User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_g

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_g [2020/02/17 22:49] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - G ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABALDI
 +<br>GABALDO
 +<br>GAVALDO
 +<br>GAVAUDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabaldi, assolutamente rarissimo, ha piccoli ceppi nel torinese, nel nordmilanese
 +e varesotto e nel rovigoto, Gabaldo, molto raro, ha un ceppo tra veronese
 +e padovano, in particolare a Santa Margherita d'Adige, Ospedaletto Euganeo
 +e Montagnana nel padovano ed a Verona, ed uno nel bolognese, a Castel Guelfo
 +di Bologna e Medicina, Gavaldo, rarissimo, sembrerebbe del savonese ed
 +imperiese, Gavaudo &egrave; praticamente unico, dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale di origini Franche <i><font color="#3333FF">Gabaldus</font></i>
 +che troviamo ad Arles in Provenza, tra i Templari in partenza per le Crociate
 +nel 1175, dove figura un tale Bertrandus Gabaldus, nome a sua volta derivato
 +dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Wadbald</font></i>, composto
 +da <i><font color="#3333FF">wad</font></i> (<i><font color="#666666">impegno</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">bald</font></i> (<i><font color="#666666">audace</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">determinato nell'audacia</font></i>, ma &egrave; anche possibile che questi cognomi possano derivare dal nome
 +medioevale francese <i><font color="#3333FF">Gabaud</font></i>, o dal nome
 +medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Wadivald</font></i>, composto
 +da <i><font color="#3333FF">wadi</font></i> (<i><font color="#666666">impegno</font></i>) e da <i><font color="#3333FF">waldan</font></i> (<i><font color="#666666">governo,
 +governare</font></i>), con il significato di <i><font color="#666666">colui
 +che governa con impegno</font></i>, che &egrave; all'origine anche del
 +nome Gabaud, un'ultima ipotesi propone invece una derivazione di questi
 +cognomi da forme etniche originate dal nome del popolo gallico dei <i><font color="#3333FF">Gabali</font></i>
 +stanziati in Linguadoca.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gabaldo &egrave; cognome veneto. Secondo Olivieri 160 deriva dal personale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Gabuard</font></i>, F&ouml;rstemann
 +562.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP width="140"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABALLO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del Salento, difficile individuare la possibile origine, molto improbabile
 +&egrave; una derivazione dalla popolazione celtica dei Gaballi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABANELLA
 +<br>GABANELLI
 +<br>GAVANELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabanella, assolutamente rarissimo, &egrave; del rovigoto, Gabanelli, altrettanto
 +raro, sembrerebbe del bergamasco, Gavanelli &egrave; un cognome specifico
 +di Imola nel bolognese, potrebbe derivare da un soprannome, attribuito
 +ai capostipiti, originato, attraverso il fenomeno del betacismo, dal termine
 +italiano antico <i><font color="#3333FF">gabbanella</font></i>, forma diminutiva
 +del termine arcaico <i><font color="#3333FF">gabbano</font></i> (<i><font color="#666666">casacca
 +o veste corta</font></i>), con il vocabolo <i><font color="#3333FF">gabanella</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">gavanello</font></i> un idiotismo del settentrione
 +d'Italia, si indicava <i><font color="#666666">una sorta di giacchetta</font></i>,
 +ma il termine veniva anche usato per indicare chi si ritenesse essere <i><font color="#333333">uno
 +scansafatiche</font></i><font color="#000000">, </font><i><font color="#333333">un
 +fannullone</font></i>, o anche <i><font color="#666666">una persona frivola
 +e troppo loquace</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABARDI
 +<br>GABARDO
 +<br>GABOARDI
 +<br>GABOARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabardi ha un ceppo lombardo tra milanese e varesotto, in particolare a
 +Cassano Magnago (VA) e Milano, ed uno trentino a Romeno, Gabardo &egrave;
 +quasi unico, Gaboardi, decisamente lombardo, &egrave; tipico in particolare
 +dell'area sudmilanese, lodigiana e cremonese, Gaboardo &egrave; unico,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gaboardus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Gabardus</font></i>, latinizzazione del germanico
 +<i><font color="#3366FF">Gebhard</font></i>, di questo nome abbiamo un
 +esempio in una descrizione della corte di federico Barbarossa, dove si
 +legge tra l'altro: "<font color="#CC33CC">...Comes </font><font color="#FF0000">Gabardus</font><font color="#CC33CC">
 +erat in bello fortissimus, honoris avidus, largus, dapsilis, hilaris atque
 +iocundus...</font>", o anche in un atto del 1495: "<font color="#CC33CC">1495
 +Jnd. xiiij Die Jouis xij mensis no^bris Jn loco de gauirate&nbsp; v^z jn
 +domo nob^ d^ni </font><font color="#FF0000">gabardi</font><font color="#CC33CC">
 +de bex.&deg;&nbsp; Conuocati d. </font><font color="#FF0000">gabardus</font><font color="#CC33CC">
 +de bex.&deg; fq' d.Jacobi&nbsp; d. petrus de carchano fq^ d.mathei d.&nbsp;
 +bernardinus de bex.&deg; fq^ d.nicolai et d^nus...</font>". Esempio di
 +questa cognominizzazione si ha nel 1300 con il nobile casato dei Gaboardi
 +Signori di Macerata Feltria (PS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABARDINI
 +<br>GABARDINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabardini, cognome, decisamente lombardo, quasi scomparso in Italia, parrebbe
 +dell'area bresciana, cos' come l'ancora pi&ugrave; raro Gavardini, potrebbe
 +trattarsi di forme etniche derivate dal toponimo Gavardo nel bresciano,
 +ma molto pi&ugrave; probabilmente si tratta di forme ipocoristiche del
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gabardus</font></i>, latinizzazione
 +del germanico <i><font color="#3366FF">Gebhard</font></i>, (<font color="#CC33CC">vedi
 +GABARDI</font>) di quast'uso abbiamo un esempio in un atto del 1389 a Brebbia
 +nel varesotto: "<font color="#CC33CC">...Sindicatus plebis Brebie die iovis
 +vigesimotertio mensis ianuarii. In loco Besutio, in clauso fratrum. Convocatis
 +et congregatis infrascriptis hominibus et singularibus personis tam nobilium
 +quam vicinorum plebis Brebie voluntarie et ex certa eorum scientia pro
 +infrascriptis peragendis et executioni mandandis, in qua quidem convocatione
 +et congregatione aderant, fuerunt et sunt dominus </font><font color="#FF0000">Gabardinus</font><font color="#CC33CC">
 +filius quondam domini Iacobi de Carnixio de loco Cocho, Petrolus de Carnixio
 +filius quondam domini Iohannis de Carnixio pro comunitate nobilium de Carnixio...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabba &egrave; tipico della zona che comprende l'alessandrino, il pavese,
 +il piacentino ed il parmense, con un ceppo anche nel cagliaritano, dovrebbe
 +derivare da un soprannome basato sul termine arcaico <i><font color="#3333FF">gabba</font></i> (<i><font color="#666666">imbroglio</font></i>) usato per indicare mariuolo, imbroglione, ingannatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBAN
 +<br>GABBANA
 +<br>GABBANI
 +<br>GABBANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabban ha qualche presenza nell'alessandrino e novarese e nel rovigoto,
 +Gabbana &egrave; specifico della zona che comprende il trevisano, il pordenonese
 +ed il veneziano, Gabbani ha un ceppo nel verbanese, uno in Toscana, tra
 +pistoiese, fiorentino e pisano ed uno nel pesarese, Gabbano &egrave; praticamente
 +unico, dovrebbero derivare dal termine arcaico <i><font color="#3333FF">gabbana</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">gabbano</font></i>, <i><font color="#666666">una
 +specie di largo cappotto</font></i> usato in epoca medioevale, con maniche
 +e cappuccio, a volte foderato di pelliccia, forse ad indicare che i capostipiti
 +fossero soliti indossare un simile capo o che magari li producessero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBIADINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico bergamasco, potrebbe derivare
 +dal cognomen latino Gabius o Gabinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBIANI
 +<br>GABBIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabbiani ha un piccolo ceppo lombardo nel milanese e nel bresciano, uno
 +a Genova, uno, il pi&ugrave; consistente, a Piacenza e nel piacentino,
 +ed uno altrettanto importante in Toscana, nel fiorentino a Campi Bisenzio
 +e Firenze, a Prato ed a Pistoia, Gabbiano ha un piccolo ceppo in Piemonte
 +ed uno nel napoletano, dovrebbero derivare dal processo di corruzione betacistica
 +del cognomen latino <i><font color="#3333FF">Gavianus</font></i>, un nome
 +personale dei liberti della <i><font color="#3333FF">Gens Gavia</font></i>.
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche GAVIANI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBIANELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto poco comune &egrave; tipico del pesarese, potrebbe derivare da un
 +soprannome legato ad un indicativo di localit&agrave;.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Gianna
 +Ferrari De Salvo</font></font>
 +<br>il cognome, anche nella forma Gabbiani, diffuso in Toscana e nel centro-
 +settentrione, non sembra avere alcuna relazione con il gabbiano, ma&nbsp;
 +risale al cognome latino Gavianus, derivato da Gavius, nomen e cognomen
 +molto diffuso a Roma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABBIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico piemontese, dovrebbe
 +derivare dal cognomen latino Gabius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABELLA
 +<br>GABELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Potrebbero esistere almeno 3 ceppi di Gabella, uno nel napoletano che potrebbe
 +derivare dal toponimo Gabella (CZ), uno nelle provincie di Parma e La Spezia
 +ed uno in quelle di Brescia e Mantova, Gabelli invece sembra avere oltre
 +al nucleo parmense anche un ceppo romagnolo ed uno fiorentino, la derivazione
 +in questi casi dovrebbe essere un soprannome legato al mestiere di gabelliere
 +o daziere, ma &egrave; pure possibile una derivazione da nomi di localit&agrave;
 +come il fiume Gabellus cos&igrave; chiamato dai latini che lo mutarono
 +poi in Secula che si modific&ograve; quindi nell'attuale Secchia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABELLIERI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dovrebbe essere originario della
 +provincia di Pistoia e Livorno, la derivazione dovrebbe essere un soprannome
 +legato al mestiere di gabelliere o daziere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABERSCEK
 +<br>GABERSCIG
 +<br>GABERSCIK</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaberscek, Gaberscik e Gaberscig sono quasi scomparsi, si tratta di cognomi
 +di origine slovena derivanti dal termine slavo <i><font color="#3366FF">gaber</font></i>
 +(<i><font color="#999999">carpine</font></i>, <i><font color="#999999">albero
 +di alto fusto della famiglia delle betullacee</font></i>) con l'aggiunta
 +del suffisso <i><font color="#3366FF">scek</font></i> indicante la provenienza,
 +si tratta quindi di un cognome indicante che il capostipite proveniva da
 +una zona ricca di carpini, o da localit&agrave; che da quel tipo di pianta
 +avevano preso il nome. Il famoso cantante milanese Giorgio Gaber in effetti
 +si chiamava Gaberscik.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabiati, assolutamente rarissimo, ha presenze in Piemonte e nel Lazio,
 +dovrebbe derivare da un'alterazione del nome medioevale del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Gaboaldus</font></i>, una latinizzazione del nome
 +germanico <i><font color="#3333FF">Wadbald</font></i>, (<font color="#CC33CC">vedi
 +GABO</font>), ma &egrave; anche possibile che derivi da un antico nome
 +di localit&agrave;, il cui nome sia derivato dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Gabius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABINI
 +<br>GABINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabini, assolutamente rarissimo, &egrave; presente a macchia di leopardo
 +nell'Italia centrosettentrionale ed in Campania, Gabino, ha un piccolo
 +ceppo ligure, uno friulano ed uno campano, dovrebbero derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Gabinia</font></i> che ha dato luogo al nomen <i><font color="#3366FF">Gabinius</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Gabinus</font></i>, ma &egrave; pure
 +possibile che derivino dall'antica citt&agrave; laziale di Gabii, devastata
 +e rasa al suolo da Annibale, situata ad una ventina di chilometri da Roma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABO
 +<br>GABOS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gabo &egrave; unico, Gabos &egrave; un cognome specifico di Cles in trentino,
 +dovrebbero derivare da una forma contratta del nome medioevale germanico
 +<i><font color="#3333FF">Gaboaldus</font></i>, a sua volta derivato dal
 +nome germanico <i><font color="#3333FF">Wadbald</font></i>, che &egrave;
 +il prodotto dell'unione dei termini medioevali germanici <i><font color="#3333FF">wad</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pegno</font></i>) e <i><font color="#3333FF">bald</font></i>
 +(<i><font color="#666666">audacia, coraggio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABRIEL
 +<br>GABRIELE
 +<br>GABRIELI
 +<br>GABRIELLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00gabrielli.gif" NOSAVE BORDER=0 height=90 width=51 align=RIGHT><font size=-1>Gabriel, assolutamente rarissimo, &egrave; del trevigiano, Gabriele &egrave;
 +diffuso in tutto il centrosud, Gabrieli, molto diffuso ha ceppi in tutto
 +il nord Italia, nella fascia centrale che comprende il Lazio e l'Abruzzi,
 +la Puglia e la Calabria, Gabrielli &egrave; diffuso in tutt'Italia, particolarmente
 +al centro nord, derivano dal nome medioevale Gabriello che a sua volta
 +deriva dal <font color="#3366FF">Gabrielius</font> bizantino.&nbsp; Casato
 +importante quello dei Gabrielli a Roma, iscritti fra le famiglie nobili
 +fin dal 1300, ricordiamo Jacobello Gabrielli, Nobile Romano e Conservatore
 +di Roma nel 1388.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GABURO
 +<br>GABURRI
 +<br>GABURRO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaburo &egrave; praticamente unico ed &egrave; quasi sicuramente dovuto
 +ad un errore di trascrizione di Gaburro, Gaburri &egrave; un cognome abbastanza
 +raro, tipico lombardo, originario della zona tra la provincia di Sondrio
 +e quella di Brescia, di Piateda (SO) in particolare, ma ha anche un ceppo
 +probabilmente secondario a Sansepolcro (AR), Gaburro &egrave; decisamente
 +specifico del veronese, dovrebbero derivare da un soprannome dialettale.
 +Tracce di questo cognome si trovano a Bione (BS) fin dalla seconda met&agrave;
 +del 1500 con il parroco don Paolo Gaburri e, sempre nel bresciano, a Remedello
 +con il Rettore Pietro Gaburri a cui si deve la costruzione della Parrocchia
 +di Remedello Sopra nel 1601.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Gianna
 +Ferrari De Salvo</font></font>
 +<br>secondo il linguista veronese Rapelli, il cognome Gaburro sarebbe stato
 +foggiato sul trentino <i><font color="#3366FF">gaburo</font></i> (<i><font color="#999999">uomo
 +scaltro, furbo</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gaburo &egrave; un raro cognome presente in Veneto. Potrebbe venire
 +da una voce longobarda significante '<i><font color="#666666">contadino</font></i>'.
 +Secondo Olivieri 226 verrebbe invece dalla voce trentina '<i><font color="#3333FF">gaburo</font></i>'
 += <i><font color="#666666">forte</font></i>. Forse anche dai toponimi Gaburo
 +(PD), Gaburi (S. Giorgio in Salici, VR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GACCETTA
 +<br>GACCIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaccetta sembrerebbe specifico della provincia di Vibo Valentia, di Polia
 +in particolare, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul diminutivo
 +del termine dialettale calabrese arcaico <i><font color="#3333FF">gaccia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">scure, ascia</font></i>), probabilmente ad indicare
 +che il mestiere del capostipite fosse quello del <i><font color="#666666">legnaiolo</font></i>
 +o del <i><font color="#666666">produttore di carbone di legna</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GACCIONE
 +<br>GACCIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaccione &egrave; specifico del cosentino, di Acri e di Corigliano Calabro
 +in particolare, Gaccioni, quasi unico, &egrave; dovuto probabilmente ad
 +un errore di trascrizione del precedente, potrebbero derivare da forme
 +accrescitive di affettuosi dispregiativi dell'aferesi del nome <i><font color="#3333FF">Ugo</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Pietro
 +Gaccione</font></font>
 +<br>Gaccione deriva dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">gaccia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">scure, ascia</font></i>), sulla montagna della
 +Sila si praticava il mestiere del boscaiolo, e questo soprannome potrebbe
 +indicare chi di mestiere abbattesse con l'ascia gli alberi, usati sia per
 +produrre carbone che per altri usi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADA
 +<br>GADDA
 +<br>GADDI
 +<br>GADDINI
 +<br>GADDO
 +<br>GADDONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gada, molto molto raro, parrebbe della zona tra milanese&nbsp; e varesotto,
 +Gadda sembra avere due ceppi nel nord milanese e varesotto e nel modenese,
 +Gaddi ha un ceppo nel lecchese, uno nel modenese, uno nel goriziano, ma
 +&egrave; presente anche in Toscana, Lazio, Puglia e Sicilia, Gaddini ha
 +un ceppo a Lucca ed a Capannori nel lucchese ed uno a Roma, Gaddo, molto
 +molto raro parrebbe del nord Italia, Gaddoni &egrave; tipico di Imola nel
 +bolognese e di Bologna ed &egrave; ben diffuso anche a Faenza, Lugo, Castel
 +Bolognese, Russi e Ravenna nel ravennate, potrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici od accrescitivi, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gaddo</font></i> o <i><font color="#3366FF">Gadda</font></i>,
 +in un atto del 1329 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...hereus
 +de </font><font color="#FF0000">Gaddo</font><font color="#CC33CC"> de Visinyano,
 +... notari...</font>", ne' La Cronica di Santa Caterina di Pisa si pu&ograve;
 +leggere: "<font color="#CC33CC">...Frater Fatius de comitibus de Donoratico</font><font color="#000000">
 +(PI)</font><font color="#CC33CC">, germanus fratris </font><font color="#FF0000">Gaddi
 +</font><font color="#CC33CC">superius nominati...</font>", ma &egrave;
 +pure possibile che derivino da un nome di localit&agrave;, nel <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font> in un atto del maggio 1123
 +si legge: "<font color="#CC33CC">...predicta vinea iacet ad locum ubi dicitur
 +in</font><font color="#FF0000"> Gaddo</font><font color="#CC33CC">, est
 +ei a mane Sancti Ambrosii...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADALDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gadaldi, decisamente lombardo, &egrave; soprattutto
 +tipico del bresciano, di Montirone, Brescia e Ghedi, con ceppi anche nel
 +sondriese a Bianzone e Castello dell'Acqua, dovrebbe derivare dal nome
 +medioevale longobardo <i><font color="#3366FF">Gadoaldus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Gaidoaldus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto dell'anno 769: "<font color="#CC33CC">In
 +nomine Domini Dei Salvatoris nostri Jesu Christi die quinto mense Februario
 +regnante domnus Desiderius et Adelghis regibus anno regni eorum in Dei
 +nomine decimo..&nbsp; ..Et dum ego qui supra </font><font color="#FF0000">Gaidoaldus
 +</font><font color="#CC33CC">medicus adiuvare metuero in mea sit poteslate
 +sicut usque nunc defensandum dum curam impendendo pro eurum difensione
 +nam nulla de ea que inivi a me sunt collata aut unde que advenit alique
 +subterendum est post obitum meum omnia sicut superius decrevi stabilitum
 +permaneat et nullus de heredibus pro heredibus meis contra hanc meam cartulam
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADDARI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaddari &egrave; un cognome specifico di Nuoro in Sardegna, si dovrebbe
 +trattare di una forma contratta dell'antico vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">cavaddari</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">cabaddari</font></i> (<i><font color="#999999">cavaliere</font></i>),
 +il cognome dovrebbe derivare dall'essere stato il capostipite un cavaliere
 +bizantino, fino al X&deg; secolo la Sardegna rimase sotto il dominio bizantino
 +non subendo, come avvenne all'Italia continentale, l'occupazione dei vari
 +popoli barbari che si succedettero nel nostro paese dopo la caduta dell'impero
 +romano d'occidente, il governo bizantino in Sardegna organizzo intorno
 +all'VIII&deg; secolo dei <i><font color="#3366FF">limitanei </font></i><font color="#000000">(</font><i><font color="#999999">truppe
 +di frontiera</font></i>), sia soldati che contadini, cui era stato affidato
 +un piccolo proprio territorio in prossimit&agrave; di aree di confine,
 +con il permesso di coltivarlo e con il compito di difendere in armi il
 +confine stesso; il Supramonte fu uno dei territori dove si concentrarono
 +molti di questi limitanei.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADDONE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaddone, assolutamente rarissimo, &egrave; tipico del nuorese, dovrebbe
 +trattarsi di una forma alterata derivata da un soprannome originato da
 +una forma accrescitiva del termine sardo <i><font color="#3333FF">gaddu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">callo</font></i>), forse ad indicare che il capostipite
 +svolgesse un lavoro di fatica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Sembra essere caratteristico del
 +milanese e del pavese, potrebbe essere l'abbreviazione di un nome gotico
 +Gadaric o Gadialric o la modificazione dialettale del nome medioevale Gaddo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADIGNANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gadignani, quasi unico, dovrebbe derivare dal nome del paese di Gadignano,
 +una frazione del comune di Pianello Val Tidone nel piacentino, probabile
 +luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GADIOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gadioli &egrave; tipico della zona che comprende il veronese ed il mantovano
 +a Roverbella, Castel d'Ario e Mantova, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Gadiolus</font></i>, forma aferetica del nome
 +del fiore <i><font color="#3333FF">Rhagadiolus Stellatus</font></i> (<i><font color="#666666">radicchio
 +stellato</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAETA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto diffuso in tutto il meridione, con massima concentrazione in Campania
 +e nel napoletano, dovrebbe derivare dal nome della penisola di Gaeta, ma &egrave;
 +pure possibile una derivazioni da nomi di localit&agrave; originati dal
 +vocabolo greco <i><font color="#3366FF">kai&egrave;ta</font></i> (piccola
 +baia, insenatura) o anche, ma molto meno probabile una derivazione dal
 +nome greco <i><font color="#3366FF">Kaieta</font></i>, il nome portato
 +dalla nutrice di Enea.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAETANI
 +<br>GAETANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00gaetani.gif" NOSAVE BORDER=0 height=85 width=100 align=LEFT><font size=-1>Gaetani ha un nucleo nel cosentino, uno nel Salento, uno nel Lazio ed uno
 +nelle Marche, Gaetano &egrave; tipico calabrese con un ceppo anche nel
 +napoletano, derivano dal toponimo Gaeta (LT), ma anche spesso dal nome
 +Gaetano, a sua volta derivato dal cognomen latino Caitanus, troviamo tracce di questo
 +nobile casato nel 1300 con i Gaetani d'Aragona signori di Fondi (LT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAFFO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaffo &egrave; tipico del padovano, di Montegrotto Terme, Abano Terme,
 +Galzignano Terme e Padova e di Montebelluna nel trevisano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo veneto <i><font color="#3333FF">ganfo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">gaffo</font></i> (<i><font color="#666666">crampo</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#666666">spasmo</font></i>), difficile ipotizzarne
 +il motivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAFFURI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaffuri &egrave; tipicamente lombardo con un ceppo comasco ad Albese Con
 +Cassano, Como, Cant&ugrave;, Albavilla e Tavernerio ed un ceppo a Crema
 +(CR), difficile ipotizzare un'origine etimologica, improbabile una derivazione
 +dalla voce paleolombarda <i><font color="#3366FF">caffo</font></i> o <i><font color="#3366FF">gaffo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ceffo, tipaccio</font></i>), tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo a Lodi nella seconda met&agrave; del 1400
 +con il musicista lodigiano Franchino Gaffurio (1451-1522): "<font color="#CC33CC">Angelicum
 +ac divinum opus musice </font><font color="#FF0000">Franchini Gafurii</font><font color="#CC33CC">
 +laudensis Regii musici ecclesieq</font><font color="#000000">[ue]</font><font color="#CC33CC">
 +Mediolanensis phonasci</font>", personaggio degno di nota della seconda
 +met&agrave; del 1600 &egrave; stato lo scultore ed intagliatore comasco
 +Giuseppe Gaffuri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGGERI
 +<br>GAGGERO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaggeri, estremamente raro &egrave; specifico dell'alessandrino, Gaggero
 +&egrave; decisamente ligure, del savonese, genovese e basso alessandrino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>Diffuso nel genovese, savonese e alessandrino, Gaggero potrebbe avere
 +alla base un nome di mestiere, oppure un toponimo, o ancora potrebbe avere
 +alla base il <i><font color="#3366FF">gaggio</font></i>, cio&egrave; la
 +paga che veniva data ai militari che anticamente si arruolavano volontari
 +negli eserciti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gaggero &egrave; un cognome ligure tipico soprattutto di Voltri e delle
 +sue valli (Mele), da dove si &egrave; diffuso a Genova e, con diversa frequenza,
 +lungo la costa fino ad Alassio. Sembra una cognominizzazione del nome professionale
 +ligure <i><font color="#3333FF">gagg&ecirc;</font></i> '<i><font color="#666666">gabbiere</font></i>',
 +'<i><font color="#666666">marinaio addetto alla 'gabbia</font></i>' (<i><font size=-2>n.d.r.
 +Marinaio addetto al compito di manovrare le vele di gabbia, con il termine
 +gabbia nel 1400 si chiamava la parte mediana dell'intera alberatura, che
 +supportava le vele pi&ugrave; importanti per la spinta di navigazione</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGGIANI
 +<br>GAGGIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaggiani potrebbe avere due nuclei,
 +uno nel milanese e lodigiano che deriva dal toponimo Gaggiano (MI) ed uno
 +nelle provincie di Siena ed Arezzo, Gaggiano &egrave; specifico del foggiano
 +e sembra essere derivato dal toponimo Gagliano del Capo (LE) con una lieve
 +modifica dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGGINI
 +<br>GAGGINO
 +<br>GAGGIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaggini ha un ceppo nel varesotto e milanese, uno nel pistoiese ed uno
 +a Roma, Gaggino ha un ceppo nel milanese ed uno tra alessandrino e genovese,
 +Gaggio ha un ceppo originario nella provincia di Venezia, uno tra Como
 +e Milano ed uno tra, Modena e Bologna, dovrebbero derivare dai toponimi&nbsp;
 +Gaggiano (MI), Gaggio (VE) - (MO) - (BO), ma &egrave; pure possibile una
 +derivazione diretta dal termine longobardo <i><font color="#3333FF">gahagi </font></i>(<i><font color="#999999">bosco
 +sacro</font></i>) ad identificare una vicinanza fisica o spirituale della
 +famiglia d'origine con un simile tipo di bosco.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gaggio &egrave; cognome veneto. Secondo Olivieri 160 deriva dal personale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Gaido</font></i>, F&ouml;rstemann 565.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGGIOLA
 +<br>GAGGIOLI
 +<br>GAGGIOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaggiola, assolutamente rarissimo, sembrerebbe veneto, Gaggioli
 +sembra specifico della zona che comprende il modenese, il bolognese, la
 +Toscana e il perugino, Gaggiolo &egrave; rarissimo ed &egrave; specifico
 +del genovese, potrebbero derivare da toponimi come Gaggio Montano (BO)
 +o Gaggio di Piano (MO), o da nomi di localit&agrave; come Gaggiola (SP)
 +e (MS) o Poggio Gaggiola (BO) o La Gaggiola (VE), ecc.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIANESE
 +<br>GAGLIANESI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaglianese sembrerebbe specifico di Catanzaro, ma presenta un ceppo piemontese,
 +probabilmente secondario, a San Benigno Canavese (TO) ed a Livorno Ferraris
 +(VC), Gaglianesi, praticamente unico, &egrave; probabilmente dovuto ad
 +un errore di trascrizione, dovrebbero derivare dall'etnico di Gagliano
 +(CZ).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIANI
 +<br>GAGLIANO
 +<br>GALIANI
 +<br>GALIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gagliani e Galiani, entrambi rarissimi, sono napoletani, Gagliano sembra
 +tipico siciliano, Galiano &egrave; presente a macchia di leopardo in tutto
 +il sud ed in Sicilia, possono derivare da toponimi come Gagliano (TE),
 +(CZ), AQ), (LE) o (EN), ma &egrave; pure possibile una derivazione dalla
 +Gens Gallia.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Napoli
 +in un atto del 1547: "...Michelangelo Amato de Gagliano cumquibus omnibus
 +sit assertis et recognitis et pro inferto infradetto predetto et bene divulgato...",
 +nel 1700 sempre a Napoli &egrave; rinomato il mastro liutaio Alexander
 +Gaglianus, e pure: "<font color="#CC33CC">Janurius </font><font color="#FF0000">Gaglianus</font><font color="#CC33CC">
 +Alumnus Antonii Stradiuarii</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIARDELLI
 +<br>GAGLIARDI
 +<br>GAGLIARDINI
 +<br>GAGLIARDINO
 +<br>GAGLIARDO
 +<br>GAGLIARDONE
 +<br>GAGLIARDONI
 +<br>GAGLIARDUCCI
 +<br>GALIARDI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente panitaliano Gagliardi, mentre Gagliardo ha il suo nucleo
 +pi&ugrave; importante nel palermitano, un ceppo tra Napoli e Salerno, uno
 +in provincia di Savona ed uno in quella di Rovigo, Galiardi, assolutamente
 +rarissimo &egrave; probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del
 +primo, Gagliardelli &egrave; tipico di Modena, Maranello, Spilamberto e
 +Formigine nel modenese, Gagliardini ha un ceppo nella zona che comprende
 +l'anconetano, il maceratese ed il perugino, uno tra romano e latinense,
 +ed uno nel casertano, Gagliardino, molto molto raro, ha un ceppo ad Olevano
 +sul Tusciano, Gagliardone, anch'esso molto raro, ha un ceppo nell'alessandrino
 +ed uno nel pescarese, Gagliardoni &egrave; tipico di Perugia, Deruta ed
 +Assisi nel perugino, con un piccolo ceppo nel veronese, Gagliarducci &egrave;
 +tipico di Segni nel romano, di Roma e di Colleferro (RM), tutti questi
 +cognomi derivano, direttamente o tramite ipocoristici o accrescitivi, dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galiardus</font></i> e <i><font color="#3366FF">Gaiardo</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Come giustamente detto, l'origine di questi cognomi va ricercata nel
 +nome medievale <i><font color="#3366FF">Gagliardo</font></i>, l'italianizzazione
 +cio&egrave; del personale germanico <i><font color="#3366FF">Gailhard</font></i>,
 +che, composto dagli elementi <i><font color="#3366FF">geil</font></i> (<i><font color="#999999">vigoroso,
 +energico</font></i>) e <i><font color="#3366FF">hard</font></i> (<i><font color="#999999">forte,
 +duro</font></i>), pu&ograve; essere tradotto come <i><font color="#999999">molto
 +vigoroso, d'indole energica e gagliarda</font></i>; altre fonti, invece,
 +sostengono che il termine <i><font color="#3366FF">geil</font></i> significhi
 +letteralmente <i><font color="#999999">gaio, gioioso</font></i> e, seguendo
 +questa interpretazione, il nome Gagliardo pu&ograve; essere tradotto come
 +molto vivace, esuberante. Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque,
 +si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gagliardi muove dal nome proprio medievale <i><font color="#3333FF">Galiardus</font></i>,
 +dall'antico francese <i><font color="#3333FF">gaillard</font></i> &laquo;<i><font color="#666666">forte,
 +valoroso</font></i>&raquo;, passato a cognome. Fonte: F. Violi, Cognomi
 +a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gagliasso &egrave; tipicamente piemontese, di Torino e Moncalieri nel torinese,
 +di La Morra nel cuneese e di Roatto nell'astigiano, potrebbe derivare da
 +una modificazione dialettale del nome Galeazzo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Deriva dalla parola piemontese <i><font color="#3366FF">gajass</font></i>
 +con cui si indicavano <i><font color="#999999">i legacci con cui si formavano
 +i covoni di grano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIATI
 +<br>GALLIATI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gagliati &egrave; specifico di Abbiategrasso (MI), Galliati &egrave; praticamente
 +unico, dovrebbero derivare dal toponimo Galliate (NO) o Galliate Lombardo
 +(VA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della Sicilia sud occidentale, una possibile derivazione &egrave;
 +dal toponimo Gagliano Castelferrato (EN).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questo cognome va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Gaglio</font></i>,
 +l'italianizzazione cio&egrave; del personale germanico <i><font color="#3366FF">Geil</font></i>,
 +che, in antico alto tedesco, ha il significato di <i><font color="#999999">energico,
 +vigoroso</font></i> - secondo altre fonti, invece, il significato originale
 +sarebbe quello di <i><font color="#999999">vivace, gioioso</font></i> (vedi
 +Gagliardelli). In alternativa a quest'ipotesi, per&ograve;, non si pu&ograve;
 +escludere una derivazione dal termine siciliano <i><font color="#3366FF">gagghiu</font></i>,
 +che, alla lettera, pu&ograve; essere tradotto come <i><font color="#999999">screziato,
 +pinto</font></i>, probabilmente in riferimento al colore dei capelli (<font color="#CC33CC">vedi
 +Pinti</font>). Poco probabile, invece, una connessione col vocabolo <i><font color="#3366FF">caglio</font></i>
 +(anche noto come <i><font color="#3366FF">gagli</font></i>o), che, nella
 +lavorazione casearia, indica una sostanza acida - di origine animale, vegetale
 +o chimica - utilizzata per la coagulazione del latte. Per quanto riguarda
 +il cognome in questione, dunque, si tratta della cognominizzazione o dei
 +nomi personali dei capostipiti o di soprannomi ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGLIOTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaglioti &egrave; tipicamente calabrese, soprattutto del reggino, di Seminara,
 +Palmi e Bagnara Calabra e di Crotone, potrebbe derivare da una forma dialettale
 +arcaica per <i><font color="#3333FF">galeoto</font></i>, cio&egrave; marinaio
 +arruolato sulle galee, probabile occupazione del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gagna &egrave; un cognome tipicamente piemontese, di Fossano e del cuneese
 +in particolare, potrebbe derivare dal termine medioevale francese <i><font color="#3366FF">gagnant</font></i>
 +(<i><font color="#999999">colui che coltiva la terra e anche pastore</font></i>),
 +diventato anche in Francia cognome, ma potrebbe anche derivare dal termine
 +provenzale <i><font color="#3366FF">gagne</font></i> (<i><font color="#999999">corso
 +d'acqua</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAGNOR
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gagnor &egrave; un cognome rarissimo della Val di Susa, specifico della
 +zona di Borgone Susa (TO) e Condove (TO), potrebbe derivare dal toponimo
 +Gagnor, borgata di Condove, ma &egrave; pi&ugrave; probabile che derivi
 +da un soprannome originato dal vocabolo francese gagneor stante ad indicare
 +un agricoltore. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Condove
 +fin dal 1500: "<font color="#CC33CC">...fabricata al capo d'una pezza di
 +alteno delli heredi di </font><font color="#FF0000">Martino Gagnor</font><font color="#CC33CC">
 +di Condove...</font>", ricordiamo inoltre il condovese Giuseppe Pietro
 +Gagnor vescovo di Alessandria nato verso la fine del XIX&deg; secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAI
 +<br>GAJ
 +<br>GAY</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gai ha un grosso ceppo piemontese, a Torino soprattutto, ma anche ad Asti,
 +San Damiano d'Asti, Canelli, Tigliole e Vigliano d'Asti nell'astigiano
 +ed a Collegno, Vinovo, Castellamonte e Moncalieri nel torinese, uno toscano
 +a Pistoia, con ceppi anche a Livorno, Firenze e Sansepolcro nell'aretino,
 +ed uno laziale, nel viterbese a Bassano Romano e Civita Castellana, ed
 +a Roma, Gaj, molto raro, &egrave; specifico di Torino ed Asti, Gay, anch'esso
 +precipuamente torinese, a ceppi anche ad Alessandria ed a Pinerolo e Roure
 +nel torinese, per questi cognomi si possono formulare varie ipotesi, la
 +prima &egrave; che possano derivare dal praenomen latino <i><font color="#3366FF">Gaius</font></i>
 +, lo stesso di Giulio Cesare, ma non si pu&ograve; escludere un'origine
 +provenzale e che derivino quindi da soprannomi originati da una particolare
 +gaiezza del capostipite, un'ultima ipotesi, meno probabile, li collega
 +ad un soprannome originato dal termine gotico <i><font color="#3366FF">gahil-</font></i>
 +(<i><font color="#999999">aiutare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIARDELLI
 +<br>GAIARDI
 +<br>GAIARDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaiardelli ha un ceppo nel nord del milanese e nel novarese ed uno pi&ugrave;
 +consistente nel veronese, Gaiardi &egrave; raro sembra avere un ceppo nel
 +bellunese, uno nel cremonese ed uno nel forlivese, Gaiardo &egrave; tipico
 +della zona che comprende il bellunese ed il Friuli, dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Gaiardus</font></i>
 +di cui abbiamo traccia ad esempio in un atto tratto dal <font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico Bresciano</font> datato nel 1184 a Brescia, dove si legge:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Iohannes Gaiardus</font><font color="#CC33CC">
 +iuratus testatur patrem suum tenere de terra tenute, unde iis est...</font>".&nbsp;
 +esempio di questa cognominizzazione lo troviamo a Rovigno in Istria fin dalla
 +seconda met&agrave; del 1400 con la famiglia Gaiardo da d&ograve; Castei.&nbsp;
 +Il ceppo lombardo potrebbe aver preso il nome dal termine gaiardo usato
 +anche per indicare il famoso carroccio (quello della lega contro il Barbarossa).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIASCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaiaschi &egrave; tipico dell'area pavese, piacentina, di Golferenzo nel
 +pavese in particolare, dovrebbe derivare dal nome del paese di Gaiasco,
 +una frazione del paese di Bistagno nell'alessandrino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dovrebbe essere originario del
 +varesotto, deriva dal nome medioevale Galeazzo, con una lieve modifica
 +dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIBA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaiba &egrave; specifico di Bologna e del bolognese e ferrarese, possibile,
 +ma improbabile una derivazione dal toponimo Gaiba nel rovigoto, potrebbe
 +derivare dalla voce celtica <i><font color="#3366FF">gaibo</font></i> (<i><font color="#999999">bocca,
 +becco, racconto</font></i>) ma sfugge il possibile collegamento, potrebbe
 +derivare dal verbo gotico <i><font color="#3366FF">gaibnjan</font></i>
 +(<i><font color="#999999">appiattire livellare</font></i>) e starebbe in
 +questo caso ad indicare che il capostipite svolgeva quel tipo di mansione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIBOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Di origine bresciana, un'ipotesi
 +sulla derivazione del nome, ma molto discutibile &egrave; la derivazione
 +da un soprannome originato dal toponimo Gaiba (RO), un'altra ipotesi altrettanto
 +debole &egrave; che all'origine del soprannome ci sia il nome latino Galba
 +o Gabinius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIDO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del torinese, deriva dal&nbsp; nome medioevale di origine germanica
 +<i><font color="#3366FF">Gaidus</font></i> (da cui deriver&agrave; il nome
 +Guido) di cui abbiamo un esempio in epoca longobarda: "<font color="#CC33CC">...Karolus
 +vero haec audiens, mandans eorum fidelitatis fidem suscepturus et honoraturus,
 +Rotecausus et </font><font color="#FF0000">Gaidus</font><font color="#CC33CC">
 +ducibus, cum multis Foroiulianorum consilio inito, ut se viriliter contulisset...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIDOLFI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaidolfi, assolutamente rarissimo, &egrave; tipico dell'area che comprende
 +il bresciano, il cremonese ed il piacentino, dovrebbe derivare dal nome
 +longobardo <i><font color="#3366FF">Gaidulfus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in una <i><font color="#3366FF">Cartula ofersionis et precarie</font></i>
 +dell'anno 1014 a Cremona: "<font color="#CC33CC">In nomine domini Dei et
 +salvatoris nostri Iesu Christi. Einricus gratia Dei imperator agustus,
 +anno imperii eius Deo propicio primo, quinto die mensis aprilis, indictione
 +duodecima. Episcopio Sancte Cremonensis Ecclesie, ubi nunc domnus Landulfus
 +episcopus preordinatus esse videtur, nos in Dei nomine Ingelram et Ildevertus
 +germanis, </font><font color="#FF0000">Gaidulfus</font><font color="#CC33CC">
 +nepus eorum, item Ildevertus et Imo germanis, qui professi summus ex nacione
 +nostra legem vivere Langobardorum...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIFFI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaiffi &egrave; specifico di Pistoia e di Prato, dovrebbe derivare dall'italianizzazione
 +apocopaica del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Waifhari</font></i>,
 +a sua volta composto dai termini <i><font color="#3333FF">waif</font></i>
 +(<i><font color="#666666">femmina, moglie</font></i>) ed <i><font color="#3333FF">hari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">esercito</font></i>), con il significato di <i><font color="#666666">difensore
 +della propria moglie</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIGA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro &egrave; specifico della Lessinia nel veronese, di origine
 +cimbra, deriva da un soprannome originato dal vocabolo cimbro <i><font color="#3366FF">gaiga</font></i>
 +una sorta di strumento (piva) fatta con la corteccia del salice.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAILLARD
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaillard, decisamente valdostano, di Chambave in particolare, dovrebbe
 +derivare da un nome celta originato dal vocabolo celtico <i><font color="#3366FF">gall</font></i>
 +(<i><font color="#999999">forza coraggio</font></i>), attribuito al proprio
 +figlio da genitori che augurassero a questi una vita all'insegna del coraggio,
 +probabilmente sognando di farne un valoroso guerriero. (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche GAGLIARDELLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIMARI
 +<br>GAIMARO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaimari, assolutamente rarissimo, parrebbe del salernitano, Gaimaro, ormai
 +scomparso in Italia, &egrave; sempre dell'area napoletano, salernitana,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gaimarus</font></i>
 +portato probabilmente dal capostipite, di questo nome abbiamo un esempio
 +a Brescia in un atto del 1189: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Gaimarus</font><font color="#CC33CC">
 +de Nuvolaria iuratus testatur idem quod Albertus Albrici de Nuvolaria,
 +excepto quod non dicit Iohannem Ottonis tunc esse sindicum de Nuvolaria,
 +imo Bellinum dicit esse sindicum tunc, et quod Iohannes Razcaxolus non
 +fuit de designatoribus, imo Muzzius de Serlis, et quod dicit circa XII
 +annos esse quod hoc fuit, et addit quod circa XX homines de Serlis erant
 +ibi ad illam designacionem..</font>", ricordiamo che la diffusione di questo
 +cognome nel salernitano pu&ograve; essere motivata dal nome di Gaimaro
 +Principe di Salerno nel XI&deg; secolo. Tracce lombarde di queste cognominizzazioni
 +le troviamo nel 1600 con un certo Tommaso Gaimaro da Cremona citato negli
 +<i><font color="#3366FF">Acta Congregationis</font></i> dei Padri Somaschi
 +dal 1603 al 1663.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIOFATTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaiofatto, molto raro, &egrave; specifico dell'area padovana, dovrebbe
 +derivare da una particolare italianizzazione dialettale del nome biblico <i><font color="#3333FF">Jehoshaphat</font></i>,
 +che significa <i><font color="#666666">il Signore Iddio &egrave; il tuo
 +Giudice</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAIPA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, ha un ceppo palermitano ed uno probabilmente secondario
 +a Napoli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>ipotesi fornita da Gianna Ferrari
 +De Salvo</font></font>
 +<br>deriverebbe, secondo il Caracausi, dal termine dialettale siciliano.
 +g&agrave;ipa, &agrave;ipa, g&agrave;ibba denominazione generica delle diverse
 +specie di gabbiani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>GAITA
 +<br>GAITI
 +<br>GAITO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Gaita, molto raro &egrave; dell'avellinese, Gaiti ha un ceppo bergamasco
 +lungo il Serio&nbsp; tra Premolo, Ardesio e Gandellino, ed uno nel parmense,
 +Gaito &egrave; tipico del napoletano ed alto salernitano, potrebbero derivare
 +dal toponimo Gaeta, o da toponimi simili, ma &egrave; pi&ugrave; probabile
 +che derivino dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3333FF">Gaidus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in epoca longobarda: "<font color="#CC33CC">...Rotcausus
 +et </font><i><font color="#FF0000">Gaidus</font></i><font color="#CC33CC">
 +ducibus cum nobilis Foroiulanorum consilio inito...</font>" o anche, ed
 +ancora pi&ugrave; probabilmente da un soprannome basato sul termine arabo
 +<i><font color="#3333FF">gaydah</font></i> (<i><font color="#666666">bosco</font></i>),
 +o, meno probabilmente, da un'italianizzazione del termine arabo <i><font color="#3333FF">caid</font></i>
 +(<i><font color="#666666">comandante di imbarcazioni</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>G&agrave;ita e G&agrave;ito sono anche cognome lucani e salentini.
 +Vengono dallo spagnolo '<i><font color="#3333FF">gaita</font></i>' =&nbsp;
 +'<i><font color="#666666">zampogna</font></i>'. Fonte: G. Rohlfs, Dizionario
 +storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALA
 +<br>GALA'
 +<br>GALLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gala ha un ceppo a Roma ed uno nel nord della Sardegna in Gallura, in particolare
 +a Tempio Pausania, Olbia ed Arzachena, un ceppo nel napoletano, a Calvizzano,
 +Napoli, Mignano di Napoli, Qualiano e Marano di Napoli, e ad Aquilonia
 +nell'avellinese e Melfi nel potentino,&nbsp; ed un ceppo in Puglia a Copertino
 +nel leccese ed a Bitonto e Canosa di Puglia nel barese, Galla ha un ceppo
 +veneto a Vicenza ed uno piccolissimo nel napoletano, Galà è
 +quasi unico, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Gala</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso nell'<i><font color="#3333FF">Ab Urbe condita</font></i>
 +di Tito Livio: "<font color="#CC33CC">..adhuc teneras et fragiles vires
 +eius esse vixdum coalescens foventis regnum. instando stimulandoque pervincit
 +ut exercitum ad fines Maesuliorum admoveat atque in agro de quo saepe cum
 +</font><font color="#FF0000">Gala</font><font color="#CC33CC"> non verbis
 +modo disceptatum sed etiam armis certatum fuerat, tamquam haud dubie iuris
 +sui, castra locet. si quis arceat, id quod maxime opus sit, acie dimicaturum:
 +sin per metum agro cedatur, in medium regni eundum. aut sine certamine
 +concessuros in dicionem eius Maesulios aut nequaquam pares futuros armis...</font>",
 +o dal nomen, sempre latino, <i><font color="#3333FF">Galla</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in questo scritto del 386 d.C.: "<font color="#CC33CC">..Honorio
 +Caesare et Evodio coss. Invasam princeps Theodosius ab hostibus Thraciam
 +vindicavit, victorque cum Archadio filio suo Urbem ingressus est. </font><font color="#FF0000">Galla</font><font color="#CC33CC">
 +Theodosii regis altera uxor his consulibus Constantinopolim venit...</font>"
 +o ricordando <i><font color="#3333FF">Aelia Galla Placidia</font></i> (famosissimo il suo mausoleo ravennate), l'imperatrice romana, figlia di
 +Teodosio I, che regnò dal 378 al 395, in qualche caso possono derivare
 +dal termine greco <font color="#3333FF">γάλα <i>gala</i></font><i> </i>(<i><font color="#666666">latte</font></i>),
 +forse ad indicare un venditore di quella bevanda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALAN
 +<br>GALANDA
 +<br>GALLAND
 +<br>GALLANDA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galan, assolutamente rarissimo, è veneto, Galanda, estremamente
 +raro, è friulano, dell'udinese, Galland è praticamente unico,
 +Gallanda, quasi unico, parrebbe anch'esso friulano, dovrebbero derivare
 +da modificazioni di un soprannome originato dal vocabolo dialettale arcaico
 +<i><font color="#3366FF">galand</font></i> (<i><font color="#999999">galante</font></i>),
 +ma non si può escludere un'origine da alterazioni del cognomen latino
 +<i><font color="#3366FF">Gala</font></i> o del nomen <i><font color="#3366FF">Galla</font></i>,
 +o di loro forme aggettivate come <i><font color="#3366FF">Galanus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Gallanus</font></i>, anche se non si può
 +escludere una derivazione da toponimi ormai scomparsi. Tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo nel 1217 in un atto: "<font color="#CC33CC">Ego
 +Johannes, comes Bellimontis , notum facio omnibus presentes litteras Inspectoris
 +quod Henricus, comes Grandis prati, michi quitat omnes exitus et proventus
 +quos ego vel mandatum meum levavimus anno nuper preterito usque ad diem
 +presentem de terra Rareii , Conflans et Parisius, et de escheesia que nobis
 +evenit de domino </font><font color="#FF0000">Guillelmo de Gallanda</font><font color="#CC33CC">.
 +Ego autem comes Bellimontis volo et concedo quod dictus comes Grandis prati
 +habeat omnes redditus el exitus, iam in blado quam in vino...</font>",
 +e nelle Valli del Natisone nel 1600 quando troviamo citato in un registro
 +del 1672: "<font color="#CC33CC">Simon filius </font><font color="#FF0000">Gregorij
 +Galanda</font><font color="#CC33CC"> de Azi­da globo bombardae traiectus
 +e uita discessit </font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALANTE
 +<br>GALANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galante è panitaliano, ma è più diffuso al centrosud,
 +Galanti è più tipico del centronord, ma con un ceppo autonomo
 +in Sicilia, dovrebbero derivare dal nome medioevale Galante, a Solofra
 +(AV) in un atto del 1543 si legge di un certo Galante de Ciccarellis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALANTINI
 +<br>GALANTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galantini ha un forte ceppo nel
 +modenese ma sembrerebbero esserci altri piccoli nuclei nel fiorentino,
 +e via via lungo la via verso il sud, nell'aretino, nella provincia di Perugia
 +e in quella di Teramo, Galantino dovrebbe essere decisamente del barese
 +e potrebbe derivare dal toponimo Galatina (LE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALARDI
 +<br>GALARDO
 +<br>GALEARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galardi ha un ceppo toscano tra pistoiese, senese e soprattutto fiorentino,
 +ed un ceppo nel salernitano, Galardo oltre ai ceppi campani nel casertano
 +e nel salernitano ha un ceppo nel crotonese, Galeardi, estremamente raro,
 +è sempre meridionale, questi cognomi dovrebbero derivare dal nome
 +e cognome provenzale <i><font color="#3366FF">Gaullart</font></i>, ma molto
 +più probabilmente derivano dal nome medioevale di origine germanica
 +<i><font color="#3366FF">Gaillardus</font></i> composto da <i><font color="#3366FF">gail</font></i>
 +(<i><font color="#999999">gioia</font></i>) e <i><font color="#3366FF">hard</font></i>
 +(<i><font color="#999999">duro, durezza</font></i>) con il significato
 +di <i><font color="#999999">gioioso nella durezza</font></i>, <i><font color="#999999">felice
 +della propria durezza</font></i>., di questo nome abbiamo un esempio in
 +una <i><font color="#3366FF">Remissio culpe et pene</font></i> del 1313:
 +"<font color="#CC33CC">...in nostram regiam maiestatem citari fecisset,
 +prefatusque Petrus et Raymundus comparere coram eodem Senescallo et juri
 +stare super premissis sub pena decem milium librarum turonensium promississent
 +sanctiusque Garcis Ferrandi, Bertrandus de Lussaco, Sicardus et </font><font color="#FF0000">Gaillardus
 +de La Barde</font><font color="#CC33CC">, Girardus de Bergoinhas, Augerus
 +de Picone, Guillermus de Turre...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALASI
 +<br>GALASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galasi, molto molto raro, è tipicamente lombardo, dell'area che
 +comprende la bassa bresciana, il mantovano ed il cremonese, Galasio, quasi
 +unico, sembrerebbe anch'esso lombardo, dovrebbero derivare dal nome tardo
 +latino <i><font color="#3366FF">Galasius</font></i> portato ad esempio
 +dal Papa e poi fatto Santo Galasio che occupò il Soglio Pontificio
 +dall'anno 492 al 496.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALASSI
 +<br>GALASSO
 +<br>GALAZZI
 +<br>GALAZZO
 +<br>GALLAZZI
 +<br>GALLAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galassi è diffuso in tutto il centro nord, con ceppi importanti
 +in Emilia Romagna e Marche, Galasso è molto diffuso in tutta l'Italia
 +centromeridionale continentale con probabili ceppi anche in Piemonte Lombardia
 +e Veneto, Galazzi, decisamente raro, ha un ceppo nel bolognese ed uno in
 +Lombardia, Galazzo molto raro, sembra avere oltre al ceppo ragusano, anche
 +uno nello spezzino, Gallazzi è specifico di Busto Arsizio (VA),
 +ma è diffuso anche nel varesotto e nel milanese, Gallazzo, assolutamente
 +rarissimo, è piemontese, derivano tutti dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galassus</font></i> (Galeazzo), citato
 +ad esempio nel 1400, nel bresciano a Sarezzo, in un atto dove compaiono
 +un tal Baldesar Meliolo e i suoi figli Sebastianus, Augustinus, <font color="#FF0000">Galassus</font>
 +e Apolonius, sempre nel 1400 nel crotonese troviamo alcuni terreni feudali
 +concessi dal vescovo Chruchettus del capitolo di Crotone a un certo Galassus
 +de Tarcia.&nbsp; Tracce di un principio di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Comiso (RG) nel 1500 con lo scultore ed intagliatore Natale, detto Galazzo,
 +sempre a Comiso nella seconda metà del 1700 troviamo il muratore
 +Giuseppe Galazzo, soldato semplice della Milizia Urbana di Comiso.<b></b></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALASTRI
 +<br>GALASTRO
 +<br>GALESTRI
 +<br>GALESTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galastri è tipico dell'aretino, della zona di Bibbiana e Poppi,
 +con un ceppo anche a Roma, Galastro è specifico genovese, Galestri
 +e Galastro, praticamente unici, dovrebbero essere errori di trascrizione
 +dei precedenti, possono derivare dal termine <i><font color="#3366FF">galestro</font></i>,
 +sorta di roccia tipica della Toscana, tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Roma nel 1600 con Francesca Galastri madre del famoso Pietro
 +Metastasio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALATA
 +<br>GALATÁ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galata, assolutamente rarissimo è dovuto probabilmente ad un errore
 +di trascrizione del cognome Galatà, che è specifico del reggino
 +e del catanese, e che dovrebbe derivare dal termine greco <i><font color="#3333FF">galà</font></i>
 +(<i><font color="#666666">latte</font></i>) e starebbe ad indicare il mestiere
 +di venditore di latte.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALATI
 +<br>GALATTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galati è un cognome diffuso soprattutto nel Salento, a Napoli, in
 +Calabria, in particolar modo nelle province di Catanzaro e Vibo Valentia
 +ed in Sicilia, Galatti, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del reggino,
 +secondo alcuni si tratterrebbe di forme etniche, più o meno alterate,
 +riconducibili alla popolazione dei <i><font color="#3333FF">Galati</font></i>
 +(<i><font color="#666666">popolazione di origine celtica</font></i> stanziata
 +nella regione della Tracia e della Galazia anatolica), secondo un'altra
 +ipotesi potrebbero derivare dal nome della città rumena di Galati,
 +ma è estremamente improbabile, molto più verosimile una derivazione
 +da toponimi come Galati nel reggino e nell'ennese o Galati Mamertino nel
 +messinese, o da un soprannome grecanico riferito al mestiere di lattaio
 +svolto forse dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALATIOTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galatioto è tipicamente siciliano, di Castellammare del Golfo e
 +Trapani nel trapanese, di Palermo e di Ravanusa nell'agrigentino, dovrebbe
 +trattarsi di una forma etnica grecanica riferita&nbsp; a paesi come Galati
 +nel reggino o nell'ennese o Galati Mamertino nel messinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALAVERNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galaverna, molto raro, ha un ceppo piemontese a Cuneo e nel cuneese ed
 +uno emiliano a Parma ed a Guastalla nel reggiano, dovrebbe derivare dal
 +nome arcaico della brina, appunto galaverna, forse ad indicare che i capostipiti
 +abitassero o provenissero da una zona particolarmente fredda, o anche da
 +un soprannome dovuto ai loro capelli grigi che ricordavano probabilmente
 +l'effetto della galaverna sulle piante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALBA
 +<br>GALBI
 +<br>GALBINI
 +<br>GALBINO
 +<br>GALBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galba, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del piacentino, Galbi e Galbino
 +sono praticamente unici, Galbini, assolutamente rarissimo, ha un piccolissimo
 +ceppo a Cava de' Tirreni nel salernitano ed uno, ancora più piccolo,
 +nel barese, Galbo è specifico di Caccamo, Palermo e Termini Imerese
 +nel palermitano, e di Alcamo nel trapanese, potrebbero derivare, direttamente
 +o tramite modificazioni ipocoristiche, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Galba</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome l'imperatore romano Servio Sulpicio Galba che
 +successe per brevissimo tempo alla morte di Nerone: "<font color="#CC33CC">..
 +Perorans quondam pro periculo existimationis atque incolumitatis suae in
 +Romano foro </font><font color="#FF0000">Servius Galba</font><font color="#CC33CC">,
 +cum ob difficultatem negotii et invidiam facti sui parum non modo in causa,
 +sed etiam in eloquentia spei poneret, arte usus est, ut iudicum animos,
 +quod inflectere precum ambitione non poterat, rerum temptaret affectu...
 +</font>", o da <i><font color="#3333FF">Galbus</font></i>, ricordiamo a
 +titolo di esempio Licinius Galbus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALBANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente lombardo con grande concentrazione nel milanese, lecchese
 +e bergamasco, potrebbe derivare dal cognomen latino Galba, ma più
 +probabilmente è riconducibile ad una modificazione dialettale del
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galvanus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio nel 1300 con frà Simon Galvanus de Padua.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALBIATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00galbiati.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" height="98width=90"><font size="-1">Assolutamente lombardo con grande
 +concentrazione nel milanese, lecchese e bergamasco, deriva dal toponimo
 +Galbiate (LC).  &nbsp;Troviamo nel bergamasco, come esempio di questa cognominizzazione verso
 +la fine del 1400, lo storico Giorgio Galbiati, nel 1600 a Cassago (LC)
 +troviamo come parroco dal 1622 al 1628 un certo Cristoforo Galbiato.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>La formazione più probabile del toponimo Galbiate da cui discende
 +il cognome Galbiati è quella da un personale latino "<i><font color="#3333FF">Galbius</font></i>",
 +a cui si è aggiunto il suffisso "<i><font color="#3333FF">-ate</font></i>"
 +che indica appartenenza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALBUSERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galbusera è tipico della Lombardia centrosettentrionale, dovrebbe
 +derivare da un antico toponimo romano della zona di Rovagnate nel lecchese,
 +area che gli antichi romani chiamavano <i><font color="#3366FF">gallicus
 +albus agger</font></i> (<i><font color="#999999">bianco campo gallico</font></i>),
 +trasformatosi poi attraverso modificazioni dialettali in <i><font color="#3366FF">Galbusera</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALDELLI
 +<br>GALDI
 +<br>GALDIN
 +<br>GALDINA
 +<br>GALDINI
 +<br>GALDINO
 +<br>GALDO
 +<br>GALDONI
 +<br>LO GALDO
 +<br>LOGALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galdelli ha un ceppo a Fabriano ed uno a Roma, Galdi ha un ceppo ad Avezzano
 +(AQ) ed a Roma, ma il nucleo principale è a Salerno, Pellezzano,
 +Battipaglia, Cava de` Tirreni e Baronissi nel salernitano ed a Napoli,
 +Galdin e Galdina sono praticamente unici, Galdini è tipico di Cenate
 +Sopra (BG), Galdino, estremamente raro, ha un ceppo romano ed uno siciliano
 +a Barcellona Pozzo di Gotto (ME), Galdo, abbastanza raro ha un ceppo a
 +Pratola Serra (AV) ed a Salerno, Galdoni, assolutamente rarissimo, parrebbe
 +lombardo e specificatamente del lodigiano, di Sant'Angelo lodigiano e Casalpusterlengo, Lo Galdo e Logaldo sono assolutamente rarissimi, forse di origini
 +calabresi o siciliane, dovrebbero tutti, direttamente o tramite ipocoristici,
 +derivare dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Galdus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio a Milano in una Carta investiture dell'anno 1180:
 +"<font color="#CC33CC">...Et ibi ipse </font><font color="#FF0000">Galdus</font><font color="#CC33CC">
 +et per se et per parabolam suprascriptorum Iohannis et Bergongioni et Guilielmi
 +iuravit ad sancta Dei euvangelia fidelitatem iamdicto Guidotto, ut clientes
 +domno salvo fidelitate anterioris domni....</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Galdo</font></i>,
 +l'italianizzazione cioè del personale germanico <i><font color="#3366FF">Wald</font></i>,
 +che può essere tradotto come <i><font color="#999999">colui che
 +comanda</font></i> o che governa. In conclusione, dunque, si tratta delle
 +cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galdo è un cognome campano, forse dal toponimo Piazza del Galdo
 +(SA), frazione di Mercato San Severino. La voce antica italiana '<i><font color="#3333FF">galdo</font></i>'
 +significa "<i><font color="#666666">luogo boscoso</font></i>", dal longobardo
 +'<i><font color="#3333FF">wald</font></i>' = "<i><font color="#666666">bosco</font></i>",
 +da cui il tardo latino '<i><font color="#3333FF">gualdus</font></i>'. In
 +diversi altri casi si ha l'esito di "<i><font color="#3333FF">Gualdo</font></i>",
 +specialmente per centri abitati dell'Italia centro-settentrionale. In Campania
 +troviamo anche San Bartolomeo in Galdo (BN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALEASSI
 +<br>GALEASSO
 +<br>GALEAZZI
 +<br>GALEAZZO
 +<br>GALIAZZI
 +<br>GALIAZZO
 +<br>GALLEAZZI
 +<br>GALLEAZZO
 +<br>GALLIAZZI
 +<br>GALLIAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galeassi, molto molto raro, ha tre piccoli ceppi, nell'anconetano, nel
 +romano, a Roma, Palestrina ed Albano Laziale, ed a San Massimo nel campobassano,
 +Galeasso è tipicamente piemontese, di Torino, Pancalieri ed Arignano
 +nel torinese, Galeazzi è diffuso nel centro nord, Galeazzo ha un
 +importante nucleo a Padova e nel padovano, un piccolo ceppo in Molise a
 +Isernia e Forli` del Sannio ed uno altrettanto piccolo nel palermitano
 +a Bagheria, Galleazzi, molto molto raro, sembrerebbe specifico del trevigiano,
 +di Cison di Valmarino in particolare, Galliazzi, potrebbe essere dovuto
 +ad un errore di trascrizione del precedente, Galiazzi è praticamente
 +unico, Galiazzo e Galleazzo, quasi unici, sono del nord Italia, probabilmente
 +del Veneto, come il più diffuso Galliazzo, che è specifico
 +del trevisano, di Treviso e Quinto di Treviso soprattutto, e del vicentino,
 +di Sandrigo e di Breganze, Galiazzo è il più diffuso in assoluto
 +di questi cognomi, è tipico di Padova e di Ponte San Nicolò,
 +Vigonza e Albignasego nel padovano e di Treviso e Castelfranco Veneto nel
 +trevisano, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite alterazioni
 +o modificazioni anche dialettali, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Galeasso</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">Galeazzo</font></i>,
 +ricordiamo a puro titolo di esempio Galeazzo Visconti che fu signore di
 +Piacenza nel 1311 e che divenne poi signore di Milano nel 1322, ma in alcuni casi potrebbero anche derivare dal termine medioevale <i><font color="#3333FF">galeazza</font></i>,
 +un <i><font color="#666666">grosso bastimento a remi a bordo basso</font></i>,
 +forse ad indicare che i capostipiti vi fossero imbarcati come marinai.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galeazzi è la cognominizzazione del nome sassone '<i><font color="#3333FF">Gail</font></i>'
 +che significa "<i><font color="#666666">giocondo, lieto</font></i>". Per
 +Francipane verrebbe invece dal latino '<i><font color="#3333FF">galea</font></i>'
 += <i><font color="#666666">elmo di cuoio</font></i> o '<i><font color="#3333FF">galea</font></i>'
 += <i><font color="#666666">imbarcazione</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALEFFI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galeffi ha un ceppo romagnolo nel riminese in particolare e nel cesenate,
 +ed uno, molto più consistente, romano, potrebbe derivare da un sopannome
 +basato su di un'italianizzazione del termine dialettale romagnolo <i><font color="#3333FF">galafàs</font></i>
 +(<i><font color="#666666">calafatore, colui che ripara le barche</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Presupponibile una origine dall'arabo <i><font color="#3333FF">HALAF/HALIF</font></i>
 += <i><font color="#666666">successore</font></i>, titolo comunissimo nell'onomastica
 +musulmana. Pellegrini, 1,386.
 +<br>Possibile derivazione anche dal termine antico italiano "<i><font color="#3333FF">caleffo</font></i>"
 += <i><font color="#666666">burla</font></i>. REW.4708.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Proprio della zona tra Brescia
 +e Cremona, potrebbe derivare da un soprannome legato al vocabolo dialettale
 +galè (buca quadra dove mettere in concia le pelli) ed essere quindi
 +relativo al mestiere di mastro conciario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALENA
 +<br>GALENI
 +<br>GALENO
 +<br>GALIENA
 +<br>GALIENI
 +<br>GALIENO
 +<br>GALLIENA
 +<br>GALLIENI
 +<br>GALLIENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galena, quasi unico ha qualche rara presenza in meridione, Galeni, estremamente
 +raro, potrebbe essere toscano, Galeno, sempre rarissimo sembrerebbe originario
 +del sud, Galiena ha qualche presenza in Umbria ed un ceppo a Riano ed a
 +Roma nel romano, Galieni è tipico del Piceno, di San Benedetto del
 +Tronto in particolare, Galieno è quasi unico, Galliena è
 +specifico del milanese e del pavese, di Milano e di Landriano nel pavese,
 +Gallieni è proprio del milanese, Gallieno è praticamente
 +unico, dovrebbero tutti derivare dal cognomen (agnomen) latino di origine greca <i><font color="#3333FF">Galienus,
 +Gallienus</font></i>, nome portato anche da un imperatore romano dal 253
 +d.C., Publius Licinius Egnatius Gallienus: "<font color="#CC33CC">...nutante
 +re publica, cum Odaenathus iam orientis cepisset imperium, </font><font color="#FF0000">Gallienus</font><font color="#CC33CC">
 +comperta patris captivitate gauderet, vagabantur ubique exercitus, murmurabant
 +omnibus in provinciis duces...</font>", o dal suo alterato latino <i><font color="#3333FF">Galenus</font></i>,
 +ricordiamo il famosissimo medico Claudius Galenus nato a Pergamo nel 129
 +e morto a Roma nel 199, tracce di queste cognominizzazione le troviamo
 +nella seconda metà del 1500 con il calabrese Giovan Dionigi Galeni,
 +nato sulle sponde del golfo di Squillace e passato dalla parte dei Turchi
 +con il nome di&nbsp; Kiligi Alì alias Uccjalì cui venne affidato
 +il comando della flotta corsara ottomana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALEONE
 +<br>GALEONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galeone ha un ceppo nel casertano, tra San Cipriano D'Aversa e Santa Maria
 +La Fossa, ed un nucleo autoctono nel tarentino, a Grottaglie in particolare,
 +Galeoni, rarissimo, è dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione
 +del primo, dovrebbero derivare dal nomen latino Galenus o in alcuni casi
 +dal nome normanno Galeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALEOTA
 +<br>GALEOTO
 +<br>GALEOTTA
 +<br>GALEOTTI
 +<br>GALEOTTO
 +<br>GALIOTO
 +<br>GALIOTTA
 +<br>GALIOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galeota ha un ceppo nell'aquilano a Poggio Picenze e L'Aquila, uno a Roma,
 +uno a Napoli ed uno a Ginosa (TA), Galeoto, estremamente raro, parrebbe
 +siciliano di Ventimiglia di Sicilia nel palermitano e di Castellammare
 +del Golfo nel trapanese, Galeotta è assolutamente rarissimo, dovrebbe
 +trattarsi di un'alterazione del cognome Galiotta che è specifico
 +pugliese del Salento in particolare, Galeotti è comune in Toscana,
 +Emilia, Marche settentrionali e Lazio, Galeotto, molto molto raro, ha un
 +ceppo veronese ed uno in provincia di Latina, Galioto è del palermitano,
 +Galiotto è originario del veronese e vicentino, derivano direttamente
 +o con una lieve modifica dialettale, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galeottus</font></i>,
 +o <i><font color="#3366FF">Galeotus </font></i>di cui abbiamo un esempio
 +a Narni nel 1400: "<font color="#CC33CC">...aderat
 +</font><font color="#FF0000">Galeottus
 +Martius</font><font color="#CC33CC"> non ut dona acciperet, sed ut dona
 +regia faceto sermone condiret...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Banti</font></font>
 +<br>Galeotti di Gubbio è una antica e nobile famiglia originaria
 +di Gubbio ove esiste una <i><font color="#3366FF">via dè Galeotti</font></i>
 +poi trasferitasi a Gradoli (VT) ove ancora possiede un palazzo del 1400
 +affrescato dal Sangallo: ebbe titolo di marchese e conte dal Duca di Urbino,
 +possedettero molte terre intorno ad Acquapendente ed al lago di Bolsena
 +ove possedettero l'isola Martana ove fu relegata la regina Amalasunta,
 +sono imparentati con la storica famiglia Farnese, con i Clement, con i
 +Turchetti di Ancona e nobili di Numana, con i Migneco di Augusta.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galeota è un cognome lucano presente a Matera, anche calabrese,
 +napoletano e a Taranto: significa '<i><font color="#3333FF">della galea</font></i>'.
 +Fonte: G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galetta è un cognome tipicamente meridionale, che sembrerebbe essere
 +di origine albanese, con un ceppo campano a Forino nell'avellinese ed uno
 +pugliese più consistente ad Altamura nel barese ed a San Michele
 +Salentinoe Ceglie Messapica nel brindisino, a Bari e Taranto, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Galetta</font></i>
 +citato ad esempio nel Baldus di Teofilo Folengo (1491-1544): "<font color="#CC33CC">...Hic
 +Brunellus adest, Gambo, Schiavina, Lafrancus, ardet Amerigus, pariter bravegiante
 +</font><font color="#FF0000">Galetta</font><font color="#CC33CC">, alter
 +ballestram, fert alter tergore schioppum ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALETTI
 +<br>GALETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galetti è presente a macchia di leopardo in Lombardia, Veneto ed
 +Emilia, sembrerebbe avere un nucleo principale nel cremonese, Galetto ha
 +un nucleo torinese ed uno padovano, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +Gallo (<font color="#CC66CC">vedi Gallo</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALFREDI
 +<br>GALFREDO
 +<br>GUALFREDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galfredi, molto molto raro, sembrerebbe lombardo e dovrebbe avere un ceppo
 +nel mantovano, Galfredo e Gualfredo, ancora più rari, sono piemontesi,
 +questi cognomi dovrebbero tutti essere di origini longobarde e derivare
 +dal nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3333FF">Galifredus</font></i>,
 +o molto più probabilmente dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Walfred</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Waltfred</font></i>, ricordiamo con questo nome
 +verso la fine del nono secolo il conte longobardo di Verona Walfred latinizzato
 +in <i><font color="#3333FF">Gualfredus</font></i>, Margravio del Friuli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALGANI
 +<br>GALGANO
 +<br>GARGANI
 +<br>GARGANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galgani è tipicamente toscano, dove è molto diffuso, ma presenta
 +un ceppo anche l'Aquila ed a Roma, Galgano è specifico della zona
 +che comprende Irpinia e potentino, Gargani ha un ceppo tra fiorentino e
 +pisano ed uno laziale, soprattutto a Roma, nel romano e nel reatino e frusinate,
 +Gargano è invece diffuso in tutto il sud Italia, potrebbero derivare
 +dalla regione del Gargano, promontorio del foggiano, o anche, ed è
 +più probabile, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Garganus</font></i>,
 +di origini celtiche dalla divinità celtica Gargan padre di Belenon
 +il dio celta della luce, o da <i><font color="#3333FF">Galganus</font></i>,
 +ricordiamo san Galgano beatificato nell'anno 1180, santo divenuto famoso
 +in tutto il mondo e ricordato ancora oggi per il presunto miracolo della
 +spada conficcata nella roccia conservata appunto nella chiesetta di San
 +Galgano a Montassiepi; in uno scritto del 1165 si legge: "<font color="#FF0000">Galganus</font><font color="#CC33CC">
 +Vulterranensis episcopus consensu canoncorum se obligavit Silvestro abbas
 +S. Marie de Serena se non edificaturum ecclesiam in castro et burgo de
 +Cluslino nec litem facturum de ecclesiam S. Iacobi et S. Martini iuxta
 +muros de Cluslino.</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Galgani</font></font>
 +<br>Galgani è un cognome toscano mutuato esclusivamente dal culto
 +per San Galgano Guidotti, eremita e monaco cistercense di Chiusdino (Siena),
 +vissuto nel XII° secolo, a cui è dedicata l'abbazia di San Galgano
 +nei pressi di Chiusdino. L'etimo del cognome, secondo studi recenti basati
 +sulle profezie apocalittiche di Gioacchino da Fiore (1138-1202), conduce
 +all'antico paleonimo appartenuto alla località biblica di Gàlaad
 +(zona ad est del fiume Giordano occupata dalle tribù di Ruben e
 +Gad), anche nome personale maschile, da cui ebbe origine la famiglia dei
 +Galaaditi. Il nome Galaad appartenne anche al <i><font color="#666666">cavaliere
 +vergine</font></i>, figlio di Lancillotto (ciclo arturiano), modello di
 +purezza, che rappresenta la cavalleria ispirata alla totale spiritualità.
 +(estratto dal volume di Fabio Galgani Onomastica Maremmana, ediz. Centro
 +Studi Storici, 2000.- pagg.620.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galgano è un cognome lucano presente a Ferrandina, Migliónico,
 +Trivigno e altrove; dovrebbe derivare dal nome di Gallicano un comune nel
 +Lazio. Fonte: G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALGARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Quasi estinto sembrerebbe di origini
 +venete, potrebbe derivare da un soprannome originato dal mestiere di caligarius
 +(calzolaio), cioè chi produceva o commerciava in scarpe (in latino
 +calzatura = caliga), come potrebbe essere un errore di trascrizione del
 +cognome Calgaro..&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIANI
 +<br>GALIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galiani ha un ceppo nel romano ed uno nel napoletano, Galiano è
 +diffuso in tutto il centrosud, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Galianus</font></i>,
 +una forma alterata del più comune Galienus o Galenus (<font color="#CC33CC">vedi
 +GALENI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIE
 +<br>GALIE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici del Piceno, Galie è quasi unico, mentre Galiè ha un
 +ceppo importante ad Ascoli Piceno, e, sempre nell'ascolano, a Roccafluvione,
 +Castel di Lama, San Benedetto del Tronto, Monteprandone e Sant'Elpidio
 +a Mare, dovrebbero entrambi derivare da una forma apocopaica del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Galieno</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GALENA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIERI
 +<br>GALIERO
 +<br>GALLIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galieri, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del torinese, potrebbe derivare
 +da errate trascrizioni anagrafiche del cognome Galiero, che è molto
 +diffuso a Napoli, con buone presenze anche a Casoria, Calvizzano, Villaricca
 +e Marano di Napoli, sempre nel napoletano e ad Aversa nel casertano, Galliero,
 +assolutamente molto molto raro, è anch'esso di Napoli, sembrerebbero
 +essere originari dell'areale napoletano, potrebbero risalire all'epoca
 +angioina e derivare da nomi provenzali originati dal termine <i><font color="#3333FF">galier</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bonaccione, uomo allegro, di buonumore</font></i>),
 +ma non si può escludere possa anche trattarsi di modificazioni medioevali
 +del nome latino <i><font color="#3333FF">Galerius</font></i> o da una forma
 +rotacistica del nome latino <i><font color="#3333FF">Galienus</font></i>,
 +uso riscontrato non raramente nel napoletano e riscontrabile a volte anche
 +in testi antichi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIFFA
 +<br>GALIFFI
 +<br>GALIFFO
 +<br>GALIFI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00galifi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="56" height="72"><font size="-1">Galiffa è specifico del teramano, di Sant'Egidio alla Vibrata, Sant'Omero,
 +Torano nuovo, Martinsicuro e Nereto, Galiffi e Galiffo sono quasi unici,
 +Galifi è specifico della Sicilia, di Palermo, Ravanusa nell'agrigentino,
 +Ispica nel ragusano, Sommatino nel nisseno e Trapani e Paceco nel trapanese,
 +dovrebbero tutti derivare dal nome arabo <i><font color="#3333FF">Khalifa</font></i>
 +derivato a sua volta dal termine <i><font color="#3333FF">halif</font></i>
 +(<i><font color="#666666">califfo</font></i>), che identifica il <i><font color="#666666">capo
 +supremo del paese</font></i>, il vicario del re, <i><font color="#666666">il
 +podestà</font></i><font color="#000000">, anche se non si può
 +escludere una derivazione da soprannomi originati dal termine arabo </font><i><font color="#3333FF">alif
 +</font></i><font color="#000000">(</font><i><font color="#666666">grasso</font></i><font color="#000000">),&nbsp;
 +forse a sottolineare una corporatura particolarmente abbondante dei capostipiti,
 +l'immagine dell'elefante nello stemma dei Galifi supporta entrambe le ipotesi.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALILEI
 +<br>GALILEO
 +<br>GALLILEI
 +<br>GALLILEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galilei, molto raro, è panitaliano, Galileo, altrettanto raro, è
 +più tipico del meridione, Gallilei, assolutamente rarissimo, è
 +del piacentino, Gallileo è praticamente unico, questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Galileo</font></i>,
 +attribuito al proprio figlio da genitori devoti in onore di Gesù
 +Cristo, il galileo per eccellenza, cioè proveniente dalla regione
 +ebraica della Galilea, ricordiamo con questo nome il famosissimo scienziato
 +e filosofo italiano Galileo Galilei (1564-1642), non si può escludere
 +in qualche caso che il cognome stesse ad indicare un'origine ebraica del
 +capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIMI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galimi è tipico dell'area dello stretto di Messina, di Reggio Calabria
 +e di Messina, dovrebbe derivare da un antico soprannome basato sull'italianizzazione
 +del termine arabo <i><font color="#3333FF">haliim</font></i> (<i><font color="#666666">gentile,
 +paziente</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIMBERTI
 +<br>GALIMBERTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galimberti è decisamente lombardo, con un possibile ceppo in provincia
 +di Reggio Emilia, Galimberto è rarissimo ed ha la stessa origine
 +milanese, dovrebbero entrambi derivare dal nome medioevale di origine germanica
 +<i><font color="#3333FF">Galimberto</font></i>, che dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Waliberht</font></i>,
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">walah</font></i> (<i><font color="#666666">estraneo,
 +straniero</font></i>) e <i><font color="#3333FF">berht</font></i> (<i><font color="#666666">illustre,
 +luminoso</font></i>), come potrebbero anche avere la stessa origine del
 +nome medioevale francone <i><font color="#3333FF">Guilbert</font></i> (Gilberto),
 +e derivare dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Wilberht</font></i>,
 +che nasce dall'unione dei termini <i><font color="#3333FF">wille</font></i>
 +(<i><font color="#666666">volontà</font></i>) e <i><font color="#3333FF">behrt</font></i>
 +(<i><font color="#666666">illustre, luminoso</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galimberti deriva dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Warinbert</font></i>
 +con il significato di "<i><font color="#666666">difensore illustre</font></i>".
 +La&nbsp; forma esatta dovrebbe essere Garimberti; Galimberti è dovuto
 +alla trasformazione della l in r.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALINA
 +<br>GALINI
 +<br>GALLINA
 +<br>GALLINI
 +<br>GALLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galina e Galini sono dovuti i ad errori di trascrizione o a forme arcaiche
 +dei seguenti, Gallina è panitaliano, con un nucleo nella fascia
 +che comprende Piemonte, Lombardia, Veneto e Friuli, vari ceppi in Emilia,
 +Umbria, Lazio. Campania, Calabria e Sicilia, Gallini ha un nucleo nel ferrarese
 +ed uno in Lombardia, Gallino è tipicamente ligure e piemontese,
 +dovrebbero derivare da vezzeggiativi del nomen latino <i><font color="#3366FF">Galla</font></i>,
 +ricordiamo <i><font color="#FF0000">Aelia Galla Placidia</font></i> (390
 +- 450), figlia dell'Imperatore Teodosio, è ipotizzabile anche un'origine
 +da soprannomi e in alcuni casi possono derivare da toponimi come Gallina
 +(RC), (RG).&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel cuneese
 +agli inizi del 1300 con il notaio Guglielmo Gallina di Gorrino (CN), in
 +val Brembana nella seconda metà del 1500 con il giudice Iohannes
 +Baptista Galina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALINELLA
 +<br>GALINELLI
 +<br>GALLINELLA
 +<br>GALLINELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galinella e Galinelli sono quasi unici, Gallinella ha un piccolo ceppo
 +piacentino, ma il nucleo si trova tra Umbria e Lazio, a Terni, Narni ed
 +Orvieto nel ternano ed a Spoleto, Città della Pieve e Trevi nel
 +perugino, a Roma ed a Bolsena nel viterbese, Gallinelli ha un piccolo ceppo
 +ad Ancona, con il nucleo a Roma e Castelnuovo di Porto nel romano ed a
 +Roccasecca nel frusinate, dovrebbero derivare da forme ipocoristiche composite
 +italianizzate, originatesi sulla base del nomen latino <i><font color="#3333FF">Galla</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GALINA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALISAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, dovrebbe esssere tipico di Teti (NU), troviamo
 +tracce di questo cognome a Mamoiada (NU) nel 1735 dove&nbsp; Pedro Galisai
 +viene insignito del cavalierato e del titolo di nobiltà.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIZI
 +<br>GALIZZI
 +<br>GALLIZI
 +<br>GALLIZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galizi, abbastanza raro, è del centro Italia, forse del Piceno,
 +Galizzi ha un ceppo nel bergamasco, a San Giovanni Bianco in particolare,
 +ma con presenze molto significative anche a San Pellegrino Terme e Bergamo,
 +e comunque ben presente anche a Valbondione, Almenno San Salvatore e Camerata
 +Cornello, ed uno a Palermo, Gallizi è praticamente unico, Gallizzi
 +è tipicamente calabrese, del reggino, di Maropati e Rosarno e di
 +Limbadi nel vibonese, dovrebbero derivare dal nome medioevale tardo latino
 +<i><font color="#3333FF">Galitius</font></i>, ricordiamo con questo nome
 +il padre cappuccino del 1600 Galitius de Carpenedolo, ma è pure
 +possibile un collegamento con la regione spagnola della Galizia, da cui
 +potrebbero aver tratto il nome i capostipiti, autore di una summa sulla
 +filosofia aristotelica, di queste cognominizzazioni abbiamo tracce fin
 +dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALIZIA
 +<br>GALIZZIA
 +<br>GALLIZIA
 +<br>GALLIZZIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galizia sembra avere più ceppi, probabilmente non collegati, in
 +Puglia, nel cosentino, nel catanese, nel nisseno e nel siracusano, nel
 +napoletano, in Molise ed uno forse secondario nel torinese, Gallizia ha
 +un ceppo ligure ad Arnasco nel savonese ed a Genova ed uno friulano nell'udinese
 +a Moggio Udinese ed Udine, Galizzia e Gallizzia sono praticamente unici,
 +sembrerebbero dell'udinese, dovrebbero tutti derivare da <i><font color="#3333FF">Galizia</font></i>,
 +il nome di una regione spagnola all'estremo nordovest, un principio di
 +cognominizzazione lo troviamo a Meda nel milanese nel 1500: ".<font color="#CC33CC">..Bernardinus
 +filius quondam </font><font color="#FF0000">Isepi de Galitia,</font><font color="#CC33CC">...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Salvatore
 +Andrea Galizia</font></font>
 +<br>un ramo è originario della Sicilia, esattamente di Mazzarino
 +(CL) dove esistono alcune famiglie che portano questo cognome; i Galizia
 +mazzarinesi esistevano in loco almeno dal 1500 come è comprovato
 +da dati parrocchiali.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galizia o Gallizia è un nome con cui si designava chi era stato
 +in pellegrinaggio a Santiago de Compostela.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galla è tipico di Vicenza, dovrebbe derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Galla</font></i> e si tratterebbe quindi di un matronimico, ricordiamo la famosissima Galla
 +Placidia, il cui mausoleo è visibile a Ravenna, Galla era una principessa
 +romana, figlia dell'imperatore d'Oriente Teodosio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLA'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallà, abbastanza raro, è siciliano, con un ceppo a Favara nell'agrigentino,
 +dovrebbe derivare da un&nbsp; soprannome basato sul nome della noce di
 +Galla usata per tinture, forse ad indicare nel capostipite un tintore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLACCI
 +<br>GALLACCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallacci ha un piccolo ceppo a Baceno e Domodossola nel verbanese ed uno
 +a Lucca e Pistoia, Gallaccio ha un ceppo fra frusinate e casertano, ad
 +Acquafondata, Sant'Elia Fiumerapido, Cassino e Vallerotonda nel frusinate
 +e Mignano Monte Lungo nel casertano, potrebbero derivare da un soprannome
 +basato su di una forma ipocoristica dispregiativa del termine <i><font color="#3333FF">gallo</font></i>,
 +ma potrebbe anche e più probabilmente derivare dal nome medioevale
 +latino <i><font color="#3333FF">Gallacius</font></i>: "<font color="#CC33CC">..Plus
 +effectum est hoc tempore a Torstensonio quam si in aperto campo hostem
 +vicisset. Nam </font><font color="#FF0000">Gallacius</font><font color="#CC33CC">,
 +qui in Holsatiam contendens credebatur habere 18 millia militum, nunc vix
 +quatuor millia secum trahit, omnes enervatos, laboratos inedia, frigore,
 +nuditate...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLARATE
 +<br>GALLARATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallarate sembrerebbe tipico di Oleggio nel novarese, Gallarati ha un ceppo
 +milanese ed uno tra Castel San Giovanni e Piacenza, dovrebbero derivare
 +dal toponimo Gallarate (VA), di quest'uso abbiamo un esempio in una Carta
 +venditionis del 1185 ad Angera (NO): "<font color="#CC33CC">Anno dominice
 +incarnacionis millesimo .C. octuagesimo quinto, secundo die decembris,
 +indicione quarta. Cartam vendicionis ad proprium fecit Oliverus de Fara,
 +filius quondam </font><font color="#FF0000">Gallarati Bellexoris</font><font color="#CC33CC">,
 +de loco Gallarate, qui professus est vivere lege Longobarda, in manu Abundii,
 +filii quondam Iohannis Marzoli de Bugazate...</font>".&nbsp; Tracce di
 +queste cognominizzazioni le troviamo almeno dal 1100, Pietro Gallarati
 +fu uno dei Capitani milanesi che nel 1172 vennero inviati a combattere
 +l'Imperatore Federico Barbarossa, già allora i Gallarati facevano
 +parte del patriziato milanese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gallarate o Gallarati è un cognome diffuso in Lombardia; deriva
 +dal toponimo Gallarate, nel 1476 testimoniato come <i><font color="#3333FF">Galarà</font></i>
 +e derivato dal personale latino "<i><font color="#3333FF">Galerius</font></i>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLARETO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallareto, molto raro, è specifico dell'area che comprende il savonese,
 +l'astigiano a Mombaldone e soprattutto l'alessandrino ad Acqui Terme, dovrebbe
 +derivare dal nome del paese di Gallareto, una frazione di Cerreto d'Asti
 +nell'astigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico della provincia di Gorizia, dovrebbe avere
 +origini austriaco-trentine, deriva dal nome medioevale Gallasso, citato
 +ad esempio nell'Orlando innamorato di Matteo Maria Boiardo: "<font color="#CC66CC">...E
 +qual misèr Tristano e qual </font><font color="#FF0000">Gallasso</font><font color="#CC66CC">,
 +- Qual altro cavallier de la ventura - D'un tanto travagliar non serìa
 +lasso...</font>".&nbsp; Nel 1600 troviamo a Trento il generale austriaco
 +Matteo Gallas, Conte di Campo e Duca di Lucerna, che successe al Maresciallo
 +Wallenstein al comando dell'esercito dell'imperatore d'Austria Ferdinando
 +II°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLEGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallego, estremamente raro, è probabilmente&nbsp; di origine spagnola,
 +dovrebbe derivare dal termine latino gallicus (indicante l'appartenenza
 +all'etnia dei Galli), e probabilmente si riferisce ad un galiziano, abbiamo
 +un esempio di questa cognominizzazione nel XII° secolo quando riferendosi
 +ad un personaggio di Malaga (Spagna) si legge: "<font color="#CC66CC">...Johanne
 +</font><font color="#FF0000">Gallego</font><font color="#CC66CC"> vasallo
 +meo, farniliari et unico...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLELLA
 +<br>GALLELLI
 +<br>GALLELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallella, abbastanza raro, è specifico di Catanzaro e Sellia Marina
 +nel catanzarese, Gallelli è tipicamente calabrese, della provincia
 +di Catanzaro anch'ess,o in particolare di Badolato, Zagarise, Catanzaro
 +e Soverato, Gallello, il meno comune, ha qualche presenza sempre nel catanzarese,
 +dovrebbero derivare dall'italianizzazione del nome sia arabo che turco
 +<i><font color="#3333FF">Halil</font></i>, o dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">Hallel</font></i>
 +(preghiera), una forma apocopaica del nome <i><font color="#3333FF">Hallelujah</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLENI
 +<br>GALLENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galleni è specifico della zona di Forte dei Marmi e Pietrasanta
 +nel lucchese, Galleno, molto raro, sembrerebbe dell'area di La Spezia,
 +dovrebbero derivare dal nome latino di origine greca <i><font color="#3333FF">Gallenus</font></i>
 +diversa grafia del nome <i><font color="#3333FF">Gallienus</font></i> o
 +<i><font color="#3333FF">Galenus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche GALENI</font>), ma è pure possibile una derivazione dal nome
 +di paesi come Gallena nel lucchese o Galleno nel pisano; la famiglia Galleni
 +veniva annoverata fin dal 1600 tra i maggiorenti della città di
 +Fucecchio nel fiorentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLERANI
 +<br>GALLERANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallerani è tipico della zona tra Bologna e Ferrara, <font color="#000000">Gallerano,
 +assolutamente rarissimo, è presente in misura decisamente molto
 +sporadica nel centrosud, dovrebbero </font>derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Galleranus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso anche in Francia dove in un testo si cita un tale Galleranus morto
 +nel 1404: "<font color="#CC33CC">...Obiit magister Galleranus de Pendref,
 +cantor, pro quo habuimus, de vendicione domorum suarum claustralium, trecentos
 +octoginta tredecim francos duodecim solidos, item in libris valorem ducentarum
 +librarum parisiensum et amplius ...</font>", nome citato anche da Dino
 +Compagni&nbsp; nella sua <i><font color="#3333FF">Cronica delle cose occorrenti
 +nei tempi suoi</font></i>: "<font color="#CC33CC">..A dì XII di
 +maggio 1311 lo Imperadore con sua gente cavalcò a Brescia, .. ..Un
 +giorno messer </font><font color="#FF0000">Gallerano</font><font color="#CC33CC">,
 +fratello dello Imperadore, grande di persona, bello del corpo, cavalcava
 +intorno alla terra per vederla, sanza elmo in testa, in uno giubbetto vermiglio.
 +Il quale fu fedito d'un quadrello sul collo, per modo che pochi dì
 +ne visse...</font>".&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +in una fonte bernese del 1500, riferite ad un Federico Gallerani di Milano
 +: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Fridericus Galleranus</font><font color="#CC33CC">
 +von Meiland tradit regem et dedit sufragium Moro, id est er hat lib und
 +guot zuo im gesetz. Habet pueros; valent bona VI milia tugatos ...</font>",
 +un Gallerani di Badia Polesine, fu nel 1800 Professore all'Università
 +di Camerino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Gallerani, poco rappresentato nel Modenese, è d'origine
 +locale. Una località <i><font color="#3333FF">Gallirano</font></i>,
 +unitamente a Monte Faustino (Monfestino), Farneta, Rocca Santa Maria, si
 +trova citata in una carta modenese del 1198. Possibile anche la derivazione
 +da <i><font color="#3333FF">Galleriano</font></i> udinese. Fonte: F. Violi,
 +Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLERINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine fiorentina, potrebbe
 +derivare dal nome medioevale Gallo, come dal vocabolo gallo (di etnia gallica).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Avezzano (AQ) con un piccolo ceppo anche a Roma dovrebbe derivare
 +dal toponimo Gallese nel viterbese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLETTI
 +<br>GALLETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galletti  è diffuso in tutto il centronord, Galletto ha vari ceppi: nel Piemonte occidentale, nello spezzino, in Veneto,
 +in particolare nel padovano, ed in Sicilia, nell'agrigentino e palermitano, dovrebbero derivare da soprannomi, ma anche
 +da ipocoristici del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Gallus</font></i>, come pure, anche se molto meno probabile, dall'etnico della Gallia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Galletti deriva dal personale medievale <i><font color="#3333FF">Gallettus</font></i>,
 +derivato da <i><font color="#3333FF">Gallus</font></i>. Fonte: F. Violi,
 +Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLI
 +<br>GALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00galli.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" height="95width=60"><font size="-1">Galli è panitaliano, ma
 +con preponderanza nel centro nord, Gallo diffusissimo in
 +tutt'Italia, tutti questi cognomi hanno diversa origine, alcuni derivano
 +dal nome medioevale Gallo, altri dal vocabolo gallo (di etnia gallica),
 +altri da toponimi quali: Gallo (FE) - (CE), Gallo Bolognese (BO), Gallo
 +di Grinzane (CN), Gallo di Petriano (PS), Gallo di Tagliacozzo (AQ) ecc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLIANI
 +<br>GALLIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galliani sembra lombardo emiliano, ma con un piccolo ceppo anche tra Pescara
 +e Chieti e nel genovese, Galliano è specifico piemontese, del cuneese
 +e torinese in particolare con ceppi secondari anche in Liguria, mentre
 +nel napoletano esiste un altro ceppo probabilmente primario, potrebbero
 +derivare in alcuni casi dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Galienus</font></i>, ma più probabilmente
 +prendono il nome dalla <i><font color="#3333FF">Gens Gallia</font></i>, una famiglia plebea probabilmente originaria
 +dell'alto Lazio, in una lapide dell'epoca romana si legge: "<font color="#CC33CC">C</font><font color="#000000">(aius)
 +</font><font color="#FF0000">Gallius</font><font color="#CC33CC"> C</font><font color="#000000">(ai)
 +</font><font color="#CC33CC">lib</font><font color="#000000">(ertus)</font><font color="#CC33CC">
 +/ Tertius v</font><font color="#000000">(ivus)</font><font color="#CC33CC">
 +/ f</font><font color="#000000">(ecit)</font><font color="#CC33CC"> sibi
 +et / Galliae C</font><font color="#000000">(ai)</font><font color="#CC33CC">
 +lib</font><font color="#000000">(ertae)</font><font color="#CC33CC"> /
 +Suadrae / uxori</font>", in alcuni casi possono derivare da antichi toponimi
 +come si evince nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia
 +Medioevale</font></i> in una sentenza del 10 gennaio 1200 in Milano: "<font color="#CC33CC">...Interfuerunt
 +testes Rogerius et Mussus qui dicuntur Sallarii, Guilielmus Calciagrixa,
 +Carnevarius de Vicomercato, Arnaldus de Canturio de laicis; de clericis
 +dominus Ugo de Ozano, sancte Mediolanensis Ecclesie ordinarius, et presbiter
 +Ardericus, prepositus plebis </font><font color="#FF0000">de Galliano</font><font color="#CC33CC">,
 +et Petrus de Baira et alii plures, tam de laicis quam de clericis...</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni si trovano nel milanese fin dal 1500,
 +a Villapizzone in un atto della parrocchia di Villapizzone (MI), datato
 +1557, il parroco è Don Giovanni Maria Galliani.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Alcuni studiosi ipotizzano la derivazione del cognome Galliani dal
 +nome di persona <i><font color="#3333FF">Galliano</font></i> (ricalcato
 +su quello di un popolare personaggio dei romanzi cavallereschi, <i><font color="#3333FF">Gawayn</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Galvano</font></i>), oppure dal toponimo <i><font color="#3333FF">Gallio</font></i>,
 +nel Bleggio in Trentino, derivato a sua volta dal nome personale latino
 +<i><font color="#3333FF">Caio</font></i>, <i><font color="#3333FF">Gaio</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Gallius</font></i>. Esiste anche un toponimo
 +<i><font color="#3333FF">Galliano</font></i> in provincia di Grosseto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallico potrebbe essere della provincia
 +di Reggio Calabria, deriva dal toponimo Gallico (RC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLIERA
 +<br>GALLIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galliera è molto diffuso nel ferrarese a Ferrara, Bondeno, Portomaggiore
 +e Argenta ed a Bologna, Gallieri, meno comune, è sempre del ferrarese,
 +di Cento e Ferrara, dovrebbero derivare dai nomi dei paesi di Galliera
 +nel bolognese o di Galliera Veneta nel padovano, paesi i cui toponimi dovrebbero
 +aver avuto origine dalla <i><font color="#3333FF">Gens Galeria</font></i>,
 +è anche possibile che possano in qualche caso, con lo stesso meccanismo,
 +derivare direttamente da quella Gens romana di origini sabine, bisogna
 +considerare che la Gallia Cisalpina in epoca repubblicana ed imperiale
 +era stata ascritta a quella Gens.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLIMBENI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallimbeni, quasi unico, probabilmente piemontese, anche se di origine
 +siciliana, dovrebbe trattarsi di un'alterazione del cognome <i><font color="#3333FF">Saglimbeni</font></i>,
 +effettuata probabilmente in un ufficio anagrafico piemontese forse a causa
 +di una difficoltà nel capire la pronuncia del denunciante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLINARA
 +<br>GALLINARI
 +<br>GALLINARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallinara è unico, Gallinari oltre al nucleo laziale nella zona
 +tra Roma, Civitavecchia, Anzio e Latina, ha ceppi a Reggio Emilia, Piacenza
 +e&nbsp; a Milano nel lodigiano, Gallinaro è tipico di Padova, Albignasego,
 +Maserà di Padova e Treviso, potrebbero derivare dal mestiere di
 +allevatore di pollame, in qualche caso da toponimi come Gallinaro (FR)
 +in altri da soprannomi scherzosi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLIONE
 +<br>GALLIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallione è tipico dell'area ligure, piemontese, con un ceppo a Torino,
 +a Fontanile nell'astigiano e ad Acqui Terme nell'alessandrino ed a Genova,
 +Gallioni, quasi unico, sembrerebbe della Lombardia nordoccidentale, dovrebbero
 +derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Gallione</font></i>,
 +si chiamava Gallione anche il fratello del filosofo Seneca consigliere
 +di Nerone, ed il nome era molto in uso anche successivamente: "<font color="#CC33CC">..
 +Confecta nunc erat in Britannia Romanorum imperii periodus, quadringentisimus
 +septuagesimus sextus, nimirum a Caesaris ingressu annus, cum Valentiniano
 +III imperante, Romani transvectis a </font><font color="#FF0000">Gallione</font><font color="#CC33CC">
 +illo ad Galliam defendendam copiis, et defossis thesauris, Britanniam sua
 +iuventute crebris delectibus exhaustam, omnique praesidio nudatam Pictorum
 +et Scotorum immanitati reliquerunt. Unde Prosper Aquitanus vere scripsit,&nbsp;
 +Hac tempestate prae invaletudine Romanorum vires funditus attenuatae Britanniae.
 +Et noster Malmesburiensis ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLONE
 +<br>GALLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallone ha un ceppo laziale, uno pugliese ed uno catanese, Galloni parrebbe
 +emiliano con ceppi anche in Lombardia, entrambi questi cognomi hanno diverse
 +possibili origini, possono derivare dal nome medioevale Gallone di cui
 +abbiamo un esempio in questo scritto del VIII° secolo: "<font color="#CC33CC">...Ego
 +Ruothaus complacuit mihi, ut aliquam basilicam aedificarem in honorem Dei
 +et sancti </font><font color="#FF0000">Galloni</font><font color="#CC33CC">.</font>",
 +può anche discendere dall'etnico gallo o di etnia gallica, altri
 +da toponimi quali: Gallo (FE), Gallo Bolognese (BO), o Gallone (BG), di
 +cui abbiamo un esempio che si trova nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medioevale</font></i> sotto l'anno 1040 a Chiuduno
 +(BG): "<font color="#CC66CC">...Sesta pecia que est silvata, locus </font><font color="#FF0000">Gallone</font><font color="#CC66CC">,
 +est per mensura iusta iugies quattuor cum tabulis duocenti quinquaginta
 +quattuor: coerit ei da omnibus partibus Sancti Marii....</font>".&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Pisa in un documento del
 +1209 dove è citato un certo Guido Gallone
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Cosimo
 +de Giovanni de Centelles</font></font>
 +<br>Pare che la famiglia sia o di origine greca o autoctona della regione
 +salentina. La famiglia era presente in Tricase (LE) dove svolgeva l'attività
 +del commercio, un primo Gallone presente nei documenti è un certo
 +Angelo I° morto nel 1546. Di sicuro la famiglia era stanziata a Tricase
 +a partire dalla prima metà del secolo XVI°, come risulta dagli
 +indici dei battezzati della matrice.
 +<br>Giovan Angelo Gallone fu il primo barone di Tricase nel 1592 un tempo
 +proprietà dei Del Balzo. Solo nel 1600 la famiglia otterrà
 +dal sovrano di Spagna il titolo di Principe di Tricase allargando i suoi
 +possedimenti in tutta Terra d'Otranto, Calabria, Campania e Basilicata.
 +Ultima rappresentante della famiglia fu la principessa Maria Bianca Gallone.
 +Oggi il titolo è stato trasmesso ai suoi discendenti nella persona
 +del Conte Guerri Dall'Oro per mezzo della figlia di Donna Maria Bianca,
 +Simonetta Civitella della Posta Guerri Dall'oro come si depositò
 +presso l'Archivio di Stato di Genova - nel 1965 - L'Archivio Privato dei
 +Gallone. Dal 1997 la famiglia Guerri dall'Oro si fregia dei titoli di Gallone
 +di Tricase e Moliterno. L'Archivio Privato fu trasferito da Genova a quello
 +di Lecce attualmente sotto studio. Esiste un libro su tale archivio, autrice
 +la d.ssa Donatella Lala De Giorgi.
 +<br>Arma: D'oro al gallo al naturale fermo su d'un monte di verde movente
 +dalla punta, col capo d'azzurro caricato da una cometa d'oro posta in fascia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLOPPA
 +<br>GALLOPPI
 +<br>GALLOPPO
 +<br>GALOPPA
 +<br>GALOPPI
 +<br>GALOPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galloppa è marchigiano, specificatamente di Matelica (MC) e di Amandola
 +(AP), Galloppi e Galloppo, estremamente rari, parrebbero napoletani, Galoppa
 +eè del tarentino, Galoppi ha un ceppo aretino ed uno romano, Galoppo
 +è napoletano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornita da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Galloppa presenta ceppi maggiori nell'ascolano, nel maceratese e nel
 +romano, Galloppi e Galloppo, rarissimi, sono originari del napoletano,
 +Galoppa, anch'esso molto raro, è tipico per lo più di Grottaglie
 +(TA), Galoppi si riscontra maggiormente nell'aretino e nel romano, Galoppo
 +ha un nucleo principale fra il napoletano e il casertano, ma è presente
 +anche nel nord e centro nord del paese, tutti questi cognomi traggono origine
 +dal termine galoppo o galuppo, col significato di saccardo, salmerista,
 +colui cioè che, negli eserciti medievali, aveva l'incarico di trasportare
 +tutto l'occorrente di cui i soldati avevano bisogno (sacchi, arnesi, vettovaglie,
 +etc.); in alcuni casi, tuttavia, non si può escludere che galoppo
 +sia anche una variante di galoppino, termine che viene oggi usato in senso
 +spregiativo, ma che un tempo significava semplicemente corriere, messaggero.
 +Ad ogni modo, dunque, si tratta delle cognominizzazioni di nomi di mestiere
 +attribuiti ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLOPPINI
 +<br>GALOPPINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galloppini, quasi unico, sembrerebbe piemontese, Galoppini ha presenze
 +nel bresciano ed un ceppo in Toscana, a Livorno e San Vincenzo nel livornese
 +ed a Pisa, dovrebbero derivare da un soprannome originato dal termine italiano
 +arcaico <i><font color="#3333FF">galoppino</font></i> (<i><font color="#666666">corriere,
 +messaggero</font></i>), probabilmente ad indicare che il capostipite avesse
 +svolto quel tipo di compito.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLOTTA
 +<br>GALLOTTI
 +<br>GALLOTTINI
 +<br>GALOTTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallotta è distribuito a
 +macchie di leopardo in tutt'Italia, sembrerebbe avere un nicleo tra le
 +provincie di Napoli e Salerno ed uno nel lodigiano e milanese, Gallotti
 +ha un ceppo tra Milano e Pavia, con nuclei anche nel varesotto, in provincia
 +dell'Aquila e nel napoletano, Gallottini abbastanza raro è probabilmente
 +del milanese, Galotta è originario del potentino. Tutti questi cognomi
 +hanno diversa origine, alcuni derivano dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Galeotto</font></i>, altri,
 +forse, da toponimi con alla radice il termine Gallo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gallotta è un cognome lucano presente a Matera, Metaponto, Potenza
 +e spesso altrove, anche calabrese e a Napoli: significa '<i><font color="#3333FF">donna
 +della famiglia Gallo</font></i>'. Fonte: G. Rohlfs, Dizionario storico
 +dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLUCCI
 +<br>GALLUCCIO
 +<br>GALLUZZI
 +<br>GALLUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gallucci è tipico del centrosud, Galluccio ha un ceppo nella Campania
 +centro settentrionale, nel reggino ed in provincia di Roma, Galluzzi è
 +presente a macchia di leopardo, con un nucleo in Toscana, che potrebbe
 +originare dal nome di località Galluzzo frazione di Scandicci (FI),
 +nelle Marche, nel Lazio e nel barese, Galluzzo sembra avere un nucleo principale
 +nella Sicilia occidentale, nel reggino e nel brindisino, con ceppi, forse
 +non secondari, in Campania che potrebbe derivare dal toponimo Galluccio
 +(CE) e nel Lazio, dovrebbero derivare dal nome latino Gallutius: "<font color="#CC33CC">Hic
 +demum labor est, hoc opus, rem vulgo ignoratam patefacere et in hereditatem
 +poetici iuris asserere, quo in genere eruditissimus saeculi nostri </font><font color="#FF0000">Tarquinius
 +Gallutius Sabinus </font><font color="#CC33CC">tribus perpetuis orationibus
 +feliciter laboravit ostenditque...</font>".&nbsp; Traccia di questa cognominizzazione
 +la troviamo a Naso (ME) nel 1500 con il vice portolano Cono Galluzzo, a
 +Pofi (FR) sempre nel 1500 con un certo Domenico Galluzzo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALLUPPI
 +<br>GALLUPPO
 +<br>GALUPPI
 +<br>GALUPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galuppi ha un ceppo nel padovano, un nucleo emiliano tra ferrarese e bolognese
 +ed uno laziale nelle province di Roma e Frosinone ad Alatri in particolare,
 +Galluppi, molto raro, sembrerebbe specifico della fascia centrale, del
 +teatino, del romano e del latinense, è probabilmente dovuto ad un
 +errore di trascrizione del primo, Galluppo è praticamente unico,
 +Galuppo ha un ceppo nel padovano, uno a Montagano nel campobassano ed uno
 +in Sicilia, potrebbero derivare da soprannomi basati sul termine medioevale
 +<i><font color="#3333FF">galuppo</font></i>, col significato di addetto
 +alle salmerie ed ai rifornimenti, colui cioè che, negli eserciti
 +medievali, aveva l'incarico di trasportare quanto fosse necessario per
 +il sostentamento e l'abbigliamento delle truppe.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Francesco
 +Federico Galuppi</font></font>
 +<br>potrebbero derivare da soprannomi connessi con il termine galoppo,
 +originati da caratteristiche comportamentali del capostipite. Personaggi
 +di rilievo sono stati il musicista e compositore veneziano Baldassarre
 +Galuppi (1706-1785) ed il filosofo calabrese Pasquale Galluppi nato a Tropea
 +(CZ) nel 1770.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALMARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Tradate Galmarini potrebbe derivare da un ipocoristico del nome
 +di origine germanica <i><font color="#3366FF">Galmar</font></i>, ma molto
 +più probabilmente deriva dal cognome spagnolo, abbastanza diffuso,
 +<i><font color="#3366FF">Galmarino</font></i> e potrebbe quindi risalire
 +al 1540 epoca dell'occupazione spagnola del milanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALMOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galmozzi è tipicamente lombardo, di Milano, del sudmilanese, cremonese
 +e lodigiano, di difficile interpretazione, si può ipotizzare una
 +derivazione dalla località di Galmus della Linguadoca in Francia,
 +o anche da un ipocoristico dialettale del nome di origine germanica <i><font color="#3366FF">Galmar</font></i>,
 +improbabile invece una connessione con il nome e cognome rumeno Galmoz
 +o con lo slavo Galmuz.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALTAROSSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galtarossa è specifico di Padova e di Ponte San Nicolò e
 +Maserà di Padova, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +termine veneto arcaico <i><font color="#3333FF">galta</font></i> (<i><font color="#666666">guancia,
 +mascella</font></i>), ad indicare probabilmente che il capostipite avesse
 +delle guance rosse per l'abbondante irrorazione sanguigna forse dovuta
 +all'abuso di vino, è possibile, anche se improbabile, un riferimento al nome del
 +paese di Galta, una frazione di Vigonovo nel veneziano ai confini con il
 +padovano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALTIERI
 +<br>GALTIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galtieri è tipico del sud, di Ferrandina nel materano, di Orsomarso
 +nel cosentino, del reggino e della Sicilia orientale di Messina e di Agira
 +(EN), Galtiero, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un
 +errore di trascrizione del precedente, derivano da forme contratte del
 +nome germanico Gualtieri. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Messina nella seconda metà del 1000 con il cavaliere Giosuè
 +Galtieri, al seguito delle truppe del Duca Roberto il Guiscardo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALUPPINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine bresciana al confine
 +con il mantovano, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine dialettale <i><font color="#3333FF">galupìn</font></i>
 +(<i><font color="#666666">servo</font></i> addetto alle incombenze esterne
 +della casa).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALVAN
 +<br>GALVANI
 +<br>GALVANIN
 +<br>GALVANINI
 +<br>GALVANINO
 +<br>GALVANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galvan è tipico del Veneto e del Trentino, con massima concentrazione
 +nel vicentino, Galvani è diffuso in Lombardia, Emilia e Romagna,
 +veronese e pesarese, Galvanin, molto raro, è del vicentino, Galvanini
 +anch'esso molto raro è specifico della zona di Verona e paesi a
 +nordovest della città, Galvano è decisamente siciliano, derivano
 +dal nome medioevale italiano <i><font color="#3366FF">Galvanus </font></i>di
 +cui abbiamo esempi nel catanese a Castiglione di Sicilia nel 1200, in uno
 +scritto del 1297 si legge: "<font color="#CC33CC">...observando
 +abinde que in actis supradicte magne regie Curie continetur et pro idem
 +iudex </font><font color="#FF0000">Galvanus </font><font color="#CC33CC">non
 +paruit predicte sentencie nec adimplevit alia contenta in actis eisdem...</font>"
 +, a Vicenza dove la campana della chiesa di San Vincenzo reca scritto:
 +"<font color="#CC33CC">Magister</font><font color="#FF0000"> Galvanus</font><font color="#CC33CC">
 +de Vincencia me fecit MCCCCXVII</font>" e a Milano con il frate domenicano
 +e illustre storico.Galvanus Flammae&nbsp; vissuto nel periodo a cavallo
 +tra il 1200 ed il 1300.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Rimini nel 1500 con Suor Laura Galvani madre Superiora del convento delle
 +Umiliate della Penna nel Montefeltro, personaggio famoso è stato
 +il medico e chirurgo, fisico e biologo bolognese Luigi Galvani (1737 -
 +1798 ) (famoso per i suoi studi sull'elettricità biologica <font color="#3366FF">De
 +viribus electricitatis in motu musculari commentarius</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GALZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Galzio, quasi unico, sembrerebbe abruzzese, dovrebbe derivare dal nome
 +medioevale di origine gallico germana <i><font color="#3333FF">Galtius</font></i>,
 +secondo altri sarebbe invece dovuto ad una forma contratta del nome ed
 +etnico <i><font color="#3333FF">Galatius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="130"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMALERI
 +<br>GAMALERIO
 +<br>GAMALERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gamaleri è della zona ligure, piemontese, di Genova e di Novara
 +e dell'alessandrino, Gamalerio, molto molto raro, è specifico del
 +pavese, Gamalero ha un ceppo nell'alessandrino, a Cassine, Alessandria
 +e Novi Ligure, ed a Torino, ed uno a Genova, questi cognomi dovrebbero
 +derivare dal nome del paese di Gamalero nell'alessandrino, secondo un'altra
 +ipotesi potrebbero derivare dal termine longobardo <i><font color="#3333FF">gamahalos</font></i>
 +(<i><font color="#666666">parente acquisito, testimone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBA
 +<br>GAMBE
 +<br>GAMBI
 +<br>GAMBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00gamba.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="78"><img src="../immagini/stem01gamba.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="50" height="60"><font size="-1">Gamba è molto diffuso in tutto il nord, con ceppi anche nel lucchese,
 +pisano e livornese, nel pesarese, a Roma e nel latinense, nel napoletano
 +e nel cosentino, Gambe, che sembrerebbe unico, è del reggino, Gambi
 +è diffuso soprattytto nel ravennate, ma con discrete presenze anche
 +nel bolognese, forlivese e fiorentino ed un piccolo ceppo anche nell'anconetano,
 +Gambo, quasi unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione,
 +questi cognomi dovrebbero derivare da una forma apocopaica del nome longobardo
 +<i><font color="#3333FF">Gambara</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GAMBARA</font>), anche se non si può escludere che in qualche caso
 +possano essere derivati da soprannomi originati da una caratteristica fisica
 +del capostipite, come la velocità nella corsa o l'avere delle gambe
 +più lunghe del normale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBACCI
 +<br>GAMBAZZA
 +<br>GAMBAZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambacci, quasi unico, è dell'aretino, Gambazza è tipicamente
 +emiliano, del piacentino e del parmense, di Fiorenzuola d'Arda, Piacenza
 +e Carpaneto Piacentino nel piacentino e di Fidenza, Salsomaggiore Terme
 +e Fontanellato nel parmense, Gambazzi, molto molto raro, è del cremonese,
 +questi cognomi dovrebbero derivare dal nome e soprannomne medioevale <i><font color="#3333FF">Gambacia</font></i>,
 +che troviamo rappresentato in terra veneta da un tale dominus Benedictus
 +Gambacia iudex, a Padova in uno scritto del 1247 viene indicato come teste
 +un certo Ricardino Gambacia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBACORTA
 +<br>GAMBACURTA
 +<br>GAMMACORTA
 +<br>GAMMACURTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gambacorta.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="78"><font size="-1">Gambacorta ha un ceppo nel barese, uno nel palermitano ed altri più
 +piccoli sparsi nel centro sud, Gambacurta ha un ceppo a Montefalco nel
 +perugino, uno piccolo a L'Aquila, uno a Roma ed a Terracina nel latinense
 +ed uno in Sicilia a Calatabiano nel catanese ed a Valguarnera Caropepe
 +nell'ennese, Gammacurta, sempre siciliano, è specifico di Campobello
 +di Licata nell'agrigentino, Gammacorta ha qualche presenza a Roma ed in
 +Sicilia, dovrebbero tutti derivare, anche attraverso alterazioni dialettali,
 +da soprannomi legati alla caratteristica fisica dei capostipiti di avere
 +delle gambe corte.&nbsp; Nel
 +1300, a Frasso (BN) si trova la nobilissima famiglia dei Gambacorta principi
 +e signori di Frasso e a Pisa nella seconda metà del 1300 se ne teme
 +il ritorno: "<font color="#CC33CC">...et voleva che s'osservassi quattro
 +chapitoli chon saramento et onore misser lo inperadore: l'uno, che quando
 +entrasse in Pisa non ci avessi romore né prima né poi; lo
 +sichondo, che parte niuna o si richordasse se non quella dello inperadore;
 +lo terzo, che niuno ardischa di fare chontra la sua cesaria maestà,
 +lo quarto che niuno dessi né aiutorio favore alla tornata de' </font><font color="#FF0000">Ghanbachorti</font><font color="#CC33CC">....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBADAURO
 +<br>GAMBADORI
 +<br>GAMBADORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gambadoro.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="51" height="100"><font size="-1">Gambadauro è un cognome assolutamente rarissimo, parrebbe anch'esso
 +del messinese, come Gambadoro di cui è probabilmente una forma arcaica
 +e che è specifico di Messina, Gambadori, è caratteristico
 +di Jesi nell'anconetano, dovrebbero derivare da un soprannome probabilmente
 +legato ad un episodio militare riferentesi ad una gamba d'oro, il casato
 +dei Gambadoro nel XVIII° secolo era titolare di feudo nel foggiano
 +con il titolo di Baroni di Lucera e nel Molise con il titolo di Baroni
 +di Chiauci nell'iserniese, troviamo tracce di queste cognominizzazioni
 +almeno dal 1700, a Limina (ME) nel 1750 opera un orafo che si chiama Pietro
 +Gambadauro, famoso per una sua opera di Mineralogia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBARA
 +<br>GAMBARI
 +<br>GAMBARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gambara.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="124"><font size="-1">Gambara, molto raro, è tipico del parmense, Gambari, sempre raro,
 +è del bolognese, Gambaro ha più ceppi, in provincia di Venezia,
 +nella zona di Mira, Mirano, Dolo e Salzano, nel varesotto e a Genova, dovrebbero
 +derivare dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Gambara</font></i> citato anche da Paolo Diacono nella
 +sua , <font color="#3366FF">Historia Langobardorum</font>: ".<font color="#CC33CC">..Horum
 +erat ducum mater nomine </font><font color="#FF0000">Gambara</font><font color="#CC33CC">,
 +mulier quantum inter suos et ingenio acris et consiliis provida; de cuius
 +in rebus dubiis prudentia non minimum confidebant...</font>", ma in alcuni
 +casi possono anche derivare dal toponimo Gambara (BS) ai confini con il
 +cremonese, o dalla località Gambaro nel piacentino ai confini con il genovese, o anche da soprannomi legati al vocabolo <i><font color="#3333FF">gambero</font></i> come si evince
 +in alcuni casi dallo stemma.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le
 +troviamo ad esempio nel 1050 a Pralboino (BS) dove nasce Alghisio Gambara,
 +uno dei combattenti della lega lombarda, nel 1354 l'imperatore Carlo IV°
 +investe il conte Maffeo Gambara del feudo di Ostiano (CR).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gambari e Gambarini sono cognomi dell'Emilia Romagna. Derivano dal
 +cognome base GAMBARO che risale probabilmente ai toponimi <i><font color="#3333FF">Gamberi</font></i>
 +(Rivoschio - Forlì) o <i><font color="#3333FF">Gambaro</font></i>
 +(Piacenza) o ancora <i><font color="#3333FF">Gambara</font></i> (Brescia),
 +tutti derivati dal latino '<i><font color="#3333FF">gambarus</font></i>'
 += <i><font color="#666666">gambero acquatico</font></i>. Possibile anche
 +la derivazione da un nome personale di origine germanica e di tradizione
 +longobardica, <i><font color="#3333FF">Gàmbara</font></i>, sia femminile
 +che maschile. Altrettanto possibile un incrocio con il cognome <i><font color="#3333FF">Gamba</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBARDELLA
 +<br>GAMBARDELLI
 +<br>GAMBARDELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambardella è tipico di Napoli, Castellammare di Stabia, Pozzuoli,
 +Sorrento, Bacoli, Gragnano, Portici, Casalnuovo di Napoli, Piano di Sorrento,
 +San Giorgio a Cremano, Visciano, Melito di Napoli, Casoria, Giugliano in
 +Campania e Torre del Greco&nbsp; nel napoletano e nel salernitano di Nocera
 +Inferiore, Amalfi, Salerno, Pagani, Cava de' Tirreni, Minori, Ravello,
 +Nocera Superiore, Battipaglia, Pontecagnano Faiano, Atrani, Maiori, Vietri
 +sul Mare e Castel San Giorgio, Gambardelli, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +specifico del reggino,&nbsp; Gambardello, quasi unico, è campano
 +e dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione del primo, tutti
 +questi cognomi dovrebbero derivare da una forma ipocoristica del nome medioevale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Gamalbertus</font></i>, a sua volta
 +composto da <i><font color="#3333FF">gamal</font></i> (<i><font color="#666666">vecchio</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">bertha</font></i> (<i><font color="#666666">luminoso,
 +splendente</font></i>), ma è pure possibile una derivazione dal
 +nome di origine longobarda <i><font color="#3333FF">Gambardus</font></i>,
 +o anche dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Gambard</font></i>,
 +giunto in epoca normanna in Campania. Nel 1700 troviamo i Gambardella citati
 +tra le famiglie nobili di Amalfi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gambardella è un cognome campano ma molto diffuso in tutta l'Italia
 +peninsulare. Si ricollega, quasi certamente, al nome femminile longobardo
 +<i><font color="#3333FF">Gàmbara</font></i>, citato da Paolo Diacono
 +nella sua "Storia".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBARETTI
 +<br>GAMBARETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambaretti, molto raro, è tipico di Pontevico (BS), Gambaretto
 +è specifico del veronese di San Giovanni Ilarione e dintorni, dovrebbero
 +derivare da toponimi come Gambara (BS) o direttamente dal nome longobardo
 +Gambara. (<font color="#CC33CC">vedi Gambara</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBARINI
 +<br>GAMBERINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambarini è tipico della bergamasca, milanese e bresciano, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Gambara (BS), Gamberini è specifico dell'area
 +che comprende le province di Bologna, Ferrara e Ravenna, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale Gambarus, di cui si hanno tracce ad esempio nel Codice
 +Diplomatico della Lombardia Medioevale dove, in un atto del 1166 si legge:
 +"<font color="#CC66CC">...Ego </font><font color="#FF0000">Sozo Gambaru</font><font color="#CC66CC">s,
 +notarius sacri palatii, hoc exemplum ab hautentico exemplavi ..</font>."
 +e in un atto del 1192, si legge: "<font color="#CC66CC">...Die sabbati
 +quintodecimo kalendas decembris, in civitate Mediolani. Sententiam protulit
 +Iacobus qui dicitur </font><font color="#FF0000">Gambarus</font><font color="#CC66CC">
 +consul Mediolani, et cum eo Giggottus de Mairola et Arnaldus iudex qui
 +dicitur de Superaqua similiter consules,...</font>". Tracce di questa cognominizzazione
 +si hanno in epoca angioina con l'alessandrino Dullio Gamberini professore
 +in Legge: "<font color="#CC66CC">Quoniam cunctos litteratorie scientie
 +amatores expedit dare operam studio indefesso ut sua in evum memoria relinquatur,
 +ideo ego </font><font color="#FF0000">Dulius Gambarinus</font><font color="#CC66CC">
 +de Alexandria, legum professor, curavi de talento credito super feudis
 +sociis relinquere...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBATESA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro, sembrerebbe molisano e pugliese, deriva dal toponimo
 +Gambatesa (CB), è improbabile una discendenza dai conti di Gambatesa,
 +casato iniziato nel.XIII° secolo con Riccardo Pietravalida signore
 +di Gambatesa vassallo degli Angiò, chiamato anche Riccardo di Gambatesa
 +, i cui discendenti proseguirono il cognome paterno Pietravalle o Pietravallida,
 +mentre la figlia sposata ad un Monforte ebbe il privilegio di aggiungere
 +ai propri discendenti il proprio cognome creando il ramo dei Monforte Gambatesa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambato è tipicamente veneto del Veneziano, padovano e rovigoto,
 +particolarmente diffuso a Padova, Mirano (VE) ed Adria (RO), dovrebbero
 +derivare dall'essere il capostipite figlio di un Gamba, il suffisso <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>
 +in Veneto sta per <i><font color="#999999">il figlio di</font></i>, in
 +questo caso di un Gamba, cognome abbastanza diffuso in Veneto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBELLA
 +<br>GAMBELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambella ha un nucleo originario marchigiano ad Ancona, che potrebbe anche
 +derivare dal toponimo Gambellara (RA), ed uno originario sardo nel sassarese,
 +entrambi possono derivare da un soprannome legato al diminutivo del vocabolo
 +gamba, così come Gambelli, che è tipico della fascia che
 +comprende la Toscana, le Marche settentrionali e l'Umbria, con maggior
 +concentrazione nel senese, nel pesarese e nell'anconetano, presenta un
 +ceppo significativo anche a Roma, si deve comunque considerare la possibilità
 +che questi cognomi possano essere derivati dal termine medioevale <i><font color="#3333FF">gambello</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tipo di lana</font></i> usata soprattutto per
 +cappelli), forse ad indicare così il mestiere del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBERALE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gamberale, molto raro, sembrerebbe del centro Italia, potrebbe derivare
 +da una modificazione del nome longobardo <i><font color="#3366FF">Gambara</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Gambara</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBINA
 +<br>GAMBINI
 +<br>GAMBINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambina, abbastanza raro, è del trapanese, Gambini è diffuso
 +nella fascia che comprende Emilia, Toscana, Marche, Umbria e Lazio, Gambino
 +sembrerebbe tipicamente siciliano, ma presenta ceppi anche nel genovese,
 +in Piemonte, in Campania e nella Puglia settentrionale, dovrebbero tutti
 +derivare da soprannomi originati dalla caratteristica fisica di avere delle
 +gambe corte, tracce di quest'uso si trovano a Palermo fin dal 1300 con
 +un certo Gambinus de Thetis e, nell'astigiano alcuni atti datati 1305 sono
 +redatti dal&nbsp; notaio Astexanus Gambinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMBOS
 +<br>GAMBOSI
 +<br>GAMBOSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gambos è praticamente unico, Gambosi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +originario del lucchese, con qualche sparuta presenza anche nel Lazio,
 +Gamboso, altrettanto raro, sembrerebbe friulano, dovrebbero derivare da
 +un soprannome originato dal termine arcaico <i><font color="#3333FF">gamboso</font></i>
 +(<i><font color="#666666">persona dalle gambe grosse</font></i>),
 +probabilmente una caratteristica fisica dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMMAUTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gammauta è tipico di Palermo, dovrebbe derivare dal nome del lago
 +<i><font color="#3333FF">Gammauta</font></i> vicino a Palazzo Adriano nel
 +palermitano, il cui nome dovrebbe derivare dall'italianizzazione di un
 +nome arabo di località <i><font color="#3333FF">ayn mauta</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#666666">sorgente esaurita</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMMI
 +<br>GAMMO
 +<br>GAMMONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gammi è unico, Gammo, quasi unico, sembrerebbe calabrese, Gammone
 +ha un ceppo a Napoli ed Ottaviano ed uno a Venosa nel potentino, dovrebbero
 +derivare dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Gammo</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Gammonis</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso in questo scritto dell'anno 879: "<font color="#CC33CC">... E contra
 +vero praefatus Gundpertus aduocatus, consentiente domino suo Episcopo,
 +tradidit de rebus S. Emmerammi ante nominato Gundbatoni venerabili diacono
 +quod Chezil Dux iam quondam pro remedio animae suae ad praedictum sanctum
 +condonauit iuxta amnem, qui dicitur Raba; ea scilicet ratione, quatinus
 +idem Gundbato ambas res illas firmiter atque vtiliter possideat vsque ad
 +obitum suum. Post vero integriter cuncta ad saepe iam dictum Dei sanctum
 +redigantur, et restituantur. Et vt haec auctoritas traditionis firmior
 +habeatur, subnotati testes per aures trahuntur: Polo, Iacob, Reginhoh,
 +Solomon, Eckirih, Hadamar, Avo, Fastmot, Gotaperht, Irmperht, Heripold,
 +Unlaz, Pernhart, Herrant, Engilscalh, Erchanperht, Reginhart, Strupo, Hungis,
 +Ambricho, Liutperht, Sigihart, Vuicker, Patto. Item Auo, Suuitker, </font><font color="#FF0000">Gammo</font><font color="#CC33CC">,
 +Adalrih, Salacho. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMPER
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gamper è tipicamente altoaltesino, di Merano, Ultimo, Lana, Parcines,
 +Lagundo, Maturno, Velturno, Marlengo, Bolzano, Senales, Laces, Chiusa,
 +Tirolo, Bressanone, Renon, San Genesio Atesino e di tutta la provincia
 +di Bolzano, potrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">Gampar</font></i>
 +(<i><font color="#666666">il potente</font></i>), un nome germanico presente
 +anche fra i Longobardi come <i><font color="#3333FF">Gambara</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Gambara</font>), o potrebbe anche derivare
 +dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Gambert</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAMUZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della provincia di Enna.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gamuzza è cognome siciliano variante di <i><font color="#3333FF">Gambuzza</font></i>
 +(<i><font color="#666666">piccola gamba</font></i>), per sincope della
 +consonante '<i><font color="#3333FF">b</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANADO
 +<br>GANADU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00ganado.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="37" height="50"><font size="-1">Ganado è un cognome maltese, Ganadu è tipico di Sassari,
 +Ozieri, Perfugas e Porto Torres, dovrebbero entrambi derivare dal vocabolo
 +spagnolo <i><font color="#3366FF">ganado</font></i> (<i><font color="#999999">bestiame,
 +bovini</font></i>), probabilmente ad indicare lo stato di benestanti e
 +l'origine spagnola dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANASSALI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico lombardo, del milanese e lodigiano è molto molto
 +raro, potrebbe derivare da un soprannome dialettale indicante le strisce di cuoio che collegano il morso alle briglie, forse indicando nel capostipite un carrettiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANASSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganassi è specifico del reggiano e del modenese, di Scandiano, Reggio
 +Emilia e Viano nel reggiano e di Carpi e Modena nel modenese, dovrebbe
 +derivare da un soprannome dialettale basato sul termine reggiano <i><font color="#3333FF">ganassi</font></i>
 +(<i><font color="#666666">morsa</font></i>, ma anche <i><font color="#666666">ganasce</font></i>,
 +riferito ad un mangione), forse ad indicare il mestiere di fabbro svolto
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANASSIN
 +<br>GANASSINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganassin è tipicamente veneto, del vicentino, di Rosà, Cassola,
 +Rossano Veneto, Bassano del Grappa, Tezze sul Brenta e Romano d'Ezzelino,
 +e di Riese Pio Decimo e Casier nel trevigiano, Ganassini, più raro,
 +è del veronese, di Pescantina, Verona e Bussolengo, dovrebbero derivare
 +da un soprannome originato da una forma ipocoristica originata dal termine
 +veneto <i><font color="#3333FF">ganassa</font></i> (<i><font color="#666666">guancia,
 +mascella</font></i>), forse ad indicare che i capostipiti fossero delle
 +buone forchette e fossero soliti mangiare in modo abbondante, o anche che
 +avessero delle gote paffute.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANCI
 +<br>GANGI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganci è più del palermitano e Gangi è
 +più del catanese e del nisseno, dovrebbero tutti derivare dal toponimo
 +Gangi (PA). (<font color="#CC33CC">vedi anche Cancemi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANDELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente lombardo, nelle provincie
 +di Brescia, Bergamo, Milano e Cremona, potrebbe derivare dal toponimo Gandellino
 +(BG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANDINI
 +<br>GANDINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gandini è un cognome settentrionale, con un forte nucleo in Piemonte
 +nelle provincie di Asti ed Alessandria ed in Lombardia nelle provincie
 +di Pavia, Milano, Lodi, un altro ceppo nel bresciano e mantovano ed in
 +Emilia tra Reggio Emilia e Bologna, Gandino è tipico dell'area che
 +comprende il torinese, il cuneese, l'astigiano, l'alessandrino ed il genovese,
 +potrebbero derivare dal nome gotico <i><font color="#3366FF">Galindus</font></i>
 +o da un ipocoristico del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gano</font></i> in alcuni casi
 +può derivare dal toponimo Gandino (BG).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gandini, Gandino è cognome piemontese, ligure e lombardo. Deriva
 +dalla voce '<i><font color="#3333FF">ganda</font></i>', termine alpino
 +che indica un '<i><font color="#666666">ammasso di sassi</font></i>' da
 +frana o detriti rocciosi. Toponimo Gandino (BG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANDOLFI
 +<br>GANDOLFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gandolfi è dell'areale emiliano
 +e lombardo, Gandolfo ha un nucleo nella Sicilia occidentale, uno in Liguria
 +ed uno nella provincia di Venezia, dovrebbe derivare dal nome medioevale&nbsp;
 +di origine longobarda Gandulfus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANDOSSI
 +<br>GANDOSSINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gandossi è tipico del bergamasco, zona di Grumello del Monte, Albino
 +e Nembro, Gandossini è tipico di Montagna in Valtellina e di Sondrio,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite una forma diminutiva di provenienza,
 +dal toponimo Gandosso nel bergamasco in Val Calepio, probabilmente il luogo d'origine dei capostipiti, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo in un atto della Serenissima redatto in Bergamo fin dal 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANELLI
 +<br>GANI
 +<br>GANINI
 +<br>GANINO
 +<br>GANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganelli è tipicamente lombardo, di Codogno nel lodigiano, ma con
 +ceppi anche nel bresciano e nel mantovano, Gani, altrettanto raro è
 +tipico dell'area pisano, livornese, Ganini, ancora più raro, è
 +del cremasco e del sudmilanese, Ganino è tipicamente calabrese con
 +ceppi a&nbsp;&nbsp; Laureana di Borrello (RC), Nocera Terinese (CZ) e Dasà
 +(VV), Gano è quasi unico, dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Ganus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto del 1331 a Pisa: "<font color="#CC33CC">...Notum
 +sit omnibus quod pro Iohanne Nerii de Rillione de cappella Sancti Mathei
 +Forisporte, </font><font color="#FF0000">Ganus</font><font color="#CC33CC">
 +filius Becti Algliate de prima pecunia domini Becti Algliate quondam Galgani,
 +non animo donandi sed animo rehabendi...</font>", ma è pure possibile
 +che derivino dall'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Paganus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi PAGANA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANGA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganga ha un ceppo a Nuoro ed uno molto più piccolo, probabilmente
 +secondario, a Roma, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +sardo logodurese <i><font color="#3333FF">ganga</font></i> (<i><font color="#666666">gola</font></i>),
 +forse ad intendere che il capostipite fosse un personaggio molto goloso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANGEMI
 +<br>GANGENI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gangemi è molto diffuso nella Sicilia orientale, in particolare
 +a Messina e Catania e nelle rispettive province, e nel reggino, in particolare
 +a Rosarno, Santa Cristina d'Aspromonte, Palmi, Gioia Tauro, Delianuova,
 +Taurianova e Villa San Giovanni, Gangeni, ormai quasi scomparso, sembrerebbe
 +essere originario della Calabria, del reggino in particolare, dovrebbero
 +derivare da un'italianizzazione del termine arabo <i><font color="#3333FF">haggam</font></i>
 +(<i><font color="#666666">applicatore di mignatte, barbiere, chirurgo,
 +guaritore</font></i>), ma potrebbero anche, in qualche caso, derivare da
 +un'alterazione dialettale del cognomen latino <i><font color="#3333FF">Cangemius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche CANCEMI</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gangemi - Cognome di ampia diffusione nelle province di Catania e Messina,
 +deriva dall'arabo <i><font color="#3366FF">h'ağğām</font></i> che significa <i><font color="#999999">applicatore
 +di mignatte</font></i>. Pellegrini 230.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANGONE
 +<br>GANGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gangone è caratteristico di Teggiano nel salernitano, Gangoni, estremamente
 +raro, è toscano, potrebbero essere di origini spagnole e derivare
 +dal termine&nbsp; spagnolo <i><font color="#3333FF">cangones</font></i>
 +(<i><font color="#666666">armatura in legno posta per evitare la dispersione
 +della farina in un mulino an mola orizzontale</font></i>), indicando forse
 +così che i capostipiti fossero lavoranti presso un mugnaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico del varesotto, deriva dai toponimi Ganna,
 +Valganna (VA); il nome Ganna era in uso presso i Galli Senoni, di una Ganna
 +madre e veggente del popolo dei Senoni si ha memoria storica.&nbsp; Tracce
 +di questa cognominizzazione la si trova già nel 900, in un atto di
 +epoca longobarda si legge: "<font color="#CC66CC">...qui modo Ioannocci
 +vocatur filius idem Iohanni qui vocatur </font><font color="#FF0000">Ganna
 +</font><font color="#CC66CC">episcopus, ut ego teneret rebus qui fuit Ursi
 +filius Radeprandi de locum Nobara finibus Nuceria...</font>".</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANNAU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gannau, molto raro, è tipicamente sardo, di Carbonia e San Giovanni
 +Suergiu nel carboniense.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Se è pronunciato Gánnau può corrispondere al logodurese
 +'<i><font color="#666666">cánnau</font></i>' = <i><font color="#666666">canapo,
 +fune</font></i>, che deriva dal latino '<i><font color="#3333FF">cannabus</font></i>';
 +se invece è pronunciato Gannáu puà essere una variante
 +del cognome Ganau, a sua volta variante di Ganadu che è l'adattamento
 +sardo del cognome spagnolo Ganado corrispondente al sostantivo '<i><font color="#3333FF">ganado</font></i>'
 += <i><font color="#666666">branco, mandra, insieme di persone</font></i>,
 +oppure al participio passivo '<i><font color="#3333FF">ganado</font></i>'
 += <i><font color="#666666">guadagnato, vinto</font></i>. M. Pittau, 2,
 +62, 63.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Costantino Gannau</font></font>
 +<br>Il cognome <i><font color="#3333FF">Gannau</font></i> catalano deriva dal
 +termine <i><font color="#3333FF">ganau</font></i> che in alcune zone della
 +penisola iberica (Aragona ad esempio ma probabilmente anche in Catalonia)
 +assume il significato di <i><font color="#3333FF">ganado</font></i> (<i><font color="#666666">bestiame</font></i>).&nbsp;
 +Il cognome è presente anche in Catalonia (Barcellona e Lerida) e
 +pare che sia esistito nel 1600 anche a Tempio Pausania, dove dovrebbe esserci
 +stato un importante mercato bovino che avrebbe attirato molti nobili e
 +commercianti di bestiame spagnoli . E quindi probabile che la famiglia
 +Gannau, prima di trasferirsi nel Sulcis, sia giunta dalla Spagna a Tempio
 +Pausania, proprio per partecipare a questo grosso mercato di bestiame e
 +per poi spostarsi definitivamente nel Sulcis (che proprio in quegli anni
 +veniva ripopolato).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del Monferrato e di Casale Monferrato (AL) in particolare, una
 +mera ipotesi consiste nella derivazione del cognome o dal toponimo Ganna
 +(VA) o dalla Val Ganna, tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel
 +1800 nell'astigiano dove Don Giuseppe Ganora è il Prevosto&nbsp;
 +di Moncalvo. (<font color="#CC66CC">vedi Ganna</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANZA
 +<br>GANZETTI
 +<br>GANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganza, estremamente raro, è tipico della Valtellina, Ganzetti, sempre
 +molto raro, è del nord milanese e comasco, Ganzi, assolutamente
 +rarissimo, sembra tipico di Vigevano e dintorni tra milanese e pavese,
 +dovrebbero derivare da una modificazione dell'aferesi del nome Allegranza
 +(<font color="#993366">vedi</font>), di cui abbiamo un esempio a Bormio
 +(SO) nei <i><font color="#3366FF">Quaterni inquisitionum</font></i> del
 +1629: "<font color="#CC66CC">...come è visto per il signor regente
 +Alberti, esser tutta insanguinata, come di questo si potrà examinare
 +</font><font color="#FF0000">Ganza</font><font color="#CC66CC"> di Leonardo
 +della Moniga, Francesco di Christofen, Giacom di Vasio qual è antiano
 +d'homini, et Catarina madre dil detto Francesco...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANZAROLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ganzaroli è specifico dell'area rovigoto, ferrarese, di Ferrara
 +e Voghiera nel ferrarese in particolare, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale emiliano con il significato di imbroglione, buggeratore, uccellatore,
 +anche se non si può escludere che possa trattarsi di una forma alterata
 +del termine <i><font color="#3333FF">sganzerla</font></i> (<i><font color="#666666">spilungone</font></i>)
 +(<font color="#CC33CC">vedi GANZERLA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GANZERLA
 +<br>GANZERLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi abbastanza rari sono tipici del modenese, potrebbero derivare
 +da un soprannome dialettale originato dal vocabolo sganzerla (spilungone)
 +o anche dal termine gaserla (gamberetto d'acqua dolce), tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo nel bergamasco nel 1500, in un atto del 1529
 +un certo Teotaldo Ganzerle de Ganzerletis è sindaco della Misericordia
 +di Urgnano (BG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAOLE
 +<br>GAOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaole è specifico di Verona e del veronese, Gaoli, praticamente
 +unico, è del mantovano ai confini con il veronese, dovrebbero derivare
 +dal nome del monte Gaole, uno dei monti della Lessinia veronese, probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARABUGGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garabuggio dovrebbe essere di origini venete e derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale veneto arcaico <i><font color="#3333FF">garabugio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">imbroglio, garbuglio, disordine</font></i>),
 +forse a sottolineare qualche aspetto non positivo del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARAGUSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garaguso è tipicamente lucano, del materano di Ferrandina, Salandra
 +e Grassano, con buone presenze anche nel potentino a&nbsp;&nbsp; Pietrapertosa
 +e Castelmezzano, dovrebbe derivare dal toponimo Garaguso nel materano,
 +probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARALDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere di origini modenesi,
 +deriva dal nome germanico Gairovald o dal medioevale Gailard.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARANCINI
 +<br>GRANCINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garancini è tipicamente lombardo del milanese, di Milano, Arcore,
 +Usmate Velate e Lainate, Grancini è specifico di Milano, dovrebbero
 +derivare dal nome dell'antico paese di <i><font color="#3333FF">Garancino</font></i>
 +nel milanese, nella zona Cesano Boscone, nella cui Pieve esisteva la Parrocchia
 +di San Biagio Vescovo situata in località Garancino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARAU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente sardo, estremamente diffuso soprattutto nelle province di Cagliari
 +ed Oristano, dovrebbe derivare da una modificazione locale del nome Gherardo,
 +secondo altri deriverebbe invece dal cognome spagnolo Garau derivato dal
 +vocabolo basco <i><font color="#3366FF">garau</font></i> (<i><font color="#666666">grano</font></i>),
 +a supporto di questa tesi si cita una lettera del 3 ottobre 1295 estratta
 +dal carteggio tra la Sardegna e la repubblica Marinara di Pisa: "<font color="#CC66CC">...Ex
 +huius publici instrumenti clareat lectione quod </font><font color="#FF0000">Bartholomeus
 +Garau </font><font color="#CC66CC">de Barcellona quondam </font><font color="#FF0000">Guillelmi
 +Garau</font><font color="#CC66CC"> pro se et suo nomine et Bonaccursus,
 +dictus Coscius, Gambacorta quondam Vernaccy pro se et suo nomine et vice
 +et nomine Cecchi Griffi, Petri Gambacorte et Gaddi Gambacorte sociorum
 +suorum et pro eis et quoque eorum...</font>" (<font color="#CC33CC">vedi anche CARA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARAVAGLI
 +<br>GARAVAGLIA
 +<br>GARAVAGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garavagli è unico come Garavaglio, molto probabilmente
 +sono semplicemente dovuti ad un errore di trascrizione di Garavaglia che
 +è invece molto diffuso in tutta la Lombardia occidentale, province
 +di Milano, Pavia, Como e Varese e nel Piemonte orientale, verbanese e novarese,
 +dovrebbe derivare da modificazioni del nome longobardo <i><font color="#3366FF">Garivaldus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medioevale</font></i>in una <i><font color="#3366FF">Cartula
 +commutationis</font></i> dell'anno 1025 a Bergamo:
 +"<font color="#CC33CC">In nomine domini nostri Iesu Christi. Anno
 +ab incarnacione eius milleno vigesimo quinto, quarto die mense setember,
 +indicione hoctava... .. nec non et inter </font><font color="#FF0000">Garivaldus</font><font color="#CC33CC">
 +abitator vico Calcinate et filius quondam Vualperti, de vico Oxio Superiore,
 +ut in Dei nomine debeant dare, sicut a presenti dederunt ac tradiderunt
 +vicissim sibi unus alteri in comutacione nomine...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARAVANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe genovese, dovrebbe derivare da un
 +nome di località, Punta Garavano presso Ventimiglia, troviamo tracce
 +di questa cognominizzazione a Vobbia (GE) nel 1800.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBA
 +<br>GARBI
 +<br>GARBO
 +<br>GARBOCCI
 +<br>GARBOLI
 +<br>GARBOLO
 +<br>GARBOTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garba, quasi unico, ha qualche sparuta presenza in Lombardia,Garbi è diffuso in tutto il settentrione, in Piemonte nel torinese,
 +biellese, vercellese e bnovarese, in Lombardia nel pavese, milanese, varesotto
 +ecomasco, in Emilia nel piacentino e parmense, ed in Veneto soprattutto
 +nel rovigoto, Garbo è veneto d'origine, probabilmente del padovano, con un possibile
 +ceppo nel palermitano, Garbocci, molto molto raro, è del lucchese,
 +di Viareggio in particolare e potrebbe anche derivare dal nome del paese di Garbo, una frazione di Genova, Garboli è molto raro ed ha probabilmente
 +la stessa origine, ma il ceppo originario della variante dovrebbe essersi
 +insediata nel verbanese, Garbolo, quasi unico, sembrerebbe lombardo, Garbotti
 +è quasi unico, potrebbero derivare, direttamente o tramite varie
 +forme ipocoristiche, da un soprannome legato al vocabolo germanico <i><font color="#3333FF">harw</font></i> (<i><font color="#666666">acerbo</font></i>)
 +o al tedesco medioevale <i><font color="#3333FF">garw</font></i> (<i><font color="#666666">ornamento</font></i>),
 +potrebbero anche discendere dal nome celtico <i><font color="#3333FF">Garva</font></i>,
 +o da un suo derivato, il nome medioevale di origini germaniche <i><font color="#3333FF">Garbus</font></i>,
 +o da una forma apocopaica del nome sempre germanico <i><font color="#3333FF">Garbaldus</font></i>,
 +originato dall'unione dei termini <i><font color="#3333FF">gari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">lancia</font></i>) e <i><font color="#3333FF">bald</font></i>
 +(<i><font color="#666666">audacia</font></i>), abbiamo tracce di queste
 +cognominizzazioni agli inizi del 1600 nel frusinate con il cancelliere
 +della famiglia Gallio : "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Dominicus
 +Garbus</font><font color="#CC33CC"> allius scripsi..</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Garbo è un cognome veneto. Secondo Olivieri 226 deriva dalla
 +voce veneta '<i><font color="#3333FF">garbo</font></i>' = '<i><font color="#666666">brusco</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBAGNATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garbagnati è tipico del nordmilanese, di Milano, Lazzate, Nerviano,
 +Monza, Lentate Sul Seveso e di Cermenate (CO), dovrebbe derivare da toponimi
 +come Garbagnate Milanese (MI) o Garbagnate Monastero (LC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBARI
 +<br>GARBARINI
 +<br>GARBARINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garbari è tipico di Trento, Garbarini è specifico della fascia
 +che comprende pavese, piacentino e genovese, Garbarino è decisamente
 +dell'alessandrino e genovese, potrebbero derivare da toponimi come in Valtrebbia
 +Garbarino (GE) o come Garbagna (AL) o Garbana (PV).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>potrebbero avere alla base il verbo garbare, utilizzato per indicare
 +la piacevolezza, l'amabilità e l'eleganza di chi portava questi
 +cognomi. Altre ipotesi di derivazione sono presenti sul sito (<font color="#CC33CC">vedi
 +Garbati, Garbin, Garbino, Garboli,</font> etc.)
 +<br><b>Garbari</b> è diffuso sporadicamente nel centro-nord della
 +penisola ma significativamente nella sola provincia di Trento. Il cognome
 +è maggiormente presente nella città di Trento (Via Garbari
 +e Galleria Garbari) e nel comune di Vezzano.
 +<br><b>Garbarini</b>, non comune, è diffuso in Lombardia, Liguria
 +e Piemonte. In Piemonte e Liguria è probabile che i cognomi Garbarini
 +e Garbarino venissero usati in modo interscambiabile per indicare rispettivamente
 +la globalità della famiglia (i Garbarini) od il singolo individuo
 +(il Garbarino). La forma al plurale in - i è presente nel genovese
 +(Genova, Rapallo, Rovegno e Rondanina) e nel savonese (Sassello ed Albisola
 +Superiore) con nuclei nel basso Piemonte e a Torino. Il cognome lombardo
 +Garbarini, invece, è tipicamente pavese. Diffuso da Vigevano (via
 +Garbarini) a Voghera, da Redavalle a Santa Giuletta. Tenderei sostanzialmente
 +ad escludere un nesso tra il ceppo pavese e quello ligure.
 +<br><b>Garbarino</b> (vedi Garbarini). Diffuso in Liguria (particolarmente
 +nel genovese, dove è il primo cognome in ordine di frequenza nei
 +comuni di Torriglia e Tribogna, ed a Rapallo, Montebruno e Chiavari) ed
 +in Piemonte (principalmente nell'alessandrino, ad Acqui Terme e Pareto).
 +Esistono numerose frazioni e località Garbarino e Garbarini in Liguria.
 +Ad esempio Garbarino di Rovegno nel genovese e Garbarino di Sassello nel
 +savonese. Un'origine toponomastica non è a mio avviso da escludere.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Tullio Garbari</font></font>
 +<br>in dialetto trentino e veneto il <i><font color="#3366FF">garbàr</font></i>
 +è il conciapelli; tant'è che a Pergine Valsugana (TN) esiste
 +il Vicolo delle Garberie, dove un tempo c'erano appunto le botteghe dei
 +conciapelli. Il termine deriva dal tedesco <i><font color="#3366FF">gerber</font></i>,
 +che significa, ovviamente, conciapelli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Garbarino è un cognome diffuso a Genova e in due aree della
 +Liguria, da Torriglia nell'entroterra fino al golfo del Tigullio (Rapallo),
 +e da Mioglia sulle montagne savonesi fino ad Albisola. Riprende diversi
 +toponimi, Garbarino fraz. di Rovegno in val Trebbia, Garbarini fraz. di
 +Tribogna in val Fontanabuona, Garbarini località del com. di Mioglia,
 +tutti da connettere con la voce del basso latino '<i><font color="#3333FF">garbus</font></i>'
 += '<i><font color="#666666">cespuglio</font></i>', che ha ispirato molti
 +nomi di località nell'Italia settentrionale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Presente a macchie di leopardo,
 +ha un probabile nucleo nel genovese e nel cagliaritano, e forse un ceppo
 +nelle Marche, potrebbe derivare dal nome in uso presso i Franchi Gerbert
 +o dal germanico Gairbart, come pure potrebbe derivare da un soprannome
 +legato al vocabolo germanico harw (acerbo) o al tedesco medioevale garw
 +(ornamento), potrebbe anche discendere dal nome celtico Garva.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBAZ
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo è tipico dell'udinese, di origini slovene,
 +dovrebbe derivare da un soprannome riferentesi ad un difetto fisico del
 +capostipite originato dal vocabolo slavo <i><font color="#3366FF">g(a)rbec</font></i>
 +(<i><font color="#666666">gobbo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBELLINI
 +<br>GARBELOTTI
 +<br>GARBELOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garbellini ha un ceppo tra il rovigoto ed il ferrarese ed uno tra il sondriese
 +ed il bresciano, Garbelotti, praticamente unico, dovrebbe essere dovuto
 +ad un errore di trascrizione di Garbelotto, che, molto raro, è specifico
 +del trevisano, di Cappella Maggiore e Vittorio Veneto, questi cognomi dovrebbero
 +derivare da ipocoristici di un soprannome originato dal termine veneto
 +arcaico <i><font color="#3333FF">garbelo</font></i> (sorta di <i><font color="#666666">bacinella
 +utilizzata dall'orefice</font></i> per raccogliervi la limatura dei metalli
 +preziosi), forse ad indicare nel capostipite un lavorante presso un orafo,
 +o l'orafo stesso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBERI
 +<br>GARBERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garberi è specifico dell'alessandrino, di Alessandria e Casale Monferrato,
 +e soprattutto del pavese, di Sannazzaro de' Burgundi, Robbio, Mede, Voghera,
 +Mezzana Bigli e Gambolo, Garbero, molto più diffuso, è proprio
 +dell'area alessandrino, genovese, astigiano, savonese, in particolare di
 +Spigno Monferrato, Alessandria ed Acqui Terme nell'alessandrino, e di Torino,
 +di Genova e di Cairo Montenotte e Savona nel savonese, potrebbe derivare
 +da soprannomi originati dall'italianizzazione del termine piemontese <i><font color="#3333FF">garbè</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ventre, pancia</font></i>) ed indicare forse
 +nei capostipiti degli uomini grassottelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARBIN
 +<br>GARBINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garbin è decisamente veneto, Garbino, molto raro, è specifico
 +della zona di Pozzuolo Del Friuli (UD), dovrebbero derivare da soprannomi
 +legati al carattere garbato del capostipite, ma è pure possibile
 +una connessione con il termine dialettale garbin (vento di libeccio), tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo a Pirano nel 1500 con tal Piero Garbin
 +quondam Zorzi da Piran, nell'area del Tagliamento nella seconda metà
 +del 1600 con un certo Giovanni Garbin citato in un atto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARCIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, ma presente in tutt'Italia, sembrerebbe avere due ceppi, nel
 +milanese e in provincia di Roma, è di chiara origine spagnola.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>diffusissimo in Spagna, il cognome è in realtà di origine
 +basca. Contrariamente a quello che si crede non significa orso, ma è
 +di derivazione toponomastica. Oltre che in Spagna e America centro-meridionale,
 +Garcia è il primo cognome statunitense non anglosassone, ed è
 +al 18° posto; in Francia è ugualmente 14°, primo tra i cognomi
 +non francesi. verosimilmente questo cognome è destinato a aumentare
 +il suo peso anche in Italia, considerando che l'immigrazione sudamericana
 +è destinata a crescere.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>In realtà l'origine del cognome Garcìa è piuttosto
 +oscura ai giorni nostri, sebbene effettivamente si tratti del cognome più
 +diffuso in Spagna (esattamente come il cognome Rossi in Italia). Da una
 +parte, innanzitutto, si pensa che Garcìa sia connesso alla toponomastica
 +spagnola e, in particolar modo, al comune di Garcia, in provincia di Tarragona
 +(nella comunità autonoma della Catalogna): in questo contesto, va
 +notato che il paese di Garcia ha una storia molto antica e, dagli studi
 +condotti, pare che l'area fosse già abitata in epoca pre-romana
 +- ai tempi delle antiche popolazioni iberiche. A quest'ipotesi, però,
 +va sicuramente aggiunta quella d'origine onomastica, dovuta cioè
 +alla cognominizzazione del nome spagnolo <i><font color="#3366FF">Garcìa</font></i>,
 +dal significato incerto: secondo gli studiosi si tratta di un antico nome
 +basco o, in alternativa, iberico, la cui origine può essere rintracciata
 +nel termine <i><font color="#3366FF">(h)artz</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#666666">orso</font></i> (altri, invece, sostengono
 +che il significato sia quello di <i><font color="#666666">volpe</font></i>).
 +Nella storia spagnola, ad ogni modo, si possono citare moltissimi esempi
 +di nobili dal nome Garcìa, trattandosi spesso di conti, duchi, reggenti
 +e addirittura sovrani spagnoli: si pensi ai conti d'Aragona e re di Pamplona
 +Garcìa I Sanchez di Navarra e Garcìa II Sanchez di Navarra
 +(detto il Tremolante) o al re di Navarra Garcìa IV Ramìrez
 +di Navarra (detto il Restauratore) o al primo re di Leòn Garcìa
 +I di Leòn o ancora ai duchi di Guascogna Garcìa I di Guascogna
 +e Garcìa II di Guascogna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARD
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gard è un tipico cognome valdostano specifico di Chatillon
 +e Saint Vincent, potrebbe derivare dal francese <i><font color="#3366FF">Garde</font></i>,
 +cognome originato da un toponimo dell'area lionese, ma non si può
 +escludere una derivazione dal nome e termine germanico <i><font color="#3366FF">Ward</font></i>
 +(<i><font color="#666666">guardia, sentinella</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garda è specifico della bassa bresciana, di Borgo San Giacomo, Orzivecchi
 +e Brandico, dovrebbe derivare dal nome del lago di Garda, ad indicare una
 +provenienza delle famiglie da quell'area, ma è pure possibile che
 +possa trattarsi di un matronimico dall'aferesi del nome Ermengarda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDELLA
 +<br>GARDELLI
 +<br>GARDELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gardella ha un ceppo nella zona che comprende il genovese soprattutto,
 +ma anche l'alessandrino, il pavese, il piacentino ed il parmense, con un
 +ceppo anche nel ravennate e forlivese, Gardelli, meno comune, ha un ceppo
 +nel parmense e nella zona che comprende il bolognese, il ravennate ed il
 +cesenate, Gardello è praticamente unico, dovrebbero derivare dal
 +nome provenzale <i><font color="#3333FF">Gardel</font></i><font color="#000000">,
 +utilizzato anche nella regione pirenaica della Francia, </font>o dalla
 +sua latinizzazione <i><font color="#3333FF">Gardelius</font></i>, o direttamente
 +dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Gardel</font></i> da questi
 +derivato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDENGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gardenghi è tipicamente emiliano, di Bologna, Imola, Medicina e
 +Vergato nel bolognese, Di Ferrara e Vigarano Mainarda nel ferrarese, e
 +di Massa Lombarda nel ravennate, dovrebbe derivare dal nome della località
 +Gardengo di Fontanelice nel bolognese, forse luogo di provenienza dei capostipiti,
 +ma potrebbe anche trattarsi di una forma etnica longobarda riferita a paesi
 +come Guarda di Loiano o Guarda di Molinella nel bolognese o Guarda di Ro
 +Ferrarese nel ferrarese, tutti prossibili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDI
 +<br>GARDIN
 +<br>GARDINETTI
 +<br>GARDINI
 +<br>GARDINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gardini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="63"><font size="-1">Gardi ha un ceppo nel veneziano, uno tra bolognese, ferrarese e ravennate,
 +uno nel perugino ed uno nel cosentino, Gardin è decisamente veneto,
 +della zona che comprende le province di Padova, Venezia e Treviso, Gardinetti
 +è quasi unico, Gardini è della zona che comprende le provincie
 +di Bologna, Ravenna e Forlì, Gardino è piemontese, potrebbero
 +derivare direttamente dall'aferesi, o tramite un diminutivo, semplice o
 +composto, dal nome di origine franca <i><font color="#3366FF">Ansgard</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Ermengard</font></i> o <i><font color="#3366FF">Hildegard</font></i>
 +o dai nomi medioevali germanici <i><font color="#3366FF">Edgard</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Liutgard </font></i>o <i><font color="#3366FF">Madelgard</font></i>
 +o altri simili.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gardin è cognome veneto. Secondo Olivieri 160 deriva dal personale
 +germanico <i><font color="#3333FF">Gardin</font></i>, Förstemann 600.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDINAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del mantovano ai confini
 +con la provincia di reggio Emilia, potrebbe essere l'aferesi di un soprannome
 +derivato dal nome franco Ansgard o Ermengard o Hildegard o dai nomi medioevali
 +germanici Edgard o Liutgard o Madelgard o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDO
 +<br>GARDOSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gardo è quasi unico, Gardosi è specifico del bolognese, potrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gardo</font></i>
 +probabile aferesi di nomi medioevali germanici come <i><font color="#3366FF">Edgard</font></i>
 +o simili (<font color="#CC33CC">vedi GARDIN</font>), ma potrebbero anche
 +derivare dal fatto che il capostipite provenisse dal Monte Gardo nel riminese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Raro dovrebbe essere originario
 +del veronese, una possibile origine è un soprannome originato dal
 +toponimo Garda (VR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARDUMI
 +<br>GARDUMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gardumi è specifico di Trento, Gardumo, assolutamente rarissimo,
 +è del veronese, potrebbero derivare da un soprannome originato dai
 +termini medioevali germanici a.a.t. <i><font color="#3333FF">gadum</font></i>
 +(<i><font color="#666666">stanza camera</font></i>) o <i><font color="#3333FF">gadumil?</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tesoriere</font></i>), forse ad indicare l'attività
 +di albergatore o di tesoriere svolta dai capostipiti, o anche dal termine
 +<i><font color="#3333FF">gard</font></i> (<i><font color="#666666">giardino</font></i>)
 +ad indicare nei capostipiti dei giardinieri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAREFFA
 +<br>GAREFFI
 +<br>GARREFFA
 +<br>GARREFFI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gareffa estremamente raro, sicuramente calabrese del reggino, ha una presenza
 +anche nel cosentino, dovrebbe trattarsi di un'errata trascrizione del cognome
 +Garreffa, che è tipicamente calabrese, con un ceppo nel reggino,
 +a Locri, Molochio, Bovalino, Benestare, Gerace, Taurianova, Platì
 +ed Antonima ed un piccolo ceppo anche a Praia a Mare nel cosentino, Gareffi
 +e Garreffi, praticamente unici, dovrebbere essere una forma alterata del
 +precedente, dovrebbero derivare dall'italianizzazione del nome biblico
 +<i><font color="#3333FF">Hareph</font></i>, della tribù di Giuda
 +e figlio di Caleb, nome che significa <i><font color="#666666">inverno</font></i>,
 +secondo un'altra ipotesi deriverebbero invece da soprannomi basati sul
 +vocabolo dialettale calabrese <i><font color="#3333FF">garrifa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">avena selvatica</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARELLA
 +<br>GARELLI
 +<br>GARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garella è torinese, Garelli sembra avere oltre ad un nucleo piemontese-ligure
 +nel cuneese, nel torinese e nella Liguria occidentale, anche un ceppo non
 +secondario nel bolognese, Garello oltre al nucleo piemontese ligure dovrebbe
 +averne anche uno nel vicentino, dovrebbero derivare dal nome franco <i><font color="#3333FF">Gariel</font></i>
 +derivato probabilmente dal celtico <i><font color="#3333FF">Gar</font></i>
 +o dal germanico <i><font color="#3333FF">Wari</font></i> rimodificatosi
 +in <i><font color="#3333FF">Gari </font></i>e dal diminutivo in <i><font color="#3333FF">Garell</font></i>.
 +Tracce di questa cognominizzazione si hanno nel 1264, quando il vescovo
 +Guido infeuda Bistagno nell'alessandrino alla famiglia Garelli, e poi,
 +verso la fine del 1600, con Nicolaus Garellus, fisico personale dell'Arciduca
 +Carlo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARETTI
 +<br>GARETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garetti, molto raro, sembrerebbe tipicamente emiliano in particolare nel
 +modenese di Sassuolo e Modena, e di Piacenza, Garetto è decisamente
 +piemontese, del torinese in particolare, di Torino, Strambino, Ivrea, Cercenasco
 +e Caluso, e di Revigliasco d'Asti, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Garettus</font></i>, che probabilmente a sua volta
 +deriva dall'aferesi di un ipocoristico del nome <i><font color="#3333FF">Ongaro</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Ungaro</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Ongari</font>) che dovrebbe derivare dall'etnico di Ungheria, dell'uso
 +di questo nome abbiamo un esempio in un <i><font color="#3366FF">Breve
 +finis et refutationis</font></i> dell'anno 1144 a Brescia: "<font color="#CC33CC">..
 +Factum est hoc predicto die mensis, anno ab incarnacione domini nostri
 +Iesu Christi millesimo centesimo quadragesimo quarto, indicione septima.
 +Interfuerunt Milo qui dicitur de Cruce et Maseratus, filius Umberti qui
 +dicitur de Celatica, et Bellottus, filius Prandonis qui dicitur Romediæ,
 +et </font><font color="#FF0000">Garettus</font><font color="#CC33CC"> et
 +Gerardus qui dicitur Magister et Oddo qui dicitur Lisignolus testes. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARFAGNINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garfagnini ha un ceppo tra spezzino, massese, lucchese, pisano e livornese,
 +soprattutto a Pomarance nel pisano, a Seravezza e Pietrasanta nel lucchese
 +ed a Carrara, si dovrebbe trattare di una forma etnica della Garfagnana,
 +regione della provincia di Lucca compresa tra le Alpi Apuane e l'Appennino
 +Tosco emiliano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARGANESE
 +<br>GARGANESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garganese è specifico della Puglia, del barese e del brindisino
 +in particolare, Garganesi è praticamente unico e dovrebbe esssere
 +dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, dovrebbe derivare da
 +forme etniche riferite ad un origine del capostipite dal promontorio del
 +Gargano nel foggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARGEA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gargea, quasi unico, dovrebbe essere di origini calabresi, della zona di
 +Catanzaro, potrebbe derivare da un nome o soprannome grecanico basato su
 +di un'alterazione del termine greco antico <font color="#3333FF">καρτεά
 +<i>kartea</i></font> (<i><font color="#666666">tollerante</font></i>),
 +secondo un'altra ipotesi deriverebbe invece dalla forma contratta del termine
 +grecanico basato sul vocabolo greco antico <font color="#3333FF">καρχαλέα
 +  <i>karkalea</i></font> (<i><font color="#666666">aguzzo, appuntito</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe bolognese, potrebbe derivare dal nome
 +bizantino Gargius o dal nomen latino Gargilius; in una lapide del II°
 +secolo d.C. si legge : "<font color="#FF0000">Gargilius Calventianus</font><font color="#CC66CC">
 +fl(</font><font color="#000000">amen</font><font color="#CC66CC">) p(</font><font color="#000000">erpetuus</font><font color="#CC66CC">)</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARGIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere quattro nuclei sulla
 +via da Milano al ferrarese, attraverso il lodigiano e la provincia di Cremona,
 +potrebbe derivare dal nomen latino Gargilius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARGIOLI
 +<br>GARGIOLLI
 +<br>GARGIULI
 +<br>GARGIULLI
 +<br>GARGIULLO
 +<br>GARGIULO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gargioli, molto molto raro, è specifico di Roma ed Ariccia nel romano,
 +Gargiolli, assolutamente rarissimo, è tipicamente toscano del fiorentino,
 +Gargiuli, assolutamente rarissimo, è anch'esso del romano, Gargiulli
 +ha un ceppo a Civitavecchia nel romano, ed uno minore a Corigliano Calabro,
 +Gargiullo ha anch'esso un ceppo a Civitavecchia, con buone presenze anche
 +a Roma ed Anzio, ed un ceppo importante a Corigliano Calabro, di gran lunga
 +il più diffuso è Gargiulo, proprio della fascia tirrenica
 +che dalla provincia di Roma raggiunge il salernitano, con la massima concentrazione
 +nel napoletano, nel casertano e nel salernitano, dovrebbero derivare tutti da modificazioni
 +più o meno dialettali del nomen latino <i><font color="#3333FF">Gargilius</font></i>,
 +portato ad esempio da Quinto Gargilio Marziale nel I° secolo d. C.: "<font color="#FF0000">Quintus Gargilius
 +Martialis</font><font color="#CC33CC"> quo tempore vixerit, docet Lampridius
 +in Alexandro Severo c. 37. qui eius temporis scriptorem vocat...</font>".
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad esempio a Battipaglia (SA)
 +in un'iscrizione murata sul muro dell'antica dogana ducale di Eboli ; "<font color="#CC33CC">...MENS.S
 +AUGUSTI 1697. D.ALONZO PEREZ DE ARACIEL P.M.C. VIDIT FISCUS. D. MICHAEL
 +VARGAS MACHUCCA - LOCUS SIGILLI, </font><font color="#FF0000">FRANCISCUS
 +ANTONIUS GARGIULUS</font><font color="#CC33CC"> PRO MAG.R ACTORUM. SOLVIT
 +IUS REGISTRI...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gargiulo e Gargiuli sono un cognome lucano presente&nbsp; a Matera,
 +anche calabrese, napoletano e nel Salento; cfr. voce calabrese '<i><font color="#3333FF">gargia</font></i>'
 += '<i><font color="#666666">bocca aperta</font></i>'. Fonte: G. Rohlfs,
 +Dizionario storico dei cognomi in Lucania, 1985. Altra ipotesi: deriverebbe
 +da un termine longobardo che significa '<i><font color="#666666">canapa</font></i>'
 +e quindi indicherebbe un commerciante di canapa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garia, molto raro, è specifico della Sardegna sudoccidentale, di
 +San Giovanni Suergiu e Perdaxius nell'iglesiente, dovrebbe derivare da
 +un'alterazione dialettale del termine sardo arcaico <i><font color="#3333FF">galia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">beato, felice</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gariano è specifico di Catanzaro e di Marcellinara, Gimigliano e
 +Tiriolo nel catanzarese, potrebbe trattarsi di un etnico dell'altipiano
 +di Garian in Libia. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad Oppido
 +Mamertina nel reggino in un atto del 1664 dove, fra le suore di San Mercurio,
 +lì elencate, figura anche una suor Antonia Gariano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIBALDI
 +<br>GARIBALDO
 +<br>GARIBOLDI
 +<br>GARIBOLDO
 +<br>GARIBOTTI
 +<br>GARIBOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garibaldi sembra di origine ligure, Garibaldo, assolutamente rarissimo,
 +parrebbe ligure, Gariboldi ha origini nell'area coperta dalle province
 +di Milano, Pavia, Lodi e Piacenza, Gariboldo, quasi unico, è piemontese,
 +Garibotti è specifico di Genova e Chiavari, Garibotto è tipico
 +di Sestri Levante&nbsp; e Casarza Ligure nel genovese, derivano entrambi
 +dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Garibaldus </font></i>(dal
 +germanico <i><font color="#3366FF">Haribald</font></i>) di cui abbiamo
 +un esempio
 +nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia medioevale</font></i>
 +sotto l'anno 983 a Cremona, dove in un <i><font color="#3366FF">cartula
 +commutacioni</font></i>s si può leggere tra l'altro: "<font color="#CC33CC">...Ad
 +ec responderunt ipsi domnus Odelricus episcopus et </font><font color="#FF0000">Garibaldus</font><font color="#CC33CC">
 +iudex et advocatus dixerunt et profesi sunt: Vere cartula ipsa comutacionis
 +quam in eodem iudicio ostensisti bona et vera est. ...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di tutti questi cognomi, in effetti, va ricercata nel nome
 +medievale <i><font color="#3366FF">Garibaldo</font></i>, l'italianizzazione
 +cioè del personale germanico <i><font color="#3366FF">Garibald</font></i>,
 +che, composto dagli elementi <i><font color="#3366FF">gari</font></i> (<i><font color="#666666">lancia</font></i>)
 +e <i><font color="#3366FF">bald</font></i> (<i><font color="#666666">audace,
 +fiero</font></i>), può essere tradotto come <i><font color="#666666">audace con la lancia</font></i>. Si tratta, dunque,
 +delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIBBO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome estremamente raro, tipicamente
 +ligure, probabilmente originario della provincia di Imperia, lo si trova
 +già in atti risalenti al 1200, a Genova, in una scrittura di compravendita
 +del febbraio 1273 si parla di un tal&nbsp; Marino Carafico che a nome dei
 +suoi soci e della sua galea, chiamata Bonaventura, compra da Giovanni Garibbo
 +tanti canapi e sartie per soldi 50 per detta galea, che fa parte delle
 +14 allestite contro Manarola, e delle quali è ammiraglio Giacomo
 +Squarzafico, Giovanni de Torrexella promette a Pasqualino Bontempo di andare
 +in sua vece per rematore sulle galee, allestite contro Manarola, percependo
 +soldi. 31.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIFFO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gariffo è tipicamente siciliano, specifico di Palermo e di Corleone
 +nel palermitano, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine
 +arabo <i><font color="#3333FF">harif</font></i> (<i><font color="#666666">pioggia
 +autunnale</font></i>) forse attribuito come nome al capostipite nato in
 +quel periodo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gariglio è tipico del torinese, di Torino, Moncalieri e Piobesi
 +Torinese in particolare, con ceppi anche nel vercellese a Borgo d`Ale,
 +si potrebbe trattare di una traslitterazione del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Gargilius</font></i>,
 +citato ad esempio da Marziale in un suo epigramma: "<font color="#CC33CC">Lingis,
 +non futuis meam puellam // Et garris quasi moechus et fututor. // Si te
 +prendero, </font><font color="#FF0000">Gargili</font><font color="#CC33CC">,
 +tacebis.</font>", ma, molto più probabilmente, deriva invece dal
 +nome franco <i><font color="#3366FF">Gariel</font></i> e non si può
 +escludere del tutto neppure una modificazione del nome gotico <i><font color="#3366FF">Goiaricu</font></i>s.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARILLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garilli è tipico di Piacenza e provincia, dovrebbe derivare dal
 +nome personale latino <i><font color="#3333FF">Garillius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIMANNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garimanno, molto molto raro, è tipicamente piemontese, dell'alessandrino,
 +di Gabiano in particolare, dovrebbe derivare dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Garimann</font></i>,
 +che origina dalla fusione dei termini medioevali germanici <i><font color="#3333FF">gari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">lancia</font></i>) e <i><font color="#3333FF">mann</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo</font></i>), con il significato di <i><font color="#666666">lancere</font></i>,
 +secondo un'altra ipotesi quest'ultimo nome deriverebbe invece dalla fusione
 +dei vocaboli <i><font color="#3333FF">wari</font></i> (<i><font color="#666666">protezione</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">mann</font></i> (<i><font color="#666666">uomo</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">protettore</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIMBERTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garimberti è decisamente emiliano, specifico di Reggio Emilia, Parma
 +e, nel reggiano, di Bibbiano, Sant'Ilario d'Enza e Luzzara, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Garibehrt</font></i>,
 +composto dai termini <i><font color="#3333FF">gari</font></i> (<i><font color="#666666">lancia</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">behrt</font></i> (<i><font color="#666666">illustre,
 +luminoso</font></i>), con il significato di <i><font color="#666666">illustre
 +lancia</font></i> o di <i><font color="#666666">lancia splendente</font></i>,
 +ma non si può escludere che possa invece derivare dal nome germanico
 +<i><font color="#3333FF">Warinberht</font></i>, composto dai termini medioevali
 +germanici <i><font color="#3333FF">wara </font></i>(<i><font color="#666666">protezione</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">berht</font></i> (<i><font color="#666666">illustre,
 +luminoso</font></i>), con il significato di <i><font color="#666666">illustre
 +difensore</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARINI
 +<br>GARINO
 +<br>GARRINI
 +<br>GARRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente settentrionali Garini è diffuso nella Lombardia meridionale,
 +nel pavese, nel lodigiano, nel cremonese e nel mantovano, Garino è
 +tipicamente piemontese, molto diffuso nel torinese, a Torino, Leini, Collegno,
 +e Settimo Torinese, e nel cuneese, a Cuneo, Dronero, Bernezzo, Busca e
 +Caraglio, con presenze anche in Liguria, Garrini, assolutamente rarissimo,
 +è specifico del mantovano, Garrino è tipico di Torino e Chieri
 +nel torinese, dovrebbero derivare dall'italianizzazione del nome germanico
 +<i><font color="#3333FF">Warin</font></i>, o anche, in qualche caso, da
 +una forma ipocoristica del nome medioevale longobardo <i><font color="#3333FF">Garo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GARON</font>), o di una forma apocopaica del
 +nome sempre longobardo <i><font color="#3333FF">Gairulf</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere della zona al confine
 +tra lodigiano e piacentino, potrebbe discendere dal cognomen latino Gavrus
 +o dal suo derivato medioevale Garozzo, un'altra possibilità è
 +la derivazione come aferesi del nome alto medioevale Berengario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIPPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garippa è tipicamente sardo, di Fonni, Oliena, Orgosolo e Nuoro
 +nel nuorese e di Oristano, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +sardo basato sul termine <i><font color="#3333FF">garippa</font></i> o
 +<i><font color="#3333FF">garroppa</font></i> (<i><font color="#666666">gorgo</font></i>),
 +probabilmente con riferimento alla località di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garis è tipicamente piemontese del torinese, di Moncalieri, Torino,
 +Castagnole Piemonte e Pinerolo, dovrebbe derivare da un nome medioevale
 +germanico basato sul termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">gari</font></i> (<i><font color="#666666">lancia</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARLANDA
 +<br>GARLANDI
 +<br>GARLANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garlanda, molto molto raro, è tipicamente piemontese, dell'area
 +vercellese e biellese, Garlandi, ancora più raro, sembrerebbe dell'alessandrino,
 +Garlando, il più diffuso, è specifico dell'alessandrino,
 +di Valenza, Casale Monferrato e Lu, sempre nel Monferrato, potrebbero in
 +qualche caso derivare dal nome della località Garlanda di Verbania,
 +ma l'ipotesi più probabile consiste in una derivazione dal nome
 +germanico <i><font color="#3333FF">Garland</font></i>, ricordiamo con questo
 +nome un filosofo logico medioevale belga dell'undicesimo secolo: "<font color="#CC33CC">..
 +</font><font color="#FF0000">Garlandus</font><font color="#CC33CC"> sensus
 +cognoscit singularia, intellectus vero universalia, et horum sunt&nbsp;
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARLASCHELLI
 +<br>GARLASCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garlaschelli, così come Garlaschi sembrano essere originari della
 +zona tra Milano e Pavia, dovrebbero derivare dal toponimo Garlasco nel pavese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>La concentrazione del cognome Garlaschelli si trova nella zona sud-orientale
 +della Lombardia. E' una variante alterata dal ceppo "<i><font color="#3333FF">Garlasco</font></i>",
 +nome di un paese in provincia di Pavia, che si può probabilmente
 +identificare in attestazioni medievali quali "<i><font color="#3333FF">Carlasi</font></i>",
 +"<i><font color="#3333FF">Carlaxe</font></i>" e "<i><font color="#3333FF">Carlasco</font></i>",
 +provenienti da un personale latino "<i><font color="#3333FF">Carrolus</font></i>"
 +o da un nome proprio germanico "<i><font color="#3333FF">Carolus</font></i>".
 +Il tutto con una variazione iniziale della "<i><font color="#3333FF">c</font></i>"
 +in "<i><font color="#3333FF">g</font></i>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARLATE
 +<br>GARLATI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garlate è praticamente unico e dovrebbe trattarsi di un errore di
 +trascrizione di Garlati che è comunque molto raro ed è specifico
 +del nordmilanese, dovrebbe derivare dal toponimo Garlate (LC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARLET
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico del bellunese, della zona di Santa Giustina
 +e San Gregorio delle Alpi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARNERI
 +<br>GARNERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garneri è tipico di Torino con un ceppo forse non secondario a Lumezzane
 +(BS), Garnero è specifico del Péiemonte occidentale, cuneese
 +e torinese, derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Garnerus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del 1231: "<font color="#CC33CC">...Hanc
 +autem elemosinam et venditionem Petrus, filius dicti </font><font color="#FF0000">Garnerii</font><font color="#CC33CC">,
 +laudavit et approbavit, promittentes tam dictus </font><font color="#FF0000">Garnerus</font><font color="#CC33CC">
 +quam Petrus filius suus..</font>.".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROBBIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garobbio, assolutamente rarissimo, parrebbe piemontese, dovrebbe derivare
 +da un soprannome, originato dalla presenza, nel luogo d'abitazione&nbsp;
 +del capostipite, di un <i><font color="#3333FF">carobbio</font></i>, antica
 +forma per indicare un&nbsp; <i><font color="#666666">quadrivio</font></i>,
 +cioè un punto dove si incontrano quattro strade.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROFALI
 +<br>GAROFALO
 +<br>GAROFOLI
 +<br>GAROFOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garofali dovrebbe essere della provincia di Frosinone, Garofalo è
 +diffuso in tutt'Italia, particolarmente al centro sud, Garofoli ha un ceppo
 +nell'area centrale che comprende le Marche, L'Umbria ed il Lazio, con un
 +ceppo anche nel genovese ed uno nel barese, Garofolo ha un ceppo nel romano
 +ed uno nel veronese, una possibile derivazione, in qualche caso, è
 +dal toponimo Garofali (CE) o da nomi di località simili e ormai
 +scomparsi, l'origine prima sembra comunque essere il nome longobardo <i><font color="#3366FF">Gairulf</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Garolf</font></i> o un termine dialettale che
 +significhi garofano, usato come soprannome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Garofalo è cognome lucano presente a a Sala Consilina (ST),
 +Accettura, Matera, anche calabrese, napoletano e nel Salento: deriva da
 +alterazioni del vocabolo '<i><font color="#3333FF">garòfano</font></i>'.
 +Fonte: G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROLFI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere originario della
 +zona tra Milano Lodi e Cremona, deriva dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Gairulf</font></i> o <i><font color="#3333FF">Garolf</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROLLI
 +<br>GAROLLO
 +<br>GARULLI
 +<br>GARULLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garolli, quasi unico è trentino, Garollo è specifico di Levico
 +Terme nel trentino, Garulli ha piccoli ceppi in Lombardia e nelle Marche,
 +con due nuclei nel parmense e nel bolognese, e nel romano, Garullo, quasi
 +unico, è presente ora solo nel latinense, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare da forme ipocoristiche del nome medioevale longobardo <i><font color="#3366FF">Garo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GARON</font>), o da modificazioni del nome
 +sempre longobardo <i><font color="#3366FF">Gairulf</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARON
 +<br>GARONE
 +<br>GARONI
 +<br>GARONIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garon, molto raro, è tipico del padovano, di Teolo, Abano Terme,
 +Padova, Albignasego e Montegrotto Terme, Garone è tipico del salernitano,
 +di Buonabitacolo, Sala Consilina e Montesano sulla Marcellana, mentre Garoni.
 +estremamente raro, ha un piccolo ceppo tra verbanese e varesotto, uno toscano
 +ed uno nel ravennate, Garonis, quasi unico, parrebbe piemontese, dovrebbero
 +derivare dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Garo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Garonis</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +negli <i><font color="#3366FF">Acta Longobardorum</font></i> in una <i><font color="#3366FF">Charta
 +Dotis</font></i> dell'anno 710 a Treviso: "<font color="#CC33CC">In nomine
 +domini salvatori nostri Iesu Christi. regnante domno Ariperte re in Italia,
 +anno decimo, indictione octava; feliciter. Beati sunt veri qui, dum in
 +hanc brevi de istius seculi et mortali corpore commorantes, ut ad supernam
 +et perpetuam vitam, quam Dominus noster diligentibus se repromise, festinare
 +non desinat. Ideoque ego Alfredi cum Avuarde et </font><font color="#FF0000">Garo</font><font color="#CC33CC">
 +servi Christi et Sancto Petro et Sancto Paulo et Sancto Tehonisto monasterio,
 +qui est constitudus in loco qui dicitur Civitatecla; in primmis ego Alfre
 +de mea. proprietate pro mea peccata in ipsas sanctas locas sanctorum dono
 +familias tres in vico ubi dicitur Piniano.. ..Ego Ticianus notarius rogatus
 +ad Alfredi, Avuarde, </font><font color="#FF0000">Garone</font><font color="#CC33CC">
 +in hanc cartola scripsi et subscripsi</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Garone è cognome lucano presente a Maratéa, Matera, Sala
 +Consilina e altrove; cfr. Garone monte in provincia di Bergamo, <i><font color="#3333FF">Garon</font></i>
 +cognome in Francia. Fonte: G. Rohlfs, Dizionario storico dei cognomi in
 +Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROPPO
 +<br>GARROPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garoppo, assolutamente rarissimo, è piemontese dell'alessandrino,
 +Garroppo, quasi unico, sembrerebbe meridionale, potrebbero derivare da
 +alterazioni del nome germanico <i><font color="#3333FF">Garo</font></i>,
 +a sua volta derivato dal termine medioevale germanico a.a.t. <i><font color="#3333FF">garo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pronto, preparato, equipaggiato</font></i>),
 +con il significato di pronto alla vita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAROSCI
 +<br>GAROSCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garosci, quasi unico, sembrerebbe ligure, Garoscio ha un ceppo nell'imperiese
 +a Dolceacqua, dovrebbe derivare da un nome di località basato sul
 +termine francese <i><font color="#3333FF">jarosse</font></i> (una particolare
 +<i><font color="#666666">specie di pisello</font></i> di cui sono ricchi
 +alcuni pascoli).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARRE
 +<br>GARRE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garre, quasi unico, è del genovese, Garrè ha un ceppo a Motta
 +Visconti nel milanese ed uno a Savignone, Genova e Busalla nel genovese,
 +dovrebbero derivare dal nome del paese di Garre, una frazione del comune
 +di Niella Tanaro nel cuneese, ma potrebbe anche derivare da un soprannome
 +basato sul termine arcaico francese <i><font color="#3333FF">garret</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pratica di alternanza nelle colture con periodi
 +di riposo, maggese</font></i>), una terza ipotesi lo fa derivare da un
 +termine preligure <i><font color="#3333FF">gar</font></i> (<i><font color="#666666">roccia
 +scoscesa, scarpata</font></i>), caratterizzando forse la tipologia del
 +luogo di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARRO
 +<br>GARRONE
 +<br>GARRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garro è un cognome che ha un ceppo nel cuneese ed uno piccolo nel
 +padovano ed è abbastanza diffuso anche&nbsp; nel meridione, con
 +un piccolo ceppo nel barese, uno nel cosentino ed uno molto più
 +consistente nel catanese e soprattutto nel siracusano, Garrone è molto diffuso in tutto il Piemonte ed in Liguria, Garroni
 +invece ha un ceppo a Ravenna ed uno a Roma, in molti casi potrebbero derivare dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Garo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Garonis</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GARON</font>), o anche
 +da toponimi come Garrone di Rossiglione nel genovese o Garroni di Roccaverano nell'astigiano, potrebbero in qualche caso anche derivare dal nome /cognome francese <i><font color="#3333FF">Garnaud</font></i>
 +a sua volta derivato dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Warinwald</font></i>
 +composto da <i><font color="#3333FF">warin</font></i> (<i><font color="#666666">difensore,
 +guerriero</font></i>) e <i><font color="#3333FF">wald</font></i> (<i><font color="#666666">governo,
 +legge</font></i>) nel senso di <i><font color="#666666">difensore della legge</font></i>, ma non si può escludere che sia 
 +possibile una derivazione da ipocoristici di nomi di località individuabili
 +dal termine di origine preindoeuropea <i><font color="#3333FF">garros</font></i>
 +(<i><font color="#666666">luogo scosceso, arroccato in cima</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>GARRONE: cognome diffuso soprattutto in Piemonte, in ben 190 Comuni:
 +Torino 276, Asti 57, etc. Per ovvi motivi facciamo derivare il cognome
 +piemontese dal celtico <i><font color="#3333FF">garra</font></i>, più
 +che dal catalano <i><font color="#3333FF">garrò</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CARRONE</font>), nel significato di <font color="#666666">garretto</font>,
 +ovvero la parte posteriore della caviglia nell'uomo, o regione anatomica
 +dell'arto posteriore dei mammiferi, che ha come base scheletrica le ossa
 +o gli ossi del tarso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARRUBA
 +<br>GARRUBBA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garruba è specifico di Crotonei nel crotonese, Garrubba è
 +specifico invece di Melissa, sempre nel crotonese, dovrebbero derivare
 +da un soprannome basato sul termine dialettale&nbsp; <i><font color="#3333FF">garruba</font></i>
 +(<i><font color="#666666">carruba</font></i>), il frutto prediletto degli
 +asini, probabilmente ad indicare che il capostipite ne fosse un allevatore
 +o un conduttore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARRUCCIO
 +<br>GARRUCCIU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garruccio, estremamente raro, sembrerebbe avere presenze nel cagliaritano
 +e nel pisano, Garrucciu è tipicamente sardo, ha un piccolo ceppo
 +a Quartu Sant'Elena e Cagliari nel cagliaritano, ma la maggior diffusione
 +è nel settentrione dell'isola, a Sassari, a Olbia ed a Tempio Pausania.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>GARRUCCIO; GARRUCCIU: <i><font color="#3333FF">garrucciu</font></i>,
 +è la variante del nord Sardegna di <i><font color="#3333FF">carrucciu</font></i>
 += <i><font color="#666666">piccolo carro, carretto per bambini</font></i>,
 +etc. (<font color="#CC33CC">vedi il cognome Carrucciu</font>), come anche
 +garru è la variante di carru = carro, dal latino carrus = carro
 +da trasporto merci a 4 ruote. Come cognome non l'abbiamo trovato negli
 +antichi documenti della lingua e della storia della Sardegna, da noi consultati.
 +Il cognome Garrucciu è attualmente&nbsp; presente in 19 Comuni italiani,
 +di cui 12 in Sardegna: Olbia 40, Sassari 30, Tempio 20, etc. Il cognome
 +Garruccio è presente in 12 Comuni italiani, di cui 4 in Sardegna:
 +Quartu S.E. 6, Badesi 5, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARRUTI
 +<br>GARUTI
 +<br>GARUTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garuti è tipico del modenese e bolognese, Garruti. molto raro, è
 +del reggiano, Garutti è specifico della zona al confine tra modenese
 +e ferrarese, dovrebbero derivare dall'aferesi di nomi germanici come Edgar,
 +Fredegar, Liutgar, e simili, o più probabilmente da nomi tardo latini
 +come Garutius di cui abbiamo tracce in epoca longobarda in una <i><font color="#3366FF">Cartula
 +da Garutio in Terentio</font><font color="#000000">.</font></i>
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Paolo Garuti</font></font>
 +<br><font color="#000000">Non solo nomi tardolatini infatti in Tacito </font><i><font color="#3366FF">Historiae</font></i><font color="#000000">
 +I,7 si legge "</font><font color="#CC33CC">...Forte congruerat ut Clodii
 +Macri et Fontei Capitonis caedes nuntiarentur. Macrum in Africa haud dubie
 +turbantem Trebonius </font><font color="#FF0000">Garutianus</font><font color="#CC33CC">
 +procurator iussu Galbae, Capitonem in Germania, cum similia coeptaret,
 +Cornelius Aquinus et Fabius Valens legati legionum interfecerant antequam
 +iuberentur.</font><font color="#000000">".</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>II cognome Garuti è ben rappresentato a Modena, a Carpi e a
 +Mirandola. A Finale Emilia e a Modena troviamo anche la variante Garutti.
 +È il personale latino <i><font color="#3333FF">Carutus</font></i><font color="#000000">/</font><i><font color="#3333FF">Garutus</font></i>
 +giunto fino a noi. Fonte: F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARSIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro sembrerebbe avere due ceppi, in provincia di Roma e nell'isola
 +di Pantelleria, è di chiara origine spagnola.&nbsp; esempio di questa
 +cognominizzazione la troviamo a Roma nel 1600 con il Cardinale Vicario Generale
 +della Curia Romana Giovanni Garsia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARUCCIO
 +<br>GARUZZI
 +<br>GARUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garuccio ha un piccolo ceppo a Caulonia nel reggino ed uno a Trapani ed
 +Erice nel trapanese, Garuzzi, estremamente raro, ha presenze nel bresciano
 +e nel leccese, Garuzzo, molto raro, ha qualche rara presenza tra cuneese
 +ed astigiano ed un piccolissimo ceppo a Genova, dovrebbero derivare da
 +varie forea ipocoristiche, anche dialettali del nome longobardo <i><font color="#3333FF">Garo</font></i> o del nome germanico
 +<i><font color="#3333FF">Gari</font></i>, una forma italianizzata del nome
 +<i><font color="#3333FF">Wari</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARUFFI
 +<br>GARUFFO
 +<br>GARUFI
 +<br>GARUFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garuffi, rarissimo, è specifico del riminese, Garuffo, estremamente
 +raro, sembrerebbe del bresciano, Garufi ha un nucleo tra messinese e catanese,
 +Garufo ha un ceppo genovese ed uno siciliano, tra le province di Palermo,
 +Agrigento e Caltanissetta, dovrebbero tutti derivare dal nome longobardo
 +<i><font color="#3366FF">Gairulf</font></i> da cui è derivato il
 +germanico <i><font color="#3366FF">Warulf</font></i> quindi <i><font color="#3366FF">Warulfus</font></i>
 +e poi <i><font color="#3366FF">Garulfus</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Garufi è cognome siciliano che deriva dall'arabo '<i><font color="#3333FF">qarūf</font></i>'
 += <i><font color="#666666">duro, crudele</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZA
 +<br>GARZELLI
 +<br>GARZI
 +<br>GARZILLA
 +<br>GARZILLI
 +<br>GARZILLO
 +<br>GARZINI
 +<br>GARZINO
 +<br>GARZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garza, abbastanza raro, sembra essere bresciano, Garzelli, altrettanto
 +raro,&nbsp; potrebbe essere di origine barese, Garzi sembra invece specifico
 +dell'aretino e perugino di Cortona soprattutto, con un ceppo anche a Roma,
 +Garzilla, apparentemente unico, sembrerebbe del latinense, Garzilli ha
 +qualche presenza nel frusinate ed un ceppo in Campania a Napoli e Sorrento
 +nel napoletano ed a Solofra nell'avellinese, Garzillo ha un ceppo a Roma,
 +uno campano a Napoli e Pozzuoli nel napoletano, a Salerno, Nocera Inferiore
 +ed Eboli nel salernitano ed a Santa Maria Capua Vetere nel casertano, ha
 +presenze nel potentino ed un ceppo a Barletta nel barese, Garzini è
 +assolutamente rarissimo, Garzino parrebbe piemontese, in particolare del
 +cuneese, Garzo ha un piccolo ceppo nell'imperiese, uno a Napoli, ma il
 +ceppo principale è nel reggino a Seminara, Palmi e Sant`Eufemia
 +d`Aspromonte,&nbsp; potrebbero derivare da un soprannome, anche dialettale,
 +legato al mestiere di <i><font color="#666666">cardatore</font></i> o di<i><font color="#666666">
 +lavorante tessil</font></i>e, da Ludovico Antonio Muratori nella <i><font color="#3366FF">Dissertazione Di molte voci Italiane,
 +delle quali si cerca l'origine</font></i>: "<font color="#CC33CC">...In
 +Lombardia carduus sylvestris, si chiama </font><i><font color="#FF0000">garzo,
 +sgarz</font></i><font color="#CC33CC">o, onde sgarzare il panno....</font>",
 +ma è abbastanza sostenibile anche l'ipotesi del soprannome divenuto
 +nome e quindi cognome come possiamo già riscontrare nell'anno 1128
 +a Milano nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia
 +Medioevale</font></i>: "<font color="#CC33CC">Anno ab incarnatione domini
 +nostri Iesu Christi milleximo centeximo vigeximo octavo, mense novembris,
 +indictione septima. Placuit atque convenit inter Bombellum, filium .. ..
 +et Ardericum </font><font color="#FF0000">qui dicitur Garzo</font><font color="#CC33CC">,
 +de civitate Mediolani, vicini et scolarii ecclesie Sancti Alexandri...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZARI
 +<br>GARZARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi veneti, Garzari è quasi unico e dovrebbe trattarsi di errori
 +di trascrizione di Garzaro, che è specifico di Montecchio Precalcino
 +nel vicentino e di Camposampiero nel padovano, potrebbero derivare da un
 +soprannome veneto originato dal mestiere di garzatore (chi garza i filati
 +o i tessuti) svolto dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha più ceppi, nel Salento,
 +in provincia di Napoli, di Caltanissetta e in quella di Cagliari, deriva
 +da un'italianizzazione del cognome spagnolo Garcia.</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Guido Massacci</font></font>
 +<br><font size="-1">I Garzia presenti attualmente a Cagliari potrebbero derivare da più
 +ceppi distinti, di questi uno è proveniente da Ischia, arrivato
 +a Cagliari nella prima metà dell 1800; l'altro proveniente dalla
 +Liguria è arrivato a Cagliari verso la fine del 1700.  Vi sono altre famiglie di cognome Garzia o Garcia presenti in Sardegna
 +almeno dalla metà del 1600.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>GARZIA; GARSIA; GARCIA: <i><font color="#3333FF">sa gardzìa
 +</font></i>in lingua sarda, in tutte le sue varianti è <i><font color="#666666">la
 +mimosa</font></i> (acacia farnesiana), altrimenti detta <i><font color="#666666">gaggìa
 +d'Egitto</font></i>; in greco ακακία (acachìa). Ma anche nel Salento
 +(Lecce) la garzìa è l'acacia farnesiana. Sia nella lingua
 +sarda che nella variante salentina c'è la presenza di una "r" inorganica.
 +Significato ed etimo del vocabolo spagnolo garcìa (come cognome,
 +GARCIA, è il più diffuso in Spagna e tra i più diffusi
 +in Sud America ed anche negli USA), si mostrano ancora nell'incertezza;
 +a questo punto possiamo ipotizzarne la derivazione dalla "gaggìa
 +d'Egitto", e quindi dal greco. Anche lo spagnolo presenta quindi la "r"
 +inorganica, è pertanto probabile e storicamente attendibile( vedi
 +più avanti le note storiche) che la voce sia arrivata dalla Spagna
 +anche come cognome, almeno per quanto riguarda l'Italia meridionale e la
 +Sardegna. È inoltre probabile che il cognome nel centro nord dell'Italia
 +sia arrivato dal Sud, se non direttamente dalla Spagna. Troviamo il cognome
 +anche nei documenti antichi della lingua e della storia della Sardegna.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora LPDE, del 1388 figura un certo,
 +Garcìe Benedictus, ville Algueri, (*** Ville Algueri.odierno Alghero.
 +Camella Bernardus, Bos Franciscus, Ferret Anthonius sindici, actores et
 +procuratores.et nos, superius nominati: Serra (de) Thomas, major camere;
 +Pancie Comita, sub cancellarius; Caso Anthonio procuratores.et singulos
 +homines civitatum Sasseri et Ville Ecclesiarum ac loci Telluri et locorum
 +Mole de Posata et Iscle de Galtelì ac Contrate de Baronia .et ego
 +De Vieri Jacobus praedictus tutor et curator datus et etiam adsignatus
 +nobili Mariano filio (di Eleonora e Brancaleone Doria). Fideiussores Donnum
 +De Villa Gonnarium et Donnum Musca Bartholomeum, cives Aristanni. Presentibus:
 +Marinella Torbino, Polvirella Anthonio, Sirgo Barçòlo, civibus
 +Aristanni. In die vigesima mensis Januarii, anno millesimo CCCLXXXVIII
 +(1388). Sempre tra i firmatari della Pace di Eleonora (1388) figura un
 +certo Carsìa Anthonius, ville Sasseri. ** Sasseri.Sassari. Et nos
 +Pugioni Anthonius et De Lacon Salatinus, cives Sasseri, sindici, actores
 +et procuratores.Marringoni Arsòcus potestas ac capitanus civitatis
 +Sasseri. Omnes cives congregatis in civitate Sasseri, apud ecclesiam Sancte
 +Caterine.presentibus Corda Jacobo, Magnispesa Francisco, De Mascara Francisco.
 +In die XIII mensis Januarii MCCCLXXXVIII - 1388.
 +<br>Nella storia della Sardegna medioevale ricordiamo: Garcìa Fernandez,
 +Giovanni - spagnolo - Nominato fiscal del tribunale del Santo Uffizio,
 +per il regno di Sardegna nel 1657. ebbe poi l'incarico di Inquisitore nel
 +luglio del1660: nello stesso anno morì a Sassari. Garcìa
 +fra' Giovanni, abate del monastero cirtecense di Santa Maria Rueda, diocesi
 +di Saragozza; nominato nel 1467 vescovo di Santa Giusta, diocesi oggi scomparsa,
 +che tenne per 10 anni. Garcìa Paolo, di origine spagnola, nominato
 +Inquisitore per il regno di Sardegna, nel 1600. Non sappiamo se effettivamente
 +venne nell'isola(Di. Sto. Sa. di&nbsp; F.&nbsp; C. Casula). Garsìa
 +fra' Giovanni,vescovo dal 1496 al 1501 della Diocesi, oggi scomparsa di
 +Castra nel regno di Sardegna. Era monaco benedettino del monastero di San
 +Fluvià in Catalogna. Garsìa fra' Giovanni, vescovo dal 1439
 +al 1444 della diocesi di Ales, allora di Usellus - Ales, oggi di Ales -
 +Terralba, nel regno catalano - aragonese di Sardegna, frate domenicano
 +di Saragozza. Garsìa Pietro, vescovo della diocesi di Usellus -
 +Ales, dal 1484 al 1490, spagnolo di Valenza (Di. Sto. Sa di F. C. Casula).
 +Garzìa Fuliadu, personaggio delle "False Carte di Arborea", Donnu
 +della corte Oristanese e capo della congiura preparata contro il giudice
 +Ugone III. Garzìa Gerolamo, eletto vescovo della Diocesi di Bosa
 +nel 1588 da papa Sisto V° . Prima di sbarcare in Sardegna la nave sulla
 +quale viaggiava, naufragò: il suo corpo fu ritrovato in una delle
 +spiagge della Nurra. Fu sepolto con tutti gli onori a Sassari, dietro ordine
 +dell'arciprete Giovanni Francesco Fara (storico della Sardegna, autore
 +del "in Sardiniae Chorographiam" e del "De Rebus Sardois": opera alla quale
 +facciamo spesso riferimento in questa nostra indagine). Garzia fra', eletto
 +vescovo della diocesi di Sulcis (oggi Iglesias - Tratalìas), nel
 +1447,&nbsp; frate francescano, di origine spagnola. Attualmente il cognome
 +Grazia è presente in 232 Cpmuni italiani, di cui 6 in Sardegna:
 +Cagliari 40, Quartu 20, Bosa 5, Assemini3. nella penisola è la provincia
 +di Lecce, appunto nel Salento, quella in cui ha maggior diffusione il cognome.
 +Il cognome Garsìa è presente in 39 Comuni italiani, assente
 +in Sardegna. Il cognome Garcìa è presente in 91 Comuni italiani,
 +assente in Sardegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZIERA
 +<br>GARZIERI
 +<br>GARZIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garziera è tipico dell'area vicentino, padovana, di Sandrigo nel
 +vicentino e di Padova, Garzieri e Garziero, quasi unici, sono probabilmente
 +il frutto di errate trascrizioni del precedente, che dovrebbe derivare
 +da un soprannome dialettale originato dal termine dialettale vicentino
 +arcaico <i><font color="#3333FF">garzièr</font></i> (<i><font color="#666666">cardatore,
 +l'addetto alla cardatura dei filati</font></i>), probabilmente motivato
 +dal fatto che il mestiere del capostipite fosse appunto quello di cardare
 +i filati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZIONE
 +<br>GARZON
 +<br>GARZONE
 +<br>GARZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garzione, assolutamente rarissimo, è del salernitano, Garzon sembra
 +specifico del veronese, nella zona di Zimella e in quella di Cerea, con
 +un ceppo nel veneziano vicino alla foce del Tagliamento al confine con
 +l'udinese area di Malafesta nel veneziano, Garzone ha un ceppo nel napoletano
 +ad Acerra e Napoli, uno ad Irsina nel materano ed uno ad Altamura e Bari
 +nel barese, Garzoni è tipico del bresciano, dovrebbero derivare
 +dal nome e soprannome medioevale <i><font color="#3333FF">Garzonus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in una <i><font color="#3366FF">Carta venditionis</font></i>
 +del 1187 a Milano: "<font color="#CC33CC">Anno dominice incarnacionis milleximo
 +centeximo octuageximo septimo, quinto decimo die madii, indicione quinta.
 +Constat nos Marchixium qui dicor </font><font color="#FF0000">Garzonus</font><font color="#CC33CC">
 +et Belvisum, iugales, et Guilielmum, filium suprascripti Marchixii, et
 +Tarasconam, coniugem prefati Guilielmi, suprascripto namque Marchixio consentiente
 +illi Guilielmo filio suo et prefate Belvisio coniugi sue, et ipse Guilielmus
 +illi Tarascone consensit ...</font>", o da un soprannome dialettale, è
 +pure possibile che derivino dal nome del Monte Garzon vicino a Tregnago
 +nel veronese.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Venezia
 +nel 1400 con l'archiatra pontificio Bernardus Garzonus e poi con suo figlio
 +Johannes Garzonius illustre umanista, nel 1600 nel ravennato troviamo Thomas
 +Garzon de Bagnacaballo.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Dr. Marco
 +Pavia</font></font>
 +<br>Garzon deriva dal toponimo Garzon paese dei monti Lessini, val D'alpone,
 +una delle roccaforti dei Cimbri, proprio quelli sterminati (ma non totalmente
 +) dalle Legioni Romane del Console Mario, famoso attualmente è il
 +giudice spagnolo Garzon.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Franco
 +Garzon</font></font>
 +<br>Il toponimo Monte Garzon deriva probabilmente dal longobardo <i><font color="#3366FF">Guard
 +zone</font></i>, ovvero <i><font color="#666666">luogo di guardia</font></i>,
 +in quanto da esso si dominano la Val d'Illasi, la Val d'Alpone e la Padania
 +veneta; inoltre nelle prospicienti montagne di Velo Veronese ci sono la
 +Malga Garzon di sopra" e la Malga Garzon di sotto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GARZISI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Garzisi, assolutamente rarissimo, è tipico del teatino, di Calenza
 +sul Trigno in particolare, dovrebbe trattarsi dell'italianizzazione del
 +cognome slavo <i><font color="#3333FF">Garzis</font></i>, secondo un'altra
 +ipotesi si tratterebbe invece dell'italianizzazione di una variante del
 +cognome spagnolo <i><font color="#3333FF">Garzia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GASCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del basso cuneese ha
 +forse un ceppo anche nel Monferrato, potrebbe derivare dal nome basco Gasko,
 +ma è possibile pure che derivi dall'aferesi di nomi relativi a toponimi
 +ormai scomparsi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GASPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaspa è tipico della provincia di Sassari di Osilo in particolare,
 +potrebbe derivare da un soprannome originato dal termine dialettale sardo
 +<i><font color="#3366FF">gaspa</font></i> (<i><font color="#999999">mano</font></i>),
 +ma è pure possibile che si tratti di una forma tronca del nome Gaspare,
 +secondo alcuni deriverebbe da un alterazione del termine gallurese <i><font color="#3366FF">gastà</font></i>
 +(<i><font color="#999999">sciupare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GASPARETTI
 +<br>GASPARETTO
 +<br>GASPARI
 +<br>GASPARINI
 +<br>GASPARINO
 +<br>GASPARONI
 +<br>GASPAROTTI
 +<br>GASPAROTTO
 +<br>GASPARRI
 +<br>GASPARRINI
 +<br>GASPARRINO
 +<br>GASPARRONE
 +<br>GASPARRONI
 +<br>GASPARUCCI
 +<br>GASPERI
 +<br>GASPERINI
 +<br>GASPERINO
 +<br>GASPERONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gasparetti ha un ceppo lombardo nella fascia che comprende il varesotto,
 +il milanese, il bergamasco ed il bresciano ed un ceppo più consistente
 +nell'anconetano, Gasparetto è tipicamente veneto, molto diffuso
 +nel trevigiano, ma con presenze interessanti anche nel padovano e rovigoto
 +e meno significative nel veronese, vicentino e veneziano, Gaspari è
 +diffuso al centro nord, Gasparini è diffuso in tutto il centro nord,
 +Gasparino parrebbe specifico di Genova, dell'alessandrino e del savonese,
 +Gasparoni ha un ceppo tra veronese e vicentino ed uno nell'anconetano,
 +Gasparotti ha un ceppo nel bresciano ad Iseo e Vezza D`oglio ed un ceppo
 +a Carrara (MS), Gasparotto è tipico dell'area veneto, friulana,
 +soprattutto del vicentino, trevisano e pordenonese, Gasparri più
 +presente nella fascia centrale, in Emilia ed in Toscana, con forse un ceppo
 +nel milanese, Gasparrini ha un ceppo nel fiorentino, uno nell'area che
 +comprende il perugino, l'anconetano, il maceratese ed il Piceno, ed uno
 +nel romano, Gasparrino, assolutamente rarissimo, parrebbe del casertano,
 +napoletano, Gasparrone è praticamente unico, Gasparroni sembra essere
 +specifico dell'area litoranea adriatica che comprende l'anconetano, il
 +maceratese, il Piceno, il teramano ed il pescarese, Gasparucci, estremamente
 +raro, è specifico dell'area pesarese, Gasperi sembra originario
 +del trentino, Gasperini è diffuso in tutto il centro sud, Gasperino
 +è quasi unico, Gasperoni ha un grosso nucleo romagnolo tra ravennate,
 +forlivese e riminese ed un ceppo romano, tutti questi cognomi derivano,
 +direttamente o tramite ipocoristici o accrescitivi, ed eventuali modificazioni
 +dialettali, dal nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Gaspar</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Gasparus</font></i>, di origine ebraica
 +o più propriamente levitica. Del cognome Gasparini si hanno tracce
 +già dal 1300, in un atto redatto in Bergamo nell'anno 1392 si legge: "<font color="#993366">In Christi nomine amen. Die ultimo
 +mensis iunii millesimo trecentesimo nonagesimo secundo, indictione quintadecima
 +in quadam pecia terre iacentis in territorio de Filacho districtus Pergami,
 +ubi dicitur in Donazana que est iuris ecclesie domine Sancte Marie de Donazana
 +cui choeret a mane, sive ab una parte heredum domini Lodoyci de Garganis,
 +a meridie sive ab alia parte suprascripte ecclesie domine Sancte Marie,
 +a sero sive ab alia parte via, a montibus sive ab alia parte paschullum
 +communis de Madone; presentibus testibus Iohanne filio quondam Iacobi de
 +Concerolis de Bonate cive Pergami; Iohanne dicto Zanarino filio quondana
 +Pezoli de Albrigonibus de Chiniolo, Iacobo filio quondam Alberti de Valsecha
 +de Valdimania ambobus habitatoribus de Filacho et Tomaxino filio </font><font color="#FF0000">Gasparini
 +</font><font color="#993366">de Muzzo cive Pergami, omnibus pergamensibus,
 +qui assemertun se cognoscere infrascripturn Lombardum de Albertonibus,
 +Petrum de Obertachis, Simonem de Obertachis et Antonium et Iohannem fratres
 +de Madone et Bonomum Mini et me notarium..... </font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GASTALDELLI
 +<br>GASTALDELLO
 +<br>GASTALDI
 +<br>GASTALDIN
 +<br>GASTALDINI
 +<br>GASTALDO
 +<br>GASTAUDO
 +<br>GASTOLDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00gastaldi.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="63"><font size="-1">Gastaldelli, molto raro, è tipico del veronese, Gastaldello è
 +specifico dell'area che comprende il vicentino ed il padovano, Gastaldi
 +e Gastaldo sono diffusi in Liguria, Piemonte, Lombardia occidentale e Veneto,
 +Gastaldin, molto raro, ha un ceppo a Vedelago e Morgano nel trevisano ed
 +a Portogruaro nel veneziano, Gastaldini, quasi unico, sembrerebbe del sondriese,
 +Gastoldi sembrerebbe tipico del bergamasco, Gastaudo ha un piccolo ceppo
 +nell'imperiese ed uno a Torino e nel cuneese, derivano, direttamente o
 +tramite varie forme ipocoristiche o dialettali, da soprannomi originati
 +dal vocabolo medioevale <i><font color="#3333FF">gastaldo</font></i>, a
 +sua volta derivato dal termine longobardo <i><font color="#3333FF">gastald</font></i>, <i><font color="#666666">dignitario
 +longobardo dagli ampi poteri civili e militari</font></i>, che originariamente
 +aveva il significato di amministratore territoriale eletto dal Re che gli
 +affidava poteri civili, militari e giudiziari ed è poi diventato
 +sinonimo di amministratore di città o di proprietà terriere&nbsp;
 +Di questa cognominizzazione si hanno tracce ad esempio in un atto del 1191
 +conservato a Milano negli Archivi di San Lorenzo, in cui si legge: "<font color="#CC33CC">..Quintadecima petia item
 +campus dicitur in Baraciola, a mane monasterii Lantaxii, a meridie Marchesii
 +Caponi, a sero Guilielmi Grassi, a monte </font><font color="#FF0000">Alberti
 +Gastaldi</font><font color="#CC33CC">, pertice due et tabule decem octo...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GASTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere le sue radici nell'alessandrino,
 +potrebbe derivare dal nome medioevale germanico Gastne.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATELLI
 +<br>GATTA
 +<br>GATTELLI
 +<br>GATTI
 +<br>GATTINI
 +<br>GATTINONI
 +<br>GATTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gatelli ha 3 ceppi, uno nel milanese, lodigiano e pavese, uno nel bresciano
 +ed uno nel forlivese, Gatta ha un ceppo nel bresciano, ed un grosso nucleo
 +nell'area che comprende l'aquilano, il Lazio, la Campania, il potentino,
 +il foggiano ed il barese, Gattelli ha un ceppo tra ravennate e forlivese ed uno, forse
 +non secondario, nel milanese, Gatti è in tutt'Italia isole escluse,
 +con massima concentrazione in Lombardia, Gattini ha un ceppo nel massese,
 +uno tra mantovano e ferrarese ed uno tra anconetano e perugino, Gattinoni
 +dovrebbe essere originario del lecchese, Gattoni ha 3 ceppi, uno tra novarese
 +e varesotto, uno nel milanese ed uno nel piacentino, ma esiste forse anche
 +un probabile piccolo nucleo nelle Marche ai confini con la provincia di
 +Rimini, dovrebbero tutti derivare da soprannomi legati o a caratteristiche
 +comportamentali, o a episodi che avevano a che vedere con dei gatti oppure
 +originati da toponimi quali: Gatta (RE), Gattaia (FI), Gattaiola (LU),
 +Gatteo (FO), Gattico (NO), Ponte della Gatta (NA) o i molti altri contenenti
 +la radice Gatto, ecc.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giancarlo
 +Mainardi</font></font>
 +<br>il cognome Gatti Comini è composto&nbsp; da Gatti, assai diffuso
 +in Lombardia, e dall'identificativo Comini che designava una compagine
 +familiare composta da una decina di elementi, i quali erano affittuari
 +intorno al 1600 dei fondi agricoli del Collegio Ghislieri nelle campagne
 +di Gerenzago (PV). Poiché le famiglie Gatti erano numerose, gli
 +affittuari dei fondi Ghislieri, per distinguersi dagli omonimi della comunità
 +rurale, assunsero il nome della roggia denominata Comina che attraversava
 +i fondi agricoli da loro coltivati. Roggia che ancora oggi esiste con questo
 +nome e attraversa Gerenzago. Da allora i Gatti Comini iniziarono a far
 +battezzare i nuovi nati con il cognome Gatti Comini che
 +così si cristallizzò. (Fonti: tradizione orale di un
 +Gatti Comini, 1975.)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Antonio
 +dell'Aquila</font></font>
 +<br>La nobile famiglia Gattini originaria di Matera è documentata
 +ininterrottamente dal decimo secolo. Fu Investita del titolo comitale e
 +vestì l'abito di Malta. In Matera sono numerose le testimonianze
 +della Famiglia (Palazzo Gattini, a fianco della Cattedrale romanica; stemma
 +della famiglia, in un altare della cattedrale sul lato destro; Fondo documentale
 +Gattini donato alla Biblioteca Nazionale di Matera; etc.).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATT
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gatt.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="67"><font size="-1">Gatt, quasi unico in Italia, è di origini maltesi, risale almeno
 +al 1350 e dovrebbe derivare dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Hatto</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GATTO</font>) ed essere un ramo cadetto dei
 +Gatto piemontesi; nel 1300 a Gozo (un'isola di Malta) troviamo il Barone
 +Cicco (Francesco) Gatto, titolo concesso a Messina dal giovane Ludovico d'Aragona Re di Sicilia
 +e Malta per meriti acquisiti da Cicco Gatto per aver egli sedato a Gozo una
 +rivolta contro la Casa d'Aragona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTABRIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gattabria, specifico del cosentino, dovrebbe essere di origine arbëreshë,
 +ma potrebbe anche forse derivare da un'alterazione del cognome slavo <i><font color="#3333FF">Katarba</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTAMORTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gattamorta ha un ceppo a Cesena, Ravenna e Cervia nel ravennate ed uno
 +a Roma, potrebbe derivare da un soprannome originato dal modo di comportarsi
 +del capostipite, portato a fingersi ingenuo e condiscendente, il termine
 +gatta morta deriva da una favola di Esopo (<i><font color="#3366FF">I topi
 +campagnoli e il gatto appeso</font></i>) in cui un gatto si fingeva morto
 +per far si che gli ingenui topolini gli si avvicinassero senza timore per
 +poterli poi catturare e divorare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTARA
 +<br>GATTARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gattara, assolutamente rarissimo, sembra del parmense, Gattari è
 +abbastanza rario ed è tipico del maceratese, dovrebbero derivare
 +da nomi di località come Gattara frazione di Casteldelci (PU) nel
 +Montefeltro e di Pennabilli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Gattari</font></font>
 +<br>Il cognome Gattari è concentrato nel maceratese, in particolare
 +lungo le valli dei fiumi Chienti (Tolentino, Morrovalle) e Potenza (Montelupone,
 +Potenza Picena). La <i><font color="#3333FF">gattaria</font></i>, che era
 +considerata medicamentosa e, come tale, utilizzata nello Stato Pontificio
 +ed, in particolare, nella Roma papalina, veniva coltivata nelle valli sopra
 +indicate ed esportata nella capitale. Gli addetti a tale coltura e alla
 +sua commercializzazione erano chiamati Gattari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gattei è tipico della zona di Rimini e Savignano sul Rubicone nel
 +cesenate, dovrebbe derivare dal toponimo Gatteo a Mare nel cesenate a sua
 +volta derivato dal medioevale <i><font color="#3366FF">fundus Catei</font></i><font color="#000000">.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTEL
 +<br>GATTOLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gattel dovrebbe essere della zona tra trevisano e Friuli, di Oderzo, Spresiano
 +e Fontanelle nel trevisano e di San Quirino nel pordenonese, Gattolini,
 +estremamente raro, è della zona tra trevisano, pordenonese ed udinese,
 +potrebbero derivare, direttamente o tramite una forma ipocoristica, da
 +un soprannome originato dal termine germanico <i><font color="#3333FF">gatte</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sposo</font></i>) o per rotacismo dal termine
 +<i><font color="#3366FF">gatter</font></i> (<i><font color="#666666">cancello</font></i>),
 +ma non si può escludere un'origine più antica dal termine
 +gotico <i><font color="#3333FF">gatil[s]</font></i> (<i><font color="#666666">adatto,
 +idoneo</font></i>), o da un ipocoristico dialettale derivato dal termine
 +longobardo <i><font color="#3333FF">gathung</font></i> (<i><font color="#666666">valoroso,
 +prospero</font></i>), un poco spinta sembrerebbe l'ipotesi che colleghi
 +il cognome Gattel con una forma dialettale tronca del diminutivo <i><font color="#3333FF">Gattellus</font></i>
 +del cognomen latino <i><font color="#3333FF">Gatta</font></i>, che sembrerebbe,
 +ad esempio, aver dato luogo al toponimo romagnolo di Gatteo nel cesenate.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alberto
 +Gattel</font></font>
 +<br>Gattel, raro e diffuso nelle province di&nbsp; Pordenone e Treviso,
 +è di origine ebraica e deriva dal termine tedesco <i><font color="#3366FF">kittel</font></i>
 +(<i><font color="#999999">camice</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTINARA
 +<br>GATTINARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00gattinara.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="50" height="72"><font size="-1">Gattinara estremamente raro ha un ceppo nel vercellese e pavese, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Gattinara (VC), casato nobile insignito del titolo
 +di Marchese che esercitò nel periodo rinascimentale signoria sulla
 +fertile pianura tra la Sesia, il Ticino ed il Po, Gattinari ha un ceppo
 +originario nel tarentino ed uno nella zona di Tagliacozzo (AQ) dove si
 +trova assieme ai Gattinara,&nbsp;&nbsp; I Gattinara ebbero possedimenti
 +e feudi nel leccese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00gatto.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="63"><img src="/immagini/stem01gatto.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="70"><font size="-1">Molto diffuso sia al nord, Piemonte, Liguria, Lombardia occidentale e Veneto,
 +sia al sud, Lazio, Campania, Calabria, Sicilia e Salento, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale Gactus di cui si ha un esempio a Viterbo in un testamento
 +del 1306: "<font color="#CC66CC">...Nobilis vir dominus Visconte </font><font color="#FF0000">Gactus</font><font color="#CC66CC">
 +filius quondam domini </font><font color="#FF0000">Raynerii Gacti</font><font color="#CC66CC">
 +civis viterbiensis...</font>", a Pisa nella seconda metà del 1200
 +troviamo certi Bectus Gactus, Guccius Gactus e Andreas Gactus citati in
 +alcuni atti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Mario Gatto</font></font>
 +<br>Il cognome Gatto deriva dal Longobardo Hatto, che significava combattente,
 +Hatto diviene Gatto tra il XI° e il XII° secolo. Il termine hadu
 +nella lingua dei Goti significava combattimento, si può notare l'assonanza
 +e somiglianza con l'Hatto longobardo. Il nome Atto o Hatto compare fra
 +i longobardi tra VI° e XII° secolo, un Atto, Attone è duca
 +longobardo, Hatto è presente in documenti del 742 a Spoleto e nel
 +773 a Rieti. Il cognome Gato / Gatto appare nella documentazione a partire
 +dal X° secolo,&nbsp; nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico Padovano</font>,
 +(<font size="-2">vol. I, doc. n. 261)</font>, in data 15 gennaio 1080, leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC"> ..</font><font color="#FF0000"> Johannes et Martino</font><font color="#CC33CC">
 +germanis </font><font color="#FF0000">del Gato</font><font color="#CC33CC">
 +qui profesi sumus ex nacione nostra lege vivere langobardorum. </font>",
 +in un atto datato 25 febbraio 1153 scritto in Verona per i coniugi Azirigo
 +detto Beto da Zevio e Navilia, di legge longobarda, è presente in
 +qualità di testimone certo Michael Gandulfi de Gattho, nel <font color="#3333FF">Codice
 +Diplomatico Veronese</font>, <font size="-2">(vol. II, pag. 413)</font>,
 +in data 4 aprile 1291, troviamo la firma di un certo "<font color="#CC33CC">
 +...</font><font color="#FF0000">Henrico Gato</font><font color="#CC33CC">
 +quondam </font><font color="#FF0000">Atonis</font><font color="#CC33CC">
 +de Bardolino et ... </font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GATTUSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del reggino con un nucleo importante anche nel palermitano, deriva
 +da vezzeggiativi del nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Cattus</font></i>: "<font color="#CC66CC">...Aemathioque
 +Vel quibus Ausonios </font><font color="#FF0000">Cattus </font><font color="#CC66CC">spoliaverit
 +ausis, spreverit et Latios Belgica terra Deos...</font>", ma è pure
 +possibile una derivazione dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Hatto</font></i>
 +(<font color="#CC66CC">vedi Gatto</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gattuso è cognome calabrese e siciliano, viene dalla voce siciliana
 +'<i><font color="#3333FF">catusu</font></i>' = <i><font color="#666666">condotto
 +d'acqua</font></i>, a sua volta dall'arabo '<i><font color="#3333FF">qādūs</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAUCCI
 +<br>GAUZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaucci è molto raro ed è
 +probabilmente originario dell'Italia centrale, Gauzzi potrebbe essere della
 +zona tra Milano e Pavia, con un possibile ceppo in provincia di Perugia,
 +dovrebbero derivare dal cognomen latino Glaucius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAUDENZI
 +<br>GAUDENZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaudenzi ha un ceppo lombardo, uno tra la Romagna ed il pesarese, uno nel
 +perugino ed uno nella provincia romana, Gaudenzio, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe lombardo, derivano dal nome medioevale Gaudentius di cui abbiamo
 +un esempio in epoca longobarda in questo scritto dell'anno 740: "<font color="#CC33CC">...
 +Et </font><font color="#FF0000">Gaudentius</font><font color="#CC33CC">
 +quamuis indigno presbitero scriuere rogaui, et subter signa sancte croci
 +feci, sub stipolatione sponsione sollemnique interposita. Actum Luca, regno
 +et indictione suprascripta; feliciter.</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAUDI
 +<br>GAUDIA
 +<br>GAUDIELLI
 +<br>GAUDIELLO
 +<br>GAUDINI
 +<br>GAUDINO
 +<br>GAUDIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaudi, molto molto raro, sembrerebbe tipico del torinese, di Castellamonte
 +e Caselle Torinese, Gaudia è unico, Gaudielli è unico e dovrebbe
 +trattarsi di un errore di trascrizione di Gaudiello, che è specificatamente
 +campano, del napoletano e del salernitano in particolar modo, Gaudini,
 +molto molto raro, è del centro Italia, di Roma in particolare, Gaudino
 +ha ceppi in Lazio a Roma, e nel latinense a Gaeta e Latina, un nucleo importante
 +in Campania nel napoletano a Pozzuoli, Napoli, Torredel Greco, Ercolano,
 +Portici, Frattaminore, Frattamaggiore, San Giorgio a Cremano e Casoria,
 +nel casertano ad Orta di Atella e Mondragone, e nel salernitano a Pontecagnano
 +Faiano e Nocera Inferiore, Gaudio è molto diffuso a Roma, in Campania
 +nel casertano, nel napoletano e nel salernitano, nel barese e soprattutto
 +nel cosentino, a Cosenza e Mendicino, ma con presenze significative anche
 +a Longobardi, Dipignano, Fiumefreddo Bruzio, Rende, Castrolibero e Trebisacce,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome
 +tardo latino <i><font color="#3366FF">Gaudius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Gaudia</font></i> (<i><font color="#999999">piena
 +di grazie e di bontà</font></i>), di cui abbiamo un esempio in questo
 +scritto della seconda metà del 1500: "<font color="#CC33CC">...Antrorsum
 +ante comites sederunt iustitiarii duo primarii, et capitalis baro scaccarii;
 +ex altera parte barones duo, alii iustitiarii, Dalus et Fordus iuris civiles
 +doctores; ad mensulam intermediam Pomphamus procurator regius, Egertonus
 +sollicitator, </font><font color="#FF0000">Gaudius</font><font color="#CC33CC">
 +regius ad legem serviens, clericus coronae, et duo actuarii...</font>",
 +in alcuni casi potrebbe derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Gauia</font></i>
 +anche se appare molto improbabile, è pure possibile, in alcuni casi, una derivazione dal toponimo
 +Gaudi (AV).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAUDIANI
 +<br>GAUDIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaudiani è dovuto ad errori di trascrizione di Gaudiano, che sembrerebbe
 +tipicamente lucano di Matera, con ceppi anche in Campania a Santa Maria
 +La Fossa, Macerata Campania e Santa Maria Capua Vetere nel casertano, e
 +Pagani, Albanella e Salerno nel salernitano, ed un ceppo anche a Foggia,
 +dovrebbero derivare dal toponimo Gaudiano di Lavello nel potentino, ma
 +è pure possibile che derivino direttamente dal nome <i><font color="#3366FF">Gaudianus</font></i>
 +spesso portati dai liberti di un <i><font color="#3366FF">Gaudius</font></i>,
 +nome di cui abbiamo un esempio in una registrazione del 1231 del tribunale
 +imperiale di Federico di Svevia: "<font color="#CC33CC">...denunciante
 +Imperiali Curie </font><font color="#FF0000">Gaudiano</font><font color="#CC33CC">
 +servo quondam Guillelmi de Limata de Caserta, quod ipso Guillelmus a Domino
 +Brictono et Benedicto fratre eius, filiis Domini Thomasii de Piczuto ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAURI
 +<br>GAURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gauri, assolutamente rarissimo, sembreerebbe bergamasco, Gauro, quasi unico,
 +è del bellunese, potrebbero essere di origini austroungariche e
 +derivare dal cognome austroungarico Gaura, ancora abbastanza diffuso, che
 +potrebbe derivare dal termine a.a.t. <i><font color="#3333FF">gaahuun</font></i>
 +(rapido, <i><font color="#666666">tanto veloce da essere immediato</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAUTERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del cuneese, deriva dall'antico
 +nome della Linguadoca Gautier.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del Veneto orientale e del Friuli occidentale, dovrebbe derivare
 +da nomi di località individuati dalla presenza di un canale o torrente,
 +<i><font color="#3366FF">gava</font></i> in lingua locale prelatina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVAGNIN
 +<br>GAVAGNINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavagnin è specifico di Venezia, con ramificazioni anche a Spinea
 +e a Portogruaro, Gavagnini è quasi unico, si potrebbe trattare di
 +una forma ipocoristica originata dalla <i><font color="#3366FF">Gens Gavia</font></i>,
 +ben presente nel Veneto in epoca romana, o anche di un'alterazione dialettale
 +del nome latino <i><font color="#3366FF">Gavinus</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio nell'antica Roma con il celebre Marcus Gavinus Apicius, noto
 +per i pranzi luculliani da lui organizzati.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gavagnin è cognome veneto. Secondo Olivieri 239 viene dall'antico
 +nome <i><font color="#3333FF">Cavain/Gavain</font></i>, dall'italiano antico
 +'<i><font color="#3333FF">cavagno/ gavagno</font></i>' = '<i><font color="#666666">cesto</font></i>'
 +(antico veneto '<i><font color="#3333FF">gavagna</font></i>' =&nbsp;<i><font color="#666666">
 +il contenuto di una cesta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico dell'area compresa tra
 +Bergamo, Lodi e Milano, deriva dal toponimo Gavardo (BS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVAZZA
 +<br>GAVAZZENI
 +<br>GAVAZZI
 +<br>GAVAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavazza parrebbe tipico della zona tra alessandrino ed astigiano, Gavazzeni
 +è specifico del bergamasco, Gavazzi è tipicamente lombardo,
 +della zona che comprende il milanese, il bergamasco ed il bresciano con
 +un ceppo anche nel pistoiese, Gavazzo, estremamente raro, parrebbe del
 +genovese, potrebbero derivare da toponimi come Gavazzo o Songavazzo (BG),
 +Gavazzana (AL), ma è pure possibile una derivazione da soprannomi
 +originati dal vocabolo ormai in disuso <i><font color="#3366FF">gavazza</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">gavazzo</font></i> (<i><font color="#999999">baldoria</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Vercelli nel 1600: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Franciscus
 +Gavatius</font><font color="#CC33CC"> in Cremonensi Orphanotrophio ab anno
 +1651 educatus, crescens de virtute in virtutem promeruit, ut in Somaschensi
 +Congregatione solemniter proficeretur die 15 octobris 1675....</font>"
 +ed a Lodi sempre nel 1600 Alessandro Gavazzo risulta tra i nobili e ricchi
 +possidenti locali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavelli è tipicamente emiliano, romagnolo, di Forlì in particolare
 +e di Ravenna, Russi, Lugo nel ravennate e di Bologna, dovrebbe derivare
 +dal nome dei paesi di Gavello nel ferrarese e nel modenese, toponimo abbastanza
 +diffuso in tutta l'Italia settentrionale, derivando probabilmente dal termine
 +celtico <i><font color="#3333FF">gablos</font></i> (<i><font color="#666666">biforcazione</font></i>,
 +di un fiume o di una strada).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavello è tipicamente piemontese, dell'astigiano, di Asti, Frinco
 +e Camerano Casasco, con un ceppo anche a Torino, dovrebbe derivare dal
 +nome del paese di Gavello, una frazione di Neive nel cuneese in prossimità
 +del confine astigiano, probabilmente il luogo d'origine dei capostipiti;
 +il nome del paese dovrebbe derivare dal termine dialettale di origini celtiche
 +<i><font color="#3333FF">gavell</font></i> (<i><font color="#666666">canale,
 +corso d'acqua</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVI
 +<br>GAVIO
 +<br>GAVIOLI
 +<br>GAVOTTI
 +<br>GAVOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavi è decisamente ligure, di Imperia e Genova, Gavio è tipico
 +dell'alessandrino, di Castelnuovo Scrivia, Alessandria e Tortona, Gavioli
 +è tipico della zona che comprende il veronese, il mantovano, il
 +modenese, il bolognese, il ferrarese ed il rovigoto, Gavotti , molto molto raro, ha piccoli ceppi tra savonese e genovese e
 +nel milanese, Gavotto è specifico del cuneese, di Mondovì,
 +Roccaforte Mondovì e Chiusa di Pesio, tutti questi cognomi
 +dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici in <i><font color="#3333FF">-ottus</font></i>, dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Gavius</font></i>
 +o dal suo ipocoristico <i><font color="#3366FF">Gaviolus</font></i>, o
 +dalla <i><font color="#3366FF">Gens Gavia</font></i>, ben assestata nell'area
 +mantovano, veronese, potrebbero anche derivare da toponimi come Gavi nell'alessandrino, sia direttamente che come etnici, 
 +ma è pure possibile che derivino direttamente&nbsp; o tramite modificazioni
 +dal termine germanico <i><font color="#3366FF">gawi</font></i> (<i><font color="#999999">villaggio,
 +contrada</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVIANI
 +<br>GAVIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaviani è tipico di Rimini e provincia, Gaviano è tipico
 +di Cagliari e del cagliaritano, con un ceppo anche a Seui nell'Ogliastra,
 +dovrebbero derivare da forme prediali riferite alla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Gavia</font></i>, cioè a capostipiti originari di terreni di un
 +<i><font color="#3366FF">Gavius</font></i> o al fatto di esserne dei liberti
 +o comunque dei dipendenti liberi di ottenere il praenomen <i><font color="#3366FF">Gavianus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVIN
 +<br>GAVINI
 +<br>GAVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gavin, decisamente veneto, è tipico del padovano, Gavini ha un ceppo
 +sassarese ed uno autonomo nella provincia di Roma, Gavino sembrerebbe ligure,
 +ha un ceppo a Sanremo ed uno a Genova, derivano dal nome latino <i><font color="#3366FF">Gavinus</font></i>,
 +ricordiamo il patrizio romano, amministratore imperiale in Sardegna nel
 +III° secolo, San Gavino Martire, in alcuni casi possono derivare dai
 +toponimi riferiti allo stesso santo; tracce di queste cognominizzazioni le
 +troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia
 +Medioevale</font></i> nel 1181 a Lonate Pozzolo: "<font color="#CC33CC">...Interfuerunt
 +ibi testes </font><font color="#FF0000">Guilielmus Gavinus</font><font color="#CC33CC">,
 +Petrus Piper, Ambroxinus Bozius...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVIRAGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della zona di Agrate Brianza, Concorezzo, Monza e Vimercate nel
 +milanese, potrebbe derivare dall'abitare il capostipite nelle proprietà
 +di un certo <i><font color="#3366FF">Gavirius</font><font color="#000000">,
 +</font></i>nome tardo latino, il suffisso <i><font color="#3366FF">-ago</font></i>
 +in Gavirago, probabile nome di una località, starebbe appunto per
 +terreni di Gavirio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAVIRATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, è tipico del milanese, deriva dal toponimo
 +Gavirate (VA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZANEO
 +<br>GAZZANEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazaneo è specifico di Castelluccio Inferiore nel potentino, Gazzaneo
 +è specifico dell'area tra potentino e cosentino, di Senise, Genzano
 +di Lucania e Francavilla in Sinni nel potentino e di Castrovillari, Praia
 +a Mare, Aieta e Belvedere Marittimo nel cosentino, dovrebbero derivare
 +da un soprannome basato su di un'alterazione del termine provenzale <i><font color="#3333FF">gazanha</font></i>
 +(<i><font color="#666666">terra a mezzadria</font></i>) e starebbe ad indicare
 +nei capostipiti dei mezzadri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gaziano è un cognome tipicamente siciliano, originario dell'agrigentino,
 +di Aragona in particolare, dovrebbe derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Catianus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Gatianus</font></i>, ricordiamo San Gaziano
 +del III° secolo, Vescovo di Tours in Gallia, il culto di questo santo
 +è pervenuto in Sicilia grazie ai Normanni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZINEO
 +<br>GAZZINEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazineo, molto raro, sembrerebbe calabrese, originario del cosentino, Gazzineo,
 +ancora più raro, è della zona tra Basilicata e cosentino,
 +potrebbe trattarsi di forme alterate del cognome <i><font color="#3333FF">Gazaneo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GAZANEO</font>), potrebbero forse derivare
 +dall'italianizzazione del cognome turco <i><font color="#3333FF">Gazine</font></i>,
 +di cui si hanno tracce anche in Albania, potrebbero anche derivare da un
 +soprannome basato sulla radice di origine longobarda <i><font color="#3333FF">gazo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bosco, bandita di caccia)</font></i>, a sua volta
 +derivato dal vocabolo longobardo <i><font color="#3333FF">gahagium</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bosco, riserva o bandita di caccia</font></i>),
 +l'ultima ipotesi, non molto probabile, è quella di una derivazione
 +da una forma etnica riferibile al nome del paese di Gazzo presente sia
 +nel savonese che nell'imperiese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZA
 +<br>GAZZE
 +<br>GAZZI
 +<br>GAZZO
 +<br>GAZZONE
 +<br>GAZZONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazza ha un nucleo nel parmense ed uno nella penisola salentina,
 +Gazze è quasi unico, Gazzi ha un ceppo tra milanese e pavese ed
 +uno tra mantovano, veronese e rovigoto, con un ceppo secondario ad Aprilia
 +nel latinense, probabile esito dell'emigrazione in funzione della bonifica
 +Pontina, Gazzo ha un ceppo nel veronese, in particolare a San Giovanni
 +Ilarione, uno a Genova ed a Mignanego nel genovese ed uno in Sicilia nel
 +catanese a Catania, Mascalucia e Motta Sant'Anastasia e ad Agira nell'ennese,
 +Gazzone, assolutamente rarissimo, sembrerebbe ligure, Gazzoni ha un ceppo
 +nel milanese, uno nel mantovano, uno nel bolognese ed uno tra forlivese
 +e riminese, potrebbero derivare, direttamente o tramite forme accrescitive,
 +dal nome di paesi come Gazzo presente nel parmense, nel mantovano, nell'imperiese,
 +nel vicentino e nel padovano, come Gazzo Veronese, o altri simili, ma potrebbero
 +anche derivare da un soprannome o, più probabilmente, da un nome
 +medioevale come <i><font color="#3333FF">Ghezzo</font></i> o <i><font color="#3333FF">Gazzo</font></i>, o da una 
 +forma aferetica di un ipocoristico del nome <i><font color="#3333FF">Domenico</font></i> o <i><font color="#3333FF">Domenigo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazzale, molto molto raro, è specifico del genovese, di Genova in
 +particolare, potrebbe essere di origini toponomastiche e derivare dal nome
 +del paese francese di <i><font color="#3333FF">Gazaille</font></i> in Aquitania,
 +ma è anche possibile che derivi da un soprannome di origini occitane
 +con il significato di <i><font color="#666666">ragazzo</font></i>, <i><font color="#666666">giovanotto</font></i>,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo agli inizi del 1700 con
 +l'architetto genovese Giovan Battista Gazzale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZARRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazzarri è tipicamente toscano, di Volterra nel pisano in particolare
 +e di Pomarance sempre nel pisano, di Cecina e Livorno nel livornese e di
 +Empoli nel fiorentino, il cognome dovrebbe derivare dal nome del luogo
 +d'origine dei capostipiti, che potrebbe essere stato il Monte Gazzarro
 +in Toscana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del cuneese e torinese, dovrebbe derivare da un nome di
 +località, probabilmente una cascina, come ne troviamo con questo
 +nome, a sua volta derivata daò nome dell'uccello Gazza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00gazzetta.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="61" height="102"><font size="-1">Di
 +origine veneta, potrebbe derivare o da un soprannome&nbsp; o da toponimi
 +come Gazzo Padovano (PD), Gazzo Veronese (VR) o Gazzolo (VR).&nbsp; Il
 +cognome dovrebbe essere originario della città di Sant'Urbano (PD)
 +e potrebbe anche derivare dal nome "gazetta" che nel 1578 indicava una
 +moneta in uso nel padovano.&nbsp; Nel 1433 il patronimico Gazzetta era
 +gia presente, troviamo un Giacomo figlio di Antonio Gazetta nella provincia
 +di Padova: "Giacobus Gazetta quodam Albertui", nel 1538 troviamo una Catarina
 +Gazetta alla Corte di Francesco I° Re di Francia, tra le dame di corte
 +di Caterina de Medici. c'è Catarina Gazetta che andò poi
 +in sposa al Visconte de la "Motte au Groing". Piero Gazetta, ottiene nel
 +1538 una lettera di naturalizzazione firmata Francesco I° con l'autorizzazione
 +reale ad avere dei beni in Francia. Antonio Gazetta ottiene nel 1545, da
 +Caterina de Mèdici, una lettera di raccomandazione per il Duca De
 +Medici di Firenze.</font>
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">Notizie su gentile segnalazione
 +di G. Gazzetta <a href="http://www.gazzetta-genealogus.nom.fr">http://www.gazzetta-genealogus.nom.fr</a></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GAZZOLA
 +<br>GAZZOLI
 +<br>GAZZOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gazzola è dell'Italia settentrionale, con un forte nucleo tra Milano
 +e Piacenza, uno nel Piemonte occidentale ed uno nel trevisano, Gazzoli
 +sembrerebbe di origine bresciana, Gazzolo probabilmente è genovese.
 +Questi cognomi potrebbero derivare da toponimi quali: Gazzola (PC), Gazzolo
 +(VR)&nbsp; ed altri simili.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Sergio
 +Brunetti, fotografo in Genova</font></font>
 +<br>relativamente al cognome Gazzolo si può far riferimento ad un
 +etimo longobardo. Nel genovesato i longobardi si erano stanziati
 +in numerose località una delle quali, oggi, si chiama Gazzolo
 +e l'etimo del toponimo si fa derivare senza tema dal longobardo. Il cognome,
 +quindi, può avere significative probabilità di ascendere
 +da un etimo longobardo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEBBIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del palermitano deriva dal vocabolo dialettale  <i><font color="#3333FF">gebbia</font></i> a sua volta
 +derivato dal termine arabo  <i><font color="#3333FF">gebihja</font></i> ( <i><font color="#666666">vasca o cisterna</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEISSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro sembrerebbe della zona tra Gorizia e Trieste, potrebbe
 +essere di origini germaniche e derivare dal toponimo Geissa (attuale Giesel)
 +vicino a Fulda nella Germania meridionale, dell'esistenza di questo toponimo
 +abbiamo questa riprova: "<font color="#CC33CC">...Athanasius Kircher was
 +born on May 2 in </font><font color="#FF0000">Geissa</font><font color="#CC33CC">
 +near </font><font color="#FF0000">Fulda</font><font color="#CC33CC"> in
 +South Germany...</font>", ma è pure possibile una derivazione slava,
 +Geissa è un cognome presente in Croazia a Vodnjan, e Pula, ad esempio,
 +ed anche in Polonia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Sasa Geissa</font></font>
 +<br>La cittadina vicino a Fulda si chiama Geisa e non Geissa (<font size="-2">N.d.A</font>.
 +<font color="#3333FF">Geisa è in Turingia, Fulda è in Assia!</font>).
 +Il cognome Geissa non esiste in Polonia. Geissa viene usato soltanto come
 +declinazione del cognome Geiss, Geissa è presente invece in Svizzera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELARDI
 +<br>GELARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<font size="-1">Gelardi ha un ceppo napoletano, uno palermitano a Palermo e Carini, uno
 +a Paternò e Catania nel catanese ed uno a Sciacca nell'agrigentino,
 +Gelardo è quasi unico, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gelardus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Gilardus</font></i>, alterazioni del provenzale
 +<i><font color="#3366FF">Heuillarde</font></i>, dell'uso di questo nome
 +abbiamo un esempio in un atto di donazione dell'anno 1094: "<font color="#CC33CC">...hujus
 +rei facientes donum in supradicta æcclesia Beati Martini, super sanctum
 +altare ipsius sancti, testes advocati sunt : Warinus frater majoris ; Helgodus
 +servus æcclesiæ ; Drogo nepos ejus ; Tetbaldus faber ; </font><font color="#FF0000">Gelardus
 +de Gonissa</font><font color="#CC33CC">.</font>" (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche GHILARDI</font>).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELDANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome assolutamente rarissimo,
 +presente solo a Melegnano</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELISI
 +<br>GELISIO
 +<br>GELOSIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<font size="-1">Gelisi, quasi unico, è del pordenonese, Gelisio, molto molto raro,
 +è tipicamente veneto, di Mel nel bellunese in particolare, Gelosia,
 +molto molto raro, è specifico del perugino, di Morsciano e Perugia
 +in particolare, dovrebbero tutti derivare, direttamente o attraverso alterazioni,
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Gelisius</font></i>, che non
 +è altro che la latinizzazione del nome <i><font color="#3333FF">Gillespic</font></i>
 +di origini irlandesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELLERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un ceppo nel milanese e nel lodigiano,
 +uno in provincia di Novara, uno nel trevigiano, potrebbe derivare dal nome
 +medioevale Ghelere o dal nomen latino Gellius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELMI
 +<br>GELMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<font size="-1">Gelmi è tipico di bergamasco, bresciano e basso trentino, Gelmo,
 +molto molto raro, parrebbe veneto, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Gelmus</font></i>, forma latinizzata contratta
 +del nome germanico <i><font color="#3366FF">Wilhelm</font></i>, tracce
 +di questo nome le troviamo ad esempio nel 1500 a Lovere (BG) dove in un
 +atto di vendita del 1525 compare un certo Gelmo fu Delaido Facheris di
 +Castelfranco nella figura di venditore.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELMINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<a href="../stemmi/gelmini.jpg"><img src="../immagini/gelmini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="138"></a><a href="stem00gelmini.gif"><img src="/immagini/stem00gelmini.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="54" height="100"></a>
 +<font size="-1">Cognome specifico delle province di Brescia, Bergamo, Milano, basso Trentino
 +e sponda veronese del lago di Garda, sembra avere un ceppo secondario tra
 +Parmense, reggiano e modenese,&nbsp; dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +Gelmino diminutivo di Gelmo (modificazione di Guglielmo). In un atto del
 +1512 a Bergamo, troviamo: ".<font color="#993366">..heredi de domine </font><font color="#CC0000">Gelmino</font><font color="#993366">
 +Benalio ...</font>", in un atto del 1619 a Sondrio è citato un:
 +"..<font color="#993366">.Giovanni Pietro Morettus fu </font><font color="#CC0000">Gelmino</font><font color="#993366">..</font>.".&nbsp;
 +Circa la presenza già dal 1500 di questo cognome, possiamo citare
 +a Mulazzano (MI) nel 1500 un Giovanni Gelmini che compose un libro di epigrammi
 +e lodi e nel 1600 a Sacco (TN) il nobile Guglielmo Gelmini.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">Stemma di sinistra originale (12
 +aprile 1788) inviatoci da Emanuele (de) Gelmini (von Kreutzhof)</font></font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">Stemma di destra inviatoci da Giuseppe
 +Francioso relativo ai Gelmini della Valcamonica</font></font></font>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, parrebbe avere più ceppi distinti, nell'agrigentino,
 +nel torinese e, forse, nel brindisino, potrebbero derivare dal nome greco
 +Gelo (colui che sorride) i ceppi meridionali, mentre il ceppo settentrionale
 +potrebbe derivare dal nome germanico Gele.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELOSA
 +<br>GELOSI
 +<br>GELOSINI
 +<br>GELOSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gelosa è specifico del milanese e monzese, di Lissone, Monza, Desio,
 +Muggiò e Milano, Gelosi ha qualche presenza in Lombardia, un ceppo
 +a Ravenna ed a Forlì, un ceppo a Potenza Picena e Civitanova Marche
 +nel maceratese, un ceppo a Terni ed uno a Roma, Gelosini è dell'area
 +reggiana, di Rio Saliceto, Campagnola Emilia, Novellara e Reggio Emilia,
 +Geloso è decisamente del palermitano, di Palermo, Giardinello e
 +Montelepre, questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +un ipocoristico, dal nome latino <i><font color="#3333FF">Gelosius</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Gelosus</font></i>, una forma alterata del nome
 +<i><font color="#3333FF">Gelasius</font></i>, portato ad esempio da un
 +Papa nell'anno 496, dell'uso di questo nome abbiamo un esempio in uno scritto
 +medioevale: "<font color="#CC33CC">...Visitabant eum quotidie sancti viri
 +, episcopus tunc Uzalensis, beatae memoriae Saturninus, et presbyter </font><font color="#FF0000">Gelosus</font><font color="#CC33CC">,
 +ac diaconi Carthaginensis ecclesiae ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GELSOMORO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gelsomoro, quasi unico, di origine salentina, dovrebbe derivare dal nome
 +della località leccese chiamata il Gelso Moro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMELLARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gemellaro è decisamente siciliano, specifico di Messina, dovrebbe
 +derivare dal nome del Monte Gemellaro sul versante sud dell'Etna, probabile
 +zona d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMELLI
 +<br>GEMELLO
 +<br>GIMELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gemelli ha più ceppi, nel milanese e pavese, nella provincia di
 +Genova, in Emilia e Romagna, in Calabria, nel napoletano e nel palermitano,
 +Gemello, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nell'astigiano ed uno nel
 +leccese, Gimelli ha un ceppo a Milano, uno a Genova e Loano nel savonese,
 +uno a forlì, Cesena e Predappio nel forlivese, ed uno a Roma, dovrebbero
 +derivare dal nome latino <i><font color="#3366FF">Gemellus</font></i> o
 +<i><font color="#3366FF">Gimellus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in un'antica lapide del III° secolo a Ravenna: "<font color="#CC33CC">D</font><font color="#000000">(is)
 +</font><font color="#CC33CC">M</font><font color="#000000">(anibus)</font><font color="#CC33CC">.
 +Iulio Eroti, vix</font><font color="#000000">(it)</font><font color="#CC33CC">
 +annis VI, T</font><font color="#000000">(itus) </font><font color="#CC33CC">F</font><font color="#000000">(lavius)</font> <font color="#FF0000">Gimellus</font><font color="#CC33CC">, mil</font><font color="#000000">(es)</font><font color="#CC33CC"> cl</font><font color="#000000">(assis)</font><font color="#CC33CC"> pr</font><font color="#000000">(aetoriae)</font><font color="#CC33CC">
 +Mis</font><font color="#000000">(enensis)</font><font color="#CC33CC">,
 +b</font><font color="#000000">(ene)</font><font color="#CC33CC">m</font><font color="#000000">(erenti)</font><font color="#CC33CC">
 +fecit.</font>", o anche nella <i><font color="#3366FF">Vita di Leone X°</font></i>
 +di Paolo Giovio: "<font color="#CC33CC">...Sed dum Ranucius Martianus a
 +Florentinis cum iusto prope exercitu circa Cortonam hosti opponeretur,
 +</font><font color="#FF0000">Gimellus</font><font color="#CC33CC"> vir
 +Gallus cum Camillo Vitellio ad Virginium in castra pervenit. Is cum regiis
 +mandatis multam in stipendium pecuniam afferebat, hortabaturque Virginium,
 +ut accepto auro, conductisque et instructis liberaliter copiis, in Apuliam
 +maturaret, auspiciisque ibi Caroli regis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gementi, molto raro, è tipico di Mantova e del mantovano, e di Occhiobello
 +nel rovigoto, di origini etimologiche oscure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMI
 +<br>GEMMI
 +<br>GEMMO
 +<br>GEMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<font size="-1">Gemi, assolutamente rarissimo, potrebbe essere del piacentino, mentre Gemo
 +è decisamente del vicentino, Gemmi ha un ceppo nel reggiano e nei
 +vicini modenese, parmense e piacentino, ed un ceppo nel fiorentino, Gemmo
 +è veneto, dell'area vicentino, padovana, di Montagnana nel padovano
 +e di Noventa Vicentina e Campiglia dei Berici nel vicentino, dovrebbero
 +derivare da forme dialettali contratte del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Gelmo</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">Gemmus</font></i>, secondo altri potrebbe derivare
 +da una forma contratta del nomen latino <i><font color="#3366FF">Geminius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio negli <i><font color="#3366FF">Annales</font></i>
 +di Tacito: "<font color="#CC33CC">...Fine anni </font><font color="#FF0000">Geminius</font><font color="#CC33CC">,
 +Celsus, Pompeius, equites Romani, cecidere coniurationis crimine; ex quis
 +</font><font color="#FF0000">Geminius</font><font color="#CC33CC"> prodigentia
 +opum ac mollitia vitae amicus Seiano, nihil ad serium. et Iulius Celsus
 +tribunus in vinclis laxatam catenam...</font>" (<font color="#CC33CC">vedi
 +Gelmi</font>), abbiamo un esempio antico di queste cognominizzazioni a Trento in un atto
 +del 1525, dove leggiamo: "<font color="#CC33CC">..Aldrigetus filius quondam
 +ser Antonii de Gislimbertis de Trilaco civis Tridenti publicus imperiali
 +auctoritate notarius; relevator scripturarum dicti quondam Angeli Costede,
 +decretus per magnificum iuris utriusque doctorem dominum </font><font color="#FF0000">Vincentium
 +Gemmum</font><font color="#CC33CC"> parmensem praetorem Tridenti,..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMIGNANI
 +<br>GEMIGNANO
 +<br>GEMINIANI
 +<br>GIMIGNANI
 +<br>GIMIGNANO
 +<br>GIMINIANI
 +<br>GIMINIANO
 +<br>ZEMIGNANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP">
 +<font size="-1">Gemignani, Gemignani, tipicamente toscano, è tipico del lucchese, Gimignani
 +è fiorentino, Gemignano e Gimignano, quasi unici, sono probabilmente
 +solo una variante del precedente dovuta ad errori di trascrizione, Geminiani
 +è tipico del ravennate, con ceppi anche nella vicina Imola ed a
 +Pesaro, Geminiano, praticamente unico, è dovuto ad un errore di
 +trascrizione, Giminiani, estremamente raro, potrebbe essere o marchigiano
 +o abruzzese, Zemignani, molto molto raro, è tipico del lombardoveneto,
 +dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite alterazioni dialettali,
 +da toponimi come San Gemignano (LU), San Gimignano (SI) o simili, ma è
 +pure possibile una derivazione diretta dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Geminianus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel&nbsp; <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +Longobardo</font></i> in questo scritto dell'anno 720 a Lucca: "<font color="#CC33CC">...Unde
 +nos Teutpald cum germano meus, et Dommulum, Leonaci cum germano meo, seo
 +et Aunuald, Uuilifrit, Maurinum, Teudoraci, Nandulum, </font><font color="#FF0000">Geminianum</font><font color="#CC33CC">
 +cliricum, Gudiscalcum, recorrentes nos omnis ad aula misericordie pro...
 +</font>".
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gemma ha un ceppo nel mantovano, uno nello spezzino, uno nel napoletano,
 +uno nel catanese, un grosso nucleo nel Lazio ed uno in Puglia, in particolare
 +nel Salento, dovrebbero derivare dal nome medioevale tardo latino <i><font color="#3366FF">Gemma</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto dell'anno 955 redatto a Cava dei
 +Tirreni: "<font color="#CC33CC">.. seu hominem nostrum, qui ibidem fuerit
 +ad omnem suum spendium, et sortionem nostra de nominatum vinum illis nobis
 +adduceret, usque dum illud posuerimus infra nominatum locum nuceria. nam
 +si infra predictum constitutum, predicta</font><font color="#FF0000"> Gemma</font><font color="#CC33CC">
 +uxor mea fuerit defuncta, et nos vel nostris heredes terra ipsa recolligere
 +voluerimus, licentiam habeamus illam ad nostram recolligere potestatem
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GEMMITI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome diffuso esclusivamente nel Lazio, con fortissima prevalenza nella
 +zona di Sora (FR) - Isola del Liri (FR).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alessio
 +Bruno Bedini</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENCHI
 +<br>GENCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genchi ha un nucleo nel barese ed uno nel palermitano, Genco ha un ceppo
 +nel genovese, nel barese, nel salernitano ed uno nella Sicilia occidentale,
 +potrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Genicus</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in un'antica lapide romana: "<font color="#CC33CC">...Plotius M</font><font color="#000000">(arci)</font><font color="#CC33CC">
 +f</font><font color="#000000">(ilius) </font><font color="#FF0000">Quartio
 +A</font><font color="#000000">(ulus) </font><font color="#FF0000">Genicus
 +</font><font color="#CC33CC">A</font><font color="#000000">(uli)</font><font color="#CC33CC">
 +f</font><font color="#000000">(ilius)</font><font color="#CC33CC"> iter</font><font color="#000000">(um)</font><font color="#CC33CC">
 +duoviri locum dederunt compiti aedificandi ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Genco è cognome lucano presente a Maratéa, anche napoletano,
 +siciliano e in Calabria: dalla voce calabrese&nbsp; '<i><font color="#3333FF">jencu</font></i>'
 +=&nbsp; '<i><font color="#666666">giovenco</font></i>'. Fonte: G. Rohlfs,
 +Dizionario storico dei cognomi in Lucania, 1985.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENDUSA
 +<br>GENNUSA
 +<br>GENNUSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gendusa è tipico del palermitano, di Chiusa Sclafani in particolare,
 +con ceppi significativi anche a Belmonte Mezzagno, Gennusa, anch'esso del
 +palermitano, è tipico di Corleone, Bisacquino, Roccamena e Contessa
 +Entellina, Gennuso è il più diffuso, anch'esso siciliano
 +è più tipico dell'area che comprende il ragusano, il siracusano
 +ed il nisseno, di Modica e Scicli nel ragusano, di Pachino, Portopalo di
 +Capo Passero e Rosolini nel siracusano e di Gela nel nisseno.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni e stemma forniti da Domenico
 +Gendusa</font></font>
 +<br><a><img src="/immagini/stem00gendusa.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="80" height="102">Gendusa è un cognome siciliano diffuso nel palermitano e nel
 +nisseno. È una forma ipercorretta di Gennusa e Gennuso, diffuso
 +soprattutto nel Centro e nel Sud-Est della Sicilia. Deriva dalla voce specificatamente
 +siciliana <i><font color="#3366FF">innusa</font></i> (<i><font color="#999999">giovenca</font></i>),
 +una vacca giovane, cioè, che non essendo stata coperta una seconda
 +volta continua a produrre latte.
 +<br>Lo stemma dei Gendusa di Belmonte in Provincia di Palermo è:
 +di vaio; sul tutto di rosso alla giovenca d'oro.
 +<br>Motto: VIDEANT PAUPERES ET LAETENTUR.
 +<br><i><font color="#3366FF"><font size="-2">Bibliografia:</font></font></i>
 +<br><i><font size="-2">G. CARACAUSI, Dizionario onomastico della Sicilia,
 +Centro Studi Filologici e Linguistici Siciliani, Epos, Palermo, 1994.</font></i>.</a></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENERANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del milanese e lodigiano,
 +potrebbe derivare dall'antico nome francese Gerner.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENERATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, potrebbe essere originato
 +da un errore di trascrizione del cognome Generani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENERINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Generini, molto molto raro, è tipico di Vicchio, Rignano sull'Arno
 +e Firenze nel fiorentino, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Generinus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in una lapide di epoca medioevale in Provenza:
 +"<font color="#CC33CC">Hic requiescit / in pace bon(ae) memoriae </font><font color="#FF0000">Generinus</font><font color="#CC33CC">
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Parrebbe avere due ceppi, uno nel
 +torinese ed uno nell'udinese, dovrebbe derivare da una modificazione dialettale
 +del cognomen latino Januarius.</font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Elena Genero</font></font>
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-1">Genero (si legge Genèro,
 +non Gènero), la cui origine è come quella di "Gennari",</font></font>
 +<br><font size="-1"><font color="#3333FF">e anche del mese di Gennaio. Significa
 +infatti "caro al dio Giano", che è il dio dell'apertura, della "porta"
 +(</font><font color="#000000">in latino Ianuas)</font><font color="#3333FF">
 +(gennaio è il mese che apre l'anno).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENESI
 +<br>GENESIN
 +<br>GENESINI
 +<br>GENESIO
 +<br>GENISI
 +<br>GENISIO
 +<br>GIANESE
 +<br>GIANESELLI
 +<br>GIANESELLO
 +<br>GIANESI
 +<br>GIANESIN
 +<br>GIANESINI
 +<br>GINESI
 +<br>GINESINI
 +<br>GINESIO
 +<br>GINISI
 +<br>GINISIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genesi è specifico dell'area che comprende il piacentino ed il pavese,
 +Genesin è tipicamente veneto, di Loreggia nel padovano e di Riese
 +Pio Decimo e Castelfranco Veneto nel trevisano, Genesini ha un ceppo veneto,
 +nel veronese e rovigoto, ed uno emiliano a Ferrara e Modena, Genesio, abbastanza
 +raro, dovrebbe avere un ceppo nel Piemonte occidentale e nella Liguria
 +centrale, con un possibile ceppo nel siracusano, Genisi, estremamente raro,
 +è del nord Italia, Genisio è specifico del Canavese, di Pratiglione
 +(TO) in particolare, Gianese è tipicamente veneto, Gianeselli, assolutamente
 +rarissimo, è del trentino, Gianesello è tipico del padovano,
 +di Padova e Piazzola sul Brenta, Gianesi, assolutamente rarissimo, ha un
 +piccolissimo ceppo tra pavese e piacentino ed uno nel forlivese, Gianesin
 +ha un ceppo nel vicentino, in particolare a Bassano del Grappa,&nbsp; ed
 +uno nel rovigoto, Gianesini, anch'esso veneto, è più diffuso
 +ed è presente in particolare nel vicentino, ma anche nel veronese
 +e padovano, Ginesi ha un ceppo tra carrarese, massese e lucchese, uno piccolo
 +nel grossetano ed uno tra pesarese ed anconetano, Ginesini, quasi unico,
 +è specifico del carrarese, Ginesio, quasi unico, è del torinese,
 +Ginisi è quasi unico, Ginisio, assolutamente rarissimo,&nbsp; sembrerebbe
 +lombardo, dovrebbero tutti derivare, direttamente o attraverso ipocoristici
 +e/o modificazioni dialettali, dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Genesius</font></i>,
 +ricordiamo san Genesio martire a Roma sotto Diocleziano nel III° secolo,
 +abbiamo un esempio dell'uso di questo nome in epoca medioevale ne X°
 +secolo in un atto di vendita: "<font color="#CC33CC">...Dilecto Teuquardo
 +presbitero. Ego Aletrudis et filius meus </font><font color="#FF0000">Genesius</font><font color="#CC33CC">
 +vendimus tibi campum in pago Matisconense, in agro Melionacense, in villa
 +Fontanilias...</font>", ma è pure possibile una derivazione da uno
 +dei tanti toponimi San Genesio che si trovano in provincia di Torino, Pavia,
 +Piacenza.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo alla corte
 +sforzesca nel 1400 con lo scrittore e poeta Fabricius Genesius Elphiteus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENGA
 +<br>GENGHINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genga ha un ceppo a Pesaro con rami anche a Corinaldo nell'anconetano,
 +a Treia nel maceratese, ed a Fano nel pesarese, ed uno nel romano in particolare
 +a Tivoli, Genghini ha un ceppo a Rimini, Bellaria e Monte Colombo nel riminese
 +ed uno a Roma, dovrebbero derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche,
 +dal nome di toponimi come Genga nell'anconetano, o altri simili, ma molto
 +più probabilmente derivano da un soprannome originato dal termine
 +<i><font color="#3333FF">genga</font></i>, una sorta di <i><font color="#666666">tufo
 +calcareo</font></i> tipico della zona umbro, marchigiana, ad indicare forse
 +l'attività di cavatore di tufo svolta dal capostipite. Alcuni elementi della famiglia Genghini nel 1880 emigrarono verso il Brasile
 +e verso l'Argentina, dove si stabilirono nelle regioni di Socorro e
 +Monte Sião in Brasile e di Rio Cuarto in Argentina.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Genga e Genghini derivano dalla toponomastica. Il toponimo Genga (Monte
 +Grimano, AN) e Le Genghe (Carpegna, PU), da cui il cognome Genghini frequente
 +a Rimini, vengono, come altri toponimi simili in tutta l'Italia, dal longobardo
 +'<i><font color="#3333FF">zinka</font></i>' = <i><font color="#666666">vetta,
 +punta</font></i> (tedesco : <i><font color="#3333FF">Zinke</font></i> =
 +<i><font color="#666666">punta, dente della forchetta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENI
 +<br>GENINI
 +<br>GENINO
 +<br>GENIO
 +<br>GENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Geni è assolutamente rarissimo, sembrerebbe del centronord, Genini
 +ha un ceppo nel verbanese ed uno tra le province di Sondrio, Bergamo e
 +Brescia, Genino sembra essere unico, Genio, comunque molto raro, è
 +panitaliano, Geno, quasi unico, parrebbe dell'area pavese, novarese, si
 +dovrebbe trattare di forme aferetiche, normali o ipocoristiche, più
 +o meno dialettali, del nome <i><font color="#3366FF">Eugenio</font></i>,
 +probabile nome del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENITORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genitori è specifico di Messina, di origini oscure, potrebbe trattarsi
 +di una forma apocopaica del termine Genitori Ignoti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENNA
 +<br>GENNE
 +<br>GENNI
 +<br>GENNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genna ha un ceppo napoletano ed uno, più consistente nella Sicilia
 +occidentale, nel trapanese in particolare, a Marsala, Trapani, Mazara del
 +Vallo, Erice, Paceco, Castellammare del Golfo, Partanna, Petrosino, Campobello
 +di Mazara, Castelvetrano e Santa Ninfa, Genne, praticamente unico, dovrebbe
 +essere dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, così
 +come il quasi unico Genni ed il praticamente unico Genno. Genna dovrebbe
 +derivare da una forma apocopaica del nome greco <i><font color="#3333FF">Gennadios</font></i>,
 +o anche dall'italianizzazione del nome normanno <i><font color="#3333FF">Jeanne</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Gianna</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENNAI
 +<br>GENNAIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gennai è tipico toscano, del pisano in particolare, Gennaio è
 +assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare dal cognomen latino Ianuarius
 +attribuito normalmente ai bambini nati nel mese di Giano, gennaio. Traccia
 +di quest3e cognominizzazioni le troviamo nel 1400 a Cesena con Pier de' Gennai,
 +mastro costruttore di particolari del tempio malatestiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENNARI
 +<br>GENNARINI
 +<br>GENNARINO
 +<br>GENNARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gennari è presente in tutto il centro nord e nel Salento, con un
 +nucleo importante nel pesarese e nel Lazio, Gennarini sembrerebbe romano,
 +Gennarino è assolutamente rarissimo, Gennaro ha un grosso nucleo
 +in Sicilia, uno nel Salento ed uno a Napoli, ma questo cognome ha un ceppo
 +importante anche nel Veneto e nel Friuli,&nbsp; derivano dal nome medioevale
 +Gennaro che è a sua volta derivato la cognomen latino <i><font color="#3366FF">Januarius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENNERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gennero è tipico del torinese, di Carignano, Carmagnola e Torino,
 +dovrebbe derivare dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Genner</font></i>,
 +a sua volta derivato dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Genhari</font></i>,
 +a sua volta composto dall'unione dei termini medioevali tedeschi <i><font color="#3333FF">gen</font></i>
 +(identifica il femminino, la donna) ed <i><font color="#3333FF">hari</font></i>
 +(l'<i><font color="#666666">esercito</font></i>), con il significato di
 +<i><font color="#666666">combattente con la fierezza e la determinazione della donna</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENOA
 +<br>GENOVA
 +<br>GENUA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genoa è praticamente unico ed è probabilmente dovuto ad un
 +errore di trascrizione di Genova, che è presente a macchia di leopardo
 +intutt'Italia, con un grosso nucleo nella Sicilia occidentale, a Palermo
 +in particolare, Genua ha un ceppo romano, uno nell'avellinese a Frigento,
 +Sturno, Gesualdo e Flumeri ed uno nel trapanese a Vita, tutti questi cognomi
 +dovrebbero derivare dal nome della città di Genova o dalle sue versioni
 +arcaiche e dialettali, derivazione o perchè quello era il nome del
 +capostipite, consuetudine abbastanza diffusa in epoca medioevale, o perchè
 +questi proveniva da quella città.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENON
 +<br>GENONE
 +<br>GENONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genon, praticamente unico, è del torinese, Genone, assolutamente
 +rarissimo, parrebbe dell'area lombardo piemontese, Genoni, tipicamente
 +lombardo, è dell'area milanese, varesotta, si dovrebbe trattare
 +di una forma accrescitiva dell'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Eugenio</font></i>,
 +probabile nome del capostipite caratterizzato da una corporatura imponente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENOVESE
 +<br>GENOVESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine entrambi da soprannomi
 +legati al toponimo Genova, Genovese è assolutamente panitaliano,
 +mentre Genovesi è distribuito lungo la riviera tirrenica da Genova
 +a Livorno, sembra esserci un ceppo a Bologna e nel siracusano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi legati al toponimo Genova, ma in alcuni casi potrebbero
 +anche essere una variazione del nome medioevale Genovino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENOVESSI
 +<br>GENOVISSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Unici entrambi, presente solo a
 +Melegnano, potrebbero essere dovuti ad un errore di trascrizione di un
 +originale Genovesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENSALDI
 +<br>GENSARDI
 +<br>GENZARDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gensardi, quasi unico, è palermitano, dovrebbe essere dovuto ad
 +un'errata trascrizione del cognome Genzardi, che è specifico di
 +Palermo e del palermitano, Genzaldi, praticamente unico, è anch'esso
 +dovuto probabilmente ad un errore di trascrizione del precedente, dovrebbero
 +derivare dal nome e cognome francese <i><font color="#3333FF">Gensard</font></i>,
 +probabilmente giunto in Sicilia al seguito degli Angioini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genta è tipico dell'area ligure, piemontese, del torinese, astigiano
 +e cuneese in Piemonte e del savonese soprattutto in Liguria, potrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal termine medioevale francese <i><font color="#3333FF">gent</font></i>,
 +a sua volta derivato dal latino <i><font color="#3333FF">gentiles</font></i>,
 +che stava ad indicare <i><font color="#666666">i patrizi</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#666666">i nobili</font></i>, quelli che appartenessero
 +per nascita alla classe dirigente, non si può però escludere
 +una possibile origine matronimica dal nome femminile longobardo <i><font color="#3333FF">Genta</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in uno scritto dell'undicesimo secolo:
 +"<font color="#CC33CC">..Soror vero eorum, uxor Gaufridi Tancredi, nomine
 +</font><font color="#FF0000">Genta</font><font color="#CC33CC">, quia pregnans
 +erat, in capitulum venire non potuit, sed in domo sua quod fratres vendiderant
 +concessit, audientibus istis: Aldulfo preposito, Mauritio de Saiaco, Fulcrado
 +corvesario, Rainerio Waldino, Barbotino, Christiano Pichardo, Archembaldo
 +Cauda. Alia quoque parvula soror, Richeldis nomine, sotulares corduinos
 +accipiens inde, illud idem concessit, his audientibus: Huberto fratre suo,
 +Christiano Pichardo, Archembaudo Cauda. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENTILCORE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gentilcore, sicuramente campano, è specifico del beneventano, di
 +Molinara in particolare e di Foiano di Val Fortore, ma dovrebbe essere
 +originario del salernitano, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gentilcore</font></i>
 +attribuito al proprio figlio con l'augurio che crescesse di cuore gentile,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo tra la fine del 1000 e gli
 +inizi del 1100 con l'abate Costabile Gentilcore (1064-1024), nativo della
 +zona di Monte Tresino (SA), quarto abate dell'Abbazia di Cava dei Tirreni,
 +fatto santo, famoso anche per il fatto che iniziò nel 1123, un anno
 +prima di morire, la costruzione del Castello che diede origine al nome
 +del paese di Castellabate nel salernitano. Il nobile casato dei Gentilcore
 +sembra avere come capostipite Leonetto Gentilcore che ricevette nel 1500
 +dagli Aragona la baronia di Corbella e Cicerale nel salernitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENTILE
 +<br>GENTILI
 +<br>GENTILIN
 +<br>GENTILINI
 +<br>GENTILINO
 +<br>IENTILE
 +<br>IENTILI
 +<br>JENTILE
 +<br>ZENTILE
 +<br>ZENTILI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gentile è estremamente diffuso in tutt'Italia, tranne che in Sardegna,
 +Gentili è diffuso in tutto il centro nord, con un fortissimo nucleo
 +nel Lazio, Gentilin, decisamente veneto, è tipico dell'area che
 +comprende il veronese ed il vicentino, Gentilini è molto diffuso
 +in tutto il centronord, soprattutto nella zona che comprende il bolognese,
 +il ravennate, il forlivese, il riminese ed il fiorentino, con un grosso
 +ceppo anche a Roma, Gentilino, quasi unico, potrebbe essere dovuto ad errori
 +di trascrizione del precedente, Ientile ha un ceppo a Genova, uno tra Roma
 +ed Anzio, uno a Torre del Greco (NA) ed uno nel reggino a Mammola, Grotteria
 +e Cinquefrondi, Ientili, quasi unico, e Jentile, estremamente raro sono
 +dovuti probabilmente ad errori di trascrizione dei precedenti, Zentile,
 +molto molto raro, ha un ceppo tra trentino e vicentino ed uno nel sassarese,
 +Zentili, quasi scomparso, parrebbe dell'area bergamasco, bresciana, questi
 +ultimi dovrebbero essere una forma dialettale dei precedenti, derivano
 +tutti, direttamente o tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Gentile</font></i>,
 +direttamente o attraverso forme arcaiche o dialettali con la <i><font color="#3366FF">I</font></i>
 +o la <i><font color="#3366FF">Z</font></i> in sostituzione della <i><font color="#3366FF">G</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENTINA
 +<br>GENTINETTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gentina sembra specifico del varesotto, Gentinetta, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe piemontese, dovrebbero essere delle forme matronimiche derivando
 +da una capostipite di nome <i><font color="#3366FF">Gentina</font></i>,
 +forma medioevale del nome franco <i><font color="#3366FF">Gentiane</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Genziana</font></i>), troviamo tracce di questo
 +nome nell'atto di nascita datato 1551 del primo Conte Provana di Collegno
 +che risulta essere stato figlio dì Gerolamo Provana di Carignano
 +(Signore di Bussolino e della Gorra), e di <i><font color="#3366FF">Gentina</font></i>
 +Provana di Druent.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazione fornita da Maria Teresa
 +Ghione</font></font>
 +<br>pare sia originario di Bognanco (NO); poco comune in Italia, molto
 +di più in Svizzera. Sul volume di araldica <i><font color="#3366FF">Anstalt
 +Antonio Bonacina</font></i> compare lo stemma: rosso-bianco-rosso con due
 +leoni stilizzati.&nbsp; Alcuni importanti personaggi hanno risieduto e
 +risiedono a Brig-Glis. Un ramo della famiglia si è stabilito in
 +Argentina intorno all\'anno 1880 (Jose Gentinetta). Suoi discendenti vivono
 +a Sonora (California) uno dei quali (Emmanuel, figlio di Mario Anibal)
 +compare nel libro dei primati per aver compito il tragitto Alaska-Terra
 +del Fuoco in bicicletta da solo a 19 anni di età.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENUINI
 +<br>GENUINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genuini, molto raro, ha presenze in Toscana, nell'aretino e senese e nel
 +ternano ed a Roma, Genuino, assolutamente rarissimo, è del centro
 +Italia, si potrebbe trattare di forme aferetiche ipocoristiche dialettali,
 +del nome <i><font color="#3333FF">Eugenio</font></i>, probabile nome del
 +capostipite, ma molto più probabilmente derivano dall'aferesi del
 +nome <i><font color="#3333FF">Ingenuinus</font></i>, ricordiamo con questo
 +nome il santo <i><font color="#3333FF">Ingenuinus</font></i> conosciuto
 +anche come <i><font color="#3333FF">Genuinus</font></i>, un vescovo del
 +settimo secolo titolare della diocesi di una piccola città vicino
 +a Bressanone in Alto Adige.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GENUZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Genuzio, molto molto raro, sembrerebbe friulano, specifico di Udine, dovrebbe
 +derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Genutius</font></i>, probabilmente portato dal capostipite, 
 +ricordiamo con questo nome Lucius Genutius Aventinensis che fu console
 +di Roma nell'anno 383 assieme a Lucius Aemilius Mamerco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GERACE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Gerace è specifico della Calabria, deriva dal toponimo Gerace (RC)
 +o da Gerace Marina la moderna Locri (RC), tracce di questa cognominizzazione
 +si hanno nella seconda metà del 1600 a Bovalino (RC) con il notaio
 +notaio Horatius Ranerius de Gerace.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Gerace, Geraci è un cognome calabrese, italianizzazione del
 +cognome greco <i><font color="#3333FF">Gerakis</font></i>, che viene dal
 +termine '<i><font color="#3333FF">ieràki</font></i>' = <i><font color="#666666">sparviero</font></i>.
 +Possibile anche la derivazione da toponimi calabresi e siciliani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GERACI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Geraci sembra essere decisamente siciliano, deriva dal toponimo Geraci
 +Siculo (PA). (<font color="#CC66CC">vedi anche GERACE</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">GERACITANO
 +<br>IERACITANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Geracitano sembrerebbe specifico di Guardavalle (CZ), Ieracitano è
 +tipico di Bagnara Calabra (RC), dovrebbero entrambi derivare dall'etnico