gravina
 +di Puglia, Trani, Barletta ed Adelfia nel barese, e di Trinitapoli, Foggia
 +e San Ferdinando di Puglia nel foggiano, si dovrebbe trattare di famiglie
 +di origini ebraiche, risalenti al XV&deg; secolo, in molti casi convertite
 +al cattolicesimo, dedicate all'artigianato tessile, ed in particolare al
 +candeggio e sbiancatura dei tessuti, da questo genere di attivit&agrave;
 +dovrebbero aver preso appunto il loro cognome, ma in alcuni casi potrebbero
 +derivare anche da nomi di contrade contenenti la radice Bianca, dove forse
 +risiedevano o avevano avuto origine i capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABIENI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labieni sembrerebbe specifico del cagliaritano, dovrebbe derivare dal cognomen
 +latino <i><font color="#3366FF">Labienus</font></i>, ricordiamo Titus Atius
 +Labienus (100a.C. - 45a.C.) uno dei luogotenenti di Caio Giulio Cesare
 +che lo trad&igrave; per passare nelle schiere dei seguaci di Gneo Pompeo,
 +dal <i><font color="#3366FF">De Bello Gallico</font></i> di Cesare leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Labienus</font><font color="#CC33CC">
 +interitu Sabini et caede cohortium cognita, cum omnes ad eum Treverorum
 +copiae venissent, veritus ne, si ex hibernis fugae similem profectionem
 +fecisset, hostium impetum sustinere non posset..:</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BIONDA
 +<br>LA BIUNDA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sia La Bionda che La Biunda, assolutamente rarissimi, sono siciliani, il
 +suffisso <i><font color="#3333FF">La-</font></i> dovrebbe avere valore
 +matronimico ed intendersi come riferito al<i><font color="#666666"> figlio
 +di o della</font></i>, riferito a capostipiti che fossero figli di una
 +bionda di capelli, o che si chiamasse Bionda di nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABO'
 +<br>LABORI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lab&ograve; &egrave; tipico dell'area che comprende il milanese, il pavese
 +ed il piacentino, Labori, quasi unico, &egrave; del nord Italia, dovrebbero
 +entrambi derivare da corruzioni dialettali del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Laborio</font></i>,
 +un'alterazione del pi&ugrave; comune cognomen latino <i><font color="#3366FF">Liborius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laboni sembrerebbe essere lombardo, di Cassano d'Adda nel milanese, dovrebbe
 +derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Labonius</font></i>
 +portato ad esempio dal magistrato del III&deg; secolo d.C. Publius Labonius
 +Institor, che troviamo citato su di una lapide commemorativa: "<font color="#CC33CC">.</font><font color="#000000">[quod
 +p]</font><font color="#CC33CC">o</font><font color="#000000">[s]</font><font color="#CC33CC">t</font><font color="#000000">[ulan]</font><font color="#CC33CC">t</font><font color="#000000">[e
 +univ]</font><font color="#CC33CC">erso populo promiserunt </font><font color="#FF0000">P(ublius)
 +Labonius</font><font color="#CC33CC"> P</font><font color="#000000">(ublii)</font><font color="#CC33CC">
 +f</font><font color="#000000">(ilius)</font><font color="#CC33CC"> </font><font color="#FF0000">Iinstitor</font>
 +<br><font color="#CC33CC">et M</font><font color="#000000">(arcus)</font><font color="#CC33CC">
 +Aebutius---f(</font><font color="#000000">ilius)</font><font color="#CC33CC">
 +Honoratus ---Pacatianus aediles s</font><font color="#000000">(ua)</font><font color="#CC33CC">
 +p</font><font color="#000000">(ecunia)</font><font color="#CC33CC"> f</font><font color="#000000">(ecerunt)</font><font color="#CC33CC">
 +et ded</font><font color="#000000">(icaverunt)</font><font color="#CC33CC">.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABONIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labonia dovrebbe essere calabrese, del cosentino a Rossano, Crosia e Cariati
 +e del crotonese a Crotone e Crucoli, dovrebbero derivare dal nome del casale
 +di <i><font color="#3333FF">Labonia</font></i> nelle vicinanze di Scandale
 +nel territorio di Santa Severina nel crotonese, probabile localit&agrave;
 +originaria dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABRIOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico di Potenza e&nbsp;&nbsp; Ripacandida (PZ), ha ceppi anche in Puglia
 +a Bari, Taranto e Trepizzi (LE), deriva dal toponimo Abriola (PZ), personaggio
 +di rilievo &egrave; stato nella seconda met&agrave; del 1800 Antonio Labriola
 +esimio storico, filosofo marxista, nato a Cassino il 2 luglio del 1843.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LABRUZZO
 +<br>LABBRUZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Labruzzo e Labbruzzo sembrano essere tipicamente siciliani, del palermitano
 +in particolare, di Palermo e Corleone, Labruzzo ha ceppi anche a Partanna
 +ed Alcamo nel trapanese e a Bivona nell'agrigentino, potrebbero derivare
 +da soprannomi originati da caratteristiche fisiche del capostipite, come
 +ad esempio il labbro leporino, improbabile una correlazione con la regione
 +Abruzzo, molto difficile anche un collegamento con il nome <i><font color="#3366FF">Brutius</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Brutus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA BUA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Bua &egrave; specifico di Palermo, con un ceppo anche a Termini Imerese
 +nel palermitano, potrebbe derivare da un'italianizzazione del termine greco
 +<font color="#3333FF">&#946;&#959;&#944;&#962;&nbsp; <i>bus</i></font>&nbsp; (<i><font color="#666666">bue,
 +vacca</font></i>), forse ad intendere che i capostipiti fossero dei vaccari,
 +come potrebbe anche derivare dal cognome albanese <i><font color="#3333FF">Bua</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BUA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CAITA
 +<br>LACAITA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Caita, quasi unico, dovrebbe essere una variante del pi&ugrave; cune
 +Lacaita, che &egrave; tipicamente pugliese del tarantino, in particolare
 +di Torricella, con presenze anche a Lizzano e Manduria ed a Brindisi, e
 +che dovrebbe essere di origini albanesi e derivare da un soprannome grecanico
 +con il significato di affidabile, sincero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LACALAMITA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lacalamita &egrave; specificatamente pugliese, del barese in particolare,
 +di Modugno, Bari, Barletta, Altamura, Giovinazzo e Trani, potrebbe derivare
 +dall'etnico dell'isola di Kalamos in Grecia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LACARBONARA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lacarbonara &egrave; diffusissimo a Martina Franca nel tarentino, dovrebbe
 +derivare dal Toponimo Carbonara nel barese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CATENA
 +<br>LACATENA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Catena, estremamente raro, ha un piccolo ceppo nel napoletano ed uno
 +pugliese che &egrave; probabilmente dovuto ad errori di trascrizione di
 +Lacatena che &egrave; tipicamente pugliese, del barese soprattutto, del
 +tarentino e del brindisino,
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>Integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Catena</font></i>,
 +che, in ambito cristiano, allude al culto per la <i><font color="#3366FF">Madonna
 +della Catena</font></i> (per una spiegazione pi&ugrave; approfondita, <font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome Catena</font>). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti, anche se in alcuni casi non &egrave;
 +esclusa una derivazione da soprannomi ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CAVALLA
 +<br>LACAVALLA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi pugliesi, La Cavalla ha un piccolissimo ceppo a San Severo nel
 +foggiano e qualche presenza a Bisceglie nel barese, Lacavalla, pi&ugrave;
 +diffuso, &egrave; tipico di Barletta e di Bisceglie nel barese, dovrebbero
 +derivare da soprannomi attribuiti forse ad un mercante di cavalle, o ad
 +un addetto di stalla.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LACCHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha due ceppi, uno nel forlivese
 +e ravennate ed uno nel milanese, lodigiano e cremonese, potrebbe derivare
 +da una contrazione del nome medioevale Burlamacco, ma in qualche caso &egrave;
 +probabile una derivazione dal toponimo Lacchiarella (MI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CHIANA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Chiana, assolutamente rarissimo, sembra essere specifico di Campobello
 +Di Mazara nel trapanese, dovrebbe derivare dal termine dialettale arcaico
 +<i><font color="#3366FF">la chiana</font></i> (<i><font color="#999999">il
 +pianoro, la pianura</font></i>), troviamo tracce di questa cotgnominizzazione
 +tra la seconda met&agrave; del 1500 e la prima del 1600 con il sacerdote
 +della Compagnia di Ges&ugrave;, matematico e scrittore Girolamo La Chiana
 +di cui ricordiamo tra l'altro gli epigrammi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LACONI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della Sardegna sudorientale,
 +potrebbe derivare, come la nobilissima famiglia sarda de Lacon-Serra gi&agrave;
 +potente nel X&deg; secolo, dal nome del popolo greco dei Laconi,&nbsp;
 +(la Laconia &egrave; una zona del Peloponneso in Grecia), ma in alcuni
 +casi potrebbe discendere dal toponimo Laconi (NU).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LACOPO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico calabrese della zona di Locri e Gerace (RC), deriva dal nome
 +medioevale Lacopo, diversa forma del nome Iacopo: "<font color="#CC33CC">...,
 +messere sancto Giovanni Batista et de' beati messere sancto </font><font color="#FF0000">Lacopo</font><font color="#CC33CC">
 +et Senone avocati protettori e difensori del popolo et Comune del Montale
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CORTE
 +<br>LACORTE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Corte &egrave; tipicamente meridionale, ha un ceppo a Roma, uno piccolo
 +a Chieti, uno nel salernitano ad Olevano sul Tusciano ed Eboli, uno nel
 +tarantino a Sava, Grottaglie e Taranto ed uno, il pi&ugrave; consistente,
 +in Sicilia, a Palermo, Monreale, Bagheria, Partinico, Caccamo e Ciminna
 +nel palermitano, a Messina, a San Giovanni Gemini e Cianciana nell'agrigentino,
 +a Catania ed a Siracusa, Lacorte &egrave; tipicamente pugliese, di Ostuni,
 +Brindisi, Villa Castelli e Ceglie Messapica nel brindisino e di Sava, Grottaglie,
 +San Marzano di San Giuseppe e Lizzano nel tarentino, dovrebbero stare ad
 +indicare l'appartenenza dei capostipiti ad una <i><font color="#3333FF">corte</font></i>
 +(<i><font color="#666666">comunit&agrave; agricola</font></i> di origine
 +franca) (<font color="#CC33CC">vedi DELLA CORTE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>L'ACQUA
 +<br>LACQUA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>L'Acqua, molto raro ha un piccolo ceppo in Liguria ed in Sicilia, Lacqua
 +ha un ceppo in Liguria ed in Piemonte ad Acqui Terme (AL), Torino e Nizza
 +Monferrato nell'astigiano, dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave;
 +caratterizzati dalla presenza di una fonte.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA CROCE
 +<br>LACROCE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lacroce, molto raro sembra specifico del catanzarese, La Croce, oltre
 +al ceppo catanzarese, sembrerebbe averne anche uno in Sardegna nel basso
 +nuorese, dovrebbe derivare da nomi beneauguranti appartenenti alla tradizione
 +cristiana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LADALARDO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ladalardo &egrave; specifico di Baronissi nel salernitano, sembrerebbe
 +essere di origine franco, normanna, dovrebbe derivare dal nome franco <i><font color="#3366FF">Adelard</font><font color="#00CC00">
 +</font></i>o dal nome normanno <i><font color="#3366FF">Adalardus</font></i>
 +entrambi composti dai termini germanici medioevali <i><font color="#3366FF">adal</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">adel</font></i> (<i><font color="#999999">nobile</font></i>)
 +con l'aggiunta del suffisso<i><font color="#3366FF"> hard </font></i>(<i><font color="#999999">duro
 +e forte</font></i>), con il significato di <i><font color="#999999">di
 +ferma nobilt&agrave;</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LADDOMADA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laddomada &egrave; specifico del tarentino, di Crispiano e Martina Franca
 +in particolare, con un ceppo anche a Locorotondo nel barese, potrebbe derivare
 +da un'italianizzazione del nome turco Abd&uuml;lham&icirc;d.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LADINI
 +<br>LADINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ladini &egrave; un cognome raro forse di origine veneta, Ladino &egrave;
 +praticamente unico, potrebbero entrambi derivare dall'etnico <i><font color="#3366FF">ladino</font></i>,
 +al plurale <i><font color="#3366FF">ladini</font></i><font color="#000000">,</font><i><font color="#3366FF">
 +</font></i>popolazione caratterizzata dalla parlata <i><font color="#3366FF">ladina</font></i>,
 +enclave insediata nelle Dolomiti trentino venete nonch&egrave; nel cantone
 +dei Grigioni in Svizzera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LADISA
 +<br>LADISI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ladisa &egrave; tipico del barese, di Bari in particolare, Ladisi, molto
 +molto pi&ugrave; raro, &egrave; sempre specifico del barese, dovrebbero
 +derivare dal nome slavo <i><font color="#3366FF">Ladis</font></i> (forma
 +contratta di Ladisio e Ladislao) con il significato di Signore armonioso
 +e bello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LADU</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Diffuso in tutta la Sardegna, soprattutto nelle province di Nuoro ed Oristano,
 +deriva da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">ladu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">largo</font></i>) derivato dal latino <i><font color="#3366FF">latus</font></i>,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo nella prima met&agrave; del
 +1600 nella zona di Scano di Montiferro (OR) dove un certo Giovanni Maria
 +Ladu viene citato in un atto del 1665.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAERA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laera &egrave; tipicamente pugliese, dell'area che comprende il barese,
 +il brindisino ed il Tarantino, particolarmente tipico del barese di Putignano,
 +Noci e Castellana Grotte.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA FALCE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Falce ha un ceppo romano, uno piccolo a Buccino nel salernitano, uno
 +nel cosentino a Castrovillari e Terranova da Sibari ed alcune presenze
 +tra messinese e catanese, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal mestiere dei capostipiti, visti probabilmente come contadini nell'atto
 +di falciare l'erba nei campi, ma non si escvlude una derivazione toponomastica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA FATA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Fata &egrave; un cognome tipico del palermitano, di Palermo, Carini,
 +Cinisi, Partinico, Terrasini e Trappeto, con presenze significative anche
 +nel siracusano, soprattutto a Carlentini e Lentini, si potrebbe trattare
 +di un matronimico riferito all'attivit&agrave; di maga o guaritrice svolto
 +dalla capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA FERRERA
 +<br>LAFERRERA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Ferrera &egrave; tipico siciliano, di Gagliano Castelferrato (EN) in
 +particolare, con un ceppo, probabilmente secondario, a Catania, Laferrera
 +&egrave; praticamente unico, in alcuni casi potrebbe derivare dal toponimo
 +Ferrera (ME), ma pi&ugrave; probabilmente &egrave; nato da localit&agrave;
 +dove si trovava una cava di materiale ferroso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>La Ferrera &egrave; un cognome siciliano diffuso nelle province di
 +Enna e Catania. Epicentro nel comune ennese di Gagliano Castelferrato (2&deg;
 +cognome in ordine di frequenza), Laferrera si &egrave; formato per errore
 +di trascrizione di La Ferrera. Rarissimo, presente solo a Gagliano Castelferrato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAFFRANCHI
 +<br>LAFFRANCHINI
 +<br>LAFRANCHI
 +<br>LAFRANCONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laffranchi &egrave; tipicamente del bresciano, Laffranchini &egrave; specifico
 +anch'esso del bresciano, di Esine, Pian Camuno ed Edolo, Lafranchi, praticamente
 +unico, sembrerebbe anch'esso del bresciano, Lafranconi &egrave; specifico
 +di Mandello del Lario, con un piccolo ceppo anche ad Abbadia Lariana, sempre
 +nel lecchese, dovrebbero derivare, direttamente o attraverso forme ipocoristiche
 +o accrescitive, dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Lanfrancus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi LANFRANCHI</font>), tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Brescia nel 1500 con Battista Laffranchi di Lovere, <i><font color="#3366FF">fabro a violinis</font></i>, nel contado
 +di Bormio nel 1600 nei <i><font color="#3366FF">Quaterni inquisitionum</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">... in stuffa domus habitationis mei Sermondi cancellarii
 +sedentibus, denuntiando comparuerunt videlicet: Laurentius quondam </font><font color="#FF0000">Ioannis
 +Laffranchi</font><font color="#CC33CC"> et Andreas quondam magistri Nicolini
 +Morselli de Semogo Communis Burmii...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGANA
 +<br>LAGANA'
 +<br>LAGANARA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lagana &egrave; specifico di Reggio Calabria, Lagan&agrave; &egrave; la
 +forma pi&ugrave; diffusa, sempre reggina, ma con presenze significative
 +anche nella Sicilia orientale e nel resto della Calabria, Laganara, assolutamente rarissimo, sembrerebbe pugliese, dovrebbero derivare
 +dal vocabolo greco <i><font color="#3366FF">lacanas</font></i> (<i><font color="#666666">ortolano</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Reggio Calabria nella prima
 +met&agrave; del 1600 con il notaio Livio Lagan&agrave; che il 3 maggio
 +dell'anno 1640 redisse l'atto di presa di possesso della Baronia di Sambatello
 +da parte della citt&agrave; di Reggio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGGETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laggetta, assolutamente rarissimo, &egrave; un cognome tipico del Salento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGHEZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originario del brindisino, pu&ograve;
 +discendere da un nome greco Lagos, con modificazioni dialettali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGORIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della Liguria, dovrebbe
 +derivare da un soprannome legato al vocabolo dialettale ligure lag&ouml;
 +(sorta di lucertolone).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGOMARSINI
 +<br>LAGOMARSINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lagomarsini &egrave; tipico dello spezzino, di Ameglia e Castelnuovo Magra
 +in particolare, Lagomarsino &egrave; specifico del genovese, di Genova,
 +Uscio, Lumarzo, San Colombano Certeno, Chiavari, Recco e Camogli, derivano
 +entrambi dal toponimo Lagomarsino (GE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGOSTENA
 +<br>LAGOSTINA
 +<br>LAGOSTINI
 +<br>LAGUSTENA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lagostena &egrave; tipico di Genova e Campomorone (GE), Lagostina &egrave;
 +specifico di Gravellona Toce (VB), Lagostini &egrave; praticamente unico,
 +Lagustena, assolutamente rarissimo, &egrave; sempre del genovese, dovrebbero
 +derivare da etnici dell'isola di Lagosta (in croato Lastovo) appartenente
 +al teatro dell'aspra guerra nel 1293 tra le Repubbliche marinare di Genova
 +e Venezia per il predominio sul mar Mediterraneo, dove i genovesi catturarono
 +Marco Polo: "...On 10 June 1396, "<font color="#CC33CC">Laurentius dictus
 +Lauri&ccedil;a de Siruga de Ragusio, nunc habitator insule Laguste </font><font color="#000000">(Lastovo)</font><font color="#CC33CC">
 +omnium ... suorum sotiorum de Lagusta qui recuperaverunt cum magnis laboribus
 +et periculis aliqua coreda, res et bona unius magne navis a duabus arboribus
 +et duobus timonis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA GRECA
 +<br>LAGRECA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lagreca &egrave; specifico di Gravina di Puglia, con un piccolo ceppo anche
 +a Montesano sulla Marcellana nel salernitano, La Greca, molto molto raro,
 +&egrave; specifico del barese, in particolare di Gravina di Puglia,
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel soprannome o nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Greca</font></i>, che allude chiaramente a una
 +provenienza dalla Grecia (per una spiegazione pi&ugrave; approfondita,
 +vedi il cognome Greca). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei soprannomi o nomi personali dei capostipiti.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGRINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome assolutamente raro, a livello
 +di pura ipotesi si pu&ograve; ipotizzare un origine milanese ed una derivazione
 +dall'aferesi del nome bizantino Philagrius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGROTTERIA
 +<br>LA GROTTERIA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sembrano entrambi specifici della provincia di Vibo Valentia&nbsp; e Reggio
 +Calabria,&nbsp; derivano dal toponimo Grotteria (RC).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA GRUTTA
 +<br>LA GROTTERIA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Grutta ha un ceppo lucano a San Martino d'Agri nel potentino ed uno
 +siciliano a Marsala, Mazara del Vallo e Trapani nel trapanese ed a Palermo,
 +dovrebbe derivare dalla forma dialettale di localit&agrave; individuate
 +dal termine Grotta, come ne esistono pressocch&egrave; ovunque in Italia.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA GUARDIA
 +<br>LAGUARDIA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Guardia ha vari ceppi, uno a Roma, uno tra teatino e campobassano, uno
 +nel salernitano, uno nel materano e barese ed uno nel ragusano, Laguardia
 +&egrave; caratteristico della Basilicata, sia del potentino, dove &egrave;
 +pi&ugrave; diffuso, che del materano, con una presenza consistente anche
 +in Puglia, in particolare nel barese, brindisino e tarentino, possono derivare
 +dal nome di molti paesi in Italia contenenti il termine <i><font color="#3366FF">Guardia</font></i>,
 +come Guardia Perticara nel potentino, Guardia Sanframondi nel beneventano,
 +Guardia Vomano nel teramano, Guardiabruna o Guardiagrele nel teatino, Guardialfiera
 +nel campobassano e cos&igrave; molti altri, tutti possibili luoghi d'origine
 +delle famiglie, ma potrebbero anche in qualche caso derivare dalla condizione
 +di guardia feudale, imperiale o vescovile svolta dai capostipiti.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAGUZZI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico dell'alessandrino, zona di Alessandria, Predosa e Novi Ligure,
 +potrebbe derivare dall'aferesi di nomi come Vincilago.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAI
 +<br>LAY</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lai, specifico sardo, &egrave; diffusissimo in Sardegna, Lay, decisamente
 +pi&ugrave; raro, ha un ceppo a Sassari ed uno nel cagliaritano, dovrebbero
 +derivare dal toponimo Al&agrave; dei Sardi (SS) per aferesi, ma &egrave;
 +anche possibile una derivazione, sempre per aferesi, del nome Nicola.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>LAI: significato ed etimologia. I lai, in italiano, sono i lamenti,
 +voci meste e dolorose. Dal celtico lai. La&ograve;s in greco significa
 +popolo: de Lai = dal popolo?&nbsp; Lallai o Lallau o Lallao deriva da Nicolau/o:
 +tziu Lallau/o = tziu Nicolau. In verit&agrave; si tratta di un cognome,
 +che per significato ed etimologia mantiene molte incertezze. Nelle carte
 +antiche lo troviamo nel *LPDE del 1388, cio&egrave; tra i firmatari della
 +Pace di Eleonora: Lai Comita, majore(sindaco) ville Sia Sancti Nicola (odierno
 +Sia Piccina o Picc&igrave;a. Contrate Campitani Simagis); Lai Gonnario,
 +jurato ville Capriles(villaggio distrutto - Contrate Campitani Simagis).
 +Nella storia ricordiamo Lai Enrico, cagliaritano (1842 - 1892), docente
 +di diritto commerciale all'Universit&agrave; di Cagliari, assessore comunale
 +e deputato al Parlamento nel 1889, fondatore, nello stesso anno del quotidiano
 +L'Unione Sarda. Attualmente il cognome Lai &egrave; presente in Sardegna
 +in 234 Comuni su 377, con uniforme diffusione nel territorio. Nel Continente
 +ha&nbsp; maggiore diffusione nel centro nord., con Roma in testa, con 374.
 +Seguono: Torino 110, Genova 85, Milano 60, Firenze 58. In USA &egrave;
 +presente in tutti gli Stati (non di provenienza sarda), con oltre 1000
 +nuclei familiari in California, circa 180 nuclei familiari in Texas, New
 +York, Hawaii, Illinois, Massachusetts, New Jersey, etc. etc.    Se la voce <i><font color="#3366FF">lai</font></i> &egrave; da intendersi(
 +con molte probabilit&agrave;) con la nasalizzazione della "i", per caduta
 +della "n" intervocalica - <i><font color="#3366FF">l&agrave;&icirc;</font></i>
 +- siamo in grado di sciogliere le incertezze sul termine. Infatti <i><font color="#3366FF">l&agrave;&icirc;
 +</font></i>sta per <i><font color="#3366FF">lani</font></i> o <i><font color="#999999">lana</font></i>
 +- <i><font color="#3366FF">l&agrave;&acirc;</font></i> = <i><font color="#999999">lana</font></i>,
 +che qui da noi, in Campidano, viene soprattutto dagli anziani, chiamata
 +<i><font color="#3366FF">sa l&agrave;&acirc;</font></i> - lana o <i><font color="#3366FF">sa
 +l&agrave;&icirc; </font></i>- <i><font color="#3366FF">lani</font></i>.
 +Sa l&agrave;&acirc; o pi&ugrave; spesso <i><font color="#3366FF">sa l&agrave;&icirc;
 +de perda</font></i> &egrave; il <i><font color="#999999">muschio</font></i>
 +(lana di pietra). La lepre dai cacciatori viene chiamata <i><font color="#3366FF">pe(s)de
 +l&agrave;&icirc;</font></i> (pedew&agrave;&icirc;)= <i><font color="#999999">piedi
 +di lana</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAINO
 +<br>LAJNO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laino &egrave; tipico di Napoli e del napoletano, e di San Giovanni a Piro
 +nel salernitano, di Paterno, Marsico Nuovo, Lagonegro, Maratea, Pignola
 +e Rotonda nel potentino e Ferrandina nel materano, di Grottaglie nel tarentino
 +e di Francavilla Fontana nel brindisino, ma il nucleo principale &egrave;
 +nel cosentino a Tortora, Maier&agrave;, Belvedere Marittimo, Laino Borgo,
 +Cetraro, Praia a Mare, Francavilla Marittima, Cerchiara di Calabria, Castrovillari,
 +Albidona, Diamante, Laino Castello e Cosenza e di Crotone, Lajno &egrave;
 +praticamente unico, dovrebberop derivare dal nome dei paesi di Laino Borgo
 +e Laino Castello nel cosentino, che a loro volta possono derivare da un'alterazione
 +del nome latino <i><font color="#3333FF">Lavinius</font></i>, un'altra
 +ipotesi propone una derivazione dal nome dell'antico popolo anatolico dei
 +<i><font color="#3333FF">laini</font></i> giunti nella Magna Grecia assieme
 +ad altri Ioni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAIOLO
 +<br>LAJOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laiolo &egrave; tipico della zona tra Acqui Terme (AL) ed Asti, Lajolo
 +molto pi&ugrave; raro, diffuso principalmente a Torino, dovrebbe avere
 +le stesse origini astigiane, dovrebbero derivare da un soprannome legato
 +al vocabolo dialettale lajo (ramarro), tracce di questa cognominizzazione
 +si trovano in atti a Tigliole (AT) dove figura il decesso il 27 1 1632
 +di un tal Michele Laiolo di anni 39, a Mombercelli (AT) esiste anche una
 +localit&agrave; chiamata Laioli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAISO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro, sembrerebbe avere due ceppi, nel napoletano e nel barese, dovrebbe derivare
 +dal nome greco Laisus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAITA
 +<br>LAITI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Laita, rarissimo, ha un piccolo ceppo veronese ed uno a Tursi nel materano,
 +Laiti &egrave; specifico del veronese, dove &egrave; abbastanza diffuso,
 +la zona di maggior distribuzione &egrave; quella di San'Anna di Alfaedo,
 +Verona e Negrar, l'area originaria dovrebbe essere quella di San'Anna di
 +Alfaedo e Breonio, chiara l'origine cimbrica per il nucleo veneto, che
 +dovrebbe derivare dal vocabolo in lingua cimbrica
 +<i><font color="#3366FF">laita</font></i> (<i><font color="#666666">riva,
 +sponda, pendio</font></i>), forse ad indicare che i capostipiti provenissero dalla zona della riva dell'Adige situata nei pressi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornite da Fausto Giacomelli</font></font>
 +<br>Laiti &egrave; il cognome di mia nonna. sembra derivare da un'italianizzazione
 +del cognome Leitner. Originario della Zona montuosa della Lessinia. Vi
 +&egrave; una localit&agrave; che porta il nome Laita. Dove mia nonna (1901)
 +dice si sia fermato un graduato Austro-ungarico e qui abbia formato famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LALA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lala, ha un ceppoa Lecce e Bari, uno piccolo a Napoli e Procida, ed in
 +Sicilia invece &egrave; ben presente nel palermitano a Contessa Entellina,
 +Mezzojuso e Palermo e nell'agrigentino a Porto Empedocle e Raffadali, dovrebbe
 +derivare dal nome turco <i><font color="#3366FF">Lale</font></i> italianizzato
 +in <i><font color="#3366FF">Lala</font></i>, di quest'uso abbiamo un esempio
 +ne <i><font color="#3366FF">Il doge Leonardo Don&agrave;</font></i> (anno
 +1596) di Federico Seneca: "<font color="#CC33CC">...La Sultana sua madre
 +&egrave; in et&agrave; di anni cinquanta in circa, et &egrave; donna, come
 +si dice, di animo molto altiero et dal figliuolo assai rispettata. Onde
 +ella volontiera s'arroga quella autorit&agrave; maggiore che pu&ograve;,
 +et per essere si pu&ograve; dir sola che habbia parata l'orecchia del figliolo
 +a tutte le hore, si giudica che l'intercessione et li pareri suoi habbino
 +appresso di lui molto vigore. Ma, con tutto ci&ograve;, dalla elettione,
 +che il Gran Signor improvisamente fece del </font><font color="#FF0000">Lala</font><font color="#CC33CC">
 +primo Visir senza alcuna participatione sua, anzi con suo non pocco disgusto,
 +et dalla morte che fu data a Ferrat Bass&agrave; da lei molto favorito,
 +si comprende non essere l'autorit&agrave; di lei di quella suprema forza
 +appresso il Signore che communemente tanto si predica....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA LEGGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Leggia &egrave; tipicamente siciliano, di Mazzarino nel nisseno e di
 +San Cono nel catanese, potrebbe derivare da un toponimo come contrada Acqua
 +Leggia di Ventimiglia di Sicilia nel palermitano, ma pi&ugrave; probabilmente
 +deriva da un soprannome originato dal termine siciliano <i><font color="#3366FF">leggia</font></i>
 +(<i><font color="#999999">leggera</font></i>), secondo alcuni il cognome
 +sarebbe semplicemente dovuto ad iniziali errori di trascrizione del cognome
 +La Loggia (<font color="#CC33CC">vedi LA LOGGIA</font>) attribuito a dei
 +trovatelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA LEGNAME
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, sembrerebbe siciliano, potrebbe derivare da
 +un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LALINGA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome molto raro originario della
 +provincia di Matera, non &egrave; da escludersi un collegamento con il
 +toponimo Spilinga (VV) con modificazioni dell'aferesi dello stesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LALLA
 +<br>LALLI
 +<br>LALLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lalla &egrave; specifico dell'area teatina, campobassana e foggiana, di
 +Vasto, Liscia e San Buono nel teatino, di Riccia in Molise e di San Giovanni
 +Rotondo nel foggiano, Lalli &egrave; tipico della zona centrale, con un
 +ceppo a Firenze e Pisa, uno a Perugia, uno nel Lazio, soprattutto a Roma,
 +ma anche ad Orte nel viterbese, a Cottanello nel reatino ed a Guidonia
 +Montevelio, Nettuno e Tivoli nel romano, un ceppo in Abruzzo nel teatino
 +a CastiglioneMesser Marino, Vasto, Chieti, San Salvo e Casalbordino, a
 +L'Aquila ed a Pescara, e nel Molise a Campobasso, Termoli e Bonefro nel
 +campobassano ed a Sessano del Molise ed Isernia nell'iserniese, Lallo ha
 +un piccolo ceppo a Larino nel campobassano, ed a San Nicandro Garganico
 +nel foggiano, un ceppo ad Avellino ed uno a Rapolla nel potentino, dovrebbero
 +derivare da forme ipocoristiche aferetiche riferibili a capostipiti i cui
 +nomi fossero stati, al maschile o al femminile, <i><font color="#3333FF">Antonello</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Graziello</font></i>, <i><font color="#3333FF">Raffaello</font></i>
 +o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LALLAI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lallai &egrave; tipicamente sardo, specifico del cagliaritano di Silius,
 +Cagliari, Selargius e Quartu Sant'Elena, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale sardo per bighellone, di uno che conclude poco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA LOGGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico di&nbsp;&nbsp; Barrafranca (EN) e di San Cono (CT), dovrebbe derivare
 +dallo stato di bambino abbandonato sulla Loggia Municipale, quindi in un
 +certo senso anche questo &egrave; un cognome che trae origine dal luogo
 +di provenienza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMA
 +<br>LAMI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lama ha nuclei nel milanese e bresciano, nel bolognese e ravennate e nel
 +napoletano e casertano, Lami ha un ceppo in Toscana, uno nel modenese ed
 +uno a Roma, potrebbero derivare da toponimi come Lama di Marzabotto (BO),
 +Lama Mocogno (MO), Lama Polesine (RO), Lama (AR) o Lama (PV), ma &egrave;
 +pure possibile una derivazione dalla famiglia tardo latina Lamia, appartenente
 +alla Gens Aelia, discendente dal mitico Lamus, il mitologico figlio di
 +Poseidone e re dei Lestrigoni fondatore di Formia, ricordiamo nel I&deg;
 +secolo d.C. Lucius Aelius Lamia console di Roma nell'anno 3 d.C., che troviamo
 +nel <i><font color="#3366FF">De Oratore</font></i> di Cicerone: "<font color="#CC33CC">...Crassus
 +apud M. Perpernam iudicem pro Aculeone cum diceret, aderat contra Aculeonem
 +Gratidiano </font><font color="#FF0000">L. Aelius Lamia</font><font color="#CC33CC">,
 +deformis, ut nostis; qui cum interpellaret odiose, "audiamus" inquit...</font>",
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1700 con lo scrittore
 +toscano Giovanni Lami (1697-1770).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MACCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Due i ceppi, uno nel messinese
 +ed uno nel foggiano, potrebbe derivare da soprannomi legati a toponimi
 +come Borgo Macchia (MT), Macchia (FG), San Cosimo alla Macchia (BR), Macchia
 +di Giarre (CT), ma in alcuni casi, non &egrave; da escludere una derivazione
 +da aferesi di nomi greci come Kallimachos, Lysimachos ecc..</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMALFA
 +<br>LA MALFA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissima la forma non staccata, sono specifici del messinese,
 +dovrebbero derivare dal toponimo Malfa (ME) sull'isola di Salina (una delle
 +Eolie), nome che probabilmente deriva dall'essere questa localit&agrave;
 +una colonia dell'antica Amalfa o Amalfia, l'attuale Amalfi (<font color="#CC33CC">...Inde
 +vero Amalfia ab Amalfitanis est nominata. ...</font>); esiste anche un'ipotesi
 +che propone una derivazione dal nome della gens latina del I&deg; secolo
 +Amarphia, molto meno probabile la teoria che propone una derivazione dal
 +nome greco Malfia (si ricorda ad esempio Malfia figlia del principe di
 +Melitene).&nbsp; Sono abbastanza comuni nel meridione localit&agrave; il
 +cui nome sia basato sul vocabolo antico malf (cavit&agrave;, conca), Melfi
 +(PZ), Molfetta (BA), Amalfi (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MAGNA
 +<br>LAMAGNA
 +<br>LA MANNA
 +<br>LAMANNA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamagna &egrave; tipico di Napoli, con ceppi anche nel materano, La Magna
 +molto pi&ugrave; raro ha un ceppo a Napoli ed uno nel catanese, La Manna
 +&egrave; presente in tutto il sud, Lamanna &egrave; tipico del sud peninsulare,
 +possono derivare sia da attributi di grandezza relativi a zone o a caratteristiche
 +fisiche la <i><font color="#3366FF">magna</font></i> (grande) casa, persona,
 +o altro, come &egrave; pure possibile che derivino da modificazioni di
 +termini longobardi come <i><font color="#3366FF"><a href="../spie0007.htm">arimanno</a></font></i>
 +o dal nome della nazione di provenienza&nbsp; <i><font color="#3366FF">Alamagna
 +</font></i>(Germania).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MAIDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto molto raro &egrave; tipico di Teggiano (SA), potrebbe derivare dal
 +toponimo Maida (CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamano ha un ceppo a Schiavi d'Abruzzo nel teatino ed uno a Roma, potrebbe
 +derivare da una forma aferetica del termine <i><font color="#3366FF">alamano</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">alemanno</font></i> (<i><font color="#999999">tedesco</font></i>),
 +ma molto pi&ugrave; probabilmente deriva invece dal nome latino <i><font color="#3366FF">Lamanus</font></i>,
 +probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MANTIA
 +<br>LAMANTIA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Mantia &egrave; decisamente siciliano, soprattutto di Palermo, con ceppi
 +nel palermitano a Monreale, Bagheria e Termini Imerese, nell'agrigentino
 +a Canicatt&igrave; e Agrigento, nel trapanese a Marsala e Trapani, a Catania
 +e nel nisseno, Lamantia, assolutamente rarissimo, sempre siciliano, &egrave;
 +probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente, dovrebbero
 +derivare dal toponimo calabrese di Amantea, ma, molto pi&ugrave; probabilmente
 +derivano dal nome dell'antica citt&agrave; illirica (albanese) di Amantia,
 +che occupata dai turchi nel XVI&deg; secolo venne abbandonata dagli abitanti
 +cristiani che si trasferirono in Sicilia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MARCA
 +<br>LAMARCA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Marca &egrave; molto diffuso nel napoletano, nel foggiano ed in Sicilia,
 +in particolare nel palermitano, agrigentino, nisseno e catanese, ma con
 +buone presenze in tutto il sud ed a Roma, Lamarca, pi&ugrave; raro, ha
 +un piccolo ceppo nel napoletano ed uno, pi&ugrave; consistente, nel barese
 +a Corato, Gravina in Puglia e Barletta, dovrebbero derivare dal termine
 +medioevale longobardo <i><font color="#3333FF">marka</font></i> (<i><font color="#666666">terra</font></i>,
 +zona di confine), forse ad indicare che i capostipiti abitassero nelle
 +zone di confine di un feudo, o anche semplicemente che facessero i fattori
 +di case nobili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMARINA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamarina &egrave; tipicamente pugliese, di Latiano nel brindisino, di Brindisi,
 +di Martina Franca e Manduria nel tarantino e di Squinzano nel leccese,
 +potrebbe prendere il nome dalla Masseria Lamarina nella zona di Ceglie
 +Messapica nel brindisino, secondo un altra ipotesi deriverebbe invece da
 +una forma etnica relativa a chi fosse provenuto dal paese di Lama nel tarantino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MARMORA
 +<br>LAMARMORA
 +<br>MARMORA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi assolutamente rarissimi, La Marmora ha un piccolo ceppo a Castelvetrano
 +nel trapanese ed a Vittoria nel ragusano, Lamarmora invece, sempre molto
 +molto raro, &egrave; specifico del brindisino, di Mesagne ed Oria, Marmora
 +&egrave; presente nell'area che comprende il salernitano, il potentino
 +ed il barese, questi cognomi dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave;
 +contenenti il termine dialettale <i><font color="#3333FF">marmora</font></i>
 +(<i><font color="#666666">marmoreo, simile al marmo</font></i>), probabilmente
 +il luogo di provenienza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MASTRA
 +<br>LAMASTRA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamastra, assolutamente rarissimo, &egrave; dell'area tra potentino e barese,
 +La Mastra, pi&ugrave; diffuso, ha un piccolo ceppo a Molfetta nel barese
 +ed uno pi&ugrave; consistente nel catanese a Raddusa, Ramacca, Catania
 +e Trecastagni, dovrebbe trattarsi di matronimici riferiti a capostipiti
 +che di mestiere facessero le maestre, il termine <i><font color="#3333FF">mastra</font></i>
 +starebbe infatti per <i><font color="#666666">maestra</font></i>, trattandosi di una forma dialettale arcaica del termine medioevale <i><font color="#3333FF">magistra</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMATRICE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; originario
 +del foggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MATTINA
 +<br>LAMATTINA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico siciliano La Mattina, di Palermo in particolare, specifico di Caggiano
 +(SA) Lamattina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBARDI
 +<br>LAMBARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lambardi &egrave; tipico toscano, della zona che comprende il livornese,
 +il grossetano ed il senese, Lambardo &egrave; praticamente unico ed &egrave;
 +dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione del precedente, derivano
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lambardus</font></i> derivato
 +da <i><font color="#3366FF">langobardus</font></i>, utilizzato allora per
 +indicare uno stato di nobilt&agrave;, Ludovico Muratori scrive: "<font color="#CC33CC">...Farulfo
 +et Teudegrimo germanis quondam Farolfi, de quibus descendunt </font><font color="#FF0000">Lambardi</font><font color="#CC33CC">
 +quidam de Sancto Miniate, scilicet Cavalca </font><font color="#FF0000">Lambardus</font><font color="#CC33CC">
 +et filii...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBERTENGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto molto raro &egrave; tipico lombardo, nome di origini longobarde derivato
 +dal nome Lambert, tracce di questa cognominizzazione le troviamo in provincia
 +di Como nel 1200, nel 1222 un certo Bernardo Lambertengo da Vico (CO) lega
 +i suoi diritti di decima in Viganello all' Ospedale di S. Maria, a Milano
 +nel 1500 troviamo l'erudito Johannes Stephanus Lambertengus, in provincia
 +di Sondrio nel 1600: "<font color="#CC33CC">...Libro delli atti della magnifica
 +comunit&agrave; di Villa e Stazzona per il 1665 et 66 scritti per me </font><font color="#FF0000">Luigio
 +Lambertengo</font><font color="#CC33CC"> et per me </font><font color="#FF0000">Iacomo
 +Lambertengo</font><font color="#CC33CC"> successore, successivamente il
 +remanente ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBERTI
 +<br>LAMBERTINI
 +<br>LAMBERTO
 +<br>LAMPERTI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img SRC="../immagini/stem00lamberti.gif" NOSAVE BORDER=0 height=63 width=50 align=LEFT><img SRC="../immagini/stem00lambertinipope.gif" NOSAVE BORDER=0 height=88 width=70 align=RIGHT><font size=-1>Lamberti &egrave; diffuso in tutto il nord centrooccidentale, Lambertini
 +&egrave; tipico emiliano, della zona che comprende il ferrarese ed il bolognese,
 +potrebbe avere un ceppo anche nel genovese ed uno nel novarese, Lamberto,
 +molto raro, ha un ceppo tra messinese e reggino ed uno forse non secondario
 +nel torinese, Lamperti &egrave; decisamente lombardo, del milanese e varesotto
 +in particolare e del comasco, derivano tutti dal nome franco <i><font color="#3366FF">Lambert</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Lampert</font></i>.&nbsp; Tracce di questo nome
 +si trovano ad esempio nella seconda met&agrave; del VI&deg; secolo: "<font color="#CC66CC">...Anno
 +domini 570 rex </font><font color="#FF0000">Lambertus</font><font color="#CC66CC">
 +destruxit Mediolanum in die sancti Julii. eo anno...</font>" e nel IX&deg;
 +secolo con il longobardo Lambertus Duca di Spoleto negli <font color="#3366FF">Annales
 +Regni Francorum</font> , dove si pu&ograve; leggere: "<font color="#CC66CC">...Ita
 +etiam Formosus papa Arnulfum in Urbem vocavit, et imperatorem constituit,
 +nullo populi spectato consensu, et </font><font color="#FF0000">Lambertus</font><font color="#CC66CC">
 +Spoleti comes instabat clerum, ut se imperatorem et Augustum conficerent,
 +ut docet Sigonius ...</font>", nel 1200 a Bologna in un atto di compravendita
 +si legge: "<font color="#CC66CC">. </font><font color="#FF0000">Lambertinus</font><font color="#CC66CC">,
 +<img SRC="../immagini/stem00lambertini.gif" NOSAVE BORDER=0 height=75 width=65 align=LEFT>Palmirolus et Gerardus fratres, filii condam.</font>".&nbsp; Esempio di
 +questa cognominizzazione la troviamo a Riva del Garda (TN) nel 1200 con Bonzenone
 +Lamberti da Verona citato come testimone in un atto, a Bologna nella Matricola
 +dei Mastri Muratori del quarterio porte Sancti Proculi si trova il Mastro
 +<font face="Georgia"><font size=-1>&Ccedil;agni Lambertini Bricii, </font></font>a
 +San Miniato nel 1500 troviamo il Giudice Pietro Lamberti da Firenze.&nbsp;
 +Il personaggio pi&ugrave; famoso &egrave; stato sicuramente il bolognese
 +Cardinal Prospero Lambertini che divenne Papa Benedetto XIV&deg; (1675-1758)
 +la cui origine si narra fosse da Petrone, duca nel secolo X da cui discese
 +un Lamberto detto Lambertino (1166),a Bologna ebbero molti consoli e Decani,
 +assunsero nel 1484 il grado senatorio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBIASE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico campano del napoletano e salernitano, di Cava dei Tirreni (SA) in
 +particolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBRA
 +<br>LAMBRI
 +<br>LAMBRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lambra e Lambro, estremamente rari, sembrerebbero del pavese, Lambri &egrave;
 +tipico dell'area tra Milano e Piacenza, derivano dal nome del fiume Lambro,
 +o dal fatto che il capostipite abitava nelle vicinanze del fiume, o lavorava
 +sul fiume.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMBRUSCHI
 +<br>LAMBRUSCHINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lambruschi . molto raro, &egrave; specifico del reggiano e del massese,
 +Lambruschini &egrave; tipico della zona di Sestri Levante e Lavagna nel
 +genovese, tracce di queste cognominizzazioni si trovano a Sestri fin da epoca
 +medioevale, un Monsignor Lambruschini che nella seconda met&agrave; del
 +1500 &egrave; incaricato Pontificio presso la corte fiamminga,&nbsp; ricordiamo
 +inoltre il Cardinale Luigi Emmanuele Nicolo Lambruschini nato a Sestri
 +Levante nel 1776 nunzio apostolico a Parigi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MENDOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Mendola &egrave; tipicamente siciliano, dell'agrigentino e palermitano
 +in particolare, dovrebbe derivare da nomi di localit&agrave; (<font color="#CC33CC">vedi
 +MENDOLA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMERA
 +<br>LAMERI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente lombardi, Lamera &egrave; molto diffuso nel bergamasco, a Romano
 +di Lombardia, Martinengo, Cortenuova, Bergamo, Bariano, Cividate al Piano
 +e Calcio, Lameri, pi&ugrave; raro, ha un ceppo nel cremonese a Ripalta
 +Cremasca e Castelleone ed a Tavazzano nel lodigiano, dovrebbero derivare
 +da un soprannome originato dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">lam&egrave;ra</font></i>
 +(<i><font color="#666666">lamiera</font></i>), forse determinato dal mestiere
 +di <i><font color="#3333FF">lattoniere</font></i> probabilmente svolto
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lametta, molto molto raro, &egrave; tipicamente campano, di Napoli ed Avellino,
 +potrebbe derivare da un soprannome originato dal termine italiano lametta
 +(lama da barba), forse ad indicare che il capostipite facesse il mestiere
 +del barbiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamia &egrave; decisamente siciliano, del trapanese a Marsala, Trapani,
 +Mazara del Vallo, Petrosino, Erice, Alcamo e di Palermo, potrebbe derivare
 +dal nome della famiglia tardo latina <i><font color="#3366FF">Lamia</font></i>,
 +appartenente alla <i><font color="#3366FF">Gens Aelia</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +LAMA</font>), ma &egrave; pure possibile una derivazione toponomastica
 +dal nome della citt&agrave; greca di Lamia capoluogo della perifereia della
 +Grecia Centrale e del nomo della Ftiotide, o anche, ma molto meno probabile,
 +dal nome greco <i><font color="#3366FF">Lamia</font></i>, Lamia era la
 +bellissima regina della Libia, cui Era uccise tutti i figli e che impazzita
 +dal dolore prese a divorare bambini e si trasform&ograve; in una specie
 +di orribile Furia, in grado per&ograve; di trasformarsi ancora in una bellissima
 +donna per sedurre gli uomini.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Fontana</font></font>
 +<br>Le sue origini risalgono ad una casa dell'antica aristocrazia militare,
 +che perdette la maggior parte dei suoi benefici per aver partecipato alla
 +guerra contro la seconda invasione aragonese capeggiata da Martino di Monblanc
 +nel 1392. Dimora dei Lamia era stata Catania, dove avevano conosciuto i
 +loro fasti, ma anche a Trapani la famiglia aveva mantenuto la pi&ugrave;
 +modesta dignit&agrave; di barone di Canpioppo. Lo stemma della casa &egrave;
 +retto da due nerboruti guerrieri armati di clava e coperti da una pelliccia,
 +perch&egrave; i Lamia facevano risalire la loro origine a Lamis, che aveva
 +guidato attorno al 730 a.c., da Megara, una delle primissime colonie greche
 +in Sicilia. Lamis era un eraclide, poich&egrave; discendeva da Lamo, figlio
 +di Ercole. I nerboruti personaggi che reggono l'arma dei Lamia sono dunque
 +Ercole e Lamo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MICELA
 +<br>LAMICELA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Micela, abbastanza raro, &egrave; del sud della Sicilia, di Scicli nel
 +ragusano, di Militello in Val di Catania nel catanese e di Francofonte
 +nel siracusano, Lamicela, decisamente pi&ugrave; raro del precedente, e
 +di cui ne &egrave; una forma contratta, &egrave; tipico del catanese, di
 +Catania e di Militello in Val di Catania, dovrebbe derivare da un'alterazione
 +dialettale arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Michela</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi MICELA</font>), l'articolo davanti al cognome
 +iniziale &egrave; abbastanza diffuso in tutto il sud.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Estremamente raro, &egrave; presente
 +solo nella zona tra Melegnano e Lodi, un'ipotesi credibile &egrave; che
 +derivi da una modificazione dialettale meridionale dell'aferesi del nome
 +Gerolamo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMINA
 +<br>LAMINI
 +<br>LAMINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamina, assolutamente rarissimo, dovrebbe essere siciliano, della zona
 +litoranea orientale dell'isola, Lamini, altrettanto raro, sembrerebbe dell'Italia
 +centrosettentrionale, Lamino ha un piccolo ceppo a Napoli, questi cognomi
 +dovrebbero derivare dai nomi tardo latini <i><font color="#3333FF">Laminus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Lamina</font></i>, che sembrerebbero di origini
 +celtibere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMON
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico di Venezia e dell'entroterra veneto, dovrebbe derivare da modificazioni
 +dialettali del nome Girolamo, improbabile una connessione con il nome del paese bellunese di Lamon.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMONATO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lamonato &egrave; tipico del trevisano, di Valdobbiadene, Giavera del Montello
 +e Villorba, dovrebbe indicare la provenienza dei capostipiti dal paese
 +bellunese di Lamon, il suffisso <i><font color="#3333FF">-ato</font></i>
 +in veneto indica provenienza, anche in senso patronimico, in questo caso
 +sta per <i><font color="#666666">cittadino di-</font></i>, riferito al
 +Lamon che precede il suffisso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MONACA
 +<br>LA MONICA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Monaca &egrave; molto poco comune, ha un ceppo nel milanese, nel teatino,
 +nel foggiano ed in Sicilia, La Monica, tipicamente siciliano ha un ceppo
 +probabilmente secondario in Campania, derivano da soprannomi legati al
 +fatto di essere originariamente vicini ad un monastero o alle sue dipendenze;
 +un principio di questa cognominizzazione lo troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font></i> sotto l'anno 1178: "<font color="#CC33CC">...Anno
 +ab incarnatione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo septuagesimo
 +octavo, decimus kalendas madii, inditione undecima.... Interfuerunt </font><font color="#FF0000">Bernardus
 +de la Monic</font><font color="#CC33CC">a, Carnelevarius de Burgo, Marabottus
 +de Milano...</font>" e sotto l'anno 1191: "<font color="#CC33CC">...Anno
 +dominice incarnacionis millesimo centesimo nonagesimo primo, indicione
 +nona, tercio die mensis decembris. Iuraverunt Iohannes Desparius et Tebaldus
 +archipresbiter et Aglerius Grossus et Ru|finus Marisanus et Ugo de Curte
 +et </font><font color="#FF0000">Robertus de la Monaca</font><font color="#CC33CC">
 +et Petrus Senex...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MONTAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; tipico del napoletano. (<font color="#CC33CC">vedi
 +Montagna</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMORTE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; tipico dell'alto potentino, dovrebbe essere di
 +origine normanna e derivare dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Lamort</font></i> originario della
 +Manche in Normandia, a sua volta derivato da un soprannome <i><font color="#3333FF">Lamour</font></i> stante
 +ad indicare un carattere dolce.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>La Morte, diffuso in Campania, Basilicata, Puglia, &egrave; la cognominizzazione
 +del soprannome apotropaico <i><font color="#3333FF">Lamorte</font></i>,
 +composto da articolo + sostantivo 'morte', dato a un figlio per scongiurarne
 +il decesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMOTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro La Motta ha pi&ugrave; ceppi. nel milanese, in Campania,
 +nel reggino e nel palermitano, dovrebbe derivare da uno dei tanti toponimi
 +contenenti il termine Motta come ce ne sono ovunque in Italia, la Motta
 +era una collinetta costruita dall'uomo, spesso con intendimenti difensivi.
 +Potrebbe anche in alcuni casi, soprattutto in Campania, derivare dal cognome
 +normanno Lamotte con la stessa origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMPEDECCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico di Bisceglie (BA) dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +da un vocabolo dialettale per avaro, originato dal termine latino <i><font color="#3366FF">impeticula</font></i>
 +(<i><font color="#999999">eruzione cutanea</font></i>) esteso poi al significato
 +di chi neppure si lava pur di risparmiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMPIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico del sud della Sardegna, dovrebbe derivare dal nome bizantino
 +Eulampios, ricordiamo il Santo martire Eulampio ucciso a Nicomedia nel
 +310, tracce di questa cognominizzazione le troviamo in Sardegna nella seconda
 +met&agrave; del 1500 con lo scultore Gian Pietro Lampis di Laconi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>LAMPIS: <i><font color="#3366FF">lampu</font></i> = <i><font color="#999999">fulmine</font></i>;
 +lampare, <i><font color="#3366FF">lampai </font></i>= <i><font color="#999999">lampeggiare</font></i>.
 +In greco abbiamo <i><font color="#3366FF">lamp&agrave;s</font></i> (lampas)
 += <i><font color="#999999">fiaccola</font></i> o anche <i><font color="#999999">balen&igrave;o</font></i>:
 +su lampal&ugrave;xi, su 'igu marras. In latino l&agrave;mpas = fiaccola.
 +Lampare, in latino = brillare: dalla radice lamp = luce. Il cognome &egrave;
 +presente in Sardegna sin dai tempi antichi. Tra i firmatari della Pace
 +di Eleonora del 1388, ci sono 7 Lampis: Lampis Gadducio, ville Ecclesiarum(villa
 +di Chiesa - Iglesias); Lampis Guingiano, ville Sell&ugrave;ri( Sedd&ograve;ri
 +- Sanluri); Lampis Joanne, ville Ecclesiarum; Lampis Joanne, ville Sell&ugrave;ri;
 +Lampis Mariano, jurato ville Salanis(villaggio distrutto - Campitani Majoris);
 +Lampis Pucio, ville Ecclesiarum; Lampis Saraceno, jurato ville Nurghillo
 +(Norbello - Partis de Guilcier). Nel Condaghe di San Nicola di Trullas
 +*CSNT XI&deg;, XII&deg; sec., abbiamo 3 Lanpis (con la n: probabilmente
 +tutti e tre parenti): Gosantine, Ianne e Maria, servi nella domo de Olvesa(localit&agrave;
 +sita nei pressi del Santuario di S. Nicola di Trullas. Attualmente il cognome
 +&egrave; presente in 82 su 377 Comuni della Sardegna, con maggiore frequenza
 +nel Medio Campidano: Arbus 218, Cagliari 135, Guspini 111, Quartu S.E.
 +59, Carbonia 53, Serrenti 47, Villasor 43, Sanluri 35, Sassari 29, etc.
 +Nel territorio nazionale &egrave; presente in 231 Comuni: nel continente
 +ha maggiore diffusione nel centro nord: Roma 65, Torino 46, Genova 27,
 +etc. In USA lo troviamo in 4 Stati: Arizona, Texas, Missouri, New Jersey,
 +con un solo nucleo familiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMPREDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lampreda, assolutamente rarissimo, &egrave; specifico del vicentino, di
 +Montecchio Maggiore in particolare, dovrebbe derivare dal nome del Castello
 +di Lampredo o Lampreda tra vicentino e bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMPREDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lampredi &egrave; tipicamente toscano, di Firenze e Scandicci nel fiorentino,
 +di Livorno e di Orbetello nel grossetano, dovrebbe derivare dal nome rinascimentale
 +<i><font color="#3333FF">Lampredus</font></i>, anche attraverso un genitivo
 +patronimico, di questo nome abbiamo un esempio nel dodicesimo secolo nel
 +<i><font color="#3366FF">Laurentii de Monacis Veneti Cretae cancellarii
 +Chronicon de rebus Venetis</font></i>: "<font color="#CC33CC">...cum Ungarica
 +rabies occupasset Tragurium, Sibinicum , &amp; pleraque alia oppida Dalmatina
 +, Jadraque cum Insulanis civitatibus Sub Ducali protectione manerent, grandis
 +inter eas civitates fuit orta dissensio; tunc </font><font color="#FF0000">Lampredus</font><font color="#CC33CC">
 +Episcopus Jadrae praesidio Ducis obtinuit per privilegium abAnastasio Papa
 +, ut Jadrensis Ecclesia Metropolis, &amp; palliata esset; eidemque insularum
 +Ecclesias Catedrales, quae Romanae parebant Ecclesiae subiecit.&nbsp; ..</font>", l'uso di questo nome in centro Italia lo troviamo tra la fine del 1200
 +e gli inizi del 1300 con il condottiero di Ventura Lampredo Orsini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LAMPUGNANI
 +<br>LAMPUGNANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Lampugnani &egrave; tipico lombardo,
 +Lampugnano &egrave; rarissimo ed &egrave; probabilmente dell'areale milanese.
 +Questi cognomi derivano dal toponimo Lampugnano, centro ora fagocitato
 +dalla metropoli milanese. La famiglia Lampugnani &egrave; di origini antiche,
 +le prime tracce risalgono al 1000, ma &egrave; con Umbertino da Lampugnano,
 +lettore di diritto canonico all'Universit&agrave; di Pavia dal 1372 al
 +1381 e dal 1395 Maestro Generale delle entrate e Consigliere ducale, che
 +iniziano riferimenti storici importanti. Moltissimi atti notarili riportano
 +traccia dei Lampugnani o Da Lampugnano, come ad esempio quest'atto del
 +1108: "<font color="#990000">Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Christi
 +milleximo centeximo octavo, mense aprilis, indicione prima. Ego </font><font color="#FF0000">Guitardus
 +filius quondam Anselmi qui vocor da Lampugnano</font><font color="#990000">,
 +de civitate Mediolani, qui professus sum lege vivere Langobardorum, presens
 +presentibus dixi: 'Dominus omnipotens ac redemptor noster animas quas condidit
 +ad studium salutis semper invitat'. Et ideo ego qui supra Guitardus volo
 +et iudico seu per hanc paginam iudicati et ordinationis mee inviolabiliter
 +confirmo ut presenti die et hora post meum dicessum omnes universe res
 +teritorie iuris mei reiacentes in loco et fundo Rosxate, qui est non multum
 +longe ab loco qui dicitur Comacio, et in eius territorio deveniant in iure
 +et proprietate ecclesie et cannonice Sancti Georgii constructa intra suprascriptam
 +civitatem Mediolani, ad locum ubi dicitur in Palacio, faciendum exinde
 +ad eorum usum et sumptum canonici et presbiteri seu officiales eiusdem
 +ecclesie de frugibus et redditibus ipsarum rerum quod voluerint et de ordinacione
 +et locacione earum sicut eis melius provisum fuerit pro mercede et remedio
 +anime mee. Quia sic decrevit mea bona voluntas. Actum suprascripta civitate.&nbsp;</font></font>
 +<br><font color="#990000"><font size=-1>Signum + manus suprascripti Guitardi
 +qui hanc cartam iudicati et ordinacionis ut supra fieri rogavit.&nbsp;</font></font>
 +<br><font color="#990000"><font size=-1>Signum + + + manus Pagani et Pollentionis,
 +patrui et nepotis, qui vocantur Girengelli, atque Romedii qui dicitur Corbo,
 +testium.&nbsp;</font></font>
 +<br><font size=-1><font color="#990000">Ego Marinus notarius sacri palacii
 +scripsi, post traditam complevi et dedi.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>LA MURAGLIA
 +<br>LAMURAGLIA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>La Muraglia &egrave; quasi unico, dovrebbe trattarsi di un'errata trascrizione
 +di Lamuraglia, che &egrave; tipico del barese, di Gravina in Puglia in
 +particolare, con molta probabilit&agrave; dovrebbero derivare dal fatto
 +che a famiglia abitasse in prossimit&agrave; di un muraglione o delle mura
 +cittadine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANA
 +<br>LANARI
 +<br>LANARO
 +<br>LANERA
 +<br>LANERI
 +<br>LANERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lana potrebbe avere diversi nuclei, nell'agrigentino, nel Lazio e nel maceratese,
 +nel padovano, nel mantovano e nel novarese e varesotto, Lanari è
 +tipico della fascia centrale che comprende Marche, Umbria e Lazio, Lanaro
 +è di probabili origini vicentine, Lanera è tipicamente pugliese
 +del barese, di Bari, Valenzano e Putignano, Laneri ha ceppi sparsi per
 +l'Italia, nel cuneese, nel genovese, nel pavese, nel romano, nel napoletano,
 +nel sassarese ed in Sicilia nel catanese ed ennese, Lanero, molto raro,
 +ha un ceppo nell'astigiano e nel genovese ed uno a Cagliari. Questi cognomi
 +probabilmente derivano da soprannomi dialettali connessi con il mestiere
 +di <i><font color="#666666">filatore o tessitore di lana</font></i>, ma
 +è pure possibile una derivazione da toponimi ora scomparsi, come
 +Lanero nell'astigiano, in qualche caso può anche essere disceso
 +dall'aferesi del nome germanico <i><font color="#3333FF">Gailana</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANATI
 +<br>LANATTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanati è tipico del pavese, Lanatti, quasi unico, parrebbe del comasco,
 +dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Lanatus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">De Viris Illustribus
 +Urbis Romae</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Menenius Agrippa cognomento
 +</font><font color="#FF0000">Lanatus</font><font color="#CC33CC"> dux electus
 +adversus Sabinos de his triumphavit. Et cum populus a patribus secessisset,
 +quod tributum et militiam toleraret, nec revocari posset, Agrippa apud
 +eum...</font>", ma è pure possibile una derivazione da un soprannome
 +originato dal mestiere di finitore di lane o di mercante delle stesse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCELLA
 +<br>LANGELLA
 +<br>LANGELLI
 +<br>LANGELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Langella è un cognome molto diffuso, con un grosso nucleo campano,
 +soprattutto nel napoletano e nel salernitano, a Torre del Greco (NA), Napoli,
 +Boscoreale (NA) e Scafati e San Marzano sul Sarno (SA), un ceppo nel Lazio
 +centromeridionale, e ceppi sparsi al nord e nel sassarese, Lancella ha
 +un ceppo romano ed uno napoletano, Langelli e Langello sono praticamente
 +unici e dovrebbero essere dovuti ad errori di trascrizione del precedente.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Panitaliano ma molto frequente in Campania e nel Lazio. Potrebbe essere
 +la cognominizzazione del soprannome <i><font color="#3366FF">Langella</font></i>,
 +che ha alla base il sostantivo <i><font color="#3366FF">langella</font></i>,
 +forse dal latino volgare <i><font color="#3366FF">lancella</font></i> =
 +<i><font color="#999999">piattino</font></i>, o dal napoletano <i><font color="#3366FF">lancella</font></i>
 += <i><font color="#999999">attrezzo da pesca formato da un vaso di creta,
 +tenuto sul fondo marino per adescare i polipi, orciolo</font></i>. Potrebbe
 +derivare anche dall'omonimo vocabolo antico del dialetto foggiano = <i><font color="#999999">brocca
 +di creta per serbarvi l'acqua</font></i>, oppure dal vezzeggiativo del
 +cognome <i><font color="#3366FF">Lange</font></i> (Lancia).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCELLOTTA
 +<br>LANCELLOTTI
 +<br>LANCELLOTTO
 +<br>LANCELOTTI
 +<br>LANCEROTTI
 +<br>LANCEROTTO
 +<br>LANCILLOTTI
 +<br>LANCILOTTI
 +<br>LANZELLOTTA
 +<br>LANZILLOTTA
 +<br>LANZILOTTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lancellotta ha un ceppo a Fornelli nell'iserniese ed uno a Belvedere Marittimo
 +nel cosentino, Lancellotti, abbastanza comune, ha un ceppo nel bresciano,
 +uno nel modenese, uno a Roma, uno tra napoletano e salernitano ed uno nel
 +potentino a Oppido Lucano in particolare, Lancerotti, quasi unico, è
 +del padovano, Lancerotto è tipicamente veneto, di Campolongo Maggiore
 +nel veneziano, di Verona, di Montagnana nel padovano e di Lonigo nel vicentino,
 +Lanzellotta, molto raro, ha un ceppo pugliese a Fasano nel brindisino,
 +Lanzillotta, abbastanza diffuso, ha un ceppo pugliese, a Taranto e Martina
 +Franca nel tarentino e nel barese a Bitetto, Polignano a Mare, Castellana
 +Grotte e Conversano, ed un ceppo nel cosentino a Fuscaldo, San Marco Argentano,
 +Paola, Cassano allo Ionio e Cosenza, Lanzilotta ha un ceppo a Castellana
 +Grotte nel barese, Lancellotto, Lancilotti e Lancillotti sono quasi unici,
 +Lancelotti è tipico di Gardone Val Trompia nel bresciano, Lancillotta,
 +quasi unico, sembrerebbe del cosentino, dovrebbero tutti derivare, anche
 +attraverso modifiche di tipo dialettale, dal nome francese, di origine
 +bretone, <i><font color="#3333FF">Lancelot</font></i>,
 +nome che deriva dal termine francese <i><font color="#3333FF">ancel</font></i>
 +a sua volta derivato dal latino <i><font color="#3333FF">ancilla</font></i>
 +(<i><font color="#666666">serva</font></i>) di cui <i><font color="#3333FF">ancelot</font></i>
 +è una forma ipocoristica che è divenuta&nbsp; <i><font color="#3333FF">l'ancelot</font></i>
 +e quindi <i><font color="#3333FF">Lancelot</font></i><font color="#000000">,</font>
 +con il significato di Cavalier servente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCI
 +<br>LANCIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lancia.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="109"><font size="-1">Lanci è tipico del teatino e del romano, Lancia, molto più
 +diffuso, è specifico dell'Italia centrale, di Umbria, Lazio ed Abruzzo,
 +ma in particolare del romano e del frusinate, con ceppi anche in Piemonte,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lancia</font></i>,
 +ma è pure possibile una derivazione da soprannomi originati dal
 +mestiere di lanciere o soldato munito di lancia.&nbsp; Tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo a Pamparato nel cuneese con il signore Manfredi
 +Lancia, marchese di Busca sempre nel cuneese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCIANI
 +<br>LANCIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanciani ha un ceppo a Roma ed a Guidonia Montecelio (RM), Lanciano ha
 +un ceppo a Roma, uno calabrese a Cassano allo Ionio ed a Castrovillari
 +nel cosentino ed a Catanzaro e Badolato (CZ) ed in puglia a Barletta (BA)
 +ed a Cursi (LE), dovrebbero derivare dal toponimo Lanciano (CH) o Pescolanciano
 +(IS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCIOTTI
 +<br>LANCIOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanciotti è specifico della fascia centrale che collega Roma al
 +maceratese, Lanciotto sembrerebbe del reggino, dovrebbero derivare da una
 +forma ipocoristica del nome medioevale Lancia, ma è pure possibile
 +che si tratti di una contrazione del cognome Lancillotti o Lancellotti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANCUSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, originario
 +del salernitano, deriva dal toponimo Lancusi (SA), si hanno tracce nel
 +1600 dove troviamo come regio giudice un certo <font color="#FF0000">Giovan
 +Domenico de Vito de li Lancusi</font> operante a Montefusco (AV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Landa ha un piccolo ceppo a Partinico (PA) ed anche uno a Mondragone (CE),
 +l'ipotesi di una derivazione dal termine germanico<i> <font color="#3366FF">land</font></i>
 +(<i><font color="#999999">terra</font></i>) non è del tutto da trascurare
 +e potrebbe indicare un origine risalente al periodo dell'imperatore Federico,
 +ma è sicuramente più probabile una derivazione matronimica
 +dall'aferesi di nomi come Iolanda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDE
 +<br>LANDIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente sardi, Lande è tipico di Orani nel nuorese,
 +Landis, più raro, è tipico invece del cagliaritano, di San
 +Sperate e Cagliari e di Carbonia, dovrebbero derivare da soprannomi basati
 +sul termine sardo <i><font color="#3333FF">lande</font></i> (<i><font color="#666666">ghianda</font></i>)
 +o <i><font color="#3333FF">landis</font></i> (<i><font color="#666666">ghiande</font></i>),
 +probabilmente indicando nei capostipiti dei raccoglitori di ghiande, forse
 +per l'uso antico di consumare una specie di polenta fatta sostanzialmente
 +con questo frutto, considerato anticamente una prelibatezza, uso citato
 +già da Plinio il Vecchio, che lo descrive come pane di ghiande,
 +e che persiste tutt'oggi, soprattutto durante le feste paesane.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>LANDE; LANDIS: <i><font color="#3333FF">su lande</font></i> in logudorese,
 +<i><font color="#3333FF">su landi</font></i>(ri) in campidanese è
 +<i><font color="#666666">la ghianda</font></i> e viene dal latino <i><font color="#3333FF">glandis</font></i>.
 +È il frutto della quercia e del leccio, che un tempo veniva raccolto
 +per i maiali. Nei periodi di grande fame e miseria le ghiande diventavano
 +cibo anche per gli esseri umani: <i><font color="#3333FF">su landiri a
 +famini parrit castangia</font></i> (vedi nel Web – <a href="http://www.melegnano.net/memorie/concas023.html">Giuseppe
 +Concas – Dicius e proverbi del Campidano di Sardegna</a>). La voce è
 +attestata negli antichi documenti della lingua e della storia della Sardegna.
 +Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI, XIII secolo al capitolo
 +34 troviamo: in nomine domini amen. Ego Petrus de Lacon iudex et rex arborensis
 +et visconte de Basso (si tratta di Pietro II d’Arborea, figlio di Ugo de
 +Basso, che morendo, nel 1211 lasciò il trono al figlio Pietro II
 +de Bass – Lacon - Serra), cun boluntade de Deus et de Sancta Maria etc.
 +…et confirmolli saltu de cannas&nbsp; de su Iehsu(?) pro”lande” et pro
 +pastu (per ghiande e per pascolo)…Al capitolo 145, troviamo di nuovo il
 +vocabolo: …appant (riga 16) inde prode usqui in seculum monagos qui hant
 +servire in issa bbadìa (in quel monastero – di Santa Maria) pro
 +anima mea et de parentes meos et de pastu et de aqua et de “(g)lande” et…<font color="#990000">I
 +cognomi sardi Lande e Landis, derivanti come detto dal latino glandis hanno
 +ben poco a che fare con la voce inglese land = terra e col cognome anglo
 +americano Landis</font>. Vi racconto un aneddoto, la cui sostanza potrebbe
 +essere stata causa di ipotesi errate: “La signorina Anna Maria Landis,
 +ottima insegnante di matematica nonché eccellente preside dell’Istituto
 +Tecnico Minerario di Iglesias, un tempo uno dei più rinomati Istituti
 +Minerari d’Europa, per la sua “grinta”&nbsp; e per il suo eccellente portamento
 +nel gestire tale Istituto, conosciuta ed apprezzata in tutta la Sardegna,
 +la quale personalmente ho avuto modo di conoscere come giovanissimo insegnante
 +della sua Scuola e come Commissario di Lingua e Letteratura Italiana, per
 +ben tre volte, nelle Commissioni di Maturità Tecnica da Lei presiedute,
 +fu da me simpaticamente e scherzosamente soprannominata, nella stampa locale,
 +“Signorina Léndis”, la preside di ferro, ad imitazione della “Thatcher
 +inglese”!
 +<br>Attualmente il cognome Lande è presente in 15 Comuni italiani,
 +di cui 6 in Sardegna: Orani 31, Oliena 3. Porto Torres 3, etc. Il cognome
 +Landis è presente in 15 Comuni d’Italia, di cui 9 in Sardegna: San
 +Sperate 14, Carbonia 8, Cagliari 8, P. Torres 6, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDI
 +<br>LANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Landi sembra essere specifico della
 +zona che comprende l'Emilia e Romagna e la Toscana, ma potrebbe esserci
 +anche un nucleo in Campania, Lando molto più raro è tipico
 +del padovano, deriva dall'aferesi di nomi medioevali come Orlando o Rolando.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDINI
 +<br>LANDONE
 +<br>LANDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Landini ha forse diversi ceppi nel quadrilatero avente ai vertici Genova,
 +Como, l'aretino e il pesarese, Landoni e Landone sono specifici della zona
 +tra comasco e varesotto, derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lando</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Landonis</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +nel IX° secolo nella <i><font color="#3366FF">Historia Langabardorum
 +Beneventarnorum</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Huic ergo Lodoguico
 +augusto suppliciter relatum est per </font><font color="#FF0000">Landonem</font><font color="#CC33CC">
 +comitem Capuanum, filium Landolfi supradicti viri, et per Ademarium iam
 +fatum virum...</font>", o da aferesi di nomi come Orlando. Il conte Landone
 +(843-860), contribuì alla ricostruzione della città di Capua
 +sulle rive del fiume Volturno; verso la fine del IX° secolo il longobardo
 +Landone di Vescovio, vescovo di Civitate Sabinense divenne Papa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDOLFI
 +<br>LANDOLFO
 +<br>LANDULFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Landolfi è tipico campano, Landolfo ha un ceppo nel napoletano ed
 +uno nel leccese, Landulfo, estremamente raro, sembra essere del salernitano,
 +derivano dal nome longobardo Landulfus di cui abbiamo un esempio nella
 +vita di San Tommaso D'Aquino: ".<font color="#CC33CC">..In nomine domini
 +nostri Iesu Christi. anno incarnacionis eius millesimo ducentesimo tricesimo
 +primo, regnante domino nostro Frederico Dei gratia Romanorum imperatore
 +semper augusto, Ierusalem et Sicilie rege, mense madii, tercio die eiusdem
 +mensis, indictione quarta. Nos </font><font color="#FF0000">Landulfus</font><font color="#CC33CC">
 +Dei gratia Casinensis abbas, adtendentes quod propter frequentes et diversas
 +undique turbationes plurimas necessitates ...</font>".&nbsp; Troviamo traccia
 +di queste cognominizzazioni a Solofra (AV) fin dal 1100, I Landolfi nel 1300
 +sono iscritti all'albo dei maggiorenti della città:</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDRA
 +<br>LANDRI
 +<br>LANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Landra è piemontese, di Cuneo, Vernante e Borgo San Dalmazzo nel
 +cuneese e di Torino e Volpiano nel torinese, Landri è campano, di
 +Cava de' Tirreni e Salerno nel salernitano, Landro ha un ceppo genovese,uno
 +in Calabria a Zambrone e Briatico nel vibonese ed uno in Sicilia nel messinese,
 +a Messina, Ficarra e Santa Domenica Vittoria, e nel catanese ad Acireale
 +e Fiumefreddo di Sicilia, potrebbero derivare dall'italianizzazione di
 +nomi germanici medioevali come&nbsp; <i><font color="#3333FF">Landdrud</font></i>,
 +formato dai termini <i><font color="#3333FF">land</font></i> (<i><font color="#666666">terra,
 +paese</font></i>) e <i><font color="#3333FF">drud</font></i> (<i><font color="#666666">amico</font></i>),
 +o come Landric, composto da <i><font color="#3333FF">land</font></i> aggiunto
 +a <i><font color="#3333FF">ric</font></i> (<i><font color="#666666">ricco,
 +potente</font></i>), ma potrebbe anche derivare dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Landrau</font></i>,
 +che potrebbe esserersi originato dal nome <i><font color="#3333FF">Andrè</font></i>,
 +non si può inoltre escludere che in qualche caso possano essere
 +derivati medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Landro</font></i>,
 +forma arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Leandro</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche DE LANDRO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDRIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00landriani.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="73"><font size="-1">Originario del pavese, deriva dal
 +toponimo Landriano (PV). Famiglia milanese, nota già dal XII secolo.
 +Blasone stemma araldico: d'oro al castello d'azzurro, torricellato di due
 +pezzi, ognuno merlato di due alla ghibellina, aperto sul campo e sormontato
 +da un'aquila di nero, coronata nel campo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANDRISCINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della zona che comprende il basso foggiano ed il barese, potrebbe
 +derivare da una modificazione dell'etnico di Salandra (MT), secondo altri
 +deriverebbe da un soprannome bizantino indicante fattezze femminee in un
 +uomo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANFRANCHI
 +<br>LANFRANCHINI
 +<br>LANFRANCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanfranchi è tipico della Lombardia e alta Emilia, con un ceppo
 +anche nel fiorentino, Lanfranchini, molto molto raro, sembrerebbe specifico
 +del vercellese, della zona di Valduggia e Borgosesia, Lanfranco è
 +specifico del Piemonte centrooccidentale, derivano, direttamente o tramite
 +ipocoristici, dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Lanfrancus</font></i>, di cui si hanno tracce
 +ad esempio a Modena nel 1000 con l'architetto Lanfrancus che tra il 1099
 +ed il 1106 costruì la Cattedrale di Modena, nel 1130 tra i Capitanei
 +di Milano si cita Lanfrancus Ferrarius, nel Codice Diplomatico Bresciano
 +è conservato un atto del 1147 stilato da : "<font color="#CC66CC">Ego
 +</font><font color="#FF0000">Lanfrancus</font><font color="#CC66CC"> notarius
 +sacri palaccii rogatus scribere unc breve scripsi et interfui</font><font color="#FF99FF">.</font>"
 +e, un atto del 1185 redatto da: "<font color="#CC66CC">...Ego </font><font color="#FF0000">Lanfrancus
 +Mazaperlinus</font><font color="#CC66CC"> notarius interfui et rogatus
 +scripsi.</font>".&nbsp; Esempio della nascita di questa cognominizzazione
 +si ha a San Casciano (PI) nel 1200 dove si trova citato un <font color="#FF0000">de
 +domo Lanfranchi, de domo Lanfrancorum e de Lanfrancis</font> tra le famiglie
 +della città e a Firenze, sempre nel 1200 dove troviamo un <font color="#CC66CC">Ugo
 +filius </font><font color="#FF0000">Guidi Lanfranchi</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANFRANCONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del comasco e lecchese, deriva da una variazione del nome germanico
 +Lanfrancus. (<font color="#CC66CC">vedi Lanfranchi</font>).&nbsp; Troviamo
 +questa cognominizzazione già presente nel 1500 nel lecchese a Rongio
 +di Mandello del Lario (LC) ed elencata tra i maggiorenti e proprietari
 +terrieri della zona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANFREDA
 +<br>LANFREDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanfreda, praticamente unico, dovrebbe essere il frutto di un'errata trascrizione
 +del cognome Lanfredi, che ha un ceppo lombardo nell'area bresciano, mantovana,
 +a Ghedi e Leno nel bresciano ed a Mantova, Suzzara, Marmirolo, Goito e
 +Porto Mantovano nel mantovano, ed un ceppo a Vairano Patenora nel casertano,
 +e che dovrebbe derivare dal&nbsp; <i><font color="#3333FF">Landefredus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Lanfredus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in una <i><font color="#3366FF">Cartula offertionis</font></i> del
 +1017 a Iseo nel bresciano: "<font color="#CC33CC">In Christi nomine. Heinricus
 +gracia Dei imperator augustus, anno imperii eius quarto, quarto kalendas
 +genuarius, indicione ... ecclesia Sancti Alexandri que est constructa foris
 +prope civitate Pergamo, ubi requiescit ipsius corpus sancti Alexardri ego
 +</font><font color="#FF0000">Landefredus</font><font color="#CC33CC"> presbiter
 +filius quondam Adelberti de locus Clugiane, qui professo sum ex natione
 +mea lege vivere Langobardorum presens ...</font>", nome a sua volta derivato
 +dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Landfrid</font></i>, ricordiamo
 +il Duca di Alamannia sotto i Franchi <i><font color="#3333FF">Landfrid</font></i>,
 +morto nell'anno 730.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANFRESCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lanfreschi.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="118"><font size="-1">Lanfreschi, assolutamente rarissimo, è specifico di Ischia, sull'isola
 +omonima del napoletano, potrebbe essere di origini sveve e derivare dal
 +nome germanico <i><font color="#3333FF">Landfrid</font></i>, ma, molto
 +più probabilmente deriva dall'italianizzazione del nome normanno
 +<i><font color="#3333FF">Lanfrik</font></i>, ricordiamo di questa famiglia
 +il figlio del marchese di Bellarena in Molise, Giacomo Lanfreschi, arcivescovo
 +di Matera ed Acerenza, l'ischitano Francesco Lanfreschi (Ischia 1691 -
 +Matera 1772) che ricoprì la sede arcivescovile dal 1738 al 1754,
 +dopo essere stato Vescovo di Gaeta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANFRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanfri, molto molto raro, è tipico del lucchese, di Villa Basilica
 +in particolare, dovrebbe trattarsi di una forma apocopaica contratta del
 +nome germanico <i><font color="#3333FF">Landfrid</font></i> dal quale
 +è derivato il nome medioevale Lanfredus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANG
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico cognome altoaltesino soprattutto di Renon, Laion e Bolzano, deriva
 +dal cognome tedesco Lang con il significato di lungo, legato probabilmente
 +a caratteristiche fisiche del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANGARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Langaro è tipicamente veneto, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +del vicentino, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +veneto arcaico <i><font color="#3333FF">langaro</font></i> (<i><font color="#666666">ramarro</font></i>),
 +forse a sottolineare un atteggiamento molto scontroso del capostipite,
 +o una sua particolare reattività, tipica di quel tipo di sauro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANGE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro forse del varesotto,
 +potrebbe derivare dal nome Longobardo Langel.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (Sondrio)</font></font>
 +<br>il cognome in oggetto può essere trovato in qualsiasi dizionario
 +tedesco sotto Lang (lungo), esiste anche la variante Lange. Secondo una
 +classifica attribuita al Prof. Ernest Thode, rintracciabile nel sito the
 +most common german surnames, Lange tra tutti i cognomi tedeschi è
 +al 25° posto.&nbsp; In Lombardia i cognomi tedeschi sono molto frequenti:
 +in provincia di Sondrio se ne contano almeno uno per comune.  Anche a Milano e provincia se ne contano diversi. Sono il frutto di
 +un'immigrazione di Austriaci tra il '700 e l'800, di Svizzeri e Tedeschi
 +dalla seconda metà del '800 in poi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANGE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, sembra specifico di Robecchetto Con Induno (MI) dovrebbe
 +essere molto antico e risalire almeno al 1500, secondo alcuni potrebbe
 +derivare da modificazioni dialettali del tedesco lang, ma, molto più
 +probabilmente deriva da un soprannome dialettale di origine francofona,
 +come potrebbe essere l'aferesi del termine <i><font color="#3366FF">boulangere</font></i>
 +(pasticcere).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANGIANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Langianni è caratteristico di Prato e della sua provincia, di Vernio,
 +Vaiano e Cantagallo, dovrebbe derivare dalla contrazione di un nome composto
 +da un nome come Lanberto, Landolfo o altri simili e Gianni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANGIU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Langiu è tipico della Sardegna settentrionale, di Olbia, Oschiri,
 +Tempio Pausania e Monti in Gallura, di Sassari ed Ozieri nel sassarese
 +e di Nuoro, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine sardo
 +<i><font color="#3333FF">làngiu</font></i> (<i><font color="#666666">magro,
 +secco, smunto</font></i>), probabilmente a sottolineare una particolare
 +magrezza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANINI
 +<br>LANINO
 +<br>LANNINI
 +<br>LANNINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanini è tipicamente toscano di Firenze e Scandicci nel fiorentino,
 +di Castel San Niccolò, Arezzo, San Giovanni Valdarno, Bibbiena,
 +Loro Ciuffenna e Montevarchi nell'aretino, di Asciano nel senese e di Grosseto,
 +con un ceppo a Genova ed uno a Roma, Lanino, quasi unico, ha un piccolissimo
 +ceppo piemontese, a Torino e Vercelli, e presenze sparse in Toscana e Lazio,
 +Lannini, assolutamente rarissimo, ha presenze nel romano, Lannino è
 +tipicamente siciliano, di Palermo, dovrebbero derivare, anche alterazioni
 +dialettali, dal mestiere di <i><font color="#666666">lanaiolo</font></i>
 +che in epoca medioevale veniva indicato come <i><font color="#3333FF">laninus</font></i>,
 +troviamo ad esempio citato nella <i><font color="#3366FF">Historia fiorentina</font></i>
 +un Antonius Bartholi Lemmi laninus nel Registrum Vexilli Clavium Quarterii
 +Sancti Iohannis septem Maiorum Artium del giorno otto febbraio 1381, esiste
 +anche la possibilità che possa derivare dal cognomen latino Laninus,
 +probabilmente una forma medioevale del cognomen Ianinus, tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo ad esempio a Vercelli nel 1500 con un tale
 +Magister Bernardinus Laninus pictor.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del frusinate e della Campania centro-settentrionale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA NOCARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Nocara, tipicamente calabrese, quasi unico, ha qualche presenza solo nel cosentino, dovrebbe derivare
 +dal nome del paese di Nocara appunto nel cosentino, o anche dal mestiere di raccoglitrice
 +di noci svolto dalla capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANOSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanosa, quasi unico, sembrerebbe originario di San Marco La Catola nel
 +foggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANTELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lantella, assolutamente rarissimo, tipico dell'area laziale, campana, dovrebbe
 +derivare da errori di trascrizione del più comune Langella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANTICINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanticina sembrerebbe specifico di Magenta nel milanese, potrebbe derivare
 +da un antico toponimo di cui si siano perse le tracce.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZA
 +<br>LANZETTA
 +<br>LANZETTI
 +<br>LANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lanzi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="65" height="80"><img src="/immagini/stem00lanza.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="76" height="80"><font size="-1">Lanza è molto diffuso sia al sud che al nord, Lanzetta ha un importante
 +nucleo nel napoletano e alto salernitano, un piccolo ceppo nel reggino
 +ed uno nel palermitano, Lanzetti ha un ceppo piemontese, uno nel riminese
 +ed uno nel bresciano, Lanzi occupa l'areale che comprende Lombardia, Emilia,
 +Toscana, Umbria e Lazio, dovrebbero derivare da soprannomi legati alla
 +forma arcaica del vocabolo lancia, ad indicare probabilmente il mestiere
 +dell'uomo d'armi o più semplicemente la funzione di portatore d'armi.
 +ma è pure probabile una derivazione diretta o dall'ipocoristico
 +del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lanza</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico Bresciano</font></i>
 +in una <i><font color="#3366FF">Cartula offertionis</font></i> dell'anno
 +<img src="/immagini/stem01lanza.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="110" height="129">
 +1131 redatta in Brescia: "<font color="#CC33CC">...a mane et meridie etmonte
 +Sanctus Gosmas, a sera suprascriptum flumen; casa vero iacet in loco Porcecalia,
 +coheret ei: a mane </font><font color="#FF0000">Lanza</font><font color="#CC33CC">,
 +soror suprascripti Lanfranci, a meridie Ariprandus Faba, a sera filii Walderici,
 +a monte via...</font>".
 +<br>Già nel XII° secolo c'è
 +un Francesco Lanza feudatario di Rosolini (SR) e una famiglia Lanzi è
 +annoverata tra la nobiltà ghibellina di Trescore (BG), nel 1400
 +troviamo Blasco Lanza, Dottore in legge che sposa Rosa, Baronessa di Mojo,
 +nel 1500 il Barone Cesare Lanza è feudatario di Carini (PA).
 +<br>Una famiglia Lanza è annoverata nel patriziato di Capua dal XV° secolo,
 +trasse il nome da un fatto d'armi in epoca aragonese. Feudataria, fece
 +parte del Consiglio dei Quaranta della città; annoverò regi
 +Familiari e continui Commensali degli Asburgo, diplomatici, regi Governatori,
 +ufficiali borbonici. Ammessa nel S.M.O. di Malta, nel 1815 ospitò
 +presso Capua il Trattato di Casalanza che restaurò il trono dei
 +Borbone e che da essa prese il nome.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">Informazioni tratte da: </font></font>Libro
 +d'Oro della Nobiltà Italiana (1923-'25);&nbsp; Annali di Capoa (G.A.
 +Manna, 1588)
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZAFAME
 +<br>LANZAFAMI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzafame è un cognome decisamente siciliano, molto diffuso a Catania,
 +ma ben presente anche a Messina, a Mazzarino, Gela e Caltanissetta nel
 +nisseno ed a Trecastagni, Gravina di Catania, Biancavilla,Aci Sant'Antonio,
 +Aci Catena, Mascalucia, Tremestieri Etmeo, Acireale e San Gregorio di Catania,
 +Lanzafami, quasi unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione
 +del cognome precedente in uffici anagrafici piemontesi, l'origine etimologica
 +potrebbe essere collegata secondo Caracausi ad un soprannome originato
 +dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">lanzafami</font></i> (<i><font color="#666666">fannullone</font></i>),
 +secondo il Rohlfs invece deriverebbe da un nome composto dai vocaboli <i><font color="#3333FF">Lanza</font></i>
 +(<i><font color="#666666">lancia</font></i>) e <i><font color="#666666">Fame</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzani è tipicamente lombardo, soprattutto del milanese, di Milano,
 +Meda, Seveso, San Colombano al Lambro, Paderno Dugnano, Bovisio Masciago,
 +Barlassina e Nova Milanese, e di Brescia e Bagnolo Mella nel bresciano,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese di Lanzano, una frazione di Tribiano
 +nel milanese, ma anche una frazione di Besana Brianza sempre nel milanese, probabile luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZARA
 +<br>LANZARI
 +<br>LANZARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzara ha un grosso ceppo romano, ed uno campano, nel salernitano a Nocera
 +Inferiore, Salerno, Castel San Giorgio, Battipaglia, Salento ed Eboli,
 +a Nola e Napoli nel napoletano, ed a Solofra ed Avellino nell'avellinese,
 +Lanzari è praticamente unico, Lanzaro è anch'esso campano,
 +di Napoli soprattutto e di San Paolo Bel Sito, Marano di Napoli, Giugliano
 +in Campania, Nola ed Ottaviano nel napoletano, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal nome del paese di Lanzara, una frazione del paese di Castel
 +San Giorgio nel salernitano, un principio di queste cognominizzazioni le
 +troviamo fin dal 1179 come De Lanzara.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZAROTTI
 +<br>LANZAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzarotti sembra avere due ceppi,
 +uno genovese ed uno pavese, Lanzarotto è tipico veronese, dovrebbero
 +derivare dal nome rinascimentale Lanzarottus (Lancelot o Lancillotto).
 +Troviamo tracce di questo nome nel 1200 con il navigatore genovese Lanzarotto
 +Marocello, scopritore delle Canarie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZAVECCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lanzavecchia.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="75"><font size="-1">Tipico dell'alessandrino di Predosa ed Alessandria in particolare, ha un
 +ceppo anche a Genova, deriva da un soprannome legato al vocabolo lanza
 +(lancia), probabilmente riferito al mestiere delle armi, tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo alla terza ed alla quarta Crociata con insigni
 +uomini d'arme, nella seconda metà del 1400 con il notaio Bernardo
 +Lanzavecchia operante a Varese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanziello, molto molto raro, è tipico dell'area casertano, napoletana,
 +di Capua nel casertano in particolare, potrebbe trattarsi di una forma
 +ipocoristica dialettale del nome longobardo <i><font color="#3333FF">Lantzo</font></i>,
 +ma potrebbe anche trattarsi di una forma dialettale del cognome <i><font color="#3333FF">Lancella</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi LANCELLA</font>), o di una modificazione dialettale
 +del nome bretone <i><font color="#3333FF">Lancelot</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +LANCELLOTTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZO
 +<br>LANZON
 +<br>LANZONE
 +<br>LANZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzo ha un ceppo nel tarantino, uno nel catanzarese ed uno tra milanese
 +e varesotto, uno nel torinese ed uno nell'imperiese, Lanzon è assolutamente
 +rarissimo, Lanzone ha un grosso nucleo pugliese, ed in provincia di Campobasso,
 +un ceppo nel cosentino, uno nel romano, uno tra torinese e cuneese, uno
 +nel genovese ed uno nel milanese, Lanzoni è diffusissimo nell'area
 +lombardo, emiliana, ma con ceppi in tutto il nord, alcuni potrebbero derivare
 +dal nome di toponimi come Lanzo di Martina Franca (TA), Lanzo d'Intelvi
 +nel comasco, o Lanzo Torinese (TO), ma l'origine più probabile è
 +una derivazione dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lanzo, Lanzonis</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">Cartula commutationis</font></i>
 +dell'anno 1039 a Bergamo: "<font color="#CC33CC">...Quidem ad vicem recepit
 +ipse domnus Ambrosius episcopus a partem eiusdem sui episcopatii </font><font color="#FF0000">Lanzo</font><font color="#CC33CC">
 +comutatore suo, similiter in causa comutacionis nomine, presenti die iuris
 +predicti sui episcopatii abendum, meliorata rex sicut abet,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZOTTA
 +<br>LANZOTTI
 +<br>LANZOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzotta è unico, Lanzotto, quasi unico è campano, Lanzotti
 +ha un ceppo emiliano nel modenese a Sassuolo, Serramazzoni, Modena e Formigine
 +ed uno campano tra beneventano Montesarchio e San Giorgio del Sannio, avellinese
 +San Martino Valle Caudina e Napoli, dovrebbero tutti derivare dal nome
 +rinascimentale <i><font color="#3366FF">Lanciottus</font></i>, forma contratta
 +del più famoso <i><font color="#3366FF">Lancelotus</font></i> ricordiamo
 +l'alessandrino Lancellottus Gallia illustre giureconsulto del 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LANZUISE
 +<br>LANZUISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lanzuise è tipico di Napoli e di Mugnano di Napoli ed Arzano nel
 +napoletano, Lanzuisi è specifico di San Felice Circeo nel latinense,
 +dovrebbero derivare dall'italianizzazione del nome germanico <i><font color="#3333FF">Lanzwies</font></i>,
 +composto dai termini a.a.t. <i><font color="#3333FF">lanze</font></i> (<i><font color="#666666">lancia</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">wiese</font></i> (<i><font color="#666666">saggio</font></i>),
 +nome che dovrebbe significare <i><font color="#666666">la saggia lancia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAO
 +<br>LAO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lao è tipicamente siciliano, di Rosolini nel siracusano e di Palermo,
 +Laò, quasi unico, è siciliano anch'esso, potrebbero derivare
 +da una forma aferetica di nomi di origine greca come Agelao, Ermolao, Menelao o altri
 +nomi simili.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro di probabile
 +origine reggina, potrebbe derivare dal nome medioevale Lapo, come pure
 +dal toponimo Lappano (CS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PADULA
 +<br>LAPADULA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Padula è specifico dell'area che comprende napoletano, salernitano,
 +Lucania e cosentino, con massima concentrazione nel salernitano a Eboli
 +e Polla, Lapadula occupa quasi lo stesso areale ma senza il cosentino e
 +con in aggiunta il barese, il tarentino ed il brindisino e massima concentrazione
 +in Basilicata a Moliterno e Rionero in Vulture nel potentino ed a Pisticci
 +nel materano, dovrebbero indicare la provenienza del capostipite da paesi
 +come Padula nel salernitano o Padula di San Pietro nel cosentino, ma è
 +possibile anche che derivino dal termine latino <i><font color="#3366FF">palus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">palude</font></i>) ad indicare le caratteristiche
 +del luogo di abitazione della famiglia. Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo nella <i><font color="#3366FF">Descriptio Feudorum sub rege
 +Friderico</font></i> del 1335: "<font color="#CC33CC">...Heredes quondam
 +Gentilis de </font><font color="#FF0000">la Padula</font><font color="#CC33CC">
 +de Calatagirono, idest Guglielmus de Padula, pro feudis Chanzerie, et Fabare
 +Calatagironi oz 100...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAPAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome quasi scomparso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (Sondrio)</font></font>
 +<br>si potrebbe anche trattare di un cognome Russo. Nel sito di Ellis Island,
 +tra gli immigrati europei&nbsp; a New York si ritrovano anche tre Russi
 +con questo cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PALOMBARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Palombara è specifico di Vasto nel teatino, potrebbe derivare
 +dal nome delle località omonime presenti nel ternano, nel teramano
 +o nel frusinate, ma è possibile anche una derivazione dal termine
 +medioevale latino <i><font color="#3333FF">palumbarius</font></i> (<i><font color="#666666">falcone</font></i>),
 +forse ad identificare nell'allevamento dei falchi da caccia il mestiere
 +della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PAROLA
 +<br>LAPAROLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Parola è specifico di Palermo, Laparola, praticamente unico,
 +dovrebbe essere una forma alterata del precedente, dovrebbe trattarsi di
 +un soprannome attribuito ad un prete ortodosso, considerato la parola di
 +Dio, o di un cognome attribuito ad un trovatello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PASTINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Pastina è specifico di Castellabate nel salernitano, potrebbe
 +derivare dal toponimo Pastina nell'avellinese, forse il luogo d'origine
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PENNA
 +<br>LAPENNA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Penna ha un nucleo nelle province di Roma e Latina, uno probabilmente
 +secondario nel napoletano ed uno nel foggiano, Lapenna è specifico
 +delle Puglie, Molise e Basilicata, dovrebbero derivare da soprannomi probabilmente
 +legati al mestiere di scrivano o di amministratore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PENTA
 +<br>LAPENTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Penta, assolutamente rarissimo è campano, mentre Lapenta è
 +tipicamente lucano, dovrebbero derivare dal nome grecanico <i><font color="#3333FF">Penta</font></i>,
 +una variazione del nome greco <i><font color="#3333FF">Pentheus</font></i>,
 +attribuito a volte alla quinta figlia, o anche da italianizzazioni del nome
 +slavo <i><font color="#009900">Pentcha</font></i>, con il medesimo significato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro sembrerebbe originario del catanese, potrebbe derivare
 +da una modificazione dialettale del nome Petrus, ma è pure possibile
 +che derivi dal nome di uno strumento di tortura, "La Pera", che, aperto
 +con un giro di vite da un minimo, a un massimo dei suoi segmenti, all'estremità
 +dei quali aveva dei rebbi, veniva inserito in bocca o in altri orifizi,
 +per strappare e lacerare la gola o gli intestini che venivano così
 +orrendamente mutilati fino a condurre alla morte del torturato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAPETTI
 +<br>LAPI
 +<br>LAPINI
 +<br>LAPO
 +<br>LAPPONI
 +<br>LAPUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lapi è tipicamente toscano, del fiorentino in particolare, Lapetti
 +è unico, Lapo è assolutamente rarissimo, Lapini è
 +sempre toscano, specifico del fiorentino, dell'aretino, del pistoiese e
 +del senese,  Lapponi ha un ceppo a Macerata ed uno a Roma, Lapucci è anch'esso tipicamente toscano, di Firenze
 +e Pisa, del fiorentino e del senese, tutti questi cognomi dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite varie alterazioni ipocoristiche, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Lapus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nella seconda metà del 1200 in un atto:
 +"<font color="#CC33CC">...Pro Girolamo Beliocti Girolami, consignavit </font><font color="#FF0000">Lapus</font><font color="#CC33CC">
 +eius nepos et filius Berlinghieri umun equum pili nigri frontium balzanum
 +de omnibus pedibus marcatum in spatula destra...</font>", nome che dovrebbe essere dovuto ad una contrazione ipocoristica medioevale del nome
 +<i><font color="#3333FF">Iacopus</font></i>. Tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo a Firenze nel 1600 con un certo "<font color="#CC33CC">Ser
 +</font><font color="#FF0000">Giovanni Lapi</font><font color="#CC33CC">,
 +notaio alla mercanzia</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PIANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Piana è tipicamente siciliano, ha ceppi a Palermo, nel nisseno
 +a Vallelunga Pratameno e Mussomeli, ma soprattutto nel catanese a Catania,
 +Randazzo e Misterbianco, dovrebbe derivare dal fatto che i o le capostipiti
 +provenissero dalla piana di Catania, la Piana per eccellenza in Sicilia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PICCA
 +<br>LAPICCA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Picca è quasi unico, ha sparute presenze a Genova ed in Sardegna,
 +Lapicca, molto molto raro, ha qualche presenza in Liguria ed in Sardegna
 +a Carloforte nell'iglesiente, dovrebbero derivare da soprannomi originati
 +probabilmente dal fatto che i capostipiti portassero la <i><font color="#3333FF">picca</font></i>
 +(una specie di lancia recante in cima una sorta di lama), nella loro attività,
 +probabilmente quella di guardie cittadine o di soldati picchieri, cioè
 +portatori di picche, spesso utilizzati come corpo di rappresentanza.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PICCIRELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto raro, tipico della zona di San Severo e San Paolo Di Civitate
 +(FG).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>di origini foggiane, ha alla base un soprannome attribuito alla capostipite,
 +probabilmente a causa della sua bassa statura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PIGNOLA
 +<br>PIGNOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Pignola, molto raro, è tipico del napoletano, sembrerebbe di
 +Pozzuoli, Pignola è quasi unico, potrebbero entrambi derivare da
 +un soprannome originato dal toponimo Pignola nel potentino, forse ad indicarlo
 +come luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAPOLLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della Basilicata, dovrebbe
 +derivare dalla trasformazione del toponimo Rapolla (PZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="lar"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA PORTA
 +<br>LAPORTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Porta è molto diffuso in tutto il meridione, in Campania, Molise,
 +Puglia, Calabria e soprattutto Sicilia, Laporta, decisamente meno diffuso
 +ha un ceppo trietino ed è ben radicato in tutta la Puglia, questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal fatto che le famiglie risiedessero in prossimità
 +della porta del paese o della città, se non che ne fossero addirittura
 +i guardiani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="lar"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA QUINTANA
 +<br>LAQUINTANA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laquintana sembrerebbe specifico di Monopoli (BA), La Quintana sembra essere
 +dovuto a modi diversi di trascrizione, potrebbero derivare dal fatto di
 +abitare la famiglia tra il quinto ed il sesto sestile di una città
 +ossia sulla via quintana, come veniva chiamata questa strada in epoca medioevale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="lar"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA RAIA
 +<br>LARAIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laraia, molto molto raro, ha un ceppo a Trani (BA) ed uno tra Potenza e
 +Venosa (PZ), La Raia, quasi unico, è probabilmente frutto di errori
 +di trascrizione del precedente, potrebbero derivare da toponimi come Raia
 +Carbone (PZ).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Laraia è diffuso soprattutto a Trani (BA) e nel potentino, La
 +Raia, rarissimo, potrebbe essere un errore di trascrizione del primo, questi
 +cognomi dovrebbero entrambi derivare dal termine <i><font color="#3366FF">raia</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">raja</font></i>, che presenta due diversi significati:
 +in una prima accezione, raia è una voce arcaica che corrisponde
 +all'odierna razza, una specie di pesce dalla caratteristica forma piatta
 +e allungata (dal latino <i><font color="#3366FF">raia</font></i>); in una
 +seconda accezione, raia è, invece, un vocabolo dialettale del sud
 +che indica una generica pianta spinosa, un rovo (dal termine prelatino
 +e latino <i><font color="#3366FF">radia</font></i>). Nel primo caso, allora,
 +Laraia e La Raia potrebbero essere derivati da nomi di mestiere, come quello
 +del pescatore o del pescivendolo, o da particolari caratteristiche fisiche o comportamentali
 +del capostipite; nel secondo caso, invece, potrebbero riferirsi alla località
 +di provenienza (esistono, infatti, toponimi come Monte Raia Lunga (SA),
 +Raia dei Carboni (PZ), Raia della Petina (SA), etc.) o, comunque, alla
 +conformazione del territorio in cui il capostipite viveva (ad es., nei
 +pressi di una macchia spinosa, di un roveto, etc.).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, forse di origini ungheresi, è presente
 +solo nel rietino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laras è un cognome quasi unico, presente sporadicamente nel nord
 +Italia, dovrebbe essere di origine greca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARCERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente raro</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARCINESE
 +<br>LARCINESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Larcinese, molto molto raro, è tipico del chietino, di Gessopalena
 +(CH) in particolare, Larcinesi, quasi unico, è probabilmente dovuto
 +ad errori di trascrizione del precedente, potrebbe avere un origine legata
 +a località caratterizzate dalla presenza di larici, per assonanza
 +con il fungo che nel dialetto dell'Italia centrale viene chiamato <i><font color="#3366FF">lercino</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il cosiddetto porcino dei larici</font></i>).
 +Tracce di questa cognominizzazione si trovano a Gessopalena fin dagli inizi
 +del 1500.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Matthew
 +Francesco Larcinese</font></font>
 +<br>Un documento notarile del 1580 redatto in Chieti colloca un Bernadino
 +de Larcenese nel paese di Gessopalena verso il 1520 come proprietari di
 +terreni fra cui un colle dell'Arcinni (o Arcioni, Arcione, Arcini) il cognome
 +Larcinese deriverebbe quindi dal nome di questo colle e nascerebbe come
 +l'Arcinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARDI'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lardì, abbastanza raro, è specifico del catanzarese, di Vallefiorita
 +in particolare, l'origine è oscura, potrebbe trattarsi di una forma
 +ipocoristica dialettale aferetica di nomi come <i><font color="#3366FF">Gilardo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARDON
 +<br>LARDONE
 +<br>LARDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lardon parrebbe del torinese, Lardone ha un ceppo piemontese, uno toscano
 +ed uno nel napoletano, Lardoni è quasi unico, parrebbe originario
 +della zona di Massarosa nel lucchese, dovrebbero derivare dall'antico termine
 +<i><font color="#3366FF">lardone</font></i> o <i><font color="#3366FF">pacca
 +di lardo</font></i> che intende una metà del lardo d'un maiale salata
 +in un solo pezzo, riferendosi probabilmente all'attività del capostipite.&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo verso la fine del 1400 a
 +Cherasco nel cuneese con un certo nobiluomo Guglielmo Lardone, nel 1753
 +e nel 1763 a Recco (GE) è consigliere Angelo Francesco Ignazio Lardone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA REGINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un nucleo importante nel cosentino,
 +verso i confini con la Basilicata e forse un altro nel salernitano, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Regina (CS), ma non è da escludere una derivazione
 +dal cognomen latino Reginus, Regina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipicamente toscano, potrebbe derivare dal toponimo Lari (PI) ma
 +è pure possibile una derivazione dalla modificazione dell'aferesi
 +di un nome come Ilario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro dovrebbe essere calabrese della zona di Vibo Valentia e Catanzaro, dovrebbe
 +derivare da una modificazione del cognome Lauria. Tracce di questa cognominizzazione
 +si trovano nel 1700 con il reverendo Giovan Domenico Laria parroco di San
 +Nicolo' di Ricadi (CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARIZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Larizza ha un ceppo pugliese nel tarentino, a Taranto e Palagianello,
 +e nel barese, a Gioia del Colle, Bari e Rutigliano, ed un ceppo calabrese
 +a Bova Marina, Palizzi e Scilla nel reggino, dovrebbe trattarsi di un matronimico
 +riferito ad una capostipite, probabilmente caratterizzata dal fatto di
 +avere i capelli ricci.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAROBINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro. sembra tipico della provincia di Vibo Valentia di Arena (VV)
 +in particolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA ROCCA
 +<br>LAROCCA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Rocca è diffuso in tutto il centrosud, in Campania ed in Sicilia
 +in particolare, Larocca è specificatamente lucano, in particolare
 +della zona di Calvello e Abriola (PZ), derivano da toponimi contenenti
 +la radice <i><font color="#999999">rocca</font></i>, come ce ne sono moltissimi
 +in Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA ROSA
 +<br>LAROSA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Rosa è tipico siciliano e della zona calabrese dello stretto
 +di Messina, Larosa molto più raro, ha un ceppo nel reggino ed uno
 +nel barese, derivano entrambi dal nome personale latino Rosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA ROSSA
 +<br>LAROSSA
 +<br>LA RUSSA
 +<br>LARUSSA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Rossa, molto molto raro, sembrerebbe dell'area che comprende la Campania
 +costiera ed il potentino, Larossa ha un ceppo a Filiano nel potentino,
 +con un piccolo ceppo nel foggiano, La Russa è siciliano, mentre Larussa è tipico di Catanzaro,
 +dovrebbero derivare da soprannomi, anche dialettali, originati da caratteristiche
 +della località d'origine, <i><font color="#999999">quelli della
 +casa rossa</font></i>, o da caratteristiche fisiche, come ad esempio <i><font color="#999999">quelli
 +della rossa</font></i> (di capelli), riferito probabilmente alla madre dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LARVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Oltremodo raro, si ipotizza un'origine nel Salento, dovrebbe derivare dal
 +termine latino <i><font color="#3366FF">larva</font></i> (s<i><font color="#999999">pettro,
 +fantasma, mostro</font></i>) usato anche raramente come nome in epoca medioevale:
 +"<font color="#CC33CC">...Cum vero incertum est, quae cuique eorum sortitio
 +evenerit, utrum Lar sit an </font><font color="#FF0000">Larva</font><font color="#CC33CC">,
 +nomine Manem deum nuncupant...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASAGNA
 +<br>LASAGNI
 +<br>LASAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lasagna ha vari ceppi in giro per l'Italia, uno nell'alessandrino, uno
 +nel mantovano, uno nel perugino ed uno nel ragusano, Lasagni è molto
 +diffuso nell'area reggiano, modenese, e nel fiorentino, Lasagno, molto
 +raro, è specifico del torinese, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originato dal vocabolo <i><font color="#3366FF">lasagna</font></i> (<i><font color="#999999">tipo
 +di pasta molto ricca e condita</font></i>), forse ad indicare nei capostipiti
 +dei ghiottoni o dei ristoratori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASARACINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del barese, di Noci e di Bari, dovrebbe derivare da un matronimico
 +originato da un soprannome legato o all'origine medioorientale della capostipite
 +o a caratteristiche comportamentali della stessa o ad episodi che la collegassero
 +in qualche modo ai saraceni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASCA
 +<br>LASCHE
 +<br>LASCHI
 +<br>LASCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lasca è tipicamente marchigiano dell'anconetano, di Osimo in particolare,
 +Lasche è praticamente unico, Laschi è decisamente toscano,
 +di Prato, Lucca, Firenze, Siena, Agliana nel pistoiese e Follonica nel
 +grossetano, Lasco ha un ceppo a Roma, Uno nel casertano a Marcianise, Recale,
 +Capodrise e Carinola, e Napoli, un ceppo nel potentino a Viggiano, Calvello
 +e Potenza, ed uno a Melito di Porto Salvo nel reggino, tutti questi cognomi
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale Lascus, di cui abbiamo un esempio
 +nel 1500: "<font color="#CC33CC">...Hoc mihi solum natale es in quo et
 +lucem primum vidi et educatus sum: ubi et pater meus et avus paternus,
 +et proavus, et avia quoque paterna, et aviae pater, et patris mei avunculus
 +eodem mecum nomine et cognomine dictus, nati fuêre omnes inter suos
 +honorati, et possessiones soli ibidem tenentes. Pater ei fuit Emmo Diken,
 +Ecclesiae Iesu Christi ibidem per annos complures sidus minister, vir et
 +eruditione et vita Theologus, M. Lutheri et Phil. Melanchthonis quondam
 +discipulus, obdoctrinam, pietatem singularem morumque modestiam carus imprimis
 +ac familiaris Iohanni a </font><i><font color="#FF0000">Lasco Polono</font></i><font color="#CC33CC">,
 +viro maximo, omnium Ecclesiarum toto agro isto sparsarum tum temporis Ephoro.
 +..</font>". Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Venezia nella
 +<i><font color="#3366FF">Relazione di Francia</font></i> di Matteo Dandolo
 +del 1547: "<font color="#CC33CC">...Andai indi a pigliare l'istessa licenza
 +dalla cristianissima regina, e medesimamente dalla serenissima madama Margherita,
 +le quali mi usarono le istesse molto buone parole, che io ho detto avere
 +ricevute nel mio andarvi; le quali avendo io scritte ben due fiate all'eccellenze
 +vostre, sarebbe un attediarle il replicargliele. Ma nell'ultimo ritirarmi,
 +la serenissima regina mi ferma pregandomi a raccomandare in nome suo alla
 +serenità vostra il capitano </font><font color="#FF0000">Niccolò
 +Lasco </font><font color="#CC33CC">da Vicenza, e con molta istanza, e fu
 +il medesimo del quale la mattina seguente il signor contestabile mi mandò
 +una polizza da parte del re. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA SCALA
 +<br>LASCALA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente calabresi, del catanzarese, del reggino e del vibonese,
 +La Scala è di Lamezia Terme nel catanzarese e di Mileto nel vibonese
 +con presenze nel reggino, Lascala è di Mileto nel vibonese e di
 +Bianco nel reggino, potrebbero derivare dal nome del paese di Scala Coeli
 +nel cosentino, forse il luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASCARI
 +<br>LASCARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lascari estremamente raro è tipico del messinese, mentre Lascaro,
 +altrettanto raro, è tipico del materano, dovrebbero derivare dal
 +casato greco bizantino dei Laskaris, ricordiamo nel 1200 Teodoro I°
 +Laskaris.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASCIALFARE
 +<br>LASCIALFARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lascialfare, quasi unico, è quasi sicuramente dovuto ad errori di
 +trascrizione di Lascialfari, che è toscano, con un grosso ceppo
 +a Firenze e nel fiorentino, a Barberino di Mugello, Sesto Fiorentino, Calenzano,
 +Scandicci, Campi Bisenzio, San Piero a Sieve e Fiesole, a Prato ed a Livorno,
 +l'unica assonanza fonetica la troviamo con il nome semita <i><font color="#3333FF">Alshafar</font></i>,
 +anche se non abbiamo trovato elementi di conferma della derivazione, un'altra
 +connessione potrebbe essere di tipo toponomastico con l'antico paese spagnolo
 +di Alzafar nei pressi di Valencia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA SELVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico pugliese, della zona di Conversano e Polignano a Mare, ha un ceppo
 +anche a Pescara, potrebbe derivare da nomi di località come Bosco
 +Selva (BA) o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASIO
 +<br>LASIU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lasio è specifico del sud della Sardegna, di Serramanna nel Medio
 +Campidano in particolare, ma anche di San Sperate, Villasor e Cagliari
 +nel cagliaritano, Lasiu, più raro, è tipico di Nurachi nell'oristanese,
 +dovrebbero derivare, anche tramite un processo di italianizzazione da soprannomi
 +originati dal termine sardo arcaico <i><font color="#3333FF">lasiu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">laccio</font></i> usato per catturare gli animali),
 +forse ad identificare nei capostipiti dei cacciatori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA SPADA
 +<br>LASPADA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Spada sembrerebbe originario della Sicilia sudorientale, del messinese,
 +di Messina, Milazzo e Barcellona Pozzo di Gotto, Laspada è quasi
 +sicuramente dovuto ad errori di trascrizione, dovrebbe derivare da soprannomi
 +originati fprse dal fatto che i capostipiti utilizzavano o bene o spesso
 +la spada.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA SPIA
 +<br>LASPIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laspia è quasi unico, La Spia, comunque molto raro, è decisamente
 +siciliano, ha un ceppo a Partinico nel palermitano, l'origine etimologica
 +sembrerebbe poter derivare da un soprannome originato dal termine dialettale
 +siciliano <i><font color="#3333FF">spiari</font></i> (<i><font color="#666666">chiedere</font></i>),
 +forse legato ad un mestiere di esattore svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA SPINA
 +<br>LASPINA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici della Sicilia orientale, Laspina è decisamente estremamente
 +più raro della forma La Spina specifico del catanese, dovrebbero
 +derivare dal nome mediovale Spina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASSANDRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lassandro è tipico del barese, di Sant'Eramo in Colle in particolare,
 +con buone presenze anche a Bari, Acquaviva delle Fonti, e Cassano delle
 +Murge.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Con buona probabilità, questo cognome deriva direttamente dal
 +nome medievale <i><font color="#3333FF">Lassandro</font></i>, forma dialettale
 +del più comune <i><font color="#3333FF">Alessandro</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Alessandrella e Lisciandra</font>). In conclusione, dunque, si tratterebbe
 +della cognominizzazione del nome personale del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA STELLA
 +<br>LASTELLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente pugliesi, La Stella ha un ceppo a Corato nel barese
 +ed a Cerignola nel foggiano, Lastella, decisamente più comune è
 +specifico di Corato, con un ceppo importante anche a Bari, Minervino Murge
 +e Molfetta, sempre nel barese ed a Cerignola nel foggiano, potrebbero derivare
 +da un nome di località, ma l'ipotesi più probabile è
 +che derivino dal nome Stella e che si tratti di matronimici indicanti che
 +la capostipite si chiamasse appunto Stella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LASTRAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lastrai, ormai quasi scomparso, sembrerebbe originario della zona di Tarquinia,
 +il cognome dovrebbe derivare da un soprannome basato sul mestiere del capostipite,
 +probabilmente quello di produttore di lastre in marmo o altre pietre.&nbsp;
 +L'esistenza di questa cognominizzazione nell'areale di Tarquinia si trova
 +fin dalla seconda metà del 1700, ma molto probabilmente è
 +più antica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA TARGIA
 +<br>LATARGIA
 +<br>TARGIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Latargia, praticamente unico, dovrebbe essere il frutto di un'errata trascrizione
 +di La Targia, che è del palermitano, di Villabate, Palermo e Ficarazzi,
 +Targia è specifico di Palermo, dovrebbero stare ad indicare la provenienza
 +dei capostipiti da una località chiamata Targia, come ad esempio
 +si chiama una frazione di Siracusa, ma <i><font color="#3333FF">La Targia</font></i>
 +è anche l'antico nome di uno stretto passo tra i monti che circondano
 +Palermo, nel <i><font color="#3366FF">Vocabolario siciliano etimologico
 +dell'abbate Michele Pasqualino</font></i> del 1790 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Targia</font><font color="#CC33CC">
 +nomen loci seu viae inter Montes iuxta ... Arabice </font><font color="#FF0000">taragia</font><font color="#CC33CC">
 +et per sincopen </font><font color="#FF0000">targia</font><font color="#CC33CC">
 +est abscondere, et </font><font color="#FF0000">targia</font><font color="#CC33CC">
 +est locus leonum procedens ab eadem radice </font><font color="#FF0000">taragia</font><font color="#CC33CC">
 +abscondere...</font>", passo che è probabilmente il luogo d'origine
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATERZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico pugliese, deriva dal
 +toponimo Laterza (TA).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Laterza è cognome frequente nell'Italia peninsulare ma soprattutto
 +in Puglia. Deriva dal toponimo Laterza (TA), probabilmente riferito a un
 +luogo coltivato da '<i><font color="#3333FF">tertiatores</font></i>' d'epoca
 +longobarda, secondo l'Olivieri. Impadronitisi di alcuni territori, i Longobardi
 +trasformarono gli stessi coloni, già '<i><font color="#3333FF">conductores</font></i>'
 +o <i><font color="#666666">fittavoli</font></i>, in '<i><font color="#3333FF">tertiatores</font></i>';
 +questi ultimi restarono cioè sulle terre occupate che vennero divise
 +tra i guerrieri invasori ma con l'obbligo di pagare un tributo annuo che
 +era la '<i><font color="#3333FF">tertia pars frugum</font></i>', <i><font color="#666666">un
 +terzo della loro produzione</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATIN
 +<br>LATINA
 +<br>LATINI
 +<br>LATINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Latin, assolutamente rarissimo è triestino, Latina sembra specifico
 +del siracusano, Latini è tipico della fascia dell'Italia centrale,
 +Latino, tipico del sud, ha ceppi in Sicilia, nel Salento, nel Gargano e
 +nell'iserniese, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Latinus</font></i>,
 +citato ad esempio da Virgilio nell'Eneide: "<font color="#CC33CC">...Rex
 +arua </font><font color="#FF0000">Latinus</font><font color="#CC33CC">
 +et urbes - iam senior longa placidas in pace regebat...</font>", questa
 +cognominizzazione era già presente in Toscana in epoca medioevale,
 +si ricorda il Brunetto Latini (1220-1295) citato da Dante nella Divina
 +Commedia nel girone dei sodomiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lato ha un ceppo nel casertano a Galluccio ed uno in Puglia tra tarantino
 +e leccese, in particolare a Ruffano (LE), dovrebbe derivare da soprannomi
 +originati dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">latus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">largo</font></i>) con riferimento alla corporatura
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA TORRACA
 +<br>LATORRACA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Torraca è molto raro ed è specifico del salernitano e
 +potentino, Latorraca un pò meno raro è specifico della zona
 +che comprende Basilicata, barese e tarentino, dovrebbero derivare dal toponimo
 +Torraca (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA TORRATA
 +<br>LATORRATA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Torrata, quasi unico, è dovuto ad errori di trascrizione del
 +cognome Latorrata che è specifico della provincia di Taranto, di
 +Mottola, Palagiano, Massafra e Palagianello, e dovrebbe derivare dal toponimo
 +La Torrata, località molto antica, risalente ad epoca precristiana,
 +il cui nome deriva dalla <i><font color="#3333FF">Torre Nova delli porcili
 +</font></i>fatta costruire verso la metà del 1500 da Tiberio Domini
 +Roberti, feudatario del castello di Palagianello e dei territori circostanti,
 +si tratta dunque di un soprannome, attribuito al capostipite, indicante
 +la località d'origine dello stesso, il cognome risale quindi ad
 +un periodo posteriore al XVI° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA TORRE
 +<br>LATORRE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Latorre è un cognome tipico dell'area che comprende la Basilicata,
 +il barese, il tarentino ed il brindisino, La Torre è molto diffuso
 +nel centrosud, soprattutto nel foggiano, nel casertano e napoletano, nel
 +potentino, in Sicilia e nel reggino, potrebbero derivare da nomi di località
 +caratterizzati dalla presenza di una torre, come ne esistono ovunque in
 +Italia. Esistono varie famiglie nobili con questo cognome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATROFA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Trofa è quasi unico, Latrofa sembra specifico di Noicattaro nel
 +barese, potrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo greco
 +<i><font color="#3366FF">trofos</font></i><font color="#000000">, </font><font color="#3366FF">τροφός</font>
 +(<i><font color="#999999">infermiere</font></i>), forse dal fatto che il
 +capostipite svolgesse funzioni di infermiere o addetto alla sanità
 +in un corpo militare.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>La Trofa, rarissimo, sembra essere originario di Biccari (FG), Latrofa
 +è tipico del barese, entrambi questi cognomi dovrebbero derivare
 +dalla voce dialettale <i><font color="#3366FF">trofa</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#666666">cespo, mazzo</font></i> (di verdura, specialmente
 +di lattuga): l'origine del termine va ricercata nel greco <i><font color="#3366FF">tryphos</font></i>,
 +che letteralmente significa pezzo, cosa staccata (in riferimento al cespo
 +strappato dal terreno). Molto probabilmente, allora, si tratta delle cognominizzazioni
 +di nomi di mestiere attribuiti ai capostipiti (forse degli ortolani o dei
 +verdurieri).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTANZI
 +<br>LATTANZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lattanzi è specifico della fascia centrale che comprende Marche,
 +Umbria, Abruzzo e, soprattutto Lazio, con un ceppo anche nel barese, Lattanzio,
 +molto meno diffuso, è tipico di Abruzzo, Molise, foggiano e barese,
 +deriva dal cognomen latino Lactantius, ricordiamo lo scrittore latino Lucius
 +Caelius Firmianus Lactantius (240 - 320).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTARI
 +<br>LATTARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lattari è tipico calabrese, del cosentino in particolare, ha un
 +ceppo probabilmente secondario a Roma, Lattaro sembrerebbe tipico napoletano
 +e dovrebbe derivare dal nome del monte Lattaro, vicino al Vesuvio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTARULA
 +<br>LATTARULI
 +<br>LATTARULO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lattarula, praticamente unico, dovrebbe essere stato originato da un'errata
 +trascrizione dei successivi, Lattaruli è specifico di Mola di Bari,
 +Lattarulo ha un piccolissimo ceppo a Bisaccia nell'avellinese, uno a Bernalda
 +nel materano, ma il grosso è in Puglia, nel barese, a Bari, Gioia
 +del Colle, Polignano a Mare, Putignano, Aquaviva delle Fonti e Castellana
 +Grotte, nel tarentino, a Mottola, Taranto, Laterza e Palagiano ed a Stornarella
 +nel foggiano, potrebbero derivare da forme etniche dialettali riferite
 +alla zona del Monte Lattaro all'interno della penisola sorrentina.&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Putignano nel barese fin
 +dal 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTES
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, di origine ebraica, arriva nel torinese dalla Linguadoca e
 +dalla Provenza nel 1500 a seguito delle persecuzioni religiose, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Lattes nei pressi di Montpellier.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTISI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parrebbe originario del basso Trentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +</tr><tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTUADA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del nord milanese e del basso varesotto soprattutto nella zona
 +di Saronno e Caronno Pertusella, tracce di questa cognominizzazioni le troviamo
 +a Milano nel 1500 con il Nobile Luigi Lattuada, sempre a Milano nella prima
 +metà del 1600 troviamo il giureconsulto Giuseppe Lattuada.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Lattuada è un cognome lombardo. Per Lurati viene dal nome di
 +luogo <i><font color="#3333FF">La Tuada</font></i>, <i><font color="#666666">la
 +zona dove si scava il tufo</font></i>; il dialettale '<i><font color="#3333FF">tüf,
 +tüv</font></i>' si riscontra in diverse località lombarde.
 +La Tuada (tufatta) era la zona dove affiorava e si cavava il tufo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +</tr><tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LATTUCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lattuca è un cognome siciliano specifico dell'agrigentino, soprattutto
 +di Agrigento, Raffadali ed Aragona, con ceppi secondari anche a Palermo
 +e Catania, un'ipotesi proporrebbe la derivazione dal termine dialettale
 +siciliano <i><font color="#3366FF">lattuca</font></i> derivato a sua volta
 +dal latino <i><font color="#3366FF">lactuca</font></i> (<i><font color="#999999">lattuga</font></i>),
 +come soprannome attribuito al capostipite o alla capostipite, i motivi
 +possibili potrebbero essere, nel caso di una capostipite, il fatto di tenere
 +a balia&nbsp; più bambini e di cibarsi per questo motivo principalmente
 +di lattuga, il nome latino della pianta ha la stessa radice di latte proprio
 +perche già i latini ritenevano che mangiarne in abbondanza contribuisse
 +a rendere copiosa la produzione di latte da parte delle donne.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUCELLI
 +<br>LAUCELLO
 +<br>LAUCIELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laucello è assolutamente rarissimo, Lauciello ha un ceppo a Genova,
 +uno a Roma e provincia, uno a Potenza e Campomaggiore sempre nel potentino
 +ed uno a Ruvo di Puglia nel barese, dovrebbero derivare direttamente o
 +tramite modificazioni dialettali dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Laucellus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un atto di successione dell'anno 822 in Castiglia
 +(Spagna) dove viene citato un abate Laucellus fra i testimoni, ma è
 +pure possibile una derivazione da alterazioni dialettali dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Lucilia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lauda, molto molto raro, è della zona che comprende il campobassano,
 +il foggiano, l'avellinese ed il napoletano, con un piccolo ceppo ad Ururi
 +nel campobassano, a Foggia e Troia nel foggiano, a Greci nell'avellinese
 +ed a Napoli, dovrebbe derivare da una forma troncata del nome gratulatorio
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Laudadeo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDADIO
 +<br>LAUSDEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laudadio ha un nucleo abruzzese a Lama Dei Peligni (CH) ed altri in Puglia,
 +nel barese soprattutto, Lausdei ha un ceppo ad Ancona ed uno a Roma, di
 +probabile origine ebraica, derivano dal nome gratulatorio Lausdei (sia
 +lode al signore) tipicamente attribuito a figli molto attesi e desiderati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDAMO
 +<br>LAUDANI
 +<br>LAUDANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00laudamo.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="81"><font size="-1">Laudamo, quasi unico, sembra siciliano, Laudani è tipico
 +del catanese, tra Paternò, Belpasso, Acireale e Catania, Laudano,
 +più raro, è specifico della costiera amalfitana, potrebbero
 +derivare da modificazioni del termine <i><font color="#3333FF">laudamus</font></i>
 +usato spesso per indicare un trovatello, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Napoli nel 1500 con lo scultore Angelo Laudano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDATI
 +<br>LAUDATO
 +<br>LAUDITI
 +<br>LAUDITO
 +<br>LODATI
 +<br>LODATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laudati è tipicamente campano, del napoletano, avellinese e salernitano,
 +con un ceppo anche a Roma, Laudato, ben diffuso in tutta la Campania è
 +particolarmente presente nel salernitano, Lodati, quasi unico, è
 +probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione del cognome Lodato, che
 +ha un grosso ceppo nel salernitano ed uno in tutta la Sicilia, in particolare
 +nel palermitano, Lauditi, quasi unico, potrebbe essere abruzzese, anche
 +se presenta forse un ceppo nell'imperiese, Laudito, assolutamente rarissimo,
 +sembra tipico di Torino e del torinese, dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite modificazioni più o meno dialettali, dal nome gratulatorio
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Laudatus</font></i> (<i><font color="#3366FF">Lauditus</font></i>)&nbsp;
 +o <i><font color="#3366FF">Laudato</font></i>, attribuito in onore di Cristo,
 +con riferimento al famoso <i><font color="#3366FF">Cantico delle Creature</font></i>
 +scritto da San Francesco nel 1226: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Laudato</font><font color="#CC33CC">
 +sie, mi' Signore cum tucte le Tue creature, spetialmente messor lo frate
 +Sole, lo qual è iorno, et allumini noi per lui...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDI
 +<br>LAUDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laudi ha due ceppi distinti, uno nell'area del nordmilanese e varesotto
 +ed uno nel ternano, a Narni, Terni ed Amelia, Laudo, assolutamente rarissimo,
 +è del barese, dovrebbero entrambi derivare dal nome medioevale di
 +origine franca <i><font color="#3366FF">Laudus</font></i>, dell'uso di
 +questo nome abbiamo un esempio a Pisa, dove nel 1318 un certo Laudus Grassus
 +è citato in una transazione commerciale con la Sardegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDICINA
 +<br>LAUDICINI
 +<br>LAUDICINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laudicina è decisamente siciliano, del trapanese in particolare
 +dfi Marsala, ma anche di Petrosino, Trapani, Mazara del Vallo, Calatafimi
 +ed Erice, e di Palermo, Laudicini è praticamente unico, Laudicino,
 +molto molto raro, sembrerebbe tipico del napoletano, dovrebbe trattarsi
 +di una forma ipocoristica derivata dal nome latino <i><font color="#3333FF">Laudicius</font></i> o <i><font color="#3333FF">Lauditius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nella <i><font color="#3366FF">Vita sancti Severini</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...Tunc et </font><font color="#FF0000">Laudicius</font><font color="#CC33CC">
 +quidam caecus, inopinato psallentis populi clamore perculsus, sollicite
 +suos, quid esset, interrogat. Respondentibus, quod cuiusdam sancti Severini
 +corpus transiret, compunctus ad fenestram se duci rogat, de qua poterat
 +a sanis eminus multitudo psallentium atque vehiculum sancti corporis contemplari.
 +Cumque fenestrae nixus incumberet et oraret, protinus vidit, singillatim
 +demonstrans omnes notos atque vicinos. Quo facto cuncti, qui audierant,
 +gratias Deo lacrimantibus gaudiis retulerunt....</font>", è pure possibile possa trattarsi di soprannomi attribuiti a
 +quanti potessero somministrare il <i><font color="#3333FF">laudano</font></i>
 +(un prodotto erboristico usato anticamente come lenitivo e calmante del
 +dolore).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUDISA
 +<br>LAUDISI
 +<br>LAUDISIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laudisa, molto raro, è tipico di Lecce,&nbsp; Laudisi, assolutamente
 +rarissimo, potrebbe essere dell'Irpinia, Laudisio, molto raro, sembra specifico
 +del napoletano, salernitano e potentino, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +di origine franca <i><font color="#3366FF">Laudus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in un atto del 1355 dove è citato un ser Laudus Lambardo.
 +Troviamo tracce di questa cognominizzazione a Salerno in un atto di conferimento
 +della rettoria parrocchiale di S. Angelo in Solofra al sacerdote Pietro
 +de Laudisio di Montoro (AV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURA
 +<br>LAURI
 +<br>LAURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laura, molto raro sembra essere specifico della provincia di Imperia,
 +Lauri è diffuso nella fascia centrale che comprende Umbria, Marche,
 +Lazio e Abruzzi, con un ceppo anche nel napoletano, Lauro è tipico
 +del napoletano, dovrebbero derivare dal nome latino Laurus (consacrato
 +ad Apollo) citato ad esempio in questo cenotafio di epoca longobarda: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Laurus</font><font color="#CC33CC">
 +eras, Umfrede, tuas academia frondes iactavit merito, serta superba, diu...</font>",
 +è pure possibile, in alcuni casi, una derivazione da toponimi come
 +Lauro (AV) e (CE) e simili.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione si trovano
 +sia a Fano (PS), che a Macerata fin dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURANTONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurantoni, quasi unico, sembrerebbe del Piceno, dovrebbe derivare dal
 +nome del capostipite composto dai nomi <i><font color="#3333FF">Lauro</font></i>
 +ed <i><font color="#3333FF">Antonio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUREANTI
 +<br>LAURIANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laureanti dovrebbe essere originario del catanese, Laurianti, quasi unico,
 +è probabilmente solo una diversa forma del primo, potrebbe derivare
 +da un toponimo come Laureana di Borello (RC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURENDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurendi è tipico del reggino, di Bagnara Calabra in particolare,
 +dovrebbe trattarsi di una forma dialettale dell'etnico della città
 +di Laureana.</font></td>
 +</tr> 
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURENTI
 +<br>LAURENZI
 +<br>LAURENZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurenti sembra essere di origine umbra e laziale con ceppi nel nord Italia
 +dal Piemonte al Veneto, Laurenzi è tipico della fascia che comprende
 +l'aretino, l'Umbria, le Marche, l'Abruzzo ed il Lazio, Laurenzio è specifico di Carema nel torinese, dovrebbero tutti derivare
 +dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Laurentius</font></i>, originato
 +in alcuni casi probabilmente dall'antico toponimo Laurentium nel Lazio
 +occidentale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURENZANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurenzana è tipicamente lucano, di Potenza e Tito nel potentino
 +e di Stigliano e Garaguso nel materano, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Laurenzana nel potentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURENZANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurenzano ha un ceppo&nbsp; campano ed uno calabrese a Rossano e Caloveto
 +nel cosentino ed a Condofuri nel reggino, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Laurentianus</font></i> o anche dall'essere il
 +capostipite originario di proprietà di un <i><font color="#3366FF">Laurentius</font></i>
 +o di essere alle dipendenze di un <i><font color="#3366FF">Laurentius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUREOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome assolutamente rarissimo,
 +quasi estinto, dovrebbe derivare dal cognomen latino Laureola, probabilmente
 +insediatosi inizialmente nel livornese, dov'è tuttora presente,
 +potrebbe aver generato un ceppo che, emigrò in Sicilia dando luogo
 +alla stirpe dei Lauricella.</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Enzo Lauricella</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso al sud, in Basilicata, Calabria, Campania e Sicilia, dovrebbe derivare
 +dal toponimo Lauria (PZ), traccia di questo cognome la troviamo con il
 +famoso Ruggiero Lauria ammiraglio della flotta siciliana che sconfisse
 +carlo D'Angiò nel 1284.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURICELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario della Sicilia, provincia
 +di Agrigento, potrebbe derivare da un diminutivo del cognomen latino Laureola.
 +Famiglia proveniente dalla Catalogna (Spagna) con i Mango di Casalgerardo
 +(PA), ed imparentata con Ruggiero di Lauria (PZ).</font>
 +<br><font size="-1">Personaggi notevoli di questa casata sono: Baldassarre,
 +pittore di paesaggi assieme ai suoi figli Filippo e Francesco, alla maniera
 +fiamminga, Vincenzo Cardinale e scrittore, Gregorio, Vescovo di Ripatransone,
 +Antonio, nobile che nel 1710 alzò stemma gentilizio, da S.Cataldo
 +(CL) si trasferì a Villalba (PA), Giuseppe,scienziato e docente
 +(AG), ottenne la cattedra universitaria di matematica e scienze infintesimali
 +, presso l'università di Catania, Giuseppe, sacerdote e scrittore(AG),
 +Salvatore, varie volte deputato regionale, presidente dell'assemblea regionale
 +siciliana,sottosegretario al ministero del tesoro, Carlo, pittore di fama
 +europea e professore all'accademia di belle arti (PA). Ferdinando Lauricella propone un'ipotesi diversa per l'origine del cognome,
 +dovrebbe derivare dalla fusione dei cognomi Lauri e Cella, ha trovato tracce
 +di una famiglia di Patrizi anagnini Lauri-Cella nel 1600 (come risulta
 +dall'Elenco Ufficiale Italiano - CONSIGLIO ARALDICO ITALIANO) e aggiunge di aver trovato nell'Archivio
 +Araldico Nobiliare notizie inerenti alla nobile famiglia Lauri, nobili
 +di origini marchigiane e Patrizi di origine laziale, e alla famiglia Cella
 +nobili di origini lombarde ed emiliano romagnole.</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Enzo Lauricella</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Non comune, ha un nucleo nel parmense, uno tra senese e perugino, zona
 +di Chiusi e Castiglion del Lago ed uno a Roma.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Robert
 +Laurini Lyon France</font></font>
 +<br>Esistono parecchie ipotesi sul significato e sull'origine del cognome
 +Laurini, la prima è che derivi dal latino <i><font color="#CC33CC">laurinus</font></i>,
 +cioè relativo all'alloro (Laurus), la seconda lo fa derivare da
 +un diminuitivo del nome di battesimo Lauro, un'altra lo fa risalire ad
 +un nome di località, a Roma nel centro storico esiste una strada
 +chiamata "Via Laurina" citata in alcuni libri già dal 1614 (Theatrum
 +Urbis di Pompeo Ugonio), le origini di questo nome sono incerte, probabilmente
 +derivava da una località chiamata anticamente "Laurina", per la
 +quale passavano i pellegrini in arrivo dal nord.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico del potentino, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Laurino (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURIOLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lauriola è specifico del foggiano, diffusissimo a Manfredonia, Foggia
 +e Monte Sant'Angelo, ma ben presente anche a San Giovanni Rotondo ed Apricena,
 +potrebbe trattarsi di un matronimico e derivare da una capostipite di nome
 +<i><font color="#3333FF">Lauriola</font></i>, nome tardo latino molto in
 +uso in epoca medioevale, derivato da un'alterazione dialettale del cognomen
 +latino <i><font color="#3333FF">Laureola</font></i>, ma è pure possibile
 +possa derivare da un nome di località come la Lauria potentina o
 +altre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURITA
 +<br>LAURITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laurita è specifico di potenza e di Pietragalla nel potentino, Laurito
 +è specifico della zona tra salernitano e cosentino, dovrebbero derivare
 +dal toponimo Laurito nel salernitano, che a sua volta starebbe ad indicare
 +un luogo pieno di lauri o <i><font color="#3333FF">laureto</font></i>,
 +in latino <i><font color="#3333FF">lauretum</font></i>, che al plurale
 +fa <i><font color="#3333FF">laureta</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAURORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra essere originario del barese,
 +potrebbe derivare dal nome medioevale Aurora</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAUTERI
 +<br>LAUTERIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lauteri ha un ceppo laziale nel romano a Roma, Civitavecchia e Marino ed
 +a Vejano nel viterbese ed uno umbro a Spoleto (PG), Lauterio, molto molto
 +raro, è tipicamente abruzzese, dovrebbero derivare dal nome franco
 +<i><font color="#3366FF">Lauterius</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in un testo della seconda metà del 1500: "<font color="#CC33CC">...Hanovii
 +Comitis longum hoc testabitur Aula, Praeside quaeque ipso Curia tuta fuit.
 +Testis </font><font color="#FF0000">Lauterius</font><font color="#CC33CC">
 +fama generosus avorum....</font>", o anche agli inizi del 1600 in una lapide
 +che cita: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Stephanus
 +Lauterius</font><font color="#CC33CC">, prior secundus..</font>" e che
 +corrisponde al germanico Lothar, ricordiamo il re franco Lotario nipote
 +di Carlomagno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVAGETTI
 +<br>LAVAGETTO
 +<br>LAVAGGI
 +<br>LAVAGI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lavaggi.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="78"><font size="-1">Lavagetti è assolutamente rarissimo e sembrerebbe dello spezzino,
 +Lavagetto è tipico di Genova e di Serra Ricco (GE), Lavaggi sembra
 +specifico di Sestri Levante (GE), Lavagi ha un piccolo ceppo ligure a Serra
 +Ricco e Genova ed uno livornese, potrebbero derivare, direttamente o tramite
 +ipocoristici, da forme etniche di località come Lavaggiorosso di
 +La Spezia o simili..&nbsp; I Lavagi o Lavaggi appartengono ad un nobile
 +casato genovese che risale almeno al 1400 che ottenne il titolo di Conti;
 +alla fine del 1700 un tal Domenico Lavaggi era Console della Repubblica
 +ligure presso la Repubblica Romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVAGNINI
 +<br>LAVAGNINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavagnini ha un ceppo a La Spezia e Porto Venere nello spezzino, ed uno
 +el mantovano a Suzzara, Castel d'Ario, Porto Mantovano e San Benedetto
 +Po, ed a Leno nel bresciano, Lavagnino è tipico di Genova e Sestri
 +Levante nel genovese e di Maissana nello spezzino, con un ceppo anche ad
 +Asti, dovrebbe trattarsi di forme etniche arcaiche riferibili al nome di
 +paesi come Lavagna nel genovese o nel lodigiano e Lavagno nel veronese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVAIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavaia, quasi unico, è del materano, l'origine è assolutamente
 +oscura, si potrebbe supporre una provenienza da un antico nome di località.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA VANGA
 +<br>LAVANGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavanga è tipicamente meridionale, ha un piccolo ceppo a Mondragone
 +nel casertano ed uno a Scampitella nell'avellinese e nel vicino foggiano
 +a Castelluccio dei Sauri, ed un ceppo nel potentino ad Anzi e Potenza,
 +La Vanga, meno diffuso, è specifico di Scampitella nell'avellinese,
 +questi cognomi dovrebbero derivare da un soprannome originato dal mestiere
 +del capostipite, probabilmente un lavoratore della terra.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA VARRA
 +<br>LAVARRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavarra è tipicamente pugliese, del barese, a Castellana Grotte,
 +Bari e Putignano, e del tarentino, a Mottola, Castellaneta e Massafra,
 +La Varra, quasi unico, dovrebbe essere una forma alterata del precedente,
 +dovrebbe derivare da una forma arcaica alterata del nome Navarra, una regione
 +franco, ispanica a cavallo dei Pirenei con capitale Pamplona e di ceppo basco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA VECCHIA
 +<br>LAVECCHIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Vecchia è un cognome decisamente meridionale, distribuito a macchie
 +di leopardo in tutto il sud, con ceppi particolarmente nell'area che comprende
 +la Campania, il campobassano, il foggiano, il potentino, il cosentino ed
 +il catanzarese e soprattutto la Sicilia con massima concentrazione nel
 +catanese, agrigentino e palermitano, Lavecchia, sempre meridionale, è
 +specifico dell'area che comprende il salernitano, la Basilicata, il barese
 +ed iul catanzarese, ed, in misura minore, il tarentino e brindisino, il
 +cosentino ed il valentiano, potrebbero derivare da toponimi contenenti
 +la radice <i><font color="#3366FF">vecchia</font></i>, ma è pure
 +possibile una derivazione da caratteristiche dei capostipiti, come quello
 +di essere figli di una particolare <i><font color="#3366FF">vecchia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA VELLA
 +<br>LAVELLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La Vella è specifico di Sulmona nell'aquilano, Lavella ha un ceppo
 +a Vieste nel foggiano, con presenze anche nel potentino, dove potrebbe
 +derivare dal nome del paese di Avella nell'avellinese, gli altri ceppi
 +potrebbero indicare un'origine andorrana dei capostipiti, che potrebbero
 +essere stati originari della città <i><font color="#3333FF">vella</font></i>&nbsp;
 +o <i><font color="#3333FF">velha</font></i> (<i><font color="#666666">vecchia</font></i>)
 +per eccellenza, cioè Andorra, ma non si può non considerare
 +una possibile origine occitana e <i><font color="#3333FF">la vella</font></i>
 +starebbe anche in questo caso ad indicare <i><font color="#666666">la vecchia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavelli è specifico dell'area che comprende il milanese, il lecchese
 +ed il bergamasco, con maggiore concentrazione a Milano, Bergamo, Ponteranica
 +e Sorisole nel bergamasco e Imbersago, Lecco e Molteno nel lecchese, dovrebbe
 +derivare dal nome del paese di Lavello nel lecchese, probabile luogo d'origine
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavello, quasi unico, originario dell'area lucano, campana, dovrebbe derivare
 +dal nome del paese di Lavello nel potentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo, forse è originario
 +della zona di confine tra lodigiano e piacentino, potrebbe derivare dall'aferesi
 +del toponimo Villavesco (LO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVEZZARI
 +<br>LAVEZZARO
 +<br>LAVIZZARI
 +<br>LAVIZZARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavezzari ha un ceppo tra milanese e varesotto ed uno nel genovese, Lavezzaro
 +è tipico dell'alessandrino, Lavizzari sembrerebbe tipicamente del
 +milanese, Lavizzaro è praticamente unico ed è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione, dovrebbero derivare da toponimi come
 +Borgolavezzaro (NO) o Pietralavezzara (GE), ma è anche sostenibile
 +una tesi che li colleghi ad un nome di mestiere, cioè di artigiano
 +che lavora una particolare pietra ollare detta <i><font color="#3333FF">lavezzo</font></i>
 +(termine dialettale) per farne vasi o stoviglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVEZZI
 +<br>LAVEZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavezzi ha un ceppo a Milano e tra Vigevano (PV) e Pavia, ed un ceppo tra
 +rovigoto e ferrarese a Rovigo, Castelmassa e Occhiobello nel rovigoto e
 +ad Argenta e Ferrara nel ferrarese, Lavezzo ha un ceppo a Rovigo e Badia
 +Polesine (RO) con presenze significative anche a Chioggia ed un ceppo tra
 +milanese, pavese ed alessandrino, potrebbero derivare da soprannomi originati
 +dal termine<i><font color="#3366FF"> lavezzo</font></i> (<i><font color="#999999">tipo
 +di pietra ollare </font></i><font color="#000000">una varietà molto
 +tenera di serpentino, con un'alta percentuale di talco o clorite</font>)
 +o da <i><font color="#3366FF">lavezzi </font><font color="#999999">recipienti
 +da fuoco, troncoconici torniti</font></i> di pietra ollare, probabilmente
 +riferiti ad artigiani specializzati nella loro lavorazione o commercianti
 +che vendevano quel tipo di prodotto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVIA
 +<br>LAVIANI
 +<br>LAVIANO
 +<br>LAVIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavia ha un ceppo nell'udinese che potrebbe derivare dal toponimo Lavia,
 +località di Fagagna (UD) ed uno nel cosentino, Lavio e Laviani sono
 +assolutamente rarissimi, Laviano, abbastanza raro, ha un ceppo a Napoli,
 +uno nel potentino ed uno in Sicilia nel catanese e a Francavilla di Sicilia
 +(ME), potrebbe derivare in alcuni casi dal toponimo Laviano (SA), ma più
 +probabilmente derivano dalla gens latina Lavia.&nbsp; Tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo a Genzano di Lucania (PZ) fin dal 1600, dal
 +1615 al 1625 è infatti podestà della città Don Tiberio
 +Laviano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVIER
 +<br>LAVIERE
 +<br>LAVIERI
 +<br>LAVIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Laviere parrebbe unico, così come Lavier, Lavieri è tipico
 +del potentino, di Tramutola in particolare e di Marsicovetere e Corleto
 +Perticara, Laviero è sempre lucano, ma più specifico di Salandra
 +nel materano, dovrebbe trattarsi di cognomi derivati dall'italianizzazione
 +del cognome francese di Borgogna <i><font color="#3333FF">Lavier</font></i>,
 +probabilmente di origini normanne, cognome che a sua volta dovrebbe derivare
 +dal termine medioevale francese <i><font color="#3333FF">lave</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piatto, pietra piatta</font></i>) e sarebbe stato
 +ad indicare il mestiere di cavatore di pietre forse svolto dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LA VOLPICELLA
 +<br>LAVOLPICELLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome rarissimo La Volpicella, di cui è impossibile identificare
 +un areale di provenienza, si può ipotizzare un errore di trascrizione
 +del cognome Lavolpicella (tutto attaccato) che è di origini baresi.
 +La derivazione dovrebbe essere da soprannomi originati dall'astuzia del
 +capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Enzo Lauricella</font></font>
 +<br>Famiglia di origine pugliese, facente parte della Nobiltà Molfettana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAVORE
 +<br>LAVORI
 +<br>LAVURI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lavore è tipicamente siciliano, di Gela e Mazzarino nel nisseno
 +e di Piazza Armerina nell'ennese, Lavori, quasi unico, è anch'esso
 +siciliano, Lavuri è specifico di Piazza Armerina nell'ennese, dovrebbero
 +tutti derivare da un soprannome originato, direttamente o attraverso alterazioni,
 +dal termine dialettale siciliano <i><font color="#3333FF">lavuri</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fieno fresco ancora da tagliare</font></i>),
 +forse ad indicare che i capostipiti fossero dei lavoranti agricoli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAZARA
 +<br>LAZARI
 +<br>LAZARO
 +<br>LAZZARA
 +<br>LAZZARI
 +<br>LAZZARIN
 +<br>LAZZARINI
 +<br>LAZZARINO
 +<br>LAZZARO
 +<br>LAZZARONE
 +<br>LAZZARONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lazara, quasi unico, sembrerebbe siciliano, probabilmente del catanese,
 +così come l'altrettanto raro Lazaro, Lazari è tipicamente
 +pugliese, di Galatina nel leccese, Lazzara sembra essere specifico siciliano,
 +Lazzari è diffusissimo in tutto il nord, nelle Marche, in Umbria
 +e nel Salento, Lazzarin sembrerebbe avere due ceppi uno veneto tra le province
 +di Padova, Venezia e Rovigo ed uno tra Lombardia occidentale e Piemonte
 +orientale, Lazzarini è diffuso in tutto il nord, Lazzarino è
 +tipico del basso Piemonte, Lazzaro è diffuso nel centro sud, nel
 +Veneto, nel genovese e nel cuneese, Lazzarone è piemontese, dell'astigiano
 +e del torinese, Lazzaroni è lombardo, con un piccolo ceppo anche
 +a Bologna. Questi cognomi sembra derivino da toponimi come Lazzaro nel
 +reggino, o Borgo San Lazzaro nel salernitano, San Lazzaro nel parmense,
 +ma anche nel vicentino e nell'urbinate, e molti altri, ma potrebbero pure
 +essere stati originati dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lazzaro</font></i>
 +o da suoi ipocoristici.
 +<br><font color="#000099">Considerando la distribuzione geografica della
 +maggior parte di questi cognomi la probabilità che alcuni di essi
 +possano derivare secondo l'ipotesi sottoriportata è estremamente
 +ridotta.</font>
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Lazzari Maksy</font></font>
 +<br>I lazzari (o anche lazzaroni) erano giovani della classe popolare della
 +Napoli del XVII-XIX secolo. Particolarmente famoso fu il ruolo da loro
 +svolto durante la Repubblica Napoletana del 1799. Grazie alle favorevoli
 +condizioni climatiche e al rapporto privilegiato con la campagna circostante,
 +benché miseri, riuscivano a sopravvivere senza doversi preoccupare
 +eccessivamente per questioni di cibo e vestiario. Soventemente sfaccendati,
 +si adattavano a compiere qualsiasi mestierie che si prestasse loro occasionalmente,
 +non disdegnando talvolta di compiere qualche piccolo furto o raggiro e,
 +più spesso, mendicando. Per questo motivo il termine lazzarone,
 +che ha origine dallo spagnolo lazaros (con riferimento al Lazzaro evangelico
 +e agli stracci di cui era avvolto) è sinonimo nell'italiano comune
 +di persona pigra o di poco di buono.4w</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAZZARETTI
 +<br>LAZZARETTO
 +<br>LAZZERETTI
 +<br>LAZZERI
 +<br>LAZZERINI
 +<br>LAZZERO
 +<br>LAZZERONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lazzaretti è presente in Lombardia, Emilia e Romagna, Veneto e Lazio,
 +Lazzaretto è tipicamente veneto del padovano soprattutto, Lazzeretti
 +ha un ceppo nel fiorentino tra Fucecchio, Vinci e Lastra A Signa, ed uno
 +a Pontedera (PI), con un ceppo probabilmente secondario a Roma, Lazzeri
 +ha un ceppo toscano ed uno trentino, Lazzerini è tipico della Toscana
 +e del perugino, Lazzero è torinese, Lazzeroni è toscano,
 +specialmente di Arezzo e Pisa, dovrebbero derivare da
 +nomi di località come i vari Lazzaretti o Lazzeretti presenti in
 +tutt'Italia a causa delle varie pesti, ma potrebbero pure essere stati
 +originati direttamente o tramite ipocoristici dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lazzerus</font></i>,
 +in un elenco dei cittadini pisani del 1405 viene citato un tal Lazzerus
 +Bacciamei de Oliveto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAZZAROTTI
 +<br>LAZZAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lazzarotti è molto raro
 +ed è specifico di Massa, Lazzarotto è tipico della zona che
 +comprende il basso vicentino ed il padovano, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale Lazzarotto, di cui si hanno tracce ad esempio nel 1400 con Lazzarotto
 +da Montecuccolo, signore di alcuni territori nel modenese.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LAZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lazzo, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel napoletano, uno nel materano
 +ed uno nel barese, di origini etimologiche oscure.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEALE
 +<br>LEALI
 +<br>LEALINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leale ha un ceppo tra genovese ed alessandrino, uno nel cosentino e reggino
 +ed uno nel palermitano e trapanese, Leali è tipicamente lombardo,
 +in particolare è diffuso nel bresciano e nel mantovano, Lealini,
 +assolutamente rarissimo sembrerebbe del vicentino, di Brogliano e Vicenza
 +in particolare, dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici&nbsp;
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Leal</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Lealis</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +a Firenze nel 1268 con: "<font color="#CC33CC">Cerbolinus filius </font><font color="#FF0000">Lealis
 +de Duomo</font><font color="#CC33CC">,.. ..Infrascripti sunt confinati
 +extra civitatem in comitatu,</font>" tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio a Palermo dove nel 1549 muore Antonino Leale proprietario
 +di una casa turrita citata in un atto, e nel 1578 Giovanni Filippo Leale,
 +figlio di Antonino, "<font color="#CC33CC">soggioga un censo a Blasi Piazza:
 +super quoddam tenimento magno domorum cum eius turrim in diversis corporibus
 +existens situm et positum in quarterio Yhalcie in strata mastra per quam
 +tenditur versus conventus S. Francisci.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEANDER
 +<br>LEANDRI
 +<br>LEANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leander, quasi unico, è tipicamente milanese ed è una forma
 +dialettale di Leandri, che ha un piccolo ceppo nel veneziano, uno nel perugino
 +a San Giustino, Deruta, Perugia, Città di Castello e Gualdo Cattaneo,
 +ed uno nel romano, Leandro, molto più raro, ha un piccolo ceppo
 +tra padovano e veneziano ed uno in Puglia tra barese e tarentino, dovrebbero
 +tutti derivare dal nome di origini greche <i><font color="#3366FF">Leandro</font></i>,
 +a sua volta originato da <i><font color="#3366FF">Leiandros</font></i>
 +dall'unione dei termini greci <i><font color="#3366FF">leios</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tranquillo</font></i>) e <i><font color="#3366FF">andros</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo</font></i>) con il significato di <i><font color="#999999">uomo
 +tranquillo</font></i> o da <i><font color="#3366FF">Leandros </font></i>dall'unione
 +dei termini greci <i><font color="#3366FF">laos</font></i> (<i><font color="#999999">popolo</font></i>)
 +e <i><font color="#3366FF">andros</font></i> (<i><font color="#999999">uomo</font></i>)
 +con il significato di <i><font color="#999999">uomo del popolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEANI
 +<br>LEANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leani, estremamente raro, sembrerebbe avere un ceppo triestino ed uno cremonese,
 +Leano, assolutamente rarissimo, sembrerebbe napoletano, di dubbia derivazione,
 +potrebbero derivare dall'aferesi di variazioni del cognomen latino Mallea,
 +anche attraverso antichi toponimi derivati dallo stesso (i vari Magliano).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEANTE
 +<br>LEANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leante, molto molto raro, ha ceppi nel Salento e secondari a Roma, nel
 +milanese e nel torinese, Leanti è assolutamente rarissimo ha presenze
 +nella Sicilia meridionale e secondarie tra Modena e Bologna e nel torinese,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale di origine greca <i><font color="#3366FF">Leante</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEANZA
 +<br>LEANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo importante in Sicilia, soprattutto nel catanese, ad Adrano,
 +Catania, Bronte, Paternò e Biancavilla, ha un ceppo nel Salento
 +a Scorrano e Maglie (LE), un ceppo a Casalnuovo di Napoli e ceppi probabilmente
 +secondari a Roma e Milano, Leanzi, praticamente unico è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, potrebbero derivare
 +da un soprannome o da un nome augurale, <i><font color="#3366FF">Alleanza</font></i>
 +(stante ad indicare quello dell'alleanza, cioè quello che ha portato
 +in dote un appoggio importante), secondo alcuni invece si tratterebbe di
 +matronimici derivati da una deformazione dell'aferesi del nome femminile
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Allegrantia</font></i> (<i><font color="#999999">Allegranza</font></i>)
 +di cui abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">Carta vendicionis</font></i>
 +dell'anno1159 a Vimercate (MI): "<font color="#CC33CC">Anno dominice incarnationis
 +milleximo centeximo quinquageximo nono, mense marcii, indicione septima.
 +Constat me </font><font color="#FF0000">Alegrantiam </font><font color="#CC33CC">relictam
 +quondam Micherii qui dicebatur de Magrello de loco Vicomercato...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEARDI
 +<br>LEARDINI
 +<br>LEARDO
 +<br>LIARDI
 +<br>LIARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leardi ha ceppi nell'alessandrino e genovese, nel pescarese, nel romano
 +e nel casertano, Leardini ha un grosso ceppo nel veronese e nel vicino
 +mantovano, uno nel riminese, con presenze significative anche nel bolognese,
 +ravennate, forlivese e pesarese, ed uno a Roma e nel viterbese e latinense,
 +Leardo, assolutamente rarissimo, parrebbe del messinese, Liardi, molto
 +molto raro, sembrerebbe avere un ceppo nel pescarese ed uno nel napoletano,
 +Liardo è tipico del napoletano, con un ceppo anche nel fiorentino,
 +si dovrebbe trattare di forme aferetiche, anche ipocoristiche, del cognome <i><font color="#3366FF">Aleardi</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Aliardi</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALEARDI </font>) o direttamente derivare dall'aferesi di nomi longobardi
 +come <i><font color="#3366FF">Aleardus</font></i>, probabilmente portati
 +dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEBANI
 +<br>LEBANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lebani ha un ceppo triestino ed uno salernitano, Lebano è decisamente
 +campano, del napoletano e del salernitano, potrebbe derivare dal nome <i><font color="#3366FF">Lebanius</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome un famoso filosofo sofista di Antiochia e retore
 +del IV° secolo, ma potrebbe anche caratterizzare alcuni esuli dal Libano
 +o riferirsi addirittura al periodo delle Crociate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEBANTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lebanti è un cognome torinese, praticamente unico.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">informazioni fornite da Mario Lebanti</font></font>
 +<br>si tratta di un cognome di fantasia attribuito a mio nonno, trovatello,
 +dal comune di Torino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCA
 +<br>LECCARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lecca è originario del cagliaritano,
 +Leccardi è tipico della zona tra Milano e Lodi, La derivazione di
 +Leccardi potrebbe essere da un soprannome derivante dal termine arcaico
 +italiano leccardo (goloso).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCADITA
 +<br>LECCADITO
 +<br>LEUCADITO
 +<br>LICCADITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leccadita è praticamente unico, così come Leucadito e Liccadito,
 +Leccadito, assolutamente rarissimo, è del cosentino, di Lungro e
 +Spezzano Albanese in particolare,
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Stefano Ferrazzi</font></font>
 +<br>'origine arbëreshë (più probabilmente greco-albanese),
 +i cognomi Leccadito, Leucadito, etc sembrano derivare dal termine <i><font color="#3366FF">lefkaditis</font></i>,
 +che, in greco moderno, ha il significato di <i><font color="#999999">leucadita</font></i>,
 +<i><font color="#999999">abitante della Leucade</font></i> (una delle Isole
 +Ionie, nell'ovest della Grecia): l'isola di Leucade, in effetti, è
 +conosciuta con diversi nomi, fra i quali <i><font color="#3366FF">Leukas</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Lefkas</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">Lefkada</font></i>, in cui il suono del
 +dittongo -eu- viene alterato in un moderno -ef- (si tratta di un fenomeno
 +molto comune nella lingua neogreca).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lecce è abbastanza diffuso in tutto il centrosud, deriva ovviamente
 +dal nome della città di Lecce, sembrerebbe non essere di origini
 +ebraiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCESE
 +<br>LECCESI
 +<br>LECCISI
 +<br>LECCISO
 +<br>LICCESE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leccese è essenzialmente pugliese, ma presenta ceppi significativi
 +anche nel teatino e nel molisano, nel romano e nel latinense e nell'alta
 +Campania, Leccesi, estremamente raro, è dell'area che comprende
 +le Marche meridionali ed il reatino, Leccisi, quasi unico, ha un ceppo
 +nel Salento ed uno nel basso Lazio, Lecciso, molto raro, è specifico
 +del leccese, Liccese, altrettanto raro, parrebbe lucano, tutti questi cognomi
 +derivano da varie modificazioni dialettali della forma etnica leccese,
 +cioè starebbe ad indicare che il capostipite era originario di Lecce
 +o della sua provincia, un'ipotesi non trascurabile fa considerare possibile
 +anche un collegamento con aree popolate da lecci (quercus ilex), che avrebbero
 +caratterizzato, in questo caso, la zona d'abitazione della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un ceppo originario nel salento
 +e forse uno in provincia di Firenze, dovrebbe derivare dal fatto che presso il luogo d'abitazione del capostipite si trovassero delle piante di <i><font color="#3333FF">leccio</font></i> (<i><font color="#666666">quercus
 +ilex</font></i>), un tipo di pianta di quercia sempreverde.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCIS
 +<br>LECIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente sardi, Leccis è presente nel sud della Sardegna,
 +nel cagliaritano, nell'iglesiente e nel Medio Campidano, Lecis è
 +molto diffuso nel cagliaritano a Cagliari, Assemini, Soleminis e Monserrato,
 +e nel Medio Campidano a Serrenti, Gonnosfanadiga e Samassi, dovrebbero
 +derivare da una forma aferetica sarda del nome <i><font color="#3333FF">Alessio</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Luciano
 +Lecis</font></font>
 +<br>Distribuito in una sorta di quadrilatero constituito da Cabras, Escalaplano,
 +Isili ed Ussaramanna, Lecis ha origine comune a Leccis, stanno ad indicare
 +con il suffisso -s, un plurale di famiglia, soprattutto nel Campidano,
 +con probabile origine dal nome Alesci, Alessio, di bizantina memoria Alexis.
 +Documentato in saggi antichi sardi CDS II 44, anno 1410 come Lexis. (M.Pittau,
 +origine dei cognomi)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LECCIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leccioli, molto molto raro, ha presenze nel milanese e nel pavese, un piccolo
 +ceppo ad Adria nel rovigoto e presenze nel ferrarese, potrebbe derivare
 +da un toponimo od un idronimo, forse situato in una località ricca
 +di <i><font color="#3333FF">lecci</font></i> (<i><font color="#666666">quercus
 +ilex</font></i>), un tipo di pianta di quercia sempreverde.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente sardo, dovrebbe derivare dal nome di una località&nbsp;
 +che anticamente esisteva nella zona di Ozieri (SS) e che si chiamava appunto
 +Ledda, secondo un'altra ipotesi potrebbe derivare dall'essere il capostipite
 +nato nel mese di ottobre chiamato in sardo <i><font color="#3333FF">ledàmine</font></i>
 +per contrazione ledda.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>LEDDA: nella lingua sarda, con questa voce, abbiamo il nome di un antico
 +centro abitato scomparso e di un monte. Nel "Vocabolario Sardo Geografico
 +patronimico ed Etimologico" di Giovanni Spano leggiamo: Ledda: Villaggio
 +distrutto nella diocesi di Plaghe, ora nome di monte, che ha preso tutta
 +la contrada. Il nome antico è Lella, che sembra orientale, da <i><font color="#3333FF">Laila</font></i>
 += <i><font color="#666666">notte</font></i>, perché sito a tramontana
 +(sic)". Nell'opera di Giovanni Francesco Fara, "In Sardiniae Chorographiam",
 +al capitolo "de Fluviis" (i corsi d'acqua) leggiamo: Flumen aliud oriens
 +ex monte Leddas et Magolla, decurrit per (scorre attraverso) regionem Anglonis
 +inter oppida Martis et Nulvi (tra i centri abitati -fortificati - di Martis
 +e di Nulvi) et iuxta (nei pressi) Perfugi oppidum (Perfugas) decurrit in
 +flumine Cocinae (confluisce nel fiume Coghinas). Nel testo del Fara Ledda
 +è citato solo come monte. Per la voce "ledda" o meglio "lella" non
 +conosciamo altro etimo diverso da quello indicato dal canonico G. Spano.
 +Come cognome è copiosamente presente&nbsp; in tutte le carte antiche
 +da noi esaminate: tra i firmatari della Pace di Eelonora, LPDE del 1388,
 +compare in diverse uscite; De Leda Francisco, ville Culleri (** CULLERI.(attuale
 +Cuglieri) CASTRI MONTIS DE VERRO. congregatis in villa de Guilciochor .in
 +posse Salari Arsoci, habitatoris Bose .notarii publici et etc. die X januari
 +1388); De Ledda Camputani, ville de Sardara (** SARDARA MONTIS REGALIS...11
 +GENNAIO 1388, et ego...Gadulesu Margiano habitator velle Sardara, sindicus
 +actor et procurator universitatis Contrate Montis Regalis et villarum et
 +etc. In posse Virde Andrea, Virde Joanne, de Civitate Sasseri, notarii
 +publici, die XI Januarii 1388); De Ledda Dominigo - de Bosa. (** Bosa:
 +omnibus civibus et habitatoribus civitatis Bose.nisipastores.congregatis
 +intus Ecclesiam Beate Marie Virginis .die XV Januarii 1388) ; De Ledda
 +Guantino - de Castri Januensis (** Castri Januensis Civitas (Castel Genovese
 +- Castel Sardo). Omnibus habitantibus .in ville de Coginas ... die undecima
 +januarii .1388, in posse De Valle Anthoni filii) ; Leda (de ) Anthonio,
 +jurato ville Calcargia (* Calcargia.villaggio distrutto (Contrate Partis
 +Milis); Leda (de) Andrea, majore (amministratore, sindaco) ville Floxio
 +( * Floxio.odierna Flussio. Contrate Castri Montis de Verro); Leda (de)
 +Anthonio, jurato ville Tramaça ( * Tramaça...odierno Tramazza(Contrate
 +Partis de Milis); Leda (de) Ciperi, jurato ville Seuis (* Seuis.odierno
 +Seuis (Laconi.Contrate partis Alença); Leda (de) Dominico, ville
 +Seercela (* Seercela.distrutto. Sarcela - Serzele. Partis de Montibus);
 +Leda (de) Francisco, jurato ville Pauli (* Pauli ...odierno Paulilatino.
 +Contrate Partis de Guilcier); Leda (de) Joanne, jurato ville Nuraci Niello
 +(* Nuraci Niello.odierno Nuraxinieddu. Campitani Majoris); Leda (de)Andrea,
 +majore ville Baugadi (* Baugadi.Bangadi - Bauyadi.villaggio distrutto?
 +(Contrate Partis Milis); Leda Traode - ville de Billuchara ( * Billuchara
 +. distrutto. Contrate Montis Acuti (Salto di Pattàda); Leda(de)
 +Barono, jurato ville Nuraci de Pische ( * Nuraci de Pische.distrutto. Campitani
 +Majoris); Leda(de) Nicolao, jurato ville Giavi ( * Giavi.odierno Giave.
 +Contrate Caputabas); Leda(de) Petro - ville de Ulusufe (* Ulusufe.distrutto
 +Usulife[Spano](Contrate Montis Acuti); Leda(de) Salvator, jurato ville
 +de Nule ( * Nule .Nuli (Contrate Montis Acuti - Ozieri); Ledda (de) Georgio,
 +ville Telluri (** Selluri - Sedduri - Seddori: odierno Sanluri. Et ego
 +Capula Marcus .sindicus, actor et procurator ville Selluri.seu a Petro
 +De Castay, locuntenente capitanei et Margiano Costa, locuntenente potestatis
 +terre Selluri et omnibus habitatoribus dicte terre, congregatis. X die
 +januarii 1388); Ledda (de) Margiano, ville Sellur; Ledda (de) Nicolao,
 +jurato ville Uta (* Uta .distrutto(non si tratta dell'odierna Uta), Contrate
 +Partis Varicati - Barigadu); Ledda (de) Simono, ville de Sardara (** SARDARA
 +MONTIS REGALIS...11 GENNAIO 1388, et ego...Gadulesu Margiano habitator
 +velle Sardara, sindicus actor et procurator universitatis Contrate Montis
 +Regalis et villarum et etc. In posse Virde Andrea, Virde Joanne, de Civitate
 +Sasseri, notarii publici, die XI Januarii 1388); Ledda (de) Stephano, jurato
 +ville Uta; Ledda (de) Vincencio, ville Gonnos de Tramacia( Gonnostramatza
 +- Partis de Montibus); bLedda(de) Comita, Burgi Castri M. Regalis ( **&nbsp;
 +Burgi Castri Montis Regalis - Castello di Monreale (Sardara); Ledda(de)
 +Joanne, jurato ville Baratil (* Baratili.odierno Baratili. Campitani majoris);
 +Ledda(de) Margiano, jurato ville Gemessi ( * Gemussi.distrutto: Jemussi
 +o Gimussa? Partis de Montibus); Ledo (de) Laurencius, ville Algueri ( *
 +Algueri.odierno Alghero. Die sexta febroarii 1388); Ledu (de) Petro, jurato
 +ville Sancto Haeru ( * Sancto Haeru...odierno San Vero (Contrate Partis
 +de Milis); Ledu(de) Joanne, jurato ville Sancto Haeru; Lella (de) Agustinus,
 +ville Sasseri (** Sasseri.Sassari. Et nos Pugioni Anthonius et De Lacon
 +Salatinus, cives Sasseri, sindici, actores et procuratores.Marringoni Arsòcus
 +potestas ac capitanus civitatis Sasseri. Omnes cives congregatis in civitate
 +Sasseri, apud ecclesiam Sancte Caterine.presentibus Corda Jacobo, Magnispesa
 +Francisco, De Mascara Francisco. In die XIII mensis Januarii MCCCLXXXVIII
 +- 1388); Lella (de) Arsoco, ville Ollolà ( * Ollolà.odierna
 +Ollolai. Barbagie de Ollolai et Curatorie Austis); Lella (de) Saio, jurato
 +ville Usthei ( * Usthei ...villaggio distrutto della Diocesi di S. Giusta.
 +Contrate Partis de Guilcier). Nel Con daghe di San Pietro di Silki, XI°,
 +XIII° secolo, abbiamo:&nbsp; Lella (de) Furata(122),&nbsp; postura
 += donazione: positinke a scu. Petru (ha donato a San Pietro) donna (nobildonna)
 +Furata De Lella sa parte sua dessa terra&nbsp; ki fekimus a binja (coltivata
 +a vigna), tenende assa de Gosantine Saraca (confinante con la vigna di
 +Gosantine Saraca); e issa parte&nbsp; dessos fiios comporailla (ho comprato
 +la parte dei miei figli) e deuilis in cumone .j. uoe (e ho dato loro, in
 +società - in comune - un bue); Lella (de) Gosantine(104), teste
 +in una lite per la spartizione della servitù; Lella (de) Gunnari,
 +pupillu (96), coinvolto in una compera (compòru):.aterminande pupillos(i
 +padroni)dessu saltu: Gunnari de Castavar e Gunnari de Lella, e.; Lella
 +(de) Petru(97), coinvolto in uno scambio o permuta di servi (tramutu):
 +Ego apatissa Massimilla, tramutai homines cun donnu Goantine de Cannetu,
 +visdominu dess'arkipiscopatu(vicario dell'arcivescovado).  Ego deili (gli diedi) latus (la metà - del servizio)in Gosantina
 +fiia de Maria Pithiris e de Janne Albu e isse deitimi( mi diede in cambio)
 +latus d'Elene Culurione, fiia de Furata Culurione e de Gavini Kitera...a
 +boluntade de.Testes: donnu Gosantine de Martis, su de Silki, e Petru de
 +Lella; Lella (de)Mariane(100), coinvolto in una lite per la spartizione
 +della servitù -&nbsp; kertu de servis. Nel Con daghe di San Nicola
 +di Trullas, XI°, XIII° secolo abbiamo: sos de Lella(209) coinvolti
 +in una compera (comporailis) di servi: comporailis assos filiastros ded
 +Petru de Monte .III: pedes (tre quarti - del servizio) dessu filiu Iohanne
 +et latus (la metà) in Susanna; et a Petru de Nurki et a totos .III.
 +sos connatos comporailis su pede (un terzo) de Iorgi Gulpio, ki li avea
 +conporatu, ca mi lu lebarum (me lo presero) sos de Lella. Sos de Lella
 +per indicare i figli di, o gli abitanti di?; de Lella Comita(297), prete
 +in Puço Maiore, teste in una compera di servi (comporaili): comporaili
 +a Furatu de Gunale, su de Sasalu(villa - bidda medioevale, oggi scomparsa;
 +apparteneva alla Curadorìa di Romangia), .I. die(unn giorno di servizio,
 +la settimana) in Comita Marradu, et .I. die in so fiiu. Et Ponet (lo dona)
 +a Sanctu Nichela pro s'anima sua, .Testes: previteru (prete) Comita de
 +Lella, su de Puço Maiore(Pozzomaggiore), et previteru Gosantine
 +Aketu et donnu Mariane de Thori Oglospintos(Occhipinti) etc. etc.; De Lella
 +Gosantine e de Lella Dorgotori (87) (fratelli) ambos maiores de Scolca
 +(ambedue comandanti della guardia armata di confine); etc. etc. Nel Condaghe
 +di Santa Maria di Bonbarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo abbiamo:
 +de Lella Comita(180), teste in una donazione di terre di Furadu Decori
 +a Santa Maria; De Lella Goantine, prete(12, 26, 202), teste in una donazione:
 +.et posit (Goantine Tamaglu), prossa anima sua&nbsp; sa parzone sua dessa
 +domo de Bonarcado et ipsa binia sua tota.Nell'opera di Francesco Fara "De
 +rebus Sardois II°", alla fine del&nbsp; capitolo&nbsp; "Pisani, Genuenses
 +et Musactus", dove sono registrati i vescovi di Sardegna, figura, nell'anno
 +1187: Costantinus de Lella episcopus Plovacensis (di Ploaghe).&nbsp; Citiamo
 +Gavino Ledda (Siligo- SS - 1938) autore di diverse opere letterarie, tra
 +cui quella autobiografia,"Padre padrone". Prese la laurea in Glottologia,
 +alla Sapienza di Roma nel 1969. Nel 1971, allorché sostenni l'esame
 +di "linguistic sarda", all'Università di Cagliari, Facoltà
 +di Lettere, era assistente per "filologia romanza e linguistica sarda",
 +del&nbsp; Prof. Sanna Antonio. Il cognome Ledda attualmente è presente
 +in 428 Comuni italiani, di cui 155 in Sardegna: Sassari 327, Cagliari 276,
 +Macomer 168, Quartu 150, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEFEBRE
 +<br>LEFEVRE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lefebre è una variazione per betacismo di Lefevre, cognome molto
 +diffuso in Francia che deriva a sua volta per betacismo dal termine latino
 +<i><font color="#3366FF">faber</font></i> (<i><font color="#999999">fabbro,
 +chi costruisce qualcosa</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEFONS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lefons è tipico del leccese e di Calimera in particolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGATI
 +<br>LEGATO
 +<br>LIGATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Legati, molto molto raro sembra lombardo, sia Legato che Ligato sono abbastanza
 +rari e tipici calabresi, del reggino in particolare, dovrebbero derivare
 +dallo stato di Legato (delegato, inviato, ambasciatore) del capostipite
 +o dallèessere stati comunque connessi con un Legato, è pure
 +possibile che derivino da soprannomi originati da episodi particolari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico dell'oltrepo pavese è assolutamente rarissimo, dovrebbe
 +derivare da un soprannome dialettale &nbsp; (<font color="#CC33CC">vedi LEGENA</font>), estremamente improbabile che derivi
 +dal toponimo francese Legè paese della Loira atlantica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGENA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Legena, molto molto raro, sembrerebbe specifico di Sellero nel bresciano,
 +dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale medioevale lombardo
 +<i><font color="#3333FF">legena</font></i> (<i><font color="#666666">secchia
 +per la mungitura</font></i>), probabilmente ad indicare che il capostipite
 +svolgesse quel tipo di compito.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGGIO
 +<br>LIEGGIO
 +<br>LIGGIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leggio, tipicamente siciliano, molto diffuso soprattutto a Ragusa, ma comunque
 +ben presente anche a Palermo, Isnello, Corleone e Partinico nel napoletano,
 +Santa Ninfa, Castelvetrano e Trapani nel trapanese, a Siracusa, a Vittoria
 +e Modica nel ragusano ed a Sambuca di Sicilia e Sciacca nell'agrigentino,
 +presenta anche un ceppo salentino a San PIetro Vernotico nel brindisino
 +ed a Surano e San Cassiano nel leccese, Lieggio è quasi unico, Liggio,
 +sempre siciliano, è specifico di Palermo e Corleone nel palermitano,
 +questi cognomi dovrebbero derivare da soprannomi originati dal termine
 +dialettale, che varia lievemente a seconda delle zone, <i><font color="#3333FF">lièggiu</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">lìggiu</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">lèggiu</font></i> (<i><font color="#666666">leggero,
 +superficiale, poco affidabile</font></i>), esprimendo forse così
 +un giudizio poco lusinghiero sui capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGNAME
 +<br>LEGNAMI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Legname è molto raro e sembrerebbe originario della provincia di
 +Caltanissetta, Legnami, assolutamente rarissimo è quasi unico, potrebbero
 +derivare da soprannomi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGNANI
 +<br>LEGNANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Legnani è tipico del nordmilanese, Legnano, assolutamente rarissimo,
 +è dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione del primo, derivano
 +dal toponimo Legnano (MI), tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Milano nel 1600 quando Giulio Cesare Legnani, è menzionato fra
 +i Patrizi Milanesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGNANTE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Legnante, abbastanza raro, è tipico dell'area casertano, napoletana,
 +di Frattamaggiore (NA) e di Sant`Arpino (CE) in particolare, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal mestiere di raccoglitore di legna in boschi
 +di proprietà altrui.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LE GROTTAGLIE
 +<br>LEGROTTAGLIE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi pugliesi, Le Grottaglie, il più raro dei due, ha piccoli
 +ceppi a Fasano ed Ostuni nel brindisino, a Bari ed a Mottola nel tarentino,
 +Legrottaglie è specifico del brindisino, di Fasano e Ostuni, con
 +piccoli ceppi anche a San Vito dei Normanni, Carovigno e Cisternino e a
 +Mottola nel tarentino ed a Bari e Palo del Colle nel barese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Srefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nella toponomastica tarantina
 +e, più precisamente, nel comune di Grottaglie, che, in terra pugliese,
 +è anche noto come <i><font color="#3333FF">Le Grottaglie</font></i>
 +- <i><font color="#3333FF">Li Vurtagghj</font></i>, secondo la pronuncia
 +dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGORATI
 +<br>LEGORATTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, Legorati è della zona lodigiano,
 +cremonese, con presenze nel novarese, Legoratti ha presenze nel pavese,
 +nel novarese e nel vercellese, dovrebbero derivare da soprannomi basati
 +sul termine dialettale lombardo <i><font color="#3333FF">legoratt</font></i>
 +(<i><font color="#666666">leprotto</font></i>), forse ad indicare una particolare
 +vivacità o velocità del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEGULEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Una sola presenza a Melegnano e
 +in nessun'altra parte d'Italia, dovrebbe derivare dal termine leguleio
 +(avvocatucolo).&nbsp;</font>
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">originr suggerita da Gianna Ferrari
 +De Salvo</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEI
 +<br>LEY</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lei ha un ceppo nel modenese a Modena, Formigine, Sassuolo e Prignano sulla
 +Secchia ed uno nel sassarese a Ploaghe e Nulvi, Ley è assolutamente
 +rarissimo, il ceppo sardo potrebbe derivare dall'aferesi del nome<i><font color="#3366FF">
 +Mallei</font></i> (<i><font color="#999999">Maddalena</font></i> in sardo)
 +o da un soprannome originato dal termine sardo<i><font color="#3366FF">
 +lei </font></i>(<i><font color="#999999">legge, diritto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEITA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leita ha un ceppo a Pasian di Prato nell'udinese ed uno in trentino, dovrebbero
 +avere origini diverse, il ceppo trentino potrebbe derivare dal vocabolo
 +cimbro <i><font color="#3366FF">leit </font></i>o <i><font color="#3366FF">lait</font></i>
 +(<i><font color="#999999">declivio</font></i>) identificando caratteristiche
 +morfologiche della zona di provenienza, il ceppo friulano è invece
 +di origini incerte, anche se potrebbe anche avere la stessa origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LELARIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lelario ha un ceppo a Barletta nel barese ed uno nel potentino ad Avigliano
 +e Potenza, potrebbe trattarsi di un'alterazione del cognome francese di
 +Picardia <i><font color="#3333FF">Leloir</font></i> (pronunciato <i><font color="#CC33CC">leluar</font></i>),
 +che a sua volta deriva da un soprannome originato dal termine francese
 +<i><font color="#3333FF">loir</font></i> (<i><font color="#666666">ghiro</font></i>),
 +forse attribuito a chi dormisse molto, cognome probabilmente giunto in
 +Italia al seguito degli angioini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LELLI
 +<br>LELLIS
 +<br>LELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lelli è diffusissimo in
 +tutto il centro Italia, Lellis assolutamente rarissimo e Lello, molto raro,
 +sono probabilmente originari del sud, derivano dal nome medioevale Lello,
 +diminutivo di nomi come Raffaello, Gabriello ecc..&nbsp; Si hanno tracce
 +di questo cognome fin dal medioevo, nella seconda metà del 1200,
 +nell'avellinese troviamo un tal De Lellis che pratica l'attività
 +di notaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEMBO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso in tutto il sud, non si
 +hanno ipotesi valide sull'origine del nome, tranne forse, ma da prendere
 +in considerazione a puro livello teorico, la derivazione dal nome longobardo
 +Erlembald o dalla modificazione e contrazione del nome Guglielmo (Lelmo,
 +Lembo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEMMA
 +<br>LEMME
 +<br>LEMMI
 +<br>LEMMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lemma ha un nucleo tra basso Lazio ed alta Campania, un ceppo nel barese
 +e presenze significative in Calabria e Basilicata, Lemme, molto raro, ha
 +un ceppo tra Abruzzo meridionale e Molise, Lemmi è tipico dell'alta
 +Toscana e dell'Umbria, Lemmo, molto molto raro, è campano, dovrebbero
 +tutti detivare da modificazioni dell'aferesi del nome Guglielmo, di quest'uso
 +abbiamo un esempio a Pisa nel 1330, negli Annales Pisani infatti si può
 +leggere: "<font color="#CC66CC">... prima era (siccome abbiamo veduto)
 +che Pisa dovesse mandare a papa Giovanni XXII ond'esser rimessa nel seno
 +della Chiesa. A questo effetto inviarono in Avignone </font><font color="#FF0000">Lemmo
 +Guinicello Buzzaccherini</font><font color="#CC66CC">, Niccolò Gualandi
 +ed Albizzo da Vico, ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lena è ben presente in tutt'Italia con una distribuzione a macchie
 +di leopardo, ben presente in Sicilia, nel Lazio, nell'alta Toscana ed in
 +Liguria ed in tutto il settentrione, dovrebbe derivare da forme aferetiche
 +di nomi come il medioevale <i><font color="#3333FF">Alena</font></i>, <i><font color="#3333FF">Magdalena</font></i>
 +o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENARDI
 +<br>LENARDIS
 +<br>LENARDUZZI
 +<br>LEONADI
 +<br>LEONARDELLI
 +<br>LEONARDI
 +<br>LEONARDINI
 +<br>LEONARDO
 +<br>LONARDELLI
 +<br>LONARDI
 +<br>LONARDO
 +<br>LUNARDELLI
 +<br>LUNARDELLO
 +<br>LUNARDI
 +<br>LUNARDO
 +<br>LUNARDON
 +<br>LUNARDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenardi è tipico friulano, delle province di Udine e Gorizia, Lenardis,
 +più raro, è specifico dell'alto udinese, Lenarduzzi è
 +decisamente friulano, di San Giorgio della Richinvelda, Spilimbergo e Zoppola
 +nel pordenonese e di Trieste, Leonardelli è caratteristico del trentino,
 +di Pergine Valsugana, Baselga di Pinè, Coredo, Trento e Bosentino,
 +Leonadi, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errataregistrazione
 +di Leonardi, che è molto diffuso in tutt'Italia, Leonardo, decisamente
 +meno comune, è più propriamente del sud, Campania, Calabria
 +meridionale e Sicilia, Leonardini abbastanza poco diffuso è specifico
 +della Liguria orientale e dell'alta Toscana occidentale, Lonardelli ha
 +un ceppo nel veronese ed uno tra Terlizzi e Bitonto (BA), Lonardi è
 +tipico del veronese, Lonardo è decisamente campano particolarmente
 +presente nelle aree di Caianello (CE), Montesarchio (BN) e di San Gregorio
 +Magno (SA), Lunardelli è specifico della zona tra trevigiano, veneziano
 +e basso pordenonese, Lunardello, rarissimo, parrebbe del vicentino, Lunardi
 +è molto diffuso in tutto il Veneto e nella Toscana settentrionale,
 +Lunardo è tipico siciliano di Enna&nbsp; con un ceppo secondario
 +a Palermo, Lunardon, decisamente veneto, è del vicentino e di Bassano
 +del Grappa e Marostica in particolare, Lunardoni, praticamente unico, è
 +dovuto ad errori di trascrizione, derivano tutti direttamente, o attraverso
 +modificazioni o ipocoristici, dal nome di origine germanica <i><font color="#3366FF">Lionhardus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">Charta Manumissionis</font></i>
 +redatta in Cremona nel maggio del 754: "<font color="#CC33CC">...Ghodiperth,
 +Ilmeri et Aicardo de eadem curte Gussala, nec non </font><font color="#FF0000">Lionhardus</font><font color="#CC33CC">
 +subdiaconus, Amiso lector, Ridulphus et Urso ostiarii ...</font>".
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio a Foza nel vicentino
 +in un atto redatto dal notaio Marco Lunardi nel 1678: "<font color="#CC33CC">...messer
 +Zuanne Horo detto il Peranzan, messer Benedetto di </font><font color="#FF0000">Piero
 +Lunardi,</font><font color="#CC33CC"> messer Benedetto quondam </font><font color="#FF0000">Francesco
 +di Lunardi</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENASSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenassi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe tipicamente triestino, dovrebbe
 +derivare da una forma diminutiva dialettale del nome <i><font color="#3333FF">Leone</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Lenassi è una variante di "<i><font color="#3333FF">Leonardi</font></i>".
 +Nome d'origine germanica e di tradizione francone. Dal tedesco "<i><font color="#3333FF">Löwe</font></i>"
 +è prestito germanico al latino "<i><font color="#3333FF">Leo, leonis</font></i>"
 +che poi con "<i><font color="#3333FF">hardus</font></i>" - "<i><font color="#666666">duro,
 +forte , valoroso</font></i>", farà "<i><font color="#3333FF">Leonardus,
 +Linardus</font></i>, ecc.".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENCI
 +<br>LENCIO
 +<br>LENCIONE
 +<br>LENCIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenci ha un ceppo toscano nel lucchese a Lucca Capannori e Viareggio, uno
 +nell'anconetano a Senigallia, Corinaldo, Arcevia e Fabriano, uno nel romano
 +a Roma, Velletri, Marino e Zagarolo, ed uno a Napoli, Lencio, quasi unico,
 +ha qualche presenza tra romano e latinense, Lencione, praticamente unico,
 +potrebbe essere il risultato di un'errata trascrizione di Lencioni, che
 +è tipicamente toscano del lucchese, di Capannori, Lucca, Camaiore,
 +Viareggio, Massarosa e Porcari, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +una forma accrescitiva, dal nome medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Lencio</font></i>,
 +una forma dialettale contratta, tipicamente toscana, del nome <i><font color="#3333FF">Lorenzo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENHARDY
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenhardy, molto molto raro, è specifico di Napoli,&nbsp; sembrerebbe
 +essere di primitiva origine sveva e derivare da una successiva alterazione
 +brettone del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Leonhard</font></i>,
 +a sua volta derivato dal termine latino <i><font color="#3333FF">leo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">leonis</font></i> (<i><font color="#666666">leone</font></i>)
 +e dal germanico <i><font color="#3333FF">hard</font></i> (<i><font color="#666666">duro</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origini bresciane, deriva dal toponimo Leno nel bresciano, ma potrebbe anche
 +derivare dall'aferesi del nomen latino <i><font color="#3333FF">Alenus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENOCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenoci è tipicamente pugliese, di Canosa di Puglia, Acquaviva delle
 +Fonti, Monopoli e Bari nel barese, di Martina Franca, Massafra, Taranto
 +e Crispiano nel tarantino, di Cerignola el foggiano e di Ceglie Messapica
 +nel brindisino, dovrebbe derivare da un soprannome legato al mestiere del
 +capostipite, probabilmente un <i><font color="#3333FF">lenocinor</font></i>
 +(<i><font color="#666666">mercante di schiave</font></i> o tenutario di
 +bordello).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENSI
 +<br>LENZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lenzi.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="83" height="95"><font size="-1">Lensi è tipicamente toscano del fiorentino con presenze anche nel
 +pratese, pistoiese, lucchese, pisano e livornese ed un piccolo ceppo anche
 +nel perugino, Lenzi ha un nucleo principale molto diffuso tra bolognese
 +e tutta la Toscana, con ceppi probabilmente autoctoni anche in Trentino,
 +in Lombardia ed a Roma, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Lenzo</font></i>, di cui abbiamo esempi diversi in
 +Toscana, ad esempio con Lenzo di Corsinetto procuratore del paese di Boccheggiano
 +(GR) nel 1400 in una controversia con la Repubblica di Siena, cui si sottomise
 +accettando il Vicario senese, tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Pisa in una lettera del 1399, dove si può leggere: "<font color="#CC33CC">...Dimi
 +se mai sentisti nuove de' </font><font color="#FF0000">Lenzi</font><font color="#CC33CC">,
 +chi e dov'egli è, che mai vidi più tristo huomo, che mai
 +non ne sento...</font>", ed anche a Firenze nel 1400 si legge di un certo
 +<i><font color="#3366FF">Angelus Niccolai Lenzi populi Sancti</font></i>,
 +in quell'epoca i Lenzi erano una famiglia nobile estremamente agiata.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Lenzi deriva da <i><font color="#3333FF">Lenz</font></i>,
 +abbreviazione del nome di persona tedesco <i><font color="#3333FF">Lorenz</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Lorenzo</font></i>). Sia il tedesco Lorenz che
 +l'italiano Lorenzo derivano dal latino <i><font color="#3333FF">Laurentius</font></i>,
 +che indicava provenienza dalla città di <i><font color="#3333FF">Laurentium</font></i>,
 +un antico centro preromano di cui non si hanno tracce e che era sorto,
 +come dice Virgilio nell'Eneide, in un luogo dove cresceva in abbondanza
 +la sacra pianta dell'alloro (<i><font color="#3333FF">laurus</font></i>).
 +Nel Trentino, il nome è diffuso a Lavarone (Lenzi è anche
 +il nome di una delle frazioni del comune di Lavarone), nella Valle dei
 +Mocheni e nella zona di Pergine, dove è particolarmente comune.
 +Altra ipotesi: Lenzi ha alla base il soprannome derivato dal sostantivo
 +<i><font color="#3333FF">Lenza</font></i>, "<i><font color="#666666">sottilissima
 +cordicella di seta, crine di cavallo o nylon</font></i>, alla quale si
 +congiunge il finale recante l'amo, usata dai pescatori".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenta è tipico del cuneese della zona di Cherasco e Bra, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Lenta (VC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENTI
 +<br>LENTO
 +<br>LENTULO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lenti ha ceppi nell'alessandrino a Valenza e Bassignana, a Jesi, a Taranto
 +e nel tarentino oltre che nel barese e nel foggiano, a Napoli, a San Lucido
 +e Fiumefreddo nel cosentino ed a Roma, Lento è specifico del cosentino,
 +Lentulo è assolutamente rarissimo, potrebbero derivare da modificazioni
 +o contrazioni del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Lentulus</font></i>
 +di cui abbiamo un illustre esempio con Publius Cornelius Lentulus il governatore
 +della Giudea prima di Ponzio Pilato, i Lentuli erano una delle famiglie
 +più antiche ed importanti della gens Cornelia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENTINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origini siciliane, deriva dal
 +toponimo&nbsp; Lentini (SR). Esiste un ceppo secondario lucano, trasferitosi
 +poi a Monopoli, si hanno tracce verso la fine del 1600 di un gabelliere
 +daziario di nome <font color="#3333FF">Giovanni Battista Lentino</font>,
 +la cui famiglia acquistò poi nel tempo caratteri nobiliari, tant'è
 +che nel registro della nobiltà del 1754 viene citato, a Monopoli,
 +un <font color="#3333FF">Barone Giovanni Battista Lentini.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENTISCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lentisco, estremamente raro, sembrerebbe centromeridionale, forse originario
 +di Castelforte nel latinense ai confini con il casertano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato forse dalla presenza di un bosco o di una siepe
 +di <i><font color="#3366FF">lentischio</font></i> (<i><font color="#3366FF">pistacia
 +lentiscus</font></i>) nella zona d'abitazione della famiglia, ma è
 +pure possibile che con quel nome si indicasse invece nel capostipite un
 +<i><font color="#999999">raccoglitore di mastiha</font></i> (mastice),
 +la mastiha è una resina aromatica che cola dalle incisioni praticate
 +tre volte all'anno dall'albero di lentisco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LENZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario del messinese, dovrebbe
 +derivare dalla contrazione del nome Lorenzo.</font>
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">originr suggerita da Gianna Ferrari
 +De Salvo</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEO
 +<br>LIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leo è diffuso in tutto il sud, Sicilia e nel sud della Sardegna,
 +Lio ha un ceppo tra cosentino e catanzarese ed uno nel palermitano, derivano
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Leo Leonis</font></i> o <i><font color="#3366FF">Lio
 +Lionis</font></i> che si traducono come Leone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOCATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del catanese, specificatamente della zona che comprende Adrano (CT)
 +e Biancavilla (CT), con un ceppo secondario nel ragusano, deriva dalla
 +forma medioevale del toponimo Licata (AG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEODORI
 +<br>LIDORI
 +<br>LIODORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leodori ha un ceppo molto piccolo a Maltignano nel Piceno ed a Teramo ed
 +uno nel romano a Roma, Rocca Santo Stefano e Tivoli, Liodori, quasi unico
 +è del Piceno, di San Benedetto del Tronto e Monteprandone, Lidori
 +è praticamente unico, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Liodorus</font></i>
 +o dalla sua alterazione <i><font color="#3333FF">Leodorus</font></i>, forme
 +aferetiche del nome bizantino <i><font color="#3333FF">Heliodorus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOFANTE
 +<br>LEOFANTI
 +<br>LEONFANTI
 +<br>LIOFANTE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00leofante.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="116"><font size="-1">Leofante, ormai praticamente scomparso, sembrerebbe essere stato siciliano,
 +ma di origini francesi, Leofanti, assolutamente rarissimo, è toscano
 +del lucchese, Leonfanti è quasi unico, forse marchigiano, Liofante
 +è praticamente unico, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite varie alterazioni, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Leofante</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Elefante)</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in un atto del 1421 dove figura tra i testimoni: "<font color="#CC33CC">..
 +Ego Alferius de </font><font color="#FF0000">Leofante</font><font color="#CC33CC">
 +testor. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOGRANDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del Barese e del tarentino, in particolare di Putignano, Acquaviva
 +Delle Fonti e Casamassima nel barese e di Laterza, Mottola e Taranto nel
 +tarentino,&nbsp; Leogrande dovrebbe derivare dal nome composto Leo, come
 +contrazione di Leone o di Leonardo, cui si è aggiunto l'attributo
 +di grande, si dovrebbe percio trattare di un patronimico cioè che
 +il nome del capostipite doveva essere appunto Leogrande.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leon ha un ceppo nel pordenonese a San Giorgio della Richinvelda, dovrebbe
 +derivare da una forma dialettale del nome <i><font color="#3366FF">Leone</font></i>,
 +ma è pure possibile che derivino dal nome di località <i><font color="#3366FF">Campo
 +del Leon</font></i> posto nel comune di San Giorgio della Richinvelda (PN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEONCINI
 +<br>LEONE
 +<br>LEONETTI
 +<br>LEONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leoncini ha un nucleo tra la provincia
 +di Genova e l'Alessandrino, ma esiste anche un ceppo fiorentino, Leone
 +è assolutamente panitaliano, Leonetti sembra avere un ceppo nel barese, uno nel cosentino, uno nel napoletano
 +ed uno nel Lazio, Leoni è del centro nord e Sardegna.
 +L'origine di questi cognomi è diversa, possono essere legati a soprannomi
 +legati a caratteristiche comportamentali, all'essere nell'ambito di qualcuno
 +nel cui stemma comparisse uno o più leoni, oppure in altri casi
 +possono derivare dal nome medioevale Leone. o dal nomen latino Leon.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEONELLA
 +<br>LEONELLI
 +<br>LEONELLO
 +<br>LIONELLI
 +<br>LIONELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leonella è quasi unico e dovrebbe derivare da un errore di trascrizione
 +di Leonello, che, molto raro, è tipico calabrese della zona di Sinopoli
 +e Delianuova (RC), Leonelli ha un ceppo emiliano ed uno tra ternano e provincia
 +di Roma, Lionelli, molto raro, ha un ceppo ad Ostiano (CR) ed uno a Napoli
 +e Caivano (NA), Lionello parrebbe veneto, ha ceppi a Venezia, Porto Viro
 +e Rosolina (RO) e, nel padovano a Torreglia, Galzignano Terme ed Albignasego
 +e a Fonte (TV), ma è presente un ceppo nel torinese ed uno nel napoletano,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Leonellus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio a Ferrara nel 1500: "<font color="#CC33CC">...Magnificus
 +Dominus </font><font color="#FF0000">Leonellus Catabenus</font><font color="#CC33CC">
 +de Ferraria, magister domus ac generalis&nbsp; administrator Illustrissimi
 +Domini Domini Ludovici Pici, Mirandulae Domini et Concordiae comitis....</font>"
 +o anche dal suo derivato <i><font color="#3366FF">Lionellus</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...In perpetuan rei tam foriter quam faeliciter
 +gestae memoriam hic, publicae gratitudinis monumentum fundaminibus ipse
 +suis posuit </font><font color="#FF0000">Lionellus</font><font color="#CC33CC">
 +Dux Dorsetiae...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEONTI
 +<br>LEONZI
 +<br>LEONZIO
 +<br>LIONTI
 +<br>LIONZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leonti, molto raro, è siciliano di Mazzarrà Sant`Andrea (ME),
 +Leonzi, abruzzese, è tipico del teramano, di Pineto, Silvi ed Atri,
 +Leonzio è specifico di Francavilla al Mare (CH) e del chietino,
 +Lionti è senz'altro siciliano, di Raffadali e Licata (AG), di Delia,
 +Gela e Niscemi (CL), di San Michele di Ganzaria (CT) e di Piazza Armerina
 +(EN), Lionzo, molto molto raro, è tipico di Megliadino San Fidenzio
 +(PD) e di Dueville (VI), dovrebbero derivare dal nome greco <i><font color="#3366FF">Leonte</font></i>,
 +ricordiamo Leonte re di Sparta raccontato da Erodoto o anche dal nome latino
 +<i><font color="#3366FF">Leontius</font></i> da lui derivato, ricordiamo
 +San Leonzio (<font color="#FF0000">Leontius episcopus Arelatensis</font>)
 +vescovo di Arles in Provenza nel V° secolo, leggiamo dagli atti del
 +Concilio di Calcedonia del 451: "<font color="#CC33CC">...Sunt hic episcopi
 +Asianae diocesis. Veniant, et probamus, quae nostra sunt. Est episcopus
 +Magnisiae </font><font color="#FF0000">Leontius</font><font color="#CC33CC">,
 +Meonius episcopus Nissae, Proterius episcopus Smirnae et ceteri, qui hic
 +sunt...:</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOPARDI
 +<br>LEOPARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leopardi è presente a macchia di leopardo in tutta l'Italia peninsulare
 +con una grossa concentrazione a Roma, Leopardo, molto molto più
 +raro, ha piccoli ceppi a Roma, nel napoletano e nel tarentino, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale italiano Leopardus di cui abbiamo un esempio
 +a Pisa nel 1400 con "<font color="#FF0000">Leopardus</font><font color="#CC33CC">
 +condam domini Iacobi del Fornaio</font>" a sua volta derivato dal nomen
 +latino omonimo, della cui esistenza abbiamo un esempio in un'antica lapide
 +romana: "<font color="#CC33CC">D</font><font color="#000000">(is)</font><font color="#CC33CC">
 +[M</font><font color="#000000">(anibus)</font><font color="#CC33CC">] B</font><font color="#000000">(a)</font><font color="#CC33CC">ebio
 +Capr</font><font color="#000000">[i]</font><font color="#CC33CC">olo filio&nbsp;
 +dulcissimo q</font><font color="#000000">(ui) </font><font color="#CC33CC">vixit
 +ann</font><font color="#000000">(os)</font><font color="#CC33CC"> VIII
 +</font><font color="#000000">[menses] </font><font color="#CC33CC">II b</font><font color="#000000">(onae)</font><font color="#CC33CC">
 +m</font><font color="#000000">(emoriae)</font><font color="#CC33CC"> filio
 +Leopardus pater&nbsp; m</font><font color="#000000">(emoriam)</font><font color="#CC33CC">
 +f</font><font color="#000000">(ieri)</font><font color="#CC33CC"> f</font><font color="#000000">(ecit)</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>Il poeta Giacomo Leopardi nacque a Recanati il 29 giugno del 1798,
 +primogenito della più illustre casata del piccolo centro marchigiano.
 +Mori' a Napoli il 14 giugno del 1837. Il cognome è diffuso sporadicamente
 +in tutta la penisola. Dalla Lombardia all'Emilia sino al Veneto. In Italia
 +Centrale ad esclusione della Toscana. In Campania, Puglia e Sicilia. Ha
 +alla base in parte il nome di animale leopardo, ritenuto un ibrido di leone
 +e pantera, ed in parte il nome personale Leopardus documentato a partire
 +dalla metà dell'VIII secolo. Da chiarire l'origine della frazione
 +Leopardi di Torre del Greco (Napoli).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOPIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario della penisola salentina,
 +potrebbe derivare dal nome composto medioevale Leonpizzo (Leone + Opizzo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEOTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leotta è tipico del catanese, dovrebbe derivare dall'aferesi del
 +nome medioevale Galeotto.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni proposte da Giovanni
 +Francesco Leotta</font></font>
 +<br>il cognome Leotta sarebbe una trascrizione errata di Liotta, entrambi
 +assai diffusi in Sicilia. Nel Volume <i><font color="#3366FF">Il Blasone
 +in Sicilia</font></i>, raccolta Araldica con dizionario delle famiglie
 +nobili siciliane, autore&nbsp; V. Palizzolo Gravina, Barone di Ramione,
 +ed. Clio (Brancato editore), alla voce Liotta si rimanda a "Laliotta": "<font color="#CC33CC">al
 +dir di Mugnos famiglia parmigiana, recata in Sicilia da un gentiluomo Guglielmo
 +Laliotta, che militando ai servigi di Re Federico II° n'ebbe la castellania
 +della città di Mazara, ove fondò sua famiglia, la quale col
 +tempo si sparse in Trapani, Marsala e Sciacca, prodotto avendo vari distinti
 +personaggi, che occuparono cariche importanti, tale un Guglielmo giurato
 +in Trapani 1394; un Francesco inviato ambasciatore di detta città
 +a re Martino 1404; altro Francesco prefetto in Trapani 1447; ed un Antonio
 +regio cavaliere giurato in Marsala 1516. Arma: scudo diviso; nel 1°
 +d'azzurro, con un leone nascente coronato d'oro, nel 2° d'oro, con
 +tre bande di rosso, ed una fascia dello stesso, attraversante sul</font>
 +<font color="#CC33CC">diviso. Tav XLIII 10.</font>" Nello stesso volume
 +è altresì citato un Liotta Gagliano (v. voce Gagliano), valoroso
 +capitano di re Alfonso: "<font color="#CC33CC">Proveniente di Francia questa
 +illustre famiglia, stando al Mugnos, fu portata in Sicilia da un Riccardo
 +Gagliani o Gagliano barone di Picardia sotto Federico II° imperatore,
 +che gli concedette in feudo la terra di Galippi pel mantenimento dè
 +falconi, la cui caccia molto dilettava questo rinomato sovrano e per servigi
 +resi. Il di lui figlio Olivio tramutò il nome di quel feudo nel
 +suo cognome</font>
 +<font color="#CC33CC">di Gagliano, quale poi passò alla famiglia
 +Castelli di Genova. Un Liotta Gagliano fu valoroso capitano dal re Alfonso
 +inviato all'acquisto della terra di Limbari allora occupata dà francesi;
 +perlochè molti donativi e franchigie ottenne, 1432; indi fu</font>
 +<font color="#CC33CC">governatore della città di Mazzara, carica
 +che fu poscia occupata dal di lui figlio Nicolò 1469.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LE PERA
 +<br>LEPERA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Le Pera è tipicamente calabrese, dell'area che comprende il cosentino
 +soprattutto, il catanzarese ed il crotonese, Lepera, decisamente più
 +raro, è specifico dello stesso areale, dovrebbero entranbi derivare
 +dal nome della contrada di Le Pera, una frazione di Longobardi nel cosentino,
 +frazione che deriverebbe il suo nome dalla regione grecoalbanese dell'Epiro <font color="#3333FF">Ήπειρος</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEPORA
 +<br>LEPORE
 +<br>LEPORI
 +<br>LEPORINI
 +<br>LEPRE
 +<br>LEPRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lepora è specifico dell'area vercellese, biellese, di Alice Castello
 +in particolare, Lepore è diffuso in tutta la penisola, soprattutto
 +al sud in Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia e Basilicata, Lepori
 +è diffuso in Sardegna, Toscana settentrionale e Lazio, Leporini,
 +molto raro, ha un ceppo nel pisano ed uno nel cosentino, Lepre ha un ceppo
 +friulano ed uno nel napoletano, Lepri è tipico della fascia che
 +comprende il bolognese, la Toscana, il riminese, il pesarese, l'Umbria
 +ed il Lazio, dovrebbero tutti derivare&nbsp; dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Lepus</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Leporis</font></i> o dalla sua forma successiva
 +<i><font color="#3366FF">Lepre</font></i> o anche da soprannomi originati
 +da caratteristiche fisiche dei capostipiti. Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio in Piemonte nell'area del feudo di Oglianico, dove
 +già nella seconda metà del 1300 si rilevano registrazioni
 +riguardanti una famiglia Lepora.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Vittorino
 +Lepore</font></font>
 +<br>Dal latino <i><font color="#3366FF">lepus-lèporis</font></i>
 +(lepre), oppure, anche se improbabile, da <i><font color="#3366FF">lepor-lepòris</font></i>
 +(grazia, eleganza, gentilezza, signorilità). Diffuso nella fascia
 +da Napoli a Bari e a Gemona del Friuli e nei paesi vicini. L'origine del
 +cognome nelle due zone di diffusione, è quasi sicuramente diversa.
 +Per la zona di Gemona, in un documento del Patriarca di Aquileia Nicolò
 +di Lussemburgo, nel 1352&nbsp; viene nominato tale "<font color="#CC33CC">Petrus
 +quondam Venturini cives Terrae de</font><font color="#CC33CC">Glemona</font>" (<i><font color="#666666">Pietro
 +figlio del fu Venturino</font></i>). Il Venturino è con buona probabilità
 +da individuare in Venturinus da Monza giunto a Gemona nel 1291 o in Venturinus
 +da Como giunto nel 1293, al seguito del Patriarca di Aquileia Raimondo
 +della Torre, milanese.&nbsp; In un atto notarile (patto dotale) del 1373
 +viene nominato: "<font color="#CC33CC">Venturinus dictus</font>
 +<font color="#FF0000">Lyeur</font>" (lepre in friulano) che sposa Betta
 +figlia di Cuminuzza quondam Vuarentussio. I discendenti del Venturinus
 +Lyeur sono indicati per un certo periodo come "<font color="#CC33CC">Filius
 +quondam Venturini</font>" (figlio del fu Venturino), poi vengono indicati
 +come "<font color="#CC33CC">Filius </font><font color="#FF0000">Leporis</font>"
 +(figlio del Lepre).&nbsp; Nel Quattrocento il "cognome" Venturini scompare
 +da Gemona e ricompare solo nel 1592 proveniente da Osoppo (un paese vicino
 +a Gemona). Si può comunque ritenere che i Lepore e i Venturini di Gemona abbiano una comune origine. Per tutto
 +il Quattrocento e nella prima metà del Cinquecento, veniva variamente
 +scritto nei documenti: Lier, Lieuro, Yeur, Hiieur, Jeur, o tradotto in
 +latino Leporis, de Lepore, a Lepore, Lepore. All'inizio del 1600, una delle
 +famiglie dei Lepore viene indicata come Leporini All'inizio del 1700 questa
 +famiglia si estingue. Nei paesi della Carnia, a Nord di Gemona, si afferma
 +invece il cognome Lepre, dalla traduzione diretta in italiano, dopo il
 +Concilio di Trento, della parola friulana <i><font color="#3366FF">Jeur</font></i>.
 +Per quanto riguarda l'origine del cognome nella zona tra Napoli e Bari
 +possiamo citare il Chronicon Beneventanum (1102-1140 d.C.) di Falcone di
 +Benevento: "<font color="#CC33CC">Anno millesimo centesimo trigesimo tertio
 +Dominicae Incarnationis </font><font color="#000000">[1133.14.15]</font><font color="#CC33CC">
 +Ioannem quidem </font><font color="#FF0000">de Lepore</font><font color="#CC33CC">,
 +virum nefandae memoriae, prefati Crescentii fautorem, capite verso </font>
 +<font color="#CC33CC">in foveam mergi precepit, et pedibus in altum
 +levatis, heu miser, vitam inaudita morte finivit!</font>". Un'altra origine
 +la troviamo forse nella storia della Baronia di Posada e del Giudicato
 +di Arborea, nel trattato di pace del 1388 tra Eleonora d'Arborea e Giovanni
 +I° d'Aragona, dove viene citato come mediatore il gavoese "<font color="#FF0000">Bernardu
 +Lepore</font> (o Leporo)", che ottenne da Eleonora per riconoscenza alcune agevolazioni
 +fiscali per Gavoi, oltre ad un alto patronato della Giudicessa, con denaro,
 +per l'istituzione di una corsa di cavalli che poi sarebbe proseguita sino
 +ai nostri giorni (oggi "<font color="#CC33CC">su Palu</font>", nella sagra
 +della Madonna d'Itria, nelle campagne di Gavoi). I gavoesi ne ottennero
 +anche una sorta di patente di commercio, un salvacondotto generalizzato
 +che avrebbe consentito loro in seguito di sviluppare l'attività
 +dei celebri <i><font color="#3366FF">Zillonargios</font></i>, venditori
 +ambulanti di selle, sproni, orbace, che presto tutta l'Isola avrebbe conosciuto.
 +Il Bernardu Lepore, dopo aver presieduto anche alla firma del trattato
 +di pace, si sarebbe poi trattenuto a corte; da lui avrebbe avuto origine
 +la stirpe dei conti Lepore (forse sedicenti tali), in&nbsp; seguito trasferitisi
 +nel Continente a Napoli. Il loro stemma era contraddistinto da: "verde
 +con banda d'argento, giglio d'oro in capo e rosa rossa in punta".
 +<br>Per l'intera storia e Genealogia dei Lepore a Gemona vedi: <a href="http://digilander.libero.it/vlepore47">http://digilander.libero.it/vlepore47</a></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEPORALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leporale è tipicamente pugliese, del brindisino a Ceglie Messapica
 +e Villa Castelli, con un piccolissimo ceppo anche nel tarentino a Taranto
 +e Grottaglie, dovrebbe derivare da un nome di località intestata
 +ad un <i><font color="#3333FF">Leporius</font></i>, cognomen latino abbastanza
 +frequente in Puglia nel Salento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEPORANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leporani, praticamente unico, sembrerebbe pugliese, dovrebbe derivare dal
 +nome del paese di Leporano nel tarentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lera, molto raro, parrebbe tipico dell'area lucchese e livornese, di Livorno
 +e Piombino nel livornese e di Capannori e Lucca nel lucchese, dovrebbe
 +derivare dal nome femminile medioevale <i><font color="#3366FF">Lera</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del 1230: "<font color="#CC33CC">...et
 +Uberti filii Guidone et Guidonis de Culoira et Vindemie de Culoira et Maniboni
 +de Nova et Drigognini de Arduino et de </font><font color="#FF0000">Lera</font><font color="#CC33CC">
 +et Granni Scenardi de Obizini de ser Vallario et Iannarii et Martini fìliorum
 +quondam Pellicie et Martini qui omnes sunt de Culoira...</font>", difficile
 +ipotizzare una derivazione dall'idronimo Lera, torrente dell'alta provincia
 +di Macerata o dall'oronimo Lera, monte della Valle di Viù nel torinese,
 +che è invece ipotizzabile come origine per il ceppo valtellinese
 +ormai da tempo scomparso, bisogna però considerare che in tutto
 +il nord Italia esistono varie località di nome Lera, che possono
 +originare dal termine celtico <i><font color="#3366FF">ler</font></i> (<i><font color="#999999">mare</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>LERA: uno strano cognome. Nel territorio italiano è presente
 +in 58 Comuni. La sua maggiore frequenza si registra in Toscana, nelle province
 +di Livorno e Lucca. In Sardegna è presente solo nella città
 +di Quartu S. E.: 6 di numero. Non sappiamo che cosa significhi lera in
 +italiano, ma sappiamo benissimo che cosa significa in sardo e ne conosciamo
 +con certezza l'etimologia. Nella lingua sarda <i><font color="#3366FF">lera</font></i>
 +significa <i><font color="#999999">chiacchiera</font></i>, <i><font color="#3366FF">lerèdda</font></i>
 +=<i><font color="#999999">cantilena</font></i> e viene dal verbo greco
 +(<i><font color="#3366FF">lerèo</font></i>) <i><font color="#3366FF">ληρέω</font></i>
 += <i><font color="#999999">parlare stoltamente</font></i>; <i><font color="#3366FF">λήρος</font></i>&nbsp;
 += <i><font color="#999999">chiacchiera inutile</font></i>. <i><font color="#3366FF">Allereddai/re</font></i>
 += <i><font color="#999999">tentare di raggirare a chiacchiere, confondere
 +le idee</font></i>. Tipica l'espressione campidanese: "<i><font color="#3366FF">Chi
 +mi doy pongiu deu dhus fatzu a lèra</font></i>"! "<i><font color="#999999">Se
 +mi ci metto, li stordisco a chiacchiere</font></i>"! "<i><font color="#3366FF">Esti
 +circhendi de nosi fai a lera</font></i>"!&nbsp; "<i><font color="#999999">Sta
 +cercando di impappinarci a chiacchiere</font></i>"! Tra l'altro, pur essendo
 +attualmente presente nell'Isola in numero limitatissimo, lo ritroviamo
 +invece nei documenti antichi del sardo: nel Condaghe di Santa Maria di
 +Bonarcado, *CSMB, XI°, XIII° secolo, troviamo 3 Lera(205): Furatu,
 +Iorgia e Goantine, in una spartizione di servi, tra la chiesa di Santa
 +Maria di Bonarcado e la chiesa di Santa Maria di Aristanis (Oristano);
 +donnu (signore, nobile) Leras Gunnari, prete (196), teste in uno scambio
 +di terre. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE del 1388, abbiamo:
 +Leras Guantino, majore ville Milis Picinnu. (* .distrutto - Contrate Partis
 +de Milis); Leras Thomasio, jurato ville Bonorcato(Bonarcado).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERCARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del palermitano, deriva dal toponimo Lercara Friddi (PA), paese
 +che prese il nome Lercara dalla famiglia Lercari Ventimiglia feudataria
 +di quelle terre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERCARI
 +<br>LERCARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lercari, molto raro, sembra tipico ligure, con un ceppo a Genova ed uno
 +a Ventimiglia (IM), Lercaro, molto più raro, parrebbe genovese,
 +dovrebbero derivare dal nome della valle di Lerca o da toponimi come Lerca
 +di Cogoleto (GE).&nbsp; I Lercari furono presenti a Genova almeno dal 1200,
 +nel 1500 furono annoverati tra le 28 famiglie nobili del Libro d'oro della
 +nobiltà genovese, Francesco Maria Imperiale Lercari fu Doge della
 +Repubblica di Genova dal 1683 al 1685.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lerma ha un ceppo tra Montaldeo e Ovada nell'alessandrino ed a Genova,
 +dovrebbe derivare dal nome del paese alessandrino di Lerma vicino a Montaldeo
 +e ad Ovada, probabile località d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona tra Ceglie Messapica (BR) e Francavilla Fontana (BR),
 +dovrebbe derivare dal nome di un antico toponimo brindisino, la traduzione
 +di uno scritto del 1100 così recita: "<font color="#CC33CC">Nel
 +1100 ...Io, Accardo ... signore di Ostuni, affermo che ... Ser Pagano,
 +figlio del signore del Castello di Ceglie ... lamentossi con noi perché
 +dei nostri uomini invadevano la sua terra ... ordinai di andare diligentemente
 +e incominciare dagli stessi confini che si dice di </font><font color="#FF0000">Lerna</font><font color="#CC33CC">,
 +con lo stesso Ser Pagano, ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LE ROSE
 +<br>LEROSE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Le Rose è tipico del materano, di Scanzano Jonico, Tursi e Grassano,
 +e della Calabria centrosettentrionale, di Crotone, Cutro, Roccabernarda,
 +Cirò, Cirò Marina, Mesoraca e Strongoli nel crotonese e di
 +Castrovillari, Rossano e Rocca Imperiale nel cosentino, Lerose ha un ceppo
 +a Grassano e Matera nel materano ed uno a Crotone e Cutro nel crotonese
 +ed a Campana nel cosentino, dovrebbe derivare dal toponimo Rose nel cosentino,
 +indicandolo come probabile località d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LERZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico abruzzese, dell'aquilano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESCHIUTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leschiutta è tipicamente friulano, di Arta Terme e Zuglio nell'udinese
 +e di Valvasone e casrsa della Delizia nel pordenonese, dovrebbe derivare
 +da una forma ipocoristica o patronimica friulana riferita ad un capostipite il cui padfre
 +fosse conosciuto con il nome o soprannome <i><font color="#3333FF">Lesica</font></i>,
 +dal termine sloveno <i><font color="#3333FF">lesica</font></i> (<i><font color="#666666">volp</font></i>e).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESICA
 +<br>LESIZZA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lesica è assolutamente rarissimo, Lesizza, molto raro, è
 +tipicamente friulano dell'udinese, zona di Cividale del Friuli, del goriziano
 +e del triestino, dovrebbero derivare da soprannomi originati dal termine
 +sloveno <i><font color="#3333FF">lesica</font></i> (<i><font color="#666666">volpe</font></i>),
 +la pronuncia slava èmolto simile a lesiza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESIGNOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lesignoli è specifico di Parma, potrebbe trattarsi di una forma
 +etnica dialettale del toponimo Lesignano sempre nel parmense, ma non si
 +può escludere una possibile derivazione da un ipocoristico dialettale
 +del nome latino <i><font color="#3366FF">Licinius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro sembra essere della
 +zona tra Alessandria e Genova, potrebbe derivare dall'aferesi del cognomen
 +latino Telesinus, ma potrebbe anche essere un soprannome legato al mestiere
 +di ciabattino o alla spilorceria del capostipite.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico milanese, deriva dal
 +toponimo omonimo del milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESSA
 +<br>LESSI
 +<br>LESSIO
 +<br>LESSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lessa è del barese, Lessi ha un piccolo ceppo tra trevisano e veneziano
 +ed un nucleo nel livornese, Lessio è diffuso in tutto il Veneto
 +ed il Friuli e nell'alessandrino, Lesso è quasi unico, tutti questi
 +cognomi dovrebbero essere derivati da forme aferetiche di nomi come <i><font color="#3366FF">Alessa</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Alessio</font></i>, l'altra ipotesi che li colleghi
 +al termine latino <i><font color="#3366FF">lessus</font></i> (<i><font color="#999999">pianto,
 +lamento funebre</font></i>) è abbastanza improbabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LESTINGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lestingi è tipico del barese, di Conversano e Trani in particolare,
 +potrebbe derivare da modificazioni del nome greco <i><font color="#3366FF">Lasthenes</font></i>,
 +nella tragedia de <i><font color="#3366FF">i Sette contro Tebe</font></i>
 +di Eschilo, Lasthenes partecipa alla guerra dalla parte di Eteocle difendendo
 +la porta Omoloide attaccata da Anfiarao.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lete, assolutamente rarissimo, parrebbe del napoletano, dovrebbe derivare
 +dal nome del fiume Lete il cui corso si sviluppa nel casertano, ad indicare
 +forse quella come località d'origine della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leti ha un ceppo nel barese, uno nel Piceno ed uno tra rietino e romano,
 +dovrebbe derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Laetus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi LETO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETIZI
 +<br>LETIZIA
 +<br>LETIZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Letizi ha un ceppo nel pesarese, in particolare a Cartoceto, Fano e Mondolfo,
 +ed uno a Roma, Letizia è molto diffuso a Roma, nel napoletano e
 +casertano, in Puglia, soprattutto nel tarentino, brindisino e leccese,
 +ed in Sicilia, in particolare nel messinese, Letizio, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe campano, dovrebbero derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Laetitius</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Laetitia</font></i>, con il significato di <i><font color="#666666">felicissimo</font><font color="#000000">/</font><font color="#666666">a</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leto è un cognome tipico della Sicilia e del crotonese, con un ceppo
 +anche nel napoletano, potrebbe derivare dalla contrazione del toponimo
 +Letojanni (ME), ma molto più probabilmente dovrebbe derivare dal
 +nome latino <i><font color="#3366FF">Laetus</font></i> (si pronuncia Letus
 +e significa <i><font color="#999999">lieto, felice</font></i>), di cui
 +abbiamo un esempio in questo scrtto di epoca imperiale romana: "<font color="#CC33CC">...Tunc
 +Pertinax interficiendi Commodi conscientiam delatam sibi ab aliis non fugit.
 +Commodo autem interempto </font><font color="#FF0000">Laetus</font><font color="#CC33CC">
 +praef</font><font color="#000000">(ectus)</font><font color="#CC33CC">
 +praet</font><font color="#000000">(orius)</font><font color="#CC33CC">
 +et Eclectus cubicularius ad eum venerunt...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Cognome diffuso prevalentemente in Sicilia, con nucleo maggiore nel
 +palermitano, sebbene un ceppo minore si riscontri anche in Calabria, nel
 +crotonese, deriva dal nome <i><font color="#3366FF">Leto</font></i>, formatosi
 +dal latino <i><font color="#3366FF">laetus</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#999999">felice</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente abruzzese, della zona di Avezzano, Aielli e Celano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri</font></font>
 +<br>Tipico dell'Abruzzo, il cognome è diffuso nella provincia dell'Aquila
 +nei comuni di Aielli (24 occorrenze, 3° in ordine di frequenza), Avezzano
 +(17 occorrenze) e Celano (14 occorrenze). Da notare che tra i primi cognomi
 +di Aielli figura Coletta e il cognome Ranalletta è il 1° a Celano
 +e tra i primi 30 ad Avezzano. La mia idea è che Letta possa derivare
 +dall'aferesi di nomi quali Nicola, Rinaldo, etc. In effetti il cognome
 +potrebbe anche derivare dal verbo latino <i><font color="#3366FF">lego, is, legi, lectum, ere</font></i>
 +con il significato principale di <i><font color="#999999">cogliere, raccogliere</font></i>
 +in relazione probabilmente all'attività del capostipite, è
 +pure possibile una derivazione da <i><font color="#3366FF">lectus,a,um</font></i>
 += <i><font color="#999999">scelto, eletto, distinto, eccellente, esemplare</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETTERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lettera ha un ceppo nel casertano, soprattutto a Sant'Arpino, con presenze
 +anche a Gricignano d'Aversa ed Orta di Atella, e nel napoletano a Napoli,
 +Frattaminore, Frattamaggiore , Grumo Nevano, Casoria e Caivano, e qualche
 +presenza anche nel cosentino, potrebbe derivare da un soprannome arcaico
 +usato per indicare nei capostipiti dei letterati, ma secondo un'altra ipotesi
 +si tratterebbe invece dell'italianizzazione del cognome francese <i><font color="#3333FF">Letour</font></i>,
 +stante ad indicare i fanciulli abbandonati nella ruota degli esposti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LETTIERI
 +<br>LETTIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lettieri è tipico della fascia litoranea che comprende Roma, frusinate,
 +Campania, potentino, cosentino e crotonese, Lettiero, molto raro è
 +specifico del napoletano, dovrebbero derivare dal nome medioevale Litterius.&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Solofra nel 1300 dove il
 +casato dei Lettieri è annoverato fra le trenta più antiche
 +famiglie del Regno angioino, nel 1600 con Don Marcello Lettieri Principe
 +di Pietrastornina (FR) e sempre nel 1600 con Tommaso Lettiero feudatario
 +di Novella e Montecorice (SA).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Lettieri è presente in tutto il Sud in numerose varianti
 +(Letteri, Litteri, Litterio) tutte derivate da Eleuterio. Sant'Eleuterio,
 +toponimo in provincia di Benevento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEUCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, attualmente presente nel comasco, dovrebbe derivare
 +da un antico toponimo medioevale Leuco (Lecco), di cui abbiamo una traccia
 +in un <i><font color="#3366FF">charta venditiones</font></i> del 975 a
 +Calco (BG): ".<font color="#CC33CC">..venditio Attonis comitis de </font><font color="#FF0000">Leuco</font><font color="#CC33CC">
 +de pluribus praedis in variis territorii bergomatis viciis....</font>",
 +ed in una pergamena del 1146 dove viene citato un converso originario delle
 +campagne ad oriente di Como: "Lanterius de Leuco", una seconda ipotesi
 +lo fa derivare dall'etnico <i><font color="#3366FF">leuki</font></i>, <i><font color="#666666">una
 +popolazione celtica</font></i>, potrebbe derivare dal nomen latino Leucus
 +di cui abbiamo un esempio nella Guerra civile di Ennio Lucano: "<font color="#CC33CC">...et
 +Biturix longisque leues Suessones in armis, optimus excusso </font><font color="#FF0000">Leucus</font><font color="#CC33CC">
 +Remusque lacerto, optima gens flexis in gyrum Sequana frenis, ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Ubaldo Leuchi</font></font>
 +<br>La presenza nel comasco è una discendenza, come tutte quelle
 +presenti in Italia Francia e California, del ceppo originario di
 +Filattiera (MS) in Lunigiana. Uno dei primi Leuchi fu un notaro Matheus
 +Leuchi che rogò un atto dei Marchesi Malaspina del ramo Lunigianese.Successivamente
 +furono Vessilliferi sempre di tali marchesi. Caduti in disgrazia furono
 +per tre secoli mezzadri della famiglia Ferrari il cui storico Pietro Ferrari
 +verbalmente disse al mio bisnonno che il primo Leuchi in Lunigiana era
 +la trasformazione di un cognome originario della Pannonia che portava un
 +soldato stabilitosi a Filattiera.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Carlo Ferrari</font></font>
 +<br>Leuchi sembrerebbe derivare dal colore dei capelli, <i><font color="#3366FF">leucos</font></i>
 +in greco significa bianco, e probabilmente era il nome dato a una famiglia
 +di longobardi talmente biondi da sembrare bianchi. (maggiori dettagli sono
 +ricavabili dall'<i><font color="#3366FF">Historia Longobardorum</font></i>
 +di Paolo Diacono. I discendenti Leuchi di Filattiera sono tutt'ora prevalemente
 +biondi.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEUCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico pugliese, deriva da toponimi come Marina di Leuca (LE) o Morciano
 +di Leuca (LE), ma è pure possibile che derivi invece da soprannomi
 +originati dal termine greco <i><font color="#3366FF">leukos</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bianco</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un ceppo tra milanese, pavese ed
 +il Piemonte e forse un altro nel Lazio e nel casertano, diverse le origini,
 +probabilmente da toponimi come Levaldigi (CN) o Levata (CR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVAN
 +<br>LEVANI
 +<br>LEVANO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Levan, assolutamente rarissimo, sembrerebbe friulano, Levani, molto molto
 +raro, è tipico del reggiano, di Fabbrico in particolare, Levano,
 +ancora più raro, è specifico dell'area napoletano, casertana,
 +potrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Levanus</font></i>&nbsp;
 +originato dal nome brettone <i><font color="#3333FF">Levan</font></i>,
 +ricordiamo Sanctus Levanus di origini irlandesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVANTE
 +<br>LEVANTI</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Levante, ha un ceppo nel napoletano, uno nel Salento ed uno a Scicli (RG),
 +dovrebbe derivare da un indicativo del luogo d'origine, Levanti rarissimo
 +dovrebbe essere di lontana origine ligure, in Liguria verso la fine del
 +1400 troviamo un Tommaso Levanti, probabilmente così chiamato perchè
 +proveniente da levante. Trasferitasi in Sicilia nel 1500 la famiglia patrizia
 +si inserisce in posti di potere a fianco della nobiltà del luogo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVANTESI
 +<br>LEVANTINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levantesi ha un ceppo nell'ascolano a Fermo, Sant'Elpidio a Mare e Porto
 +Sant'Elpidio, ed a Civitanova Marche nel maceratese, ed un ceppo a Roma,
 +Levantini, molto raro, ha presenze minime in Toscana, ancora minori nelle
 +Marche ed in Abruzzo, con un piccolo ceppo a Roma e dintorni, potrebbe
 +trattarsi di varie forme etniche riferita a capostipiti provenienti dalla
 +città spezzina di Levanto, ma non è escluso che stia ad indicare
 +una provenienza orientale, dalle terre di Levante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVANTINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe originario del palermitano, potrebbe discendere dal toponimo
 +Levanzo del trapanese, ma potrebbe pure essere di origine Normanna dal nome Levan.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Gianna Ferrari
 +de Salvo</font></font>
 +<br>il cognome deriverebbe dal nome personale Levantino, o dal vocabolo
 +dialettale siciliano livantinu (lunatico, estroso, volubile) (<font size="-2">Girolamo
 +Caracausi, Dizionario onomastico della Sicilia, Palermo 1994</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levati è tipicamente lombardo del milanese in particolare, di Milano,
 +Vimercate, Monza, Gorgonzola, Cernusco sul Naviglio e Concorezzo, con un
 +piccolo ceppo anche a Levate, Seriate e Dalmine nel bergamasco, dovrebbe
 +derivare da nomi di paesi come Levate nel bergamasco o Levata nel cremonese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levato è tipicamente calabrese, del catanzarese, di Catanzaro, Sellia
 +Marina, Cropani, Magisano e Simeri Crichi, e del crotonese, di Verzino,
 +Crotone, Savelli e Strongoli, potrebbe derivare dal termine latino <i><font color="#3333FF">levatus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">allevato</font></i>), forse ad indicare il fatto
 +che il capostipite fosse un fanciullo abbandonato ed allevato da un istituto
 +di carità.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVERATTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Leveratto è specifico dell'area alessandrino, genovese, in particolare
 +di Genova, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale con il significato
 +di panettiere <i><font color="#666666">addetto alla levitazione del pane</font></i>,
 +secondo altri deriverebbe invece da un soprannome con il significato di
 +<i><font color="#666666">leprotto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Insediato prevalentemente in Lombardia è tipicamente ebraico derivando
 +dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Levi</font></i> che diede il nome alla Tribù che ottenne dal
 +Signore la primogenitura sacerdotale e cui appartenne anche Mosè.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Levi oltre che alla trascrizione di un nome ebraico, può essere
 +un esito ipocoristico per dei trovatelli : <i><font color="#3333FF">(Diotal)levi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere originario della zona di Acqui Terme (AL) dovrebbe derivare
 +da toponimi come Levo (VB) o simili, ma è pure possibile che derivi
 +da soprannomi originati dal carattere bizzarro del capostipite o dall'essere
 +lui mancino (laevus= bizzarro, mancino).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levoni è specifico del modenese, di Modena, Castelnuovo Rangone,
 +Maranello, Sassuolo e Formigine, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Levonius</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in uno atto del 1214, dove tra i testimoni possiamo leggere: "<font color="#CC33CC">..Ad
 +cujus rei confirmationem presentis scripti paginam regali feci sigillo
 +meo aureo sigillari , et Uleris rubeis mea manu scriptis propria roboravì
 +et approbatione jussi subscriptorum testium confirmari. Hujus rei sunt
 +testes: - Senescale p[ro]ximos Armenie. — </font><font color="#FF0000">Levonius</font><font color="#CC33CC">
 +de Biulum. — Iozulinus frater marescalci. — Yalletus miles. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVORATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levorato è tipicamente veneto, soprattutto del padovano e del veneziano,
 +si dovrebbe trattare di una forma patronimica in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>,
 +tipicamente veneta, dove il suffisso sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, riferito al padre del capostipite di nome o cognome <i><font color="#3366FF">Levore</font></i>
 +(variante veneta per <i><font color="#999999">lepre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEVRA
 +<br>LEVRI
 +<br>LEVRINI
 +<br>LEVRINO
 +<br>LEVRO
 +<br>LEVRONE
 +<br>LEVRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Levra, molto molto raro, è del torinese, Levri, quasi unico, potrebbe
 +essere del basso trentino, Levrini è emiliano, di Castellarano e
 +Reggio Emilia nel reggiano e di Sassuolo e Fiorano Modenese nel modenese,
 +Levrino è tipicamente piemontese, del torinese, di Cumiana e Torino
 +in particolare, Levrone, molto molto raro, è piemontese, del cuneese,
 +di Fossano in particolare, Levroni, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +del pesarese, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o
 +tramite ipocoristici od accrescitivi, dal nome e soprannome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Levro</font></i>, attribuito a capostipiti probabilmente
 +veloci come lepri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LEZZA
 +<br>LEZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lezza sembra essere originario
 +della provincia di Taranto, Lezzo è assolutamente raro, presente
 +solo a Melegnano.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lia sembrerebbe tipicamente meridionale, della Sicilia, Calabria e del
 +Salento, con un ceppo anche nel latinense, si dovrebbe trattare di un matronimico
 +e derivare dalla forma aferetica di nomi come Rosalia o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIANTONIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liantonio è specifico del barese, soprattutto di Palo del Colle
 +e Bari.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3333FF">Liantonio</font></i>,
 +nato dall'unione dei nomi <i><font color="#3333FF">Lia</font></i> (aferesi
 +di <i><font color="#3333FF">Elia</font></i>) e <i><font color="#3333FF">Antonio</font></i>.
 +In conclusione, dunque, si tratta della cognominizzazione del nome personale
 +del capostipite (<font color="#CC33CC">vedi anche Eliantonio</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBANORA
 +<br>LIBANORE
 +<br>LIBANORI
 +<br>LIBANORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Libanora, quasi unico, parrebbe veneto del rovigoto, Libanore ha un ceppo
 +nel rovigoto a Rovigo, Guarda Veneta ed Arquà Polesine, ed a Venezia
 +e Ferrara, Libanori ha un piccolo ceppo nel rovigoto, uno a Bologna e Ferrara
 +ed uno a Latina e nel romano ad Albano Laziale e Roma, Libanoro, quasi
 +unico, è del rovigoto, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Libanorus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del 1316: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Libanorus</font><font color="#CC33CC">
 +q. Tonni de Galisterna permutavit petiam terre in terra Galisterne in loco
 +qui voc. Rivola: a uno latere iura S. Martini..</font>", nome portato anche
 +da un Re del Portogallo, come possiamo leggere nel libro di Andrea da Barberino
 +(~1370-1432) <i><font color="#3366FF">i Reali di Francia</font></i>: "<font color="#CC33CC">...
 +Essendo Gisberto perduto nell'amore di Sibilla, tanto che aveva dimenticato
 +il suo proprio regno, intervenne che uno famiglio, buffone del re </font><font color="#FF0000">Libanorus</font><font color="#CC33CC">
 +di Lusintania, fratello che fu del re Carianus, andò, come vanno
 +e' buffoni, in Sibilla; e quando vidde Gisberto, subito lo riconobbe, e,
 +tornato in Lusintania, disse al re </font><font color="#FF0000">Libanorus</font><font color="#CC33CC">
 +come quello che aveva morto il suo fratello e aveva tolta Sibilla per moglie,
 +era Gisberto, re di Franza, e dissegli della lebra, e perché s'era
 +partito, e che in Franza si credeva che egli fosse morto.&nbsp; ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alla base del cognome Libanori vi è il toponimo veneto Libano
 +nel bellunese, ma può essere derivato, attraverso appellativi e
 +soprannomi scherzosi o spregiativi, dati in rapporto alle caratteristiche
 +somatiche o caratteriali o alla provenienza, dal coronimo Libano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBARDI
 +<br>LIBARDO
 +<br>LIBARDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Libardi ha un grosso ceppo a Levico Terme in Trentino, un ceppo a Sant'Agata
 +dei Goti nel beneventano ed uno a Manduria nel tarentino, Libardo, assolutamente
 +rarissimo, ha sparute presenze sparse qua e là per l'Italia, ma
 +parrebbe avere una prevalenza meridionale, Libardoni ha un ceppo sempre
 +a Levico Terme in Trentino, dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +una forma accrescitiva, dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Libardus </font></i>(una forma arcaica per <i><font color="#999999">Leopardo</font></i>)
 +di cui abbiamo un esempio in quest'ode: "<font color="#CC33CC">... Inter
 +quos mihi surnmus atque priuius - Gontherus memorandus est </font><font color="#FF0000">Libardus</font><font color="#CC33CC">
 +- Boesinghae vigil et plus sacerdos - Plebem sidereo liquore pascens -
 +Ut clarus lilteris sacriqus juris - Factus Lovanii licentiatus, - His sacris
 +quoque juris utriusque - Instructus Htteris, locoque fratris -Dilectus
 +varies mihi per annos ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del piacentino, nella
 +zona al confine con la provincia di Lodi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBENER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Libener, assolutamente rarissimo, è specifico del trentino, dovrebbe
 +derivare da un soprannome originato dal termine medioevale germanico a.h.d. <i><font color="#3333FF">lîbnerî</font></i>
 +(<i><font color="#666666">stipendiato</font></i>), anche se si potrebbe
 +ipotizzare una derivazione da un termine dialettale&nbsp; <i><font color="#3333FF">liebner</font></i>
 +(<i><font color="#666666">amabile, amante</font></i>), molto meno probabile,
 +non è possibile inoltre escludere che possa invece trattarsi di
 +una germanizzazione del nome medioevale&nbsp; <i><font color="#3333FF">Libanorus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi LIBANORA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERA
 +<br>LIBERI
 +<br>LIBERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Libera parrebbe tipico dell'area
 +compresa tra le province di Sondrio e di Trento, Liberi sembra avere due
 +nuclei uno nel basso trentino ed uno tra Pescara e Chieti, Libero ha un
 +nucleo importante nel padovano, ma potrebbero esistere anche dei ceppi
 +nell'Italia meridionale. Dovrebbero tutti discendere dal cognomen latino
 +Liberalis.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">Giacomo Ganza di Villa Di Tirano
 +(SO) aggiunge:</font></font>
 +<br>Il cognome Libéra è
 +tipico della zona tra Sondrio e Morbegno nella media Valtellina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERALATO
 +<br>LIBRALATO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi decisamente veneti, Liberalato ha un ceppo a Venezia ed uno nel
 +travisano, in particolare a Castelfranco Veneto, Libralato, più
 +diffuso, ha un ceppo nel padovano a Trebaseleghe e Piombino Dese ed uno
 +nel trevisano a Vedelago, Quinto di Treviso, Resana e Castelfranco Veneto,
 +si dovrebbe trattare di forme patronimiche in<i><font color="#3366FF">
 +-ato</font></i>, tipicamente venete, dove il suffisso sta per figlio di,
 +riferito a padri dei capostipiti di nome <i><font color="#3366FF">Liberale</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi LIBERALE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERALE
 +<br>LIBERALI
 +<br>LIBERALON
 +<br>LIBERALOTTO
 +<br>LIBRALON</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liberale, abbastanza raro, ha un ceppo nell'udinese, in particolare a Cividale
 +del Friuli ed Udine, uno a Sulmona nell'aquilano ed uno tra napoletano,
 +avellinese e salernitano, Liberali ha un ceppo tra milanese e pavese, uno
 +nel trevigiano ed uno a Roma, Liberalon&nbsp; e Liberalotto, assolutamente
 +rarissimi, parrebbero veneti come Libralon, che veneto lo è sicuramente
 +e presenta un ceppo nel padovano ed uno nel rovigoto.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Liberale</font></i>,
 +che, nell'onomastica arcaica, assume il significato di generoso, d'indole
 +liberale (da intendere chiaramente in senso augurale); in alternativa,
 +però, non è escluso che Liberale sia una variante del nome
 +<i><font color="#3366FF">Liber</font></i>o (<font color="#CC33CC">vedi
 +Libera</font>), tenendo conto che, in latino, il suffisso <i><font color="#3366FF">-ale</font></i>
 +indica una generica relazione, spesso con valore d'appartenenza (come dimostrano,
 +ad esempio, i cognomina Iuvenalis e Martialis, che, in italiano, sono meglio
 +conosciuti come Giovenale e Marziale). Dal punto di vista storico, comunque,
 +un esempio famoso è offerto dallo scrittore e grammatico greco Antonino
 +Liberale (vissuto all'incirca nel II secolo d.C.), la cui fama, ai giorni
 +nostri, si deve soprattutto all'opera Le metamorfosi (da non confondere,
 +però, con le opere omonime di Ovidio e di Apuleio). Per quanto riguarda
 +i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi
 +personali dei capostipiti, anche se, in alcuni casi, non è esclusa
 +una derivazione da soprannomi ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERALESSO
 +<br>LIBRALESSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi decisamente veneti, Liberalesso ha un ceppo a Venezia e Spinea
 +sempre nel veneziano,&nbsp; Libralesso, più diffuso, ha un ceppo
 +a Martellago nel veneziano, dove è ben presente anche a Venezia,&nbsp;
 +Salzano, Spinea e Scorzè, nel trevisano a Quinto di Treviso e Morgano
 +e nel padovano a Trebaseleghe.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Liberale</font></i>,
 +che, con l'aggiunta del suffisso <i><font color="#3366FF">-esso</font></i>,
 +assume il significato di <i><font color="#999999">figlio di</font></i>
 +<i><font color="#3366FF">Liberale</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Liberale e Liberalato</font>): dal punto di vista etimologico, infatti,
 +il suffisso <i><font color="#3366FF">-esso</font></i> nasce da una forma
 +dialettale del suffisso <i><font color="#3366FF">-esco</font></i>, che,
 +nell'onomastica arcaica, sottintende un rapporto di parentela (come si
 +evince, ad esempio, dai cognomi Carlesco/Carlesso, Gianneschi/Giannessi,
 +Giorgeschi/Giorgessi, etc).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERATA
 +<br>LIBERATI
 +<br>LIBERATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liberata è quasi unico, Liberati è tipico dell'Italia centrale,
 +Liberato rarissimo ha un ceppo abruzzese ed uno campano, in alcuni casi
 +può derivare da toponimi come San Liberato (TR), ma nella stragrande
 +maggioranza dovrebbe derivare dal nome tardo latino Liberatus portato ad
 +esempio da San Liberato Martire del VI° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERATORE
 +<br>LIBERATORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liberatore è tipico della fascia che comprende Abruzzo, Lazio e
 +Molise, con ceppi anche nel napoletano e nel potentino, Liberatori ha un
 +ceppo nell'aretino soprattutto ad Arezzo e Cortona ed uno laziale a Roma
 +ed a Ferentino, Anagni e Collepardo nel frusinate, dovrebbero derivare
 +entrambi dal nome Liberatore, ricordiamo San Liberatore martirizzato dall'imperatore
 +Adriano nel 130.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liberio è un cognome tipicamente pugliese, della provincia di Bari,
 +di Modugno in particolare, ma anche di Bari ed Altamura, dovrebbe derivare
 +dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Liberius</font></i> portato
 +ad esempio dallo scrittore Petrus Marcellinus Felix Liberius (465 - 554),
 +ricordiamo con questo nome anche un Papa dal 352 al 366.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBERTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso in tutta l'Italia centro
 +meridionale, dovrebbe essere di origine molto antiche e derivare dal cognomen
 +latino Libertus o da identificativi dello stato sociale di liberto (schiavo
 +liberato).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBONATI
 +<br>LIBONE
 +<br>LIBONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Libonati è specifico della zona di confine tra&nbsp; Castrovillari
 +e Spezzano Albanese nel cosentino e Rotonda e Viggianello nel potentino,
 +Libone, assolutamente rarissimo, sembrerebbe lucano, Liboni ha un ceppo
 +nella zona tra rovigoto e ferrarese ed uno, forse secondario, a Verona,
 +dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Libonius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in Lucius Scribonius Libonius condottiero romano
 +del I° secolo a.C.: "<font color="#CC66CC">...legiones decretae: praetoribus
 +M. Marcio urbana, </font><font color="#FF0000">L. Scribonio Liboni</font><font color="#CC66CC">
 +peregrina et eidem Gallia, M. Pomponio Mathoni Sicilia, Ti. Claudio Neroni
 +Sardinia euenit....</font>", ma è pure possibile che derivi dal
 +nome greco Libon, nome di un architetto del V° secolo a.C..</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBORIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, ha un nucleo
 +nel bergamasco, deriva dal nome medioevale Liborius; ricordiamo nel IV°
 +secolo San Liborius che fu il secondo vescovo della città di Le
 +Mans in Francia: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Beatus
 +Liborius</font><font color="#CC33CC"> vir pretiosissimus ex Galiis originem
 +ducens ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBRANDI
 +<br>LIBRANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Librandi è tipicamente calabrese, del cosentino, di Castiglione
 +Cosentino, Rose, Rossano e Cosenza e di Cirò Marina nel crotonese,
 +con un ceppo anche a Genova ed a Roma, Librando, molto più raro,
 +ha un ceppo nel leccese, in particolare a Melissano ed uno piccolissimo
 +a Catania, dovrebbero derivare dall'aferesi di nomi medioevali di origine
 +germanica come <i><font color="#3366FF">Alibrandus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALIBRANDI </font>), dell'uso di questa forma aferetica abbiamo un esempio
 +in un <a href="http://www.melegnano.net/comazzo/comuni0g09.htm">atto</a>
 +dell'anno 1025 a Comazzo: "<font color="#CC33CC">..in via publica in iudicio
 +aderunt cum eo Adam qui et Lanfrancus Daiberbus Atto </font><font color="#FF0000">Anselmus
 +Librandus</font><font color="#CC33CC"> iudices sacri palacii. Adroaldus,
 +Alricus. Unipertus. Constantius. legem viventes Rubuariorum. Albericus
 +de Goldenica. Vitus et Sjgeradus. Unifredus de Carcani...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBRENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Librenti è caratteristico di Bologna, di origine etimologica oscura.
 +Esiste l'ipotesi che possa trattarsi di una form alterata di <i><font color="#3333FF">Librandi</font></i>,
 +una forma aferetica patronimica del nome <i><font color="#3333FF">Alibrandus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBRIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere oltre al ceppo principale in Sicilia, probabilmente originario
 +del messinese, anche uno secondario nell'alto bresciano, deriva dal toponimo
 +Librizzi (ME).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIBURNI
 +<br>LIBURNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo Liburni parrebbe romagnolo o marchigiano, Liburno,
 +ancora più raro,&nbsp; invece sembrerebbe dell'Italia nordoccidentale,
 +potrebbero derivare dal nome dei <i><font color="#3366FF">Liburni</font></i>,
 +un popolo illirico dell'Adriatico dedito alla pirateria che aveva occupato
 +anche alcune zone del Piceno, ma molto più probabilmente derivano
 +dal nomen latino di origini etrusche <i><font color="#3366FF">Leburnius</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Liburnius</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in un cippo marmoreo, di epoca imperiale romana, sito sulla via Flaminia
 +che cita: "<font color="#FF0000">Liburnius Romanus</font><font color="#CC33CC">
 +beneficiarus tribuni cohortis VI vigilum</font>", potrebbe anche stare ad indicare
 +l'appartenenza alla <i><font color="#3366FF">Gens Liburnia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICANDRI
 +<br>LICANDRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licandri è specifico del catanese, di Paternò e Belpasso,
 +Licandro è tipicamente siciliano, di San Pietro Clarenza, Catania
 +e Mascalucia nel catanese, di Messina e di Palermo, con un ceppo anche
 +nel reggino, secondo alcuni deriva da un soprannome originato dai termini
 +greci <i><font color="#3366FF">lykos</font></i> (<i><font color="#999999">lupo</font></i>)
 +ed <i><font color="#3366FF">andras</font></i> (<i><font color="#999999">uomo</font></i>),
 +con il significato di licantropo o uomo lupo, ma, molto più probabilmente,
 +deriva da una modificazione dialettale del nome Nicandro (<font color="#CC33CC">vedi
 +NICANDRI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licari è un cognome tipicamernte siciliano, con massima concentrazione
 +nella Sicilia occidentale a Marsala, ottima diffusione anche a Petrosino
 +e Mazara del Vallo nel trapanese e nel palermitano, l'origine etimologica
 +è controversa, la prima ipotesi è una derivazione dal nome
 +greco <i><font color="#3366FF">Licarius</font></i>, ricordiamo con questo
 +nome l'ammiraglio bizantino che conquistò nel 1269 le isole Cicladi
 +e che divenne Triarca della Calcide nel 1279 fino al 1296, ma potrebbe
 +anche derivare per aferesi dal vocabolo greco arcaio <i><font color="#3366FF">alykares</font></i>
 +(<i><font color="#999999">lavoratore delle saline o venditore di sale</font></i>)
 +e sottinterebbe che quello fosse stato il mestiere del capostipite, come
 +potrebbe derivare dal termine greco <i><font color="#3366FF">lycos </font></i>(<i><font color="#999999">lupo</font></i>)
 +ad indicare che il capostipite era invece un cacciatore di lupi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICASTRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licastro è tipico di Delianova nel reggino con un ceppo secondario
 +a Messina ed uno a Napoli, si possono fare due ipotesi, la prima, e più
 +probabile, è che derivi da una modificazione dialettale del toponimo
 +Nicastro nel catanzarese, la seconda è che possa derivare dal vocabolo
 +greco arcaico <i><font color="#3366FF">alykàres</font></i> (<i><font color="#999999">lavoratore
 +alle saline</font></i>) che sarebbe il possibile mestiere del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente siciliano deriva dal toponimo Licata (AG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LI CAUSI
 +<br>LICAUSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Li Causi è specifico della Sicilia occidentale, di Palermo e del
 +trapanese, di Marsala, Castelvetrano, Partanna, Santa Ninfa, Trapani, Erice
 +e Valderice, Licausi, molto raro, parrebbe anch'esso di origini siciliane,
 +del trapanese. in particolare della zona di Santa Ninfa, Partanna e Marsala
 +e di Sciacca nell'agrigentino, potrebbero derivare da soprannomi originati
 +dall'espressione greca <i><font color="#3333FF">lykoi
 +àndres</font></i> (<i><font color="#999999">uomini lupo</font></i>),
 +ma è pure possibile che derivi invece dal termine greco arcaico
 +<i><font color="#3333FF">alykàres</font></i> (<i><font color="#999999">operatore
 +delle saline</font></i>) mestiere forse svolto dal capostipite, non si può comunque ignorare la possibilità che derivino
 +da forme patronimiche riferite a capostipiti i cui padri si fossero chiamati
 +con il nome greco <i><font color="#3333FF">Kaousios</font></i> latinizzato
 +in <i><font color="#3333FF">Causius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICCARDI
 +<br>LICCARDO
 +<br>LICCIARDELLO
 +<br>LICCIARDI
 +<br>LICCIARDIELLO
 +<br>LICCIARDO
 +<br>LICCIARDO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liccardi e Liccardo sono specifici del napoletano, con piccoli ceppi anche
 +in Sicilia ed in Puglia, Licciardello sembra specifico del catanese, così
 +come Licciardo che ha però anche un ceppo napoletano, Licciardò
 +è quasi unico, forse cagliaritano, Licciardi è molto diffuso
 +in tutta l'Italia del sud anche insulare, Licciardiello è un ipocoristico
 +tipicamente napoletano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Da Fabio
 +Paolucci (Salerno)</font></font>
 +<br>Liccardo, come la variante più moderna Liccardi, è un
 +tipico cognome&nbsp; napoletano, diffuso nel resto della Penisola per effetto
 +della migrazione dal Sud verso il mondo industrializzato del Nord. Sicuramente
 +tale forma cognominale deriva dal cognome base Riccardo (o anche Ricciardo,
 +di derivazione franca, le cui varianti sono Licciardo, Licciardi, Licciardello
 +e Licciardiello) per trasformazione della <b><font color="#3333FF">R</font></b>
 +in <b><font color="#3333FF">L</font></b>. Il nome, poi cognominizzato,
 +Riccardo, di tradizione tedesca (non franca come Ricciardo, proveniente
 +appunto da <i><font color="#3366FF">Richard</font></i>) trae origine dal
 +germanico <i><font color="#3366FF">Rikhard</font></i> composto da <i><font color="#3366FF">Rikia</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Hardhu</font></i>, che significano rispettivamente
 +<i><font color="#666666">potente </font></i><font color="#000000">e </font><i><font color="#666666">forte,
 +audace, valoroso</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Liccardo è cognome calabrese che viene dalla voce dialettale
 +'<i><font color="#3333FF">liccardu</font></i>' = <i><font color="#666666">goloso</font></i>.
 +Un Likkardos è presente in un diploma siciliano nel 1103. Rohlfs
 +147.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Licciardi è anche cognome calabrese e in questa zona è
 +cognominizzazione del cognome francese <i><font color="#3333FF">Léchard</font></i>
 +dal francese dialettale '<i><font color="#3333FF">lichard</font></i>' =
 +<i><font color="#666666">ghiotto</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICCHELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del leccese, potrebbe
 +derivare dall'aferesi di un indicativo di provenienza dal toponimo Gallicchio
 +(PZ). Un'interessante teoria viene proposta dal Sig.&nbsp; Marco Licchelli,
 +secondo la quale Licchelli potrebbe anche derivare dall'unione di "li"
 +che nel dialetto salentino sta per l'articolo i e ilcognome Cheli , assai
 +diffuso nell'Italia centrale. La doppia c e la doppia l potrebbero essere
 +dovute al naturale raddoppiamento delle consonanti nel dialetto salentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICHELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo è quasi certamente
 +dovuto ad un errore di trascrizione del cognome Licchelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICHERI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente sardo, dovrebbe derivare
 +dal toponimo oggi scomparso Lokeri situato nella valle del Tirso.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICI
 +<br>LICIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Lici, molto molto raro, è tipicamente toscano del fiorentino, di
 +Calenzano in particolare, Licia, sempre toscano, è praticamente
 +unico, dovrebbero derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Licius,
 +Licia</font></i>, di cui abbiamo un esempio d'uso nel <i><font color="#3366FF">Comentum
 +super Dantis Aldigherij Comoediam</font></i> diBenvenuto da Imola: "<font color="#CC33CC">..Unde
 +dicit: ov'è il buon Lizio, quasi dicat, non est alius similis; et
 +vere fuit bonus et prudens miles, nec reliquit ex se haeredem. Nam dominus
 +</font><font color="#FF0000">Licius</font><font color="#CC33CC"> de Valbona,
 +nuntiata sibi morte unius sui filii imbecillis, non mutato vultu, dixit:
 +hoc non est mihi novum, quia semper fuit mortuus; sed nuntia mihi pro novo
 +si est sepultus..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del bergamasco ha anche un ceppo nel bellunese, dovrebbe derivare
 +dal nomen latino Licinius, anche indirettamente, attraverso l'antico toponimo
 +lombardo Forum Licini (Foro di Licinio) che si potrebbe identificare con
 +l'attuale Lecco, citato anche da Plinio nella sua <font color="#3366FF">Naturalis
 +Historiae</font>: "<font color="#CC33CC">...Oromobiorum stirpis esse Comum
 +atque Bergomum et </font><font color="#FF0000">Licini Forum</font><font color="#CC33CC">
 +aliquotque circa populos auctor est Cato...</font>".&nbsp; Tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo nel 1200 a Gromo (BG) quando Federico II°
 +ne affida il feudo ai Ginami dei Licini, le troviamo anche in un testamento
 +di un certo fra Eustachio Licini da Poscante (BG), stilato il 3 maggio
 +1451, in favore della locale chiesa di S. Bernardino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICINIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente raro, non è
 +possibile identificare un areale di provenienza, anche se si potrebbe ipotizzare
 +un'origine pugliese nella provincia di Bari, deriva dal nomen latino Licinius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICOFONTE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licofonte, praticamente unico, dovrebbe derivare dal nome omerico <i><font color="#3333FF">Licofonte</font></i>,
 +un troiano ucciso da Teucro, il cui nome deriva da <font color="#3333FF">λΰκος
 +<i>lycos</i></font> (<i><font color="#666666">lupo</font></i>) e da <font color="#3333FF">-φόντης
 +<i>-fontes</i></font> (<i><font color="#666666">uccisore</font></i>), con
 +il significato di "<i><font color="#666666">colui che uccide i lupi</font></i>",
 +non si può escludere che possa trattarsi di un cognome attribuito
 +ad un trovatello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICOMATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licomati, estremamente raro, è tipico di Palagiano nel tarantino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arbëreshë (più probabilmente greco-albanese),
 +il cognome Licomati deriva dell'espressione greca <i><font color="#3366FF">lykomati</font></i>,
 +che, composta dai termini <i><font color="#3366FF">lykos</font></i> (<i><font color="#999999">lupo</font></i>)
 +e <i><font color="#3366FF">mati</font></i> (<i><font color="#999999">occhio</font></i>),
 +può essere tradotta come <i><font color="#999999">occhio di lupo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Occhilupo</font>). In conclusione, dunque,
 +si tratterebbe della cognominizzazione di un soprannome attribuito al/la
 +capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICORDARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licordari, abbastanza raro, ha un piccolo ceppo nel cosentino a Scalea
 +e Praia a Mare, ma il ceppo più importante è nel reggino
 +a Melito di Porto Salvo, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal fatto che la famiglia facesse il mestiere di produttori di corde.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Guido Licordari</font></font>
 +<br>Il cognome nasce quasi sicuramente da una località con lo stesso
 +nome, non segnalata sulle mappe ma conosciuta dai suoi abitanti, nel territorio
 +di Roccaforte del Greco (a circa 4 km a sud-ovest del paese), nell'interno
 +della costa jonica, in particolare sulla via che da Melito si inoltra nell'interno.
 +<br>Trattandosi di area grecanica dove ancora oggi si parla un dialetto
 +greco, l'origine del nome non va ricercato nei dialetti del sud , ma dalla
 +lingua greca dove il termine lykos significa lupo, e sicuramente a questa
 +etimologia va collegato il cognome in oggetto. Sarebbe ben strano fra l'altro
 +che i Licordari che abitavano sull'Aspromonte a decine e decine di km dal
 +mare fabbricassero corde e reti utilizzate soprattutto dai pescatori. Molto
 +più probabile, invece, che avessero a che fare con i lupi (in greco
 +il verbo dero o deiro significa scuoiare), frequenti in queste terre montane
 +e selvagge dove l'attività economica principale era la pastorizia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LICURSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Licursi ha un ceppo nel campobassano ad Ururi, Santa Croce di Magliano
 +e Portocannone, ed un ceppo nel cosentino a Castroregio, Scalea e Mongrassano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine arbëreshë, il cognome Licursi sembra derivare dalla
 +toponomastica albanese e, più precisamente, dall'antico villaggio
 +di <i><font color="#3366FF">Lekursi</font></i> (anche noto come <i><font color="#3366FF">Lekurësi</font></i>),
 +che, un tempo, apparteneva alla prefettura di Valona: ancora oggi, in effetti,
 +il territorio della vecchia Lekursi ospita il castello di Lekursi, in prossimità
 +della città di Sarandë (una delle più note mete turistiche
 +nella Riviera Albanese).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LI DESTRI
 +<br>LIDESTRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Li Destri, molto raro, sembrerebbe tipicamente siciliano, in particolare
 +di Mazzarino nel nisseno, Lidestri, assolutamente rarissimo, dovrebbe essere
 +dovuto ad un erore di trascrizione del precedente, potrebbero derivare
 +dal fatto di essere il capostipite un figlio di uno chiamato con il nome
 +tardo medioevale <i><font color="#3366FF">Dester</font></i> o <i><font color="#3366FF">Destro</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Dester</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LI DONNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00lidonni.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="116"><font size="-1">Li Donni è tipicamente siciliano, ha un ceppo sull'isola di Lipari
 +nel messinese ed uno a Palermo, dovrebbe derivare da una forma contratta,
 +alterata dialettalmente, di <i><font color="#3333FF">Li Domini</font></i>
 +(<i><font color="#666666">i Signori</font></i>), famiglia nobile, di cui
 +troviamo tracce durante la dominazione spagnola, quando ebbe incarichi
 +importanti, ricordiamo, agli inizi del 1500, l'Inquisitore don Giovanni
 +Li Donni di Noto nel siracusano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">stemma fornito da Claudio Li Donni</font></font>
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIECHTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di una rarità notevole non
 +si trovano elementi che consentano l'identificazione di una possibile origine,
 +che dovrebbe comunque non essere italiana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della zona tra Milano e
 +Como, potrebbe derivare dal nome femminile germanico Lietgarda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">LIFFREDI
 +<br>LIFFREDO
 +<br>LIFREDI
 +<br>LIFREDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Liffredo, assolutamente rarissimo è dell'area piemontese, sia Lifredi
 +che Liffredi sono quasi unici ed anche loro sicuramente piemontesi, Lifredo
 +non risulta più presente in Italia, dovrebbero tutti derivare da
 +una modificazione aferetica del nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Galifridus</font></i>,
 +o <i><font color="#3366FF">Galifredus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in un testamento dell'anno 1277: "<font color="#CC33CC">...Omnibus Christi
 +fidelibus ad quos presens scriptum pervenerit, </font><font color="#FF0000">Galifridus</font><font color="#CC33CC">
 +de Thorp, salutem. Noverit universitas vestra me concessisse et presentí
 +