User Tools

Site Tools


cognomi_italiani_b

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

cognomi_italiani_b [2020/02/17 13:40] (current)
Line 1: Line 1:
 +====== Italian Surnames - Cognomi Italiani - B ======
 +
 +[[cognomi_italiani|Start]] · [[cognomi_italiani_a|A]] · [[cognomi_italiani_b|B]] · [[cognomi_italiani_c|C]] · [[cognomi_italiani_d|D]] · [[cognomi_italiani_e|E]] · [[cognomi_italiani_f|F]] · [[cognomi_italiani_g|G]] · [[cognomi_italiani_h|H]] · [[cognomi_italiani_i|I]] · [[cognomi_italiani_j|J]] · [[cognomi_italiani_k|K]] ·  [[cognomi_italiani_l|L]] · [[cognomi_italiani_m|M]] · [[cognomi_italiani_n|N]] · [[cognomi_italiani_o|O]] ·  [[cognomi_italiani_p|P]] · [[cognomi_italiani_q|Q]] · [[cognomi_italiani_r|R]] · [[cognomi_italiani_s|S]] ·  [[cognomi_italiani_t|T]] · [[cognomi_italiani_u|U]] · [[cognomi_italiani_v|V]] · [[cognomi_italiani_w|W]] ·  [[cognomi_italiani_x|X]] · [[cognomi_italiani_y|Y]] · [[cognomi_italiani_z|Z]]
 +
 +<html>
 +<table border="" cellpadding="0" cellspacing="0" width="100%">
 +
 +<tbody><tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BABARE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, quasi unico, potrebbe essere vicentino, potrebbe
 +derivare da una modificazione dell'aggettivo babarus (barbaro) modificazione
 +istriana del vocabolo barbarus.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BABBARO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, quasi unico, potrebbe essere salernitano, potrebbe
 +derivare da una modificazione dialettale dell'aggettivo barbarus (barbaro).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BABBI
 +<br>BABBO
 +<br>BABI
 +<br>BABO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Babbi è tipicamente romagnolo, del cesenate in particolare, di Cesena,
 +Gambettola nel cesenate e Rimini, Babbo ha un ceppo veneto, ad Eraclea,
 +San Donà di Piave ed Iesolo nel veneziano, un ceppo nell'aquilano
 +ad Avezzano e Rocca di Mezzo, ed uno a Conversano nel barese ed a Lecce,
 +Babi, quasi unico è forse toscano, Babo, molto raro, sembrerebbe
 +avere un ceppo a Pozzuoli nel napoletano, questi cognomi potrebbero derivare
 +da soprannomi originati dal termine italiano <i><font color="#3333FF">babbo</font></i>
 +(<i><font color="#666666">padre</font></i>), ma è anche possibile
 +che in molti casi derivino dal nome medioevale di origine franca <i><font color="#3333FF">Babo</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Babonis</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +nel <i><font color="#3366FF">Dictorum ed factorum memorabilium</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">..Vixit autem hic </font><font color="#FF0000">Babo</font><font color="#CC33CC">
 +sub D. Henrico Rom.Imperat. fuitque D. Chunegundae aulae praefectus. Contigit
 +autem, cum Caesar Reginoburgii circa annum Domini 1015. habitaret, atque
 +solatii causa venationem indixisset, quo </font><font color="#FF0000">Babonem</font><font color="#CC33CC">
 +una venatum ire iussit cum paucis comitib. </font><font color="#FF0000">Babo</font><font color="#CC33CC">
 +itaque sperans opportunum se tempus nactum quo liberos suos Caesari commendaret:
 +iuvenes scitos admodum, cultu egregie ornat, et unicuique comitem adiungit:
 +cumque tali filiorum comitatu ad Imperatorem venatum venit. Caesar visa
 +multitudine Comitum, </font><font color="#FF0000">Babonem</font><font color="#CC33CC">
 +vocat sciscitaturque Curnam, cum paucis venire iussus, rorequites adduceret?
 +</font><font color="#FF0000">Babo</font><font color="#CC33CC"> respondit:
 +Cum unoequidem duntaxat famulo praestosum. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BABILANI
 +<br>BABILI
 +<br>BABILIO
 +<br>BABILONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Babilani e Babiloni, quasi unici sembrerebbero del nord Italia, Babili,
 +altrettanto raro, parrebbe del centro, Babilio, se possibile ancora più
 +raro, sembrerebbe del sud, dovrebbero derivare dai nomi medioevali <i><font color="#3366FF">Babilius</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Babilonius</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +nell'anno 1200 a Cremona in una <i><font color="#3366FF">Carta dati nomine
 +venditionis</font></i>: "<font color="#CC33CC">...atque Arnoldi, devoti
 +de eadem ecclesia, et Buxoli atque Iacopini, servientes </font><font color="#FF0000">Petri
 +Babilonii</font><font color="#CC33CC">, et Romei de Pampuris atque Dognini
 +de Sancto Baxiano, testium rogatorum, </font><i><font color="#FF0000">Petrus
 +Babilonius</font></i><font color="#CC33CC">, qui fuit confessus se lege
 +vivere Longobardorum, fecit datum vendicionis nomine in domino Rainoldo,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BABUSCI
 +<br>BABUSCIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Babusci è specifico di San Vincenzo Valle Roveto nell'aquilano e
 +della città di Roma, Babuscio, estremamente raro, sembra del napoletano,
 +dovrebbero derivare dal nomen latino Babudius, portato ad esempio da Babudius
 +Severus centurione della IXa legione sotto la guida di Cesare in Spagna,
 +come leggiamo in questa antica lapide latina: "<font color="#CC33CC">L</font><font color="#000000">(uci)
 +</font><font color="#CC33CC">Semproni Fla - vini mil</font><font color="#000000">(i)</font><font color="#CC33CC">t</font><font color="#000000">(i)</font><font color="#CC33CC">s
 +leg</font><font color="#000000">(ionis)</font><font color="#CC33CC"> VIIII
 +- |</font><font color="#000000">(centuria)</font><font color="#CC33CC">
 +</font><font color="#FF0000">Babudi Severi </font><font color="#CC33CC">-
 +aer</font><font color="#000000">(um)</font><font color="#CC33CC"> VII an</font><font color="#000000">(n)</font><font color="#CC33CC">or</font><font color="#000000">(um)</font><font color="#CC33CC">
 +XXX - </font><font color="#000000">(H)</font><font color="#CC33CC">ispani
 +Galeria - Clunia</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BABUSCI, BABUSCIO - Presente nel Lazio e in Puglia (Foggia), è
 +una variante soprannominale del cognome Babbo, dal latino parlato *babbu(m),
 +come vocabolo di formazione (ba,ba,ba.) e d'uso per indicare il padre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCALA'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccalà, molto raro, è specifico di Vasto nel teatino, potrebbe
 +trattarsi di un'italianizzazione del cognome slavo <i><font color="#3366FF">Bakal</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BACCALÀ - Dal latino medievale '<i><font color="#3333FF">baccalaris</font></i>'
 += <i><font color="#666666">persona che ha seguito degli studi</font></i>,
 +che è un <i><font color="#666666">baccalaureato</font></i>. Cfr.
 +O. Lurati, Perchè ci chiamiamo così?, 2000, p. 105.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCARANI
 +<br>BACCARI
 +<br>BACCARIN
 +<br>BACCARINI
 +<br>BACCARINO
 +<br>BACCARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccarani è abbastanza raro ed è specifico del modenese,
 +Baccari sembra laziale, Baccarin è tipicamente veneto, del padovano,
 +di Padova, Abano Terme, Torreglia ed Albignasego, e del vicentino, di Dueville,
 +Villaverla e Vicenza, Baccarini ha un grosso ceppo emiliano, a Ravenna,
 +Faenza e Bagnacavallo nel ravennate, a Modena, Reggio Emilia, Parma ed
 +Argenta nel ferrarese, uno umbro, a Città di Castello e Gubbio nel
 +perugino ed uno a Roma e Lanuvio nel romano, Baccarino è quasi unico,
 +Baccaro tipico del sud ha un ceppo importante in Puglia, uno secondario
 +in Campania e forse nel basso Veneto, dovrebbero derivare, direttamente
 +o attraverso modificazioni ipocoristiche, dal nome medioevale italiano
 +<i><font color="#3333FF">Baccario</font></i> derivato dal nome iberico
 +latino <i><font color="#3333FF">Bacurius</font></i> di cui abbiamo esempio
 +nel <font color="#3366FF">Rerum gestarum</font>
 +del IV° secolo di Ammiano Marcellino : "<font color="#CC33CC">...Cui
 +malo aliud quoque accedebat exitiale, quod homines et iumenta cruciabat
 +inedia gravis sagittari et scutarii, quos </font><font color="#FF0000">Bacurius
 +Hiberus</font><font color="#CC33CC"> quidam tunc regebat et Cassio, avidius
 +impetu calenti progressi,...</font>"; tracce di queste cognominizzazioni
 +si trovano a Napoli nel XVIII° secolo con il mastro argentiere Luca
 +Baccaro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCEGA
 +<br>BACCIGA
 +<br>BACEGA
 +<br>BACIGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccega è tipicamente veneto, di Iesolo nel veneziano, di Galliera
 +Veneta, Piombino Dese e Piazzola sul Brenta nel padovano e di Mussolente
 +nel Vicentino, Bacciga è estremamente raro ed è tipico del
 +veronese, Bacega, estremamente raro, parrebbe emiliano, Baciga, leggermente
 +meno raro, è specifico del veronese, di Povegliano Veronese soprattutto
 +e di Verona, dovrebbero derivare da un soprannome dialettale, originato
 +dal termine <i><font color="#3366FF">baccega</font></i> o <i><font color="#3366FF">bacciga</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bilancia</font></i>), riferito al capostipite,
 +che potrebbe essere stato una persona incerta e poco propensa a prendere
 +decisioni, o anche uno che usava lo strumento da pesca detto bilancere,
 +utilizzato ancor oggi, soprattutto sui fiumi e canali lagunari.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCELIERE
 +<br>BACCELIERI
 +<br>BACELIERE
 +<br>BACELIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00baccelieri.gif" nosave="" align="LEFT" width="120" height="120"><font size="-1">Baccelliere, molto molto raro, è specifico di Oppido Lucano (PZ),
 +Baccellieri altrettanto raro è tipico di Sannicandro (BA), Baceliere
 +e Bacelieri sono probabilmente errori di trascrizione dei precedenti, dovrebbero
 +derivare da soprannomi originati dal vocabolo baccelliere che nel medioevo
 +individuava il primo livello dei cavalieri, o tra i discepoli di un'università
 +quanti avessero studiato studiato per cinque anni Diritto Canonico e per
 +sette anni Diritto Civile.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Carlo Baccellieri</font></font>
 +<br>Il cognome Baccellieri è molto diffuso anche a Reggio Calabria,
 +oltre che in Emilia-Romagna e Genova. Un'antica famiglia Baccellieri è
 +documentata anche a Pistoia. Un mio avo giunse a Reggio Calabria da Marsiglia
 +o Marselle (Corsica). Nel libro di Orsu Ghjuvanni Caporossi Cronica di
 +A CORSICA (Aiaccio) che fa un elenco delle famiglie nobili della Corsica
 +si legge: "<i><font color="#CC66CC">.</font><font color="#FF0000">BACCELLIERI
 +</font><font color="#CC66CC">ou </font><font color="#FF0000">BACCIALERI</font><font color="#CC66CC">
 +Ghjuvanni (ou Ghjuseppe) Maria: (quinzième siècle) De Ville
 +di Parasu en Balagna. En 1454, il reçoit une reconnaissance de noblesse,
 +de la part de l'Ufficio di San Giorgio. Il est à l'origine de la
 +famille Baccialleri ou Baccellieri de Ville di Parasu.</font></i>"
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Prof.Vito
 +Zullo</font></font>
 +<br>le origini della parola <i><font color="#666666">baccelliere</font></i>
 +sono diverse, si riferisce sia a colui che ha ottenuto il primo grado accademico
 +allo studio delle scienze o delle lettere, sia al giovane gentiluomo che
 +faceva il primo passo nella professione delle armi e della cavalleria;
 +<i><font color="#3366FF">de baccilleriis</font></i> si hanno notizie a
 +partire dal 1530 in Cassano (ora delle Murge) comune limitrofo a Sannicandro
 +di Bari. L'antico cognome è presente nei registri dei benefici in
 +favore della chiesa madre di Cassano: "<font color="#CC33CC">...iuxta vineas
 +ecclesiae possedeva danesij de </font><font color="#FF0000">baccilleriis</font><font color="#CC33CC">...</font>"
 +Inoltre in Cassano rogava dal 1563 "<font color="#CC33CC">...iudice terra
 +Cassani me notaro stepho de riccha seu de </font><font color="#FF0000">baccillerio</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCHI
 +<br>BACCHIN
 +<br>BACCHINI
 +<br>BACCHINO
 +<br>BACCO
 +<br>BACHI
 +<br>BACHIN
 +<br>BACHINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bacchi ha un ceppo nel cremonese e mantovano, in Emilia e Romagna, nel
 +fiorentino e pisano, nell'anconetano, perugino, ternano, viterbese e romano
 +ed in Sicilia nel palermitano, trapanese ed agrigentino, Bacchin è
 +specifico dell'area veneta che comprende il vicentino, il padovano soprattutto,
 +il trevisano ed il veneziano, Bacchini ha un ceppo tra vicentino e padovano
 +uno in Emilia, in particolare nel parmense ed in Romagna, in particolare
 +nel ravennate e riminese, ed un ceppo a Roma, Bacchino è praticamente
 +unico, Bacco ha un ceppo veneto nel veronese, rovigoto, vicentino, veneziano
 +e soprattutto padovano, un ceppo nell'alessandrino, uno nel salernitano
 +ed uno nel barese, Bachi è decisamente toscano, di Fucecchio nel
 +fiorentino, di Castelfranco di Sotto e Santa Croce sull'Arno nel pisano
 +e di Livorno, Bachin, quasi unico è del sud della Lombardia, Bachini
 +ha un nucleo in Toscana nel pisano a Santa maria a monte, Castelfranco
 +di Sotto, Pontedera e San Miniato, a Livorno, a Bibbiena nell'aretino,
 +a Borgo a mozzano nel lucchese ed a Fucecchio nel fiorentino, un ceppo
 +a Perugia ed uno a Canino nel viterbese ed a Roma, dovrebbero derivare
 +da forme apocopatiche del nome <i><font color="#3366FF">Bachisius</font></i>,
 +anche attraverso ipocoristici, in qualche caso dialettali, o anche da forme
 +alterate del nome latino <i><font color="#3333FF">Bacchus</font></i>, nome
 +del dio del vino e dei vizi (equivalente del Dioniso greco), ma anche dal
 +nome <i><font color="#3333FF">Bacco</font></i> di un santo martire san
 +<i><font color="#3333FF">Bacco</font></i> compagno di San Sergio, tutti
 +nomi forse portati dai capostipiti, ma la cosa più probabile è
 +che derivino invece dall'aferesi di forme peggiorative del nome <i><font color="#3333FF">Jacobus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCHIEGA
 +<br>PACCHIEGA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bacchiega è tipico di Rovigo e del rovigoto, con un ceppo anche
 +a Bolzano, anche Pacchiega è veneto, ma più tipico di Caverzere
 +nel veneziano, di difficile interpretazione, potrebbero derivare, direttamente
 +o tramite una modificazione fonetica che abbia sostituito la P alla B,
 +da un soprannome originato dal termine <i><font color="#3366FF">bacchio</font></i>
 +(<i><font color="#999999">bastone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCHIS
 +<br>BACHIS</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bacchis, molto raro, è specifico dell'iglesiente, Bachis decisamente
 +molto meno raro, è specifico del cagliaritano, in particolare di
 +Silòiqua, ma anche di Decimomannu, Cagliari e Selargius e di Villamassargia
 +e Sant'Antioco nell'iglesiente.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe Concas</font></font>
 +
 +<br>BACHIS; BACCHIS:&nbsp; cognome diffuso nella Sardegna meridionale,
 +con la punta più alta a Siliqua 149. Siamo convinti che&nbsp; il
 +cognome sia nato in questo paese di 4150 abitanti,della provincia di Cagliari.
 +Diversi anziani di Siliqua, i quali portano questo cognome, da noi interpellati
 +per telefono hanno affermano che i loro lontani parenti provenivano dal
 +centro Sardegna, da Fonni alcuni, da Bolotana altri. Sta di fatto che Siliqua,
 +Domusnovas, Vallermosa, Villamassargia e altri paesi della valle del Cixerri,
 +sono stati sottoposti, nell'arco dei secoli, per l'abbondanza dei pascoli,
 +a forte immigrazione dai pastori della Barbagia. Quello che ci sembra strano
 +è il fatto che il cognome Bachis, oggi non è presente né
 +a Fonni, né a Bolotana e neppure in centro Sardegna. Ciò
 +però non costituisce impedimento a credere alle affermazioni di
 +quelli intervistati, in quanto il cognome deriva dal nome <i><font color="#3333FF">Bachisio</font></i>,
 +e quindi originariamente era <i><font color="#3333FF">de Bachisio</font></i>,
 +poi <i><font color="#3333FF">de Bachis</font></i> ed infine <i><font color="#3333FF">Bachis</font></i>.
 +Uno degli intervistati dichiara addirittura che un suo antenato fu tra
 +i primi colonizzatori della valle del Cixerri, nel territorio ove oggi
 +sorge Siliqua. Come centro abitato medioevale, Villa, Siliqua, è
 +registrato per la prima volta nel 1272. E' del 1289 l'episodio dantesco
 +del Conte Ugolino della Gherardesca, di parte Guelfa, signore del Castello
 +di Siliqua, S'Acqua Frida di Siliqua ( Divina Commedia - Inferno canto
 +XXXIII° : La bocca sollevò dal fiero pasto// quel peccator,
 +forbendola ai capelli// del capo ch'elli avea di retro guasto"". ), imprigionato,
 +e insieme a lui due figli e due nipoti, per ordine dell'arcivescovo Ruggieri
 +e di alcune potenti famiglie pisane di parte ghibellina,&nbsp; nella torre
 +del Castello e tenuti lì senza cibo sino alla morte.&nbsp; Siliqua
 +fu villa romana poi abbandonata e ripopolata in periodo giudicale probabilmente
 +dagli abitanti del borgo del Castello. Fece parte dei possedimenti del
 +Conte Ugolino della Gherardesca e successivamente divenne villaggio dei
 +territori oltremarini della Repubblica comunale di Pisa. Da 1324 appartenne
 +al Regno catalano aragonese di Sardegna, poi al Giudicato di Arborea e
 +dal 1409 tornò a far parte del Regno di Sardegna. Andò quindi
 +spopolandosi, ma non del tutto. Negli ultimi due secoli il suo territorio
 +e quello dei centri vicini, Vallermosa, Domusnovas etc., come sopra detto,
 +ricchi di pascoli sono divenuti meta preferita dei pastori barbaricini.
 +Non sembra strano dunque che un (de) Bachis o più (de) Bachis, pastori
 +di Barbagia, abbiano contribuito alla colonizzazione della valle del Cixerri.
 +Rimane caratteristica, non solo a Siliqua, ma in tutto il territorio del
 +Cixerri ed in Campidano, l'espressione: "Custu ti dhu nàrat tziu
 +Bachis"! ("Questo te lo dice zio Bachis"!). Quando si afferma una cosa
 +con certezza assoluta! Il cognome Bachis è attualmente presente
 +in 66 Comuni italiani, di cui 27 in Sardegna: Siliqua 149, Decimo 25, Cagliari
 +24, Selargius 15, Villamassargia 12, etc. Bacchis ( per errore anagrafico)
 +è presente in 33 Comuni italiani, di cui 16 in Sardegna: Sant'Anna
 +Arresi 12, Domusnovas 9, Villamassargia 6, etc</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCI
 +<br>BACCINI
 +<br>BACCINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bacci è tipico della fascia centrale che comprende bolognese, Toscana,
 +Umbria ed alto Lazio, con un ceppo anche nel veneziano, Baccini è
 +tipicamente del fiorentino, con un ceppo anche nel basso Lazio, Baccino
 +è esclusivo del savonese, derivano o dall'ipocoristico contratto
 +di nomi come Brancaccio, Fortebraccio e simili o dal cognomen tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">Baccinus</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +in un'antica lapide funeraria: "<font color="#CC66CC">Marcius L</font><font color="#000000">(uci)</font><font color="#CC66CC">
 +l</font><font color="#000000">(ibertus)</font><font color="#CC66CC"> </font><font color="#FF0000">Baccinus</font><font color="#CC66CC">
 +/ an</font><font color="#000000">(norum)</font><font color="#CC66CC"> LV
 +h</font><font color="#000000">(ic)</font><font color="#CC66CC"> s</font><font color="#000000">(itus)
 +</font><font color="#CC66CC">e</font><font color="#000000">(st)</font><font color="#CC66CC">
 +Kania · W</font><font color="#000000">(mulieris)</font><font color="#CC66CC">
 +· l</font><font color="#000000">(iberta)</font><font color="#CC66CC">
 +/ Phyrallis uxor · pos</font><font color="#000000">(t)</font><font color="#CC66CC">
 +· mor</font><font color="#000000">(tem)</font><font color="#CC66CC">
 +· / faciendum curavit</font>", tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio nella dichiarazione che&nbsp; nel 1228 scrissero
 +4300 Pisani giurando di mantenere l'alleanza fatta con Siena, Pistoia e
 +Poggibonsi, dove si individua unb certo Bartalomeus Baccini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCIGALUPI
 +<br>BACCIGALUPPI
 +<br>BACIGALUPI
 +<br>BACIGALUPPI
 +<br>BACIGALUPPO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00bacigalupo.gif" nosave="" align="RIGHT" width="70" height="81"><font size="-1">Baccigalupi è genovese, Baccigaluppi, estremamente raro è
 +ligure, Bacigalupi rarissimo sembrerebbe dello spezzino, Bacigaluppi, assolutamente
 +rarissimo, è specifico di Camporosso (IM), Bacigaluppo è
 +praticamente unico, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Ventimiglia
 +(IM) nel 1700 con il prelato monsignor Antonio Maria Bacigaluppi.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Tipico cognome ligure, è una variante del più diffuso
 +Bacigalupo, particolarmente presente nei comuni di Genova, Chiavari e Lavagna.
 +Altre forme cognominali derivate, sempre liguri ma riscontrabili anche
 +in altre regioni per migrazioni avvenute in passato, sono Bacigalupi e
 +Baccigalupo. Il cognome è di difficile interpretazione: deriva da
 +una frase composta dal verbo, sicuramente dialettale ligure, <i><font color="#3366FF">baciga</font></i>,
 +terza persona singolare di <i><font color="#3366FF">bacigare </font></i>unito
 +al termine <i><font color="#666666">lupo</font></i>. Più interpretazioni
 +etimologiche possono assere avanzate per la spiegazione del significato
 +del verbo <i><font color="#3366FF">bacigare</font></i><font color="#000000">:</font>
 +la prima ipotesi considera il termine francese <i><font color="#3366FF">bac</font></i>,
 +che significa letteralmente <i><font color="#666666">traghetto, battello</font></i>;
 +<i><font color="#3366FF">bacigare</font></i> potrebbe derivare dalla acquisizione
 +del vocabolo francese con italianizzazione in senso dialettale e trasformazione
 +nel verbo <i><font color="#3366FF">bac-igar</font></i>. Il cognome potrebbe
 +essere originato dal soprannome attribuito ad un uomo che
 +<i><font color="#666666">traghettava i lupi o il lupo</font></i>, forse
 +connotazione dispregiativa di un predone che costituiva una minaccia proveniente
 +dal mare. Altra tesi, forse più plausibile, prende in esame i termini
 +greci <i><font color="#3366FF">bactereùo</font></i> o <i><font color="#3366FF">bactreùa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bastone, verga</font></i>) e <i><font color="#3366FF">bactaricrousa</font></i>
 +(<i><font color="#666666">picchio col bastone</font></i>), nonchè
 +il vocabolo latino <i><font color="#3366FF">baculum</font></i> (<i><font color="#666666">bastone,
 +verga</font></i>) ed il suo diminutivo <i><font color="#3366FF">bacillum</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bastone, verga usata dai littori; quindi usata
 +da chi esercitava un potere</font></i>), da cui potrebbe derivare in dialetto
 +ligure arcaico <i><font color="#3366FF">bacigo</font></i> nel senso di
 +<i><font color="#666666">picchio con</font></i>
 +<i><font color="#666666">il bastone</font></i>. Considerando il fatto
 +che il bastone della tradizione latina, il <i><font color="#3366FF">bacillum</font></i>,
 +era quello adoperato da un uomo che esercitava il potere, si può
 +sostenere che il cognome Bacigalupo sia nato nei secoli scorsi come soprannome
 +assegnato in maniera canzonatoria ad un personaggio che era solito coraggiosamante
 +colpire i lupi con la sua verga probabilmente per allontanarli dalla sua
 +abitazione o dalle sue bestie se era un pastore; probabile anche che fosse
 +un lavoratore di pelli di lupo allo scopo di produrre capi di abbigliamento.&nbsp;
 +Tra i Bacigalupo vanno ricordati alcuni personaggi illustri: Nicolò
 +(1837 - 1904), tesoriere del comune di Genova e poeta di nota fama, il
 +<font color="#666666">colonnello Bacigalupo</font>, cui toccò l'onore
 +di scortare, con uno scelto drappello di truppe a cavallo, gli ospiti francesi
 +(fra cui Giuseppina Bonaparte) lungo la strada della Bocchetta negli anni
 +della Repubblica Ligure (1797 - 1799); negli stessi anni del colonnello
 +un tale Paolo Bacigalupo fu autore di una sommossa a Chiavari.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni  e stemma forniti da Alessandro
 +Bacigalupo</font></font>
 +<br>Nello stemma dei Bacigaluppo c'è un lupo che tiene le quattro
 +zampe su un piatto da bilancia che in genovese si dice <i><font color="#3366FF">bansiga</font></i>.
 +Si potrebbe ipotizzare una derivazione dal mestiere di commerciante di
 +pellame.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Alberto
 +Bacigalupi</font></font>
 +<br>Bacigalupi è cognome originario esclusivamente di una frazione
 +del comune di Rezzoaglio, in Val d'Aveto - entroterra di Chiavari (Liguria
 +provincia di Genova, Levante). Non è originario dello spezzino dove
 +nasce circa verso il 1900 per il trasferimento di emigranti che in attesa
 +di imbarco per le Americhe trovano lavoro all'Arsenale di La Spezia e lì
 +si fermano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccon è un cognome molto raro tipico del torinese, di Chiomonte
 +e Salbertrand, dovrebbe essere di origini francesi, potrebbe derivare dal
 +soprannome e nome longobardo <i><font color="#3366FF">Bacco</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Bacconis</font></i>, nome a sua volta originato
 +dal termine <i><font color="#3366FF">bag</font></i> (<i><font color="#999999">lotta,
 +contesa, battaglia</font></i>), di questo nome abbiamo un esempio nel 1146
 +a Milano in un <i><font color="#3366FF">Breve finis</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Presentia
 +bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum et pergamenum
 +que suis tenebant manibus Anselmus Tintore et Vuerenzo filius quondam Bregongii
 +et Amizo qui dicitur Ruzo et Scoto qui dicitur </font><font color="#FF0000">Bacco</font><font color="#CC33CC">
 +de civitate Mediolani, decani de scola Sancti Michaellis...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCONE
 +<br>BACCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccone è unico, Bacconi è tipicamente toscano dell'aretino
 +e di Civitella In Val Di Chiana ed Arezzo in particolare, dovrebbe derivare
 +dal soprannome e nome longobardo <i><font color="#3366FF">Bacco</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Bacconis</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BACCON</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACCUZZI
 +<br>BACUZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baccuzzi, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un'errata
 +trascrizione del cognome Bacuzzi, che è caratteristico di Sorisole
 +nel bergamasco, e che dovrebbe derivare da un soprannome originato dal
 +fatto che il capostipite di mestiere allevasse i bachi da seta o li lavorasse
 +per produrre il filato di seta.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BACIOCCHI
 +<br>BACIOCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baciocchi, presente in modo sporadico nell'Italia centrosettentrionale,
 +ha un ceppo a Roma, Baciocco, assolutamente rarissimo, sembrerebbe ligure,
 +dovrebbero derivare da un soprannome forse attribuito al capostipite, originato
 +dal termine italiano, ormai caduto in disuso, <i><font color="#3333FF">baciocco</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sciocco, sempliciotto</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADALA
 +<br>BADALA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badala è una forma probabilmente dovuta ad un errore di trascrizione
 +del cognome Badalà, tipico di Acireale (CT).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Originari entrambi del catanese, Badala e Badalà derivano dal
 +nome medievale <i><font color="#3366FF">Badalà</font></i> (variante
 +del più comune <i><font color="#3366FF">Vadalà</font></i>),
 +l'italianizzazione cioè del personale arabo <i><font color="#3366FF">Abd
 +Allah</font></i>, col significato di <i><font color="#999999">servo di
 +Dio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi Vadalà</font>). Si tratta,
 +dunque, delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADALAMENTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome tipico del palermitano che dovrebbe derivare da un soprannome originato
 +dall'attività di organizzatore delle prefiche, cioè di coloro
 +che erano adibite alle lamentazioni funebri, colui quindi che aveva l'incarico
 +di badare alle lamentazioni in onore del defunto.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Secondo un'ipotesi interessante, l'origine dei cognomi Badalamente
 +e Badalamenti andrebbe ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Badalamenti</font></i>,
 +nato come adattamento popolare del personale arabo <i><font color="#3366FF">Abd
 +Al-Amin</font></i>, col significato di <i><font color="#999999">servo del
 +Fedele</font></i> o, in senso lato, <i><font color="#999999">servo di Maometto</font></i>
 +(nella religione musulmana, infatti, <i><font color="#3366FF">Al-Amin</font></i>
 +è un epiteto attribuito al profeta Maometto); da non escludere,
 +tuttavia, anche una derivazione dal nome arabo <i><font color="#3366FF">Abd
 +Al-Aman</font></i>, col significato di <i><font color="#999999">servo della
 +Fede</font></i>. In conclusione, dunque, si tratterebbe delle cognominizzazioni
 +dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADALATI
 +<br>BADALATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badalati, molto raro, è specifico di Adrano e Biancavilla (CT),
 +Badalato, molto più raro, è comunque siciliano, potrebbe
 +derivare da nomi di località o da un soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADALUCCHI
 +<br>BADALUCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badalucchi, assolutamente rarissimo, è toscano, Badalucco ha un
 +piccolo ceppo tra fiorentino e bolognese ed un nucleo importante nel trapanese,
 +potrebbero derivare da soprannomi dialettali, difficilmente possono essere stati originati dal toponimo Badalucco (IM).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>La parola '<i><font color="#3366FF">badalucco</font></i>' significa
 +'<i><font color="#666666">trastullo</font></i>'. Cfr: G. Villani "Terrèmogli
 +in badalucchi e schermugi gran parte del dì." in 'Crestomazia di
 +prose del Trecento', Firenze, 1887, p. 347. Il cogn. Badalucco, presente
 +a Catania, deriva secondo G. Rohlfs 46, dal siciliano '<i><font color="#3366FF">badaloccu</font></i>'
 += <i><font color="#999999">babbeo</font></i>.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Marco Faraldi</font></font>
 +<br>Il nome del paese di Badalucco dovrebbe derivare dalla parola composta
 +da <i><font color="#3333FF">bada</font></i>, forma contratta ed alterata
 +del termine <i><font color="#3333FF">baudo</font></i> che dovrebbe significare<i><font color="#666666">
 +bosco</font></i>, derivando dall'antico termine germanico <i><font color="#3333FF">vaud</font></i>
 +(<i><font color="#666666">bosco</font></i>) (<font color="#000099"><font size="-2">n.d.r</font></font>.
 +<font color="#000099"><font size="-2">ricordiamo che in longobardo bosco
 +si diceva wald</font></font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADANAI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro, parrebbe veneto, dovrebbe derivare da un soprannome.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Badanai è un tipico cognome veneto, registrato in larga misura
 +nella provincia di Venezia, con picchi di intensità nel comune di
 +Cinto Caomaggiore. Badanai è anche presente, con ogni probabilità
 +per conseguenza di flussi migratori dalla provincia veneziana, in Lombardia,
 +Piemonte, Liguria e Lazio. A mio avviso, il cognome in questione trae origine
 +dall'espressione <i><font color="#999999">badare ai denari, ai propri interessi</font></i>,
 +attribuita come soprannome al capostipite in senso canzonatorio per mettere
 +in risalto lo spirito avido di guadagni e vistosamente avvezzo al denaro.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Gigi Colombo</font></font>
 +<br>Nel dizionario veneziano di Giuseppe Boerio si trovano l'aggettivo
 +<i><font color="#3366FF">badanà</font></i> e il verbo <i><font color="#3366FF">badanarse</font></i>
 +col significato di <i><font color="#999999">affannato</font></i> e <i><font color="#999999">affannarsi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADARACCHI
 +<br>BADARACCO
 +<br>BALDARACCHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00badaracchi.gif" nosave="" align="LEFT" width="60" height="74"><font size="-1">Badaracchi, assolutamente rarissimo ha un piccolo ceppo a Campo nell'Elba
 +sull'Isola d'Elba ed uno a Tivoli e Roma nel romano, Badaracco, tipico
 +del genovese, di Rezzoaglio, Chiavariu, Recco e Borzonasca, ed ha un ceppo
 +anche a Roma e Tivoli, Baldaracchi, quasi unico, ha un piccolissimo ceppo
 +a Roma, potrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Baldracus</font></i>,
 +ma non si può escludere che possano avere avuto origine da un'italianizzazione
 +del nome ebraico
 +<i><font color="#3366FF">Barachias</font></i>, meno probabile una connessione
 +con il nome <i><font color="#3366FF">Badache</font></i> diffuso in Africa
 +del nord, tracce di queste cognominizzazioni in Liguria si trovano almeno
 +dal 1100.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADARELLI
 +<br>BADARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Badarelli che&nbsp; Badarello sono estremamente rari ed entrambi piemontesi,
 +si potrebbe trattare di forme medioevali italianizzate derivate dal termine
 +medioevale francese <i><font color="#3366FF">badelaire</font></i> (<i><font color="#999999">tipico
 +coltellaccio ricurvo</font></i>), ma è anche possibile trattarsi
 +di forme ipocoristiche del nome medioevale francese <i><font color="#3366FF">Badaut</font></i>,
 +nel 1600 in Valsesia è notaio un certo Bartolomeo Badarello di Campertogno
 +(VC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADAS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badas è specifico del cagliaritano, di Monserrato, Cagliari e Selargius,
 +dovrebbe derivare da un soprannome attribuito al capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BADAS: Significato ed etimo incerti. In sardo l'espressione <i><font color="#3333FF">de
 +badas</font></i> significa <i><font color="#666666">inutilmente</font></i>:
 +"<i><font color="#3333FF">D' has fattu de badas</font></i>"! = "<i><font color="#666666">L'hai
 +fatto inutilmente</font></i>"! E viene dallo spagnolo <i><font color="#3333FF">de
 +badas</font></i>, con lo stesso significato. Non è presente negli
 +antichi documenti della lingua sarda. Attualmente è presente in
 +12 Comuni italiani, di cui 11 in Sardegna: Monserrato 36, Cagliari 35,
 +Selargius 33, Musei 9, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADESSA
 +<br>BADESSI
 +<br>BADESSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badessa assolutamente raro sembra avere un ceppo torinese ed uno siciliano,
 +Badessi molto molto raro sembra romano, Badesso rarissimo è tipico
 +del trevigiano, potrebbe derivare da soprannomi legati a rapporti con un'abbazia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Antonello
 +Badessi</font></font>
 +<br>Il Cognome Badessi non è di origine romana. Di probabile origine
 +romagnola. Il ceppo di Roma deriva da un unico capostipite Romeo Badessi,
 +(mio trisnonno) nato a Ravenna nel 1849. Nel 1870, dopo aver militato giovanissimo
 +nei garibaldini, si trasferiva a Roma&nbsp; e sposava una donna romana.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADI
 +<br>BADO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badi ha un ceppo a Luino nel varesotto, che si estende anche a Germignaga
 +sempre nel varesotto e ad Erba nel comasco, ed un ceppo molto piccolo a
 +Genova, Bado ha presenze nel cuneese, savonese e genovese ed un ceppo nel
 +padovano, a Piove di Sacco, Brugine, Padova, Codevigo e Vigonza, ed a Treviso,
 +dovrebbero derivare dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Bado</font></i>, probabilmente portato dai capostipiti e 
 +basato sul vocabolo <i><font color="#3333FF">bad</font></i> (<i><font color="#666666">battaglia,
 +combattimento</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADIA
 +<br>BADII
 +<br>BADIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badia ha un ceppo romano ed un piccolo ceppo a L'Aquila, un probabile ceppo
 +in Calabria, uno nel veronese e alcuni altri, Badii è specifico
 +dell'area fiorentino, aretina, Badio, assolutamente rarissimo, è
 +veneto, del rovigoto e padovano, questi cognomi dovrebbero derivati da
 +soprannomi originati dal fatto di essere i capostipiti particolarmente
 +abbienti, tanto da essere indicati con il termine di <i><font color="#3333FF">badia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">abbazia</font></i>, ma, nell'uso comune, <i><font color="#666666">casa
 +e situazione molto confortevole, abbondanza</font></i>, ricordiamo l'espressione
 +ormai caduta in disuso "<i><font color="#CC33CC">casa mia, casa mia per
 +piccina che tu sia tu mi sembri una badia</font></i>"), in alcuni casi
 +potrebbero derivare dai vari toponimi contenenti il termine Badia, come
 +Badia (CZ), Badia Calavena (VR), ecc. o anche dal fatto che la famiglia
 +vivesse nella vicinanza di una <i><font color="#3333FF">Badia</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADIALE
 +<br>BADIALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badiale ha un ceppo nello spezzino, Badiali, molto più diffuso,
 +ha un nucleo principale nel bolognese e ceppi nelle Marche ed in Toscana,
 +dovrebbero derivare dall'essere la famiglia connessa o legata ad una <i><font color="#3366FF">badia</font></i>
 +(<i><font color="#666666">abbazia</font></i>), perchè ad esempio
 +stanziata su terreni dell'abbazia o da essa dipendente.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badini è molto diffuso nel biellese, nel verbanese, in Lombardia,
 +soprattutto nel bresciano, nel bolognese, nel fiorentino ed aretino, nel
 +grossetano e nel Lazio, dovrebbe derivare da una forma aferetica di un
 +ipocoristico dialettale del nome o soprannome <i><font color="#3333FF">Sabato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADINO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badino è tipico della zona occidentale dell'Italia settentrionale,
 +del torinese, cuneese, alessandrino, imperiese, savonese e genovese, dovrebbe
 +derivare da una forma contratta del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Balduinus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Baldovino</font></i><font color="#000000"> (</font><font color="#CC33CC">vedi
 +BADOINO</font><font color="#000000">)</font>, o da una forma aferetica
 +ipocoristica di nomi medioevali germanici come <i><font color="#3333FF">Theobaldus</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADOINO
 +<br>BADOVINI
 +<br>BADUINI
 +<br>BADUINO
 +<br>BALDOVINI
 +<br>BALDOVINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badoino, abbastanza raro, è del savonese, Badovini rarissimo è
 +del piacentino, Baduini, assolutamente rarissimno, è tipico del
 +milanese e bergamasco, Baduino, ancora più raro, è specifico
 +dell'area allessandrino, ligure, Baldovini, sempre rarissimo, parrebbe
 +del riminese e pesarese, Baldovino è piemontese, dell'area alessandrino,
 +astigiana, Balduini, sempre abbastanza raro, ha piccoli ceppi nel centronord,
 +in particolare nel pesarese e riminese, Balduino ha un piccolo ceppo nel
 +torinese, uno nel reggiano ed uno nel crotonese, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare da variazioni più o meno dialettali del nome Baldovino
 +portato dai capostipiti, un esempio dell'uso misto di questi nomi li troviamo
 +in questo scritto dell'anno 1096: "<font color="#CC33CC">...comitisse dux
 +Godefridus et frater eius </font><font color="#FF0000">Balduinus</font><font color="#CC33CC">..
 +..</font><font color="#FF0000">Baduinus Jherosolimitanus</font><font color="#CC33CC">
 +duxit uxorem Idam, filiam Henrici imperatoris quarti....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADOLATI
 +<br>BADOLATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badolati, molto molto raro, ha un ceppo a Napoli, Badolato, tipico di Catanzaro
 +e provincia, dovrebbero derivare dal nome di toponimi francesi come ad
 +esempio Badolle di Saint Jean Saint Maurice sur Loire o altri simili, il
 +cui nome di origine occitana starebbe per posto di guardia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADOLIN
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Badolin, molto molto raro, è tipicamente veneziano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome dialettale, probabilmente attribuito al capostipite, basato sul termine veneziano arcaico <i><font color="#3333FF">badolin</font></i>
 +(<i><font color="#666666">sciocchino, credulone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BADUENA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del sassarese, zona di Valledoria, dovrebbe derivare da un soprannome
 +originato dal fatto che il capostipite abitava presso un guado e sarebbe
 +originato dalla fusione di due vocaboli <i><font color="#3366FF">badu</font></i>
 +(guado) ed <i><font color="#3366FF">ena</font></i> (fonte).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAFFA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baffa è un tipico cognome calabrese, del cosentino in particolare
 +e del crotonese, con un piccolo ceppo anche nel leccese, l'ipotesi più
 +probabile è che possa trattarsi di un cognome di origini grecoalbanesi,
 +derivato dal nome della città di Paphos, situata sull'isola di Cipro,
 +e che sia giunto in Italia nel 1400 all'epoca dellla guerra di aggressione
 +ad opera dei turchi contro le terre greche e della Repubblica Serenissima di Venezia, esiste,
 +anche se non molto probabile, la possibilità che possa, in qualche
 +caso, trattarsi di un'alterazione del cognome <i><font color="#3333FF">Baffi</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BAFFI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAFFI
 +<br>BAFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baffi ha un ceppo lombardo, soprattutto nel bergamasco, ma diffuso anche
 +nel cremonese, nel lodigiano, nel pavese e nel piacentino, Baffo è
 +un cognome oggi tipico del maceratese con un ceppo anche tra ternano e
 +viterbese, potrebbero derivare da un soprannome originato da caratteristiche
 +fisiche. Tracce di questa cognominizzazione si trovano a Venezia nel 1400
 +dove un certo Ambrogio Baffo, che è elencato tra i Notai della Serenissima
 +dal 1409 al 1445, e nel 1500 a Marostica (VI) dove un certo Vincenzo Baffo
 +ne è il Podestà.
 +<br><font size="-2"><font color="#3333FF">integrazioni fornite da Guido Baffo</font></font>
 +<br>Antichissimo cognome veneziano. La presenza della nobile famiglia Baffo,nella
 +città di Venezia,è documentata sino dal V sec.("Il campidoglio
 +veneto" di G.A.Capellari Vivaro).&nbsp; Questa famiglia, già presente
 +nel Maggior Consiglio, vi rimase inclusa durante la famosa Serrata del
 +1297.&nbsp; La discendenza di questo casato è documentata fin dal
 +1100. Baffo, toponimo, identifica appunto la città (Paphos) di origine
 +di questa famiglia, città dell'isola di Cipro.&nbsp; A questa famiglia
 +appartennero: Cecilia Venier-Baffo, la futura Nurbanu 1525-1587 (figlia
 +di Nicolo Venier e di Violante Baffo) moglie prediletta di Selim II°
 +detto "lo stolto" imperatore dei Turchi e madre adorata di Amurat III°
 +; Giorgio Baffo 1694-1768, poeta lubrico del 700 veneziano. Primo cognome
 +di questa famiglia fu Brafo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGAGLI
 +<br>BAGAGLIA
 +<br>BAGAGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagagli ha un ceppo nel pisano, soprattutto a Capannoli, con ramificazioni
 +anche a Livorno ed Empoli, ha un nucleo perugino ed uno romano, Bagaglia
 +ha un ceppo perugino ed uno a Capriati a Volturno nel casertano, Bagaglio,
 +abbastanza raro, ha un ceppo a Mercallo nel varesotto, dovrebbe derivare
 +da un soprannome dialettale relativo al mestiere di addetto al trasporto
 +di acqua o legname presso i pastori, ma per il ceppo lombardo si può
 +anche ipotizzare una derivazione dal termine dialettale <i><font color="#3366FF">bagàj</font></i>
 +(<i><font color="#999999">peso</font></i>) usato come soprannome.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGANTE
 +<br>BAGANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagante è tipicamente veneto, di Padova e di Sovizzo e Vicenza nel
 +vicentino, Baganti decisamente più raro, è toscano, dovrebbero
 +derivare da soprannomi basati sul termine semidialettale medioevale <i><font color="#3333FF">bacante</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">bagante</font></i>, con il significato di <i><font color="#666666">giocherellone,
 +spirito festoso ed allegro</font></i>, forse una caratteristica comportamentele
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGARDI
 +<br>BAGORDI
 +<br>BAGORDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagardi è praticamente unico e potrebbe essere di origini bergamasche,
 +Bagordi, quasi unico, sembrerebbe pugliese, Bagordo ha un ceppo a Noale
 +nel veneziano, uno piccolissimo a Monfalcone nel goriziano ed a Trieste,
 +ed uno, il principale, in Puglia a Monopoli nel barese, a Cellino San Marco
 +e Fasano nel brindisino ed a Montemesola nel tarentino, questi cognomi
 +potrebbero derivare da soprannomi stanti ad indicare nei capostipiti probabilmente
 +dei mangioni, ma molto più probabilmente derivano direttamente o
 +tramite alterazioni dialettali dal nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Baghard</font></i>,
 +a sua volta composto dai termini <i><font color="#3333FF">baga</font></i>
 +(<i><font color="#666666">guerra, contesa</font></i>) e <i><font color="#3333FF">hard</font></i>
 +(<i><font color="#666666">duro</font></i>).&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni si trovano nel testamento di Bonvesin de la Riva
 +stilato a Milano nel 1313, dove tra l'altro si può leggere: "<font color="#CC33CC">...
 +Paganinus filius quondam </font><font color="#FF0000">Bagardi </font><font color="#CC33CC">de
 +Cortina de Vicomercato </font><font color="#000000">(Vimercate (MI)) </font><font color="#CC33CC">contrate
 +Sanctii Michallis ad Cluxam...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGAT
 +<br>BAGATO
 +<br>BAGATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagat, quasi unico, è goriziano, Bagato, molto più raro,
 +sembra della zona al confine tra padovano e veneziano, Bagatto sempre rarissimo
 +è tipico dell'area tra San Daniele del Friuli e Ragogna (UD), dovrebbero
 +tutti derivare da un soprannome dialettale originato dal termine dialettale
 +lombardoveneto <i><font color="#3333FF">bagatt </font></i>(<i><font color="#666666">ciabattino</font></i>),
 +forse originato dal mestiere del capostipite, bisogna però considerare
 +che in epoca medioevale il <i><font color="#3333FF">bagatto</font></i>
 +era una specie di <i><font color="#666666">imbonitore</font></i> da poco
 +o apprendista ciarlatano, che si poteva incontrare nelle fiere di paese,
 +quindi questa potrebbe anche essere l'origine di questi cognomi, sia riferiti
 +a quel tipo di attività, sia come soprannome scherzoso riferito
 +ad un particolare modo di comportarsi dei capostipiti.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome veneto che viene dalla voce veneta '<i><font color="#3333FF">baga</font></i>'
 += <i><font color="#666666">otre</font></i>, e metaforicamente '<i><font color="#666666">panciuto</font></i>'.
 +D. Olivieri, Cognomi della Venezia Euganea, 220.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGATIN
 +<br>BAGATINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagatin molto raro probabilmente
 +di origini veneziane è tipico del rovigoto, Bagatini è unico, dovrebbero derivare dal termine dialettale arcaico veneto <i><font color="#3333FF">bagatin</font></i>
 +, il <i><font color="#3333FF">bagatin</font></i> era una monetina corrispondente
 +ad un dodicesimo di soldo veneto, veniva anticamente inteso anche come
 +cosa da poco e riferito alle persone come uno insignificante: "<i><font color="#3333FF">no
 +ti vale un bagatin</font></i>" = <i><font color="#666666">non vali niente</font></i>, si hanno tracce di questa cognominizzazione a Venezia fin
 +dal 1600, in una specie di censimento veneziano del 1642 si legge di un
 +certo <i><font color="#3333FF">Agostin Bagatin, artesano de S. Canciano</font></i>. </font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGGI
 +<br>BAGGINI
 +<br>BAGGIO
 +<br>BAGINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baggi è specifico dell'area
 +che comprende le province di Lodi, Milano e Bergamo, Baggini abbastanza
 +raro è tipico del pavese, Baggio ha due nuclei, uno nel milanese
 +e comasco ed uno in Veneto tra vicentino, padovano e trevisano, Bagini,
 +rarissimo, è del nordest della Lombardia. Il cognome deriva dal
 +toponimo Baggio, sobborgo di Milano. Personaggio famoso è stato
 +S. Anselmo da Baggio (1036-1086), mantovano, vescovo di Lucca che divenne
 +Papa Alessandro II°.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Riccardo Baggio</font></font>
 +<br><font color="#000000">Il personaggio famoso sopraindicato è
 +Anselmo da Baggio nato intorno all'anno 1010, vescovo di Lucca, che diventa
 +Papa nel 1061 con il nome di Alessandro II°; muore nel 1073 ed è
 +sepolto a Roma nella Basilica Lateranense.&nbsp; Anselmo II° da Baggio,
 +nipote del precedente, nato nel 1035-1036, anch'egli vescovo di Lucca (per
 +nomina dello zio Papa), consigliere spirituale di Matilde di Canossa, è
 +il santo protettore di Mantova dove morì nel 1086 e dove è
 +sepolto nel pavimento del Duomo.&nbsp; La famiglia Baggio risiedeva allora
 +a Milano in una casa-fortezza in quel di Brera - Ponte Vetero; negli anni
 +dal 1054 al 1056 Anselmo occupa ai danni del Monastero di S. Vittore&nbsp;
 +la Pieve di Cesano, nei pressi di Baggio ("Badaglum" romano), località
 +d' origine della famiglia e con una donazione fa costruire la chiesa di
 +S. Apollinare; a Milano fonda l' Oratorio di Sant'Ilario nell'odierna via
 +Lauro.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGIACCHI
 +<br>BAGIACCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagiacchi sembra essere specifico della zona di Città di Castello
 +(PG), Gubbio (PG) e dintorni, Bagiacci è praticamente unico e dovrebbe
 +trattarsi di un errore di trascrizione del primo, dovrebbe derivare da
 +modificazioni dialettali del termine medioevale baglio, che dal tardo medioevo
 +serviva ad indicare personaggi che occupavano posizioni rilevanti sia politiche
 +che amministrative o giudiziarie.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Siro Bargiacchi</font></font>
 +<br>Bagiacchi potrebbe essere un errore di trascrizione del cognome Bargiacchi,
 +cognome di derivazione ebraica (bar-jacob) introdotto dalla Spagna (negli
 +USA esiste un Barjacoba) nel 1492 è attestato lungo la Firenze Mare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGLI
 +<br>BAGLIETTI
 +<br>BAGLINI
 +<br>BAGLIO
 +<br>BAGLIONE
 +<br>BAGLIONI
 +<br>BAGLIVI
 +<br>BAGLIVO
 +<br>BAIONE
 +<br>BAIONI
 +<br>BAJETTA
 +<br>BAJETTI
 +<br>BAJONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="immagini/stem00baglioni.gif" nosave="" align="LEFT" width="35" height="43"><font size="-1">Bagli, rarissimo, è tipico del riminese, Baglietti è settentrionale
 +ed è assolutamente rarissimo, Baglini, molto raro, è tipico
 +del pisano e livornese, Baglio parrebbe siciliano, Baglioni è tipico
 +della fascia centrale dell'Italia, Baglione è diffuso principalmente
 +in Piemonte, Sicilia e Lazio, Baglivi ha un ceppo nel salernitano a Perito
 +ed Agropoli ed uno nel leccese a Lecce e Vernole, Baglico ha un ceppo campano
 +a Cicciano (NA) ed a Casal Velino (SA) ed un importante ceppo pugliese
 +a Tricase (LE) e, sempre nel leccese Presicce, Specchia, Taurisano e Galatina,
 +Baione, molto raro, è tipico dell'area salernitana e della Lucania,
 +di Salerno, Altavilla Silentina (SA) e di Potenza, Baioni è specifico
 +dell'area milanese e bergamasca, della Romagna e delle marche, Bajoni,
 +assolutamente rarissimo, parrebbe del milanese, Bajetta, molto molto raro,
 +è del milanese, Bajetti decisamente molto più raro, potrebbe
 +essere lombardo.
 +L'origine di questi cognomi è ascrivibile alla funzione di <i><font color="#3366FF">Baglio</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">Baglivo</font></i> che dal tardo medioevo serviva
 +ad indicare personaggi che occupavano posizioni rilevanti sia politiche
 +che amministrative o giudiziarie. Il Baglio o Balio o Balivo era il magistrato
 +o il consigliere reggente una città per conto del sovrano e appartenere
 +alla famiglia di un Balivo era motivo onorifico, tanto da renderlo un attributo
 +da trasmettere alla discendenza, identificando così un'origine che
 +si distingueva dalla norma. La distribuzione del cognome è in tutta
 +Italia, anche se più rappresentata in quella centrale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGLIANI
 +<br>BAGLIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagliani è tipicamente piemontese di Alessandria, ma ha anche un
 +ceppo ligure, probabilmente secondario, a Genova, Sanremo e Finale Ligure,
 +Bagliano, molto raro, parrebbe di origini piemontesi, sempre dell'alessandrino,
 +con un ceppo anche a Genova e Torino, potrebbero derivare dal toponimo
 +Casalbagliano (AL), ma è pure possibile una derivazione dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Balianus</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3366FF">Baliani</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +in un atto di vendita della seconda metà del 1100: "<font color="#CC33CC">...In
 +nomine Sancte et Individue Trinitatis Patris, et Filis et&nbsp; Spiritus
 +Sancti Amen. Notum sit omnibus tam futuris, quam presentibus quod Ego Balduinus
 +Ramatensis Dominus consilio et voluntate </font><font color="#FF0000">Baliani</font><font color="#CC33CC">
 +Fratris mei nec non assensu Filiorum mearum · Eschite et Stephanie
 +et virorum eanim Hemerici · Et Amalrici vicecomitis Neapolitani...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGLIERE
 +<br>BAGLIERI
 +<br>BAGLIERO
 +<br>BALIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagliere, Bagliero e Balieri sono quasi praticamente unici, Baglieri è
 +invece specifico del sud della Sicilia, tipico del ragusano e del siracusano,
 +con presenze comunque significative anche nel catanese, dovrebbero originare
 +dal fatto che il capostipite fosse appunto un <i><font color="#3366FF">bagliere</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">bailiere</font></i> termine medioevale per <i><font color="#999999">messo
 +ufficiale di un'autorità</font></i>, una specie di <i><font color="#999999">Ufficiale
 +Giudiziario</font></i> medioevale, uso che troviamo ad esempio citato nell'opera
 +antichissima <i><font color="#3366FF">Leggenda di Barlaam e Josafat</font></i><font color="#000000">
 +tradotta in volgare da Bernardo Pulci nel 1474</font>: "<font color="#CC33CC">...Quando
 +lo reo Avemur udicte queste cose che cutale gente s'erano levate che mispregiavano
 +suoi idule et predicavano lo nome di Yhesu Cristo, et che non doctavano
 +morte, molto fu pieno di grande ira et di grande trestitia et comandò
 +per tucta sua terra ai suoi </font><font color="#FF0000">bailieri</font><font color="#CC33CC">
 +et ai suoi siniscalchi che tucti quelli ch' ei potesseno trovare che credesseno
 +indel nome di Yhesu Cristo, che per diverse morte li facesseno morire...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNARA
 +<br>BAGNARI
 +<br>BAGNARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagnara ha un ceppo nel vicentino a Conco, Camisano Vicentino, Vicenza,
 +Bressanvido, Sarego, Sandrigo e Dueville, un ceppo nel ravennate a Ravenna,
 +Lugo e Faenza, presenze a Roma ed a Terracina nel latinense, dovute probabilmente
 +all'emigrazione in occasione della bonifica Pontina, un piccolo ceppo a
 +Montoro Superiore nell'avellinese, ed uno in Sicilia a Caltagirone nel
 +catanese, Bagnari è specifico del ravennate, di Bagnacavallo, Ravenna
 +e Faenza, Bagnaro, assolutamente rarissimo, è campano, dovrebbero
 +derivare dal nome di paesi come Bagnara frazione di Cremona, Bagnara nel
 +veneziano e nel rovigoto, Bagnara di Romagna nel ravennate, Bagnara nel
 +beneventano ed altri simili, nome che dovrebbe derivare dal latino <i><font color="#3333FF">balnearia</font></i>,
 +dovuto probabilmente alla presenza di paludi nel territorio.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNASCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipico del lodigiano, dovrebbe derivare dal nome
 +di un'antica località ora scomparsa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNASCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'areale che comprende le province di Cuneo, Asti, Alessandria,
 +Savona e Genova, dovrebbe derivare dai toponimi Bagnasco (CN) o Bagnasco (AT).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNATI
 +<br>BAGNATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagnati sembrerebbe specifico del varesotto, Bagnato invece ha un ceppo
 +pugliese, uno siciliano nel messinese, ma iò nucleo principale è
 +calabrese.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Bagnato</font></i>,
 +da intendere probabilmente nel senso di battezzato, purificato con l'acqua
 +santa (vedi anche <i><font color="#3366FF">Battezzato</font></i><font color="#000000">
 +e </font><i><font color="#3366FF">Battiato</font></i>). Dal punto di vista
 +etimologico, infatti, si riscontra un'esatta corrispondenza fra i verbi
 +bagnare e battezzare, in quanto quest'ultimo trae origine dal greco <i><font color="#3366FF">baptizein</font></i>,
 +che letteralmente significa proprio <i><font color="#999999">bagnare</font></i>,
 +<i><font color="#999999">immergere nell'acqua</font></i>: seguendo questo
 +ragionamento, allora, è possibile supporre che in passato il verbo
 +bagnare fosse utilizzato come variante del verbo battezzare (che, di fatto,
 +consiste in una forma più dotta del latino medievale, trattandosi
 +di una voce di origine straniera) e di qui scaturirebbe l'equivalenza fra
 +i nomi medievali <i><font color="#3366FF">Bagnato</font></i> e <i><font color="#3366FF">Battezzato</font></i>.
 +Dal punto di vista storico, comunque, tracce di questo nome si riscontrano
 +a Siena nel corso del '200, con un certo Bagnato del Borgo d'Arbia, padre
 +di Baroccio e marito di Imilia. Per quanto riguarda i cognomi in questione,
 +dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti,
 +anche se in alcuni casi non è esclusa una derivazione da soprannomi
 +ad essi attribuiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNATICA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, sembrerebbe specifico del bresciano, dovrebbe
 +derivare dal toponimo Bagnatica (BG).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNESCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto molto raro è tipico di Capannori (LU), dovrebbe derivare da
 +toponimi come Bagni di Lucca (LU).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNETTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagnetti, molto raro, è specifico di Perugia e del perugino, potrebbe
 +derivare da forme etniche di toponimi come Bagnaia, Bagnera o Bagni, tutti
 +ben presenti nel perugino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNI
 +<br>BAGNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagni è specifico dell'area che comprende le province di Reggio
 +Emilia, Modena, Bologna, Ferrara, Firenze, Pistoia e Prato, Bagno ha un
 +ceppo nel padovano, uno tra casertano e napoletano ed uno nel Salento,
 +dovrebbero derivare dai vari toponimi contenenti la radice <i><font color="#3366FF">bagn-</font></i>,
 +toponimi molto molto diffusi in Italia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagnini, molto raro, sembrerebbe specifico di Città di Castello
 +nel perugino, potrebbe trattarsi di una forma etnica riferita ad un capostipite
 +proveniente dal paese senese di San Casciano dei Bagni o da Bagno di Romagna
 +nel forlivese o da altri paesi viciniori contenenti la radice <i><font color="#3333FF">bagno</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNOLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00bagnoli.gif" nosave="" align="LEFT" width="35" height="43"><font size="-1">Molto diffuso in Emilia, Romagna ed in Toscana, ha ceppi probabilmente
 +non secondari, nel milanese, nel napoletano ed in Molise, dovrebbero derivare
 +da toponimi come Bagnoli (AR), (GR), (NA), (IS), ecc., toponimo molto diffuso
 +normalmente impiegato per indicare località termali. Una località
 +con questo nome esisteva anche nel milanese in epoca longobarda, come si
 +evince da quest'atto di vendita del 1138 tratto dal <i><font color="#3366FF">Codice
 +Diplomatico della Lombardia medievale</font></i>: "<font color="#CC33CC">...Anno
 +ab incarnacione domini nostri Iesu Christi millesimo centesimo trigesimo
 +octavo, die mercurii mensis octubris, indicione prima. Constat nos Lanfrancum,
 +filium quondam Alberici, de loco Capriani, et Ottam iugales, qui professi
 +sumus lege vivere Longobarda, ...... pro nostra porcione de tota illa terra
 +quam habere visi sumus in illo loco tantum qui dicitur in Lama et est in
 +pertinentia </font><font color="#FF0000">Bagnoli,</font><font color="#CC33CC">
 +cum quanto de nostro iure in ipso loco inveniri potest...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAGNUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bagnus, molto raro, sembrerebbe del cuneese, potrebbe derivare dal nome
 +di un antico toponimo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAI
 +<br>BAJ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bai ha un nucleo nel milanese e varesotto, uno nel bolognese, uno nel grossetano,
 +Baj ha un ceppo nel milanese e nel varesotto, uno a Torino ed uno a Roma,
 +dovrebbero derivare dall'apocope dell'aferesi del nomen latino <i><font color="#3366FF">Liberale</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">VITA DIVI VESPASIANI</font></i>
 +di Svetonio: "<font color="#CC33CC">...reciperatorio iudicio pronuntiatam,
 +patre asserente </font><font color="#FF0000">Flavio Liberale Ferenti</font><font color="#CC33CC">
 +genito nec quicquam amplius quam quaestorio scriba....</font>", ma è pure possibile una derivazione dalla troncatura di funzioni pubbliche come quella del Baglivo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIAMONTE
 +<br>BAIAMONTI
 +<br>BAJAMONTE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baiamonte è tipico del palermitano e dell'agrigentino, assieme a
 +Bajamonte, Baiamonti rarissimo potrebbe essere veneto o emiliano, derivano
 +dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Baiamons</font></i>, <i><font color="#3333FF">Baiamontis</font></i>,
 +di cui abbiamo traccia ad esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico
 +della Lombardia medievale</font></i>, dove, sotto l'anno 1168, si può
 +leggere: "<font color="#CC33CC">...manuum Carli de Curte Nova et Pandemilii
 +et </font><font color="#FF0000">Baiamontis Ferrarii </font><font color="#CC33CC">et
 +Suzi Sartoris, testium...</font>". Questa cognominizzazione la troviamo ad
 +esempio a Modena nel 1170 con Rolando di Baiamonte. uno dei firmatari della
 +carta di fedeltà ai Consoli di Modena contro&nbsp; Montecuccolo,
 +i Conti di Gomola e altri capitani e valvassori del modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIARDI
 +<br>BAIARDO
 +<br>BAJARDI
 +<br>BAJARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baiardi ha un ceppo nell'alessandrino ed uno nel forlivese, con presenze
 +anche in centro Italia, Baiardo sembrerebbe genovese, Bajardo, estremamente
 +raro, è genovese, Bajardi, estremamente raro, ha un nucleo palermitano
 +ed uno probabilmente secondario a Torino, possono derivare dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Bajardu</font></i>s, derivato da un soprannome
 +originato dal colore bruno dei capelli o della carnagione (simile a quella
 +di un cavallo baio), in alcuni casi derivano dal toponimo Bajardo (IM),
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel 1277 a Fabriano (AN) quando
 +è console Girardus Baiardus, nel 1500 è Governatore di Narni
 +e Spoleto un Ioannes Baptista Baiardi di Parma: "<font color="#CC66CC">...domino
 +</font><font color="#FF0000">Joannes Baptista Baiardi</font><font color="#CC66CC">
 +iudex utriusque doctor et eques parmenses civitatis Narnie gubernator...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIGUERA
 +<br>BAIRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baiguera è tipico del bresciano, di Brescia, Manerbio, Verolavecchia,
 +Quinzano d'Oglio, Orzinuovi, Pontevico e Pavone del Mella, Baiera è
 +quasi unico, dovrebbero derivare da un soprannome dialettale originato
 +da un termine che identifica un particolare tipo di <i><font color="#3333FF">pala</font></i>,
 +specifico del bresciano, forse ad indicare nel capostipite un manovale
 +addetto a lavori pesanti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAILI
 +<br>BAILO
 +<br>BAILONE
 +<br>BAILONI
 +<br>BALIO
 +<br>BALLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baili, quasi unico, è probabilmente dovuto ad errori di trascrizione
 +di Bailo, che è tipicamente settentrionale, in particolare dell'alessandrino,
 +del torinese e del milanese, con ceppi anche nel triveneto, nel fiorentino
 +e nel romano, Bailone, molto molto raro, sembrerebbe decisamente piemontese,
 +di Torino e di Saluzzo nel cuneese, Bailoni è specifico del Trentino,
 +di Vigolo Vattaro soprattutto e di Trento, Balio, assolutamente rarissimo,
 +potrebbe essere dell'Italia centrosettentrionale, in particolare del milanese,
 +dove è sicuramente concentrato il quasi altrettanto raro Ballio,
 +dovrebbero tutti derivare dal termine latino <i><font color="#3366FF">baiulus</font></i> o <i><font color="#3366FF">bailus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">reggente</font></i>), magistrato medioevale che
 +gestiva il potere politico di un paese alle dipendenze dirette del feudatario
 +o per conto del Principe (<font color="#CC33CC">vedi anche BAGLI</font>):
 +"<font color="#CC33CC">...Civitate ex antiquo usu dicitur </font><font color="#FF0000">Bailus</font><font color="#CC33CC">,
 +id est, negotiorum director seu potius ex gerulo, qui onera gerit, </font><font color="#FF0000">Baiulur</font><font color="#CC33CC">,
 +id est, Orator diceretur. Cicero enim de Orat inquit: [Remigem aliquem,
 +aut </font><font color="#FF0000">Baiulum </font><font color="#CC33CC">nobis
 +Oratorem descripseras.] Tempore graeci dominii Venetus Orator </font><font color="#FF0000">Mpailus</font><font color="#CC33CC">
 +vocabatur. [Magistratus vero, qui certis temporibus eo mittuntur Venetorum
 +</font><font color="#FF0000">Mpailus</font><font color="#CC33CC">, sive
 +Curator Pisanorum, et Genuensium Potestas appellatur....</font>", ma è pure possibile che in qualche caso i ceppi piemontesi possano
 +derivare dal nome del paese di Castro Bailone citato nella <i><font color="#3333FF">charte
 +dite de Clovis</font></i> del XII° secolo.&nbsp; Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio a Trento nel 1235, come possiamo leggere in un atto
 +di compravendita"<font color="#CC33CC">.. Anno 1235 die 6 novembris Antonius
 +quondam </font><font color="#FF0000">Petri de Bailonis</font><font color="#CC33CC">
 +de Supramonte vendidit egregio domino Thomae quondam domini Stephani de
 +Cazuphis civi, et habitatori Tridenti, in Contrata Lata, seu Plateae, unam
 +petiam terrae aratoriam, positam in pertinentiis Supramontis, in loco ubi
 +dicitur a Novalina, a tribus partibus apud ipsum emptorem. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIMA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baima è specifico della zona del torinese molto circoscritta, di
 +circa tre chilometri di diametro, che comprende Nole, Ciriè e San
 +Carlo Canavese, dovrebbe derivare dal nome della frazione Baima di San
 +Carlo Canavese, l'origine del cui nome potrebbe essere da una forma medioevale
 +germanica per boemo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAINADO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bainado, assolutamente molto raro, è tipicamente veneziano, di Cavallino
 +Treporti in particolare, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIO
 +<br>BAJO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognomi abbastanza rari, si individua un nucleo siciliano che dovrebbe
 +essere di derivazione spagnola dal termine bajo (basso) e corrisponderebbe
 +all'italiano Basso che sarebbe legato ad una caratteristica fisica del
 +capostipitei, un ceppo veneziano, forse autoctono, ma che potrebbe anch'esso
 +essere proveniente dalla Spagna; esiste poi un piccolo ceppo piemontese
 +che potrebbe derivare dal toponimo Baio Dora (TO) ed un nucleo lombardo
 +del quale si potrebbe supporre una derivazione dal vocabolo <i><font color="#3366FF">baglio</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Bajetta</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Enzo Lauricella</font></font>
 +<br>Per il nucleo siciliano esiste un'ipotesi affascinante secondo la quale
 +il cognome Bajo deriverebbe dal nome del mitico compagno d'arme d'Enea
 +di Troia,&nbsp; Bajos morto vicino Salerno in località golfo (di)
 +Bajos, dove esiste una colonna in sua memoria sotto la quale si dovrebbe
 +trovare sepolta la sua salma.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">ipotesi fornita da Gianna Ferrari
 +De Salvo</font></font>
 +<br>Baio e Bajo, potrebbero derivare dal termine italiano baio a sua volta
 +derivato dal latino medioevale badius (di colore rosso bruno).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIOCCHI
 +<br>BAIOCCHINI
 +<br>BAIOCCHINO
 +<br>BAIOCCO
 +<br>BAJOCCHI
 +<br>BAJOCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baiocchi è diffuso in Lombardia Emilia ed Italia centrale, Baiocco
 +è tipico della fascia centrale che comprende Marche, Umbria, Lazio
 +ed Abruzzo, Baiocchini, Baiocchino, Bajocchi e Bajocco, assolutamente rarissimi
 +sembrerebbero avere la stessa origine nell'Italia centrale, dovrebbero
 +derivare da un soprannome<i><font color="#3366FF"> mezzo bajocco</font></i>
 +equivalente al moderno mezza cartuccia, o per evidenziare una corporatura
 +minuta o la bassa statura o intendendo comunque qualcuno di poco conto.
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel lodigiano in una <i><font color="#3366FF">Manifestatio
 +feudi </font></i>della seconda metà del 1100: "<font color="#CC33CC">...que
 +iacet ad Mayragum; et terram quam tenet </font><font color="#FF0000">Garardus
 +Baiocco</font><font color="#CC33CC">; et quam tenet Cagamosto ad Sanctum
 +Martinum - et dicimus quod de omnibus suprascriptis terris, videlicet de
 +Basiascho et de Mayrago et de Cagamosto et de </font><font color="#FF0000">Baiocco</font><font color="#CC33CC">
 +et de Algisio Sancti Viti...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIRO
 +<br>BAJRO
 +<br>BAYRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bairo è tipicamente piemontese, di Ciriè nel torinese in
 +particolare, Bajro e Bayro sono forme arcaiche di questo cognome, che dovrebbe
 +derivare dal nome del paese di Bairo Canavese nel torinese, paese il cui
 +nome dovrebbe a sua volta derivare da una forma dialettale contratta del
 +termine <i><font color="#3333FF">bavaro</font></i> (<i><font color="#666666">bavarese,
 +di Baviera</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 + <tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAIT
 +<br>BAJT
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipici entrambi della zona di confine tra udinese e goriziano con la Slovenia,
 +dovrebbe derivare da una modificazione dialettale del toponimo Veit (il
 +nostro San Vito) la cui pronuncia è Fait modificato dalla parlata
 +slovena in Bait.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALAN
 +<br>BALLAN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balan, molto raro, ha un ceppo a Bevilacqua e Minerbe nel veronese e a
 +Dolo nel veneziano, Ballan, più diffuso, ha un ceppo a Castelfranco
 +Veneto nel trevisano, nel padovano a Villa del Conte, Santa Giustina in
 +Colle e Camposampiero, a Lonigo nel vicentino, a Santa Maria di Sala nel
 +veneziano e nel veronese a Coliogna Veneta e San Giovanni Lupatoto, potrebbero
 +essere di origine illirica e derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Balan</font></i>,
 +molto presente come toponimo ancora oggi in Romania, ma non dobbiamo dimenticare
 +che <i><font color="#3333FF">Balan</font></i> era anche un nome celta presente
 +anche come antichissimo toponimo in Balanodunum.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALANGERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balangero è tipico della provincia di Cuneo, di Saluzzo, Envie,
 +Cavallermaggiore, Racconigi e Revello e di Carmagnola (TO), dovrebbe derivare
 +dal toponimo Balangero (TO), i Balangero costituirono un nobile casato
 +ghibellino feudatario della zona, ricordiamo il visconte Giacomo di Balangero
 +detto di Viù (1266 -1318).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALANSINO
 +<br>BALANZINO
 +<br>BILANCIA
 +<br>BILANCINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balansino, molto molto raro, è tipico del torinese, Balanzino è
 +rarissimo e sembrerebbe del novarese, Bilancia ha un ceppo a priverno nel
 +latinense, uno a Napoli, uno nel potentino a Tolve e Potenza ed uno nel
 +foggiano a Sansevero e Lucera, Bilancino è quasi unico, dovrebbero
 +tutti derivare direttamente o tramite ipocoristici anche dialettali da
 +soprannomi originati dal termine <i><font color="#3366FF">bilancia</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">bilancino</font></i>, <i><font color="#3366FF">balansa</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">balanza</font></i> in dialetto, forse ad indicare
 +che il capostipite facesse il mercante o fosse di carattere molto accorto
 +ed economo, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo ad esempio a
 +Brescia nel 1500 con Jacomo Balanzinus liutaio: "<font color="#CC33CC">...Poliza
 +de mi </font><font color="#FF0000">Balanzino</font><font color="#CC33CC">
 +et Gio. Iacomo mio fratello, maestri de archetti cioè instrumenti...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALBI
 +<br>BALBIS
 +<br>BALBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00balbi.gif" nosave="" align="LEFT" width="43" height="60"><font size="-1">Balbi ha un ceppo nell'alessandrino e genovese ed uno nel napoletano e
 +salernitano, Balbis, molto più raro, ha un ceppo nell'imperiese
 +e savonese, con presenze anche in Piemonte ed in Val d'Aosta, Balbo, il
 +più diffuso, è specifico dell'area ligure, piemontese, con
 +un ceppo anche in Veneto nel veronese, vicentino, padovano e rovigoto,
 +un piccolo ceppo anche nel salernitano e nel nisseno, di chiara origine
 +latina, origina dal cognomen <i><font color="#3333FF">Balbus</font></i>
 +derivato dall'aggettivo latino <i><font color="#3333FF">balbus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">balbuziente</font></i>), secondo un'altra ipotesi
 +deriverebbe invece dal nome del pesce <i><font color="#3333FF">balbus</font></i>
 +(<i><font color="#666666">barbo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALBINI
 +<br>BALBONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balbini è assolutamente rarissimo, Balboni è tipico emiliano,
 +della zona che comprende le province di Modena, Bologna e Ferrara, derivano
 +da una modificazione del cognomen latino <i><font color="#3366FF">Balbus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Balbi</font>)
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da
 +Fabio Paolucci</font></font>
 +<br>Balboni è un cognome prettamente romagnolo, diffuso anche a
 +Milano, Genova, Torino e Roma e quasi assente nel Sud della Penisola. Ha
 +alla base i cognomina latini <i><font color="#3366FF">Balbus</font></i>
 +e <i><font color="#3366FF">Balbinus</font></i>, di età repubblicana,
 +derivati dal soprannome <i><font color="#3366FF">balbus </font></i>(<i><font color="#666666">balbuziente</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALBINOT</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balbinot è tipico dell'area trevisano bellunese, di Vittorio Veneto
 +(TV) e Farra d`Alpago (BL) in particolare, dovrebbe derivare da un ipocoristico
 +dialettale del nome latino <i><font color="#3366FF">Balbinus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nelle <i><font color="#3366FF">Historiae Augustae</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Balbinus</font><font color="#CC33CC">
 +nobilissimus et iterum consul, rector provinciarum infinitarum. Nam et
 +Asiam et Africam et Bithyniam et Galatiam et Pontum et Thracias et Gallias
 +civilibus administrationibus rexerat, ducto nonnumquam exercitu, sed rebus
 +bellicis minor fuerat quam in civilibus...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALCON
 +<br>BALCONE
 +<br>BALCONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balcon, non molto comune è specifico del bellunese, di Belluno,
 +Limana, Sedico e Ponte nelle Alpi, Balcone è quasi unico, Balconi
 +è specifico della Lombardia, del milanese in particolare, di Gorgonzola,
 +Milano, Pessano con Bornago, Agrate Brianza, Bernareggio, Vimercate, Melzo,
 +Paderno Dugnano e Cernusco sul Naviglio, di Cremona, Lodi e di Busto Arsizio
 +e Comabbio nel varesotto,&nbsp; dovrebbero derivare dal nome germanico
 +<i><font color="#3333FF">Balko</font></i>, <i><font color="#3333FF">Balkonis</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio cognominizzato nella Historia prussiana: "<font color="#CC33CC">..Noverit
 +Universitas vestra, quod Nos, cum ad partes Prussiae pro negotiis plurimis
 +venissemus promovendis, inter alia, quae nobis dissinienda occurrerunt
 +ibidem negotia, Cives Culmenses ac Thorunienses turbatos invenimus pro
 +eorum Privilegio, quondam eis a Magistro bonae memoriae Fratre Hermanno
 +dicto de Salcza, et Fratre </font><font color="#FF0000">Hermanno Balkone</font><font color="#CC33CC">,
 +primo ejusdem Terrae Commendatore, donato, et postmodum per incendium Civitatis
 +Culmensis amisso, cujus rei veritatem a Fratribus nostris ac aliis viris
 +honestis Nos plenius cognoscentes, de communi consilio Fratrum nostrorum
 +ibidem existentium, pariter et consensu dictos Cives laetificantes, Privilegium
 +praedictum ipsis restaurandum duximus, in hunc modum. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDACCI
 +<br>BALDAN
 +<br>BALDANI
 +<br>BALDAZZI
 +<br>BALDECCHI
 +<br>BALDELLI
 +<br>BALDESCHI
 +<br>BALDI
 +<br>BALDIN
 +<br>BALDINI
 +<br>BALDINO
 +<br>BALDINU
 +<br>BALDINUCCI
 +<br>BALDO
 +<br>BALDONE
 +<br>BALDONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00baldi.gif" nosave="" align="LEFT" width="60" height="74"><img src="/immagini/stem00baldo.gif" nosave="" align="RIGHT" width="60" height="80"><font size="-1">Baldacci è molto diffuso nella fascia che comprende il lucchese,
 +il pisano, il livornese, il pistoiese, il fiorentino, il forlivese e cesenate
 +ed il riminese, con un ceppo anche nel perugino e nel romano, Baldan è
 +di origine veneziana dove la concentrazione è massima anche se esistono
 +dei nuclei sostanziosi pure in Lombardia e Piemonte, Baldani, non comune,
 +ha un nucleo in Romagna ed un piccolo ceppo nel veronese, che dovrebbe
 +essere originato da un errore di trascrizione del cognome Baldan, Baldazzi
 +ha la massima concentrazione in Emilia e Romagna, Baldecchi è tipicamente
 +toscano, di Marliana, Montecatini Terme, Pieve a Nievole e Pistoia nel
 +pistoiese, di Pian di Sco nell'aretino e di Firenze, Baldelli ha un ceppo
 +nel bergamasco, uno nel modenese ed il nucleo tra Romagna, Marche, Umbria
 +e Lazio, Baldeschi è tipicamente toscano, di Livorno e Pisa in particolare, Baldi è praticamente diffuso in modo massiccio in tutto
 +il territorio nazionale, Baldin è tipico del Veneto e Friuli, Baldini
 +è molto diffuso in tutto il centronord, Baldino ha ceppi nel sassarese
 +ad Alghero principalmente, a Roma, nel napoletano e nel beneventano, ma
 +soprattutto nel cosentino, Baldinu è specifico del sassarese, di
 +Alghero, Villanova Monteleone e Ittiri, Baldinucci ha un ceppo a Gubbio
 +nel perugino ed uno a Napoli ed Afragola nel napoletano, Baldo è
 +diffuso in tutto il nord, ma soprattutto in Veneto, anche se presenta tracce
 +anche tra Roma e Latina, nel salernitano ed a Vibo Valentia, Baldone, molto
 +molto raro, sembrerebbe siciliano, Baldoni è molto diffuso nella
 +fascia che comprende Emilia e Romagna, Marche, Umbria e provincia di Roma,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite vari tipi di forme ipocoristiche,
 +anche composite, od accrescitivi, dal nome di origine longobarda <i><font color="#3333FF">Baldus</font></i>,
 +o anche da varie modificazioni o ipocoristici dell'aferesi di nomi medioevali
 +di origine germanica come <i><font color="#3333FF">Ubaldo</font></i> o
 +<i><font color="#3333FF">Teobaldo</font></i> o altri
 +nomi composti con il vocabolo medioevale germanico <i><font color="#3333FF">bald</font></i> (<i><font color="#999999">baldo,
 +coraggioso</font></i>), un esempio di quest'uso lo abbiamo a Vercelli in
 +un atto del 1397: "<font color="#CC33CC">...Ego </font><font color="#FF0000">Baldinus
 +de Trasi</font><font color="#CC33CC">s de Conflentia civis Vercellensis,
 +filius quondam Gratiani de Trasis, publicus imperiali auctoritate notarius
 +...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BALDINI - Per questo cognome si potrebbe risalire, oltre che a <i><font color="#3333FF">Baldus</font></i>,
 +anche al personale <i><font color="#3333FF">(Ri)baldinus</font></i>, documentato
 +a Modena dal 1176 e movente da <i><font color="#3333FF">Ribaldus</font></i>,
 +vivo in Modena dal 1125, dal personale longobardo <i><font color="#3333FF">Rîdbald</font></i>.
 +Fonte: F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDANTONI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldantoni , molto molto raro, è tipicamente marchigiano, della
 +zona che comprende il pesarese, in particolare Fossombrone, l'anconetano
 +ed il maceratese, dovrebbe derivare dal nome del capostipite che doveva
 +essere composto dai nomi <i><font color="#3333FF">Baldo</font></i> ed <i><font color="#3333FF">Antonio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDANZA
 +<br>BALDANZI
 +<br>BAUDANZA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldanza parrebbe avere un ceppo tra Bologna e Castel di Casio sempre nel
 +bolognese ed uno in Sicilia a Palermo e Geraci Siculo con presenze significative
 +anche a Vittoria (RG), s Naro e Camastra (AG) ed a Catania, Baudanza, più
 +raro, è siciliano di Mineo (CT) e Salemi (TP), Baldanzi è
 +tipicamente toscano di Livorno, Firenze e Prato.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">ipotesi fornite da Stefano Ferrazzi</font></font>
 +<br>Baldanza, presente a bassa frequenza dal nord al sud del paese, ha
 +ceppi maggiori nel bolognese e, in misura minore, nel palermitano e nel
 +messinese, Baldanzi è più tipicamente toscano, con ceppi
 +maggiori nel livornese, nel fiorentino e nel grossetano e ceppi minori
 +nel pratese e nel pisano, Baudanza, più raro dei precedenti, si
 +riscontra maggiormente in Sicilia, con un nucleo maggiore fra il catanese
 +e il trapanese, tutti questi cognomi derivano dal nome medievale <i><font color="#3366FF">Baldanza</font></i>,
 +attribuito al neonato come augurio di fierezza, ardimento, coraggio (vedi
 +anche <i><font color="#3366FF">Baldo</font></i>). In conclusione, dunque,
 +si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDARI
 +<br>BALDARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldari ha un ceppo molto grosso a Roma, uno a Napoli, uno nel Salento
 +a Latiano, Oria e Mesagne nel bribdisino, a Manduria ed Avetrana nel tarantino
 +ed a Galatina, Ruffano ed Aradeo nel leccese, ed un ceppo a Stilo nel reggino,
 +Baldaro, molto meno comune, tipicamente pugliese, ha un piccolo ceppo a
 +Brindisi ed a Carosino nel tarentino, dovrebbero derivare dal nome germanico
 +<i><font color="#3333FF">Baldhari</font></i> (<i><font color="#666666">il
 +più coraggioso dell'esercito, soldato senza paura</font></i>), a
 +sua volta composto dai termini germanici medioevali <i><font color="#3333FF">bald</font></i>
 +(<i><font color="#666666">coraggio</font></i>), unito ad <i><font color="#3333FF">hari</font></i>
 +(<i><font color="#666666">esercito</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDAS
 +<br>BALDASSA
 +<br>BALDASSI
 +<br>BALDASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldas è tipicamente friulano, di Trieste in particolare, Baldassa
 +è veneto del trevisano tra Resana, Castelfranco Veneto e Camposampiero
 +(PD), Baldassi ha un ceppo friulano a Trieste e nell'udinese tra Codroipo
 +e Buia, ed un ceppo a Fabrica di Roma (VT), Baldasso è specifico
 +del trevigiano tra Spresiano, Povegliano, Villorba e Giavera del Montello,
 +dovrebbero tutti derivare da forme contratte del nome <i><font color="#3366FF">Baldassarre</font></i>
 +derivato dall'ebraico <i><font color="#3366FF">Balthazar</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDASSANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è specifico di Sciacca (AG), dovrebbe derivare da modificazioni
 +del nome Balthazar.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDASSARI
 +<br>BALDASSARINI
 +<br>BALDASSARRE
 +<br>BALDASSARRI
 +<br>BALDASSARRO
 +<br>BALDESARI
 +<br>BALDESSARE
 +<br>BALDESSARI
 +<br>BALDESSARO
 +<br>BALDESSARRE
 +<br>BALDESSARRI
 +<br>BALDESSARRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldassari ha un ceppo romagnolo, uno tra le province di La Spezia e Lucca,
 +uno marchigiano ed uno laziale, Baldassarini è tipico del romano,
 +Baldassarre è molto diffuso in Lazio, Abruzzo, Campania, Puglia
 +e Basilicata, Baldassarri è diffuso invece in Romagna, Toscana,
 +Marche, Umbria e Lazio, Baldassarro, molto raro, è tipico del foggiano,
 +di Deliceto e della stessa Foggia, Baldessare, Baldessarre, Baldessaro,
 +Baldessarro e Baldessarri, sono praticamente unici e molto probabilmente
 +dovuti ad errori di trascrizione, Baldessari è tipico del trentino,
 +Baldesari, è dovuto ad un errore di trascrizione del precedente,
 +derivano dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Baldassarre</font></i>&nbsp;
 +derivato dall'ebraico <i><font color="#3366FF">Balthazar</font></i>, l'uso
 +della forma <i><font color="#3366FF">Baldessarre</font></i> è provata
 +da questo testo della seconda metà del 1400: "<font color="#CC66CC">...Item quod caniparius mayor
 +presens possit facere unum dare de libris duodecim imperialibus </font><font color="#FF0000">Baldessari</font><font color="#CC66CC">
 +quondam Zanni Bruni pro ficto annorum sex proxime preteritorum unius campi
 +extimati heredi...</font>", tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +nel 1600 a Riva del Garda (TN) in un processo civile contro un certo Francesco
 +de Baldessaribus.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDASSINI
 +<br>BALDASSINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldassini ha ceppi laziali a Roma, Sora (FR), Aprilia e Sezze (LT), uno
 +a La Spezia ed Aulla (MS) e Firenze, Baldassino, quasi unico è friulano
 +e potrebbe derivare da un ipocoristico del cognome Baldas, dovrebbero derivare
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Baldassinus</font></i>, nella
 +Lista degli scolari dello Studio di Perugia dell'anno 1583 troviamo già
 +questa cognominizzazione con un certo Pyrrus Baldassinus marchigiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDIRAGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome presente quasi esclusivamente
 +in provincia di Milano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDISSER
 +<br>BALDISSERA
 +<br>BALDISSERI
 +<br>BALDISSEROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldisser, molto raro è tipico trevisano, Baldissera è tipico
 +del Veneto orientale, bellunese, trevisano e veneziano, con presenze significative
 +anche nel Friuli occidentale, Baldisseri è specifico della zona
 +tra la provincia di Vicenza e quella di Padova, Baldisserotto è vicentino, la
 +derivazione di tutti questi cognomi è evidentemente dal nome <i><font color="#3366FF">Baldassarre</font></i>
 +(uno dei magi), derivato derivato dall'ebraico <i><font color="#3366FF">Balthazar</font></i>
 +nome di origine medioorientale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDISSERO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo sembra essere piemontese e dovrebbe derivare da
 +un toponimo come Baldissero Canavese (TO) o Baldissero d'Alba (CN).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDOLI
 +<br>BALDOLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baldoli è tipico di Vimodrone (MI), Baldolini ha un ceppo tra riminese
 +e pesarese ed uno romano, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Baldolus</font></i>,
 +o da un suo diminutivo, nell'atto di Giuramento della Lega Toscana del
 +novembre 1197 tra i firmatari risulta anche un certo <i><font color="#3366FF">Baldolus
 +condam Boiamonti</font></i>s, tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Perugia agli inizi del 1300 con il pittore miniaturista Giovanni Baldoli:
 +"<font color="#FF0000">Vannes Baldoli</font><font color="#CC66CC"> et socii
 +fecerunt me sub annis domini MCCCXXXIII</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDRIGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome presente solo nel nord ovest con massima concentrazione nelle provincie
 +di Milano Lodi e Piacenza. L'origine del nome è germanica e deriva
 +da <i><font color="#3333FF">Baldrich</font></i> (<i><font color="#666666">signore
 +del coraggio, coraggioso oltre ogni modo</font></i>), dal termine germanico
 +medioevale <i><font color="#3333FF">bald</font></i> (<i><font color="#666666">coraggio</font></i>)
 +e <i><font color="#3333FF">rich</font></i> (<i><font color="#666666">ricco</font></i>),
 +attraverso la sua modificazione latina <i><font color="#3333FF">Baldericus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una <i><font color="#3366FF">Designationes
 +terrarum</font></i> nel <i><font color="#3366FF">Codice diplomatico della
 +Lombardia medioevale</font></i> a Maderno nel 1191: "<font color="#CC33CC">...In
 +Christi nomine. Die sabati .XIII. exeunte mense ianuarii. In loco Materni
 +ubi dicitur Prementor. In presentia domini presbiteri Ugonis, Uberti Ricardi,
 +Vanacii et </font><font color="#FF0000">Balderici</font><font color="#CC33CC">
 +et Materni Cavucii ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALDUCCHI
 +<br>BALDUCCI
 +<br>BALDUCCIO
 +<br>BALDUZZI
 +<br>BALDUZZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balducchi, molto molto raro, ha un ceppo a Tavernola Bergamasca nel bergamasco,
 +uno nel modenese ed uno in Toscana, Balducci è tipico del bolognese,
 +Romagna, Toscana, Marche, Umbria, Lazio con un ceppo anche nel barese,
 +Balduccio, assolutamente rarissimo, parrebbe del trapanese, Balduzzi ha
 +un ceppo nel bolognese, uno tra bergamasco e bresciano ed uno piemontese
 +nell'alessandrino con ramificazioni nel pavese, nel parmense e nel genovese,
 +Balduzzo, assolutamente rarissimo, è dell'area tra trentino e vicentino,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite italianizzazioni, dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Balduccius</font></i> di cui abbiamo
 +un esempio in un testamento del 1296 a Colle Val d'Elsa:
 +"<font color="#CC33CC">...Ego </font><font color="#FF0000">Balduccius</font><font color="#CC33CC">
 +vocatus Duccius olim Meluccius de Colle Valle Elsa, Imperiale auctoritate
 +Notarius, praedictis omnibus memoratis et hac acta rogata subscripsi propria
 +manu.</font>", nella seconda metà del 1500 troviamo Giovanni Francesco delli
 +Ferrari detto Balduzio (o Balduzzo) agrimensore di Castel Arquato (PC) incaricato di misure catastali.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BALDUCCI - Come per Baldini, anche per Balducci si potrebbe risalire,
 +oltre che a <i><font color="#3333FF">Baldus</font></i>, al personale <i><font color="#3333FF">(Ri)balduccius</font></i>,
 +nominato dal 1148 e movente da <i><font color="#3333FF">Ribaldus</font></i>,
 +vivo in Modena dal 1125, dal personale longobardo <i><font color="#3333FF">Rîdbald</font></i>.
 +Fonte: F. Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALEGNO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balegno è specifico del Piemonte, del vercellese in particolare,
 +di Cigliano e Tronzano Vercellese, e di Torino, dovrebbe derivare dal nome
 +di Balegno, una località montana a circa una decina di chilometri a nordovest
 +di Collegno nel torinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALEN
 +<br>BALLEN</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balen, abbastanza raro, è tipico del bellunese, di Feltre in particolare,
 +Ballen, quasi unico, è ora presente solo a Spresiano nel trevigiano.
 +<br><font color="#3333FF" size="-2">integrazioni fornite da Michele Balen
 +</font><a href="balen00.htm"><img src="../immagini/Approfondimenti.gif" nosave="" align="ABSMIDDLE" border="0" width="83" height="14"></a></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALENA
 +<br>BALENI
 +<br>BALENO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balena ha un ceppo ad Ascoli Piceno, uno a Bari ed uno a Galatina e Maglie
 +nel leccese, ed un piccolo ceppo a Misilmeri nel palermitano, Baleni, quasi
 +unico, sembrerebbe del pesarese, Baleno, rarissimo, ha un piccolo ceppo
 +a Cosenza e nel cosentino, potrebbero derivare dal nome turco <i><font color="#3366FF">Balêm</font></i>,
 +così come potrebbero derivare dal nome della divinità celtica
 +<i><font color="#3366FF">Balenos</font></i>, il dio della luce e del fuoco.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BALENA - Potrebbe essere un soprannome derivato dal nome del cetaceo
 +per indicare una persona grassa, ma siccome il lat. '<i><font color="#3333FF">ballaena</font></i>'
 +deriva dal greco '<i><font color="#3333FF">phàlaina</font></i>',
 +è accostabile al nome della <i><font color="#3333FF">falena</font></i>,
 +<i><font color="#666666">farfalla notturna</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALENZANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balenzano è tipico di Sannicandro di Bari, di Modugno e di Bari
 +stessa, tutti nel barese, si dovrebbe trattare di un'alterazione per betacismo
 +del toponimo Valenzano sempre nel barese, indicando quella come probabile
 +località di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALESTRA
 +<br>BALESTRI
 +<br>BALESTRIERI
 +<br>BALESTRINI
 +<br>BALESTRINO
 +<br>BALESTRO
 +<br>BALISTRERI
 +<br>BALLESTRA
 +<br>BALLESTRERI
 +<br>BALLESTRERO
 +<br>BALLESTRI
 +<br>BALLESTRIERO
 +<br>BALLESTRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balestra è diffuso in tutta l'Italia peninsulare, Balestri è
 +tipico della zona che comprende Toscana, modenese, bolognese, ravennate
 +e forlivese, Balestrieri ha un nucleo nel napoletano, uno nel Lazio ed
 +uno nel parmense, con ceppi secondari sparsi a macchia di leopardo, Balestrini
 +ha un nuleo nel milanese e Lombardia a nord di Milano, nel genovese e cagliaritano
 +e nelle Marche, Balestrino ha un nucleo a Genova, uno a Cagliari ed uno
 +nel salernitano, Balestro. molto raro, ha un ceppo nel vicentino ed uno
 +in Umbria, Balistreri sembrerebbe tipico della Sicilia centrooccidentale,
 +del palermitano in particolare, Ballestra sembrerebbe tipico di Ventimiglia
 +(IM), con un ceppo anche nel veronese, Ballestreri è quasi unico,
 +Ballestrero sembrerebbe della zona tra alessandrino e genovese, probabilmente
 +originario dell'area tra Serravalle Scrivia e Novi Ligure, Ballestri è
 +tipicamente emiliano, di Vignola e Castelfranco Emilia nel modenese e di
 +Bologna, Ballestriero, abbastanza raro, è tipico del rovigoto e
 +del basso padovano, Ballestro è quasi unico, dovrebbero tutti derivare
 +dal mestiere o dalla qualifica militare di operatore alla balestra.&nbsp;
 +Tracce di questa cognominizzazione le troviamo in un atto del 1434 a Bormio
 +con un certo Giacomino Balestrus e nel 1500 a Milano con l'architetto ed
 +ingegnere idraulico Giovanni Balestrieri o Balestrini (esistono entrambi
 +i riferimenti), nel 1534 risulta podestà di Bergamo Nicola Balestro,
 +a Piacenza agli inizi del 1600 con Maria Caterina Balestrieri, un'ava di
 +Giuseppe Verdi, in Valtellina nel 1700 con Lodovico Balestra fu Mariano,
 +abitante a Fusine (SO), tesoriere della veneranda Scuola del Santissimo
 +Sacramento.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALI
 +<br>BALI'
 +<br>BALIC
 +<br>BALICE
 +<br>BALICI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bali, assolutamente rarissimo, dovrebbe essere una forma alterata di Balì,
 +che, molto molto raro, ha una presenza nell'area veneta ed una nell'area
 +napoletana, Balic è praticamente unico, Balice è specifico
 +dell'area pugliese, lucana, di Bari e Minervino Murge nel barese in particolare,
 +ma anche di Barletta, Valenzano e Molfetta, sempre nel barese e di Serracapriola
 +nel foggiano, e di Montalbano Jonico nel materano e Rapolla nel potentino,
 +Balici, praticamente unico, è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione del precedente, dovrebbero tutti derivare da italianizzazioni
 +del nome patronimico e cognome slavo <i><font color="#3333FF">Balič</font></i>,
 +che significa <i><font color="#666666">figlio di Valentino</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balia è un tipico cognome sardo della provincia di Carbonia, di
 +Sant'Antioco, Santadi e Carbonia, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito
 +ai capostipiti, originato dal termine sardo <i><font color="#3333FF">balia</font></i>,
 +che ha vari significati, dall'equivalente italiano di <i><font color="#666666">balia</font></i>
 +o levatrice, a <i><font color="#666666">baldanza, brio, vigore, forza</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALICCHI
 +<br>BALICCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balicchi, quasi unico, è della zona tra aretino e perugino, Balicco,
 +estremamente raro, è dell'area bergamasca e dovrebbe derivare da
 +un soprannome dialettale originato dal termine bergamasco <i><font color="#3333FF">balìcc</font></i>
 +(<i><font color="#666666">pallino</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALICCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balicchia, molto molto raro, ha qualche presenza nell'anconetano a Senigallia
 +ed a Camerano, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale con il significato
 +letterale di <i><font color="#3333FF">pallina</font></i>, ma che potrebbe
 +riferirsi anche all'aspetto fisico.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLABIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del nord milanese e comasco, deriva dal toponimo Ballabio nel comasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLARIN
 +<br>BALLARINI
 +<br>BALLARINO
 +<br>BALLERIN
 +<br>BALLERINI
 +<br>BALLERINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ballarin ha un ceppo friulano tra Trieste e Fontanafredda (PN) ed uno veneto
 +molto importante a Venezia, Chioggia e Cavallino-Treporti nel veneziano
 +e Vittorio Veneto (TV), Ballarini è molto diffuso tra Lombardia,
 +Veneto, Emilia e Marche, Ballarino ha un ceppo tra Genova e Montoggio (GE),
 +uno a Margherita Di Savoia (FG) e Galatina (LE), con presenze significative
 +anche nel messinese e nel catanese, Ballerin ha un ceppo tra Castello Tesino
 +(TN) e Trento, Ballerini è tipico di Lombardia, Emilia e Toscana,
 +Ballerino ha un ceppo a Napoli. L'origine di questi cognomi è molto
 +probabilmente un soprannome relativo o alla capacità nella danza
 +o al tipo di comportamento.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Marco Ballarin</font></font>
 +<br>Ballarin è un cognome che può avere due derivazioni.La
 +prima dalle cosi dette terre ballerine, cioè dal Friuli, quindi
 +colui che viene da quei paesi. La seconda legato al <font color="#3366FF">ballo</font> che
 +compie chi si ritrova nelle scarpe un pezzo di vetro incandescente.Infatti
 +questo cognome è assai noto nella provincia di Venezia.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BALLARINI - Unitamente alla variante Ballerini è cognome d'origine
 +soprannominale da <i><font color="#3333FF">ballare</font></i>, ma non è
 +da escludere che per taluni Ballarini, nel Veneto Ballarìn, il significato
 +sia «<i><font color="#3333FF">mercante di palle</font></i>»
 +dal dialetto <i><font color="#3333FF">bala</font></i> «<i><font color="#666666">palla</font></i>».</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLICCU
 +<br>BALLICU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balliccu è praticamente unico e dovrebbe trattarsi di una forma
 +alterata del cognome Ballicu, che è specifico di Cagliari e di Selegas
 +nel cagliaritano, che dovrebbe derivare da un soprannome dialettale arcaico
 +con il significato di luogo dove si incontrano diverse strade, o un valico
 +montano, forse ad indicare che quella fosse una caratteristica del luogo
 +di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLO
 +<br>DI BALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ballo ha presenze nel settentrione, nel ternano, nel napoletano, nel tarentino
 +ed in Sicilia, a Palermo, ad Aragona nell'agrigentino, a Catania e ad Alcamo
 +nel trapanese, Di Ballo, quasi unico, ha una sparuta presenza nell'agrigentino,
 +dovrebbero derivare, direttamente o tramite una forma patronimica, dove
 +il prefisso <i><font color="#3333FF">Di-</font></i> stia per <i><font color="#666666">il
 +figlio di</font></i>, riferito a capostipiti il cui nome fosse, o il cui
 +padre si chiamasse con il nome longobardo o germanico <i><font color="#3333FF">Balo</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Ballo</font></i>, che dovrebbero essere delle
 +forme apocopaiche del nome germanico <i><font color="#3333FF">Balowulf</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Ballowulf</font></i>, con il significato di
 +<i><font color="#666666">lupo cattivo</font></i>, <i><font color="#666666">lupo
 +feroce</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLOI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balloi è tipicamente sardo, di Cagliari e Goni nel cagliaritano,
 +di Fonni, Sarule e Nuoro nel nuorese, di Lanusei ed Arzana nell'Ogliastra,
 +e di Gonnesa nel Carbonense, si tratta di una forma aferetica vezzeggiativa
 +del nome <i><font color="#3366FF">Sarbadori</font></i> (<i><font color="#999999">Salvatore</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BALLOI: è uno dei tanti cognomi derivanti dal nome <i><font color="#3333FF">Salvatore</font></i>
 +&gt; <i><font color="#3333FF">Sarba-dore</font></i> &gt;<i><font color="#3333FF">Sarba-lloi</font></i>
 +&gt; <i><font color="#3333FF">Balloi</font></i> &gt; <i><font color="#3333FF">Loi</font></i>&nbsp;
 +(<font color="#CC33CC">vedi i cognomi Dettori e Loi</font>). È relativamente
 +recente, visto che non figura nelle carte antiche. E' maggiormente diffuso
 +nel centro Sardegna, anche se Cagliari ne conta il maggior numero: Cagliari
 +38, Fonni 28,&nbsp; Sarule 26, Lanusei 26, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLONE
 +<br>BALLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ballone ha vari ceppi, uno nel pavese a Cassolnovo e Vigevano, uno abruzzese
 +a Pescara ed a Francavilla al Mare nel teatino, uno a Napoli, uno ad Alghero
 +nel sassarese ed uno in Sicilia a Casteltermini nell'agrigentino ad Acquedolci
 +nel messinese ed a Vittoria nel ragusano, Balloni ha un piccolo ceppo a
 +Milano ed a Mantova, uno in Toscana, a Massa, a Firenze, Calenzano e Vaglia
 +nel fiorentino, a Livorno ed a San Giuliano Terme nel pisano, uno nelle
 +Marche, a San Benedetto del Tronto nell'ascolano, a Recanati nel maceratese
 +ed a Gradara nel pesarese, ed uno a Blera nel viterbese, dovrebbero derivare
 +dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Ballo, Ballonis</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio d'uso nel <i><font color="#3366FF">Codex diplomaticus
 +cavensis</font></i> in uno scritto dell'anno 956: "<font color="#CC33CC">...orta
 +est inter nos convenientiam, ut utrisque partibus pergeremus super eadem
 +rebus, et inter nos rebus ipsa termitaremus, et aliqua partem ex dicta
 +rebus haberemus nos et aliqua parte habere illis, et sine sacramentum illud
 +inter nos diffiniremus. et perreximus in ipsum montem de Locolanu super
 +nominata rebus, et utraque partes termitavimus ipsa terra a capite de ipso
 +</font><font color="#FF0000">Ballone</font><font color="#CC33CC">, ubi
 +ipse nominatus </font><font color="#FF6666">Ballone</font><font color="#CC33CC">
 +finem facit usque in serra de ipsum monte, et a super ipso </font><font color="#FF0000">Ballone</font><font color="#CC33CC">
 +similiter termitabimus rebus ipsa per traversum, et regressi fuimus ante
 +prephato Castaldeo, et ego qui supra Stephanus manifesta ad ipsi germani,...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALLOTTA
 +<br>BALLOTTI
 +<br>BALOTTA
 +<br>BALOTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ballotta ha un ceppo emiliano nel piacentino e nel modenese e bolognese,
 +con tre ceppi anche in Sicilia a Palermo, Augusta nel siracusano ed a Trapani,
 +tipico della zona che comprende il modenese, il bolognese ed il fiorentino
 +Ballotti, mentre Balotti oltre che in quell'areale sembra avere anche un
 +ceppo nel grossetano ed uno nell'alto bresciano, Balotta ha un ceppo lombardo
 +nel milanese e nel bresciano con presenze anche nel bolognese, dovrebbero
 +derivare dal nome gallico <i><font color="#3333FF">Ballot</font></i> originato dal termine
 +<i><font color="#3333FF">balo</font></i> (<i><font color="#666666">tormento</font></i><font color="#000000">,
 +ma anche </font><i><font color="#666666">capace di provare odio</font></i>),
 +potrebbe però anche derivare da soprannomi legati al vocabolo ballo,
 +o per una particolare abilita appunto nel ballo o per episodi ad esso connessi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALOCCO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Diffuso nell'area nord occidentale
 +dell'Italia settentrionale questo cognome potrebbe derivare dal toponimo
 +Balocco (VC) l'antica Badalocus, ma potrebbe anche essere il prodotto di
 +un Bella Duco (guido alla guerra) o di un Bardi Loco (proveniente dal luogo
 +del bardo, del poeta, quindi derivare da un nome o dall'attributo di un
 +luogo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALOSSI
 +<br>BALOSSINI
 +<br>BALOSSINO
 +<br>BALOSSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balossi è un cognome lombardo concentrato in modo massimale nelle
 +provincie di Como e Milano, Balosso, assolutamente rarissimo, e Balossini,
 +un poco più diffuso, sono del varesotto, Balossino sembrerebbe invece
 +piemontese, dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici, dal
 +soprannome dialettale <i><font color="#3366FF">baloss</font></i> (<i><font color="#999999">birbantello</font></i>).
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALSAMELLI
 +<br>BALSAMELLO
 +<br>BALSAMINI
 +<br>BALSAMO
 +<br>BALZAMO
 +<br>BALSIMELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balsamelli, quasi unico, è del palermitano, Balsamello molto molto
 +raro è anch'esso specifico del palermitano, Balsamo è diffuso
 +in tutto il sud Italia e Sicilia, con un ceppo anche in Piemonte e Liguria,
 +Balsamini molto raro è tipico del pesarese, Balzamo ha un ceppo
 +a Napoli e nel napoletano ed uno a Manfredonia nel foggiano, Balsimelli
 +è tipicamente toscano, di San Giovanni Valdarno e Montevarchi nell'arertino
 +e di Firenze, derivano tutti, direttamente o tramite varie forme ipocoristiche,
 +anche alterate dal dialetto, dal nome beneaugurale medioevale <i><font color="#3366FF">Balsamus</font></i>, con il significato di toccasana per la famiglia, che dal suo arrivo avrebbe solo ottenuto buone cose.&nbsp;
 +Esempio di questa cognominizzazione si ha ad esempio a Solofra (AV) nel 1100
 +con il notaio Balsamus, come si legge in un suo atto: "<font color="#CC33CC">...sui et
 +illius heredibus viginti auri solidos constantinatos, et in suprascripta
 +divisione semper firmiter permanere. Et taliter tibi </font><font color="#FF0000">Balsamus</font><font color="#CC33CC">
 +clericus et notarius scribere precepi ...</font>". Personaggio famoso con
 +questo cognome fu l'avventuriero, alchimista e guaritore Giuseppe Balsamo
 +(1743-1795) detto Conte Cagliostro.</font>".</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALSARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Rarissimo, probabilmente lombardo,
 +dovrebbe derivare dal nome medioevale Balsarus, di cui si hanno tracce
 +fin dalla fine del VII° secolo con un vescovo con questo nome, come
 +si legge in un atto: "<font color="#CC33CC">In nomine domini Dei nostri
 +Iesu Christi. Repromitto tibi </font><font color="#FF0000">Balsari</font><font color="#CC33CC">
 +Deo gratia episcopus me Adroald filio meo Iohannes...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALUCANI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balucani è specifico di Magione e Perugia nel perugino, dovrebbe
 +derivare da un soprannome basato sul termine dialettale <i><font color="#3333FF">balucano</font></i>
 +(<i><font color="#666666">molto miope, mezzo cecato</font></i>), sottolineando
 +così un probabile difetto del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balus, assolutamente rarissimo sembrerebbe tipico della valle del Natisone
 +nell'udinese, dovrebbe derivare dal nome <i><font color="#3366FF">Valus</font></i>
 +contrazione di <i><font color="#3366FF">Valentinus</font></i>, la <i><font color="#3366FF">V</font></i>
 +iniziale in sloveno spesso si trasforma in <i><font color="#3366FF">B</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALZA
 +<br>BALZAR
 +<br>BALZI
 +<br>BALZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balza è specifico di Alessandria, Balzar, assolutamente rarissimo,
 +quasi unico, è piemontese, Balzi ha un ceppo nel pavese, uno nel
 +riminese, uno nel pistoiese ed uno tra viterbese e romano, Balzo, molto
 +più raro, ha un piccolo ceppo nel veronese e nel napoletao ed uno
 +a Taranto, tutti questi cognomi dovrebbero derivare o dal nome provenzale
 +<i><font color="#3333FF">Balzar</font></i>, o da sue varianti, che come
 +quello siano forme contratte del nome <i><font color="#3333FF">Balthazar</font></i>
 +(<i><font color="#666666">Baldassarre</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALZAN
 +<br>BALZANI
 +<br>BALZANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Balzan è tipicamente veneto, soprattutto del rovigoto, del vicentino
 +e del bellunese, Balzani ha un ceppo romagnolo, uno nell'anconetano, uno
 +a roma ed uno nel sassarese, Balzano è sicuramente panitaliano,
 +molto diffuso in tutta l'Italia continentale ed in Sardegna, dovrebbero
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Balzanus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio a Trento nella seconda metà del 1400 con
 +il notaio Balzano de' Balzani che nel 1486: "<font color="#FF0000">Balzanus
 +de Balzanis</font><font color="#CC33CC"> notarius Tridenti. Protocolla
 +quondam egregii iurisperiti domini </font><font color="#FF0000">Balzani
 +de Balzanis</font><font color="#CC33CC"> olim civis Tridenti et matriculati,
 +obtinuit...</font>", tracce si trovano anche nel 1300 a Pisa, nel Convento
 +di Santa Caterina, dove, negli Annali, tra l'altro si può leggere:
 +"<font color="#CC33CC">.. Frater </font><font color="#FF0000">Augustinus
 +Balzanus</font><font color="#CC33CC">, MCCCLXXXI. .. ..Frater </font><font color="#FF0000">Raynerius
 +Balzani</font><font color="#CC33CC">, MCCCCXXIV ...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BALZAN, BALZANO - Diffuso soprattutto nel Veneto ma anche in Lombardia,
 +ha alla base il soprannome '<i><font color="#3333FF">balzano</font></i>'
 += "<i><font color="#666666">stravagante, bizzarro</font></i>". Olivieri,
 +220.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BALZARETTI
 +<br>BALZARINI
 +<br>BALZAROTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognomi con la massima diffusione
 +in Lombardia, ma presenti in modo sostanzioso anche nel resto del nord
 +Italia. Potrebbero derivare per contrazioni successive dal nome Baldassarre,
 +come potrebbero essere storpiature di soprannomi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Andrea
 +Balzarotti</font></font>
 +<br>I Balzarotti di Weissenstein, attualmente residenti in Corbetta (MI),
 +hanno il seguente stemma: scudo partito in palo: nel primo, campo d'azzurro
 +a nove sbarre d'argento; nel secondo, campo d'azzurro caricato a tre gigli
 +d'oro male ordinati.&nbsp; Varianti nello stemma: Capo dell'Impero (dal
 +1796 al 1858): d'oro all'aquila spiegata di nero, imbeccata, rostrata e
 +coronata di nero; sbarre varianti in numero da nove a sei; gigli di Firenze sostituiti a quelli di Francia. Lo
 +stemma è sormontato dall'elmo di Conte: d'argento, rabescato dello
 +stesso, bordato d'oro, posto per un terzo in profilo verso destra, graticolato
 +di diciassette pezzi d'oro, colla gorgeretta dello stesso.&nbsp; L'elmo&nbsp;
 +è sormontato a sua volta dalla corona comitale: un cerchio d'oro
 +rabescato e gemmato cimato da sedici perle (nove visibili) sostenute da
 +altrettante punte. L'elmo è accompagnato da un cercine e dagli svolazzi
 +nei colori dello stemma, azzurro ed oro.&nbsp; Varianti nelle armi: manto
 +di grande uffiziale di stato come distintivo personale (dal 1772 al 1796)
 +di velluto porpora, soprappannato di seta bianca e bordato d'oro. (R.I.D.
 +1772); corona di Conte del Sacro Romano Impero (R.I.D. 1772); coroncina
 +tornearia cimata di quattro fioroni (tre visibili) alternati da quattro
 +perle (due visibili); Tenenti su concessione della I. R. Casata d'Austria:
 +due aquile nere, affrontate, rostrate, imbeccate, coronate d'oro, controrampanti
 +e rimiranti all'infuori.
 +<br>Godono inoltre dei seguenti titoli nobiliari: Conte di Weißenstein
 +(mpr), Conte del S.R.I. (mpr), Conte Palatino Imperiale (mpr), Conte in
 +Baviera (mpr), Conte dell'Impero Austriaco (mpr), Barone di Kals (mpr),
 +Barone di Virgen (mpr), Signore di Mitteldorf (m), Signore di Haslach (m),
 +Signore di Lesach (m), Signore di Großdorf (m), Signore di Welzelach
 +(m), Signore di Feld (m), Signore di Wallhorn (m), Signore di Berg (m),
 +Barone dell'Impero Austriaco (m), Signore di Froßnitz (m), Signore
 +di Bichl (m), Signore di Gruben (m), Signore di Niedermauer (m), Signore
 +di Seblas (m), Signore di Raneburg (m), Signore di Gries (m), Signore di
 +Gunggenberg (m), Signore di Bobojach (m), Signore della Virgental (mpr),
 +Signore della Tauerntal (mpr), Signore della Kalsertal (mpr), Signore di
 +Matrei in Oßtirol (mpr), Signore di Prägraten (m), Signore di
 +Hinterbichl (m), Signore di San Giorgio in Salici (m), Signore di Palazzolo
 +(m), Signore di Torriano (m), Signore di Weißenstein (mpr), Nobile
 +dei Conti di Weißenstein (mf), Nobile cittadino di Weißenstein
 +(m), Nobile Cittadino di Castelnuovo di Verona (m), Nobile Cittadino di
 +Corbetta (m) Patrizio Veneto (mf), Patrizio Milanese (mf), Nobile dell'Impero
 +Austriaco (mf), Cavaliere dell'Impero Austriaco (m), Gran Maestro e Cavaliere
 +di Gran Croce dell'Ordine della Confraternita di San Nicolao (mpr), Gran
 +Maestro e Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito dei Santi Amedeo
 +e Leopoldo (mpr).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAMBAGIONI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bambagioni è specifico di Grosseto e di Campagnatico e Arcidosso
 +nel grossetano, con un ceppo anche a Signa nel fiorentino ed uno a Perugia,
 +dovrebbe derivare da un soprannome basato sul termine dialettale toscano
 +arcaico <i><font color="#3333FF">bambagione</font></i> (<i><font color="#666666">viziato,
 +vissuto nella bambagia</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAMBERGA
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bamberga, assolutamente rarissimo , parrebbe specifico di Invorio nel novarese,
 +dovrebbe derivare da Bamberga, il nome medioevale della città di
 +Bamberg, cognome che dovrebbe essere arrivato portato da appartenenti alla
 +truppa imperiale verso la fine dell'alto medioevo in occasione di una delle
 +tante discese in Italia per affermare il potere dell'impero.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAMBERGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Cognome scarsissimamente presente, limitato alla provincia di Milano, l'origine
 +è ignota anche se farebbe pensare all'italianizzazione recente di
 +un cognome austriaco., il berghi terminale ricorda il termine tedesco berg
 +(montagna).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giacomo
 +Ganza / Villa di Tirano (SO)</font></font>
 +<br>potrebbe essere l'italianizzazione di Bamberger, un cognome baverese
 +derivato dal nome della città di Bamberg, in italiano Bamberga,
 +città storica della Baviera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAMBINA
 +<br>BAMBINI
 +<br>BAMBINO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bambina sembrerebbe specifico del trapanese, di Alcamo in particolare e
 +di Castellamare del Golfo, e di Palermo, Bambini è molto diffuso,
 +ha ceppi in Lombardia, soprattutto nel bresciano, in Romagna, in particolare
 +nel ferrarese, in Toscana, Marche settentrionali, Umbria e Lazio, Bambino,
 +molto molto raro, ha un piccolo ceppo nel foggiano ed uno nel messinese,
 +questi cognomi dovrebbero derivare dal nome <i><font color="#3333FF">Bambino</font></i><font color="#666666">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Bambina</font></i>, in uso già nel
 +tardo medioevo, nome attribuito in segno di devozione per il culto di Gesù
 +Bambino e di Maria Bambina.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAMPA
 +<br>BAMPI</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bampa è tipico veneto, del trevisano e del veronese ed in particolare
 +di San Giovanni Lupatoto (VR), Bampi è tipico del Trentino Alto
 +Adige ed in particolare di Civezzano (TN), potrebbe derivare dal toponimo
 +Bampi, frazione di Civezzano (TN), tracce di questa cognominizzazione le
 +troviamo nel 1600 nelle campagne di Conegliano (TV), in uno scritto del
 +1631 si legge: "<font color="#CC33CC">...alcune casette de' signori </font><font color="#FF0000">Bampi</font><font color="#CC33CC">
 +nel borgo di S. Maria fuori della porta Altilia...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Franco
 +Bampi <a href="http://www.francobampi.it/home/bampi_origine.htm">.francobampi.it</a></font></font>
 +<br>Il cognome Bampa dovrebbe derivare da una modificazione del termine
 +vampa o vampo ad indicare una fiamma alta e impetuosa, ma un documento
 +sembrerebbe avallare la tesi che il cognome Bampi derivi dal nome di una
 +frazione: "<font color="#CC33CC">Correndo l'anno 1554 in giorno di Martedì
 +li 19, del mese di Novembre </font><font color="#FF0000">ai Bampi</font><font color="#CC33CC">,
 +nella stufa dell'infrascritto R. Sig. Testatore, alla presenza ecc. Ivi
 +personalmente constituito, e sopra una lettiera di noce giacendo il M.
 +R. Sig. D. Antonio f. q. </font><font color="#FF0000">Francesco Bampi</font><font color="#CC33CC">
 +della </font><font color="#FF0000">Villa dei Bampi,</font><font color="#CC33CC">
 +distretto di Civezzano...</font>", questo cognome è quindi presente
 +a Civezzano almeno dal 1500. Personaggio famoso è stato il prete
 +poeta Francesco Bampi sempre di Civezzano.&nbsp; È curioso osservare
 +che i documenti del 1816 riportano moltissimi Bampa, mentre nel 1846 i
 +Bampa sono poche unità mentre sono presenti numerosissimi Bampi.
 +Nelle epoche passate i cognomi erano più ballerini di adesso (ad
 +esempio si declinavano), tuttavia qualcosa deve essere successo in quel
 +periodo se quasi tutti i Bampa si sono trasformati in Bampi. Posso supporre
 +che fosse entrata nell'uso comune la forma Bampi e che a un certo punto
 +questa venne ufficializzata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANA
 +<br>BANE</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bana è tipicamente lombardo, del bergamsco, di Premolo, Zanica,
 +Arcene e Bolgare, con un ceppo anche a Tirano nel sondriese ed a Milano,
 +ed un piccolo ceppo anche a Genova, dovre troviamo anche il quasi unico
 +Bane, dovrebbe derivare dal nome dacio <i><font color="#3333FF">Bana</font></i>,
 +nome, in uso anche presso altri popoli barbari della Pannonia e della Germania,
 +di cui abbiamo un esempio nel Gesta Hungarorum: "<font color="#CC33CC">..
 +Et quia gratia dei antecedebat eos, non solummodo ipsos subiugauerunt,
 +uerum etiam omnia castra eorum ceperunt, quorum nomina hec sunt usque modo:
 +Stumtey, Colgoucy, Trusun, Blundus et </font><font color="#FF0000">Bana</font><font color="#CC33CC">,
 +et ordinatis custodibus castrorum: iuerunt usque ad fluuium moroa. Et firmatis
 +obstaculis constituerunt terminos regni hungarorum usque ad Boronam, et
 +usque ad saruuar. Et adepta uictoria reuersi sunt ad ducem arpad, et omnes
 +infideles illius terre ferreis caathenis ligatos secum duxerunt. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANCALARI
 +<br>BANCALARO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Tipicamente liguri, Bancalari ha un ceppo a Chiavari, Genova e Cogorno
 +nel genovese ed a La Spezia, Bancalaro è praticamente unico, dovrebbero
 +derivare da un soprannome dialettale ligure arcaico basato sul termine
 +<i><font color="#3333FF">bancalaro</font></i> (<i><font color="#666666">falegname</font></i>),
 +indicando così quale fosse stata l'attività dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANCHERI
 +<br>BANCHERO</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Bancheri è tipico del nisseno in Sicilia, di Delia e di San Cataldo,
 +Banchero, decisamente genovese, ha anche un ceppo secondario nel cagliaritano,dovrebbero
 +derivare dal mestiere di <i><font color="#3366FF">bancherus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">venditore ambulante</font></i>), nel genovese
 +il termine ha acquisito nel dialetto anche il significato di <i><font color="#999999">negoziante</font></i>,
 +nel liber primus del <i><font color="#3366FF">Baldus </font></i>di Teofilo
 +Folengo, opera del '500, si legge: "<font color="#CC33CC">.. Mox positis
 +trespis, mensam sibi praeparat ante, ac si </font><font color="#FF0000">bancherus</font><font color="#CC33CC">
 +vellet numerare monetam. Praestiter hic brazzos tunica, manicisque camisae
 +liberat ad cubitos, ut fitur quando parecchiat fluminis ad ripam fantesca
 +lavare bugadam, atque bretarolis grossas ostendere gambas. ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANCHIO
 +</font></font></b></td>
 +<td><font size="-1">Specifico del Piemonte occidentale, sembrerebbe di origine
 +spagnola.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDELJ
 +<br>BANDELLI
 +<br>BANDEU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandelli ha un ceppo nel goriziano e triestino, uno a Firenze ed uno tra
 +tarentino e leccese, Bandelj e Bandeu, quasi unici, hanno un piccolissimo
 +ceppo giuliano, si dovrebbe trattare di forme ipocoristiche del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Bandus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BANDI</font>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Walter
 +Bandelj</font></font>
 +<br>Il cognome originario Bandelj è stato modificato durante il
 +periodo fascista in Bandelli, molto diffuso a Gorizia infatti prima si
 +trovavano i cognome come Bandelj e Bandeu. Bandeu (perchè in sloveno
 +si legge Bandeu ma si scrive Bandel), il cognome Bandeu è probabilmente
 +dovuto ad una trascrizione errata. Nel dizionario che la CRUP ha trasmesso
 +in allegato nel giornale "Il piccolo" scrive così: BANDELLI Diminutivo
 +dell'antico nome di persona, di origine germanica, Bando. Bonifacio 1995
 +cita un Bandus de Grado vivente a Pirano d'Istria nel 1360. Molto diffuso
 +a Gorizia dove potrebbe trattarsi, però della italianizzazione di
 +epoca fascista di cognomi come Bandelj e Bandeu; presente a Monfalcone
 +(idem come per Gorizia) e Udine.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDERA
 +<br>BANDERALI
 +<br>BANDIRALI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandera, Banderali e Bandirali sono tutti cognomi lombardi con massima
 +diffusione nelle provincie di Varese, MIlano e Brescia il primo e Milano,
 +Lodi, Pavia, Piacenza e Cremona gli altri due. L'origine è ascrivibile
 +al vocabolo <i><font color="#3366FF">bandiera</font></i>, <i><font color="#3366FF">bandera</font></i>
 +in dialetto, quindi può descrivere coloro che abitavano nel luogo
 +delle bandiere o che portavano la bandiera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDI
 +<br>BANDINI
 +<br>BANDINO
 +<br>BANDO
 +<br>BANDUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandi è tipico del milanese, varesotto e pavese, Bandini è
 +specifico dell'area che comprende Emilia e Toscana, Bandino molto raro
 +è assolutamente tipico del cagliaritano, Bando, molto molto raro,
 +presente in tutta Italia in misura sporadica, presenta un ceppo significativo
 +a Taranto, Banducci è toscano, della provincia di Lucca in particolare,
 +derivano tutti dal nome medioevale
 +<i><font color="#3366FF">Bandus</font></i> o dal suo diminutivo <i><font color="#3366FF">Bandinus</font></i>
 +o dal vezzeggiativo <i><font color="#3366FF">Banduccius</font></i>, di
 +cui abbiamo un esempio a Pisa nella prima metà del 1300, in un atto
 +vengono citati: "<font color="#CC33CC">...Ser </font><font color="#FF0000">Banduccius
 +Bonconte</font><font color="#CC33CC">. Lorensus Rosselmlni. Bectus de Pontehere...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDIZIOL
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandiziol è tipico di Portogruaro (VE), dovrebbe derivare dal nome
 +della località Bandiziol di San Stino di Livenza, probabile luogo
 +d'origine del capostipite, il nome della località prende a sua volta
 +il nome da una forma dialettale del termine, ormai in disuso, <i><font color="#3366FF">bandita</font></i>
 +(<i><font color="#999999">luogo dove è proibita la caccia</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDOLI
 +<br>BANDOLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandoli è molto raro ed è tipico del ravennate, di Bagnacavallo
 +e Ravenna, Bandolo, estremamente raro, ha un piccolo ceppo a Palermo ed
 +uno ancora più piccolo nel napoletano, derivano da una forma ipocoristica
 +del nome medioevale germanico <i><font color="#3366FF">Bandu</font></i>s
 +(<font color="#CC33CC">vedi BANDI</font>), di cuest'uso abbiamo un esempio
 +a Perugia in un atto del 1170: "<font color="#CC33CC">...omnia usaria et
 +servitia que adquirebamus aliquo modo iuste vel iniuste in Petio de </font><font color="#FF0000">Bandolo</font><font color="#CC33CC">
 +vel in suis heredibus..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDOLIN
 +<br>BANDOLINI
 +<br>BANDOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bandolin, molto raro, è tipico della zona tra veneziano ed udinese,
 +di Portogruaro e San Michele al Tagliamento nel veneziano e di Latisana
 +nell'udinese, Bandolini, quasi unico, è del milanese, Bandolino,
 +quasi unico, sembrerebbe del bresciano, dovrebbero derivare da una forma
 +ipocoristica composita del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Bandus</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BANDI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANDOR
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bàndor, assolutamente rarissimo, è specifico di Agliana e
 +Quarrata nel pistoiese, dovrebbe derivare dal termine medioevale toscano
 +di origine provenzale <i><font color="#3333FF">bandor</font></i> (<i><font color="#666666">coraggio,
 +baldanza</font></i>), forse usato come Nome attribuito al capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANELLA
 +<br>BANELLI
 +<br>BANELLO
 +<br>BANETTA
 +<br>BANETTI
 +<br>BANI
 +<br>BANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Banella
 +è tipico del perugino, zona di Castiglione Del Lago (PG), Banelli
 +ha un nucleo ad Arezzo ed uno originario in Friuli, nella zona di Arta
 +Terme (UD) e Tolmezzo, Banello è specifico friulano, della zona
 +di Medeuzza e Trivignano Udinese (UD), Banetta, molto molto raro, è
 +di Perugia e del perugino, Banetti è quasi unico, Bani è
 +molto diffuso in Lombardia, soprattutto nel bergamasco e nel bresciano,
 +in Toscana, soprattutto nel pisano e nel fiorentino ed in Umbrua, Bano
 +è tipicamente veneto, in particolare del padovano, le ipotesi sulla
 +derivazione possono essere diverse, direttamente o tramite ipocoristici,
 +dall'aferesi del nomen latino <i><font color="#3366FF">Albanus</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Columbanus</font></i>, o dal nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Banus</font></i>, del cui uso abbiamo un esempio
 +in uno scritto del 1203 in Veneto: "<font color="#CC33CC">...Accepimus
 +autem, quod cum nuper Venerabilis frater noster Spalatensis Archiepiscopus
 +Patarenos non paucos de Spalatensi et Traguriensi Civitatibus effugasset,
 +nobilis vir </font><font color="#FF0000">Culinus Banus Bossinus</font><font color="#CC33CC">
 +iniquitati eorum non solum tutum latibulum, sed et presidium contulit manifestum...</font>",
 +nome probabilmente derivato dal termine medioevale germanico <i><font color="#3366FF">banus</font></i>,
 +carica politica ed amministrativa medioevale: "<font color="#CC33CC">...Nos
 +Joannes Corvinus liptoviensis et opaviensis dux, regnorum quoque Dalmatiae,
 +Croatiae, Sclavoniae </font><font color="#FF0000">Banus</font><font color="#CC33CC">...</font>",
 +non possiamo escludere, anche se improbabile una derivazione da modificazioni
 +di nomi derivati dai vocaboli germanici <i><font color="#3366FF">barth</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">bandwo</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANFI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome diffuso in tutta l'Italia
 +centro settentrionale sembrerebbe avere origini multiple. Il Ceppo toscano
 +potrebbe discendere dalla Nobile famiglia Banfi il cui nome è dato
 +ad un castello di Montepulciano, mentre nella zona di massima concentrazione,
 +la Lombardia, il cognome avrebbe una diversa origine probabile, il soprannome
 +dialettale derivato dal verbo banfà (avere il fiatone).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANGIUS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bangius è ormai quasi scomparso, quasi non più presente oggi
 +in Sardegna, è di chiare origini sarde.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BANGIUS: (per il significato, l’etimologia ed i riferimenti storici,
 +<font color="#CC33CC">vedi Angius</font>): - In Italia esiste&nbsp; il
 +cognome Bangius, nonostante chi lo porti sia tuttora un numero ristrettissimo
 +di persone, esteso infatti ad una sola famiglia (per quanto noi sappiamo),
 +che fa capo a Bangius Piero, originario di Iglesias, cittadina mineraria
 +della Sardegna Meridionale, ma trasferitosi anzitempo, con parte della
 +sua famiglia, in Piemonte. Per curiosità, se andiamo a vedere il
 +documento storico, importantissimo per la storia della Sardegna, che ha
 +per titolo <i><font color="#3366FF">Il Codice Diplomatico di Villa di Chiesa</font></i>,
 +di Carlo Baudi di Vesme, possiamo constatare che tra i firmatari della
 +famosa Petizione di Eleonora, del 1388, per la città di Villa di
 +Chiesa, è presente, tra i tanti altri, de Bangius Petro (su citato).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANTERLA
 +<br>BANTERLE</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Banterla è specifico del veronese, di Affi, Verona, Bussolengo e
 +Bardolino, Banterle è anch'esso tipico di Verona e di Bussolengo
 +nel veronese, dovrebbero derivare da soprannomi germanici basati sul vocabolo
 +medioevale germanico <i><font color="#3333FF">bant</font></i> (<i><font color="#666666">nastro,
 +legame</font></i>) e sul vocabolo germanico <i><font color="#3333FF">erle</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ontano</font></i>), con il significato di <i><font color="#3333FF">legato
 +all'ontano</font></i>, forse perchè i capostipiti fossero nati nel
 +periodo dedicato dai popoli germanici a quell'essenza arborea, cioè
 +l'inizio di primavera.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BANTI
 +<br>BANZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Banti è tipicamente toscano, del livornese, pisano soprattutto e
 +fiorentino, Banzi è invece specifico dell'area che comprende il
 +mantovano, il modenese, il bolognese, il ferrarese ed il rovigoto, dovrebbero
 +entrambi derivare dal nome personale latino <i><font color="#3333FF">Bantius</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio nel libro di Tito Livio <i><font color="#3333FF">Ab
 +Urbe condita</font></i>: "<font color="#CC33CC">.. Nolam Marcellus non
 +sui magis fiducia praesidii quam voluntate principum habebat; plebs timebatur
 +et ante omnes </font><font color="#FF0000">Lucius Bantius</font><font color="#CC33CC">,
 +quem conscientia temptatae defectionis ac metus a praetore Romano nunc
 +ad proditionem patriae, nunc, si ad id fortuna defuisset, ad transfugiendum
 +stimulabat. Erat iuvenis acer et sociorum ea tempestate prope nobilissimus
 +eques. Seminecem eum ad Cannas in acervo caesorum corporum inventum curatumque
 +benigne, etiam cum donis Hannibal domum remiserat. ..</font>", troviamo
 +tracce antiche di queste cognominizzazioni in un atto dell'anno 1222, redatto
 +a Sant'Arcangelo di Romagna nel riminese, dove si legge: "<font color="#CC33CC">..die
 +ultimo mensis decembris. Ego Petrus abbas concedo tibi Gabrieli quondam
 +</font><font color="#FF0000">Dominici Banti</font><font color="#CC33CC">
 +unam peciam terre et vinee...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="140"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAR
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bar è un cognome ormai quasi scomparso, originario della Val di
 +Susa, potrebbe derivare dall'apocope del termine germanico <i><font color="#3366FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo libero</font></i>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabrizio
 +Bar</font></font>
 +<br>potrebbe derivare dal nome Bar di una frazione del comune di Moncenisio
 +in Val di Susa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARABASCHI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barabaschi ha un ceppo nel piacentino, a Piacenza e Podenzano, ed un ceppo
 +molto piccolo a Silvi nel teramano, dovrebbe derivare da un soprannome
 +basato sul termine latino <i><font color="#3333FF">barbascum</font></i>
 +(<i><font color="#666666">tasso barbasso</font></i>), una pianta medicinale
 +usata anticamente nella cura delle malattie da raffreddamento, delle irritazioni
 +bronchiali e polmonari, e come emoliente, probabilmente ad indicare nel
 +capostipite un erborista o un guaritore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARACA
 +<br>BARACCA
 +<br>BARACCANI
 +<br>BARACCHI
 +<br>BARACCHINI
 +<br>BARACCHINO
 +<br>BARACHINI
 +<br>BARACHINO
 +<br>BARACCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La distribuzione di questi cognomi è limitata al settentrione d'Italia:
 +Baraca è unico, Barachini è tipicamente toscano di Pisa e
 +del pisano, Barachino, assolutamente rarissimo, sembrerebbe dell'area veneto,
 +friulana, Baracca, molto raro, è tipico del mantovano, di Mantova,
 +San Martino dall'Argine e Rivarolo Mantovano, Baraccani è tipicamente
 +emiliano, del modenese e bolognese in particolare, Baracchi ha vari ceppi,
 +in Lombardia nel milanese e bergamasco, nel genovese, nel piacentino, parmense,
 +reggiano e soprattutto modenese, ed in Toscana nel fiorentino ed aretino,
 +Baracchini ha un ceppo a Buia nell'udinese, uno a Genova e nello spezzino
 +a Lerici e La Spezia, uno a Cervia nel ravennate ed uno a Città
 +di Castello nel perugino, Baracchino, molto più raro, ha qualche
 +presenza tra veronese e vicentino ed un piccolo ceppo nel livornese, Baracco
 +è molto diffuso in tutto il Piemonte, nel torinese, cuneese ed alessandrino
 +in particolare, in Liguria nel savonese, genovese e spezzino, in Veneto
 +nel padovano e veneziano. L'origine potrebbe essere duplice, la più
 +nobile dal termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">baro</font></i> (<i><font color="#666666">uomo
 +libero</font></i>) con diverse modificazioni mentre l'altra potrebbe essere
 +più antica, ma meno qualificante, dal celtico <i><font color="#3333FF">bar</font></i>
 +(<i><font color="#666666">ramo d'albero</font></i>), o, meglio ancora,
 +<i><font color="#3333FF">barac</font></i> (<i><font color="#666666">capanna
 +fatta di rami d'albero</font></i>), quindi stante ad indicare chi abitava
 +in questo tipo di capanne.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARACCHIA
 +<br>BARRACCHIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baracchia, quasi unico, dovrebbe essere un alterato di Barracchia, che
 +è specifico del barese, di Trani e Barletta, con un ceppo secondario
 +anche a Roma, circa l'origine etimologica di questi cognomi si possono
 +formulare almeno due ipotesi, la prima consiste in una derivazione da un
 +soprannome basato sul vocabolo spagnolo <i><font color="#3333FF">barracho</font></i>
 +(<i><font color="#666666">grosso contenitore</font></i>), la seconda presuppone
 +un origine araba da un soprannome originato dal termine arabo <i><font color="#3333FF">barraak</font></i>
 +(<i><font color="#666666">mugnaio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARADEL
 +<br>BARADELLO
 +<br>BARATELLA
 +<br>BARATELLI
 +<br>BARATTA
 +<br>BARATTELLI
 +<br>BARATTI
 +<br>BARATTIN
 +<br>BARATTINI
 +<br>BARATTINO
 +<br>BARATTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baradel è specifico di Venezia e del veneziano, Baradello, molto
 +molto raro, ha un piccolo ceppo nel trevisano a Salgareda ed uno nell'udinese,
 +in particolare a Ronchis, Baratella è specifico dell'area veneta,
 +del veneziano, padovano e soprattutto rovigoto e del vicino ferrarese,
 +con presenze anche nel romano e latinense, conseguenti alla migrazione
 +forzata di veneti in occasione della bonifica delle paludi pontine, Baratelli
 +sembrerebbe tipicamente lombardo, abbastanza raro, è specifico del
 +varesotto, con ceppi anche nel milanese, nel bergamasco e nel genovese,
 +Baratta è assolutamente panitaliano, Barattelli ha un ceppo a L'Aquila
 +ed uno a Roma, Baratti ha un grosso ceppo in Lombardia, in particolare
 +nel bresciano, ma presenta ceppi anche nel Piemonte orientale, nel bolognese,
 +nel fiorentino e nel romano, Barattin, decisamente veneto, del bellunese
 +soprattutto, ma radicato anche nel trevisano e padovano, Barattini ha un
 +ceppo nella Liguria di Levante, carrarese e lucchese ed uno tra modenese
 +e bolognese, Barattino è tipico dell'area che comprende il vercellese,
 +l'alessandrino ed il genovese, Baratto ha un nucleo nel Veneto con importanti
 +ceppi anche nel napoletano e nel tarentino, tutti questi cognomi dovrebbero
 +derivare dall'attività del baratto o di mercanti svolta dai capostipiti.
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Brescia in una <i><font color="#3366FF">Carta
 +Venditionis</font></i> del 1188: "<font color="#CC33CC">...Preterea </font><font color="#FF0000">Graciadeus
 +Baratellus</font><font color="#CC33CC">, patruus iamdicti Petri, promissit
 +prefato abati stipulanti, et sub pena dupli dampni quod ei accideret, quod
 +faciet perpetuo predictam vendicionem ratam habere Agnetem sororem ipsius
 +Petri. ...</font>" e più tardi ne&nbsp; <i><font color="#3366FF">il
 +Processo degli untori fatto in Milano anno pestis 1630</font></i> leggiamo:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Franciscus Baratellus</font><font color="#CC33CC">
 +Causidicus ex officio vocatus suo iuramento dicit: "che fossero onti li
 +muri delle case di questa Citta me ne raccordo , perche ho visto darli
 +il fuoco, ma del tempo preciso non me ne raccordo, e particolarmente viddi
 +in tutta la parochia di S. Paolo, et in molti altri luoghi...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARAGATTI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto raro è tipico toscano della zona al confine tra fiorentino
 +e pisano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARAL
 +<br>BARALE
 +<br>BARRAL</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baral, assolutamente molto raro, è tipico del torinese, di Perosa
 +Argentina in particolare, Barale è molto diffuso in tutto il Piemonte,
 +ma soprattutto nel torinese e nel cuneese, Barral, meno raro, è
 +tipico di Roure (TO) con ceppi anche a Perosa Argentina, dovrebbero essere
 +di origini francesi e derivare dal toponimo Baralle della regione di Calais,
 +ma è pure possibile una derivazione dal vocabolo occitano <i><font color="#3366FF">barralh</font></i>
 +(<i><font color="#999999">palizzata, ricovero</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARALDI
 +<br>BARALDINI
 +<br>BARALDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baraldi è tipico emiliano e lombardo, della zona che comprende le
 +province di Mantova, Modena, Bologna e Ferrara, con un ceppo probabilmente
 +secondario nel milanese, Baraldini è proprio esclusivo del modenese,
 +di Modena, Finale Emilia, Mirandola, San Felice sul Panaro e Medolla, Baraldo
 +è padovano, con un probabile ceppo secondario nel milanese, derivano
 +direttamente o tramite ipocoristici dal nome longobardo <i><font color="#3366FF">Baraldus</font></i>
 +a sua volta derivato dai termini <i><font color="#3333FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo libero</font></i>) e <i><font color="#3366FF">wald</font></i>
 +(<i><font color="#999999">forte condottiero</font></i>).&nbsp; Si ricorda
 +a tal proposito Baraldo che combattè con Genserico nel V° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARANA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barana è specifico di Verona, con ceppi anche a San Bonifacio ed
 +Arcole sempre nel veronese, dovrebbe derivare dal nome della Contrada Barana,
 +una lunga via di Verona, che attualmente si chiama Via Colonnello Fincato,
 +che probabilmente è il luogo originario delle famiglie.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARANZELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baranzelli, molto raro, è specifico del varesotto, di Biandronno,
 +Besozzo, Malgesso ed Ispra, potrebbe derivare dal nome della località
 +Baranzello vicino ad Arcisate nel varesotto, traccia di questa cognominizzazione
 +le troviamo a Biandronno nel 1600, quando in un atto amministrativo, la
 +<i><font color="#3366FF">Notta delli huomini della comunità di Biandron
 +intervenuti alla procura per il lago</font></i>, viene citato un certo
 +Andrea Baranzello quondam Cesare.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARASSI
 +<br>BARASSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barassi è tipico del varesotto, di Castelveccana, Bardello e Porto
 +Val Travaglia, Barasso è quasi unico, dovrebbero derivare dal nome
 +del paese varesotto di Barasso, il cui nomne a sua volta dovrebbe derivare
 +da un nome celtico basato sul termine <i><font color="#3333FF">barros</font></i>
 +(<i><font color="#666666">rovo</font></i>), mentre secondo un'alta ipotesi
 +proverrebbe dal termine sempre celta <i><font color="#3333FF">bar</font></i>
 +(<i><font color="#666666">altura</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARATTE'
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barattè, assolutamente estremamente raro, è tipico di Milano
 +e Bareggio (MI), dovrebbe derivare da un soprannome dialettale originato
 +dal termine <i><font color="#3366FF">baratà</font></i> (<i><font color="#999999">barattare</font></i>),
 +forse ad indicare che il capostipite fosse un barattiere o mercante, o
 +direttamente dalla contrazione del termine <i><font color="#3366FF">baratamestè</font></i>
 +(incostante).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARATTIERI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barattieri è abbastanza raro ed è tipico dell'area che da
 +Parma arriva a Milano via Piacenza e Pavia, deriva dal mestiere di mercante
 +con un comportamento&nbsp; levantino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARAVALLE
 +<br>BARAVALLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baravalle è tipicamente piemontese, molto diffuso nel torinese,
 +a Carmagnola, Torino, Pralormo e Moncalieri, e nel cuneese a Savigliano,
 +Mondovì, Scarnafigi e Caramagna Piemonte, Baravalli, quasi unico,
 +dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione del precedente, che dovrebbe
 +derivare da un'italianizzazione del nome medioevale germanico <i><font color="#3333FF">Barwald</font></i>,
 +composto dalla radice <i><font color="#3333FF">Bar</font></i> (<i><font color="#666666">orso</font></i>)
 +con l'aggiunta di <i><font color="#3333FF">wald</font></i> (<i><font color="#666666">governo</font></i>),
 +con il significato di <i><font color="#666666">colui che governa con l'imponenza
 +e la forza di un orso</font></i>, latinizzato in <i><font color="#3333FF">Barvaldus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in un atto del 1234: "<font color="#CC33CC">In
 +Era post millesima CCXXXIV. mense Decembris. Notum sit omnibus presentibus,
 +et futuris, quod ego Gundinsalvus Toquidi, condam Prelatus .. .. Evenit
 +mihi de patre meo tercia de tercia de tota Ecclesia: dico vobis, quia </font><font color="#FF0000">Barvaldus</font><font color="#CC33CC">
 +</font><font color="#FF0000">Eimiriz</font><font color="#CC33CC"> fuit
 +primus filius de prima muliere de Domno Eimiro, postea nubxit cum alia,
 +et generavit duos filios, Diacus Eimiriz et Sandius Eimiriz, et Domnus
 +</font><font color="#FF0000">Barvaldus</font><font color="#CC33CC"> occidit
 +mulierem novam patris sui, et criminatorem Clericum: propter vindictam
 +petivit Patri suo duas partes hereditatum illius, et tertia pars filiis
 +de mortua. .</font>.".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARAZZUTTI
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'udinese, potrebbe derivare da modificazioni dialettali del
 +termine barattiere (<font color="#CC33CC">vedi Barattieri</font>), ma è
 +altrettanto probabile una derivazione da un soprannome originato dal vocabolo
 +dialettale <i><font color="#3366FF">baruz</font></i> (cespuglio di rovo)
 +con il diminutivo in <i><font color="#3366FF">ut</font></i>, personaggio
 +di rilievo è stato nella seconda metà del 1700 il pittore
 +Felice Barazzutti di Gemona del Friuli.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBA
 +<br>BARBE'
 +<br>BARBETTA
 +<br>BARBETTI
 +<br>BARBI
 +<br>BARBIN
 +<br>BARBINI
 +<br>BARBINO
 +<br>BARBO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barba è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia, Barbè,
 +molto raro, è tipico del pavese, Barbetta è panitaliano,
 +ma con massima concentrazione in Puglia, Barbetti è diffuso a macchia
 +di leopardo in tutta l'Italia centrosettentrionale, soprattutto in Toscana
 +ed Umbria, ma con ceppi significativi anche nell'udinese, nel bresciano,
 +nel genovese e nel romano, Barbi è molto diffuso in tutta l'Italia
 +centrosettentrionale, con un ceppo anche nel tarantino, Barbin è
 +tipicamente veneto, del rovigoto in particolare, Barbini è specifico
 +della fascia che comprende Toscana, Marche, Umbria e Lazio, Barbino, molto
 +molto raro, semprerebbe dell'area umbrolaziale, Barbo, molto raro, è
 +specifico di Trieste e di Monfalcone nel goriziano, questi cognomi possono
 +avere derivazioni diverse, una prima ipotesi è che derivino, direttamente
 +o attraverso ipocoristici, da un soprannome germanico indicante un uomo
 +barbuto, un'altra possibilità è che derivino dall'appellativo
 +dialettale <i><font color="#3333FF">barba</font></i> (<i><font color="#666666">zio</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBACCI
 +<br>BARBACCIA
 +<br>BARBATA
 +<br>BARBATTI
 +<br>BARBAZZA
 +<br>BARBAZZI</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbacci ha un ceppo in Toscana, soprattutto a Firenze, uno in Umbria a
 +Gubbio e Perugia e nel ternano a Terni Amelia, Narni e Penna In Teverina,
 +Barbaccia ha un piccolo ceppo nell'anconetano, uno nel ternano, ed il ceppo
 +principale in Sicilia nel palermitano, Barbata, abbastanza raro, è
 +siciliano, del palermitano e del trapanese, Barbatti è tipico del
 +varesotto, Barbazza ha un nucleo veneto tra veneziano e trevisano ed un
 +ceppo, probabilmente secondario,&nbsp; nel milanese, Barbazzi, praticamente
 +unico, è lombardo, ma è probabilmente dovuto ad un errore
 +di trascrizione del precedente, tutti questi cognomi dovrebbero derivare
 +dalla <i><font color="#3366FF">Gens</font></i><font color="#000000"> plebea
 +</font><i><font color="#3366FF">Barbatia</font></i>
 +o dal suo nome gentilizio
 +<i><font color="#3366FF">Barbatius</font></i>,
 +<i><font color="#3366FF">Barbatia</font></i>, ma è pure possibile
 +che in alcuni casi derivino da soprannomi originati da una barba particolare
 +del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBACETO
 +<br>BARBACETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbaceto sembrerebbe unico e dovrebbe essere dovuto ad un'errata trascrizione
 +di Barbacetto, che è caratteristico dell'alto udinese, di Ravascletto
 +e Paluzza, che dovrebbe derivare da un soprannome originato dal termine
 +friulano <i><font color="#3333FF">barbacèit</font></i> (<i><font color="#666666">terreno
 +incolto</font></i>), che deriva a sua volta dal termine friulano <i><font color="#3333FF">barbace</font></i>
 +(<i><font color="#666666">verbasco o tasso barbasso</font></i>), a sua
 +volta derivato dal latino <i><font color="#3333FF">barbascum</font></i>
 +(<i><font color="#666666">peloso, barbuto</font></i>), il verbasco è
 +una specie caratteristica ed invasiva delle terre friulane incolte, questo
 +soprannome stava probabilmente ad indicare una caratteristica della zona
 +di provenienza del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAFIERA
 +<br>BARBAFIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbafiera è tipicamente toscano, con un ceppo a Volterra nel pisano
 +ed uno a Castiglione della Pescaia nel grossetano, Barbafieri, assolutamente
 +rarissimo, è dell'area pisano, livornese, dovrebbero derivare da
 +un soprannome attribuito al capostipite, probabilmente dotato di una barba
 +molto particolare.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAGALLI
 +<br>BARBAGALLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbagalli, quasi unico dovrebbe essere un'errore di trascrizione di Barbagallo
 +che è tipico della Sicilia orientale, Catania in particolare, ma
 +con ceppi forse secondari anche nel cosentino, dovrebbe derivare da soprannomi
 +legati a caratteristiche somatiche del capostipite, tracce di questa cognominizzazioni
 +le troviamo nel 1700 con lo scrittore Benedicti Barbagallo autore della
 +<font color="#3366FF">Practica novissima, ac theorica super ritu magnae
 +regiae curiae Regni Siciliae</font>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAGELATA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbagelata è tipico del genovese, di Genova, Santa Margherita Ligure
 +e Camogli, dovrebbe derivare dal nome del paese di Barbagelata di Lorsica
 +nel genovese, tracce illustri di questa cognominizzazione le troviamo nel
 +1400 con il pittore genovese Giovanni Barbagelata&nbsp; (~1459 - ~1508).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAGIANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo Barbagianni sembrerebbe della zona tra Marche ed
 +Umbria, dovrebbe derivare da un recente soprannome originato dall'atteggiamento
 +o da caratteristiche di fissità dello sguardo del capostipite, tanto
 +da poter essere appunto paragonato ad un barbagianni (tipo di uccello notturno).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAGIOVANNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbagiovanni è tipicamente siciliano, di Tortorici in particolare
 +e sempre nel messinese di San Fratello e Castell`Umberto, di Bronte e Belpasso
 +nel catanese e di Montemaggiore Belsito nel palermitano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome&nbsp; originato dal termine <i><font color="#3366FF">barba</font></i>,
 +probabilmente come zio, e starebbe ad indicare la famiglia di Zio Giovanni.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAGLI
 +<br>BARBAGLIA
 +<br>BARBAGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbagli è un cognome tipicamente toscano, di Arezzo, di Civitella
 +In Val Di Chiana e dell'aretino in particolare, Barbaglia è tipico
 +della zona tra la Lombardia nordoccidentale ed il Piemonte nordorientale,
 +particolarmente presente ad Ossona (MI) nell'alto milanese e basso varesotto,
 +a Borgomanero (NO) e nel basso novarese, Barbaglio è tipicamente
 +lombardo di Crema e del basso bresciano, potrebbero derivare da una modificazione
 +del nome medioevale <i><font color="#3366FF">Barbarius</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in quest'atto di vendita del giugno del 1232:
 +"<font color="#CC33CC">...De qua etiam vendiciaonepredictis decano et capitulo
 +prout dictum est garentienda, Ebrardus Philipi et </font><font color="#FF0000">Gaufridus
 +Barbarius</font><font color="#CC33CC"> pro dictis Johanne et uxore ejus
 +plegii extiterunt....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAINI
 +<br>BARBAINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbaini è caratteristico di Milano e del pavese, Barbaino, quasi
 +unico, è del pavese, dovrebbero derivare da una forma etnica arcaica
 +riferita al paese di Barbaiana nel milanese, anche se non si può
 +escludere che possano derivare anche da un soprannome dialettale basato
 +sul termine lombardo arcaico <i><font color="#3333FF">barbaj</font></i>
 +(<i><font color="#666666">che si accende con poco, irascibile</font></i>),
 +forse a caratterizzare un particolare atteggiamento del carattere del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBALACE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbalace è tipicamente calabrese, di Limbadi, Nicotera ed Joppolo
 +nel vibonese e di Rosarno e San Ferdinando nel reggino, dovrebbe derivare
 +da un soprannome basato sul termine dialettale calabrese <i><font color="#3333FF">barbalàce</font></i>
 +(<i><font color="#666666">chiocciola, lumaca</font></i>), forse per il
 +fatto che il capostipite fosse un cacciatore ed un venditore di lumache.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAN
 +<br>BARBANI
 +<br>BARBANO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barban è tipicamente veneto, dell'area che comprende il vicentino,
 +il padovano, il veneziano ed il trevisano, Barbani è tipicamente
 +toscano, di Prato e Pisa, Barbano ha un ceppo tra Liguria e Piemonte, in
 +particolare a Casale Monferrato nell'alessandrino, a Genova ed a quiliano
 +nel savonese, con un ceppo anche a Grotte di Castro nel viterbese ed a
 +Roma, uno nel potentino a Maschito ed uno nel foggiano a San Giovanni Rotondo,
 +potrebbero derivare dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">barbanus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">zio</font></i>), di cui abbiamo un esempio in
 +un <i><font color="#3366FF">Dicta testium</font></i> (<i><font color="#999999">deposizione
 +di testimoni</font></i>) del 1180 a Lodi: "<font color="#CC33CC">...et
 +dixit quod Riboldus Encelsum tunc habitabat ad Cavenagum quando sententia
 +fuit data inter comune de Cavenago et episcopatum et dixit quod non vidit
 +Riboldum Encelsum dare fodrum episcopo vel eius misso <i>neque audivi quod
 +daret, sed audivi quod pater Riboldi et </i></font><i><font color="#FF0000">barbanus</font><font color="#CC33CC">
 +eius dederunt fodrum episcopatui</font></i><font color="#CC33CC"> et dixit
 +quod vilani loci dant aquaticum lini episcopatui, sed non vidit quod Riboldus
 +daret...</font>".
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>questi cognomi possono essere derivati dal sostantivo <i><font color="#3366FF">barba</font></i>,
 +soprannome medievale dato a persona che si caratterizzava per la propria
 +barba, e che ha dato origine a una lunga serie di cognomi in tutta Italia,
 +ma si potrebbe anche pensare a derivazioni dalla forma latinizzata, anch'essa
 +medievale, <i><font color="#3366FF">barbanus</font></i>, sinonimo di <i><font color="#999999">zio</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBANERA
 +</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico del perugino, dovrebbe derivare da un soprannome originato da
 +caratteristiche fisiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBANTE
 +<br>BARBANTI
 +<br>BRABANTE
 +<br>BRABANTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbante ha un ceppo nella fascia centrale che comprende Montegranaromnel
 +fermano nel Piceno, Rieti soprattutto e Rocca di Papa e Frascati nel romano,
 +con un ceppo anche a Palermo, ed a Vittoria nel ragusano, Barbanti ha un
 +ceppo a Modena ed a Bomporto e Cavezzo nel modenese, a Cervia e Ravenna
 +nel ravennate, a Rimini ed a Pesaro, uno a Roma ed uno a Militello in Val
 +di Catania e Licodia Eubea nel catanese, Brabante, molto raro, è
 +specifico di Bitonto nel barese, Brabanti, quasi unico, sembrerebbe emiliano,
 +dovrebbero derivare direttamente o tramite alterazioni dialettali medioevali
 +dal nome della regione del <i><font color="#3333FF">Brabante</font></i>
 +nei Paesi Bassi, ma è pure possibile una derivazione dal Brabant
 +francese nelle Argonne o dalle città francesi di Brabant sur Meuse o Brabant le Roi in Lorena.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARA
 +<br>BARBARI
 +<br>BARBARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barbaro.gif" nosave="" align="RIGHT" width="42" height="60"><font size="-1">Barbara è tipicamente meridionale, con un ceppo a Roma, uno nel
 +napoletano, uno nel barese ed uno in Sicilia tra trapanese ed agrigentino, Barbari, rarissimo è specifico della zona tra Modena e Bologna,
 +Barbaro è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia, dovrebbero
 +derivare dal praenomen latino <i><font color="#3366FF">Barbarus</font></i>, o <i><font color="#3366FF">Barbara</font></i>, derivante dal modo greco di definire
 +chi aveva una parlata incomprensibile, cioè "bar bar",o anche da
 +un soprannome barbaro (straniero).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARACE
 +<br>BARBARACI</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbarace è praticamente unico, Barbaraci è specifico di
 +Palermo, si dovrebbe trattare di una forma ipocoristica greca in <i><font color="#3366FF">ace</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">aci</font></i>, probabilmente ad indicare che
 +il capostipite era il figlio di un barbiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARESCHI
 +<br>BARBARESCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbareschi, molto raro, sembra avere oltre al ceppo lombardo, nel milanese
 +e nel basso bresciano, anche uno nel napoletano, Barbaresco, ancora più
 +raro, sembra del trevigiano, potrebbero derivare dal praenomen latino <i><font color="#3333FF">Barbarus</font></i>, ma è pure possibile una derivazione dal termine medioevale <i><font color="#3333FF">barbaresco</font></i>
 +per indicare chi fosse stato designato come responsabile della cura di
 +cavalli arabi, forse il mestiere del capostipite. 
 +(<font color="#CC33CC">vedi Barbari</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARESE
 +<br>BARBARESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbarese, quasi unico, è specifico di Terni, Barbaresi&nbsp; è
 +molto diffuso nel pesarese a Fossombrone, Fano, Pesaro e Mombaroccio, e
 +nell'anconetano a Mergo, Ancona e Sassoferrato, con un piccolo ceppo nel
 +maceratese a Civitanova Marche e San Severino Marche, uno a Terni ed un
 +ceppo a Roma, questi cognomi dovrebbero derivare dal termine italiano arcaico
 +<i><font color="#3333FF">barbarese</font></i>, che significa <i><font color="#666666">straniero</font></i>,
 +ma può riferirsi anche a <i><font color="#666666">chi proviene dalla
 +Barberia</font></i>, zona del Africa settentrionale occidentale, probabilmente
 +ad identificare i capostipiti come estranei al corpo cittadino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbaria ha un ceppo a Salerno e Pagani nel salernitano ed uno in Sicilia
 +a Palermo e Cefalà Diana nel palermitano, dovrebbero derivare dal
 +termine arabo <i><font color="#3366FF">barbariyah</font></i> (<i><font color="#999999">Berberia,
 +la patria dei berberi</font></i>) e dal medioevale <i><font color="#3366FF">Barbaria</font></i>
 +da questo derivato: "<font color="#CC33CC">...</font>(17 maggio 1509)<font color="#CC33CC">
 +fo il dì dila Sensa, il principe fo in Bucintoro a sposar il mar
 +de more, con li Oratori ut supra, et portò la spada.&nbsp; Zuam
 +Moro va capitanio dile galie di </font><font color="#FF0000">Barbaria</font><font color="#CC33CC">,
 +suo compagno Zuam Francesco da Moliu quondam Piero et altri invitadi, el
 +forzo quelli vanno in Pregadi per diversi officij..</font>.", ma è
 +pure possibile che derivi dal nome tardo latino <i><font color="#3366FF">Barbaria</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">...Igitur illustris femina </font><font color="#FF0000">Barbaria</font><font color="#CC33CC">
 +beatum Severinum, quem fama vel litteris cum suo quondam iugali optime
 +noverat, religiosa devotione venerata est. Quae post obitum eius audiens
 +corpusculum sancti in Itallam multo labore perductum et usque ad illud
 +tempus terrae nullatenus commendatum, venerabilem presbyterum nostrum Marcianum,
 +sed et cunctam congregationem litteris frequentibus invitavit. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARINI
 +<br>BARBARINO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbarini, molto raro, ha un nucleo nel pavese ed uno nel parmense, Barbarino,
 +non comune, sembra avere un ceppo sulla fascia orientale della Sicilia,
 +uno nel napoletano ed uno in Friuli nell'area di Resia, dovrebbero derivare
 +da Barbarinus, diminutivo del nome Barbarus. Tracce di questo cognome le
 +troviamo a Correggio (RE) nel 1500 con il musicista e compositore Manfredus
 +Barbarinus Lupus, personaggio di rilievo è stato il Cardinal Antonio
 +Barbarino nel 1600.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBARIOL
 +<br>BARBARIOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbariol, molto molto raro, ha un ceppo a Roveredo in Piano nel pordenonese
 +ed uno a Trieste, Barbarioli, quasi unico, è dovuto ad un'italianizzazione
 +del precedente, potrebbero derivare da un soprannome veneto originato dal
 +fatto che il capostipite fosse stato un <i><font color="#3333FF">barbariol</font></i>,
 +cioè fosse stato un Patrizio Veneto ammesso dal Doge, con diritto
 +di voto, al Gran Consiglio nel giorno di Santa Barbara, tracce di queste
 +cognominizzazioni a Roveredo le troviamo in atti almeno dal 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBAROTTI
 +<br>BARBAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbarotti, quasi unico, parrebbe del parmense, Barbarotto ha un ceppo
 +tra trevisano, e Friuli ed uno in Sicilia a Piazza Armerina nell'ennese
 +con ramificazioni a palermo e nel palermitano, potrebbero derivare da etnici
 +di toponimi come Santa Barbara, presenti un pò in tutt'Italia, per
 +il ceppo veneto si potrebbe anche ipotizzare trattarsi di una forma patronimica
 +dal nome Barbara o Barbaro.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBATI
 +<br>BARBATO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbati ha un ceppo nel cremonese, uno nel modenese, uno tra Roma e L'Aquila,
 +uno tra napoletano ed avellinese ed uno nel tarantino, Barbato ha un importante
 +ceppo nel Veneto ed uno ancora più importante in Campania, dovrebbero
 +derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Barbatus</font></i>
 +portato ad esempio da Lucius Cornelius Scipio Barbatus console di Roma
 +nell'anno 298 a.C. all'epoca della terza guerra sannitica, in epoca medioevale
 +ricordiamo ricordiamo San Barbato nato a Vandano di Cerreto Sannita (BN)
 +nei primi anni del VII° secolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBATOSTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbatosta, assolutamente rarissimo, è specifico della zona tra
 +Rimini e Pesaro, dovrebbe derivare da un soprannome attribuito ad un capostipite
 +dotato probabilmente di una barba particolarmente rigogliosa.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBERA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbera ha un nucleo piemontese e lombardo ed uno siciliano, per i cognomi
 +settentrionali è ipotizzabile un'origine&nbsp; da soprannomi legati
 +al nome dell'uva o del vino barbera, forse a caratterizzare l'attività
 +di vignaiolo o di produttore di vino, ma anche forse di forte bevitore,
 +nel caso invece dei cognomi siciliani si può ipotizzare un'origine
 +collegata al mestiere di barbiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBERI
 +<br>BARBERIS
 +<br>BARBERO
 +<br>BARBIERATO
 +<br>BARBIERI
 +<br>BARBIERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00barberi.gif" nosave="" align="LEFT" width="50" height="63"><font size="-1">La derivazione di tutti questi cognomi è la professione del barbiere,.
 +In epoca antica, ma anche in epoche abbastanza recenti, il barbiere era
 +una specie di medico in scala minore. La distribuzione del cognome Barbieri
 +è notevole in tutt'Italia, Barbiero ha un ceppo veneto, uno friulano,
 +ma presenta ceppi anche in Campania, Molise e Calabria, Barberis è
 +tipicamente ligure e piemontese, mentre Barbierato, dove la terminazione
 +in <i><font color="#3366FF">-ato</font></i> sta per figlio di Barbiero
 +o figlio del barbiere, ha una particolare concentrazione nel Veneto e Barberi
 +nelle regioni centrali, quest'ultimo potrebbe in qualche caso derivare
 +dal toponimo Barberi (PE), Barbero è tipicamente piemontese e della
 +Liguria centrale ed occidentale.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBERINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barberini.gif" nosave="" align="RIGHT" width="50" height="61"><font size="-1">Cognome tipico dell'Italia centrale
 +che potrebbe derivare da toponimi come Barberino val d'Elsa (FI) o Barberino
 +del Mugello (FI), che deriva, probabilmente dallo stemma della casata dei
 +Cattani (Capitani) che lo possedeva nell'undicesimo secolo e che raffigurava
 +una testa umana con tre barbe; un'altra ipotesi è che derivi dall'aferesi
 +del cognomen latino Ahenobarbus. .Personaggio famoso della casata dei Barberini
 +fu il papa Urbano VIII&nbsp; (Maffeo Barberini) [Firenze 1568 - Roma 1644],
 +papa&nbsp; dal 1623 al 1644, diventato famoso per il processo a Galileo
 +e per il suo nepotismo che diede origine ad una vera e è propria
 +casata nobiliare, trasformando dei semplici proprietari terrieri toscani
 +in Cardinali e Principi. Famoso è anche l'autore del "Guerin Meschino",
 +Andrea da Barberino nato nel 1370.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBESI
 +<br>BARBESSI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Barbesi che Barbessi sono tipici del veronese, di Fumane, Sona e Sant`Ambrogio
 +di Valpolicella, nonchè di Verona, si dovrebbe trattare di forme
 +patronimiche dialettali venete in <i><font color="#3366FF">-ssi</font></i>
 +ad indicare probabilmente le famiglie dei figli di un Barba (<font color="#CC33CC">vedi
 +BARBA</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBESIN
 +<br>BARBESINI
 +<br>BARBESINO
 +<br>BARBISIN
 +<br>BARBISINI
 +<br>BARBISINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbesin, molto molto raro, è tipico del pordenonese, di Pordenone
 +e di Azzano Decimo, Barbisin, caratteristico della medesima zona, è
 +il frutto di errate registrazioni, Barbesini è unico e sembrerebbe
 +piemontese, come Barbesino che è tipico dell'alessandrino, di Casale
 +Monferrato e Giarole, Barbisino, sempre dell'alessandrino, quasi unico,
 +dovrebbe essere il frutto di errori di trascrizione, così come il
 +ligure Barbisini, dovrebbero derivare da forme ipocoristiche del termine
 +dialettale per <i><font color="#666666">baffuto</font></i>, probabilmente motivati dall'abitudine dei capostipiti, dotati forse di piccoli baffetti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBIERI  CORREALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1"><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Walter
 +Barbieri Correale</font></font>
 +<br><i><font color="#000099">il mio è un doppio cognome Barbieri
 +Correale. Barbieri è il cognome paterno, mio padre Rodolfo&nbsp;
 +è nato a Nicotera (VV) nel 1934, mentre mia madre Maria Carmela
 +Correale è nata a Candidoni (RC) nel 1944. La famiglia di mio padre
 +era un'antica famiglia proprietaria terriera di Nicotera, la famiglia di
 +mia madre era un'antica famiglia di professionisti e notai.&nbsp; Il doppio
 +cognome nacque per l'interessamento di un pronipote dei Correale di Vibo
 +Valentia, che portò nel 2004 l'allora ministro degli interni a concedergli
 +l'uso del doppio cognome.</font></i></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBISOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">La derivazione più probabile
 +è da un soprannome originato dal vocabolo dialettale lombardo barbis
 +(baffi). La distribuzione è concentrata in Lombardia.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBOLAN
 +<br>BARBOLANI
 +<br>BARBOLINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbolan, assolutamente rarissimo, è dell'area veneto, friulana,
 +Barbolani è unico, Barbolini è tipico di Modena e del modenese,
 +possono derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Barbolus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio nel <i><font color="#3366FF">Cartularium caritatis
 +andegavensis</font></i>: "<font color="#CC66CC">...Dilectus, famulus domni
 +Archelai et vicarius comitis, fecit homines suos piscari in vivario S.
 +Marie de Fossis. Unde clamorem fecit abbalissa Theburgis Archelao qui habuit
 +hominem suum , in die Ascensionis, ad justiciara; et facto judicio, ille
 +vadiavit pisces quos piscaverat injuste, vadiumque misit in manu abbatisse
 +Theburgis et in manu Bernardi prepositi. Quod viderunt isti et audierunt,
 +ex parto Archelai : Hervcus, Robertas, Pipinus Chamallardi, Matheus lilius
 +Giraldi prepositi, Audulfus miles, Bobinus de Fossis; ex parte abbatisse
 +Guitto de Ponte, Marquerius Almauguini, Meno, Garinus Losduni, Engelbautlus
 +villanus , Bovetus, </font><font color="#FF0000">Barbolus</font><font color="#CC66CC">
 +vicarius, Albericus de Fossis, Hervcus fîlius Algardi, Goffridus
 +de Carnoto. ..</font>", un principio di queste cognominizzazioni lo troviamo
 +a Budrio (BO) nel 1400 con Petrus de Barbolus, ma è pure possibile
 +che derivi da un soprannome legato alla pesca.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico trevisano, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dalla barba e baffi fluenti del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBONE
 +<br>BARBONI
 +<br>BARBONETTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbone ha ceppi in Abruzzi, Lazio, Campania e Puglia, Barboni in Emilia,
 +Marche, Toscana, Umbria e Lazio, Barbonetti è tipico della zona
 +tra la provincia di Roma e quella dell'Aquila, potrebbero derivare o dal
 +nome tardo medioevale Barbone, di cui abbiamo un esempio nella prima metà
 +del 1500 con il calvinista romagnolo Barbone Morisi, o anche da soprannomi
 +originati da caratteristiche fisiche del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBOSA
 +<br>BARBOSI
 +<br>BARBOSO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tutti e tre assolutamente rarissimi, quasi scomparsi, potrebbero essere
 +del centro Italia, sembrerebbero di origini portoghesi, si pensi ad esempio
 +a Agostinho Barbosa (1590-1649), uno dei canonisti più illustri
 +del Portogallo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBUSCA
 +<br>BARBUSCI
 +<br>BARBUSCIA
 +<br>BARBUSCIO
 +<br>BARBUSCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbusca, tipicamente siciliano, è specifico di Enna, Barbusci è
 +quasi unico, Barbuscia ha ceppi in Sicilia a Messina, Mirabella Imbaccari
 +nel catanese, Palermo ed Alcamo nel trapanese, Barbuscio è del cosentino,
 +di Castiglione Cosentino, Castrolibero e San Pietro in Guarano, Barbusco
 +è unico, dovrebbero essere di origini albanesi e derivare dal nome
 +slavo <i><font color="#3366FF">Barbushe</font></i>, o anche da un soprannome
 +originato da una modificazione del termine albanese <i><font color="#3366FF">bareshë</font></i>
 +(<i><font color="#999999">pastore</font></i>), troviamo tracce di questa
 +cognominizzazione in un atto del 1575 che cita la costituzione di una società
 +per il commercio di panni, della quale fa parte un certo Fabio Barbuscia
 +di Cirò nel crotonese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BARBUSCIA, BARBUSCA - Cognome siciliano e calabrese che deriva dalla
 +voce dialettale '<i><font color="#3333FF">varvusca</font></i>' (<i><font color="#3333FF">barbùscia</font></i>)
 +che significa '<i><font color="#666666">paletta del pungolo</font></i>
 +con cui si pulisce il vomere dell'aratro'. Rohlfs 48.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBUTI
 +<br>BARBUTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbuti ha un ceppo a Parma e Bardi nel parmense ed uno a San Giuliano
 +Terme, Pisa e Vecchiano nel pisano, ed a Lucca, Barbuto è tipicamente
 +meridionale, con un ceppo nel napoletano e salernitano, uno nel barese
 +ed uno, il più consistente, in Calabria, nel cosentino, crotonese,
 +catanzarese e vibonese, con presenze anche nel reggino e nel messinese
 +e catanese, dovrebbero derivare da soprannomi originati probabilmente dall'abitudine
 +dei capostipiti di portare una folta barba.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARBUZZA
 +<br>BARBUZZI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barbuzza, molto molto raro, sembrerebbe siciliano, con un piccolo ceppo
 +nel messinese ed uno nel palermitano, Barbuzzi ha un ceppo a Palazzo San
 +Gervasio nel potentino ed uno a San Marzano di San Giuseppe nel tarentino
 +ed uno piccolo a San Pancrazio Salentino nel brindisino, l'ipotesi più
 +probabile è che si tratti di italianizzazioni del nome slavo <i><font color="#3366FF">Barbushe</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BARBUSCI</font>), ma non si può del
 +tutto escludere una derivazione da soprannomi originati da un particolare
 +tipo di barba portata dai capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barca è un cognome assolutamente panitaliano, in alcuni casi possono
 +derivare dai molti toponimi contenenti la radice barca, come ad esempio
 +Barca (TO), (PU), Barca del Grazi (GR), Pian di Barca (SP) o Piano della
 +Barca (CH), in altri casi può derivare da un soprannome originato
 +dal mestiere del capostipite, in qualche modo collegabile alla barca, in
 +altri ancora può derivare dall'italianizzazione di nomi come il
 +provenzale <i><font color="#3366FF">Barachel </font></i>o il fenicio e
 +turco <i><font color="#3366FF">Barak</font></i>., ricordiamo a dimostrazione
 +di quest'ultima tesi che il famosissimo Annibale Barca, quello delle guerre
 +puniche, in effetti si chiamava Hanibaal Barak che tradotti sono Dono di
 +Baal (il dio fenicio) e fulmine.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARCA: barca, zattera, battello, piattaforma galleggiante etc. Dal
 +tardo latino <i><font color="#3333FF">barca</font></i>, dal greco <font color="#3333FF">βάρις
 +</font>(<i><font color="#3333FF">baris</font></i>), che significa inoltre
 +<i><font color="#666666">fabbricato, palazzo</font></i> etc. Parola di
 +antica origine egiziana. È chiaro che non vi è alcuna relazione
 +tra barca, battello ed il cognome Barca portato dal grande generale cartaginese
 +Amilcare detto Barca, dal fenicio <i><font color="#3333FF">Barak</font></i>
 += <i><font color="#666666">fulmine, lampo</font></i>, per la velocità
 +delle azioni di guerra. Non è da escludere l'ipotesi che il cognome
 +Barca, diffuso in tutta Italia, almeno in qualche ceppo, possa derivare
 +da Barak. Il cognome è presente negli antichi documenti della Sardegna.
 +Tra i firmatari della Pace di Eleonora, LPDE del 1388 figurano: Barca (de)
 +Parasono, jurato ville Sammungleo. * Sammungleo.odierno Samugheo. Mandrolisay
 +o Barbagia di Belvì; Barca Nicolao, ville Setini* Setini.odierno
 +Sedini. Contrate de Anglona - Chiaramente; Barcha Barisono, ville Nuruci.
 +* Nuruci...odierno Nureci (Laconi.Contrate Partis Alença); Barcha
 +Joanne, ville Pardu. * Pardu.distrutto: Pardu - Partis de Montibus; Barcha
 +Petro, ville Sellùri (Sanluri; Seddòri). Nel Condaghe di
 +Santa Maria di Bonarcado, CSMB, XI°, XIII° secolo, sono presenti
 +ben 11 Barca: Barca Andria e Barca Goantine fratelli; Barca Comida armentario
 +a Tune (l'armentario era l'amministratore generale; Tune o Tunis è
 +un abitato scomparso di origini nuragiche; in periodo medievale fu Villa
 +del regno giudicale di Arborea; i suoi resti si trovano nelle vicinanze
 +del centro abitato di Narbolìa, nella provincia di Oristano). Barca
 +Goantine, fratello di Comita; Barca Gunnari di Bauladu; Barca Mariane,
 +maiore de portu (il maiore de portu aveva il compito di vigilare sulla
 +qualità dei prodotti in commercio, di punire le frodi, di fissare
 +il giusto prezzo, di ispezionare i pesi e le misure e di risolvere le controversie
 +in materia di mercato tramite il tribunale specifico detto appunto Corona
 +de Portu; Barca Arsoco; Barca Arsoco su de Baratiri (quello di Baratili);
 +Barca Arsoco de Scudu; Barca Remundinu, prete, converso di Santa Maria
 +di Bonarcado; Barca Furadu. Ricordiamo che Barake( scomparso verso la fine
 +del XII° o l'inizio de XIII° secolo, fu centro abitato fondato
 +dai Fenici, da cui il significato di "lampo", "luce", verso il VII°
 +secolo&nbsp; a. C.; in periodo medievale fu Villa(villaggio) appartenente
 +alla Curadorìa di Nurra, del regno giudicale di Torres. Rammentiamo
 +inoltre che Barca o Barce (<font color="#3333FF">Вάρκη</font>, in greco,
 +il cui etimo deriva dal semitico) è attualmente centro abitato della
 +Cirenaica, nella omonima provincia. Il cognome Barca è attualmente
 +presente in 320 Comuni d'Italia, con diffusione per lo più omogenea.
 +In Sardegna è presente in 21 Comuni: Baunei 84, Sarule 26, Ottana
 +24, Osilo 14, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCACCI
 +<br>BARCACCIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcacci, assolutamente rarissimo, ha qualche presenza in Toscana ed in
 +Umbria, Barcaccia ha un ceppo nel perugino a Deruta, Perugia, Torgiano
 +e Marsciano, ed uno a Roma, dovrebbero derivare da nomi di località
 +come Barcaccia sulla strada per Gubbio nel perugino.</font>".
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCARI
 +<br>BARCARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcari è unico, dovrebbe trattarsi di un errore di trascrizione
 +di Barcaro, che è tipicamente veneto, con un ceppo nel vicentino,
 +a Vicenza, Monticello Conte Otto, Lonigo e Sossano, ad Abano Terme nel
 +padovano ed a Rovigo, dovrebbe derivare dal termine veneto arcaico <i><font color="#3333FF">barcarol</font></i>,
 +un precursore del più recente <i><font color="#3333FF">barcariol</font></i>
 +(<i><font color="#666666">barcaiuolo</font></i>), probabilmente indicandolo
 +come il mestiere svolto dal capostipite.</font>".
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCAROLI
 +<br>BARCAROLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcaroli è tipico dell'Italia centrale, ha un ceppo a Todi nel
 +perugino ed uno a Terni, ha un piccolo ceppo a Castellalta nel teramano
 +ed a Pescara, un ceppo a Roma ed uno a Tarquinia nel viterbese, Barcarolo,
 +decisamente più raro, è specifico di Malo e Vicenza nel vicentino,
 +dovrebbero derivare da soprannomi attribuiti ai capostipiti, che di mestiere
 +probabilmente facevano i <i><font color="#666666">barcaioli</font></i>.</font>".
 +</td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCELLA
 +<br>BARCELLI
 +<br>BARCELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcella, oltre al ceppo, forse di origine trentina, tipicamente
 +lombardo, presente in particolare nel bergamasco, a Nembro, Albano Sant'Alessandro,
 +Scanzorosciate, Cenate Sotto, Torre de' Roveri, Trescore Balneario, Seriate,
 +Zandobbio, Dalmine, Carobbio degli Angeli, Villa di Serio, Gorlago, Alzano
 +Lombardo e Bergamo, ne ha uno a Reggio Calabria ed uno a Catania, Barcelli,
 +assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppo nello spezzino ed uno nel
 +pesarese, Barcello, altrettanto raro, sembrerebbe avere un piccolo ceppo
 +nel cosentino, potrebbero derivare da soprannomi originati dal termine
 +arcaico <i><font color="#3333FF">barcella</font></i> (<i><font color="#999999">barella</font></i>),
 +ma in alcuni casi protrebbero derivare dal termine dialettale lombardo
 +<i><font color="#3333FF">barcella</font></i> (<i><font color="#666666">baionetta
 +da caccia</font></i>) o anche da un'alterazione sempre dialettale del termine
 +per indicare il magazzino adiacente alla casa colonica, tracce di questo
 +cognome le troviamo almeno dal 1500, l'ipotesi del soprannome trova conferma
 +in trentino nel 1560, quando in un atto leggiamo: "<font color="#CC33CC">..
 +dominus </font><font color="#FF0000">Antonius de Barcellis</font><font color="#CC33CC">
 +curator dicti domini Francisci Beseni. .</font>." e nel 1564: "<font color="#CC33CC">..
 +dominus </font><font color="#FF0000">Michael Barcella</font><font color="#CC33CC">
 +nacensis. Dominus Matthaeus de Besenis. ..</font>", in Lombardia le tracce
 +risalgono almenno al 1700, in un atto redatto nel 1725 in Valtellina in
 +cui risultano accordate a Bartolomeo Castellanello di Bianzone detto Barcella
 +cinque tavole della vigna "al loco delle olive" e più tardi a Bormio
 +alla fine del 1700: ".<font color="#CC33CC">..Locazione di Antonio Nicolina
 +fu Giambattista, di Bormio, quale locatario dei beni esistenti in Bianzone
 +di ragione del collegio gesuitico di Bormio, a Giacomo Castellanelli fu
 +Bartolomeo e a Giuseppe Castellanelli fu Domenico, </font><i><font color="#FF0000">detti
 +Barcella</font></i><font color="#CC33CC">, delle case site in Bianzone,
 +nella contrada di Cambremo, e dei fondi "opolivi" descritti nella precedente
 +locazione, fatta agli stessi massari il 4 novembre 1778, per un fitto annuo
 +di 5 some di vino sulle case e di 2 some di vino sui fondi...</font>".
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCELLONA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcellona ha un nucleo in Sicilia, soprattutto a Palermo, Alia e Castronovo
 +di Sicilia nel palermitano, a Catania e Ramacca nel catanese, a Messina
 +ed a Barcellona Pozzo di Gotto nel messinese, a Leonforte (EN), a Mussomeli
 +nel nisseno, a San Biagio Platani nell'agrigentino, un ceppo c'è
 +anche a Crotone, dovrebbero derivare dal toponimo Barcellona Pozzo di Gotto
 +nel messinese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCELLONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcellone, molto raro è specifico dello spezzino, di Beverino
 +e La Spezia, dovrebbe derivare da un soprannome dialettale con il significato
 +di uno che barcolla, ma anche di portantino, cioè di chi porta la
 +barella.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCHERINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barcherini ha un ceppo ad Amelia nel ternano, con presenze significative
 +anche a Giove, Narni e Penna in Teverina sempre nel ternano ed a Roma,
 +di origini etimologiche oscure.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCHIESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barchiesi ha un ceppo marchigiano nell'anconetano, soprattutto a Jesi,
 +ma anche a Falconara Marittima, Ancona, Senigallia, Chiaravalle, Ostra,
 +Castelbellino, Monte San Vito, Montemarciano e Monsano, ed uno a Roma,
 +dovrebbe trattarsi di una forma etnica riferita agli abitanti del paese
 +di Barchi nel pesarese, probabile luogo d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARCHIETTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barchietto, molto molto raro, è tipico di Biella e Novara., dovrebbe
 +riferirsi ad un soprannome originato dal mestiere di barcaiolo forse svolto
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARDARI
 +<br>BARDARO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bardari ha un ceppo napoletano ed uno molto piccolo tra Pizzo e Pizzoni
 +nel vibonese in Calabria, Bardaro, più diffuso, ha un piccolo ceppo
 +a Formia nel latinense, uno a Castel Baronia nell'Avellinese ed a Napoli,
 +ed uno in Puglia, a Massafra nel tarantino, a Latiano e Mesagne nel brindisino
 +e ad Altamura nel barese, e qualche presenza nella Sicilia orientale, questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal mestiere dei capostipiti, che probabilmente
 +erano artigiani che producevano <i><font color="#3333FF">barde</font></i>
 +(<i><font color="#666666">armature di cuoio e di ferro per cavalli</font></i>),
 +con le quali si guarniva e contemporaneamente si proteggeva il collo ed
 +il petto dei cavalli da guerra o da torneo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARDAZZI
 +<br>BARDELLA
 +<br>BARDELLI
 +<br>BARDELLO
 +<br>BARDELLONE
 +<br>BARDELLONI
 +<br>BARDI
 +<br>BARDINO
 +<br>BARDO
 +<br>BARDO'
 +<br>BARDONE
 +<br>BARDONI
 +<br>BARDUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00bardoni.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="67" height="70"><font size="-1">La derivazione di questi cognomi, che hanno in comune la radice <i><font color="#3333FF">Bard-</font></i>
 +è sicuramente molto diversificata, essendo possibili molte origini
 +diverse. Una è la derivazione dal nome <i><font color="#3333FF">Bardus</font></i><font color="#000000">,
 +</font><i><font color="#3333FF">Pardus</font></i> diffuso nell'alto medioevo,
 +un'altra possibilità è da un soprannome riferentesi all'origine
 +longobarda del capostipite, altre più recenti sono di tipo toponomastico,
 +esistendo molte località con nomi di origine celtica come Bard (AO),
 +Bardello (VA), Bardi (PR), Bardinetto (SV),Bardino (SV), Bardolino (VR),
 +Bardonecchia (TO), che possono aver dato origine a questo tipo di cognomi.
 +La distribuzione dei cognomi è concentrata nell'Italia settentrionale.
 +Bardazzi è tipicamente toscano di Prato e di Firenze, con presenze
 +significative anche a Sesto Fiorentino e Barberino di Mugello nel fiorentino
 +ed a Vaiano, Carmignano e Montemurlo nel pratese, Bardella è molto diffuso nel milanese e bergamasco, nel veneziano
 +e rovigoto, con presenze anche nel vicentino, padovano e pordenonese, Bardelli
 +è diffusissimo in Lombardia, in particolare nel varesotto, milanese&nbsp;
 +e cremonese, in Emilia, in particolare nel modenese e soprattutto in Toscana,
 +Bardello è quasi unico, Bardellone, molto raro, è specifico
 +del padovano, Bardelloni è tipico della bassa bresciana, del livornese
 +e del perugino, Bardi è tipico della bassa Romagna e della Toscana.con
 +un probabile ceppo anche nel Salento, Bardo sembra del torinese, Bardò,
 +assolutamente rarissimo, parrebbe del carrarese, Bardoni e Bardone, sono
 +specifici del lodigiano e del pavese al confine con il lodigiano, dovrebbero
 +essere modificazioni dell'estinta famiglia Bardonazzi, originaria di LodiVecchio,
 +che diede numerosi Capitanei nel periodo delle signorie, famoso fu un Tebaldo
 +Bardonazzi, uomo d'arme e valoroso guerriero, Barducci è tipico
 +dell'area tra Romagna e Toscana, del ravennate, forlivese e riminese e
 +del fiorentino.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>BARDELLA - Potrebbe derivare direttamente dal toponimo Bardella, frazione
 +di Castelnuovo del Bosco, Asti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARDOSCIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bardoscia è tipicamente pugliese del leccese, di Galatina, Veglie,
 +Miggiano e Lecce.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>Con buona probabilità, il cognome Bardoscia nasce da un adattamento
 +del nome albanese <i><font color="#3366FF">Bardhosh</font></i>, che, composto
 +dalla radice <i><font color="#3366FF">Bardhë</font></i> (l'italiano
 +<i><font color="#999999">Bianco</font></i>) e dal suffisso <i><font color="#3366FF">-osh</font></i>
 +(con valore ipocoristico), può essere tradotto col nome <i><font color="#999999">Bianchino</font></i>
 +o <i><font color="#999999">Bianchetto</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +Bianca</font>): in questo contesto, in effetti, va notato che sia Bardhosh
 +(con una variante in Bardhush) sia Bardhë (con una variante in Bardh)
 +sono nomi piuttosto diffusi in Albania e proprio da questi nomi derivano
 +i cognomi albanesi Bardhi, Bardhoshi, Bardhushi, etc. In conclusione, dunque,
 +si tratterebbe della cognominizzazione del nome personale del/la capostipite,
 +anche se non è esclusa una derivazione da un semplice soprannome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Secondo Minervini, Diz. cogn. pugliesi, 78, si tratta di un derivato
 +del cognome base <i><font color="#3333FF">Bardi</font></i>, che oltre a
 +una derivazione dal personale germanico <i><font color="#3333FF">Bardus,
 +Pardus</font></i>, può anche essere un etnico da Bardi (PR), Bard
 +(AO).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARELL
 +<br>BARELLA
 +<br>BARELLI
 +<br>BARELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barell è assolutamente rarissimo, Barella ha ceppi nel torinese,
 +nella Lombardia occidentale, nel parmense, tra rovigoto e padovano, tra
 +viterbese e romano e nel brindisino, Barelli, non comune, ha un ceppo nel
 +milanese e comasco ed uno in Toscana, Barello è specifico del Piemonte
 +occidentale, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3333FF">Barellus</font></i>,
 +<i><font color="#3333FF">Barella</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +nel bergamasco nel 1100, come possiamo leggere in una pergamena lodigiana:
 +"<font color="#CC33CC">Anno ab incarnacione domini nostri Iesu Christi
 +millesimo centesimo nonagesimo septimo, nono kallendas decembris, indictione
 +prima manifestavit </font><font color="#FF0000">Barellus</font><font color="#CC33CC">,
 +filius Alberti Schilini libras quatuor imperialium, quas Anselmus Arothi
 +mutuo accepit ab Alberto Caxola...</font>", troviamo un principio di questa
 +cognominizzazione nella seconda metà del 1200 con il notaio Barellus
 +de Osio (BG) e nel 1400 in Friuli con: "<font color="#CC33CC">...Gotfredus
 +qui dicitur </font><font color="#FF0000">Barellus</font><font color="#CC33CC">
 +...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARENCO
 +<br>BARENGHI
 +<br>BARENGO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barenco, estremamente raro, parrebbe dello spezzino, Barengo sembrerebbe
 +specifico di Mazzè (TO) con un ceppo anche nel rovigoto, Barenghi
 +ha un nucleo a Magenta ed Abbiategrasso dovrebbero derivare dal toponimo
 +Barengo (NO), ma è pure possibile in alcuni casi che derivi dall'aver
 +svolto il capostipite l'incarico di Barengo il Barengo in epoca rinascimentale
 +era una sorta di Cancelliere papale: "<font color="#CC33CC">...Et a me
 +è stato detto da persona che udì che sua santità comandò
 +al </font><font color="#FF0000">Barengo</font><font color="#CC33CC"> che
 +facesse ditta bolla più gagliarda et più forte che si possa...
 +...et l'illustrissimo di Napoli diede commissione al vescovo di Thilesia
 +che lo dicesse al </font><font color="#FF0000">Barengo</font><font color="#CC33CC">
 +perché faccia li brevi...</font>", come leggiamo nei Dispacci da
 +Roma al Doge ed al Senato inviati nel 1558 da Bernardo Navagero.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome piemontese derivato dal toponimo Barengo, Novara, in dialetto
 +<i><font color="#3333FF">Baréngh</font></i>; = <i><font color="#3333FF">Belingum</font></i>
 +(- vicus), a. 1025-36; dal 1200 in poi fu chiamato Barengum. Il Massia
 +(Nomi Novaresi, VI, 15 e IX, 3), insieme col Barengo di Mazzè, Ivrea,
 +e quello di Montiglio, Asti, pensa sia forse riportabile al nome personale
 +celtico '<i><font color="#3333FF">Belus</font></i>'. Può competere,
 +però, il personale germanico '<i><font color="#3333FF">Barino</font></i>'
 +o '<i><font color="#3333FF">Bering</font></i>', registrato dal Förstemann.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico bresciano, dovrebbe derivare da un nome di località come
 +l'antica Contrada Bares o De Baresis in Val di Scalve nel bergamasco, e
 +anche possibile che il cognome derivi dalla Val di Bares nel comasco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il cognome è distribuito
 +al settentrione con tre nuclei distinti, Nel Veneto, in Lombardia ed in
 +Piemonte. Si possono ipotizzare più origini, ma probabilmente sempre
 +legati ad un soprannome da un dialettale barett (berretto) o ad un mestiere
 +che avesse a che fare con le onoranze funebri.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARETTI
 +<br>BARETTO
 +<br>BARO
 +<br>BAROLINI
 +<br>BARON
 +<br>BARONE
 +<br>BARONI
 +<br>BAROTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barone.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="68"><font size="-1">Baretti è tipico del bergamasco, Baretto è dell'alessandrino
 +e genovese, Baro è tipicamente veneto, di Padova, di Pianiga e Spinea
 +nel veneziano e di Maserada sul Piave ed Ormelle nel trevisano, Barolini,
 +quasi scomparso parrebbe del Lazio, Baron è concentrato nelle Venezie,
 +Barone è distribuito massicciamente in tutt'Italia, Baroni è
 +diffuso al centro nord, Barotti è specifico dell'area tra rovigoto
 +e ferrarese, di Canaro e Castelmassa nel rovigoto e di Voghiera e Ferrara
 +nel ferrarese. Questi cognomi dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite ipocoristici dal termine germanico <i><font color="#3366FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#999999">uomo libero</font></i>) declinato <i><font color="#3366FF">baroni</font></i>
 +(<i><font color="#999999">dell'uomo libero</font></i>): : "<font color="#CC33CC">...sic
 +dictus Dominus </font><font color="#FF0000">Baro</font><font color="#CC33CC">
 +voluit et ita ei placuit et placet fieri...</font>", in alcuni casi possono
 +derivare da forme dialettali del termine <i><font color="#3366FF">berretto</font></i>
 +(<i><font color="#999999">copricapo</font></i>). Tracce di queste cognominizzazioni
 +le troviamo ad esempio a Grosio in Valtellina nella seconda metà
 +del 1400, quando un certo Giacomo del Baretto fu Giorgio è sacrestano
 +della chiesa di S. Giorgio in Grosio, a Bormio, nel 1630 una tale Catherina
 +del Baron è testimone in un processo per stregoneria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARGELLI
 +<br>BARGELLINI
 +<br>BARICELLI
 +<br>BARRICELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bargelli sembra avere un ceppo a Massa Marittima (GR), uno nel fiorentino
 +ed uno perugino, Bargellini ha un ceppo nel fiorentino e pistoiese ed uno
 +nel riminese, Baricelli, ha un piccolo ceppo lombardo, uno genovese ed
 +uno leccese, Barricelli è tipicamente campano di Benevento e di
 +Macerata Campania, Portico di Caserta e Santa Maria Capua Vetere nel casertano,
 +e di Serrara Fontana e napoli nel napoletano, dovrebbero tutti derivare,
 +direttamente o tramite ipocoristici o alterazioni, dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">bargello</font></i>
 +(<i><font color="#999999">magistrato di polizia</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#999999">comandante delle guardie</font></i>).&nbsp;
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo nel livornese nel 1400 con
 +i Conti Bargellini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARGI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bargi ha un piccolo ceppo tra reggiano e modenese ed uno tra pisano, pistoiese
 +e fiorentino, dovrebbero derivare dal nome dei paesi di Bargi nel bolognese
 +o di Ponte a Bargi nel pistoiese, probabili luoghi d'origine dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARGIACCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del pistoiese orientale, Pistoia, Agliana e Quarrata, ha un ceppo
 +anche a Villa Minozzo&nbsp; nel reggiano, dovrebbe avere radici giudaiche
 +e derivare dall'ebraico bar Jacob (figlio di Giacobbe), tracce di questa
 +cognominizzazione le troviamo a Casellina (FI) nel 1700 con il Camarlingo:
 +Jacopo Bargiacchi.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARGIGGIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bargiggia è tipico di Milano e Lacchiarella nel milanese e di Pavia,
 +dovrebbe derivare da una forma dialettale del nome del paese bergamasco
 +di Barzizza.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bari è presente a macchia di leopardo in tutt'Italia, anche se la
 +massima concentrazione è in Puglia, deriva dal nome della città
 +pugliese di Bari, in molti casi può trattarsi di famiglie ebraiche.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIANI
 +<br>BARIANO
 +<br>DA BARIANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bariani ha un ceppo nel bergamasco ed uno nel pavese, a Voghera soprattutto,
 +ed un ceppo emiliano a Portomaggiore nel ferrarese, Bariano in Italia è
 +ormai scomparso, come l'antico cognome dei Da Bariano, potrebbero derivare
 +da toponimi come Bariano nel bergamasco, Bariana nel milanese o Castelnovo
 +Bariano nel rovigoto, come pure è possibile un'origine dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Barianus</font></i>, di cui abbiamo
 +un esempio nel <i><font color="#3366FF">Codice Diplomatico della Lombardia
 +Medioevale</font></i> nell'anno 1171 a Milano: "<font color="#CC33CC">...Signum
 ++ + + (k) manuum Gasspari et Churadi qui dicuntur Menclocii, </font><font color="#FF0000">Bariani
 +</font><font color="#CC33CC">de Pusterla, Guidrici de Ugionno, Arderici
 +Spate testium. ...</font>", tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +ad esempio in un atto di vendita del 1326 a Bergamo dove un certo Alberto
 +fu Martino Barianus di borgo Sant'Alessandro in Colonna compare come cedente,
 +a Piacenza verso la fine del 1400: "<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Nicolaus
 +Barianus</font><font color="#CC33CC"> placentinus, congregationis Insubricae
 +nobilis Alumnus, ut testatur ipsemet in dedicatoria sui Quadragesimalis
 +Herculi Estensi Ferrariae Duci, ubi inter alia haec adsunt verba...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARICHELLO
 +<br>BARRICHELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barichello è tipico della zona tra trevigiano e padovano, Barrichello,
 +quasi unico è dovuto ad un errore di trascrizione del precedente,
 +potrebbe derivare da un soprannome.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome di Treviso che viene dal termine dialettale mantovano '<i><font color="#3333FF">barichei</font></i>'
 += '<i><font color="#666666">birilli</font></i>'. Olivieri 235.'<i><font color="#3333FF">Bering</font></i>',
 +registrato dal Förstemann.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIGAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barigazzi è tipicamente emiliano, di Parma, di Reggio Emilia, Correggio,
 +San Martino in Rio e Rubiera nel reggiano e di Pievepelago e Carpi nel
 +modenese, dovrebbe derivare dal nome di Barigazzo, una frazione di Lama
 +Mocogno nel modenese, toponimo che sembrerebbe molto molto antico ed il
 +cui nome dovrebbe derivare dal termine medioevale ligure <i><font color="#3333FF">barga</font></i>
 +(<i><font color="#666666">capanna</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIGHINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barighini sembrerebbe tipico del genovese, anche se l'origine parrebbe
 +dell'area veneta, potrebbe derivare da un ipocoristico dell'aferesi del
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Barbarigus</font></i>, di cui
 +abbiamo un esempio in un'iscrizione a Noventa Vicentina risalente all'anno
 +1367: "<font color="#FF0000">BARBARIGUS</font><font color="#CC33CC"> DIVI
 +MARCI PROCURATOR MAXIMUM REI PUB</font><font color="#000000">(LICE) </font><font color="#CC33CC">NAVALE
 +CAPESSIT IMPERIUM ANNO MCCCLXVII</font>", potrebbe, anche se improbabile,
 +derivare da un soprannome originato dal termine bergamasco <i><font color="#3366FF">barighi</font></i>
 +che significa <i><font color="#FF0000">muri di sassi</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIGLIANO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barigliano, assolutamente rarissimo, probabilmente di origini abruzzesi,
 +dovrebbe derivare da <i><font color="#3333FF">Barigliano</font></i>, un
 +antico nome del paese di Barisciano in provincia de L'Aquila, probabilmente
 +il luogo d'origine del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIGOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barigozzi, basandosi sulla distribuzione geografica attuale del
 +cognome, che individua due diversi nuclei, uno in Liguria l'altro in Romagna,
 +si possono ritenere esistano almeno due diverse origini per questo cognome,
 +che dovrebbero derivare dal termine germanico <i><font color="#3333FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo libero</font></i>), ma è pure possibile
 +una derivazione da un soprannome occitano con il senso di <i><font color="#666666">panciuto</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARILA
 +<br>BARILARI
 +<br>BARILARO
 +<br>BARILE
 +<br>BARILI
 +<br>BARILLA
 +<br>BARILLARI
 +<br>BARILLARO
 +<br>BARILLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barila è quasi unico, Barilari ha un ceppo nello spezzino ed uno
 +tra riminese e pesarese, Barilaro e Barillaro hanno un ceppo nel torinese,
 +uno nel genovese, uno nel romano ed uno in Calabria in particolare nel
 +reggino, Barillari ha un ceppo nel torinese, uno piccolo a Genova, il nucleo
 +più consistente nel ferrarese, un ceppo nel romano ed uno tra catanzarese
 +e crotonese, Barile è panitaliano, con maggiore concentrazione al
 +sud peninsulare, Barili ha un ceppo lombardo, soprattutto nel cremonese
 +ed uno parmense, Barilla, molto raro, ha un ceppo nel parmense ed uno nel
 +reggino, dove è probabilmente una forma alterata da errori di trascrizione
 +del cognome Barillà, Barilli è molto diffuso in tutta l'Emilia,
 +dal piacentino al bolognese, nel bolognese in particolare, tutti questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal fatto di essere il capostipite un <i><font color="#3333FF">artigiano
 +produttore di barili</font></i>, la forma con la doppia elle è arcaica,
 +come vediamo anche nel <i><font color="#3366FF">Baldus</font></i>
 +di Teofilo Folengo: "<font color="#CC33CC">...Zambellus ait suspirans,
 +«et ayme tapinum! // non habeo panem, sacchellam cerne vodatam, //
 +non habeo vinum, vacuum quoque cerne </font><font color="#FF0000">barillum</font><font color="#CC33CC">.
 +// Oyde utinam, sic sic ut ego, disinasset et ipse // Baldus, et ipsa mei mangiatrix Berta poderi.
 +...</font>", tracce molto antiche di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Bergamo già nella seconda metà del 1300 con un certo Leonardo
 +d. Zanfinus fu Lanfranco Barilli di Bergamo agricoltore, e ancora in uno
 +scritto del 1577: "<font color="#CC33CC">...uditi longamente gli ecc.ti&nbsp;
 +Phisici, i ceroici.. ..et Pietro Brocco, et </font><font color="#FF0000">Rinaldo
 +Barilli</font><font color="#CC33CC"> spetiali et interuenienti per il loro
 +paratico et ueduti gli ordini in questo proposito della inclita città
 +di Venetia, di Roma, di Padova, di Milano, di Pavia et de altre città
 +d'Ittalia'...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARILA'
 +<br>BARILLA'</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barilà, non rarissimo, è tipico di Bagnara Calabra, Barillà
 +è molto diffuso nel reggino nella zona dello stretto, dovrebbero
 +derivare da un soprannome originato dal mestiere di scaricatore o movimentatore
 +di barili in porto, ma è pure probabile un riferimento al mestiere
 +di bottaio. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Seminara (RC)
 +fin dal 1700.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARISON
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Il cognome ha una grossa concentrazione nel veneto, ma è presente
 +in miodo significativo anche in Piemonte e Lombardia, dovrebbe derivare
 +dal termine germanico baro (uomo libero).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Barison Sestri di Ripavecchia</font></font>
 +<br>I Barison sono stati Signori di Vigonza (PD) dal 1178 al 1229 e successivamente
 +Conti di Vigonza.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome veneto; secondo Olivieri 198, è voce del dialetto milanese
 +per&nbsp; '<i><font color="#3333FF">carrettonaio</font></i>',&nbsp; per
 +designare <i><font color="#666666">chi trasportava roba nel 'carrettone'</font></i>
 +che era una sorta di carro simile a una cassa senza coperchio per trasportare
 +calcinacci, scarichi, immondizia e anche cadaveri. Il '<i><font color="#3333FF">caratòun</font></i>'
 +era anticamente a Modena <i><font color="#666666">il carro funebre dei
 +poveri</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARISONZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Concentrato in Lombardia e in particolare
 +nel sud milanese dovrebbe derivare dal termine germanico baro (uomo libero).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARIVIERA
 +<br>BAROVIER</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bariviera è specifico del trevigiano di Santa Lucia di Piave in
 +particolare, Barovier è specifico di Venezia, di Murano in particolare,
 +il cognome Barovier risale almeno al 1450 quando Angelo Barovier inventa
 +un nuovo modo di creare il vetro con una formula che darà il via
 +ai cristalli di Murano, l'origine di entrambi i cognomi sembrerebbe del
 +trevigiano dove probabilmente il capostipite era un <i><font color="#3366FF">barriviere</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">berroviere</font></i>, cioè un armato
 +il cui compito era di difendere il Capitano del Popolo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARLA
 +<br>BARLI
 +<br>BARLINI
 +<br>BARLINO
 +<br>BARLO
 +<br>BARLONE
 +<br>BARLONI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barla ha un ceppo principale nell'imperiese ad Imperia, Taggia e Cesio,
 +con un ceppo anche ad Asti ed a Torino,&nbsp; Barli, molto molto raro,
 +è ligure, sia dell'imperiese che dello spezzino, Barlini, assolutamente
 +rarissimo, ha presenze nella Sardegna meridionale, Barlino, quasi unico,
 +è del napoletano, Barlo sembrerebbe unico, forse ligure, Barlone
 +è specifico di Monte San Biagio in provincia di Latina, Barloni,
 +quasi unico, è della Lombardia settentrionale, potrebbero derivare,
 +direttamente o tramite ipocoristici o accrescitivi, da soprannomi originati
 +dal termine medioevale francese <i><font color="#3333FF">barle</font></i>,
 +che identifica un <i><font color="#666666">posto dove tenere le mandrie</font></i>,
 +ma che veniva anche usato con il significato di <i><font color="#666666">barilotto,
 +panciuto</font></i> riferito forse a capostipiti con questa caratteristica,
 +una seconda ipotesi propone sempre una derivazione dal francese arcaico,
 +ma dal termine <i><font color="#3333FF">berl</font></i> (<i><font color="#666666">crescione</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARLAAM
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barlaam, assolutamente rarissimo, sembrerebbe abruzzese, della zona tra
 +teramano e pescarese, dovrebbe derivare dal nome di origine greca Barlaam,
 +famoso è stato il teologo bizantino Barlaam che nel 1334 venne scelto
 +dall'imperatore Andronico III° per rappresentarlo in un confronto teologico
 +tra le Chiese Greco Ortodossa e quella Cattolica: "<font color="#CC33CC">...Etenim
 +sicut ille </font><font color="#FF0000">Barlaam</font><font color="#CC33CC">,
 +Basilij caesariensis monacum, litterarum graecarum imprimis peritissimum,
 +audire voluit ut suo insatiabili legendi desiderio per graecorum librorum
 +lectionem penitus satisfaceret, quando latine legens satiari non poterat;...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARLASSINA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Abbastanza raro è tipico del milanese, deriva dal toponimo Barlassina
 +(MI), troviamo traccia del casato dei Da Barlassina a Monza fin dal 1400.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARLETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto diffuso nel Lazio e nel sud peninsulare con ceppi anche in Sicilia,
 +dovrebbe derivare dal toponimo Barletta (BA).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARLOCCHI
 +<br>BARLOCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barlocchi, molto raro, parrebbe del milanese, Barlocco è tipico
 +della provincia di Savona, dovrebbero derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Barlocco</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in una registrazione senese dell'anno 1241 dove
 +viene citato un certo Dietisalvi, figlio di Bernardo del fu Barlocco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARMINA
 +<br>BARMINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barmina è tipicamente sardo, di Sassari, Nule e Benetutti nel sassarese
 +e di Orune nel nuorese, Barmini è unico, dovrebbero derivare da
 +un soprannome originato dal termine dialettale sardo arcaico <i><font color="#3333FF">barminai
 +</font></i>(<i><font color="#666666">scardazzare, cardare la lana</font></i>),
 +stando così ad indicare probabilmente il mestiere di pastore o di cardatore svolto
 +dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARNA
 +<br>BARNA'
 +<br>BARNI
 +<br>BARNO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barni.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="49" height="70"><font size="-1">Barna ha un piccolo ceppo nel milanese, uno nel perugino, ed in Sicilia
 +uno a Sciacca nell'agrigentino, uno molto piccolo a Palermo ed uno altrettanto
 +piccolo a Castell'Umberto nel messinese, Barnà ha un ceppo a Messina,
 +Barni ha un ceppo nel milanese a Giussano, Monza, Inveruno, Milano, Mesero,
 +Seregno, Sovico, Limbiate e Cesano Maderno, ed uno più piccolo a
 +Mariano Comense e Cabiate nel comasco, ha un ceppo toscano a Prato e Pistoia
 +soprattutto ed a Monsummano Terme, Montale,, Serravalle Pistoiese, Montecatini
 +Terme ed Agliana nel pistoiese, a Vaiano e Montemurlo nel pratese, a Firenze,
 +a Sansepolcro nell'aretino ed a Chiusi nel senese, ed un ceppo a Roma e
 +Segni nel romano, Barno, quasi unicosembrerebbe avere qualche rara presenza
 +nel varesotto ed in Sicilia tra agrigentino e nisseno, il ramo lombardo
 +potrebbe derivare dal toponimo Barni nel comasco, tutti dovrebbero derivare
 +dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Barna, Barno</font></i>, o
 +dal nome celtico <i><font color="#3333FF">Barna</font></i>, ma potrebbero
 +anche derivare da una forma apocopaica del nome medioevale <i><font color="#3333FF">Barnaba</font></i>.
 +I Barni, famiglia nobile, si trovano nel Repertorio delle famiglie nobili
 +dell'anno 1227, conservato in Duomo a Milano, nel 1413 compare a Lodi Andrea
 +Barni, forse il capostipite del ramo lodigiano, che era stato Generale
 +di un armata di Filippo Maria Visconti, nel 1697 Antonio Barni, feudatario
 +di Roncadello, vengono fatti Conti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARNABA
 +<br>BARNAVA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barnaba.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="60" height="71"><font size="-1">Barnaba è specificatamente pugliese, della zona tra il barese, il
 +tarentino ed il brindisino, presenta un probabile ceppo nel
 +Friuli, dove è presente anche la forma Barnava modificata dal precedente per betacismo
 +della seconda B, derivano dal nome <i><font color="#3366FF">Barnaba</font></i>
 +di origine ebraica <i><font color="#3366FF">bar nàbìah</font></i>
 +con il significato di <i><font color="#999999">figlio della profezia o
 +del profeta</font></i>, nome probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARNABE'
 +<br>BARNABEI
 +<br>BARNABO'
 +<br>BERNABE'
 +<br>BERNABEI
 +<br>BERNABÓ</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Romagnolo Barnabé e marchigiano Barnabei, lombardo e trentino Barnabò,
 +distribuito in tutto il nord Bernabè, particolarmente concentrato
 +al centro Bernabei, anche se presente anche al nord, Bernabò è
 +specifico della zona tra spezzino e piacentino, tutti questi cognomi hanno
 +in comune la derivazione dal nome ormai desueto <i><font color="#3366FF">Barnabas</font></i>
 +di origine ebraica con il significato di figlio della profezia, usato nelle
 +varie accezioni durante il medioevo: "<font color="#CC33CC">...Dominus
 +</font><font color="#FF0000">Barnabas</font><font color="#CC33CC"> Sanseverinus
 +erat Dominus Veritoni....</font>", ricordiamo Bernabò Visconti:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Barnabas</font><font color="#CC33CC">
 +Mediolanensium Vicecomes cum tanta saevitia apud Insubres imperavit, ut
 +integram aliquando familiam, quae aprum occisum sale conditum comedisset,
 +suspendio punire non veritus sit....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARNI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem00barni.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="49" height="70"><font size="-1">Dovrebbe
 +avere due ceppi, uno nel milanese e nel comasco ed uno nel lucchese e pistoiese,
 +il ramo lombardo potrebbe derivare dal toponimo Barni (CO), ma anche da
 +una contrazione del nome medioevale Barnaba. I Barni, famiglia nobile,
 +si trovano nel Repertorio delle famiglie nobili dell'anno 1227, conservato
 +in Duomo a Milano, nel 1413 compare a Lodi Andrea Barni, forse il capostipite
 +del ramo lodigiano, che era stato Generale di un armata di Filippo Maria
 +Visconti, nel 1697 Antonio Barni, feudatario di Roncadello, vengono fatti
 +Conti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROC
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baroc, quasi unico, sembrerebbe originario dell'area siculo, calabrese,
 +potrebbe derivare dal nome turco <i><font color="#3366FF">Baroc</font></i>,
 +ma non si può escludere invece che derivino da alterazioni del nome
 +provenzale <i><font color="#3366FF">Baruch</font></i>, che può essere
 +giunto nell'Italia meridionale al seguito degli angioini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROCCHIERE
 +<br>BAROCCHIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Entrambi assolutamente rarissimi, sembrerebbero siciliani, Barocchiere
 +ha qualche presenza nel palermitano, Barocchieri ha un ceppo a Palermo,
 +dovrebbero derivare da un soprannome basato sul termine arcaico <i><font color="#3333FF">barocchio</font></i>,
 +che significava sia <i><font color="#666666">usura</font></i>, che <i><font color="#666666">vendita
 +di prodotti ad un prezzo esagerato</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROCCI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barocci è tipico dell'area basso rimagnola ed alta marchigiana,,
 +con un ceppo anche a Roma, dovrebbe derivare dal termine italiano ormai
 +in disuso <i><font color="#3366FF">baroccio</font></i> (<i><font color="#999999">biroccio</font></i>
 +o <i><font color="#999999">carretto</font></i>) derivato dal termine latino
 +<i><font color="#3366FF">birotius</font></i> (<i><font color="#999999">dotato
 +di due ruote</font></i>), forse perchè il mestiere del capostipite
 +era quello di carrettiere.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROLI
 +<br>BAROLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baroli è specifico del milanese e del verbanese, Barolo è
 +tipico del Piemonte occidentale, avrebbe un ceppo anche nel padovano, dovrebbero
 +derivare dal toponimo Barolo (CN) o da antichi toponimi simili ricordiamo
 +che Barolum era un nome di città di chiara derivazione celtica,
 +presente in varie zone in epoca latina (ricordiamo ad esempio Barletta
 +che anticamente si chiamava Barolum).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARONCELLI
 +<br>BARONCINI
 +<br>BARONETTI
 +<br>BARONETTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baroncelli ha un ceppo romagnolo a Ravenna e Cervia nel ravennate, ed uno
 +toscano, a Prato, a Firenze, Signa, Campi Bisenzio e Scandicci nel fiorentino,
 +a Pistoia, Agliana e Montale nel pistoiese, a Livorno ed a Forte dei Marmi
 +nel lucchese, Baroncini è tipico della zona tra le province di Bologna,
 +Ravenna e Toscana settentrionale, Baronetti ha un piccolo ceppo a Chioeti
 +ed uno a Casarano nel leccese, Baronetto ha un ceppo piemontese a Giaveno
 +nel torinese ed a Rivoli e Pinerolo, sempre nel torinese, con tracce anche
 +in Calabria, dovrebbero tutti derivare da varie forme ipocoristiche del
 +termine germanico <i><font color="#3333FF">baro</font></i> (<i><font color="#666666">uomo
 +libero</font></i>), declinato <i><font color="#3333FF">baroni</font></i>
 +(<i><font color="#666666">dell'uomo libero</font></i>).&nbsp; Esempio di
 +queste cognominizzazioni lo troviamo a Lucca nel 1300 dove il Vicario del
 +conte Ranieri della Gherardesca conte di Donoratico capitano Generale di
 +Pisa e di Lucca è tal Giovanni Baroncini d'Arezzo, come si legge
 +in un atto del 1346: "<font color="#CC33CC">...Existente
 +eius Vicario in dicta civitate lucana, sapiente viro domino </font><font color="#FF0000">Iohanne
 +Baroncini </font><font color="#CC33CC">de Aritio, legumdoctore....</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARONIO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baronio ha un ceppo lombardo molto consistente, a Brescia e nel bresciano
 +a Verolanuova, Lumezzane, Dello, Alfianello, Pontevico e Quinzano d'Oglio,
 +ma presenta anche un ceppo romagnolo a Cesena e Rimini, dovrebbe derivare
 +dal nome medioevale latino <i><font color="#3333FF">Baronius</font></i>
 +derivato dal termine e nome germanico <i><font color="#3333FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo libero</font></i>) (<font color="#CC33CC">vedi
 +BARETTI</font>), di questo nome abbiamo un esempio nel testo di Mabillonio
 +<i><font color="#3366FF">Venerabilis Bedae Elogium Historicum</font></i>:
 +"<font color="#CC33CC">..Dignus quidem fuit Beda quem consulerent Romani
 +pontifices, sed interest certa secernere ab incertis. Sane Bedam nunquam
 +adiisse Romanam urbem vel inde recte colligit </font><font color="#FF0000">Baronius</font><font color="#CC33CC">,
 +quod ea quae ad texendam suae gentis historiam Roma expetere opus erat,
 +non a se ablata, sed opera Nothelmi qui Gregorio papa II Romam petierat
 +..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARONTI
 +<br>BARONTINI
 +<br>BARONTINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baronti, tipico toscano, è specifico della zona che comprende il
 +livornese, il pisano, il pistoiese ed il fiorentino, con ceppi anche nel
 +grossetano e nel lucchese, Barontini ha un ceppo toscano, a Livorno, Rosignano
 +Marittimo e Cecina nel livornese, a Prato, a Pistoia, Agliana e Quarrata
 +nel pistoiese, a Cascina, Pisa e Pontedera nel pisano, a Firenze ed a Viareggio
 +nel lucchese, uno marchigiano nell'anconetano, ad Osimo, Ancona e Castelfidardo,
 +un piccolo ceppo a Cannara nel perugino ed a Roma, Barontino, praticamente
 +unico, è un alterato del precedente, dovrebbero derivare, direttamente
 +o tramite ipocoristici, dal nome longobardo <i><font color="#3333FF">Baronte</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Barontus</font></i> di cui si hanno tracce fin
 +dal VII° secolo, come possiamo leggere in un atto: "<font color="#CC33CC">...Signum + manus
 +</font><font color="#FF0000">Baronte</font><font color="#CC33CC">
 +viri devoti, qui pro mercide patris vel barbanis suis seo et sua anima
 +et de germano suo Auderat offerse...</font>": nel 1300 in una lettera redatta
 +a Pisa si legge: "<font color="#CC33CC">...Religiosus vir fr. </font><font color="#FF0000">Barontus</font><font color="#CC33CC">
 +olim Dati de Pisis, vicarius fr. Laurentii olim Marci de Urbeveteri prioris
 +claustralis conventus Sancte Caterine de Pisis ordinis fratrum Predicatorum...</font>"</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROSSO
 +<br>BAROTTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barosso ha un ceppo nel torinese, a Torino e Collegno ed a Viale nell'astigiano,
 +ed un ceppo a Genova e Montoggio nel genovese, Barotto è piemontese,
 +di Cavour, Pinerolo e Campiglione-Fenile nel torinese e di Barge nel cuneese,
 +dovrebbero derivate da un soprannome originato dal termine dialettale ligure
 +<i><font color="#3333FF">baròs</font></i> (<i><font color="#666666">bastone</font></i>)
 +o da modificazioni del piemontese <i><font color="#3333FF">baròt</font></i>
 +(<i><font color="#666666">randello, bastone</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BAROZZI
 +<br>BAROZZINI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barozzi è tipico dell'area lombardo emiliana, con un ceppo anche
 +nel basso trentino, Barozzini è specifico del modenese, dovrebbero derivare dal termine dialettale <i><font color="#3366FF">barozzo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">carretto</font></i>) derivato dal termine latino
 +<i><font color="#3366FF">birotius</font></i> (<i><font color="#999999">dotato
 +di due ruote</font></i>), forse perchè il mestiere del capostipite
 +era quello di carrettiere.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il cognome Barozzi, col diminutivo Barozzini, mediamente diffuso nel
 +Modenese, deriva dal nome proprio <i><font color="#3333FF">Barocius</font></i>
 +(germ. <i><font color="#3333FF">baro</font></i> «<i><font color="#666666">uomo</font></i>»,
 +attestato a Modena dal 1105). Difficile, ma non da escludere a priori,
 +anche un'origine soprannominale dalle voci dialettali: <i><font color="#3333FF">baròz</font></i>
 +«<i><font color="#333333">birroccio</font></i>» e <i><font color="#3333FF">baruzèin</font></i>
 +«<i><font color="#666666">birroccino</font></i>». Fonte: F.
 +Violi, Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARP
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barp è tipico del bellunese e del vicino trevigiano, di Trichiana,
 +Mel, Sedico, Sospirolo, Feltre, Belluno, Santa Giustina nel bellunese e
 +di Montebelluna nel trevigiano, dovrebbe derivare dal nome del paese di
 +Barp, una frazione di San Gregorio nelle Alpi nel bellunese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRA
 +<br>SBARRA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barra è un cognome molto diffuso nel torinese e cuneese, in Sardegna,
 +in Campania e nel foggiano e potentino, con presenze significative anche
 +in Sicilia, esiste un ramo nobile napoletano di questa famiglia, Sbarra
 +ha vari ceppi sparsi qua e là nella penisola, con consistenti presenze
 +nel cosentino, nel napoletano, in Umbria e nal Lazio centrosettentrionale,
 +quest'ultimo potrebbe essere una diversa forma del cognome precedente,
 +con l'aggiunta di una <i><font color="#3333FF">S-</font></i> epentetica,
 +potrebbero derivare da nomi di località o dal fatto di essere stato
 +il capostipite responsabile di una <i><font color="#3366FF">barra</font></i>, o <i><font color="#3366FF">sbarra</font></i> (<i><font color="#999999">barriera
 +doganale</font></i>) per conto del Signore o del Re, o di essere una guardia
 +daziaria.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARRA: cognome diffuso in tutta Italia. Il suo significato di base
 +è sbarra o asta di legno o di ferro o d'altro materiale che serve
 +da leva. Il termine è usato in tantissime espressioni. L'etimo del
 +vocabolo rimane incerto. In catalano abbiamo <i><font color="#3333FF">barra</font></i>,
 +nello stesso significato. Non esiste voce latina alla quale si possa fare
 +riferimento. Esiste invece la radice greca "<i><font color="#3333FF">bar-</font></i>"
 +(<font color="#3333FF">βαρ</font>), che indica peso,&nbsp; pressione, da
 +cui <font color="#3333FF">βαρέω</font> (<i><font color="#3333FF">Barèo</font></i>)
 += <i><font color="#666666">gravo, premo, opprim</font></i>o; <font color="#3333FF">βάρος</font>
 +(<i><font color="#3333FF">baros</font></i>) = <i><font color="#666666">peso,
 +pressione, potenza</font></i>; etc. Qui in Sardegna assume diversi significati:
 +sbarra, spranga, catenaccio, ma soprattutto quello di mascella: <i><font color="#3333FF">is
 +barras</font></i> = <i><font color="#666666">le mascelle</font></i>, di
 +animale o persona. <i><font color="#3333FF">Fai is barras de pressi </font></i>=
 +<i><font color="#666666">mangiare in fretta, di buona lena</font></i>;
 +<i><font color="#3333FF">de barra bella</font></i> = <i><font color="#666666">mangione,
 +buongustaio</font></i>; <i><font color="#3333FF">homini de barra</font></i><font color="#000000">
 +o </font><i><font color="#3333FF">barras mannas</font></i> (in aragonese
 +<i><font color="#3333FF">home de barras</font></i>) = <i><font color="#666666">uomo
 +di fegato, coraggioso</font></i>, sinonimo di <i><font color="#3333FF">barròsu</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">barroni</font></i> (<i><font color="#3333FF">Barroi</font></i>,
 +presente anche come cognome) (spagnolo <i><font color="#3333FF">barròso</font></i>)
 += <i><font color="#666666">coraggioso</font></i>. Il cognome Barra non
 +è presente nelle carte antiche in nostro possesso, supponiamo sia
 +recente o perlomeno arrivato in periodo spagnolo. Citiamo Giovanni Barra,
 +sassarese del XVI°/XVII° secolo, padre gesuita autore del libro
 +"de Arte Rettorica" , del 1614, e di una Orazione all'arcivescovo Gavino
 +Manca Cedrelles, pubblicata a Barcellone nel medesimo anno. Attualmente
 +il cognome Barra è presente in 472 Comuni d'Italia, con maggiore
 +diffusione in Piemonte (Torino 123),&nbsp; ed in Campania(Cardito&nbsp;
 +- NA, 729). In Sardegna il cognome è presente in 22 Comuni, per
 +lo più dell'alta Sardegna: Codrongianus 48, Sassari 32.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRACANI
 +<br>BARRACANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Specifico di Bari Barracano, quasi unico Barracani, potrebbero derivare
 +da un soprannome originato dal fatto di essere il capostipite o un arabo
 +o abituato ad indossare vesti come il<i><font color="#3366FF"> barracano</font></i>
 +derivato dall'arabo <i><font color="#3366FF">barcan</font></i> (<i><font color="#999999">classico
 +indumento grezzo nordafricano di lana di capra o di pelo di cammello</font></i>),
 +forse in quanto mercante che trafficava appunto con quelle zone.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRACCA
 +<br>BARRACCU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barracca ha un piccolo ceppo nel casertano, a San Marcellino ed Aversa,
 +ed uno a Desulo nel nuorese, Barraccu è specifico invece di Santu
 +Lussurgiu , Bosa e Bonarcado nell'oristanese.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARRACCA; BARRACCU: baracca, capanna; dal catalano <i><font color="#3333FF">barraca</font></i>,
 +probabilmente di origine prelatina. Barraccu in centro Sardegna (in sos
 +barraccos perdidos de su monte), corrisponde per lo più a <i><font color="#3333FF">pinnetta</font></i>
 += <i><font color="#666666">capanna dei pastori</font></i>, costruita generalmente
 +con frasche, su basamento in pietra, prevalentemente di forma tondeggiante.
 +Quando uno perde tutto si usa l'espressione: "Addio baracca e burattini"!
 +Che si traduce in sardo: "Adiosu barracca"! Senza riferimento alla sfortunata
 +vicenda dei fratelli Baracca! Nel Condaghe di San Nicola di Trullas, CSNT,
 +XI°, XIII° secolo, troviamo un certo Barraca Furatu (154), servo
 +in Noracucuma, in una donazione: positinke Comita Icalis pro anima sua
 +sa parçone sua de Noracucuma: et domos&nbsp; et terras de agrile
 +et binjas et salto et homines, filios de Furatu Barraca..= donò
 +(a San Nicola) Comita Icalis per (salvare) la sua anima la sua parte di
 +Noragugume (attuale paese di 378 abitanti della provincia di Nuoro): e
 +le case e le terre da semina e le vigne e il salto e gli uomini (servi)figli
 +di Furato Barraca. Il cognome Barràcca è presente in 34 Comuni
 +italiani, di cui 7 in Sardegna: Desulo 16, Nuoro 5. Il cognome Barràccu
 +è presente in 8 Comuni italiani di cui 3 in Sardegna: Sassari 30,
 +Mores 15, Tula 11.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRACCO
 +<br>BARRACO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Barracco che Barraco sono tipici siciliani del trapanese, ma è
 +presente anche un ceppo originario in Valtellina, potrebbero essere di
 +origini spagnole e derivare dal vocabolo <i><font color="#3366FF">barracho</font></i> (<i><font color="#999999">grosso contenitore</font></i>),
 +ma è pure possibile una derivazione dal nome di una località,
 +come potrebbe essere a solo titolo di esempio: "<font color="#3366FF">...Dallo
 +lito del mare dove discende il fiume chiamato Barraco, et sale per lo detto
 +fiume ...</font>" in uno scritto nel 1400.&nbsp; Tracce di questo cognome
 +le troviamo nel 1300 a Spezzano (CS) dove la famiglia viene annoverata
 +tra i nobili di parte aragonese, nel crotonese nel 1600 con il nobile proprietario
 +terriero di Montespinello (KR) Bernardo Barracco e, in Valtellina nella
 +seconda metà del 1500 Giovanni de Barracco fu Galeazzo è
 +decano della comunitò di Fusine (SO), nel 1800 i Barracco possono
 +fregiarsi nel casertano del titolo di Barone.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome siciliano, calabrese e napoletano, potrebbe derivare dallo
 +spagnolo '<i><font color="#3333FF">varraco</font></i>' = '<i><font color="#3333FF">verro</font></i>'
 +o dall'arabo '<i><font color="#3333FF">barrāk</font></i>' = '<i><font color="#666666">mugnaio</font></i>'.
 +Rohlfs, 45.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRALE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrale è tipico del palermitano, di Palermo e Belmonte Mezzagno
 +soprattutto, potrebbe derivare dal termine medioevale <i><font color="#3366FF">barrale</font></i>
 +derivato a sua volta dal vocabolo latino<i><font color="#3366FF"> barragium</font></i>
 +(<i><font color="#999999">barriera doganale, cancello o steccato per interrompere
 +l'accesso</font></i>), forse ad intendere che il capostipite faceva il
 +doganiere o la guardia daziaria.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRANCOTTO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrancotto, molto molto raro, è tipico della provincia di Palermo,
 +dovrebbe derivare dall'etnico della località Barranco di Fondachelli
 +nel palermitano, ma potrebbe anche derivare dal cognome francese <i><font color="#3366FF">Barrachon</font></i>,
 +o anche dal nome sempre francese <i><font color="#3366FF">Barreault</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRANU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barranu, molto molto raro, è tipicamente sardo, di Baunei nell'Ogliastra,
 +potrebbe derivare da una forma dialettale originata dal vocabolo sardo
 +<i><font color="#3333FF">barrancu</font></i> (<i><font color="#666666">impedimento,
 +imbarazzo</font></i>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRAVECCHIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barravecchia è tipicamente siciliano, ha un ceppo a Vittoria nel
 +ragusano ed uno nel palermitano a Cefalù e Palermo, di difficile
 +interpretazione, potrebbe derivare da un soprannome o da un nome di località.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRECA
 +<br>BARRICA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barreca è ben diffuso in Sicilia, soprattutto nel palermitano, in
 +Calabria, soprattutto nel reggino e nel napoletano, Barrica, assolutamente
 +rarissimo, parrebbe del catanese, dovrebbero derivare da un soprannome
 +originato dal termine arcaico francese <i><font color="#3366FF">barreque</font></i>,
 +l'attuale <i><font color="#3366FF">barrique</font></i> (<i><font color="#999999">piccola
 +botte o barile</font></i>), che anticamente era una misura di capacità
 +in uso in Francia pari a circa 225 litri, soprannome attribuito forse per
 +caratterizzare una corporatura grassottella del capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRELLA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrella è tipico di Napoli, e di Salerno, Baronissi e Mercato San
 +Severino nel salernitano, dovrebbe derivare da un soprannome basato sul
 +termine dialettale campano <i><font color="#3333FF">barrella</font></i>
 +(<i><font color="#666666">carriola, carretto sgangherato</font></i>), vocabolo
 +del cui uso abbiamo un esempio nella <i><font color="#3366FF">Vita di Padre
 +Camillo de Lellis</font></i>: "<font color="#CC33CC">..Onde piu volte con
 +una veste di tela addosso quando si fabricava portava con la </font><font color="#FF0000">barrella</font><font color="#CC33CC">
 +calce, pietre, mattoni, overo uscendo in strada portava della legna dentro,
 +o spandeva li panni con gli altri. Nel suo modo d'andare e pratticare procedeva
 +con tanto dispreggio di se stesso e tanto povero di vestimenti che se non
 +havesse portata la Croce haverebbe parso un povero prete forastiero...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRERA
 +<br>BARRERI
 +<br>BARRERO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrera ha un ceppo piemontese a Torino e nel torinese e ad Asti e nell'astigiano,
 +ed uno siciliano, nel ragusano a Pozzallo in particolare, Barreri è
 +tipicamente pienontese, di Torino e del cuneese, Barrero, praticamente
 +unico, è del cuneese, si dovrebbe trattare di italianizzazioni del
 +cognome francese Barrere, derivato a sua volta dal termine <i><font color="#3366FF">barrière</font></i>
 +(<i><font color="#999999">barriera, varco doganale</font></i>), ad indicare
 +probabilmente funzionari cittadini adibiti alla riscossione dei dazi o
 +alla sorveglianza delle barriere doganali, o anche derivati dal fatto di
 +abitare le famiglie nei pressi di confini cittadini.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRESE
 +<br>BARRESI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrese, ha un ceppo nel reggino ed uno in Campania, Barresi è tipico
 +della Sicilia e del reggino, dovrebbero derivare dall'etnico di Barrafranca
 +(EN), tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Napoli nella seconda
 +metà del 1200 con il nobile siciliano Alaimo Barresi, nel 1330 Abbo
 +Barresi, titolare del feudo di Militello, acquisisce il feudo di Convicino
 +e nel 1336 quello di Caltabellotta (AG): "<font color="#CC33CC">...Dominus
 +</font><font color="#FF0000">Abbas Barresius</font><font color="#CC33CC">
 +pro Petrapercia, Militello, Feudo et Molendinis...</font>", nel 1500 troviamo
 +Pietro Barresi, marchese di Pietraperzia (EN).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome calabrese e siciliano, ricalca il cognome francese <i><font color="#3333FF">Barrès</font></i>
 += originario di Barre. Rohlfs 48.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRETTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del napoletano, con ceppi anche nel salernitano, nel crotonese e
 +nel palermitano, potrebbe derivare da un soprannome dialettale originato
 +da un particolare tipo di copricapo portato dal capostipite, potrebbe anche
 +in alcuni casi derivare dal cognome francese Barrett.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRI
 +<br>BARRO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barri, molto raro, è tipico di Dubino nel sondriese, Barro è
 +specifico dell'area tra Veneto e Friuli, di Arcade, Conegliano e Nervesa
 +della Battaglia nel trevisano, di San Donà di Piave nel veneziano
 +e di Cordenons nel pordenonese, dovrebbero derivare dal nomen latino <i><font color="#3333FF">Barrus</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in Cicerone: "<font color="#CC66CC">...omnium
 +autem eloquentissumus extra hanc urbem </font><font color="#FF0000">Titus
 +Betutius Barrus Asculanus</font><font color="#CC66CC">, cuius sunt aliquot
 +orationes Asculi habitae; illa Romae contra Caepionem nobilis sane...</font>",
 +ma più probabilmente deriva o dal nome del Monte Barro tra Lecco
 +e Sondrio o dall' antico toponimo Barra, che risale ad un insediamento
 +di Ostrogoti in quella zona.</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRILI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrili, assolutamente rarissimo, è tipicamente sardo dell'Ogliastra
 +ed in particolare di Bari Sardo, originato probabilmente da un soprannome
 +derivato da caratteristiche fisiche o dal mestiere del capostipite.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARRILI: <i><font color="#666666">barile</font></i>. <i><font color="#3333FF">Barrìli</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">barrìbi</font></i> (betacismo) in Campidano.
 +Come etimo è più vicino allo spagnolo <i><font color="#3333FF">barrìl</font></i>
 +che all'italiano barile. Cognome raro, presente in soli 7 Comuni italiani,
 +di cui 5 in Sardegna: Barisardo 32, Viallagrande Strisaili 9, Cagliari
 +5, etc. non è presente negli antichi documenti della Sardegna.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARROCCU
 +<br>BARROCU</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barroccu, molto raro, è specifico del nord della Sardegna,
 +Barrocu, ancora più raro, sembrerebbe del nuorese, dovrebbero entrambi
 +derivare da soprannomi originati da caratteristiche della località
 +di dimora identificabile dalla presenza di un <i><font color="#3366FF">barroccu</font></i>
 +che in lingua sarda sta per <i><font color="#999999">pantano</font></i>.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>non ne conosciamo con esattezza il significato e quindi nemmeno l'etimo.
 +Se derivano da Barocco o Barrocco, il loro significato è di stravagante,
 +dal francese <i><font color="#3333FF">baroque</font></i> o dal portoghese
 +<i><font color="#3333FF">barroco</font></i> = <i><font color="#666666">perla
 +variegata</font></i>. Abbiamo inoltre l'italiano <i><font color="#3333FF">barroccio</font></i>
 += <i><font color="#666666">carro generalmente a due ruote, a trazione umana
 +o animale</font></i>. Se si trattasse di un cognome solo sardo potremmo
 +pensare alla forma accorciata di <i><font color="#3333FF">barraccòccu</font></i>
 +&gt; <i><font color="#666666">grande</font></i>, riferito a frutta (<i><font color="#3333FF">ceresia
 +barraccòcca</font></i> = <i><font color="#666666">ciliegie giganti</font></i>,
 +o anche a persona: <i><font color="#3333FF">unu barraccòccu de pippìu</font></i>
 += <i><font color="#666666">un bambino bello, grande</font></i>. Non sappiamo
 +altro! Non l'abbiamo trovato nelle carte antiche da noi consultate. Barroccu
 +è attualmente presente in 30 Comuni italiani, di cui 16 in Sardegna:
 +Sassari 30, Mores 15, Tula 11, etc. Barrocu è presente in&nbsp;
 +39 Comuni: Sassari 18, Mores 16, Ozieri 9. La presenza dei due cognomi
 +si registra per lo più negli stessi centri, per cui è facile
 +pensare a ceppi comuni, con trascrizione anagrafica errata.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARROI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barroi, molto molto raro, è tipico dell'Ogliastra, dovrebbe derivare
 +da un soprannome originato dal vocabolo sardo <i><font color="#3366FF">bárriu</font></i>
 +(<i><font color="#999999">soma, carico</font></i>), forse a descrivere
 +l'attività del capostipite.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARROI: <i><font color="#3333FF">barrôi</font></i> sta per <i><font color="#3333FF">barroni</font></i>;
 +probabilmente da <i><font color="#3333FF">barra</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BARRA</font>); <i><font color="#3333FF">barroni </font></i>= <i><font color="#3333FF">barras
 +mannas</font></i>; <i><font color="#3333FF">barrosu</font></i> = <i><font color="#666666">coraggioso</font></i>,
 +ma anche <i><font color="#666666">presuntuoso, borioso</font></i>. Si tratta
 +di un cognome raro, presente solo in 18 Comuni italiani, di cui 10 in Sardegna:
 +Tortoli 22, Girasole 17, Mogoro 12, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARROTTA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrotta ha un ceppo pugliese nel leccese, a Nardò, Salice Salentino,
 +San Donato di Lecce, Vernole e Lecce, con qualche presenza anche nel siracusano,
 +dovrebbe derivare da un soprannome, originato dallo spagnolo <i><font color="#3333FF">barrote</font></i>,
 +a sua volta derivato dall'arabo <i><font color="#3333FF">barr</font></i>
 +(<i><font color="#666666">fango</font></i>), di quest'uso abbiamo un esempio
 +nel <i><font color="#3366FF">Rerum Sicularum libri</font></i> di Saba Malaspina:
 +"<font color="#CC33CC">... Sicque dum octingenti stipendiarii equites gallici
 +apud Seminariam commorantur, quae distabat per duas leucas tantum a plano
 +Coronae, ubi Petrus de Aragona cum exercitu residebat, contingit, quod
 +quodam </font><font color="#FF0000">magistro Henrico dicto Barrotta</font><font color="#CC33CC">
 +portante VI. M. unciarum auri pro stipendiariis praedictis, apud Seminariam
 +commorantibus, qui thesaurarii vices in hac parte gerebat, dum ibi nocte
 +manerent, adventus suus cum hujusmodi pecunia, exploratorum praedictorum
 +relatibus, ad aures dicti Petri de Aragonia est perlatus. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRUFFI
 +<br>BARRUFFO
 +<br>BARUFFO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Molto rari sono specifici del napoletano, potrebbero essere di origine
 +iberico portoghese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARRUI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barrui, molto raro, è tipico dell'Ogliastra, di Ilbono e Tortolì.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BARRUI: secondo noi sta per <i><font color="#3333FF">barrîu</font></i>
 +e quindi <i><font color="#3333FF">bàrrinu</font></i> o <i><font color="#3333FF">barrìnu</font></i>
 +&gt; <i><font color="#3333FF">barrûi</font></i> per metatesi. Prende
 +il significato di <i><font color="#666666">piccolo, nano</font></i>, e
 +probabilmente deriva da "barra", che nel Sàrrabus prende il significato
 +oltre che di spranga o mascella, anche di gonna &gt; <i><font color="#3333FF">barrèddu</font></i>
 += <i><font color="#666666">gonnellino di tela bianca dei bambini</font></i>;
 +cognome raro, presente in 15 Comuni italiani, di cui 7 in Sardegna: Ilbono
 +42, Tortolì 20, Quartu S. E. 12, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARSACCHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barsacchi è tipicamente toscano, di Livorno, Collesalvetti, Castagneto
 +Carducci e Cecina nel livornese e di Pisa, Cascina, San Giuliano Terme
 +e Crespina nel pisano, dovrebbero stare ad indicare un'origine francese
 +dei capostipiti, probabilmente originari del paese di <i><font color="#3333FF">Barsacus</font></i>,
 +l'attuale <i><font color="#3333FF">Barsac</font></i> nei pressi di Bordeaux.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARSANTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barsanti è tipicamente toscano, diella zona settentrionale della
 +regione, di Lucca, Pietrasanta, Viareggio, Borgo a Mozzano, Capannori,
 +Camaiore, Stazzema e Bagni di Lucca, di Pisa, Vecchiano e San Giuliano
 +Terme nel pisano, di Livorno, Pescia nel pistoiese e Firenze, dovrebbe
 +derivare dall'unione dei termini <i><font color="#3333FF">baro</font></i>
 +(<i><font color="#666666">uomo nobile, uomo libero</font></i>) e <i><font color="#3333FF">Sanctus</font></i>
 +(<i><font color="#3333FF">Sante, Santo</font></i>), indicando una probabile
 +origine longobarda dei capostipiti, di nome <i><font color="#3333FF">Sanctus</font></i>,
 +che essendo di stirpe longobarda erano ovviamente uomini liberi rispetto
 +alle popolazioni italiche sottomesse.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARSOTTI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Cognome massimamente concentrato in Toscana, dovrebbe
 +derivare dal termine germanico baro (uomo libero).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTALESI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartalesi è tipicamente toscano di Firenze, San Casciano in Val
 +di Pesa, Barberino Val d'Elsa, Scandicci, Tavarnelle Val di Pesa ed Impruneta
 +nel fiorentino e di Poggibonsi nel senese, potrebbe trattarsi di una forma
 +etnica arcaica riferita a persone provenienti dai paesi di San Bartolo
 +a Cintoia o Pian di San Bartolo nel fiorentino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTALI
 +<br>BARTALINI
 +<br>BARTALONI
 +<br>BARTALOTTA
 +<br>BARTALUCCI
 +<br>BARTOLETTI
 +<br>BARTOLINI
 +<br>BARTOLO
 +<br>BARTOLONI
 +<br>BARTOLOTTA
 +<br>BARTOLOTTI
 +<br>BARTOLUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartali è specifico del fiorentino e del senese, Bartalini è
 +tipicamente toscano, Bartaloni è decisamente toscano, dell'area
 +che comprende le province di Firenze, Pisa e Livorno, con massima concentrazione
 +nel pisano, a Volterra, Peccioli, Palaia, Pontedera e Cecina, Bartalotta
 +è un cognome di origine calabrese, Bartalucci è decisamente
 +toscano, anche se presente in misura significativa in tutta la regione,
 +parrebbe originario del grossetano, Bartoletti è tipico della fascia
 +che da Lucca arriva alla Romagna, Bartolini è molto diffuso dall'Emilia
 +al Lazio, Bartolo è tipico del sud, ha ceppi nel napoletano, nel
 +barese, in Sicilia ed in Calabria, nel reggino soprattutto e nel catanzarese,
 +Bartoloni è molto diffuso nell'area che comprende la Toscana, soprattutto
 +il fiorentino, le Marche e l'Umbria ed il Lazio, soprattutto il romano,
 +Bartolotta sembrerebbe siciliano, Bartolotti è specifico del bolognese
 +e ravennate, Bartolucci è molto diffuso nella fascia centrale che
 +comprende Romagna, Marche, Toscana, Umbria, Abruzzo e Lazio, derivano tutti,
 +direttamente o tramite modificazioni ipocoristiche o accrescitive, dal
 +nome medioevale <i><font color="#3366FF">Bartalus</font></i> o <i><font color="#3366FF">Bartolus</font></i> di cui
 +abbiamo un esempio in un atto del 1308 a Siena: "<font color="#CC33CC">Anno Domini millesimo
 +CCCVIII°, indictione secunda, die X° mensis ianuarii. Actum Senis
 +.. ..titulo locationis ad pensionem a kalendis januarii proxime pretoritis
 +ad duos annos proxime venturos, loco et concedo tibi Cecchini Guidi vinaiolo
 +de populo sancti Desiderii de Senis quondam domum dicti Musciatti cum camara
 +que est iuxta dictorum domum versus fundacum calzolaiorum de la vacca,
 +que camera est super cella quam ego dicrus ser Monte teneo,, posita subtus
 +domun et casamentum dicti Musciatti, senis in poulo sancti Desiderii, cui
 +ex uno latere est domus dicti Musciatti quam teneo ego dictus ser monte,
 +ex uno est turris quam domum consuevit tenere </font><font color="#FF0000">Bartalus</font><font color="#CC33CC">
 +vinaiolos, et siqui dicte domus sunt plure confines pro annua pensione
 +XIII libr. denariorum Senarum ..</font>", o anche con l'insigne giurista bolognese Bartolus de Saxoferratus
 +(1314-57) ed in quest'atto del 1400 nel cesenate: "<font color="#CC66CC">...Postquam
 +super venit </font><font color="#FF0000">Bartolus</font><font color="#CC66CC">
 +predictus filius dicti Sanctis et armatus una stanga lignea fecit insultum,
 +impetum et aggressuram contra dictum Ser Joannem...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Vengono dal nome proprio <i><font color="#3333FF">Bartolomeo</font></i>,
 +derivato dal nome aramaico "<i><font color="#3333FF">Barthalmay</font></i>"
 += <i><font color="#3333FF">figlio</font></i> ("<i><font color="#3333FF">bar</font></i>")
 +di <i><font color="#3333FF">Tolmai</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTESAGHI
 +<br>BARTEZAGHI
 +<br>BARTEZZAGHI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartesaghi è tipico della zona del comasco, di Inverigo, Erba, Como,
 +Pusiano ed Albavilla e soprattutto del lecchese, di Annone Di Brianza,
 +Lecco e Mandello Del Lario, e di Giussano nel milanese, Bartezaghi è
 +tipico di Bareggio nel milanese, Bartezzaghi è sempre tipico del
 +milanese, di Vittuone in particolare, sono entrambi molto molto rari, dovrebbero
 +derivare da un nome di località originata dal vocabolo celtico <i><font color="#3366FF">barto</font></i>
 += <i><font color="#3366FF">foresta, bosco</font></i> forse ad intendere
 +appunto una zona boscosa il suffisso <i><font color="#3366FF">-aghi</font></i>
 +è chiaramente il plurale del celtico <i><font color="#3366FF">-ago</font></i>
 +(<i><font color="#999999">campo</font></i>) ad intendere la zona coltivata
 +in prossimità di un bosco.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOLACELLI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartolacelli è tipicamente emiliano del modenese, di Modena, Castelfranco
 +Emilia, Serramazzoni, Sassuolo e Maranello, dovrebbe trattarsi di un ipocoristico
 +di una forma peggiorativa del nome <i><font color="#3333FF">Bartolo</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi BARTALI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOLAZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro sembrerebbe attualmente specifico del maceratese, ma
 +con probabili origini emiliane, troviamo tracce di questa cognominizzazione
 +nel modenese nel 1600 con Bartolazzi Agostino fu Giovanni, da Vignola (MO).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOLESCHI
 +<br>BARTOLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartoleschi è tipico di Montefiascone nel viterbese, con un ceppo
 +anche a Roma, il suffisso <i><font color="#3333FF">-eschi</font></i>, che
 +intende, soprattutto in Toscana e limitrofe, una relazione riduttiva con
 +la radice <i><font color="#3333FF">Bartoli</font></i> cui il suffisso si
 +riferisce, fa pensare quindi che si tratti di un ramo cadetto di una famiglia
 +Bartoli, cognome questo diffusissimo in tutt'Italia, in particolare nell'area
 +che comprende l'Emilia, la Romagna, la Toscana, le Marche, l'Umbria ed
 +il Lazio, cognome che deriva da una forma apocopaica del nome Bartolomeo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOLOMEI
 +<br>BARTOLOMEO
 +<br>BARTOLOMUCCI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartolomei ha un ceppo nel padovano, ed è molto diffuso nell'area
 +che comprende il bolognese, la Romagna, la Toscana, il pesarese, l'Umbria,
 +il Lazio, il Piceno ed il teramano, Bartolomeo invece è specifico
 +del Lazio, aquilano, Molise, Puglia, Basilicata, napoletano e salernitano,
 +della Calabria ed in Sicilia soprattutto dell'agrigentino, Bartolomucci
 +è tipicamente laziale, del romano e del frusinate in particolare,
 +questi cognomi dovrebbero derivare direttamente o tramite ipocoristici
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Bartolomeo</font></i> di origine ebraica
 +dal nome <i><font color="#3366FF">Bar Talmay</font></i> (<i><font color="#999999">figlio
 +di Tolomeo, figlio di colui che vince</font></i><font color="#000000">,
 +considerando una derivazione dal greco Ptolemaios</font><i><font color="#999999">
 +o del contadino </font></i><font color="#000000">secondo il significato
 +aramaico della radice</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOLOZZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico toscano della zona che comprende le province di Pistoia, Prato e
 +soprattutto Firenze, deriva da modificazioni del nome Bartolomeo, troviamo
 +questa cognominizzazione a Prato nel 1600, in un testo dell'epoca leggiamo
 +di un notabile con questo cognome: "<font color="#CC33CC">...Et inoltre
 +furono cavati tutti i prigioni che erano carcerati per debito con denari
 +fatti in un accatto per Prato. Solo tre case non fecero fuochi né
 +allegrezze di alcuna sorte, che furono il Sig. Cavaliere Giovanni Francesco
 +Buonamici, il Sig. Cavaliere Niccolò Bizzocchi ed il Sig. </font><font color="#FF0000">Giovanni
 +Bartolozz</font><font color="#CC33CC">i, senza penetrarsi la cagione....</font>",
 +tra i personaggi rinomati citiamo il pittore ed incisore Francesco Bartolozzi
 +nato a Firenze nel 1725.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARTOMEO
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bartomeo è ormai quasi scomparso in Italia, sembrerebbe del sud,
 +probabilmente del salernitano o del leccese, si tratta di una forma contratta
 +del nome Bartolomeo, probabilmente portato dal capostipite.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARUCCA
 +<br>BARUCCHI
 +<br>BARUCCO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barucca è tipicamente marchigiano con un ceppo anche tra viterbese
 +e romano, Barucchi, assolutamente rarissimo, ha un piccolo ceppo nell'imperiese
 +ed uno nel romano, Barucco ha un nucleo nel bresciano, un piccolo ceppo
 +nel cuneese, uno, ancora più piccolo nel trevigiano, nel napoletano
 +e nel siracusano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Barucco</font></i>,
 +l'italianizzazione cioè del personale ebraico <i><font color="#3366FF">Baruch</font></i>,
 +col significato letterale di <i><font color="#999999">benedetto</font></i>
 +(<font color="#CC33CC">vedi Benedet e Barucchelli</font>). Con questo nome,
 +ad esempio, la Bibbia ricorda il personaggio di Baruch ben Neriah, discepolo
 +e segretario del profeta Geremia (a lui, inoltre, è attribuita la
 +stesura del Libro di Baruch, uno dei testi apocrifi e deuterocanonici della
 +Bibbia); nella storia della filosofia, invece, si può citare l'esempio
 +del filosofo ebreo-olandese Baruch Spinoza (Amsterdam, 1632 - L'Aia, 1677),
 +che nelle antiche trascrizioni latine è ricordato appunto come Benedictus
 +de Spinoza. Per quanto riguarda i cognomi in questione, dunque, si tratta
 +delle cognominizzazioni dei nomi personali dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARUCCHELLI
 +<br>BARUCCHELLO
 +<br>BARUCHELLI
 +<br>BARUCHELLO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barucchelli, assolutamente rarissimo, ha un piccolissimo ceppo nel bresciano
 +ed uno ancora più piccolo nel barese, Barucchello è quasi
 +unico, Baruchelli, molto molto raro, è tipico del basso trentino,
 +Baruchello ha un piccolissimo ceppo tra rovigoto e ferrarese ed uno nel
 +romano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Stefano
 +Ferrazzi</font></font>
 +<br>L'origine di questi cognomi va ricercata nel nome medievale <i><font color="#3366FF">Baruchello</font></i>,
 +da intendere o come vezzeggiativo del nome <i><font color="#3366FF">Barucc</font></i>o
 +(<font color="#CC33CC">vedi Barucca</font>) o come adattamento del personale
 +ebraico <i><font color="#3366FF">Barachel</font></i>, col significato di
 +<i><font color="#999999">benedetto da Dio</font></i> (si tratta comunque
 +di una variante di <i><font color="#3366FF">Baruch</font></i>, derivando
 +entrambi i nomi dalla radice ebraica <i><font color="#3366FF">berakhah</font></i>):
 +nella Bibbia, ad esempio, Barachel è il padre di Elihu, uno degli
 +antagonisti di Giobbe nel Libro di Giobbe. Per quanto riguarda i cognomi
 +in questione, dunque, si tratta delle cognominizzazioni dei nomi personali
 +dei capostipiti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARUFFA
 +<br>BARUFFETTI
 +<br>BARUFFI
 +<br>BARUFFINI
 +<br>BARUFFINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baruffa ha un ceppo nel ferrarese ed uno tra aquilano e romano, Baruffetti, molto molto raro, è di Massa, Baruffi, oltre ai
 +ceppi lombardi, ne ha uno anche nel modenese, Baruffini ha un ceppo nel
 +comasco ed uno nel reggiano, Baruffino, quasi unico, è probabilmente
 +dovuto ad un errore di trascrizione, diffusi solo in Lombardia ed in Emilia
 +questi cognomi potrebbero derivare da un soprannome legato al vocabolo
 +italiano <i><font color="#3366FF">baruffa</font></i> o addirittura all'originario
 +longobardo <i><font color="#3366FF">baraufen</font></i> (<i><font color="#666666">azzuffarsi</font></i>),
 +ma è pure possibile che derivino da modificazioni del nome germanico
 +<i><font color="#3366FF">Baro</font></i> (<i><font color="#666666">uomo
 +libero</font></i>).&nbsp; Questa cognominizzazione la troviamo ad esempio
 +nel 1500 a Caravaggio con un tal Giovanni Baruffi e nel 1700 con Don Carlo
 +Baruffi, Parroco di Sant'Agata a Basiglio dal 1680 al 1710, proprietario
 +di alcuni terreni a Melegnano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Aldo Piglia
 +Milano</font></font>
 +<br>I rari Baruffini della provincia di Sondrio dovrebbero derivare il
 +loro nome dalla località Baruffini, frazione di Tirano, una volta
 +importante perché vi passava la mulattiera che portava dalla Valtellina
 +verso il Bernina, passando per lo xenodochio di S.Remigio (ora S. Romerio)
 +di proprietà di Tirano, malgrado sia in territorio svizzero.
 +</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARUFALDI
 +<br>BARUFFALDI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barufaldi, quasi unico è del lombardoveneto, Baruffaldi
 +ha un nucleo nel lecchese a Primaluna, nel mantovano a Viadana ed a Cento
 +(FE), questi cognomi dovrebbero derivare dal termine medioevale germanico <i><font color="#3333FF">beraufen</font></i>
 +nel senso lato di <i><font color="#666666">mettere d'accordo</font></i>,
 +concordare tra due, abbiamo tracce di queste cognominizzazioni a Ferrara
 +agli inizi del 1700: "<font color="#CC33CC">..Ad rituale Romanum commentaria,
 +auctore </font><font color="#FF0000">Hironymo Baruffaldo</font><font color="#CC33CC">
 +Ferrariensi, ...</font>" (<font color="#CC33CC">vedi integrazione di Massimiliano Fabbri</font>).
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Maura Baruffaldi</font></font>
 +<br>La famiglia Baruffaldi, antichissima nella città di Cento in
 +provincia di Ferrara, vanta una tradizione gentilizia di otto secoli; le
 +vicende che l'hanno portata ancora a sussistere tutt'oggi vanno ricercate
 +nelle concesioni enfiteutiche vescovili ed ai beni allodiali delle quali
 +ha beneficiato sin dal XIII° secolo; il cognome Baruffaldi ha proprio
 +origine a Cento, così come attesta la grandissima fonte di documentazione
 +che proviene dall'archivio del comune di Bologna e da quello storico di
 +Cento, tutta documentazione inerente i rapporti di concessione e vendita
 +di terreni tra il vescovo ed alcune famiglie tra le quali la mia. La documentazione
 +è vastissima ed io stessa, quale studiosa medievista, ho potuto
 +consultarla direttamente.&nbsp; Tali ricerche mi hanno portato ad individuare
 +il capostipite, <i><font color="#3366FF">Baruffaldus Albrici </font></i>figlio
 +di <i><font color="#3366FF">Galvanus</font></i> insieme ai fratelli Thomax,
 +Gandolfus, Albricus. Questa documentzione si rifà ad estimi fatti
 +dalla universitas homini Centi pro acquisizione di terreni dal nobile <i><font color="#3366FF">De
 +Cazanemicis</font></i>. Tali famiglie erano inserite all'interno di quel
 +contesto magnatizio che, un pò per grazia vescovile e un pò
 +per la maggiore attenzione rivolta verso i grandi magnati in epoca antimagnatizia,
 +non risentirono delle ripercussioni che, per molti altri di loro, erano
 +state prese sul finire del XIII° secolo. Attualmente il nucleo più
 +cospicuo và individuato nel ferrarese e nel mantovano.&nbsp; Dai
 +primi secoli della presenza di tale famiglia nel centese assistiamo ad
 +uno spostamento veso nord (città di Ferrara metà del XV°
 +secolo) e verso il Mantovano.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Massimiliano
 +Fabbri</font></font>
 +<br>A proposito della citazione sul "Ad rituale Romanum commentaria, auctore
 +Hironymo Baruffaldo Ferrariensi" tale Girolamo Baruffaldi, Protonotario
 +apostolico per il vicariato di Cento discendeva, come tutti i Baruffaldi
 +di Ferrara da quelli di Cento, ne sono riprova l'appartenenza a quel gruppo
 +di famiglie patrizie che, sin dal XIII sec. godevano di privilegi fondiari
 +ereditari che costituiscono di fatto l'elemento incontrovertibile della
 +loro appartenenza alle genti di Cento. Inoltre la cooptazione al consiglio
 +e alla arcipretura della collegiata di S.Biagio era appannaggio esclusivo
 +delle famiglie patrizie centesi. Girolamo Baruffaldi fù inoltre
 +l'artefice dell'erezione di Cento a Città per opera del pontefice
 +Benedetto XIV nel 1754 elargita in seguito all'analisi della relazione
 +redatta dallo stesso Baruffaldi.&nbsp; Dal 1754 la collegiata di S.Biagio,
 +oggi Basilica minore (Giovanni Paolo II) è co-cattedra arcivescovile
 +con S.Pietro in Bologna.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Baruffaldi è  un cognome lombardo che deriva dal soprannome '<i><font color="#3333FF">baruffaldo</font></i>'
 += <i><font color="#666666">venditore di cavalli</font></i>. Fonte: O. Lurati,
 +114. Per F. Violi è derivato dal nome di mestiere medievale <i><font color="#3333FF">barufaldus</font></i>
 +«<i><font color="#666666">sensale; mediatore</font></i>»&nbsp;
 +passato a nome di persona.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARZAGHI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico lombardo della zona del milanese e del comasco, deriva dal toponimo
 +Barzago (LC).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARZAGLI
 +<br>BARZAGLIA</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Barzagli è tipicamente tosco-emiliano, ha un ceppo tra bolognese,
 +fiorentino e basso ravennate ed uno nel grossetano, Barzaglia, quasi unico
 +è dell'area bolognese, ravennate, potrebbero derivare da soprannomi
 +originati dal vocabolo antico alto tedesco <i><font color="#3366FF">barezzo</font></i>
 +(<i><font color="#999999">prosciutto</font></i>), che potrebbe così
 +indicare che il capostipite era o un allevatore di maiali o un produttore
 +di prosciutti, la seconda ipotesi è invece che derivino dal vocabolo
 +medioevale germanico <i><font color="#3366FF">barskalk</font></i> inteso
 +come <i><font color="#3366FF">servus ecclesiae</font></i> (<i><font color="#999999">servo
 +alle dipendenze di prelati o di comunità religiose</font></i>),
 +o anche come <i><font color="#3366FF">servo della gleba</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARZI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Ha un ceppo nel trevisano e uno a Fabro (TR) e nel viterbese, potrebbe
 +derivare dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Barthaeus</font></i>
 +(<i><font color="#3366FF">Bartius</font></i>) di cui abbiamo un esempio
 +nel XV° secolo: "<font color="#CC66CC">...</font><font color="#FF0000">Barthaeus</font><font color="#CC66CC">
 +vocatus, Aretinus, clarus musices praefectus...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARZIO
 +<br>BARZO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Sia Barzio che Barzo sono estremamente rari e sembrerebbero del milanese,
 +se per entrambi si potrebbe ipotizzare una derivazione dal toponimo Barzio
 +(LC) va detto che Barzo ad esempio potrebbe essere di origini ebraico
 +russe della zona di Leonpol.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BARZIZZA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico dell'alessandrino e del milanese, potrebbe derivare dal toponimo
 +Barzizza (BG) o anche da Barzio (LC).</font></td>
 +</tr>
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP" width="120"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASAGLIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basaglia ha un ceppo tra mantovano, modenese, ferrarese e rovigoto, cognome
 +reso tristemente famoso dal veneziano Franco Basaglia ideatore della famosa
 +legge 180 del 1978, che, nella folle utopia basata sul concetto che i matti
 +potessero essere in grado di auto gestirsi, ha condotto alla disperazione
 +molti poveri familiari di pazienti con gravi disturbi mentali, e molti familiari
 +delle loro vittime innocenti.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASANA
 +<br>BASANI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Questi cognomi possono derivare probabilmente da toponimi quali: Basiano
 +(MI), Bassano (BS), Bassano (VI), Bassano Bresciano (BS), Bassano del Grappa
 +(VI), Bassano Romano, si collocano geograficamente in Lombardia e nel Veneto.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASARI
 +<br>BASARRI
 +<br>VASARRI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basari, praticamente unico, è una forma alterata di Basarri, che,
 +estremamente raro, sembrerebbe del grossetano, e che dovrebbe essere una
 +forma betacistica del cognome Vasarri, che è toscano di Firenze
 +e dell'aretino, di Montevarchi, Monte San Savino, San Giovanni Valdarno
 +ed Arezzo, e che dovrebbe derivare dal nome illirico <i><font color="#3333FF">Vasar</font></i>
 +o <i><font color="#3333FF">Vassar</font></i>.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASCAPE'
 +</font></font></b></td>
 +          <td align="LEFT" valign="TOP"><img src="../immagini/stem02bascape.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="61" height="50"><img src="../immagini/stem01bascape.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="63" height="60"><font size="-1">L'origine 
 +            può essere o dal toponimo Bascapè (PV) o come modifica 
 +            del nobile cognome Basilica Petri. La distribuzione è limitata 
 +            alla provincia di Pavia.&nbsp; Le prime tracce probabili di questo 
 +            cognome risalirebbero a prima del 1000, in un atto di vendita del 
 +            2 aprile 993, nei confini di un terreno è menzionato "... terra 
 +            Petri ..." ed il riferimento sarebbe all'antico Basilica Petri.&nbsp; 
 +            Il 31dicembre 1167, Oldradus de Basegapei, console Mediolani, firma 
 +            i patti d'alleanza tra le città di Cremona, Bergamo, Milano, 
 +            Brescia e Lodi.&nbsp; Da una carta dell'11 marzo 1181, sappiamo che 
 +            Oldradi Basilica Sancti Petri e Johannis de Basericapetri avevano 
 +            possedimenti a Valera Fratta.&nbsp; Un'altra carta del 13 maggio 1184, 
 +            riporta che Oldradi de Basegapei aveva possesioni anche a Castel Lambro.&nbsp;<img src="../immagini/stem00bascape.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="53" height="60">Nel 
 +            1264, ma l'indizione indica il 1274, Petro de Barsegapè, finisce 
 +            la stesura del "Sermon Divin", composto da 2440 versi "Del novo e 
 +            del vedre Testamento", scritti in volgare. Di Petro, sappiamo che 
 +            era un "fanton" , uomo d'arme, come scritto alla fine del suo poema 
 +            (in cui si cita quattro volte), oltre ad annotare di averlo finito 
 +            in quell'anno, il venerdì primo giugno, sul calare del sole.&nbsp; 
 +            Pare sia "sua" la lettera datata 31 marzo 1260, mandata al Podestà 
 +            di Firenze, nella quale "Petro de Bazagapè de Mediolano" si 
 +            offre di aiutarlo con alcuni cavalieri, ma persona di indubbia cultura, 
 +            in un rogito del 17 dicembre 1279, compare "Petrus filius domini Maynfredi 
 +            de Basilicapetri, civitati Mediolani .", notaio del Capitolo del Duomo. 
 +            L'11 novembre 1268, Alberto de Basilicapetri "Mediolanensis ecclesario 
 +            ordinario, vicario generale domini", dà la facoltà al 
 +            vescovo di Lodi, Bongiovanni Fissiraga di benedire e porre la prima 
 +            pietra della nuova chiesa carmelitana in Milano. Dal 1595 la famiglia 
 +            Bascapè compare tra gli appartenenti al Collegio dei Nobili 
 +            di Milano. Importante personaggio è stato il melegnanese <b><a href="cognomi0002.htm">Carlo 
 +            Bascapè</a></b></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASCHENIS
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Estremamente raro è tipico bergamasco, l'origine etimologica è
 +oscura, secondo alcuni si potrebbe ipotizzare una derivazione dall'etnico
 +basco, a noi sembra un'ipotesi molto azzardata, tracce importanti di questa
 +cognominizzazione le troviamo fin dal 1400 con una famiglia di pittori originaria
 +della Contrada Colla di Santa Brigida in Valle Averara nel bergamasco,
 +il primo pittore della famiglia in ordine di tempo fu Antonio Baschenis
 +(1450-1490) figlio di Giacomo e nipote di Lanfranco che nel 1451 risulta
 +avere una bottega a San Michele all'Arco in Bergamo.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASCHIAZZORRE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimo, quasi scomparso, sembra tipico della zona del
 +vogherese ai confini con l'alessandrino.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASCHIERA
 +<br>BASCHIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Baschiera, molto raro, ha piccoli ceppi nel pavese, alessandrino e genovese,
 +e nel veneziano, pordenonese ed udinese, Baschieri è tipicamente
 +emiliano, di Modena, Formigine, Sassuolo e Palagano nel modenese, di Bologna
 +e Castel Maggiore nel bolognese e di Scandiano e Reggio Emilia nel reggiano,
 +con un ceppo a Buti nel pisano ed uno a Roma, dovrebbero derivare dal nome
 +medioevale <i><font color="#3333FF">Baschiera</font></i>, <i><font color="#3333FF">Baschiere</font></i>,
 +di cui abbiamo un esempio in questo scritto del 1200: "<font color="#CC33CC">..
 +Item legavit' domino Nerio domini libertini de Gaville, vel Gughelmino
 +eius filio, et </font><font color="#FF0000">Baschiere</font><font color="#CC33CC">
 +domini Bindi della Tosa de Florentia, fideicoimmssariis suis, ..</font>"
 +o all'inizio del 1300 con Baschiera della Tosa che tentò la riconquista
 +di Firenze alla guida di una compagine i ghibellini Bianchi, come scrive
 +Leonardo Bruni: "<font color="#CC33CC">.. per riverenzia del Papa e della
 +Casa di Francia ricevuto nella città, di subito rimise i cittadini
 +confinati, e appresso cacciò la parte Bianca per rivelazione di
 +certo trattato fatta per messer Piero Ferranti suo barone: il quale disse
 +essere stato richiesto da tre gentili uomini della parte Bianca, cioè
 +da Naldo di messer Lottino Gherardini, da </font><font color="#FF0000">Baschiera
 +della Tosa</font><font color="#CC33CC"> e da Baldinaccio Adimari, di adoperar
 +sì con messer Carlo di Valois che la lor parte rimanesse superiore
 +nella terra; e che gli aveano promesso di dargli Prato in governo, se facesse
 +questo ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASCIU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basciu è molto diffuso soprattutto nel cagliaritano, iglesiente
 +e Medio Campidano.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BASCIU: basso (probabilmente riferito alla statura), dal tardo latino
 +<i><font color="#3366FF">bassus</font></i>. <i><font color="#3366FF">Bassu</font></i>
 +nei dialetti centrali (direttamente dal latino bassus); <i><font color="#3366FF">basciu</font></i>
 +in Campidano, più probabilmente dallo spagnolo <i><font color="#3366FF">bajo</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">baxo</font></i>. <i><font color="#3366FF">A
 +pat'e basciu</font></i> = g<i><font color="#999999">iù, nella parte
 +di giù</font></i>. <i><font color="#3366FF">De sùsu a basciu</font></i>
 += <i><font color="#999999">da su a giù</font></i>. Giù si
 +dice inoltre a jòssu. Basciùra = luogo pianeggiante, ma al
 +livello del mare o sotto: depressione. La locuzione "basciu de"&nbsp; ha
 +valore avverbiale = prima di o a condizione che. Basciu de accabbài
 +su trabàllu no fùrriu a domu = prima di terminare il lavoro
 +non torno a casa. Attualmente il cognome Basciu è presente in 101
 +Comuni italiani, di cui 49/377 in Sardegna: Sant'Antioco 141, Cagliari
 +100, Quartu S. E. 53, Donori 49, S. G. Suergiu 38, Sanluri 33, Carbonia
 +28, etc. In Continente è Roma ad avere il numero più alto
 +con 53, Genova 11, Varese 9, Carmagnola (TO) 5. Nelle carte antiche non
 +è presente il cognome Basciu, ma troviamo Bas (de)o Basso (de).
 +Quella dei Bas(de) fu una delle casate più potenti della Sardegna
 +Giudicale. Trae origine da Beatrice de Bas (o de Basso), figlia di Udalardo
 +Bernardo e di Ermessenda d'Empùries, di Catalogna. Beatrice fu chiamata
 +seconda viscontessa de Bas, essendo succeduta, nel viscontado, al figlio
 +del nipote Raimondo Udalardo. Sposò nel 1110 Poncio Ugo de Cervèra,
 +che ebbe, anche lui, il titolo di visconte de Bas, da cui discendono i
 +Bas di Arborea, che regnarono direttamente per ben 224 anni, dal 1196,
 +al 1383, anno in cui la regina e giudicessa Eleonora dovette abdicare,
 +per volontà della Corona De Logu, in favore del figlio Federico
 +Doria Bas, anche se in effetti, poiché Federico era minore, continuò
 +lei a tenere il potere, sino alla morte, avvenuta, sembra per malaria,
 +nel 1403, a Oristano o forse nel castello di Monreale. I visconti de Bas
 +ereditarono, per discendenza indiretta, il trono d'Arborea dai De Lacon
 +- Serra (Di-Sto-Sa). Nel Condaghe di Santa Maria di Bonarcado, *CSMB, XI°,
 +XIII° secolo, ai capitoli 33, 34, 99, 100, 101, 209 troviamo Ugo, visconte
 +de Basso (o de Bas), giudice d'Arborea, marito a (di) Preciosa de Lacon,
 +e Petru de Basso, detto anche de Serra, perché marito a "donna"
 +Diana de Serra, figlio di Ugo e di Preciosa, succeduto al trono, alla morte
 +del padre.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASIGLI
 +<br>BASIGLIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basigli è tipico di Ravenna, Basiglio è tipico del cuneese
 +ed alessandrino, di Mondovì (CN) e Castelnuovo Scrivia e Tortona
 +(AL), con un ceppo anche a Corciano nel perugino, dovrebbero derivare da
 +toponimi come Mombasiglio nel cuneese, o da nomi come il medioevale <i><font color="#3366FF">Basilicus</font></i><font color="#000000">,
 +o il meno antico Basilio da lui derivato.</font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASILE
 +<br>BASILI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basile è diffuso in tutta Italia, Basili è più specifico
 +della fascia centrale che comprende le Marche, l'Umbria ed il Lazio, ternano,
 +viterbese e provincia romana in particolare, potrebbero derivare dal nome
 +Basilio o meglio dal suo equivalente greco <i><font color="#3366FF">Basileios</font></i>
 +(regale).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASILICO
 +<br>BASILICO'
 +<br>BASILIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basilico sembra avere oltre al ceppo lombardo nella zona tra Saronno (VA)
 +e Cogliate e Solaro (MI), anche uno a Gissi nel chietino, Basilicò
 +è rarissimo e sembra specifico del trapanese, Basilio, quasi altrettanto
 +raro, ha un ceppo nel milanese ed uno nel potentino, derivano o dal nome
 +medioevale <i><font color="#3366FF">Basilicus</font></i> inteso come <i><font color="#999999">regale</font></i>
 +o dal toponimo Basiglio (MI) nella sua forma arcaica Basilico, in Basilicata
 +dovrebbe invece derivare dal termine <i><font color="#3366FF">Basilicus</font></i>
 +(<i><font color="#999999">governatore</font></i>). (<font color="#CC33CC">vedi
 +anche BASIGLIO</font>)</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASILONE
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">E'un cognome tipico della provincia di Benevento, formatosi a Colle
 +Sannita nella seconda metà del '500. Sfogliando infatti le pagine
 +dei Libri Baptizatorum dell'archivio parrocchiale della chiesa arcipretale
 +di San Giorgio Martire del suddetto Comune, si evince che il cognome è
 +presente già a partire dal 1588 nella forma BATILONE o BATILONI,
 +poi diventato Basilone a partire dalla fine del '600. Il cognome dovrebbe
 +derivare, come suggerisce Emidio De Felice nel suo "Dizionario dei cognomi
 +italiani", dalla cognominizzazione del nome Basilio, continuazione del
 +latino Basilius che è l'adattamento del personale greco <i><font color="#3366FF">Basìleios</font></i>,
 +col significato di "regale", affermatosi in Italia già nell'alto
 +medioevo, specialmente per il culto di tradizione greco-bizantina di San
 +Basilio il Grande di Cesarea, vissuto nel IV secolo.&nbsp; Considerando
 +il fatto che a Colle Sannita, accanto ai Basilone sono documentati anche
 +i Basile, si potrebbe ipotizzare che Batiloni si sia formato dalla forma
 +cognominale base Basile: dal mio punto di vista i due cognomi sembrano
 +assolutamente distinti. Batilone si può essere formato da un soprannome
 +derivato da una specifica attività (come quella del "battere" il
 +ferro, o anche il legno, da cui "bati") svolta dal capostipite. Ad accreditare
 +questa ipotesi può essere la presenza nel passato locale di molti
 +artigiani con questo cognome, tra cui un "Consalvo Batiloni" che nel 1610
 +relizzò il pulpito ligneo per la duecentesca chiesa dell'Annunziata
 +di Colle.&nbsp; Nell'Ottocento tra i briganti della "terra del Colle" si
 +annovera anche un Luciano Basilone fu Nicolantonio.&nbsp; Attualmente sono
 +presenti a Colle Sannita molte famiglie con questo cognome che presenta
 +ancora un carattere tipicamente locale.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Fabio Paolucci</font></font></font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del piacentino e di Bardi nel parmense, dovrebbe derivare dal nome
 +gallico <i><font color="#3366FF">Basinus</font></i>, ricordiamo con questo nome nel V° secolo il re della
 +tribù gallica dei Turingi, nome di cui abbiamo un esempio a Pavia
 +nel <font color="#3333FF">Codice Diplomatico della Lombardia medievale</font>
 +sotto l'anno 1173: "<font color="#CC33CC">...Anno ab incarnacione domini
 +nostri Iesu Christi millesimo centesimo septuagesimo tertio, sestus kalendas
 +marcii, indicione sexta. Ego Bertholomeus Scernanus, filius quondam Pagani,
 +qui professus sum ex nacione mea lege vivere Romana, dono et offero a presenti
 +die, hospitale Betlehem scitum ultraTicinum , per Pacianum missum et ministrum
 +eiusdem hospitalis, nominative me et meam partem universe mee substantie
 +in casis et furnum et aliis meis rebus mobilibus et inmobilibus ubicumque
 +inveniri potuerit, preter libras viginti denariorum bonorum Papiensium
 +quas conservo, ut </font><font color="#FF0000">Basinus</font><font color="#CC33CC">
 +ipsas habeat post meum decessum, in casa illa infra quam nunc habitare
 +videor;...</font>".
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Cognome veneto. Secondo Olivieri, Diz. cognomi Venezia Euganea, p.
 +133 n. 2, rappresenterebbe una forte contrazione di <i><font color="#3333FF">Bortolemasini</font></i>,
 +invece di riprodurre il nome <i><font color="#3333FF">Basin</font></i>
 +dell'epica francese.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASOLU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basolu è tipicamente sardo, soprattutto di Nuoro, deriva da un soprannome
 +originato dal termine in lingua sarda logudurese <i><font color="#3366FF">basolu</font></i>
 +(<i><font color="#999999">fagiolo</font></i>).
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BASOLU: <i><font color="#666666">fagiolo</font></i>; <i><font color="#3333FF">basòlu</font></i>
 +nelle parlate del Logudoro; <i><font color="#3333FF">fasòlu</font></i>
 +nel centro sud della Sardegna. Dal latino <i><font color="#3333FF">phaseolus</font></i>.
 +Fasòlu in alcuni centri del Campidano, significa anche sciocco!
 +In alcune parti del Logudoro il cece, che in Campidano viene detto cìxi
 +o cìxiri, è chiamato basòlu tundu. Sempre in Logudoro
 +su basòlu caddìnu è il lupino. Cognome raro, attualmente
 +presente in 23 Comuni italiani, di cui 12 in Sardegna: Nuoro 32, Iglesias
 +11, Ottana 9, etc. Non l'abbiamo riscontrato nelle carte antiche consultate.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSAN
 +<br>BASSANELLO</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassan è specifico della zona che comprende le province di Padova
 +e Vicenza, Bassanello è tipicamente veneto della fascia che va dal
 +veneziano all'alto bellunese, attraverso il trevigiano, derivano direttamente
 +o tramite ipocoristici dal toponimo Bassano del Grappa (VI). Tracce di
 +questa cognominizzazione si hanno ad esempio nel 1500 a San Bonifacio (VR)
 +dove i Provveditori Paolo Capello e Domenico Contarini, scrivono: "<font color="#CC33CC">...Il latore della presente,
 +</font><font color="#FF0000">Bassan</font><font color="#CC33CC"> da Bergamo,
 +fedelissimo della Signoria, in passato da buon soldato fece prigioniero
 +certo Giotton Poli da Gandino. Fu data taglia di 80 ducati, di cui si ha
 +buona garanzia, ma i 18 ducati che restano non sono stati pagati. Voglia
 +costringere il garante a dare il resto al più presto, amministrando
 +giustizia sommaria.</font>" e, nel 1600,  a Battaglia Terme (PD) dove troviamo <font color="#FF0000">Anzolo
 +Bassan</font> maestro muratore. </font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSANELLA
 +<br>BASSANELLI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassanella è praticamente unico, dovrebbe trattarsi di un errore
 +di trascrizione di Bassanelli, che ha un ceppo nel bergamasco a Premolo,
 +Bergamo e Alzano Lombardo, ed uno tra grossetano, viterbese e romano, con
 +nucleo a Canepina (VT), dovrebbero derivare da un ipocoristico del cognomen
 +latino <i><font color="#3366FF">Bassanus</font></i> (<font color="#CC33CC">vedi
 +BASSANI</font>).</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSANI
 +<br>BASSANO
 +<br>BAZZANI</font></font></b>
 +</td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassani è tipico di Lombardia e Veneto, con un ceppo nel bolognese,
 +Bassano, abbastanza raro, ha un ceppo campano, uno bolognese, uno livornese
 +ed uno ligure, Bazzani è molto diffuso nell'area che comprende bresciano,
 +veronese, mantovano e cremasco, modenese e bolognese e fiorentino, dovrebbero
 +tutti derivare dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Bassianus</font></i>
 +o <i>Bassanus</i> di cui abbiamo un esempio con Bassanus Mangus (340 -
 +250 a.C.) e poi in epoca carolingia:
 +"<font color="#CC33CC">...</font><font color="#FF0000">Bassano</font><font color="#CC33CC">
 +multum debet Corvinus; honorem iure suo, gratum munificoque animum...</font>", ma è pure possibile una derivazione da uno dei tanti toponimi
 +contenenti la radice Bassano, come Bassano Bresciano, Bassano del Grappa
 +(VI), Bassano (AN), Bassano in Teverina (VT), Bassano Romano (RM) ed altri.
 +Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo a Vignola (MO) nel 1500 con
 +il capitano Giovanni Ludovico Bazzani fattore dei conti Contrari dal 1551
 +al 1555, a Jesi (AN) nel 1600 con il sacerdote Don Giandomenico Bazzani
 +e a Mantova nel 1700 con il pittore Giuseppe Bazzani.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Il ceppo emiliano dei Bazzani deriva dal nome del comune bolognese
 +di <i><font color="#3333FF">Bazzano</font></i>, che a sua volta è
 +un <i><font color="#3333FF">fundus Badianus</font></i>, d'età romana,
 +dal personale latino <i><font color="#3333FF">Badius</font></i>. Fonte:
 +F. Violi: Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSANINI
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Tipico del milanese e lodigiano, potrebbe deribvare dal nome Bassiano ricordiamoci
 +che San Bassiano è il Patrono di Lodi.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giancarlo
 +Bassanini</font></font>
 +<br>il cognome dovrebbe derivare dal termine lodigiano bassanino stante
 +ad indicare appunto i devoti di San Bassiano, cioè i lodigiani,
 +il cognome equivarrebbe appunto a Lodigiani.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSETTI
 +<br>BASSETTO
 +<br>BASSI
 +<br>BASSINI
 +<br>BASSINO
 +<br>BASSO
 +<br>BASSOTTI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><img src="/immagini/stem00basso.gif" nosave="" align="LEFT" border="0" width="50" height="63"><img src="../immagini/stem00bassi.gif" nosave="" align="RIGHT" border="0" width="52" height="80"><font size="-1">Bassetti, tipico del centronord, particolarmente diffuso nel milanese,
 +nel trentino, in Umbria ed in provincia di Roma, Bassetto è decisamente
 +veneto, con massima consentrazione nel trevigiano, Bassi è assolutamente
 +panitaliano anche se con massima concentrazione al nord, Bassini, ben radicato
 +in Lombardia, soprattutto nel bresciano ed in Emilia, in particolar modo
 +nel bolognese, ha ceppi anche tra aretino e perugino, Bassino è
 +specifico del torinese, Basso ha una grossissima presenza al nord, in Piemonte,
 +Lombardia e soprattutto Veneto, con presenze significative anche in Lazio,
 +Puglia, Campania e Sicilia, Bassotti ha un ceppo marchigiano nell'anconetano
 +ad Jesi ed Ancona e nel pesarese a Mondolfo e Fano, ma il nucleo più
 +importante è a Roma, possono avere diverse origini che derivando
 +dal cognomen latino <i><font color="#3366FF">Bassus</font></i>, sia direttamente
 +che tramite ipocoristici, come possiamo vedere in un Instrumentum venditionis
 +del 1502 a Bergamo dove è citato un tale <i><font color="#FF0000">Bassettus
 +de Gerardis della Costa</font></i>, o derivando anche dal soprannome con
 +riferimento alla bassa statura. Un ramo lodigiano della famiglia Bassi
 +compare dal 1500, famiglia nobile che diede Decurioni alla città.
 +(i Decurioni erano i Consiglieri della consulta nobiliare della città),
 +nella seconda metà del 1600 a Trento troviamo il Cancelliere Claudius
 +Vigilius Bassettus cancellarius.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSICH
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassich, molto raro, è specifico di Venezia, dovrebbe derivare dal
 +cognome slavo <i><font color="#3333FF">Basić</font></i> ed essere
 +originario della Dalmazia, agli atti dell'Archivio di Stato di Venezia
 +risulta una richiesta di convalida di titolo nobiliare risalente ai primi
 +anni del 1800, ma la presenza nella città di Venezia si riscontra
 +almeno dagli inizi del 1700 con il Kapetan Zuane Bassich abitante nell'isola
 +veneziana di San Pietro a Castello.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSIGNANA
 +<br>BASSIGNANI
 +<br>BASSIGNANO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassignana è tipicamente piemontese, Bassignani è più
 +tipico del massese, di Villafranca In Lunigiana e Licciana Nardi, Bassignano,
 +estremamente raro, è del nord Italia, dovrebbero derivare dal toponimo
 +Bassignana (AL), ma è pure possibile una derivazione diretta dalla
 +Gens <i><font color="#3366FF">Bassinia</font></i> o dal nome da essa derivato
 +<i><font color="#3366FF">Bassinianus</font></i> di cui abbiamo un esempio
 +negli atti del Concilio di Calcedonia dell'anno 451: "<font color="#CC33CC">...Consulatu
 +domini nostri Marciani piissimi augusti et, qui fuerit nuntiatus, IIII
 +Kal. Novemb. in Calcedonia secundum iussionem divinissimi et piissimi nostri
 +domini convenientibus in sanctissimam ecclesiam sanctae martyris Eufemiae
 +magnificentissimis iudicibus et sancto et universali concilio ex divali
 +decreto in Calcedonensium civitate collecto et residentibus omnibus ante
 +cancellos sancto altaris ingressus </font><font color="#FF0000">Bassinianus</font><font color="#CC33CC">
 +res pridem factus episcopus in Ephesiorum metropoli adhaerente sibi etiam
 +Cassiano reverentissimo episcopo dixerunt...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSOLI
 +<br>BASSOLINI
 +<br>BASSOLINO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassoli è tipico dell'area che comprende le province di Reggio Emilia,
 +Modena e Mantova, Bassolini, molto molto raro, parrebbe tipico di Nave
 +nel bresciano, Bassolino è tipico del napoletano, di Afragola in
 +particolare, dovrebbero derivare, direttamente o tramite ipocoristici,
 +dal nome medioevale <i><font color="#3366FF">Bassolus</font></i>, una derivazione
 +dal franco <i><font color="#3366FF">Bassel</font></i> per i ceppi settentrionali
 +e dal greco <i><font color="#3366FF">basileus</font></i> (<i><font color="#999999">re,
 +monarca</font></i>) per i ceppi meridionali, ricordiamo con questo nome
 +Bassolus il Vescovo di Angoulême nella prima metà del 600.
 +<br><font color="#3333FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giovanni
 +Vezzelli</font></font>
 +<br>Bassoli è un cognome modenese derivato dal cognome base <i><font color="#3333FF">Bassi</font></i>,
 +come del resto Bassetti, Bassini, Bassotti, presenti con diversa frequenza
 +nel Modenese. Tutti rientrano nel novero dei cognomi da soprannomi ed indicano
 +la «<i><font color="#3333FF">bassa statura</font></i> di un individuo».
 +Fonte: F. Violi: Cognomi a Modena e nel Modenese, 1996.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASSU
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bassu, tipicamente sardo, ha un ceppo a Sassari, Osilo. Porto Torres ed
 +Alghero nel sassarese, uno ad Orgosolo, Oliena, Nuoro, e Desulo nel nuorese,
 +a Cagliari ed a Olbia.
 +<br><font color="#3366FF"><font size="-2">integrazioni fornite da Giuseppe
 +Concas</font></font>
 +<br>BASSU: per significato ed etimologia vedi Basciu. Si trova nelle carte
 +antiche nella variante de Basso o de Bas (<font color="#CC33CC">vedi Basciu</font>).
 +Attualmente il cognome Bassu è presente in 61 Comuni italiani, di
 +cui 33 in Sardegna: Sassari 74, Orgosolo 69, Cagliari 30, Osilo 25, etc.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTA
 +<br>BASTELLI
 +<br>BASTI
 +<br>BASTO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basta è tipicamente meridionale, con piccoli ceppi nel napoletano,
 +potentino, e palermitano e ceppi più consistenti in Puglia nel foggiano
 +e nel tarentino ed in Calabria nel cosentino e nel crotonese, Bastelli
 +ha un ceppo a Bologna ed a San Lazzaro di Savena nel bolognese, ha un ceppo
 +a Napoli ed uno a Ginosa nel tarentino, Basti, quasi unico, sembrerebbe
 +del teatino con sparute presenze nel Piceno e nel romano, Basto, il meno
 +comune, ha un piccolo ceppo a Novi Ligure nell'alessandrino ed a Stornara
 +nel foggiano, questi cognomi dovrebbero derivare
 +, direttamente o tramite ipocoristici, dal mestiere di <i><font color="#3333FF">bastaio</font></i>
 +o produttore di basti per animali da soma, ma non si può escludere
 +che in qualche caso derivino da modificazioni aferetiche del nome medioevale
 +<i><font color="#3333FF">Sebastus</font></i>, di cui abbiamo un esempio
 +d'uso nel 1080 nelle Dissertazioni sulle Antichità italiane di Ludovico
 +Antonio Muratori: "<font color="#CC33CC">.. Domnus Marinus </font><font color="#FF0000">Sebastus</font><font color="#CC33CC">
 +Dux Amalphitanorum concessit Sergio, ec., totum plateaticum de omnibus
 +piscibus, et septem loca pro construendis planchis juxta locum ubi carnes
 +et pisces vendunt in Amalfia ..</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTANZA
 +<br>BASTANZIO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Assolutamente rarissimi, sembrerebbero originari dell'alto cosentino ai
 +confini con la Basilicata, potrebbero derivare da modificazioni dell'aferesi
 +del nome Sebastiano.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTARDI
 +<br>BASTARDO</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bastardi ha un ceppo emiliano tra reggiano e modenese ed uno pugliese nel
 +foggiano, Bastardo invece rarissimo è del salernitano, derivano
 +dal nome soprannome medioevale <i><font color="#3366FF">Bastardus</font></i>
 +di cui abbiamo un esempio in un <i><font color="#3366FF">Breve investiture</font></i>
 +dell'anno 1123 a Cremona: "<font color="#CC33CC">...Ita ut ipse </font><font color="#FF0000">Bastardus</font><font color="#CC33CC">
 +et sui heredes et cui ipsi dederint iam dicta pecia de terra una cum accessione
 +et ingresu abeat et teneat et faciant exinde sicut hic subter legitur quicquid
 +voluerint, sine omni eidem patre et filio et iugalium eorumque heredum
 +contradicione....</font>" ed in una <i><font color="#3366FF">Sententia</font></i>
 +dell'anno 1175 a Milano: "<font color="#CC33CC">...Interfuerunt Iohannes
 +iudex qui dicitur </font><font color="#FF0000">Bastardus</font><font color="#CC33CC">,
 +Laurentius de Concorezo, Guilielmus Matonus et Cignamaccus. ...</font>".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTARELLI
 +<br>BASTARI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Bastarelli è tipico di Fermo nel Piceno, Bastari ha un ceppo nell'anconetano
 +a Staffolo, Jesi, Monsano, Castelbellino, Chiaravalle ed Ancona, ed uno
 +a Tarquinia nel viterbese ed a Roma, potrebbero derivare da un soprannome
 +originato dal vocabolo germanico <i><font color="#3333FF">vastwarth</font></i>
 +(<i><font color="#666666">colui che s'occupa della casa</font></i>), ma
 +la cosa più probabile è che derivino invece da un soprannome
 +originato dal mestiere di <i><font color="#666666">produttore di </font><font color="#3333FF">basti</font></i>
 +(<i><font color="#666666">specie di grossa e rozza sella di legno</font></i>,
 +che si metteva sul dorso delle bestie da soma per il trasporto di ceste,
 +o altro carico), in entrambi i casi il cognome deriverebbe dal mestiere
 +svolto dal capostipite. Tracce di queste cognominizzazioni le troviamo
 +a Firenze, dove nella primavera del 1303 è priore Porte S. Petri
 +un certo Cionettus Giovenchi de Bastaris , a Fabriano nell'anconetano in
 +un atto del 1724 si cita un tale Leandro Bastari".</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTERI
 +<br>BASTERO
 +<br>BASTIERI</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size="-1">Basteri è specifico di Massa, con un piccolo ceppo anche a Carrara
 +ed a Parma, Bastero è praticamente unico, Bastieri, decisamente
 +toscano, ha un ceppo a Massa, uno ad Arezzo ed uno nel livornese, questi
 +cognomi dovrebbero derivare dal mestiere medioevale di <i><font color="#3366FF">bastiere</font></i>
 +o <i><font color="#3366FF">bastero</font></i>, cioè di <i><font color="#999999">costruttore
 +di selle e basti</font></i> per animali da soma, svolto dal capostipite,
 +tracce di queste cognominizzazioni le troviamo in un atto di matrimonio
 +del febbraio 1471, in S. Maria in Campo a Firenze, con il quale un certo
 +pittore Cosimo di Lorenzo di Filippo Rosselli sposa una tale Caterina Basteri,
 +a Varese Ligure nello spezzino troviamo la famiglia notarile dei Basteri
 +che incomincia nel 1577 con il notaio Vincenzo Basteri seniore.</font></td>
 +</tr>
 +
 +<tr>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><b><font color="#3333FF"><font size="-1">BASTIA
 +</font></font></b></td>
 +<td align="LEFT" valign="TOP"><font size=&qu