User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_d

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_d [2020/02/17 21:01] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - D ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table BORDER CELLSPACING=0 CELLPADDING=0 WIDTH="100%">
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DABBENE
 +<br>DABBENI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dabbene ha un ceppo a Palermo ed uno piemontese, a Torino, Candiolo e Rivoli
 +nel torinese, uno ad Asti, ed uno a Santa Vittoria d'Alba, Bra e Marene
 +nel cuneese, Dabbeni. estremamente raro, parrebbe del basso bresciano,
 +potrebbero derivare da un'alterazione del nome ebraico <i><font color="#3366FF">Dibon</font></i>,
 +o anche da una forma patronimica del nome germanico <i><font color="#3366FF">Abon</font></i>,
 +a sua volta derivato dalla radice germanica <i><font color="#3366FF">alb</font></i>
 +(<i><font color="#999999">elfo</font></i>), ma si pu&ograve; anche ipotizzare,
 +con maggior credibilit&agrave;, una derivazione dal termine medioevale
 +francese <i><font color="#3366FF">d'aubain</font></i>, che nel medioevo
 +aveva assunto il significato di straniero, derivando dal termine latino
 +medioevale <i><font color="#3366FF">alibanus</font></i> (<i><font color="#999999">colui
 +che era sottoposto ad un diverso feudatario</font></i>), a sua volta derivato
 +da <i><font color="#3366FF">ali</font></i>, contrazione di <i><font color="#3366FF">alius</font></i>
 +(<i><font color="#999999">altro, diverso</font></i>) e <i><font color="#3366FF">banus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">signore feudale</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DABELLANI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Specifico bresciano
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza</font></font>
 +<br><font color="#000000">&egrave; possibile che il cognome possa derivare
 +dal toponimo Bellano paese del lago di Como "Da Bellano".</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP WIDTH="120"><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA BO'
 +<br>DAL BO
 +<br>DAL BO'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da B&ograve; &egrave; unico, si tratta molto probabilmente di un errore
 +di trascrizione del cognome Dal B&ograve;, che sembra specifico del trevisano,
 +di Treviso, Preganziol, Vittorio Veneto, Conegliano e Oderzo, Dal Bo &egrave;
 +ancora pi&ugrave; diffuso nel trevigiano, nel pordenonese e ad Udine, dovrebbero
 +derivare dal termine <i><font color="#999999">bove</font></i> ad indicare
 +probabilmente una situazione economica florida della famiglia.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ABROSCA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; tipico del casertano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DACCHILLE
 +<br>D'ACCHILLE
 +<br>DACHILLE
 +<br>D'ACHILLE</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Acchille, quasi unico, parrebbe dell'area abruzzese, Dacchille, molto
 +molto raro, sembrerebbe specifico di Palo del Colle nel barese, anche se
 +presenta un piccolo ceppo anche a Manfredonia nel foggiano, D'Achille sembrerebbe
 +specifico dell'area abruzzese, laziale, di Palombaro nel teatino e Castel
 +di Sangro nell'aquilano, di Roma e Velletri nel romano, di Bassano Romano
 +nel viterbese e di Latina, con un piccolo ceppo a Palo del Colle nel barese
 +ed a Manfredonia nel foggiano, Dachille, molto raro, &egrave; specifico
 +di Palo del Colle nel barese, tutti questi cognomi dovrebbero essere forme
 +patronimiche relative a capostipiti i cui padri si chiamassero <i><font color="#3366FF">Achille</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DACCO'
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Della zona compresa tra le provincie di Milano, Pavia e Lodi. Potrebbe
 +derivare dalla contrazione di un Dalla Corte. (<font color="#CC33CC">vedi
 +Cortese</font>)
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>notizie ulteriori fornite da Gian
 +Luigi Dacc&ograve;</font></font>
 +<br>Il cognome Dacc&ograve; &egrave; davvero diffuso tra le province di
 +Lodi, Cremona e sud Milano ma &egrave; tipico del Lodigiano, zona di S.Angelo.
 +Credo che l'etimologia pi&ugrave; coerente sia : Da C&ograve;, dove C&ograve;
 +in lodigiano significa fontanile, quindi Dacc&ograve; = Dal Fontanile,
 +dalla Fonte.&nbsp; In comune di Missaglia ( LC ) &egrave; attestato fin
 +dal XV&deg; secolo il toponimo Dac&ograve; o Dag&ograve; (vedi Statuto
 +acque e faglie di Milano, 1346): Il toponimo si modific&ograve;, per italianizzazione,
 +in Degore nel XVIII&deg; secolo.&nbsp; Di fatto il cognome Dacc&ograve;
 +a Dac&ograve; non &egrave; testimoniato poi in Brianza o nel Lecchese.&nbsp;
 +Pi&ugrave; probabilmente anche il toponimo Dac&ograve; ha la stessa etimologia
 +del cognome lodigiano: casina Da C&ograve;, cascina del fontanile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ACCURSO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Accurso, molto molto raro, sembrerebbe originario della Sicilia, dell'ennese,
 +zona di Sperlinga e Nicosia, e del palermitano zona di Bisacquino, si dovrebbe
 +trattare di una forma patronimica dove il D' sta per il figlio di, riferendosi
 +ad un padre del capostipite il cui nome era <i><font color="#3366FF">Accursus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ACCORSI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA CHA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Cha sembra essere unico, potrebbe derivare da un soprannome dialettale
 +originato dal fatto di essere il capostipite identificabile come <i><font color="#3366FF">quello
 +della casa</font></i>, probabilmente in un ambiente contadino dove l'abitare
 +in una casa singola era un'eccezione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA COL
 +<br>DACOL
 +<br>DE COL
 +<br>DECOL</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Col &egrave; specifico della zona che comprende il bellunese, con Cibiana
 +di Cadore, Mel, Pieve di Cadore e Belluno e l'Alto Adige con Bolzano e
 +Brunico, con un ceppo nel veneziano anche a San Don&agrave; di Piave e
 +Venezia, Dacol, praticamente unico, &egrave; dovuto ad un errore di trascrizione
 +anagrafica del precedente, De Col &egrave; tipicamente veneto, molto diffuso
 +soprattutto nel bellunese, a Belluno, La Valle Agordina, Pieve d'Alpago,
 +Ponte nelle Alpi, Sedico, Feltre, Agordo e Limana, ma anche a Venezia,
 +Decol &egrave; praticamente unico e dovrebbe trattarsi di un errore di
 +trascrizione del cognome precedente, questi cognomi dovrebbero indicare
 +la provenienza delle famiglie da zone collinari o montagnose.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DACOMI
 +<br>DA COMO
 +<br>DACOMO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dacomi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico del sudmilanese,
 +pavese e lodigiano, Da Como, molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel
 +basso veronese ed uno a Mirandola nel vicino modenese, Dacomo, decisamente
 +meno raro, ha un ceppo piemontese, con un nucleo a Torino e nel cuneese,
 +presenze nella Lombardia occidentale ed in Veneto, l'origine di questi
 +cognomi potrebbe essere dovuta ad una provenienza dei capostipiti dalla
 +citt&agrave; lombarda di Como.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA COSTA
 +<br>DALLA COSTA
 +<br>DALLACOSTA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Costa, molto molto raro, sembrerebbe del nord Italia, Dallacosta &egrave;
 +quasi unico, si tratta di una variazione del cognome Dalla Costa, tipicamente
 +veneto, del vicentino in particolare, dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave;
 +contenenti la radice Costa, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +almeno dal 1500 ad esempio agli inizi del 1500 a Foza (VI) con il parroco
 +pr&egrave; Giorgio Dalla Costa e cinquant'anni pi&ugrave; tardi a Rotzo
 +(VI) con Domenego quondam Antonio dalla Costa citato in un atto del 1578.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ACQUISTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico del palermitano, deriva dal nome gratulatorio medioevale Acquisto
 +(<font color="#CC33CC">vedi Acquisti</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ACUNTO
 +<br>DE CUNTO
 +<br>DI CUNTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Acunto &egrave; un cognome tipico del salernitano, De Cunto ha un piccolo
 +ceppo nel casertano, uno a San Severino Lucano, Potenza e Viggiano nel
 +potentino ed uno a Santa Maria del Cedro nel cosentino, Di Cunto ha un
 +ceppo a Roccamonfina nel casertano, a Castellabate nel salernitano ed a
 +Napoli, ed un ceppo nel cosentino a Frascineto e Cassano allo Ionio.D'Acunto &egrave; un cognome tipico del salernitano, De Cunto ha un piccolo
 +ceppo nel casertano, uno a San Severino Lucano, Potenza e Viggiano nel
 +potentino ed uno a Santa Maria del Cedro nel cosentino, Di Cunto ha un
 +ceppo a Roccamonfina nel casertano, a Castellabate nel salernitano ed a
 +Napoli, ed un ceppo nel cosentino a Frascineto e Cassano allo Ionio.
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Fabio Paolucci
 +(Salerno)</font></font>
 +<br>D'Acunto è un tipico cognome campano, cospicuamente diffuso nel Salernitano, sia nel
 +versante interno (Buccino, Battipaglia, Bellizzi, Pontecagnano, Eboli) che,
 +maggiormente, nel capoluogo e nei comuni della Costiera Amalfitana (Vietri sul Mare)
 +e aree limitrofe (Cava dei Tirreni), con propaggini nel Napoletano (a Napoli, Barano
 +d'Ischia, Torre del Greco e Ischia, isola in cui i D'Acunto sono presenti
 +sicuramente, perchè documentati, già dal XVII sec.).
 +Un ceppo D'Acunto ben radicato, ben più folto di quello del Salernitano, è
 +rintracciabile nel basso Lazio, nelle località marittime di Minturno e Scauri,
 +mentre ancora un altro ceppo è ravvisabile in Molise, ad Isernia.
 +Numerose varianti del cognome sono individuabili in tutta l'Italia Meridionale, come
 +Acunto, Acunti, Acunzo, Acunzi D'Acunti, D'Acunzo, D'Acunzi, e Dacunto (quasi unico)
 +in Campania, De Cunto in Basilicata, con maggiore concentrazione nel comune
 +potentino di San Severino Lucano, Di Cunto in Calabria (Frascineto, dove fino
 +all'800 era registrata anche la forma Di Cunta, e Cassano allo Ionio nel Casentino).
 +Un ceppo Daconto, poi originario di Giovinazzo, nel Barese, discende da un tale
 +"mastro Giuseppe da Cunto di Bari, vissuto nel XVIII secolo.
 +Dal punto di vista etimologico, il cognome dovrebbe derivare da uno o più toponimi
 +esistiti in passato, denominati Cunto o Conto, in relazione ad aree di proprietà di
 +personaggi elevati al rango comitale (come poteva essere, ad esempio, un toponimo
 +detto Casale del Conte), ma non si può escludere una possibile derivazione del
 +cognome da un soprannome, attribuito al capostipite per diversi motivi, come la
 +dipendenza da un Conte, la discendenza da questi, la somiglianza fisica con un
 +Conte, o addirittura creato in relazione ai modi di fare e alla baldanza simile a
 +quella di un nobile.
 +La teoria di derivazione più accettabile resta, in ogni modo, quella relativa al
 +toponimo di provenienza, che avrebbe dato luogo a più ceppi Da Cunto o De Cunto e Di
 +Cunto, divenuti poi per trascrizione anagrafica, in seguito a fusione dei termini,
 +D'Acunto e varianti.
 +La forma cognominale De Cunto risulta attestata fin dal XV sec. nei territori della
 +Costiera Amalfitana: un Palamide de Cunto fu Vescovo di Minori dal 1475 al 1483,
 +mentre un suo congiunto, Andrea de Cunto (o D'Acunto), fu prima Vescovo di Minori
 +negli anni 1483 - 84, poi Arcivescovo di Amalfi dal 1484 al 1504, anno in cui morì. 
 +Le spoglie dell'Arcivescovo de Cunto furono depositate nella famosissima Cattedrale
 +di Amalfi, in un apposito sacello ancora ammirabile nel suo splendore
 +architettonico.
 +A questo Casato appartenne anche l'Amalfitano Giovanni di Cunto, segretario del Re
 +Ferrante d'Aragona (1458-1494), il quale fu investito dal Sovrano di molti feudi del
 +Salernitano, fra cui Montecorice e Casal Velino.
 +Si ha notizia documentaria che Giovanni di Cunto lasciò nel 1515 i feudi di
 +Cannicchio e Novella (in agro di Montecorice) in eredità al convento napoletano
 +della Madonna delle Grazie, che a sua volta li diede in permuta a Giovan Francesco
 +Poderico nel 1519.
 +Riguardo al citato potente Casato non si rinviene più alcuna fonte dei secoli
 +successivi, probabilmente perché estintosi in linea maschile già a partire dalla
 +prima metà del Cinquecento.
 +Quasi certamente, i De Cunto (o D'Acunto) di Amalfi appena citati, accrebbero in
 +ricchezze e sostanze soprattutto sfruttando il commercio marittimo, favoriti dalla
 +potenza nei mari stabilita dalla Repubblica Marinara di Amalfi, città dove si erano
 +insediati, riuscendo ad elevarsi dal rango mercantile di appartenenza a quello
 +aristocratico con una repentina scalata sociale nello svolgersi di meno di un secolo
 +(fine 400 - inizi 500).
 +Poi, dalla prima metà del Cinquecento, sul Casato cala il sipario del buio
 +documentario.
 +Con ogni probabilità, i D'Acunto erano impegnati in special modo nella redditizia
 +attività legata alla produzione ed al commercio di mercanzie soprattutto in
 +ceramica, prodotta nella cittadina costiera di Vietri sul Mare, a pochi chilometri
 +da Salerno: non a caso, proprio Vietri sul Mare è uno dei maggiori centri di
 +irradiazione dei D'Acunto nel Salernitano. Inoltre, tuttora in tale comune è
 +fiorente la produzione di manufatti in ceramica, attività artigianale il più delle
 +volte tramandata da padre in figlio, non mancando, ancora oggi, e non a caso,
 +aziende familiari del settore gestite da D'Acunto.
 +Ancora un'ulteriore considerazione va precisata. Si è detto, all'inizio del
 +paragrafo, che località di maggiore concentrazione di famiglie D'Acunto sono
 +Minturno e Scauri, suggestive e antiche cittadine dell'area meridionale del Lazio,
 +nella provincia di Latina, confinanti con i territori campani del Casertano, di cui
 +le due località facevano parte fino alla seconda metà dell'800.
 +Sembra evidente, quindi, lo svolgimento del fenomeno di irradiazione dei D'Acunto
 +dalla Costiera Amalfitana a Minturno - Scauri, o viceversa da Minturno alla Costiera
 +se questi erano originari di Minturno, e a tutti gli altri centri costieri del
 +Napoletano e del Salernitano, nonché ad Ischia, come conseguenza dell'attività
 +commerciale svolta dai D'Acunto per secolare tradizione, e in particolar modo nel
 +periodo dei fasti della Repubblica Marinara di Amalfi.
 +Dalle zone costiere, poi, molti rami si sarebbero insediati nelle zone interne della
 +Campania, come ad esempio a Buccino, ultima roccaforte dei D'Acunto, quasi al
 +confine con la Lucania dove invece sono concentrati i De Cunto, dedicandosi alle
 +attività agricolo-pastorali.
 +Resta ancora da verificare se tali ceppi sono originari dell'area di Minturno o
 +della Costiera Amalfitana: solo a titolo informativo, sembrerebbe più accettabile
 +una origine dei D'Acunto appartenente a Minturno (dove tutt'oggi è registrato il
 +numero più consistente delle famiglie D'Acunto di tutta la Penisola, essendo il
 +secondo cognome in ordine di frequenza dopo Conte, da cui potrebbe fra l'altro
 +essersi formato), da cui sarebbero migrati alla volta di altri luoghi marittimi (del
 +Napoletano e della Costiera) per motivi legati alle attività mercantili e
 +artigianali (o legati alla pesca), e soprattutto, quindi, per la presenza di empori
 +commerciali nei succitati luoghi.
 +Non si può escludere, d'altro canto, l'estraneità dei più ceppi D'Acunto da una
 +eventuale origine comune: se la forma cognominale è derivata da un toponimo o da un
 +soprannome, è possibile che molti ceppi omonimi abbiano origini diverse fra loro, e,
 +di conseguenza, non siano ricollegabili all'ipotizzata comune origine.
 +Ad avvalorare la tesi dell'origine dalla cognominizzazione di un soprannome è la
 +presenza, nel XVI sec., del pittore Napoletano Giulio di Angelo alias D'Acunto (o
 +Felice D'Acunto), vivente nel 1562 e autore, tra tante opere, di una Madonna del
 +Popolo col Bambino che accoglie sotto il manto fedeli infermi supplicanti in
 +ginocchio, conservata nella chiesa di S. Maria del Popolo a Torre del Greco.
 +Un ultima riflessione, per sostenere ancora più fermamente l'eventualità che il
 +cognome di molti ceppi D'Acunto possa essersi originato dalla cognominizzazione di
 +un soprannome, è la possibile derivazione etimologica dal termine dialettale
 +"cunto", con il significato di "racconto, filastrocca": si ricordi, a tale proposito
 +l'opera letteraria di Giambattista Basile (1566-1632) intitolata "Lo cunto de li
 +cunti".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA DALT
 +<br>DADALT
 +<br>DA DALTO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Dalt &egrave; tipico del trevisano, di Vittorio Veneto, Conegliano,
 +Cappella Maggiore e Gorgo al Monticano, Dadalt, assolutamente rarissimo,
 +parrebbe friulano, Da Dalto &egrave; specifico del trevisano, di Vazzola
 +e Conegliano, dovrebbero derivare da nomi di localit&agrave; come Sala
 +di Sopra (<i><font color="#3333FF">dadalt</font></i> in dialetto) di Gorgo
 +al Monticano o Tramonti di Sopra nel pordenonese, o molti altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ADAMIO
 +<br>D'ADDAMIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Adamio &egrave; tipico di San Salvo (CH) e del teatino, D'Addamio &egrave;
 +un cognome tipicamente abruzzese, concentrato a Castelvecchio Subequo (AQ)
 +ed a Roccaspinalveti (CH).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Dr. Giovanni
 +D'Addamio</font></font>
 +<br>D'Addamio &egrave; un cognome italiano di origine abruzzese, diffuso
 +nella Valle Subequana, in provincia dell'Aquila, e nella zona montuosa
 +compresa tra il fiume Trigno e il fiume Sangro, in provincia di Chieti.
 +Tutte le persone che portano questo cognome sembrano provenire da questi
 +luoghi o essere discendenti da persone che sono emigrate dagli stessi.
 +Eventuali varianti possono essere dovute a errori di trascrizione da parte
 +di soggetti di lingua inglese o spagnola.&nbsp; L'origine di questo cognome
 +&egrave; incerta. Apparentemente si tratta di un doppio patronimico (<i><font color="#3366FF">Di
 +- Ad</font></i>) utilizzato nel sud della penisola italiana, e significa
 +letteralmente <i><font color="#3366FF">discendente di Damio</font></i>
 +( <i><font color="#3366FF">Damio</font></i> &egrave; un nome di origine
 +greca : Damio era l'ammiraglio di Eumene II&deg;, re di Pergamo negli anni
 +197-159 a.C).&nbsp; Potrebbe anche trattarsi di una errata trascrizione
 +anagrafica del pi&ugrave; comune cognome D'Addario, molto diffuso su tutto
 +il versante italiano del medio e basso adriatico. Tuttavia la localizzazione
 +geografica, circoscritta in zone montuose o arroccate, il numero esiguo
 +di individui che portano questo cognome e la presenza negli stessi luoghi
 +(in provincia di Chieti ) di un cognome simile e altrettanto poco comune
 +(D'Adamio), lasciano molti interrogativi sia sull'origine del cognome che
 +delle genti.&nbsp; Si tratta di luoghi che nel basso medio evo subirono
 +un progressivo spopolamento a causa della peste del 1348 e dal carattere
 +frequente delle epidemie che fecero la loro ricomparsa a intervalli di
 +circa dieci anni. A ci&ograve; si aggiunse la catastrofica sequenza sismica
 +iniziata il 5 dicembre 1456 che &egrave; ancora oggi ritenuto il pi&ugrave;
 +forte terremoto della storia italiana.&nbsp; Il territorio ubicato della
 +provincia di Chieti, insieme a parte del Molise, venne successivamente
 +ripopolato, intorno al XV-XVI secolo, da popolazioni che sfuggivano all'avanzata
 +ottomana nei Balcani. Tra esse vi erano genti di etnia serbo-croata, greca e albanese ( veggasi
 +la monografia di Milan Resetar - Le colonie serbocroate nell'Italia Meridionale-
 +Vienna 1911 ). Pertanto, non &egrave; da escludersi che il cognome D'Addamio
 +sia l'italianizzazione&nbsp; dei cognomi slavi <i><font color="#3366FF">Adami&#269;</font></i>
 +e/o <i><font color="#3366FF">Addami&#269;</font></i>, ancora in uso nella Slovenia
 +centrale (Osrednjeslovenska) e in Croazia ( Quarnaro e Zagabria).&nbsp; Posta l'origine adriatica
 +del cognome, la presenza dei D'Addamio nella Valle Subequana, si deve probabilmente
 +ad una successiva migrazione interna verso Castelvecchio (ora Castelvecchio
 +Subequo) che tra il basso medioevo e l'inizio del Rinascimento, visse il
 +periodo pi&ugrave; bello della sua storia: acquist&ograve; importanza per
 +il numero di botteghe e il raffinato gusto dei suoi artigiani, divent&ograve;
 +un luogo di commercio e richiam&ograve; l'attenzione dei paesi circonvicini;
 +qui si svolgevano periodiche fiere e mercati rinomati.&nbsp; Castelvecchio,
 +posta in un luogo strategico del territorio, nei pressi della Via Claudio
 +Valeria, gi&agrave; dal periodo bizantino aveva scambi commerciali con
 +Lanciano e Vasto ed era uno dei paesi inseriti nel circuito della transumanza.
 +<br>Nonostante non sia stato possibile acquisire notizie attraverso fonti
 +storiche attendibili, &egrave; stato possibile accertare che alla fine
 +del XIX secolo i D'Addamio erano presenti solo nei paesi di Roccaspinalveti
 +(CH), Palmoli (CH), Dogliola (CH) e Castelvecchio Subequo (AQ).
 +<br>Un interessante indizio a conferma dell'origine croato-ragusea dei
 +D'Addamio lo troviamo a Castelvecchio Subequo, dove un ramo della famiglia
 +ha conservato attraverso i secoli, quale soprannome, la forma abbreviata
 +di un antico saluto in lingua albanese : <i><font color="#3366FF">Tungjatjeta</font></i>.
 +Si traduce nell'italiano salve o ciao e a sua volta deriva dall'originario
 +saluto <i><font color="#3366FF">T'u ngjatte / zgjatte jeta</font></i> ossia
 +<i><font color="#999999">Possa la vostra vita essere lunga</font></i>.
 +Era un saluto sicuramente usato a Durazzo e conosciuto anche nella vicina
 +Dubrovnik (L'antica Repubblica di Ragusa, la quinta Repubblica marinara).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ADDA
 +<br>DADDA</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Originario della zona compresa
 +fra la provincia di Bergamo e quella di Milano, ovvia la derivazione o
 +da qualche toponimo contenente il nome del fiume Adda o dal nome del fiume
 +stesso. Le tracce pi&ugrave; antiche si trovano ad Olgiate, dove Leone
 +D'Adda, nel 1356 gi&agrave; disponeva di grandi ricchezze. Nel 1500 il
 +Sansovino esalt&ograve; la magnificazione di Giovanni Rinaldo e Francesco
 +D'Adda.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ADDARIO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Diffuso dall'Abruzzo alla Puglia, dovrebbe derivare dal nome Addarius di
 +cui si hanno tracce ad esempio nel 1700 a Pollutri (CH) con un certo Addarius
 +Di Rosa e della cui cognominizzazione si hanno tracce verso la fine del 1700
 +nel Molise a Gambatesa (CB).
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>D'Aaddario &egrave; un cognome patronimico dal nome personale <i><font color="#3333FF">Dario</font></i>,
 +che in epoca classica, sulla scorta del greco <i><font color="#3333FF">Dar&eacute;ios</font></i>,
 +era pronunciato <i><font color="#3333FF">Dar&igrave;us</font></i>. Il significato
 +&egrave; '<i><font color="#666666">che mantiene il bene</font></i>' o '<i><font color="#666666">che
 +possiede beni</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'ADDIO
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Addio &egrave; un cognome tipico del casertano e del napoletano, si dovrebbe
 +trattare di un cognome attribuito da confraternite di carit&agrave; o conventi
 +a dei bimbi abbandonati.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DADIE'
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dadi&eacute; &egrave; specifico di Cortina d'Ampezzo nel Cadore, potrebbe
 +derivare da una modificazione dialettale del nome medioevale germanico
 +<i><font color="#3366FF">Dadhari</font></i> a sua volta derivato dall'unione
 +dei termini <i><font color="#3366FF">dad</font></i> (<i><font color="#999999">azione</font></i>)
 +cui si &egrave; aggiunto il termine <i><font color="#3366FF">hari</font></i>
 +(<i><font color="#999999">armata</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA DIO
 +<br>DE DEO
 +<br>DEDEO
 +<br>DEO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Dio &egrave; praticamente unico, De Deo ha un ceppo abruzzese a Pescara,
 +a Sulmona nell'aquilano ed a Chieti, ed un piccolo ceppo a San Severo nel
 +foggiano, Dedeo &egrave; quasi unico, Deo &egrave; originario del salernitano,
 +possono essere derivati dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Deo</font></i>
 +o da forme patronimiche dello stesso. (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +DI DIO</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size=-2>integrazione fornita da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>DEO: cognome raro, presente in 29 Comuni d'Italia, con maggiore diffusione
 +in Campania: Salerno 10, etc. assente in Sardegna. Nel Di.Sto.Sa (Dizionario
 +Storico Sardo, di Francesco Cesare Casula), alla voce Villaspeciosa leggiamo:
 +.Dal 1365 al 1409.il re di Sardegna, Pietro il Cerimonioso continu&ograve;
 +a dare il villaggio in feudo ai suoi sudditi, anche se si trattava solo
 +di concessioni nominali, perch&eacute; Villaspeciosa era in mano agli Arborea.nel
 +1368 la concesse a Pietro Deo (sic). Nel 1358 scoppia di nuovo la guerra
 +tra il giudicato d'Arborea e il re (aragonese - Pietro il Cerimonioso)
 +di Sardegna. Il testo del Fara (Ioannis Francisci Farae - De Rebus Sardois
 +III) riporta: .Quare feudatarii omnes infrascripti, qui in Sardinia dominatum
 +habebant, debita obsequia in eo bello praestare visi sunt: (pertanto i
 +feudatari di seguito elencati, che avevano in Sardegna i loro domini, in
 +quella guerra prestarono i loro favori alla corona).segue il lungo elenco.(tra
 +cui) Petrus de Deo qui habebat oppidum Villae Speciosae curatorie Norae;.(quindi,
 +nel 1358, Pietro de Deo era gi&agrave; signore di Villa Speciosa ?). Il
 +cognome Deo, tra l'altro, &egrave; presente in ben 32 Stati USA: New Jersey
 +con 30/50 nuclei familiari; New York e Michigan contano la maggiore diffusione
 +con 20/25 nuclei familiari etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Concentrato nella provincia di
 +Milano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size=-2>integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Daelli pu&ograve; suggerire la derivazione per aferesi dai
 +cognomi <i><font color="#3333FF">Reda&egrave;lli</font></i>, o <i><font color="#3333FF">Rada&egrave;lli</font></i>,
 +molto diffusi entrambi nel milanese (<font color="#CC33CC">vedi RADAELLI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AFFLITTO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico napoletano, deriva da un soprannome originato dal fatto che il capostipite,
 +Placido Romano, diventato cristiano e fattosi battezzare con il nome di
 +Eustachio, mor&igrave; martire durante la persecuzione di Adriano e per
 +"<i><font color="#CC66CC">l'afflizione che pat&igrave; detto cavaliere
 +di Cristo, i suoi figliuoli acquistarono il cognome D'Afflitto</font></i>",
 +i D'Afflitto furono signori di Lizzanello in Puglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAFFONCHIO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Parrebbe originario della provincia
 +di Alessandria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA FORNO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Forno &egrave; tipico del bellunese, di Pieve di Cadore in particolare,
 +dovrebbe stare ad indicare la provenienza del capostipite dal paese di
 +Forno di Zoldo nel bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA FRE'
 +<br>DAFRE'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Da Fr&egrave; &egrave; tipico dell'area veneto, friulana, di Sarmede soprattutto
 +e di Cordignano, nel trevisano e del vicino pordenonese, Dafr&egrave;,
 +quasi unico, sicuramente veneto, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +del precedente, che potrebbe derivare da nomi di localit&agrave;, forse
 +identificate dalla forma apocopata di <i><font color="#3333FF">Fredo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">freddo</font></i>), o da forme patronimiche riferite
 +alla forma apocopata dell'aferesi&nbsp; di nomi come <i><font color="#3333FF">Alfredo</font></i>
 +o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Daga &egrave; tipicamente sardo, con ceppi nel nuorese, a Sindia ed Ollolai,
 +nel sassarese, ad Alghero, Sassari e Villanova Monteleone, a Cagliari e
 +Quartu Sant'Elena nel cagliaritano, ad Oristano e Riola Sardo nell'oristanese
 +ed a Carbonia ed Iglesias, dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dal termine sardo <i><font color="#3333FF">daga</font></i> (<i><font color="#666666">corta
 +spada</font></i>) a sua volta derivato dal latino <i><font color="#3333FF">daga</font></i>,
 +la corta e larga spada dei legionari romani, forse ad indicare nei capostipiti
 +dei militari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGARO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Molto raro &egrave; specifico friulano, dovrebbe derivare dal nome medioevale
 +di origine ebraica Agar, di cui abbiamo un esempio in un atto di vendita
 +dell'anno 759: "<font color="#CC33CC">In Dei nomine. regnante domno nostro
 +Desiderio rege, anno regni eius tertio, mense iunium... ...Signum + manus
 +</font><font color="#FF0000">Agari </font><font color="#CC33CC">clerici
 +uindituri et conseruaturi....</font>", &egrave; pure possibile una derivazione
 +da un nome di localit&agrave; friulana ora scomparsa, come Agaro (VB) in
 +Val d'Ossola, o anche da un soprannome, ricordiamo che <i><font color="#3366FF">agar</font></i>
 +in dialetto significa solco, canalone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGATA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Agata ha un piccolo ceppo tra campobassano e beneventano, che potrebbe
 +derivare dal nome del paese di Sant'Agata dei Goti nel beneventano, ed
 +un ceppo pi&ugrave; consistente nella Sicilia orientale, nel messinese,
 +catanese soprattutto e siracusano, che potrebbe derivare dal nome di paesi
 +come Sant'Agata li Battiati nel catanese, o Sant'Agata di Messina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGGIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Tipico della provincia di Taranto &egrave; molto raro, potrebbe derivare
 +dall'aferesi del nome italo germanico Andagis, ma &egrave; poco probabile.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Daglia &egrave; specifico di Voghera nel pavese, con altre presenze nel
 +pavese e nell'alessandrino, potrebbe derivare da un antico nome di localit&agrave;
 +ora scomparso, forse legato al nomen latino <i><font color="#3333FF">Allius</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGNANO
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dagnano, quasi scomparso in Italia, dovrebbe essere originario del savonese,
 +probabilmente di Loano, di difficile interpretazione si possono considerare:
 +la provenienza del capostipite dal paese di Agnan in Francia, ma sembra
 +troppo lontano, o anche l'alterazione del nome francese <i><font color="#3366FF">Daguenant</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGNESE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dagnese &egrave; specifico di Torino, dovrebbe trattarsi dell'italianizzazione
 +di nomi francesi come <i><font color="#3333FF">Dagneaux</font></i>, una
 +forma ipocoristica del nome <i><font color="#3333FF">Daniel</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Daniele</font></i>), ma si potrebbe per&ograve;
 +anche trattare di un'errata trascrizione di una forma matronimica riferita
 +a capostipiti la cui madre si fosse chiamata <i><font color="#3333FF">Agnese</font></i>.&nbsp;
 +(<font color="#CC33CC">vedi D'AGNESE</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGNESE
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Agnese ha un ceppo abruzzese nel pescarese a Montesilvano e Pescara,
 +un ceppo nel latinense a Gaeta e Formia, ed in Campania a Napoli ed a Montemarano
 +nell'avellinese, si dovrebbe trattare di una forma matronimica riferita
 +a capostipiti la cui madre si fosse chiamata <i><font color="#3333FF">Agnese</font></i>.&nbsp;
 +(<font color="#CC33CC">vedi AGNES</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGNI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Agni &egrave; assolutamente rarissimo, probabilmente calabrese, dovrebbe
 +stare ad indicare la provenienza del capostipite dal paese di Agni sull'isola
 +di Corf&ugrave; in Grecia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGNOLO
 +<br>DE AGNOLI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>De Agnoli, assolutamente rarissimo, parrebbe veneto, D'Agnolo, sicuramente
 +friulano, ha un ceppo a Vivaro nel pordenonese ed uno a Trieste, dovrebbero
 +derivare entrambi da forme patronimice derivate dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Agnolus</font></i>,
 +una forma arcaica del nome Angelo (<font color="#CC33CC">vedi AGNOLETTI</font>),
 +ad intendere quindi le famiglie di figli di un <i><font color="#3366FF">Agnolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGOSTINI
 +<br>D'AGOSTINO
 +<br>DAGOSTINI
 +<br>DAGOSTINO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Agostini ha un ceppo tra Veneto e Friuli ed uno nel Lazio, Dagostini,
 +assolutamente rarissimo, &egrave; tipico di Trieste, D'Agostino &egrave;
 +diffuso moltissimo&nbsp; in tutt'Italia, ma particolarmente nel centro
 +sud, Dagostino, decisamente pi&ugrave; raro &egrave; specifico di Giovinazzo
 +(BA) e della zona di Barletta, derivano da ipocoristici o del nome latino
 +<i><font color="#3366FF">Augustus</font></i> o di soprannomi derivanti
 +dal fatto di essere nati in agosto, riferimento da cui il capostipite ha
 +tratto il soprannome.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Giovinazzo (BA) almeno dal 1500, quando in un atto viene citato mastro
 +Giuseppe de Agostino di Nola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DA GRADI
 +<br>DAGRADI</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dagradi &egrave; tipico del sudmilanese e del pavese, Da Gradi &egrave;
 +quasi unico, dovrebbero derivare da toponimi locali (<font color="#CC33CC">vedi
 +DE GRADA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>D'AGREZIA
 +<br>DAGREZIA
 +<br>DAGREZIO</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>D'Agrezia, quasi unico, sembrerebbe avere qualche presenza a Canosa di
 +Puglia nel barese ed a Venaria nel torinese, Dagrezia, molto molto raro,
 +&egrave; tipico del pavese, di Mortara in particolare, Dagrezio, quasi
 +unico, &egrave; del milanese, dovrebbe trattarsi di forme matronimiche
 +o patronimiche riferite a capostipiti la cui madre si fosse chiamata con
 +il nome medioevale latino <i><font color="#3333FF">Agretia</font></i> ,
 +o il cui padre si fosse chiamato <i><font color="#3333FF">Agretius</font></i>,
 +entrambi di origini galloromane, dell'uso di questi nomi abbiamo un esempio
 +nell'<i><font color="#3366FF">Historiae Deorum Gentilium</font></i>: "<font color="#CC33CC">...de
 +hac in Horta actum est. </font><font color="#FF0000">Agretius</font>
 +<br><font color="#CC33CC">grammaticus eandem videtur facere Heben et Iuventam:
 +Ab Iuventa, ait, dea quae Hebe graece dicitur, Herculis uxore, Iunium mensem
 +appellatum, in libris priscorum se ait invenisse. Idem et in Fastis Ovidius,
 +quod et in Annis et mensibus nostris etc. commodius retulimus. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAGUATI
 +</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Daguati, assolutamente rarissimo, ha un piccolissimo ceppo a Cremona e
 +nel cremonese, dovrebbe trattarsi di una forma etnica ed indicare la provenienza
 +del capostipite dalla zona della Val Malenco nel sondriese, dove esiste
 +la localit&agrave; montana di Dagua nei pressi di Chiesa Val Malenco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><b><font color="#3333FF"><font size=-1>DAHO'
 +<br>DEHO
 +<br>DEHO'</font></font></b></td>
 +<td ALIGN=LEFT VALIGN=TOP><font size=-1>Dah&ograve; &egrave; quasi unico, probabilmente lombardo, Deho &egrave;
 +dell'area comprendente le provincie di Pavia e Milano, cos&igrave; come
 +il pi&ugrave; diffuso Deh&ograve; che sembrerebbe specifico di Miradolo
 +Terme nel pavese e di Milano, con un ceppo anche a Romano di Lombardia
 +nel bergamasco, dotrebbe trattarsi di forme dialettali indicanti l'origine
 +dei capostipiti dal paese di Vh&ograve; nell'alessandrino o Vho nel cremonese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAI CAMPI
 +<br>DAICAMPI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi trentini e assolutamente rarissimi, sia Daicampi che Dai Campi
 +sembrano specifici di Rovereto, dovrebbero derivare da antichi soprannomi
 +originati dal fatto di provenire il capostipite da una zona chiamata i
 +Campi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Danilo
 +Dai Campi</font></font>
 +<br>Il cognome Dai Campi, chiamato un tempo a Campis, sembra provenire
 +dall'antica villa di Fano Brentonico in Trentino, località ora scomparsa
 +a seguito di una frana, moltissimi atti notarili suggeriscono quest'origine.
 +Qualche traccia si è trovata nella prima metà del 1600 a
 +Grosio (So) con un certo notaio Giovanni Antonio a Campis fu Giovanni di
 +Grosio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAIDONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daidone è tipicamente siciliano, dovrebbe derivare dal toponimo
 +Aidone in provincia di Enna, indicandolo così come luogo di provenienza del
 +capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAINA
 +<br>DAINI
 +<br>DAINO
 +<br>DAINOTTI
 +<br>DAINOTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daina, molto molto raro, sembrerebbe lombardo, soprattutto del bergamasco,
 +di Berbenno e Bergamo, e di Milano, Daini ha un ceppo nel bresciano tra
 +Calcinato e Montichiari, ma il nucleo è in Toscana a Livorno, Pontedera,
 +San Miniato e Pisa nel pisano, Fucecchio, Firenze e Cerreto Guidi nel fiorentino,
 +Daino parrebbe siciliano di San Mauro Castelverde (PA) e Palermo, con ceppi
 +anche nel catanese a San Cono e Caltagirone e nell'agrigentino ad Agrigento,
 +Ribera e Porto Empedocle, ha un ceppo anche nel napoletano ad Afragola
 +e Casoria ed uno quasi sicuramente secondario a Milano, Dainotti, molto
 +raro, ha ceppi siciliani e tra milanese&nbsp; e pavese, Dainotto sembrerebbe
 +siciliano di Licata e Ravanusa nell'agrigentino, con un ceppo anche a Palermo
 +ed uno quasi sicuramente secondario a Milano, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare direttamente o tramite ipocoristici dal nome medioevale italiano
 +<i><font color="#3333FF">Dainus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Daina</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso in un atto del 1529 a Solofra (AV): "<font color="#CC33CC">...Domaschino
 +ha pagato a Nicola e Samuele Ebreo, con fideiussione di Vincenzo de Amore
 +di Napoli.. ..G: nobile P. Angelo Fasano. T: domino Hieronimo Ronca u.j.d.,
 +egregio notaio Andrea Alfano, clerico Annunzio Alfano, magistro </font><font color="#FF0000">Daino
 +Ausolerio de Leonardo</font><font color="#CC33CC"> capitano di Solofra,..</font>",
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in un atto del 1601 dove
 +si da in concessione a Cefalù (PA): "<font color="#CC33CC">...l'ortagio
 +della grassura detta della turri a </font><font color="#FF0000">Paolino
 +Lo Daino</font><font color="#CC33CC"> per onze 6...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Dainotti è cognome siciliano, calabrese e lucano. Viene dalla
 +voce siciliani '<i><font color="#3333FF">dainottu</font></i>' = <i><font color="#666666">piccolo
 +daino</font></i>. Rohlfs 81.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAINESE
 +<br>DAINESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il primo è tipico dell'area
 +che comprende le province di Venezia, Padova e Rovigo, il secondo, più
 +raro sembra più specifico dell'alto bolognese e rovigoto, dovrebbe
 +derivare dal nome medioevale Dainesio, di cui si hanno tracce ad esempio
 +ad Imola nel 1400 con l'Architetto Dainesio Maineri, mentre della cognominizzazione
 +di questo nome si hanno a Bologna nel 1350 con il dottore Sante Dainesi&nbsp;
 +e troviamo tracce a Padenghe (BS) nel 1650 con tal Zenone Dainesi, come
 +si legge su un'iscrizione: "<font color="#CC33CC">...AD MAIOREM DEI GLORIAM
 +MONUMENTUM DEVOTIONIS ET DEBITI POSUERE ZENONE DAINESIO ED IACOBO SALODINI
 +...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Dainese è un cognome padovano e vicentino. Viene dai nomi antichi
 +<i><font color="#3333FF">Danesius</font></i>, ver. 1558, <i><font color="#3333FF">Danixius</font></i>,
 +milan. 1266; <i><font color="#3333FF">Dainisius</font></i> milan. <i><font color="#3333FF">Dainése</font></i>,
 +pad., vic. = <i><font color="#3333FF">Danése</font></i> (francese
 +le Danois) epiteto di Uggieri nella Onomastica carolingia. Cfr. Olivieri,
 +Cogn. Ven. Euganea, p. 135. Uggieri è la italianizzazione di 'Ogier
 +de Denemarche', denominato anche 'Ogier li Daneis', l'eroe principale della
 +Chanson de Roland.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AIUTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Aiuto ha un piccolo ceppo nel salernitano a Salento, Gioi, Salerno e
 +Serre, uno nel barese a Sant'Eramo in Colle e Bitritto, ed uno nel palermitano,
 +a Palermo, Giuliana e Roccamena, si dovrebbe trattare di una forma patronimica,
 +dove il <i><font color="#3333FF">D'-</font></i> sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti i cui padri si chiamassero
 +<i><font color="#3333FF">Aiuto</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +AIUTI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalai ha un ceppo a Verolavecchia nel bresciano ed a Gonzaga e Pegognaga
 +nel mantovano e nel vicino reggiano a Luzzara e Guastalla, di origini etimologiche
 +oscure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALBA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembrerebbe tipico della Puglia, Bari, Taranto e Uggiano La Chiesa (LE)
 +e Giurdignano (LE), con un ceppo forse non secondario nel palermitano,
 +potrebbe derivare da uno dei tanti toponimi contenenti la radice Alba come
 +ad esempio Contrada Monte d'Alba (BA), ma più probabilmente deriva
 +dal nome spagnolo Alba, pensiamo al vicerè di Napoli il famoso Duca
 +D'Alba. Tracce di questa cognominizzazione le troviamo a Capurso (BA) nel
 +1600 con Don Diomede D'Alba arciprete della Chiesa Matrice di Capurso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL BALCON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Balcon è specifico di Malo nel vicentino, l'origine storico
 +etimologica è oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL BELLO
 +<br>DALBELLO
 +<br>DEL BELLO
 +<br>DELBELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Bello è un cognome tipicamente veneto, con un grosso ceppo nel
 +trevisano, soprattutto a Fonte, Vedelago, Asolo, Altivole e Castelfranco
 +Veneto, un ceppo nel rovigoto a Lusia ed uno a Padova e nel padovano, Dalbello,
 +quasi unico, è dovuto ad errori di trascrizione del precedente,
 +Del Bello ha un ceppo nel bergamasco, uno tra goriziano e triestino, uno
 +tra anconetano e Piceno, uno nel perugino a Spoleto, uno nel teatino a
 +Lanciano, ed uno a Roma, Delbello è tipicamente triestino, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche del nome augurale medioevale <i><font color="#3366FF">Bellus</font></i>
 +(vedi BELLI), dove il <i><font color="#3366FF">Dal</font></i> ed il <i><font color="#3366FF">Del</font></i>
 +stanno per <i><font color="#999999">figlio del</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALBON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico trentino, deriva dal nome medioevale Bono.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL BORGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del bellunese tra Pieve d`Alpago e Chies d`Alpago, con un ceppo
 +anche a Venezia e nel ravennate nella zona tra Faenza, Lugo, Cotignola
 +e Bagnacavallo, dovrebbe derivare da soprannomi indicanti la provenienza
 +o da paesi contenenti la radice Borgo, come ce ne sono moltissimi in Italia
 +o nelle città da contrade o rioni denominati appunto il Borgo, nome
 +anche questo estremamente comune.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL BOSCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Originario dell'area compresa tra
 +le provincie di Verona e Vicenza (<font color="#CC33CC">vedi Boschi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL BROLLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Brollo estremamente raro, sembrerebbe settentrionale, dovrebbe stare
 +ad indicare la provenienza del capostipite dauna sorta di riserva di caccia,
 +derivando il termine dal vocabolo di origine celta <i><font color="#3333FF">broglio</font></i>
 +(<i><font color="#666666">territorio di caccia, territorio chiuso, anche
 +giardino</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALCAMO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alcamo, decisamente siciliano, è specifico di Palermo e Monreale
 +nel palermitano, di ALcamo nel trapanese e di Calascibetta nell'ennese,
 +dovrebbe derivare dal fatto che i capostipiti fossero originari di Alcamo
 +nel trapanese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL CANTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Canto è tipico dell'area pisano, livornese, di Santa Maria a
 +Monte, POntedera, Ponsacco, Cascina, Pisa e Casciana Terme nel pisano e
 +di Collesalvetti, Cecina e Livorno nel livornese, potrebbe derivare da
 +nomi di località, come a solo titolo d'esempio il Canto d'Arco di
 +Lucca, indicandone la provenienza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL CASTEL
 +<br>DAL CASTELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Castel, molto molto raro, è tipico del bellunese, di San Gregorio
 +nelle Alpi, Santa Giustina e Feltre, Dal Castello è specifico dell'area
 +veronese, vicentina, di Cogollo del Cengio (VI) in particolare, ma anche
 +di Badia Calavena nel veronese, dovrebbero derivare da toponimi contenenti
 +la radice castello, come ad esempio Castel d'Azzano (VR) o Castelcucco
 +nel trevisano, o anche da luoghi nelle vicinanze di un castello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL CERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del veronese, dovrebbe derivare dal nomen latino Cerus, nome derivato
 +da quello di una divinità che costituiva l'alter ego maschile della
 +dea Cerere; il nome di questa divinità viene riportata in Valerio
 +Flacco: "<font color="#CC33CC">Matrem Matutam antiqui ob bonitatem appellabant,
 +et maturum idoneum usui, et mane principium diei; el inferir di Manes,
 +ut supliciter boni apellati essent, et in carmine Saliari </font><font color="#FF0000">Cerus</font><font color="#CC33CC">
 +Manus appellatur creador bonus.</font>" e in Terenzio Varrone: "<font color="#CC33CC">...Ianeus
 +iam es, duonus </font><font color="#FF0000">Cerus</font><font color="#CC33CC">
 +es, duonus Ianus....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL CIN
 +<br>DALCIN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del trevisano e della provincia di Pordenone ai confini con quella
 +di Treviso, Dal Cin è specifico in particolare della zona tra Conegliano
 +e Sacile, Dalcin quasi unico è dovuto ad errori di trascrizione,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale Cino di cui abbiamo un esempio nel
 +1300 con il famoso poeta e insigne giurista Cino da Pistoia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL DEGAN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del veronese e vicentino, (<font color="#CC33CC">vedi Degan</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL DIN
 +<br>DALDIN
 +<br>DEL DIN
 +<br>DELDIN
 +<br>DIN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Din, molto raro, è del trevigiano, di Valdobbiadene e di Caerano
 +di San Marco, Daldin, oltre alle presenze nel trevigiano a Pontedi Piave,
 +ha un piccolo ceppo a Faver nel trentino, Del Din ha un ceppo nel bellunese
 +a Talbon Agordino, Agordo e Rivamonte Agordino, ed uno a Meduno nel pordenonese,
 +Deldin è quasi unico, Din, estremamente raro è probabilmente
 +una forma aferetica dei precedenti, potrebbe trattarsi di patronimici riferiti
 +a capostipiti i cui padri venissero chiamati <i><font color="#3333FF">Dino</font></i>,
 +e dove il <i><font color="#3333FF">Dal-</font></i> ed il <i><font color="#3333FF">Del-</font></i>
 +stessero per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, forse come
 +forme ipocoristiche aferetiche di nomi come <i><font color="#3333FF">Leonardo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Riccardo</font></i> o altri nomi simili, ma
 +è anche possibile che indichino invece una provenienza dei capostipiti
 +da zone riconosciute in dialetto come <i><font color="#3333FF">Din</font></i>,
 +possibile forma aferetica di molte località come ad esempio l'<i><font color="#3333FF">agordino</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALDOSSI
 +<br>DAL DOSSO
 +<br>DALDOSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daldossi è decisamente lombardo dell'area bergamasco, bresciana,
 +di di Bergamo e Pompiano nel bresciano in particolare, Dal Dosso ha un
 +ceppo nel veronese a Verona, Vestenanova, Tregnago, Grezzana, Negrar e
 +Bosco Chiesanuova, ed uno nel vicentino a Schio e Chiampo, Daldosso è
 +tipico di Bosco Chiesanuova nel veronese, dovrebbero derivare dal fatto
 +che i capostipiti provenissero da uno dei vari paesi chiamati Dosso, come
 +Dosso di Albiate nel milanese, Dosso di Azzone nel bergamasco, Dosso di
 +Marmentino nel bresciano Dossobuono nel veronese o altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALEMA
 +<br>DALEMA
 +<br>DALEMMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alema, molto molto raro, parrebbe lucano di Matera, con un ceppo anche
 +nel brindisino a Francavilla Fontana e Brindisi, Dalema, quasi unico, è
 +di Matera e dovrebbe essere dovuto ad un errore di trascrizione del precedente,
 +Dalemmo, sempre molto molto raro, è specifico di Manduria nel tarentino,
 +dovrebbero derivare da dorme patronimiche in <i><font color="#3333FF">D'-</font></i>
 +riferite al nome turco <i><font color="#3333FF">Alem</font></i>, probabilmente
 +portato dal padre del capostipite (<font color="#CC33CC">vedi ALEMMA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALENA
 +<br>DALENA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00dalena.jpg" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="116"><font size="-1">D'Alena, molto raro, parrebbe originario della Puglia, così come
 +Dalena tipico del barese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alfonso
 +di Sanza d'Alena</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00dalena.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="80" height="111">Le ipotesi più probabili, in merito all'origine del cognome
 +d'Alena sono due: la derivazione da un matronimico, poiché Alena
 +viene descritto come un nome di origine greca o slava, usato come variante
 +di Magdalena o Maddalena; oppure l'origine potrebbe ricercarsi nel significato
 +del sostantivo, ormai desueto, <i><font color="#3366FF">aléna</font></i>
 +usato sin dal XIII secolo, che starebbe ad indicare <i><font color="#999999">respiro,
 +fiato </font></i><font color="#000000">o anche</font><i><font color="#999999">
 +vento o soffio leggero</font></i>. Il Sergent, 1861, lo precisa come alito
 +difficile; il Devoto, "Dizionario etimologico", Le Monnier, Firenze, 1968,
 +indica: <i><font color="#3366FF">alena</font></i>, latino medievale (X
 +secolo), metatesi di<i><font color="#3366FF"> anela</font></i>, respiro;
 +Zingarelli, 1970, riporta: <i><font color="#3366FF">aléna</font></i>,
 +da alenare, s.f., lett. lena, fiato.&nbsp; Il cognome, nella forma latina
 +de Alena, era usato già nel XII e XIII secolo, come testimonia il
 +<img src="/immagini/stem01dalena.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="120">Manno, che cita una famiglia de Alena dei signori di Moretta (estinta prima
 +del XII secolo), mentre al sud la notizia più antica risale al XIII
 +sec., epoca in cui Carlo d'Angiò con lettera datata 4 aprile 1269,
 +diretta a Dionisio di Amalfi, Procuratore dei beni devoluti al Fisco, ordinò
 +di immettere Matteo de Alena nel possesso dei beni sottrattigli e di affidargli
 +inoltre la custodia del Castello di Valva per conto del Fisco. In seguito
 +lo investì anche del feudo di Campora. In altro documento datato
 +1280, Matteo de Alena è annoverato tra i baroni del Regno che costruirono
 +e misero a disposizione di Carlo d'Angiò, navi da guerra. Il cognome
 +si è, poi, mantenuto in questa forma fino al XVIII secolo, per assumere
 +quella attuale, d'Alena, nel XIX secolo. Nel XVII secolo la famiglia d'Alena
 +si sposta in Molise a Frosolone con Berardino, per poi dividersi nei due
 +rami dei baroni di Macchia d'Isernia (linea estintasi con Celeste d'Alena
 ++ 1938 che sposò il Conte Giulio Frisari di Bisceglie) e dei baroni
 +di Vicennepiane, tuttora fiorente.&nbsp; La diffusione del cognome, che
 +conosce alcune varianti quali Dalena ed Alena, è molto limitata
 +in Italia: in soli 42 comuni per d'Alena, con prevalente presenza al sud,
 +in particolare Puglia e Molise; in 61 comuni nella variante Dalena, anche
 +in questo caso prevalenza al sud, in Puglia; Alena, in soli 3 comuni del
 +nord.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Aleo è tipicamente siciliano, molto diffuso a Palermo e Gela nel
 +nisseno, ma comunque ben presente a Trapani, Paceco, Mazara del Vallo ed
 +Erice nel trapanese, a San Cipirello e Balestrate nel palermitano a Caltanissetta
 +ed Agrigento, si dovrebbe trattare di una forma patronimica in <i><font color="#3333FF">D'-</font></i>,
 +con il senso di <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferita
 +a capostipiti i cui padri si chiamassero <i><font color="#3333FF">Aleo</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi ALEI</font>)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>D'Aleo è un patronimico del nome <i><font color="#3333FF">Alèo</font></i>,
 +dal greco <i><font color="#3333FF">Alaîos</font></i>, nome etnico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALESSANDRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso moltissimo&nbsp; in tutt'Italia,
 +ma particolarmente nel centro sud, deriva dal nome Alessandro. Cognome
 +abbastanza antico, visto che se ne trovano tracce già in un atto
 +del 1431:"<font color="#CC33CC">...ex parte et mandato eorum offitii filiis
 +et heredibus </font><font color="#CC0000">Ughonis de Alexandris</font><font color="#CC33CC">...</font>",
 +e in un titolo di credito del 1443 stilato in Firenze: "<font color="#CC33CC">....Item
 +prefati operarii simili modo et forma declaraverunt debitores Opere prefate
 +in florenis auri undecim libris sexaginta novem et soldis tredecim infrascriptas
 +personas pro quodam dirizatorio seu acquario marmoris albi facto ad instantiam
 +eorum per prefatam Operam et suos ministros, nomina quorum sunt hec, videlicet:&nbsp;
 +...Iohannes domini Foresis de Salviatis ... </font><font color="#CC0000">Loysius
 +Alexandri </font><font color="#000000">(d'Alessandro) </font><font color="#CC33CC">ser
 +Lanberti...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Ettore
 +D'Alessandro di Pescolanciano</font></font>
 +<br>Duca di Pescolanciano (mpr), patrizio napoletano con uso di Don e Donna
 +(mf), barone di Civitanova S., Carovilli, Castiglione, Civitavetere (Duronia),
 +Castel del Giudice, Roccacinquemiglia, Sprondasino, Pietrabbondante (mf).
 +(Cons.Aral. ricon.D.M. 8 mar.1922, iscr.Libro d'Oro Nob.Ital. 1933, iscr.Elenco
 +Nob.Ital. Cons.Aral.Regno su G.U. 1934 p.16). La famiglia trae origine
 +da talune tribù elleniche, stanziatesi nella Magna Grecia identificate
 +nel nome proprio di Alexander,composto da <i><font color="#3366FF">alexein</font></i>
 +(<i><font color="#999999">proteggere</font></i>) ed <i><font color="#3366FF">ander
 +</font></i>(o genitivo <i><font color="#3366FF">andròs</font></i>,
 +<i><font color="#999999">degli uomini</font></i>), dal significato etimologico
 +<i><font color="#999999">difensore degli uomini</font></i>. Le più
 +antiche e primordiali baronie possedute dal Casato furono collocate tra la penisola
 +sorrentina ed il Cilento.    <a href="dalessandro00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" border="0" width="83" height="14"></a></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALESSIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alessio è molto diffuso nell'area che comprende il Lazio, l'Abruzzo,
 +il Molise, la Puglia e soprattutto la Campania, con presente secondarie
 +un pò in tutt'Italia, dovrebbe derivare da una forma patronimica,
 +dove il <i><font color="#3366FF">D'</font></i> sta per figlio di, riferito
 +ad un padre del capostipite il cui nome era probabilmente <i><font color="#3366FF">Alessio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALESSI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL FORNO
 +<br>DEL FORNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Forno ha un ceppo a Verona e nel veronese Tregnago ed Illasi ed uno
 +a Marano lagunare nel basso udinese, Del Forno ha un ceppo a Pasian di
 +Prato nell'udinese, uno a San Severo e Torremaggiore nel foggiano ed uno
 +a Napoli ed a Pagani, Angri e Vallo della Lucania nel salernitano, dovrebbero
 +derivare dal fatto che la famiglia era titolare di un forno o abitava nei
 +suoi pressi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALFOVO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico trentino della zona di Mezzolombardo
 +(TN), dovrebbe derivare da un identificativo di località legato
 +al termine favo o faggio, per indicare una zona caratterizzata dalla presenza
 +di uno di questi due elementi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL GRANDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Grande è tipicamente veneto, del vicentino in particolare, di
 +Chiampo, Arzignano e Lonigo, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica
 +riferita a capostipiti i cui padri fossero riconosciuti con il soprannome
 +di <i><font color="#3333FF">Grande</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GRANDE</font>), probabilmente a causa della loro statura., non si può
 +però escludere che possa anche derivare dal fatto, che i capostipiti
 +provenissero dal paese di Fondo Grande vicino a Rovereto in trentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALI'
 +<br>D'ALO'
 +<br>D'ALU'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">(<font color="#CC33CC">vedi
 +Alì</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALISE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alise, specifico della provincia di Napoli
 +e Caserta, (<font color="#CC33CC">vedi Aloise</font>) dovrebbe derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Aloisio</font></i>
 +(Luigi).&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALISERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alisera ha un ceppo a Roma ed uno a Salcito e Trivento nel campobassano,
 +dovrebbe derivare dal nome della località Casa D'Alisera nei pressi
 +di Salcito e Trivento, probabile luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLABORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di origini piacentine, dobrebbe
 +derivare per contrazione dal nome augurale Bonora (equivalente di Fortunato).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA CHIESA
 +<br>DELLA CHIESA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Chiesa è del parmense,
 +Della Chiesa sembrerebbe avere due ceppi, uno del novarese ed uno del riminese.
 +(<font color="#CC33CC">vedi Chiesa</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA COLLETTA
 +<br>DELLA COLLETTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Colletta, estremamente raro, è del trevigiano, Della Colletta,
 +molto raro, ha un ceppo nel trevigiano a Vittorio Veneto, Refrontolo e
 +Cappella Maggiore, dovrebbero derivare da nomi di località chiamate
 +<i><font color="#3333FF">Colletta</font></i>, forma contratta del termine
 +<i><font color="#3333FF">collinetta</font></i>, come ne esistono molte
 +in tutta l'Italia settentrionale, luoghi probabilmente d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA CORTE
 +<br>DELLA CHIESA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Corte è tipico del bellunese, di Feltre e Sovramonte, dovrebbe
 +derivare da toponimi (<font color="#CC33CC">vedi DELLA CORTE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ACQUA
 +<br>DALLACQUA
 +<br>DELL'ACQUA
 +<br>DELLACQUA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Acqua ha un ceppo tra le province di Treviso, Venezia e Pordenone,
 +uno nel mantovano, uno nel milanese ed uno tra Liguria ed alessandrino,
 +Dallacqua, decisamente molto più raro, è una forma modificata
 +del precedente, tipèico del torinese, così come Dellacqua
 +che è una diversa forma di Dell'Acqua che ha un grosso nucleo lombardo
 +nel pavese, milanese, varesotto e comasco, un ceppo nel genovese, uno nel
 +materano ed uno nel messinese, dovrebbero derivare da toponimi contenenti
 +la radice acqua come ne esistono moltissimi in tutta l'Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA CROCE
 +<br>DELLA CROCE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Croce, assolutamente rarissimo è tipico del veronese, Della
 +Croce ha un ceppo tra lucchese e livornese, uno a Roma ed uno a Foggia,
 +potrebbero avere origine toponomastica indicando probabilmente la provenienza
 +dei capostipiti da uno dei tantissimi toponimi contenenti la radice <i><font color="#3333FF">Croce</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA FRATTA
 +<br>DALLE FRATTE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Fratta, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione del cognome Dalle Fratte, che è tipicamente veneto,
 +di Borso del Grappa nel trevisano, di Campodarsego e Villanova di Camposampiero
 +nel padovano, di Santa Maria di Sala nel veneziano e di Mussolente nel
 +vicentino, con un piccolo ceppo anche a Borgo Valsugana nel trentino, dovrebbero
 +derivare dai vari toponimi contenenti la radice Fratta o Fratte, come ad
 +esempio Fratta di Caneva o di Maniago (PN), Fratta di Oderzo o di Tarzo
 +nel trevisano, Fratta Casoni nel padovano, Fratta Polesine nel rovigoto,
 +Fratta (VE), e così molti altri. (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +DELLE FRATTE</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'AGATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Agata è tipicamente romagnolo, di Forlì soprattutto
 +e di Forlimpopoli e Cesena nel forlivese e cesenate e di Ravenna, potrebbe
 +derivare da nomi di località come Cà Dell'Agata nel forlivese,
 +o Sant'Agata Feltria nel pesarese, forse i luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'AGNOL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del basso bellunese, zona di Arsiè, sembrerebbe originario
 +di Fastro ai confini tra vicentino e bellunese, deriva dal nome medioevale
 +Agnolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA GUARDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Guarda è tipico del vicentino, della zona di Schio e del paese
 +vicino Santorso, dovrebbe derivare dal nome della località Guarda,
 +sulla strada del Pasubio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA LONGA
 +<br>DALLA LUNGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Longa è specifico di Valdobbiadene nel trevisano, Dalla Lunga,
 +praticamente unico, dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del
 +precedente, che dovrebbe essere una forma matronimica, dove il prefisso
 +<i><font color="#3333FF">Dalla-</font></i> stesse per <i><font color="#666666">il
 +figlio della</font></i>, riferito a capostipiti la cui madre fosse stata
 +nota come <i><font color="#3333FF">la Longa</font></i>, probabilmente a
 +causa della sua alta statura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA MARTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Marta, assolutamente rarissimo, sembrerebbe friulano, di Tolmezzo
 +nell'udinese in particolare, potrebbe trattarsi di un matronimico originato
 +da una capostipite di nome Marta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA MONTA
 +<br>DALLA MONTA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Monta è quasi unico, dovrebbe trattarsi di un errore di trascrizione
 +del cognome Dalla Montà, che è specifico dell'area padovana
 +e vicentina, dovrebbe derivare dal nome di Montà, una frazione periferica
 +del comune di Padova, probabilmente il luogo di provenienza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA NOCE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Noce, molto raro, sembrerebbe avere un piccolo ceppo nel cremonese
 +ed uno nell'aretino, l'origine dovrebbe diopendere da un soprannome originato
 +dalla presenza di un albero di noce, molto grosso o molto antico presso
 +l'abitazione della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ANTONIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Antonia è tipico del trevisano, di Vittorio Veneto, San Fior,
 +Conegliano, Fontanelle e Ponte di Piave, con un piccolo ceppo anche a San
 +Donà di Piave nel veneziano, si dovrebbe trattare di una forma matronimica
 +riferita ad un capostipite, la cui madre si fosse chiamata <i><font color="#3333FF">Antonia</font></i>,
 +il <i><font color="#3333FF">Dall'-</font></i> sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA PASQUA
 +<br>DELLA PASQUA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00dellapasqua.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="74"><font size="-1">Dalla Pasqua sembrerebbe veneto di Venezia, Verona e San Biagio di Callalta
 +nel trevisano, Della Pasqua è specifico di Savignano sul Rubicone
 +nel cesenate e di Sant'Arcangelo di Romagna e Rimini nel riminese, dovrebbero
 +derivare da una famiglia nobile legata in qualche modo alla celebrazione
 +della Pasqua cristiana, forse al fatto che il capostipite fosse nato proprio
 +durante le festività pasquali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA PORTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere due ceppi, in Toscana nel pratese, nel Veneto nel trevigiano, nel reggiano e
 +probabilmente è esistito un ceppo nel comasco, dovrebbe derivare
 +da indicatori di località (<font color="#CC33CC">vedi Porta</font>),
 +troviamo tracce di questa cognominizzazione a Rovellasca (CO) nella seconda
 +metà del 1400 dove i Dalla Porta risultano annoverate tra i ricchi
 +possidenti locali e assursero poi alla dignità di Conti, nel 1600
 +troviamo i conti Dalla Porta a Pesaro, famoso è un quadro dell'epoca
 +che raffigura il Conte Tommaso Dalla Porta a Frontone (PS).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ARA
 +<br>DALLARA
 +<br>DALL'ERA
 +<br>DALLERA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Ara sembrerebbe tipico del forlivese, ma con un ceppo autonomo nel
 +rovigoto, Dall'Era, estremamente raro, è tipico del bresciano, Dallara
 +sembra avere tre ceppi distinti, tra ravennate e forlivese, nel parmense
 +e nel palermitano, Dallera ha un nucleo nel pavese ed uno nel bresciano,
 +dovrebbero tutti derivare da toponimi contenenti la radice Ara o Aria.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Dallara è un cognome d'origine agreste e muove dal lat. <i><font color="#3333FF">area</font></i>
 +&lt;<area>&gt;, cioè &lt;&lt;<i><font color="#666666">dall'aia</font></i>&gt;&gt;.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA RIVA
 +<br>DALLE RIVE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Riva è tipicamente veneto, del vicentino in particolare, così
 +come Dalle Rive anch'esso vicentino con una possibile frangia in provincia
 +di Modena, dovrebbe derivare da toponimi come Riva del Garda (TN) o come
 +soprannome legato ad una provenienza dalle rive di un fiume o di un lago.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA ROVERE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Rovere, molto molto raro, ha un ceppo nel nordmilanese, uno nel bolognese
 +ed uno nel vicentino, dovrebbe derivare dalla presenza di querce nella
 +zona di abitazione del capostipite. (<font color="#CC33CC">vedi anche Della
 +Rovere</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA SANTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Santa, molto molto raro,  è tipicamente veneto, di Venezia in particolare, si
 +potrebbe trattare di un cognome attribuito ad un trovatello ospitato dalle
 +monache di un monastero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ASEN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Asen è specifico del comune di Mel (BL).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Massimiliano
 +Jattoni</font></font>
 +<br>Dall'Asén è un cognome rarissimo originario del paese
 +di Villa di Villa nel Comune di Mel (BL). Attualmente esistono tre famiglie
 +distinte portanti questo cognome. L'origine è oscura. Si può ipotizzare
 +una trascrizione erronea del cognome <i><font color="#3366FF">da Lasen</font></i>
 +(Lasen è una località nel bellunese) o del cognome <i><font color="#3366FF">Dal
 +Asìn</font></i> (indicante la provenienza dalla Val d'Arziere, in
 +Friuli). Infine, ma molto meno probabile, un'origine slava: AsÊn
 +è un cognome croato (in un documento del 1700 conservato presso
 +l'Archivio di Stato di Belluno viene citato un certo Giovanni dall'AsÊn
 +di Villa).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ASTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Asta ha un ceppo lombardo a Brescia, Milano e asalmaggiore nel cremonese,
 +ma il nucleo principale sembrebbe essere a Parma e nel parmense a Noceto,
 +Fidenza, Sorbolo, Fontevivo. Salsomaggiore, Colorno e Langhirano, ed a
 +Poviglio nel reggiano, potrebbe derivare da località come Mariano
 +Case dell'Asta nel parmense o Asta di Villa Minozzo nel reggiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA TURCA
 +<br>DELLA TURCA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Turca ha un piccolissimo ceppo nel parmense, Della Turca, quasi unico,
 +è probabilmente dovuto ad un'errata trascrizione del precedente,
 +potrebbe trattarsi di una forma matronimica, dove il <i><font color="#3333FF">Dalla-</font></i>
 +o il <i><font color="#3333FF">Della-</font></i> stanno per <i><font color="#666666">il
 +figlio della</font></i>, riferito ad un capostipite, la cui madre fosse
 +di origini saracene, o provenisse dalla Turchia a seguito della fuga dei
 +cristiani da quelle terre dopo la caduta dell'Impero Bizantino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'AVA
 +<br>DALLE AVE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Ava è localizzato nel vicentino a Chiampo e Valdagno, nel&nbsp;
 +trevisano a Mareno di Piave e Conegliano, e nel nord milanese e varesotto,
 +Dalle Ave è specifico di Asiago nel vicentino e di Soave nel veronese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Patrick
 +Dall'Ava</font></font>
 +<br><img src="/immagini/stem00dallava.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="68">Originario della regione di Treviso, indicizzata fra le famiglie nobili
 +della marche Trevigiana. Una lapide del 16° secolo situata in una chiesa
 +di Conegliano ed una stemma del Magnifico Consiglio de Conegliano sembra
 +che lo attestino.&nbsp; Dal 19° secolo si sono dipartiti dal nucleo
 +in Oderzo (TV), San Polo e Santa Lucia di Piave (TV), Conegliano (TV),
 +due ceppi uno verso Chiampo (VI) ed uno in Lombardia, cui si aggiungono
 +un'emigrazione italiana in&nbsp; Francia, negli Stati-Uniti ed in Sudamerica.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Dall'Ava</font></font>
 +<br>A mio avviso il ceppo originario del cognome Dall'Ava non deriva da
 +Treviso bensì dal vicentino probabilmente da Asiago dove esiste
 +un <i><font color="#3333FF">pian delle ave</font></i> (api) e numerosi
 +cognomi Ave AVA poi è disceso con la probabile migrazione dei cimbri
 +che fondarono i 12 comuni veronesi partendo dai 7 comuni di Asiago fermandosi
 +nel comune di Crespadoro dove il primo prete non tedesco si chiamava Dall'Ava
 +Giuseppe, circa verso il 1400, fondando la contrada di Ferrazza e poi spostandosi
 +ad Alvese di Nogarole dove risultano presenti dal 1790 e dove esiste una
 +contrada Dall'Ava.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA VAL
 +<br>DALLA VALLE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00dallavalle.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="107"><font size="-1">Dalla Val, abbastanza raro, è tipicamente veneto, con un ceppo a
 +Verona ed uno a Conegliano nel trevisano, Dalla Valle è un cognome
 +tipicamente di origine veneta, del vicentino in particolare, la presenza
 +di ceppi secondari nel ravennate e nel vicentino sono dovuti a fenomeni
 +emigratorii, il piccolo ceppo piemontese è invece originario del
 +Monferrato, l'origine di questi cognomi è da nomi di località
 +ad indicare probabilmente una provenienza valligiana dellae famigliae.&nbsp;
 +Tracce di questae cognominizzazioni le troviamo a Schio (VI) nel 1500 con
 +il notaio Giovanni Francesco Dalla Valle e sempre nel 1500 a Lù
 +nel Monferrato troviamo il famoso giurista Rolando Dalla Valle, presidente
 +del Senato di Monferrato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA VECCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Vecchia è tipicamente veneto del vicentino in particolare,
 +di Schio, Santorso, Vicenza, Malo, Torri di Quartesolo e di Verona, l'origine
 +di questo cognome potrebbe essere diversa, in alcuni casi si ritiene risalga
 +al <i><font color="#3366FF">Calle della Vecchia</font></i> di Venezia,
 +così chiamato perchè nel 1474 venne eretto in quel luogo
 +l'<i><font color="#3366FF">ospitale de' vecchi marinai</font></i>, si hanno
 +tracce di una famiglia Dalla Vecchia, ormai estinta, che, provenendo da
 +Bergamo con un diverso cognome, prese nel 1500 proprio quella denominazione
 +perchè la sua attività era collocata in quel calle, famosa
 +è stata la famiglia Dalla Vecchia intagliatori, doratori, scultori
 +e artisti nella lavorazione del legno di Santorso.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA VEDOVA
 +<br>DALLE VEDOVE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Vedova, abbastanza raro, è tipicamente veneto, del trevisano
 +e bellunese, Dalle Vedove è tipico del veronese, di Verona, Cavaion
 +Veronese, Caprino Veronese, Lazise, Bardolino, Brentino Belluno e Rivoli
 +Veronese, dovrebbero derivare dal fatto che i capostipiti provenissero
 +da una zona identificabile come la casa della vedova o delle vedove.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLA ZUANNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalla Zuanna è tipico del vicentino, di Valstagna, San Nazario e
 +Camposampiero, si dovrebbe trattare di famiglie dei figli di una capostipite
 +di nome Giovanna, che le trasformazioni dialettali&nbsp; fecero diventare
 +Zuanna.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Tibère
 +Gheno (France)</font></font>
 +<br>Dalla Zuanna, abbastanza raro, è specifico del vicentino di
 +Bassano del Grappa e del bassanese e l'origina sua è di San Nazario.
 +Questa famiglia proviene dalla famiglia Belenzon alla terza generazione
 +con Melchiorre (nato circa nel 1448) fu Pace fu Antonio Belenzon sposato
 +con Giovanna (Zuanna in veneto) N.... Giovanna/Zuanna rimane vedova con
 +due figli, Battista e Matteo (nati fra il 1480 ed il 1485). Troviamo la
 +prima citazione nell'atto notarile del martedi 06 giugno 1486 con la riunione
 +dei capi famiglia di Solagna, San Nazario, Merlo e Carpanè dove
 +e citata "Dª Joana relicta quondam Melchioris Pacis" fra gli altri
 +capi famiglia. Battista e Matteo saranno chiamati "Dalla Zuanna" come figli
 +della Giovanna, e da loro derivano due rami. Tutti i Dalla Zuanna discendono
 +da questi due rami.
 +<br><i><font color="#3366FF"><font size="-2">Bibliografia : Archivio di Stato
 +di Vicenza e Bassano del Grappa, Fondo Notarile di Bassano, archivi parrocchiali
 +del Canale di Brenta, etc.</font></font></i></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALLE GRAVE
 +<br>DELLE GRAVE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalle Grave è decisamente veneto, di Santa Giustina nel bellunese
 +e di Mirano nel veneziano, Delle Grave, che sembrerebbe essere unico, è
 +probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione del precedente, che dovrebbe
 +derivare da un soprannome basato sul termine dialettale veneto <i><font color="#3333FF">grave</font></i>
 +(<i><font color="#666666">greto sabbioso</font></i>), ad indicare probabilmente
 +la provenienza del capostipiti da una zona in prossimità di un fiume,
 +che potrebbe essere stato il Tergola o il Brenta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'IGNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Igna è un tipico cognome del vicentino, di Thiene Malo, Zanè,
 +Schio, Sarcedo, Vicenza e Montecchio Precalcino, dovrebbe prendere il nome
 +dall'area di provenienza dei capostipiti, la valle del torrente Igna nel
 +versante meridionale delle Bregonze nel vicentino, un affluente del torrente
 +Timonchio, che va ad arricchire le acque del Bacchiglione, la via fluviale
 +tra Vicenza e Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'OGLIO
 +<br>DALL'OLIO
 +<br>DALLOGLIO
 +<br>DALLOLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalloglio, praticamente unico, è probabilmente un errore di trascrizione
 +di Dall'Oglio, che è tipico del mantovano di Bagnolo San Vito, Mantova,
 +Suzzara e Curtatone, Dallolio ha un ceppo a Castellucchio nel mantovano,
 +che dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del cognome precedente,
 +ed a Finale Emilia nel modenese, dovrebbe trattarsi di una diversa registrazione
 +del cognome Dall'Olio, che è molto più diffuso in tutta l'Emilia,
 +in particolare a Bologna, Medicina ed Imola nel bolognese, a Parma, Ferrara,
 +Mirandola nel modenese e nel resto del bolognese, l'origine dei ceppi lombardi
 +dovrebbe essere dal nome del fiume Oglio, che sbocca nel Po nelle vicinanze
 +di Mantova, probabile luogo d'origine dei capostipiti, il ceppo emiliano,
 +che pur potrebbe avere la medesima origine, ha molto probabilmente origini
 +diverse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico veronese, deriva dall'aferesi
 +del nome propiziatorio medioevale Hora Bona (dell'ora favorevole).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ORSO
 +<br>DALLORSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Orso, molto molto raro, sembrerebbe del genovese, Dallorso è
 +specifico di Lavagna e Chiavari nel genovese, il cognome dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato da un episodio, i Dall'Orso furono una ricca
 +famiglia di armatori di Chiavari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALL'ORTO
 +<br>DELL'ORTO
 +<br>ORTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dall'Orto ha un ceppo tra genovese e parmense, Dell'Orto, il più
 +diffuso, ha un ceppo importante in Lombardia, in particolare nel milanese
 +ed a Seregno, dove è massicciamente presente, ma anche a Milano,
 +Monza, Cesano Maderno, Carate Brianza, Desio, Lissone, brugherio, Besana
 +in Brianza e Giussano, e nel lecchese, a Cernusco Lombardone e Merate,
 +Orto è specifico di Paternò nel catanese, con ceppi sull'isola
 +di Lipari nel messinese, a Marsala nel trapanese ed a Siracusa, ed uno
 +a Melito di Napoli e Napoli nel napoletano, si dovrebbe trattare di cognomi
 +originati da soprannomi, motivati dal fatto che i capostipiti possedessero
 +un orto e venissero indicati appunto come i possessori di un orto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MAGRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Magro è tipico di Trichiana nel bellunese, potrebbe stare ad
 +indicare la discendenza da un capostipite noto per la sua magrezza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MAS
 +<br>DAL MASO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Mas è tipico del trevigiano, ma è ben presente anche
 +nelle aree vicine del bellunese, pordenonese e veneziano, Dal Maso, sempre
 +veneto, è più specifico del vicentino, pur essendo ben presente
 +anche nel vicino veronese, padovano, veneziano e trevisano, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche più o meno dialettali, dove il <i><font color="#3366FF">Dal</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">della famiglia di</font></i>, riferito
 +ad un <i><font color="#3366FF">Tommaso</font></i>, che per aferesi è
 +diventato <i><font color="#3366FF">Maso</font></i> o, in dialetto, <i><font color="#3366FF">Mas</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALMASI
 +<br>DALMASIO
 +<br>DALMASO
 +<br>DALMASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Dalmasi che Dalmasio, assolutamente rarissimi, sembrerebbero del milanese,
 +Dalmaso, abbastanza raro, è del basso trentino al confine con il
 +vicentino, Dalmasso, molto più diffuso, è piemontese, sembrerebbe
 +originario del cuneese, derivano inizialmente dal cognomen latino <i><font color="#3333FF">Dalmatius</font></i>,
 +ricordiamo nel IV° secolo Dalmatius Censor, nipote di Costantino il
 +grande, ma possono anche derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Dalmasius</font></i>
 +di cui abbiamo tracce con il nobile capitano di ventura spagnolo Dalmasio
 +Dei Banoli&nbsp; che operò in tutt'Italia nel 1300, o dalla sua
 +versione gallica <i><font color="#3333FF">Dalmasus</font></i>, ricordiamo
 +il Papa Dalmasus che concesse a Sant'Ambrogio un dispensa per il prolungamento
 +della durata del carnevale, aggiungendo così i giorni di festa da
 +mercoledì al sabato prima della prima Domenica di Quaresima, per
 +quanti seguissero il rito ambrosiano, potrebbero anche derivare da toponimi
 +come San Dalmazio nel Frignano nel modenese, o Borgo S. Dalmazzo nel cuneese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MOLIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Vedi <font color="#CC33CC">Molin</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MONEGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome raro di origine veneta,
 +deriva dal vocabolo monaco, come riferimento a famiglia dove era vissuto
 +uno fattosi frate o come soprannome originato da atteggiamenti o carattere.&nbsp;</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MONTE
 +<br>DALMONTE
 +<br>DEL MONTE
 +<br>DELMONTE
 +<br>DI MONTE
 +<br>DIMONTE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Monte dovrebbe avere due ceppi,
 +uno nella zona compresa tra le provincie di Bologna e Ravenna e l'altro
 +in provincia di Vicenza, Dalmonte è tipico della zona compresa tra
 +le provincie di Bologna e Ravenna,Del Monte, diffuso in tutt'Italia, ha
 +un forte nucleo originario nel Lazio, Delmonte è proprio del settentrione
 +occidentale, Di Monte dovrebbe essere originario dell'area foggiana-barese,
 +Dimonte è tipicamente della provincia di Bari. Tutti questi cognomi
 +dovrebbero derivare da toponimi contenenti Monte o da soprannomi legati
 +alla provenienza da una zona montana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL MORO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Moro è tipicamente veneto, di Borso del Grappa e Roncade nel
 +trevisano, di Venezia e Portogruaro nel veneziano, di Tezze sul Brenta
 +nel vicentino e di Verona e Padova, dovrebbe essere una forma patronimica
 +riferita a capostipiti che avessero partecipato alle guerre
 +della Repubblica Serenissima di Venezia contro i saraceni o contro gli invasori
 +turchi, o anche fossero di origini moresche, magari perchè esuli
 +da terre della Serenissima invase dai turchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL NEGRO
 +<br>DEL NEGRO
 +<br>DELNEGRO
 +<br>DEL NIGRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Negro è tipico del veronese ma presenta un ceppo anche nel trevigiano,
 +Del Negro ha un forte nucleo nell'udinese, un piccolo ceppo nel chietino
 +ed uno tra foggiano e barese, Delnegro, assolutamente rarissimo, parrebbe
 +del barese, di Barletta e Trani, Del Nigro, rarissimo, è di Trani
 +(BA), dovrebbero tutti derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Niger</font></i>
 +e dai suoi derivati medioevali <i><font color="#3366FF">Nigrus</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Negro</font></i>, in altri casi discendono da
 +soprannomi legati al colore dei capelli o alla carnagione scura, al sud
 +possono riferirsi a discendenze saracene.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PIAZ
 +<br>PIAZ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Piaz, molto raro, sembrerebbe di origini agordine, Piaz, ancora più
 +raro, è sempre del bellunese, dovrebbero derivare dal nome della
 +frazione Piaz di Vallada Agordina nel bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Pino è specifico della provincia di Lucca, di Viareggio in particolare,
 +potrebbe derivare dal fatto che la famiglia del capostipite abitasse in
 +prossimità di un particolare albero di pino, un inizio di questa
 +cognominizzazione lo troviamo in una registrazione daziaria pisana dell'anno
 +1219, dove si trova citato un certo Buonamicho Rustichelli dal Pino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PIO
 +<br>DAL PIO LUOGO
 +<br>DEL PIO
 +<br>DEL PIO LUOGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Pio, estremamente raro, è tipicamente veneto, Dal Pio Luogo,
 +assolutamente rarissimo e Del Pio Luogo, un pò meno raro, sembrerebbero
 +veneti della zona tra Treviso, Pordenone e Venezia, probabilmente originari
 +del trevigiano, Del Pio ha qualche rara presenza nel trevisano ed un ceppo
 +a Roma ed a Sant'Angelo Romano, dovrebbero derivare da cognomi attribuiti
 +a bambini abbandonati o a figli di madri ricoverate in Sanatori che avessero
 +dato alla luce un figlio e che fossero morte a seguito del parto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PIZZOL
 +<br>DEL PIZZOL</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti estremamente rari sono tipici dell'alto Veneto, tra bellunese, trevisano
 +e Friuli, dovrebbero derivare da un soprannome dialettale originato dalla
 +piccola statura (dal o del piccolo).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PORTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Porto ha un ceppo tra vicentino e padovano, a Padova in particolare,
 +ed uno nel lucchese, a Capannori, Pietrasanta e Lucca, il cognome dovrebbe
 +derivare dal fatto che il capostipite provenisse da uno dei tanti paesi contenenti
 +la radice Porto, o che provenisse da una zona portuale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL POZZO
 +<br>DA POZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Pozzo ha un ceppo nel nord milanese, uno nel sondriese, uno nel Veneto
 +centroccidentale ed uno nel bolognese, Da Pozzo ha un ceppo nello spezzino,
 +uno nell'alto udinese ed uno nel veronese, dovrebbero derivare da soprannomi
 +originati dalla presenza di un pozzo in prossimità dell'abitazione
 +del capostipite o dal fatto di esserne lo stesso il proprietario.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL PRA
 +<br>DAL PRA'
 +<br>DA PRA
 +<br>DA PRA'
 +<br>DEL PRA
 +<br>DEL PRA'
 +<br>DE PRA
 +<br>DE PRA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Pra, è tipico del vicentino, è probabilmente dovuto ad
 +errori di trascrizione del cognome Dal Prà, che è diffusissimo
 +nel padovano, trevisano e soprattutto vicentino,&nbsp; Da Pra è
 +specifico di Lozzo di Cadore nel bellunese, così come il meno diffuso
 +Da Prà e De Pra, che è anch'esso del bellunese, di Pieve
 +d'Alpago, Belluno, Ponte nelle Alpi e Puos d'Alpago, con un ceppo anche
 +ad Ormelle nel trevisano, anche De Prà è sempre del bellunese,
 +di Farra d'Alpago, Belluno, Ponte nelle Alpi, Pieve d'Alpago e Puos d'Alpago,
 +ma con un grosso ceppo anche a Venezia, Del Pra ha un ceppo a Novate Mezzola
 +nel sondriese, e presenze in Veneto, Del Prà, assolutamente rarissimo,
 +parrebbe del trevisano, dovrebbero tutti derivare o da nomi locali di contrade
 +che contengano la radice <i><font color="#3366FF">Pra</font></i> (<i><font color="#999999">prato</font></i>),
 +o da toponimi come Prà (PD), Pra di Este (PD), Pra Cividella o Pra
 +della Fratta nel Cadore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL SIE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Sie, molto molto raro, è tipico del trevigiano, di Breda di
 +Piave in particolare, potrebbe derivare dall'aferesi di toponimi come Arsiè
 +nel bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL SILLARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Sillaro è quasi unico, sicuramente lombardo del milanese, dovrebbe
 +indicare la provenienza del capostipite dal paese di Villanova del Sillaro
 +nel lodigiano, o dalla zona del Sillaro, un affluente del fiume Lambro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALTERIO
 +<br>D'ALTIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Alterio è specifico del napoletano di Giugliano di Campania dove
 +è diffusissimo, ma anche di Qualiano, Villaricca, Marano di Napoli,
 +Napoli e Pozzuoli, con un ceppo anche a Parete ed Aversa nel casertano,
 +D'Altiero, quasi unico, sembrerebbe anch'esso del napoletano,&nbsp; dovrebbero
 +tutti derivare da forme patronimiche, dove il D'- sta per figlio di, riferito
 +a capostipiti i cui padri si chiamassero <i><font color="#3333FF">Alterio</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Altiero</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ALTERI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALTIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daltin, molto molto raro, è presente nel trevigiano, in particolare
 +a Sausegana, nel veneziano e nell'udinese, potrebbe trattarsi di una forma
 +patronimica riferita ad un capostipite il cui padre fosse noto come <i><font color="#3333FF">Tin</font></i>,
 +una forma ipocoristica, aferetica di nomi come <i><font color="#3333FF">Umberto</font></i>
 +o simili, ma potrebbe anche trattarsi di una forma ipocoristica del soprannome e cognome <i><font color="#3333FF">Dalto</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi DALT</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DALT
 +<br>DALTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalt è unico, Dalto è tipicamente del trevigiano, di Conegliano,
 +Susegana, San Pietro di Feletto, Pieve di Soligo e Nervesa della Battaglia,
 +potrebbero derivare dal nome di un paese che contenga il termine <i><font color="#3333FF">alto</font></i>,
 +o da forme aferetiche del cognome <i><font color="#3333FF">Dadalt</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi DA DALT</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ALTOBRANDO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Altobrando, quasi unico, sembrerebbe della zona tra Piceno e teramano,
 +in particolare nel teramano di Cittadella, Castagneto e Sant'Egidio, potrebbe
 +derivare dal toponimo Castiglione Aldobrando di Gubbio nel perugino, possibile
 +luogo d'origine del capostipite, esiste una larvata possibilità
 +che si tratti di una forma patronimica e che il <i><font color="#3366FF">D'</font></i>,
 +invece che provenienza, stia ad indicare figlio di un <i><font color="#3366FF">Hildebrand</font></i>
 +longobardo, o, meno improbabilmente, di un Aldobrando o Altobrando di epoche
 +successive, nomi non infrequenti nel teramano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL TORRIONE
 +<br>DEL TORRIONE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Torrione, molto raro, è tipico di Viareggio, Camaiore e Pietrasanta
 +nel lucchese, Del Torrione, quasi unico, è probabilmente il frutto
 +di un'errata trascrizione del precedente, che dovrebbe dervare dal fatto
 +che il capostipite abitasse nei pressi di un torrione, come quelli presenti
 +ad esempio nel castello di Fosdinovo nel vicino massese o da altri simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL TOSO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico vicentino, deriva da un soprannome originato dal vocabolo dialettale
 +veneto <i>toso</i> (ragazzo, sbarbatello), traccia eminente di questa cognominizzazione
 +la troviamo con il pittore Girolamo Dal Toso di Vicenza le cui opere risalenti
 +al periodo 1510-1543 si possono ammirare in varie chiese vicentine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL VERME
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il Dal Verme è un Casato originario di Verona, ma presente oggi
 +solo nel milanese, deve la sua fortuna al capitano di ventura Luchino Dal
 +Verme, che, nato nel 1320, dopo aver militato al servizio dei Della Scala,
 +arriva a Milano alla corte dei Visconti e ne diventa il braccio armato,
 +dopo di lui Jacopo, Luigi e Pietro ne seguono le orme acquisendo il feudo
 +delle terre piacentine di Bobbio e di Voghera."<font color="#CC33CC">Nos,
 +Ioannes Galeaz Vicecomes, comes Virtutum, Mediolani etc., imperialis vicarius
 +generalis. Non in totalem quidem, sed in aliqualem obsequiorum multiplicium
 +recompensationem, quae spectabilis miles dominus </font><font color="#FF0000">Jacobus
 +de Verme</font><font color="#CC33CC"> dilectus consiliarius noster nobis
 +hactenus libenter impendit exhibetque, et supportat presentialiter indefessus
 +merita premiis compensantes nostram in eum munificentiam extendere inclinamur...</font>".
 +Questo cognome dovrebbe essere una forma patronimica dove il <i><font color="#3366FF">Dal</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i> riferito ad un <i><font color="#3366FF">Verme</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Vermo</font></i><font color="#000000">, nome
 +del padre del capostipite (</font><font color="#CC33CC">vedi VERME</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL VIT
 +<br>DALVIT</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dalvit è tipico del trentino, di Trento, Giovo, Lavis, Grumes e
 +Salorno, Dal Vit è quasi unico, potrebbero stare ad indicare la
 +provenienza dei capostipiti da un paese o una località di nome Vit,
 +come Vit vicino a Tolmezzo nell'udinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAL ZOVO
 +<br>DALZOVO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dal Zovo è tipico di Verona e del veronese, di Vestenanova, San
 +Martino Buonalbergo, Lavagno, Villafranca di Verona e San Giovanni Ilarione,
 +con un ceppo anche nel vicentino a Chiampo e Castelgomberto, Dalzovo, molto
 +raro, è dovuto ad una diversa trascrizione del precedente che dovrebbe
 +derivare dal fatto di provenire la famiglia dalla zona del Passo Zovo o
 +comunque del monte Zovo nel vicentino.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMADDIO
 +<br>D'AMADIO
 +<br>D'AMODIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amaddio, molto molto raro, sembrerebbe tipico del pistoiese, D'Amadio,
 +molto molto raro, ha un ceppo a Sante Marie nell'aquilano ed uno a Roma,
 +D'Amodio è specifico di Sant'Antimo e Melito di Napoli nel napoletano,
 +dovrebbero essere delle forme patronimiche, dove il <i><font color="#3366FF">D'</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, riferito a padri
 +dei capostipiti il cui nome fosse stato il nome medioevale <i><font color="#3366FF">Amo
 +Deus</font></i> o <i><font color="#3366FF">Ama Deus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +AMADDEO</font>), ma è pure possibile che possa trattarsi di cognomi
 +attribuiti a dei trovatelli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA MALTA
 +<br>DI MALTA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Malta, quasi unico, è del veneziano, Di Malta ha un piccolo ceppo
 +ad Aprilia nel latinense ed a Barletta nel barese, uno nell'isola di Pantelleria
 +ed uno nell'isola di Lampedusa e di Linosa, dovrebbe derivare da capostipiti
 +originari dell'isola di Malta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMANTE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amante è tipicamente calabrese, dell'alto cosentino di Verbicaro
 +in particolare, potrebbe derivare da una forma arcaica del nome del vicino
 +paese di Diamante, ma più probabilmente deriva dal nome della città
 +di Amantea, sempre nel cosentino, probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA MAREN
 +<br>MAREN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Maren è specifico di Vedelago nel trevisano, Maren, decisamente
 +più raro, è anch'esso del trevisano, di Mogliano Veneto e
 +Treviso, dovrebbero derivare dal nome del borgo di Maren frazione montana
 +di Vittorio Veneto nel trevisano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMASCELLI
 +<br>DAMASCHI
 +<br>DAMASCHINI
 +<br>DAMASCHINO
 +<br>DAMASCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Damascelli è tipico di Bari e del barese con ceppi secondari a Roma
 +e Milano, Damaschi, molto raro, è tipico dell'area milanese e pavese,
 +Damaschini, sicuramente lombardo, è quasi unico, Damaschino, altrettanto
 +raro, parrebbe del centrosud, Damasco ha vari ceppi in Puglia, uno nel
 +napoletano, uno piccolo a Palermo ed a Cagliari, dovrebbero tutti derivare
 +da modificazioni dialettali e da ipocoristici del nome <i><font color="#3366FF">Tommaso</font></i>,
 +secondo altri invece deriverebbero da soprannomi&nbsp; originati, direttamente
 +o tramite diminutivi, dal termine <i><font color="#3366FF">damasco</font></i>
 +(<i><font color="#999999">tipo di stoffa pregiata</font></i>) forse ad
 +indicare il mestiere di venditore di stoffe o di sarto.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Damascelli è un cognome tipico di Bari, è il patronimico
 +del cognome <i><font color="#3333FF">Mascella/Mascello</font></i>, dal
 +soprannome <i><font color="#3333FF">Mascella</font></i>, latino '<i><font color="#3333FF">maxilla</font></i>'
 += '<i><font color="#666666">mascella superiore, mandibola</font></i>',
 +o 'ognuna delle due parti di attrezzi a forma di morsa'. Minervini 309.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMATI
 +<br>DAMATI
 +<br>D'AMATO
 +<br>DAMATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amati, molto raro, ha un ceppo nel foggiano ed uno nel romano, D'Amato,
 +molto diffuso in tutt'Italia, è specifico del centrosud, Damato
 +è tipicamente pugliese, del foggiano e del barese, Damati, quasi
 +unico, dovrebbe essere il frutto di errori di registrazione, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche originate dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Amatus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AMATA</font>), si riferirebbero quindi alle
 +famiglie di figli di Amati o Amato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMBRA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Ambra ha un piccolo ceppo a La Spezia, uno, altrettanto piccolo, a Livorno,
 +uno più consistente a Roma, uno a Guglionesi nel campobassano, uno
 +a Margherita di Savoia e Foggia nel foggiano ed a Canosa di Puglia, Bari
 +e Barletta nel barese, uno molto consistente in Campania a Forio, Napoli,
 +Ischia, Afragola, Casoria, Caivano. San Giorgio a Cremano, Marano di Napoli
 +e Mugnano di Napoli nel napoletano ed a Sant'Arpino, Orta di Atella ed
 +Aversa nel casertano, ha inoltre ceppi in Sicilia, ad Aci Castello, Catania,
 +Acireale ed Aci Catena nel catanese, a Lipari e Messina nel messinese,
 +a Palermo, a Caltanissetta ed a Messina, potrebbe trattarsi di una forma
 +matronimica riferito a capostipiti le cui madri si fossero chiamate <i><font color="#3333FF">Ambra</font></i>,
 +ma <i><font color="#3333FF">Anbar</font></i> (<i><font color="#666666">ambra</font></i>)
 +è anche un nome maschile arabo, quindi potrebbe anche trattarsi
 +di una forma patronimica.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMBROSI
 +<br>D'AMBROSIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Ambrosi dovrebbe essere originario della provincia di Salerno, ma potrebbe
 +esserci anche un nucleo nella zona compresa tra la provincia di Roma e
 +quella di Frosinone, mentre D'Ambrosio, presente in tutta la penisola è
 +particolarmente concentrato al centro sud, dovrebbe derivare dal nome neolatino
 +Ambrosius di origine greca che ha il significato di immortale, passato
 +in uso in latino e poi in italiano, con varie forme e variazioni, in questi
 +casi si identificano quelli di Ambrosius (i famigliari).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMBRUOSI
 +<br>D'AMBRUOSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Ambruosi, praticamente unico è dovuto ad un errore di trascrizione
 +di D'Ambruoso che è specifico del barese della zona di Conversano
 +e Mola di Bari, dovrebbe derivare da modificazioni dialettali del nome
 +Ambrosius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Potrebbe essere originario dell'area
 +occidentale della provincia di Milano, potrebbe derivare da un soprannome
 +legato al toponimo Menaggio (CO) o Premeno (VB), o più probabilmente
 +dome aferesi contratta del nome Domenico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMERI
 +<br>D'AMERIO
 +<br>DAMERIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dameri, sicuramente di origini piemontesi, è specifico dell'area
 +alessandrino, genovese, di Novi Ligure, Gavi e San Cristoforo nell'alessandrino
 +e di Genova, Damerio, estremamente raro, è piemontese, D'Amerio
 +è quasi unico, dovrebbe trattarsi di forme patronimiche, dove il
 +<i><font color="#3333FF">D-</font></i> o il <i><font color="#3333FF">D'-</font></i>
 +stanno per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferite ad
 +un capostipite il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Amerius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AMERI</font>).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La sua zona d'origine dovrebbe
 +essere tra Piacenza e Parma</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMIANI
 +<br>DAMIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00damiani.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="45" height="60"><font size="-1">Mentre Damiani è molto diffuso
 +in tutt'Italia, Damiano è circoscritto al sud, derivano dal nome
 +Damiano. &nbsp;Esempio famosissimo di questa cognominizzazione si ha con San Pier
 +Damiani o Petrus Damiani (988 - 1072) fondatore dell'eremo di Camaldoli.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMIATA
 +<br>DAMIATI
 +<br>DAMIATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Damiata, ha un ceppo siciliano a Palermo, Damiati, quasi unico, sembrerebbe
 +veneto, Damiato è specifico di Torre del Greco nel napoletano, dovrebbero
 +derivare dal nome latino di origini greche <i><font color="#3333FF">Damiatus</font></i>,
 +alla fine del IX° secolo è doce di Venezia un tale Christophorus
 +Damiatus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMICI
 +<br>D'AMICIS
 +<br>D'AMICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amici oltre al nucleo laziale di Roma, Priverno (LT) e Pofi (FR), presenta
 +un ceppo a Brindisi, D'Amicis ha un ceppo a Manduria (TA) ed uno a Roma,
 +D'Amico è diffuso moltissimo&nbsp; in tutt'Italia, ma particolarmente
 +nel centro sud, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Amicus</font></i>
 +, di cui abbiamo un esempio a Capua in un atto dell'anno 1432: "<font color="#CC33CC">In
 +nomine domini nostri Iesu Christi. Anno a nativitate eius millesimo quatringentesimo
 +tricesimo secundo, regnante serenissima domina nostra domina Iohanna Secunda
 +Dei gratia Hungarie Ierusalem Sicilie Dalmacie Croacie Rame Servie Galicie
 +Lodomerie Comanie Bulgarieque regina:.. ..Maczoccha iudex et </font><font color="#FF0000">Amicus
 +de Ursis</font><font color="#CC33CC"> iurisperitus, ...</font>", e starebbero
 +ad indicare le famiglie dei figli di un <i><font color="#3366FF">Amico</font></i>,
 +nome quindi del padre del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMICODATRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amicodatri è specifico di Chieti, dovrebbe derivare da un capostipite
 +di cognome d'Amico proveniente da Atri nel teramano, cognome dato inizialmente
 +come soprannome per meglio identificarlo data la presenza a Chieti di molti con cognome
 +D'Amico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAMIN
 +<br>DAMINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi tipicamente veneti, Damin ha un ceppo a Mira nel veneziano, uno
 +a Segusino nel trevisano, uno a Legnago nel veronese ed uno a Lentiai e
 +Vas nel bellunese, Damini è tipico del veronese, di Verona e San
 +Giovanni Ilarione e di Cavaso del Tomba nel trevisano, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale Daminus di cui abbiamo un esempio d'uso in un atto
 +del 1319: "<font color="#CC33CC">...Et insuper peciam concedo Domino Deo
 +et eius martiri, cuncta que quorumlibet fidelium dono, juste vel potencialiter,
 +predicta ecclesia Octavianensis cenobiis Cucuphati usque in finem seculi
 +acquisierit in comitatu Barch, Atisonensi, Gerundensi, ut habitantes in
 +iam dicto cenobio pro me et coniuge mea, necnon et prolibus atque genitoribus
 +et fratribus meis, et pro omnibus fidelibus nostris, sine intermissione
 +Domini misericordiam semper exorent, ut dignetur nobis </font><font color="#FF0000">Daminus</font><font color="#CC33CC">
 +largire indulgenciam criminum atque remissionem omnium peccatorum nostrorum...</font>",
 +ma non si può assolutamente escludere che possa trattarsi di forme
 +ipocoristiche anche dialettali dell'aferesi del nome <i><font color="#3366FF">Adamo</font></i>,
 +o anche di ipocoristici dialettali di forme contratte del nome <i><font color="#3366FF">Damiano</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico della penisola salentina dovrebbe derivare dal nome Amone (<font color="#CC33CC">vedi
 +Amon</font>e) e indicherebbe quelli della famiglia di un tal Aimone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AMORE
 +<br>DAMORE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Amore è diffuso in maniera significativa in tutto il sud, Damore
 +è una variante, dovuta ad un errore di trascrizione, tipicamente
 +pugliese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Damore, molto raro, è un errore di trascrizione di D'Amore,
 +che, distribuito un po' in tutto il paese, presenta ceppi maggiori nel
 +centro e nel meridione, in particolar modo in Campania (fra il napoletano,
 +l'avellinese, il salernitano e il casertano), in Puglia (soprattutto nel
 +barese e, in misura minore, nel tarantino), in Sicilia (fra il palermitano,
 +il messinese e il catanese), nel Lazio (per lo più nel romano, con
 +un ceppo minore nel frusinate) e in Abruzzo (principalmente nell'aquilano),
 +entrambi questi cognomi derivano dal nome medievale Amore, un tempo diffuso
 +anche fuori dal nostro paese (in Francia, ad esempio, era conosciuto come
 +Amour, in Gran Bretagna e nella penisola iberica come Amor). Si tratta, dunque, delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANANIA
 +<br>DANANIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Anania, assolutamente rarissimo, parrebbe del napoletano, mentre Danania
 +è praticamente unico. (<font color="#CC33CC">vedi ANANIA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANASTASIO
 +<br>DI ANASTASIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Anastasio è tipicamente abruzzese, della provincia di Pescara
 +in particolare, Di Anastasio, estremamente raro, è del teramano,
 +si dovrebbe trattare di forme patronimiche in <i><font color="#3366FF">D'-</font></i>
 +o in <i><font color="#3366FF">Di-</font></i> del nome <i><font color="#3366FF">Anastasio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ANASTASI</font>), si riferirebbero quindi alle
 +famiglie dei figli di un Anastasio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANCONA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Ancona ha un ceppo nel teatino a Francavilla al Mare e Torrevecchia Teatina,
 +un ceppo a Mesagne e Latiano nel brindisino ed uno a Pantelleria, Lampedusa
 +e Palermo, dovrebbe satre ad indicare la provenienza dei capostipiti dalla
 +città di Ancona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANDREA
 +<br>D'ANDREIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Andrea è diffuso moltissimo&nbsp; in tutt'Italia, ma particolarmente
 +nel centro sud, D'Andreis ha un ceppo nell'udinese tra Codroipo e Varmo,
 +ed un ceppo a roma, derivano come forme patronimiche dal nome medioevale
 +Andrea e starebbero ad indicale le famiglie dei figli di un Andrea o dei
 +figli di figli di un Andrea.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANDRIA
 +<br>DANDRIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Andria è tipico di Taranto, con un ceppo anche in Campania tra
 +Pontecagnano Faiano (SA) e Salerno, Dandria, assolutamente rarissimo, è
 +dovuto ad errori di trascrizione, dovrebbe derivare da modificazioni dialettali
 +del nome Andrea e starebbe ad indicare quelli della famiglia di un certo
 +Andrea, secondo altri deriverebbe invece dal toponimo Andria (BA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decisamente lombardo, proprio della
 +zona tra le provincie di Como, Bergamo e Milano, deriva come soprannome
 +dal nome Daniele.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANERI
 +<br>DANERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daneri è tipico ligure, del genovese, in particolare della zona
 +di Chiavari e Cogorno e di Levanto nello spezzino, Danero è genovese,
 +potrebbero derivare dall'etnico danerus (danese).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANESE
 +<br>DANESI
 +<br>DANISE
 +<br>DANISI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Danese sembra avere due nuclei, uno sulla costiera meridionale adriatica
 +ed uno tra veronese e vicentino, Danesi ha un ceppo lombardo tra bergamasco
 +e bresciano, uno toscano ed uno romagnolo, Danise, molto raro, è
 +tipico di Napoli, Danisi, oltre al ceppo a Napoli e Gragnano nel napoletano,
 +ne ha anche uno nel barese a Palo Del Colle, Bari e Grumo Appula, derivano,
 +direttamente o tramite modificazioni dialettali, dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Danese</font></i>
 +di cui si hanno tracce a Bergamo nel 1500 con il senatore Danese Filiodoni,
 +o da sue modificazioni come questa riportata in un atto del 1280, sempre
 +nel bergamasco, dove troviamo: "<font color="#CC33CC">...Petri detto Morettus
 +filius quondam </font><font color="#FF0000">Danisi Rota</font><font color="#CC33CC">
 +de Valdimania...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANGELA
 +<br>D'ANGELI
 +<br>D'ANGELO
 +<br>D'ANGELIS
 +<br>DE ANGELIS
 +<br>DEANGELIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffusi moltissimo&nbsp; in tutt'Italia, ma particolarmente nel centro
 +sud D'Angelo e De Angelis, tipico della provincia di Latina D'Angelis e
 +della provincia di Foggia Deangelis, D'Angela ha un piccolo ceppo friulano
 +ed uno nel frusinate, D'Angeli ha vari ceppi nella fascia centrale, tra
 +riminese e pesarese, nel perugino, in tutto il Lazio e nell'aquilano, nel
 +napoletano, nel nisseno e nel siracusano, ma il grosso è nel tarentino
 +e brindisino. Tutti questi cognomi rappresentano forme patronimiche riferite
 +ai nomi Angela o Angelo, probabili nomi dei padri o delle madri dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANGELANTONIO
 +<br>DI ANGELANTONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia D'Angelantonio che Di Angelantonio sono molto rari, in particolare
 +il secondo, e tipici di Teramo e del teramano, con un ceppo anche a Roma
 +e nel Lazio settentrionale, si dovrebbe trattare di una forma patronimica
 +dove il <i><font color="#3366FF">D'</font></i> o il <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +stanno per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, riferentosi al padre
 +del capostipite di nome Angelo Antonio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANGELILLO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Angelillo è assolutamente rarissimo, probabilmente dell'area tra
 +basso Lazio e Campania, dovrebbe derivare dall'essere il capostipite figlio
 +di un Angelillo, nome derivato dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Angelillus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Angelilli</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANGELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Angella è della zona che comprende il barese, il potentino ed
 +il materano, con due ceppi a Minervino MUrge, Bari e Trani nel barese ed
 +a Pisticci nel materano e Venosa nel potentino, si dovrebbe trattare di
 +una forma di provenienza apocopaica riferita al paese salernitano di Angellara,
 +probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANIEL
 +<br>DANIELA
 +<br>DANIELE
 +<br>DANIELI
 +<br>DANIELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00daniele.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="101"><font size="-1">Daniel sembra trevigiano, Daniela, assolutamente rarissimo, è panitaliano,
 +Daniele è diffuso in tutta Italia, a Napoli in particolare, Danieli
 +ha un importante nucleo veneto con un ceppo nel Lazio ed uno nel Salento,
 +Danielli ha un ceppo tra alessandrino e genovese, uno tra milanese e lecchese,
 +uno nel bolognese ed uno nel ternano, derivano dal nome <i><font color="#3333FF">Daniele</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Daniela</font></i>, tipico della tradizione protocristiana,
 +tracce di questa cognominizzazione le troviamo nel 1200 in Istria con il
 +mercadante fiorentino Manuccio Danieli.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Cosimo
 +De Giovanni de Centelles</font></font>
 +<br>Il nome di questa famiglia è diffuso in circa 822 comuni d\'Italia,
 +massima concentrazione in Piemonte, Veneto e Campania con lieve presenza
 +nelle Puglie, specialmente nel Salento. In quest'ultimo ha goduto nobiltà
 +in Gagliano del Capo (LE) dove la famiglia vive tutt'ora. Celebri membri
 +sono un Alessandro Daniele che prese parte ai movimenti successivi alla
 +rivoluzione Napoletana&nbsp; e iscritto nel Notamento de' Rubricati di
 +Terra d'Otranto; e i coniugi Enrico Daniele ed Erminia Romasi dei Baroni
 +di Montesardo per la costruzione dell'Ospedale di Gagliano del Capo. Il
 +Palizzolo Gravina la fa derivare dalla città di Noto e feudataria
 +di Canicattì.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANIELLO
 +<br>DANIELLO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">D'Aniello oltre al grosso ceppo campano, presenta ceppi importanti a Roma,
 +Latina e nel frusinate a Vallemaio, a Campobasso, a Terlizzi, Bari, Andria
 +e Bitonto nel barese, a Taranto e Palagianello nel tarentino ed a Foggia,
 +con un ceppo anche a Palermo, Daniello, molto meno comune, ha un ceppo
 +a Roma, uno piccolo nel napoletano, uno a Cerignola nel foggiano ed a Palo
 +del Colle nel barese, potrebbe trattarsi di una forma patronimica riferita
 +a capostipiti i cui padri portassero il nome medioevale <i><font color="#3333FF">Aniellus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ANIELLO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANIOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dovrebbe essere del trevisano,
 +deriva come soprannome dal nome Daniele, i daniellotti e per contrazione
 +daniotti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Danna è un cognome specifico del Piemonte occidentale, in particolare
 +di Monastero di Vasco nel cuneese e di Luserna San Giovanni e Torino nel
 +torinese, ma presenta ceppi anche nell'udinese a Cavazzo Carnico, a Roma
 +e Viterbo ed a Lucca Sicula nell'agrigentino, potrebbe derivare da una
 +modificazione dell'aferesi del femminile del nome <i><font color="#3366FF">Giordano</font></i>,
 +o anche dalla forma franca <i><font color="#3366FF">Dannè</font></i>
 +del nome <i><font color="#3366FF">Daniele</font></i><font color="#000000">,
 +il ceppo siciliano potrebbe derivare dalla forma matronimica d'Anna con
 +la perdita dell'apostrofo (</font><font color="#CC33CC">vedi D'ANNA</font><font color="#000000">).</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANNA
 +<br>DE ANNA
 +<br>DEANNA
 +<br>DELL'ANNA
 +<br>DI ANNA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Anna ha un nucleo molto forte in Sicilia, uno in Campania, soprattutto
 +nel casertano e napoletano ed uno nel romano, De Anna, abbastanza raro,
 +ha un ceppo romano ed uno friulano, Deanna, assolutamente rarissimo, parrebbe
 +friulano, Dell'Anna è specifico della penisola salentina, dell'area
 +di Nardò, San Donato di Lecce e Leverano, Di Anna, ancora più
 +raro, è del centro Italia, si dovrebbe trattare di matronimici attribuibili
 +pertanto alle famiglie di figli di una capostipite di nome Anna.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel matronimico del nome medievale
 +<i><font color="#3366FF">Anna</font></i>, l'italianizzazione cioè
 +del personale ebraico <i><font color="#3366FF">Hannah</font></i>, col significato
 +di <i><font color="#999999">grazia divina</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#999999">favore di Dio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche Grazia</font>); solo per curiosità, comunque, va detto che
 +oggi Anna è il secondo nome femminile più diffuso d'Italia
 +(il primo è Maria) e la sua diffusione, in origine, si deve probabilmente
 +al culto di Sant'Anna, madre della Beata Vergine Maria secondo alcuni testi
 +apocrifi (Anna, comunque, è anche il nome della madre del profeta
 +Samuele e l'agionimia, inoltre, non manca di altre sante con questo nome).
 +Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali delle capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANNIBALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Annibale è tipicamente laziale, molto diffuso a Roma ed a Ceccano
 +nel frusinate, a Velletri, Lariano, Anzio Lanuvio e Nettuno nel romano,
 +ad Aprilia, Cisterna di Latina e Latina nel latinense, a Frasso Sabino
 +nel reatino, ed in Abruzzo a Pescara e Pianella nel pescarese e ad Ortona
 +nel teatino, si tratta di una forma patronimica dove il D'- sta per il
 +figlio di, riferito a capostipiti, i cui padri si fossero chiamati <i><font color="#3333FF">Annibale</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ANNIBALE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANNUNZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico della zona che va da Pescara a Vasto, deriva dal nome Annuntius
 +(<font color="#CC33CC">vedi Annunzi</font>), personaggio famosissimo il
 +poeta pescarese Gabriele D'annunzio (12/3/1863 - 1/3/1938).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANOVA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Proprio dell'area tra Pavia, Lodi
 +e Milano, dovrebbe derivare da un toponimo contenente il vocabolo Nova
 +o Nuova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANOVARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Raro è tipico del genovese,
 +dovrebbe derivare dal cognome Novaro (<font color="#CC33CC">vedi</font>),
 +i Danovaro erano armatori in Genova nel 1800.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANTE
 +<br>DANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dante ha un ceppo veneto in particolare a Piove di Sacco e Pontelongo
 +nel padovano ed a Venezia, ed uno laziale a Roma, Vicovaro (RM), Rieti
 +e Cittaducale (RI), Danti parrebbe tipicamente toscano del fiorentino,
 +con un ceppo anche nel livornese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Dante</font></i>
 +(forma contratta dell'originale <i><font color="#3366FF">Durante</font></i>),
 +col significato letterale di <i><font color="#999999">resistente, tenace</font></i>
 +e, in senso lato, <i><font color="#999999">costante, fermo di carattere</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche Costanzo e Fermo</font>). In conclusione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANTILE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome rarissimo del barese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Dantile è cognome barese alterato di <i><font color="#3333FF">Durante</font></i>
 +(cfr.) Minervini 182.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANTINO
 +<br>DANTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Antino, abbastanza raro parrebbe avere un ceppo nel pescarese, uno nel
 +romano ed uno nel foggiano, Dantino, quasi unico, è dell'area campano
 +foggiana, il cognome dovrebbero derivare dal toponimo Civita D'Antino nell'aquilano,
 +paese che in epoca tardo imperiale romana aveva una notevole rilevanza,
 +costituendo un forte baluardo inserito nel sistema logistico difensivo
 +romano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>D'Antino e Dantino sono cognomi presenti a Foggia ed a Bari. Si tratta
 +di un alterato del cognome <i><font color="#3333FF">Durante</font></i>
 +(cfr.) Minervini 182.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANTO
 +<br>D'ANTO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Anto, assolutamente rarissimo e D'Antò, un poco meno raro, sono
 +tipici del napoletano, in particolare di Afragola, ma anche di Casoria,
 +Acerra e Napoli, si dovrebbe trattare di forme tronche del patronimico
 +<i><font color="#3366FF">d'Antonio</font></i>, riferito a capostipiti,
 +il cui padre si chiamassa appunto <i><font color="#3366FF">Antonio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANTONA
 +<br>DANTONA
 +<br>D'ANTONE
 +<br>D'ANTONI
 +<br>DANTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Antona è di origini siciliane, dell'area che comprende l'agrigentino,
 +il nisseno ed il catanese, D'Antone, molto molto raro, anch'esso siciliano,
 +è tipico di Catania e Trapani, D'Antoni, è il più
 +diffuso in tutta la Sicilia, con massima concentrazione nel trapanese e
 +nel palermitano, Dantona è estremamente raro ed è probabilmente
 +dovuto ad errori di trascrizione, così come Dantoni che sembra però
 +caratteristico del ragusano, di Scicli in particolare, dovrebbero tutti
 +derivare da una forma patronimica in <i><font color="#3366FF">D'-</font></i>
 +del nome greco <i><font color="#3366FF">Antionos</font></i> (<i><font color="#3366FF">Antuonos</font></i>),
 +che significa <i><font color="#999999">nato prima</font></i> (<i><font color="#3366FF">ante
 +gnatos</font></i> con la stessa radice di <i><font color="#999999">antenato</font></i>)
 +e starebbero ad indicare famiglie di figli di un <i><font color="#3366FF">Antuonos</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANTONIO
 +<br>DANTONIO
 +<br>DE ANTONIO
 +<br>DEANTONIO
 +<br>DI ANTONIO
 +<br>DIANTONIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Antonio, distribuito in tutt'Italia, è particolarmente presente
 +nella fascia centrale, dove si individuano ceppi nel Lazio, Campagna, Abruzzi
 +e Molise, provincie di Foggia e di Catania, sia Dantonio, che De Antonio
 +e Deantonio sono assolutamente rarissimi e sembrerebbero originari dell'Abruzzo,
 +del teramano e teatino in particolare, Diantonio è praticamente
 +unico ed è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione di
 +Di Antonio, che è invece ben presente nel teramano, a Teramo, Civitella
 +del Tronto, Campli, Sant'Egidio alla Vibrata e Alba Adriatica, nel ternano,
 +a Narni e Terni, ed a Roma, si tratta in tutti i casi di forme patronimiche
 +in <i><font color="#3366FF">D'</font></i>, <i><font color="#3366FF">De</font></i>,
 +o <i><font color="#3366FF">Di</font></i>, che hanno il valore di <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, riferite all'antico nome medioevale <i><font color="#3366FF">Antonio</font></i>,
 +tutt'ora in auge,&nbsp; nome probabilmente portato dai padri dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DANZA
 +<br>DANZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Danza sembrerebbe tipicamente pugliese, molto diffuso nel foggiano, a Foggia,
 +Sant'Agata di Puglia e Rignano Garganico, a Bari ed a Taranto, Danzo sembrerebbe
 +specifico del vicentino, di Schio, Valdagno e Valli del Pasubio, con un
 +piccolo ceppo nel tarentino, dovrebbero derivare da forme aferetiche di <i><font color="#3333FF">Abundanza</font></i> ed <i><font color="#3333FF">Abundanzo</font></i> , l'italianizzazione
 +del nome tardo latino <i><font color="#3333FF">Abundantius</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome il Diacono santo martirizzato durante le persecuzioni
 +dei cristiani da parte dell'imperatore Diocleziano nell'anno 304.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ANZI
 +<br>DANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Danzi ha un ceppo tra milanese, lodigiano e cremonese, uno in provincia
 +di Verona ed uno nella Basilicata, D'Anzi è specifico del potentino
 +con discrete presenze anche nel materano e nel tarentino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Danzi, D'Anzi è un cognome lombardo e veneto ma molto frequente
 +anche in Basilicata. Per la Lombardia si può ipotizzare una forma
 +'<i><font color="#3333FF">Danz</font></i>' aferetica del nome di persona
 +<i><font color="#3333FF">Abundantiu</font></i>s o <i><font color="#3333FF">Fidanza</font></i>
 +(Lurati 213), mentre per la Basilicata si dovrebbe intendere '<i><font color="#3333FF">gente
 +di Anzi</font></i>', comune in provincia di Potenza (G. Rohlfs).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAOGLIO
 +<br>DA OLIO
 +<br>DAOLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Olio, quasi unico, dovrebbe essere una forma arcaica di Daolio, che
 +è tipico della zona che comprende il mantovano ed il reggiano nei
 +pressi dello sbocco del fiume Oglio nel Po, Daoglio, decisamente più
 +raro, è del mantovano, di Suzzara, dovrebbero prendere il nome proprio
 +dal fiume Oglio, indicando le sue rive come la zona d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA PALUDE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Palude sembrerebbe ormai scomparso in Italia, originario del reggiano,
 +dovrebbe derivare da un'alterazione del cognome De Paule, troviamo traccia
 +di questa cognominizzazione in un atto di donazione della contessa Matilde
 +di Canossa dell'anno 1102 dove viene citato tra i beneficiari Arduinus
 +Comes de Palude.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAPAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dapas, molto raro, è tipico del goriziano e di Trieste, dovrebbe
 +derivare da un modo dialettale di indicare coloro che abitavano in basso,
 +in una zona al di sotto del livello altitudinale normale, in una sorta
 +di fossa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAPEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dapei, quasi unico, potrebbe essere ligure, l'ipotesi di una derivazione
 +dal nome del paese di Pei, una frazione di Zerba nel piacentino, nell'alta
 +val Trebbia ai confini con l'alessandrino, è possibile, anche se
 +non esistono elementi a supporto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAPIAGGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del pavese</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA PIT
 +<br>DAPIT</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Pit è quasi unico, Dapit sicuramente friulano, ha un ceppo originario
 +a Gemona del Friuli ed uno secondario a Sabaudia nel latinense causato
 +dal trasferimento di lavoratori veneti e friulani per la bonifica delle
 +Paludi Pontine in epoca fascista, deriva da un soprannome friulano, <i><font color="#3366FF">dapìt</font></i>
 +(<i><font color="#999999">in fondo</font></i>) ad indicare probabilmente
 +dove abitava la famiglia, cioè in fondo al paese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA POLENTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Polenta è un cognome illustre, le cui tracce in Italia sembrerebbero
 +scomparse dalla prima metà del 1900, il casato dei Da Polenta governò
 +la Signoria di Ravenna dal 1287 al 1441, deriva dal nome del Castello di
 +Polenta, Castello con villaggio attualmente nel territorio di Bertinoro
 +nel cesenate ai confini con il ravennate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAPORTO
 +<br>DAPPORTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daporto, molto raro, ha un piccolo ceppo a Forl' e ad Imola nel bolognese,
 +Dapporto è specifico di Faenza nel ravennate, dovrebbero derivare
 +dal fatto che il capostipite provenisse da uno dei tanti paesi contenenti
 +la radice Porto, o che provenisse da una zona portuale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA POS
 +<br>DAL POS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Pos, molto molto raro, è specifico del bellunese, di Pieve d'Alpago,
 +Dal Pos è specifico di San Vendemiano nel trevisano, con buona concentrazione
 +anche a San Fior, Conegliano, Mareno di Piave, ed Ormelle sempre nel trevisano
 +e di Quero nel bellunese, dovrebbero da un nome di località coma
 +la frazione Dal Pos di San Vendemiano nel trevisano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA PRELA'
 +<br>DAPRELA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Prelà è praticamente unico, Daprelà è specifico
 +di Imperia e dell'imperiese, dovrebbe derivare dal nome del paese di Prelà
 +nell'imperiese, probabilmente il luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AQUI'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra originario della provincia
 +di Reggio Calabria, potrebbe essere una contrazione di un soprannome legato
 +al toponimo Aquilonia (AV), o legato ad un episodio o ad una caratteristica
 +del capostipite, oppure potrebbe essere una contrazione del nome latino
 +Aquilinus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AQUINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico del centrosud, dovrebbe derivare dal toponimo Aquino (FR),
 +ma è pure possibile un'origine dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Aquinus</font></i>
 +(vedi <font color="#CC33CC">AQUINO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dara ha un ceppo ad Andali e Catanzaro nel catanzarese ed uno in Sicilia
 +in particolare ad Alcamo nel trapanese, casato nobile di origine albanese
 +che venne investito del titolo di Baroni, ricordiamo Andrea Dara vissuto
 +tra il 1700 ed il 1800, barone di Palazzo Adriano, Cannavata, Costamammana,
 +S.Agata e Guadalami, nel palermitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARCHI
 +<br>DARCHINI
 +<br>DARCHINO
 +<br>DARCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Darchi, quasi unico, è settentrionale, Darchini, abbastanza raro,
 +ha un ceppo a Ravenna e Massa Lombarda nel ravennate e ad Imola nel bolognese,
 +Darchino, quasi unico, sembrerebbe del savonese, Darco, quasi unico, è
 +meridionale, potrebbero derivare da soprannomi etnici stanti ad indicare
 +provenienza da paesi o località contenenti nel loro nome la radice
 +Arco, ma molto più probabilmente derivano, direttamente o tramite
 +un ipocoristico, dal nome slavo <i><font color="#3333FF">Darko</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARDANI
 +<br>DARDANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dardani è tipicamente emiliano, di Parma e Fornovo di Taro nel parmense
 +e di Bologna e Medicina nel bolognese, Dardano è tipico della provincia
 +di Catanzaro, dovrebberonentrambi derivare dal nome greco <i><font color="#3366FF">Dardanos</font></i>,
 +ricordiamo il mitologico figlio di Zeus e di Elettra che portava questo
 +nome e che venne considerato il capostipite del popolo troiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARDI
 +<br>DARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dardi abbastanza raro è tipico del bolognese e ravennate, Dardo
 +estremamente più raro sembra avere un ceppo nel cuneese ed uno nel
 +napoletano, deriva dal nome medioevale Dardus di cui si hanno tracce ad
 +esempio nel 1400 come possiamo leggere nel <font color="#3366FF">De Scriptoribus</font>:
 +"<font color="#CC33CC">...in quo luculenter illustratur </font><font color="#FF0000">Dardus</font><font color="#CC33CC">
 +de cuius operibus fortasse agam et professo...</font>".&nbsp; Tracce di
 +questa cognominizzazione la troviamo a Pisa nel 1300 con il maestro Dardi
 +autore del testo del 1344 <font color="#3366FF">Aliabraa argibra</font>,
 +uno dei pochi trattati medievali di argomento algebrico.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Dardi per Olivieri 143 deriva dal cognome <i><font color="#3333FF">Lunàrdi</font></i>,
 +a sua volta dal nome <i><font color="#3333FF">Lunardus</font></i>. Si veda
 +"<i><font color="#CC33CC">Leonardus qui dicitur Dardi</font></i>", Venezia
 +1290, N. Arch. Ven. XIX, 154.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RE
 +<br>DA RE'
 +<br>DARE
 +<br>DARE'
 +<br>DE RE
 +<br>DE RE'
 +<br>DERE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Re è tipicamente veneto, del padovano, veneziano e soprattutto
 +del trevisano, e del pordenonese, Dare è praticamente unico, Da
 +Rè e Darè, assolutamente rarissimi, sembrerebbero del triveneto,
 +De Rè è unico, Derè lo è quasi, De Re, decisamente
 +friulano, è specifico del pordenonese, di Caneva, Porcia, Sacile
 +e Pordenone, dovrebbero derivare dai molti toponimi contenenti il vocabolo
 +Re al loro interno, ma è pure possibile che possa in alcuni casi
 +trattarsi di forme patronimiche indicanti i figli di chi, per qualsivoglia
 +motivo, era stato Re di una festa, di una sagra, o perchè era stato
 +chiamato <i><font color="#3333FF">Re</font></i> dai suoi genitori o amici.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARELLI
 +<br>DARELLO
 +<br>DARI
 +<br>DARIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Darelli, molto molto raro, è tipico di Roma e di Torricella in Sabina
 +nel reatino, Darello è quasi unico, Dari ha un ceppo tra bolognese,
 +fiorentino e ravennate,&nbsp; uno tra maceratese, Piceno e perugino, uno
 +nel livornese, uno nel grossetano ed uno tra viterbese e romano, Dario
 +ha un ceppo tra Veneto e Friuli, uno secondario nel Lazio, uno nel napoletano
 +ed uno tra barese e brindisino, tutti questi cognomi dovrebbero derivare,
 +direttamente o attraverso forme ipocoristiche, dal nome <i><font color="#3366FF">Dario</font></i>,
 +probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ARGENIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">vedi <b><font color="#3333FF">ARGENIO</font></b> <a href="http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/cognomi0001r.htm">http://www.cognomiitaliani.org/cognomi/cognomi0001r.htm</a></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RIZ
 +<br>DARIZ
 +<br>DE RIZ
 +<br>RIZ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Riz è specifico del bellunese, di Belluno e Sedico, Dariz è
 +specifico di Bressanone in provincia di Bolzano, De Riz è tipico
 +dell'area che comprende in Veneto il bellunese ed il trevigiano ed in Friuli
 +il pordenonese, con massima concentrazione a Pedavena, Feltre e Santa Giustina
 +nel bellunese, ed a Polcenigo e Sacile nel pordenonese, Riz è del
 +Trentino, di Campitello di Fassa e Canazei, potrebbero derivare da soprannomi
 +o nomi di località chiamate <i><font color="#3333FF">riz</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">ritz</font></i> (<i><font color="#666666">graffio,
 +fenditura crepa</font></i>) vocabolo di origine tedesca usato soprattutto
 +nella Val di Fiemme ad indicare località con quelle caratteristiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARMAN
 +<br>DARMIAN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Darman sembra caratteristico di Rocca Pietore nel bellunese, Darmian è
 +praticamente unico, e lo troviamo oggi solo nel milanese, dovrebbero derivare da una forma dialettale lombardoveneta
 +del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Darmanus</font></i>, un nome
 +peraltro rarissimo, ma non si può escludere una derivazione da un
 +soprannome originato dal termine germanico <i><font color="#3333FF">darm</font></i>
 +(<i><font color="#666666">frattaglie, viscere</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RODDA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Rodda è specifico del trevisano, di Revine Lago e Conegliano,
 +dovrebbe derivare dal nome della località Rodda, frazione del comune
 +di Pulfero nell'udinese, il Da sarebbe quindi un prefisso di provenienza
 +che indichi il probabile luogo d'origine del capostipite, il toponimo potrebbe
 +prendere il nome dal termine celtico <i><font color="#3366FF">rod</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fiume</font></i>), visto la vicinanza del letto
 +del Natisone, ma, molto più probabilmente, deriva dal nome, di origini
 +slave, del monte Rode, un'altura in territorio di Pulfero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA ROLD
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico di Belluno, dovrebbe derivare dall'aferesi del nome medioevale germanico
 +Harold; "<font color="#CC33CC">...illum quidem pro ingenita flectere nequivit
 +saevitia; filium autem regis </font><font color="#FF0000">Haroldum</font><font color="#CC33CC">,
 +sua dicitur praedicatione lucratus...</font>", ma è pure possibile che derivi da un toponimo tedesco Roldus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RONCO
 +<br>DARONCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daronco è quasi unico, Da Ronco ha un ceppo friulano nell'udinese
 +ed uno nel veronese, dovrebbero derivare da toponimi come Ronco All'Adige
 +(VR) o simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA ROS
 +<br>DAROS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Ros è molto diffuso nell'area che comprende il bellunese, il
 +trevisano, il pordenonese e l'udinese, soprattuttola zona di Vittorio Veneto,
 +Sarmede, Cappella maggiore, Conegliano, Cordignano, Mareno di Piave, Gaiarine,
 +Oderzo, Tarzo, Fregona, Colle Umberto, Breda di Piave, San Vendemiano e
 +Treviso nel trevisano e Trichiana nel bellunese, ed in Friuli nel pordenonese
 +Sacile, Pordenone e Brugnera, Daros, assolutamente rarissimo, è
 +probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente, che dovrebbe
 +derivare dal fatto che i capostipiti provenissero da paesi come Case da
 +Ros di Godega nel trevisano, Ros di San Vito al Tagliamento (PN) o Ros
 +di Vito d'Asio (PN) o altre simili.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ARPA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Arpa ha un ceppo a Carmiano nel leccese ed a San Donaci nel brindisino
 +ed uno, molto consistente a Palermo, potrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine dialettale <i><font color="#3333FF">arpaiu</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">strumento in uso presso i bottai</font></i>),
 +ma molto più probabilmente deriva dal nome dell'<i><font color="#3333FF">arpia</font></i>
 +una sorta di uccello rapace della mitologia greca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ARPIZIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Arpizio, assolutamente rarissimo, sembrerebbe abruzzese, potrebbe derivare
 +dal nome di una pianta di montagna l'<i><font color="#3333FF">arpitium</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Massimo
 +D'Arpizio</font></font>
 +<br>Le uniche notizie in mio possesso circa le origini del mio cognome
 +riguardano un mio omonimo che pervenne in Città Sant'Angelo (ora
 +in prov. di PE,allora in prov. di TE) verso fine del 1800, pare provenisse
 +da Cellino Attanasio (TE). Mio padre riferiva che un evento drammatico
 +o una faida paesana doveva averlo costretto alla fuga dal suo paese natale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ARRIGO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra essere di origine siciliane,
 +in particolare dell'area compresa tra le provincie di Messina e Catania,
 +dovrebbe discendere dal nome Arrigo. (<font color="#CC33CC">vedi Arrighi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARSIE
 +<br>DARSIE'
 +<br>D'ARSIE
 +<br>D'ARSIE'
 +<br>DASSIE
 +<br>DASSIE'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti del trevigiano, D'Arsie è unico ed è senza dubbio dovuto,
 +come il quasi unico Darsie e il più diffuso Darsiè, specifico
 +di Treviso e Villorba, ad un errata trascrizione di D'Arsiè, che
 +è specifico di Vittorio Veneto, Conegliano e Treviso, sia Dassie
 +che Dassiè sono tipici del trevisano, di Conegliano, Fontanelle,
 +Oderzo e Susegana, e dovrebbe trattarsi di forme alterate dialettalmente
 +del cognome precedente, dovrebbero tutti derivare dal nome del paese di
 +Arsiè nel bellunese, probabile luogo di provenienza dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DARTORA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dartora è tipicamente veneto, di Dolo e Camponogara nel veneziano
 +e di Pederobba e Montebelluna nel trevisano, potrebbe derivare da un soprannome
 +dialettale arcaico basato sull'italianizzazione di un termine veneziano
 +ormai caduto in disuso <i><font color="#3333FF">ardora</font></i> (<i><font color="#666666">calore
 +intenso</font></i>, ma usato come aggettivo per indicare una persona spiantata,
 +senza il becco di un quattrino).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RU
 +<br>DA RU'
 +<br>DARU
 +<br>DARU'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Rù, molto molto raro, è tipico dell'area veneta, di Pieve
 +di Cadore nel bellunese in particolare, Da Ru e Darù, estremamente
 +rari, sono anch'essi sempre tipicamente veneti, Daru è unico, tutti
 +questi cognomi dovrebbero essere forme dialettali contratte del cognome
 +Da Ruos (<font color="#CC33CC">vedi DA RUOS</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA RUOS
 +<br>DARUOS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daruos, praticamente unico, è dovuto ad un errore di trascrizione
 +di Da Ruos, che è tipico del trevigiano, di Farra di Soligo e Conegliano,
 +potrebbe derivare dal termine cimbro <i><font color="#3366FF">roush</font></i>
 +(<i><font color="#999999">cavallo</font></i>), forse ad indicare lo stato
 +di cavaliere del capostipite, ma è pure possibile una derivazione
 +dal termine dell'antico alto tedesco <i><font color="#3366FF">rouhhðs</font></i>
 +(<i><font color="#999999">camino, fumarium</font></i>) e a questo punto
 +indicherebbe che la famiglia proveniva da una zona fumosa o nebbiosa.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Da Ruos è un cognome veneto e friulano di origine germanica.
 +A mio parere deriva dall'antico alto tedesco '<i><font color="#3333FF">(h)ros</font></i>'&nbsp;
 += '<i><font color="#666666">cavallo</font></i>' che ha dato con lo stesso
 +significato il tedesco moderno <i><font color="#3333FF">Ross</font></i>
 +(forma poetica di Pferd). Il gruppo vocalico <i><font color="#3333FF">-uo</font></i>
 +dovrebbe infatti escludere la derivazione di tale cognome dall'aggettivo
 +'<i><font color="#3333FF">rosso</font></i>', a meno che in Ruos non si
 +voglia vedere un ibrido insolito fra il cognome friulano <i><font color="#3333FF">Rós</font></i>
 +e l'aggettivo sloveno '<i><font color="#3333FF">rus</font></i>', ambedue
 +significanti '<i><font color="#666666">rosso</font></i>'.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ASCIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Ascia sembrerebbe originario del napoletano, di Napoli e di Forio sull'isola
 +d'Ischia, dovrebbe stare ad indicare un'origine dei capostipiti dal paese
 +di <i><font color="#3333FF">Ascea</font></i> nel salernitano, chiamata
 +anticamente con il termine grecanico <i><font color="#3333FF">Ascia</font></i>,
 +forse originato dalla radice verbale greco antica <font color="#3333FF">άσκέω
 +<i>askeo</i></font> (<i><font color="#666666">esercitare, addestrare, prepararsi</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DASSANI
 +<br>DASSANO
 +<br>DASSIANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dassani, molto raro, è tipicamente romagnolo, di Forlì e
 +Ravenna, Dassano, molto molto raro, è tipico dell'area ligure, piemontese,
 +del torinese in particolare, Dassiani è praticamente unica, dovrebbero
 +derivare da alterazioni dialettali del nome latino <i><font color="#3333FF">Dassianus</font></i>,
 +ricordiamo con questo nome il governatore romano che martirizzò
 +a Valencia in Spagna nel 304 d. C. San Vincenzo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DASSE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipico della bassa bresciana, dovrebbe derivare
 +da modificazioni dialettali di toponimi come Dazze di Marcheno (Bs) in
 +Valtrompia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ASTOLFI
 +<br>D'ASTOLFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Astolfi è praticamente unico, D'Astolfo è tipicamente abruzzese,
 +di Manoppello nel pescarese e di Chieti, dovrebbe trattarsi di una forma
 +patronimica, dove il D'- stia per il figlio di, riferito ad un capostipite
 +il cui padre avesse portato il nome longobardo <i><font color="#3333FF">Astulfus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ASTOLFI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Data è tipicamente piemontese del torinese, di Forno Canavese in
 +particolare, dovrebbe derivare da Data, il nome di una frazione della zona sudoccidentale
 +di Forno Canavese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><a name="at"></a><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ATRIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Atria è specifico di Palermo, potrebbe stare ad indicare l'appartenenza
 +del capostipite alla <i><font color="#3333FF">Gens Atria</font></i>, che
 +aveva possedimenti terrieri nel salernitano ed in Sicilia, ma è
 +pure possibile che possa trattarsi di una forma patronimica o matronimica
 +riferita ad un capostipite, il cui genitore si fosse chiamato con il nome
 +greco <i><font color="#3333FF">Atri</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi anche ATRIA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'ATTANASIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra essere di origine abruzzese,
 +deriva dal nome latino Athanasius. (<font color="#CC33CC">vedi Atanasi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AUBERT
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il cognome D'Aubert, decisamente di origine francese, in Italia ha un ceppo
 +a Palermo, si dovrebbe trattare di una forma patronimica in <i><font color="#3366FF">D'-</font></i>,
 +dove il <i><font color="#3366FF">D'</font></i> sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, riferita al nome medioevale <i><font color="#3366FF">Aubert</font></i>
 +che deriva dai vocaboli germanici <i><font color="#3366FF">adal</font></i>
 +(<i><font color="#999999">nobile</font></i>) e <i><font color="#3366FF">berth</font></i>
 +(<i><font color="#999999">luminoso, brillante</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AUDINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo sembra tipico del catanzarese, deriva dal nome longobardo Audinus
 +di cui si ha esempio nel <font color="#3366FF">Codice Diplomatico Longobardo</font>
 +in un atto del 750 conservato a Siena, dove tra l'altro si legge: "<font color="#CC33CC">In
 +nomine domini Dei nostris Iesum Christi. rignante domno nostro uiro excelentissimo
 +Aistolfo rige, anno primo, mense aprilis, indictione tertia... ...quidquid
 +ipsi suprascripti Audimari et </font><font color="#FF0000">Audini</font><font color="#CC33CC">
 +ad suam abuerunt potestatem; de ipsa sorticilla mea uobis in integrum uindedi,
 +excepto alia portionem meam,...</font>", traccia di questo cognome si trova
 +a Bovalino (CS) fin dal 1600 con un certo Petro Audino citato in un atto
 +di vendita.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AURIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00auria.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="70"><font size="-1">Sembra essere specifico del sud, con un forte ceppo campano, nel tarentino,
 +ed in Sicilia, è presente un probabile ceppo, forse non secondario
 +in Piemonte e Lombardia.&nbsp; Pur considerando che Auria sia stato un nome proprio
 +longobardo derivato dall'Aurea latino, questo cognome potrebbe anche derivare
 +da un nome di località, nel genovese ad esempio esisteva nel 1300
 +un sito chiamato Castrum Aurie, come si può leggere in un atto del
 +1321 conservato nell'Archivio di Stato di Genova: "<font color="#CC33CC">...Item
 +terra de Coronale cui coheret ab uno latere terra predicti Sancti Johannis
 +de Salaxia et ab uno latere terra Michaelis de Serra et ab alio latere
 +saltus et terra salvatica et via publica qua itur ad Castrum Aurie. ...</font>".
 +L'uso del nome Auria lo si riscontra nel 1000 ad esempio a Solofra (AV)
 +dove in un atto si legge dei coniugi Cicero e Auria, figlia del fu Giaquinto:
 +"<font color="#CC66CC">...da partibus septemtrionalis fine sortione Ciceri
 +et </font><font color="#FF0000">Aurie</font><font color="#CC66CC"> uxoris
 +sue, que fuit filia Iaquinti presbiteri, ...</font>".&nbsp; Tracce molto
 +antiche di questa cognominizzazione si hanno ad esempio nel nizzardo nel
 +1150 dove in un atto si legge: "<font color="#CC66CC">...spectabiles juris
 +utriusque doctores dominus </font><font color="#FF0000">Petrus de Auria
 +Speronus</font><font color="#CC66CC">, ac dominus Franciscus Mari, et nobiles
 +ac egregijo Andreas Orignanus, Lambertus Casanova, Secundinus Galleanus...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>D'Auria è cognome messinese, calabrese e lucano che corrisponde
 +al cognome <i><font color="#3333FF">Dòria</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>D'AURIA; DORIA: almeno per quanto riguarda la Sardegna i D'Auria o
 +Auria e i Doria, crediamo appartengano allo stesso ceppo. I Doria sardi
 +provenivano da Genova. Siamo convinti inoltre che i Doria genovesi prendano
 +il nome da <i><font color="#3333FF">Doria</font></i>, antica frazione del
 +Comune di Genova. Nei testi antichi della lingua e della storia della Sardegna
 +i D'Auria, gli Auria sono semplici varianti di Doria. La famiglia dei Doria,
 +di provenienza e di origine genovese, fece la sua comparsa in Sardegna
 +con Doria Manuele, vissuto tra il 1202 ed il 1252. Figlio di Nicolò
 +e di Giacomina della Volta, diede origine al ramo principale dei Doria
 +o D'Auria o Auria sardi,&nbsp; sposando Giorgia de Lacon - Gunale, figlia
 +di Comita de Lacon Giudice (sovrano) di Torres. Tra i quattro figli di
 +Manuele e di Giorgia, si distinse Nicolò, il primogenito, che nel
 +1234 sposò la cugina (asimmetrica) Preziosa de Lacon - Gunale, figlia
 +(legittimata) di Mariano II° giudice di Torres, dalla quale ebbe 8
 +figli. Tra i quali ci interessa Branca(leone), detto di Nurra, poiché
 +possedeva estesi possedimenti in quella Curadorìa (Di. Sto. Sa.
 +di Francesco Cesare Casula). Sposò Caterina Zanche, figlia di un
 +ricco barattiere sassarese. Si tramanda che per appropriarsi degli averi
 +del suocero lo avesse invitato ad una cena e fatto a pezzi (spedditzàu).
 +Tale notizia varcò ben presto il Tirreno e raggiunse il resto d'Italia.
 +"Ed elli a me: "Come il mio corpo stea // nel mondo su, nulla scienza porto//.(Dante
 +Alighieri - Inferno, Canto 33 vv. 122 - 147).Cotal vantaggio ha questa
 +Tolomea,//che spesse volte l'anima ci cade//innanzi c'Atropòs mossa
 +le dea.// E perché tu più volentier mi rade// le invetriate
 +lacrime del volto,// sappi che, tosto che l'anima trade,// come fec'io,
 +il corpo suo l'è tolto//da un demonio, che poscia il governa//mentre
 +che il tempo suo tutto sia vòlto.// Ella ruina in si fatta cisterna//e
 +forse pare ancor lo corpo suso//de l'ombra che di qua dietro mi verna.//
 +Tu 'l dei saper, se tu vien pur mo giuso:// elli è ser Branca Doria,
 +e son più anni// poscia passati ch'el fu si racchiuso".//"Io credo
 +- diss'io lui - che tu m'inganni;//chè Branca Doria non morì
 +unquanche,//e mangia e bee e dorme e veste panni".// "Nel fosso su - diss'el
 +- de Malebranche,//là dove bolle la tenace pece,// non era ancor
 +giunto Michele Zanche (Inferno XXII, 88),//che questi lasciò il
 +diavolo in sua vece// nel corpo suo, ed un suo prossimano// che il tradimento
 +insieme con lui fece.//..Nel 22° canto dell'inferno, ai versi 85 -
 +87 (dove sono i "barattieri").Danar si tolse e lasciolli di piano,//sì
 +com'e' dice; e ne li altri offici anche//barattier fu non picciol ma sovrano.//
 +Usa con esso donno Michele Zanche// di Logudoro; e a dir di Sardigna//le
 +lingue lor non si sentono stanche.//.Dante quindi sistema nella bolgia
 +Tolemaica, Brancaleone Doria, quando era ancora in vita. Brancaleone Doria
 +fu decapitato insieme al fratello Vinciguerra, nel 1325, per ordine del
 +governatore generale Berengario Carròs, ma per l'accusa di aver
 +partecipato, nel settembre 1324, alla guerra contro i Catalano - Aragonesi
 +del Nuovo Regno di Sardegna. Il più famoso di tutti i Doria, fu
 +senz'altro Brancaleone, marito di Eleonora d'Arborea. Nacque nel 1337 da
 +Brancaleone Nicolò, (detto di Uta ma anche di Nurra, nipote del
 +suddetto Brancaleone di Nurra) e da una concubina di nome Giacomina, poi
 +legittimato. Nel 1376, dopo un lungo "fidanzamento", sposò la trentaseienne
 +Eleonora de Bas Serra, figlia di Mariano IV° giudice di Arborea. La
 +quale gli diede due figli: Federico e Mariano, etc. (per saperne di più
 +Di.Sto.Sa di F. C. Casula, oppure visita nel Web: Eleonora d'Arborea).
 +I Doria sono citati in molte carte antiche della lingua e della storia
 +della Sardegna medioevale, ma non figurano nei tre Condaghi, pervenuti
 +a noi al completo: il CSMB, il CSNT, il CSPS, tutti del XI°, XIII°
 +secolo. Nel testo di Francesco Cesare Casula - Dizionario Storico Sardo,
 +sono ben 54 i Doria citati. Molto spazio dedica loro l'opera di Giovanni
 +Francesco Fara (Ioannis Francisci Farae: in Sardiniae Chorographiam; de
 +Rebus Sardois I-II; de Rebus Sardois III- IV. Opera edita a Cagliari nel
 +1580, presso la tipografia di Nicolò Canyelles.&nbsp; Dagli archivi
 +di Torino, esattamente da "Diplomi e Carte", sono pervenuti a noi, in testo
 +latino, grazie alla gentilezza di professor Luciano Carta, illustre studioso
 +della storia della Sardegna, tutti i documenti che riguardano le vicende,
 +che coinvolsero, dal 1382 al 1390 Brancaleone Doria, i figli Federico e
 +Mariano e soprattutto la moglie Eleonora da una parte, e il re Don Giovanni
 +d'Aragona, dall'altra, con l'elenco di tutti i centri abitati (villae -
 +biddas), delle rispettive Curadorìe, che aderirono alla famosa,
 +seppure effimera, Pace di Eleonora, LPDE del 1388. il documento riporta
 +inoltre nome e cognome dei Curatori (Curatores delle Curadorìe),
 +dei responsabili delle due corti; il nome delle Piazze e le date di raccolta,
 +nonché di tutti i firmatari della Pace, ed il ruolo sociale occupato.&nbsp;
 +Dedicheremo, a breve, nel Web (Giuseppe Concas) un capitolo specifico su
 +quei fatti. Attualmente il cognome D'Auria è presente in 500 Comuni
 +italiani, di cui 5 in Sardegna: Cagliari 10, Uta 3, Assemini 3, Tempio
 +3, Calasetta 2.&nbsp; I Doria sono presenti in 548 Comuni italiani, di
 +cui 4 in Sardegna: Sassari 30, Cagliari 5, Uta 3, Arzachena 3.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AUTILIA
 +<br>D'AUTILIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Autilia ha un ceppo nel leccese a Cursi, Martano, Melendugno e Campi
 +Salentina ed a Taranto, ed uno molto piccolo in Sicilia nel palermitano,
 +D'Autilio ha qualche presenza tra Abruzzo e Puglia, dovrebbe trattarsi
 +di una forma matronimica o patronimica riferita a capostipiti il cui padre
 +o la cui madre si fossero chiamati con il nome sia longobardo che normanno
 +<i><font color="#3333FF">Autilia</font></i> o <i><font color="#3333FF">Autilio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AUTILI</font>), tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo in Puglia in un atto del 1270: "<font color="#CC33CC">..Donat
 +Almerico de Montedragone casali Tullii de Justitiariatu terre Idronti;
 +donat casale Matine de Justitiariatu terre Idronti </font><font color="#FF0000">lohanni
 +de Autilio</font><font color="#CC33CC"> ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA VALLE
 +<br>DAVALLE
 +<br>DE VALLE
 +<br>DEVALLE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Valle, molto raro, sembrerebbe tipico della provincia di Lucca, di Porcari,
 +Capannori e Lucca stessa, Davalle, ancora più raro ha un piccolo
 +ceppo nell'alessandrino ed uno tra bolognese e ravennate, De Valle, assolutamente
 +rarissimo, è dell'area piemontese e lombarda, Devalle è diffuso
 +in Piemonte, a Dogliani e Racconigi nel cuneese ed a Torino, questi cognomi
 +dovrebbero derivare dal fatto di essere stati i capostipiti originari di
 +una valle o di località contenenti la radice Valle, come ne esistono
 +molte in Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVANZATI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro è specifico della Toscana settentrionale,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Avanzo</font></i> (aferesi del nome beneaugurale <i><font color="#3333FF">Diotavanzi</font></i>),
 +troviamo questo cognome rappresentato nel 1200 a Firenze dal rimatore Chiaro Davanzati
 +che intrecciò con Dante Alighieri uno scambio di sonetti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVANZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Davanzo è diffuso nel Veneto, nel veneziano e nel trevigiano in
 +particolare, a Musile di Piave, San Donà di Piave, Venezia, Quarto
 +d'Altino, Noventa di Piave, Fossalta di Piave, Iesolo, Meolo e Ceggia nel
 +veneziano ed a Roncade, Treviso, Breda di Piave, Ponte di Piave e Salgareda
 +nel trevisano, con un ceppo a Trieste ed a Monfalcone nel goriziano ed
 +uno nel barese ad Andria e ad Acquaviva delle Fonti, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine veneziano arcaico <i><font color="#3333FF">davanzo</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">in esubero</font></i>, giunto in soprannumero,
 +di uno di cui si farebbe volentieri a meno), forse indicando nel capostipite
 +l'ultimo nato di una famiglia molto numerosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AVANZO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Avanzo è un cognome tipicamente meridionale, del napoletano ed
 +avellinese in Campania e del barese in Puglia, dovrebbe trattarsi di una
 +forma patronimica, dove il <i><font color="#3333FF">D'-</font></i> sta
 +per<i><font color="#666666"> il figlio di</font></i>, riferito ad un capostipite
 +il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Avanzo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +AVANZI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVEN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, quasi
 +unico, parrebbe concentrato nel Salento, di probabile origine normanna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DA VENEZIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Da Venezia, molto raro, è tipico di Venezia, potrebbe essere di
 +origine ebraica, starebbe comunque ad indicare un'origine veneziana del
 +capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVERI
 +<br>DAVERIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Daveri ha un piccolo ceppo a Piacenza, ed un ceppo consistente ad Arezzo
 +e nell'aretino, a Subbiano e Capolona, con un ceppo anche a Grosseto, Daverio
 +è tipico del Piemonte orientale e della Lombardia occidentale, soprattutto
 +del varesotto, dovrebbero derivare dal nome del paese di Daverio nel varesotto,
 +dell'uso di utilizzare questo toponimo come elemento di identificazione
 +abbiamo tracce fin dal 1000, in un atto del Codice diplomatico lombardo
 +del 1100 leggiamo: "<font color="#CC33CC">...Interfuerunt
 +ibi vocati testes Guilielmus de Muro....... et Rainerius et Azinus domini
 +</font><font color="#FF0000">Ioannis de Daverio</font><font color="#CC33CC">...</font>";
 +nel 1500 i Daverio vengono annoverati tra le famiglie più importanti
 +di Gorla (MI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AVERSA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Aversa ha un ceppo nel romano e frusinate, uno nel teatino e campobassano,
 +presenze significative in Campania ed in Puglia, in particolare nel Salento,
 +dovrebbe derivare dal nome della città di Aversa nel casertano, donde
 +dovrebbero probabilmente provenire i capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVI
 +<br>DAVI'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Davi e Davì sembrerebbero originari di Palermo e del palermitano,
 +il secondo, il più diffuso, ha anche un ceppo nel messinese, nel
 +catanese e nel siracusano, dovrebbero essere di origini angioine e derivare
 +da una italianizzazione del nome normanno <i><font color="#3333FF">Davis</font></i>,
 +a sua volta derivato dal nome ebraico <i><font color="#3333FF">David</font></i>,
 +ma esistono anche ceppi nel rovigoto e nel torinese forse autonomi, che
 +dovrebbero essere di origini ebraiche, probabilmente sefardite, e derivare
 +dall'apocope del nome <i><font color="#3333FF">Davide</font></i>, tracce
 +di questo cognome le troviamo nel 1300 a Zevio nel veronese con una casa
 +padronale chiamata Casa di Davì, nel 1600 ed a Caorle nel veneziano
 +con un certo Stefano Davì.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVICO
 +<br>DAVIGHI
 +<br>DAVIGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00davico.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="120" height="126"><font size="-1">Davico è tipicamente piemontese di Cherasco, Alba e Bra nel cuneese,
 +di Montemarzino e Tortona nell'alessandrino e di Torino e del torinese,
 +con un ceppo anche a Genova, Davighi ha un ceppo nel parmense, in particolare
 +a Salsomaggiore Terme, Davigo, il più raro, è dell'imperiese,
 +a Lucinasco in particolare, potrebbero derivare da toponimi come Vico Canavese
 +nel torinese o Vicoforte
 +<br>nel cuneese o altri contenenti sempre la radice <i><font color="#3333FF">vico</font></i>
 +(<i><font color="#666666">villaggio, paese</font></i>), ma, molto più
 +probabilmente dovrebbero derivare da forme aferetiche del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Lodavigus</font></i>&nbsp; o <i><font color="#3333FF">Lodavicus</font></i>,
 +alcune delle forme alterate più comuni del nome <i><font color="#3333FF">Lodovicus</font></i>,
 +di queste alterazioni abbiamo un esempio d'uso in quest'atto del 1525:
 +"<font color="#CC33CC">Gum item quod dictus </font><font color="#FF0000">Lodavicus</font><font color="#CC33CC">
 +possit perficere dictam fenestram, dummodo predictus Lodovicus non possit
 +facere aliqua insignia de Caponibus vel aliqua alia in dicta facciata,
 +et maxime a parte exteriori que respicit super platea dicte ecclesie. Et
 +cum hoc quod predictus Lodovicus non aquirat aliquod ius, nec domus de
 +Caponibus, in preiudicium iuribus dictorum de Guicciardinis in dicta facciata.
 +..</font>". . Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Ceva nel
 +cuneese nel 1300 con il consigliere comunale Bartholomeus Davico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVID
 +<br>DAVIDE
 +<br>DAVIDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">David è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia, Davide sembrerebbe
 +specifico del napoletano, Davidi, molto molto raro, potrebbe essere del
 +nord Italia, forse ligure, dovrebbero tutti derivare dal nome proprio Davide
 +derivato dal nome ebraico Dawid, in alcuni casi può trattarsi dell'italianizzazione
 +del cognome gentilizio ebraico <i><font color="#3366FF">Dawid</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AVINI
 +<br>D'AVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Avini è quasi unico e dovrebbe trattarsi di errori di trascrizione
 +del cognome D'Avino che è tipicamente campano, del napoletano, di
 +Somma Vesuviana, Poggiomarino, Napoli, Ottaviano, San Gennaro Vesuviano,
 +Frigento, Marigliano, Pomigliano d`Arco, Gragnano, Torre Annunziata e Palma
 +Campania e di San Marzano sul Sarno nel salernitano, dovrebbero derivare
 +dauna forma patronimica dove il <i><font color="#3366FF">D'</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i> del nome medioevale
 +Avinus di cui abbiamo un esempio in un atto di donazione dell'anno 1098:
 +"<font color="#CC33CC">...id est quadrantem tocius terræ et omnium
 +reddituum ipsius quadrantis, et medietatem venationis, pro XXVII libris
 +denariorum quos in expensis suæ peregrinationis Hierosolimis detulit.
 +Facta hæc apud castrum Malliacum, VI nonas martii, coram his testibus:
 +Hugo Grossus; Gaufredus, frater ejus; Rainaldus, cognatus eorum; Wilelmus,
 +frater ejus, et Widricus; Gaufredus de Vincellis; Norgaudus; Odo, vitricus
 +ipsius Ascelini, Wido de Misera; </font><font color="#FF0000">Avinus</font><font color="#CC33CC">,
 +filius predicti Odonis; Gonterius, capellanus; Paganus, præsbiter;
 +Rainerius et Henricus, famuli. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAVIN
 +<br>DAVINI
 +<br>DAVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem01davini.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="110" height="104">
 +<img src="../immagini/stem00davini.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="57" height="80"><font size="-1">Davin, molto raro, sembrerebbe del rovigoto, Davini sembrerebbe originario
 +della zona delle provincie di Lucca e Pistoia ha un nucleo principale tra
 +Lucca e Pisa, un ceppo probabilmente secondario a Genova ed uno a Brescia,
 +Davino, molto più raro, sembrerebbe napoletano, dovrebbero tutti
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Davinus</font></i>,
 +ricordiamo San Davino confessore ed eremita, di origini armene, del secolo
 +XI°, fece un pellegrinaggio in Terra Santa e di lì a Roma; da
 +dove iniziò un altro pellegrinaggio verso S. Giacomo di Compostella
 +in Spagna, transitando per Lucca si ammalò e morì nel 1029;
 +fu sepolto nella chiesa di S.Michele in Foro (LU). A Lucca San Davino convertì
 +parte della popolazione al cattolicesimo e questi presero il nome di Davini
 +in suo onore, la venerazione popolare portò alla divulgazione del
 +nome Davino. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Pisa nel
 +1228 quando Ranierus Davini è un sottoscrittore dell'atto con il
 +quale i Pisani giurano di mantener fede all'alleanza con Siena.</font><b><font size="-2"><a href="http://genealogiadavini.interfree.it">    LINK</a></font></b></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DAZIERI
 +<br>DAZZIERE
 +<br>DAZZIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dazieri, assolutamente rarissimo, è della zona tra piacentino, parmense,
 +cremonese e mantovano, Dazziere è praticamente unico, Dazzieri lo
 +è quasi, questi cognomi dovrebbero probabilmente derivare dal fatto
 +che i capostipiti fossero dei <i><font color="#3333FF">dazieri</font></i>,
 +termine arcaico per identificare le guardie daziarie, cioè gli incaricati
 +alla riscossione delle gabelle dovute per l'importazione di merci in una
 +città.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">D'AZZI
 +<br>DAZZI
 +<br>D'AZZO
 +<br>DAZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">D'Azzi è quasi unico, Dazzi ha un ceppo nel bellunese a Farra d'Alpago
 +e Puos d'Alpago ed a Vittorio Veneto nel trevigiano, uno, molto più
 +consistente, in Emilia a Parma e Reggio, ed uno in Toscana a Carrara e
 +nel lucchese a Pietrasanta, Forte dei Marmi e Serravezza e nel vicino spezzino,
 +D'Azzo, assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppoa Napoli ed uno a Ribera
 +e Burgio nell'agrigentino, Dazzo, molto molto raro, è tipicamente
 +siciliano, di Lucca Sicula nell'agrigentino, si dovrebbe trattare di forme
 +patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">D-</font></i> od il <i><font color="#3333FF">D'-</font></i>
 +stanno per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferiti a
 +capostipiti i cui padri si chiamassero <i><font color="#3333FF">Azzo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AZZI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ACETIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Acetis, abbastanza raro, è tipicamente abruzzese, del pescarese
 +in particolare , di Caramanico Terme e Pescara, dovrebbe trattarsi di una
 +forma patronimica dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> sta per
 +<i><font color="#666666">figlio di</font></i>, riferito ad un capostipite
 +il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Aceto</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +ACETI</font>), nell'Archivio di Stato di Firenze troviamo tracce di questa
 +cognominizzazione con un Antonius de Acetis de Firmo (marchigiano), Capitano
 +del popolo di Firenze dal 4 luglio 1385 al 4 gennaio 1386.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ADDIS
 +<br>DEADDIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Addis sembrerebbe unico, Deaddis, comunque rarissimo, è specifico
 +del sassarese, di Sedini, Sassari e Tergu, dovrebbe derivare da un soprannome
 +indicatore di provenienza originato dal termine sardo <i><font color="#3366FF">adde</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">addis</font></i> (<i><font color="#999999">valle</font></i><font color="#000000">
 +o anche </font><i><font color="#999999">bosco</font></i>), probabilmente
 +originato dal fatto che la famiglia provenisse da una valle.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>DEADDIS: <i><font color="#3333FF">de addis</font></i> &gt; <i><font color="#3333FF">de
 +baddis</font></i> &gt; <i><font color="#3333FF">de vallis</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +il cognome ADDIS</font>) ; tradotto liberamente, Della Valle, che è
 +nome diffuso in tutta Italia, con i ceppi più consistenti in Lombardia,
 +Campania, Piemonte. Attualmente è presente in 11 Comuni, di cui
 +4 in Sardegna: Sedini 24, Sassari 12, Tergu 10, P Torres 3.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEAGLIO
 +<br>DELL'AGLI
 +<br>DELL'AGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Deaglio, quasi unico, è piemontese, frutto evidentemente di errori
 +di trascrizione dei successivi, Dell'Agli ha qualche presenza in Sicilia,
 +nel ragusano e siracusano, ma il ceppo principale è a Genzano di
 +Lucania nel potentino, Dell'Aglio ha un piccolissimo ceppo campano tra
 +napoletano e salernitano, ma il nucleo è tra Lucania e Puglia, a
 +Montescaglioso nel materano e San Chirico nuovo nel potentino, un ceppo
 +a Bari e Noicattaro nel barese, a Brindisi e Francavilla Fontana nel brindisino,
 +e nel tarentino a Palagiano, Sava, Massafra e Taranto, dovrebbe trattarsi
 +di forme patronimiche riferite a capostipiti, i cui padri si fossero chiamati
 +con il nome latino <i><font color="#3333FF">Allius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +AGLI</font>), o con il nome franco <i><font color="#3333FF">Ailloud</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi AGLIALORO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ALBENTIIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Albentiis è quasi unico, sembrerebbe abruzzese, probabilmente
 +originario di Atri nel teramano, si dovrebbe trattare di una forma patronimica
 +dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> sta per <i><font color="#999999">della
 +famiglia degli</font></i> Albentiis, che si riferisce ad un gruppo il cui
 +capostipite probabilmente si chiamava <i><font color="#3366FF">Albentius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi ALBENZI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE AMICI
 +<br>DE AMICIS
 +<br>DEAMICI
 +<br>DEAMICIS
 +<br>DE AMICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Amici è tipico del milanese così come il più raro
 +Deamici, De Amicis invece, molto più diffuso, è tipico della
 +fascia che comprende tutto l'Abruzzo, e la provincia romana, Deamicis è
 +quasi unico, De Amico, sia nella forma con la particella de minuscola che
 +maiuscola, è assolutamente rarissimo ed è probabilmente una
 +forma alterata del cognome D'Amico (<font color="#CC33CC">vedi</font>).
 +Tutti questi cognomi dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Amicus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Amici</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEAN
 +<br>DEANA
 +<br>DEANI
 +<br>DEANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dean è tipico dell'udinese, di Fiumicello e Codroipo in particolare
 +e di Trieste, Deana è tipico dell'udinese di Talmassons in particolare,
 +Deani, quasi unico, parrebbe triestino, Deano, altrettanto raro, è
 +sempre dell'udinese, dovrebbe derivare dal termine friulano <i><font color="#3366FF">dean</font></i>
 +(<i><font color="#999999">decano</font></i>), titolo attribuito anticamente
 +agli amministratori comunali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ANDRE'
 +<br>DE ANDREIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Andrè, praticamente unico, sembrerebbe ligure e dovrebbe trattarsi
 +della forma tronca del cognome De Andreis, che ha un ceppo ligure a Genova,
 +ad Albenga nel savonese e nell'imperiese ad Imperia e San Remo, ed un ceppo
 +nell'aquilano a Capitignano ed Avezzano, a Roma ed a Scandriglia nel reatino
 +e Trivignano nel frusinate, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica,
 +dove il prefisso <i><font color="#3333FF">De-</font></i> stia per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti il cui padre si fosse chiamato
 +<i><font color="#3333FF">Andrea</font></i>, latinizzato in <i><font color="#3333FF">Andreis</font></i>,
 +come è stato in uso nel 1700 e 1800 per attribuire una sorta di
 +nobiltà storica ad un casato.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ANGELIS
 +<br>DEANGELIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00deangelis.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="60" height="81"><img src="/immagini/stem01deangelis.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="84"><font size="-1">De Angelis è molto diffuso in tutt'Italia, nel centro in particolare,
 +Deangelis, molto molto raro, ha un ceppo nel torinese, derivano dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Angelus</font></i>. Troviamo tracce
 +di questa cognominizzazione un pò dappertutto, ad esempio nel 1500
 +a Bormio (SO) in un atto viene citato un certo Domenico de Angelis, nel
 +1600 a Gualdo Tadino (PG) si legge di un certo Pietro De Angelis, nel 1700
 +il notaio Nicola De Angelis opera a Torricella Peligna (CH).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Vincenzo
 +De Angelis</font></font>
 +<br>il cognome De Angelis, si trova anche in Calabria a Brancaleone (RC)
 +dove avevano il titolo di Cavalieri. Il casato era originario di Belvedere
 +(CS), si trasferì a Bova nel 1699 quando il frate Antonio Gaudiosi
 +fu eletto vescovo della diocesi e portò con se la sorella Vittoria
 +moglie di Giovanbattista De Angelis. Nel 1745 Antonino De Angelis si trasferisce
 +a Brancaleone per matrimonio con la baronessa Fortunata De Lorenzi, a Brancaleone
 +vivono ancora gli eredi., vi sono stati matrimoni con i baroni Caffarelli,
 +con i baroni Bologna e i marchesi Stranges, numerosi personaggi diedero
 +lustro a questa famiglia. Lo stemma che si trovava all'interno della vecchia chiesa dove possedevano l'urna cineraria raffigura un'aquila
 +con ali aperte, una palma e in basso una torre a due piani e una stella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ANTIQUIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Antiquis, quasi unico, sembrerebbe romagnolo, si hanno tracce di un
 +notaio Ippolito de Antiquis de Forolivio (Forlì) nella prima metà
 +del 1500, il cognome dovrebbe derivare dal fatto che il capostipite fosse
 +di un ceppo di antichi residenti nella città di Forlì.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ANTONI
 +<br>DE ANTONIIS
 +<br>DEANTONI
 +<br>DEGLI ANTONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Antoni ha un ceppo veneto a Chioggia (VE) ed uno a Vicenza e nel vicentino,
 +uno a La Spezia e Follo (SP), un ceppo lombardo a Laveno Mombello (VA),
 +ed uno a Roma, De Antoniis ha un ceppo a Teramo e nel teramano a Sant`Omero
 +e Castel Castagna ed uno a Roma e Monterotondo (RM), Deantoni, probabilmente
 +dovuto ad errori di registrazione, molto molto raro, è limitato
 +al Piemonte e Lombardia, Degli Antoni, assolutamente rarissimo, è
 +della zona che comprende Lombardia ed Emilia, dovrebbero derivare dall'essere
 +il capostipite appartenente ad una famiglia il cui capostipite era un figlio
 +di un Antonio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE ASTIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il ceppo principale dei De Astis è in Puglia nel barese a Ruvo di
 +Puglia, con ceppi significativi anche a Bari, Terlizzi e Barletta, sempre
 +nel barese, i piccoli ceppi a Genova, Torino e Roma sono probabilmente
 +il frutto dell'emigrazione del primo, il cognome dovrebbe derivare dal
 +nome della città di Asti e risalire all'epoca angioina, quando alcuni
 +templari astigiani andarono al seguito di Roberto d'Angiò Re di
 +Sicilia e di Gerusalemme.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BALZI
 +<br>DE BALZO
 +<br>DEL BALZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Balzi, De Balzo e Del Balzi, quasi unici, sono chiaramente errori di
 +trascrizione del più comune Del Balzo (<font color="#CC33CC">vedi
 +DEL BALZO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BAPTISTIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Baptistis ha un ceppo a Teramo ed uno a Civitavecchia nel romano, dovrebbe
 +derivare da una forma patronimica dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +sta per <i><font color="#3333FF">il figlio di</font></i>, riferito a capostipiti
 +il cui padre si chiamasse con il nome di <i><font color="#3333FF">Baptista</font></i>,
 +espressione arcaica per <i><font color="#3333FF">Battista</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BARDI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bardi ha un ceppo veneto a Campo San Martino nel padovano ed uno laziale
 +a Roma, Pomezia ed Albano Laziale nel romano, forse causato dall'emigrazione
 +veneta in occasione della bonifica Pontina in epoca fascista, dovrebbe
 +trattarsi di un indicatore etnico basato sull'aferesi del termine <i><font color="#3333FF">longobardi</font></i>,
 +probabilmente ad indicare che i capostipiti appartenessero a quel gruppo
 +etnico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BARTOLI
 +<br>DE BARTOLO
 +<br>DE BORTOLI
 +<br>DEBORTOLI
 +<br>DI BARTOLI
 +<br>DI BARTOLO
 +<br>DI BORTOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bartoli, molto molto raro, sembrerebbe essere originario dell'Italia
 +centrale, De Bartolo ha un ceppo nel barese ed uno nel cosentino, Di Bartoli è praticamente unico, De
 +Bortoli è tipicamente veneto, ma con ceppi anche in Friuli e nel
 +Trentino, Debortoli, molto molto raro, è trentino, Di Bartolo parrebbe
 +tipico della Sicilia, ma con ceppi anche a Raiano (AQ), a Roma ed a Genova,
 +Di Bortolo è specifico di Maniago nel pordenonese, dovrebbero derivare tutti dal fatto
 +che i vari capostipiti fossero figli di un Bartolo o Bortolo, in questi casi la particella
 +<i><font color="#3333FF">De</font></i> o <i><font color="#3333FF">Di</font></i>
 +hanno funzione patronimica,  cioè stanno
 +per<i><font color="#666666"> il figlio di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BARTOLOMEI
 +<br>DE BARTOLOMEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bartolomei, assolutamente rarissimo è del centro Italia, De Bartolomeo
 +è tipicamente pugliese di Taranto, dovrebbero derivare da forme
 +patronimiche riferite a capostipiti i cui padri si fossero chiamati <i><font color="#3333FF">Bartolomeo</font></i>
 +e dove la particella iniziale <i><font color="#666666">De-</font></i> sta
 +per<i><font color="#666666"> il figlio di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BATTISTA
 +<br>DE BATTISTI
 +<br>DEBATTISTA
 +<br>DEBATTISTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Battista sembra specifico del bellunese, con un ceppo anche nel nordmilanese,
 +sembrano esserci anche dei ceppi pugliesi e siciliani, Debattista, assolutamente
 +rarissimo sembra essere una modificazione dovuta ad un errore di trascrizione,
 +De Battisti è tipicamente veneto, del veronese e padovano in particolare,
 +ma anche del mantovano e del vicentino, Debattisti, assolutamente rarissimo,
 +è del veronese, dovrebbero tutti derivare da forme patronimiche
 +dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti il cui padre si chiamasse
 +con il nome di <i><font color="#3333FF">Battista</font></i>, questa cognominizzazione
 +risale almeno al 1400, verso la fine del secolo troviamo infatti a Taormina
 +il pittore Gabriele de Battista.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BEI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bei è tipico di Chioggia e Venezia nel veneziano e di Porto Tolle
 +nel rovigoto, dovrebbe derivare da un soprannome indicatore di appartenenza,
 +cioè specificare che i capostipiti appartenevano ad un gruppo detto
 +dei belli, che in veneziano si dice <i><font color="#3366FF">bei</font></i>,
 +forse in riferimento a caratteristiche del luogo di provenienza o di abitazione.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BELLA
 +<br>DE BELLI
 +<br>DE BELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bella ha un ceppo romano ed uno molto piccolo calabrese nel vibonese
 +a Ricadi e Nicotera e nel reggino, con piccolissimi ceppi a Messina ed
 +a Palermo, De Belli è quasi unico, mentre De Bello è pugliese,
 +di Bari soprattutto e di San Pietro Vernotico nel brindisino e di Mottola
 +nel tarentino, dovrebbero derivare da forme patronimiche del nome latino
 +<i><font color="#3333FF">Bellus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Bella</font></i>,
 +dove la particella <i><font color="#3333FF">De-</font></i> sta ad indicare
 +<i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferito a capostipiti
 +che portassero quel nome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BELLIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00debellis.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="115"><font size="-1">Due probabili ceppi uno nell'udinese
 +ed uno nel barese, potrebbe derivare da un soprannome. (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche Bellani</font>). Circa il ceppo barese, un discendente, Lorenzo Longo
 +De Bellis, ci ha inviato queste ulteriori notizie:inizialmente il loro
 +identificativo belli poi di bello e de bello,figlio di bello, erano una
 +famiglia nobile di Bari, di cui esistono tracce dal 1282(???), da Bari
 +si sono espansi a Castellana e a Rutigliano, il loro stemma sarebbe: "arma:d'azzurro
 +al castello d oro aperto e fenestrato del campo merlato alla guelfa e torricellato&nbsp;
 +di tre pezzi quello di mrzzo piu alto&nbsp; pure merlati aperti e fenestrati
 +del campo". Un Giovanbattista de Bellis, originario di Rodio (SA), fu Vescovo
 +di Telese (BN), . nel 1696 Domenico Bellisario de Bellis nato a Casamassima
 +(BA) nel 1647, viene eletto vescovo di Molfetta e, nel 1694, Papa Innocenzo
 +XII lo nominò vicario Apostolico di Sutri e Nepi per breve tempo,
 +perchè il De Bellis fu nominato cappellano segreto e familiare del
 +papa.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">stemma fornito da Lorenzo Longo de Bellis</font></font>
 +</font><a href="debellis00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" align="ABSMIDDLE" border="0" width="83" height="14"></a>
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BENEDETTI
 +<br>DE BENEDETTIS
 +<br>DE BENEDETTO
 +<br>DE BENEDICTIS
 +<br>DE BENEDITTIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Benedetti è dell'alessandrino, De Benedettis, molto molto raro,
 +ha un ceppo nel Salento ed uno nell'alto salernitano, De Benedetto è
 +tipico del sud peninsulare, della Puglia e della Calabria in particolare,
 +De Benedictis è barese, De Benedittis è specifico del campobassano
 +e della Puglia, derivano tutti da forme patronimiche, dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, del nome
 +<i><font color="#3366FF">Benedetto</font></i>, portato probabilmente dai padri dei capostipiti.  (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +BENEDUSI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BENIGNI
 +<br>DE BENIGNO
 +<br>DI BENIGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Benigni è unico, De Benigno è specifico di Salerno, Di
 +Benigno, estremamente raro, ha un piccolo ceppo nel pescarese e presenze
 +nel romano, dovrebbe trattarsi di forme patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stanno per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti il cui padre si fosse chiamato
 +con il nome latino <i><font color="#3333FF">Benignus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BENIGNI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BERNARDI
 +<br>DE BERNARDO
 +<br>DE BERNARDINI
 +<br>DE BERNARDINO
 +<br>DI BERNARDI
 +<br>DI BERNARDINI
 +<br>DI BERNARDINO
 +<br>DI BERNARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bernardi sembrerebbe decisamente piemontese, ma
 +potrebbe esserci un nucleo anche a Trieste, De Bernardini, molto molto
 +raro, parrebbe del vicentino, De Bernardino, quasi unico, è romano,
 +e dovrebbe essere una forma arcaica del cognome Di Bernardino, anch'esso
 +romano, De Bernardo ha un ceppo friulano, presente sia a Pavia di Udine
 +(UD) che a Pordenone, un ceppo calabrese ad Acri (CS), ma il nucleo principale
 +è campano a Napoli e San Gennaro Vesuviano, Di Bernardi, assolutamente
 +rarissimo, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione, Di
 +Bernardini, sicuramente romano è tipico di Roma, Marino, Forano
 +e Mazzano Romano, Di Bernardo ha un ceppo friulano soprattutto a Venzone
 +(UD) ed Udine, uno abruzzese, uno romano, uno in Molise a San Martino in
 +Pensilis (CB) e Termoli (CB), uno nel napoletano a Mugnano di Napoli, Napoli,
 +Calvizzano e nel casertano a Camigliano, e più ceppi in Sicilia. (<font color="#CC33CC">vedi
 +Bernardelli</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BIANCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro sembrerebbe avere tre ceppi, nel trevigiano, nel veronese, nel modenese
 +ed in provincia di Roma, può derivare dal vocabolo bianco usato
 +come nome o come soprannome derivante da una caratteristica fisica, i capelli,
 +il colore della carnagione o da una caratteristica ambientale tipo case
 +bianche o anche come partigiano del partito guelfo dei Bianchi.&nbsp; Di
 +questa cognominizzazione abbiamo tracce a Modena nella prima metà
 +del 1400 con lo scrittore Jacopino de'Bianchi e nella seconda metà
 +dello stesso secolo a Desenzano (BS) con Ser Biancoso de' Bianchi; Padre
 +Biagio Bagni di Cento (FE) nella seconda metà del 1500 scrive: "<font color="#CC33CC">...Giouanni
 +Lamberto, c'haueua inimicitia con la famiglia </font><font color="#FF0000">De
 +Bianchi</font><font color="#CC33CC">, essendo intrato in casa della Caualliera
 +Lamberta con quindeci huomini armati suoi compagni,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BIASE
 +<br>DE BIASI
 +<br>DE BLASI
 +<br>DE BLASIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Biase è tipico della provincia di Bari, De Biasi ha un ceppo
 +nel Veneto, uno in Puglia, ma è presente in tutta Italia, De Blasi
 +ha un ceppo tra palermitano e trapanese, uno nel Salento ed uno nel napoletano
 +e avellinese, De Blasis è tipico della zona che comprende le province
 +di Roma e L'Aquila, possono derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Blaesus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Biasi</font>), o dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Blasius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Biasio</font>), o anche da un soprannome derivato
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Biagio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BIDDA
 +<br>DEBIDDA
 +<br>DEIDDA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Debidda, molto molto raro, è tipico del nord della Sardegna, De
 +Bidda è praticamente unico, Deidda è tipico invece del centrosud
 +della Sardegna, sono la versione sarda del cognome italiano Villani derivando
 +da <i><font color="#3366FF">Idda</font></i> contrazione di <i><font color="#3366FF">Bidda</font></i>
 +(<i><font color="#666666">villa, villaggio, paese</font></i>) e starebbero
 +ad indicare un'origine paesana della famiglia, in quanto non isolata, ma
 +proveniente dal paese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BISOGNO
 +<br>DI BISOGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Di Bisogno è praticamente unico e dovrebbe trattarsi di un'errata
 +trascrizione del cognome De Bisogno, che, assolutamente rarissimo, è
 +un cognome tipico del napoletano, si dovrebbe trattare di un cognome attribuito
 +a dei trovatelli, dall'istituto di carità che lo aveva accolto,
 +indicando in questo modo che il bambino era probabilmente il figlio di
 +un militare spagnolo, con il termine <i><font color="#3366FF">bisoños</font></i>
 +venivano indicate, in epoca aragonese, le&nbsp; reclute spagnole inviate
 +come rincalzi dalla Spagna, come si evince dal <i><font color="#3366FF">Diccionario
 +de la lengua española de la Real&nbsp; Academia de España</font></i>
 +<i><font color="#3366FF">bisoño</font></i> (<font color="#CC33CC">Dicho
 +de la tropa o de un soldado: nuevo; Nuevo e inexperto en cualquier arte
 +u oficio</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BO
 +<br>DEL BO
 +<br>DEL BO'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bo, praticamente unico è quasi sicuramente dovuto ad un errore
 +di trascrizione di Del Bo, tipico del pavese come il molto più raro
 +Del Bò, entrambi presenti in maniera notevole a Bressana Bottarone
 +(PV) in particolare, ma presenti in tutta la provincia, dovrebbero derivare
 +dal termine <i><font color="#999999">bove</font></i> ad indicare una particolare
 +agiatezza, la presenza in Lombardia di queste cognominizzazioni come possiamo
 +leggere in atti della Santa Inquisizione che a Roma addì 8 Febbraio
 +1559 alcuni colpevoli di eresia furono: ".<font color="#CC33CC">..menati
 +in Piazza Nauona, abrusciati uiui, </font><font color="#FF0000">Giovanni
 +Antonio del Bò</font><font color="#CC33CC">, Cremonese, pentito
 +fu prima apichato e poi abrusciato...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BONA
 +<br>DE BONI
 +<br>DE BONIS
 +<br>DE BONO
 +<br>DE BUONO
 +<br>DEBONA
 +<br>DEBONI
 +<br>DEBONIS
 +<br>DEBONO
 +<br>DI BONA
 +<br>DI BONI
 +<br>DI BONO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bona è del bellunese, Debona è praticamente unico ed è
 +dovuto ad errori di trascrizione del precedente, De Boni e la forma alterata
 +Deboni sono tipicamente veneti, De Bonis è molto diffuso al sud
 +peninsulare, soprattutto nel foggiano, nel potentino e nel cosentino con
 +un ceppo importante anche nelle province di Roma e Latina, Debonis, assolutamente
 +rarissimo e della stessa zona, è sicuramente dovuto ad errori di
 +trascrizione del precedente, De Bono, molto raro, parrebbe romano, Debono
 +è dovuto ad errori di trascrizione, De Buono è specifico
 +di Cosenza e del cosentino, Di Bona ha ceppi nel romano, nel frusinate,
 +nel casertano ed in Molise, ed un ceppo tra trapanese e palermitano, Di
 +Boni, quasi unico, parrebbe del latinense, Di Bono ha piccoli ceppi nel
 +frusinate e nel latinense, nel potentino ed in Sicilia nel trapanese e
 +nel palermitano, dovrebbero tutti essere dovuti a forme patronimiche, dove
 +il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i>
 +stanno per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, derivate dal
 +nomen latino <i><font color="#3333FF">Bonus</font></i> o dal suo derivato
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Bono</font></i>, in alcuni casi potrebbero
 +anche derivare da soprannomi originati dal carattere del capostipite. Tracce
 +di queste cognominizzazioni le troviamo a Pavia in un atto del 1223 dove
 +è citato un certo: "<font color="#FF0000">Bonusiohannes de Bono</font><font color="#CC33CC">
 +Filli condam Rolandi de Alagna</font>", nella seconda metà del 1300
 +a Pisa con il mercante Giacomo de'Boni&nbsp; citato in un atto di affidamento,
 +verso la fine del 1500 a Padova opera il Notaio Gerolamo de Boni del quondam
 +Giovanni di Padova.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BORRI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Borri estremamente raro ora limitato alla provincia di Novara, dovrebbe
 +derivare dal soprannome medioevale, poi divenuto nome, <i><font color="#3366FF">Borro</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Borronis</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BORRI</font>), dovrebbe essere di origine longobarda ed appartenere indirettamente
 +alla nobiltà lombarda in quanto ramo cadetto di un casato di Capitani
 +e di Valvassori milanesi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>è un rarissimo cognome presente in provincia di Novara, derivato
 +con ogni probabilità dal cognome base <i><font color="#3366FF">Borromei</font></i>
 +da Borromeo = <i><font color="#3366FF">buon Romeo</font></i>, cioè
 +<i><font color="#3366FF">buon pellegrino</font></i> diretto a Roma.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BRASI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro ha un ceppo nella zona di Albizzate e Carnago nel varesotto
 +ed un'altro a Sangineto (CS), dovrebbe derivare dal nome medioevale Blasius
 +(<font color="#CC33CC">vedi Brasi</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BRUNO
 +<br>DI BRUNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Bruno, molto molto raro, sicuramente meridionale, parrebbe avere un
 +ceppo nel napoletano ed uno nel reggino, Di Bruno, ancora più raro,
 +ha un piccolo ceppo nel beneventano ed uno nel vibonese, dovrebbe trattarsi
 +di forme patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> ed
 +il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stanno per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti, i cui padri si chiamassero
 +<i><font color="#3333FF">Bruno</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE BUGLIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Buglio, molto molto raro, è specifico del sondriese, di Teglio
 +in particolare, potrebbe trattarsi di una forma patronimica in De-, riferito
 +ad un capostipite il cui padre fosse conosciuto come <i><font color="#3333FF">Buglio</font></i>,
 +ma molto più probabilmente deriva invece dal nome del paese Buglio
 +in Monte, sempre nel sondriese. (<font color="#CC33CC">vedi anche BUGLI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CANDIA
 +<br>DECANDIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Candia ha un nucleo nel barese ed un ceppo nell'olbiese, Decandia ha
 +un nucleo nella zona di Olbia, ed un ceppo nel barese, dovrebbero derivare
 +dal toponimo Candia (Creta), tracce di questa cognominizzazione le troviamo
 +a Roma a cavallo tra 1300 e 1400 con Petrus De Candia che divenne poi Papa
 +Alessandro V°.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CANDIDO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Candido è un tipico cognome dell'area che comprende il Cadore,
 +con Santo Stefano di Cadore nel bellunese, ed il Friuli, con San Giorgio
 +della Richinvelda nel pordenonese e Varmo nell'udinese, potrebbe stare
 +ad indicare che i capostipiti provenissero dal non molto lontano paese
 +di San Candido in Alto Adige, distante appena una trentina di chilometri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CANDITIIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Canditiis, assolutamente rarissimo, è dell'area casertano, napoletana,
 +De Canditis è unico, e dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +del precedente, potrebbe trattarsi di una forma patronimica dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>,
 +pur avendo significato nobiliare, sta per <i><font color="#666666">il figlio
 +di</font></i>, riferito ad un capostipite il cui padre fosse originario
 +di <i><font color="#3333FF">Candia</font></i> o si chiamasse <i><font color="#3333FF">Canditus</font></i>,
 +una forma arcaica del nome <i><font color="#3333FF">Candido</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi CANDITA</font>), troviamo tracce di questa
 +cognominizzazione in Irpinia in uno scritto del 1590: "<font color="#CC33CC">ABBAS
 +</font><font color="#FF0000">MARCUS ANTONIUS de Canditiis </font><font color="#CC33CC">U.I.D.
 +nobilis presbiter nolanus admodum illustrissimi et reverendissimi domini
 +domini Petri Antonii Vicedomini U.I.D. Deí et apostoìíce
 +sedís gratia episcopi Avellini et Frequenti in spiritualibus et
 +temporalibus vicarius et officialis generalis ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DECANI
 +<br>DECANINI
 +<br>DECANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decani, quasi unico, parrebbe soprattutto lombardo, Decanini è specifico
 +di Capannori e di Lucca nel lucchese, Decano, quasi unico, sembrerebbe
 +bergamasco, dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici dalla
 +carica medioevale di <i><font color="#3366FF">Decano</font></i> che rappresentava
 +la più alta carica amministrativa del comune, carica di cui abbiamo
 +menzione in questa <i><font color="#3366FF">Sententia</font></i> del 1150
 +a Milano: "<font color="#CC33CC">..de discordia que erat inter comune de
 +loco Linate, preter homines Laurentii et Petri germanorum, filiorum quondam
 +Iohannis Homobene, per missos ipsius comunis Bellonum de Longaniana </font><font color="#FF0000">decanum</font><font color="#CC33CC">
 +ipsius loci, Ambrosium Mulinarium atque Petrum de Lomenno de ipso loco
 +Linate; et ex altera parte predictos Laurentium et Petrum germanos qui
 +dicuntur Homobene...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CANIO
 +<br>DI CANIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Canio è tipico del potentino, di San Chirico Nuovo e Potenza,
 +di Gioia del Colle e Bari nel barese e di Ginosa nel tarantino, Di Canio
 +ha un ceppo lucano, a Pomarico e Bernalda nel materano ed a Potenza e Lavello
 +nel potentino, ed un ceppo pugliese, a Foggia e Lucera nel foggiano, a
 +Ginosa e Taranto nel tarantino ed a Bari ed Andria nel barese, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stanno per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti i cui padri si chiamasserocon
 +il nome medioevale <i><font color="#3333FF">Canius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CANIO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CAO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cao è specifico del vicentino, di Trissino, Brendola ed Arzignano,
 +dovrebbe derivare da un nome di località come Cao Mozzo nel veneziano
 +ed il De- starebbe ad indicare la provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CAPITANI
 +<br>DECAPITANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sono cognomi dell'areale milanese
 +e sono originati da un soprannome legato al fatto di essere il capostipite
 +al servizio di una famiglia che aveva avuto un capitano tra le sue fila,
 +oppure legato ad un modo autoritario di comportarsi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CARA
 +<br>DI CARA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cara, estremamente raro, è del catanese, Di Cara è anch'esso
 +siciliano, con un grosso ceppo a Palermo e ceppi a Comiso nel ragusano,
 +a Santa Caterina Villarmosa e Caltanissetta nel nisseno, a Licata nell'agrigentino,
 +a Forza d'Agrò nel messinese ed a Villarosa nell'ennese, si potrebbe
 +trattare di matronimici riferiti a capostipiti, la cui madre si fosse chiamata
 +<i><font color="#3333FF">Cara</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CARIA
 +<br>DECARIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Caria è tipicamente calabrese, di Crotone e di Gioia Tauro nel
 +reggino, Decaria, quasi unico, sembrerebbe del vibonese, dovrebbero essere
 +di origini toponomastiche e derivare dal nome delle frazioni di Caria,
 +nel vibonese e nel messinese, o, molto più probabilmente, dal nome
 +della regione della <i><font color="#3333FF">Caria</font></i>, una regione
 +anatolica abitata da secoli da gente di ceppo ellenico o bizantino, situata
 +di fronte all'isola di Rodi, donde gli abitanti furono costretti ad emigrare
 +a seguito dell'invasione turca, che tolse loro le terre greche per farle
 +proprie trucidando quanti avessero opposto resistenza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CARLI
 +<br>DE CARLIS
 +<br>DE CARLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Carli è tipico del Lombardoveneto e del Friuli, con un ceppo
 +importante anche nel Lazio, De Carlis, assolutamente rarissimo, è
 +piemontese, De Carlo è tipico del sud peninsulare, si dovrebbe trattare
 +di forme patronimiche, dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +sta per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferito a capostipiti,
 +il cui padre avesse portato il nome <i><font color="#3333FF">Carlo</font></i>
 +derivato dal nome franco <i><font color="#3366FF">Karl
 +</font></i>(<i><font color="#999999">una specie di funzionario della corte
 +reale</font></i>), il De sta anche per <i><font color="#999999">quelli di</font></i>
 +riferendosi ai famigliari di un certo Carlo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CARO
 +<br>DI CARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Caro è molto diffuso in tutto il sud e nel romano, Di Caro
 +è decisamente siciliano, molto diffuso in tutta l'isola, dovrebbero
 +derivare da una forma patronimica in <i><font color="#3333FF">De</font></i>,
 +od in <i><font color="#3333FF">Di</font></i> che starebbero per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, riferiti a capostipiti, i cui padri, si fossero chiamati con il cognomen
 +latino <i><font color="#3333FF">Carus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CARO</font>), troviamo tracce di questa cognominizzazione nel 1600 nel
 +trapanese dove un certo Simone de Caro è citato nell'elenco dei
 +Confrati della <i><font color="#3366FF">Compagnia del pretiosissimo sangue
 +di Christo e di S. Michaele Archangelo</font></i> della Città di
 +Trapani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CAROLIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Carolis è un cognome tipico del centro Italia, di Marche, Umbria,
 +Abruzzo e Lazio, con massima concentrazione nel Piceno, nell'aquilano,
 +nel romano e nel frusinate, ha un ceppo anche nel napoletano ed in Puglia,
 +soprattutto nel barese e brindisino, si dovrebbe trattare di una forma
 +patronimica dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, e si riferisce ad un padre del capostipite che si doveva
 +chiamare <i><font color="#3366FF">Carolus</font></i>, ma in alcuni casi
 +questo cognome veniva attribuito a trovatelli affidati ad Ospedali o Istituti
 +religiosi dedicati a San Carlo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CASA
 +<br>DEI CAS
 +<br>DEICAS
 +<br>DI CASA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dei Cas è tipico della provincia di Sondrio, di Valdisotto,
 +Bormio, Valfurva ed Ardenno, Deicas, De Casa e Di Casa sono quasi unici,
 +questi cognomi risalgono ad forme dialettali del cognome Della Casa, usati
 +in ambiente contadino per indicare normalmente la famiglia del fattore,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in un processo per stregoneria
 +del 1630 a Bormio, dove possiamo leggere: "<font color="#CC33CC">...Haver
 +maleficiato Barbara, figliola di </font><font color="#FF0000">Francello
 +di Casa</font><font color="#CC33CC">, con haverla tocca con di quello onguento
 +e li mise adosso un spirito affine vi stesse alquanto tempo, poi guarisse
 +et non morisse. Et ciò fu in casa di detta Domeniga, con occasione
 +che li portò del sale, et fu avanti ch'essa Barbara sii mutata.
 +Et fuorno 3 di loro a far il congresso di maleficiarla ..</font>.".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CASTRO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Castro ha un ceppo nel Lazio centromeridionale, uno nel campobassano,
 +uno nel leccese, in Sicilia ha ceppi nella parte occidentale ed in Sardegna,
 +nel sassarese, è ormai quasi scomparso.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>DE CASTRO: da castro, dal castello, ad indicare la provenienza. Erano
 +molto numerose in Sardegna le località, centri abitati, castelli,
 +fortificazioni in genere, nuraghi (<font color="#CC33CC">vedi Castro</font>).
 +Come cognome lo ritroviamo nelle carte antiche: tra i firmatari della Pace
 +di Eleonora, *LPDE del 1388: De Castro Comita, major (sindaco, amministratore
 +di giustizia) ville de Dosìlle (* Osìdda (Contrate Montis
 +Acuti - Ozieri); Castra (de) Petro, ville Orani; Castri (de) Matheo, ville
 +Simala. Nella storia ricordiamo De Castro Salvator Angelo (Cagliari 1817
 +- Oristano 1880), sacerdote, politico, letterato e storico; ma come storico
 +le sue analisi in difesa delle cosiddette "False Carte di Arborea", sono
 +considerate del tutto inattendibili. Molti addirittura insinuano che siano
 +state falsificate proprio da lui.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CATALDI
 +<br>DE CATALDO
 +<br>DI CATALDI
 +<br>DI CATALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cataldi, che sembrerebbe unico, è probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione di De Cataldo, che è decisamente pugliese, del tarantino
 +in particolare di Sava, ma anche di Manduria e di San Marzano di San Giuseppe,
 +e di Putignano e Casamassima nel barese, Di Cataldi, quasi unico, è
 +della Sicilia meridionale, Di Cataldo ha un ceppo pugliese nel foggiano
 +e nel barese, ed uno siciliano, nell'ennese, nel catanese e nel nisseno,
 +dovrebbero essere dovuti da una forma patronimica, dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stanno per<i><font color="#666666">
 +il figlio di</font></i>, riferito a capostipiti, il cui padre si fosse
 +chiamato <i><font color="#3333FF">Cataldus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +CATALDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CECCO
 +<br>DE CICCO
 +<br>DI CECCO
 +<br>DI CICCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cecco ha un nucleo importante in Friuli, uno nel chietino ed uno in
 +provincia di Roma, De Cicco è pochissimo diffuso e non è
 +possibile individuarne una zona di provenienza, Di Cecco, molto raro, è
 +dell'Abruzzo centromeridionale, Di Cicco è tipico della fascia che
 +comprende Lazio, Abruzzo, Molise e Campania settentrionale, potrebbero
 +derivare da modificazioni dialettale dell'aferesi del nome Francesco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CECILIA
 +<br>DE CECILIO
 +<br>DI CECILIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cecilia, assolutamente rarissimo, ha rare presenze nel napoletano e
 +nell'avellinese, De Cecilio, quasi unico, è campano, Di Cecilia
 +è specifico di Sturno e di Frigento nell'avellinese, si dovrebbe
 +trattarre di forme matronimiche o patronimiche, dove i prefissi <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stiano per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti le cui madri o i cui padri
 +si fossero chiamati <i><font color="#3333FF">Cecilia</font></i> o <i><font color="#3333FF">Cecilio</font></i>.
 +(<font color="#CC33CC">vedi CECILI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CEGLIE
 +<br>DI CEGLIE
 +<br>DICEGLIE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Ceglie è tipico di Molfetta (BA), Di Ceglie, ha un ceppo nel
 +barese a Bisceglie, Ruvo di Puglia, Andria, Modugno e Bari, ed uno a Fasano
 +nel brindisino, dove è presente anche la forma cognominale Diceglie,
 +i ceppi del barese, dovrebbero derivare dal toponimo Ceglie del Campo,
 +una frazione di Bari, per il ceppo di Fasano è invece più
 +probabile una derivazione dal toponimo Ceglie Messapica nel brindisino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CENSI
 +<br>DECENSI
 +<br>DI CENSI
 +<br>DICENSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Censi è specifico di Berbenno di Valtellina nel sondriese, Decensi,
 +quasi unico, è anch'esso del sondriese, Di Censi è specifico
 +di Roma e del romano, di Arsoli, Guidonia Montecelio e Tivoli, Dicensi,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe avere un piccolo ceppo a Massafra
 +nel tarentino, potrebbe trattarsi di forme patronimiche in <i><font color="#3366FF">De</font></i><font color="#000000">
 +od in </font><i><font color="#3366FF">Di</font></i>, dove il De ed il Di
 +stanno per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, derivate dal
 +cognomen latino <i><font color="#3366FF">Cencius</font></i> o <i><font color="#3366FF">Censius</font></i>,
 +dell'uso medioevale di questo nome abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Dizionario
 +di erudizione storico-ecclesiastica</font></i>: "<font color="#CC33CC">...
 +</font><font color="#FF0000">Censius</font><font color="#CC33CC"> Episcopus
 +Viterbiensis ab Eugenio III post diutinam vacationem anno 1149 electus...</font>",
 +ma potrebbe anche trattarsi di patronimici di una forma aferetica dialettale
 +del nome <i><font color="#3366FF">Vincenzo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CHIARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Chiara è tipicamente campano, molto diffuso particolarmente nel
 +casertano, napoletano e salernitano, ma con presenze significative anche
 +bel beneventano e nell'avellinese, potrebbe derivare da toponimi come Torre
 +Santa Chiara nel napoletano o da altre località o contrade dedicate
 +a Santa Chiara, ma molto più probabilmente si tratta di capostipiti,
 +fanciulli abbandonati da madri appartenenti a famiglie nobili o comunque
 +importanti, per i quali era di rigore l'annotazione <i><font color="#3366FF">clara
 +genus</font></i> o <i><font color="#3366FF">de chiara familia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CHIRICO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico pugliese, di Terlizzi (BA) in particolare, dovrebbe derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Chiricus</font></i> derivato dal
 +vocabolo greco bizantino <i><font color="#3366FF">kyericos</font></i> con
 +il significato di <i><font color="#999999">letterato</font></i> o <i><font color="#999999">scrivano</font></i>.
 +Personaggio di estremo rilievo è stato il pittore Giorgio De Chirico
 +(1888-1978) nato in Grecia da padre palermitano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DECIMA
 +<br>DECIMI
 +<br>DECIMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decima è specifico del bellunese, di Taibon Agordino ed Agordo,
 +Decimi, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'area lombardoveneta,
 +con sparute presenze in Umbria, Decimo ha un ceppo a Roma, uno a Napoli,
 +ed in Puglia a Carpignano Salentino nel leccese, a Foggia, a Trani nel
 +barese ed a Latiano nel brindisino, dovrebbero derivare dal praenomen latino
 +<i><font color="#3333FF">Decimus</font></i>, <i><font color="#3333FF">Decima</font></i>,
 +risalente all'uso in epoca latina, abbastanza frequente nelle epoche passate
 +ed anche abbastanza recenti, di attribuire ai figli come prenomen o come
 +nome il numero ordinale con il quale nascessero, come appunto il <i><font color="#3333FF">decimo</font></i>
 +figlio o la <i><font color="#3333FF">decima</font></i> figlia, dell'esistenza
 +di quest'uso in epoca latina abbiamo un esempio nel <i><font color="#3333FF">Factorum
 +Et Dictorum Memorabilium</font></i>&nbsp; di Valerio Massimo: "<font color="#CC33CC">...nam
 +gladiatorium munus primum Romae datum est in foro boario App. Claudio Q.
 +Fulvio consulibus. dederunt Marcus et </font><font color="#FF0000">Decimus</font><font color="#CC33CC">
 +filii Bruti Perae funebri memoria patris cineres honorando. athletarum
 +certamen a M. Scauri tractum est munificentia....</font>", si dovrebbe
 +quindi trattare di cognomi derivati dai nomi dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CIUTIIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00deciutiis.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="100" height="134"><font size="-1">Ormai rarissimo De Ciutiis ha una sparuta presenza romana ed una campana,
 +a Napoli e Caserta, dovrebbe derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Ciutius</font></i>
 +di cui si hanno tracce a Rimini nel 1300, in un atto di rinnovo di enfiteusi
 +datato 27 marzo 1354 si legge "<font color="#CC33CC">..olim </font><font color="#FF0000">Ciutius
 +Guasschethe</font><font color="#CC33CC"> et nunc Lunardinus Mesii...</font>",
 +dove quell'<i><font color="#3366FF">olim</font></i> (<i><font color="#999999">una
 +volta</font></i>) fa pensare ad una presenza decisamente più antica,
 +Dante ad esempio, nel Canto VI° del Purgatorio, scritto verso il 1312,
 +scrive: "<font color="#CC33CC">...Quiv'era l'Aretin che da le braccia //
 +fiere di Ghin di Tacco ebbe la morte, // e </font><font color="#3366FF">l'altro</font><font color="#CC33CC">
 +ch'annegò correndo in caccia...</font>", dove <i><font color="#3366FF">l'altro</font></i>
 +sta per: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Ciutius
 +de Pretamala</font><font color="#CC33CC"> filius domini Tarlati antiqui
 +frater domini Rodulfi et patruus domini Petri Sacconis, qui ex quodam conflictu
 +fugiens suffocatus est in Arno. Tamen Bostuli, qui sunt nobiles Guelfi
 +Aretini, accepere corpus ipsius et ad illum balistabant, propter quam iniuriam
 +dominus Rodulfus interfecit nuntium domini Alberti de Bostulis, qua re
 +dominus Fumus de Bostulis occisus est....</font>". La famiglia De Ciutiis
 +è di antichissima stirpe, una pergamena del XIII° secolo dell'Archivio
 +della Società Romana di Storia Patria testimonia che nel 1297 i
 +De Ciutiis possedevano il Castel Giubileo nella campagna romana; a Napoli
 +ed in altre città del Regno di Napoli il casato produsse personaggi
 +eminenti ed ebbe titoli cavallereschi e feudali.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CONCILIIS
 +<br>DE CONCILIO
 +<br>DI CONCILIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Conciliis ha un ceppo a Roma, uno a Napoli, uno a Pontecagnano Faiano
 +ed Agropoli nel salernitano ed uno ad Avellino, De Concilio ha un ceppo
 +a Napoli e nel salernitano a Salerno, Baronissi e Pontecagnano Faiano,
 +Di Concilio è specifico del salernitano, di Salerno, Prignano Cilento,
 +Giffoni Sei Casali, Ogliastro Cilento ed Agropoli, questi cognomi, di origini
 +molto antiche, dovrebbero derivare dal fatto che il capostipite facesse
 +parte del Consiglio della Corona, fossero cioè consiglieri dei Re
 +normanni, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in una <i><font color="#3333FF">cartula
 +venditionis</font></i> (<i><font color="#666666">atto di vendita</font></i>)
 +dell'agosto 1170, dove la parte acquirente si identifica tra gli altri
 +in un certo <i><font color="#3333FF">Johannes condam Johannis de Conciliis</font></i>,
 +i De Concilio costituirono una ricca casata patrizia, che detenne feudi
 +nel Cilento almeno dal 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CONNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del beneventano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>De Conno è un cognome tipico del comune di San Marco dei Cavoti
 +in provincia di Benevento.&nbsp; Dal punto di vista etimologico, esso trae
 +origine dal termine latino <i><font color="#3366FF">cunnus</font></i> o
 +<i><font color="#3366FF">connus</font></i>, con il significato di <i><font color="#666666">vulva,
 +vagina</font></i>. Il cognome in analisi significa quindi letteralmente
 +<i><font color="#666666">uscito dalla vulva</font></i>. Ancora oggi, nel
 +territorio sannita, esiste il soprannome dialettale <i><font color="#3366FF">cionna</font></i>,
 +a cui si attribuisce identico significato. Tra i vari ceppi presenti a
 +San Marco, da secoli se ne distingue uno per ricchezza e lustro.&nbsp;
 +E' questo il ramo che diede i natali, il 2 febbraio 1884, a Ernesto De'
 +Conno, Professore di Chimica Bromatologica presso l'Università di
 +Napoli, autore di diversi saggi scientifici, per ben quattro volte premiato
 +dall'Accademia delle Scienze fisiche e matematiche di Napoli per lavori
 +di Chimica Applicata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CONTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'alto trevisano, di Vittorio Veneto e Fregona in particolare
 +ha un ceppo secondario anche nel veronese, dovrebbe derivare da legami
 +non necessariamente di parentela, ma molto più probabilmente di
 +sudditanza con una famiglia di conti.&nbsp; Tracce di questa cognominizzazione
 +le troviamo con&nbsp; Nicolò De Conti (1395-1469), viaggiatore e
 +commerciante veneto del quale sono famosi i ricordi di viaggio che si affiancano
 +a quelli di Marco Polo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CORATO
 +<br>DECORATO
 +<br>DI CORATO
 +<br>DICORATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Decorato è tipico del barese, di Barletta e di Canosa Di Puglia
 +in particolare dove è presente anche De Corato, dovrebbero essere
 +forme modificate del cognome Dicorato che è specifico di Barletta
 +(BA) così come Di Corato che ha un importante ceppo anche ad Andria,
 +dovrebbero tutti derivare dal toponimo Corato (BA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CRESCENZI
 +<br>DE CRESCENZO
 +<br>DI CRESCENZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Crescenzi è assolutamente rarissimo e si tratta quasi sicuramente
 +di errori di trascrizione di De Crescenzo che è decisamente napoletano
 +è comunque ben distribuito in tutta la fascia che comprende il casertano,
 +il napoletano ed il salernitano, presenta ceppi anche a Roma e nel tarentino,
 +Di Crescenzo ha un grosso ceppo a Guardiagrele nel teatino, con presenze
 +significative anche a Pescara, L'Aquila, Notaresco nel teramano e Chieti
 +e Francavilla al Mare nel teatino, a Roma ed a Monte San Biagio e Fondi
 +nel latinense, ed a Maddaloni nel casertano e Cetara nel salernitano, derivano,
 +come forma probabilmente patronimica, dal nome latino <i><font color="#3333FF">Crescentius</font></i>
 +o dal suo equivalente italiano <i><font color="#3333FF">Crescenzo</font></i>,
 +dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i>
 +stanno per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>. (<font color="#CC33CC">vedi anche
 +Crescenzi</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CRISTOFANO
 +<br>DE CRISTOFARO
 +<br>DE CRISTOFORO
 +<br>DI CRISTOFANO
 +<br>DI CRISTOFARO
 +<br>DI CRISTOFORO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Cristofano, abbastanza raro, ha un ceppo a Roma, uno principale a Raviscanina
 +e Sant'Angelo di Alife nel casertano ed a Volturara Irpina nell'avellinese,
 +Di Cristofano ha un ceppo a Magliano de' Marsi nell'aquilense, uno a Pizzone
 +e Montaquila nell'iserniese, uno a Roma e Borgorose nel reatino ed uno
 +a Volturara Irpina nell'avellinese e San Gregorio Matese nel casertano,
 +De Cristofaro è molto diffuso in Campania, ma anche nel Lazio, Abruzzo,
 +Molise, Puglia e Basilicata, con ceppi anche in Sicilia, De Cristoforo,
 +molto molto raro, è dell'area campano, pugliese, Di Cristoforo,
 +altrettanto raro, è invece abruzzese, Di Cristofaro è specifico
 +della zona che comprende l'Abruzzo, il Molise ed il casertano, con un ceppo
 +anche a Roma. (<font color="#CC33CC">vedi CRISTOFANI e CRISTOFARI</font>)
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +de Cristofaro</font></font>
 +<br>Diffusissimo in varie zone d'Italia, ma particolarmente nel centro-sud,
 +deriva dal nome <i><font color="#3366FF">Cristofaro</font></i>. E' presente
 +in molte varianti: "de Cristofaro", "de Cristofano", "de Cristoforo", con
 +il prenome "di" ed anche senza alcun prenome. A Frosolone (nel Molise)
 +si individua dal XIV° secolo un ceppo, quasi certamente autonomo, consolidatosi
 +da oltre due secoli nella forma attuale, che ha esercitato un solido ma
 +discreto potere economico (fin dal seicento risultano tra i principali
 +"locati" e, successivamente, "censuari" della Dogana di Foggia), oltre
 +a rappresentare personaggi di spicco dal punto di vista culturale e scientifico
 +(tra gli altri: Giacomo 1728-1771 dottore fisico; Giacomo dottore in diritto
 +nel XVIII secolo, Giacomo 1869-1948 preside di ginnasio, Filippo 1910-1991
 +professore e cultore di greco e di sanscrito), politici locali Alessandro,
 +Orazio, Francesco e Donato nel XVII secolo, prelati (Iacovo e Giovanni
 +nel XVI secolo, Alessandro, Felice e Nicola nel XVII secolo) e burocrati
 +di elevato rango.  La Famiglia de Cristofaro è proprietaria di una delle tre cappelle
 +private costruite nel XIX secolo nel Cimitero di Frosolone. Pur non fregiandosi
 +di alcun titolo nobiliare, la famiglia nei secoli si collega al ceto borghese
 +e/o nobiliare del meridione.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE CURTIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico casato napoletano, originario di Somma Vesuviana, che dovrebbe risalire
 +al 1500 il cui capostipite sarebbe stato un certo Angelo Griffo che cambiò
 +cognome in De Curtis probabilmente per la caratteristica bassa statura
 +della famiglia. Personaggio di rilievo è stato il celeberrimo attore
 +cinematografico Antonio De Curtis in arte Totò.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEDDA
 +<br>DI DEDDA
 +<br>DIDEDDA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dedda è specifico del foggiano, di Foggia, Orsara di Puglia e Carapelle,
 +Didedda è quasi unico, si dovrebbe trattare di una forma alterata
 +del cognome Di Dedda, che è anch'esso del foggiano, di Orta Nova
 +e Foggia, di origini oscure si potrebbe trattare di cognomi matronimici
 +riferito ad una capostipite il cui nome <i><font color="#3366FF">Elda</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Edda</font></i> sia stato alterato da una forma familiare
 +dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEDE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'area compresa tra le
 +provincie di Cremona, Lodi e Milano, potrebbe essere originato da una modificazione
 +dialettale del nome gotico Duda o del franco Dado.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE DILECTIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Dilectis è tipico di Torre del Greco nel napoletano,
 +si dovrebbe trattare di una forma patronimica dove il <i><font color="#3333FF">De</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">dei figli di</font></i>, riferito ad un
 +capostipite il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Dilectus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">Diletto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE DOMENICI
 +<br>DE DOMENICIS
 +<br>DE DOMENICO
 +<br>DE DOMINICI
 +<br>DE DOMINICIS
 +<br>DE DOMINICO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Domenici è specifico del pavese, De Domenicis è assolutamente
 +rarissimo, De Domenico ha un ceppo nel messinese e nel reggino ed uno tra
 +napoletano e salernitano, De Dominici, molto raro, ha un ceppo nel messinese,
 +uno nel novarese ed uno nel cuneese, De Dominicis è tipico della
 +fascia centrale che comprende Lazio ed Abruzzo, con ceppi anche nel napoletano
 +e salernitano e nel Salento, De Dominico, praticamente unico è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione, dovrebbero derivare dallo stato di <i><font color="#3366FF">dominici</font></i>
 +(servitori del <i><font color="#3366FF">dominus</font></i> = signore).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE DONATI
 +<br>DE DONATO
 +<br>DI DONATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Donati, molto molto raro, è specifico della Valtellina, di Delebio
 +(SO), De Donato ha ceppi secondari a Milano ed a Roma, ha un ceppo a Ravenna
 +e Rimini, un ceppo in Campania, uno nel potentino, uno nel barese ed uno
 +nel cosentino, Di Donato è molto diffuso nel Lazio, in Abruzzo ed
 +in Campania soprattutto, ed in Puglia, si dovrebbe trattare di forme patronimiche
 +dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> ed il <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +stanno per figlio di, riferiti a capostipiti, i cui padri si chiamassero
 +appunto <i><font color="#3366FF">Donato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEDONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Dedoni è tipicamente sardo, di Cagliari, Uta e Quartu Sant'Elena
 +nel cagliaritano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>DEDONI: non si tratta di cognome sardo, bensì spagnolo. Per
 +il significato e l'etimo risaliamo all'epigrafe mortuaria, che si trovava
 +nella chiesa di San Fancesco a Cagliari, dedicata a Guido Dedoni, morto
 +in Cagliari il 12 dicembre del 1410: "Hic iacet corpus nobilis viri Domini
 +Guido De Dono mercatoris de Castro Callaris, qui obiit anno Domini 1410
 +indictione III die 12 Mensis Decembris cuyus animam requiescat in pace"
 +(Di.Sto.Sa). <i><font color="#3333FF">De Dono</font></i>, d<i><font color="#666666">a
 +un dono, donato</font></i>, quindi dal latino <i><font color="#3333FF">donum</font></i>.
 +I Dedoni arrivarono in Sardegna al seguito del re Martino il Giovane, erede
 +alla corona d'Aragona, come partecipanti alla spedizione militare contro
 +Guglielmo III° di Narbona - Bas, Giudice d'Arborea, nel 1408/1409.
 +Gerardo Dedoni ed il figlio Giovanni, provenienti da Barcellona, grossi
 +mercanti più che militari, ricevettero grandi riconoscimenti da
 +Martino il Giovane anche per gli aiuti finanziari a sostegno della spedizione.
 +Gerardo ebbe in dono il feudo delle villae (biddas) di Gesturi e di Tuili
 +ed in seguito, nel 1413,&nbsp; poté acquistare il feudo di Mara
 +(Villamar). Gerardo ottenne nel 1420 il riconoscimento di generosità,
 +cioè di appartenenza all'ordine equestre e nel figlio Giovanni,
 +nel 1421,&nbsp; la concessione di eredità dei feudi paterni. In
 +seguito, nel 1533, un loro discendente, Don Fernando Dedoni riceverà,
 +per nomina del Parlamento il titolo di "eretat": gli eretats erano solitamente
 +mercanti arricchiti, che unitamente al feudo o dopo il feudo, come nel
 +suddetto caso, acquistavano il diritto di intervenire alle assemblee parlamentari.
 +Questi titoli nobiliari scompariranno con il passaggio del Regno di Sardegna
 +ai sovrani di Savoia. Ampie note storiche sui Dedoni e sul loro casato
 +sono riportate inoltre nel testo di Giovanni Francesco Fara, "De Rebus
 +Sardois III°/IV°".&nbsp; Per saperne di più sui titoli nobiliari
 +aragonesi e spagnoli, con riferimenti alla nobiltà sarda, vedi nel
 +Web "note sulla nobiltà Aragonese e Spagnola con riferimento alla
 +nobiltà sarda" di Francesco Loddo Canepa. Attualmente il cognome
 +Dedoni è presente in 38 Comuni italiani, di cui 26 in Sardegna:
 +Cagliari 35, Uta 22, Quartu 14, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE DUONNI
 +<br>DEDUONNI
 +<br>DE DUONNO
 +<br>DUONNO
 +<br>DUONNOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Deduonni è unico e lo troviamo in Piemonte, ma dovrebbe essere dovuto
 +ad un'errata trascrizione di De Duonni, che è specifico di Vitulano
 +e Calvi nel beneventano, De Duonno, praticamente unico, è sempre
 +del beneventano, Duonno, che è unico, dovrebbe essere dovuto ad
 +un errata trascrizione del precedente, Duonnolo, sempre campano, è
 +tipico invece di Capua nel casertano, tutti questi cognomi dovrebbero derivare,
 +direttamente, o attraverso ipocoristici, o forme patronimiche dove il prefisso
 +<i><font color="#3333FF">De-</font></i> stia per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, dal termine <font color="#3333FF">duonno</font>,
 +forma sincopata dialettale derivata dal termine <i><font color="#3333FF">dominus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">signore</font></i>), indicando probabilmente
 +l'appartenenza dei capostipiti ad una classe altolocata, dell'uso di questo
 +termine abbiamo una riprova in un documento pisano dell'anno 1277, dove
 +leggiamo: "<font color="#CC33CC">... martidì ai sei dì d'
 +agosto da </font><font color="#FF0000">duonno</font><font color="#CC33CC">
 +Bernardino Picuolo...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FABI
 +<br>DE FABIIS
 +<br>DE FABIO
 +<br>DI FABI
 +<br>Di FABIIS
 +<br>DI FABIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fabi e Di Fabi sono quasi unici, De Fabio è leggermente meno
 +raro, probabilmente meridionale, De Fabiis ha un ceppo nel teramano, a
 +Teramo e Cortino, ed uno a Roma e nel romano, Di Fabiis, che sembrerebbe
 +essere unico, è probabilmente dovuto ad un errore di trascrizione
 +del precedente, Di Fabio è molto diffuso nella fascia centrale che
 +comprende l'Abruzzo, il Piceno ed il campobassano, il romano, il latinense
 +ed il frusinate, con massima concentrazione a Roma, a Terracina nel latinense
 +e ad Alatri nel frusinate, ed in Abruzzo a Pescara e Scafa nel pescarese,
 +a L'Aquila ed Avezzano nell'aquilano, a Cupello, Canosa Sannita, Chieti,
 +Arielli e San Salvo nel teatino ed a Giulianova nel teramano, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche in <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +od in <i><font color="#3366FF">Di</font></i>, che stanno per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, riferite a capostipiti i cui padri si chiamassero <i><font color="#3366FF">Fabio</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Fabius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FABBI</font>).,
 +possono anche indicare l'appartenenza delle famiglie alla <i><font color="#3366FF">Gens
 +Fabia</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi FABI</font>), tracce di queste
 +cognominizzazioni le troviamo in Severino Boezio (480-524): "<font color="#CC33CC">Boetij
 +Opera et castigatiora et plura quam hactenus impressa fuerint ... Omnia
 +hec diligentissime castigauit vir integerrimus presbyter </font><font color="#FF0000">Paulus
 +de Fabiis</font><font color="#CC33CC"> Brixianus ...</font>", o anche a
 +Roma nel 1600: "<font color="#CC33CC">...Supererant scripta </font><font color="#FF0000">Fabii
 +de Fabiis</font><font color="#CC33CC">, et Iulii Fatii de his, quae pro
 +imposita sibi ab Oliuerio procuratione in aestu sermonum cognorant: supererant
 +et libelli quidam aduersum ipsummet ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FABIANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fabiani, molto molto raro, è tipico del vercellese, si dovrebbe
 +trattare di una forma patronimica riferita ad un capostipite che fosse
 +appartenuto ad una famiglia <i><font color="#3333FF">Fabiani</font></i>,
 +o molto più probabilmente il cui padre si fosse chiamato <i><font color="#3333FF">Fabiano</font></i>,
 +in una registrazione notarile del febbraio 1600 possiamo riscontrare come l'uso
 +del De Fabiani possa essere nato: "<font color="#CC33CC">..Die predicta
 +in villa predicta in domo habitationis ser </font><font color="#FF0000">Bartholomei
 +quondam Fabiani Frighi</font><font color="#CC33CC"> presentibus ser Petro
 +quondam Dominici Fagoni et Nicolao filio Sigesmondi, ambobus de dicto loco
 +testibus; ser </font><font color="#FF0000">Bartholomeo quondam Fabian de
 +Frigho</font><font color="#CC33CC"> sinico et governatore della villa soprascritta
 +udito el tenore della soprascritta vicinanzza per me nodario a sè
 +letta, lauda et ratiffica tute le cose in essa contenute in tuto et per
 +tuto come sta et giace.. ..certi noncii, veri messi, legittimi et indubitati
 +procuratori domino Fabian figliolo de domino </font><font color="#FF0000">Bortolomio
 +de Fabiani</font><font color="#CC33CC"> soprascripto et ser Thomaxo quondam
 +Mathio de Guidi tutti doi qui presente et acetante et per loro colega l'egregio
 +domino Marco ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FABRITIIS
 +<br>DEFABRITIIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo Defabritiis è
 +presente solo in provincia di Milano ed è dovuto quasi sicuramente
 +ad un errore di trascrizione, De Fabritiis presenta un ceppo nell'area
 +di Roma e Latina, uno in Abruzzo ed uno in Puglia. Questi cognomi derivano
 +dal nome Fabrizio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FACCIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Faccio è tipico di Udine, si dovrebbe trattare di una forma patronimica
 +dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i> e si riferisce ad un padre del capostipite che di nome probabilmente
 +faceva <i><font color="#3366FF">Bonifacio</font></i>, <i><font color="#3366FF">Faccio</font></i>
 +per aferesi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FALCO
 +<br>DI FALCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Falco è tipico del Lazio centromeridionale e della Campania,
 +soprattutto del napoletano, con ceppi anche in Puglia, Di Falco ha ceppi
 +in Lazio, Abruzzo e Molise, Campania e soprattutto in Sicilia, questi cognomi
 +dovrebbero essere forme patronimiche dove il <i><font color="#3366FF">De-</font></i>
 +ed il <i><font color="#3366FF">Di-</font></i> stanno ad indicare la famiglia
 +di un <i><font color="#999999">figlio di</font></i> un capostipite il cui
 +nome derivasse, dall'antico nome greco <i><font color="#3366FF">Phalces</font></i>
 +o dal tardo latino <i><font color="#3366FF">Falco</font></i> e <i><font color="#3366FF">Falconius</font></i>,
 +o dal <i><font color="#3366FF">Falcard</font></i> dei Franchi, o dal <i><font color="#3366FF">Falk</font></i>
 +germanico, o anche dal medioevale <i><font color="#3366FF">Falco </font></i>e
 +<i><font color="#3366FF">Falcone</font></i>, il casato calabrese dei De
 +Falco fruiva del titolo nobiliare di Barone di Rossano Calabro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FAVARI
 +<br>DE FAVERI
 +<br>DE FAVERO
 +<br>DEL FAVARO
 +<br>DEL FAVERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Favari, molto raro, sembra veneziano, De Faveri, ben diffuso in tutto
 +il Veneto, ha la sua massima concentrazione nel trevigiano, De Favero e
 +Del Favaro sono quasi unici, Del Favero, sicuramente veneto, parrebbe tipico
 +della provincia di Belluno, del Cadore e in particolare di Valle di Cadore,
 +Lozzo di Cadore, Pieve di Cadore e San Vito di Cadore, derivano tutti dal
 +termine dialettale arcaico <i><font color="#3366FF">favaro</font></i> o
 +<i><font color="#3366FF">favero</font></i> (<i><font color="#999999">fabbro</font></i>).
 +(<font color="#CC33CC">vedi FAVARO</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FAZI
 +<br>DE FAZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fazi è tipicamente laziale di Civitavecchia (RM) soprattutto
 +e di Roma, De Fazio è diffuso a Roma e in tutto il sud, in particolare
 +in Campania nel napoletano e nell'avellinese, in Puglia nel barese, brindisino
 +e tarantino, ed in Calabria nl catanzarese e nel crotonese, derivano da
 +forme patronimiche del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Fatius</font></i>
 +aferesi del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Bonifatius</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FAZI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FEDERICI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Federici, assolutamente rarissimo, parrebbe lombardo, dovrebbe trattarsi
 +di una forma patronimica dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i> e si riferirebbe
 +a famiglie dove il capostipite era figlio di un Federico, troviamo tracce
 +di questa cognominizzazione Tirano nella prima metà del 1400 quando
 +Giovanni de Federici di Benedetto è appunto podestà di Tirano,
 +o anche a Bergamo nel 1601 quando è vicario pretorio un tale Lodovico
 +de' Federici.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FELICE
 +<br>DEFELICE
 +<br>DE FELICI
 +<br>DI FELICE
 +<br>DIFELICE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Felice è tipico dell'area che comprende Abruzzo, Lazio, Molise,
 +Campania, Basilicata e Puglia, con un piccolo ceppo anche nel catanese,
 +Defelice, molto raro, è del barese, De Felici è tipico del
 +romano, di Roma, Frascati, Civitavecchia ed Anzio e di Poggio Mirteto nel
 +reatino, Di Felice è molto diffuso in tutto l'Abruzzo, nel Piceno,
 +nel reatino e nel romano, nel campobassano e nel casertano, Difelice, quasi
 +unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione del precedente,
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare dal nome italiano <i><font color="#3366FF">Felice</font></i> con
 +la particella <i><font color="#3366FF">De</font></i> o <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +di provenienza patronimica ad indicare la famiglia di un figlio di un Felice.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FELICIBUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Felicibus, molto raro, è specifico del pescarese e del reatino,
 +dovrebbe derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Felix</font></i>,
 +la cui forma ablativa plurale è appunto <i><font color="#3366FF">Felicibus</font></i>,
 +il <i><font color="#3366FF">De</font></i> indicherebbe una forma patronimica
 +come <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, troviamo tracce di
 +questa cognominizzazione nella seconda metà del 1200 con Fratrem
 +Matthaeum de Felicibus Romanum rettore a Toscanella, nome attribuito dai
 +romani alla città di Tuscania nel viterbese, ed a Riofreddo nel
 +romano nel 1700 con l'arciprete De Felicibus originario di Petescia di
 +Turania (RI).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEFENDE
 +<br>DEFENDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Defende è praticamente unico, Defendi ha un ceppo lombardo nel bergamasco,
 +uno piccolo nel veneziano ed uno nell'anconetano, dovrebbero derivare dal
 +nome rinascimentale <i><font color="#3366FF">Defendo</font></i>, un esempio
 +dell'uso di questo nome lo troviamo in un atto di vendita del 1650, dove
 +una delle parti acquirenti è un certo Defendo Bortoletti di Colognola
 +nel bergamasco, o anche successivamente nel 1773 quando il nobile Paolo
 +Defendo Vitalba acquistò il complesso monastico di Almenno nel bergamasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEFENDENTE
 +<br>DEFENDENTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Defendente è molto raro e si può solo ipotizzare un'origine
 +comune a quella di Defendenti che è specifico dell'area delle provincie
 +di Milano e Lodi, può essere originato da un soprannome derivato
 +da un'azione bellica, dove il capostipite si trovò a sostenere l'impeto
 +nemico, come può pure essere legato all'opera di difensore della
 +fede, è pure possibile una derivazione diretta dal nomen romano
 +<i><font color="#3366FF">Defendens</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Quique
 +ego pro patria pugnans et dogmata sacra&nbsp; </font><font color="#FF0000">Defendens</font><font color="#CC33CC">,
 +clarum nomen ubique tuli..</font>.".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia</font></font>
 +<br>Questi cognomi potrebbero anche derivare dal nome Defendente, che ricordava
 +San Defendente, uno dei martiri cristiani della Legione Tebea, guidata
 +da san Maurizio, che furono martirizzati perché non vollero lasciare
 +la fede cristiana, sotto l'imperatore romano Massimiano (250-310).&nbsp;
 +Traccia importante di questo nome la troviamo con il pittore Defendente
 +Ferrari nato a Chivasso (TO) verso il 1490 e morto verso il 1535.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEFENU
 +<br>DEFFENU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipicamente sardi Defenu, molto raro, è specifico di Iglesias, Deffenu
 +è caratteristico di Sassari, con un piccolissimo ceppo a Lodè
 +nel nuorese, potrebbero derivare da antichi toponimi come, solo a titolo
 +d'esempio <i><font color="#3333FF">Nuraxi Fenu</font></i> nell'oristanese,
 +ma è pure possibile che derivino da soprannomi basati sul termine
 +sardo <i><font color="#3333FF">fenu</font></i> (<i><font color="#666666">fieno,
 +erba palustre, ma anche vermi intestinali</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FEO
 +<br>DEFEO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Feo è tipico dell'area che comprende le province di Napoli, Salerno,
 +Avellino, Foggia e Bari, Defeo è dovuto probabilmente ad errori
 +di trascrizione, derivano dall'aferesi del nome Maffeo (<font color="#CC33CC">vedi
 +Feo</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FERRARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Ferrari è tipicamente ligure, di Genova, Moconesi, Chiavari e
 +Recco nel genovese e di La Spezia, dovrebbe derivare dal fatto che i capostipiti
 +appartenessero ad una famiglia di fabbri (<font color="#CC33CC">vedi FERRARI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FILICAIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Filicaia, molto molto raro, sembrerebbe avere un ceppo in Toscana ed
 +uno in Sicilia, il ceppo toscano potrebbe derivare dal toponimo Filicaia
 +di Campogorgiano (LU), probabile luogo d'origine del capostipite, in Sicilia
 +si può supporre invece che possa derivare da una variazione dialettale
 +dell'antico nome di Filicudi, cioè di Phoenicusa o isola delle felci
 +di cui Filicaia potrebbe essere una traduzione medioevale, anche questo
 +potrebbe essere il luogo di provenienza della famiglia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FILIPPI
 +<br>DE FILIPPIS
 +<br>DE FILIPPO
 +<br>DEFILIPPI
 +<br>DEFILIPPIS
 +<br>DEFILIPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Filippi ha ceppi in Piemonte, in Liguria e nell'ovest della Lombardia,
 +ha nuclei importanti nel Lazio, nel trapanese e nel Salento, Defilippi,
 +abbastanza raro, parrebbe piemontese, De Filippis è diffuso in tutto
 +il centrosud, Defilippis, estremamente raro, parrebbe del barese, De Filippo
 +è tipico del napoletano, Defilippo, assolutamente rarissimo, potrebbe
 +essere del catanzarese, dovrebbero derivare tutti dal cognomen tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">Philippus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FILITTO
 +<br>DI FILITTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia De Filitto che Di Filitto sono tipici del salernitano e molto molto
 +rari, si dovrebbe trattare di forme derivanti dal toponimo Felitto (SA)
 +nella sua forma arcaica Filittus e le particelle De o Di starebbero ad
 +indicare la provenienza geografica della famiglia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>protenderei per l'interpretazione toponimica: è infatti verosimile
 +che il capostipite del ceppo Di Filitto/De Felitto si sia trapiantato nel
 +comune di Montecorvino Rovella provenendo dal non distante centro cilentano
 +di Felitto. Non a caso, nella forma dialettale locale tale borgo del salernitano
 +è detto <i><font color="#3366FF">Filitto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sembra avere un ceppo nel bellunese ed uno tra salernitano e potentino,
 +dovrebbe derivare dall'aferesi di nomi come Serafina, Adolfina o simili.
 +Tracce di questa cognominizzazione si hanno a Brescia fin dal 1175, come si può
 +vedere da un atto del Codice Diplomatico della Lombardia medievale, dove
 +si legge: "<font color="#CC33CC">...Actum est hoc in civitate Brixia, in
 +ecclesia Sancti Petri de Dom, anno a nativitate domini nostri Yesu Cristi
 +.MC. septuagesimo quinto, indictione octava. Testes rogati Martinus de
 +Talotio, Gilbertus de Valle, </font><font color="#FF0000">Oddo de Fina</font><font color="#CC33CC">,
 +</font><font color="#FF0000">Girardus de Fina</font><font color="#CC33CC">
 +et alii quamplures. Actum est die dominico sexto intrante mense iulii...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FIORIDO
 +<br>FIORIDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fiorido, assolutamente rarissimo, è del pordenonese, Fiorido
 +è specifico del pordenonese, di Cordovado, San Vito al Tagliamento
 +e Sesto al Reghena, dovrebbero derivare, direttamente o tramite il prefisso
 +patronimico <i><font color="#3333FF">De-</font></i>, che sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, da capostipiti che si chiamassero, o il cui padre
 +si chiamasse, <i><font color="#3333FF">Fiorido</font></i>, nome forma alterata
 +del più comune Florindo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FLORIO
 +<br>DI FLORIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Florio è specifico di Taranto e di Noicattaro e Bari nel barese,
 +con un piccolo ceppo anche ad Alliste e Gallipoli nel leccese ed a Brindisi,
 +Di Florio è tipico dell'area che comprende l'Abruzzo e Molise, il
 +Lazio e la Campania, soprattutto Lanciano, Casoli, Paglieta e Cupello nel
 +teatino, Cercemaggiore, Campodipietra, Termoli e Campobasso nel campobassano
 +e Isernia, Roma e, nel latinense, Gaeta e Formia, Salerno e Cava dei Tirreni
 +nel salernitano e Cellole e San Pietro Infine nel casertano, si dovrebbe
 +trattare di forme patronimiche dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +ed il <i><font color="#3366FF">Di</font></i> stanno per figlio di, riferito
 +ad un capostipite il cui padre si chiamasse <i><font color="#3366FF">Florio</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FLORIO</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FLUMERI
 +<br>DI FLUMERI
 +<br>FLUMERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Flumeri, molto molto raro, sembrerebbe specifico di Foggia, Di Flumeri
 +è tipico della zona che comprende l'avellinese ed il foggiano, di
 +Melito Irpino nell'avellinese in particolare e di Deliceto e Foggia nel
 +foggiano, Flumeri è tipico della stessa zona, anche se ha un grosso
 +ceppo a Roma, dovrebbero entrambi derivare dal toponimo Flumeri nell'avellinese,
 +probabile paese di origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FLURI
 +<br>DI FLURI
 +<br>FLURI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fluri, praticamente unico, dovrebbe essere una forma alterata del cognome
 +Di Fluri, che è caratteristico del salernitano, di San Mauro la
 +Bruca e Salerno, Fluri, quasi unico, è campano del salernitano,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite una forma patronimica dove
 +il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, da capostipiti o padri di capostipiti di nome <i><font color="#3333FF">Fluri</font></i>,
 +ricordiamo che con questo nome, nella saga carolingia meridionale, veniva
 +indicato il Re saraceno di Naro: "<font color="#CC33CC">...Di li, Orlando
 +passò a Naro uccidendo tutti quei saraceni che non si volevano rendere
 +cristiani, e tra questi quel re </font><font color="#FF0000">Fluri</font><font color="#CC33CC">.
 +Dopo tre giorni incontrarono una donna che pasceva gran quantità
 +di pecore: Orlando la diè in isposa a Fortunato e lo nominò
 +re di tuttu lu statu di Vitusullanu. ...</font>", ma il nome ha anche una
 +sua vita a prescindere dalla saga, derivando da una voce dialettale per
 +<i><font color="#3333FF">Fiore</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FONZO
 +<br>DI FONZA
 +<br>DI FONZI
 +<br>DI FONZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fonzo ha qualche rara presenza nel napoletano ed in Puglia, Di Fonza
 +ha qualche rara presenza tra Lazio e Campania, Di Fonzi, praticamente unico,
 +sembrerebbe del latinense, Di Fonzo è molto diffuso a Roma e nel
 +latinense aCampodimele, Fondi e Gaeta, in Abruzzo, nel pescarese a Pescara,
 +Montesilvano e Spoltore, nel teatino a Vasto, Scerni, Casalbordino e Lanciano
 +ed a Sulmona nell'aquilano, ha un ceppo a Limatola nel beneventano ed a
 +Castel Morrone, Maddaloni e San Pietro Infine, ed in Puglia, il più
 +consistente, a Sant'Eramo in Colle, Bari, Altamura e Cassano delle Murge,
 +e nel tarantino a Castellaneta, Taranto e Palagianello, dovrebbero tutti
 +derivare da forme patronimiche dope il suffisso <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stiano per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti i cui padri si fossero chiamati
 +<i><font color="#3333FF">Fontius</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FONZA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FORTUNA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fortuna ha qualche presenza nel Lazio e nella Campania settentrionale,
 +dovrebbe trattarsi di una forma patronimica, dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +stia per <i><font color="#666666">il figlio di</font></i>, riferita ad
 +un capostipite il cui padre si fosse chiamato con il nome medioevale <i><font color="#3333FF">Fortuna</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FORTUNA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FORTUNATO
 +<br>DI FORTUNATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fortunato, quasi unico, sembrerebbe del pescarese e dovrebbe trattarsi
 +di una forma mal trascritta di Di Fortunato, che sembrerebbe originario
 +dell'area teramana e picena, in particolare nel teramano di Atri, Martinsicuro,
 +Torricella Sicura e Cortino, con un grosso ceppo anche a Roma e Mentana
 +nel romano, si dovrebbe trattare di una forma patronimica dove il <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, riferito ad un capostipite
 +il cui padre si chiamasse <i><font color="#3366FF">Fortunato</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi FORTUNATA</font>), ma non si può escludere,
 +data la frequenza con la quale in Umbria e nelle Marche compaiono località
 +dedicate a San Fortunato, che possa trattarsi invece di indicatori di provenienza,
 +dove sia il <i><font color="#3366FF">De</font></i> che il <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +indichino che i capostipiti <i><font color="#999999">provenivano da</font></i>
 +paesi chiamati San Fortunato, come a solo titolo di esempio San Fortunato
 +di Montefalco nel perugino, località abbastanza vicina all'area
 +indicata come possibile zona d'origine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FRAIA
 +<br>DI FRAIA
 +<br>FRAIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fraia è caratteristico di Pozzuoli, Di Fraia, molto più
 +comune, ha un piccolo ceppo a Monte Argentario nel grossetano ed a Livorno,
 +uno ad Anzio ed a Formia nel latinense, uno a La Maddalena e Golfo Aranci
 +in Gallura, ed uno molto molto consistente aPozzuoli nel napoletano ed
 +a Villa Literno nel casertano, con ottime presenze anche a Bacoli, Napoli
 +e Quarto nel napoletano, Fraia è specifico di Napoli e di Casalnuoivo
 +di Napoli, dovrebbero derivare da nomi di località come ad esempio
 +Fraia nel perugino, Fraia nel teatino o Fraia vicino a Pozzuoli nel napoletano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEFRAIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Defraia è tipicamente sardo, di Cagliari soprattutto e di Quartu
 +Sant'Elena, Selargius e Capoterra nel cagliaritano e di Iglesias ed Oristano,
 +potrebbe derivare da un soprannome basato su di un termine dialettale sardo
 +arcaico con il significato <i><font color="#666666">di fabbrica</font></i>,
 +od anche da un'alterazione del termine sardo <i><font color="#3333FF">frai</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fratello</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FRANCESCA
 +<br>DE FRANCESCH
 +<br>DE FRANCESCHI
 +<br>DEFRANCESCHI
 +<br>DE FRANCESCO
 +<br>DI FRANCESCA
 +<br>DI FRANCESCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Francesca, estremamente raro, è tipico del cosentino, Di Francesca
 +è specifico del palermitano, di Cefalù, Montemaggiore Belsito,
 +Campofelice di Roccella, Gratteri e Palermo, e di Castel di Lucio nel messinese,
 +De Francesch è specifico di Ponte nelle Alpi nel bellunese, Defranceschi
 +è del trentino di Laives e di Trento, De Franceschi è molto
 +diffuso nel Veneto e nel Friuli, nel bolognese, e nella provincia romana
 +a Roma e Nettuno, sia De Francesco che Di Francesco sono tipici del centrosud,
 +derivano chiaramente, attraverso una forma matronimica o patronimica, dai nomi <i><font color="#3333FF">Francesca</font></i>
 +e <i><font color="#3333FF">Francesco</font></i>, con l'aggiunta della particella <i><font color="#3333FF">De</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Di,</font></i> che stanno ad indicare <i><font color="#3366FF">la
 +famiglia di</font></i>,<i><font color="#3366FF"> i figli di</font></i>
 +una Francesca o un Francesco, che erano quindi i nomi delle madri o dei
 +padri dei capostipiti.&nbsp; Troviamo tracce di queste cognominizzazioni
 +in Sicilia nella prima metà del 1300 con un certo Giacomo Di Francesco
 +di Sciacca, che possedeva beni feudali e burgensatici, che il Re Federico
 +IV°, dopo aver accertato un suo tradimento, tolse, quegli stessi beni,
 +che furono poi restituiti nel 1361 a Giacomo Di Francesco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FRANCHI
 +<br>DE FRANCHIS
 +<br>DE FRANCO
 +<br>DI FRANCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Franchi ha un piccolo ceppo ligure a genova e nello spezzino a Bonassola
 +e Levanto, ed uno lucano, De Franchis ha un ceppo a Roma, uno a Napoli
 +ed uno a Palermo, De Franco ha un ceppo nel napoletano, uno nel Salento,
 +uno a Cirò Marina e Crotone nel crotonese, a Laino Borgo e Laino
 +Castello, Mormanno e Cosenza nel cosentino ed uno tra messinese e catanese,
 +Di Franco è molto diffuso in tutto il centrosud, in particolare
 +in Sicilia, si tratta di forme patronimiche riferentesi a discendenti dei
 +figli di un Franco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FRANCISCI
 +<br>DE FRANCISCIS
 +<br>DEFRANCISCI
 +<br>DEFRANCISCIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Francisci presenta un ceppo nel milanese, probabilmente secondario,
 +uno a Roma, uno a Cagliari, ma il ceppo principale è in Sicilia
 +a Palermo soprattutto, ma anche a Caltagirone e catania nel catanese, a
 +Valguarnera Caropepe nell'ennese ed a Messina, De Franciscis sembrerebbe
 +tipico di Caserta e napoli, con un piccolo ceppo anche nel leccese, Defrancisci è quasi unico, mentre Defranciscis è proprio
 +unico, si
 +dovrebbe trattare di forme patronimiche dove il <i><font color="#3333FF">De</font></i>
 +sta per <i><font color="#666666">dei figli di</font></i>, indicando così
 +che il padre dei capostipiti si chiamasse <i><font color="#3333FF">Franciscus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Francesco</font></i>): "<font color="#CC33CC">..Fors
 +illis frater venit obvius, ordinis eius</font>
 +<br><font color="#CC33CC">qui </font><font color="#FF0000">de Francisci</font><font color="#CC33CC">
 +nomine nomen habet...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FRONZO
 +<br>DEFRONZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti abbastanza rari, sono tipici del barese della zona che comprende
 +Triggiano e Capurso, dovrebbero derivare dal cognomen latino Frontius, portato
 +ad esempio dal governatore della Britannia Sextus Julius Frontius nel I°
 +secolo d.C.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FULVIO
 +<br>DI FULVIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fulvio, molto molto raro, sembrerebbe romano, Di Fulvio è un
 +cognome tipicamente abruzzese, del teatino, di Fara Filiorum Petri in particolare,
 +si dovrebbe trattare di forme patronimiche dove il&nbsp; De o il Di stanno
 +per figlio di, un <i><font color="#3366FF">Fulvio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +FULVI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE FUSCHI
 +<br>DE FUSCO
 +<br>DI FUSCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Fuschi è assolutamente rarissimo, De Fusco e Di Fusco, molto
 +meno rari, hanno un ceppo nel casertano, De Fusco ne ha anche uno nel Salento,
 +derivano dal cognomen latino Fuscus (<font color="#993366">vedi Fusco</font>).&nbsp;
 +Un principio di questa cognominizzazione lo troviamo a Solofra (AV) nel 1195,
 +dove in un atto si legge: "<font color="#CC33CC">Anno millesimo centesimo
 +nonagesimo quinto et primo anno regni Domini Nostri Enrici Magnifici Imperatoris
 +Romanorum et semper Augusti Regis Siciliae ... ... De subtana parte finis
 +terra</font><font color="#FF0000"> Iohannis de Fusco</font><font color="#CC33CC">.
 +De uno latere finis Furca de Solofra quam tenet Cennamus. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GABRIELE
 +<br>DE GABRIELI
 +<br>DI GABRIELE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia De Gabriele che De Gabrieli sono molto rari e tipici del leccese, De
 +Gabriele di Veglie e De Gabrieli di Muro Leccese e Collepasso, Di Gabriele
 +ha un piccolo ceppo nel teramano e pescarese ed uno a Modica nel ragusano,
 +a Palermo ed a Rosolini nel siracusano, questi cognomi dovrebbero essere
 +tutti forme patronimiche riferite a capostipiti i cui padri si fossero
 +chiamati <i><font color="#3333FF">Gabriele</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GAETANI
 +<br>DE GAETANIS
 +<br>DE GAETANO
 +<br>DI GAETANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gaetani è della penisola salentina, soprattutto di Oria nel brindisino
 +e di Ugento e Melendugno nel leccese, De Gaetanis è specifico del
 +leccese, in particolare di Guagnano,&nbsp; De Gaetano è presente
 +a macchia di leopardo in tutto il sud, Di Gaetano ha ceppi in tutto il
 +centrosud, in particolare in Sicilia, dove è particolarmente diffuso
 +a Palermo, dovrebbe trattarsi di forme patronimiche riferite a capostipiti,
 +i cui padri si chiamassero con il nome <i><font color="#3333FF">Gaetano</font></i>,
 +nome che deriva dal latino <i><font color="#3366FF">Caietanus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">cittadino di Gaeta</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGAN
 +<br>DEGANI
 +<br>DEGANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degan è tipico delle province di Padova e Venezia, Degani è
 +più veronese e vicentino, con un ceppo nell'udinese, mentre Degano
 +è tipicamente udinese, derivano da un soprannome dialettale legato
 +al vocabolo <i><font color="#3333FF">decano</font></i> (la prima autorità
 +del Comune era il <i><font color="#3333FF">degan</font></i>, cioè
 +il <i><font color="#3333FF">decano</font></i>, nome latino ma di origine
 +longobarda), il ceppo udinese, potrebbe anche derivare da un nome di località
 +il <i><font color="#3333FF">Degano</font></i> è un fiume di quella
 +zona, che scorre appunto nella Val Degano.&nbsp; Tracce di questo cognome si hanno ad esempio nel 1300 con
 +il pievano di Arba (PN) <font color="#FF0000">Francesco Mattia Degano</font>
 +citato in un atto come Procuratore della comunità di Arba in una
 +controversia con la comunità di Tesis (PN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GARA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, forse di origine veronese. Potrebbe derivare da un soprannome
 +legato al termine germanico gaira (lancia).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori fornite da Petra
 +Sasso</font></font>
 +<br>Il nome De Gara non nasce nel veronese, ma le
 +origini della famiglia sono ungheresi, si sono spostati nel mondo partendo
 +dal paese di Gorjan, che anticamente si chiamava Gara (N.B.
 +il paese prende il nome dalla famiglia, non la famiglia dal paese).  Gia 
 +nel 1269 esiste la famiglia De Gara nel comitato
 +sloveno di Veroecze.&nbsp; In ungherese la<font color="#3366FF">
 +i</font><font color="#000000"> o </font><font color="#3366FF">y </font><font color="#000000">finale
 +equivale all'italiano de. quindi hanno origini comuni i cognomi Garay,
 +Garai e De Gara.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GASPERI
 +<br>DEGASPERI
 +<br>DE GASPERIS
 +<br>DEGASPERIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gasperi dovrebbe essere di origini lombardovenete, ha piccoli ceppi
 +in Lombardia nel sondriese e nel bresciano, ed in Veneto a Venezia e nel
 +padovano, con modeste presenze in Trentino e con un ceppo, probabilmente
 +non secondario ad Ardea e Pomezia nel romano, Degasperi è specifico
 +del Trentino Alto Adige, Di Trento in particolare e di Bolzano, De Gasperis
 +è tipico dell'area che comprende l'aquilano, il reatino, il romano,
 +il latinense e soprattutto il frusinate, Degasperis, quasi unico, è
 +dovuto ad un'errata trascrizione del precedente, si dovrebbe trattare di
 +forme patronimiche, dove il prefisso <i><font color="#3333FF">De-</font></i>
 +sta ad indicare <i><font color="#666666">quelli dei</font></i>, riferito
 +a capostipiti che facessero parte delle famiglie dei Gasperi o Gasperis,
 +indicando in questo modo i figli di un <i><font color="#3333FF">Gaspare</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GAUDENZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gaudenzi, molto raro, ha un ceppo nel basso verbanese ed uno tra varesotto
 +e milanese, si dovrebbe trattare di una forma patronimica in <i><font color="#3366FF">De</font></i>,
 +dove il De sta per <i><font color="#999999">figlio di</font></i>, relativo
 +alle famiglie di un figlio di un Gaudenzio (<font color="#CC33CC">vedi
 +GAUDENZI</font>). Troviamo tracce di questa cognominizzazione nell'anno
 +1666 quando Mario Aurelio de Gaudenzi è podestà di Santa
 +Croce di Civo nel sondriese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GAUDIO
 +<br>DEGAUDIO
 +<br>DEL GAUDIO
 +<br>DI GAUDIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gaudio, assolutamente rarissimo, ha un ceppo nel cosentino, in particolare
 +a Trebisacce, Degaudio è unico, ed è quasi sicuramente dovuto
 +ad un errore di trascrizione, Di Gaudio parrebbe siciliano con un ceppo
 +a Castelbuono, Palermo e Campofelice di Roccella nel palermitano, Del Gaudio
 +è tipico del napoletano, avellinese e salernitano, ha ceppi secondari
 +anche nel potentino, foggiano e casertano, dovrebbero derivare dal nome
 +gratulatorio medioevale, <i><font color="#3366FF">Gaudius</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Gaudia</font></i> (<i><font color="#999999">piena
 +di grazie e di bontà</font></i>) (<font color="#CC33CC">vedi GAUDI</font>),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo fin dal 1200 in un atto
 +leggiamo che il nobile Patrizio napoletano Bartolomeo Caracciolo Pisquizi
 +si congiunge in matrimonio con Teodora Capece Del Gaudio, nello stesso
 +secolo Bartolomeo Carafa signore di Ripalonga sposa Teodora del Gaudio
 +di Sessa Aurunca (CE), nella stessa epoca Giacomo Del Gaudio diviene signore
 +di Carinola (CE).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GENNARO
 +<br>DEGENNARO
 +<br>DI GENNARO
 +<br>DIGENNARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gennaro e Di Gennaro sono molto diffusi in tutto il sud, nel teramano,
 +nel napoletano e casertano, in tutta la Puglia, ma prevalentemente nel
 +foggiano, nel barese e nel tarentino ed in Calabria nel cosentino, la forma
 +unita Degennaro è tipica del barese, Digennaro è specifico
 +di Gravina In Puglia (BA), derivano dal nome Gennaro ad indicare la famiglia
 +di un figlio di un Gennaro. (<font color="#CC33CC">vedi GENNARI</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GEROMINI
 +<br>DE GERONIMI
 +<br>DE GERONIMO
 +<br>DE HIERONYMIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Geromini, quasi unico, è ligure dello spezzino, De Geronimi,
 +assolutamente rarissimo, sembrerebbe ligure, De Geronimo, abbastanza raro,
 +sembrerebbe tipicamente napoletano, De Hieronymis è quasi unico,
 +dovrebbe trattarsi di vari tipi di forme patronimiche, dove il prefisso
 +<i><font color="#3333FF">De-</font></i> sta per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti si fosse chiamato <i><font color="#3333FF">Hieronymus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Geronimo</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GEROMINI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GHENGHI
 +<br>DEGHENGHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo sembrerebbero del nord Italia, probabilmente dell'alto
 +Veneto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIACOBBE
 +<br>DI GIACOBBE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giacobbe, quasi unico, è probabilmente dell'Italia settentrionale
 +occidentale, Di Giacobbe, sempre molto raro, è tipico invece della
 +fascia che comprende il teramano a Nereto, Bisenti e Teramo, il reatino,
 +in particolare a Montopoli di Sabina, e Roma, si tratta di forme patronimiche
 +,dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> ed il <i><font color="#3366FF">Di</font></i>
 +stanno per <i><font color="#999999">il figlio di</font></i>, riferito ad
 +un capostipite il cui padre si chiamava <i><font color="#3366FF">Giacobbe</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GIACOBBE</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIACOMI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giacomi è tipicamente lombardo del bresciano, della zona di Caino
 +e Nave, con presenze significative anche nel sondriese a Buglio in Monte,
 +e tracce anche in Emilia, si dovrebbe trattare di una forma patronimica,
 +abbastanza recente, dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> sta
 +per <i><font color="#999999">figlio di </font></i>e si riferisce ad un
 +<i><font color="#3366FF">Giacomo</font></i> padre del capostipite della
 +famiglia, tracce di questa cognominizzazione le troviamo nella seconda
 +metà del 1600 a Vignola nel modenese, dove un certo signor Giacomo
 +de Giacomi ottiene "<font color="#CC33CC">la condotta della macina, negozio
 +spettante allo stato</font>", nel 1857 a Gordona (SO) dove troviamo un
 +Francesco de Giacomi fu Domenico che compare in un Giudizio in qualità
 +di procuratore, tra il 1891 ed il 1894 un Cav. Innocenzo De Giacomi compare
 +come supplente nella deputazione provinciale di Sondrio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIAMPAOLIS
 +<br>DE GIAMPAULIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giampaolis, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un
 +errore di trascrizione di De Giampaulis, che, assolutamente rarissimo,
 +sembrerebbe tipico del Salento, questi cognomi dovrebbero derivare da forme
 +patronimiche, dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i> sta per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>, riferito ad un capostipite il cui padre si chiamasse <i><font color="#3366FF">Giampaolo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIAMPIETRO
 +<br>DEGIAMPIETRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degiampietro è tipicamente trentino, di Cavalese e Moena, De Giampietro
 +è quasi unico, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica indicante
 +che il capostipite era figlio di un Giampietro e dove il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +sta appunto per figlio di.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIANNI
 +<br>DI GIANNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Gianni ha un ceppo, nel sondriese, uno in Veneto ed uno a Bisaccia nell'avellinese,
 +Di Gianni è specifico della zona che comprende il foggiano, l'avellinese,
 +il napoletano ed il salernitano, con maggiori presenze a Foggia, Carapelle
 +ed Ascoli Satriano nel foggiano, a Bisaccia e Rocca San Felice nell'avellinese,
 +ad Ottaviano nel napoletano, ed a Salerno e Laviano nel salernitano, si
 +dovrebbe trattare di una forma patronimica dove il <i><font color="#3333FF">De-
 +</font></i>ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stanno per il
 +figlio di, riferito a capostipiti, il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Gianni</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIGLIO
 +<br>DEL GIGLIO
 +<br>DI GIGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giglio è tipicamente meridionale, con un piccolo ceppo nel casertano,
 +uno altrettanto piccolo nel reggino ed uno, il più consistente,
 +in Puglia, di Bari in particolar modo, con presenze significative anche
 +a Molfetta, Triggiano, Valenzano e Modugno nel barese, Del Giglio ha un
 +piccolo ceppo a Monopoli nel barese, con presenze in Basilicata e nel reggino,
 +Di Giglio, sempre meridionale, ha un ceppo a Mirabello Sannitico e Campobasso
 +nel campobassano, un piccolo ceppo nel barese a Noicattaro e Sannicandro
 +di Bari ed a San Nicandro Garganico nel foggiano, un ceppo ancora più
 +piccolo nel materano a Stigliano ed Aliano, ed un ceppo a Laureana del
 +Borrello nel reggino, si dovrebbe trattare di forme patronimiche dove il
 +<i><font color="#3333FF">De-</font></i>, il <i><font color="#3333FF">Del-</font></i>
 +ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stessero per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti, i cui padri si fossero chiamati
 +<i><font color="#3333FF">Giglio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GIGLI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGIOANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degioanni è specifico del cuneese, di Cuneo, Vinadio ed Aisone,
 +dovrebbe derivare dome forma patronimica da una modificazione dialettale
 +del nome Giovanni e starebbe ad indicare che il padre del capostipite si
 +chiamava appunto Giovanni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIORGI
 +<br>DE GIORGIO
 +<br>DE GIORGIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giorgi è distribuito in tutt'Italia, con prevalenza nel Salento,
 +ma con ceppi anche a Cagliari, Palermo, Napoli ed al nord, De Giorgio ha
 +un grosso nucleo in Puglia, soprattutto tra le province di Taranto, Bari
 +e Brindisi, ha un ceppo nel catanzarese ed uno nel napoletano, De Giorgis
 +ha forse un ceppo in Piemonte e probabilmente uno nel Gargano. Questi cognomi
 +derivano dal nome Giorgio.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">notizie ulteriori  fornite dal barone Ugo Antonio Bella</font></font>
 +<br>De Giorgi è presente nell'età imperiale Georgìus,
 +adattamento dell'antico greco Gheorghios, derivato da gheorgòs "
 +agricoltore". Il cognome si diffuse in tutta la cristanità occidentale
 +e orientale per il culto di S. Giorgio, martirizzato alla fine del III°
 +secolo, patrono o compatrono di molte città italiane.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gianfranco
 +De Giorgi</font></font>
 +<br>Un ceppo di De Giorgi è originario di Fabiasco nel varesotto,
 +il cognome si consolida nei primi decenni del 1500.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIOVANNI
 +<br>DEGIOVANNI
 +<br>DI GIOVANNI
 +<br>DIGIOVANNI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giovanni è presente a macchia di leopardo in tutta l'Italia peninsulare,
 +ha un importante nucleo nel Salento, un ceppo nel cosentino, uno a Napoli,
 +a Roma e tra bolognese e ravennate e nel milanese e torinese, Degiovanni
 +è tipicamente piemontese, Di Giovanni, pur essendo anch'esso presente
 +in tutta la penisola, ha una maggiore rappresentatività dal Lazio
 +in giù, particolarmente in Abruzzo, Campania settentrionale e Sicilia,
 +Digiovanni, molto molto raro, parrebbe del barese, forse con un ceppo secondario
 +nel torinese, derivano tutti dal nome <i><font color="#3366FF">Giovanni</font></i>
 +il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +o il <i><font color="#3366FF">Di</font></i> vengono intesi soprattutto
 +al centrosud come <i><font color="#3366FF">figli di</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Cosimo
 +de Giovanni de Centelles</font></font>
 +<br>Deriva - come è risaputo -&nbsp; dal patronimico di Giovanni
 +ma la sua formazione cambia da regione a regione e secondo i tempi. Essa
 +è diffusa in tutta Italia.&nbsp; Presenti in Napoli i De Giovanni
 +Greuther principi di S. Severina per successione Greuther. Abbiamo i De
 +Giovanni della Lombardia con il titolo di Nobili. Il Crollallanza indica
 +un altro ramo: quelli del Piemonte con titolo di Conti di Gualtieri. Diffuso
 +è anche in Terra d'Otranto. In Maglie nel XVII secolo esisteva il
 +feudatario Donato Giannetta De Giovanni. In Corsano (LE) ricoprivano la
 +carica di sacerdoti di rito greco ortodosso in quanto <i><font color="#666666">chierici
 +coniugati</font></i>. Attualmente sono rappresentati dal ramo del cav.
 +Cosimo De Giovanni fu Angelo.&nbsp; Ne esistono anche in Sicilia quali
 +Principi di Trecastagni e Precacore.&nbsp; In realtà i De Giovanni
 +delle Puglie e della Sicilia discenderebbero dal figlio di don Antonio
 +Centelles marchese di Catanzaro: Don Giovanni Centelles che ebbe come moglie
 +una figlia naturale - Margherita- del Principe di Taranto Giovanni Antonio
 +del Balzo Orsini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIROLAMO
 +<br>DI GIROLAMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Girolamo è proprio dell'area compresa tra Puglia, Basilicata
 +e Campania, Di Girolamo ha un nucleo nell'area che comprende Lazio, Abruzzo,
 +Molise, Campania e Puglia, con un ceppo anche nella Sicilia occidentale,
 +derivano da forme patronimiche del nome Gerolamo, si riferiscono cioè
 +a famiglie dei figli di un Gerolamo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIROMINO
 +<br>DE GIRONIMO
 +<br>DI GIROMINO
 +<br>DI GIRONIMO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giromino, quasi unico, parrebbe calabrese del cosentino, De Gironimo
 +è tipicamente pugliese, ha un ceppo a Francavilla Fontana nel brindisino
 +ed uno piccolo a Foggia, Di Giromino, anch'esso unico, sembrerebbe del
 +Salento, Di Gironimo ha un piccolo ceppo nel teatino e presenze in Molise,
 +Campania e Puglia, dovrebbero tutti derivare da forme patronimiche del
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Giromino</font></i> o <i><font color="#3366FF">Gironimo</font></i>
 +modificazioni arcaiche del nome <i><font color="#3366FF">Gerolamo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi GEROMINI</font>), il <i><font color="#3366FF">De</font></i>
 +ed il <i><font color="#3366FF">Di</font></i> starebbero per <i><font color="#999999">figlio
 +di</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIUDICE
 +<br>DE GIUDICI
 +<br>DEI GIUDICI
 +<br>DEL GIUDICE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giudice è quasi unico, De Giudici, appena meno raro, sembrerebbe
 +più del nord, Dei Giudici è decisamente laziale, di Sonnino
 +(LT) in particolare, Del Giudice è diffuso a macchia di leopardo
 +in tutt'Italia, ma con massima concentrazione in Campania e Puglia, potrebbero
 +derivare dall'essere il capostipite legato in qualche modo o all'incarico
 +di giudice, o all'aver servito, presso un giudice. Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo a Trieste agli inizi del 1300 con Baldo De Giudici, iscritto
 +nell'elenco dei notai della Serenissima.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIULI
 +<br>DEGIULI
 +<br>DE GIULIO
 +<br>DE IULI
 +<br>DE IULIIS
 +<br>DE IULIS
 +<br>DE IULIO
 +<br>DE JULIIS
 +<br>DE JULIS
 +<br>DI GIULI
 +<br>DIGIULI
 +<br>DI GIULIO
 +<br>DI IULIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giuli presenta un forte ceppo nel Lazio, uno nel veneto occidentale
 +ed uno nel novarese, Degiuli sembrerebbe del piemonte, del novarese in
 +particolare, De Giulio ha un ceppo barese ed uno nel napoletano a Saviano
 +e Palma Campania, De Iuli è quasi unico, De Iuliis e De Juliis sono
 +tipicamente abruzzesi, ma con ceppi significativi anche a Roma e nel Lazio,
 +De Iulio ha un ceppo a Roma ed uno a nel napoletano a Castellammare di
 +Stabia, Pompei e Napoli, De Iulis e De Julis sono tipicamente laziali di
 +Sant`Oreste nel romano e di Roma il primo, solo di Sant`Oreste il secondo,
 +Di Giuli ha un ceppo tra Rimini ed il vicino pesarese, uno a Terni, ad
 +Arrone nel ternano ed uno a Roma, Digiuli, quasi unico, dovrebbe essere
 +dovuto ad errate trascrizioni del precedente, Di Giulio è molto
 +diffuso in Abruzzo, Lazio, Campania e Puglia, Di Iulio ha un ceppo romano,
 +in Abruzzo a Chieti, Pescara, Vicoli nel pescarese, Barrea nell'aquilano
 +e Francavilla al Mare nel teatino, ed un ceppo a Maddaloni nel casertano,
 +dovrebbero derivare da un capostipite figlio di un <i><font color="#3333FF">Giulio</font></i> o <i><font color="#3333FF">Julius</font></i>
 +nomi derivati dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Iulius</font></i>
 +o dal nome della <i><font color="#3333FF">gens Iulia</font></i> o dall'appartenere
 +in qualità di Liberti o comunque sottoposti ai <i><font color="#3333FF">Giuli</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIUSEPPE
 +<br>DI GIUSEPPE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giuseppe, abbastanza diffuso, è tipico della penisola Salentina,
 +di Uggiano la Chiesa, Minervino di Lecce, Otranto, Tricase, Maglie e Lecce
 +nel leccese, di Locorotondo, Alberobello e Bari nel barese e di San Pietro
 +Vernotico nel brindisino, Di Giuseppe è molto diffuso in tutto il
 +centrosud, Sicilia compresa, dovrebbero derivare da forme patronimiche,
 +dove il <i><font color="#3333FF">De-</font></i> ed il <i><font color="#3333FF">Di-</font></i>
 +stanno per <i><font color="#666666">figlio di</font></i>, riferito a capostipiti
 +il cui padre si chiamasse <i><font color="#3333FF">Giuseppe</font></i>.
 +(<font color="#CC33CC">vedi anche GIUSEPPA</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GIUSTI
 +<br>DEGIUSTI
 +<br>DE GIUSTO
 +<br>DI GIUSTO
 +<br>DIGIUSTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">De Giusti ha un ceppo nell'area che comprende la provincia veneta di Treviso
 +e quelle friulane di Pordenone ed Udine ed un ceppo a Roma e ad Olevano
 +Romano (RM), Degiusti, quasi unico, è probabilmente dovuto ad errori
 +di trascrizione del precedente, De Giusto e Digiusto, quasi unici, sembrerebbero
 +dell'Italia settentrionale orientale, del Friuli Venezia Giulia in particolare,
 +Di Giusto è specifico dell'udinese, di Treppo Grande, Udine, Magnano
 +in Riviera, Gemona del Friuli, Majano, Mortegliano, Povoletto e Palmanova,
 +tutti questi cognomi dovrebbero derivare da forme patronimiche del nome <i><font color="#3366FF">Giusto</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +GIUSTI</font>), o anche dal fatto di essere il capostipite un ramo secondario
 +di una famiglia Giusti, in questo caso il <i><font color="#3366FF">de</font></i>
 +è normalmente minuscolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGLI ANTONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degli Antoni, molto raro, ha un piccolo ceppo tra pavese e piacentino ed
 +uno nel modenese, dovrebbe trattarsi di una forma patronimica, dove il
 +<i><font color="#3333FF">Degli</font></i> sta ad indicare <i><font color="#666666">appartenenza
 +alla famiglia degli</font></i> Antoni, cioè ad un ceppo originato
 +da un capostipite di nome <i><font color="#3333FF">Antonio</font></i>,
 +dal nome greco <i><font color="#3333FF">Antionos</font></i> (<i><font color="#3333FF">Antuonos</font></i>),
 +che significa <i><font color="#666666">nato prima</font></i> (<i><font color="#3333FF">ante
 +gnatos</font></i> con la stessa radice di <i><font color="#666666">antenato</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGLI ESPOSTI
 +<br>DEGLIESPOSTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degli Esposti è tipico del bolognese e del modenese, con ceppi anche
 +nel perugino ed a Roma, Degliesposti, molto più raro, è tipico
 +di Bologna, dovrebbero derivare dal fatto di essere il capostipite un bambino
 +abbandonato (<font color="#CC33CC">vedi Espositi</font>) cioè <i><font color="#999999">uno
 +degli esposti alla pubblica carità</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGLI INNOCENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degli Innocenti sembra tipico del fiorentino, si tratta di un cognome dato
 +ad alcuni trovatelli, in quanto abbandonati presso lo Spedale degli Innocenti
 +di Firenze.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGLI OSTI
 +<br>DELL'OSTE
 +<br>DE OSTI
 +<br>OSTE
 +<br>OSTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degli Osti, quasi unico, sembrerebbe dell'area lombardoveneta, Dell'Oste
 +ha un ceppo nell'udinese, in particolare a Pasian di Prato ed Ovaro, ed
 +uno nel beneventano, a Benevento ed a Sant'Angelo a Cupolo, De Osti, molto
 +molto raro, sembrerebbe del veneziano, in particolare di Ceggia, Oste,
 +assolutamente rarissimo, potrebbe essere campano, Osti è molto diffuso
 +in Trentino, nel Veneto ed in Emilia e Romagna, con un piccolo ceppo anche
 +a Firenze e Grosseto, questi cognomi dovrebbero derivare dal fatto che
 +i capostipiti appartenessero alla corporazione degli osti, albergatori
 +e ristoratori e svolgessero appunto il mestiere di oste, corporazione che
 +ha origini molto antiche ed in alcune città risale all'epoca medioevale.
 +Da un punto di vista etimologica il termine <i><font color="#3333FF">oste</font></i>
 +deriva dalla voce latina <i><font color="#3333FF">hostem</font></i> (<i><font color="#3333FF">hostis,
 +hostis</font></i>), che in un primo tempo significava <i><font color="#333333">forestiero,
 +straniero</font></i>, poi acquisì il significato di <i><font color="#666666">nemico,
 +avversario</font></i>, in seguito venne assimilato alla voce latina <i><font color="#3333FF">hospes,
 +hospitis</font></i>, che identifica sia <i><font color="#333333">chi ospita
 +</font></i>che <i><font color="#000099">chi viene ospitato</font></i>,
 +cioè sia il forestiero che chi accoglie il forestiero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGLI UOMINI
 +<br>DEGLIUOMINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Degli Uomini, molto molto raro, che l'ancora più raro Degliuomini,
 +sembrerebbero dell'area veneto, friulana, la loro etimologia, probabilmente
 +derivata da un soprannome, è comunque oscura.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DEGNI
 +<br>DEGNO
 +<br>DIGNI
 +<br>DIGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degni ha un ceppo a Roma, presenze nel frusinate, un piccolo ceppo a Napoli
 +ed uno più consistente a Barletta e Canosa di Puglia nel barese
 +ed a Stornarella nel foggiano, Degno è specifico di Comiso nel ragusano
 +e di Serradifalco nel nisseno, Digni è praticamente unico, Digno
 +ha un ceppo a Tursi nel materano, questi cognomi dovrebbero derivare dal
 +nome medioevale <i><font color="#3333FF">Dignus</font></i> o <i><font color="#3333FF">Degno</font></i>,
 +attribuito dai genitori che augurassero così ai figli di essere
 +degni del loro lignaggio, della loro famiglia o più semplicemente
 +dell'amore di Cristo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">DE GOBBI
 +<br>DEGOBBI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Degobbi è assolutamente rarissimo, è probabilmente dovuto
 +ad errori di trascrizione del cognome D