User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_f

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_f [2020/02/17 13:39] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - F ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"></a><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FA
 +<br>FAA
 +<br>FAA'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00faa.gif" NOSAVE BORDER=0 height=80 width=57 align=LEFT><font size=-1>Fa &egrave; tipico di Pula e Cagliari nel cagliaritano, Faa &egrave; tipico di Cagliari e del cagliaritano, Fa&agrave;, molto pi&ugrave;
 +raro, ha un ceppo piemontese con ramificazioni sarde, dovrebbe derivare,
 +almeno il ceppo originario piemontese dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">faa</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fata</font></i>), richiamando l'immagine presente
 +sullo stemma del casato, il ceppo sardo oltre a poter essere derivato da
 +quello monferrino, potrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +sardo <i><font color="#3366FF">faa</font></i> (<i><font color="#999999">fava</font></i>).&nbsp;
 +Nel 1570 il nobile nobile Giovanni Matteo Fa&agrave;, Signore di Fontanile
 +(AT), acquist&ograve; dalla famiglia Scarampi una buona parte del loro
 +feudo nel Monferrato diventando poi nel 1580 signore di Bruno (AT) con
 +il titolo di Marchese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FA; FAA;: <i><font color="#3366FF">sa fa</font></i> = <i><font color="#999999">la
 +fava</font></i> e viene dal latino <i><font color="#3366FF">faba</font></i>.
 +<i><font color="#3366FF">Is/sas faas</font></i>; <i><font color="#3366FF">is
 +fais </font></i>(o semplicemente, <i><font color="#3366FF">sa fa</font></i>)
 += <i><font color="#999999">le fave</font></i>. In linguaggio fonetico:
 +<i><font color="#3366FF">sa v&atilde;</font></i> = <i><font color="#999999">la
 +fava</font></i> (<i><font color="#999999">le fave</font></i>). Sulla "fava"
 +esistono parecchie espressioni e detti, pi&ugrave; o meno seri. Quando
 +ci chiedono in francese: "Coment sa va"! Noi rispondiamo tranquillamente:
 +"Su pisur&ugrave;ci"! = il pisello! Come a dire: "Bene"! Gli abitanti di
 +Sanluri (oggi capoluogo, insieme a Villacidro, della nuova provincia del
 +Medio Campidano), in tutta la Sardegna sono conosciuti come grandi mangiatori
 +di fave ed &egrave; tipica l'espressione: "Seddor&egrave;su pappa fa"!
 += sanlurese mangia fave. L'espressione: "pappai fa", significa anche ricevere
 +un sacco di botte! Un'ottima vivanda sono la favette col lardo (in pur&eacute;).
 +ed ha riscontro nel detto: " Sa d&igrave; chi hat a proi fa cun lardu"!
 += il giorno in cui scenderanno&nbsp; dal cielo fave e ciccioli: sar&agrave;
 +un giorno miracoloso; per i poveri, &egrave; chiaro! Altra espressione
 +&egrave;: "Toccat sempri a mimi a scrox&agrave;i sa fa"! "Tocca sempre
 +a me sbucciare la fave"! Come a dire: "Tottu pagat Pantaloni"! "Tutto paga
 +Pantalone", e nell'antica Roma: "Istaec in me cudetur faba"! "Dovr&ograve;
 +io pagare le spese"! Sempre nei tempi antichi: ai Pitagorici (della Scuola
 +di Filosofia di Pitagora), l'uso delle fave, come cibo, era proibito; vuoi
 +perch&eacute; esse sono di difficile digestione, vuoi perch&eacute; intorpidiscono
 +la mente! Ed ancora, durante le cerimonie religiose (latine), il Flamen
 +Dialis (il sacerdote di Giove), non doveva n&eacute; toccare, n&eacute;
 +nominare la fava"!!! Nelle carte antiche della Sardegna ritroviamo il cognome
 +nell'uscita Faa e Fay. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE del
 +1388, troviamo: Faa Nicolao, ville Genadas (villaggio distrutto -Laconi
 +..Contrate partis Alen&ccedil;a); Fay Giorgio, ville Selluri(Sanluri -
 +Sedd&ograve;ri); Fay Michele, ville Sammungleo; Fay Nicolao, ville Selluri;
 +Fay Simone, ville Selluri. Attualmente: FA, &egrave; presente in 18 Comuni
 +d'Italia, di cui 11 in Sardegna: Pula 26, Cagliari 11, Nuoro 6, Assemini3,
 +Marrubiu 3, etc.; FAA, &egrave; presente in 37 Comuni italiani, di cui
 +23 in Sardegna: Cagliari 32, Villaputzu 23, Sadali 15, Mores 9, Sanluri
 +9, etc.;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><a NAME="fa"></a><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBI
 +<br>FABI
 +<br>FABIA
 +<br>FABIO
 +<br>FABIS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabbi ha un ceppo nel vicentino, uno nel nel reggiano, uno nel bolognese,
 +uno nel perugino ed uno a Roma, Fabi &egrave; tipico della fascia centrale
 +che comprende Marche, aquilano, Umbria e Lazio, Fabia sembrerebbe unico,
 +Fabio ha un ceppo nel potentino, uno tra catanzarese e crotonese ed uno
 +nel messinese, Fabis, assolutamente rarissimo, parrebbe avere un ceppo
 +nel cosentino ed uno tra aretino e fiorentino, dovrebbero tutti derivare
 +dalla <i><font color="#3366FF">Gens</font></i> latina <i><font color="#3366FF">Fabia</font></i>
 +o dal nomen <i><font color="#3366FF">Fabius</font></i><font color="#000000">,</font><i><font color="#3366FF">
 +Fabia</font></i>, &egrave; pure possibile un'origine pi&ugrave; recente
 +dal nome italiano Fabio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><a NAME="fa"></a><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBIANELLI
 +<br>FABBIANI
 +<br>FABBIANO
 +<br>FABIANELLI
 +<br>FABIANI
 +<br>FABIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabbianelli, quasi unico, sembrerebbe toscano, Fabbiani appartiene all'areale
 +compreso tra Emilia, Toscana e Liguria, Fabbiano, molto raro, &egrave;
 +specifico del tarentino, Fabianelli &egrave; tipico dell'aretino, di Castiglion
 +Fiorentino, di Arezzo e di Cortona, con un ceppo anche a Prato, Fabiani,
 +molto pi&ugrave; diffuso &egrave; presente in tutto il centro nord, con
 +particolare evidenza in Romagna, Toscana, Marche, Umbria e Lazio, Fabiano
 +&egrave; tipico del sud peninsulare, tutti questi cognomi dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite una forma ipocoristica, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Fabianus</font></i>,
 +attribuito normalmente ai liberti od ai clientes della <i><font color="#3333FF">gens
 +Fabia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><a NAME="fa"></a><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBRESCHI
 +<br>FABRESCHI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabbreschi, molto molto raro, &egrave; specifico del grossetano, di Roccalbegna,
 +Grosseto e Scansano, Fabreschi, praticamente unico, &egrave; una forma
 +alterata del precedente, si dovrebbe trattare di una forma in <i><font color="#3333FF">-eschi</font></i>,
 +indicante appartenenza, probabilmente ad indicare un ramo cadetto di una
 +famiglia nobile Fabbri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBRI
 +<br>FABBRIS
 +<br>FABBRO
 +<br>FABRIS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00fabbri.gif" NOSAVE BORDER=0 height=59 width=60 align=RIGHT><font size=-1>Fabbri &egrave; diffuso in tutto il centro nord, con massima concentrazione
 +in Emilia e Toscana, Fabbris &egrave; sicuramente settentrionale, pi&ugrave;
 +caratteristico del torinese, del milanese e del padovano e veneziano, Fabbro
 +&egrave; specifico delle tre Venezie, con massima concentrazione in Friuli,
 +Venezia Giulia, Fabris sembrerebbe specifico delle Venezie, ma potrebbe
 +esserci un nucleo anche nell'area definita dalle provincie di Milano e
 +Varese. Derivano tutti, anche attraverso varie alterazioni, dal nome di
 +mestiere del <i><font color="#3333FF">faber</font></i>, probabile occupazione
 +svolta dai capostipiti, il mestiere di <i><font color="#3333FF">faber</font></i>
 +corrispondeva a quello di <i><font color="#666666">artigiano, dal fabbro
 +al falegname, al muratore</font></i>: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">faber</font><font color="#CC33CC">
 +vel fabricator qui bona produxit vel fabricat,..</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazione fornita da Francesco
 +Fabbris</font></font>
 +<br>In Veneto il cognome Fabris non ha attinenza con il mestiere di fabbro,
 +ma con il mestiere di muratore. In latino <i><font color="#3366FF">faber</font></i>
 +significa <i><font color="#999999">colui che ha costruito</font></i>. Il corrispettivo
 +di fabbro in Veneto &egrave; Favero o Favaro o Faveri.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>stemma fornito da Armando Milani</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBRICA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Un ceppo in provincia di Forl&igrave;,
 +uno in provincia di Agrigento e forse uno nel milanese, dovrebbe derivare
 +da soprannomi legati o a toponimi contenenti il vocabolo Fabbrica o a collegamenti
 +ad esempio con l'opera della Fabbrica del Duomo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABBRICI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Estremamente raro, sembrerebbe settentrionale, potrebbe derivare dal nomen
 +latino <i><font color="#3366FF">Fabricus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Fabbrici</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazione dovuta a Gabriele
 +Fabbrici</font></font>
 +<br>Il cognome Fabbrici, di rara diffusione nelle province di Reggio Emilia,
 +Mantova, Bologna e Roma, documentato almeno dall'inizio del Quattrocento,
 +deriva dal toponimo Fabbrico (RE), localit&agrave; da cui ha avuto orgine
 +la famiglia. L'attuale denominazione dialettale del Comune presuppone un
 +<i><font color="#3366FF">fabricus</font></i> per <i><font color="#666666">fabbro</font></i>.
 +Quindi il toponimo potrebbe procedere da una formazione altomedioevale
 +costruita direttamente sul nome di persona, o dal mestiere, del possessore
 +del fondo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABEN
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico dell'area di Casaleone e Cerea (VR) dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale con il significato di fatto bene (Benfatto).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABILLI
 +<br>FAVILLA
 +<br>FAVILLI
 +<br>FAVILLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabilli, quasi unico &egrave; del centro Italia, Favilla ha un ceppo toscano,
 +soprattutto nel lucchese, uno nel romano ed uno nel foggiano, Favilli &egrave;
 +decisamente toscano, soprattutto nel pisano e nel livornese, Favillo sembrerebbe
 +unico, dovrebbero tutti derivare, direttamente o attraverso una forma di
 +betacismo, dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Fabillus</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Fabilla</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FAILLI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABRELLI
 +<br>FABRELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabrelli, quasi unico, sembrerebbe romagnolo, Fabrello &egrave; invece
 +specifico del vicentino, in particolare di Arsiero, Piovene Rocchette,
 +Marano Vicentino, Velo d'Astico, Dueville e Santorso, dovrebbero derivare
 +da forme ipocoristiche originate dal vocabolo medioevale <i><font color="#3366FF">faber</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fabbro</font></i>, ma anche pi&ugrave; genericamente
 +<i><font color="#999999">artigiano</font></i>), probabilmente ad indicare
 +cos&igrave; l'attivit&agrave; dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABRIANI
 +<br>FABRIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabriani &egrave; tipicamente laziale di Roma, Palestrina e Gallicano nel
 +Lazio nel romano, di Fara in Sabina nel reatino e di Monte Romano nel viterbese,
 +Fabriano, quasi unico, &egrave; molto probabilmente dovuto ad errori di
 +trascrizione del precedente, dovrebbero derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Faberianus</font></i>,
 +derivato dal nomen <i><font color="#3366FF">Faberius</font></i>, di questo
 +cognomen abbiamo un esempio nelle epistole di Cicerone ad Attico: "<font color="#CC33CC">...reliquum
 +est, si </font><font color="#FF0000">Faberius</font><font color="#CC33CC">
 +nobis nomen illud explicat, noli quaerere quanti; Othonem vincas volo.
 +nec tamen insaniturum illum puto; nosse enim mihi hominem videor. ita male
 +autem audio ipsum esse tractatum ut mihi ille emptor non esse videatur.
 +quid enim? pateretur? sed quid argumentor? Si </font><font color="#FF0000">Faberianum</font><font color="#CC33CC">
 +explicas, emamus vel magno; si minus, ne parvo quidem possumus....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABRICI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico di Clauzetto (PN) e della provincia di Pordenone, dovrebbe derivare
 +dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Fabricus</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in Gaius Fabricus Luscinus console romano all'epoca delle guerre
 +contro Pirro re dell'Epiro,&nbsp; un esempio illustre di questa cognominizzazione
 +l'abbiamo nel celebre studioso Hieronymus Fabricus ab Aquapendente professore
 +di anatomiaall'universit&agrave; di Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FABRIZI
 +<br>FABRIZIO
 +<br>FABRIZZI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fabrizi &egrave; molto diffuso nella fascia centrale, Toscana, Marche,
 +Umbria e Lazio, Fabrizio &egrave; molto diffuso in Lazio, Abruzzo, Molise,
 +Campania centrosettentrionale, Puglia e Basilicata, Fabbrizi &egrave; proprio
 +delle Marche e Umbria, derivano dal nomen latino <i><font color="#3366FF">Fabricius</font></i>
 +e sue modificazioni medioevali, di questo nome abbiamo un illustre esempio:
 +"<font color="#CC33CC">...Qui ab hoste Pyrrho approbatus hoc est eulogio
 +descriptus. Cum </font><font color="#FF0000">Fabricius</font><font color="#CC33CC">
 +quendam Philippum Pyrrhi medicum domino suo vinctum mitteret...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccardi, assolutamente rarissimo, &egrave; un cognome tipico del basso
 +bresciano, dovrebbe derivare da una modificazione patronimica in <i><font color="#3366FF">-ardi</font></i>
 +del nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3366FF">Faccus
 +</font></i><font color="#000000">(</font><font color="#CC33CC">vedi FACCHETTI</font><font color="#000000">),
 +</font>originato dal termine medioevale, sempre germanico, <i><font color="#3366FF">fah</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ostile</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCELLO
 +<br>FACCINI
 +<br>FACELLI
 +<br>FACELLO
 +<br>FACINI
 +<br>FACINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccello, praticamente unico, &egrave; del savonese, Facelli &egrave; tipicamente
 +piemontese, con un ceppo a Vercelli ed uno a Torino e Ciri&egrave; nel
 +torinese, Facello, molto raro, ha un piccolo ceppo a Torino e Collegno
 +nel torinese ed alcune presenze nel cuneese e savonese, Faccini &egrave;
 +tipico del nord Italia, con ceppi importanti nel milanese, nel parmense,
 +nel veronese e nel ferrarese, Facini, molto raro, sembrerebbe del nord
 +Italia, ha un ceppo forse originario nell'udinese, ad Artegna in particolare,
 +Facino, molto pi&ugrave; raro, ha un ceppo a Crotone, dovrebbero tutti
 +derivare da varie forme ipocoristiche del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Faccio</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Facino</font></i>, a sua volta derivato dall'aferesi
 +del nome <i><font color="#3333FF">Bonifacio</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice diplomatico della Lombardia medievale</font></i>
 +a Brescia nell'anno 1186: "<font color="#CC33CC">...iacet in villa de Rothina
 +et de ista non pertinet </font><font color="#FF0000">Facino</font><font color="#CC33CC">
 +ubi medietatem: a mane ser Cotum, a sera Lanfrancus Lupus,...</font>",
 +ricordiamo come personaggio famoso il Capitano di Ventura Facino Cane che
 +nacque a Casale Monferrato probabilmente tra il 1350 e il 1360.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCENDINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha un ceppo in Lombardia, a Magenta (MI) e nel cremasco ed uno a Foligno
 +(PG).&nbsp; Nel 1400 troviamo il condottiero e capitano di ventura al servizio
 +degli Sforza Giorgio da San Severino detto il Faccendino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCHETTI
 +<br>FACCO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Facchetti, decisamente lombardo, della zona che comprende le province di
 +Milano, Bergamo e Brescia, Facco ha un nucleo nelle province di Padova e Venezia ed un ceppo nel genovese,
 +dovrebbero derivare dal nome italo germanico <i><font color="#3366FF">Faccus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel 1500: "<font color="#CC33CC">...Apollonius Rhodius Graeco,
 +et </font><font color="#FF0000">Valerius Faccus</font><font color="#CC33CC">,
 +Latino carmine, descripserunt. Igniarium quod in Aureo torque Equitum illorum
 +intertextum velleri conspicitur...</font>"
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Facchetti cognome lombardo che viene dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Facco</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCHIN
 +<br>FACCHINETTI
 +<br>FACCHINI
 +<br>FACCHINO
 +<br>FACHIN</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Facchin &egrave; tipico del Veneto e del Friuli, Facchinetti oltre al nucleo principale tra le province di Milano, Bergamo,
 +Brescia e Verona, ha un ceppo anche nel goriziano, Facchini sembra specifico
 +dell'area che dal Trentino, attraverso il bresciano ed il mantovano, arriva
 +al modenese e alla Romagna, ma potrebbero esserci anche un ceppo nel barese
 +ed uno nel Lazio, Facchino, rarissimo, parrebbe originario del Gargano,
 +Fachin &egrave; specifico dell'udinese, in particolare della zona di Socchieve,
 +dovrebbero tutti derivare da forme ipocoristiche del nome italo germanico <i><font color="#3366FF">Faccus</font></i>
 + (<font color="#CC33CC">vedi
 +FACCHETTI</font>). Troviamo una famiglia Facchini
 +a Brumano (BG), fin dal 1400, nel 1430 un componente di questa famiglia,
 +tal Filippo Facchini si trasfer&igrave; a Venezia e di l&igrave; in Istria,
 +nel 1451 in un atto scritto nel trevisano troviamo citato un ser Basso
 +Fachin: "<font color="#CC33CC">...pustam vochatam la Cha Bianca positam
 +in villa Tessarie Tervisine diocesis cum una domo murata et cohoperta cupis
 +et una te&ccedil;ia etiam cupis cohoperta, cum pratis et pasculis suis
 +secundum et prout tenet et possedit ser </font><font color="#FF0000">Basso
 +Fachin</font><font color="#CC33CC">.</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Andrea
 +Balzarotti</font></font>
 +<br>La famiglia Facchinetti pu&ograve; annoverare tra i suoi antenati anche
 +Gian Antonio Facchinetti (Papa con il nome di Innocenzo IX) nato il 20
 +luglio 1519 a Bologna. Era un uomo buono e mite, ma anche decisamente abile
 +in diplomazia. Pio V lo aveva inviato quale nunzio apostolico a Venezia
 +per allestire la Lega Santa che a Lepanto, nel 1571, sconfisse i turchi.
 +Quando fu eletto papa era gi&agrave; anziano e malato. Il suo pontificato
 +dur&ograve; due mesi (1591). Prima di morire benefic&ograve; due suoi nipoti,
 +uno nominandolo cardinale e l'altro comandante supremo della flotta. Lo
 +stemma della famiglia consiste in una pianta al naturale, sradicata, su
 +campo argento.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Facchini &egrave; la cognominizzazione del sostantivo '<i><font color="#3333FF">facchino</font></i>'
 +&lt; latino medievale '<i><font color="#3333FF">fakinum</font></i>' che
 +viene dall'arabo '<i><font color="#3333FF">faq&#299;h</font></i>' =
 +'<i><font color="#666666">giureconsulto, teologo</font></i>'. La sua degradazione
 +semantica a '<i><font color="#666666">portatore di pesi</font></i>' sarebbe
 +avvenuta nei secoli XIV-XV quando, in seguito alla grave crisi economica
 +del mondo arabo-islamico, gli antichi funzionari furono costretti a dedicarsi
 +al piccolo commercio di stoffe che essi stessi trasportavano a spalla di
 +piazza in piazza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCI
 +<br>FACCIO
 +<br>FACCIONE
 +<br>FACCIONI
 +<br>FACI
 +<br>FACIONE
 +<br>FACIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Facci &egrave; tipico di Trento e del trentino, del veronese, di Verona,
 +Castel d'Azzano, San Giovanni Lupatoto e Buttapietra, del vicentino, di
 +Schio, Santorso, Valli del Pasubio,Marano Vicentino e Thiene, di Farra
 +di Soligo nel trevisano e di Grantorto nel padovano, Faccio sembrerebbe
 +avere due ceppi, uno nel Veneto occidentale e confini della provincia di
 +Brescia, l'altro in Piemonte, Faccione e Facione, quasi unici, sembrerebbero
 +del frusinate e del napoletano, Faccioni &egrave; del veronese, di Verona,
 +Roverchiara, San Pietro di Morubio, Legnago, Isola Rizza, Angiari e Cerea,
 +con un ceppo anche a Civitanova Marche nel maceratese, Faci &egrave; praticamente
 +unico, Facioni &egrave; tipicamente laziale del romano, di Roma, Roccagiovine
 +e Tivoli, dovrebbero derivare, direttamente o tramite accrescitivi, dall'aferesi
 +del nome <i><font color="#3333FF">Bonifacio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCIDOMO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccidomo, assolutamente rarissimo, &egrave; della zona tra palermitano
 +ed agrigentino, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale
 +siciliano <i><font color="#3333FF">facci d'omo</font></i> (<i><font color="#666666">gufo,
 +barbagianni</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCILONGO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccilongo &egrave; tipicamente piugliese, ha un ceppo a Bari ed uno a
 +Lucera nel foggiano, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine
 +dialettale <i><font color="#3333FF">facci longo</font></i> (<i><font color="#666666">viso
 +lungo, magro e stretto</font></i>), probabilmente una caratteristica dell'aspetto
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCINCANI
 +<br>FACINCANI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Entrambi specifici del veronese di Villafranca Di Verona in particolare,
 +derivano dal nome medioevale composto dal nome Facino e Cane tipico del
 +veronese, ricordiamo il condottiero e capitano di ventura <a href="../pagina004ab.htm">Facino
 +Cane</a> nato intorno al 1360 da una famiglia nobile.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Gianni
 +Faccincani</font></font>
 +<br>Il cognome Facincani o Faccincani &egrave; originario della citt&agrave;
 +di Villafranca in provincia di Verona. Infatti in un documento del 1447
 +viene nominato "<font color="#CC33CC">Johanne filio di Jacobo dicto Facinchani
 +q. Johannes de Villafrancha</font>" Perci&ograve; il cognome pu&ograve;
 +essere fatto risalire al 1360-1380. In un altro documento del 1427 (ramo
 +cadetto),&nbsp; vengono invece nominati Bartolomeo, Nascimbeno e Floris
 +di Johanne de Villafranca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCIOLI
 +<br>FACCIOLINI
 +<br>FACCIOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccioli ha pi&ugrave; ceppi, uno nel Veneto occidentale e provincia di
 +Brescia, uno in provincia di Bologna e forse uno in Lombardia e Piemonte,
 +Facciolini &egrave; tipico abruzzese, dell'area tra teramano e pescarese,
 +Facciolo ha un ceppo nel padovano ed uno nella Calabria occidentale, potrebbero
 +derivare da un diminutivo dell'aferesi del nome Bonifacio.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Molto raro, tipicamente abruzzese, dovrebbe derivare dall'ipocoristico
 +aferetico del nome benaugurale <i><font color="#3366FF">Bonifacio</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#999999">che abbia un buon destino, un buon fato</font></i>
 +(dal latino <i><font color="#3366FF">bonum fatum</font></i>, <i><font color="#999999">buon
 +destino</font></i>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACCITONDO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faccitondo &egrave; specifico di Bari, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale originato probabilmente da una particolare rotondit&agrave;
 +della faccia del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACECCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Facecchia &egrave; specifico di Mesagne nel brindisino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Facecchia, derivato foggiano del cognome base Faccia, origina dal sostantivo
 +'<i><font color="#3333FF">faccia</font></i>' &lt; latino parlato '<i><font color="#3333FF">*faciam</font></i>'
 +per il classico '<i><font color="#3333FF">faciem</font></i>' =<i><font color="#666666">
 +volto, viso</font></i>, inteso come soprannome dato a chi dimostrava arditezza
 +e sfacciataggine. Minervini 192.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FACHINAT
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fachinat, assolutamente rarissimo, &egrave; tipico del basso trentino,
 +dovrebbe trattarsi di una forma patronimica dialettale riferita ad un capostipite
 +il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Faccus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FACCHETTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FADA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto molto raro &egrave; tipico del bresciano, potrebbe derivare da un
 +soprannome originato dal vocabolo fata, ha qualche rara presenza in Sardegna.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Luigi Colombo</font></font>
 +<br>questo cognome non &egrave; solo bresciano, ma potrebbe essere in parte
 +di origine campana, lo si deduce leggendo il sito di Ellis Island (www.ellisisland.org).
 +I Fada emigrati negli USA verrebbero da Sessa Aurunca (CE), &egrave; probabile
 +che qualche famiglia campana sia emigrata anche al Nord, oltre che andare
 +in America. In ogni caso il cognome Fada nel bresciano &egrave; venuto
 +probobilmente dalla toponomastica: una Val Fada esiste nella bassa Valcamonica
 +(Angolo Terme).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>Fada: <i><font color="#3333FF">sa fada</font></i>, sia in Campidano
 +che in Logudoro &egrave; l<i><font color="#666666">a fata incantatrice</font></i>.
 +In Sardegna centro nord &egrave; pi&ugrave; usato il termine jana o yana,
 +sempre col significato di fata. Dal Latino fata. In senso spregiativo &egrave;
 +detta sa coga, sa br&ugrave;sa (bruscia, bruja in spagnolo, proprio nel
 +significato di strega). Citiamo inoltre la voce sarda fadu > destino, dal
 +latino fatum, che al plurale da fata > fada; malafadau = sfortunato. In
 +alcuni paesi del centro Sardegna viene usato il termine fada per fava =
 +fava. Come cognome &egrave; presente negli antichi documenti della lingua
 +e della storia della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora,
 +LPDE del 1388, figurano: Fada Andrea, ville Gonnos de Tramacia; Fada Petro,
 +ville Gonnos de Tramacia (* Gonnos de Tramacia.Gonnostramatza. Partis de
 +Montibus). Attualmente il cognome Fada &egrave; presente in 15 Comuni italiani,
 +di cui 1 in Sardegna: Isili con 3. Per il resto lo ritroviamo in 14 Comuni
 +del Bresciano. Non &egrave; del tutto fuori luogo l'ipotesi che i Fada
 +del bresciano provengano dalla Sardegna, tenendo in considerazione la presenza
 +del cognome nei documenti antichi sardi, il fatto che il termine fada e
 +i suoi derivati (in tutti i sensi) sono ancora molto usati in Sardegna
 +e l'arrivo nel bresciano di tantissimi emigrati sardi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FADANELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fadanelli &egrave; tipico di Trento, Cembra, Rovereto e Riva del Garda,
 +dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo trentino <i><font color="#3366FF">fadanel
 +</font></i>(<i><font color="#999999">fanello</font></i>, tipo di uccello).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FADANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fadani ha un ceppo lombardo nel bresciano a Brescia, Manerbio e Castel
 +Mella, e nel cremonese a Gussola, ed un ceppo emiliano a Colorno nel parmense,
 +dovrebbe derivare dal nome della localit&agrave; Fadano di Guiglia nel
 +modenese, o Fadano di Brentonico nel basso trentino, anche se non si pu&ograve;
 +escludere una derivazione da un soprannome originato dal termine dialettale
 +arcaico, dell'area lombardo, emiliana, <i><font color="#3333FF">fadan</font></i>
 +(<i><font color="#666666">grosso rospo, mago, stregone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FADDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto diffuso &egrave; tipico della Sardegna, potrebbe derivare da una
 +modificazione dialettale con raddoppio della consonante (tipico sardo)
 +del termine <i><font color="#3333FF">fada</font></i> (<i><font color="#999999">fata</font></i>), ma &egrave; pure possibile che derivi da un soprannome
 +originato dal vocabolo dialettale sardo <i><font color="#3333FF">fadda</font></i>
 +(<i><font color="#999999">errore</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FADDA: etimologia e significato incerti. Abbiamo intervistato diverse
 +persone, che portano questo cognome, ma nessuna ha saputo dare valide indicazioni,
 +su estimo e significato della voce. Potrebbe derivare dal&nbsp; latino<i><font color="#3333FF">
 +falla</font></i>, che sta per <i><font color="#666666">fallacia</font></i>
 += cose false, ingannevoli, ma &egrave; solo una ipotesi e, del resto, come
 +cognome non avrebbe senso e sarebbe comunque troppo pesante, visto che
 +a portarlo sono veramente in tanti, soprattutto in Sardegna. Pertanto &egrave;
 +impensabile che si tratti di un semplice soprannome. Rimaniamo in attesa
 +di nuovi sviluppi e quindi di eventuali future integrazioni. Intanto il
 +cognome &egrave; presente nelle carte antiche con l'uscita Falla tra i
 +firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388: Falla Bernardo, ville
 +Ecclesiarum (** Villa Ecclesiarum.odierno Iglesias. Et ego De Nelli Pelipaparius
 +Ludovicus, civis et habitator terre et Ville Ecclesiarum.sindicus, procuratoruniversitatis
 +Ville Ecclesiarum.in posse Virde Andree, quondam Virde Joannis de Civitate
 +Sasseri.nona die januarii 1388); Falla Gonario, jurato ville Urune( * Urune.attuale
 +Orune ( Oruni). Curatorie de Anella); Falla Juliano, ville Ecclesiarum;
 +Falla Sthefanus - de Aristanni (*** Aristanni: elenco dei nomi dei firmatari
 +della PETIZIONE. Omnes cives mercatores et habitatores dicte civitatis.nisi
 +pastores bestiaminum et quorum dificulter demorari non poterant.congregati.
 +Porta la data : die XIIII mensis Januarii M&deg;. CCC&deg;. LXXXVIII&deg;
 +et etc). Nella storia ricordiamo Fadda Gavino, nato a&nbsp; Sassari&nbsp;
 +nel 1757. Visse in epoca sabauda del Regno di Sardegna. Seguace di Giommaria
 +Angioy, fu a Cagliari nel 1795, come portafoce del partito democratico
 +sassarese. Svolse una intensa propaganda antifeudale. La reazione dei nobili
 +e della chiesa sarda fu violenta e dovette scegliere la via dell'esilio
 +nella Penisola. Con l'Angioy e col Mundula tent&ograve; di attirare l'attenzione
 +di Napoleone, ma nel suo rientro in Sardegna fu arrestato nell'isola di
 +Capraia e portato ad Alghero e poi a Sassari, dove fu impiccato. Attualmente
 +il cognome Fadda &egrave; presente in 570 Comuni italiani, di cui 210/377
 +in Sardegna: Cagliari 563, Sassari 482, Nuoro 211, Quartu 197, Oristano
 +146, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FADIN
 +<br>FADINI
 +<br>FADINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fadin, molto molto raro, parrebbe del padovano, Fadini ha un ceppo lombardo
 +soprattutto nell'area delle province di Mantova, Cremona, Brescia e Bergamo,
 +con massima concentrazione nel vicino veronese, ed un ceppo nell'udinese,
 +Fadino, quasi unico, &egrave; probabilmente dovuto ad errori di trascrizione
 +dei precedenti, dovrebbero derivare da forme ipocoristiche del termine
 +dialettale <i><font color="#3366FF">fada</font></i> (<i><font color="#999999">fata</font></i>),
 +che ha dato anche luogo al nome Fadino di cui abbiamo un esempio in un
 +atto di vendita del 1352 a Bergamo la parte acquirente &egrave; un certo
 +Giovanni fu Fadino de Molonio di borgo Santo Stefano, ma potrebbero anche
 +derivare dall'aferesi di nomi come <i><font color="#3366FF">Bonfadinus</font></i>,
 +forma alterata di <i><font color="#3366FF">Bonfantinus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BONFADINI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAEDDA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipicamente sardo, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +sardo <i><font color="#3333FF">faeddu</font></i> (parola) di qualcuno che
 +parlava troppo o che era molto bravo con le parole.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FAEDDA: <i><font color="#3333FF">faedda</font></i> > <i><font color="#3333FF">favedda</font></i>
 +> <i><font color="#666666">favella</font></i> (<i><font color="#666666">parola,
 +voce</font></i>) da <i><font color="#3333FF">faeddare</font></i> > <i><font color="#3333FF">faveddare</font></i>
 +> <i><font color="#666666">favellare</font></i> in centro nord; <i><font color="#3333FF">faeddu</font></i>
 +><i><font color="#3333FF">fu&egrave;ddu</font></i> ><i><font color="#3333FF">fuedd&agrave;i</font></i>&nbsp;
 +in Campidano = <i><font color="#666666">parlare</font></i>. Dal latino
 +<i><font color="#3333FF">fabella</font></i>, che per&ograve; ha il significato
 +di <i><font color="#666666">piccolo racconto</font></i>, piccola narrazione.
 +Come cognome &egrave; presente negli antichi documenti della lingua e della
 +storia della Sardegna. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del
 +1388, figurano: Faella Francisco, jurato ville Ribechu (* Ribechu.attuale
 +Rebecu. Curatorie de Costa de Valls) ; Faella Guantino, ville Macumerii
 +(*** MACUMERII et Curatorie de Marghine de Gociano.Macomer etc.&nbsp; In
 +posse Chelis Simonis, notarii publici...die XII Januarii 1388); Faella
 +Juliano, jurato ville Silanus ( * Silanus.odierno Silanus. Castri Montis
 +de Verro); Faella Matheo, ville Cerchillo ( * Cerchillo... attuale Berchidda.
 +Curatorie de Costa de Valls). Attualmente il cognome Faedda &egrave; presente
 +in 173 Comuni italiani, di cui 74 in Sardegna: Sassari 229, Cagliari 89,
 +Oristano 71, Bonorva 65, Olbia 43, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAEDI
 +<br>FAEDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faedi &egrave; specifico del forlivese, di Cesena, Gambettola, Montiano,
 +Cesenatico e Savignano sul Rubicone, di Cervia nel ravennate e di Rimini,
 +Faedo &egrave; tipico del veronese e del vicentino, di Chiampo, Sossano,
 +Pojana Maggiore, Arzignano e Sarego nel vicentino e di Verona e Montecchia
 +di Crosara nel veronese, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul
 +termine sia veneto che romagnolo <i><font color="#3333FF">faed&ograve;n</font></i>,
 +o <i><font color="#3333FF">faet&ograve;n</font></i> una sorta di calesse
 +leggero sia a due che a quattro ruote, indicando cos&igrave; probabilmente
 +che i capostipiti conducessero un simile tipo di mezzo di trasporto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAETA
 +<br>FAETI
 +<br>FAIETA
 +<br>FAIETI
 +<br>FAJETI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faeta, quasi unico, &egrave; del napoletano, Faeti ha un ceppo romagnolo
 +a Cesena e Mercato Saraceno nel cesenate, ed uno a Pomezia nel romano,
 +Faieta &egrave; tipicamente abruzzese, del pescarese, di Pescara, Pianella,
 +Moscufo, Montesilvano, Cappelle sul Tavo e Spoltore, e del teatino, di
 +Chieti, di San Giovanni Teatino e di Casoli, Faieti &egrave; praticamente
 +unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del cognome Fajeti,
 +che &egrave; specifico di Reggio Emilia, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare da nomi arcaici di localit&agrave; che dovevano il loro nome alla
 +presenza di una faggeta, come, solo a titolo di esempio, la Contrada Fajeta, chiamata
 +in un secondo tempo Faeta, situata nel comune di Conca della Campania nel
 +casertano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAENZA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Abbastanza raro, parrebbe originario della Romagna e dovrebbe derivare
 +dal toponimo Faenza (RA), sono presenti ceppi probabilmente secondari nell'aquilano
 +e nel casertano e napoletano.&nbsp; Personaggio rinomato di questa famiglia
 +&egrave; stato il pittore del 1700 Vincenzo Faenza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAES
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico della zona di Trento e del suo circondario occidentale, dovrebbe
 +derivare da nomi di localit&agrave; legati alla presenta di un faggeto
 +(faes). Tracce di questo cognome le troviamo in un atto della seconda met&agrave;
 +del 1600 in Tirolo con: "<font color="#CC33CC">...Idem pro eadem ex parte
 +eiusdem de hereditate </font><font color="#FF0000">Engberti Faes</font><font color="#CC33CC">
 +generi Laurentii de Baest, III denarios novos....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGA
 +<br>FAGA'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faga secondo un'ipotesi sarebbe originario del Piemonte, trasferitosi in
 +Calabria nel XIII&deg; secolo avrebbe generato il molto pi&ugrave; raro
 +Fag&agrave;, secondo altri sarebbe autoctono calabrese e deriverebbe da
 +un soprannome legato alla vicinanza con un faggeto, una terza ipotesi,
 +meno probabile li farebbe derivare dal cognomen latino Faganus.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>Integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Fag&agrave; dovrebbe, in realt&agrave;, essere un cognome autoctono
 +calabrese, formatosi all'interno dei dialetti greci del Sud: alla sua base,
 +infatti, si trova il termine greco <i><font color="#3366FF">faghas</font></i>,
 +col significato di <i><font color="#999999">goloso, mangione</font></i>
 +(voce ancora in uso nel greco moderno, con lo stesso significato). Ci&ograve;
 +non esclude, per&ograve;, che le famiglie Faga calabresi (senza l'accento
 +sulla a) abbiano in effetti delle remote origini piemontesi e, quindi,
 +che il loro cognome abbia una diversa etimologia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGAN
 +<br>FAGANELLI
 +<br>FAGANELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fagan ha qualche presenza nel mantovano, ed un ceppo veneto nel vicentino,
 +padovano e trevisano, Faganelli, rarissimo, sembrerebbe mantovano, Faganello
 +invece, sempre raro, dovrebbe essere trevisano,&nbsp; dovrebbero derivare,
 +direttamente o attraverso ipocoristici, dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Faganus</font></i>
 +di cui si hanno tracce ad esempio nel II&deg; secolo quando il santo monaco
 +<i><font color="#3333FF">Faganus</font></i> viene inviato in missione dal
 +Papa Eleuterio in Britannia. Tracce di queste cognominizzazioni si trovano
 +nel 1700, in un atto del 1708 stilato a Foza nel vicentino, dove si pu&ograve;
 +leggere: "<font color="#CC33CC">...di campi duecento
 +et quarantadue, tavole 169 per me infrascritto Nodaro, Domino </font><font color="#FF0000">Domenigo
 +Faganello</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGGI
 +<br>FAGGINI
 +<br>FAGINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faggi &egrave; fiorentino, con un ceppo anche nel forlivese, Faggini e
 +Fagini sono quasi unici, dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave;
 +caratterizzate dalla presenza di un faggeto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGIANA
 +<br>FAGIANELLA
 +<br>FAGIANELLI
 +<br>FAGIANI
 +<br>FAGIANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fagiana, quasi unico, &egrave; siciliano, Fagianella, praticamente unico,
 +&egrave; marchigiano, Fagianelli, quasi unico, sembrerebbe dell'Italia
 +centromeridionale, Fagiani ha un ceppo nel bergamasco, a Sorisole, Almenno
 +San Salvatore, Almenno San Bartolomeo e Brembate di Sopra, ed un ceppo
 +nella fascia centrale che comprende il Piceno, l'Umbria ed il Lazio, Montegiorgio,
 +Falerone, Sant'Elpidio a Mare, Fermo e Monte Urano nell'ascolano, Gubbio
 +e Perugia nel perugino e Terni in Umbria e Roma ed Anguillara Sabazia nel
 +romano e Rieti, Fagiano ha un ceppo nel torinese, presenze nel napoletano
 +ed un piccolo ceppo nel brindisino, dovrebbero derivare, direttamente o
 +tramite ipocoristici, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fagianus,
 +Fagiana</font></i>, o da nomi di localit&agrave; come, a solo titolo di
 +esempio citiamo da uno scritto dell'anno 768: "<font color="#CC33CC">..
 +qualiter ab Anspert et Guandilpert prepositorum ipsius celle fuit directa
 +uel possessa, tam in ipso loco Classicelle uel ubi ipse Anspert casas habuit,
 +leuatas et terras; seu et aliam cellam in finibus Ueterbensium, in loco
 +qui dicitur </font><font color="#FF0000">Fagianus</font><font color="#CC33CC">,
 +cum omnibus suis pertinentiis in integrum, qualiter ab Anselm de Ueterbo
 +et Aimone genero eius fuit possessa ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGIOMUZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fagiomuzzi &egrave; un rarissimo cognome della Valtellina, potrebbe derivare
 +dal nome medioevale composto da <i><font color="#3366FF">Fagus</font></i>,
 +un cognomen latino e <i><font color="#3366FF">Mutius</font></i> un nomen
 +della <i><font color="#999999">Gens Mutia</font></i>, ma molto pi&ugrave;
 +probabilmente si tratta di un cognome composto dai cognomi Faggio e Muzzi
 +entrambi abbastanza diffusi in Lombardia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGNANI
 +<br>FAGNANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fagnani ha ceppi nel milanese, nel varesotto, nel veronese, nel bolognese
 +e nel lucchese, in Abruzzo e Molise e nel Lazio, Fagnano ha un ceppo a
 +Chieti, nel teatino e nel vicino pescarese, uno a Campobasso, ed uno nel
 +basso potentino, dovrebbero derivare dai molti toponimi Fagnano che si
 +trovano in provincia di Milano, Varese, Verona, Bologna, Lucca, l'Aquila,
 +Pescara e Cosenza, ma &egrave; pure possibile che derivino da propriet&agrave;
 +terriere della <i><font color="#3366FF">Gens Fannia</font></i>, i cui abitanti
 +potevano essere identificabili con il nome di <i><font color="#3366FF">Faniani</font></i>,
 +o che i capostiti siano stati dei liberti o comunque dei clientes di un
 +<i><font color="#3366FF">Fannius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAGO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fago &egrave; tipico di Taranto, dovrebbe derivare da uno dei vari toponimi
 +contenenti il termine Fago di cui si fa menzione ad esempio in questo scritto
 +medioevale: "<font color="#CC33CC">...XII kal. Octobris, obiit Morvannus,
 +vicecomes de </font><font color="#FF0000">Fago</font><font color="#CC33CC">,
 +anno Domini M&deg; CC&deg; XVIII&deg;....</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fago, attestato a Taranto, &egrave; la cognominizzazione del toponimo
 +Fago del Soldato (CS), che deriva dal latino '<i><font color="#3333FF">fagu(m)</font></i>'
 += <i><font color="#666666">faggio</font></i>. Minervini 193.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fai ha un ceppo sardo nell'iglesiente a Sant'Antioco e Giba ed uno pugliese
 +nel leccese a Veglie e Nard&ograve; e ad Avetrana nel tarantino, dovrebbero
 +entrambi derivare da voci dialettali per fave. (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche FA e FAIS</font>)
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>&nbsp;<i><font color="#3366FF">is fais</font></i><font color="#000000">
 +sono </font><i><font color="#999999">le fave</font></i> in sardo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAIDUTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originario della Venezia Giulia,
 +una possibile derivazione potrebbe essre un soprannome dialettale indicante
 +quelli del faggeto o dal nome di origine greca Phaidon.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faia, tipicamente siciliano, ha un ceppo a Catania ed uno a Palermo, dovrebbe
 +derivare da un soprannome grecanico con il significato di scintilla, lucente,
 +brillante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAIELLA
 +<br>FAIELLI
 +<br>FAIELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faiella ha un ceppo a Roma, uno nell'aquilano ad Introdacqua, Sulmona e
 +Bugnara, uno piccolo a Carpino nel foggiano ed uno in Campania nel salernitano,
 +a Nocera Inferiore, Cava de' Tirreni, Salerno, Nocera Superiore, Scafati,
 +Angri, San Marzano sul Sarno, Roccapiemonte, Roccadaspide, Battipaglia
 +ed Eboli, ed a Napoli e Capri, Faielli &egrave; praticamente unico ed &egrave;
 +del salernitano, Faiello ha un ceppo a Napoli e nel salernitano a Battipaglia
 +e Sicignano degli Alburni, ed un ceppo a Locri ed Ardore nel reggino e
 +ad Andali nel catanzarese, potrebbe essere di origini medioevali francesi
 +e derivare dal termine franco <i><font color="#3333FF">fajel</font></i>
 +(<i><font color="#666666">faggio</font></i>), o da un'alterazione del suo
 +equivalente occitano <i><font color="#3333FF">fajol</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAILLA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Failla &egrave; decisamente siciliano, dovrebbe derivare da soprannomi
 +legati al termine siciliano <i><font color="#3366FF">failla</font></i>
 +(<i><font color="#666666">favilla, scintilla</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAILLI
 +<br>FAILLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Failli &egrave; proprio della Toscana centro orientale, Faillo &egrave;
 +quasi unico, possono derivare o da un'aferesi del nome medioevale Raffaello
 +o da modificazioni del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Fabillus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">De Vita Adriani</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...Nam usus est magistro Graeeco litteratore </font><font color="#FF0000">Fabillo</font><font color="#CC33CC">,
 +cuius epigrammata Graeca multa et extant, maxime in imaginibus ipsius pueri....</font>",
 +o da modificazioni del nomen <i><font color="#3366FF">Flavilla</font><font color="#000000"></font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAINA
 +<br>FAINELLA
 +<br>FAINELLI
 +<br>FAINELLO
 +<br>FAINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faina ha un ceppo nel lucchese a Villa Basilica e Camaiore, uno nel perugino
 +a Perugia, Corciano e Deruta ed a Terni, uno a Fermo nel Piceno e ad Ortucchio
 +nell'aquilano ed uno a Roma, a Capodimonte nel viterbese ed a Latina, Fainella,
 +quasi unico, &egrave; del centro Italia, Fainelli ha un ceppo veneto nel
 +veronese, a Verona, San Pietro in Cariano e Bussolengo, ed uno laziale
 +nel reatino, ad Antrodoco e Rieti, ed a Roma, Fainello, abbastanza raro,
 +ha un piccolo ceppo nel veronese, a Verona ed a San Giovanni Lupatoto,
 +ed a Venezia,&nbsp; Faini dovrebbe essere di origine bresciana, ma esiste
 +forse un ceppo nel milanese e forse uno in Romagna e Marche, la derivazione
 +&egrave; di difficile interpretazione, una possibile, anche se improbabile
 +lo fa derivare, direttamente o tramite forme ipocoristiche, da un soprannome
 +legato al nome dell'animale <i><font color="#3333FF">faina</font></i>,
 +un'altra lo potrebbe far discendere da un'alterazione del nomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Fannius</font></i>, un'altra ancora lo ricondurrebbe
 +al vocabolo dialettale <i><font color="#3333FF">fai</font></i> (<i><font color="#666666">faggio</font></i>)
 +e indicherebbe i capostipiti, se cos&igrave; fosse, come quelli del faggeto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAINO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faino &egrave; tipicamente campano del salernitano, di Giffoni Valle Piana,
 +di Montecorvino Rovella e di Pontecagnano Faiano, potrebbe derivare dall'alterazione
 +dialetytale del nome del paese di Faiano nel salernitano (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche FAINA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAIOLA
 +<br>FAIOLI
 +<br>FAIOLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faiola &egrave; tipicamente laziale, del romano, latinense e frusinate,
 +di Fondi soprattutto, Sperlonga, Terracina, Sonnino e Latina nel latinense,
 +di Roma e Marino nel romano e di Frosinone e Pastena nel frusinate, Faioli,
 +assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppo nel campobassano ed uno ancora
 +pi&ugrave; piccolo nel cremonese, Faiolo &egrave; praticamente unico, questi
 +cognomi in alcuni casi potrebbero derivare dal toponimo ternano di Faiolo,
 +o da altri toponimi o nomi di localit&agrave;, come la foresta della Faiola
 +nel romano ad un miglio di distanza da Marino, l'origine comune &egrave;
 +comunque il termine dialettale <i><font color="#3366FF">faiola</font></i>
 +per <i><font color="#3366FF">faggiola</font></i> o <i><font color="#999999">di
 +faggi</font></i>, tracce antiche di queste cognominizzazioni le troviamo
 +in un atto datato 1343 dove tra gli altri si menziona un Guillelmo Arnaldi
 +de Faiola notario provenzale, un Arnaldo de Faiola ed un Ademario de Faiola
 +domicelli, alla fine del 1600 a Livorno troviamo un certo Anselmus Faiolus,
 +mercante francese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fais &egrave; distribuito in modo omogeneo in tutta la Sardegna, ma la
 +massima diffusione &egrave; su tutta la costa occidentale, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">fai</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fava</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAITA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro sembra avere un nucleo nel bresciano, uno nel massese, uno nella
 +penisola salentina ed uno nel cosentino, potrebbe derivare da toponimi
 +legati come Faeto (FG), Faedo (TN) o comunque da nomi di localit&agrave;
 +legati al vocabolo dialettale faedo, faito riferito ad un faggeto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALA'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fal&agrave; ha un ceppo nel teramano, a Roseto degli Abruzzi, Giulianova
 +e Teramo, con un piccolo ceppo anche in Sicilia a Misterbianco nel catanese,
 +dovrebbe trattarsi di un soprannome basato su di una forma aferetica del
 +termine grecanico <i><font color="#3333FF">cefal&agrave;s</font></i> (<i><font color="#666666">testa
 +grossa, testone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALACE
 +<br>FALLACE
 +<br>FALLACI
 +<br>FARACE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falace &egrave; specifico del casertano, di Sant`Arpino e di Castellammare
 +di Stabia nel napoletano, Fallace &egrave; tipicamente campano di Napoli
 +e di Fragneto Monforte nel beneventano, Fallaci invece &egrave; tipicamente
 +toscano di Firenze, Farace ha un ceppo campano ad Anacapri, Napoli ed Ercolano
 +nel napoletano ed a Salerno, ed un ceppo cosentino a Santa Maria del cedro,
 +Verbicaro ed Orsomarso, dovrebbero derivare dal soprannome poi divenuto
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fallax</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Fallacis</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in "<font color="#CC33CC">...Tetbaldus, dictus </font><font color="#FF0000">Fallax</font><font color="#CC33CC">
 +vel Tricator, comes Carnotensis...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Fabio Paolucci
 +anticipazione dal suo <i>Dizionario Ragionato dei Cognomi del Sannio</i>
 +in corso di pubblicazione</font></font>
 +<br>Falace - Fallace - Fallaci - Farace
 +<br>Falace &egrave; un cognome tipicamente campano, diffuso prevalentemente
 +nel Casertano, nei comuni di Sant'Arpino, Orta di Atella e Gricignano di
 +Aversa, nel Napoletano a Castellammare di Stabia e nello stesso capoluogo
 +partenopeo, con propaggini anche nel Salernitano.
 +<br>Fallace, variante di Falace, &egrave; presente a Napoli e nel Beneventano,
 +dove &egrave; registrato con maggiore intensit&agrave; nel comune di Fragneto
 +Monforte.
 +<br>Diversa sembrerebbe l'origine per la forma pluralizzata Fallaci, con
 +ogni probabilit&agrave; da ricondurre allo stesso etimo di Falace e Fallace,
 +ma attestato soltanto in Toscana, a Firenze, dove con ogni probabilit&agrave;
 +si &egrave; originato, e nell'Aretino, nonch&egrave; in Emilia Romagna
 +a Bologna e nel comune di Casalecchio di Reno.
 +<br>Dal punto di vista etimologico, &egrave; possibile congetturare diverse
 +ipotesi di derivazione per i cognomi Falace, Fallace e Fallaci. In prima
 +analisi, si potrebbe considerare il verbo latino <i><font color="#3366FF">fallere</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ingannare</font></i>), e quindi i derivati <i><font color="#3366FF">falli</font></i>
 +(<i><font color="#999999">essere ingannato, ingannarsi</font></i>), <i><font color="#3366FF">fallax,
 +acis</font></i> (<i><font color="#999999">fallace, ingannatore, fraudolento,
 +ipocrita, ingannevole</font></i>) e <i><font color="#3366FF">fallacia,
 +ae</font></i> (<i><font color="#999999">inganno, frode, intrigo, trappola</font></i>).
 +Una seconda interpretazione muoverebbe a considerare una possibile connessione
 +con il termine greco <i><font color="#3366FF">fallos</font></i>, con significato
 +di "<i><font color="#999999">membro virile</font></i>", come base di derivazione
 +per un personale di origine greca creato con funzione di propiziare virilit&agrave;
 +e fecondit&agrave;, in virt&ugrave; degli antichi culti fallici rimasti
 +per secoli riti di carattere apotropaico ancora praticati presso comunit&agrave;
 +rurali fino all'alto medioevo e, nelle campagne del Meridione d'Italia,
 +fino a tempi recentissimi.
 +<br>Meno probabile &egrave; invece la derivazione dal termine latino <i><font color="#3366FF">fala</font></i>
 +(o <i><font color="#3366FF">phala, ae</font></i>), che poteva indicare
 +sia una <i><font color="#999999">torre di legno</font></i> adoperata negli
 +antichi assedi, sia <i><font color="#999999">una delle sette colonne</font></i>
 +che, piantate sulla "spina" del circo, servivano a contare il numero dei
 +giri dei corridori.
 +<br>Ancora, da tenere in considerazione &egrave; una possibile connessione
 +con il vocabolo germanico <i><font color="#3366FF">Fara</font></i>: celebre
 +resta la definizione "<i><font color="#3366FF">Farae, hoc est generationes</font></i>"
 +adoperata da Paolo Diacono nella sua Historia Langobardorum per indicare
 +nel diritto longobardo <i><font color="#999999">i gruppi gentilizi o parentali-familiari
 +in cui era suddiviso il suo popolo</font></i>, costituiti dalle famiglie
 +e dagli individui discendenti da un capostipite comune o aggregati in base
 +a vincoli convenzionali, diretti a creare rapporti analoghi a quelli agnatizi.
 +Le Farae longobarde erano veri e propri organismi politico-militari, e
 +col tempo il nome &egrave; assunto ad indicare anche il territorio abitato
 +dal gruppo, dando origine a numerosi toponimi quali ad esempio Fara d'Adda,
 +Fara in Sabina, Fara Filiorum Petri, etc., derivati appunto dallo stanziamento
 +di antiche genti longobarde in detti luoghi. Ragionando in tal senso, &egrave;
 +possibile congetturare una derivazione delle forme cognominali prese in
 +esame dal termine <i><font color="#3366FF">Fara</font></i>, trasformatosi
 +in <i><font color="#3366FF">Farace</font></i>, e quindi per corruzione
 +anche in <i><font color="#3366FF">Falace, Fallace e Fallaci</font></i>.
 +<br>Un orientamento pi&ugrave; sicuro indurrebbe invece a considerare i
 +cognomi Falace, Fallace e Fallaci come originati dalla forma cognominale
 +<i><font color="#3366FF">Farace</font></i>, diffusa in Italia in molteplici
 +nuclei localizzabili nel Lazio a Roma, in Calabria nel Cosentino (nei comuni
 +di Santa Maria del Cedro, Verbicaro, Orsomarso e Scalea), in Campania tra
 +Napoletano e Salernitano (Anacapri, Salerno, Napoli, Ercolano, Capri e
 +Portici, in ordine di diffusione) e in Sicilia dove risulta presente a
 +macchia di leopardo, nonch&eacute; nelle aree centrale e settentrionale
 +della Penisola per effetto dei flussi migratori provenuti dal Mezzogiorno
 +soprattutto a partire dagli anni Cinquanta del XX secolo.
 +<br>Il cognome Farace, dal punto di vista etimologico, sembrerebbe il risultato
 +di un fenomeno di cognominizzazione in senso patronimico di un personale
 +di origine italica, greca o, pi&ugrave; probabilmente greco-araba.
 +<br>Tale ipotesi sembra essere corroborata dall'attestazione in antichit&agrave;,
 +nelle aree dell'Italia Meridionale, di personali quali il greco <i><font color="#3366FF">Phalaecus</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">Faleco</font></i>), che fu anche nome del famoso
 +poeta greco che diede vita all'<i><font color="#3366FF">endecasillabo falecio</font></i>,
 +l'italico <i><font color="#3366FF">Falacer, cris</font></i> (<i><font color="#3366FF">Falacre</font></i>),
 +nome di un mitico eroe italico, uno dei 15 flamini (secondo Varrone, "<i><font color="#3366FF">flamen
 +Falacer a divo patre Falacre</font></i>") e l'arabo e greco <i><font color="#3366FF">Faras</font></i>,
 +tradotto appunto come <i><font color="#3366FF">Farace</font></i>. Proprio
 +il personale <i><font color="#3366FF">Faras</font></i> sembrerebbe all'origine
 +del cognome Farace: Faras &egrave; tuttora un nome di persona arabo di
 +origine greco ellenistica, ed il termine <i><font color="#3366FF">faras</font></i>
 +in lingua araba assume il significato di "<i><font color="#999999">cavallo</font></i>".&nbsp;
 +Ancora, <i><font color="#3366FF">Faras</font></i> era anche il nome dell'antica
 +capitale della "<i><font color="#3366FF">Nobatia</font></i>", ovvero della
 +<i><font color="#999999">Nubia</font></i>, regione attualmente comprendente
 +l'Egitto Meridionale ("Bassa Nubia") lungo le rive del Nilo, e la parte
 +Settentrionale del Sudan ("Alta Nubia").
 +<br>In Conclusione, il cognome Farace, e le varianti sopraccitate Falace,
 +Fallace e Fallaci sembrerebbero riconducibili al personale Farace, nome
 +di origine greca, diffuso nel mondo arabo in epoca ellenistica e importato
 +nel Sud Italia fin dalle prime incursioni arabe (625 d.C) e radicatosi
 +nell'onomastica meridionale a partire dalle conquiste islamiche della Sicilia
 +(conquistata dalle campagne arabe iniziate nell'827 e conclusesi nell'878
 +con la presa di Siracusa e la successiva costituzione di un Emirato islamico
 +indipendente sotto la guida dei Klabiti, la cui dominazione resistette
 +fino al 1060). Proprio dalla Sicilia, il nome <i><font color="#3366FF">Faras
 +- Farace</font></i> si sarebbe irradiato nel resto dell'Italia meridionale,
 +e soprattutto nelle aree costiere tirreniche, assumendo anche forme onomastiche
 +nuove derivate: a corroborare tale tesi di origine e irradiazioe delle
 +forme cognominali Farace, Falace e Fallace dalla Sicilia araba sembrerebbe
 +l'attuale diffusione dei citati cognomi, localizzabili proprio nei territori
 +maggiormente colpiti dalle continue incursioni islamiche e soprattutto
 +influenzate culturalmente dal mondo arabo (Costiera Amalfitana, Sorrentina
 +e zone circostanti).&nbsp; In ultima analisi, soltanto il cognome Fallaci
 +sembra avere una origine diversa in Toscana, ma non si pu&ograve; escludere
 +a priori una connessione con i ceppi Farace, Falace e Fallace dell'Italia
 +Meridionale: ulteriori mirate ricerche archivistiche da effettuare in territorio
 +tosco-emiliano potrebbero sciogliere ogni dubbio e fare chiarezza circa
 +l'effettiva origine dei nuclei Fallaci.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALAGUERRA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falaguerra, molto molto raro, ha un ceppo nell'alessandrino ed uno nel
 +potentino, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Falaguerra</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel 1500 a Celleno nel viterbese nell'atto con
 +il quale si sancisce l'avvenuta pace con Civitella d'Agliano: "<font color="#CC66CC">...Il
 +documento in mezzo alla piazza vicino al detto paese e presso la casa di
 +Bozachi,davanti al signore magnifico Ferdinando,al suddetto Commissario
 +come sopra, con i venerabili frati presenti e il religioso maestro Luca,frate
 +predicatore, e il presbitero Salvato Antoni Grossi di Sipicciano,e il presbitero
 +Bartolomeo di Tuscanella, e frate Andrea di Bagnoreggio, Domenico Macari
 +di Montefiascone e </font><font color="#FF0000">Falaguerra</font><font color="#CC66CC">
 +di Civitella, testimoni dell'accordo,chiamati disposti e richiesti. E io
 +Florio Dominici di Fabrica pubblico notaio per autorit&agrave; imperiale
 +e giudice ordinario,e per ora Autorit&agrave; e Castellano di Celleno,fui
 +chiamato e richesto da tutti,mentre si decidevano e accadevano queste cose,
 +e ora sono stato richiesto di scrivere queste cose con ser Giovanni Francisci,Giovanni
 +Bruni notaio di Tuderto; ho scritto e ho pubblicato,ponendo a garanzia
 +di tutti il mio sigillo con sotto il mio nome comune...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALAMISCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falamischia, assolutamente rarissimo, &egrave; tipico dell'Italia settentrionale,
 +l'origine etimologica &egrave; oscura, anche se possiamo pensare che possa
 +derivare da un soprannome medioevale riferito ad un capostipite particolarmente
 +combattivo. Troviamo tracce di questa cognominizzazione tra gli uomini
 +d'arme del condottiero italiano del 1400 Federico da Montefeltro, Duca
 +di Urbino, nelle cui schiere milita il suo conestabile (capo delle scuderie)
 +Falamischia da Bagno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALANGA
 +<br>SFALANGA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falanga ha un ceppo a Roma ed uno a Gaeta nel latinense, uno, molto consistente,
 +a Torredel Greco , Napoli, Boscoreale, Pozzuoli, Boscotrecase, Pompei,
 +Ercolano, Torre Annunziata e Casalnuovo di Napoli nel napoletano e di Scafati
 +nel salernitano, ha un ceppo a Genzano di Lucania nel potentino, ed in
 +Sicilia ha ceppi a Palermo, a Patern&ograve; e Catania nel catanese e nel
 +messinese a Messina, Taormina e Lipari, Sfalanga, molto pi&ugrave; raro,
 +ha un ceppo in Sicilia, a Gela nel nisseno, dovrebbe essere semplicemente
 +il primo cognome con l'aggiunta di una <i><font color="#3333FF">s-</font></i>
 +iniziale epentetica, cognome che dovrebbe derivare da un soprannome basato
 +sul termine latino <i><font color="#3333FF">phalanga</font></i> (<i><font color="#666666">rullo
 +di legno</font></i> usato per facilitare il trasporto di imbarcazioni o
 +di oggetti molto pesanti, soprannome probabilmente legato al mestiere dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALAPPI
 +<br>FELAPPI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falappi &egrave; tipico di Brescia e dintorni, Felappi &egrave; anch'esso
 +del bresciano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazione fornita da Flavio
 +Falappi</font></font>
 +<br>per il ramo originario del bresciano, i primi Falappi pare fossero residenti
 +nella valle Trompia in provincia di Brescia.&nbsp; In particolare a Pezzoro
 +e Pezzase dove in passato c'erano delle miniere, forse erano anche galeotti
 +perch&egrave; nelle miniere venivano mandati i prigionieri ai lavori forzati.&nbsp;
 +Un'altra informazione sui Falappi, pare che all'anagrafe in passato, attorno
 +all'inizio ottocento sia stato fatto un errore di scrittura o di registrazione,
 +in origine forse i Falappi erano Felappi. Nel paese di Fraine c'&egrave;
 +un'alta concentrazione di Felappi. Per il ramo della famiglia di Marcheno,
 +il bisnonno era Falappi Bortolo, che ha generato Falappi Luigi, Che ha
 +generato Falappi Emilio ( vivente che ha generato Falappi Flavio (il
 +<br>sottoscritto) che ha generato Falappi Giovanni e Falappi Francesca.
 +Da Marcheno la famiglia si &egrave; spostata a Mocasina e poi a Desenzano
 +del Garda nelle sue varie generazioni. Altri Falappi ci sono in provincia
 +di Brescia, a Travagliato, a Bagnolo e a Capriano del Colle.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALASCA
 +<br>FALASCHI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falasca &egrave; specifico del Lazio, Abruzzo e Molise, Falaschi &egrave;
 +tipico della fascia che comprende Toscana, Romagna Marche fino al maceratese,
 +Umbria ed alto Lazio, potrebbero derivare da una modificazione dell'etnico
 +falisci (popolazione originaria del centro italia) o anche derivare da
 +un soprannome originato dal vocabolo falasca (sorta di paglia utilizzazta
 +per produrre sedie , fiaschi e damigiane, o da nomi di localit&agrave;.
 +Traccia di questa cognominizzazione la troviamo a Roma nel 1600 con il frate
 +domenicano Basilius Falasca.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Falasca &egrave; cognome anche lucano. Secondo G. Rohlfs viene dal
 +calabrese '<i><font color="#3333FF">falasca</font></i>' =&nbsp; '<i><font color="#666666">sorta
 +di graminacea</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALBO
 +<br>FALVO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falbo &egrave; tipicamente calabrese, di Sersale, Catanzaro, Cropani, Lamezia
 +Terme e Sellia Marina nel catanzarese, di Cosenza, Luzzi, Cassano allo
 +Ionio, Rende, Villapiana, Rossano, San Marco Argentano e Zumpano nel cosentino,
 +e di Crotone, Caccuri e Cutro nel crotonese, Falvo ha un ceppo a Napoli,
 +ma il nucleo principale &egrave; in Calabria, soprattutto a Lamezia Terme
 +nel catanzarese, dove &egrave; molto presente anche a Gizzeria, Catanzaro,
 +Feroleto Antico, Serrastretta e Soveria Mannelli, questi cognomi dovrebbero
 +derivare da soprannomi basati sul termine latino <i><font color="#3333FF">falbus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">giallo</font></i>), forse ad indicare l'appartenenza
 +dei capostipiti a comunit&agrave; ebraiche, non si pu&ograve; comunque
 +del tutto escludere l'ipotesi di una derivazione dal nome punico <i><font color="#3333FF">Fuabal</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Falbo &egrave; cognome calabrese che viene dall'antico aggettivo '<i><font color="#3333FF">falbo</font></i>'
 += <i><font color="#666666">giallo scuro</font></i>, originato dal germanico
 +'<i><font color="#3333FF">falp</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originario del salernitano, deriva
 +dall'antico nome greco Phalces o dal cognomen latino Falx.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCHE
 +<br>FARCI
 +<br>FRACI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falche, quasi unico, &egrave; del sassarese, Farci &egrave; tipico del
 +sud della Sardegna, dovrebbe derivare da un soprannome originato dalla
 +voce verbale sarda <i><font color="#3333FF">farci</font></i> connessa con
 +la pesca con la lampara, Fraci, quasi unico, sembrerebbe specifico della
 +Sardegna sudoccidentale.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FARCI; FRACI: <i><font color="#3333FF">sa farke, sa farci, sa fracci</font></i>,
 +&egrave; <i><font color="#666666">la falce</font></i>. Dal latino <i><font color="#3333FF">falx</font></i>.&nbsp;
 +Sa fraci furistera &egrave; la falce da fieno, a manico lungo: detta furistera
 += forestiera, perch&egrave; introdotta di "recente" (all'inizio del XIX&deg;
 +secolo) in Sardegna. Nelle carte antiche, come cognome &egrave; presente
 +in diverse uscite. Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388,
 +troviamo: Falce Midralle, ville Macumerii. *** MACUMERII et Curatorie de
 +Marghine de Gociano.Macomer etc.&nbsp; In posse Chelis Simonis, notarii
 +publici...die XII Januarii 1388 ; Falche Angelo, jurato ville de Lecon.
 +* Lecon.distrutto. Contrate Montis Acuti (Salto di Patt&agrave;da); Falche
 +Bidocio, ville Birore. * BIRORE.odierno Birore. Curatorie de Marghine&nbsp;
 +de Gociano; Falche Furadu, ville Zaramonte * Zaramonte... odierno Chiaramonte.
 +Contrate de Anglona - Chiaramente; Falche Furato - ville de Lecon; Falche
 +Gavino, jurato ville de Lecon; Falche Guantino - ville de Gucizle * Gucizle.distrutto
 +- Diocesi di Galtell&igrave; (Contrate Montis Acuti); Falche Joanne - ville
 +de Nule * Nule .Nuli (Contrate Montis Acuti - Ozieri); Falche Joanne, jurato
 +ville Fonte * Fonte.distrutto .della Diocesi di Dolia. Barbagie Ollolai
 +et Curatorie Austis; Falche Joanne, jurato ville Orteddi * Orteddi.Oroteddi.odierna
 +Orotelli. Curatorie Dore; Falche Joanne, major ville de Lecon (salto di
 +Pattada); Falche Parisono, ville Sorradili * Sorradili.odierno Sorradile.
 +Contrate Partis Varicati - Barigadu; Falche Petro, ville Lequeses * Lequeses...Lachesos...villaggio
 +distrutto della Diocesi di Sorres( Meylogu). Contrate Ardar et Meylogu;
 +Falche Petro, ville Zaramonte; Falci Joanne, jurato ville de Sardara **
 +SARDARA MONTIS REGALIS...11 GENNAIO 1388, et ego...Gadulesu Margiano habitator
 +velle Sardara, sindicus actor et procurator universitatis Contrate Montis
 +Regalis et villarum et etc. In posse Virde Andrea, Virde Joanne, de Civitate
 +Sasseri, notarii publici, die XI Januarii 1388; Falci Petrucio, Ville Ecclesiarum
 +** Villa Ecclesiarum.odierno Iglesias. Et ego De Nelli Pelipaparius Ludovicus,
 +civis et habitator terre et Ville Ecclesiarum.sindicus, procurator universitatis
 +Ville Ecclesiarum.seu a Formenyino Joanne, capitano, camerlengo Ville Ecclesiarum
 +di Sigerro. Omnibus habitatoribus dicte terre Ville Ecclesiarum, congregatis
 +in Curia Magna.in posse Virde Andree, quondam Virde Joannis de Civitate
 +Sasseri.nona die januarii 1388. Nel Condaghe di San Nicola di Trullas,
 +CSNT, XI&deg;, XIII&deg; secolo, figurano: Falce (o Falke) Dorgotori (174
 +- 180); nel 174 vende servi in Mularia (attuale Mulargia): comporaili a
 +Dorgotori Falke die(una giornata di servizio - la settimana) de Goantine
 +d'Arjolas et mesa die de su fillu ( mezza giornata di servizio del figlio)
 +etc. Testes Petru de Monte et Petru de Nurki et Petru d'Iscanu; figura
 +poi come teste in una transazione, al 180&deg; capitolo: positinke Helene
 +de Gitil muiere de Petru de Nurki minore, die (un giorno di servizio la
 +settimana) de Furata Littera .Testes: Petru de Nurki mannu, et Dorgotori
 +Falce (Falke). Attualmente il cognome Farci &egrave; presente in 162 Comuni
 +italiani, di cui 72 in Sardegna: Cagliari 384, Quartu 238, Mara 136, Assemini
 +99, Sinnai 79, Muravera 70, etc. Il cognome Fraci &egrave; presente in
 +soli 3 Comuni sardi: Gonnesa 3, Fluminimaggiore 2, Piscinas 2. Solo ad
 +Alghero &egrave; presente il cognome Falche (10): unico posto in cui ha
 +mantenuto l'antica uscita.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCHERO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falchero &egrave; specifico del torinese, di Torino, Settimo Torinese,
 +Vi&ugrave; e Venaria Reale, potrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +riferito al mestiere di chi falcia il fieno, ma il <i><font color="#3333FF">falch&egrave;r</font></i>
 +indica anche quelle funi o <i><font color="#666666">catene che aggiogano
 +i buoi</font></i> tenendoli fermi e ben connessi al giogo, ma non si pu&ograve;
 +escludere che possa derivare anche da un soprannome dialettale
 +legato all'attivit&agrave; di falconiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCHETTI
 +<br>FALCHETTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falchetti sembra essere del perugino, con un possibile ceppo in provincia
 +di Roma, Falchetto estremamente raro sembrerebbe avere due ceppi, nel veronese
 +e nel trevigiano, possono derivare da un diminutivo del nome longobardo
 +Falk latinizzato in Falcus, ma &egrave; pure possibile che discendano da
 +un soprannome legato in qualche modo al falco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCHI
 +<br>FALCO
 +<br>FALCON
 +<br>FALCONCINI
 +<br>FALCONE
 +<br>FALCONETTI
 +<br>FALCONI
 +<br>FALCONIERI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falchi &egrave; sardo, ma con ceppi anche in Toscana, Umbria e Lazio, Falco
 +&egrave; presente in tutt'Italia, tranne che Sardegna e fascia centrale,
 +Falcon &egrave; tipico della zona di Portogruaro (VE), Falconcini, assolutamente
 +rarissimo, &egrave; tipico del pisano, di Palaia e Pontedera in particolare,
 +Falcone &egrave; di tutto il centro sud, Falconetti potrebbe essere laziale
 +e barese, Falconi &egrave; del centro nord e Sardegna, Falconieri &egrave;
 +della penisola salentina, questi cognomi hanno molteplici derivazioni,
 +possono derivare, direttamente o tramite ipocoristici o accrescitivi, dall'antico nome
 +greco <i><font color="#3366FF">Phalces</font></i> o dal tardo latino <i><font color="#3366FF">Falco</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">Falconius</font></i>, al <i><font color="#3366FF">Falcard</font></i>
 +dei Franchi, al <i><font color="#3366FF">Falk</font></i> germanico, al
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Falco</font></i> e <i><font color="#3366FF">Falcone</font></i>,
 +cos&igrave; come alcuni invece derivano da toponimi quali: Falconara Albanese
 +(CS), Falconara (AN) e Falcone (ME), altri infine possono discendere dall'attivit&agrave;
 +di falconiere, cio&egrave; di chi addestra i falchi alla caccia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCIATORE
 +<br>FALCIATORI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falciatore, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del centrosud, Falciatori
 +ha un piccolo ceppo a Terni ed uno a Roma, potrebbero derivar</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCINELLI
 +<br>FALCINI
 +<br>FALCINO
 +<br>FALCIONE
 +<br>FALCIONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falcinelli &egrave; specifico della fascia centrale che comprende forlivese
 +e riminese, pesarese ed anconetano, Toscana orientale, Umbria e Lazio centrosettentrionale,
 +con massima concentrazione nel perugino ad Assisi, Bastia e Spoleto, Falcini
 +ha un ceppo a Forl&igrave;, uno a Firenze e nel fiorentino, a Campi Bisenzio
 +e Pontassieve, ed a Prato, ed uno nel perugino a Citt&agrave; di Castello
 +ed Umbertide, Falcino &egrave; praticamente unico, Falcione sembra avere
 +un ceppo romano ed uno molisano, Falcioni &egrave; tipico marchigiano,
 +con un ceppo nell'agro romano ed uno nel verbanese, dovrebbero derivare,
 +direttamente o attraverso forme ipocoristiche, dal termine ed anche nome
 +proprio <i><font color="#3333FF">Falcio, Falcionis</font></i>, che aveva
 +in epoca medioevale, nel centro Italia, il significato di <i><font color="#666666">esattore</font></i>: "<font color="#CC33CC">...hoc
 +quod nullam quantitatem pecunie dictus </font><font color="#FF0000">Falcione</font><font color="#CC33CC">
 +...</font>". Traccia di questa cognominizzazione si trova nella seconda met&agrave;
 +del 1300 nello spezzino con il notaio Nicolao de Falcio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCIOLA
 +<br>FALCIOLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falciola ha un piccolo ceppo ad Imperia, uno nel verbanese a Stresa, Belgirate
 +e Verbania e ad Armeno nel novarese, ed uno, il pi&ugrave; consistente,
 +a Milano, Falcioli &egrave; quasi unico e dovrebbe essere il frutto di
 +un'errata trascrizione del precedente, il luogo originario sembrerebbe
 +essere stato il paese di Belgirate nel verbanese, dovrebbe derivare da
 +un soprannome originato dal termine <i><font color="#3333FF">falciola</font></i>
 +(<i><font color="#666666">falcetto</font></i>, <i><font color="#666666">piccola
 +falce</font></i>) da usare ricurvi per tagliare l'erba, indicando probabilmente
 +che il mestiere dei capostipiti fosse quello dei contadini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCOMATA'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico del reggino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Originario del reggino, questo cognome deriva dal termine greco <i><font color="#3366FF">chalkomatas</font></i>,
 +che indicava un tempo il mestiere del <i><font color="#999999">calderaio</font></i>.
 +Si tratta, dunque, della cognominizzazione di un nome di mestiere attribuito
 +al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALCOMER
 +<br>FALCONER</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falcomer &egrave; tipico della zona di Portogruaro (VE) e dell'area friulana
 +limitrofa, Falconer, assolutamente rarissimo, &egrave; probabilmente dovuto
 +ad un errore di trascrizione del precedente, dovrebbe derivare dall'attivit&agrave;
 +di falconiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALDA
 +<br>FALDI
 +<br>FALDINI
 +<br>FALDINO
 +<br>FALDO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falda ha un piccolo ceppo piemontese, nel verbanese a Cesara e Villadossola,
 +ed uno ancora pi&ugrave; piccolo nel Veneto ad Albettone nel vicentino
 +e Cologna Veneta nel veronese, Faldi &egrave; specifico di Firenze e Prato,
 +Faldini ha piccolissime presenze nel bolognese e nel palermitano, con sparsi
 +riscontri unici in giro per l'Italia centrosettentrionale, Faldino e Faldo
 +sono quasi unici, dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite ipocoristici,
 +dal nome germanico <i><font color="#3333FF">Faldus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Falda</font></i>,
 +esistente sia come nome a se stante, sia come forma aferetica di nomi come
 +<i><font color="#3333FF">Mafalda</font></i>, <i><font color="#3333FF">Barufaldus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Strufaldus</font></i> o simili, dell'uso di questo
 +nome abbiamo un esempio in una registrazione della seconda met&agrave;
 +del 1200 a Montaperti nel senese: "<font color="#CC33CC">..Die iovis presentavit
 +salmam j panis. Die lune infrascripta presentavit salmam j panis et anone.
 +Die lune xxx agusti presentavit salmam j panis. </font><font color="#FF0000">Faldus
 +Mellioris</font><font color="#CC33CC">. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALENA
 +<br>FALLENA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falena, estremamente raro, parrebbe del centro Italia, cos&igrave; come
 +il quasi unico Fallena, potrebbero derivare dal termine <i><font color="#3333FF">phalena</font></i>
 +(<i><font color="#666666">farfalla notturna</font></i>), nome che traduceva
 +in latino anche&nbsp; il termine greco Silfide, spirito femminile dei boschi
 +e dell'aria e che, con quel significato, veniva usato come nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALERI
 +<br>FALERIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faleri ha un nucleo senese ed uno romano, Falerio &egrave; quasi unico,
 +dovrebbero derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Faleria</font></i>,
 +o direttamente o attraverso il toponimo Faleria (VT), a sua volta derivata
 +dalla popolazione dei <i><font color="#3366FF">Falisci</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Arqui
 +si Phaliscam illam &agrave; Solino memoratam &amp; Haleso Duce a Phaliscis
 +conditam Phaliscorum gentis caput constituamus, oportet ei quoque </font><font color="#FF0000">Falerium</font><font color="#CC33CC">
 +vel </font><font color="#FF0000">Falerios</font><font color="#CC33CC">
 +nomen fuisse; Livius enim aliique rerum Romanarum scriptores, qui maximi
 +Camilli res gestas &amp; domitorum ab eo Phaliscorum historiam literis
 +consignarunt, unam principem ejus populi urbem </font><font color="#FF0000">Falerios</font><font color="#CC33CC">
 +sive </font><font color="#FF0000">Falerium</font><font color="#CC33CC">
 +nominant..:</font>", tracce di queste cognominizzazioni le troviamo fin
 +dal 1100 con il Vescovo di Venezia: "<font color="#CC33CC">...fr. </font><font color="#FF0000">Bonifacius
 +Falerius</font><font color="#CC33CC">, qui anno 1120 Venetiarum Episcopus
 +electus fui...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALETTI
 +<br>FALETTO
 +<br>FALINI
 +<br>FALINO
 +<br>FALLETTI
 +<br>FALLETTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faletti &egrave; tipicamente settentrionale, dell'area lombardo piemontese,
 +di Torino, Asti e Novara e di Cazzago San Martino nel bresciano, dove &egrave;
 +ben presente anche a Capriolo ed a Brescia e ad Urgnano nel bergamasco,
 +Faletto &egrave; decisamente del torinese, di Torino, Busano, Rivarolo
 +Canavese e Castellamonte, con un piccolo ceppo anche nel napoletano, Falini
 +&egrave; tipico della Toscana meridionale. di Cortona nell'aretino e di
 +Grosseto e del perugino, a Marsciano, Perugia, Todi e Castiglione del Lago,
 +con un ceppo anche tra teramano e pescarese, Falino, estremamente raro,
 +&egrave; dell'Italia centromeridionale, Falletti &egrave; tipicamente piemontese,
 +di Pertusio, Torino e Collegno nel torinese, di Soglio nell'astigiano e
 +di Monticello d'Alba nel cuneese, Falletto, meno diffuso, anch'esso piemontese,
 +&egrave; di Torino e di Priocca nel cuneese, questi cognomi dovrebbero
 +derivare da forme aferetiche di ipocoristici, anche alterati dal dialetto,
 +del nome <i><font color="#3333FF">Cristofalo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi CRISTOFALETTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALLACARA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Di origine della provincia di Bari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALLAI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fallai, molto raro, &egrave; tipico di Firenze, potrebbe derivare dal nome del passo Fallaio in Liguria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALLARA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fallara &egrave; un tipico cognome calabrese del reggino, di Montebello
 +Ionico in particolare e di Gioia Tauro e Melito di Porto Salvo, potrebbe
 +derivare da un antico nome di localit&agrave;, come ad esempio Fallari
 +nel vibonese, non si pu&ograve; comunque escludere una derivazione da un
 +soprannome originato dal termine italiano arcaico <i><font color="#3333FF">fallare</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sbagliare</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALOIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faloia, molto molto raro, parrebbe tipico del perugino di Marsciano e di Perugia,
 +potrebbe derivare dalla <i><font color="#3366FF">Gens Faluia</font></i>
 +cos&igrave; come dal nome femminile romano antico <i><font color="#3366FF">Faluia</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome la moglie di Antonio: "<font color="#CC33CC">...Eiusdem
 +Antonii uxor </font><font color="#FF0000">Fuluia</font><font color="#CC33CC">
 +caput ipsum maledictis ac diris execrata est, demum inspuens gremio suo
 +apposuit, acriusque inspiciens linguam illi e faucibus evellit, eamque
 +frequenter confodit acicula, qua tunc ad ornamenta capitis utebatur..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALONE
 +<br>FALONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falone &egrave; tipicamente abruzzese del pescarese, di Pescara, Montesilvano,
 +Penne, Rosciano e Loreto Aprutino, e del teramano, di Teramo e di Roseto
 +degli Abruzzi, Faloni ha qualche rara presenza in Abruzzo ed un ceppo a
 +Roma, dovrebbero derivare dal nome gotico <i><font color="#3333FF">Falone</font></i>,
 +di cui possiamo leggere in un testo medioevale: "<font color="#CC33CC">..Post
 +aliquot annos, princeps ille Erik, ad aetatem adultiorem iam provecto,
 +cum </font><font color="#FF0000">Falone</font><font color="#CC33CC"> et
 +militibus de cunctis fere provinciis borealibus revertens regem Suercherum
 +in proelio in paroechia Lena vicit anno 1208. Hic Fale Bure iunior postea
 +arcem in Byrestad construxisse dicitur...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALORNI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falorni &egrave; tipicamente toscano dell'area coperta dalle province di
 +Firenze, Siena, Pisa e Livorno, potrebbe derivare dal toponimo Falorni
 +di Santa Maria a Monte nel pisano, troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +a Firenze almeno dal 1700 con un certo Giovanni Vincenzo Falorni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALSETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Un nucleo in provincia di Cosenza
 +ed uno nell'area delle provincie di Firenze, Arezzo e Siena, potrebbe derivare
 +dal nome greco Phileas</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALSONE
 +<br>FALSONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falsone, molto raro &egrave; tipico dell'agrigentino, Falsoni &egrave;
 +assolutamente rarissimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALZETTI
 +<br>FALZETTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falzetti ha un ceppo marchigiano a Matelica ed Esanatoglia nel maceratese
 +ed a Fabriano nell'anconetano, ed un ceppo a Roma, Falzetto, praticamente
 +unico, sembrerebbe romano ed &egrave; probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione del precedente, che dovrebbe derivare da una forma etnica
 +riferita alla regione tedesca dello <i><font color="#3333FF">Pfalz</font></i>
 +nella zona sudorientale della Germania, area che potrebbe essere quella
 +di provenienza dei capostipiti, forse dei pronipoti di legionari germanici.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALZON
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><img src="/immagini/stem00falzone.gif" NOSAVE BORDER=0 height=52 width=45 align=LEFT><font size=-1>Falzon &egrave; assolutamente rarissimo, questa nobile famiglia maltese
 +annovera tra i suoi membri oltre a prelati e nobili, anche un santo, il
 +Beato Nazju Falzon (1813-1865).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Serge Falzon
 +Montpellier France</font></font>
 +<br>Falzon &egrave; derivato dal cognome Falsone , Antonio Falsone giunse
 +a Malta nel 1399 e il cognome si modific&ograve; in Falzon dopo l'unione
 +con il casato degli Aragona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FALZONE
 +<br>FALZONI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Falzone &egrave; tipicamente siciliano,
 +Falzoni ha un ceppo nella zona che comprende il bolognese, il ravennate
 +ed il ferrarese, un ceppo nel pavese ed uno nel veronese, derivano da un
 +soprannome originato dal vocabolo dialettale falzon (grossa falce).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAMA'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fam&agrave;, tipico siciliano, della zona che comprende il messinese, il
 +catanese e il sud della Calabria, potrebbe derivare dal cognomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Famia</font></i>, ma molto pi&ugrave; probabilmente
 +si tratta di un'alterazione del cognome greco <i><font color="#3333FF">Phamias</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fam&agrave; &egrave; cognome ampiamente diffuso nelle province di Catania,
 +Messina, Siracusa. Secondo G. Rohlfs viene da Fam&agrave;, contrada di
 +Al&igrave; Terme (ME) o dall'omonimo toponimo nei pressi di Arena (CZ).
 +L'origine sarebbe il nome di persona greco <i><font color="#3333FF">Fam&agrave;is</font></i>,
 +presente in molti papiri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAMEGLI
 +<br>FAMIGLI
 +<br>FAMIGLIETTI
 +<br>FAMIGLIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fameglio, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza nell'alessandrino
 +e qualcuna nel romano e nel frusinate, Famigli, molto molto raro, sembrerebbe
 +del modenese, Famiglietti ha un ceppo toscano nel pisano, a Santa Maria
 +a Monte, Castelfranco di Sotto e Volterra, ed uno, decisamente pi&ugrave;
 +consistente, campano, soprattutto nell'avellinese, a Frigento e Sturno,
 +ma con buone presenze anche a Castel Baronia, Avellino, Grottaminarda,
 +Gesualdo, Villamaina, Carife e Solofra sempre nell'avellinese ed a Napoli,
 +Famiglio, quasi unico, &egrave; specifico del torinese, dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite una forma ipocoristica, da soprannomi basati sul
 +termine arcaico <i><font color="#3333FF">famiglio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">servo, domestico, persona di servizio</font></i>),
 +indicando cos&igrave; probabilmente che i capostipiti fossero stati al
 +servizio di persone di un certo livello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAMELI
 +<br>FAMILI
 +<br>FAMILIA
 +<br>FAMILIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fameli ha un piccolissimo ceppo ligure, a Genova ed a San Remo nell'imperiese,
 +uno romano ed uno calabrese nel reggino, a Palmi ed a Caulonia e San Ferdinando,
 +Famili &egrave; quasi unico, cos&igrave; come Familia, Familio, molto raro,
 +&egrave; specifico di Napoli, dovrebbero derivare da soprannomi basati
 +sul termine medioevale <i><font color="#3333FF">famelius</font></i> o <i><font color="#3333FF">familius</font></i>,
 +a loro volta derivati dal vocabolo latino <i><font color="#3333FF">famulus,
 +famula</font></i> (<i><font color="#666666">servo o serva, domestico, persona
 +di servizio in casa</font></i>), indicando cos&igrave; probabilmente che
 +i capostipiti fossero stati collaboratori famigliari di qualche persona
 +agiata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANALE
 +<br>FANALI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanale &egrave; di Palermo e del palermitano, Fanali &egrave; laziale,
 +di Montefiascone nel viterbese, di Roma e Civitavecchia nel romano e di
 +Fiuggi nel frusinate, con presenze anche a Perugia ed a Marsciano nel perugino,
 +potrebbero derivare da nomi di localit&agrave; caratterizzati dalla presenza
 +di torri con fanali, probabilmente per le segnalazioni navali o terrestri,
 +luoghi presso i quali dovevano abitare o dalle quali dovevano provenire
 +i capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANARA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanara &egrave; tipicamente siciliano, di Favara nell'agrigentino in particolare,
 +ma anche di Agrigento, Aragona, Canicatt&igrave;, Ribera sempre nell'agrigentino,
 +di Palermo e di Trapani, Erice e Calatafinmi nel trapanese e di Messina,
 +potrebbe derivare da un soprannome originato da un'alterazione del termine
 +greco <font color="#3333FF">&#966;&#945;&#957;&#949;&#961;&#940;&nbsp;&nbsp;  <i>faner&agrave;</i></font> (<i><font color="#666666">aperto,
 +chiaro, visibile</font></i>), forse da un nome di localit&agrave; antico,
 +con la caratteristica di luogo aperto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANARI
 +<br>FANARIS</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanari &egrave; tipicamente sardo, della parte sudoccidentale, di Baratili
 +San Pietro, San Nicolo` D`Arcidano, Oristano e Villa Sant`Antonio nell'oristanese,
 +di Cagliari e di Guspini e Pabillonis nel Medio Campidano, Fanaris sembrerebbe
 +quasi unico, dovrebbero derivare dall'antico toponimo di villa Fanaris&nbsp;
 +del Giudicato di Cagliari che doveva essere situato tra Villasor e Decimoputzu.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FANARI: &egrave; un cognome attualmente presente in 137 Comuni italiani,
 +di cui 61 in Sardegna: Cagliari 92 Guspini 91, Baratili San Pietro 72,
 +Sassari 32, Oristano 30, Pabillonis 30, Sinnai 22, etc. Nei documenti antichi
 +lo troviamo tra i firmatari della Pace di Eleonora, *LPDE, del 1388: Fanari
 +(de) Jacobo, ville de Sardara(SARDARA MONTIS REGALIS...11 GENNAIO 1388,
 +et ego...Gadulesu Margiano habitator ville Sardara, sindicus actor et procurator
 +universitatis Contrate Montis Regalis et villarum et etc. In posse Virde
 +Andrea, Virde Joanne, de Civitate Sasseri, notarii publici, die XI Januarii
 +1388); Fanari (de) Laurencio, ville de Sardara; Fanari (de) Petro, ville
 +de Sardara. Sempre nel*LPDE lo troviamo nella variante "de" Fenari(i):
 +Fenari(de) Francisco - de Bosa. (** Bosa: omnibus civibus et habitatoribus
 +civitatis Bose.nisi pastores.congregatis intus Ecclesiam Beate Marie Virginis
 +.die XV Januarii 1388) ; Fenarii(de) Petrus - de Aristanni. ( *** Aristanni:
 +(segue&nbsp; elenco dei nomi dei firmatari della PETIZIONE). Omnes cives
 +mercatores et habitatores dicte civitatis.nisi pastores bestiaminum et
 +quorum dificulter demorari non poterant.congregati. (Porta la data) : die
 +XIIII mensis Januarii M&deg;. CCC&deg;. LXXXVIII&deg; et etc. Fanari &egrave;
 +il nome di un antico centro abitato, abbandonato, suddiviso in due frazioni:
 +<i><font color="#3366FF">Fanari de Jossu, Fanari de Susu</font></i>, siti
 +in agro di Vallermosa. Tutto il territorio &egrave; disseminato di evidenti
 +resti nuragici, tra cui il bellissimo Pozzo Sacro di Matzanni, esempio
 +notevole della grandezza della civilt&agrave; nuragica. I due centri avevano
 +presumibilmente origini preistoriche, ma noi abbiamo notizie certe solo
 +a partire dal Medioevo. Fanari de Jossu &egrave; registrato come villa
 +(bidda) appartenente alla Curador&igrave;a di Gippi o Parte Ippi, nel regno
 +giudicale di C&agrave;lari. Pass&ograve; poi al regno di Arborea, quindi
 +alla Repubblica di Pisa. Poi al regno catalano aragonese di Sardegna. Verso
 +la fine del XV&deg; secolo, il villaggio fu abbandonato. Fanari de Suso (anche
 +essa villa - bidda - medioevale) &egrave; la parte pi&ugrave; antica di
 +Fanari; di origini preistoriche: il suo territorio, come gi&agrave; detto
 +per Fanari de Jossu &egrave; ricco di resti della civilt&agrave; nuragica.
 +Nell'opera di Giovanni Francesco Fara&nbsp; "In Sardiniae Coroghaphiam"
 +troviamo: Intus deinde sequitur regio partis Hipis, tota fere plana, sarmentosa
 +quidam et gregum copia frequens, pabulum ubertim suppeditas et aquas stagnantes
 +set irriguas, frigidas set callidas.iacent oppida.Fanaris Superioris, Fanaris
 +Inferioris, Leni, Hispidi, Aquensa (<font color="#CC33CC">vedi il cognome
 +Achenza</font>).Il vocabolario sardo, Geografico, Patronimico ed Etimologico
 +del canonico Giovanni Spano, recita: Fanaris villaggio distrutto, nella
 +diocesi di Cagliari. Ne esistevano due, inferiore e superiore. Voce fenicia,
 +apparizione, veduta. In verit&agrave; se vogliamo dare credito alla tesi
 +dello Spano la parola non deriva dal fenicio, ma dal greco <font color="#3366FF">&#966;&#940;&#953;&#957;&#969;</font>
 +(<i><font color="#3366FF">faino</font></i>), <i><font color="#999999">mostro,
 +appaio, splendo</font></i> etc. Noi invece crediamo che la voce <i><font color="#3366FF">fanari</font></i>
 +derivi dal latino <i><font color="#3366FF">fenarius</font></i> o <i><font color="#3366FF">faenarius</font></i>
 +e quindi <i><font color="#3366FF">faenarii</font></i> o <i><font color="#3366FF">fenarii</font></i>,
 +nel senso comune di <i><font color="#999999">raccoglitori di fieno</font></i>. Tale persuasione ci deriva dal fatto
 +che nei tempi antichi il territorio era e lo &egrave; tuttora ricchissimo
 +di pascoli e di greggi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANCELLA
 +<br>FANCELLI
 +<br>FANCELLO
 +<br>FANCELLU
 +<br>FANCIULLACCI
 +<br>FANCIULLI
 +<br>FANCIULLINI
 +<br>FANCIULLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fancella &egrave; praticamente unico, Fancelli &egrave; tipico dell'area
 +tosco, umbra, laziale, Fancello, tipicamente sardo, e in particolare del
 +nuorese, Fancellu &egrave; pi&ugrave; specifico dell'area sassarese, Fanciullacci
 +&egrave; tipico del fiorentino, pratese e pistoiese, Fanciulli &egrave;
 +specifico dell'area grossetano, senese, viterbese e romana, Fanciullini,
 +rarissimo, &egrave; della zona aretino senese, Fanciullo &egrave; tipico
 +del Salento, di San Pietro Vernotico nel brindisino e, nel leccese, di
 +Botrugno, San Cassiano, Giurdignano e Salve.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Fanciullo</font></i>,
 +che, assieme al suo arcaismo in <i><font color="#3366FF">Fancello</font></i>,
 +nasce come variante del pi&ugrave; comune <i><font color="#3366FF">Fante</font></i>
 +(vedi Fanti): dal punto di vista etimologico, infatti, i termini <i><font color="#3366FF">fancello</font></i><font color="#000000">
 +e </font><i><font color="#3366FF">fanciullo</font></i> consistono in un
 +diminutivo del termine <i><font color="#3366FF">fante</font></i>, derivando
 +entrambi dalla contrazione del vocabolo <i><font color="#3366FF">fanticello</font></i>
 +(che, dapprima, d&agrave; origine a <i><font color="#3366FF">fancello</font></i>
 +e poi, attraverso una corruzione popolare, a <i><font color="#3366FF">fanciullo</font></i>).
 +Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti, anche se in alcuni casi non &egrave;
 +esclusa una derivazione da soprannomi ad essi attribuiti; come sostenuto
 +dal sig. Milani (<font color="#CC33CC">vedi FANCIULLETTI</font>), inoltre,
 +non &egrave; improbabile che questi nomi fossero attribuiti a dei trovatelli,
 +proprio perch&eacute; privi di un nome di battesimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANCIULLETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente molto molto raro.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Roberto
 +Milani</font></font>
 +<br>esclusivo del basso grossetano (zona intorno al Monte Amiata), si dice
 +che sia legato alla nobile famiglia Piccolomini. Pare che da relazioni
 +extraconiugali di membri maschi della famiglia Piccolomini con donne del
 +popolo siano nati numerosi figli (ovviamente non riconosciuti come propri
 +dai Piccolomini), che un'Opera pia accolse tra gli <i>orfanelli</i>. La
 +gente del posto chiam&ograve; tali bambini Fanciulletti e da l&igrave;
 +l'origine dell'omonimo cognome. Pare infine che in seguito ci siano state
 +anche contestazioni tra i Piccolomini ed i Fanciulletti in merito ad alcune
 +disposizioni testamentarie non chiare relative a possedimenti di terreni
 +e fabbricati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANELLA
 +<br>FANELLI
 +<br>FANELLO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanella &egrave; raro ed &egrave; specifico del Lazio centro meridionale,
 +molto diffuso in tutt'Italia Fanelli, Fanello molto pi&ugrave; raro ha
 +un ceppo in Calabria, e possibili ceppi in Liguria, Venezia e Roma, dovrebbero
 +derivare da forme ipocoristiche dell'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Stefano</font></i>,
 +possono anche derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Fannius</font></i>,
 +ma &egrave; pure possibile che derivino dall'aferesi di toponimi come:
 +Sacrofano (RM). Traccia di questa cognominizzazione si trova a Perugia dove
 +nell'albo degli scolari della locale universit&agrave; nell'anno 1585 si
 +trova un Victorius Fanellus.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fanelli, oltre che ipocoristico aferetico del nome Stefano, potrebbe
 +anche derivare dall'uccello chiamato "<i><font color="#3333FF">fanello</font></i>"
 +o dal latino "<i><font color="#3333FF">fanum</font></i>" = <i><font color="#666666">tempio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANESE
 +<br>FANESI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanese &egrave; tipicamente abruzzese di Pescara, Fanesi &egrave; tipico
 +di Ancona,e Falconara Marittima (AN) e del teramano, dovrebbero derivare
 +dall'etnico di Fano, probabile la nascita di queste cognominizzazioni in
 +occasione delle purghe effettuate dal Vescovo Riccardo Vescovo di Fano
 +dal 1214 al 1223: "<font color="#CC33CC">...Hic ille, qui pro libertate
 +suae Ecclesiae </font><font color="#FF0000">contra Fanenses cives</font><font color="#CC33CC">,
 +et potestatem usque ad dirissimas censuras decertavit, quas etsi dissolvit
 +id protestando, fecit metu mortis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Ha un ceppo in Valtellina e nel bresciano ed uno in Toscana tra fiorentino,
 +aretino e senese, dovrebbe derivare dall'aferesi di un diminutivo del nome
 +Stefano, di quest'uso troviamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Baldus</font></i>
 +(1517) di Teofilo Folengo: "<font color="#CC33CC">...Ille est </font><font color="#FF0000">Fanettus</font><font color="#CC33CC">,
 +tibi filius et mihi frater...</font>". Tracce di questa cognominizzazione
 +si trovano in Valtellina fin dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANFANI
 +<br>FANFANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanfani &egrave; specifico di Firenze e del fiorentino, di Scandicci, Lastra
 +a Signa, San Casciano in Val di Pesa, Bagno a Ripoli, Sesto Fiorentino
 +ed Impruneta, di Livorno e di Prato, Fanfano ha un ceppo a Castiglione
 +del Lago e Citt&agrave; della Pieve nel perugino, dovrebbe derivare dal
 +nome arcaico <i><font color="#3333FF">Fanfano</font></i>, ma &egrave; pure
 +possibile una derivazione da soprannomi originati dal termine toscano <i><font color="#3333FF">fanfano</font></i>
 +(di <i><font color="#666666">una persona che parla a vanvera</font></i>,
 +senza pensare a quello che dice).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANFULLA
 +<br>FANFULLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanfulla ha un ceppo nel barese, a Bari, Modugno e Palo del Colle, Fanfulli
 +&egrave; quasi unico e dovrebbe essere dovuto ad errori di trascrizione,
 +dovrebbero derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Fanfulla</font></i>
 +originato dal soprannome di Bartolomeo Tito Alon, il famoso Fanfulla da
 +Lodi, uomo d'armi e capitano di ventura che si fece onore in Puglia, partecipando
 +nel 1503 alla battaglia di Cerignola ed alla famosissima disfida di Barletta
 +nel barese, la fama delle sue gesta eroiche condusse alcuni pugliesi suoi
 +coetanei a chiamare <i><font color="#3333FF">Fanfulla</font></i> il proprio
 +figlio, uno dei quali potrebbe essere stato il capostipite di queste famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANGI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Assolutamente rarissimo, sembrerebbe
 +originario del biellese, di questa nobile e potente famiglia si ricorda
 +il Beato Agostino Fangi nato a Biella nel 1430 e morto a Venezia nel 1493.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANGIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fangio, molto molto raro, ha un ceppo a Livorno ed uno a Castiglione Messer
 +Marino e Francavilla al Mare nel teatino, di difficile interpretazione,
 +si pu&ograve; ipotizzare un collegamento con il nomen gentilizio latino
 +<i><font color="#3333FF">Fannius</font></i>, portato ad esempio da Caius
 +Fannius Strabo console romano nel 161 dopo Cristo, o anche da Publius Fannius
 +Synistor del quale possiamo ammirare la villa del I&deg; secolo a Boscoreale
 +negli scavi di Pompei.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANI
 +<br>FANNI
 +<br>FANO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fani &egrave; tipico del centro, del fiorentino e dell'aretino in particolare,
 +Fanni &egrave; specifico della Sardegna centromeridionale, Fano ha un ceppo
 +nel veneziano, uno a roma ed uno nel barese, dovrebbero derivare dall'aferesi
 +di nomi come Stefano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Cognome specifico del foggiano, dovrebbe derivare dal nome della Gens Fania
 +la gens di Zenone imperatore d'oriente, ma &egrave; pure possibile un collegamentocon
 +l'aferesi del nome Epifania attribuito anticamente a bambini nati il 6
 +gennaio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANIN
 +<br>FANINI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanin ha un ceppo nel vicentino ed uno nel basso
 +udinese e goriziano, Fanini, ha un nucleo veronese ed un ceppo nel perugino,
 +dovrebbero derivare da modificazioni dialettali dell'aferesi di un diminutivo
 +del nome Stefano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANIO
 +<br>FENIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanio, quasi unico, &egrave; del leccese, Fenio, quasi altrettanto raro,
 +&egrave; invece del padovano, con un piccolissimo ceppo nel salernitano,
 +potrebbero derivare dal nome della <i><font color="#3333FF">Gens Fania</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Foenia</font></i>, o dai nomen da questa derivati (<font color="#CC33CC">vedi FANIA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANIS
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanis, assolutamente rarissimo, &egrave; specifico di Alghero nel sassarese,
 +potrebbe derivare dall'aferesi di nomi come <i><font color="#3333FF">Stefano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANIZZA
 +<br>FANIZZI
 +<br>FANIZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanizza &egrave; decisamente pugliese, di Fasano e Francavilla Fontanan
 +el brindisino, di Mola di Bari e Bari nel barese, di Porto Cesareo nel
 +leccese e di Taranto, Fanizzi &egrave; anch'esso pugliese, dinversano e
 +Monopoli nel barese in particolare, di Taranto, Foggia e Fasano nel brindisino,
 +Fanizzo, quasi unico, &egrave; dovuto ad errate trascrizioni del precedente,
 +questi cognomi dovrebbero essere di origine slava e derivare da alterazioni
 +dell'aferesi di <i><font color="#3366FF">Stefanic</font></i>, una forma
 +patronimica in <i><font color="#3366FF">-ic</font></i> del nome <i><font color="#3366FF">Stefano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANNA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanna &egrave; tipicamente friulano, di Cividale del Friuli e Moimacco
 +nell'udinese e di Montereale Valcellina nel pordenonese, dovrebbe derivare
 +dal nome del paese di Fanna in provincia di Pordenone a circa 6 chilometri
 +da Montereale, probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANT
 +<br>FANTACCI
 +<br>FANTE
 +<br>FANTELLI
 +<br>FANTETTI
 +<br>FANTI
 +<br>FANTICELLI
 +<br>FANTILLI
 +<br>FANTO'
 +<br>FANTOLI
 +<br>FANTOLINI
 +<br>FANTOLINO
 +<br>FANTON
 +<br>FANTONE
 +<br>FANTONI
 +<br>FANTOZZI
 +<br>FANTUCCI
 +<br>FANTUZ
 +<br>FANTUZZI
 +<br>FANTUZZO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fant ha un ceppo nel bellunese ed uno nell'udinese, Fantacci ha un ceppo
 +toscano ed uno tra romano, rietino ed Abruzzo, Fante, abbastanza raro,
 +sembrerebbe di origine veneta, ma &egrave; possibile che ci sia un nucleo
 +anche nel Lazio, Fantelli ha un piccolo ceppo nel trentino ed uno nel bolognese,
 +Fantetti ha un ceppo tra romano e latinense ed uno tra le province di Campobasso
 +e Foggia, Fanti &egrave; molto presente in tutta l'Italia centrosettentrionale
 +e Sardegna, Fanticelli, molto molto raro, &egrave; dell'aretino, Fantilli
 +ha un ceppo a Roma ed uno tra teatino e Molise, Fant&ograve; &egrave; specifico di Caulonia nel reggino, Fantoli, molto raro, &egrave;
 +del verbanese, Fantolini, rarissimo, &egrave; di Livorno, Fantolino, tipico
 +piemontese, &egrave; di Torino e Costigliole d'Asti (AT), Fanton, veneto,&nbsp;
 +&egrave; proprio della zona che comprende le provincie di Vicenza, Padova
 +e Venezia, Fantone ha un ceppo nel Piemonte occidentale ed uno in Abruzzo
 +e Molise, Fantoni &egrave; molto diffuso al nord ed in Toscana, Fantozzi
 +&egrave; molto diffuso in Emilia e Romagna, in Toscana, nel Lazio soprattutto,
 +ed in Abruzzo e Molise, Fantucci ha un ceppo nel fiorentino, nel perugino
 +e tra viterbese e romano, Fantuz &egrave; tipico dell'area che comprende
 +il pordenonese, il veneziano e soprattutto il trevisano, in particolare
 +Gaiarine, Codogn&egrave;, Mareno di Piave e San Vendemiano nel trevisano,
 +Fantuzzi &egrave; decisamente emiliano, Fantuzzo, assolutamente rarissimo,
 +&egrave; della zona tra veneziano e trevisano, derivano direttamente o
 +tramite troncature dialettali, o diminutivi, accrescitivi, vezzeggiativi
 +o dispregiativi dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fante</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Fantino</font></i>, derivato dal termine latino <i><font color="#3366FF">infans</font>,
 +<font color="#3366FF">infantis</font></i> = <i><font color="#999999">ragazzo</font></i>
 +o dall'aferesi di nomi come <i><font color="#3366FF">Bonfante</font></i>.&nbsp;
 +La cognominizzazione di Fante risale almeno al 1100, come si evince dal testo
 +di un atto conservato in San Giorgio in Palazzo a Milano, dove compare
 +un Azzone Fante e che risale al 1150: "<font color="#CC33CC">...ex quibus
 +fuerunt solidi viginti de illis libris tribus quas </font><font color="#FF0000">Azo
 +Fante</font><font color="#CC33CC"> dedit ei pro modio uno ficto, et solidi
 +quindecim quos Veglo de Bollate dedit ei pro rebus de Albiate quas emit,
 +et libre tres et dimidia de terra ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTAPPIE
 +<br>FANTAPPIE'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantappie, quasi unico, &egrave; toscano, dovrebbe trattarsi di un'errata
 +trascrizione di Fantappi&egrave;, che, anch'esso toscano, &egrave; specifico
 +del fiorentino, di Firenze, San Casciano in Val di Pesa ed Impruneta, e
 +che dovrebbe derivare da un soprannome originato dal mestiere di <i><font color="#666666">militare
 +di fanteria</font></i> svolto dai capostipiti, dei <i><font color="#3333FF">fanti
 +a piedi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTASIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantasia ha vari ceppi nell'Italia centromeridionale, nel Lazio soprattutto
 +nel latinense, in particolare a Gaeta, ma presente anche a Formia, Latina
 +e Terracina, ed a Roma, ha un ceppo nel teatino ad Atessa e San Salvo,
 +in Campania ha un ceppo ad Angri nel salernitano, a Montesarchio e Ceppaloni
 +nel beneventano ed a Napoli, in Puglia ha un grosso ceppo a Conversano
 +nel barese ed a San Severo&nbsp; e Foggia nel foggiano, in Calabria a Crotone
 +ed in Sardegna ad Ozieri nel sassarese e ad Olbia, dovrebbe derivare dal
 +nome rinascimentale sia maschile che femminile <i><font color="#3333FF">Fantasia</font></i>,
 +attribuito probabilmente ai capostipiti in epoca rinascimentale, troviamo
 +tracce di quest'uso nel 1559 a Firenze con lo scalpellino Johannis figlio
 +di un certo Fantasia, citato come testimone in un atto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTATO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantato, abbastanza raro, &egrave; tipico dell'area veronese, padovana,
 +rovigota e veneziana, si dovrebbe trattare di una forma patronimica in
 +<i><font color="#3366FF">-ato</font></i> del nome Fante, si riferisce quindi
 +a famiglie di&nbsp; figli di un <i><font color="#3366FF">Fante</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTECCHI
 +<br>FANTECHI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantecchi, quasi unico, &egrave; dovuto ad errori di trascrizione di Fantechi,
 +che &egrave; un cognome tipico di Firenze e del fiorentino, di Pontassieve,
 +Bagno a Ripoli, Pelago, Sesto Fiorentino e Scandicci, si dovrebbe trattare
 +di una forma ipocoristica toscana del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fante</font></i>,
 +derivato a sua volta dal termine latino <i><font color="#3366FF">infans</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">infantis</font></i> (<i><font color="#999999">ragazzo</font></i>)
 +o dall'aferesi di nomi come <i><font color="#3366FF">Bonfante</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche FANT</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTIN
 +<br>FANTINI
 +<br>FANTINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantin &egrave; specifico del Veneto,
 +Fantini &egrave; tipico di tutto il centro nord, Fantino, tipico del Piemonte
 +occidentale, sembrerebbe avere un ceppo anche nell'udinese, dovrebbero
 +tutti derivare dal nome medioevale Fantino di cui si hanno tracce gi&agrave;
 +prima del 1000, verso la fine del VI&deg; secolo a Monreale si trova citato
 +in alcune lettere il Defensor (avvocato) Fantinus, ricordiamo poi San Fantino
 +di Calabria morto verso la fine del IX&deg; secolo e Fantino Dandolo vescovo
 +di Padova nel 1400.&nbsp; Esiste anche la possibilit&agrave; che alcuni
 +di questi cognomi derivino da soprannomi come ad esempio quello di Ascensidonio
 +Spacca detto il Fantino (1557-1646), pittore in Trevi (PG), dove fantino,
 +derivato dall'infans latino starebbe ad indicare un aspetto molto giovanile,
 +o da toponimi anche solo rionali come Campo San Fantino di Venezia. Tracce
 +della cognominizzazione di Fantini la troviamo nel Veneto a Portogruaro nel
 +1500 con il Gastaldo De Fantino (o Fantini).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Sergio
 +Fantini</font></font>
 +<br>Un ceppo di Fantini ( De Fantinis ) esisteva gi&agrave; dal 1600 nella
 +Bergamasca come si riscontra dai libri parocchiali di Brembilla, si pu&ograve;
 +anche osservare lo stemma di Famiglia sulla lapide in sasso di fra Cristoforus
 +De Fantinis di Alzano Lombardo che esiste ancora.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTINATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantinati, &egrave; tipico dell'area che comprende le province di Bologna,
 +Ferrara e Rovigo, si dovrebbe trattare di una forma patronimica romagnola
 +in <i><font color="#3366FF">-ati</font></i> del nome Fantin o Fantino,
 +si riferisce quindi a famiglie di&nbsp; figli di un <i><font color="#3366FF">Fantin</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANTINATO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fantinato, &egrave; tipico dell'area vicentino, padovana, rovigota e vaneziana,
 +si dovrebbe trattare di una forma patronimica veneta in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>
 +del nome <i><font color="#3366FF">Fantin</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Fantino</font></i>, si riferisce quindi
 +a famiglie di&nbsp; figli di un <i><font color="#3366FF">Fantin</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANUCCI
 +<br>FANUZZI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Fanucci ha un nucleo umbro nella zona di Gubbio e Scheggia E Pascelupo
 +(PG) ed uno in Toscana nella zona di Montecatini (PT), Fanuzzi, molto molto
 +pi&ugrave; raro, potrebbe essere emiliano, dovrebbero derivare dall'aferesi
 +del nome Stefano, di quest'uso abbiamo un esempio a Pisa in un atto del
 +luglio 1308, dove viene citato un tal Fanuccius Ianuarii de Campo. Tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo a Pisa nel 1300 in un atto leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC">...Acta </font><font color="#FF0000">Fanucci</font><font color="#CC33CC">
 +notarii filii Iacobi quondam </font><font color="#FF0000">Fanucci</font><font color="#CC33CC">,
 +civis Pisani, de omnibus cartis et factis monasterii SS. Marie et Gorgonii
 +de insula Gorgona Pisane diocesis,...</font>", ed a Siena nella seconda
 +met&agrave; del 1500 con lo scrittore Camillo Fanucci.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANZAGA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico bergamasco, tracce importanti
 +di questo cognome risalgono al&nbsp; 1500. Nel 1589 Pietro Fanzago, insigne
 +matematico clusonese, creatore dell'orologio planetario locale, muore nel
 +suo paese di nascita; nel 1591 quando risulta dagli atti che nasca a Clusone
 +(BG) Cosimo Fanzaga, architetto e scultore molto quotato e riferimento
 +principe per il barocco..</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FANZINI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Di origine piacentina, dovrebbe
 +essere una modificazione dell'aferesi del cognome parmense Avanzini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>FAORO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Faoro &egrave; tipicamente veneto del bellunese, di Lamon ed Arsi&egrave;
 +soprattutto, ma anche di Feltre e Fonzaso, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale ladino indicante una sorgente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAPPANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente dell'area tra Brescia
 +e Cremona</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente sardo dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo
 +sardo <i><font color="#3366FF">fara</font></i> (<i><font color="#666666">messaggero,
 +corriere</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FARA: <i><font color="#3333FF">su vara</font></i> in Logudorese, <i><font color="#3333FF">su
 +fara</font></i> in Campidanese antico è <i><font color="#666666">l'usciere</font></i>
 +o <i><font color="#666666">messo del tribunale ecclesiastico</font></i>.
 +Ancora oggi, a Cagliari e dintorni <i><font color="#3333FF">is varas</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">faras</font></i> sono <i><font color="#666666">gli
 +uomini, incaricati dalla parrocchia, che regolano le processioni</font></i>.
 +Il termine viene dal catalano <i><font color="#3333FF">vara</font></i>:
 +<i><font color="#3366FF">bastòn que por insignia de autoridad usaban
 +los ministros de justicia</font></i>. Oggi qui da noi l'usciere incaricato
 +dai tribunali civili è chiamato <i><font color="#3333FF">su scicutadòri</font></i>
 +(dal latino <i><font color="#3333FF">executor </font></i>&gt; <i><font color="#3333FF">exequor</font></i>
 += <i><font color="#666666">esecutore di un ordine</font></i>), scicutài
 += eseguire l'ordine del tribunale, pignorare. Il cognome Fara è
 +presente nelle carte antiche della lingua e della storia della Sardegna.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388 figurano: Fara Anthonio
 +- de Castri Januensis; Fara Jacobo - de Castri Januensis ; Fara Matheo
 +- de Castri Januensis ( ** Castri Januensis Civitas (Castel Genovese -
 +Castel Sardo). Omnibus habitantibus .in ville de Coginas ... die undecima
 +januarii .1388, in posse De Valle Anthoni filii). Nel Condaghe di San Nicola
 +di Trullas, CSNT, XI°, XIII° secolo sono presenti: Fara Gavini
 +(266), teste in una compera (compòru):&nbsp; Comporaili a Ythoccor
 +Icalis sa fune de sa terra de anniles in Collectariu.Testes : Mariane de
 +Carvia e Gavini Fara et maistru Vivenzu; Fara Ythoccor (289)- donnu - prete.Teste
 +in una compera.comporaili&nbsp; a Goantine d'Athen.Testes : donnu Ythoccor
 +Fara su previteru.Nella storia ricordiamo Giovanni Francesco Fara (Ioannes
 +Franciscus Fara) autore&nbsp; del De Rebus Sardois e del De Chorographia
 +Sardiniae, opere tantissime volte citate in questa nostra ricerca. Nacque
 +a Sassari nel 1543 da illustre famiglia. Studiò a Bologna e a Pisa,
 +dove si laureò « in utroque iure » nel 1567. Fu anche
 +a Firenze e a Roma e proprio qui grazie all'aiuto del maiorchino Miguel
 +Thomas de Taxaquet, vscovo di Lerida e consigliere regio&nbsp; ebbe fonti
 +e documenti sardi dell'Archivio della Corona d'Aragona, ad integrazione
 +degli « annali » di Gerolamo Zurita. Fu poi a Sassari, asssistente
 +presso il tribunale ecclesiastico turritano e poi ad Alghero : nel frattempo
 +fu ordinato sacerdote e nel 1572 fu canonico nella cattedrale di Alghero.
 +Nel 1583 fu a Cagliari, ai lavori del Parlamento, come rappresentante del
 +Capitolo Turritano. Infine, nel 1591 fu nominato vescovo della Diocesi
 +di Bosa, che tenne per soli 7 mesi, a causa dell'improvvisa morte sopraggiunta
 +il 15 novembre dello stesso anno, all'età di soli 48 anni. Attualmente
 +il cognome Fara è presente in 216 Comuni italiani, di cui 87/377
 +in Sardegna : Sassari 208, Sennori 123, Cuglieri 95, Macomer 70, Cagliari
 +51, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARABEGOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farabegoli è specifico del forlivese e ravennate di Cesena, Cesenatico,
 +Gambettola nel cesenate e di Cervia nel ravennate, potrebbe derivare dall'unione
 +del termine longobardo <i><font color="#3366FF">fara</font></i> (<i><font color="#999999">comunità</font></i>),
 +unito al vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">begoli</font></i>,
 +per il quale si può ipotizzare il significato di <i><font color="#999999">bachi</font></i>,
 +ma la cosa più probabile è che invece derivi dal termine
 +medioevale <i><font color="#3366FF">begolo</font></i> o <i><font color="#3366FF">begolardo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo di corte</font></i>, <i><font color="#999999">buffone,
 +pagliaccio</font></i>), termine di cui abbiamo un esempio d'uso nel Reggimento
 +de' principi di Egidio Romano del 1288: "<font color="#CC33CC">..Appresso
 +die guardare che elli doni per bene quello che elli dona, e non per altra
 +cosa. E tutte le volte che 'l re od altri dona ai </font><i><font color="#FF0000">begolardi</font></i><font color="#CC33CC">
 +o agli uomini di corte, o a cui ellino non debbono, ellino non sono più
 +larghi né liberali. Ché i giocolari e i bordatori, e molte
 +maniere di genti debbono meglio essere pòvari che ricchi...</font>",
 +in questo caso il cognome assumerebbe il senso di <i><font color="#999999">buffone
 +di corte o del villaggio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARABOLI
 +<br>FARAVELLI
 +<br>FARAVOLO
 +<br>FERABOLI
 +<br>FERRABOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faraboli, molto molto raro, è tipico di Parma e del parmense, Faravelli
 +è ben diffuso nel pavese, in particolare nell'Oltrepo, a Santa Maria
 +della Versa, Pavia, Voghera, Broni, Stradella e Montecalvo Versiggia, Faravolo
 +è praticamente unico, Feraboli è un cognome tipicamente lombardo,
 +diffuso soprattutto a Cremona e nel cremonese, Ferraboli, leggermente più
 +raro, è tipico di Brescia e del bresciano, in qualche caso potrebbero
 +derivare, direttamente o tramite delle varianti, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Faravellus</font></i>,
 +di cui abbiamo tracce in registrazioni milanesi risalenti al 1260, potrebbero
 +però altrettanto spesso derivare da un termine arcaico che ha dato
 +poi origine al vocabolo <i><font color="#3366FF">farabolone</font></i>
 +(<i><font color="#999999">imbroglione, ma anche chiaccherone, chi parla
 +molto e non si da da fare concludendo poco o nulla</font></i>), troviamo
 +tracce di queste cognominizzazioni agli inizi del 1300 a Verona dove si
 +trovano atti scritti da un certo notaio veronese "<font color="#CC33CC">Ser
 +Barchinum quondam filìum Magistri Uliveti </font><font color="#FF0000">de
 +Feraboli</font><font color="#CC33CC"> notarium Verone</font>", ed anche
 +nella seconda metà del 1600 con Bartolomeo Ferabolus fu Gaspare
 +Notaio principale citato tra i notai operanti nelle terre bergamasche soggette
 +alla Repubblica Serenissima di Venezia, dalla qualcosa si evince che si
 +tratta di una famiglia di notai che continuò ad operare dall'epoca
 +medioevale fino almeno al 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARABONE
 +<br>FARABONI
 +<br>FRABONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farabone ha qualche presenza nel Piemonte nordorientale e nella Lombardia
 +occidentale, Faraboni, estremamente raro, ha un piccolissimo ceppo a Novara,
 +Fraboni ha un ceppo nel bolognese a Bologna e Medicina, uno nelle Marche
 +nell'anconetano, a Senigallia soprattutto, con piccolissimi ceppi anche
 +a Fabriano, Jesi, Corinaldo e Castel Colonna ed un ceppo nel romano a Roma
 +ed a Mentana, dovrebbero essere di origini longobarde e derivare da un
 +nome composto dall'unione del termine longobardo <i><font color="#3333FF">fara</font></i>
 +(<i><font color="#666666">stirpe, famiglia, clan</font></i>) e del termine
 +latino <i><font color="#3333FF">bona</font></i> (<i><font color="#666666">i
 +beni, le ricchezze</font></i>) con significato quindi di <i><font color="#666666">il
 +bene della famiglia, la massima ricchezza della stirpe</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi
 +però anche FARABOLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARABOSCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faraboschi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del nord Italia, potrebbe
 +essere di origini longobarde ed indicare che i capostipiti vivevano in
 +boschi demaniali, questo dovrebbe essere il significato del termine, cioè
 +nei boschi della <i><font color="#3366FF">Fara</font></i>, cioè
 +di proprietà della <i><font color="#999999">comunità</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARACE
 +<br>FARACI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farace ha vari ceppi, in Campania, nel napoletano ad Anacapri, Napoli,
 +Ercolano e Capri ed a Salerno, in Calabria nel cosentino a Santa Maria
 +del Cedro, Verbicaro, Orsomarso e Scalea ed in Sicilia a Trapani ed Altavilla
 +Milicia nel palermitano, Faraci, di origine siciliana, è diffusissimo
 +in tutta l'isola, con massima concentrazione a Barrafranca nell'ennese,
 +ad Alcamo nel trapanese, a Palermo e Monreale nel palermitano, a Gela e
 +Mazzarino nel nisseno ed a Floridia nel siracusano, dovrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">faragh</font></i>
 +(<i><font color="#999999">felice, contento</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Farace è cognome siciliano, calabrese e napoletano dal toponimo
 +(valle) Farace vicino a Castroreale (ME), dal greco '<i><font color="#3333FF">charaki</font></i>'
 += <i><font color="#666666">incisione</font></i>, oppure, secondo G.B. Pellegrini,
 +dall'arabo '<i><font color="#3333FF">farağ</font></i>' = <i><font color="#666666">gioia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARAGASSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faragasso è specifico del cosentino di Acri in particolare e di
 +Luzzi, potrebbe derivare da un'italianizzazione dialettale di nomi come
 +il rumeno <i><font color="#3333FF">Fargas</font></i> o l'ungaro <i><font color="#3333FF">Farakas</font></i>,
 +entrambi con il significato di <i><font color="#333333">lupo</font></i>,
 +anche se non è possibile escludere un'origine araba legata al termine
 +<i><font color="#3333FF">farah</font></i> (<i><font color="#666666">gioia,
 +gioiello</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARALDI
 +<br>FARALDO
 +<br>FARALLI
 +<br>FARALLO
 +<br>FERALDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faraldi sembrerebbe originario della provincia d'Imperia, Faraldo ha un
 +ceppo nel casertano a Trentola-Ducenta ed a Caserta ed un ceppo a Pignola
 +nel potentino, Faralli ha un nucleo toscano, soprattutto ad Arezzo e nell'aretino
 +a Castiglion Fiorentino, Cortona, Civitella In Val Di Chiana e Marciano
 +della Chiana, ed uno nell'iserniese a Monteroduni, Farallo ha un ceppo
 +a Giuliano di Roma nel frusinate ed a Roma ed uno a Molfetta nel barese,
 +Feraldi, praticamente unico, sembrerebbe romano, dovrebbero tutti derivare
 +da modificazioni del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Faraldus</font></i> derivato
 +dal germanico <i><font color="#3333FF">Farawald</font></i> composto dai
 +termini <i><font color="#3333FF">fara</font></i> = <i><font color="#999999">famiglia,
 +dominio</font></i> e <i><font color="#3333FF">wald</font></i> = <i><font color="#999999">governo</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#999999">colui che governa la famiglia
 +o la comunità</font></i>, è anche possibile, soprattutto
 +per il primo una derivazione dal nome medioevale francese <i><font color="#3333FF">Fallard</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARANDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario della Sicilia orientale,
 +potrebbe essere una modificazione dialettale del nome medioevale Ferrando
 +(Ferdinando).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Faranda è un cognome del Messinese, del Catanese e del Reggino.
 +Dovrebbe venire dal toponimo in zona etnèa Faranda o dall'altro
 +Faranda, contrada di Ucrìa (ME). Potrebbe però anche essere
 +formato, in relazione alla località di provenienza, dalla denominazione
 +Faro o Fara. Numerosi sono i toponimi Faro o Fara sparsi in tutta l'Italia,.
 +Non è da escludersi, per Faranda, il significato di una terra "molto
 +illuminata".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARAON
 +<br>FARAONE
 +<br>FARAONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faraon è decisamente veneto, del trevisano e del veneziano, in particolare
 +a Vittorio Veneto e Tarzo nel trevisano e ad Eraclea e spinea nel veneziano,
 +Faraone è tipico del centrosud con una grossa concentrazione in
 +Sicilia e nel palermintano a Palermo in particolare, Faraoni è specifico
 +di Toscana, Marche e Lazio, possono derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Faraon,
 +Faraonis</font></i> di cui abbiamo un esempio nell'<i><font color="#3366FF">Historia
 +Longobardorum</font></i> di Paolo Diacono: "<font color="#CC33CC">...Tunc
 +filius eius Aripert iterum bellum parans, pugnavit cum Liutperto rege aput
 +Ticinum cumque Ansprando et Atone et Tatzone necnon et Rotharit ac </font><font color="#FF0000">Faraone</font><font color="#CC33CC">.
 +..</font>", ma è anche possibile che provengano da soprannomi originati
 +da nomi di località come ad esempio vediamo possibile già
 +nell'anno 971 a Montoro (AV): "<font color="#CC33CC">...Memoratorium factum
 +a me Maraldus presbiter filius Lanfrid (...) michi dedit Petrus filius
 +Musi (...) tenere ad sue potestati terris bacue, et castanieta, et abellanieta,
 +et arvustum, quod pars ecclesie Sancti Maximi habet in locum Muntoru finibus
 +rotensis, et illut qui dicitur </font><font color="#FF0000">da Faraone,</font><font color="#CC33CC">
 +idest da bia que est supra casa de filii Adelgardi et usque ribus siccu
 +...</font>" o da toponimi come Faraone (TE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">(<font color="#CC33CC">vedi FALCHE</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARDIN
 +<br>FARDINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fardin è tipicamente veneto, di Scorzè, Venezia, Martellago
 +e Noale nel veneziano, di Trebaseleghe e Villanova di Camposampiero nel
 +padovano e di San Fior, Vittorio Veneto, Sarmede, Mogliano Veneto e Conegliano
 +nel trevisano, Fardini è quasi unico, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite apocope dialettale, dall'aferesi del cognome <i><font color="#3333FF">Bonfardini</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BONFADINI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del milanese e varesotto,
 +dovrebbe derivare dal vocabolo latino faber (fabbro) modificato dal dialetto,o
 +da soprannomi legati ad un toponimo come Fara Gera d'Adda (BG) o Fara Novarese
 +(NO). Fara in longobardo indicava un corpo di spedizione e spesso un villaggio,
 +come nucleo mobilitabile in guerra, questo cognome pertanto potrebbe essere
 +di origine longobarda, ed indicherebbe l'appartenenza ad una fara.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine campana delle provincie
 +di Napoli ed Avellino, dovrebbe derivare dal termine longobardo fara (corpo
 +di spedizione militare).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARETRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faretra ha un ceppo a Grottaminarda nell'avellinese ed uno a Corato e Bari
 +nel barese e ad Orta Nova nel foggiano, potrebbe derivare da un antico
 +soprannome originato dal mestiere del capostipite, forse un artigiano costruttore
 +di <i><font color="#3333FF">faretre</font></i>, cioè i cilindri,
 +normalmente di pelle, usati come <i><font color="#666666">contenitori per
 +frecce</font></i> o dardi per archi o balestre, o forse un addetto al rifornimento
 +delle frecce per gli arcieri o balestrieri in battaglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARFAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farfaglia è tipicamente calabrese, della zona tra catanzarese e
 +vibonese, dovrebbe derivare da un soprannome basato su di un termine dialettale
 +per farfalla.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARGION
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fargion è un tipico cognome ebraico con un ceppo a Milano ed uno
 +a Roma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARGIONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fargione sembrerebbe tipicamente siciliano, di Modica nel ragusano, dovrebbe
 +derivare dal nome della contrada Fargione appunto di Modica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARIA
 +<br>FARIAS
 +<br>FARIELLO
 +<br>FARII
 +<br>FARIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faria è pressocchè unico, Farias, assolutamente molto raro,
 +è specifico di Napoli, Fariello ha un piccolo ceppo a Vasto nel
 +teatino, uno nel barese a Corato e Toritto, ed uno nella fascia campana
 +che comprende il salernitano, con Cava de' Tirreni, Salerno, Nocera Inferiore,
 +Roccadaspide e Pisciotta ed il napoletano con Napoli, Bacoli, Pozzuoli
 +e Quarto, Farii, praticamente unico, sembrerebbe
 +pugliese, Fario è assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare,
 +direttamente o tramite una forma ipocoristica dialettale, da una forma
 +apocopaica del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Fariaricus</font></i>,
 +derivato dal nome celta <i><font color="#3333FF">Fariarix</font></i> (<i><font color="#666666">il
 +Re dei Fari</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARINA
 +<br>FARINACCI
 +<br>FARINACCIO
 +<br>FARINARI
 +<br>FARINARO
 +<br>FARINATI
 +<br>FARINAZZO
 +<br>FARINELLI
 +<br>FARINETTI
 +<br>FARINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farina è diffuso in modo notevole in tutt'Italia, Farinacci ha un
 +ceppo umbro a Terni ed a Gualdo Tadino nel perugino, uno a Chieti ed uno
 +a Roma, Farinaccio è specifico della provincia di Campobasso, di
 +Gildone e della stessa Campobasso, Farinari è quasi unico ed è
 +probabilmente dovuto ad una diversa trascrizione di Farinaro che sembrerebbe
 +specifico del casertano, di Aversa in particolare, Farinati ha un ceppo
 +a Verona ed a Rovereto nel trentino ed uno a Mirano nel veneziano, Farinazzo
 +è tipicamente veneto del veronese e del padovano, Farinelli è
 +molto diffuso in tutta l'Italia centrosettentrionale, con massima concentrazione
 +nella fascia che comprende la Romagna, le Marche, l'Umbria ed il Lazio,
 +e con piccoli ceppi anche nel sassarese e nel napoletano, Farinetti è
 +specifico della zona che comprende il torinese, il cuneese, l'astigiano,
 +l'alessandrino ed il genovese, Farini sembrerebbe avere un ceppo nel bolognese
 +a Bologna, Monghidoro e San Benedetto Val di Sambro, uno nell'aretino a
 +Poppi, Arezzo, Cortona e Chiusi Della Verna, ed in Sicilia a Mezzojuso
 +(PA), dovrebbero tutti derivare, direttamente o tramite variazioni ipocoristiche
 +o simili, da soprannomi legati al mestiere di mugnaio o di lavorante presso
 +un mugnaio derivanti dal termine latino medioevale <i><font color="#3366FF">farinarius</font></i>
 +(<i><font color="#999999">mugnaio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARIOLI
 +<br>FARIOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farioli ha un nucleo nel nordmilanese e varesotto ed uno in Emilia, soprattutto
 +nel reggiano, Fariolo è praticamente unico, dovrebbero derivare
 +da nomi di località derivati dal termine tardo latino fariolus (chi
 +dice il vero, chi pronuncia vaticinii), nel reggiano è presente
 +una località del comune di Castelnovo ne' Monti (RE) chiamata Fariolo,
 +con lo stesso nome si chiama una località di Cravegna (VB), tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo nel casertano con il sacerdote Iohannes
 +Fariolus, che nella prima metà del 1300 è parroco in una
 +chiesa di Orta di Atella, a Bologna nella seconda metà del 1300
 +con un certo Philippus Fariolus citato in un testo del 1403: "<font color="#CC33CC">...et
 +maxime infrascripti, quorum nomina sunt ... ... Paulus de Galexio, </font><font color="#FF0000">Philippus
 +Fariolus</font><font color="#CC33CC">, Petrus Francisci de Bonandreis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARISEI
 +<br>FARISELLI
 +<br>FARISEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farisei molto raro sembrerebbe del viterbese, Fariselli invece è
 +specifico della zona che comprende il bolognese ed il ravennate, Fariseo,
 +rarissimo è tipico del pavese al confine con l'alessandrino, dovrebbero
 +derivare da un soprannome originato dal vocabolo fariseo; traccia di questa
 +cognominizzazione si trova a Melegnano nel 1400 con il sacerdote <a href="http://www.melegnano.net/chiesa0203.htm">Donato
 +Farisei</a> parroco dal 1450 al 1455.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARNE'
 +<br>FARNIA
 +<br>FARNIANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farnè è molto diffuso a Bologna e nel bolognese, a Castel
 +San Pietro Terme, Casalecchio di Reno e San Lazzaro di Savena, Farnia,
 +assolutamente rarissimo, è veneto, Farniani è praticamente
 +unico, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da aree come il Frignano
 +nel modenese, o da nomi di località caratterizzati dalla presenzia
 +di un bosco di <i><font color="#3333FF">farnie</font></i> (<i><font color="#666666">tipo
 +di quercia</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARNELLA
 +<br>FARNELLI
 +<br>FARNELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farnella sembrerebbe unico, Farnelli ha varie e sparute presenze sparse
 +ed un piccolo ceppo a Perugia, Farnello sembrerebbe ormai scomparso in
 +Italia, dovrebbero derivare da un soprannome medioevale basato su di un
 +ipocoristico del termine tardo latino <i><font color="#3333FF">farnus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">farnia</font></i>, o <i><font color="#666666">farnello</font></i>,
 +un tipo di quercia ghiandifera, il quercus peduncolata dei botanici), ma
 +non si può escludere che possa derivare da un nome di località
 +che faccia riferimento alla presenza di un bosco di farnie o di farnelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARNESE
 +<br>FARNESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00farnese.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="75" height="84"><font size="-1">Farnese
 +è molto raro, forse umbro, marchigiano, mentre Farnese sembra essere
 +specifico pisano, con ceppi in Umbria e Marche,&nbsp; dovrebbero avere
 +origini da un soprannome legato alla vicinanza ad un bosco di farnie (un
 +genere di quercia).&nbsp; La nobile famiglia Farnese inizia ad essere menzionata
 +nel 1300, quando acquista un rango nobiliare e riceve un proprio feudo,
 +per servizi resi al Papato,&nbsp; i Farnese oltre a vari alti prelati e
 +principi, annoverano anche un Papa il cardinale Alessandro Farnese che
 +fu fatto Papa con il nome di Paolo III.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARNETI
 +<br>FARNETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farneti è tipico del forlivese
 +e dovrebbe derivare dal nome di località Monte Farneto (FO), con
 +un ceppo anche in Umbria che dovrebbe derivare dal toponimo Farnetta Montecastrilli
 +(TR), mentre Farnetti, molto raro, sembrerebbe laziale e dovrebbe derivare
 +dal toponimo Farneto in Ciociaria, elemento comune è comunque la
 +derivazione originaria del nome dalla presenza nelle vicinanze di boschi
 +di querce farnie.&nbsp;&nbsp; Tracce di questo cognome si hanno già
 +con Petrus de Farneto che combatté in Sicilia i Normanni nel 1134,
 +nel ravennate nel 1302 venne stipulato un contratto di affitto tra il Vescovo
 +e un certo prete Pino di Farneto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARNOCCHI
 +<br>FARNOCCHIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farnocchi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe come Farnocchia, meno raro,
 +tipico del lucchese, della zona di Camaiore e Viareggio, potrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">farnus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">frassino</font></i>) forse per la presenza di
 +un piccolo bosco di questi alberi nelle vicinanze dell'abitazione della
 +famiglia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Franco
 +Pettinato</font></font>
 +<br>Deriva dal toponimo Farnocchia (fraz. del comune di Stazzema-LU) ovviamente
 +da riferire a <i><font color="#3366FF">farnia</font></i> altro nome del
 +frassino in latino <i><font color="#3366FF">farnus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAROLDI
 +<br>FAROLDO
 +<br>FEROLDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faroldi è tipico del parmense, di Fidenza, Parma, Soragna e Busseto,
 +Faroldo invece sembrerebbe unico ed è probabilmente dovuto ad errori
 +di trascrizione, Feroldi invece sembra specifico del bresciano e del cremonese,
 +in particolare di Bagnolo Mella (BS) e di Ostiano (CR), dovrebbero tutti
 +derivare dal nome medioevale di origine longobarda <i><font color="#3366FF">Feroldus</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Faroldus</font></i>, di cui abbiamo un
 +esempio in quest'atto del 1096: "<font color="#CC33CC">Sacrosancte ecclesie
 +in honore Dei et genitricis sue atque Beati Vincentii (martiris) dicate,
 +quam domnus ac venerabilis Berardus episcopus ad regendum habere videtur.
 +Ego Wilelmus de Toria reminiscens antecessorum meorum injurie, veniens
 +in presentiam supradicti presulis et canonicorum suorum, scilicet in capitulo,
 +reddidi potestatem Odromari et ecclesiam Beati Andree, cum terris et decimis
 +et oblationibus, pratis, silvis, aquis aquarumque decursibus. Hoc donum
 +et redditionem fratres sui Ugo et Bernardus confirmaverunt et laudaverunt.
 +Hujus rei testes sunt Letaldus, </font><font color="#FF0000">Feroldus</font><font color="#CC33CC">,
 +Rodulfus Trioli, Wilelmus archipresbiter.</font>", un inizio di queste
 +cognominizzazioni lo troviamo in una <i><font color="#3366FF">Carta guadie
 +et promissionis</font></i> del 1170 a Milano: "<font color="#CC33CC">...Signa
 +manuum eorum qui pro testibus interfuerunt: Rogerius Vicecomes, Rogerius
 +de Mamma, Rogerius Marcellinus, Lafrancus Litta, Gandolfus et Iohannes
 +qui dicuntur </font><font color="#FF0000">Faroldi</font><font color="#CC33CC">
 +fratres, Galdinettus Bottacius, </font><font color="#FF0000">Ambrosius
 +Faroldus</font><font color="#CC33CC">,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAROLI
 +<br>FAROLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faroli è praticamente unico, Farolini, assolutamente rarissimo,
 +è del parmense, si dovrebbe trattare di forme ipocoristiche semplici
 +o doppie del nome medioevale di origine germanica <i><font color="#3333FF">Farus</font></i>,
 +derivato dal nome medioevale tedesco <i><font color="#3333FF">Fahre</font></i>,
 +nome che è stato originato dal termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">fahrer</font></i>
 +(<i><font color="#666666">guida, duce</font></i>), che ha prodotto il vocabolo
 +tedesco moderno <i><font color="#3333FF">führer</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARONATO
 +<br>FARRONATO
 +<br>FERONATO
 +<br>FERRONATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faronato, assolutamente rarissimo, è probabilmente dovuto ad errori
 +di trascrizione del cognome Farronato che è un cognome tipico del
 +vicentino, Feronato, estremamente raro è probabilmente un errore
 +di trascrizione di Ferronato che è molto diffuso tra padovano e
 +vicentino, si dovrebbe trattare di una forma patronimica
 +tipicamente veneta in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>, dove il
 +suffisso sta per il figlio di, riferito ad un capostipite, il cui padre
 +si chiamasse <i><font color="#3366FF">Ferrone</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FERRONE</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gabriele
 +Farronato</font></font>
 +<br>Il cognome Farronato è tipico di Romano d'Ezzelino (VI) dove
 +però nel 1410 figura come Dal nerva. due di questa famiglia si sono
 +trasferiti nell'area più verso monte del paese, probabile sede della
 +<i><font color="#3366FF">Farra</font></i> longobarda. da qui il soprannome&nbsp;
 +<i><font color="#3366FF">De Faronatis</font></i>: la forma con doppia è
 +dell'Ottocento, mentre quella di Faronato e la variante Ferronato sono
 +dello stesso periodo. Vale a dire che la grafia del cognome per questa
 +zona si scrive come è stata registrata dai comuni con gli atti napoleonici
 +di stato civile a partire dal 1806.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARRE
 +<br>FARRIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farre, abbastanza raro, è specifico del sassarese, Farris è
 +particolarmente diffuso nel cagliaritano, derivano dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">farre</font></i>
 +- <i><font color="#3366FF">farris</font></i> (<i><font color="#666666">farina
 +d'orzo, semolino</font></i>), quindi indica il mestiere o di mugnaio o
 +di venditore di farina o è originato da un soprannome legato a caratteristiche
 +comportamentali del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARRI
 +<br>FARRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farri è specifico del raggiano, Farro è tipico campano, con
 +un ceppo nella zona di Battipaglia (SA) ed uno a Bacoli (NA), dovrebbero
 +derivare da un soprannome originato o dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">far-farris</font></i>
 +(<i><font color="#666666">farro</font></i>), tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo nel 1500 a Fano (PU) con il libraio e stampatore Domenico Farri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARRUGGIA
 +<br>FARRUGGIO
 +<br>FARRUGIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00farruggia.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="80" height="80"><font size="-1">Tutti tipici della Sicilia, dell'agrigentino in particolare, sono di origine
 +maltese e dovrebbero derivare da un soprannome originato dal vocabolo arabo
 +<i><font color="#3366FF">farrug</font></i> o <i><font color="#3366FF">farrudja</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pollastro</font></i>), troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +a Malta nel 1400 in un atto: "<font color="#CC33CC">...Nos Manfreddus Axach
 +Judex annalis curie Civilis Civitatis Maltae </font><font color="#FF0000">Laurentius
 +Farrugius</font><font color="#CC33CC"> Civitatis et Insularum Maltae et
 +Gaudisii et Reginalis Cammare publicus notarius et testes subscripti..:</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Farruggio è un'altra forma del cognome siciliano Ferruggia che
 +viene dalla voce calabrese '<i><font color="#3333FF">ferrùggia</font></i>'
 += <i><font color="#666666">ferula </font></i>(n.d.r. Bacchetta usata un
 +tempo per castigare gli scolari).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARSURA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farsura, assolutamenre rarissimo, è specifico dell'area vicentino
 +padovana, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine semidialettale
 +contratto arcaico <i><font color="#3333FF">farsura</font></i> (<i><font color="#666666">farcia,
 +farcitura</font></i>), probabilmente attribuito ad un capostipite che di
 +mestiere facesse il cuoco o il rosticcere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARUFFINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico delle provincie di Milano
 +e Lodi, dovrebbe derivare da un nome in uso presso i Franchi: Fardulf.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARUSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farusi ha un ceppo a Massa, potrebbe derivare dal nome francese <i><font color="#3366FF">Faroux</font></i><font color="#000000">
 +o potrebbe anche essere di origini longobarde e derivare da un soprannome
 +originato </font>dal vocabolo longobardo <i><font color="#3366FF">fara</font></i>
 +(<i><font color="#999999">clan, villaggio, gruppo famigliare</font></i>)
 +con il significato quindi di appartenente ad una particolare <i><font color="#3366FF">fara</font></i>
 +riferito al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FARUSSI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Farussi ,ormai scomparso in Italia, sembrerebbe un cognome del centro
 +Italia abruzzese, della zona di Rivisondoli (AQ), e del rietino della zona
 +di Montasola, dovrebbe derivare dal vocabolo longobardo <i><font color="#3366FF">fara</font></i>
 +(<i><font color="#999999">clan, villaggio, gruppo famigliare</font></i>)
 +con il significato quindi di appartenente ad una particolare <i><font color="#3366FF">fara</font></i>
 +riferito al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fasana è tipico di Cernobbio nel comasco, dovrebbe derivare da un
 +soprannome originato dal vocabolo dialettale <i><font color="#3366FF">fasana</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fagiana</font></i>), forse a sottolineare una
 +notevole tendenza a pavoneggiarsi dea parte del capostipite, tracce di
 +questa cognominizzazione le troviamo a Lignana nel vercellese fin dalla
 +seconda metà del 1200, quando un Fasana fonda il locale ospedale
 +di Santa Maria detto poi dei Fasana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASANI
 +<br>FASANELLI
 +<br>FASANELLO
 +<br>FASANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fasani ha due nuclei, uno nelle provincie di Milano e Pavia che dovrebbe
 +derivare da un soprannome legato al termine dialettale <i><font color="#3333FF">fasan</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fagian</font></i>o), ed uno nelle provincie di
 +Brescia e Verona, quest'ultimo, assieme al ceppo trentino di Pomarolo e
 +Rovereto del cognome Fasanelli, dovrebbe derivare dal toponimo Fasano del
 +Garda nel bresciano, Fasanelli ha anche un ceppo pugliese a Canosa di Puglia
 +e Noci nel barese ed a Francavilla Fontana nel brindisino, assieme a Fasano,
 +che dovrebbe essere tipico del sud ed in particolare delle Puglie, Campania
 +e Calabria, dovrebbe discendere da toponimi come Fasana nel salernitano
 +o Fasano di Brindisi nel brindisino, da cui dovrebbe discendere l'assolutamente
 +rarissimo Fasanello, anch'esso pugliese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASCIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fascia ha un ceppo a Roma, uno a Venafro e Sesto Campano nell'iserniese,
 +uno nel napoletano, a Portici, Napoli e San Giorgio a Cremano, ed uno a
 +Foggia, San Marco la Catola e Calenza Valfortore nel foggiano, dovrebbe
 +derivare da nomi di località, come ad esempio la frazione Fascia
 +di Priverno nel latinense, o la Contrada Fascia&nbsp; di Ielsi nel campobassano,
 +ma è pure possibile che derivi da un'alterazione dialettale del
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fassia</font></i>, <i><font color="#3333FF">Fassius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FASSI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASIELLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fasiello è specifico del Salento, di Vernole, Lecce, Melendugno
 +e Surbo nel leccese e di Torchiarolo nel brindisino, dovrebbe derivare
 +da una forma ipocoristica del nome latino medioevale <i><font color="#3333FF">Fasius</font></i>,
 +una forma aferetica del nome <i><font color="#3333FF">Bonifasius</font></i>,
 +secondo un'altra, molto meno probabile, ipotesi potrebbe invece trattarsi
 +di un soprannome stante ad indicare un'origine del capostipite dalla città
 +marocchina di <i><font color="#3333FF">Faas</font></i> (Fez).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faso è tipicamente siciliano, del palermitano, di Caccamo. Termini
 +Imerese, Palermo, Montemaggiore Belsito, Cerda e Bagheria, si possono formulare almeno tre ipotesi
 +circa la possibile origine del cognome, da un soprannome basato sul termine
 +dialettale <i><font color="#3333FF">fauso</font></i> (<i><font color="#666666">finto,
 +falso</font></i>) contratto in <i><font color="#3333FF">faso</font></i>,
 +la seconda ipotesi propone una derivazione da una forma aferetica del nome
 +<i><font color="#3333FF">Bonifaso</font></i> (<i><font color="#3333FF">Bonifacio</font></i>),
 +la terza ipotesi propone una derivazione da un soprannome grecanico basato
 +sul termine greco antico <font color="#3333FF">φάσεως&nbsp; <i>faseos</i></font>
 +(<i><font color="#666666">parole</font></i>), forse ad indicare che il
 +capostipite fosse un facondo parlatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASOLI
 +<br>FASOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di Fasoli si individuano 3 ceppi, uno nelle provincie di Como, Milano,
 +Lodi e Cremona, uno nel veronese, uno nel chietino, Fasolo invece è
 +decisamente veneto, di Padova e del padovano in particolare, potrebbero
 +essere originati da un soprannome legato al termine dialettale antico <i><font color="#3366FF">fasolo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fagiolo</font></i>), che è poi divenuto
 +oggi <i><font color="#3366FF">fasoj</font></i>, derivato dal latino <i><font color="#3366FF">faseolus</font></i>,
 +il soprannome potrebbe essere nato o in memoria di qualcosa, o per esserne
 +il capostipite un coltivatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico veneto, di probabili origini trentine, dovrebbe prendere il nome
 +da uno dei vari toponimi della Val di Fassa (TN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASSETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un nucleo non secondario nel torinese, zona di Cumiana e Giaveno, che
 +dovrebbe derivare dal toponimo Fassetta di Giaveno, un ceppo a Montereale
 +Valcellina (PN) ed uno a Venezia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASSI
 +<br>FASSIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fassi è specifico delle province di Milano e Bergamo, potrebbe avere
 +un ceppo anche in Piemonte, Fassio è tipicamente piemontese, di
 +Asti soprattutto e di Rocca d'Arazzo nell'astigiano e di Torino, Collegno
 +e Chivasso nel torinese, con un ceppo anche a Genova ed in Liguria, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fassius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio d'uso nel 1197 in una <i><font color="#3333FF">Cartula
 +pacti et conventionis in loco Purbiane</font></i>, nel territorio di Vallio
 +nel bresciano: "<font color="#CC33CC">.. Et ibi statim Baiamundus et Favazius
 +consules tunc eligerunt et decernerunt hos duodecim homines qui debent
 +dicere et manifestare et laudare operas et labores quos aut quas villani
 +de Bernaco facere debent ad casstrum, silicet Canesster de Su</font><font color="#000000">(m)</font><font color="#CC33CC">vico
 +et Ra</font><font color="#000000">(m)</font><font color="#CC33CC">paius
 +et Temonus de Suvernicho et Dominicus et Bellesanus et Bec de Casstutino
 +et Ioh</font><font color="#000000">(anne)</font><font color="#CC33CC">s
 +Cerreti et Acerbus et </font><font color="#FF0000">Fassius</font><font color="#CC33CC">
 +de Porle et Grep de Vighole et Abas de Novolare et Mazoc de Oriolo.&nbsp;
 +..</font>", ma non è impossibile anche una derivazione da un soprannome
 +originato dal vocabolo tedesco <i><font color="#3333FF">fass</font></i>
 +(<i><font color="#666666">barile</font></i>), o <i><font color="#3333FF">fassen</font></i>
 +(<i><font color="#666666">prendere</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASSINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fassina ha un ceppo lombardo a Milano, Vigevano, Trivolzio, Garlasco, Bereguardo
 +e Pavia nel pavese ed a Lodi, ed uno veneto, in particolare nel padovano,
 +a Padova, Vigonza, Vigodarzere, Campodarsego, Borgoricco, Cadoneghe, Campo
 +San Martino e Trebaseleghe, a Venezia e Marcon nel veneziano ed a Montebelluna
 +e Castelfranco Veneto nel trevisano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale basato sul termine lombardoveneto <i><font color="#3333FF">fassina</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fascina</font></i>), forse attribuito a&nbsp;
 +capostipiti che di mestiere facessero il boscaiolo o andassero per i boschi
 +a raccogliere legna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FASSINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico delle province di Torino
 +e Cuneo, dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo tedesco
 +<i><font color="#3333FF">fass</font></i> (<i><font color="#666666">barile</font></i>) o <i><font color="#3333FF">fassen</font></i> (<i><font color="#666666">prendere</font></i>).&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FATIGATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Un nucleo nel napoletano ai confini
 +col casertano ed uno nell'aquilano, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +Fadigato (ottenuto con fatica), dato probabilmente ad un figlio dal parto
 +difficile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FATTACCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fattaccio è un cognome tipico del sassarese, in particolare di Castelsardo,
 +l'origine di questo cognome è oscura, potrebbe derivare da un soprannome
 +attribuito ad un capostipite riconosciuto come quello del fattaccio, ma
 +è una pura ipotesi senza nessun elemento di supporto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FATTORE
 +<br>FATTORI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fattore ha due ceppi distinti, uno nell'alta Campania, Molise, Abruzzo
 +e Lazio, ed uno in Veneto, Fattori è diffuso in tutto il centro
 +nord, derivano dal mestiere di fattore (gestore di un podere).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FATUZZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fatuzzo, tipicamente siciliano, ha un ceppo nel ragusano a Vittoria, Chiaramonte
 +Gulfi, Modica e Comisao, ed uno a Caltagirone nel catanese, dovrebbe derivare
 +da un soprannome dialettale originato da un ipocoristico del termine siciliano<i><font color="#3333FF">
 +fata</font></i> (<i><font color="#666666">farfalla</font></i>, ma anche
 +maga), forse sottolineando una caratteristica comportamentale del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAULI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, probabilmente
 +toscano, dovrebbe derivare dal nome longobardo Faulo, di cui si hanno tracce
 +fin dall'anno 650.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAURI
 +<br>FAURO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fauri è trentino della zona a nord di Trento, Bresimo in particolare,
 +Fauro è assolutamente rarissimo ed è molto probabilmente
 +veneto, potrebbero derivare dal nome longobardo Faulo, tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo in un atto processuale del XVII° secolo
 +a Valmareno (TV), dove si legge: "<font color="#CC33CC">...quella portar
 +da Virgoman a Visnà nell'orto di mastro </font><font color="#FF0000">Giacometto
 +Fauro</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAUSTI
 +<br>FAUSTINELLI
 +<br>FAUSTINI
 +<br>FAUSTINO
 +<br>FAUSTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fausti ha un ceppo nel bresciano ed uno nell'ascolano e nel ternano, Faustinelli,
 +abbastanza raro, è tipico di Ponte di Legno nell'alto bresciano,
 +diFaustini ha un nucleo tra bresciano, trentino e veronese, ed un ceppo
 +tra le province di Roma e Frosinone, Faustino, assolutamente rarissimo,
 +è del sud, Fausto, molto raro, ha un ceppo a Orvieto (TR) ed uno
 +secondario a Bagnoregio (VT), e presenta un piccolo nucleo anche tra napoletano
 +e salernitano, derivano tutti dal nome <i><font color="#3366FF">Fausto</font></i>,
 +che a sua volta deriva dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Faustus</font></i>,
 +ma, soprattutto i ceppi bresciani più probabilmente derivano dal
 +nome di San <i><font color="#3366FF">Faustino</font></i>, patrono della
 +città di Brescia, o da un suo ipocoristico.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00fava.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="50" height="61"><font size="-1">Diffuso in tutt'Italia, ma prevalentemente
 +nel centro nord, dovrebbe derivare da soprannomi legati al vocabolo fava,
 +quindi indicanti il mestiere dell'agricoltore o riferentesi ad un aneddoto
 +che sia collegato alle fave, potrebbe in alcuni casi derivare da toponimi
 +che contengano la radice Fava-. Nel 1400 troviamo ad Alba (CN) come esempio di questa cognominizzazione Giovannino
 +Fava de Alladio, che ricopriva la carica di siniscalco e mastro di casa
 +del marchese Bonifacio IV°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVALLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra originario dell'area che
 +comprende le provincie di Brescia, Verona e Mantova, ma potrebbe esserci
 +un ceppo anche nell'area tra Pavia e Milano (<font color="#CC33CC">vedi
 +Fava</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVALORO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00favaloro.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="43" height="70"><font size="-1">Specifico del palermitano, messinese ed Eolie, dovrebbe derivare da un
 +soprannome legato al vocabolo fava, ma potrebbe pure derivare da un nome
 +di località come punta Favaloro (Lampedusa). Presenti a Lipari fin
 +dalla prima metà del 1500, forse provenienti dalla Calabria.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Favaloro è cognome messinese, calabrese e napoletano, viene
 +dalla voce dialettale siciliana '<i><font color="#3333FF">favaloru</font></i>'
 += <i><font color="#666666">scroccone</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico siciliano, deriva dal
 +toponimo Favara (AG) il cui nome trae origine dal vocabolo arabo Rohal-Fewwar
 +(pozza d'acqua).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVARETTO
 +<br>FAVARO
 +<br>FAVARON
 +<br>FAVAROTTO
 +<br>FAVERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00favero.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="40" height="47"><font size="-1">Favaretto è molto diffuso nell'area che comprende il padovano, il
 +veneziano ed il trevisano, Favaro, ancora più diffuso, occupa la
 +stessa area, Favaron, decisamente meno diffuso, forse è più
 +specifico di padovano e veneziano, Favarotto, molto più raro, è
 +specifico di trevisano e veneziano, Favero oltre che in quell'area è
 +ben presente anche nel Trentino ed in Friuli, La zona d'origine di questi
 +cognomi dovrebbe essere tra le provincie di Padova, Venezia e Treviso,
 +potrebbero derivare dal termine dialettale antico <i><font color="#3366FF">favaro</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">favero</font></i> (<i><font color="#999999">fabbro</font></i>)
 +o dal toponimo Favaro Veneto (VE) o Faver (TN), il ramo trevigiano dei
 +Favero, che dovrebbe provenire da Favro di Solighetto (TV), nel 1200 fece
 +parte del Maggior Consiglio della Serenissima Repubblica di Venezia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gabriele
 +Favaretto</font></font>
 +<br>la famiglia Favaretto è originaria di Preganziol (TV), da ricerche
 +e consultazioni presso l'archivio della Parrocchia di Preganziol ho appurato
 +che la famiglia è sempre risieduta in quel comune almeno dal 1500.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>M. Francipane, ricalcando De Felice fa derivare il cognome Favaretto
 +da '<i><font color="#3333FF">fabbro</font></i>'. Invece F. Pittau&nbsp;
 +nel "Dizionario dei cognomi di Sardegna" II, p. 25, lo dice derivato dal
 +sostantivo "<i><font color="#3333FF">fava</font></i>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVARO'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favarò è un cognome tipico di Palermo e del palermitano,
 +con ceppi anche nell'agrigentino, potrebbe derivare da una forma etnica
 +dialettale del toponimo Favara nell'agrigentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVASULI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico del reggino.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">Integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Originario del reggino, questo cognome deriva da due voci dialettali
 +di origine greca e, cioè, il verbo <i><font color="#3366FF">fagheo</font></i>
 +e il sostantivo <i><font color="#3366FF">fasoulos</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#999999">mangia fagioli</font></i>. Si tratta, dunque,
 +della cognominizzazione di un soprannome attribuito al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVATI
 +<br>FAVATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favati è tipicamente toscano, del pisano e livornese ed in particolare
 +di Pisa, Favato, molto più raro, ha un piccolissimo ceppo nel padovano
 +ed uno nell'avellinese, potrebbero derivare dal termine <i><font color="#3366FF">favata</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sorta di minestra fatta con puree di fave</font></i>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo almeno dal 1500 a Pisa con
 +la famiglia benestante dei Favati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVAZZA
 +<br>FAVAZZI
 +<br>FAVAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favazza ha un piccolo ceppo nel veronese, uno nello spezzino, uno a Roma
 +ed uno in Sicilia a Bonte, Catania e Maletto nel catanese, uno a Terrasini
 +e Palermo nel palermitano ed uno a Leonforte nell'ennese, Favazzi ha un
 +ceppo lombardo a Vigevano nel pavese ed a Bergamo, e presenze in Sicilia,
 +probabili errori di trascrizione del precedente, o del successivo, Favazzo
 +è tipicamente siciliano, di Tortorici, Capo d'Orlando e San Fratello
 +nel messinese, dovrebbero derivare da soprannomi basati sul mestiere di
 +coltivatori e venditori di fave probabilmente svolti dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVENTE
 +<br>FAVENTI
 +<br>FAVENTO
 +<br>FAVENZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favente praticamente unico, è del salernitano, Faventi, quasi unico,
 +è dell'Italia centrale, Favento è specifico di Trieste, Favenzi,
 +assolutamente rarissimo, parrebbe del Friuli, Venezia Giulia, dovrebbero
 +tutti derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Faventius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in un'epistola degli inizi del quinto secolo:
 +"<font color="#CC33CC">Si ab ista causa dissimulavero, de qua tuae religioni
 +ecce iterum scribo; non solum Eximietas tua, sed etiam ipse, quisquis ille
 +est, in cuius causa </font><font color="#FF0000">Faventius</font><font color="#CC33CC">
 +sic raptus est, merito me culpabit, et recte reprehendet: iudicans utique,
 +si etiam ipse ad auxilium Ecclesiae confugisset, si ei simile aliquid accidisset,
 +ita me fuisse ab eius necessitate et tribulatione dissimulaturum....</font>",
 +ed un esempio illustre nello scrittore latino <i><font color="#3333FF">Marcus
 +Cetius Faventius</font></i> che ci tramandò il suo compendio sul
 +<i><font color="#3333FF">De Architectura</font></i> di Vitruvio, tracce
 +di questa cognominizzazione le troviamo agli inizi del 1500 con il matematico
 +Benedictus Victorius&nbsp; Faventius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVERIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere di origine del
 +comasco, dovrebbe essere una distorsione o un errore di trascrizione del
 +nome Saverio (anticamente s ed f erano molto simili).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVI
 +<br>FAVIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favi è tipicamente toscano, di Prato, Firenze, Quarrata nel pistoiese
 +e Sarteano nel senese, Favia ha un nucleo pugliese, soprattutto a Bari,
 +con presenze significative anche a Valenzano, Acquaviva delle Fonti, Modugno,
 +Adelfia, Cassano delle Murge e Noicattaro, sempre nel barese, un ceppo
 +a Roma ed uno a Bolognetta nel palermitano, si dovrebbe trattare di forme
 +betacistiche derivate dal nome della <i><font color="#3333FF">Gens Fabia</font></i>
 +o dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Favius</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio d'uso nel De Origine actibusque getarum: "<font color="#CC33CC">..qui
 +septima sui alvei parte per mediam influit civitatem, ad ostia sua amoenissimum
 +portum praebens, classem ducentarum quinquaginta navium Dione referente
 +tutissima dudum credebatur recipere statione, qui nunc, ut </font><font color="#FF0000">Favius</font><font color="#CC33CC">
 +ait, quod aliquando portus fuerit, spatiosissimus ortus ostendit arboribus
 +plenus..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVIANI
 +<br>FAVIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Faviani, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza nell'aretino e nell'ascolano,
 +Faviano è quasi unico, dovrebbero derivare da una forma betacistica
 +del cognomen latino <i><font color="#3333FF">Fabianus</font></i>, originato
 +dal nome gentilizio della <i><font color="#3333FF">gens Fabia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVIERI
 +<br>FAVIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favieri, molto molto raro, sembrerebbe tipico del paese di Praia a Mare
 +nel cosentino, Faviero, assolutamente rarissimo, quasi unico, sembrerebbe
 +lucano, potrebbe derivare dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Favier</font></i>,
 +che sembrerebbe originato dal mestiere di coltivatore di fave, ma non si
 +può escludere possa anche trattarsi di un errore di trascrizione
 +o del cognome <i><font color="#3333FF">Faverio</font></i> o di <i><font color="#3333FF">Favero</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVINI
 +<br>FAVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favini è decisamente lombardo, di Milano, Lainate, Rho e Cornaredo
 +nel milanese, di Lodi e di Cremona, e del Piemonte orientale, con massima
 +concentrazione a Varallo Pombia nel novarese, Favino, decisamente meno
 +comune, ha un ceppo nel novarese a Trecate e Novara, uno a Roma ed uno
 +a Foggia, dovrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Favinus</font></i>,
 +uno dei nomi gentilizi della <i><font color="#3333FF">Gens </font></i><font color="#000000">plebea
 +</font><i><font color="#3333FF">Fannia</font></i>, ricordiamo con questo
 +nome lo scrittore latino del IV° secolo Remmius Favinus, l'autore del
 +<i><font color="#3333FF">De ponderum deque mensurarum vocabulis carmina</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVONE
 +<br>FAVONI
 +<br>FAVONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favone, assolutamente rarissimo, sembrerebbe originario del catanese, Favoni,
 +altrettanto raro, è invece settentrionale, Favonio, leggermente
 +meno raro, sembrerebbe pugliese, dovrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Favonius</font></i>,
 +il personale della <i><font color="#3333FF">Gens Favonia</font></i>, in
 +latino il <i><font color="#3333FF">favonius</font></i> o zephirus era il
 +nome del vento oggi chiamato più europeisticamente <i><font color="#3333FF">foehn</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">... Ventorum quattuor principales spiritus sunt.
 +Quorum primus ab oriente Subsolanus, a meridie Auster, ab occidente </font><font color="#FF0000">Favonius</font><font color="#CC33CC">,
 +a septentrione eiusdem nominis ventus adspirat; habentes geminos hinc inde
 +ventorum spiritus.&nbsp; ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVOT
 +<br>FAVOTTI
 +<br>FAVOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favot è tipico della provincia di Pordenone, di San Vito al Tagliamento,
 +Fiume Veneto, Casarsa della Delizia, Chions, Azzano Decimo e Pordenone,
 +Favotti, quasi unico è dell'udinese, Favotto oltre ad un piccolo
 +ceppo nell'udinese, ha un ceppo significativo nel trevisano a Paese (vedine
 +una <a href="http://www.melegnano.net/memorie/famil32.htm">storia</a>),
 +e presenze a Trevignano, Treviso e Volpago del Montello, potrebbe derivare
 +da una forma contratta di un soprannome dialettale ipocoristico originato
 +dal mestiere di <i><font color="#3366FF">favaro</font></i> o <i><font color="#999999">fabbro</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVRE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favre è tipico valdostano e della Savoia, deriva dal termine francese
 +fabre (fabbro).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAVRET
 +<br>FAVRETTI
 +<br>FAVRETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Favret, molto raro, è circoscritto alla bassa provincia di Pordenone,
 +Favretti invece ha un ceppo veneto tra pordenonese, bellunese, trevigiano
 +e veneziano ed uno emiliano tra ferrarese e bolognese, Favretto, il più
 +diffuso, ha un ceppo tra trevigiano, pordenonese e veneziano, con massima
 +concentrazione nel trevigiano a Castelfranco Veneto, Asolo, Riese Pio X°,
 +Altivole e Mogliano Veneto ed a Venezia, a dovrebbero derivare da un soprannome
 +dialettale originato dal mestiere di  <i><font color="#3366FF">favaro</font></i>
 +o <i><font color="#999999">fabbro</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAZARI
 +<br>FAZZARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipici della Calabria meridionale, tracce di queste cognominizzazioni
 +si trovano a Gerocarne (VV) fin dal XIII° secolo in un testo del 1265
 +leggiamo: "<font color="#CC66CC">...</font><font color="#FF0000">Iohannes
 +Fazarus</font><font color="#CC66CC"> tenet... in casali Gerocarne bone
 +pheudalia valentia...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +(Milano)</font></font>
 +<br>potrebbe avere alla base il nome Fazio, ipocoristico aferetico di Bonifazio,
 +è diffuso principalmente in Valle d'Aosta (31%). Seguono Calabria
 +28%, Piemonte 21%, etc. Il cognome reggino Fazari è presente nell'Italia
 +nord-occidentale con il 62% delle occorrenze. Si conferma il trend immigratorio.
 +Fazari ha una maggiore diffusione percentuale in Piemonte ed in Valle d'Aosta.
 +Fazari è il 1° Cognome in ordine di frequenza nella città
 +di Aosta.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi è, in realtà, da ricercare
 +nel vocabolo greco <i><font color="#3366FF">fassa</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#999999">colombo selvatico</font></i>, palombo, ad indicare
 +così il mestiere di cacciatore di palombi. Fazari e Fazzari dovrebbero,
 +infatti, essere cognomi nati all'interno dei dialetti greci del Sud, come
 +spesso avviene proprio nel reggino: si tratterebbe, allora, della cognominizzazione
 +di nomi di mestiere attribuiti ai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAZI
 +<br>FAZII
 +<br>FAZIO
 +<br>FAZZI
 +<br>FAZZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00fazio.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="80" height="68"><font size="-1">Fazi è tipico della fascia dell'Italia centrale che comprende Marche,
 +Umbria, Lazio, ed aquilano, Fazii è quasi unico, Fazio è
 +presente in tutta l'Italia meridionale e settentrionale, Fazzi, più
 +raro, ha ceppi nel Salento, nell'ennese, in Toscana e nel nord, Fazzio,
 +rarissimo è del catanese, derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fatius
 +</font></i>aferesi del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Bonifatius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio con Bonifazius (Bonifatius) da Canossa feudatario
 +dell'imperatore Ottone III° nel XI° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAZZALARI
 +<br>FAZZALARO
 +<br>FAZZOLARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fazzalari è tipico della zona di Taurianova e Cittanova (RC), Fazzolari,
 +sempre tipico del reggino, è della zona tra Taurianova e Gioiosa
 +Ionica, Fazzalaro è quasi unico e dovrebbe trattarsi di un errore
 +di trascrizione del cognome fazzalari.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Fazzalari e Fazzolari sono tipici del reggino, mentre Fazzalaro, rarissimo,
 +è originario del catanzarese. Per quanto riguarda la loro etimologia,
 +questi cognomi derivano tutti dal termine dialettale <i><font color="#3366FF">fazzalaro</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">fazzolaro</font></i>, che, nei dialetti greci
 +del Sud, indicava il mestiere di cacciatore di colombi selvatici, palombi.
 +Alla base di queste voci dialettali si trova, infatti, il vocabolo greco
 +<i><font color="#3366FF">fassa</font></i>, col significato appunto di palombo,
 +colombo selvatico. Si tratta, dunque, della cognominizzazione di nomi di
 +mestieri attribuiti al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FAZZINI
 +<br>FAZZINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fazzini sembra avere più ceppi, nel nordmilanese e lecchese, nel
 +veronese, nel fiorentino e nel Piceno, Fazzino molto raro dovrebbe essere
 +siracusano, derivano dal nome medioevale Fatius&nbsp; (Fazio, aferesi di
 +Bonifazio) di cui si hanno tracce nel 1100, ricordiamo il veronese San
 +Fazio (1190-1272) e lo troviamo a Pisa nel 1300 con: " Fatius de comitibus
 +de Donoratico, germanus fratris Gaddi superius nominati....".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fea dovrebbe essere nato nel cuneese, dove ha un ceppo, in particolare
 +a Fossano, Bene Vagienna, Savigliano, Narzole e Scarnafigi, con presenze
 +secondarie a Torino e ad Asti, potrebbe derivare dall'antico termine francese
 +medioevale <i><font color="#3333FF">feal</font></i> (<i><font color="#666666">fedele,
 +leale</font></i>), forse una caratteristica specifica dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Daniele
 +Zaia</font></font>
 +<br>Cognome astigiano. Dalla voce piemontese "<i><font color="#3333FF">feja</font></i>",
 +<i><font color="#666666">pecora</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEBI
 +<br>FEBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Febi ha un ceppo a Fermo nel Piceno, ed uno a Roma e Vicovaro nel romano,
 +Febo è tipicamente abruzzese, della provincia di Pescara in particolare,
 +di Pescara, Spoltore, Montesilvano, Città Sant'Angelo e Moscufo,
 +e di Chieti ed Ortona nel teatino, dovrebbero derivare dal nome latino
 +<i><font color="#3333FF">Foebus</font></i> (<i><font color="#3333FF">Febus</font></i>)
 +di origine greca, derivando a sua volta dal nome del dio greco del sole,
 +un attributo di Apollo, nome probabilmente portato dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEBBRAIO
 +<br>FEBBRARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Febbraro ha un ceppo tra ternano, viterbese e romano, uno nel napoletano
 +ed uno in Puglia nel brindisino e leccese, Febbraio è specifico
 +di Napoli e Casoria nel napoletano e di Santa Maria a Vico e Caserta nel
 +casertano, dovrebbe derivare dall'italianizzazione del termine latino medioevale
 +<i><font color="#3333FF">febrarius</font></i> (<i><font color="#666666">febbraio</font></i>),
 +a sua volta derivato dal latino <i><font color="#3333FF">februarius</font></i>,
 +con il medesimo significato di mese delle febbri, difficile ipotizzarlo
 +come nome attribuito a bambini nati in quel mese, si potrebbe trattare
 +di un cognome attribuito a dei trovatelli abbandonati durante il mese di
 +febbraio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FECAROTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine palermitana, potrebbe
 +derivare dal toponimo Ficarazzi di Palermo (PA), ma non sembra molto probabile.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fecarotta è un cognome palermitano trasformato per decenza da
 +Ficarotta. Deriva dalla voce '<i><font color="#3333FF">ficara</font></i>'
 += <i><font color="#666666">pianta che produce fichi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDA
 +<br>FEDERELLA
 +<br>FEDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedi è decisamente toscano, molto diffuso a Pistoia, Prato, Firenze,
 +Livorno e Grosseto e nelle loro province, Feda e Federella sono entrambi
 +estremamente rari ed è impossibile identificare una loro area di
 +origine. Una possibile derivazione potrebbe essere dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Fadia</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Fadius</font></i> modificato dal dialetto, un'altra
 +ipotesi, più probabile, potrebbe essere una derivazione dal vocabolo
 +medioevale <i><font color="#000099">feda</font></i>, <i><font color="#3333FF">fedus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">brutta, brutto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDALTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedalto è tipicamente veneto dell'area trevigiano, veneziana, di
 +Venezia e, nel trevigiano, di Quinto di Treviso, Morgano e Preganziol in
 +particolare, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fedaldo</font></i>
 +di cui abbiamo un illustre esempio nel piacentino Fedaldo Visconti, che
 +divenne papa Gregorio X° (1271-1276).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro, sembra tipico della Sicilia sud orientale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDELE
 +<br>FEDELI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedele è diffuso in tutta
 +Italia, Fedeli è proprio del centro nord, deriva dal nome Fedele
 +che a sua volta deriva dal cognomen latino Fidelis.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDERICI
 +<br>FEDERICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Federici è molto diffuso in Liguria, Lombardia, Emilia e Romagna,
 +Marche, Umbria e Lazio, Federico è diffuso in tutto il centrosud,
 +derivano dal nome medioevale germanico Fridericus, tracce di un principio di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Foligno nel 1300 con: "<font color="#CC33CC">Federicus quondam
 +</font><font color="#FF0000">Federici </font><font color="#CC33CC">de Fulgineo
 +prior</font>".  
 +<br>(<font color="#CC33CC">vedi anche FEDERIGHI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDERIGHI
 +<br>FEDERIGO
 +<br>FEDRIGA
 +<br>FEDRIGHI
 +<br>FEDRIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Federighi è specifico della Toscana nordoccidentale, di San Vincenzo
 +nel livornese, di Lucca, di Santa Maria a Monte nel pisano, di Pistoia
 +e di Massa e Firenze, Federigo, assolutamente rarissimo, sembrerebbe avere
 +un piccolissimo ceppo a Napoli, Fedriga è tipico del bresciano,
 +di Piancogno in particolare, Fedrighi ha un ceppo nel bresciano a Borno
 +ed uno nel veronese a San Pietro in Cariano e Negrar, Fedrigo è
 +molto diffuso in tutto il lombardoveneto, dovrebbe trattarsi di nomi probabilmente
 +portati dalla o dal capostipite, forme derivate dal nome medioevale di
 +origine germanica
 +<i><font color="#3366FF">Frithurik</font></i>,&nbsp; composto da <i><font color="#3366FF">frithu</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pace</font></i>) e <i><font color="#3366FF">rikia</font></i>
 +(<i><font color="#999999">ricco</font></i>), che significa perciò
 +<i><font color="#999999">ricco di pace</font></i>, da cui sono poi derivati
 +<i><font color="#3366FF">Friderigus</font></i> e poi <i><font color="#3366FF">Federigus</font></i><font color="#000000">,
 +di cui abbiamo un esempio negli </font><i><font color="#3366FF">Epigrammi</font></i><font color="#000000">
 +di Ugolino Verino (1438-1516): "</font><font color="#CC33CC">..Te quoque
 +terribilem sensit Germania regem, ipse licet Caesar sumptis invaserit armis
 +pannonios </font><font color="#FF0000">Federigus</font><font color="#CC33CC">
 +agros; Venetusque superbus, nequa tuas merces deferri possit in urbes..</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedon, non comune, è specifico del bellunese, di Domegge di Cadore
 +in particolare, di origine etimologica oscura, potrebbe derivare da un'alterazione
 +accrescitiva del termine ladino <i><font color="#3333FF">feder</font></i>
 +(<i><font color="#666666">coltello per scuoiare gli animali</font></i>),
 +ma quest'ipotesi è da considerare solo come larvata possibilità.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDRIGOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedrigotti, che sembrerebbe specifico di Tiarno di Sotto in Trentino, ha
 +anche un piccolo ceppo a Caldaro sulla Strada del Vino in Alto Adige, dovrebbe
 +derivare da forme ipocoristiche dialettali derivate dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Fedrericus</font></i> (<i><font color="#3333FF">Federico</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDRIZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fedrizzi è specifico di Trento e del trentino, di Ton, Nanno, Segonzano,
 +Lona-Lases e Cles e di Bolzano, con un ceppo secondario anche nel veronese,
 +dovrebbe derivare da un'italianizzazione del nome germanico <i><font color="#3366FF">Fritz</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">Friedrich</font></i>). Troviamo tracce di questa
 +cognominizzazione a Roncogno di Pergine Valsugana (TN) in un testamento
 +del 1698 dove è testimone un certo don Nicola Fedrizzi curato di
 +Roncogno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEDUZI
 +<br>FEDUZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feduzi ha un ceppo nel pesarese a Fermignano, Pesaro ed Urbania, ed uno
 +a Roma, Feduzzi, più raro, dovrebbe essere una forma alterata del
 +precedente, che dovrebbe derivare da un soprannome medioevale derivato
 +dal termine latino <i><font color="#3333FF">foedus</font></i> (<i><font color="#666666">patto
 +di alleanza</font></i>), probabilmente ad indicare nei capostipiti dei
 +federati, forse di origine illirica o dalmatica, troviamo tracce di queste
 +cognominizzazioni a Roma fin dal 1700 con un certo Giovanni Feduzi accusato
 +di giacobinismo e registrato tra gli indagati da parte della Republica
 +Romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEFE
 +<br>FEFE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fefe, quasi unico, è dovuto ad errori di trascrizione dove è
 +stato omesso l'accento, Fefè invece è diffuso soprattutto
 +al centro con un ceppo nel fiorentino, uno nel maceratese ed uno nel romano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Fefé</font></i>,
 +che, almeno in un primo momento, dovrebbe nascere da un'abbreviazione del
 +nome Raffaele (<font color="#CC33CC">vedi RAFAEL</font>): oggigiorno, comunque,
 +va notato che Fefé è usato come abbreviazione di diversi
 +nomi, che spesso iniziano con la <i><font color="#3366FF">F-</font></i>
 +(secondo un criterio simile a quello del nome Totò, che alcuni ricollegano
 +al nome Salvatore ed altri ad Antonio). Per quanto riguarda i cognomi in
 +questione, comunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fei è tipicamente toscano, di Firenze ed Arezzo in particolare,
 +e di Roma e Rocca di Papa nel romano, dovrebbe derivare da una forma aferetica
 +del nome <i><font color="#3333FF">Maffeo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FEO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELAPPI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe tipico della zona di Pisogne (BS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELETTI
 +<br>FELETTO
 +<br>FELLETTI
 +<br>FELLETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feletti ha un ceppo nell'alto trevigiano zona di Vittorio Veneto ed uno
 +a Ravenna e dintorni, Feletto è tipico del trevigiano e della parte
 +confinante della provincia di Pordenone, Felletti è molto diffuso
 +nel ferrarese con un ceppo forse non secondario nel torinese, Felletto,
 +praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione,
 +dovrebbero tutti derivare da toponimi come San Pietro di Feletto (TV) e
 +Feletto (TO).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Feletti è la forma pluralizzata dell'originario cognome Feletto;
 +Feletti è diffuso in maniera consistente in Veneto, nella provincia
 +di Treviso, ed in Romagna, a Ravenna, mentre un altro nucleo è presente
 +a Milano. Feletto sembrerebbe tipico dell'area compresa tra Treviso e Pordenone,
 +dove è localizzato: ciò, oltre all'etimologia del cognome,
 +farebbe intuire che andrebbe individuato proprio in quest'area il punto
 +d'origine e di irradiazione dei Feletto e dei Feletti. Infatti è
 +presente nella zona, in provincia di Treviso, il comune di San Pietro di
 +Feletto, che indurrebbe a considerare il cognome come derivato dalla toponomastica.&nbsp;
 +Feletto può avere due origini etimologiche: potrebbe derivare dal
 +verbo latino <i><font color="#3366FF">flere</font></i>, con il significato
 +di <i><font color="#999999">piangere</font></i>, oppure, ipotesi più
 +accreditata, da <i><font color="#3366FF">filices</font></i> e <i><font color="#3366FF">filictum</font></i>,
 +ossia <i><font color="#999999">luogo pieno di felci</font></i>. La regione
 +media del Friuli risulta appunto ricca di questa pianta, e da qui si desume
 +che Feletto significhi <i><font color="#999999">un abitato entro un bosco
 +di felci</font></i>.&nbsp; Il termine toponomastico è citato già
 +in un documento del 1293 in cui è scritto "<font color="#CC33CC">..in
 +loco qui dicitur </font><font color="#FF0000">Felet</font><font color="#CC33CC">
 +infra terram dominarum S. Quirini..</font>" e, in seguito, nel 1300 con
 +l'espressione "<font color="#CC66CC">in Villa de </font><font color="#FF0000">Feleto</font>":
 +entrambi i documenti indicavano il borgo di San Pietro di Feletto.&nbsp;
 +Un altro centro, sito a pochi chilometri di distanza da Torino, si chiama
 +Feletto, ma è ovvia l'estraneità di questo toponimo al fenomeno
 +di origine del cognome di ceppo veneto e friulano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELICE
 +<br>FELICI
 +<br>FELICINI
 +<br>FELICINO
 +<br>FELICIONE
 +<br>FELICIONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Felice ha un ceppo friulano, uno tra molisano e teatino ed è poi
 +ben distribuito tra Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, Felici
 +è invece tipico dell'area che comprende Emilia, Toscana, Marche,
 +Umbria e Lazio, Felicini, estremamente raro, ha un piccolo ceppo nel perugino
 +ed uno ancora più piccolo nel catanese, Felicino è praticamente
 +unico, Felicione, estremamente raro, sembrerebbe del teramano, Felicioni,
 +un poco più diffuso, è tipico della fascia centrale, delPiceno,
 +teramano, perugino, reatino, romano e viterbese, derivano tutti, direttamente
 +o tramite ipocoristici o accrescitivi, dal nome italiano <i><font color="#3333FF">Felice</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELICIANA
 +<br>FELICIANI
 +<br>FELICIANO
 +<br>FELIZIANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feliciana, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Feliciani che è tipico della fascia centrale
 +che comprende le Marche, l'Umbria, il Lazio e l'Abruzzo settentrionale,
 +Feliciano ha un ceppo a Roma ed uno nel napoletano a Napoli e Pollena Trocchia,
 +Feliziani è specifico della fascia che comprende le Marche, l'Umbria
 +ed il Lazio, dovrebbero tutti derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Felicianus</font></i>,
 +ricordiamo San Feliciano martire sotto Diocleziano: "<font color="#CC33CC">..Intra
 +urbem in monte Coelio sunt martyres Ioannes et Paulus in sua domo quae
 +facta est ecclesia post eorum martyrium et Crispinus et Crispinianus, et
 +s. Benedicta. In eodem monte est ecclesia s. Stephani protomartyris et
 +ibi reconditi sunt martyres Primus et </font><font color="#FF0000">Felicianus</font><font color="#CC33CC">;
 +in monte ave s. Bonifatius et in monte Nola s. Taciana...</font>".&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo ad esempio nel 1700, famosa
 +risulta la Lorenza Feliciani che andò in sposa al famosissimo Giuseppe
 +Balsamo, soprannominato Conte di Cagliostro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELISA
 +<br>FELISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Felisa è parmigiano, Felisi
 +è del milanese e lodigiano, dovrebbe derivare dal cognomen latino
 +Felix o anche da Felissimus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELITTI
 +<br>FELITTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Felitti sembrerebbe tipicamentelucano della zona di Vietri di Potenza e
 +Savoia di Lucania nel potentino, Felitto, quasi unico, è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, che dovrebbe derivare
 +dal toponimo Felitto (SA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELLA
 +<br>FELLE
 +<br>FELLI
 +<br>FELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fella ha un ceppo tra romano, frusinate ed iserniese, uno nel salernitano
 +ed uno nel tarentino, brindisino e leccese, Felle, molto molto raro è
 +della zona tra tarantino e brindisino, Felli ha un ceppo nel varesotto,
 +uno nel basso trentino, uno a Firenze e dintorni, ed uno nel ternano, nel
 +romano, nel reatino, nell'aquilano e nel frusinate, Fello, quasi unico,
 +sembrerebbe pugliese, tutti questi cognomi dovrebbero derivare da soprannomi
 +basati sul termine basso latino <i><font color="#3333FF">felo</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#666666">ribelle</font></i>, <i><font color="#666666">perfido</font></i>,
 +termine che potrebbe spiegarsi come una latinizzazione dell'antico sassone
 +<i><font color="#3333FF">felen</font></i>, <i><font color="#3333FF">fellan</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cadere, errare, ingannare</font></i>), termine
 +da cui è derivato il moderno <i><font color="#3333FF">fellone</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ribaldo, empio, scellerato</font></i>), difficile
 +è ipotizzare la possibile origine motivazionale di questo tipo di
 +soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELLET
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro sembra essere specifico della zona di confine tra pordenonese
 +e trevigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELLINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro, ha un ceppo nel forlivese, ed uno probabile nell'aquilano,
 +dovrebbero derivare dal nomen tardo latino Felinus, di cui abbiamo un esempio
 +nel 1400 con lo scrittore ferrarese Felinus Sandeus autore de l'<font color="#3366FF">Epitoma
 +de regno Apuliae et Siciliae</font>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fellini è cognome riminese. Potrebbe avere la stessa origine
 +del microtoponimo Fellina, frazione di Castelnuovo nei Monti (RE) che per
 +Olivieri (Nuova serie di appunti toponomastici emiliano- romagnoli&nbsp;
 +in : Joanni Dominico Serra ex munere laeto inferiae. Raccolta di studi
 +linguistici in onore di G.D. Serra, Liguori, Napoli, 1959, p. 293) deriva
 +dal lat. <i><font color="#3333FF">figlina</font></i> = <i><font color="#666666">fabbrica
 +di terrecotte</font></i>. Non si dimentichi che Rimini era famosa in epoca
 +romana proprio per tali fabbriche. Altro toponimo: Felline, in provincia
 +di Lecce. Per M. Francipane deriverebbe invece dal cognome Raffaeli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELLUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fellus, estremamente raro, è romano, di origini ebraiche, cognome che potrebbe
 +prendere il nome dalla località irachena di Fellugia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELTRE
 +<br>FELTRIN
 +<br>FELTRINELLI
 +<br>FELTRINI
 +<br>FELTRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feltre è tipicamente veneto, soprattutto del vicentino, Feltrin
 +è diffuso nel bellunese e nel trevigiano, Feltrini e Feltrino sono
 +assolutamente rarissimi, quasi unici, Feltrinelli, estremamente raro è
 +tipico dell'alto bresciano, ai confini con il Trentino nella zona del Garda,
 +dovrebbero derivare tutti direttamente o tramite ipocoristici da forme etniche o direttamente dal toponimo
 +Feltre (BL).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (Sondrio)</font></font>
 +<br>Feltrinelli è un cognome originario della provincia di Brescia,
 +precisamente di Gargnano, dove tuttora famiglie Feltrinelli sono presenti.
 +Arricchitasi col commercio del legname la nota famiglia Feltrinelli si
 +è successivamente dedicata all'editoria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FELLUGA
 +<br>FERLUGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Felluga è tipicamente triestino così come Ferluga, dovrebbero
 +derivare da modificazioni dialettali di patronimici originati da variazioni
 +del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Florius</font></i>, con l'aggiunta
 +del suffisso accrescitivo sloveno in <i><font color="#3366FF">-uga</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENARI
 +<br>FENAROLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenari, assolutamente rarissimo, è lombardo, così come il
 +meno raro Fenaroli, che è specifico della zona che comprende milanese,
 +bresciano e bergamasco soprattutto, a Tavernola Bergamasca, Predore, Sarnico,
 +Villongo, Solto Collina e Roncola, nel bresciano lo troviamo in particolare
 +a Pisogne, Brescia, Passirano, Marone, Corte Franca ed Iseo, e nel milanese
 +a Milano e Monza, dovrebbero derivare, direttamente o tramite una forma
 +ipocoristica, da un soprannome dei capostipiti, originato da un mestiere
 +legato al fieno, quale coltivatore o commerciante di fieno. Tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo a Bergamo fin dal 1500, nel 1521 un certo
 +Donato Fenaroli è priore del convento dei Crociferi di San Leonardo,
 +possiamo leggere nel <font color="#3366FF">De
 +Origine et Temporibus Urbis Bergomi, Venetiis, per Iohannem Antonium et
 +fratres de Sabio, 1532</font>: "<font color="#CC33CC">...Ventura Fenarolus
 +ex coniuratis unus, servituti mortem anteponens gladio Catonis uticensis
 +exemplo, se se transfodit. ...</font>", nel 1700 i nobili Fenaroli sono
 +proprietari terrieri ad Adro (BS).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (Sondrio)</font></font>
 +<br>questo cognome è abbastanza diffuso in Lombardia, soprattutto
 +nelle province di Bergamo e Brescia, ma anche nel Milanese, invece nelle
 +altre regioni italiane è più sporadico. Studi recenti attestano
 +la sua importanza e diffusione in provincia di Brescia: soprattutto a Brescia
 +città, Pisogne, Iseo e Marone. Peraltro il capostipite dei Fenaroli
 +bresciani è bergamasco, è Giacomo di Tavernola Bergamasca,
 +segnalato in quella zona già nel 1200. Il cognome deriva da una
 +vecchia professione, quella dei mercanti di fieno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENATI
 +<br>FENATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenati è specifico di Ravenna e del ravennate, di Lugo, Bagnacavallo,
 +Russi, Faenza e Fusignano, Fenato, molto più raro, è del
 +trevisano, di Montebelluna in particolare, dovrebbero derivare da soprannomi
 +medioevali legati al termine latino <i><font color="#3333FF">foenus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fieno</font></i>), ad indicare forse che i capostipiti
 +fossero dei lavoranti agrari addetti al taglio ed alla conservazione e
 +distribuzione del fieno.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENDERICI
 +<br>FENDERICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenderici, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Fenderico, che è specifico di Napoli.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Fenderico</font></i>,
 +che, nell'onomastica antica, nasce da una variante del più comune
 +<i><font color="#3366FF">Federico</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Federici</font>): dal punto di vista etimologico, infatti, va notato che
 +il nome Federico era conosciuto principalmente come <i><font color="#3366FF">Frederico</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Frederigo</font></i> nell'Italia medievale (derivando
 +dal germanico <i><font color="#3366FF">Friedrich</font></i>) e, in questo
 +senso, la pronuncia Fenderico risente di una metatesi della sillaba <i><font color="#3366FF">Fre-</font></i>,
 +trasformata appunto in <i><font color="#3366FF">Fer-</font></i> - il passaggio
 +da <i><font color="#3366FF">Fer-</font></i> a <i><font color="#3366FF">Fen-</font></i>
 +è dovuto probabilmente a un indebolimento della -r- di fronte alla
 +-d- che segue, assecondando una pronuncia di stampo dialettale. In conclusione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENECH
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00fenech.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="58"><font size="-1">Estremamente raro è tipico palermitano, di origine maltese
 +dovrebbe derivare da un soprannome originato dal vocabolo della lingua
 +maltese <i><font color="#3333FF">fenech</font></i> (<i><font color="#666666">coniglio</font></i>)
 +o, meno probabilmente, dal termine arabo <i><font color="#3333FF">fennech</font></i>
 +(<i><font color="#666666">la volpe del deserto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENELLI
 +<br>FENI
 +<br>FENINI
 +<br>FENINO
 +<br>FENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenelli, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nello spezzino, a Vernazza
 +in particolare ed uno a Napoli, Feni è quasi unico, dovrebbe essere
 +lombardo, Fenini abbastanza raro è tipico del sudmilanese e pavese,
 +Fenino, rarissimo è milanese, Feno, ancora più raro, forse
 +è torinese, dovrebbero derivare da soprannomi legati al vocabolo
 +latino fenum (fieno), ma è anche possibile che derivino dall'aferesi
 +del nomen latino <i><font color="#3333FF">Alfenus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Fenucci</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENILE
 +<br>FENILI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenile, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza in Piemonte e nel
 +teramano, Fenili, ha un ceppo lombardo nel bergamasco, a Bergamo, Dalmine,
 +Zanica ed Osio Sopra, uno toscano nel lucchese, a Capannori, Lucca e Camaiore,
 +ed uno romano, dovrebbero derivare da soprannomi o nomi di località
 +originati dal termine latino medioevale <i><font color="#3333FF">fenile,
 +fenilis</font></i> (<i><font color="#666666">fienile</font></i>), forse
 +ad indicare che i capostipiti producessero o commerciassero foraggi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENOCCHI
 +<br>FENOCCHIO
 +<br>FENOGLI
 +<br>FENOGLIETTI
 +<br>FENOGLIETTO
 +<br>FENOGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenocchi, molto raro, è distribuito sulla linea che congiunge Milano
 +a Pesaro, con maggiori presenze nel lodigiano, modenese e pesarese, Fenocchio
 +è tipico del Piemonte occidentale e del savonese, con ceppi anche
 +nel cremonese e bresciano, Fenoglio è specifico del Piemonte occidentale,
 +torinese e cuneese, Fenoglietto è tipico del torinese e di Foglizzo
 +in particolare, Fenogli e Fenoglietti sono quasi unici, dovrebbero derivare
 +da soprannomi medioevali originati dalla vicinanza con luoghi di coltivazione
 +dei finocchi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi, in effetti, va ricercata in varianti arcaiche
 +o dialettali del nome medievale <i><font color="#3366FF">Finocchio</font></i>,
 +in cui il riferimento all'omonima pianta va inteso in senso simbolico (per
 +una spiegazione più approfondita sull'origine del nome, <font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome Finocchio</font>). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti, anche se in alcuni casi non è
 +esclusa una derivazione da soprannomi o da nomi di mestiere (come quello
 +del finocchiaro o coltivatore di finocchi).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenotti sembra specifico di Nave nel bresciano con ceppi anche nella vicina
 +Concesio, si può ipotizzare una derivazione dal cognome francese
 +<i><font color="#3366FF">Fenot</font></i>, giunto nel bresciano all'epoca
 +della fuga dei Catari dalla Francia verso l'Italia, o ai tempi dell'arrivo
 +dei valdesi sempre nel bresciano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della Sardegna, dovrebbe derivare da una modificazione in lingua
 +sarda del vocabolo latino <i><font color="#3366FF">fenum </font></i>(<i><font color="#666666">fieno</font></i>),
 +o dal sardo <i><font color="#3366FF">fenu</font></i> (<i><font color="#666666">erba
 +palustre</font></i>), estremamente improbabile una derivazione dal vocabolo
 +latino <i><font color="#3366FF">fenus</font></i> (<i><font color="#666666">interesse</font></i>),
 +possibile che in qualche caso derivi da un antico toponimo come ad esempio
 +Nuraxi Fenu o Fenugheddu (OR).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENUCCI
 +<br>FENUCCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenucci, estremamente raro, ha un ceppo nell'anconetano ed uno a Roma,
 +Fenuccio è assolutamente rarissimo, dovrebbero derivare dalla modificazione
 +dell'aferesi del nomen latino <i><font color="#3333FF">Alfenus</font></i>, dalle <font color="#3366FF">Historiae</font>
 +di Tacito leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Publilium Sabinum praetorii
 +praefectum ob amicitiam Caecinae vinciri iubet, substituto in locum eius
 +</font><font color="#FF0000">Alfeno Varo</font><font color="#CC33CC">...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FENZI
 +<br>FENZINI
 +<br>FENZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fenzi ha un ceppo nel genovese, uno nel livornese ed uno tra veronese e
 +rovigoto, Fenzini, è praticamente unico, Fenzo è tipicamente
 +veneziano, dovrebbe derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal
 +nome Fenzo, una forma contratta del nome Fiorenzo o del nome Fidenzio,
 +di cui abbiamo un esempio illustre nella parrocca di San Fenzo (Fidenzio)
 +a Baone nel padovano, troviamo tracce di queste cognominizzazioni a Venezia
 +nella seconda metà del 1700 con Modesto Fenzo pregiato tipografo
 +ed editore.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="140"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEO
 +<br>FEOLA
 +<br>FEOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feo è tipico della Campania e Basilicata, con ceppi anche nel palermitano
 +e nel reggino, Feola è tipico campano, Feoli è specifico
 +del Lazio, del beneventano ed avellinese, dovrebbero derivare da una modificazione
 +dell'aferesi del nome Maffeo, di cui abbiamo un esempio nella seconda metà
 +del 1200 a Siena con Feus filius Angelerii dottore in legge e procuratore
 +legale: "<font color="#CC33CC">...Appareat omnibus evidenter quod </font><font color="#FF0000">Feus
 +</font><font color="#CC33CC">filius Angelerii, procurator Jacobi Ranuccini
 +et Neri...</font>", troviamo queste cognominizzazioni in una sentenza del
 +1799 a Napoli con un certo Francesco Feola di Procida.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERAGOTTI
 +<br>FERAGOTTO
 +<br>FEREGOTTI
 +<br>FEREGOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feragotti, decisamente friulano, quasi unico, è dell'udinese, Feragotto,
 +abbastanza raro, è specifico di Gemona del Friuli nell'udinese,
 +Feregotti è praticamente unico e dovrebbe essere dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Feregotto, tipico della zona di Trasaghis e di Osoppo
 +(UD), tutti questi cognomi dovrebbero derivare da ipocoristici di una modificazione dialettale
 +del nome <i><font color="#3333FF">Federico</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERALDESCHI
 +<br>FERRALDESCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feraldeschi, praticamente unico, è del ternano, Ferraldeschi ha
 +un ceppo umbro a Perugia e Marsciano nel perugino ed a Parrano nel ternano,
 +ed un piccolo ceppo anche a Roma, dovrebbero stare ad indicare l'appartenenza,
 +sostenuta dal suffisso di appartenenza <i><font color="#3333FF">-eschi</font></i>,
 +dei capostipiti ad un ramo collaterale di una famiglia <i><font color="#3333FF">Feraldi</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Faraldi</font></i> (<i><font color="#CC33CC">vedi
 +FARALDI</font></i>) a sua volta derivata dal nome del capostipite, il nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Faraldus</font></i> derivato dal nome
 +medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Farawald</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERAZZOLI
 +<br>FERAZZOLO
 +<br>FERRAZZOLI
 +<br>FERRAZZOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferazzoli è specifico di Monte San Giovanni Campano nel frusinate,
 +Ferrazzoli ha un ceppo a Roma, uno a Ripi, Monte San Giovanni Campano ed
 +Isola del Liri nel frusinate ed uno a Sezze nel latinense, Ferazzolo e
 +Ferrazzolo sono praticamente unici e dovrebbe trattarsi di errori di trascrizione
 +dei precedenti, che dovrebbero derivare da soprannomi originati dal mestiere
 +di fabbro svolto dai capostipiti, anche se non si può escludere
 +un'origine etnica dialettale dal nome del paese di Ferrazzano nel campobassano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERDEGHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferdeghini è tipico di Vezzano Ligure e di La Spezia nello spezzino,
 +di origini etimologiche oscure, si potrebbe ipotizzare una derivazione
 +da una forma ipocoristica di un alterato del nome <i><font color="#3333FF">Federigo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERDICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferdico è tipicamente siciliano, specifico di Palermo, dovrebbe
 +derivare da una forma arcaica alterata contratta, derivata da un'alterazione del nome
 +<i><font color="#3333FF">Federico</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERDINANDI
 +<br>FERDINANDO
 +<br>FERNANDA
 +<br>FERNANDI
 +<br>FERNANDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferdinandi è tipico del Lazio, di Roma in particolare e del romano,
 +di Tivoli e Mentana, e del frusinate, di Pontecorvo, Piedimonte San Germano
 +e Pignataro Interamna, Ferdinando è quasi unico, Fernanda è
 +quasi unico, Fernandi, assolutamente rarissimo, è del nord Italia,
 +Fernando ha un ceppo a Milano, uno a Roma ed uno a Napoli.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Ferdinando</font></i>
 +(con una variante in <i><font color="#3366FF">Fernando</font></i>), l'italianizzazione
 +cioè del personale germanico <i><font color="#3366FF">Frednand</font></i>,
 +che, composto dagli elementi <i><font color="#3366FF">fried </font></i>(<i><font color="#999999">pace)</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">nand</font></i> (<i><font color="#999999">audace,
 +ardito</font></i>), può essere tradotto come <i><font color="#999999">ardito
 +e risoluto nella ricerca della pace</font></i> (un significato affine a
 +quello del nome <i><font color="#3366FF">Federico</font></i>). Nonostante
 +la sua origine germanica, però, va notato che il nome Ferdinando/Fernando
 +appartiene per lo più alla cultura iberica, che, nel corso dei secoli,
 +ha avuto una certa influenza sull'onomastica italiana (tanto per fare un
 +esempio si pensi al nome Diego, importato direttamente dalla Spagna): in
 +particolar modo, è importante ricordare che Ferdinando e Fernando
 +furono i nomi di molteplici sovrani spagnoli e portoghesi, che, in diversi
 +casi, regnarono anche nel nostro paese, soprattutto nel sud Italia. Un'ultima
 +cosa prima di concludere: nel caso di una discendenza iberica, non è
 +escluso che alcune di queste famiglie abbiano un'origine ebreo-sefardita,
 +tenendo presente che cognomi quali Fernàndez, Hernàndez,
 +etc sono anche dei cognomi ebreo-spagnoli - a Roma, a dire il vero, l'origine
 +ebraica delle famiglie Fernando e Fernandes è attestata anche nelle
 +documentazioni ufficiali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERGNANI
 +<br>FERNIANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fergnani sembrerebbe specifico di Ferrara e di Vigarano Mainarda nel ferrarese,
 +Ferniani, molto raro, è specifico di Faenza (RA), potrebbero derivare
 +dall'etnico latino <i><font color="#3333FF">fernianus</font></i> (<i><font color="#666666">abitante
 +della Fernia</font></i>), forse per aver partecipato il capostipite alla
 +campagna di Britannia, la Fernia Circaria era in Scozia, è pure
 +possibile una derivazione dal nome della zona del Frignano, che prese il
 +nome dalla tribù ligure dei <i><font color="#3333FF">Friniati</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FRIGNATI</font>) che occuparono le terre dell'appennino
 +modenese in epoca preistorica, ma non si può escludere una possibile
 +derivazione da nomi di località caratterizzate dalla presenzia di
 +un bosco di <i><font color="#3333FF">farnie</font></i> (<i><font color="#666666">tipo
 +di quercia</font></i>), traccia dei Conti Ferniani a Faenza si trovano
 +già nel 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERIGATO
 +<br>FERIGATTO
 +<br>FERRIGATO
 +<br>FERRIGATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferigato, assolutamente rarissimo, sembrerebbe del veronese, Ferrigato,
 +diffuso nell'area veneta è particolarmente presente nel veronese,
 +Ferigatto e Ferrigatto sono praticamente unici, si dovrebbe trattare di
 +forme patronimiche venete in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i>,
 +riferite a capostipiti il cui padre si chiamasse <i><font color="#3366FF">Ferigo</font></i>
 +o Federico, le varianti in <i><font color="#3366FF">-atto </font></i>sono
 +alterazioni dialettali dei cognomi precedenti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERIGHETTI
 +<br>FERIGHI
 +<br>FERIGO
 +<br>FERRIGHETTI
 +<br>FERRIGHI
 +<br>FERRIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferighetto è quasi unico, Ferrighetto, comunque assolutamente rarissimo,
 +parrebbe del bellunese, Ferighi quasi unico è del rovigoto, così
 +come il meno raro Ferrighi che è presente anche nel veronese, Ferigo
 +è tipico dell'alto udinese zona di Paularo, Ferrigo, molto molto
 +raro, è dell'area padovana, dovrebbero tutti derivare, direttamente
 +o tramite forme ipocoristiche, dalla contrazione del nome <i><font color="#3366FF">Federigo</font></i>,
 +abbiamo un esempio a Rovigno dove nel 1740/41 è podestà un
 +certo Ferigo Bonlini, ma è pure possibile un collegamento con un
 +soprannome connesso con la lavorazione del ferro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERILLI
 +<br>FERRILLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferilli ha un ceppo a Fiano Romano (RM) ed uno nel Salento, soprattutto
 +a Casarano, a Gagliano Del Capo e a Morciano Di Leuca&nbsp; (LE), Ferrilli
 +parrebbe abruzzese, dovrebbero derivare da soprannomi originati dal mestiere
 +di artigiano del ferro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERILLO
 +<br>FERRIELLO
 +<br>FERRILLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferillo, molto molto raro è di Santa Maria Capua Vetere, estremamente
 +raro Ferriello è tipico del napoletano e deve considerarsi una variante
 +del cognome Ferrillo, decisamente più diffuso e specifico di Calvizzano
 +(NA) e dei limitrofi Marano di Napoli e Mugnano di Napoli, dovrebbero derivare
 +da soprannomi originati da mestieri collegati al trattamento del ferro,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad Afragola (NA) nel 1400
 +con un certo Carrafello Ferrillo proprietario terriero e ad Acerenza (PZ)
 +agli inizi del 1500 con il conte Giacomo Alfonso Ferrillo di origini napoletane.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERINI
 +<br>FERINO
 +<br>FERINU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferini ha un piccolissimo ceppo a Tarcento nell'udinese ed uno, leggermente
 +più consistente, a Semproniano nel grossetano, Ferino ha un ceppo
 +nell'udinese, a Lestizza, Pasian di Prato e Santa Maria la Longa, che potrebbero
 +derivare dal nome medioevale<i><font color="#3333FF"> Ferinus</font></i>,
 +ma Ferino ha anche un ceppo sardo a Cagliari ed Iglesias, Ferinu, assolutamente
 +rarissimo, sembrerebbe specifico del sassarese, questi potrebbero derivare
 +da soprannomi basati sul termine sardo <i><font color="#3333FF">ferinu</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ferino, bestiale</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>FERINU; FIRINU: derivano probabilmente dalla voce latina “<i><font color="#3333FF">ferinus</font></i>”,
 +nel significato di <i><font color="#666666">selvatico</font></i> o anche
 +<i><font color="#666666">timido, schivo</font></i>.&nbsp; Noi qui in Campidano
 +usiamo la voce “sirbonàtzu”, che è proprio del cinghiale,&nbsp;
 +oppure arèsti (vedi il cognome Arèsti). Si tratta di cognomi
 +poco diffusi e soprattutto Ferinu è molto raro. Firinu è
 +attualmente presente in 84 Comuni italiani, di cui 41 in Sardegna: Narbolia
 +97, Cabras 39, Oristano 35, etc. Nella penisola è Roma con 27 ad
 +avere il numero più alto. Ferinu è presente in 7 Comuni d’Italia,
 +di cui 5 in Sardegna: Sorso 5, Sedini 5, P. Torres, Narbolia ed Osilo con
 +un solo nucleo familiare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERIOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feriozzi ha un ceppo nel Piceno a San Benedetto del Tronto, Ascoli Piceno,
 +Colli del Tronto e Castel di Lama, e nel vicino Abruzzo, ed un ceppo a
 +Roma e ad Orte nel viterbese, potrebbe derivare da un'italianizzazione
 +del nome latino <i><font color="#3333FF">Fereolus</font></i>, nome di
 +un soldato martirizzato nel terzo secolo, non si può escludere anche
 +una possibile derivazione dal cognome francese <i><font color="#3333FF">Fériaux</font></i>
 +(pronuncia Feriò).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLA
 +<br>LA FERLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferla ha un ceppo certo in provincia di Siracusa, così come La Ferla,
 +che ha ramificazioni anche nel ragusano e nel vicino catanese, dovrebbero
 +derivare dal toponimo Ferla nel siracusano. In origine Ferla si chiamava Ferula dal
 +vocabolo latino <i><font color="#3366FF">ferula</font></i> (<i><font color="#999999">verga,
 +bastone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLAINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferlaino è tipicamente calabrese del catanzarese, di San Mango d'Aquino,
 +Nocera Terinese e Lamezia Terme, dovrebbe derivare da una forma ipocoristica dialettale
 +del nome medioevale spagnolo <i><font color="#3333FF">Ferlan</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in uno scritto dell'anno 1033: "<font color="#CC33CC">...Albariz
 +posuit ferme per mulierem suam supradictum Acenar Exemenones, et </font><font color="#FF0000">Ferlan
 +Petriz</font><font color="#CC33CC"> posuit ferme per suam mulierem supradictum
 +Sancium Exemenones...</font>". (<font color="#CC33CC">vedi anche FERLINI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLENGA
 +<br>FERLENGHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferlenga, molto molto raro, sembrerebbe tipico dell'area tra mantovano
 +e bresciano, presenta un ceppo a Castiglione delle Stiviere, Volta Mantovana
 +e Monzambano nel mantovano ed a Desenzano sul Garda nel bresciano, Ferlenghi
 +ha un ceppo a Cremona e nell'area cremonese ai confini con il piacentino,
 +dovrebbero derivare dal termine medioevale latino <i><font color="#3366FF">ferlengus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">ferlingus</font></i> derivato a sua volta dal
 +nome della moneta tedesca <i><font color="#3366FF">ferling</font></i>,
 +equivalente ad una <i><font color="#999999">quarta parte di danaro</font></i>
 +o di asse romano, <i><font color="#999999">quartino</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FERLINI</font>), ipotizzando quindi che il capostipite potesse essere un
 +manovale, ma il <i><font color="#3366FF">ferlingus</font></i> era anche
 +un'unità di misura del terreno: "<font color="#CC33CC">..</font><font color="#FF0000">Ferlingus</font><font color="#CC33CC">
 +terrae continet 32 acras...</font>", secondo altri corrispondeva invece
 +a 10 acri di terra, in questi casi si dovrebbe allora ipotizzare una ben
 +diversa posizione sociale della famiglia, perchè possidente di un
 +discreto fondo agricolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLINI
 +<br>FERLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferlini sembrerebbe specifico del bolognese, di Imola e Bologna e di Argenta
 +nel ferrarese, Ferlino sembrerebbe invece tipico di San Severo nel foggiano,
 +dovrebbero derivare dal soprannome e poi nome medioevale <i><font color="#3366FF">Ferlinus</font></i>,
 +a titolo di esempio citiamo un Notaio, tale Guglielmo de Piperellis fu
 +Giovanni Antonio detto Ferlinus di Chiavenna che operava tra la fine del
 +1500 e gli inizi del 1600, tale soprannome derivava dalla moneta <i><font color="#3366FF">ferlino</font></i>
 +a sua volta derivata dall'antico alto tedesco <i><font color="#3366FF">feordha</font></i>
 +(<i><font color="#999999">quarto</font></i>) e che rappresentava un quarto
 +di danaro, con un etimologia quindi simile al quattrino. Il <i><font color="#3366FF">ferlino</font></i><font color="#000000">
 +o</font><i><font color="#3366FF"> ferling</font></i> era anche una specie
 +di moneta di piombo che veniva data a mò di contrassegno ai lavoranti
 +per dar loro il diritto di riscuotere la paga, quindi per estensione il
 +soprannome <i><font color="#3366FF">ferlino</font></i> potrebbe anche indicare
 +dei manovali o comunque l'appartenenza ad una bassa forza di lavoro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLISI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferlisi è tipicamente siciliano con ceppi nel nisseno a Milena,
 +Sutera, Campofranco e Caltanissetta, nell'agrigentino, ad Agrigento, Racalmuto,
 +Casteltermini e Canicattì, a Palermo, a Marsala nel trapanese, e
 +ad Ispica nel ragusano, potrebbe trattarsi di una forma etnica dialettale
 +che indicasse nei capostipiti gente proveniente da Ferla nel siracusano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLITA
 +<br>FERLITO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi siciliani, Ferlita è specifico di Santo Stefano Quisquina
 +nell'agrigentino, Ferlito è proprio del catanese e di Catania in particolare,
 +dovrebbero derivare dall'etnico grecanico di Ferla nel siracusano (<font color="#CC33CC">vedi
 +Ferla</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERLONE
 +<br>FERLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferlone, quasi unico, sembrerebbe genovese, Ferloni è tipico del
 +comasco, di Lurate Caccivio, Bulgarograsso, Como, Olgiate Comasco ed Appiano
 +Gentile, potrebbero derivare da soprannomi originati dall'accrescitivo
 +contratto del termine <i><font color="#3333FF">ferula</font></i> (<i><font color="#666666">verga,
 +sferza</font></i>), forse a sottolineare la consuetudine dei capostipiti
 +di portare con se una bacchetta, forse dei pedagoghi o precettori.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERMAGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fermaglio è unico.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Valter
 +Fermaglio</font></font>
 +<br>cognome unico in Italia, assegnato a mio nonno trovatello, nato nel
 +cuneese nel 1900, figlio di "donna nubile che non intende essere riconosciuta".
 +<br>Stupisce per la sua unicità, atipica nei cognomi assegnati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERMAN
 +<br>FIRMAN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferman è tipico del basso udinese e goriziano, Firman è quasi
 +unico, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fermanus</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Firmianus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +nello scrittore latino Firmianus Lactantius: "<font color="#CC33CC">...per
 +annos circiter tercentos ante Troianum bellum, ut de eis meminit </font><font color="#FF0000">Firmianus
 +Lactantius</font><font color="#CC33CC"> in fine primi libri hicque Hercules
 +computationem Olympiadum constituit ac Olympiacum ludum multaque laudanda
 +Graecis reliquit, propter quae ab indocta multitudine deus putatus est...</font>",
 +si ricordi San Fermano del VI° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERMANI
 +<br>FIRMANI
 +<br>FIRMANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fermani è tipico della zona tra maceratese e Piceno, Firmani ha
 +un ceppo nel Piceno ed in Abruzzo a Pescara, Giuliano Teatino (CH), Miglianico
 +(CH) e Teramo, Firmano è quasi unico, dovrebbero tutti derivare
 +dall'etnico di Fermo (AP) indicandone quindi probabilmente la provenienza
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERMI
 +<br>FERMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fermi è tipico di Piacenza e del piacentino, Fermo ha un ceppo a
 +Milano e dintorni, uno a Trieste, uno a Formia, uno ad Ischia ed uno a
 +Tito (PZ), potrebbero derivare da toponimi come San Fermo (MI), ma più
 +probabilmente derivano dal nome latino Firmus di cui abbiamo un esempio
 +nelle <i><font color="#3366FF">Historiae</font></i> di Ammiano Marcellino
 +(330 ca - 395): "<font color="#CC33CC">...e quibus Zammac comiti nomine
 +Romano acceptus, latenter a fratre </font><font color="#FF0000">Firmo</font><font color="#CC33CC">
 +peremptus discordias excitavit ...</font>", dell'uso in epoca medioevale
 +abbiamo un esempio in un atto del 770 che in calce recita: ".<font color="#CC33CC">..Ego
 +qui supra </font><font color="#FF0000">Firmus</font><font color="#CC33CC">
 +notarius pos traditione conpleui et emisi</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>Fermi è un cognome particolarmente diffuso nel piacentino, con
 +qualche significativa presenza anche nel milanese, trevigiano, genovese
 +e chietino. L'epicentro di diffusione è la zona che comprende i
 +comuni di Piacenza, Cortemaggiore, Fiorenzuola d'Arda e Monticelli d'Ongina.
 +Secondo il glottologo Emidio De Felice (Dizionario dei cognomi italiani)
 +il cognome ha alla base il toponimo marchigiano Fermo. Non escluderei,
 +però, altre ipotesi di derivazione.
 +<br><b><i><font color="#000099">Enrico Fermi</font></i></b> naque a Roma
 +il 29 Settembre 1901. Sin da bambino mostrò grande interesse e propensione
 +per la matematica e la fisica. La sua preparazione proseguì al liceo,
 +ove si diplomò nel 1918, e successivamente presso la scuola normale
 +di Pisa.
 +<br>Durante gli studi universitari Enrico Fermi si dedicò ad una
 +intensa attività di ricerca sui caratteri distintivi del suono e
 +della diffrazione dei raggi X da parte dei cristalli. Insieme ad un gruppo
 +di giovani laureati Fermi potè compiere gli studi che lo portarono
 +alla formulazione della teoria matematica del decadimento di Beta e alla
 +scoperta dei neutroni lenti. L'enorme valore della scoperta fruttò
 +a Fermi l'assegnazione del Nobel per la fisica nel 1938. Successivamente
 +si dedicò, fino al momento della sua morte sopraggiunta nel 1954,
 +allo studio della struttura subatomica e all'analisi delle reazioni fra
 +Pioni e Nucleoni. Per omaggiare il suo enorme contributo alla fisica mondiale,
 +quando si scoprirono particelle subatomiche ancora ignote, venne dato loro
 +il nome di Fermioni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERNANDES
 +<br>FERNANDEZ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fernandes è specifico di Napoli, del caserano e del napoletano,
 +Fernandez è presente in Sicilia, soprattutto nel palermitano, nel
 +napoletano, a Roma e nel romano a Palestrina, Mentana e Montorio Romano,
 +entrambi i cognomi sono di chiara origine spagnola, derivando dai cognomi
 +spagnoli omonimi che sono dei patronimici del nome Ferdinando.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERNICOLA
 +<br>SARNICOLA
 +<br>SERNICOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fernicola è specifico del salernitano, di Buccino in particolare
 +e di San Gregorio Magno e Contursi Terme, Sarnicola è anch'esso
 +caratteristico del salernitano di Agropoli e Vallo della lucania, Sernicola
 +ha un ceppo a Roma e Magliano Sabina nel reatino ed uno nel salernitano
 +a Cava de' Tirreni e Salerno ed a Napoli, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare da capostipiti, persone di rispetto, tanto da essere chiamati
 +<i><font color="#3333FF">Ser</font></i>, di nome <i><font color="#3333FF">Nicola</font></i>,
 +la prima forma dovrebbe derivare da un'errata lettura della <i><font color="#3333FF">S</font></i>
 +iniziale scritta con grafia arcaica, molto simile alla <i><font color="#3333FF">f</font></i>,
 +il secondo da un semplice errore di interpretazione della seconda lettera
 +del cognome, anche se, in alcuni casi, può trattarsi di un'errore
 +di trascrizione della terza lettera da <i><font color="#3333FF">n</font></i>
 +ad <i><font color="#3333FF">r</font></i>, in questo caso la derivazione
 +sarebbe da uno dei tanti toponimi San Nicola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEROLA
 +<br>FERULA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferola è tipicamente campano, di Sorrento e Portici nel napoletano,
 +Ferula, assolutamente rarissimo, ha un ceppo nel latinense ed uno nell'agrigentino,
 +dovrebbero derivare da soprannomi originati dal termine latino <i><font color="#3366FF">ferula</font></i>
 +(<i><font color="#999999">sorta di verga o bacchetta utilizzata ad esempio
 +dai precettori</font></i>) forse ad indicarne l'uso frequente da parte
 +del capostipite nella sua funzione di precettore o educatore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEROLETO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Feroleto è un cognome calabrese della provincia di Catanzaro di
 +Lamezia Terme, Catanzaro, Cortale e di Amantea (CS), dovrebbe derivare
 +da toponimi come Feroleto Antico (CZ) o Feroleto Della Chiesa (RC), possibile
 +anche se improbabile una derivazione diretta dal termine latino <i><font color="#3366FF">feruletum</font></i>
 +(<i><font color="#999999">canneto</font></i>) o dal vocabolo latino <i><font color="#3366FF">ferula</font></i>
 +(<i><font color="#999999">canna</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRACCI
 +<br>FERRACCIO
 +<br>FERRI
 +<br>FERRO
 +<br>FERRU
 +<br>FERRU'
 +<br>FERRULLI
 +<br>FERRULLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferracci ha un ceppo in Umbria ed uno tra romano, frusinate e latinense,
 +Ferraccio, quasi unico, sembrerebbe dell'area umbromarchigiana, Ferri è
 +estremamente diffuso in tutta la penisola, Ferro è presente in tutta
 +la nazione, Ferru è tipicamente sardo del cagliaritano, Ferrù,
 +è praticamente unico, Ferrulli.è tipicamente pugliese, del
 +barese in particolare, e specificatamente di Altamura e di Acquaviva delle
 +Fonti, con buone presenze anche a Gravina di Puglia, Bari e Sant'Eramo
 +in Colle, Ferrullo, molto più raro, è specifico di Altamura,
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici
 +o dispregiativi, dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Ferro</font></i>
 +, attribuito a figli cui si augurasse la tempra e la resistenza del ferro,
 +o anche da soprannomi legati al lavoro, all'estrazione o alla fusione del
 +ferro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Assieme alle sue varianti e alle relative forme ipocoristiche, il cognome
 +Ferro si presta per lo meno a due interpretazioni, che, sommate l'una all'altra,
 +ne giustificano l'altissima frequenza nell'intero paese. In alcuni casi,
 +infatti, è possibile che questi cognomi derivino dal mestiere esercitato
 +dai capostipiti (più probabilmente dei fabbri o, comunque, degli
 +addetti alla lavorazione del ferro), qualora il termine ferro fosse utilizzato, in senso metonimico, come
 +nome di mestiere. Va detto, infatti, che l'attività del fabbro o
 +mastro ferraio godeva un tempo di molta stima, sia per l'importanza che
 +la lavorazione del ferro ha assunto nella storia dell'umanità (basti
 +pensare che un'intera epoca, l'Età del Ferro, prende il nome da
 +questo minerale) sia per la vasta gamma di compiti ai quali i fabbri erano
 +spesso chiamati (costruzione di oggetti per uso domestico, lavori architettonici,
 +forgiatura delle armi, etc). Passando ora alla seconda ipotesi (probabilmente
 +la più adatta a spiegare la frequenza e la varietà di questi
 +cognomi, soprattutto considerando le loro forme ipocoristiche), in molti
 +casi Ferro e le sue varianti derivano dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Ferro</font></i>,
 +che, nonostante il suo chiaro significato letterale, si presta in realtà
 +a un'ambigua interpretazione. Da una parte, infatti, si può pensare
 +a una diretta connessione fra il nome di persona e l'omonimo metallo, per
 +gli stessi motivi sopra citati (quelli, cioè, relativi all'importanza del ferro e della sua lavorazione): fin dai tempi antichi
 +gli uomini hanno ritenuto il ferro un minerale prezioso, sostenendo talvolta
 +che si trattasse di un dono degli Dei o, comunque, credendo in una sua
 +origine astrale, dovuta cioè alla caduta dei meteoriti; in questo
 +contesto, inoltre, è interessante notare che il termine greco <i><font color="#3366FF">sideros</font></i>,
 +cioè <i><font color="#999999">ferro</font></i>, deriva dalla stessa
 +radice del latino <i><font color="#3366FF">sidus, sideris</font></i>, col
 +significato di <i><font color="#999999">stella, astro</font></i>, come
 +a voler indicare un'origine celestiale o addirittura divina per questo
 +metallo. Se così fosse, allora, il nome Ferro rientrerebbe all'interno
 +di una particolare categoria di nomi medievali, quelli cioè ripresi
 +dal mondo minerale (solo per fare alcuni esempi, si possono citare Argento,
 +Diamante, Oro, Rubino, Smeraldo, etc). Al di là della simbologia
 +antica e medievale, comunque, va detto che il nome Ferro potrebbe anche
 +far riferimento alle qualità più spesso riconosciute a questo
 +metallo, quali la durezza, la compattezza, la solidità (per fare
 +delle similitudini, basti pensare a vecchi nomi quali Durante, Fermo, Costanzo o, ancora, il singolare Ferrigno).
 +Un'ultima ma non meno valida interpretazione, infine, farebbe derivare
 +questo nome non tanto dall'omonimo metallo, quanto dall'antico significato
 +figurato di spada, lama o, comunque, arma da taglio, che il termine ferro
 +ha spesso assunto in passato (come risulta ancora oggi da frasi quali incrociare
 +i ferri, venire ai ferri, mettere a ferro e fuoco, etc). Se così
 +fosse, allora, il nome Ferro rientrerebbe all'interno di un'altra categoria
 +di nomi medievali, nati spesso in ambito guerriero-cavalleresco o, comunque,
 +resi noti dall'epica cavalleresca (fra i tanti esempi, si possono citare
 +Ferracuto, Tagliaferro, Maccaferro, Lancia, Battaglia, Guerra, Guerriero,
 +etc, tutti nomi piuttosto diffusi un tempo). In conclusione, dunque, il
 +cognome Ferro e le sue varianti derivano più spesso dalle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti, anche se in alcuni casi non è
 +esclusa una derivazione da soprannomi o da nomi di mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRACCIOLI
 +<br>FERRACCIOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferraccioli ha un piccolo ceppo nel mantovano, a Sermide in particolare,
 +e nel vicino rovigoto a Bergantino e Caltelnovo Bariano, ed uno nel frusinate
 +a Pofi e Pastena, Ferracciolo è quasi unico e dovrebbe trattarsi
 +di errori di trascrizione del precedente, che dovrebbe derivare da un soprannome
 +legato al mestiere del fabbro probabilmente svolto dal capostipite. (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche FERRAIOLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRACINI
 +<br>FERRACINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferracini è abbastanza diffuso nell'area che comprende modenese,
 +bolognese, ferrarese e rovigoto, con un ceppo anche tra trevisano e pordenonese
 +ed in provincia di Bolzano, Ferracino, quasi unico, parrebbe dovuto ad
 +errori di trascrizione del precedente, dovrebbero derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Feracinus</font></i>, personaggio di rilievo del
 +1700 è stato l'ingegnere bassanese Bartolommeo Ferracino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRACUTI
 +<br>FERRAGUTI
 +<br>FERRAGUTO
 +<br>FERRAGUTTI
 +<br>FERRAGUTTO
 +<br>FERRAO
 +<br>FERRAU
 +<br>FERRAÚ
 +<br>FERREGUTI
 +<br>FERREGUTTI
 +<br>FERRIGUTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferracuti sembra avere oltre al ceppo principale nel Piceno, anche uno
 +in provincia di Roma, Ferraguti ha un ceppo emiliano ed uno laziale, Ferraguto,
 +molto raro, ha un ceppo tra Diamante e Maiera nel cosentino ed uno in Sicilia
 +tra Melilli (SR), Siracusa e Canicattì, Ferragutti, Ferragutto,
 +Ferreguti, Ferregutti e Ferro sono quasi unici, Ferrau, assolutamente rarissimo,
 +sembra specifico di Villacidro (CA), Ferraù, molto molto raro è
 +tipico di Messina e Tortorici (ME), Ferrigutti è unico, presente
 +solo a Melegnano, derivano tutti dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Ferracutus</font></i>, nome reso famoso da una chanson de geste
 +del XII° secolo dove si può tra l'altro leggere: "<font color="#CC33CC">...Tunc
 +</font><font color="#FF0000">Ferracutus</font><font color="#CC33CC"> eiecit
 +ictum spata sua super ...</font>", nel 1400 a Brisighella (RA) troviamo
 +un mastro muratore identificato come Ferracuto di Brisighella.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Ferracuti è tipico dell'ascolano e del romano, Ferraguti è
 +maggiormente diffuso nel modenese, nel parmense, nel romano e nel frusinate,
 +Ferraguto ha un ceppo nel siracusano e uno nel cosentino, Ferragutti, rarissimo,
 +è forse originario del Piemonte, Ferragutto, unico, lo si riscontra
 +solo a Minturno (LT), Ferraù ha un nucleo maggiore nel messinese,
 +Ferreguti, anch'esso unico, lo si trova solo a Piove di Sacco (PD), Ferregutti,
 +quasi unico, pare essere originario del padovano, Ferrigutti, unico, è
 +presente solo a Melegnano (MI), tutti questi cognomi derivano dal nome
 +medievale Ferracuto o Ferraguto, col significato letterale di ferro acuto:
 +questo nome, nato come epiteto attribuito a valorosi guerrieri (il ferro
 +acuto è naturalmente l'arma del
 +<br>cavaliere), si diffuse anche grazie all'epica cavalleresca e, in età
 +rinascimentale, lo si ritrova poi nelle celebri opere del Boiardo e dell'Ariosto
 +(rispettivamente l'Orlando Innamorato e l'Orlando Furioso), sia come Ferraguto
 +che come Ferraù.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRAIOLI
 +<br>FERRAIOLO
 +<br>FERRAIUOLO
 +<br>FERRAJOLI
 +<br>FERRAJOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferraioli ha un ceppo a Roma e Nettuno e nel latinense a Terracina, ma
 +il nucleo principale è nel salernitano ad Angri, Pagani, Sant`Egidio
 +del Monte Albino, Nocera Inferiore, Scafati e Salerno, Ferraiolo, più
 +raro, ha un piccolo ceppo a Roma, a Caserta, Napoli e Salerno, Ferraiuolo
 +è molto diffuso nel casertano e nel napoletano, un pò meno
 +nel salernitano, in Basilicata e nel cosentino, con un ceppo anche nel
 +catanzarese, Ferrajoli, assolutamente rarissimo, è del salernitano,
 +Ferrajolo, molto molto raro, ha un piccolo ceppo a Caserta e Napoli, potrebbero
 +derivare dal mestiere di fabbro svolto dal capostipite, come è pure
 +possibile che derivino da soprannomi originati dal termine <i><font color="#3366FF">ferrajolo</font></i>
 +(sorta di mantello di color rosso o viola, di stoffa pregiata, panno o
 +seta) derivato a sua volta dal termine arabo <i><font color="#3366FF">faryul</font></i>,
 +forse ad indicare una carica religiosa o civile del capostipite, tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo nel salernitano almeno dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRAIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrais, molto raro, è tipicamente veneto, del veronese in particolare
 +di Verona, Lavagno e Grezzana, dovrebbe derivare da una modificazione dialettale
 +forse con influssi cimbri del termine latino <i><font color="#3366FF">faber
 +ferrarius</font></i> (<i><font color="#999999">fabbro</font></i>) ad indicare
 +probabilmente l'attività svolta dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRAMOSCA
 +<br>FERRAMOSCHE
 +<br>FIERAMOSCA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00fieramosca.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="76"><img src="/immagini/stem00ferramosca.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="72"><font size="-1">Ferramosca ha un ceppo a Foggia, ma il ceppo più considerevole è
 +nel leccese a Tricase, Maglie, Matino, Lecce, Giurdignano ed Aradeo, Ferramosche,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico del perugino, Fieramosca,
 +estremamente raro, è decisamente meridionale, dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite modificazioni dialettali, da un soprannome attribuito
 +a capostipiti, che si ritenessero poco validi e dediti a lavori iconcludenti
 +o impossibili, ma anche forse tanto rapidi da riuscire ad afferrare le mosche. &nbsp;I Ferramosca Conti di Mignano costituirono una famiglia nobile originaria
 +di Capua che risale almeno al periodo svevo, era schierata con la Corte
 +aragonese, nel 1400, quando, verso la fine del secolo, Ettore Ferramosca,
 +ricordato come Fieramosca, acquisì il comando di una schiera di
 +balestrieri a cavallo combattendo per Ferdinando II° contro Re Carlo
 +III° d'Angiò, dopo alterne vicende fece parte della squadra
 +di tredici Cavalieri italiani che combattè contro tredici francesi
 +in quel duello, che oggi ricordiamo come la Disfida di Barletta del 1503.&nbsp;
 +Nel vicentino troviamo nel 1500 un casato Ferramosca, di probabili origini
 +longobarde, il cui più famoso elemento è il nobile giureconsulto
 +e cavaliere vicentino Girolamo Ferramosca, per il quale l'architetto Vincenzo
 +Scamozzi, allievo del Palladio, costruì, a Barbano di Grisignano
 +di Zocco nel vicentino, nel 1560, una lussuosissima villa di stile palladiano,
 +non sembrano esserci state connessioni tra i due casati.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fieramosca, diffuso sporadicamente in tutta l'Italia, è cognome
 +imperativale: '<i><font color="#3333FF">ferra</font></i> (<i><font color="#666666">afferra</font></i>)
 +<i><font color="#3333FF">la mosca</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRANDA
 +<br>FERRANDE
 +<br>FERRANDELLI
 +<br>FERRANDELLO
 +<br>FERRANDI
 +<br>FERRANDINI
 +<br>FERRANDINO
 +<br>FERRANDO
 +<br>FERRANDU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferranda, estremamente raro, parrebbe del sassarese, Ferrandu, altrettanto
 +raro, dovrebbe essere del centronord della Sardegna, Ferrande e Ferrandello
 +sono praticamente unici, Ferrandelli, quasi unico, sembrerebbe siciliano,
 +Ferrandi sembrerebbe originario del milanese, Ferrandini, molto molto raro,
 +presente in modo sporadico nell'Italia settentrionale, ha un piccolo ceppo
 +a San Remo nell'imperiese, Ferrandino è molto diffuso ad Ischia,
 +Barano d'Ischia e Casamicciola Terme sull'isola d'Ischia, ma è ben
 +presente anche ad Aversa nel casertano, a Solofra nell'avellinese, ed a
 +Napoli, Sant'Antimo e Torre del Greco nel napoletano, Ferrando del genovese
 +e alessandrino, tutti questi cognomi derivano o da modifiche del nome <i><font color="#3366FF">Ferdinando</font></i>
 +o della sua contrazione <i><font color="#3366FF">Fernando</font></i>, o,
 +molto più probabilmente, dal nome medioevale francese <i><font color="#3366FF">Ferrant</font></i>,
 +potrebbe anche trattarsi di una derivazione da un soprannome originato
 +dal fatto che il capostipite avesse i capelli color grigio ferro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Ferrando</font></i>
 +(variante del più comune <i><font color="#3366FF">Ferrante</font></i>),
 +che, per tramite del francese <i><font color="#33CCFF">Ferrant</font></i>
 +o dello spagnolo <i><font color="#3366FF">Ferrando</font></i>, nasce da
 +una contrazione dell'originale <i><font color="#3366FF">Fernando</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Ferdinandi, Ferrandes e Ferranta</font>): dal
 +punto di vista etimologico, in effetti, il passaggio da Fernando a Ferrando
 +è dovuto a un'assimilazione della -n- al suono della -r- che la
 +precede, secondo un fenomeno avvenuto anche nell'onomastica franco-spagnola
 +- lo stesso Fernando, d'altronde, nasce da una contrazione dell'originale
 +Ferdinando (sia nell'onomastica italiana che in quella spagnola). A questa
 +interpretazione, ad ogni modo, va aggiunta una seconda ipotesi riguardo
 +all'origine del nome Ferrando/Ferrante: alcuni studiosi, in effetti, sostengono
 +che questo nome possa derivare anche dall'aggettivo <i><font color="#3366FF">ferrante</font></i>,
 +che, nell'idioma arcaico, indicherebbe un colore grigio-rossastro (simile
 +alla ruggine del ferro). Va notato, per la precisione, che questo significato
 +rimanda chiaramente all'epica cavalleresca medievale, in cui Ferrante era
 +il nome di diversi destrieri citati nei racconti della Tavola Rotonda:
 +la scelta del nome, in effetti, era dovuta proprio al manto dei cavalli
 +(di color ferrante), anche se, a dire il vero, non è escluso che
 +già allora si trattasse di una lettura paretimologica - adattata
 +proprio a scopo letterario. Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti,
 +anche se, in alcuni casi, non è esclusa una derivazione da soprannomi
 +ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRANDES
 +<br>FERRANDIS
 +<br>FERRANTES</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrandes ha un ceppo importante sull'isola di Pantelleria, ed uno a Latina
 +e Nettuno ed Anzio nel romano, Ferrandis, quasi uncio, sembrerebbe anch'esso
 +di Pantelleria, Ferrantes, praticamente unico è di Latina, per questi
 +ultimi due cognomi si tratta probabilmente di un errore di trascrizione
 +del precedente.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>D'origine spagnola (più probabilmente ebreo-sefardita), i cognomi
 +Ferrandes, Ferrandis, etc nascono dall'italianizzazione del cognome spagnolo
 +<i><font color="#3366FF">Ferràndez </font></i>(con una variante
 +in <i><font color="#3366FF">Ferràndiz</font></i>), che, composto
 +dalla radice <i><font color="#3366FF">Ferrando</font></i> (l'italiano Ferrante
 +o Ferrando) e dal suffisso <i><font color="#3366FF">-ez/-iz</font></i>
 +(con valore d'appartenenza), può essere tradotto come <i><font color="#999999">figlio
 +di Ferrante o Ferrando</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi Ferranda
 +e Ferranta</font>). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRANTA
 +<br>FERRANTE
 +<br>FERRANTELLI
 +<br>FERRANTELLO
 +<br>FERRANTI
 +<br>FERRANTIN
 +<br>FERRANTINI
 +<br>FERRANTINO
 +<br>FERRANTONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferranta è quasi unico, Ferrante è diffuso in tutt'Italia,
 +ma particolarmente nel centro sud, Ferrantelli è specifico della
 +Sicilia occidentale, di Alcamo e Castellammare del Golfo nel trapanese,
 +di Burgio nell'agrigentino e di Palermo e del palermitano, Ferrantello
 +è specifico di Mazara del Vallo nel trapanese, Ferranti ha un ceppo
 +emiliano tra bolognese e ferrarese, ha un grosso nucleo nella fascia che
 +comprende le Marche, l'Umbria ed il Lazio, un piccolo ceppo a Napoli ed
 +uno in Sicilia, Ferrantin, estremamente raro, sembrerebbe originario del
 +padovano, Ferrantini ha un ceppo nell'area fiorentina ed uno nella zona
 +che comprende il ternano, il viterbese ed il romano, Ferrantino ha un ceppo
 +campano a Torre del Greco e Procida nel napoletano, ad Avellino e Sant'Angelo
 +dei Lombardi nell'avellinese ed a Salerno ed Aversa nel casertano, presento
 +inoltre un ceppo, anche più importante, nel foggiano a Monte Sant'Angelo,
 +Foggia, Manfredonia e Mattinata, Ferrantone, estremamente raro, è
 +del teatino, tutti questi cognomi dovrebbero derivare, direttamente o tramite
 +ipocoristici od accrescitivi, dal nome medioevale francese <i><font color="#3366FF">Ferrant</font></i>,
 +potrebbe anche trattarsi di una derivazione da un soprannome originato
 +dal fatto che il capostipite avesse i capelli color grigio rossastro, color
 +ruggine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome molto diffuso in tutt'Italia,
 +può derivare dal toponimo omonimo o da un medioevale ferraria (fucina)
 +e indicherebbe quindi o il mestiere o la vicinanza con una fucina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRARESE
 +<br>FERRARESI
 +<br>FERRARETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrarese parrebbe di origine veneta, ma con possibili ceppi in Puglia,
 +Ferraresi è tipicamente emiliano, con un grossonucleo nel vicino
 +basso Veneto ed uno in Lombardia, Ferraretto è assolutamente veneto
 +dovrebbero essere forme etniche, italiane o dialettali, della città
 +di Ferrara.
 +(<font color="#CC33CC">vedi Ferrara</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRARI
 +<br>FERRARINI
 +<br>FERRARIO
 +<br>FERRARIS
 +<br>FERRARO
 +<br>FERRAROTTO
 +<br>FERRAZZANO
 +<br>FERRIERI
 +<br>FERRIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00ferrari.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="88"><font size="-1">Ferrari è diffuso in tutt'Italia, ma è diffusissimo al nord,
 +Ferrarini è tipico della zona che comprende l'Emilia, il Veneto
 +occidentale e la Lombardia orientale, Ferrario è assolutamente lombardo,
 +Ferraris è tipico della fascia occidentale dell'Italia settentrionale,
 +Ferraro è molto diffuso, in modo omogeneo in tutt'Italia, Ferrarotto
 +ha un piccolo ceppo nel bresciano, uno ancora più piccolo nel vicentino,
 +ma il ceppo più consistente è in Sicilia a Catania ed a Capo
 +d'Orlando nel messinese, Ferrazzano parrebbe originario del foggiano, Ferretti,
 +diffuso in tutta la penisola, sembra più concentrato nel centro
 +nord, Ferrieri dovrebbe essere originario del barese, Ferriero ha un ceppo
 +tra casertano, napoletano ed avellinese ed uno nel leccese. Tutti questi
 +cognomi dovrebbero derivare, direttamente o attraverso ipocoristici o alterazioni
 +varie, da soprannomi legati al mestiere di <i><font color="#666666">fabbro</font></i>
 +(dal latino <i><font color="#3333FF">faber ferrarius</font></i>)&nbsp;
 +o di lavorante all'estrazione o alla fusione del ferro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRATA
 +<br>FERRATI
 +<br>FERRATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrata probabilmente del centronord, è assolutamente rarissimo,
 +Ferrati ha un ceppo originario nel fiorentino ed uno nel rovigoto, Ferrato
 +ha un ceppo nel padovano ed uno piemontese, nelle province di Torino, Asti
 +e Cuneo, dovrebbero tutti derivare dai moltissimi tiponimi, o nomi di monti
 +e località contenenti il termine ferrato o ferrata, come Grottaferrata
 +(RM), i vari xxxx Monferrato come ad esempio Casale Monferrato (AL), Sassoferrato
 +(AN) e simili, ma è pure possibile un riferimento a mestieri di
 +artigiani del ferro o ad una condizione tanto agiata da potersi permettere
 +di indossare il ferrato, sorta di tabarro di lana o di seta, indice di
 +una condizione sociale di rilievo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRAZZA
 +<br>FERRAZZI
 +<br>FERRAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrazza è tipico di Rpoma e dell'aquilano, Ferrazzi, tipico del
 +nord, ha un ceppo anche a Roma, probabilmente dovuto a modificazioni del
 +più comune Ferrazza, Ferrazzo oltre al ceppo veneziano ad Eraclea,
 +Campo San Martino ed Iesolo, ne ha uno autonomo nel crotonese a Mesoraca
 +ed uno probabilmente secondario a Rombiolo (VV), potrebbero derivare da
 +toponimi come Ferrazza (VI) o Ferrazze (VR), o aanche da soprannomi originati
 +da località o professioni, tracce di queste cognominizzazioni le
 +troviamo a Foza (VI) nella seconda metà del 1400 con il notaio B.Ferrazzi
 +di Valstagna (VI), e nella seconda metà del 1500 con il notaio Battista
 +Ferrazzi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Ferrazza ha il suo epicentro nel romano ma presenta nuclei secondari anche
 +nel casertano, nell'aquilano e fra il nord e il centro nord del paese,
 +Ferrazzi è più tipicamente laziale e lombardo-veneto, con
 +ceppi maggiori nel romano, nel varesino, nel milanese, nel vicentino e
 +nel ferrarese, Ferrazzo ha due nuclei principali, uno in Veneto, per lo
 +più nel veneziano, e l'altro in Calabria, fra il crotonese e, in
 +misura minore, il vibonese, tutti questi cognomi traggono origine dal nome
 +medievale <i><font color="#3366FF">Ferrazzo</font></i>, variante accrescitiva
 +del più comune <i><font color="#3366FF">Ferro</font></i>, che, nonostante
 +il suo chiaro significato letterale, si presta in realtà a un'ambigua
 +interpretazione (per una spiegazione più approfondita sull'origine
 +del nome, <font color="#CC33CC">vedi il cognome Ferro</font>); in alcuni
 +casi, tuttavia, non si può escludere una derivazione da un soprannome
 +o da un mestiere (anche per questo rimando al cognome Ferro). In conclusione,
 +dunque, i cognomi Ferrazza, Ferrazzi e Ferrazzo derivano più spesso
 +dalle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti, anche se in
 +alcuni casi non è esclusa una derivazione da soprannomi o da nomi
 +di mestiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese, deriva da un soprannome originato dal termine dialettale
 +<i><font color="#3333FF">ferè</font></i> (fabbro), un esempio di
 +questa cognominizzazione la troviamo nel <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font></i> sotto l'anno 1192: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnationis milleximo centeximo nonogeximo secundo, duodecimo
 +kalendas agusti, indicione decima. In presentia Capellini et Lafranchi
 +Lodexani et </font><font color="#FF0000">Girardini Ferre</font><font color="#CC33CC">,
 +cartam iudicati seu firmationis iudicati fecerunt Iohannes Rubeus, de Gudi
 +Antibiago, et Revegladus et Ughetus qui dicontur de Casteletto..</font>.".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERREA
 +<br>FERRERA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrea, molto raro, è genovese, Ferrera ha un ceppo siciliano, uno
 +laziale nelle province di Roma e Frosinone ed uno nel genovese a Genova
 +ed a Lumarzo.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Milano</font></font>
 +<br>avrebbero alla base toponimi largamente distribuiti nell'Italia nord-occidentale,
 +mentre il cognome siciliano Ferrera è molto probabilmente una variante
 +di Ferreri (<font color="#CC33CC">vedi FERRERI</font>). Il ceppo laziale,
 +infine, al pari del ceppo siciliano, dovrebbe avere alla base il catalano
 +<i><font color="#3366FF">ferrer</font></i> (<i><font color="#666666">fabbro
 +ferraio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERREOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere due ceppi, nel bolognese e ferrarese e nel nordmilanese, novarese
 +e varesotto, questo ceppo dovrebbe derivare dal toponimo Feriolo (NO),
 +potrebbero entrambi derivare dal cognomen latino Ferreolus, ricordiamo
 +Tonantius Ferreolus Console nel 453 a.C. o San Ferreolus martirizzato nel
 +304 sotto Diocleziano: "<font color="#CC66CC">...Quia cum esset apud beatissimum
 +</font><font color="#FF0000">Ferreolum</font><font color="#CC66CC">, iam
 +tunc martyrii odore flagrabat...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRERI
 +<br>FERRERIO
 +<br>FERRERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferreri ha un nucleo importante nel Piemonte occidentale, uno nel milanese
 +ed uno nella Sicilia occidentale, Ferrerio, molto raro è specifico
 +del milanese, Ferrero è tipico del cuneese e torinese, derivano
 +da soprannomi legati al mestiere di fabbro (dal latino <i><font color="#3366FF">faber
 +ferrarius</font></i>), i ceppi meridionali possono anche, e con maggior
 +probabilità, derivare dal vocabolo spagnolo (o meglio catalano)
 +<i><font color="#3366FF">ferrer</font></i> (<i><font color="#999999">fabbro</font></i>),
 +questo a causa delle dominazioni spagnole che hanno particolarmente interessato
 +il Sud Italia dal XII° al XVIII° secolo.
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Milano in uno scritto del
 +1512: "<font color="#CC66CC">...Odettus Vasco castellanus pro Rege Francorum
 +in Capella, sciens Franciscum fratrem suum castellanum Leuci se dedisse
 +</font><font color="#FF0000">Bartolomeo
 +Ferrerio</font><font color="#CC66CC"> nomine Mediolanensium...</font>",
 +e nella seconda metà del 1500 a Torino con il letterato Johannes
 +Ferrerius.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Ferreri - Sesto San Giovanni (MI)</font></font>
 +<br>Fonte: Archivi Parrocchiali di Monforte d'Alba (CN) e Serravalle Langhe
 +(Cn).
 +<br>In Piemonte il cognome Ferreri, diffuso prevalentemente nel cuneese
 +e torinese, è una variante di Ferrero, tra i più tipici cognomi
 +piemontesi. Le due forme cognominali erano interscambiabili sino alla seconda
 +metà del XIX° secolo. La forma al singolare indicava un singolo
 +componente della famiglia (il Ferrero), la forma al plurale la globalità
 +della famiglia (i Ferreri). Nei citati archivi parrocchiali i Ferrero/Ferreri,
 +nel corso dei secoli, vennero così registrati: <i><font color="#3366FF">Ferrerius</font></i>
 +(sino alla metà del XVII sec.); <i><font color="#3366FF">De Ferreris</font></i>
 +(dal 1650 c.a. al 1750 c.a.); <i><font color="#3366FF">Ferreri</font></i>
 +(dal 1750 al 1850 c.a.); con la stabilizzazione e la fissazione dei cognomi
 +la forma al singolare prese di gran lunga il sopravvento, mentre i Ferreri
 +(piemontesi) ne costituiscono una variante.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRETI
 +<br>FERRETO
 +<br>FERRETTI
 +<br>FERRETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferreto e Ferreti dovrebbero essere errori di trascrizione degli altri
 +due cognomi, Ferretti è molto diffuso in tutto il centro nord con
 +un ceppo anche in Puglia, Ferretto è specifico veneto, padovano
 +in particolare, con un ceppo anche nel genovese, derivano dal nome medioevale
 +Ferretus di cui si ha un esempio nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medievale</font> in uno scritto del 1131: "<font color="#CC33CC">...Petrus
 +Basca et </font><font color="#FF0000">Ferretus de Puteo</font><font color="#CC33CC">,
 +pro terra Azonis Basca IIII. staria sigalis et starium ...</font>".&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Perugia nel 1200 con Padre
 +Ottaviano Ferretti insigne Teologo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRIGNI
 +<br>FERRIGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrigni ha un ceppo importante a Bari ed uno forse secondario a Napoli,
 +Ferrigno sembra avere due ceppi, uno sul litorale campano ed uno in Sicilia,
 +potrebbero derivare da una variazione del nome Normanno <i><font color="#3366FF">Ferry</font></i>,
 +o anche da un soprannome legato al mestiere di fabbro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Ferrigno, presente un po' in tutto il paese, è più tipicamente
 +meridionale, con ceppi maggiori nel napoletano, nel salernitano, nel barese,
 +nel tarantino e praticamente nell'intera Sicilia, Ferrigni, molto più
 +raro del precedente, ha un nucleo principale nel barese e uno secondario
 +fra il napoletano e il beneventano, ma si riscontra a bassissima frequenza
 +in diverse parti d'Italia, entrambi questi cognomi derivano dal nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Ferrigno</font></i>, che va inteso nel senso figurato
 +di forte, robusto, resistente come il ferro; in alcuni casi, tuttavia,
 +non si può escludere una derivazione dallo stesso aggettivo ferrigno,
 +ad indicare particolari caratteristiche fisiche o comportamentali. Ad ogni
 +modo, allora, si tratta delle cognominizzazioni o dei nomi personali dei
 +capostipiti o di soprannomi loro attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRI MARINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Quasi unico, si tratta di un nome
 +composto, probabilmente a seguito dell'estinzione di un ramo maschile della
 +famiglia Marini, essendo entrambi i cognomi componenti molto diffusi, risulta
 +impossibile individuare la zona d'origine, anche se l'ipotesi di un'origine
 +nell'aretino, ai confini con la provincia di Pesaro è la più
 +probabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRINI
 +<br>FERRINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrini è tipico della fascia che comprende Toscana e Romagna, regioni
 +dove è molto più diffuso, Marche, Umbria e Lazio, Ferrino
 +è tipico del Piemonte occidentale, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Ferrinus</font></i>, o anche da un
 +soprannome originato dall'attività di fabbro, tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo già nel 1158 in una <i><font color="#3366FF">Carta venditionis,
 +investiture et guadie</font></i> redatta a Gudo (MI): "<font color="#CC66CC">...Et
 +ibi dedit guadiam iamdictus </font><font color="#FF0000">Albertus Ferrinus</font><font color="#CC66CC">
 +eidem Belvisae, coniugi suae, de dandis et reddendis eidem Belvisae coniugi
 +suae vel suis heredibus solidos tres et denarios octo, qui fuerunt precium
 +de sua porcione que supra Belvise, suprascripte vendiçionis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrio ha un antico ceppo siciliano e calabrese che ora sembrerebbe estinto
 +ed un ceppo piemontese, nel cuneese, a Vezza d'Alba in particolare, dovrebbe
 +derivare dal nome latino <i><font color="#3333FF">Ferrius</font></i>, nome
 +originario della penisola iberica, giunto in Italia portato forse da legionari
 +di Pompeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRISE
 +<br>FERRISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrise è abbastanza raro ed è specifico del catanzarese,
 +zona di Lamezia Terme (CZ), Ferrisi è molto raro forse siciliano,
 +derivano dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Ferrisio</font></i> di cui si ha un esempio in un certo
 +Ferrisio Contestabile&nbsp; fatto Cavaliere dal re di Napoli, nel 1282.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Ferrise è un cognome diffuso nel Catanzarese, è un etnico
 +della località chiamata Ferro in provincia di Catanzaro.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Ferrisi è un cognome siciliano, che deriva dalla voce '<i><font color="#3333FF">ferrisi/firrisi</font></i>'
 += gente oriunda di <i><font color="#3333FF">Ferla</font></i>, comune in
 +provincia di Siracusa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRITTI
 +<br>FERRITTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferritti è specifico di Isernia, Ferritto è tipico dell'area
 +tra frusinate, iserniese e casertano, di Cassino nel frusinate, di Rionero
 +Sannitico nell'iserniese e di San Gregorio Matese, Baia e Latina, Letino
 +e Presenzano nel casertano, dovrebbero dialettali da forme dialettali campane
 +del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Ferretus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FERRETI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRON
 +<br>FERRONE
 +<br>FERRONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferron, decisamente veneto, è specifico dell'area che comprende
 +il veronese, vicentino soprattutto e padovano, presente in particolare
 +a Grancona, Lonigo e Sarego nel vicentino ed a Verona, Ferrone, abbastanza
 +raro, è specifico della zona che comprende Abruzzo, Molise, foggiano
 +e Campania settentrionale, Ferroni è comune in tutto il centronord,
 +dovrebbero derivare da una forma accrescitiva, anche dialettale, del nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Ferrus</font></i> di cui abbiamo un
 +esempio nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico della
 +Lombardia medievale</font> all'anno 1175 in Milano: "<font color="#CC33CC">...per
 +feudum in loco et territorio Moirago ab illis dominis de Berenzago, cui
 +Ugoni ipse </font><font color="#FF0000">Ferrus</font><font color="#CC33CC">
 +successit in ipsum feudum...</font>", tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo in Toscana nel massese nel 1500, in un atto di compravendita,
 +dove un certo Rodolfo Ferroni compra un podere posto nel popolo di S. Gervasio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERROSI
 +<br>FERROSO
 +<br>FERRUSI
 +<br>FERRUSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrosi è praticamente unico, Ferroso lo è quasi, dovrebbe
 +trattarsi di forme alterate dei cognomi Ferrusi, molto molto raro, che
 +è specifico dell'aquilano, di Sulmona in particolare, e di Ferruso,
 +ormai praticamente scomparso, che sembra essere stato di origini calabresi
 +e siciliane, all'origine di questi cognomi sembrerebbe esserci stato un
 +soprannome medioevale, probabilmente divenuto nome <i><font color="#3333FF">Ferrusus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Ferrosus</font></i>, con il senso di <i><font color="#666666">duro
 +come il ferro</font></i>, ad indicare una resistenza fisica o caratteriale
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRUA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrua è ben diffuso nel torinese a Torino e Settimo Torinese, nel
 +cuneese, a Mondovì, Carrù, Fossano, Cuneo, Trinità
 +e Cherasco, e nel savonese, ad Albenga ed Erli, dovrebbe derivare dall'italianizzazione
 +del nome francese&nbsp; <i><font color="#3333FF">Ferruaud</font></i>, una
 +forma ipocoristica del nome francese <i><font color="#3333FF">Ferru</font></i>,
 +equivalente all'italiano <i><font color="#3333FF">Ferro</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FERRI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRUCCI
 +<br>FERRUCCIO
 +<br>FERRUZZI
 +<br>FERRUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferrucci è tipico della fascia che comprende la Romagna, la Toscana,
 +le Marche, l'Umbria, il Lazio, la Campania centrosettentrionale e la Puglia,
 +Ferruccio, molto raro, sembrerebbe panitaliano, Ferruzzi ha un ceppo tra
 +ravennate e fiorentino, uno romano ed uno nel salernitano, Ferruzzo, estremamente
 +raro, parrebbe specifico di Castellabbate nel salernitano, tutti questi
 +cognomi dovrebbero derivare da ipocoristici del nome medioevale Ferro,
 +come <i><font color="#3366FF">Ferruccius</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3366FF">Ferrutius</font></i> che hanno assunto
 +essi stessi la dignità di nome, ricordiamo il santo, martire sotto
 +Diocleziano, Ferruccio di Magonza degli inizi del IV° secolo, di questo
 +nome abbiamo un esempio in un atto del giugno 1393 redatto dal notaio:
 +"<font color="#CC33CC">...Ego </font><font color="#FF0000">Ferruccius</font><font color="#CC33CC">
 +de legum doctore et Magne Curie judex predictis instrumentis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRUGGIA
 +<br>FERRUGIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferruggia è specifico di Palermo, Ferrugia, quasi unico, è
 +sempre del palermitano, potrebbe trattarsi di una forma alterata del cognome
 +<i><font color="#3333FF">Farruggia</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FARRUGGIA</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome siciliano Ferruggia deriva dalla voce calabrese '<i><font color="#3333FF">ferrùggia</font></i>'
 += <i><font color="#666666">ferula </font></i>(n.d.r. Bacchetta usata un
 +tempo per castigare gli scolari).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERRUTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ferruti, molto molto raro, è tipico del rietino, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Ferrutus</font></i>, santo
 +martire, potrebbe in alcuni casi derivare da Ferruti, nome di una frazione
 +del comune di Montopoli Sabina nel reatino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FERSINI
 +<br>FERSINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fersini è specifico del leccese, in particolare di Castro e Gagliano
 +del Capo, con ottime presenze anche ad Alliste, Collepasso, Tricase, Matino,
 +Presicce, Castrignano del Capo e Lecce, ed a Brindisi, Fersino, decisamente
 +meno diffuso, è anch'esso salentino, di Castrignano del Capo nel
 +leccese, dovrebbero derivare da una modificazione dialettale del cognomen
 +latino <i><font color="#3366FF">Felsinus</font></i>, di cui abbiamo un
 +esempio d'uso nell'<i><font color="#3366FF">Argonauticon</font></i>: "<font color="#CC33CC">...
 +Non secus ac florens pubenti </font><font color="#FF0000">Felsinus</font><font color="#CC33CC">
 +ovo, cui céleres ad cuncta pedes oculusque manusque, gestit, et
 +enodes undantis corporis artus in rapidam studet iré pilam , tenerosque
 +sodales provocat, et grato fírmat sua robora ludo...</font>", troviamo
 +tracce di queste cognominizzazioni a Melpignano, sempre nel leccese, nella
 +visita pastorale del 1522, dove viene citato il diacono Nicola Fersino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FESSIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere due ceppi nel Canavese e nella zona di Monticello d'Alba (CN),
 +dovrebbe derivare dal nomen latino Fessius, abbiamo un Marcius Fessius
 +nelle guerre sannitiche nel IV° secolo a.C.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FESTA
 +<br>FESTI
 +<br>FESTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Festa è molto diffuso in tutta l'Italia peninsulare, sia al nord
 +che al sud, Festi ha un ceppo nell'area che comprende il trentino, il bresciano
 +ed il veronese, con un ceppo anche nel bolognese e ferrarese, Festo, assolutamente
 +rarissimo, è tipico della zona garganica, possono derivare dal nome
 +<i><font color="#3333FF">Festus</font></i>, ricordiamo il santo campano
 +Festus, il cui nome dovrebbe essere derivato dal vocabolo tardo latino
 +<i><font color="#3333FF">festus</font></i> (<i><font color="#666666">festivo</font></i>)
 +usato come nome per dei bambini nati in un giorno di festa, o attribuito
 +come augurio di una vita festosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FESTARI
 +<br>FESTARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Festari è un cognome tipicamente lombardo del cremonese, di Capergnanica,
 +Crema, Montodine ed Offanengo, Festaro è praticamente unico, potrebbero
 +derivare da un soprannome attribuito al capostipite, originato probabilmente
 +dal termine dialettale cremonese arcaico <i><font color="#3333FF">festàa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fare festa, smettere di lavorare, organizzare
 +una festa paesana</font></i>), forse caratterizzando un comportamento festaiolo del capostipite, o indicando che fosse l'oincaricato dell'organizzazione della festa del paese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FETTOLINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origine bresciana, un'ipotesi
 +sulla possibile derivazione è di un'italianizzazione del nome celtico
 +Fertuinne.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEUDI
 +<br>FEUDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente laziali, Feudi è specifico di Terracina, Sonnino e Pontinia
 +nel latinense e di Ceccano nel frusinate, Feudo lo è di Sezze, Terracina,
 +Pontinia e Fondi nel latinense, di Amaseno nel frusinate e di Roma e Velletri
 +nel romano, dovrebbero derivare dal nome di paesi come uno dei vari Feudo
 +nel teatino, o nel teramano o Feudi nel teramano e nel campobassano, o
 +altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEULA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo è specifico di Fondi (LT), si può
 +ipotizzare un'origine francese, essendoci in Francia alcuni cognomi con
 +la radice Feul.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FEZZOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Probabilmente lombardo, potrebbe derivare da modificazioni derivate dal
 +termine latino <i><font color="#3366FF">fetiolus</font></i> da <i><font color="#3366FF">fetialis,</font></i>
 +sorta di&nbsp; officiante di un culto pagano, e potrebbe indicare un'origine
 +legata appunto o alla condizione di sacerdote o all'ieraticità del
 +capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fezzoli è un cognome lombardo, che potrebbe essere forma aferetica
 +del cognome Maffezzoli (<font color="#CC33CC">vedi MAFFEZZOLI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIABANE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico di Belluno e comuni vicini a ovest sudovest
 +della città, potrebbe derivare da un soprannome dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIACCADORI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiaccadori è tipico della zona tra mantovano e reggiano, di Suzzara
 +(MN), com presenze significative, sempre nel mantovano, anche a Virgilio,
 +Mantova e Curtatone e nel reggiano a Reggio Emilia, Guastalla, Scandiano
 +e Castelnovo di Sotto, esistono varie ipotesi circa l'origine di questo
 +cognome, una derivazione dal mestiere di cocchiere o postiglione cioè
 +di conduttore di fiacchere (carrozza a cavalli, dal francese fiacre), o
 +più probabilmente dal mestiere di sfiancatore o domatore di cavalli,
 +ma l'ipotesi più probabile è che derivi da una deformazione
 +del mestiere di produttori di fiaschi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Paolo Fiaccadori</font></font>
 +<br>Per quanto mi risulta i Fiaccadori sono attualmente concentrati tra
 +le province di Reggio Emilia e Mantova e sopprattutto nella zona di Guastalla.
 +Lo stesso mio bisnonno (nato nel 1839) era di Pieve di Guastalla. Qui,
 +nell'archivio parrocchiale ho trovato un Fiaccadori nato il 21 aprile del
 +1580. Alcune ricerche fatte da alcuni della famiglia riconducono il nome
 +a: Fiaccatori come fabbricanti di fiaccole, oppure a Fiaccatori come fiaccatori
 +o addestratori di cavalli selvatici&nbsp; ed infine a Fiascatori come fabbricanti
 +di fiasche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIACCAVENTO
 +<br>FLACCAVENTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiaccavento, assolutamente rarissimo, è probabilmente una forma
 +più recente di Flaccavento che sembrerebbe specifico del ragusano
 +di Comiso in particolare, ma anche di Ragusa, Vittoria e Chiaramonte Gulfi,
 +dovrebbero derivare da soprannomi o legati a nomi di località o
 +a caratteristiche di particolare tenacia del capostipite.&nbsp; Tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo a Comiso (RG) almeno dal 1600,
 +verso la metà del 1600 Don Filippo Fiaccavento era maestro notaro
 +della Curia Vicariale di Comiso.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Fiaccavento è cognome della Sicilia orientale che significa
 +'<i><font color="#3333FF">spezza vento</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIALDINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fialdini ha un ceppo a Massa e nel lucchese, zona di Torre del Lago e Viareggio,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fialdinus</font></i>,
 +un ipocoristico del nome di origini franche <i><font color="#3333FF">Fialdo</font></i>,
 +portato ad esempio in Sardegna Dal Giudice Fialdo di Gallura nel X°
 +secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIAMINGO
 +<br>FIAMMINGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiamingo ha un ceppo ad Aci Catena (CT), Catania e nel catanese, con presenze
 +non significative anche in Calabria, Fiammingo, molto più raro,
 +sembrerebbe avere un ceppo calabrese ed uno siciliano, potrebbero derivare
 +dall'etnico delle Fiandre (fiammingo) la parte settentrionale dell'attuale
 +Belgio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIANCHI
 +<br>FIANCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fianchi, assolutamente rarissimo è del frusinate ed è probabilmente
 +dovuto ad errori di trascrizione del cognome Fianco che ha un ceppo a Verona
 +e nel veronese ed uno a Roma e nel frusinate a Serrone, potrebbero derivare
 +da modificazioni del nomen latino <i><font color="#3366FF">Flaccus</font></i>
 +o dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fianco</font></i> a sua
 +volta derivato dal nome gentilizio latino <i><font color="#3366FF">Plancus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIANDACA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiandaca è tipicamente siciliano, in particolare del nisseno, di
 +Santa Caterina Villarmosa, Caltanissetta e Riesi, e di Palermo, la famiglia
 +ha dato il nome al toponimo Fiandaca di Acireale nel catanese, l'origine
 +etimologica potrebbe essere da una modificazione dialettale del nome arabo
 +<i><font color="#3366FF">Fayyad</font></i>.
 +<br>integrazioni fornite da G. Vezzelli
 +<br>il cognome dovrebbe derivare da una modificazione del termine siciliano
 +<i><font color="#3366FF">ciannacca</font></i> a sua volta derivato dal
 +vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">hannaka</font></i> (<i><font color="#999999">collana</font></i>),
 +forse a caratterizzare una particolare abitudine del capostipite ad indossare
 +un'appariscente collana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIANDANESE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiandanese ha un ceppo nel barese ad Andria, potrebbe trattarsi di una
 +forma etnica arcaica riferita ad un capostipite originario delle Fiandre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIANDRA
 +<br>LA FIANDRA
 +<br>LAFIANDRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiandra ha un ceppo
 +a Torino, uno a Lanuvio (RM) ed uno tra Pozzuoli ed Acerra (NA), La Fiandra
 +è quasi unico, Lafiandra ha un ceppo a Corato (BA), potrebbero derivare
 +sia dal nome della regione fiamminga che dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fiandra</font></i>,
 +un esempio del cui uso abbiamo a Milano in una <i><font color="#3366FF">Charta
 +libelli</font></i> contenuta nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia Medioevale</font></i> dell'anno 1135: "<font color="#CC33CC">Anno
 +dominice incarnationis milleximo centeximo trigeximo quinto, secundo die
 +mensis ianuarii, indictione terciadecima. Placuit atque convenit inter
 +Pirotum, filium quondam Bombelli Tinctoris, de civitate Mediolani, et Ysabellam,
 +matrem et filium, atque </font><font color="#FF0000">Fiandram</font><font color="#CC33CC">,
 +coniugem suprascripti Piroti...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>La Fiandra, rarissimo, sembra essere originario di Anzio (RM), Lafiandra,
 +più diffuso del precedente, ha un nucleo principale a Corato (BA),
 +ma è presente anche nel nord e nello stesso Lazio, soprattutto a
 +Roma, entrambi questi cognomi derivano dalla regione storica della Fiandra
 +(altrimenti nota come le Fiandre), che in passato formava un'importante
 +contea nel nord Europa e si estendeva dal nord est della Francia fino a
 +sud ovest dei Paesi Bassi, attraversando parte del Belgio; le attuali Fiandre,
 +invece, hanno confini molto più circoscritti e costituiscono solo
 +una delle tre regioni dello stato belga. In conclusione, allora, i cognomi
 +La Fiandra e Lafiandra nascono sulla base di soprannomi etnici attribuiti
 +ai capostipiti, che avevano appunto origini fiamminghe.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIANI
 +<br>FIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiani ha un ceppo a Bagnoregio (VT) ed a Roma ed uno a&nbsp;&nbsp; Frosolone
 +(IS), Fiano ha un ceppo a Roma ed in Puglia a Mesagne (BR) e a San Severo
 +e Stornara (FG), dovrebbe derivare da nomi di località a loro volta
 +derivate da <i><font color="#3366FF">Fundus Flavianus</font></i> contratto
 +poi in Fianus, una derivazione diretta dal nome <i><font color="#3366FF">Flavianus</font></i>
 +contratto in <i><font color="#3366FF">Fianus</font></i> è pure possibile:
 +"<font color="#CC33CC">...Consilii auctores, Berettius atque </font><font color="#FF0000">Fianus,</font><font color="#CC33CC">
 +perfidiam, cum tempus erit, post ambo piabunt, in quos haec recidet moles,
 +et lerna malorum....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIASCHI
 +<br>FIASCHINI
 +<br>FIASCO
 +<br>FIASCON
 +<br>FIASCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiaschi è tipicamente toscano, molto diffuso a Prato, nel fiorentino
 +a Firenze, Campi Bisenzio, Castelfiorentino, Certaldo, Signa, Montespertoli,
 +Empoli, Fucecchio e Scandicci, nel pisano a San Miniato, Pisa e San Giuliano
 +Terme, a Carrara, a Quarrata nel pistoiese, a Poggibonsi, Siena e Colle
 +in Val d'Elsa nel senese, a Piombino, Livorno, Cecina, e Rosignano Marittimo
 +nel livornese, Fiaschini, molto raro, ha ceppi nel ternano, viterbese e
 +romano, ed a Palermo, Fiasco ha un ceppo nel romano a Palestrina, Roma,
 +Castel San Pietro Romano e Zagarolo,&nbsp; ed uno nel salernitano a Laurino
 +e Castel San Lorenzo, Fiascone, estremamente raro, parrebbe abruzzese,
 +Fiasconi, quasi unico, è toscano, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite forme ipocoristiche, dal nome e soprannome medioevale <i><font color="#3333FF">Fiasco</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Fiasconis</font></i>, di cui abbiamo un
 +esempio d'uso in un atto dell'anno 1275 a Sassari: "<font color="#CC33CC">...
 +nomine possidere. Et taliter hec omnia suprascripta dicti contraentes me
 +Henricum notarium scribere rogaverunt. Actum Sassari in domo curie regni,
 +presentibus Barnardo dicto </font><font color="#FF0000">Fiasco</font><font color="#CC33CC">
 +quondam Bonaventure de Avane et Dilio caseareo de cappella Sancti Georgii
 +Pordemaris quondam Landonis, testibus ad hec rogatis. Dominice incarnationis
 +anno millesimo ducentesimo septuagesimo quinto, indictione tertia, decimo
 +kalendas novembris. Ego Henricus filius quondam Sesmondini de Camuliano
 +hanc cartam a me rogata, rogatus, scripsi et firmavi.</font> ".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FICARA
 +<br>FICARRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00ficarra.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="43" height="75"><font size="-1">Ficara ha un ceppo nella Calabria meridionale, uno tra siracusano e catanese
 +ed uno tra palermitano e trapanese, Ficarra è tipico siciliano,
 +diffuso in tutta l'isola, dovrebbero derivare, direttamente o tramite modificazioni
 +dialettali, dal toponimo Ficarra (ME), come si potrebbe dedurre ad esempio
 +da un testamento del 1354 dove tra i beneficiari si legge: "<font color="#CC33CC">...Item legavit
 +</font><font color="#FF0000">Ioanni de Ficarra</font><font color="#CC33CC">
 +uncias duas...</font>", ma è pure possibile una derivazione da un
 +soprannome, poi divenuto nome, originato dal vocabolo arabo <i><font color="#3366FF">fakhar</font></i>
 +(<i><font color="#999999">glorioso, meritevole di ogni stima</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Ficarra è cognome siciliano che viene dalla voce dialettale
 +siciliana '<i><font color="#3333FF">ficarra</font></i>' = <i><font color="#666666">albero
 +di fico</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FICARAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, dovrebbe essere siciliano e derivare da un toponimo
 +come Ficarazzi (PA) o Ficarazzi (CT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FICCARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro sembrerebbe originario del maceratese o del Piceno, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Ficcardo (MC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FICHERA
 +<br>FIGHERA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fichera è un cognome originario della Sicilia orientale, Fighera
 +è specifico del trevisano, di Istrana in particolare, ma anche di
 +Vittorio Veneto e Preganziol, dovrebbero derivare dal mestiere di venditore
 +o coltivatore di fichi o dal fatto che la famiglia abitava nei pressi di
 +una grossa concentrazione di fichi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FICHI
 +<br>FICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fichi, molto raro, parrebbe pisano, con un ceppo anche nel bolognese, Fico,
 +tipicamente meridionale, ha ceppi nel basso Lazio, nel napoletano, nel
 +barese e tarentino, nel cosentino e crotonese, dovrebbero derivare da soprannomi
 +forse motivati dalla presenza di un albero di fico presso l'abitazione
 +delle famiglie, o anche dal fatto che coltivassero, raccogliessero o conservassero
 +i fichi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIDANZA
 +<br>FIDANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fidanza ha un ceppo nella zona delle province di Teramo, L'Aquila e Roma
 +ed uno tra foggiano e potentino, Fidanzi è tipicamenbte toscano
 +della zona di Volterra e Pomarance nel pisano, di Piombino (LI) e di Massa
 +Marittima nel grossetano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Fidanza</font></i>,
 +nato in ambito religioso col significato letterale di <i><font color="#3366FF">fede</font></i>
 +(termine che, in italiano antico, suona appunto come fidanza; vedi anche
 +Fede, Bonafede e Fedele). In conclusione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIDECARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fidecaro, assolutamente rarissimo, è siciliano, dovrebbe derivare
 +da un nome medioevale ottenuto dalla contrazione dell'aggettivo <i><font color="#3333FF">fidelis</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fedele</font></i>) e <i><font color="#3333FF">carus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">caro</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIDELIO
 +<br>FIDILI
 +<br>FIDILIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fidelio è tipico di Ispica nel ragusano, ma è ben presente
 +anche a Siracusa e Pachino nel siracusano, Fidili, quasi unico, sembrerebbe
 +del palermitano, Fidilio è specifico del sud della Sicilia, di Pachino
 +nel siracusano e di Vittoria nel ragusano, dovrebbero derivare dal nome
 +latino <i><font color="#3333FF">Fidelius</font></i>, usato in epoca medioevale
 +prevalentemente dalle popolazioni germaniche, con il significato di <i><font color="#666666">il
 +più fedele in Dio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIDERIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiderio è tipicamente siciliano del ragusano, di Modica, con ceppi
 +anche a Vittoria e Ragusa, dovrebbe derivare dal nome germanico <i><font color="#3366FF">Fiderius</font></i>, variante di <i><font color="#3333FF">Fidelius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FIDELIO</font>), 
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">De fidelitate &amp;
 +pudore foeminarum</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Erat tunc temporis
 +in huius aula regina Cocorae, unà cum liberis, tanquam obses: Rex
 +autem illius nimirum maritus, sequebatur Ongoschionis partes contra </font><font color="#FF0000">Fiderium</font><font color="#CC33CC">.
 +Quo cognito Caesar metuens reginae fugam, ut arctiori eam custodiâ
 +asservaret, iussit illi mandare, ut in arcem cum liberis suis se conferat.
 +Regina habita Caesari debitâ reverentiâ recusavit id hisce
 +verbis: Serenissime Caesar, uxor ego cum sim, non minus imperium mariti
 +mei agnosco, quàm maritus meus Vestrae Maiestatis imperium observare
 +tenetur....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIDUCIOSI
 +<br>FIDUCIOSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fiduciosi è unico, Fiducioso, che lo è quasi sembra campano,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Fiducioso</font></i>,
 +assegnato dai genitori ad un figlio cui si augurava così di essere
 +fiducioso in Dio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIERI
 +<br>FIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Fieri, molto molto raro, ha presente in Toscana e nel Lazio, Fiero, altrettanto
 +raro, è presente in tutta Italia, ma in particolare in Campania,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fiero</font></i>,
 +con il significato di <i><font color="#666666">fiero in Dio</font></i>,
 +cioè di essere fiero di essere cristiano, o anche come forma aferetica
 +di soprannomi come <i><font color="#3333FF">staffiero</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +STAFFIERE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIERRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico campano con ramificazioni anche nel foggiano, deriva da soprannomi
 +dialettali contaminati dallo spagnolo originati dal mestiere di fabbro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGALLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico ligure della zona di Rapallo, Camogli e Santa
 +Margherita ligure, potrebbe essere di origini spagnole e derivare da toponimo
 +Ficallo in Spagna, ricordiamo ad esempio Don Juan de Borja, Conte di Mayalde
 +y de Ficallo, troviamo la famiglia Figallo nel Liber Nobilitatis Genuensis
 +fin dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGARI
 +<br>FIGARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figari molto raro è tipico del genovese, Rapallo e Camogli in particolare,
 +Figaro, estremamente più raro dsembrerebbe avere un ceppo padovano
 +ed uno napoletano, derivano dal mestiere di barbiere, il vocabolo arcaico
 +figaro aveva appunto quel significato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGINI
 +<br>FIGINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figini è specifico dell'areqa che comprende le province di Milano,
 +Varese, Como e Lecco, con un ceppo, forse secondario, nell'alessandrino,
 +Figino è assolutamente rarissimo e potrebbe trattarsi di una forma
 +arcaica del primo, dovrebbero derivare dal toponimo Figino Serenza (CO)
 +o Figino (MI), come si può ipotizzare facilmente da un atto del
 +1200 scritto a Milano e così firmato: "<font color="#CC33CC">Ego
 +</font><font color="#FF0000">Paganus de Figino</font><font color="#CC33CC">
 +notarius civitatis Mediolani porte Cumane iussu suprascripti notarii scripsi.</font>".&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione si trovano a Milano nella seconda metà
 +del 1400 con Pietro Figino, un ricco e potente commerciante che fece costruire
 +nel 1472 il famoso Coperto dei Figini in piazza del Duomo a Milano. Personaggio
 +famoso con questo cognome è stato il pittore Giovanni Ambrogio Figino
 +(1553-1608).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGLIOLA
 +<br>FIGLIUOLA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figliuola, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Figliola, che ha il ceppo più importante nel
 +teramano, in particolare a Tortoreto, un ceppo a San Martino in Pensilis
 +in Molise, uno nel foggiano ed uno ad Agropoli nel salernitano, potrebbe
 +derivare dal toponimo Figliola nel teramano, probabile luogo d'origine
 +dei capostipiti, in alcuni casi può derivare dal nome medioevale
 +femminile italiano <i><font color="#3366FF">Figliola</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGLIOLI
 +<br>FIGLIUOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figlioli ha un ceppo ad Anagni ed a Sora nel frusinate ed uno a Pozzuoli
 +nel napoletano, Figliolo, assolutamente rarissimo, potrebbe essere del
 +potentino, Figliuolo è originario della zona compresa tra la provincia
 +di Avellino e di Potenza, dovrebbero derivare dal toponimo Figlioli nell'avellinese, in alcuni casi possono derivare dal nome medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Figlio</font></i><font color="#000000">,</font><i><font color="#3333FF">
 +Figliolo </font></i><font color="#000000">o</font><i><font color="#3333FF">
 +Figliuolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGLIULO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figliulo, molto raro, è di Valva nel salernitano, dovrebbe trattarsi
 +di una forma dialettale campana del nome medioevale italiano <i><font color="#3333FF">Figliuolo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FIGLIOLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGLIUZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figliuzzi è un cognome calabrese, con massima concentrazione nel
 +vibonese a Serra San Bruno, a Crotone ed a San Giovanni in Fiore nel cosentino,
 +presenta un ceppo consistente anche a Roma, potrebbe derivare da una forma
 +ipocoristica del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Figlio</font></i>,
 +ma in molti casi si dovrebbe trattare di un cognome attribuito da istituti
 +borbonici a dei trovatelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGONE
 +<br>FIGONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figone, molto raro, sembra avere un ceppo nel genovese, Figoni oltre al
 +nucleo principale nel sassarese, dovrebbe averne anche un ceppo nel piacentino,
 +le derivazioni potrebbero essere duplici, dal nome celtico Figol i ceppi
 +continentali e come modificazioni del cognome Figus quelli sardi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">FIGUERA
 +<br>FIGURA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Figuera è specifico di Acireale e Catania nel catanese, Figura è
 +tipico della Sicilia meridionale, di Ispica e Pozzallo nel ragusano, e
 +di Rosolini, Siracusa e Noto nel siracusano, con un ceppo anche a Palermo,
 +dovrebbe derivare da un toponimo locale con nome spagnolo, come potrebbe